La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla"

Transcript

1 La polizza infortuni Protezione Vita Tranquilla CASO I: La vicenda viene letta da una voce fuori campo o inserita in una slide Le parti sottolineate nella mediazione possono essere direttamente lette dagli attori. Prima, nelle pause, alla fine: una musica in sottofondo. PREMESSA In data 10 marzo 2010 la signora Teresa Rossi di Brescia urtava in casa il ginocchio sinistro riportando un ematoma. Dopo alcuni giorni si rivolgeva al proprio medico curante, che Le consigliava di effettuare una visita specialistica ortopedica. Il 10 aprile la Rossi veniva visitata da un ortopedico presso l Ospedale Santissima Croce di Brescia, che consigliava una TAC al ginocchio sinistro. La sig.ra Rossi effettuava la TAC presso l Ospedale il successivo 20 aprile. La TAC evidenziava la lesione del menisco interno. Lo specialista ortopedico, al quale l infortunata si rivolse nuovamente il 10 luglio, le consigliò un trattamento artroscopico. Il 15 settembre la sig.ra Rossi veniva ricoverata presso il Dipartimento di Patologia dell apparato locomotore dell Ospedale Santissima Croce di Brescia con diagnosi di gonalgia sinistra. Durante la degenza veniva sottoposta ad intervento chirurgico di meniscectomia laterale selettiva ed esportazione plica sinoviale medio rotula del ginocchio sinistro. Il decorso post operatorio fu regolare e la paziente veniva dimessa il giorno successivo all intervento. La signora Teresa Rossi aveva stipulato la polizza contro gli infortuni Protezione Vita Tranquilla con la Compagnia Zeta Assurance di Roma. Il 15 marzo 2010 aveva denunciato il sinistro al proprio agente, che cura anche l azienda di famiglia, e successivamente, aveva trasmesso allo stesso sia il referto dello specialista ortopedico, che la cartella clinica del ricovero; richiedendo la liquidazione dell indennizzo. La polizza prevede euro 2.000,00 a punto per I.P. e 30,00 euro al giorno di I.T.T. con franchigia di sette giorni. In data 10 gennaio 2011 l assicurata veniva visitata dal medico-legale della Compagnia. Con raccomandata a.r. del 25 gennaio 2011, la Compagnia Zeta Assurance comunicava all assicurata di non poter liquidare alcun indennizzo in quanto la rottura del menisco non sarebbe, a detta della Compagnia, la conseguenza diretta ed esclusiva dell infortunio avvenuto il 10 marzo L inoperatività della garanzia assicurativa, veniva formulata con riferimento alla clausola n. 5 della polizza, la quale stabilisce che la società corrisponde l indennizzo solo per le conseguenze dirette ed esclusive dell infortunio. Nella raccomandata la Compagnia precisava che il trauma al ginocchio non poteva certo essere idoneo a produrre una lesione della cartilagine meniscale, alla luce di quanto aveva refertato il proprio medicolegale. 1

2 Il 10 marzo 2011 la signora Rossi si rivolgeva all avv. Elisabetta Benzoni di Brescia, la quale la informava che, prima di iniziare un giudizio nei confronti della Compagnia, si sarebbe dovuto esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione innanzi ad un Organismo di Mediazione, vertendosi in materia di contratto assicurativo. La signora Rossi, su consiglio del suo avvocato, decideva, quindi, di rivolgersi all Organismo Alfa Jus di Catania e presentava tramite l avvocato Benzoni istanza di mediazione depositandola il 1 settembre [tempo 3 minuti] ******* La scena: un tavolo, un agenda, un p.c. portatile, vari codici, un portapenne, tre bottiglie d acqua, dei bicchieri, due fascicoli, un piattino con delle caramelle. Nello sfondo della scena il regolamento di grandi dimensioni dell Organismo Alfa Jus di Catania. Ogni attore avrà a lato una borsa e sarà fornito di agenda. Le tre parti: il mediatore (Avv. Mario Russo); la parte attrice per Rossi (Avv. Elisabetta Benzoni); la parte convenuta per Zeta Assurance (Avv. Giuseppe Salsi). ******** Il mediatore : Buongiorno. Sono l Avvocato Mario Russo e sono stato designato dall Organismo Alfa Jus di Catania per conciliare questa vertenza. E stata presentata il primo settembre l istanza di conciliazione, che leggo velocemente, ma integralmente: [Legge velocemente nelle parti essenziali] All Organismo Alfa Jus di Catania Domanda di mediazione La sottoscritta Teresa Rossi, residente in via Alfonso Cossa n. 19, Brescia C.F. RSSTRS44D22T703S, telefono , rappresentata e difesa dall Avv. Elisabetta Benzoni, con studio in via Manzoni n. 20, Brescia, Codice Fiscale BNZLSB62C27D520K telefono , fax , per procura speciale con facoltà di conciliare in relazione alla legge 28/2010 Notaio Dott. Claudio Del Nero Rep. 1278/Ab2011 chiede di conciliare la presente vertenza nei confronti di Compagnia Zeta Assurance S.p.A., con sede in via Del Leone n. 18, Roma, P.I telefono , fax DESCRIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Indennizzo da polizza assicurativa infortuni con reiezione della garanzia da parte della Compagnia. VALORE INDICATIVO DELLA CONTROVERSIA: euro ,00. INDICAZIONE DELLE PRETESE: pagamento di 10 punti di invalidità permanente, 3 mesi di invalidità temporanea totale conseguente un infortunio del 10 marzo 2010, in cui l istante urtando un ginocchio si procurava la lesione di un menisco. 2

3 Alla presente si allega copia della seguente documentazione: Dieci certificati, una cartella clinica, una polizza, una relazione del medico legale Dott. Mario Rossi, una raccomandata ed un fax all Agenzia di Assicurazioni, una procura notarile. I sottoscritti dichiarano di avere ricevuto copia del Regolamento relativo al Servizio di mediazione dell Organismo Alfa Jus di Catania, di accettarne il contenuto e le relative tariffe. Catania, 1/9/2011 f.to Teresa Rossi e f.to Avv. Elisabetta Benzoni C è anche un mandato all avvocato Benzoni a margine per la difesa. Vedo che il quattro settembre la Segreteria dell Organismo e, quindi, nel termine di rito di tre giorni ha provveduto con raccomandata preceduta da fax a trasmettere l istanza alla Zeta Assurance. C è l accettazione nel termine di 15 giorni ed una memoria dove sono state evidenziate la diversa posizione sull indennizzo. Mi fa piacere ed è nello spirito dell Istituto che la memoria sia di un paio di pagine, per cui possiamo leggerla. All Organismo Alfa Jus di Catania Accettazione della procedura di mediazione Istanza di mediazione n. 1368/2011/C.ASS. La sottoscritta Compagnia Zeta Assurance S.p.A., con sede in via Del Leone n. 18, Roma, P.I telefono , fax , in persona del suo Direttore Generale Dott. Luigi Bianchi e del suo procuratore speciale Avv. Giuseppe Salsi, che la rappresenta per procura generale notarile notaio Dott. Del Bono, Rep. 11/AB del 15/1/2011 con facoltà di conciliare ai sensi della Legge 28/2010 accetta il tentativo di mediazione proposto da Teresa Rossi, residente in via Alfonso Cossa n. 19, Brescia C.F. RSSTRS44D22T703S, telefono , rappresentata e difesa dall Avv. Elisabetta Benzoni, con studio in via Manzoni n. 20, Brescia, Codice Fiscale BNZLSB62C27D520K telefono , tel. cell , fax , DESCRIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Indennizzo contestato da polizza infortuni contratta il 10 aprile 2007 con l Agenzia Generale di Brescia della Zeta Assurance S.p.A. (L Avv. Salsi legge pacatamente la memoria:) MOTIVI DI DIFESA: Osserva la Compagnia di non poter procedere all indennizzo del lamentato danno, poiché non rientrante nella garanzia prevista dalla polizza infortuni sottoscritta dalla ricorrente. A tal fine evidenzia che, come ampiamente riportato in letteratura medica, due sono le cause principali di rottura di un menisco: o da evento traumatico, in tal caso il ginocchio subisce un trauma in torsione a seguito di movimenti di iperflessione o iperestensione, ovvero da degenerazione del tessuto meniscale, che con il passare degli anni diventa più fragile e meno elastico. Le fibrocartilagini meniscali, infatti, con il tempo perdono parte della loro elasticità e sono maggiormente soggette ad usura. Per questo motivo negli anziani molte rotture meniscali sono il risultato di traumi insignificanti, come l'atto di accovacciarsi. Sulla base dei rilievi svolti ed in considerazione delle circostanze, in cui sarebbe avvenuto il presunto infortunio, riferito dall Assicurata, non pare plausibile che il menisco si sia lesionato solo a seguito di 3

4 semplice urto dell arto contro un letto, ma che lo stesso sia stato generato da usura delle fibrocartilagini meniscali. Questo, anche tenuto conto dell età dell Assicurata. Trattandosi, tuttavia, di polizza infortuni, ossia di polizza che indennizza un danno derivante da evento fortuito, violento ed esterno, che provoca lesioni corporali obbiettivamente constatabili, aventi come conseguenza la morte, l'invalidità permanente o l'inabilità temporanea della persona che ne è colpita, in esso non potrà farsi ricomprendere il caso che occupa, legato più ad una patologia degenerativa dell articolazione che ad un evento traumatico, rientrante nella fattispecie di infortunio. Alla presente la sottoscritta Compagnia allega copia della seguente documentazione: Relazione medico-legale e n. 2 comunicazioni all assicurata. Procura notaio Dott. Del Bono all Avv. Giuseppe Salsi. La sottoscritta dichiara di avere ricevuto copia del Regolamento relativo a questo Servizio, di accettarne il contenuto e le relative tariffe. Roma, 1/9/2011 Compagnia Zeta Assurance S.p.A. Allegata procura alle liti. [L Avv. Salsi riconsegna al mediatore la memoria] Il mediatore (rivolto a tutte le parti): Il contributo di 30,00 euro è stato pagato e le spese di conciliazione (350,00 euro a testa) anche. Non vedo, però, la signora Rossi. Controlliamo, allora, le procure. Devo farvi notare che preferisco sempre che sia presente la parte personalmente. Dobbiamo valutare nella mediazione i veri interessi dei soggetti in contenzioso e non sempre si riesce con le parti tecniche ed i procuratori a far emergere le posizioni reali. Mi raccomando: operiamo nei tempi e con atteggiamenti conciliativi. Lei è? [Rivolto all Avvocato della Rossi e offrendo una caramella] L Avv. Benzoni che accetta la caramella senza metterla in bocca: Grazie. Sono l avvocato della Rossi, e la rappresento in questa mediazione. La mia procura è notarile ed ho mandato a conciliare. Dimenticavo, mi chiamo Elisabetta Benzoni e sono del Foro di Brescia. L Avv. Salsi: Sono l avvocato Salsi e rappresento con procura generale con facoltà di conciliare Zeta Assurance S.p.A.. La procura è allegata alla memoria, che ho letto. Se permette bevo un bicchiere d acqua perché sono appena arrivato in aereo a Catania e c è un bel caldo; mi viene quasi voglia dopo l udienza di farmi l ultimo bagno della stagione [SI versa e beve un bicchiere d acqua] Il mediatore: Avvocato Le consiglierò io una bella spiaggia. Va bene. I vostri atti sono sufficientemente chiari per iniziare a lavorare. Ho già inserito nel fascicolo la mia dichiarazione di riservatezza e l accettazione dell incarico. Siamo tutti uomini di diritto, per cui tralascio di spiegarvi che cosa è una mediazione e la procedura. Mi permetto solo di dare quella che è la mia definizione preferita: la mediazione è l attività di parti in contenzioso, guidate da un terzo imparziale, disponibili a rinunce per trovare una conciliazione che permetta di risolvere problemi passati, nell ottica del presente e del futuro. Vi 4

5 spiego come procederemo: oggi è il 30 settembre. Ci rivediamo tra due settimane venerdì quattordici, alla stessa ora ed avrò già sentito un medico legale iscritto all albo dei consulenti tecnici del Tribunale di Catania e che collabora con l Organismo, perché mi dia delucidazioni sul caso. Siete d accordo? Le parti: Sì Si (entrambe) Il mediatore: Avvocato Benzoni mi faccia chiamare, passando dalla Segreteria dell Organismo, dalla Signora Rossi. Vorrei farle delle domande sul fatto. Tutto questo con la massima riservatezza, poiché senza l autorizzazione della sua cliente o sua, nulla sarà riferito alla controparte. Avv. Benzoni: Va bene. La signora è un po loquace, quasi logorroica; ormai vive per questo problema. Non vorrei che la tenesse al telefono per ore. Vuole darmi il suo cellulare? Il mediatore: Non si preoccupi. Penso che sia positivo per la Sua cliente parlare con me e nel caso la bloccherò. Ci conto in ogni caso, ma lasciamo stare il cellulare. Avv. Benzoni: Va bene. Il mediatore: Avv. Salsi ha qualcosa da aggiungere prima di predisporre il verbale? Avv. Salsi: No. Spero solo che la Rossi si convinca che non si può chiedere somme solo perché ha una polizza infortuni. Non ha sicuramente ragione, e poi, che stranezza scegliere un Organismo, seppur qualificato, di Catania. Il Funzionario della Compagnia ha parlato con la Collega. Hanno letto polizza e perizia, hanno discusso, ma non si sono capiti. Non si comprende l ovvio. Il mediatore: Spero che con il mio aiuto ci sia ora più comunicazione. Predispongo il verbale perché ci sono tutti gli elementi per una conciliazione e del resto è importante che ci siamo seduti ad un tavolo in così breve tempo. Sentirò l infortunata ed un medico legale. Se ho necessità Vi telefono. E evidente che quanto riterrò rilevante per la conciliazione dovrà essere autorizzato perché sia comunicato all altra parte ed eventualmente verbalizzato. [breve pausa, rivolgendosi a Salsi] Salsi, mi permetto.. non c è niente di ovvio tra due soggetti che comunicano senza sforzarsi di farsi capire. Il mediatore completa con il p.c. un modulo e essenziali. lo legge dopo pochi secondi velocemente nelle parti Organismo Alfa Jus di Catania Verbale di udienza del giorno 30/9/2011 Procedimento n. 1368/2011/C.ASS. Teresa Rossi, rappresentata dall Avv. Elisabetta Benzoni CONTRO Compagnia Zeta Assurance, rappresentata dall Avv. Giuseppe Salsi PREMESSO 5

6 che veniva presentata presso l Organismo Alfa Jus di Catania domanda di mediazione da parte di Rossi Teresa per il tramite dell avv. Elisabetta Benzoni relativamente a controversia sorta tra la sua Compagnia di Assicurazione Zeta Assurance S.p.A. per un indennizzo relativo ad una polizza infortuni; che la domanda di mediazione veniva accettata dalla Zeta Assurance in data 16 settembre 2011; che in data 2 settembre 2011 l organismo Alfa Jus di Catania determinava di affidare l incarico di mediatore per la controversia in epigrafe all Avv. Mario Russo domiciliato presso la sede dell Organismo e fissava udienza avanti a sé per il giorno 30 settembre 2011, alle ore 15.00, convocando formalmente le parti a mezzo di raccomandata A.R. anticipata a mezzo telefax; che il mediatore in data 2 settembre 2011 accettava l incarico; che oggi 30 settembre 2011, alle ore 15.00, presso l Organismo Alfa Jus di Catania sono comparse le parti quanto a Rossi Teresa: avv. Elisabetta Benzoni e quanto a Zeta Assurance S.p.A.: avv. Giuseppe Salsi; che le parti concordemente accettano che il mediatore fissi altra udienza per la prosecuzione della procedura per una possibile e auspicabile conciliazione. IL MEDIATORE preso atto, rinvia al giorno 14/10/2011 alle ore per la prosecuzione del tentativo di mediazione. Catania, 30/9/2011 Il Mediatore F.to Avv. Mario Russo Per Teresa Rossi Avv. Elisabetta Benzoni Per Zeta Assurance S.p.A. Avv. Giuseppe Salsi Il mediatore: Vi leggo anche la mia accettazione e la dichiarazione di riservatezza che è stata allegata al fascicolo e che avevo dimenticato di leggervi. Avv. Benzoni: Non c è bisogno. Il mediatore: I formalismi nella mediazione sono pochi, ma questo passo è previsto e perdiamo solo un attimo. [Continua il mediatore leggendo velocemente e nelle parti essenziali] Organismo Alfa Jus di Catania Il sottoscritto Avv. Mario Russo, nato a Messina, il 5/12/1970, C.F. RSSMRI70T05D207K e P.I accetta l incarico di mediatore nel procedimento amministrato dall Organismo Alfa Jus di Catania fra la Parte Istante Signora Teresa Rossi e la Parte Convenuta Compagnia Zeta Assurance S.p.A. di Roma 6

7 e dichiara di essere e rimanere indipendente, imparziale e neutrale nei confronti delle parti in lite, di osservare il vigente Regolamento di mediazione e le Norme di comportamento per i mediatori ed in particolare quella sulla riservatezza. Catania, 2 Settembre 2011 F.to Avvocato Mario Russo Dopo una brevissima pausa, in cui rilegge parte del verbale mentalmente, il mediatore continua. Il mediatore: Se va tutto bene possiamo sottoscrivere. Dimenticavo: per il contenzioso non ritengo di sentirvi oggi disgiuntamente. Vedremo se sarà necessario alla prossima udienza. [porge un foglio, i due Avvocati firmano e successivamente firma il mediatore] Il mediatore: Domani mattina la Segreteria ne trasmetterà una copia. Grazie e mi raccomando al prossimo incontro del 14 ottobre la puntualità! Se ci sono problemi sull orario, concordiamolo subito. Qualcosa da aggiungere? Le due parti: No, va bene (entrambe) I tre si salutano. Si spengono per dieci secondi le luci. Riappaiono i tre protagonisti. La luce da tavolo è accesa. I protagonisti si salutano cordialmente. Il mediatore: Ho sentito il medico. Vi dico subito che non ritengo di perdere tempo e farvi avere altri costi per una perizia medica anche perché in sostanza non ci sono grandi diversità di quantificazione per i punti di invalidità, vero? Le parti annuiscono. Il mediatore: La signora Rossi mi ha telefonato e si è sfogata. E inciampata ed ha battuto il ginocchio sulle sponde del suo letto di ferro. Al fatto era presente anche il marito. Del resto non sono contestate le circostanze e in questo procedimento non ci sono udienze di prove per testi. L infortunata ha sessantacinque anni ed ha quel letto da sempre. Le ho anche domandato le misure della stanza e la dislocazione dei mobili. Penso proprio che quella stanza sia un dedalo. La signora ha escluso di avere avuto prima problemi al ginocchio. Anche l estate precedente aveva passato un mese nelle valli del bresciano a fare camminate ed a raccogliere funghi. Sono stato autorizzato a raccontare i fatti. La signora, poi, mi ha dato un idea delle sue pretese, ma su questo non ho autorizzazione a riferire alla Compagnia. Voi sapete che sono legato al dovere di riservatezza. 7

8 Interviene un po sopra le righe l Avv. Salsi quasi sovrapponendosi al mediatore: In ogni caso è stata disattenta. Come si fa ad inciampare nella propria camera da letto? E se, poi, proprio le passeggiate in montagna Le hanno usurato il ginocchio. Interviene l Avv. Benzoni: Ho capito: vuoi tirare fuori l articolo 1227 del Codice Civile. La mia cliente è caduta casualmente! Non è una stupida e le camminate dimostrano che il ginocchio era a posto. Interviene il mediatore pacato: Si tratta solo di conciliare, di trovare soluzioni alternative, che soddisfino oggi e domani gli interessi di entrambi. Voglio farvi una proposta. Vi ricordo le conseguenze - [il mediatore legge velocemente] - in caso di non accettazione se nell eventuale giudizio civile il Giudice rilevasse che la proposta di conciliazione corrisponda interamente alla sentenza; in base all'art. 13 della legge 28/2010, il Giudice escluderà la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice che ha rifiutato la proposta, riferibili al periodo successivo alla formulazione della stessa. Condannerà al rimborso delle spese sostenute dalla parte soccombente relative allo stesso periodo, nonche' al versamento di un'ulteriore somma corrispondente al contributo unificato dovuto. Devo anche ricordarvi formalmente che quando il provvedimento che definisce il giudizio non corrisponde interamente al contenuto della proposta, il Giudice, se ricorrono gravi ed eccezionali ragioni, puo' escludere la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice per l'indennita' corrisposta al mediatore e agli esperti. [pausa] La mia proposta è di accettare la quantificazione della Compagnia - 7 punti d invalidità permanente e di abbattere l indennizzo di un 40%. Quindi 2.000,00 euro a punto come da contratto per 7 punti 40% più una temporanea di trenta giorni. Va bene? Potete darmi una risposta oggi oppure vi do il termine di sette giorni previsto dalla legge. [Brevissima pausa] Il mediatore: Vi ricordo, che dovrò inserire l art. 13 se non accetterete la proposta nel verbale come previsto dalla legge. Avv. Salsi: Dovrei sentire la Compagnia. Avv. Benzoni: Per me invece potrebbe andare bene un abbattimento del 30%. La signora Rossi non ha voglia di affrontare un giudizio per questi importi e si fà consigliare da me. Il mediatore: Avv. Salsi, potremmo concludere anche oggi pomeriggio. Ha qualche controproposta? L Avv. Salsi: Ho ascoltato attentamente la proposta ed anch io vorrei conciliare. Sono venuto a Catania due volte [e sospira] e in Direzione non vogliono tenere il sinistro aperto per anni. I tempi della giustizia, lo sapete sono lunghi. Vi propongo un abbattimento del 50%, ma, un anno di garanzia suppletiva. So che il marito della Rossi ha tante polizze con la Compagnia e l Agente Generale di Brescia preme per mantenere buoni i rapporti. Il mediatore: Avv. Salsi, valida proposta: è una mediazione non un contenzioso davanti ad un Giudice. Mi piace quando si trovano alternative valide. 8

9 Avv. Salsi: Il tutto mi sembra possibile ed equo ed in ogni caso si fa riferimento al concorso di colpa dell infortunata. Questo soddisferà anche la Compagnia. Il mediatore: Cosa ne pensa Benzoni? Avv. Benzoni dopo un attimo: Penso che si possa fare. Gli importi sono simili, ma questa proposta permetterà che i rapporti con l agente si consolidino. Posso dire che noi conciliamo. Il mediatore: Siamo stati bravi e anche veloci. Una causa di questi termini sarebbe durata due o tre anni davanti ad un Tribunale. Preparo il verbale di questa udienza e la separata proposta di conciliazione? Avv. Benzoni: Ok, va bene Avv. Salsi: Potrebbe andare bene. Tra l altro, a parte i viaggi, [ironico] la Compagnia ha risparmiato sulle spese dell Avv. Benzoni. Poi non dite che le Compagnie non fanno il loro dovere. Il mediatore dopo qualche attimo consegna un prestampato che, nel frattempo, ha riempito al computer e lo legge velocemente e nelle parti essenziali. Il mediatore: Vi leggo il verbale. Organismo Alfa Jus di Catania Verbale di udienza del giorno 14/10/2011 Procedimento n. 1368/2011/C.ASS. Teresa Rossi, rappresentata dall Avv. Elisabetta Benzoni contro Compagnia Zeta Assurance S.p.A., rappresentata dall Avv. Giuseppe Salsi premesso che oggi 14 ottobre 2011, alle ore da precedente udienza, presso l Organismo Alfa Jus di Catania sono comparse le parti assistite quanto a Rossi Teresa: avv. Elisabetta Benzoni e quanto a Zeta Assurance S.p.A.: avv. Giuseppe Salsi; che il mediatore ha proceduto ad ascoltare le parti ed aveva ascoltato disgiuntamente la signora Rossi; che il mediatore intende formulare una proposta per la risoluzione della controversia insorta tra le parti; che il mediatore ha informato le parti in merito alle possibili conseguenze di cui all art. 13 del Decreto Legislativo n. 28 del Tutto ciò premesso: formula una proposta con atto separato. Il Mediatore 9

10 Le parti dichiarano di accettare la proposta del mediatore. Catania, 14 Ottobre 2011 Il Mediatore F.to Avv. Mario Russo f.to Avv. Elisabetta Benzoni per Rossi Teresa f.to Avv. Giuseppe Salsi per Zeta Assurance Il mediatore: Tutto bene? Avv. Salsi: Non si potrebbe abbattere del 45%? E l anno di garanzia. In fondo la signora è caduta in casa sua e la nostra relazione medico-legale escludeva ogni nesso tra l urto ed i problemi al menisco. Avv. Benzoni: Ma ti ho già concesso la tua valutazione ed il Vostro medico legale Dott. Panicucci è sempre stretto! Il mediatore: Non perderei inutilmente tempo. Il tutto mi sembra equo e nello spirito dell Istituto della mediazione. Tra l altro la Rossi potrà detrarre le mie competenze dalla sua dichiarazione dei redditi e so che non c è sull importo tassa di registro. Le parti: Ok Va bene Viene sottoscritto il verbale d udienza consegnato dal mediatore e per ultimo firma il mediatore. Il mediatore: Non specificherei penali per i termini del pagamento perché la Zeta Assurance paga velocemente. In ogni caso potrete sempre rivolgervi al Presidente del Tribunale di Catania per l omologazione. Domani o dopo avrete la copia dei verbali e la copia della conciliazione in Studio. Ora preparo il verbale della conciliazione che firmeremo e, poi, la depositerò nella Cancelleria dell Organismo e sarà a Vostra disposizione. L Avv. Benzoni: Sicuramente non la depositerò nella Cancelleria del Tribunale di Catania per ottenere il titolo perché la Compagnia mi manderà l importo nei prossimi giorni. Vero collega? Avv. Salsi: Mandami gli estremi per il bonifico. Il mediatore: Preparo in qualche minuto il verbale dove conciliate con un anno di garanzia aggiunta senza costi con I.P. di 7 punti più 30 giorni di I.T. Detrarrò il 40% ed indicherò per chiarezza gli importi. [brevissima pausa] Sono soddisfatto del Vostro atteggiamento. Cosa ne dite se andiamo a prendere un buon caffè o una granita al caffè? Offro io, naturalmente. Le parti si salutano cordialmente. Si spengono le luci. Musica di sottofondo. [30 minuti totali] 10

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

il quale dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative all'intero procedimento di mediazione ai seguenti recapiti:

il quale dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative all'intero procedimento di mediazione ai seguenti recapiti: PARTE ISTANTE Il/La sottoscritto/a ISTANZA DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE nato/a il cod. fisc. residente in, Via/p.zza n. PERSONE GIURIDICHE nella qualità di rappresentante legale pro tempore

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell.

ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE PARTE ISTANTE. Signor nato a il residente in Via n. CAP CF Partita Iva Tel Fax Cell. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE SPETT/LE Organismo di Mediazione NE LITIS srl Via Vetice,41 SAN VALENTINO TORIO (SA) PARTE ISTANTE Il /I sottoscritti Signor nato a il residente in Via n. CAP

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Il parere del Consulente Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Nel Collegato un importante riconoscimento del ruolo della categoria

Dettagli

Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario.

Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario. La visita medica Dopo la presentazione della domanda per il riconoscimento dell handicap/invalidità e la convocazione a visita medica seguirà l accertamento sanitario. La visita sarà effettuata dalla Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo.

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Guida semplice per i clienti alla Conciliazione Paritetica on-line Per risolvere le controversie in modo semplice, veloce e gratuito,

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008)

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) N O T A I N F O R M A T I V A INFORMAZIONI RELATIVE ALLE IMPRESE Cardif Assurance Vie

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli