Baggio, campione assoluto italiano.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Baggio, campione assoluto italiano."

Transcript

1

2 Storie di copertina Baggio, campione assoluto italiano. Vivere il proprio mestiere di allevatori con passione, intensità ed anche felicità. E un auspicio e spesso una realtà, individuabile nelle tante storie personali, piccole o grandi ma, per noi di Progeo, tutte di medesima dignità, tutte da valorizzare. E per farlo, con questo numero del nostro giornale, inauguriamo un nuovo modo di proporre queste storie, partendo dall aspetto umano di ciascuna. Lo facciamo proponendo ai nostri lettori più immagini che parole, convinti che a tutti piaccia farsi la propria idea, prima di ascoltare quella degli altri. Buona, divertente, lettura. Baggio è il nome di questo stupendo esemplare di Limousin, vincitore di numerosi premi e, da questa edizione 2010 della Mostra Nazionale, eletto campione assoluto di razza. Il suo allevatore, Alberto Negri di Lodi, cliente di Progeo assieme al padre Antonio, ci ha regalato questi simpatici momenti di confidenza con il suo campione.

3 L editoriale Pensando al latte, alle sue componenti, alle sue infinite modalità d uso, pensando a questo nutrimento straordinario e fondamentale della piramide alimentare abbiamo costruito, passo dopo passo, giorno dopo giorno, la nostra idea di impresa. Questa non è un affermazione retorica e tanto meno una visione anacronistica incentrata su un prodotto anzichè su un produttore o su un consumatore, è semplicemente il riconoscimento di un valore intrinseco attribuito ad un bene, ad una risorsa attorno alla quale ruotano valori e bisogni che spaziano dal diritto alla crescita e alla salute, alla generazione e distribuzione del reddito di vastissimi strati sociali ed economici. Fare produrre del buon latte, proteggendo l ambiente, tutelando il reddito degli allevatori e di tutti i produttori della filiera, salvaguardando la salute e il gusto dei consumatori, è una missione impegnativa e stimolante che merita di essere vissuta al massimo delle energie disponibili. Noi di Progeo cerchiamo di farlo da oltre cinquant anni, da quando è nata l era dei mangimi, degli alimenti zootecnici formulati su misura dei fabbisogni della bovina da latte. In quanti si ricordano i dati produttivi di allora? Oggi fanno sorridere e si citano con ironia e distacco. Cosa penseranno tra trent anni dei nostri dati di oggi dei quali andiamo così legittimamente orgogliosi? Il tempo passa, le tecnologie si evolvono, noi sempre al centro: pensando, elaborando, progettando con quel pensiero fisso, a quel prodotto e alla nostra ragion d essere in questo meraviglioso mondo. Uber Iori Amministratore Delegato Progeo Sca

4 Z-BOX Pag. 4 Tecnica Z-box, la scatola nera che svela i segreti della fibra L individuazione del giusto contenuto di fibra efficace ai fini della ruminazione è il perno attorno al quale ruota il razionamento di ogni ruminante. Da tempo si avverte la necessità di uno strumento semplice e affidabile in grado di fornire risposte in tal senso; la Z-box è l ultimo ritrovato in materia, ma la ricerca continua... Da sempre l individuazione del giusto livello di fibra efficace ai fini del buon funzionamento del rumine costituisce l aspetto più artigianale del lavoro dell alimentarista, in quanto si tratta di un parametro spesso affidato all esperienza e alla sensibilità Il dott. Marco Cardelli segue gli sviluppi sperimentali del metodo Z-box per conto di Progeo individuali. Al pari di altri argomenti riguardanti l alimentazione della bovina da latte (punteggio di condizione corporea, punteggio della locomozione, punteggio della consistenza delle feci, ecc.) si avverte da tempo la necessità di disporre di un metodo di valutazione della fibra che si dimostri semplice, affidabile e soprattutto oggettivo, vale a dire in buona parte svincolato dal giudizio e dalla fallibilità umana. Perché è importante conoscere l efficacia della fibra? Inizialmente il concetto di fibra efficace fu sviluppato dagli alimentaristi per calcolare razioni in grado di mantenere inalterata la percentuale di grasso o lo stato sanitario dell animale, ma in seguito l efficacia della fibra fu messa in relazione con la capacità della stessa di stimolare l attività masticatoria. La pendf (fibra al detergente neutro fisicamente efficace) di un alimento si riferisce alle sue caratteristiche fisiche (principalmente le dimensioni delle particelle) in grado di stimolare l attività masticatoria e di determinare la stratificazione all interno del rumine ( lingua di foraggio galleggiante su una fase liquida). Misurare le dimensioni delle particelle fibrose consente di valutare tra l altro il ritmo di digestione

5 Pag. 5 dell amido e la velocità di transito degli alimenti; quest ultimo aspetto ha interessanti riflessi di natura economica, in quanto è legato all efficienza alimentare (o indice di conversione). Tecnica Z-box, struttura e funzione. Sviluppata dal Miner Institute in collaborazione con Zen-Noh (Federazione Nazionale delle Cooperative Agricole Giapponesi), la Z-box è una scatola chiusa di plastica di 21 x 21 x 11 cm; su uno dei lati è possibile inserire setacci di acciaio con maglie di varie dimensioni. Lo strumento non è altro che un separatore di particelle utile per determinare il fattore di efficacia fisica di un foraggio o di una miscelata unifeed impiegando un campione tal quale, vale a dire senza la necessità di essiccarlo. La differenza (espressa in percentuale) tra il peso del campione prima e dopo la setacciatura è il fattore di efficacia fisica, che moltiplicato per la percentuale di NDF sulla sostanza secca fornisce il dato di NDF fisicamente efficace. Si tratta di un dato fondamentale da inserire nel razionamento dinamico per prevedere la produzione di massa microbica ruminale e la conseguente risposta produttiva. Mertens (1997) propose che per garantire un ph ruminale pari a 6,0 la pendf sulla sostanza secca della dieta debba essere mantenuta ad un livello pari a 21% o superiore. Ma la ricerca non è terminata Se la Z-box rappresenta un interessante progresso sulla strada della conoscenza dell efficacia della fibra, essa non è in grado di tenere conto delle differenze di fragilità esistenti tra un foraggio e l altro; a parità di lunghezza delle particelle è infatti ben diversa l influenza sulle papille ruminali di una paglia rispetto ad un fieno di essiccatoio. Il concetto di fragilità del foraggio può rendere conto di alcune variazioni di attività masticatoria che la lunghezza delle particelle da sola non riesce a spiegare; a tale scopo la ricerca è impegnata nella definizione di strumenti idonei a valutare tale aspetto e si spera di raggiungere l obiettivo nel corso dei prossimi anni. A cura dell Ufficio Ricerca & Sviluppo La razione unifeed prima e dopo la setacciatura

6 Ilario e Teresa, una famiglia, un progetto. >> REGGIANI - Castelfranco Emilia 150 all ora! Ilario, Teresa, il figlio Roberto, la nuora Viola ed il futuro si chiama Giada. Una famiglia unita con idee chiare e grande capacità di lavoro. Chi crede che l agricoltura debba rimanere a conduzione famigliare rimarrà stupito dai numeri che questa squadra riesce a processare: 450 vacche in mungitura, 600 ettari di terreno, un caseificio aziendale, lo spaccio per la vendita dei prodotti tipici. Il tutto fra modernità e naturalità: azienda biologica, tori fecondatori. Gli unici apporti esterni provengono da due stagionali estivi e dal casaro. Teresa munge da sola 450 vacche Giada mostra già da piccola la sua predilezione per le vacche da latte Di casa dai Reggiani

7 A di Alex: lui assieme al padre Rossano >> ODINI - Suzzara Happy summer cows! Sms del 30 luglio 2010 Sii sincero, cosa mettete nel Vigor Plus?? Alex Perchè? Hai animali allegri che fanno la movida? Semplicemente vacche che non hanno sentito lo stress da caldo, mi hanno sempre mangiato una razione a testa, il veterinario alla visita ginecologica della scorsa settimana mi ha detto che sembrava stesse palpando vacche in gennaio... Vai Alex, hai un team corse da F1! E noi siamo la tua benza giusta!!! ;-) In casa di Odini si mangiano le tagliatelle in brodo Nella stalla di Odini si mangia Vigor Plus 36 kg di latte è la media da ottobre a maggio, 32 in estate

8 In Marco batte un cuore rossonero, mentre Marino è di sangue blu (e nero) >> MARTINI - Pegognaga Fratelli di sangue, cugini di tifo I Martini giocano in squadra sul lavoro e siedono su curve opposte allo stadio San Siro. Marino è stato per molti anni Presidente Nazionale dei giovani CIA. Nonostante impegni e passioni, la dedizione al lavoro dei due fratelli fa sì che da sempre questa stalla si mantenga ai vertici produttivi della provincia di Mantova. Nucleo Pam e Nectar per produrre una media di 34 litri di latte Di casa dai F.lli Martini e da Andrea Bernardelli

9 >> BERNARDELLI Suzzara Vacche e motori Le mie vere passioni sono la famiglia ed il lavoro, la moto è una vacanza che mi prendo qualche volta. Sono contento: le mie vacche producono 95 quintali di media all anno, ho un parto concepimento sotto i 100 giorni. I leucociti stanno fra i 50 e i 100. Un grazie sincero a Stefano (ndr: agente Progeo) e al mio veterinario per la professionalità con cui mi fanno assistenza. Andrea Il padre Agide da più di 60 anni alleva vacche con passione e dedizione Con un rapido cambio di tuta Andrea passa da centauro ad allevatore

10 36 kg di latte è la media da ottobre a maggio, 32 in estate

11 Il controllo della coccidiosi con metodi naturali Patologia che soprattutto nei bovini giovani provoca danni sensibili, la coccidiosi oggi si può mantenere sotto controllo anche senza fare ricorso alla farmacologia. Alcuni oli essenziali di origine vegetale possono costituire la giusta risposta ad un problema da non sottovalutare. Diarrea, perdita di peso, peggioramento dell indice di conversione, scadente accrescimento: sono queste le principali conseguenze dell azione dei coccidi sulla mucosa intestinale del bovino. Malattia parassitaria che può colpire in modo acuto e grave bovini giovani e adulti al pascolo, la coccidiosi fa spesso sentire la sua presenza anche nelle stalle, soprattutto in condizioni di sovraffollamento e scarsa igiene. L eventuale assenza di sintomi eclatanti non deve però ingannare: come sempre in patologia, l espressione clinica di un fatto morboso scaturisce dal bilancio tra il livello dell aggressione (da parte di batteri, virus o parassiti) e il grado della risposta immunitaria dell animale. Anche se le alterazioni a carico dell epitelio intestinale non sono tali da pregiudicare la vita dell ospite, in presenza di coccidi l assorbimento dei principi nutritivi non può essere ottimale e le conseguenze di carattere economico sono inevitabili. Metodi di lotta Tradizionalmente sia la prevenzione che la terapia della coccidiosi è stata affidata a principi attivi di natura farmacologica (sulfamidici, antibiotici ionofori, amprolium, decochinato, ecc.), tuttavia in seguito alla sempre maggiore attenzione per la sicurezza alimentare si è sviluppata negli ultimi anni un attiva ricerca nei confronti di molecole naturali di origine vegetale. E questo il caso dell olio essenziale di origano, che Progeo presenta in due nuovi prodotti: Vegetal Cox Vitelli e Vegetal Cox Rimonta. Olio di origano: come agisce? L olio di origano esplica la propria azione sulla membrana cellulare del parassita, modificandone la permeabilità ai cationi; una simile attività è stata messa in evidenza anche a carico delle cellule della mucosa intestinale, ed è questo il motivo per cui il prodotto è in grado di colpire anche organismi intracellulari. I principi attivi presenti nell olio di origano non sono assorbiti dall apparato digerente e non subiscono modificazioni di struttura, pertanto risultano attivi lungo tutto il tratto intestinale. Consigli di impiego Per entrambi i mangimi il dosaggio giornaliero consigliato è pari a 1 kg ogni 100 kg di peso vivo; per un efficace prevenzione della coccidiosi la somministrazione deve essere continua. E anche possibile eseguire una serie di cicli di trattamento di almeno trenta giorni intervallati da periodi di dieci o quindici giorni in cui il principio attivo è assente dalla razione.

12 Per chi produce formaggio e non semplice latte Come aumentare la percentuale di proteina del latte Le proteine del latte (prima fra tutte la caseina) costituiscono il parametro più importante per valutare il prodotto ai fini della caseificazione e non solo. I fattori che determinano il contenuto proteico del latte sono conosciuti da tempo e quelli di natura alimentare rivestono la maggiore importanza. Il recente avvento dei programmi di razionamento dinamico ha aperto qualche nuova e interessante prospettiva riguardo ad un argomento dalle forti implicazioni economiche. Le principali cause della bassa percentuale di proteina del latte sono classificabili in due gruppi. Cause extra alimentari - Genetica. - Razza; il latte della Holstein contiene meno proteine rispetto a quello della Jersey. - Stadio di lattazione; all inizio della lattazione la percentuale di proteine è inferiore rispetto alla fine. - Produzione elevata; a seguito di un effetto diluizione la produzione totale di proteina può però essere la medesima o anche superiore. Cause alimentari - Bassa assunzione di sostanza secca. Più elevata è la glicemia, maggiore è il livello proteico del latte; la chetosi si accompagna ad ipoglicemia, pertanto in tal caso la percentuale di proteina del latte risulta ridotta. - Bassa concentrazione energetica della razione (scarso livello di amido). - Foraggi di qualità scadente. - Concentrazione proteica della razione gravemente bassa (in questo caso mancano i gruppi aminici necessari per la sintesi delle proteine del latte). Come rimediare (a dispetto delle difficoltà) La percentuale di proteina del latte è un parametro molto più difficile da influenzare rispetto alla percentuale di grasso, infatti anche incrementi di solo 0,2% sono sovente ardui da ottenere. Una maggiore quantità di concentrati (soprattutto se accompagnati da una elevata concentrazione di amido) tende a far aumentare sia la percentuale di proteina che il suo volume complessivo. In effetti la bassa percentuale di proteina del latte è spesso una spia di carenza energetica, piuttosto che di carenza proteica. Soprattutto nei casi in cui la produzione e la fertilità sono scadenti e la percentuale di proteina del latte è bassa, la manipolazione della dieta diventa conveniente sotto il profilo economico. E molto importante comprendere che un aumento della proteina della razione di solito non è destinato a far salire la percentuale di proteina del latte e che anzi può far scivolare la bovina in un bilancio energetico ancora più sfavorevole. Ciò dipende dal fatto che i batteri ruminali non sono in grado di impiegare in modo efficiente le proteine in eccesso e l ammoniaca che ne risulta è convertita in urea, trasformazione quest ultima che comporta un costo energetico per l animale. Negli ultimi tempi grazie ai nuovi programmi di razionamento dinamico si presta sempre maggiore attenzione all apporto aminoacidico, vale a dire alla determinazione non solo del fabbisogno proteico, ma anche di quello dei due principali aminoacidi limitanti per la bovina da latte, lisina e metionina. Il rapporto ideale tra lisina e metionina nella razione è pari a circa 3:1, ma spesso risulta molto superiore, particolarmente nelle diete ad alto contenuto di mais. L introduzione di metionina protetta contro la degradazione ruminale (e di lisina, qualora il suo apporto risulti insufficiente) può far aumentare l incorporazione degli aminoacidi della dieta nella proteina del latte.

13 Un Colpo di Spugna all Estate Total Pool Una squadra di integratori alimentari per ripristinare le riserve perdute. Alla fine dell estate la stagione calda è solita presentare il conto alle bovine da latte. Se per lunghe settimane le alte temperature hanno costretto gli animali ad una cospicua perdita di sali minerali, ad una insufficiente assunzione di fibra e ad un prolungato stazionamento in piedi, l accorciarsi delle giornate si accompagnerà ad una maggiore incidenza di mastiti, ad aumento della conta di cellule somatiche, lesioni digitali, cisti ovariche e ipofertilità. Per favorire il recupero fisico delle bovine alla fine della stagione calda Progeo propone Total-Pool, un mangime che somministrato nella quantità di 2 kg/capo/giorno e indicativamente nei mesi di settembre e ottobre fornisce una serie di principi nutritivi ideali per predisporre la piena ripresa dell efficienza produttiva. Una solida base di fibra La struttura del prodotto poggia su una base di materie prime (buccette di soia, polpe di barbabietola, fieno di medica, mais ceroso disidratato), che grazie alla loro ricchezza di fibra altamente digeribile contribuiscono in modo efficace alle fermentazioni ruminali. La presenza di lieviti consente di ottenere un migliore sfruttamento sia della fibra che degli altri principi nutritivi della razione. Selenio e vitamina E per l immunità Il selenio è coinvolto in varie funzioni fisiologiche, infatti la sua presenza (o assenza) è in grado di influenzare l accrescimento, la risposta immunitaria, la funzionalità muscolare e la fertilità. La funzione più importante del selenio consiste nell essere un componente essenziale dell enzima glutatione perossidasi, il quale gioca un ruolo fondamentale nel proteggere i tessuti dal danno ossidativo provocato dai radicali liberi. Anche la vitamina E è in grado di neutralizzare i perossidi, ma la sua azione si limita alle membrane cellulari; la vitamina E può rimpiazzare alcune funzioni antiossidanti del selenio, mentre quest ultimo è in grado di far risparmiare la vitamina eliminando i radicali liberi prima che essi raggiungano le membrane. Un insufficiente apporto di selenio può rientrare inoltre tra le cause della ritenzione di placenta. Altre condizioni patologiche che rispondono positivamente alla integrazione della razione con questo elemento sono le metriti e le mastiti. Le forme di selenio disponibili per l alimentazione animale sono quella inorganica (selenito e seleniato) e quella organica (maggiormente assorbibile, su supporto di lieviti); la forma predominante di quest ultima è la selenometionina. Entrambe le forme di selenio sono presenti in Total-Pool. Oligoelementi ad alta disponibilità Manganese, ferro, rame e zinco si trovano in Total-Pool sia nella forma inorganica che in quella organica, allo scopo di ottenere il massimo assorbimento. Oltre alla loro attività antianemica (che condividono col ferro), zinco, rame e manganese sono coinvolti nel mantenimento dell integrità dei tessuti epiteliali e connettivi. L arricchimento della dieta con questi minerali può pertanto migliorare la qualità del corno dell unghione e ridurre di conseguenza l incidenza delle zoppie.

14 Sabato 17 Luglio 2010, nella splendida cornice dell azienda Ciallella Paolo in contrada Castagneto di Roccamandolfi (Isernia), si è tenuto il primo incontro formativo sulla Bruna Italiana. L importante giornata si è avvalsa della gentile disponibilità della famiglia Ciallella e del patrocinio di Regione Molise, Associazione Regionale Allevatori Molise e Progeo Mangimi nelle persone dell assessore all agricoltura e foreste Nicola Cavaliere, di Giuseppe La famiglia Ciallella: da sinistra Miriana, Maria, Paolo e Giuseppe Castagneto di Roccamandolfi - Isernia Meeting Razza Bruna >> Azienda CIALLELLA PAOLO Porrazzo e Francesco D Orsi (presidente e direttore Associazione Regionale Allevatori Molise), di Massimo Neri (giudice di ring esperto della razza Bruna nonché allevatore), e di Pasquale Picciano (agente Progeo per il Molise, organizzatore e responsabile logistico della giornata). Diversi i momenti di confronto scientifico ed imprenditoriale, durante i quali sono state centrate la maggior parte delle questioni riguardanti l attuale problematicità nella quale versa l agricoltura e l allevamento bovino nel Molise ed in Italia, nonché aspetti più specifici riguardanti la razza in questione e le varie problematiche bio-genetiche di forte attualità. La giornata, ricca di interventi e presenze qualificate, ha rimarcato done una più attiva partecipazione la necessità di sostenere anche ad eventi di questo genere, e invocando una più coeva presenza delle tecnicamente gli allevatori motivan- Nicola Cavaliere e Pasquale Picciano premiano la famiglia Ciallella.

15 istituzioni a sostegno di questa realtà sulla quale si fonda un importante comparto del mercato nazionale. La presenza di Massimo Neri si è rivelata di fondamentale importanza avendo fornito delucidazioni sulle caratteristiche di Razza e aggiornamenti importanti riguardo le ultime scoperte genetiche e biologiche inerenti alla razza. In linea con lo spirito di coinvolgimento attivo degli allevatori, lo stesso esperto Neri ha proposto un analisi dal vivo di cinque esemplari dell azienda trasferendo non pochi elementi di valutazione e conoscenza ai soggetti partecipanti. Quale memoria della presenza delle competenze tecniche ed istituzionali, c è stato il piacevole scambio di targhe e riconoscimenti tra i vari esponenti dell ambito. A dare occasione per un successivo e più disteso confronto ed intrattenimento prolungato, nonché interscambio culturale e tecnicoscientifico tra i partecipanti, Progeo, con l assistenza efficiente e cordiale della famiglia Ciallella, ha dato l occasione di consumare prodotti tipici Il Direttore Francesco D Orsi premia un partecipante all incontro. locali quali i pregiatissimi caciocavalli dell azienda ospitante e formaggi di altre aziende ovi-caprine locali che si avvalgono della qualità dei nostri formulati. Il culmine, anche per la spettacolarità della preparazione e per il suo valore aggregante e simbolico, è stato rappresentato dalla cottura e successiva degustazione di una vitella preparata intera al girarrosto, alla maniera argentina. L Assessore Nicola Cavaliere premia un altro partecipante all incontro. La concomitanza e la commistione di momenti differenziati di alto valore aggregante ha prodotto un opportunità inedita per tutti soggetti partecipanti, arrivando a far coincidere in un'unica simbolica tavola rotonda le istituzioni, i tecnici, i mangimisti, gli allevatori, i consumatori. Il clima familiare e disteso della cornice in cui si è svolta la giornata ha richiamato anche la presenza delle famiglie degli allevatori, portando il numero dei partecipanti a circa 500 presenze, riportando all antica tradizione e partecipazione collettiva una realtà che, ad oggi, fa i conti più con l economia di mercato che con la società dei consumatori, più con la tecnologia che con la realtà sociale ed antropologica degli allevatori.

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo?

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? 1 Giuseppe Invernizzi Direttore - APA CO LC e Varese 2 Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? L idea nasce dall esigenza di dare risposte adeguate alla crisi che da diversi anni attanagliava

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it Massimo rendimento delle mucche da latte possibilmente con il minimo stress Contraddizione o realtà? Relazione nell ambito della conferenza EM a Olten (CH), ottobre 2004 Dipl. Ing. Agr. ETH Ueli Rothenbühler

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina NUOVI CONCETTI PER LA LINEA INGRASSO 2015-2016 Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina 70 60 50 40 30 % 20 10 0 1999 2001 2008 2010 2012 EVOLUZIONE dell I.C. degli ALLEVAMENTI

Dettagli

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl.

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl. Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime Contesto Il rispetto dei fabbisogni e degli equilibri nutrizionali in gestazione

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

SUPERALIMENTI ERBA D ORZO. www.nutrizionemotivazione.it

SUPERALIMENTI ERBA D ORZO. www.nutrizionemotivazione.it SUPERALIMENTI ERBA D ORZO SUPERALIMENTI Erba d orzo Febbraio 2013 Realizzato in Italia Copyright 2013 nutrizionemotivazione.it Versione 1 (documento soggetto ad aggiornamento periodico) Tutti i diritti

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a NEWSLETTER N.31 A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO I n q u e s t o n u m e r o : L e d i t o r i a l e d e l P r e s i d e n t e T r a s f e r t a L a n g o l o t e c n i c o 3 1 a g o s t

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO!

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! UNA LINEA DI INTEGRATORI A BASE PROTEICA PER NUTRIRSI MEGLIO E DIMAGRIRE BENE Solo i prodotti LineaMed, per la loro composizione dietetico-nutrizionale, sono compatibili con

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Micotossine, una chiave di lettura

Micotossine, una chiave di lettura Micotossine, una chiave di lettura Argomenti non trattati da questa presentazione Cosa sono le micotossine Classificazione delle micotossine Effetti delle micotossine Campionamento delle materie prime

Dettagli

Alimentazione 44 PASTA&PASTAI 109 NOVEMBRE

Alimentazione 44 PASTA&PASTAI 109 NOVEMBRE La pasta che fa bene di Delia Sebelin I principi attivi della regina delle nostre tavole favorirebbero l assimilazione dei farmaci somministrati ai pazienti colpiti da infarto: ecco i primi risultati del

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE Il gruppo Elcomex attualmente rappresenta uno dei player più significativi nel comparto energetico Rumeno (soprattutto energia proveniente

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 - Misura 111 Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte 25 settembre 2015 Località Nuraghe Losa -Abbasanta (Or)

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE La linea completa di alimenti ultra premium per cani e gatti La linea di alimenti Enova Ultra Premium di ultima generazione si caratterizza per la qualità degli ingredienti

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Raggiungere una nutrizione equilibrata Nutrizione di Base Lascia che la ruota della nutrizione di base ti aiuti Raggiungi e mantieni la tua forma ideale con

Dettagli

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati A. Formigoni & A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 9 InfoBiogas- Montichiari- 24-1- 2013 Indici di efficienza biologica Utilizzo

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Elena Casiraghi: LA FORZA DELLE PROTEINE

Elena Casiraghi: LA FORZA DELLE PROTEINE Elena Casiraghi: LA FORZA DELLE PROTEINE Cosa mangiare e quando farlo se si vuole ottenere il massimo dell'efficacia da un corretto allenamento di forza. Necessità proteica per gli atleti E' ben noto quale

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE

HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE HEPATIC PATOLOGIE EPATICHE È il cibo studiato appositamente per il tuo cane se ha un fegato molto sensibile ed è di conseguenza soggetto al rischio di epatiti. Con Hepatic puoi evitare problemi a questo

Dettagli

Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA

Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 Intervento del Presidente AIA dr. Nino Andena al 6 Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione Villa d Este di Cernobbio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E FORZA

ALIMENTAZIONE E FORZA Savigliano, 16 aprile 2011 ALIMENTAZIONE E FORZA Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano Alimentazione e forza Si pensa che più proteine assunte portino a più forza.

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Che cos'è il formaggio? 2. Come si produce? 3. Che usi si possono fare del formaggio? 4. Che importanza riveste il formaggio per l'organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche

Dettagli

L alimentazione della scrofa

L alimentazione della scrofa L alimentazione della scrofa Evoluzione del peso della scrofa nel corso della carriera produttiva (da: Deans Grove, 1996) Alimentazione della scrofa in gestazione Il piano alimentare deve essere tale da

Dettagli

Prova strutturata di breve durata

Prova strutturata di breve durata Presentazione Il gruppo di lavoro costituito dagli insegnanti di matematica della Scuola Secondaria di primo grado di Palmanova, ha scelto di costruire una prova disciplinare sul tema dell'educazione alimentare,

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli