Nutrire in lattazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nutrire in lattazione"

Transcript

1 Zootecnia Nutrire in lattazione Mario Pirondini Il profilo aminoacidico della razione è fondamentale nella nutrizione della vacca in lattazione. Il bilanciamento aminoacidico delle razioni per vacche da latte continua a essere una pratica molto accettata. I principali fattori che incrementano l attenzione verso il bilanciamento aminoacidico includono la volontà/necessità di somministrare razioni a basso tenore proteico; i prezzi di mercato delle materie prime proteiche tendenzialmente elevati; la potenzialità genetica degli animali a produrre latte sempre più ricco in caseina; una tendenza alla buona remunerazione della componente proteica del latte; un continuo affinamento e miglioramento dei modelli nutrizionali impiegabili. Oggi la proteina del latte è remunerata, secondo la griglia di pagamento latte-qualità, molto più che la componente grassa. L NRC 2001 è il primo modello nutrizionale per la vacca da latte che consente la valutazione delle diete in termini di proteina degradabile (Rdp) e indegradabile (Rup) a livello ruminale, nonché la rispondenza dei tenori di lisina (Lys) e metionina (Met) della proteina metabolizzabile (MP). In relazione alla sua eccellente capacità nel prevedere il bilanciamento aminoacidico a livello duodenale, unitamente al successo ottenuto da coloro che lo hanno impiegato per il bilanciamento aminoacidico, l NRC 2001 è stato impiegato per stimolare i miglioramenti degli altri modelli nutrizionali. Di conseguenza si è registrata una crescita del mercato delle fonti aminoacidiche ruminoprotette, primariamente metionina ma ultimamente anche di lisina. Il successo del bilanciamento aminoacidico richiede però l accettazione di alcuni principi base della nutrizione e il lasciar perdere il concetto di proteina grezza quale nutriente della vacca da latte. I principali aspetti saranno discussi di seguito. Gli aminoacidi sono nutrienti fondamentali In natura esistono più di 700 aminoacidi [1]. Venti sono i componenti per la sintesi proteica. Di questi, 10 sono classificati come essenziali, dato che non vengono sintetizzati dall animale e quindi devono essere assunti con la dieta nei quantitativi necessari. La sintesi proteica è un evento controllato geneticamente e, di conseguenza, la composizione aminoacidica di qualsiasi proteina è la medesima ogniqualvolta sia sintetizzata. Al di là del loro ruolo nella sintesi proteica (che influenza virtualmente ogni aspetto del metabolismo animale) gli aminoacidi liberi sono regolatori chiave di molti processi fisiopatologici, includendo la risposta immunitaria. Inoltre gli aminoacidi sono utilizzati per la sintesi di molti altri componenti privi di azoto (tra gli altri, ormoni, neurotrasmettitori, nucleotidi). I restanti aminoacidi (non impiegati per la sintesi proteica) sono normalmente presenti nei fluidi corporei e giocano ruoli fondamentali nel metabolismo. Per esempio, tre aminoacidi non impiegati per la sintesi proteica sono omocisteina, glutatione e taurina, sintetizzati a partire dalla metionina. La stessa metionina ha un ruolo determinante come donatore di metili, utili per l esportazione dei grassi dal fegato durante la fase di transizione. Da questo si può comprendere il ruolo decisivo di questi aminoacidi e i benefici che la supplementazione di metionina apporta durante la transizione in relazione a sanità, fertilità e produttività della vacca da latte. Fonti di aminoacidi assorbibili Nei ruminanti gli apporti di aminoacidi sono garantiti dalla sintesi di proteina microbica a livello ruminale, dalla frazione proteica Rup e, in quantità decisamente inferiore, dalla proteina endogena. La proteina di origi- 1

2 ne microbica si riferisce ai costituenti proteici della biomassa ruminale costituita da batteri, protozoi e funghi. La Rup è la quota proteica derivante dalla razione che by-passa il rumine o resiste alla degradazione microbica. La proteina endogena è la quota proteica derivante dal corpo e comprende: mucoproteine della saliva, cellule epiteliali di sfaldamento del tratto enterico, nonché secrezioni enzimatiche. Tipicamente la proteina microbica sopperisce alla maggior parte dei fabbisogni aminoacidici. Tuttavia la Rup può apportare più del 50% degli aminoacidi assorbibili a livello duodenale qualora gli animali ad alto potenziale produttivo siano alimentati con diete estremamente concentrate bilanciate per coprire i fabbisogni sia della quota proteica Rdp, sia della Rup. La quantità di aminoacidi apportati dalla proteina endogena è molto inferiore: si può assumere che conti per meno del 10% (NRC 2001). Aminoacidi limitanti Metionina e lisina sono stati identificati come i primi aminoacidi limitanti per le bovine in lattazione alimentate con diete a base di mais (NRC 2001). Questo è confermato da molti lavori scientifici più recenti rispetto alla pubblicazione dell ultima edizione dell NRC Che lisina e metionina siano i primi aminoacidi limitanti in moltissime situazioni non è sorprendente, data la loro bassa dotazione in molte fonti proteiche utilizzate nel razionamento dei ruminanti rispetto alla concentrazione presente nella proteina microbica, nella proteina del latte e del tessuto magro. Quali altri aminoacidi possono diventare limitanti? Probabilmente l istidina (His), soprattutto qualora siano utilizzate diete a basso tenore di Rup. Vi sono due ragioni che lo suggeriscono. La prima è che alcuni ricercatori del nord Europa hanno identificato l istidina come primo aminoacidi limitante la produzione di latte e di proteina in caso di diete ricche in foraggi di graminacee addizionate con orzo e avena, indipendentemente dalla fonte di Rup impiegata [2, 3, 4, 5, 6]. In tal caso nessuna dieta conteneva mais o suoi sottoprodotti: orzo e avena hanno concentrazioni di istidina (% PG) inferiori rispetto al mais e alle fonti proteiche comunemente usate. Inoltre è risaputo che la proteina di origine microbica contribuisce di più e la Rup meno alla proteina totale disponibile a livello intestinale qualora siano usate queste tipologie di diete. Infine, come si può vedere in tabella, la concentrazione di istidina della proteina batterica è inferiore rispetto a quella presente in molte fonti proteiche usate. Conoscendo questo aspetto, unitamente a tutto quanto già noto a riguardo di lisina e metionina (che sono i principali a- minoacidi limitanti qualora si impieghino razioni basate su mais) si può concludere che l istidina potrebbe diventare il primo aminoacido limitante in caso di diete ricche in foraggi, senza mais, scarsamente dotate in Rup. La seconda ragione che suggerisce che l istidina potrebbe diventare un aminoacido da sorvegliare si basa sul fatto che i risultati di due sperimentazioni [7, 8] che hanno previsto l utilizzo di bovine alimentate con diete contenenti mais bilanciate per lisina e metionina arrivano alla conclusione che gli animali hanno risposto in maniera positiva alla supplementazione di istidina. Questi risultati confermano che la concentrazione di i- stidina della MP dovrebbe essere monitorata e che concentrazioni di istidina uguali o inferiori a 2,11% MP non sono sufficienti qualora si bilancino le razioni per livelli elevati di lisina e metionina (6,6 e 2,2% MP, rispettivamente). Altri aminoacidi essenziali sono stati valutati per la loro potenziale limitazione dopo lisina e metionina. Particolare attenzione è stata rivolta agli aminoacidi a catena ramificata (isoleucina, leucina e valina), in parte per il fatto che alcuni modelli li considerano maggiormente limitanti rispetto ad altri aminoacidi essenziali. 2

3 Bilanciamento aminoacidico Negli ultimi anni è stato fatto un progresso considerevole nel costruire modelli nutrizionali estremamente accurati nella previsione dei fabbisogni e degli apporti aminoacidici per le vacche da latte. Nel caso dei fabbisogni si tratta di stabilire la concentrazione ottimale dei primi aminoacidi limitanti (% MP) per il modello di riferimento e quindi nel formulare diete che siano quanto più vicine alle concentrazioni ottimali. Questo consente di limitare la quota di Rup delle razioni senza sacrificare i benefici produttivi ottenibili tramite il bilanciamento aminoacidico. La modalità di determinazione della concentrazione ottimale di lisina e metionina (% MP), proposta dall NRC 2001 e valida tuttora, non solo ha eliminato la necessità di fabbisogni aminoacidici validati, ma ha anche arrecato il notevole vantaggio di consentire la determinazione delle concentrazioni ottimali di aminoacidi per gli stessi modelli utilizzati in campo quotidianamente per la formulazione e la valutazione delle razioni. Con questo background [9] si propone una serie di linee guida per il bilanciamento aminoacidico, riportate di seguito: somministrare alle vacche in lattazione una miscela di foraggi di qualità eccellente, concentrati energetici e sottoprodotti fibrosi che garantiscano una combinazione di carboidrati fermentescibili e di fibra fisicamente efficace che ottimizzi la salute del rumine, l ingestione di sostanza secca, la produzione lattea e la proliferazione batterica a livello ruminale (produzione di proteina microbica). Questa fonte proteica ha un profilo aminoacidico eccellente per la bovina in lattazione, con riferimento particolare alla quota di lisina e metionina; somministrare una quantità adeguata di Rdp per soddisfare i fabbisogni dei batteri ruminali di aminoacidi e azoto solubile. La realizzazione dei benefici della somministrazione di carboidrati fermentescibili in riferimento alla massimizzazione della produzione di biomassa microbica richiede la somministrazione contestuale della corretta quantità di Rdp, dato che questa è il secondo fattore limitante la crescita microbica. Questa frazione proteica fornisce ai batteri ruminali peptidi, aminoacidi e azoto ammoniacale necessari per la sintesi proteica. I modelli di valutazione delle diete differiscono nelle stime dei fabbisogni e della quantità di RDP apportata degli alimenti. L NRC 2001 ad esempio suggerisce dei fabbisogni di MP pari al 10-11% SS. Al di là del modello impiegato è importante utilizzare questi fabbisogni solo come linea guida e bilanciare la dieta in relazione alle performance delle bovine. L ingestione di sostanza secca, la consistenza delle feci, l efficienza di fissazione dell azoto nel latte, la percentuale di grasso del latte e il tenore di urea dello stesso sono tutte informazioni importanti. Un valore target di riferimento per la concentrazione di urea del latte è pari a mg/100 ml. Fattore molto importante è il monitoraggio dei livelli di Rdp della dieta in relazione alle performance delle bovine così da non sottoalimentare le stesse: se questo accadesse si avrebbe una riduzione della degradazione ruminale della razione, della sintesi di proteina microbica e una ridotta produzione lattea; utilizzare fonti proteiche ricche in lisina, ossia una combinazione di fonti proteiche ad alto contenuto in lisina e lisina ruminoprotetta, per raggiungere concentrazioni dell aminoacidi (% MP) il più vicino possibili all ottimale consigliato per i diversi modelli di razionamento. L esperienza suggerisce che spesso è economicamente conveniente raggiungere solamente il 95-97% dei livelli consigliati. Se si desidera utilizzare fonti di lisina ruminoprotette, utilizzare solamente prodotti supportati da risultati di ricerche che confermano la sua biodisponibilità (ossia la quantità di lisina che effettivamente è assorbita qualora inserita in razione). Quindi per il prodotto da utilizzare bisogna conoscere il livello di by-pass ruminale e il coefficiente di digeribilità intestinale della lisina contenuta; somministrare una fonte di metionina ruminoprotetta nella quantità necessaria a raggiungere il rapporto lisina:metionina ottimale per il modello usato, quindi bilanciare finemente per la massimizzazione della produzione di proteina del latte. Come nel caso della lisina ruminoprotetta è necessario conoscere per il prodotto da utilizzare la biodisponibilità della metionina, ossia l incremento della concentrazione plasmatica di metionina derivante dall impiego, il by-pass ruminale e la digeribilità intestinale. Infatti, una sovrastima dell efficacia del prodotto a base di metioni- 3

4 na ruminoprotetta porta a risultati produttivi deludenti e molto spesso lascia credere al tecnico e all allevatore che il bilanciamento aminoacidico per lisina e metionina abbia poco o nessun senso; al termine della fase di transizione o dopo il raggiungimento del picco di lattazione limitare l apporto di Rup. A seguito del bilanciamento di lisina e metionina sono comuni riduzioni della Rup di 1,5-2 punti percentuali. Molti modelli non aggiustano i fabbisogni di MP e quindi di Rup in funzione dei cambiamenti di lisina e metionina (% MP). Tuttavia la ricerca [10, 11] e la pratica di campo portano alla conclusione che i fabbisogni di Rup, per un determinato livello produttivo (latte e proteina), decrescono a seguito di livelli superiori di lisina e metionina (% MP); monitorare strettamente i livelli di istidina. Nel caso dell istidina mancano studi analoghi a quelli per lisina e metionina utili per generare grafici dose-risposta che relazionano la produzione di proteina (in valore assoluto e come percentuale) al variare del tenore di istidina (% MP). Schwab [9] consiglia di mantenere il livello di istidina (% MP) superiore a quello della metionina di circa 0,1 punti percentuali. Questa raccomandazione si basa essenzialmente su quanto riportato dall NRC 2001, in relazione al fatto che in alcune sperimentazioni sono stati ottenuti risultati positivi in termini di produzione di proteina qualora vi sia stata infusione intravenosa o post-ruminale di istidina. Benefici del bilanciamento aminoacidico I benefici del bilanciamento aminoacidico, con particolare focus su lisina e metionina, sono ben noti e riportati in numerose pubblicazioni [12, 13]. Questi benefici includono la riduzione del rischio di carenza aminoacidica per la bovina in lattazione; il miglioramento della salute della vacca in transizione; l incremento della produzione di latte e dei componenti dello stesso; la riduzione della quota di Rup della dieta. Una minore quantità di Rup della dieta consente di ridurre i costi alimentari e lascia più spazio alla quota glucidica. La conseguenza è un incremento della sintesi di proteina microbica (caratterizzata da un ottimo profilo aminoacidico) e della produzione di acidi grassi volatili, substrati determinanti per la sintesi di lattosio e grasso. I benefici del bilanciamento aminoacidico sono chiaramente di maggiore spessore in vacche in transizione e nella prima fase di lattazione [13], tuttavia questi persistono durante il corso dell intera lattazione. Nel caso di vacche fresche il bilanciamento aminoacidico ha effetti profondi in termini di produzione di latte e dei componenti dello stesso [14]. Gli stessi Autori riportano inoltre miglioramenti di alcuni indicatori legati alla salute metabolica della bovina ad inizio lattazione. Nel caso della vacca in transizione, tuttavia, sono necessari ulteriori dati scientifici per meglio focalizzare quale sia il migliore profilo aminoacidico sul quale puntare e, qualora questo sia somministrato, quali siano gli effetti su salute, efficienza riproduttiva e produzione quantiqualitativa di latte. I nutrienti necessari per la bovina sono gli aminoacidi, non la proteina grezza. Dato che questi hanno numerose e importanti funzioni metaboliche, la somministrazione di razioni con un profilo aminoacidico ottimizzato per la bovina in lattazione dimostra miglioramenti in termini di riduzione delle carenze aminoacidiche e dei fabbisogni di Rup, migliora la salute degli animali, aumenta la produzione e, in definitiva, la redditività per l allevatore in molte situazioni pratiche. Riferimenti bibliografici [1] Wu G., Aminoacids Biochemistry and Nutrition. CRC Press, Taylor and Francis Group. [2] Kim C. H., Kim T. G., Choung J. J., Chamberlain D. G., Determination of the first limitng amino acid for milk production in dairy cows consuming a diet of grass silage and a cereal based supplement containing feather meal. Journal of the science of food and agriculture, 79, [3] Kim C. H., Kim T. G., Choung J. J., Chamberlain D. G., Variability in the ranking of the three mostlimiting amino acids for milk protein production in dairy cows consuming grass silage and a cereal-based supplement containing feather meal. Journal of the science of food and agriculture, 80, [4] Huhtanen P., Vanhatalo V., Varvikko T., Effects of abomasal infusions of histidine, glucose, and leucine on milk production and plasma metabolites of dairy cows fed grass silage diets. Journal of dairy science, 85, [5] Korhonen M., Vanhatalo A., Varvikko T., Huhtanen P., Responses to graded doses of histidine in 4

5 dairy cows fed grass silage diets. Journal of dairy science, 83, performance and neutrophil function. Journal of dairy science, 96, [6] Vanhatalo A., Huhtanen P., Toivonen V., Varvikko T., Response of dairy cows fed grass silage diets to abomasal infusions of histidine alone or in combinations with methionine and lysine. Journal of dairy science, 82, National research council, Nutrient requirements of dairy cattle. 7th revised edition National academy press, Washington. [7] Lee C., Hristov A. N., Cassidy T. W., Heyler K. S., Lapierre H., Varga G. A., De Veth M. J., Patton R. A., Rumen-protected lysine, methionine, and histidine increase milk protein yield in dairy cows fed a metabolizable protein-deficient diet. Journal of dairy science, 95, Mario Pirondini è dottore di ricerca presso il Dipartimento di Scienze animali dell Università degli Studi di Milano. [8] Hadrova S., Krizova L., Richter M., Trinacty J., Drackova M., The effect of duodenal infusion of histidine on milk yield, milk composition, and plasma amino acids in dairy cows. Journal of animal and feed sciences, 21, [9] Schwab C. G., Basic aspects of amino acid nutrition in lactating cattle. Proc. Four-state dairy nutrition and management conference. Dubuque, Usa. [10] Noftsger S., St-Pierre N. R., Supplementation of methionine and selection of highly digestible rumen undegradable protein to improve nitrogen efficiency for milk production. Journal of dairy science, 86, [11] Chen Z. H., Broderick G. A., Luchini N. D., Sloan B. K., Devillard E., Effect of feeding different sources of rumen-protected methionine on milk production and N-utilization in lactating dairy cows. Journal of dairy science, 94, [12] Schwab C. G., Amino acids The required nutrients matching supply with animal requirements. Proc. Pacific northwest animal nutrition conference. [13] Schwab C. G., Amino acid balancing Is the transition cow interested? Proc. California nutrition conference. [14] Osorio J. S., Ji P., Drackley J. K., Luchini D., Loor J. J., Supplemental smartamine mor metasmart during the transition period: benefits postpartal cow 5

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare 21 MICHELANGELO GIAMPIETRO, DANILO GAMBARARA Abitudini alimentari corrette, ispirate ai semplici principi sin qui indicati, sono certamente sufficienti

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

"Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi

Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara 14 gennaio 2011 "Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Prof.Giovanni

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica?

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Giuliano Barsotti, Università di Pisa Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Una corretta terapia nutrizionale costituisce, nelle patologie metaboliche come diabete e obesità, il trattamento

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Informazioni tecnico-scientifiche. Autore John Haldemann

Informazioni tecnico-scientifiche. Autore John Haldemann ALP science N. 535 Agosto 2010 CARATTERIZZAZIONE GENERALE DEI FORMAGGI D ALPE TICINESI DOP Informazioni tecnico-scientifiche Autore John Haldemann Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico.

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. O Infatti, viviamo in una società che sta attraversando una vera e propria rivoluzione nel mondo della salute. Ma nonostante

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO

Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO Prevenzione & Società Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO a cura di Angela Marocco con la consulenza scientifica del Dott. Ascanio Polimeni specialista in

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO IN RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa INDIRIZZO: Riproduzione,

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli