PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana"

Transcript

1 PRONTUARIO DIETOLOGICO dei Presidi Ospedalieri dell Azienda ULSS n. 12 Veneziana Rivisto ed integrato dal Servizio Dietologico dell Ospedale Civile di Venezia in data

2 Cos è un Prontuario Dietologico? È la raccolta delle diete standardizzate ed a composizione definita disponibili in ambito ospedaliero, per poter gestire l alimentazione delle persone ricoverate. Le diete nel prontuario sono definite in base alle caratteristiche della loro composizione in energia, macro e micronutrienti allo scopo di rendere più facile e consapevole la prescrizione terapeutica, per soddisfare le esigenze nutrizionali delle persone ricoverate. Il prontuario è completamente differente da un menù che contiene, invece, la combinazione d alimenti che corrispondono alla prescrizione terapeutica nutrizionale. Perché un prontuario dietologico? L alimentazione è una componente centrale della nostra vita. Gli interventi dietetico-nutrizionali sono interventi terapeutici che devono essere definiti con competenza ed appropriatezza. Spesso richiedono le competenze e la collaborazione di più figure professionali e di più specializzazioni. Il Prontuario Dietologico è la base per seguire l alimentazione e la dietetica in ospedale. Non fornisce la scelta d alimenti, ma la tipologia di prescrizione nutrizionale per coprire i fabbisogni del paziente ricoverato. Le indicazioni formulate dal Prontuario Dietologico si basano su basi

3 scientifiche comprovate e linee guida internazionali: permettono di trattare anche dal punto di vista nutrizionale le patologie che determinano il ricovero in ospedale dei nostri pazienti. Come tradurre la prescrizione nutrizionale dietologica nei singoli pasti che vengono offerti al paziente? La prescrizione eseguita in base alle opportunità offerte dal Prontuario Dietologico potrà essere tradotta nei pasti e negli alimenti utilizzando un sistema informatico (palmare) che permetterà al personale di registrare la scelta del paziente in base alle sue abitudini ed al suo gusto degli alimenti più corretti (in quantità ed in qualità) per rispettare la prescrizione nutrizionale dietologica. Il palmare permetterà di effettuare la prenotazione del pasto presso il Servizio di Cucina e Ristorazione che li preparerà e li farà arrivare alle Unità di degenza secondo le indicazioni inviategli attraverso il palmare.

4 CARATTERISTICHE: La composizione di questa tipologia di schema dietetico rispetta i LARN. Sono presi in considerazione tutti gli alimenti appartenenti a ciascun gruppo alimentare, escludendo solamente particolari categorie di alimenti che non trovano significato in ambito ospedaliero per le loro caratteristiche nutrizionali. Sia per le preparazioni dei primi piatti che dei secondi si considerano ricette con prevalente uso di cottura in umido, al forno, alla griglia, prevedendo l utilizzo dell olio di oliva come condimento crudo sull alimento cotto, in quantità fisiologiche standard previste dal programma di lavorazione. Sono utilizzati insaccati di buona qualità ed a basso contenuto lipidico, analogamente per carni e pesci. L utilizzo di preparazioni iperlipidiche, tradizionali sarà riservato alle festività. La frutta somministrata sarà d ogni tipo e di stagione. Saranno previsti piatti modicamente elaborati nel rispetto della composizione bromatologica della dieta stessa. E un regime dietetico che deve essere preso ad esempio da tutte le persone che non necessitano di interventi terapeutici nutrizionali mirati, perché equilibrato nella sua composizione.

5 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune 25 The zuccherato Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 25 Grissini 12

6 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune 50 The zuccherato Purea di frutta Frutta cotta Grissini Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 50 Grissini 24

7 Dieta fisiologica equilibrata Kcal 2400 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Passata di frutta Caffè d orzo Pranzo Pasta 90 Riso Pasticcio Gnocchi Grana 10 Carne bianca o rossa 120 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune Grissini The zuccherato Yogurt alla frutta Cena Pasta 60 Grana Purea di frutta 125 Budino Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Prosciutto cotto o crudo 80 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Pane comune Grissini Purea di frutta

8 CARATTERISTICHE: essendo talvolta necessario, in ambito ospedaliero, prescrivere un piano dietetico ipocalorico, si è pensato alla formulazione di un regime dietetico che varia dalle 1 alle 1600 Kcal con apporto controllato di colesterolo. I destinatari di questo tipo di dieta sono tutti i pazienti nei quali sia necessario una prescrizione terapeutica che determini una momentanea o prolungata restrizione energetica, in cui l obiettivo è il controllo dell eccesso ponderale e delle sequele e/o complicanze metaboliche legate all eccesso del peso corporeo. Per quanto concerne i pazienti con diabete mellito, secondo quanto riportato nelle recenti Linee Guida Internazionali, la limitazione degli zuccheri semplici ed il frazionamento dei pasti, sono i punti cardine nel trattamento dietoterapico. La quota glucidica va mantenuta tra il 50-55% dell apporto energetico: di questa almeno l 80% deve essere costituito da carboidrati complessi. Nell ambito dei carboidrati semplici la preferenza va data alla frutta ed al latte parzialmente scremato. E importante il frazionamento dei carboidrati in più assunzioni. Pertanto, rispetto alla dieta fisiologica equilibrata, la dieta del diabetico richiede una limitazione degli alimenti ricchi in mono e disaccaridi. La maggior parte della quota glucidica sarà pertanto fornita da carboidrati complessi (soprattutto pasta, riso e pane). Molto importante è anche l apporto di fibra, per i suoi effetti metabolici, sia sul metabolismo glucidico che lipidico. Ampio spazio verrà dato, quindi, alla verdura e ai legumi. È possibile prevedere anche la somministrazione di patate lesse o al forno 1-2

9 volte la settimana come da menù standard con l accortezza di fornire anche adeguate quantità di verdure o legumi. Recenti studi dimostrano che l indice glicemico, inteso come un diverso impatto dei cibi sulla glicemia e sull insulinemia, dipende oltre che dalla composizione dell alimento, dal metodo di cottura e dalle interazioni con altri alimenti assunti nell ambito dello stesso pasto. L indice glicemico delle patate al forno o della purea di patate, come d altri alimenti, si riduce se somministrate nell ambito di un pasto che preveda adeguati apporti di fibra. Anche l assunzione di piccoli quantitativi di zuccheri semplici, in sostituzione isocalorica e isoglucidica di cibi amidacei, può essere ammessa nel diabetico compensato, purché nell ambito di un pasto misto. Nella formulazione di un menù per diabetici è quindi importante: - assicurare il frazionamento dei pasti in due pasti principali, due spuntini e la colazione - limitare l apporto di zuccheri semplici - utilizzare cotture più espresse possibile: pasta o riso scotti contribuiscono a innalzare il picco glicemico postprandiale per il loro maggiore indice glicemico - tenere presente che a parità di peso la frutta matura ha un indice glicemico più elevato di quella meno matura - Incrementare l apporto di fibra giornaliero (quindi aumentare la quota giornaliera di fibra dai gr/die a gr/die) con quantità maggiori di verdura ad ogni pasto e con un adeguato quantitativo di frutta magari come spuntino.

10 Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Yogurt intero Pane 25 Fette biscottate 15 The Caffè d orzo Pranzo Pasta Carne bianca o rossa Riso Pesce Affettato magro Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Passato di verdure con pasta 30 Pesce 180 Petto di pollo 120 Affettato magro 80 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane 25 Grissini 12

11 Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1400 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Yogurt intero Pane 50 Fette biscottate 30 The Caffè d orzo Pranzo Pasta o riso Grana Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Passato di verdure con pasta Grana Petto di pollo Patate lesse Olio di oliva 15 Pane Pesce Affettato magro 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini

12 Colazione Dieta ipocalorica equilibrata Kcal 1600 Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero Pane 50 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The Pranzo Caffè d orzo Pasta o riso 70 Gnocchi Pasticcio Grana Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Frittata Verdura Olio di oliva 10 Pane 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 12 The Caffè d'orzo Cena Minestrina in brodo con pasta Grana Petto di pollo Passato di verdure Pesce 180 Affettato magro 80 Verdura Patate lesse Olio di oliva 15 Purea di frutta Frutta cotta Pane 25 Grissini 12

13 CARATTERISTICHE: Programma di terapia dietetica in cui è sensibilmente ridotto l apporto di lipidi e quindi è una dieta non equilibrata. La dieta prevede una scelta attenta degli alimenti da utilizzare: con l esclusione e/o un uso saltuario di quelli che contengono già una percentuale lipidica elevata (come alcuni tipi di carne, formaggi ed affettati) ed una minor aggiunta di grassi di condimento durante la fase di cottura e preparazione. L appetibilità viene ottenuta variando gli alimenti, utilizzando modalità di cottura ed un uso di spezie. Dieta ipolipidica Kcal 0 Alimenti gr Alternative settimanali gr

14 Colazione Latte ps Yogurt magro 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 70 Riso 70 Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Pane comune 25 The zuccherato Purea di frutta Cena Minestrina in brodo con pasta 30 Grana 5 Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Petto di pollo 120 Prosciutto cotto o crudo 80 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 10 Purea di frutta Frutta cotta Pane comune 25 Grissini 12

15 CARATTERISTICHE: questo tipo di dieta è caratterizzata dal contenuto modesto in fibra alimentare. Mentre una dieta fisiologica equilibrata dovrebbe apportare almeno gr di fibra al giorno, con le indicazioni per questo tipo di regime alimentare si raggiungono al massimo gr di fibra al giorno. Frutta e verdura pertanto sono quasi completamente escluse e vengono spesso utilizzate in sostituzione patate e loro derivati, come il purè. La variabilità della dieta seppur ridotta è comunque garantita se il piano alimentare che si intende adottare considera vari tipi di preparazioni dei contorni, talvolta arricchendoli con altri ingredienti, talvolta presentando piatti semplici e poco elaborati utilizzando vari tipi di cotture: lessatura, cottura al vapore, cottura in umido. Naturalmente dovranno essere sostituite anche tutte le preparazioni con verdure e tutti i passati o creme molto utilizzati a cena in ambito ospedaliero. Ovviamente da un punto di vista nutrizionale, dal momento che una dieta di questo tipo può essere carente in alcune vitamine idrosolubili, sarà corretto valutare per quanto tempo essa debba essere protratta. Prescrivere un regime dietetico non equilibrato equivale a prescrivere una terapia farmacologica, andranno previsti e monitorizzati eventuali effetti collaterali: per la Dieta a Basso Residuo, nel caso di una sua prescrizione per tempi prolungati si

16 dovranno valutare le indicazioni a prescrivere anche integrazioni sia per i liquidi introdotti in minor quantità, che per vitamine e minerali mancanti e/o carenti.

17 Dieta normocalorica a basso residuo (gr 10 FA) Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt 125 Fette biscottate 15 Pane comune 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Pranzo Pasta 90 Riso Grana 5 Carne bianca o rossa 120 Patate lesse Olio di oliva 15 Grissini 24 The Grissini Zucchero Cena Pasta o riso 60 Grana 5 Formaggio Pesce Uova Affettato magro 90 Nr 2 80 Caffè d orzo Carne bianca o rossa Pesce Affettato magro Patate lesse Purè Olio di oliva 15 Grissini

18 CARATTERISTICHE: questo tipo di regimi alimentari sono caratterizzati da un ridotto contenuto di proteine. Nel nostro Prontuario Dietologico vengono presentate due formulazioni rispettivamente con un contenuto di 40 gr di proteine nella prima fino a raggiungere i 50 gr nella seconda, ricorrendo all ausilio di prodotti dietetici aproteici. Nella 2^ formulazione sono stati utilizzati gli alimenti naturali il più possibile, riducendo i prodotti ad alto contenuto proteico come la carne e i formaggi soprattutto nelle quantità cercando di rispettare le assunzioni come da menù standard. Per assicurare infatti l'assunzione di Kcal, risulta impossibile operare diversamente qualora si voglia assicurare un alimentazione equa e non drasticamente limitata. Agendo sull'alternanza dei prodotti e su una equilibrata combinazione con i prodotti aproteici, come l'utilizzo delle fette tostate iproteiche quando vi è assunzione di pasta normale, si assicura la variabilità della dieta ed anche una buona appetibilità. Ovviamente si è dovuto diminuire il più possibile i quantitativi dei secondi piatti per assicurare quanto sopra descritto. Restano comunque ben rappresentati i prodotti di origine vegetale e la frutta. Prescrivere un regime dietetico non equilibrato equivale a prescrivere una terapia farmacologica, devono essere previsti e monitorizzati eventuali effetti collaterali: con una restrizione proteica intensa (< /=40 gr die) si crea un regime dietetico

19 carente in alcuni nutrienti che devono essere integrati se il trattamento dietoterapico non è di breve durata (calcio e ferro, ecc). Se nella preparazione della dieta non viene aggiunto sale da cucina, la dieta risulta ipoproteica e iposodica.

20 Dieta ipoproteica 40 gr di Proteine Kcal 1900 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione The zuccherato Fette tostate ipoproteiche 25 Marmellata 25 Miele 25 The zuccherato Fette tostate ipoproteiche Pranzo 25 Caffè d orzo Pasta 70 Riso 70 Verdura Olio di oliva 25 Fette tostate ipoproteiche The zuccherato Fette tostate ipoproteiche Marmellata o miele Purea di frutta Frutta cotta Cena Minestrina in brodo con pasta aproteica 40 Crema di verdure Carne bianca o rossa Verdura Olio di oliva 10 Fette tostate ipoproteiche 25 Pesce Frittata Prosciutto cotto o crudo Purea di frutta Frutta cotta 80 70

21 Dieta ipoproteica gr 50 di Proteine Kcal 1900 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione The Fette biscottate 15 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 20 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta 70 Riso 70 Verdura Patate lesse o al forno Olio di oliva 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 36 The zuccherato Fette biscottate Marmellata Cena Minestrina in brodo con pasta aproteica 30 Crema di verdure e patate Carne bianca o rossa Frittata 80 Prosciutto cotto o crudo 70 Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 25 Purea di frutta Frutta cotta Grissini 24

22 CARATTERISTICHE: semiliquida è un temine generico che verrà utilizzato in questo contesto per indicare un tipo di alimentazione di consistenza tenera al palato e al tatto per facilitarne la assunzione in persone che presentano difficoltà ad assumere alimenti con consistenza abituale. La Dieta ha caratteristiche Nutrizionali di composizione che la rendono una Dieta Equilibrata Per ottenere la suddetta consistenza si dovranno utilizzare alimenti teneri per loro natura e qualora ciò non fosse possibile si potrà ricorrere all ausilio di frullati per somministrare determinati tipi di alimenti. L obiettivo è quello di fornire alla persona che deve seguire questo regime per molto tempo, una dieta il più possibile vicina e simile a quella che viene servita agli altri utenti, cercando di conferire gusti e sapori gradevoli anche con i limiti che essa impone. Sarà molto utile l utilizzo di prodotti per la colazione solubili nel latte (biscotti friabili, pane molto tenero). I pasti principali potranno essere sostituiti o con i menù standard frullati o da gnocchi di patate conditi con lo stesso sugo, alternando con semolini e creme di riso. Sono molto utili gli omogeneizzati di carne per il secondo piatto, le uova in frittata e strapazzate, e i formaggi molto teneri come per esempio la ricotta. Verdure cotte tritate e patate lessate sono ottime per arricchire e colorare un pasto senza doversi

23 troppo allontanare da un alimentazione normale. Tutti i passati, le creme, e i minestroni frullati possono essere tranquillamente assunti. Adottando questi alimenti e adattandoli al menù standard proposto è possibile ottenere un alimentazione variata e appetibile e ricca in tutti i principi nutritivi.

24 Dieta equilibrata semiliquida tritata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Marmellata 50 Miele 50 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Caffè d orzo Frutta cotta Banana Budino Pranzo Pasta micron 40 Grana 10 Carne bianca o rossa tritata 120 Pesce tritato Verdura tritata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti solubili Succo di frutta Cena Pasta micron 40 Grana Passata di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta

25 Dieta equilibrata semiliquida tritata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti 30 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Pranzo Caffè d orzo Budino Frutta cotta Banana Pasta micron 30 Grana 5 Carne bianca o rossa tritata 120 Pesce tritato Verdura tritata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti Succo di frutta Cena Pasta micron 30 Grana 5 30 Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 10 Frutta cotta Purea di frutta

26 Dieta equilibrata semiliquida frullata Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Passata di frutta Pranzo Budino Frutta cotta Banana Pasta micron 40 Grana 10 Carne bianca o rossa frullata 120 Pesce frullato Verdura frullata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti Succo di frutta Cena Pasta micron 40 Grana Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse o al forno Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta

27 Dieta equilibrata semiliquida frullata Kcal 1800 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Biscotti solubili 30 Fette biscottate 30 Zucchero 10 The zuccherato Passata di mele Pranzo Caffè d orzo Budino Banana Frutta cotta Pasta micron 30 Grana 5 Carne bianca o rossa frullata 120 Pesce frullato Verdura frullata Patate lesse Olio di oliva 15 Frutta cotta Purea di frutta The zuccherato Biscotti solubili Succo di frutta Cena Pasta micron 30 Grana 5 30 Purea di frutta Crema di verdure e patate Zuppa (legumi o verdure) Formaggio fresco Frittata Purè Patate lesse Olio di oliva 10 Frutta cotta Purea di frutta

28 CARATTERISTICHE:, questo tipo d alimentazione prevederà la somministrazione di un certo tipo di alimenti particolarmente appetibili che non vengono presi in considerazione nell alimentazione dell adulto. Quindi saranno spesso rappresentati alimenti prediletti da questa categoria di utenti come ad esempio le patate sia sotto forma di contorni (al forno, prezzemolate, in umido, purea) sia nella preparazione di piatti unici come sformati di patate, con l obbiettivo di poter offrire un alternativa all assunzione della verdura spesso difficilmente assunta. Per ciò che riguarda le verdura si cercherà di lasciare spazio ad alimenti semplici in preparazioni appetibili come i piselli o le carote o le zucchine gratinate in modo tale da presentare il piatto nel miglior modo possibile cercando di catturare la curiosità del bambino e di stimolarne l appetito. I secondi piatti saranno a volte rappresentati da affettati magri come il prosciutto cotto e il prosciutto crudo per garantire un alternativa ad alcune preparazioni di carne spesso rifiutate dai bambini. Nel pasto serale inoltre sarà possibile scegliere pasta asciutta e riso in sostituzione dei minestroni e delle zuppe. Vengono invece lasciate le creme di verdure più apprezzate per la loro omogeneità e consistenza. La pizza come secondo piatto potrà essere proposta o a pranzo o a cena 1 o 2 volte alla settimana. Inoltre sarà disponibile per il reparto di pediatria una scelta di omogeneizzati alla frutta e alla carne, biscotti per l infanzia, semolini, creme di riso, farine lattee etc per far fronte alle problematiche di tutte le fasce di età.

29 Colazione Dieta equilibrata per età evolutiva Età 1 2 anni Kcal 1 Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero 125 Pane comune 25 Biscotti 30 Fette biscottate 15 Brioche 40 Zucchero 5 Fette biscottate o grissini 30 Pranzo Pasta 40 Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 30 Sugo di carne 30 grana 5 Affettato magro 40 Carne 60 Frittata di verdure 60 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 30 Fette biscottate o grissini 30 Latte p.s. Orzo Zucchero Cena Brodo vegetale Pasta Grana Formaggio 40 Verdura Olio di oliva 10 Pane comune Yogurt da latte intero 125 Creme di verdure Affettato magro Carne Frittata Pesce Patate lesse o al forno Legumi freschi Fette biscottate o grissini 30

30 Dieta equilibrata per età evolutiva Età 3 6 anni Kcal 0 Colazione Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte p.s. Yogurt intero 125 Biscotti 30 Fette biscottate 15 Pane 25 Marmellata 25 Brioche 40 Zucchero 10 Pranzo Pasta 50 Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 30 Sugo di carne 30 grana 5 Affettato magro 60 Carne 70 Frittata di verdure 70 Pesce azzurro Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 25 Grissini 12 Fette biscottate Cena Brodo vegetale Pasta Grana Formaggio stracchino 50 Verdura Budino Creme di verdure Riso Affettato magro Carne Frittata Pesce Patate lesse o al forno Legumi freschi Olio di oliva 15 Pane comune 25 Grissini

31 Colazione Latte intero Dieta equilibrata per età evolutiva Età 7 10 anni Kcal 0 Fette biscottate Marmellata Alimenti gr Alternative settimanali gr Zucchero 10 Pranzo Pasta 60 Yogurt intero 125 Biscotti Pane comune Brioche Frutta passata Budino Riso Gnocchi Sugo di pomodoro 40 Sugo di carne 40 grana 5 Pesce Carne bianca o rossa Frittata 80 Affettato magro 70 Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 50 Grissini 24 The zuccherato Fette biscottate Marmellata Cena Minestrina in brodo Pasta Grana Creme di verdure Riso Formaggio Stracchino 70 Purè Olio di oliva 15 Pane comune 50 Carne Frittata Pesce Verdura Legumi freschi Grissini Purea di mele 80 24

32 Dieta equilibrata per età evolutiva Età anni Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte p.s. Fette biscottate 15 Marmellata 50 Zucchero 10 Fette biscottate 15 Pranzo Pasta 70 Yogurt alla frutta 125 Pane comune Brioche Frutta passata Riso Gnocchi 70 Sugo di pomodoro 50 Sugo di carne 40 grana 5 Pesce Carne bianca o rossa 120 Frittata Affettato magro 70 Verdura Patate lesse o al forno Purè di patate Olio di oliva 10 Pane comune 50 Grissini 24 The zuccherato Fette biscottate Cena Minestrina in brodo Pasta Grana 5 15 Budino Formaggio Stracchino Patate lesse Creme di verdure Riso Carne Frittata Pesce Purè Legumi freschi Olio di oliva 15 Pane comune 50 Grissini

33 CARATTERISTICHE: gli alimenti che compongono questa dieta non differiscono di molto dalla dieta fisiologica equilibrata in quanto la maggior parte del sodio introdotto con l alimentazione deriva dall aggiunta del sale da cucina e del glutammato monosodico utilizzato per le preparazioni culinarie. Sarà pertanto sufficiente evitare la loro aggiunta negli alimenti cercando di sostituirne il sapore, a cui la maggior parte delle persone sono abituate, con un maggior utilizzo di spezie aromatiche. Esistono, tuttavia, alimenti che presentano un elevato tenore di sodio o che prevedono l aggiunta di sodio in elevata quantità nei processi di conservazione: ne sono esempio i formaggi medio-stagionati e molto stagionati, e in linea generale tutti gli insaccati. Considerando che una dieta moderatamente iposodica prevede un contenuto massimo di sale da cucina (cloruro di sodio) di circa 4 gr, questi accorgimenti risultano adeguati ad ottenere tale restrizione. Una dieta fisiologica equilibrata senza aggiunta di sale apporta infatti circa 3,25 g di sale da cucina o 1,5 gr di sodio al giorno (1.5 g di sale da cucina equivale a 1 g di sodio). Quindi nella formulazione che segue ci si troverà di fronte ad una normale dieta fisiologica in cui è stata ridotta al minimo possibile la quota di formaggi e affettati. Tali accorgimenti consentono di attuare un regime iposodico senza compromettere troppo l appetibilità della dieta. La presenza nel regime dietetico di latticini, scegliendoli tra quelli a minore tenore sodico, consente inoltre di somministrare adeguate quote di calcio di cui questi alimenti sono i principali fornitori.

34

35 Dieta iposodica Kcal 2 Alimenti gr Alternative settimanali gr Colazione Latte ps Yogurt intero 125 Pane comune 50 Fette biscottate 30 Marmellata 25 Miele 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta s/s 90 Riso s/s 90 Gnocchi s/s Grana 5 Sugo di pomodoro s/s 60 Sugo di carne s/s 80 Carne s/s 120 Pesce azzurro s/s Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune 50 The zuccherato Caffè d orzo Cena Pasta s/s Grana 60 Formaggio Stracchino 5 Creme di verdure s/s Zuppa s/s Carne s/s Frittata s/s Pesce Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune

36 Dieta equilibrata iposodica Kcal 1900 Colazione Alimenti gr Alternative settimanali gr Latte ps Yogurt intero 125 Fette biscottate 15 Pane comune 25 Zucchero 10 The zuccherato Caffè d orzo Pranzo Pasta s/s Grana 90 5 Riso s/s Gnocchi s/ Sugo di pomodoro s/s 60 Sugo di carne s/s 80 Carne s/s 120 Pesce azzurro s/s Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 10 Purea di frutta Pane comune 50 The zuccherato Caffè d orzo Cena Minestrone con pasta s/s Grana 30 5 Creme di verdure s/s Zuppa s/s Tortellini in brodo s/s Formaggio Stracchino Carne s/s 120 Frittata s/s Verdura s/s Patate s/s Olio di oliva 15 Purea di frutta Pane comune

37 CARATTERISTICHE: questo tipo di piano terapeutico nutrizionale nasce dall esigenza di ripristinare l alimentazione orale nel paziente che sia stato costretto per la sua malattia ad un digiuno protratto. L obiettivo è un graduale adattamento alla alimentazione orale per permettergli, nell arco di un tempo congruo, di ritornare a seguire un regime dietetico fisiologico equilibrato. Per questi motivi si inizia il regime alimentare somministrando per 2 o 3 giorni una dieta da Kcal al massimo in cui vi sono solamente alimenti di semplice preparazione ed basso contenuto lipidico e proteico come le fette biscottate e il semolino, il the amaro e un po di parmigiano.vengono esclusi per tutto il recupero alimenti contenenti lattosio in modo da evitare una precoce insorgenza di diarrea che potrebbe costringere la sospensione della dieta allungando i tempi di recupero. A partire dal quarto giorno vengono aumentate le dosi degli alimenti sopra elencati e viene aggiunta una piccola quantità di secondo rappresentato a pranzo da carne macinata tenera e a cena da un piccolo pezzo di grana. In questo modo si copre non solo il fabbisogno glucidico ma anche quello proteico fornendo alimenti con alto valore biologico e al contempo semplici nelle preparazioni, di facile masticazione, appetibili e facilmente digeribili. Vengono raggiunte così circa le Kcal. Già nel 4 e 5 giorno è possibile sostituire il semolino con del riso in bianco o della pasta bianca. Infine si raggiungono oltre il 5 giorno le 0 Kcal circa introducendo alimenti

38 sempre più vicini ad un alimentazione spontanea normale. È consentito l uso di condimenti per i primi piatti come piccole porzioni di sugo di pomodoro, l utilizzo delle patate lessate e il pasto si completa con secondi un po più consistenti in cui è possibile assumere anche carne bianca ai ferri, o pesce azzurro lessato. Quello che è utile notare è che per tutto il periodo della rialimentazione che può durare anche più di una settimana, non solo la dieta si presenta a basso residuo, poiché le fibre alimentari sono introdotte per ultime, ma la dieta è anche priva di lattosio. In questo modo ci si assicura per tutto il tempo in cui viene effettuata di evitare l insorgenza di alcune complicanze spiacevoli e si consente un miglior recupero dell autonomia di alimentazione.

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere.

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere. free.salute Alimentazione Benessere Una guida per più gusto e benessere. Latte & Co. Quando il malessere nasce a tavola. Cucinare senza lattosio. Menu leggero di 3 portate. Abitudini alimentari e tendenze.

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

ASI. 0-3 anni XX MUNICIPIO ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ E SERVIZI CULTURALI, SPORT, POLITICHE SCOLASTICHE. www.scuoleventesimo.it

ASI. 0-3 anni XX MUNICIPIO ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ E SERVIZI CULTURALI, SPORT, POLITICHE SCOLASTICHE. www.scuoleventesimo.it Gli Asili Nido del XX Municipio 0-3 anni ASI LO NI DO www.scuoleventesimo.it XX MUNICIPIO ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ E SERVIZI CULTURALI, SPORT, POLITICHE SCOLASTICHE DIPARTIMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Questo opuscolo è per chi vuole imparare a cucinare piatti vegan, vale a dire 100% vegetali: spiega in dettaglio quali sono gli

Dettagli

Conoscere la radioterapia

Conoscere la radioterapia Conoscere la radioterapia Come orientarsi durante il trattamento radiante Un particolare ringraziamento al Dott. Gino Miniaci che per primo ha avuto l idea di questa guida. A cura di: Enza Barbieri Feisal

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario CUCINARE SUPERFACILE cucinaresuperfacile.com BioStory: Il mio nome è Antonella. Sono fatta di esperienza e buonsenso, voglia di vivere e tenacia, il buon cibo è la mia

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara Prologo Se vi domandate il perchè di questo mio curioso documento è presto detto: il 17 Gennaio è stato festeggiato il Carbonara Day. Quel giorno tutti i ristoranti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli