Nutrizione e crescita: aspetti preventivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nutrizione e crescita: aspetti preventivi"

Transcript

1 Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Elvira Verduci Dipartimento Scienze della Salute Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

2 Importante riconoscere particolari traiettorie e precoci AR considerando la loro associazione con il rischio metabolico in età successive. Interventi precoci riducono il rischio di «non communicable disease» Infanzia & adolescenza Età adulta Nessun intervento Intervento tardivo impatto per gruppi vulnerabili Intervento tardivo Intervento precoce migliora la funzionalità e la risposta a nuovi stimoli Intervento precoce Vita Modified from Godfrey et al. Trends Endocrin Met 2010;21:

3

4 L ACCELERATO INCREMENTO PONDERALE POST-NATALE Elevato intake di nutrienti favorenti la crescita (es, proteine) Elevati livelli plasmatici e tissutali di aminoacidi insulinogenici Maggior secrezione di insulina e IGF-1 Veloce incremento ponderale prima dei 2 anni Attività adipogenica Rischio a lungo termine di sviluppare obesità e complicanze Over the limit of 14% energy deriving from dietary proteins in the 6 24 months period, some mechanisms may begin to operate, beyond, or by unmasking, a genetic predisposition towards the phenomenon of early adiposity rebound and overweight development. Several observational studies have shown an association between a high-protein intake (>15 energy %) early in life and an increased risk of developing obesity and thereby noncommunicable diseases (NCDs) later in life.

5 Which proteins increase IGF-1? CASEINA IGF BP 2 IGF BP 3 (+/-) (+) GH IGF - 1 (+) Protein intake Fat tissue AA SIEROPROTEINE C Hoppe, K Michaelsen Am J Clin Nutr 2004;80:447 Eur J Clin Nutr 2004;58:1211 Eur J Clin Nutr 2009;63:1076 BCAA (+) (+) Insulin Nat Med 2011;17: Uno dei progetti dell Early Nutrition

6 STUDIO: Trial clinico prospettico, in doppio cieco, randomizzato con 2 gruppi di lattanti alimentati con formula (2 formule con differente concentrazione proteica, 7% vs. 12% dell energia) e gruppo di controllo allattato con latte materno Formula Allattati al seno Formula A Più bassa concentrazione di proteine (1.77 g/100kcal =7%) Formula B Più alta concentrazione di proteine (2.9 g/100kcal = 12%) Per almeno 4 mesi 500 lattanti 500 lattanti 250 lattanti Study protocol Age of infant: R e c r u i t m e n t Infant milk Infants: Medical examination, Anthropometric Measurements plus: Urine sample Urine, blood samples, energy expenditure, smear from the cheek Parent questionnaires food record & infantile behaviour feeding habits, food record & infantile behaviour food record feeding habits & food records Follow-on milk Anthropometry parents EU Childhood Obesity Programme 11 yr long term follow-up period 1yr Intervention period 1 yr follow-up period

7 PE 7.1 % 8.8% 11.7% 16% 12 MESI: VALORE MEDIO PE% 13 per gruppo LP E 16 per gruppo HP Am J Clin Nutr 2009;89:

8 WEIGHT FOR AGE LENGTH-FOR-AGE mesi Am J Clin Nutr 2009;89: ** Am J Clin Nutr 2009;89:

9 Am J Clin Nutr 2014;99: Il rischio di diventare obeso del gruppo alimentato con formula a più alto contenuto proteico è circa 2.87 volte maggiore rispetto al gruppo alimentato con formula a basso apporto proteico.

10 DATI SULL EFFETTO METABOLICO a 6 mesi P<0.01 P<0.01 Am J Clin Nutr 2011;94(6 Suppl):1776S-84S.

11 Am J Clin Nutr 2011;94(Suppl):1920S-27S. The IGF-1 axis of female infants shows a stronger response to the nutritional intervention than does that of male infants, but there is no enhanced effect on growth. IPOTESI PROTEICA ALLA LUCE DELLA METABOLOMICA Ann Nutr Metab 2014;64: J Clin Endocr and Metab in press

12 Am J Clin Nutr 2014;99(suppl):718S-22S Vi è una sempre maggiore evidenza che un elevato intake proteico nei primi 2 anni di vita sia un fattore di rischio per lo sviluppo di sovrappeso e di obesità nelle epoche successive. È prudente evitare uneccessivo intake proteico nelle epoche precoci della vita (<15%) L apporto proteico maggiore deriva dal latte, pertanto la scelta del tipo di latte è cruciale: Latte materno Quando non possibile latti formulati a basso apporto proteico Il latte vaccino, soprattutto quello a ridotto contenuto di grassi, non è raccomandato precocemente e comunque limitarne l assunzione nel secondo anno di vita. Am J Clin Nutr 2014;99(suppl):718S-22S

13 ASPETTI DA CONSIDERARE PER LA RICERCA: Come gli apporti proteici influenzano la composizione corporea Quale è la finestra temporale per cui un elevato apporto proteico risulta associato al successivo sviluppo di sovrappeso e obesità Quale il ruolo delle proteine totali e delle proteine del latte e derivati Studi volti a valutare l interazione complessa tra: Accellerazione delle crescita ponderale, crescita lineare e composizione corporea Regolazione di IGF1 insulina ed ormoni fame/sazietà

14 IDEFICS (Identification and prevention of dietary- and lifestyle-induced health effects in children and infants) study Studio Europeo su larga scala 6th Framework Programme EU- Contract No (FOOD). Iniziato nel settembre 2006 e conclusosi a febbraio 2012 Coorte di bambini di età compresa tra 2-9 anni prevenienti da 11 Paesi Europei (Svezia, Germania, Ungheria, Italia, Cipro, Spagna, Belgio, Estonia, Danimarca, Francia, Regno Unito) Obiettivi: Indagare l eziologia del sovrappeso, dell obesità e dei disordini metabolici ad essa correlati con particolare attenzione verso i fattori dietetici e legati allo stile di vita Valutare e sviluppare un programma di prevenzione primaria The results indicate that proxy-reporters are subject to misreporting especially for children in the higher BMI levels and that energy intake is a more important predictor of unhealthy weight development in children than daily food intake. The promotion of age-appropriate energy intake should therefore be emphasized in the prevention of overweight among children.

15 Eur J Clin Nutr 2014;68:822-8 L intake totale di zuccheri semplici eccede il 20% dell energia in tutti i paesi eccetto l Estonia. In Italia la % di energia derivante da zuccheri semplici è pari al 21% In Germania, addirittura, l assunzione di zuccheri semplici raggiunge il 30% dell energia In generale, l assunzione di zuccheri semplici e di alimenti e bevande ricche di zuccheri aggiunti è risultata maggiore nel fine-settimana rispetto ai giorni feriali Pediatrics 2014;134 :S29-35 La prevalenza di obesità a 6 anni, tra i bambini che assumevano SSB durante l infanzia, è risultata quasi il doppio di quella di chi non li consumava (17.0% vs 8.6%). L odds ratio di obesità a 6 anni è risultato più alto del 71% in caso di assunzione di SSB durante l infanzia e più alto del 92% in caso di assunzione di SSB prima dei 6 mesi di vita, rispetto a coloro che non ne hanno assunto durante l infanzia. I bambini che assumevano SSB più di 3 volte alla settimana, tra i mesi di vita, hanno mostrato un odds ratio di obesità pari al doppio rispetto a coloro che non ne assumevano

16 BF FF At 4 months of age 13% BF infants 43% FF infants Clin Nutr 2010;29: e la dieta mediterranea? Int J Obes 2014; 38: S Più del 50% dei bambini italiani in età prescolare mostra elevata aderenza alla dieta Mediterranea. Giàinetàscolare tali percentuali di aderenza si riducono. Inoltre in altre aree del mediterraneo, che dovrebbero esser caratterizzate da questo tipo di pattern alimentare, non si osserva elevata prevalenza (Cipro, Spagna) tra i bambini.

17 Nutr Metab Cardiovasc Dis ; 24: Un elevata aderenza alla dieta mediterranea è inversamente associata al sovrappeso e all obesità ed alla percentuale di massa grassa. Un elevata aderenza alla dieta mediterranea è inversamente associata all incremento del BMI, della circonferenza della vita, del rapporto vita altezza e della percentuale di massa grassa. Eur J clin Nutr 2014;68: Complessivamente, il 70% dei bambini in età pre-scolare (2 < 6 anni) ed il 79.8 % dei bambini in età scolare svolge abitualmente la colazione a casa. Circa il 22% dei più piccoli ( 2 < 6 anni) ed il 14.9 % dei più grandi ( 6 < 10 anni) invece, svolge la colazione soltanto nel weekend o ancor meno frequentemente. Nella coorte di bambini in età scolare, è presente una forte associazione negativa tra la frequenza di consumo della colazione e i fattori di rischio cardiovascolare.

18 Crit Rev Food Sci Nutr. 2010;50: Un modello bilanciato di prima colazione dovrebbe : 1) Essere in accordo con le tradizioni locali e prevedere una distribuzione bilanciata dei macronutrienti 2) Comprendere una quantità sufficiente di CHO, preferibilmente a basso indice glicemico 3) Presentare densità energetica limitata Una colazione comprendente: latte o yogurt (parzialmente scremati), cereali (preferibilmente integrali e non raffinati) e frutta fresca sembra rispondere a questi requisiti A total of 1696 children aged 6 9 years

19 I.Family Progetto iniziato nel 2013, una volta terminato il progetto IDEFICS Si rivolge alla stessa popolazione del progetto IDEFICS, appena entrata o che stava per entrare nella critica fascia d età della preadolescenza, e in più si rivolge alle famiglie Studio Europeo su larga scala 7th Framework Programme EU- Contract No Obiettivi: Capire la complessa interazione tra i fattori che ostacolano o favoriscono scelte alimentari salutari, nell età della preadolescenza sviluppare e diffondere strategie in grado di indurre l adozione di scelte alimentari salutari in particolare tra pre-adolescenti e loro genitori. Nutrizione e crescita: la salute futura del bambino La qualità dello sviluppo intrauterino Il tasso di crescita immediatamente post-natale Il tipo di allattamento La durata dell allattamento al seno Squilibri nutrizionali a partire dai primi anni di vita rappresentano tappe presumibilmente da integrare per ottenere un effetto di prevenzione di malattie dell età adulta Importante programmare interventi nutrizionali con effetto a lungo termine sulla salute (obesità, diabete, patologie cardiovascolari) sulla base dei risultati dei trails europei in corso.

20 PREVENZIONE INDIVIDUALE Soggetti a rischio: BMI genitori > 25 Basso e elevato peso alla nascita Allattamento con formula (specie ad elevato apporto proteico) Rapido incremento ponderale nei primi mesi STRATEGIE DI PREVENZIONE Elevato intake di proteine nei primi 2 anni di vita PREVENZIONE Adiposity rebound < 5 INDIVIDUALE anni intervento Genitori con Disturbi mirato dell Alimentazione e precoce nei bambini ad elevato Sedentaririschio di obesità PREVENZIONE Madri nutrici DI e madri POPOLAZIONE che esercitano un controllo eccessivo Corsi pre-parto Linee guida alimentari comuni e condivise Scuola: refezione scolastica quale strumento di educazione introduzione dei concetti di stile di vita salutare PREVENZIONE DI POPOLAZIONE didattici rivolta all intera popolazione pediatrica ed alle loro famiglie (educazione nutrizionale + attività fisica) nei programmi Mass-media: promozione di stile di vita salutare Intervento sul territorio per favorire attività fisica a tutte le età in sicurezza

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano L alimentazione ha un ruolo nella prevenzione della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Zimmet P et al. The metabolic

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers

Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers Questo è il titolo di un recente commento della redazione di Medscape Pediatrics in relazione ad un articolo apparso alla fine del 2014 su Archives of Disease

Dettagli

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Obesità infantile nel mondo 2010: PIÚ DI 42 MILIONI I BAMBINI IN SOVRAPPESO SOTTO I 5 ANNI Obesità

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli Roma, Barilla 4 maggio Center 2010 for Food & Nutrition Presentazione del position paper Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo,

Dettagli

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Marcello Giovannini Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano QUALE EVIDENZA SCIENTIFICA 1) Macronutrienti:

Dettagli

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Valeria del Balzo Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana Dipartimento di Medicina Sperimentale Sapienza Università

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 040 3785236 E-mail claudiaveronica.carletti@burlo.trieste.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Medica USSD Prevenzione,Controllo e Orientamento al Cliente

Dipartimento di Prevenzione Medica USSD Prevenzione,Controllo e Orientamento al Cliente La Sorveglianza nutrizionale in età pediatrica Progetto ANTROPOS e Percorso Diagnostico Terapeutico Anno 2014 Dipartimento di Prevenzione Medica USSD Prevenzione,Controllo e Orientamento al Cliente 1 Indice

Dettagli

Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto Nutri-bus

Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto Nutri-bus Concorso: Viaggio nella Galassia degli Alimenti Ospedale Pediatrico Progetto Nutri-bus Progetto Nutri-bus Le problematiche nutrizionali rappresentano un problema di salute che riguarda sempre più bambini

Dettagli

Nutrizione, una strategia di salute

Nutrizione, una strategia di salute Nutrizione, una strategia di salute Dr. M. Giannotti Lucca ottobre 2015 Il Centro Donna è una struttura dove si concentrano le attività sanitarie rivolte alle donne per la prevenzione, diagnosi e terapia

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

ALIMENTAZIONE COME CAUSA O PREVENZIONE DELLA MALATTIA? Carcinoma della mammella Etta Finocchiaro SC Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale Molinette Alba 23 settembre 2009 CA MAMMELLA La prevalenza di

Dettagli

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti,

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, Per aiutare i figli a crescere bene, i genitori devono guardare lontano. A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, che la salute può presentare il conto. I bambini hanno bisogno

Dettagli

Il divezzamento. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

Il divezzamento. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Il divezzamento Carlo Agostoni Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Divezzamento : cosa e quando? MESI 0 3 6 9 12 Latte materno Formula di inizio ------------------ Formula

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

Pubblicità alimentare e rischio cardiovascolare nei bambini in età scolare: prevenzione possibile? Michela Carucci, Dietista

Pubblicità alimentare e rischio cardiovascolare nei bambini in età scolare: prevenzione possibile? Michela Carucci, Dietista Pubblicità alimentare e rischio cardiovascolare nei bambini in età scolare: prevenzione possibile? Michela Carucci, Dietista Prevalenza sovrappeso e obesità dei bambini residenti nei Comuni di Quarrata

Dettagli

Corso di formazione. L alimentazione del bambino nelle diverse fasi dello sviluppo

Corso di formazione. L alimentazione del bambino nelle diverse fasi dello sviluppo Corso di formazione Applicazione del modello regionale di presa in carico del bambino sovrappeso ed obeso L alimentazione del bambino C. Sartori, S. Cesari, P. Lazzeroni, S. Merli, S. Bernasconi, ME Street

Dettagli

Francesco Tandoi, Massimo Agosti

Francesco Tandoi, Massimo Agosti Early Life Nutrition e Programming: Nutrizione per la Salute Futura Francesco Tandoi, Massimo Agosti Neonatologia, Terapia Intensiva Neonatale e Pediatria Dipartimento Materno - Infantile Varese Stresa

Dettagli

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici AUTORE Claudio Tubili Mauro Rossini Maria Grazia Carbonelli Direttivo Regionale ADI Lazio Titolo Relazione Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici campione durata - RR(%) Malmo, 1991 181

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO

PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO PUBERTÀ NEI BAMBINI IMMIGRATI ed ADOTTATI dall ESTERO 1201 RAFFAELE VIRDIS DIPARTIMENTO ETA EVOLUTIVA CATTEDRA di PEDIATRIA 1900 SEGNAMENTO DI STORIA DELLA MEDICINA 962 IMMIGRAZIONE E PUBERTÀ La valutazione

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte Regione Campania Assessorato alla Sanità PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE II Parte In attuazione dell intesa Stato Regioni del 23 marzo 2005, atr.4 comma 1, lett.e) Allegato 2 1 Regione Campania TITOLO

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Dai dati alle politiche. La promozione della sana alimentazione e dell'attività fisica nel Piano per la salute del Trentino 2015-2025

Dai dati alle politiche. La promozione della sana alimentazione e dell'attività fisica nel Piano per la salute del Trentino 2015-2025 Dai dati alle politiche La promozione della sana alimentazione e dell'attività fisica nel Piano per la salute del Trentino 2015-2025 Dipartimento salute e solidarietà sociale Il contesto A livello globale

Dettagli

Quanto peso a 3 anni? Un intervento di rilevazione sistematica del BMI e BMI percentile in età prescolare

Quanto peso a 3 anni? Un intervento di rilevazione sistematica del BMI e BMI percentile in età prescolare Quanto peso a 3 anni? Un intervento di rilevazione sistematica del BMI e BMI percentile in età prescolare Bonvicini Laura 1, Broccoli Serena 1, Davoli Anna Maria 2, Fabbri Alessandra 3, Ferrari Elena 2,

Dettagli

Giacomo Biasucci U.O.C. Pediatria e Neonatologia Dipartimento Materno-Infantile Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza

Giacomo Biasucci U.O.C. Pediatria e Neonatologia Dipartimento Materno-Infantile Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza PROTEINE E CRESCITA Giacomo Biasucci U.O.C. Pediatria e Neonatologia Dipartimento Materno-Infantile Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza PROGRAMMING in periodi critici dello sviluppo -- vita intrauterina

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

25 settembre 2014. Segnalazione in home page

25 settembre 2014. Segnalazione in home page 25 settembre 2014 Segnalazione in home page Il progetto della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Carenza di iodio nell alimentazione Ne soffre più di un italiano su dieci Al via

Dettagli

Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta

Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta Portera M., direttore del Distretto Sanitario di Mistretta AUSL N. 5 Messina Puglia M., dirigente Medico

Dettagli

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO Luca Chiovato, Agnese Mottadelli U.O. di Medicina Interna e Endocrinologia, I.R.C.C.S. Fondazione S. Maugeri Cattedra di Endocrinologia Università di Pavia Sono

Dettagli

Errori AlimentariEtà Giovanile e non solo. Colazione. Frutta / Verdura. Poca ACQUA. Bevande dolcificate

Errori AlimentariEtà Giovanile e non solo. Colazione. Frutta / Verdura. Poca ACQUA. Bevande dolcificate L evoluzione della specie L evoluzione umana Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Master in Scienze dello Sport e del Fitness Prof. ac Sorv. Nutrizionale e Val. Composizione Corporea - Università di

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

Alimenti funzionali e stili alimentari protettivi nella prevenzione nutrizionale delle non-communicable diseases

Alimenti funzionali e stili alimentari protettivi nella prevenzione nutrizionale delle non-communicable diseases Alimenti funzionali e stili alimentari protettivi nella prevenzione nutrizionale delle non-communicable diseases International Center for the Assessment of Nutritional Status Simona Bertoli International

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Le evidenze della ricerca a favore del consumo. Prima colazione: benefici a breve e a lungo termine. Il tema

Le evidenze della ricerca a favore del consumo. Prima colazione: benefici a breve e a lungo termine. Il tema Il tema Variare il menu di ogni mattina con latte o yogurt, carboidrati e frutta Prima colazione: benefici a breve e a lungo termine Ovidio Brignoli Vice-Presidente Simg (Società Italiana Medicina Generale)

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Tavola rotonda 27 ottobre 2012 Obesità Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Patterns Of Overweight & Obesity Globally

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Come stanno bambine e bambini: i dati del Sistema di Sorveglianza OKkio alla SALUTE

Come stanno bambine e bambini: i dati del Sistema di Sorveglianza OKkio alla SALUTE Come stanno bambine e bambini: i dati del Sistema di Sorveglianza OKkio alla SALUTE Angela Spinelli per il Gruppo OKkio alla SALUTE dell ISS angela.spinelli@iss.it OKkio alla SALUTE È un sistema di sorveglianza

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Laura Lucaccioni, Lorenzo Iughetti

Laura Lucaccioni, Lorenzo Iughetti Barbara Predieri Laura Lucaccioni, Lorenzo Iughetti Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Materno-Infantili e dell Adulto - U.O. di Pediatria Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia,

Dettagli

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Milano, 30 Ottobre 2015 39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Paolo D Argenio (Gruppo Tecnico Sistema di Sorveglianza Passi) Giulia Cairella (Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione,

Dettagli

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1 Rapporto n. NOME: DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 CODICE CAMPIONE: RICEVUTO DAL LABORATORIO IL: TIPO DI ANALISI: Discriminazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Nutrizione e attivitàmotoria nel bambino per la prevenzione dell ipertensione arteriosa. Simonetta Genovesi Università degli Studi di Milano-Bicocca

Nutrizione e attivitàmotoria nel bambino per la prevenzione dell ipertensione arteriosa. Simonetta Genovesi Università degli Studi di Milano-Bicocca Nutrizione e attivitàmotoria nel bambino per la prevenzione dell ipertensione arteriosa Simonetta Genovesi Università degli Studi di Milano-Bicocca Prevenzione primordiale: adottare stili di vita che rallentino

Dettagli

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 Prof. Eugenio Del Toma Presidente Onorario Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) Obesità e.globesità epidemia del terzo millennio! L

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO Laura Rossi, Ph.D. Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione - CREA-NUT, Roma Evoluzione del concetto

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra Come svezzare e fare prevenzione Gabriella Metzger Alimenti da svezzamento Mercato italiano (volumi) Anno 2006 34% 66% Babyfood Farine&Biscotti

Dettagli

ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE. MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS

ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE. MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS Il latte materno è il sistema biologico destinato all alimentazione

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE INFORMATI E COMPETENTI: PERCORSI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 6 maggio 2010 STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE Pasquale Strazzullo Dipartimento

Dettagli

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Alimenti Funzionali Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Background All interno delle società avanzate, siamo giunti ad una nuova frontiera della scienza nutrizionale; Da CONCETTO DI NUTRIZIONE

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso Insegnamento di Pediatria Preventiva e Sociale Docente: Tubaldi Lucia Definizione di obesità

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli