PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana"

Transcript

1 PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana Rivisto ed integrato dal Servizio Dietologico dell Ospedale Civile di Venezia in data

2 Cos è un Prontuario Dietologico? È la raccolta delle diete standardizzate ed a composizione definita disponibili in ambito ospedaliero, per poter gestire l alimentazione delle persone ricoverate. Le diete nel prontuario sono definite in base alle caratteristiche della loro composizione in energia, macro e micronutrienti allo scopo di rendere più facile e consapevole la prescrizione terapeutica, per soddisfare le esigenze nutrizionali delle persone ricoverate. Il prontuario è completamente differente da un menù che contiene, invece, la combinazione d alimenti che corrispondono alla prescrizione terapeutica nutrizionale. Perché un prontuario dietologico? L alimentazione è una componente centrale della nostra vita. Gli interventi dietetico-nutrizionali sono interventi terapeutici che devono essere definiti con competenza ed appropriatezza. Spesso richiedono le competenze e la collaborazione di più figure professionali e di più specializzazioni. Il Prontuario Dietologico è la base per seguire l alimentazione e la dietetica in ospedale. Non fornisce la scelta d alimenti, ma la tipologia di prescrizione nutrizionale per coprire i fabbisogni del paziente ricoverato. Le indicazioni formulate dal Prontuario Dietologico si basano su basi

3 scientifiche comprovate e linee guida internazionali: permettono di trattare anche dal punto di vista nutrizionale le patologie che determinano il ricovero in ospedale dei nostri pazienti. Come tradurre la prescrizione nutrizionale dietologica nei singoli pasti che vengono offerti al paziente? La prescrizione eseguita in base alle opportunità offerte dal Prontuario Dietologico potrà essere tradotta nei pasti e negli alimenti utilizzando un sistema informatico (palmare) che permetterà al personale di registrare la scelta del paziente in base alle sue abitudini ed al suo gusto degli alimenti più corretti (in quantità ed in qualità) per rispettare la prescrizione nutrizionale dietologica. Il palmare permetterà di effettuare la prenotazione del pasto presso il Servizio di Cucina e Ristorazione che li preparerà e li farà arrivare alle Unità di degenza secondo le indicazioni inviategli attraverso il palmare.

4 CARATTERISTICHE: La composizione di questa tipologia di schema dietetico rispetta i LARN. Sono presi in considerazione tutti gli alimenti appartenenti a ciascun gruppo alimentare, escludendo solamente particolari categorie di alimenti che non trovano significato in ambito ospedaliero per le loro caratteristiche nutrizionali. Sia per le preparazioni dei primi piatti che dei secondi si considerano ricette con prevalente uso di cottura in umido, al forno, alla griglia, prevedendo l utilizzo dell olio di oliva come condimento crudo sull alimento cotto, in quantità fisiologiche standard previste dal programma di lavorazione. Sono utilizzati insaccati di buona qualità ed a basso contenuto lipidico, analogamente per carni e pesci. L utilizzo di preparazioni iperlipidiche, tradizionali sarà riservato alle festività. La frutta somministrata sarà d ogni tipo e di stagione. Saranno previsti piatti modicamente elaborati nel rispetto della composizione bromatologica della dieta stessa. E un regime dietetico che deve essere preso ad esempio da tutte le persone che non necessitano di interventi terapeutici nutrizionali mirati, perché equilibrato nella sua composizione.

5 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune 25 The zuccherato Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 25 Grissini 12

6 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune 50 The zuccherato Purea di frutta Frutta cotta Grissini Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 50 Grissini 24

7 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 2400 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Passata di frutta Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 10 Carne bianca o rossa 120 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune Grissini The zuccherato Yogurt alla frutta Cena Pasta 60 Grana Purea di frutta 125 Budino Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune Grissini Purea di frutta

8 CARATTERISTICHE: essendo talvolta necessario, in ambito ospedaliero, prescrivere un piano dietetico ipocalorico, si è pensato alla formulazione di un regime dietetico che varia dalle 1 alle 1600 Kcal con apporto controllato di colesterolo. I destinatari di questo tipo di dieta sono tutti i pazienti nei quali sia necessario una prescrizione terapeutica che determini una momentanea o prolungata restrizione energetica, in cui l obiettivo è il controllo dell eccesso ponderale e delle sequele e/o complicanze metaboliche legate all eccesso del peso corporeo. Per quanto concerne i pazienti con diabete mellito, secondo quanto riportato nelle recenti Linee Guida Internazionali, la limitazione degli zuccheri semplici ed il frazionamento dei pasti, sono i punti cardine nel trattamento dietoterapico. La quota glucidica va mantenuta tra il 50-55% dell apporto energetico: di questa almeno l 80% deve essere costituito da carboidrati complessi. Nell ambito dei carboidrati semplici la preferenza va data alla frutta ed al latte parzialmente scremato. E importante il frazionamento dei carboidrati in più assunzioni. Pertanto, rispetto alla dieta fisiologica equilibrata, la dieta del diabetico richiede una limitazione degli alimenti ricchi in mono e disaccaridi. La maggior parte della quota glucidica sarà pertanto fornita da carboidrati complessi (soprattutto pasta, riso e pane). Molto importante è anche l apporto di fibra, per i suoi effetti metabolici, sia sul metabolismo glucidico che lipidico. Ampio spazio verrà dato, quindi, alla verdura e ai legumi. È possibile prevedere anche la somministrazione di patate lesse o al forno 1-2

9 volte la settimana come da menù standard con l accortezza di fornire anche adeguate quantità di verdure o legumi. Recenti studi dimostrano che l indice glicemico, inteso come un diverso impatto dei cibi sulla glicemia e sull insulinemia, dipende oltre che dalla composizione dell alimento, dal metodo di cottura e dalle interazioni con altri alimenti assunti nell ambito dello stesso pasto. L indice glicemico delle patate al forno o della purea di patate, come d altri alimenti, si riduce se somministrate nell ambito di un pasto che preveda adeguati apporti di fibra. Anche l assunzione di piccoli quantitativi di zuccheri semplici, in sostituzione isocalorica e isoglucidica di cibi amidacei, può essere ammessa nel diabetico compensato, purché nell ambito di un pasto misto. Nella formulazione di un menù per diabetici è quindi importante: - assicurare il frazionamento dei pasti in due pasti principali, due spuntini e la colazione - limitare l apporto di zuccheri semplici - utilizzare cotture più espresse possibile: pasta o riso scotti contribuiscono a innalzare il picco glicemico postprandiale per il loro maggiore indice glicemico - tenere presente che a parità di peso la frutta matura ha un indice glicemico più elevato di quella meno matura - Incrementare l apporto di fibra giornaliero (quindi aumentare la quota giornaliera di fibra dai gr/die a gr/die) con quantità maggiori di verdura ad ogni pasto e con un adeguato quantitativo di frutta magari come spuntino.

10 Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Yogurt intero Pane 25 Fette biscottate 15 The Caffè d orzo Pranzo Pasta Carne bianca o rossa Riso Pesce Affettato magro Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Passato di verdure con pasta 30 Pesce 180 Petto di pollo 120 Affettato magro 80 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane 25 Grissini 12

11 Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1400 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Yogurt intero Pane 50 Fette biscottate 30 The Caffè d orzo Pranzo Pasta o riso Grana Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Passato di verdure con pasta Grana Petto di pollo Patate lesse Olio di oliva 15 Pane Pesce Affettato magro 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini

12 Colazione Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1600 Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero Pane 50 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The Pranzo Caffè d orzo Pasta o riso 70 Gnocchi Pasticcio Grana Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Frittata Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Minestrina in brodo con pasta Grana Petto di pollo Passato di verdure Pesce 180 Affettato magro 80 Verdura Patate lesse Olio di oliva 15 Purea di frutta Frutta cotta Pane 25 Grissini 12

13 CARATTERISTICHE: Programma di terapia dietetica in cui è sensibilmente ridotto l apporto di lipidi e quindi è una dieta non equilibrata. La dieta prevede una scelta attenta degli alimenti da utilizzare: con l esclusione e/o un uso saltuario di quelli che contengono già una percentuale lipidica elevata (come alcuni tipi di carne, formaggi ed affettati) ed una minor aggiunta di grassi di condimento durante la fase di cottura e preparazione. L appetibilità viene ottenuta variando gli alimenti, utilizzando modalità di cottura ed un uso di spezie. Dieta ipolipidica Kcal 0 Alimenti gr Alternative settimanali gr

14 Colazione Latte ps Yogurt magro 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 70 Riso 70 Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Pane comune 25 The zuccherato Purea di frutta Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Petto di pollo 120 Prosciutto cotto o crudo 80 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 25 Grissini 12

15 CARATTERISTICHE: questo tipo di dieta è caratterizzata dal contenuto modesto in fibra alimentare. Mentre una dieta fisiologica equilibrata dovrebbe apportare almeno gr di fibra al giorno, con le indicazioni per questo tipo di regime alimentare si raggiungono al massimo gr di fibra al giorno. Frutta e verdura pertanto sono quasi completamente escluse e vengono spesso utilizzate in sostituzione patate e loro derivati, come il purè. La variabilità della dieta seppur ridotta è comunque garantita se il piano alimentare che si intende adottare considera vari tipi di preparazioni dei contorni, talvolta arricchendoli con altri ingredienti, talvolta presentando piatti semplici e poco elaborati utilizzando vari tipi di cotture: lessatura, cottura al vapore, cottura in umido. Naturalmente dovranno essere sostituite anche tutte le preparazioni con verdure e tutti i passati o creme molto utilizzati a cena in ambito ospedaliero. Ovviamente da un punto di vista nutrizionale, dal momento che una dieta di questo tipo può essere carente in alcune vitamine idrosolubili, sarà corretto valutare per quanto tempo essa debba essere protratta. Prescrivere un regime dietetico non equilibrato equivale a prescrivere una terapia farmacologica, andranno previsti e monitorizzati eventuali effetti collaterali: per la Dieta a Basso Residuo, nel caso di una sua prescrizione per tempi prolungati si

16 dovranno valutare le indicazioni a prescrivere anche integrazioni sia per i liquidi introdotti in minor quantità, che per vitamine e minerali mancanti e/o carenti.

17 Dieta normocalorica a basso residuo (gr 10 FA) Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt 125 Fette biscottate 15 Pane comune 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Pranzo Pasta 90 Riso Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Patate lesse Olio di oliva 15 Grissini 24 The Grissini Zucchero Cena Pasta o riso 60 Grana 5 Formaggio Pesce Uova Affettato magro 90 Nr 2 80 Caffè d orzo Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Patate lesse Purè Olio di oliva 15 Grissini

18 CARATTERISTICHE: questo tipo di regimi alimentari sono caratterizzati da un ridotto contenuto di proteine. Nel nostro Prontuario Dietologico vengono presentate due formulazioni rispettivamente con un contenuto di 40 gr di proteine nella prima fino a raggiungere i 50 gr nella seconda, ricorrendo all ausilio di prodotti dietetici aproteici. Nella 2^ formulazione sono stati utilizzati gli alimenti naturali il più possibile, riducendo i prodotti ad alto contenuto proteico come la carne e i formaggi soprattutto nelle quantità cercando di rispettare le assunzioni come da menù standard. Per assicurare infatti l'assunzione di Kcal, risulta impossibile operare diversamente qualora si voglia assicurare un alimentazione equa e non drasticamente limitata. Agendo sull'alternanza dei prodotti e su una equilibrata combinazione con i prodotti aproteici, come l'utilizzo delle fette tostate iproteiche quando vi è assunzione di pasta normale, si assicura la variabilità della dieta ed anche una buona appetibilità. Ovviamente si è dovuto diminuire il più possibile i quantitativi dei secondi piatti per assicurare quanto sopra descritto. Restano comunque ben rappresentati i prodotti di origine vegetale e la frutta. Prescrivere un regime dietetico non equilibrato equivale a prescrivere una terapia farmacologica, devono essere previsti e monitorizzati eventuali effetti collaterali: con una restrizione proteica intensa (< /=40 gr die) si crea un regime dietetico

19 carente in alcuni nutrienti che devono essere integrati se il trattamento dietoterapico non è di breve durata (calcio e ferro, ecc). Se nella preparazione della dieta non viene aggiunto sale da cucina, la dieta risulta ipoproteica e iposodica.

20 Dieta ipoproteica 40 gr di Proteine Kcal 1900 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione The zuccherato Fette tostate ipoproteiche 25 Marmellata 25 Miele 25 The zuccherato Fette tostate ipoproteiche Pranzo 25 Caffè d orzo Pasta 70 Riso 70 Verdura Olio di oliva 25 Fette tostate ipoproteiche The zuccherato Fette tostate ipoproteiche Marmellata o miele Purea di frutta Frutta cotta Cena Minestrina in brodo con pasta aproteica 40 Crema di verdure Carne bianca o rossa Verdura Olio di oliva 10 Fette tostate ipoproteiche 25 Pesce Frittata Prosciutto cotto o crudo Purea di frutta Frutta cotta 80 70

21 Dieta ipoproteica gr 50 di Proteine Kcal 1900 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione The Fette biscottate 15 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 70 Riso 70 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 36 The zuccherato Fette biscottate Marmellata Cena Minestrina in brodo con pasta aproteica 30 Crema di verdure e patate Carne bianca o rossa Frittata 80 Prosciutto cotto o crudo 70 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 24

22 CARATTERISTICHE: semiliquida è un temine generico che verrà utilizzato in questo contesto per indicare un tipo di alimentazione di consistenza tenera al palato e al tatto per facilitarne la assunzione in persone che presentano difficoltà ad assumere alimenti con consistenza abituale. La Dieta ha caratteristiche Nutrizionali di composizione che la rendono una Dieta Equilibrata Per ottenere la suddetta consistenza si dovranno utilizzare alimenti teneri per loro natura e qualora ciò non fosse possibile si potrà ricorrere all ausilio di frullati per somministrare determinati tipi di alimenti. L obiettivo è quello di fornire alla persona che deve seguire questo regime per molto tempo, una dieta il più possibile vicina e simile a quella che viene servita agli altri utenti, cercando di conferire gusti e sapori gradevoli anche con i limiti che essa impone. Sarà molto utile l utilizzo di prodotti per la colazione solubili nel latte (biscotti friabili, pane molto tenero). I pasti principali potranno essere sostituiti o con i menù standard frullati o da gnocchi di patate conditi con lo stesso sugo, alternando con semolini e creme di riso. Sono molto utili gli omogeneizzati di carne per il secondo piatto, le uova in frittata e strapazzate, e i formaggi molto teneri come per esempio la ricotta. Verdure cotte tritate e patate lessate sono ottime per arricchire e colorare un pasto senza doversi

23 troppo allontanare da un alimentazione normale. Tutti i passati, le creme, e i minestroni frullati possono essere tranquillamente assunti. Adottando questi alimenti e adattandoli al menù standard proposto è possibile ottenere un alimentazione variata e appetibile e ricca in tutti i principi nutritivi.

24 Dieta equilibrata semiliquida tritata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Marmellata 50 Miele 50 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Caffè d orzo Frutta cotta Banana Budino Pranzo Pasta micron 40 Grana 10 Carne bianca o rossa tritata 120 Pesce tritato Verdura tritata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti solubili Succo di frutta Cena Pasta micron 40 Grana Passata di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta

25 Dieta equilibrata semiliquida tritata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti 30 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Pranzo Caffè d orzo Budino Frutta cotta Banana Pasta micron 30 Grana 5 Carne bianca o rossa tritata 120 Pesce tritato Verdura tritata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti Succo di frutta Cena Pasta micron 30 Grana 5 30 Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 10 Frutta cotta Purea di frutta

26 Dieta equilibrata semiliquida frullata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Passata di frutta Pranzo Budino Frutta cotta Banana Pasta micron 40 Grana 10 Carne bianca o rossa frullata 120 Pesce frullato Verdura frullata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti Succo di frutta Cena Pasta micron 40 Grana Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta

27 Dieta equilibrata semiliquida frullata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Pranzo Caffè d orzo Budino Banana Frutta cotta Pasta micron 30 Grana 5 Carne bianca o rossa frullata 120 Pesce frullato Verdura frullata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti solubili Succo di frutta Cena Pasta micron 30 Grana 5 30 Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 10 Frutta cotta Purea di frutta

28 CARATTERISTICHE:, questo tipo d alimentazione prevederà la somministrazione di un certo tipo di alimenti particolarmente appetibili che non vengono presi in considerazione nell alimentazione dell adulto. Quindi saranno spesso rappresentati alimenti prediletti da questa categoria di utenti come ad esempio le patate sia sotto forma di contorni (al forno, prezzemolate, in umido, purea) sia nella preparazione di piatti unici come sformati di patate, con l obbiettivo di poter offrire un alternativa all assunzione della verdura spesso difficilmente assunta. Per ciò che riguarda le verdura si cercherà di lasciare spazio ad alimenti semplici in preparazioni appetibili come i piselli o le carote o le zucchine gratinate in modo tale da presentare il piatto nel miglior modo possibile cercando di catturare la curiosità del bambino e di stimolarne l appetito. I secondi piatti saranno a volte rappresentati da affettati magri come il prosciutto cotto e il prosciutto crudo per garantire un alternativa ad alcune preparazioni di carne spesso rifiutate dai bambini. Nel pasto serale inoltre sarà possibile scegliere pasta asciutta e riso in sostituzione dei minestroni e delle zuppe. Vengono invece lasciate le creme di verdure più apprezzate per la loro omogeneità e consistenza. La pizza come secondo piatto potrà essere proposta o a pranzo o a cena 1 o 2 volte alla settimana. Inoltre sarà disponibile per il reparto di pediatria una scelta di omogeneizzati alla frutta e alla carne, biscotti per l infanzia, semolini, creme di riso, farine lattee etc per far fronte alle problematiche di tutte le fasce di età.

29 Colazione Dieta equilibrata per età evolutiva Età 1 2 anni Kcal 1 Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero 125 Pane comune 25 Biscotti 30 Fette biscottate 15 Brioche 40 Zucchero 5 Fette biscottate o grissini 30 Pranzo Pasta 40 Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 30 Sugo di carne 30 grana 5 Affettato magro 40 Carne 60 Frittata di verdure 60 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 30 Fette biscottate o grissini 30 Latte p.s. Orzo Zucchero Cena Brodo vegetale Pasta Grana Formaggio 40 Verdura Olio di oliva 10 Pane comune Yogurt da latte intero 125 Creme di verdure Affettato magro Carne Frittata Pesce Patate lesse o al forno Legumi freschi Fette biscottate o grissini 30

30 Dieta equilibrata per età evolutiva Età 3 6 anni Kcal 0 Colazione Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero 125 Biscotti 30 Fette biscottate 15 Pane 25 Marmellata 25 Brioche 40 Zucchero 10 Pranzo Pasta 50 Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 30 Sugo di carne 30 grana 5 Affettato magro 60 Carne 70 Frittata di verdure 70 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 25 Grissini 12 Fette biscottate Cena Brodo vegetale Pasta Grana Formaggio stracchino 50 Verdura Budino Creme di verdure Riso Affettato magro Carne Frittata Pesce Patate lesse o al forno Legumi freschi Olio di oliva 15 Pane comune 25 Grissini

31 Colazione Latte intero Dieta equilibrata per età evolutiva Età 7 10 anni Kcal 0 Fette biscottate Marmellata Alimenti gr Alternative settimanali gr Zucchero 10 Pranzo Pasta 60 Yogurt intero 125 Biscotti Pane comune Brioche Frutta passata Budino Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 40 Sugo di carne 40 grana 5 Pesce Carne bianca o rossa Frittata 80 Affettato magro 70 Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 50 Grissini 24 The zuccherato Fette biscottate Marmellata Cena Minestrina in brodo Pasta Grana Creme di verdure Riso Formaggio Stracchino 70 Purè Olio di oliva 15 Pane comune 50 Carne Frittata Pesce Verdura Legumi freschi Grissini Purea di mele 80 24

32 Dieta equilibrata per età evolutiva Età anni Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Fette biscottate 15 Marmellata 50 Zucchero 10 Fette biscottate 15 Pranzo Pasta 70 Yogurt alla frutta 125 Pane comune Brioche Frutta passata Riso Gnocchi 70 Sugo di pomodoro 50 Sugo di carne 40 grana 5 Pesce Carne bianca o rossa 120 Frittata Affettato magro 70 Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 50 Grissini 24 The zuccherato Fette biscottate Cena Minestrina in brodo Pasta Grana 5 15 Budino Formaggio Stracchino Patate lesse Creme di verdure Riso Carne Frittata Pesce Purè Legumi freschi Olio di oliva 15 Pane comune 50 Grissini

33 CARATTERISTICHE: gli alimenti che compongono questa dieta non differiscono di molto dalla dieta fisiologica equilibrata in quanto la maggior parte del sodio introdotto con l alimentazione deriva dall aggiunta del sale da cucina e del glutammato monosodico utilizzato per le preparazioni culinarie. Sarà pertanto sufficiente evitare la loro aggiunta negli alimenti cercando di sostituirne il sapore, a cui la maggior parte delle persone sono abituate, con un maggior utilizzo di spezie aromatiche. Esistono, tuttavia, alimenti che presentano un elevato tenore di sodio o che prevedono l aggiunta di sodio in elevata quantità nei processi di conservazione: ne sono esempio i formaggi medio-stagionati e molto stagionati, e in linea generale tutti gli insaccati. Considerando che una dieta moderatamente iposodica prevede un contenuto massimo di sale da cucina (cloruro di sodio) di circa 4 gr, questi accorgimenti risultano adeguati ad ottenere tale restrizione. Una dieta fisiologica equilibrata senza aggiunta di sale apporta infatti circa 3,25 g di sale da cucina o 1,5 gr di sodio al giorno (1.5 g di sale da cucina equivale a 1 g di sodio). Quindi nella formulazione che segue ci si troverà di fronte ad una normale dieta fisiologica in cui è stata ridotta al minimo possibile la quota di formaggi e affettati. Tali accorgimenti consentono di attuare un regime iposodico senza compromettere troppo l appetibilità della dieta. La presenza nel regime dietetico di latticini, scegliendoli tra quelli a minore tenore sodico, consente inoltre di somministrare adeguate quote di calcio di cui questi alimenti sono i principali fornitori.

34

35 Dieta iposodica Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta s/s 90 Riso s/s 90 Gnocchi s/s Grana 5 Sugo di pomodoro s/s 60 Sugo di carne s/s 80 Carne s/s 120 Pesce azzurro s/s Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune 50 The zuccherato Caffè d orzo Cena Pasta s/s Grana 60 Formaggio Stracchino 5 Creme di verdure s/s Zuppa s/s Carne s/s Frittata s/s Pesce Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune

36 Dieta equilibrata iposodica Kcal 1900 Colazione Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte ps Yogurt intero 125 Fette biscottate 15 Pane comune 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta s/s Grana 90 5 Riso s/s Gnocchi s/ Sugo di pomodoro s/s 60 Sugo di carne s/s 80 Carne s/s 120 Pesce azzurro s/s Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 10 Purea di frutta Pane comune 50 The zuccherato Caffè d orzo Cena Minestrone con pasta s/s Grana 30 5 Creme di verdure s/s Zuppa s/s Tortellini in brodo s/s Formaggio Stracchino Carne s/s 120 Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune

37 CARATTERISTICHE: questo tipo di piano terapeutico nutrizionale nasce dall esigenza di ripristinare l alimentazione orale nel paziente che sia stato costretto per la sua malattia ad un digiuno protratto. L obiettivo è un graduale adattamento alla alimentazione orale per permettergli, nell arco di un tempo congruo, di ritornare a seguire un regime dietetico fisiologico equilibrato. Per questi motivi si inizia il regime alimentare somministrando per 2 o 3 giorni una dieta da Kcal al massimo in cui vi sono solamente alimenti di semplice preparazione ed basso contenuto lipidico e proteico come le fette biscottate e il semolino, il the amaro e un po di parmigiano.vengono esclusi per tutto il recupero alimenti contenenti lattosio in modo da evitare una precoce insorgenza di diarrea che potrebbe costringere la sospensione della dieta allungando i tempi di recupero. A partire dal quarto giorno vengono aumentate le dosi degli alimenti sopra elencati e viene aggiunta una piccola quantità di secondo rappresentato a pranzo da carne macinata tenera e a cena da un piccolo pezzo di grana. In questo modo si copre non solo il fabbisogno glucidico ma anche quello proteico fornendo alimenti con alto valore biologico e al contempo semplici nelle preparazioni, di facile masticazione, appetibili e facilmente digeribili. Vengono raggiunte così circa le Kcal. Già nel 4 e 5 giorno è possibile sostituire il semolino con del riso in bianco o della pasta bianca. Infine si raggiungono oltre il 5 giorno le 0 Kcal circa introducendo alimenti

38 sempre più vicini ad un alimentazione spontanea normale. È consentito l uso di condimenti per i primi piatti come piccole porzioni di sugo di pomodoro, l utilizzo delle patate lessate e il pasto si completa con secondi un po più consistenti in cui è possibile assumere anche carne bianca ai ferri, o pesce azzurro lessato. Quello che è utile notare è che per tutto il periodo della rialimentazione che può durare anche più di una settimana, non solo la dieta si presenta a basso residuo, poiché le fibre alimentari sono introdotte per ultime, ma la dieta è anche priva di lattosio. In questo modo ci si assicura per tutto il tempo in cui viene effettuata di evitare l insorgenza di alcune complicanze spiacevoli e si consente un miglior recupero dell autonomia di alimentazione.

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

DIETETICO OSPEDALIERO

DIETETICO OSPEDALIERO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA DIETETICO OSPEDALIERO In copertina foto di Carl Warner: l arcobaleno è perfetto dietro la foresta di prezzemolo e patate AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA DIETETICO

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIA VINICIO CORTESE, 25 8810 CATANZARO PRONTUARIO DIETETICO DIETISTA ADRIANA GRANDINETTI DIREZIONE SANITARIA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME 0 ELENCO CODIFICATO

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011

TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011 TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011 Le tabelle sono state elaborate nel rispetto delle linee fondamentali date dai L.A.R.N. 1996 (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DISFAGIA Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di disfagia Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò significa

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Azienda Servizi alla Persona A.S.P. Carlo Pezzani Voghera PRONTUARIO DIETETICO In collaborazione con il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico San Matteo di Pavia

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici Diete a scambi Dieta da 1000 kcal per diabetici 1 farinaceo 2 fette biscottate oppure 3 biscotti Plasmon 2,5 farinacei Pasta o riso g 30 al sugo o in brodo + pane g 25 oppure pasta o riso g 15 + legumi

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIABETE DELL ADULTO DI TIPO 2 Menu per una giornata tipo dedicato a persone adulte che soffrono di diabete di tipo 2 Complimenti per aver

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

A CURA DI: Dott. ssa Franca De Cristofaro Dott.ssa Marica Baccelliere - dietista Dott.ssaMariaGraziaLorusso-dietista

A CURA DI: Dott. ssa Franca De Cristofaro Dott.ssa Marica Baccelliere - dietista Dott.ssaMariaGraziaLorusso-dietista A CURA DI: Dott. ssa Franca De Cristofaro Dott.ssa Marica Baccelliere - dietista Dott.ssaMariaGraziaLorusso-dietista Presentazione I recenti notevoli progressi nel campo della scienza dietologica e dell'industria

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI Obiettivi e aspetti pratico-applicativi SERVIZIO DI DIETETICA ASL TO 4 Dietiste Liliana Vianello Daniela Rolfo Sonia Zarlottin Amalia Narracci

Dettagli

APPALTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO E LUDOTECA COMUNALE

APPALTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO E LUDOTECA COMUNALE ALLEGATO B 1 CITTÀ DI TORTOLÌ Provincia dell Ogliastra AREA SOCIALE SCOLASTICA E CULTURALE APPALTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO E LUDOTECA COMUNALE MENU ASILO NIDO CODICE CIG 34568857BD TABELLA DIETETICA

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE A cura della dott.ssa Teresa Canali In età scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino, pertanto è in questa fase della vita che la

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione Premessa S.P.E.S. (Servizi alla Persona Educativi e Sociali) persegue il ben-essere di bambini e adolescenti che ogni giorno frequentano le sue strutture e aiutano le famiglie nel loro compito educativo.

Dettagli

Cosa trovi nel piatto?

Cosa trovi nel piatto? Istituzione dei Servizi Educativi e Scolastici del Comune di Scandiano Cosa trovi nel piatto? I menù invernali nelle Scuole dell infanzia, primarie e secondarie del Comune di Scandiano Info: Istituzione

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante AIAC Associazione Italiana Allenatori Calciatori Grosseto Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante Dott. Marco Buccianti Dietista consulente settore giovanile FC Grosseto calcio 2006/2007

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti,

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, Per aiutare i figli a crescere bene, i genitori devono guardare lontano. A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, che la salute può presentare il conto. I bambini hanno bisogno

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI ALL ASILO NIDO Indicazioni dietetiche e suggerimenti pratici

L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI ALL ASILO NIDO Indicazioni dietetiche e suggerimenti pratici L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI ALL ASILO NIDO Indicazioni dietetiche e suggerimenti pratici PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, ma anche gradevole ed accettabile, costituisce per tutti un presupposto

Dettagli

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI RAVENNA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA (Indicazioni per le diete speciali) A cura delle dietiste Paola Govoni e Daniela Valeriani

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Allegato n. 3 MENU E TABELLE DIETETICHE ASILO NIDO. Le tabelle dietetiche e menù devono essere prodotti in base ai seguenti criteri:

Allegato n. 3 MENU E TABELLE DIETETICHE ASILO NIDO. Le tabelle dietetiche e menù devono essere prodotti in base ai seguenti criteri: Allegato n. 3 MENU E TABELLE DIETETICHE ASILO NIDO CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere prodotti in base ai seguenti criteri:! I menù

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

Linee guida per la formulazione di diete per patologie

Linee guida per la formulazione di diete per patologie Linee guida per la formulazione di diete per patologie ALLEGATO 3 DIETE SPECIALI AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA CELIACHIA I pazienti affetti da celiachia non possono assumere

Dettagli

MONITORAGGIO GRADIMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA. Anno Scolastico 2011-2012

MONITORAGGIO GRADIMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA. Anno Scolastico 2011-2012 Servizio Refezione Scolastica Metodo utilizzati: MONITORAGGIO GRADIMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Anno Scolastico 2011-2012 Il monitoraggio è stato effettuato tramite un questionario distribuito agli

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

- Risotto giallo - Petto di tacchino al limone - Fagiolini lessati - Pane e frutta

- Risotto giallo - Petto di tacchino al limone - Fagiolini lessati - Pane e frutta I menù dei nidi Al nido vengono proposti due diversi menù stagionali, uno per l'autunno-inverno e uno per la primavera-estate. In base alla diversa gestione del servizio mensa (cucina interna o pasto in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Note di indirizzo per i menù della refezione scolastica

Note di indirizzo per i menù della refezione scolastica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO IGIENE PUBBLICA U.O. IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Note di indirizzo per i menù della refezione scolastica anno 2010 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2.

Dettagli