RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA FINALE"

Transcript

1 . UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA - VITERBO DIPARTIMENTO DI PRODUZIONI ANIMALI PROGRAMMA DI RICERCA AGRICOLA, AGROAMBIENTALE, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIALE DEL LAZIO (PRAL) Area tematica 8.1: Qualità della vita e gestione delle risorse del vivente TITOLO DEL PROGETTO: MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA IGIENICO SANITARIA DEL LATTE BUFALINO, OVINO E CAPRINO (COD. 2003/57) RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA FINALE Coordinamento: Prof. Bruno Ronchi (Dip. Di Produzioni Animali Universita della Tuscia) - VITERBO 6 dicembre

2 INDICE 1. PREMESSE VALUTAZIONE DELLO STATO IGIENICO SANITARIO DELLA MAMMELLA E CARATTERISTICHE REOLOGICHE DEL LATTE OVINO E CAPRINO Introduzione Studio epidemiologico: contenuto in cellule somatiche nel latte di massa ovino e caprino PREMESSE MATERIALI E METODI RISULTATI CONCLUSIONI Studio sperimentale: qualità igienico sanitaria del latte caprino PREMESSE MATERIALI E METODI RISULTATI CONCLUSIONI Studio sperimentale: qualità igienico sanitaria del latte ovino PREMESSE MATERIALI E METODI RISULTATI CONCLUSIONI ANALISI DELLE FRAZIONI CASEINICHE DEL LATTE OVINO Premesse Il latte ovino Metodi cromatografici per l analisi delle proteine del latte Materiali e metodi Campionamento Metodo RP-HPLC per le caseine del latte di pecora Metodo per la produzione della γ-caseina Risultati e discussioni VALUTAZIONE DELLA QUALITA DEL LATTE DI BUFALA Messa a punto conta differenziata cellule somatiche Metodo conta differenziata cellule somatiche Analisi di qualità del latte bufalino Materiali e metodi Risultati Conclusioni Analisi genetica RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI... 75

3 1. PREMESSE Il presente elaborato costituisce relazione finale del programma di ricerca denominato MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA IGIENICO SANITARIA DEL LATTE BUFALINO, OVINO E CAPRINO e riporta nel dettaglio, per ogni unità operativa, i risultati ottenuti durante l implementazione del programma idi cerca. Conformente ai presupposti proggettuali ed ai possibili risultati, in termini di vantaggi per gli operatori del sistema agricolo laziale e per la collettività, da ottenersi mediante l attuazione del programma medesimo, le azioni elencate nel seguito, ed i risultati ottenuti, sono stati inquadrati al fine di: - mettere a punto metodiche analitiche ed ottimizzare gli strumenti utilizzati presso i laboratori per la determinazione delle cellule somatiche per l ottenimento di risultati di prova accurati nell applicazione al settore dell allevamento ovi-caprino; - individuare parametri che permettono di effettuare una diagnosi accurata dello stato sanitario della mammella al fine di ridurre l incidenza della mastite nelle specie animali considerate e di mettere in atto interventi appropriati con l utilizzazione mirata e limitata di farmaci; - fornire dati di tipo genetico utili per avviare piani di selezione al fine di migliorare le capacità d adattamento del bestiame allevato e ridurre l impiego di trattamenti terapeutici, anche per le esigenze dell allevamento di tipo biologico. Nel complesso, lo studio ed i relativi risultati nel seguito descritti, potranno consentire il miglioramento della sostenibilità economica dei sistemi di allevamento di grande interesse per la Regione Lazio quali quelli del bufalo, della pecora e della capra, oltre che della qualità igienico-sanitaria del latte prodotto e destinato ai diversi tipi di trasformazione. 3

4 2. VALUTAZIONE DELLO STATO IGIENICO SANITARIO DELLA MAMMELLA E CARATTERISTICHE REOLOGICHE DEL LATTE OVINO E CAPRINO 2.1. Introduzione Il parametro cellule somatiche rappresenta uno dei sistemi di valutazione qualitativa del prodotto latte, sebbene per quel che riguarda il comparto ovi-caprino, attualmente, non esista un livello di cellule somatiche con valenza di requisito. Il contenuto in cellule somatiche (CCS) nel latte di massa dei piccoli ruminanti frequentemente è superiore a 10 6 /ml, come evidenziato in un recente volto alla definizione del valore soglia nazionale di cellule somatiche nel latte di massa caprino e ovino (Rosati et al., 2004). Le mastiti subcliniche rappresentano il principale fattore di incremento del CCS e sono sostenute prevalentemente da Stafilococchi Coagulasi Negativi (SCN), Streptococcus spp. (non emolitici, S. uberis), Enterococcus spp., Escherichia coli ed altri enterobatteri quali Corynebacterium spp., Mannheimia haemolytica e Pseudomonas spp. Una modesta percentuale dei patogeni isolati da casi di mastite subclinica è rappresentata da Staphylococcus aureus, che ha rilevanza per la sicurezza alimentare essendo responsabile di forme di tossinfezione alimentare. La risposta cellulare nelle mastiti subcliniche dei piccoli ruminanti è più intensa rispetto al bovino, soprattutto nelle infezioni da SCN, con valori prossimi a 1, /ml. Nella pecora, il CCS è un efficace parametro di valutazione dello stato sanitario della mammella. Nella capra la causa principale di variazione del CCS è rappresentata dalle infezioni intramammarie, sebbene sia riconosciuto che variazioni riconducibili anche a fattori fisiologici, incidono sulla sua efficienza quale indicatore sanitario. In generale, l efficacia del CCS quale parametro diagnostico è spesso in discussione anche per le possibili difficoltà applicative. La relazione che segue esporrà i risultati ottenuti relativi all attività svolta dal Centro Latte dell IZS nell ambito del progetto di ricerca miglioramento della qualità igienico-sanitaria del latte bufalino, ovino e caprino. Parte dell attività, secondo gli obiettivi generali del piano, è stata svolta in collaborazione con il Dipartimento di Produzioni Animali della Facoltà di Agraria dell Universitò degli Studi della Tuscia di Viterbo. 4

5 Il progetto di ricerca è stato articolato in una parte epidemiologica e una parte sperimentale. Lo studio epidemiologico è stato condotto su 400 allevamenti ovini da latte e 35 allevamenti caprini da latte distribuiti nelle province di Latina, Frosinone, Roma, Rieti e Viterbo con l obiettivo di determinare il contenuto in cellule somatiche (CCS) nel di latte massa. Lo studio sperimentale è stato realizzato in due allevamenti, uno di pecore da latte ed un altro di capre da latte, con l obiettivo di valutare i seguenti aspetti: Individuazione degli indicatori idonei a diagnosticare precocemente le mastiti nella pecora e nella capra. Valutazione dei parametri produttivi e delle caratteristiche chimico-fisiche e tecnologiche del latte ovino e caprino in relazione al contenuto in cellule somatiche. Studio delle relazioni esistenti tra il contenuto in cellule somatiche e lo stato sanitario della ghiandola mammaria. Caratterizzazione delle cellule somatiche (per la specie caprina). Definizione di valori di riferimento di cellule somatiche nel latte di capra e di pecora Studio epidemiologico: contenuto in cellule somatiche nel latte di massa ovino e caprino PREMESSE La Direttiva CE 92/46, normativa verticale comunitaria, indicava i limiti per i parametri chimico-fisici e igienico-sanitari, per il latte crudo delle specie bovina, ovina, caprina e bufalina. Tale norma, recepita in Italia con il D.P.R. n 54 del 14 gennaio 1997 Regolamento recante attuazione delle Direttive 92/46 e 92/47/CEE in materia di produzione e immissione sul mercato di latte e di prodotti a base di latte, tuttavia non individua alcun valore soglia per il contenuto in cellule somatiche per il prodotto da pecore, capre e bufale e destinato al consumo umano. 5

6 La Direttiva CE 92/46 prevedeva che le norme riguardanti il contenuto in cellule somatiche, nel latte ovino e caprino, sarebbero state fissate a partire dal 1 gennaio del 1998 mediante studi tendenti ad individuare il valore soglia nel latte crudo di massa. Il Comitato Scientifico del Simposio Internazionale Cellule somatiche e qualità del latte dei piccoli ruminanti, tenutosi nel 1994 a Bella (Pz), ha proposto come obiettivo a termine, un valore soglia unico per i piccoli ruminanti pari a cell./ml. Gli studi condotti nel nostro Paese sono stati effettuati su realtà territorialmente definite, che proprio per l estrema variabilità del latte sotto il profilo del contenuto in cellule somatiche, hanno portato fino ad oggi ad individuare valori di riferimento molto eterogenei. Caria et al. (2000) hanno condotto alcuni studi regionali per individuare il contenuto medio in cellule somatiche nel latte ovino di massa; nella tabella che segue (Tab. 1) vengono riportati i risultati di quel lavoro. Tabella 1 - Valori medi del contenuto in cellule somatiche del latte ovino di massa in alcune regioni italiane. Da: Caria et al., 2000 REGIONE CELLULE SOMATICHE (cell./ml) Sardegna Lazio Toscana Sicilia Marche Basilicata Calabria Per la valutazione delle cellule somatiche nel latte di capra, Aleandri et al. (1993) e Rosati et al. (1995; 1998), in riferimento a studi condotti su allevamenti intensivi di capre di razza Saanen ed Alpine, hanno dimostrato l importanza dei fattori di allevamento nell incremento delle cellule somatiche. Con un progetto di ricerca (Rosati et al., 2000) a cui hanno partecipato le regioni Lazio, Toscana, Sicilia e Sardegna, territori nei quali viene allevato oltre l 80% del patrimonio 6

7 ovino nazionale (FAOSTAT, 2003), è stato determinato il valore medio delle cellule somatiche nel campione di latte di massa che è risultato pari a cell./ml come media aritmetica e a cell./ml come media geometrica. Nello stesso lavoro è stato anche determinato il valore discriminante delle cellule somatiche tra mammelle sane ed affette da mastite che è risultato di cell./ml, molto più basso rispetto a valori riscontrati nei campioni del latte di massa. Sulla scorta di tali informazioni, appare evidente quindi l elevata diffusione delle mastiti negli allevamenti ovini, ed in particolare delle mastiti subcliniche, come dimostrato da numerosi studi a livello nazionale ed internazionale MATERIALI E METODI Negli anni sono stato monitorati campioni di latte di massa provenienti da 425 allevamenti ovini e 5 allevamenti caprini dislocati nelle province di Roma, Viterbo e Latina. Durante il corso di due lattazioni sono stati analizzati in totale 2291 campioni di latte di massa ovino e 46 campioni di latte di massa caprino rappresentativi, in media, di 4 mungiture. I campioni di latte, addizionati di Bronopol (0,03% nel latte), sono stati analizzati entro ore dal prelievo per il contenuto in cellule somatiche mediante metodo opto-fluorometrico (Fossomatic 5000) RISULTATI Ovini Nel presente studio, durante il primo anno, il valore medio più basso è stato registrato ad aprile ( cell./ml) mentre il valore massimo a giugno ( cell./ml). Nel secondo anno tale parametro ha oscillato tra cell./ml e cell./ml, valori riscontrati rispettivamente nei mesi di novembre 2005 e settembre 2006 (Fig. 1). 7

8 gen- feb- m apr- m ar- 05 ag giu- lug-. n dic- gen- feb- m ov ar apr- m giu- lug- set- C.S. med. Arit. 06 ag C.S. med.geo. 06 Figura 1 - Andamento del valore medio delle cellule somatiche per il periodo 2005/2006 Dividendo i campioni di latte in classi in base al contenuto in cellule somatiche (Fig. 2), il 48,23% dei campioni è risultato compreso tra cell./ml e cell./ml e il 30,25% si colloca nella classe oltre cell./ml. Solo il 4,9% dei campioni ha fatto registrare valori inferiori a cell./ml. 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00 < >2000 % camp. CS 4,89 22,96 25,27 16,67 30,25 Figura 2. Distribuzione dei campioni di latte in base alle classi di contenuto in cellule somatiche nel periodo 2005/2006. Distribuendo il totale dei campioni, in base ai valori determinati per il latte di massa da Rosati et al. (2004) risulta che il 51,9% ed il 64,6% di questi, rispettivamente per la media aritmetica e per la media geometrica, supera questi limiti (Fig. 3). Considerando il totale dei campioni analizzati in tutto il periodo di studio, emerge un valore di cellule somatiche pari a 1, cel./ml, espresso come media geometrica, e di cell./ml, espresso come media aritmetica. 8

9 % ca mp ion i ,6 48,1 51,9 35,4 <=1133 >1133 <=1389 >1389 Medie Figura 3. Distribuzione dei campioni in base ai valori medi di riferimento di cellule somatiche Caprini Per le cinque aziende oggetto di studio, è emersa una media geometrica pari a cell./ml e una media aritmetica pari a cell./ml (Tab. 2). Tabella 2 - Valori medi di cellule somatiche per il latte carpino di massa delle aziende considerate (cell. x 10 3 /ml) N aziende N Campioni Media Geometrica M. Aritmetica ± D.S ±988 Nella Figura 4 è riportato l andamento medio mensile delle cellule somatiche durante l intera lattazione oggetto di studio. I valori più elevati si sono evidenziati all inizio ed alla fine della lattazione rispettivamente con cell./ml in gennaio e con cell./ml nel mese di settembre. Il valore più basso, pari a cell./ml, si è registrato nel mese di luglio. 9

10 Figura 4. Andamento medio mensile delle Cellule Somatiche Cellule Somatiche (x1000 /ml) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Media Geometrica Figura 4 - Andamento del valore medio (media geometrica) delle cellule somatiche nel latte caprino di massa per il periodo 2005/ CONCLUSIONI Il valore medio del contenuto di cellule somatiche nel latte di massa ovino è risultato pari a cell./ml (media geometrica) e di cell./ml (media aritmetica). In accordo con quanto asserito nella letteratura consultata, sono stati evidenziati valori più elevati di cellule somatiche nelle fasi iniziali ed in quelle finali della lattazione. Per quanto riguarda l allevamento caprino, è stato ottenuto un valore medio di cellule somatiche nel latte di massa pari a cell./ml, considerando la media geometrica, e cell./ml. espresso come media aritmetica. Anche per l allevamento caprino nella fase iniziale e finale di lattazione si osserva un incremento del contenuto cellulare. Malgrado l esiguità del campione considerato i valori ottenuti, sono risultati in linea con quanto altri precedenti lavori evidenziato. Il conteggio delle cellule somatiche nel latte di massa rappresenta anche per i piccoli ruminanti un valido ausilio per la valutazione e il monitoraggio dello stato sanitario del gregge. 10

11 2.3. Studio sperimentale: qualità igienico sanitaria del latte caprino PREMESSE Le problematiche relative all individuazione di un valore soglia di CCS nel latte di capra sono legate a diversi fattori non infettivi che contribuiscono a determinare un maggiore contenuto cellulare, fisiologico in questa specie, rispetto a quella bovina e ovina. La presenza di percentuali elevate di granulociti neutrofili polimorfonucleati nel latte di capra (45%-74%) suggerisce che la migrazione leucocitaria sia più sostenuta rispetto alle due specie di riferimento (2%-28%). La secrezione lattea nella capra è apocrina, e ciò conduce all eliminazione nel latte di elevate quantità di particelle citoplasmatiche che costituiscono, sul piano qualitativo, la principale specificità citologica. Questo ha creato notevoli problemi di natura metodologica ed interpretativa del conteggio cellulare. Fattori di variazione non infettivi (stadio di lattazione, estro, vaccinazioni) causano ulteriori difficoltà nell interpretazione corretta nel conteggio delle cellule somatiche MATERIALI E METODI La prova sperimentale è stata realizzata presso un allevamento, sito in Provincia di Viterbo, di circa 70 capre di razza Saanen al loro primo anno di attività. Gli animali sono allevati con sistema intensivo a stabulazione fissa in strutture coperte in muratura. L alimentazione è rappresentata da foraggi misti di produzione aziendale, concentrati (micronizzati misti, polpe di barbabietola, mangime composto integrato del commercio) integrazione minerale e vitaminica. Gli animali sono stati sottoposti con regolarità a interventi di profilassi vaccinale e antiparassitaria raccomandati per tale sistema di allevamento. La mungitura, eseguita due volte al giorno, è di tipo meccanico con impianto lineare a 12 posti a linea bassa; l impianto è controllato con regolarità dai tecnici del settore. Al termine delle operazioni di mungitura la sala e l impianto sono sottoposti a rigorose operazioni di pulizia e disinfezione. 11

12 Per lo studio, sono stati selezionati 30 soggetti e monitorati da aprile a luglio. I prelievi di latte sono stati effettuati ogni tre settimane per un totale di 5 controlli. Per ogni soggetto sono stati prelevati campioni di latte di massa individuale e di emimammelle. Per i campioni di latte individuale sono stati determinati i seguenti parametri: produzione, grasso, proteine, lattosio, residuo magro (RM), urea, caseina, ph, SH, cellule somatiche con metodo automatico e microscopico. Plasmina, plasminogeno e frazioni proteiche sono stati determinati dal Dipartimento di Produzioni Animali. Per i campioni di emimammelle sono stati eseguiti esami batteriologici per la ricerca di agenti mastidogeni e conteggio delle cellule somatiche con metodo automatico. Prelievo dei campioni Prima di procedere al prelievo ogni emimammella è stata pulita con garza sterile imbevuta di alcol etilico denaturato. Per i campioni di emimammelle, si è proceduto alla raccolta di circa 10 ml di latte, utilizzando contenitori sterili monouso, dopo l eliminazione dei primi getti di latte. Per i campioni di latte individuale sono stati utilizzati lattoprelevatori e registrate le produzioni. I campioni prelevati sempre durante la mungitura della mattina, sono stati trasportati in laboratorio entro le 4 ore dalla raccolta in contenitori refrigerati. Esame batteriologico L esame batteriologico è stato eseguito secondo quanto raccomandato dal National Mastitis Council (National Mastitis Council, 1987). Ciascun campione, in ragione di 10 µl, è stato seminato per strisciamento con ansa monouso calibrata su terreno Agar Sangue defibrinato sterile di montone al 5% (AS) e su terreno Edward s medium modified (EMM). I terreni sono stati incubati a 37 C in aerobiosi con lettura delle piastre dopo 24 e 48 ore. Grasso, proteine, lattosio, caseina, urea e punto crioscopico La determinazione del contenuto di grasso, proteine, lattosio, caseina, urea, punto crioscopico è eseguita con Milko Scan FT Lo strumento usa un sistema infrarosso compatto a singolo raggio basato sulla tecnica FTIR (Fourier Transform Infrared Spectroscopy). 12

13 Conteggio in automatico delle cellule somatiche Il conteggio delle cellule somatiche viene effettuato con Fossomatic 5000, mediante citometria di flusso. Le cellule somatiche, colorate con bromuro di etidio, sono inviate all interno della cella di flusso e sottoposte ad eccitazione luminosa. La luce fluorescente emessa è registrata e trasformata in valore numerico per 1000ml. Attitudine alla coagulazione del latte di pecora e di capra Il metodo lattodinamografico (Annibaldi et al., 1977; Zannoni & Annibaldi, 1981) permette la determinazione dell attitudine alla coagulazione presamica del latte intero crudo, mediante la determinazione di tre parametri lattodinamometrici che misurano: il tempo di coagulazione del latte, la velocità di formazione del coagulo, la consistenza del coagulo. I campioni di latte termostatati a 35 C vengono addizionati di caglio (200µl della soluzione consigliata secondo la specie) e posti nel modulo di registrazione per un tempo di 30 minuti. Come campione di riferimento è consigliato latte standard (FIL-IDF ) come prova in bianco, per controllare il titolo del caglio e come riferimento nelle letture lattodinamografiche. La metodica permette la determinazione dei seguenti parametri: r: tempo di coagulazione o durata della reazione primaria tra presame e caseina, espresso in minuti primi, visualizzato in verticale fino all aperture della forcella; k20: velocità di formazione del coagulo o tempo, espresso in minuti primi, che impiega la cagliata a raggiungere una resistenza meccanica tale da produrre uno spostamento di 20 mm. iniziare a misurare dall apertura della forcella di 1 mm fino a quando la stessa apertura raggiunge i 20 mm; a30: consistenza del coagulo a 30 minuti, espresso in mm, come misura dell ampiezza della forcella a 30 minuti dall introduzione del caglio. Determinazione del numero di cellule somatiche per microscopia Il principio del metodo si basa sulla colorazione differenziale di una quantità prefissata di latte distesa su vetrino. Il film colorato con Pyronin-Y Methyl-Green è osservato mediante 13

14 microscopio a 1000 ingrandimenti. Tale colorazione permette di distinguere le cellule somatiche dai frammenti citoplasmatici per la specificità del Verde- Metile nei confronti del DNA cellulare. Il nucleo delle cellule somatiche appare di colore verde-bluastro, mentre i frammenti citoplasmatici assumono il colore rosso della Pyronin-Y. Nella lettura dei vetrini vanno contate solo le cellule con un nucleo colorato in verde-bluastro, ben identificabile e integro. Per i polimorfonucleati sono contate solo cellule che presentano due o più lobi. Per la parte di preparazione del vetrino, determinazione del campo microscopico, metodo di conteggio, calcolo del numero in cellule, si fa riferimento alla Gazzetta Ufficiale del 16/04/1992 n.90 Attuazione della decisione n.91/180/cee concernente la fissazione di metodi di analisi e prova relativi al latte crudo e al latte trattato termicamente-. Per quanto riguarda le modalità di colorazione e lettura microscopica si fa riferimento alla Food and Drug Administration : Direct Microscopic Somatic Cell Count (FDA 2400d) RISULTATI Caratterizzazione del contenuto in cellule somatiche mediante lettura microscopica Nella caratterizzazione del contenuto in cellule somatiche, i leucociti polimorfonucleati (PMN) rappresentano la componente maggiore in tutti i controlli, oscillando dal 73 all 85% (Tab. 3). Tabella 3 - Medie stimate delle componenti cellulari durante l arco della sperimentazione. Controllo CCS x10³/ml PMN x10³/ml % Linf/macr x10³/ml % Residui Citoplasm. x10³/ml % 77 21% % 97 15% % % % 90 25% % % 680 Medie totali % %

15 Considerazione le classi di ampiezza di CCS superiore ad 10 6 cell./ml e inferiore a 10 6 cell./ml la percentuale di PMN tende ad aumentare nella classe di CCS maggiore a 10 6 cell./ml. La presenza in quest ultima classe di soggetti con infezioni intramammaria può spiegare questo incremento poiché nelle emimammelle infette si ha un notevole richiamo di PMN dal circolo ematico in sede mammaria. Conseguentemente la percentuale di linfociti e macrofagi, che in questo studio sono stati considerati globalmente, tendono a diminuire nella classe di CCS maggiore a 10 6 cell./ml. Tabella 4 - Medie stimate delle componenti cellulari suddivise nelle due classi di ampiezza (< ; > ) CCSc CCs x10³ /ml PMF x10³ /ml % Linf./macrof x10³/ml % Residui citoplasmatici x10³/ml % < ~doppio > Dalla Tab. 4 si può osservare come i residui citoplasmatici (di colore fucsia)(figura 5), che costituiscono una specificità fisiologica di questa specie, sono maggiormente presenti nella classe di CSS inferiore a 10 6 cell./ml. Infatti, in quest ultima classe rappresentano circa il doppio del contenuto totale, mentre nella classe con CCS maggiori a 10 6 cell./ml costituiscono il 53%. Figura 4 - Caratterizzazione microscopica delle cellule somatiche del latte di capra(1000 x) 15

16 Variazioni del contenuto cellulare in relazione allo stato sanitario della mammella Il contenuto medio di cellule somatiche (CCS) durante l arco della sperimentazione ha mostrato un valore di cell./ml, facendo registrare un aumento del CCS con l avanzare della lattazione. L esame batteriologico condotto sui campioni di emimammella ha evidenziato la presenza di S.aureus, S.coagulasi negativo e germi minori quali Aerococcus viridans, Enterococcus durans, Bacillus cereus, Streptococcus spp. non β- emolitico(fig.2). Gli SCN sono stati i microrganismi maggiormente isolati durante la sperimentazione. 0,02 0,22 S.aureus S.coag.neg pat.minori sane 0,03 0,73 Figura 5 - Prevalenza percentuale degli isolati batterici nel corso della prova Nella valutazione delle variazioni del CCS, sono state considerate le medie CCS divise per classi di animali: 1) capra sana in assenza di isolamento batterico nel latte delle due emimammelle; 2) capra infetta in caso di isolamento batterico in almeno una delle due emimammelle. Fra le capre infette sono state distinte, secondo l origine dell infezione: - le infezioni dovute a germi patogeni maggiori, S. aureus; 16

17 - le infezioni dovute a stafilococchi coagulasi negativi (SCN); - le infezioni dovute a patogeni minori. Considerando i contenuti medi di cellule somatiche e gli isolamenti batteriologici sono state individuate tre diverse classi, distinte da un differente grado di infiammazione mammaria. contenuti cellulari medi in funzione dello stato sanitario della mammella x 1000 cell/ml sane Patogeni minori SCN S.aureus 0 1 Figura 5 - contenuti cellulari medi in funzione dello stato sanitario della mammella di capra Nella prima classe (Fig. 5) che comprende soggetti sani e soggetti positivi a patogeni minori, i contenuti medi cellulari hanno fatto registrare valori al di sotto di cell./ml. Nella seconda classe, che comprende soggetti positivi a SCN, i contenuti medi cellulari sono stati più alti con un valore di cell./ml. In ultimo, nella terza classe, che comprende gli animali positivi a S. aureus, sono stati osservati valori medi di CCS di cell./ml. La Tabella 5 mostra come i CCS in presenza di S. aureu si mantengono elevati con forti oscillazioni durante il periodo di studio. Le variazioni di CCS nella classe di animali sani e positivi a patogeni minori hanno mostrato contenuti bassi nel corso dei 5 controlli. 17

18 Tabella 5 - Contenuti cellulari medi (x 10 3 ) in funzione dello stato sanitario della mammella nel tempo. Stato sanitario Sane Patogeni minori SCN S. aureus Caratteristiche chimico-fisiche e produzione del latte in funzione del contenuto in cellule somatiche Nella valutazione degli effetti del CCS sui parametri produttivi e quali-quantitativi del latte sono state considerate due classi di ampiezza di CCS: inferiore ad cell./ml e superiore ad cell./ml. Sono di seguito riportati i valori medi dei parametri misurati durante il periodo considerato. Tabella 6 - Medie stimate (± SE) di alcuni parametri chimico-fisici del latte di tutto il periodo considerato Grasso % Proteine % Lattosio % Caseina % ph SH/50 ml 2,39 ± 0,055 2,59±0,016 4,42±0,02 2,08±0,024 6,72±0,008 2,78±0,042 Influenza del CCS sulla produzione La produzione media di latte per capo relativa alla mungitura della mattina nel periodo considerato è stata di 1707 g. Il minimo della produzione ha coinciso con il massimo contenuto cellulare registrato (Tabella 7). Tabella 7 - Produzione di latte di capra nel corso dei cinque controlli eseguiti duralte la lattazione e CCS Prod. kg 1,747 1,808 1,718 1,529 1, cell./ml

19 Se si considera la produzione in funzione delle due classi di ampiezza di CCS risulta una differenza di circa 50 g di latte (1712 g vs 1661 g). Anche se la produzione di latte in funzione del CCS non è risultata statisticamente significativa, occorre evidenziare che se rapportata ad un intero ciclo di produzione la perdita produttiva può risultare rilevante. Influenza del CCS sulle caratteristiche chimico-fisiche del latte Il confronto dei parametri qualitativi in funzione del CCS nelle due classi di ampiezza hanno mostrato significative differenze per il contenuto in lattosio, e in grasso (Tabella 8). Tabella 8 - Valore medio (± ES) di alcune caratteristiche del latte di capra in relazione alla classe di CCS. Classe di CCS (10 3 cell./ml) Grasso % Proteine % Lattosio % Caseina % ph SH/50 ml < ,36*±0,05 2,59±0,01 4,42*±0,01 2,11±0,01 6,72±0,007 2,76±0,03 > ,54*±0,17 2,60±0,04 4,34*±0,05 2,07±0,04 6,69±0,022 2,79±0,096 Per quanto riguarda le frazioni caseiniche riduzioni significative della α s - caseina e ß- caseina si osservano nel latte con CCS maggiori a 10 6 cell./ml (Tabella 9) mentre aumenti significativi si evidenziano nella stessa classe a carico dei proteoso-peptoni (prodotti della degradazione caseinica). Anche l indice caseinico (I-CN), ottenuto dal rapporto tra caseina totale e proteine totali, tende a diminuire significativamente con l aumentare del contenuto cellulare. Tabella 9 - Valore medio frazioni caseiniche (α-, β- e γ-caseine), indice caseinico, prodotti della degradazione caseinica (proteso peptonei, PP) del latte di capra in relazione con la classe di CCS. Classe di CCS (10 3 cell./ml) α s -CN (g/l) ß-CN (g/l) γ-cn (g/l) PP (g/l) I-CN < ,7 15,9 0,9 0,69 81 > ,1 14,3 0,9 0,

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO IN RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa INDIRIZZO: Riproduzione,

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO Via Ugo Foscolo 18 Castel Gandolfo - Marino - Roma Tel.: 3351572723 e-mail fbusico@inwind.it CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI NOME: Fabio COGNOME: Busico LUOGO DI Roma NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte 2011 Fondazione Edmund

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli