La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla"

Transcript

1 La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla CASO I: La vicenda viene letta da una voce fuori campo o inserita in una slide Le parti sottolineate nella mediazione possono essere direttamente lette dagli attori. Prima, nelle pause, alla fine: una musica in sottofondo. PREMESSA In data 10 marzo 2010 la signora Teresa Rossi di Brescia urtava in casa il ginocchio sinistro riportando un ematoma. Dopo alcuni giorni si rivolgeva al proprio medico curante, che Le consigliava di effettuare una visita specialistica ortopedica. Il 10 aprile la Rossi veniva visitata da un ortopedico presso l Ospedale Santissima Croce di Brescia, che consigliava una TAC al ginocchio sinistro. La sig.ra Rossi effettuava la TAC presso l Ospedale il successivo 20 aprile. La TAC evidenziava la lesione del menisco interno. Lo specialista ortopedico, al quale l infortunata si rivolse nuovamente il 10 luglio, le consigliò un trattamento artroscopico. Il 15 settembre la sig.ra Rossi veniva ricoverata presso il Dipartimento di Patologia dell apparato locomotore dell Ospedale Santissima Croce di Brescia con diagnosi di gonalgia sinistra. Durante la degenza veniva sottoposta ad intervento chirurgico di meniscectomia laterale selettiva ed esportazione plica sinoviale medio rotula del ginocchio sinistro. Il decorso post operatorio fu regolare e la paziente veniva dimessa il giorno successivo all intervento. La signora Teresa Rossi aveva stipulato la polizza contro gli infortuni Protezione Vita Tranquilla con la Compagnia Zeta Assurance di Roma. Il 15 marzo 2010 aveva denunciato il sinistro al proprio agente, che cura anche l azienda di famiglia, e successivamente, aveva trasmesso allo stesso sia il referto dello specialista ortopedico, che la cartella clinica del ricovero; richiedendo la liquidazione dell indennizzo. La polizza prevede euro 2.000,00 a punto per I.P. e 30,00 euro al giorno di I.T.T. con franchigia di sette giorni. In data 10 gennaio 2011 l assicurata veniva visitata dal medico-legale della Compagnia. Con raccomandata a.r. del 25 gennaio 2011, la Compagnia Zeta Assurance comunicava all assicurata di non poter liquidare alcun indennizzo in quanto la rottura del menisco non sarebbe, a detta della Compagnia, la conseguenza diretta ed esclusiva dell infortunio avvenuto il 10 marzo L inoperatività della garanzia assicurativa, veniva formulata con riferimento alla clausola n. 5 della polizza, la quale stabilisce che la società corrisponde l indennizzo solo per le conseguenze dirette ed esclusive dell infortunio. Nella raccomandata la Compagnia precisava che il trauma al ginocchio non poteva certo essere idoneo a produrre una lesione della cartilagine meniscale, alla luce di quanto aveva refertato il proprio medicolegale. 1

2 Il 10 marzo 2011 la signora Rossi si rivolgeva all avv. Elisabetta Benzoni di Brescia, la quale la informava che, prima di iniziare un giudizio nei confronti della Compagnia, si sarebbe dovuto esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione innanzi ad un Organismo di Mediazione, vertendosi in materia di contratto assicurativo. La signora Rossi, su consiglio del suo avvocato, decideva, quindi, di rivolgersi all Organismo Alfa Jus di Catania e presentava tramite l avvocato Benzoni istanza di mediazione depositandola il 1 settembre [tempo 3 minuti] ******* La scena: un tavolo, un agenda, un p.c. portatile, vari codici, un portapenne, tre bottiglie d acqua, dei bicchieri, due fascicoli, un piattino con delle caramelle. Nello sfondo della scena il regolamento di grandi dimensioni dell Organismo Alfa Jus di Catania. Ogni attore avrà a lato una borsa e sarà fornito di agenda. Le tre parti: il mediatore (Avv. Mario Russo); la parte attrice per Rossi (Avv. Elisabetta Benzoni); la parte convenuta per Zeta Assurance (Avv. Giuseppe Salsi). ******** Il mediatore : Buongiorno. Sono l Avvocato Mario Russo e sono stato designato dall Organismo Alfa Jus di Catania per conciliare questa vertenza. E stata presentata il primo settembre l istanza di conciliazione, che leggo velocemente, ma integralmente: [Legge velocemente nelle parti essenziali] All Organismo Alfa Jus di Catania Domanda di mediazione La sottoscritta Teresa Rossi, residente in via Alfonso Cossa n. 19, Brescia C.F. RSSTRS44D22T703S, telefono , rappresentata e difesa dall Avv. Elisabetta Benzoni, con studio in via Manzoni n. 20, Brescia, Codice Fiscale BNZLSB62C27D520K telefono , fax , per procura speciale con facoltà di conciliare in relazione alla legge 28/2010 Notaio Dott. Claudio Del Nero Rep. 1278/Ab2011 chiede di conciliare la presente vertenza nei confronti di Compagnia Zeta Assurance S.p.A., con sede in via Del Leone n. 18, Roma, P.I telefono , fax DESCRIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Indennizzo da polizza assicurativa infortuni con reiezione della garanzia da parte della Compagnia. VALORE INDICATIVO DELLA CONTROVERSIA: euro ,00. INDICAZIONE DELLE PRETESE: pagamento di 10 punti di invalidità permanente, 3 mesi di invalidità temporanea totale conseguente un infortunio del 10 marzo 2010, in cui l istante urtando un ginocchio si procurava la lesione di un menisco. 2

3 Alla presente si allega copia della seguente documentazione: Dieci certificati, una cartella clinica, una polizza, una relazione del medico legale Dott. Mario Rossi, una raccomandata ed un fax all Agenzia di Assicurazioni, una procura notarile. I sottoscritti dichiarano di avere ricevuto copia del Regolamento relativo al Servizio di mediazione dell Organismo Alfa Jus di Catania, di accettarne il contenuto e le relative tariffe. Catania, 1/9/2011 f.to Teresa Rossi e f.to Avv. Elisabetta Benzoni C è anche un mandato all avvocato Benzoni a margine per la difesa. Vedo che il quattro settembre la Segreteria dell Organismo e, quindi, nel termine di rito di tre giorni ha provveduto con raccomandata preceduta da fax a trasmettere l istanza alla Zeta Assurance. C è l accettazione nel termine di 15 giorni ed una memoria dove sono state evidenziate la diversa posizione sull indennizzo. Mi fa piacere ed è nello spirito dell Istituto che la memoria sia di un paio di pagine, per cui possiamo leggerla. All Organismo Alfa Jus di Catania Accettazione della procedura di mediazione Istanza di mediazione n. 1368/2011/C.ASS. La sottoscritta Compagnia Zeta Assurance S.p.A., con sede in via Del Leone n. 18, Roma, P.I telefono , fax , in persona del suo Direttore Generale Dott. Luigi Bianchi e del suo procuratore speciale Avv. Giuseppe Salsi, che la rappresenta per procura generale notarile notaio Dott. Del Bono, Rep. 11/AB del 15/1/2011 con facoltà di conciliare ai sensi della Legge 28/2010 accetta il tentativo di mediazione proposto da Teresa Rossi, residente in via Alfonso Cossa n. 19, Brescia C.F. RSSTRS44D22T703S, telefono , rappresentata e difesa dall Avv. Elisabetta Benzoni, con studio in via Manzoni n. 20, Brescia, Codice Fiscale BNZLSB62C27D520K telefono , tel. cell , fax , DESCRIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Indennizzo contestato da polizza infortuni contratta il 10 aprile 2007 con l Agenzia Generale di Brescia della Zeta Assurance S.p.A. (L Avv. Salsi legge pacatamente la memoria:) MOTIVI DI DIFESA: Osserva la Compagnia di non poter procedere all indennizzo del lamentato danno, poiché non rientrante nella garanzia prevista dalla polizza infortuni sottoscritta dalla ricorrente. A tal fine evidenzia che, come ampiamente riportato in letteratura medica, due sono le cause principali di rottura di un menisco: o da evento traumatico, in tal caso il ginocchio subisce un trauma in torsione a seguito di movimenti di iperflessione o iperestensione, ovvero da degenerazione del tessuto meniscale, che con il passare degli anni diventa più fragile e meno elastico. Le fibrocartilagini meniscali, infatti, con il tempo perdono parte della loro elasticità e sono maggiormente soggette ad usura. Per questo motivo negli anziani molte rotture meniscali sono il risultato di traumi insignificanti, come l'atto di accovacciarsi. Sulla base dei rilievi svolti ed in considerazione delle circostanze, in cui sarebbe avvenuto il presunto infortunio, riferito dall Assicurata, non pare plausibile che il menisco si sia lesionato solo a seguito di 3

4 semplice urto dell arto contro un letto, ma che lo stesso sia stato generato da usura delle fibrocartilagini meniscali. Questo, anche tenuto conto dell età dell Assicurata. Trattandosi, tuttavia, di polizza infortuni, ossia di polizza che indennizza un danno derivante da evento fortuito, violento ed esterno, che provoca lesioni corporali obbiettivamente constatabili, aventi come conseguenza la morte, l'invalidità permanente o l'inabilità temporanea della persona che ne è colpita, in esso non potrà farsi ricomprendere il caso che occupa, legato più ad una patologia degenerativa dell articolazione che ad un evento traumatico, rientrante nella fattispecie di infortunio. Alla presente la sottoscritta Compagnia allega copia della seguente documentazione: Relazione medico-legale e n. 2 comunicazioni all assicurata. Procura notaio Dott. Del Bono all Avv. Giuseppe Salsi. La sottoscritta dichiara di avere ricevuto copia del Regolamento relativo a questo Servizio, di accettarne il contenuto e le relative tariffe. Roma, 1/9/2011 Compagnia Zeta Assurance S.p.A. Allegata procura alle liti. [L Avv. Salsi riconsegna al mediatore la memoria] Il mediatore (rivolto a tutte le parti): Il contributo di 30,00 euro è stato pagato e le spese di conciliazione (350,00 euro a testa) anche. Non vedo, però, la signora Rossi. Controlliamo, allora, le procure. Devo farvi notare che preferisco sempre che sia presente la parte personalmente. Dobbiamo valutare nella mediazione i veri interessi dei soggetti in contenzioso e non sempre si riesce con le parti tecniche ed i procuratori a far emergere le posizioni reali. Mi raccomando: operiamo nei tempi e con atteggiamenti conciliativi. Lei è? [Rivolto all Avvocato della Rossi e offrendo una caramella] L Avv. Benzoni che accetta la caramella senza metterla in bocca: Grazie. Sono l avvocato della Rossi, e la rappresento in questa mediazione. La mia procura è notarile ed ho mandato a conciliare. Dimenticavo, mi chiamo Elisabetta Benzoni e sono del Foro di Brescia. L Avv. Salsi: Sono l avvocato Salsi e rappresento con procura generale con facoltà di conciliare Zeta Assurance S.p.A.. La procura è allegata alla memoria, che ho letto. Se permette bevo un bicchiere d acqua perché sono appena arrivato in aereo a Catania e c è un bel caldo; mi viene quasi voglia dopo l udienza di farmi l ultimo bagno della stagione [SI versa e beve un bicchiere d acqua] Il mediatore: Avvocato Le consiglierò io una bella spiaggia. Va bene. I vostri atti sono sufficientemente chiari per iniziare a lavorare. Ho già inserito nel fascicolo la mia dichiarazione di riservatezza e l accettazione dell incarico. Siamo tutti uomini di diritto, per cui tralascio di spiegarvi che cosa è una mediazione e la procedura. Mi permetto solo di dare quella che è la mia definizione preferita: la mediazione è l attività di parti in contenzioso, guidate da un terzo imparziale, disponibili a rinunce per trovare una conciliazione che permetta di risolvere problemi passati, nell ottica del presente e del futuro. Vi 4

5 spiego come procederemo: oggi è il 30 settembre. Ci rivediamo tra due settimane venerdì quattordici, alla stessa ora ed avrò già sentito un medico legale iscritto all albo dei consulenti tecnici del Tribunale di Catania e che collabora con l Organismo, perché mi dia delucidazioni sul caso. Siete d accordo? Le parti: Sì Si (entrambe) Il mediatore: Avvocato Benzoni mi faccia chiamare, passando dalla Segreteria dell Organismo, dalla Signora Rossi. Vorrei farle delle domande sul fatto. Tutto questo con la massima riservatezza, poiché senza l autorizzazione della sua cliente o sua, nulla sarà riferito alla controparte. Avv. Benzoni: Va bene. La signora è un po loquace, quasi logorroica; ormai vive per questo problema. Non vorrei che la tenesse al telefono per ore. Vuole darmi il suo cellulare? Il mediatore: Non si preoccupi. Penso che sia positivo per la Sua cliente parlare con me e nel caso la bloccherò. Ci conto in ogni caso, ma lasciamo stare il cellulare. Avv. Benzoni: Va bene. Il mediatore: Avv. Salsi ha qualcosa da aggiungere prima di predisporre il verbale? Avv. Salsi: No. Spero solo che la Rossi si convinca che non si può chiedere somme solo perché ha una polizza infortuni. Non ha sicuramente ragione, e poi, che stranezza scegliere un Organismo, seppur qualificato, di Catania. Il Funzionario della Compagnia ha parlato con la Collega. Hanno letto polizza e perizia, hanno discusso, ma non si sono capiti. Non si comprende l ovvio. Il mediatore: Spero che con il mio aiuto ci sia ora più comunicazione. Predispongo il verbale perché ci sono tutti gli elementi per una conciliazione e del resto è importante che ci siamo seduti ad un tavolo in così breve tempo. Sentirò l infortunata ed un medico legale. Se ho necessità Vi telefono. E evidente che quanto riterrò rilevante per la conciliazione dovrà essere autorizzato perché sia comunicato all altra parte ed eventualmente verbalizzato. [breve pausa, rivolgendosi a Salsi] Salsi, mi permetto.. non c è niente di ovvio tra due soggetti che comunicano senza sforzarsi di farsi capire. Il mediatore completa con il p.c. un modulo e essenziali. lo legge dopo pochi secondi velocemente nelle parti Organismo Alfa Jus di Catania Verbale di udienza del giorno 30/9/2011 Procedimento n. 1368/2011/C.ASS. Teresa Rossi, rappresentata dall Avv. Elisabetta Benzoni CONTRO Compagnia Zeta Assurance, rappresentata dall Avv. Giuseppe Salsi PREMESSO 5

6 che veniva presentata presso l Organismo Alfa Jus di Catania domanda di mediazione da parte di Rossi Teresa per il tramite dell avv. Elisabetta Benzoni relativamente a controversia sorta tra la sua Compagnia di Assicurazione Zeta Assurance S.p.A. per un indennizzo relativo ad una polizza infortuni; che la domanda di mediazione veniva accettata dalla Zeta Assurance in data 16 settembre 2011; che in data 2 settembre 2011 l organismo Alfa Jus di Catania determinava di affidare l incarico di mediatore per la controversia in epigrafe all Avv. Mario Russo domiciliato presso la sede dell Organismo e fissava udienza avanti a sé per il giorno 30 settembre 2011, alle ore 15.00, convocando formalmente le parti a mezzo di raccomandata A.R. anticipata a mezzo telefax; che il mediatore in data 2 settembre 2011 accettava l incarico; che oggi 30 settembre 2011, alle ore 15.00, presso l Organismo Alfa Jus di Catania sono comparse le parti quanto a Rossi Teresa: avv. Elisabetta Benzoni e quanto a Zeta Assurance S.p.A.: avv. Giuseppe Salsi; che le parti concordemente accettano che il mediatore fissi altra udienza per la prosecuzione della procedura per una possibile e auspicabile conciliazione. IL MEDIATORE preso atto, rinvia al giorno 14/10/2011 alle ore per la prosecuzione del tentativo di mediazione. Catania, 30/9/2011 Il Mediatore F.to Avv. Mario Russo Per Teresa Rossi Avv. Elisabetta Benzoni Per Zeta Assurance S.p.A. Avv. Giuseppe Salsi Il mediatore: Vi leggo anche la mia accettazione e la dichiarazione di riservatezza che è stata allegata al fascicolo e che avevo dimenticato di leggervi. Avv. Benzoni: Non c è bisogno. Il mediatore: I formalismi nella mediazione sono pochi, ma questo passo è previsto e perdiamo solo un attimo. [Continua il mediatore leggendo velocemente e nelle parti essenziali] Organismo Alfa Jus di Catania Il sottoscritto Avv. Mario Russo, nato a Messina, il 5/12/1970, C.F. RSSMRI70T05D207K e P.I accetta l incarico di mediatore nel procedimento amministrato dall Organismo Alfa Jus di Catania fra la Parte Istante Signora Teresa Rossi e la Parte Convenuta Compagnia Zeta Assurance S.p.A. di Roma 6

7 e dichiara di essere e rimanere indipendente, imparziale e neutrale nei confronti delle parti in lite, di osservare il vigente Regolamento di mediazione e le Norme di comportamento per i mediatori ed in particolare quella sulla riservatezza. Catania, 2 Settembre 2011 F.to Avvocato Mario Russo Dopo una brevissima pausa, in cui rilegge parte del verbale mentalmente, il mediatore continua. Il mediatore: Se va tutto bene possiamo sottoscrivere. Dimenticavo: per il contenzioso non ritengo di sentirvi oggi disgiuntamente. Vedremo se sarà necessario alla prossima udienza. [porge un foglio, i due Avvocati firmano e successivamente firma il mediatore] Il mediatore: Domani mattina la Segreteria ne trasmetterà una copia. Grazie e mi raccomando al prossimo incontro del 14 ottobre la puntualità! Se ci sono problemi sull orario, concordiamolo subito. Qualcosa da aggiungere? Le due parti: No, va bene (entrambe) I tre si salutano. Si spengono per dieci secondi le luci. Riappaiono i tre protagonisti. La luce da tavolo è accesa. I protagonisti si salutano cordialmente. Il mediatore: Ho sentito il medico. Vi dico subito che non ritengo di perdere tempo e farvi avere altri costi per una perizia medica anche perché in sostanza non ci sono grandi diversità di quantificazione per i punti di invalidità, vero? Le parti annuiscono. Il mediatore: La signora Rossi mi ha telefonato e si è sfogata. E inciampata ed ha battuto il ginocchio sulle sponde del suo letto di ferro. Al fatto era presente anche il marito. Del resto non sono contestate le circostanze e in questo procedimento non ci sono udienze di prove per testi. L infortunata ha sessantacinque anni ed ha quel letto da sempre. Le ho anche domandato le misure della stanza e la dislocazione dei mobili. Penso proprio che quella stanza sia un dedalo. La signora ha escluso di avere avuto prima problemi al ginocchio. Anche l estate precedente aveva passato un mese nelle valli del bresciano a fare camminate ed a raccogliere funghi. Sono stato autorizzato a raccontare i fatti. La signora, poi, mi ha dato un idea delle sue pretese, ma su questo non ho autorizzazione a riferire alla Compagnia. Voi sapete che sono legato al dovere di riservatezza. 7

8 Interviene un po sopra le righe l Avv. Salsi quasi sovrapponendosi al mediatore: In ogni caso è stata disattenta. Come si fa ad inciampare nella propria camera da letto? E se, poi, proprio le passeggiate in montagna Le hanno usurato il ginocchio. Interviene l Avv. Benzoni: Ho capito: vuoi tirare fuori l articolo 1227 del Codice Civile. La mia cliente è caduta casualmente! Non è una stupida e le camminate dimostrano che il ginocchio era a posto. Interviene il mediatore pacato: Si tratta solo di conciliare, di trovare soluzioni alternative, che soddisfino oggi e domani gli interessi di entrambi. Voglio farvi una proposta. Vi ricordo le conseguenze - [il mediatore legge velocemente] - in caso di non accettazione se nell eventuale giudizio civile il Giudice rilevasse che la proposta di conciliazione corrisponda interamente alla sentenza; in base all'art. 13 della legge 28/2010, il Giudice escluderà la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice che ha rifiutato la proposta, riferibili al periodo successivo alla formulazione della stessa. Condannerà al rimborso delle spese sostenute dalla parte soccombente relative allo stesso periodo, nonche' al versamento di un'ulteriore somma corrispondente al contributo unificato dovuto. Devo anche ricordarvi formalmente che quando il provvedimento che definisce il giudizio non corrisponde interamente al contenuto della proposta, il Giudice, se ricorrono gravi ed eccezionali ragioni, puo' escludere la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice per l'indennita' corrisposta al mediatore e agli esperti. [pausa] La mia proposta è di accettare la quantificazione della Compagnia - 7 punti d invalidità permanente e di abbattere l indennizzo di un 40%. Quindi 2.000,00 euro a punto come da contratto per 7 punti 40% più una temporanea di trenta giorni. Va bene? Potete darmi una risposta oggi oppure vi do il termine di sette giorni previsto dalla legge. [Brevissima pausa] Il mediatore: Vi ricordo, che dovrò inserire l art. 13 se non accetterete la proposta nel verbale come previsto dalla legge. Avv. Salsi: Dovrei sentire la Compagnia. Avv. Benzoni: Per me invece potrebbe andare bene un abbattimento del 30%. La signora Rossi non ha voglia di affrontare un giudizio per questi importi e si fà consigliare da me. Il mediatore: Avv. Salsi, potremmo concludere anche oggi pomeriggio. Ha qualche controproposta? L Avv. Salsi: Ho ascoltato attentamente la proposta ed anch io vorrei conciliare. Sono venuto a Catania due volte [e sospira] e in Direzione non vogliono tenere il sinistro aperto per anni. I tempi della giustizia, lo sapete sono lunghi. Vi propongo un abbattimento del 50%, ma, un anno di garanzia suppletiva. So che il marito della Rossi ha tante polizze con la Compagnia e l Agente Generale di Brescia preme per mantenere buoni i rapporti. Il mediatore: Avv. Salsi, valida proposta: è una mediazione non un contenzioso davanti ad un Giudice. Mi piace quando si trovano alternative valide. 8

9 Avv. Salsi: Il tutto mi sembra possibile ed equo ed in ogni caso si fa riferimento al concorso di colpa dell infortunata. Questo soddisferà anche la Compagnia. Il mediatore: Cosa ne pensa Benzoni? Avv. Benzoni dopo un attimo: Penso che si possa fare. Gli importi sono simili, ma questa proposta permetterà che i rapporti con l agente si consolidino. Posso dire che noi conciliamo. Il mediatore: Siamo stati bravi e anche veloci. Una causa di questi termini sarebbe durata due o tre anni davanti ad un Tribunale. Preparo il verbale di questa udienza e la separata proposta di conciliazione? Avv. Benzoni: Ok, va bene Avv. Salsi: Potrebbe andare bene. Tra l altro, a parte i viaggi, [ironico] la Compagnia ha risparmiato sulle spese dell Avv. Benzoni. Poi non dite che le Compagnie non fanno il loro dovere. Il mediatore dopo qualche attimo consegna un prestampato che, nel frattempo, ha riempito al computer e lo legge velocemente e nelle parti essenziali. Il mediatore: Vi leggo il verbale. Organismo Alfa Jus di Catania Verbale di udienza del giorno 14/10/2011 Procedimento n. 1368/2011/C.ASS. Teresa Rossi, rappresentata dall Avv. Elisabetta Benzoni contro Compagnia Zeta Assurance S.p.A., rappresentata dall Avv. Giuseppe Salsi premesso che oggi 14 ottobre 2011, alle ore da precedente udienza, presso l Organismo Alfa Jus di Catania sono comparse le parti assistite quanto a Rossi Teresa: avv. Elisabetta Benzoni e quanto a Zeta Assurance S.p.A.: avv. Giuseppe Salsi; che il mediatore ha proceduto ad ascoltare le parti ed aveva ascoltato disgiuntamente la signora Rossi; che il mediatore intende formulare una proposta per la risoluzione della controversia insorta tra le parti; che il mediatore ha informato le parti in merito alle possibili conseguenze di cui all art. 13 del Decreto Legislativo n. 28 del Tutto ciò premesso: formula una proposta con atto separato. Il Mediatore 9

10 Le parti dichiarano di accettare la proposta del mediatore. Catania, 14 Ottobre 2011 Il Mediatore F.to Avv. Mario Russo f.to Avv. Elisabetta Benzoni per Rossi Teresa f.to Avv. Giuseppe Salsi per Zeta Assurance Il mediatore: Tutto bene? Avv. Salsi: Non si potrebbe abbattere del 45%? E l anno di garanzia. In fondo la signora è caduta in casa sua e la nostra relazione medico-legale escludeva ogni nesso tra l urto ed i problemi al menisco. Avv. Benzoni: Ma ti ho già concesso la tua valutazione ed il Vostro medico legale Dott. Panicucci è sempre stretto! Il mediatore: Non perderei inutilmente tempo. Il tutto mi sembra equo e nello spirito dell Istituto della mediazione. Tra l altro la Rossi potrà detrarre le mie competenze dalla sua dichiarazione dei redditi e so che non c è sull importo tassa di registro. Le parti: Ok Va bene Viene sottoscritto il verbale d udienza consegnato dal mediatore e per ultimo firma il mediatore. Il mediatore: Non specificherei penali per i termini del pagamento perché la Zeta Assurance paga velocemente. In ogni caso potrete sempre rivolgervi al Presidente del Tribunale di Catania per l omologazione. Domani o dopo avrete la copia dei verbali e la copia della conciliazione in Studio. Ora preparo il verbale della conciliazione che firmeremo e, poi, la depositerò nella Cancelleria dell Organismo e sarà a Vostra disposizione. L Avv. Benzoni: Sicuramente non la depositerò nella Cancelleria del Tribunale di Catania per ottenere il titolo perché la Compagnia mi manderà l importo nei prossimi giorni. Vero collega? Avv. Salsi: Mandami gli estremi per il bonifico. Il mediatore: Preparo in qualche minuto il verbale dove conciliate con un anno di garanzia aggiunta senza costi con I.P. di 7 punti più 30 giorni di I.T. Detrarrò il 40% ed indicherò per chiarezza gli importi. [brevissima pausa] Sono soddisfatto del Vostro atteggiamento. Cosa ne dite se andiamo a prendere un buon caffè o una granita al caffè? Offro io, naturalmente. Le parti si salutano cordialmente. Si spengono le luci. Musica di sottofondo. [30 minuti totali] 10

La polizza malattia Optima Salus

La polizza malattia Optima Salus La polizza malattia Optima Salus CASO II: La vicenda viene letta da una voce fuori campo o inserita in una slide. Le parti sottolineate nella simulazione possono essere direttamente lette dagli attori.

Dettagli

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE INFORMATIVA EX ART. 4 D.LGS N. 28/2010 E ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI DESIGNAZIONE

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

Regolamento di mediazione

Regolamento di mediazione Regolamento di mediazione Gennaio 2015 www.adrcenter.com ADR Center è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1 Sommario 1. Attivazione della procedura... 3 2. Nomina del mediatore... 3 3. Oneri delle parti... 4 4. Obblighi del mediatore... 4 5. Indennità... 4 6. Confidenzialità... 6

Dettagli

Ai sensi e per gli effetti dell art. 8 del D. L.vo n. 28 del 4.3.2010, visto il deposito dell istanza di INVITO ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

Ai sensi e per gli effetti dell art. 8 del D. L.vo n. 28 del 4.3.2010, visto il deposito dell istanza di INVITO ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi e per gli effetti dell art. 8 del D. L.vo n. 28 del 4.3.2010, visto il deposito dell istanza di mediazione n. /201, comunico il presente INVITO ALLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE promossa da nato/a

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1. Il presente regolamento di applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi delle controversie civili e commerciali che le parti intendono risolvere bonariamente.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 23 del Registro degli Organismi deputati a gestire procedure di mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 e s.m.i. REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Revisione IX del 15 aprile 2015 - In vigore dal

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA INDICE 1. SCOPO. 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE.2 3. RIFERIMENTI 3 3.1 Glossario 4. RESPONSABILITA...4 5. MODALITA

Dettagli

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante )

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 Dlgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Ad Personam/Mod. X0403.0 Edizione 2/2009 Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE ORDINE DEGL I A V V OCATI DI LECCE ORGANISMO DI CONCILIAZIONE REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE Art. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Conciliazione/Mediazione è una procedura, comunque denominata,

Dettagli

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1 La mediazione finalizzata alla conciliazione Diritti riservati 1 1. Regolamentazione Dlgs. 4 marzo 2010 n. 28 (come mod. art. 84 DL 21.6.2013 n.69, L. di conv. 9.8.2013 n.98) Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

PROCEDURA A.D.R - P.A

PROCEDURA A.D.R - P.A PROCEDURA A.D.R - P.A ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION A.D.R P. A REV.1 COME RISOLVERE UNA CONTROVERSIA FUORI DAI TRIBUNALI CON TEMPI & COSTI CERTI ATTENZIONE ADEMPIMENTO OBBLIGATORIO DAL 21 MARZO 2011 NEL

Dettagli

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l.

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. PREMESSE ADR Notariato Srl è un organismo di mediazione iscritto al registro tenuto ai sensi del Decreto del Ministero della Giustizia n. 180

Dettagli

MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO

MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO Alla Segreteria del della Camera di d commercio di Torino Organismo iscritto al n. 122 del Registro degli organismi di mediazione MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO Persona

Dettagli

Mediazione civile e commerciale

Mediazione civile e commerciale Cosa è la mediazione per la conciliazione?...3 Come si può avviare una mediazione?...3 Come viene scelto il mediatore?...3 Può la parte scegliere il proprio mediatore di fiducia?...3 La mediazione è obbligatoria?...4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 Ai sensi del D.lgs. 28/2010, del D.M. 180/2010 e del D.M. 145/2011 così come modificati dal D.L. 69/2013 convertito in L. 98/2013. ART. 1 - APPLICAZIONE

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Viaggiare. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Viaggiare. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Viaggiare Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall IVASS ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del

Dettagli

Contratto di Infortuni

Contratto di Infortuni Contratto di Infortuni Edizione 2012 NOTA INFORMATIVA POLIZZA INFORTUNI ISCRITTI AL SI. R. BO (Sindacato Ragionieri Commercialisti di Bologna) appartenenti alle categorie commercialisti e praticanti. La

Dettagli

ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE. Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov.

ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE. Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov. ADESIONE AL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE Il/la sottoscritto/a (persona fisica o giuridica), nata/o a, il, residente a/con sede in, prov., via, cap, codice fiscale, tel., cell., fax, e-mail, P.iva, in persona

Dettagli

InMedio. Regolamento. Premessa

InMedio. Regolamento. Premessa InMedio Regolamento Premessa L organismo denominato Inmedio di qui a seguire indicato più brevemente organismo, svolge attività di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e

Dettagli

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Articolo 1 Premessa L applicazione del presente regolamento decorre dalle procedure di mediazioni avviate a partire dal 20 Settembre 2013. Il regolamento

Dettagli

Oggetto: TESSERAMENTO ANCeSCAO ANNO 2013 E POLIZZA ASSICURATIVA ( Costo tessera 3.oo l anno)

Oggetto: TESSERAMENTO ANCeSCAO ANNO 2013 E POLIZZA ASSICURATIVA ( Costo tessera 3.oo l anno) Oggetto: TESSERAMENTO ANCeSCAO ANNO 2013 E POLIZZA ASSICURATIVA ( Costo tessera 3.oo l anno) L ANCeSCAO ha stipulato con le Assicurazioni Generali anche per l anno 2013 un accordo che si riferisce a tre

Dettagli

ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE. Il sottoscritto nato/o a. alla Via n.tel fax. mail/pec @ CF. documento di identità n.

ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE. Il sottoscritto nato/o a. alla Via n.tel fax. mail/pec @ CF. documento di identità n. ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE PROT. N. DEL Il sottoscritto nato/o a il residente in prov. ( ) alla Via n.tel fax mail/pec @ CF documento di identità n. rilasciato da il scadenza (allegare fotocopia

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA

REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1) Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Il presente Regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, di cui al D.

Dettagli

DELIBERA N. 25/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA PAIELLA XXXX/VODAFONE OMNITEL XXXX

DELIBERA N. 25/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA PAIELLA XXXX/VODAFONE OMNITEL XXXX DELIBERA N. 25/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA PAIELLA XXXX/VODAFONE OMNITEL XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

Infortuni Viaggiare. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Infortuni Viaggiare. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Infortuni Viaggiare Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall IVASS ma il suo contenuto non è soggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE D.LGS N. 28 DEL 4.3.2010, ART. 5, COMMA 1, D.M. N. 180 DEL 18.10.2010 ART. 7, COMMA 5, lett. b), D.M. N. 180 DEL 18.10.2010, ART. 16 D.M. N. 180 DEL 18.10.2010,

Dettagli

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Essenziale Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 817 del Registro degli Organismi di Mediazione presso il Ministero della Giustizia Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Aspiin il 10 marzo 2015 Pagina

Dettagli

Assicurazione Infortuni cumulativa aziendale Rischi Sportivi

Assicurazione Infortuni cumulativa aziendale Rischi Sportivi Assicurazione Infortuni cumulativa aziendale Rischi Sportivi Il presente Fascicolo informativo, contenente - Nota informativa, comprensiva del glossario - Condizioni di assicurazione deve essere consegnato

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

Domanda di mediazione congiunta - DATI DELLE PARTI

Domanda di mediazione congiunta - DATI DELLE PARTI Domanda di mediazione congiunta - DATI DELLE PARTI PRIMA PARTE Persona fisica Indirizzo di residenza Comune di residenza C.FISC./ E-mail ovvero Persona giuridica Denominazione Forma giuridica Titolare

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANTE. CAP P.IVA Tel. Fisso / Fax / Tel. Cell. / CAP P.IVA Tel. Fisso / Fax / Tel. Cell. / e-mail Qualifica istante

ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANTE. CAP P.IVA Tel. Fisso / Fax / Tel. Cell. / CAP P.IVA Tel. Fisso / Fax / Tel. Cell. / e-mail Qualifica istante ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANTE Sig. nato a il c.f. e-mail Nel caso in cui la parte richiedente sia una società Ragione sociale e-mail Qualifica istante RAPPRESENTATO E DIFESO PER IL PRESENTE PROCEDIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Regolamento in vigore dal 2/5/2013 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema

Dettagli

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Art. 1, ambito di applicazione. Ai sensi degli articoli due e cinque del D. Lgs. 04/03/2010 n. 28, come modificato dal D. L. 21

Dettagli

Camera di Conciliazione Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Ordine degli Avvocati della provincia di Palermo

Camera di Conciliazione Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Ordine degli Avvocati della provincia di Palermo REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE CON CONTESTUALE ACCORDO FRA L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PALERMO E L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI PALERMO ART. 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

DOMANDA DI AVVIO DELLA PROCEDURA CONCILIATIVA

DOMANDA DI AVVIO DELLA PROCEDURA CONCILIATIVA DOMANDA DI AVVIO DELLA PROCEDURA CONCILIATIVA Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente in prov via/piazza CAP indirizzo p.e.c. C. F. P. IVA qualifica in qualità di persona fisica rappresentante dell

Dettagli

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci UO: Settore Affari Generali AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Avviso pubblico per la formazione di elenco di professionisti cui conferire incarichi

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE ex art. 4 Dlgs 28/10 come modificato dal Decreto Legge Fare n.69/2013

ISTANZA DI MEDIAZIONE ex art. 4 Dlgs 28/10 come modificato dal Decreto Legge Fare n.69/2013 SPAZIO RISERVATO ALLA SEGRETERIA Domanda N. Depositata in data A cura di ISTANZA DI MEDIAZIONE ex art. 4 Dlgs 28/10 come modificato dal Decreto Legge Fare n.69/2013 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione di una controversia. Possono costituire oggetto

Dettagli

STATUTO dell'organismo di Mediazione Forense

STATUTO dell'organismo di Mediazione Forense STATUTO dell'organismo di Mediazione Forense Indice: Titolo I - Disposizioni Generali Art. 1 - Costituzione Art. 2 - Natura giuridica, patrimonio e autonomia organizzativa Art. 3 - Scopo Art. 4 - Sede

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI ROMA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Accreditato al n. 127 dal Ministero della Giustizia

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI ROMA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Accreditato al n. 127 dal Ministero della Giustizia ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI ROMA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Accreditato al n. 127 dal Ministero della Giustizia Regolamento Art. 1 - Oggetto e principi generali Il presente Regolamento dell Organismo

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE

ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A1 - PARTE ISTANTE (in caso di più parti allegare il modello A1 per ciascuna parte istante ) Inserire numero totale parti istanti Nome e cognome, nato Il Codice Fiscale, residente

Dettagli

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28)

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28) ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI (D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28) (da consegnare a mano ovvero a mezzo raccomandata a/r presso la sede legale dell Organismo, oppure via e- mail

Dettagli

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE Approvato con delibera consiliare del 19 Settembre 2013 coordinato con la Legge 98/2013

Dettagli

Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010

Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 Istanza di Mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010. conciliaconsumatorilonato@gmail.com Parte istante A1 Natura giuridica* (1) Nominativo* (2) C.F.* P. Iva E-mail* (3) Tel.* Cap* Rappresentante (4) Cell.*(3)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI Art. 1 Premessa ed oggetto Pag. 2 Art. 2 Elenco dei professionisti Pag. 2 Art. 3 Requisiti per l iscrizione nell elenco Pag. 3 Art. 4 Criteri di conferimento

Dettagli

Saperne di più. Mediazione Civile. Guida informativa Il procedimento di mediazione civile: informazioni utili per parti e assistenti di parte

Saperne di più. Mediazione Civile. Guida informativa Il procedimento di mediazione civile: informazioni utili per parti e assistenti di parte partner del ICAF - Istituto di Conciliazione e Alta Formazione Via Copernico n.30 20125 Milano Tel.02.67.07.18.77 Fax 02.66.71.56.81 mail info@istitutoicaf.it sito web www.istitutoicaf.it Organismo di

Dettagli

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig..., C.F.., residente in, Via, in proprio / quale legale rappresentante di, con sede in, P. IVA, (d ora innanzi il Cliente ), identificato come

Dettagli

All Organismo di Mediazione

All Organismo di Mediazione TIMBRO SEGRETERIA MEDIATORI PROFESSIONISTI ROMA S.R.L. VIA POMPEO NERI N. 10-00191 ROMA CODICE FISCALE E PARTITA IVA: 12907191006 REGISTRO IMPRESE DI ROMA NUMERO REA: RM-1409481 CAPITALE SOCIALE: EURO

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

UNA STRADA ALTERNATIVA PER LA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

UNA STRADA ALTERNATIVA PER LA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE UNA STRADA ALTERNATIVA PER LA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE È uno strumento di risoluzione alternativa delle controversie, che prescinde dall intervento del giudice ordinario. Non è quindi un procedimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Ai sensi della disciplina del D.Lgs. 4 marzo 200 n. 28 e successive modificazioni, e al D.I. 18 ottobre 2010 n.180 e successive modificazioni. Siracusa Via Francofonte, 2 Tel.

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

Contratto di Infortuni PROGRAMMA SALUTE

Contratto di Infortuni PROGRAMMA SALUTE CATTLOGO.JPG 30 CPIEDINO.JPG 27 ESOCAUTO.JPG 30 01 Cattolica Cattolica Assi curazioni Soc. Coop. Lungadige Cangrande, n 16-37126 Verona a norma dell'art. 65 R.D.L. 29 aprile 1923 n 966 n 00320160237 Registro

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT CAMERA DI CONCILIAZIONE E ARBITRATO PER LO SPORT REGOLAMENTO DI ARBITRATO PER LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE RELATIVE ALL APPLICAZIONE DEL MANUALE PER L OTTENIMENTO DELLA LICENZA UEFA DA PARTE DEI CLUB

Dettagli

Malattie. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Malattie. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Malattie Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall IVASS ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

5) CAMERA ARBITRALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE DI MILANO a) REGOLAMENTO ARBITRALE

5) CAMERA ARBITRALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE DI MILANO a) REGOLAMENTO ARBITRALE 5) CAMERA ARBITRALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE DI MILANO a) REGOLAMENTO ARBITRALE (in vigore dal 1 gennaio 2004) MODELLI DI CONVENZIONE ARBITRALE................ PREAMBOLO - LA CAMERA ARBITRALE.................

Dettagli

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Daoraè più facile Hai avuto un incidente? Aspetti un risarcimento? Scegli la conciliazione. E più semplice, è più rapida. Da oggi sono finiti

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Maggio 2015 Fondazione AEQUITAS A.D.R. Organismo privato di mediazione riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia iscritto al n.5 del registro degli organismi abilitati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Nic DELIBERAZIONE N. 161 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA xxxx c/ TELETU UTENZE RISPETTIVAMENTE: xxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AVVISO per la costituzione di un Albo aziendale di Avvocati esterni finalizzato al conferimento di incarichi di patrocinio legale per la difesa in giudizio dell Azienda USL 4 Teramo In esecuzione della

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa Art.1- Ambito di applicazione Il presente REGOLAMENTO si applica alle procedure di Mediazione amministrate da STUDIO IRIS finalizzate alla conciliazione

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

****** RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE FACOLTATIVA ******

****** RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE FACOLTATIVA ****** Spett.le ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AOSTA Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Aosta Iscritto al Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia al n 380 Palazzo di Giustizia

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it IL RUOLO DEL MEDIATORE-CONCILIATORE NELLE DIVERSE FASI DEL PROCEDIMENTO di Marco Pennisi In linea generale, la possibilità di una definizione concordata di una controversia dipende certamente nella effettiva

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.Lgs. n. 28/10, deli DM attuativi e del dm 145del 26 agosto 2011 il presente regolamento

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE

MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE CONVEGNO 4 NOVEMBRE 2013 a cura della Commissione di studio sulla Mediazione Arbitrato e Conciliazione MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE a cura della Dott.ssa Lidia Leone 1 MEDIAZIONE SI RIPARTE La nuova

Dettagli

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Prot. N. Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N.69 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Aricò xxxxx c/ Telecom Italia xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella

Dettagli

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Patrimoniale verso Terzi e della Responsabilità Amministrativa ed AmministrativoContabile n. CRB038AON39 Università, Istituti Scolastici Pubblici e

Dettagli

Camera di conciliazione e arbitrato

Camera di conciliazione e arbitrato Camera di conciliazione e arbitrato Guida informativa Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Camera di conciliazione e arbitrato presso la Consob - Guida informativa Tutto quello che i risparmiatori

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR 1. NOME: L organismo di mediazione è denominato: Mediamo ADR ; 2. SEDE: La sede principale è stabilita in Napoli alla Via San Giacomo,

Dettagli

NUOVA EDIZIONE. Guida al Reclamo. ed ai nuovi strumenti di risoluzione delle controversie

NUOVA EDIZIONE. Guida al Reclamo. ed ai nuovi strumenti di risoluzione delle controversie NUOVA EDIZIONE Guida al Reclamo ed ai nuovi strumenti di risoluzione delle controversie Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, il presente regolamento é applicabile

Dettagli

Mediazione e Conciliazione

Mediazione e Conciliazione Mediazione e Conciliazione Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. INDICE Decreto Legislativo 4 marzo 2010, n. 28...pag. 3 Decreto 18 ottobre 2010, n. 180...pag. 16 Circolare Ministero della Giustizia 4

Dettagli

Svolgimento della procedura di mediazione

Svolgimento della procedura di mediazione Svolgimento della procedura di mediazione Per ogni distanza c è sempre un ponte. Svolgimento della procedura di mediazione La procedura di mediazione si articola nelle seguenti fasi principali: Verifica

Dettagli

PARTE ATTIVANTE LA MEDIAZIONE. A) Dati C.F P.I. Indirizzo Città telefono cell. fax e-mail/p.e.c.

PARTE ATTIVANTE LA MEDIAZIONE. A) Dati C.F P.I. Indirizzo Città telefono cell. fax e-mail/p.e.c. pag. 1/4 da inviare a Concormedia S.r.l. Via Alberico II, 4-00193 Roma - via fax al numero +39 06 36002521 o all indirizzo i nfo@concormedia. it o presso una delle Sedi secondarie dell'organismo indicata

Dettagli

Criteri per la determinazione del compenso forfettario

Criteri per la determinazione del compenso forfettario Via Di Pettorano N.11 73100 LECCE Tel/fax 0832.492179 Cell.338.7079547 Pec:avvannagentile@pecavvocati.com Mail:anna_gentile@tin.it AVV. ANNA GENTILE L avv. Anna Gentile, con studio legale in Lecce alla

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE in vigore dal 1 gennaio 2015 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale,

Dettagli