Divezzamento o Autodivezzamento (Alimentazione complementare a richiesta)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Divezzamento o Autodivezzamento (Alimentazione complementare a richiesta)"

Transcript

1 Divezzamento o Autodivezzamento (Alimentazione complementare a richiesta)

2 Divezzamento Per divezzamento o svezzamento si intende il passaggio da un regime alimentare esclusivamente a base di latte (materno o artificiale) ad uno misto, in cui vengono somministrati al bambino, oltre al latte, alimenti solidi o semisolidi. Il divezzamento rappresenta un momento cruciale e delicato di transizione per due motivi: 1. Segna il primo impatto con cibi di consistenza e sapore diversi dal latte 2. Sviluppa nel bambino una modalità di assunzione del cibo diversa dalla suzione.

3 Epoca di inizio dello svezzamento Le linee guida attuali dell Organizzazione Mondiale della Sanità consigliano di iniziare lo svezzamento dal 180 gior no di vita e comunque non prima del 4 e non dopo il 6 mese per i seguenti motivi: A. Nutrizionali: il latte (materno o artificiale) non è più adeguato, da solo, a soddisfare l aumentato fabbisogno calorico, proteico e di minerali (ferro, zinco etc) del bambino. B. Digestivi e funzionali: in questo periodo si verifica: - Una maturazione della digestione e dell assorbimento da parte dell apparato gastrointestinale. - Un adattamento della funzione renale all aumentato carico di lavoro. - Una maturazione del sistema di difesa immunitaria intestinale in grado di proteggere il bambino dalle proteine maggiormente allergizzanti. C. Psicomotori: il bambino riesce a mantenere eretto il capo e a deglutire più facilmente anche alimenti più densi e solidi.

4 Alimenti per il divezzamento E opportuno utilizzare, nella prima fase del divezzamento, prodotti industriali preparati nel rispetto di rigorose norme igienico - sanitarie, con materie prime selezionate e prive di coloranti, conservanti e altri additivi chimici. Tali alimenti si dimostrano ideali anche dal punto di vista nutrizionale, in quanto integri nel contenuto originale proteico e minerale, grazie al particolare processo di cottura e confezionamento a ciclo chiuso. Andrà sempre garantito un apporto di latte (solo e/o con yogurt), pari a 500 ml/die, soprattutto in funzione del fabbisogno di calcio.

5 Introduzione dei nuovi alimenti Di solito si inizia a somministrare la prima pappa a mezzogiorno e dopo giorni anche a cena, con l introduzione del formaggio al posto della carne. La prima pappa - Brodo vegetale e dopo giorni passato di vegetali - Cereali - Omogeneizzato o liofilizzato di carne - Olio extra vergine di oliva - Parmigiano La pappa dolce (farina lattea di cereali) soddisfa il gusto del bambino, ma determina un iperalimentazione calorica (70% carboidrati), per cui non è opportuno utilizzarla.

6 Alimenti per il divezzamento Cereali a) senza glutine: riso, mais tapioca. b) con glutine: frumento, orzo, avena, segale. Apportano proteine vegetali, sono ricchi di zuccheri complessi (amidi), vitamine del gruppo B, sali minerali. Forniscono il maggior apporto energetico fra tutti gli alimenti. Carne Fornisce proteine di alto valore biologico (ricche di aminoacidi essenziali), minerali (ferro assorbito meglio di quello presente in altri alimenti e zinco) e vitamine del gruppo B.

7 Alimenti per il divezzamento Pesce Rappresenta una buona fonte proteica, lipidica (acidi grassi insaturi), e di minerali ( calcio, fosforo e iodio). Le vitamine, soprattutto D, sono presenti nel fegato di pesce. Frutta e Verdura Forniscono vitamine, minerali e fibra alimentare Latticini I formaggi sono un importante sorgente di proteine di alto valore biologico (il parmigiano ne è il più ricco) e di calcio. Lo yogurt è ricco di fermenti lattici vivi ed ha un potere nutritivo simile al latte.

8 Alimenti per il divezzamento Uovo ha proteine di alto valore biologico, un equilibrata presenza di grassi (la paura per il colesterolo è eccessiva), di minerali (ferro, calcio, fosforo, sodio, potassio) e di vitamine (A e del complesso B). Oli (di oliva o di semi) apportano acidi grassi insaturi Sale: non va aggiunto nel primo anno di vita Zucchero: va usato con prudenza per non abituare il bambino ad alimenti dolci e per la prevenzione della carie dentale. Coloranti o additivi vanno evitati (allergie ).

9 Caratteristiche di un corretto divezzamento Mantenere una dieta normo-energetica Diminuire l apporto proteico Incrementare gli acidi grassi polinsaturi Incrementare l assunzione di Ferro e Zinco Procrastinare l assunzione di latte vaccino al 12 mese ed anche oltre.

10 SVEZZAMENTO COME FASE DI SVILUPPO OBBLIGATA

11 Maturità intestinale Controllo del tronco Morso fasico Vomito riflesso Motilità della lingua Masticazione rotatoria

12

13 AUTO-REGOLAZIONE DELL APPETITO

14 I bambini di Clara Davis Lasciate che i bambini scelgano i cibi dalle mani dei loro genitori, così come è sempre stato. Clara M Davis, The Canadian Medical Association Journal Sept. 1939

15 Il controllo materno durante i pasti può avere un effetto contrario sull aumento di peso fin dai sei mesi di vita. Quando viene loro permesso di regolare la propria assunzione di cibo i bambini sembrano autoregolarsi, con quelli nati di basso peso che aumentano di più di quelli nati di peso elevato Pediatrics 2006;118;

16 Università di Durham, Gran Bretagna Indagine su 750 bambini seguiti dalla nascita fino a 13 mesi Le caratteristiche individuali dell appetito hanno una grande importanza per spiegare un accrescimento insufficiente, ma anche una elevata promozione materna del cibo sembra avere un effetto negativo Pediatrics, Apr 2006; 117:

17 Non è vero che: Bisogna allenare i bambini al cucchiaio I bambini rifiutano i cibi nuovi Si deve introdurre un alimento per volta Pesce e uova vanno dati dopo uno-due anni Il sale aumenta la pressione Il maiale è pesante Il fritto fa male Il pediatra ne sa sempre più di voi

18 AUTOSVEZZAMENTO o ALIMENTAZIONE COMPLEMENTARE A RICHIESTA

19 dall allattamento a richiesta allo svezzamento a richiesta

20 Tenere il bambino a tavola con i genitori Aspettare i sei mesi circa Aspettare le richieste di cibo del bambino Soddisfare qualsiasi sua richiesta, sempre e ovunque Smettere gli assaggi se smette il bambino, o a pasto finito Non cambiare ritmi e durata dei pasti dei genitori L allattamento prosegue a richiesta (se si vuole)

21 Corretta informazione dei genitori

22 I genitori debbono conoscere L importanza di una buona relazione Le reali abilità del bambino I concetti elementari di una dieta corretta

23

24 Ma proprio tutto?

25 L introduzione precoce di cibi solidi (da 3 a 12 mesi) nella dieta di un lattante o di cibi commerciali contro cibi fatti in casa, non altera la crescita né la composizione corporea durante il primo anno di vita. I bambini che consumavano cibi fatti in casa avevano un minor introito di calorie da proteine e grassi senza alcun effetto sulla crescita o composizione corporea. Pediatrics 1998 Sep;102(3 Pt 1):

26 LARN: Livelli di Assunzione giornalieri Raccomandati di Nutrienti

27 Fabbisogno energetico nell infanzia 1 anno = 100 Kcal per Kg 3 anni = 80 Kcal per Kg 10 anni = 50 Kcal per Kg il 55% per vivere il 20% per crescere il 10% per le perdite

28 LARN: Fabbisogno calorico Età (anni) Calorie Maschi Calorie Femmine

29 Ripartizione del fabbisogno energetico Quota proteica circa il 10% Proteine di alto valore biologico Cereali+ legumi=proteine animali

30 Ripartizione del fabbisogno energetico Quota glucidica dal 40% nel primo anno al 60% dopo il terzo anno Carboidrati complessi Carboidrati semplici

31 Ripartizione del fabbisogno energetico Quota lipidica dal 50% nel 1 anno al 30% dalla fine del 2 anno I grassi sono importanti per cervello e occhio Grassi nobili=insaturi

32 Come deve essere ripartito il fabbisogno energetico in età scolare? La giornata alimentare del bambino deve essere distribuita in modo razionale: 1. una buona prima colazione (15% delle calorie totali) 2. uno spuntino leggero (5% delle calorie totali) 3. un pranzo equilibrato (40% delle calorie totali 4. una merenda nutriente (10% delle calorie totali) 5. e una cena variata (30% delle calorie totali

33 Prima colazione Tazza di latte (250ml)con orzo o malto, pane(30-35gr),fette biscottate con miele o marmellata Tazza di latte con biscotti secchi (20-25gr)o integrali o fetta di torta casalinga Yogurt o tazza di latte con fiocchi di cereali Yogurt con frutta fresca e pane Spremuta di agrumi e pane con marmellata o miele

34 colazione scarsa scarso appetito a cena spuntino troppo ricco merenda troppo abbondante scarso appetito a pranzo

35 Spuntino di metà mattina Frutta fresca di stagione (100gr) Evitare snacks dolci e salati patatine,pane e salumi,pizza,bibite zuccherate

36 Assunzione giornaliera di alimenti Pranzo e cena dovrebbero includere: il primo piatto + secondo piatto + verdura + frutta, oppure il piatto unico + verdura + frutta. E sconsigliata l abitudine al fuori pasto (patatine, salatini, dolci dolciumi, succhi di frutta). Verdura e frutta:sono importanti per l apporto di fibra alimentare (10g/1000 kcal).

37 Pranzo Pastina 40-50gr Olio 10-15gr Parmigiano 5gr Carne 40-50gr o pesce 60-70gr Verdura gr Pane 30gr (2-3anni)

38 Merenda pomeridiana Latte o yogurt con cereali Latte e pane o fette biscottate Frullato di frutta Fetta di torta casalinga Gelato preferibilmente alla frutta Sconsigliati pizze,snacks,pane e salumi dolci elaborati

39 Cena Brodo vegetale 200ml+ verdure passate 50gr+ cereali 30gr Olio 10-15gr Parmigiano 5gr Formaggio fresco 35gr / uovo / prosciutto cotto o crudo 20gr / legumi 40 gr freschi 20gr secchi Frutta o macedonia 70gr Pane 30gr(a 2-3anni)

40 Porzioni di alimenti consigliate in età pre-adolescenziale

41 Menù settimanale Carne 4 volte(rossa 1 volta,bianca 2-3) Pesce 2-3 volte Legumi 2-3 volte Uovo 2 volte Formaggi 3 volte Prosciutto o salumi 1 volta Piatto unico 1-2 volte Le verdure ogni giorno sia a pranzo che a cena prima passate poi cotte o crude in forma solida Frutta fresca di stagione dopo i pasti o come spuntino

42

43 Assunzione giornaliera di alimenti Gli alimenti dovrebbero essere preferibilmente cotti in umido a vapore, oppure al forno, comunque andrebbe evitato il ricorso a friggitura. Per il condimento usare grassi vegetali, olio extravergine di oliva, olio di semi di girasole o di mais. Va limitata l assunzione di salumi e carne o pesce in scatola. Cibi vietati: Molluschi e crostacei crudi (rischio infezioni). Caffè, tè, bevande a base di cola con caffeina. Alcoolici.

44 Alimentazione per le epoche successive al primo anno di vita Per la popolazione pediatrica la qualità nutrizionale si deve basare sulla promozione di un alimentazione moderata e varia, promuovendo l attività fisica. L osservazione della realtà attuale indica che i bambini di età compresa tra i 3 e i 12 anni,oltre a essere sedentari, compiono alcuni errori nutrizionali: 1. Eccesso calorico rispetto alla spesa energetica. 2. Colazione inadeguata o saltata. 3. Eccesso di proteine e lipidi di origine animale o di carboidrati ad alto indice glicemico. 4. Scarso apporto di pesce e di fibre e proteine vegetali.

45 Errori alimentari I più frequenti errori commessi nell'alimentazione del bambino di età scolare sono: - apporto calorico giornaliero piuttosto alto - apporto di colesterolo spesso troppo elevato - basso consumo di vegetali e dunque di fibra alimentare - apporto di proteine elevato con eccesso di proteine animali - ridotto apporto di carboidrati complessi - eccessivo consumo al contrario di zuccheri semplici - scarso apporto di latte e yogurt - conseguente frequente carenza degli apporti di calcio - consumo di cereali poco raffinati pressoché nullo

46 Fabbisogno di calcio Almeno 300 ml al giorno in parte anche come yogurt o formaggio Essenziale per la crescita Molto aumentato nell adolescenza Prevenzione dell osteoporosi nell età adulta

47 Bambini che non mangiano Se è stato in grado di restare attivo tutta la giornata ha sicuramente assunto calorie sufficienti Osservare i dati obiettivi di crescita in peso e altezza I fabbisogni di calorie e nutrienti si riduce sensibilmente dopo il primo anno di vita Variabilità individuale e target genetico

48 Bambini che non mangiano difficoltà nell accettare cibi e modalità diverse eccessiva importanza data ad alcuni alimenti(carne) variabilità dell appetito fattori ambientali(caldo,mancanza di attività fisica) genitori ansiosi repressione del desiderio di manipolare i cibi tentando di mangiare da solo tensione dei rapporti familiari

49 Bambini che non mangiano Evitare di ricorrere ad espedienti tattici Evitare di ricorrere ad alimenti dolci o salati per far mangiare il bambino perché questo incide negativamente sulle sue abitudini alimentari Evitare il ricatto affettivo o materiale

50 Bambini che non mangiano frutta e verdura Non disperare e continuare nell esempio Provare ricette diverse Coinvolgerli nell acquisto

51 I ricostituenti Sono tra i farmaci più venduti Carichi di suggestione Spesso inutili e privi di scientificità Illudono il genitore e procurano grossi guadagni alle industrie che li producono

52 Il bambino che non mangia nulla! beve solo latte Il latte non è solo bevanda ma alimento quasi completo che fornisce calorie e nutrienti All opposto non deve essere consumato al pasto o fra un pasto e l altro

53 I bambini che mangiano troppo Fattori genetici, neuropsicologici,culturali socioeconomici Abitudini di vita scorrette Adiposity rebaund Nato sotto peso consegnare subito al bambino corrette abitudini alimentari e motorie

54 Bambini sedentari Lo stile di vita sedentario è fattore di rischio per cardiopatia coronarica ipertensione,diabete,osteoporosi Lo stile di vita fisicamente attivo preferisce l uso dei muscoli rispetto alle macchine Esperienza del piedibus o bicibus

55 Le diete speciali Celiachia Allergia alle proteine del latte vaccino Intolleranza al lattosio Favismo Intolleranza al nickel Motivi etico-religiosi

56 Scelta al consumo degli alimenti Leggere attentamente le etichette dei prodotti Diffidare di coloranti,edulcoranti,conservanti,aromi grassi idrogenati,grassi non identificati Evitare le bevande zuccherate Non far mangiare davanti alla tv

57 Favorire una corretta alimentazione sin dalla nascita 1. costituisce uno dei possibili interventi preventivi più efficaci nei confronti dello sviluppo di patologie di tipo cronico - degenerativo. 2. Favorisce l espressione più corretta del potenziale di crescita e di sviluppo psico - intellettivo. 3. Costituisce un primo intervento preventivo ed educativo che sviluppi nel bambino un senso di autoregolazione con riflessi più generali nel campo di autoregolazione alla salute e ad uno stile di vita corretto

58 Disordini dell alimentazione Malnutrizione: Si intende ogni alterazione della nutrizione per una dieta non bilanciata o insufficiente o per un difetto della digestione o dell assorbimento e dell utilizzazione dei nutrienti. Malnutrizione proteico-calorica primitiva Nei Paesi in via di sviluppo è una causa frequente di morbilità e di morte dei bambini al disotto dei 5 anni. Nei Paesi industrializzati un deficit primitivo di nutrienti nella dieta è una evenienza eccezionale, mentre una malnutrizione secondaria è presente anche tra i nostri bambini

59 Malnutrizione secondaria - Infezioni - Cancro - Fibrosi cistica - Malassorbimento (m.celiaco) - Anoressia mentale - Cancro - Restrizione degli introiti per fattori sociali 1. Aumento delle richieste caloriche 2. Aumentate perdite caloriche: a) Per maldigestione b) Per alterato assorbimento 3. Ridotta assunzione proteico- calorica 4. Combinazione delle diverse componenti

60 Disordini dell alimentazione Obesità

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE

COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE in collaborazione con: - C. N. R. di Avellino Istituto di Scienze dell alimentazione - Prof. Augusto Parente-Facoltà di scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Seconda

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE A cura della dott.ssa Teresa Canali In età scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino, pertanto è in questa fase della vita che la

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

L ATTIVITA DEL SERVIZIO

L ATTIVITA DEL SERVIZIO Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Area Nutrizione L ATTIVITA DEL SERVIZIO A partire da settembre 2002, l unità operativa Nutrizione del SIAN di Modena ha

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Milano, 29 marzo 2012 La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Andrea Ghiselli INRAN La corretta alimentazione del bambino Alimento 3-10 anni Porzioni Linee Guida Frutta+succhi 216 1.4 3

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU INDICAZIONI NUTRIZIONALI Nella formulazione delle tabelle dietetiche per la popolazione infantile si è perseguito l obiettivo di fornire una alimentazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

a pranzo con i nonni consigli utili per una dieta d argento Trieste 20 settembre 2013 Tiziana Longo

a pranzo con i nonni consigli utili per una dieta d argento Trieste 20 settembre 2013 Tiziana Longo a pranzo con i nonni consigli utili per una dieta d argento Trieste 20 settembre 2013 Tiziana Longo sana alimentazione a rischio? Fabbisogni specifici per età In media mancano all appello 300 kcal/die*

Dettagli

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica A.S. 2015/2016 Il servizio di ristorazione scolastica Il Servizio di Ristorazione Scolastica offerto in questo Istituto si caratterizza come supporto funzionale all'attività scolastica vera e propria.

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Dal latte alla pappa. Suggerimenti per la corretta alimentazione di neogenitori e bambini da 0 a 3 anni

Dal latte alla pappa. Suggerimenti per la corretta alimentazione di neogenitori e bambini da 0 a 3 anni Dal latte alla pappa Suggerimenti per la corretta alimentazione di neogenitori e bambini da 0 a 3 anni Questo materiale è stato realizzato nell ambito del Piano Regionale della Prevenzione nel Lazio 2010-2012

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 SVEZZAMENTO, principi e qualità Maura Sticco Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 (o, forse, Svezzamento, quando, cosa, quanto?) Quando ESPGHAN Co. N. 2008 L allattamento al

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

La dieta al nido nel. primo anno di vita

La dieta al nido nel. primo anno di vita La dieta al nido nel primo anno di vita PREMESSA L alimentazione è basata su regole scientifiche dalle quali non si può prescindere se si vuole mantenere lo stato di buona salute e di piena efficienza.

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione Premessa S.P.E.S. (Servizi alla Persona Educativi e Sociali) persegue il ben-essere di bambini e adolescenti che ogni giorno frequentano le sue strutture e aiutano le famiglie nel loro compito educativo.

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli