Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi"

Transcript

1 Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

2 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI

3 RAPPORTO IMU - IRPEF REDDITI FONDIARI BENI NON LOCATI (TERRENI E FABBRICATI) IMU SOSTITUISCE IRPEF E ADDIZIONALI Articolo 8, comma 1, decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23

4 FABBRICATI FABBRICATI NON LOCATI (abitazione principale e pertinenze, immobili a disposizione, in comodato d uso gratuito, destinati a uso promiscuo dal professionista) FABBRICATI LOCATI IMU IMU + IRPEF Circolare n. 3/DF del 18 maggio 2012, par.13

5 TERRENI NON AFFITTATI Reddito dominicale TERRENI Reddito agrario TERRENI IMU AFFITTATI Reddito dominicale Reddito agrario IMU IRPEF IMU + IRPEF IRPEF Art. 9, comma 9, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23

6 REDDITI NON SOSTITUITI 1/2 Redditi agrari ex art.32 del TUIR Redditi fondiari diversi da quelli cui si applica la cedolare secca Redditi degli immobili non produttivi di reddito fondiario ex art. 43 del TUIR Redditi degli immobili posseduti da soggetti passivi dell IRES Art. 9, comma 9, D. Lgs. N. 23/2011

7 REDDITI NON SOSTITUITI 2/2 Redditi derivanti da terreni dati in affitto per usi non agricoli Indennità di occupazione Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

8 ESENZIONE IMU Eccezione al principio di sostituzione Imu - Irpef IMMOBILI ESENTI DALL IMU IL REDDITO È ASSOGGETTATO ALL IRPEF E ALLE ADDIZIONALI OVE DOVUTE Art. 9, comma 9, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23

9 ESENZIONE IMU Terreni ricadenti in aree montane o di collina Articolo 15, legge 27 dicembre 1977, n. 984 Fabbricati rurali ad uso strumentale ubicati nei comuni classificati montani Articolo 9, comma 3-bis decreto legge n. 557/1993 Esenti da Imu ma soggetti ad Irpef e addizionali Esenti da Imu e non soggetti ad Irpef e addizionali Non vanno indicati in dichiarazione dei redditi

10 SOSTITUZIONE IMU - IRPEF REDDITO FONDIARIO DEGLI IMMOBILI NON LOCATI NON confluisce nel reddito complessivo NON si considera per la determinazione di deduzioni e detrazioni rapportate al reddito complessivo (es. detrazioni lavoro dipendente, pensione e carichi di famiglia)

11 SOSTITUZIONE IMU - IRPEF DEDUZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE non concorre alla formazione Il reddito dell abitazione principale del reddito complessivo La deduzione per l abitazione principale non risulta più applicabile

12 CASI PARTICOLARI ABITAZIONE PRINCIPALE PARZIALMENTE LOCATA Rendita catastale rivalutata del 5% > Canone di locazione IMU Canone di locazione > Rendita catastale rivalutata del 5% IMU + IRPEF o CEDOLARE Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

13 CASI PARTICOLARI BENI LOCATI PER UNA PARTE DEL PERIODO DI IMPOSTA L IMU SOSTITUISCE L IRPEF E LE RELATIVE ADDIZIONALI DOVUTE IN RELAZIONE AL REDDITO FONDIARIO RELATIVO ALLA SOLA PARTE DEL PERIODO DI IMPOSTA IN CUI L IMMOBILE NON È LOCATO Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

14 CASI PARTICOLARI IMMOBILI INAGIBILI ( art.13, comma 3, lett. b), D.L. n. 201/2011 ) LA RIDUZIONE DEL 50%DELLA BASE IMPONIBILE AI FINI IMU NON ESCLUDE L EFFETTO SOSTITIUTIVO IN QUANTO L IMMOBILE NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO ESENTE DALL IMU Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

15 CASI PARTICOLARI BENI POSSEDUTI DA SOCIETÀ SEMPLICI L EFFETTO SOSTITUTIVO SI APPLICA ANCHE AI SOCI PERSONE FISICHE SE NON DETENGONO LA PARTECIPAZIONE IN REGIME DI IMPRESA Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

16 DICHIARAZIONE DEI REDDITI Fatta eccezione per le ipotesi di esonero dalla presentazione della dichiarazione, NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI VANNO RIPORTATI I DATI DI TUTTI GLI IMMOBILI POSSEDUTI anche quelli non locati per i quali l Irpef non è dovuta in quanto sostituita dall Imu Circolare n. 5/E dell 11 marzo 2013

17 DICHIARAZIONE DEI REDDITI Nuove ipotesi di esonero dalla presentazione della dichiarazione contribuente che possiede esclusivamente redditi di fabbricati non locati ed (eventualmente) redditi di lavoro dipendente o pensione (corrisposti da un unico sostituto o da più sostituti se l ultimo effettua il conguaglio)

18 Mod.Unico PF/730-QUADRO RA/A Redditi dei terreni Colonna Esenzione Imu

19 QUADRO RA Redditi dei terreni

20 Mod.Unico PF/730-QUADRO RB/B Redditi dei fabbricati Colonna Esenzione Imu

21 Mod. UNICO PF QUADRO RB Redditi dei fabbricati

22 QUADRO RB/B Redditi dei fabbricati NUOVI CODICI UTILIZZO Codice 11 Abitazione principale parzialmente locata in regime di libero mercato Codice 12 Abitazione principale parzialmente locata a canone concordato

23 Redditi fondiari non imponibili Righi 147 e 148 (730-3) Rigo RN50 (Unico PF) Importi che non rilevano ai fini dell Irpef e delle addizionali ma possono assumere rilievo nell ambito di prestazioni previdenziali e assistenziali

24 Mod.UNICO SP - Quadri RA/RB

25 Mod.UNICO SP Quadro RB Il totale dei redditi dei fabbricati imponibile e non imponibile va riportato nel quadro RN:

26 Mod.UNICO SP Quadro RA Il totale del reddito dei terreni (reddito dominicale imponibile, reddito dominicale non imponibile e reddito agrario) va riportato nel quadro RN

27 Mod.UNICO SP Quadro RK L eventuale maggior reddito dominicale e/o dei fabbricati che la società deve attribuire ai soci diversi da persone fisiche e ai soci persone fisiche che detengono la partecipazione in regime di impresa va indicato 15

28 Mod.UNICO PF Quadro RH. nel quadro RH del socio è stata inserita una nuova colonna per indicare la quota del reddito fondiario non imponibile (reddito dominicale e reddito dei fabbricati) imputata dalla società semplice

29 Mod.UNICO PF Quadro RH la colonna è compilabile solo se nel campo 2 «Tipo» è indicato il codice 4 «società semplice»

30 Mod QUADRO A NO I soci di società semplice che presentano il mod. 730 indicano le quote di spettanza dei redditi dei terreni risultanti dal Modello Unico SP 2013 riportando nella colonna 2: codice 5 (socio di società semplice) in relazione al reddito dominicale e/o agrario imponibile attribuito dalla società e/o codice 10 (socio di società semplice) in relazione al reddito dominicale non imponibile attribuito dalla società

31 Mod. 730 QUADRO B NO.. e le quote di spettanza dei redditi dei fabbricati risultanti dal Modello Unico SP 2013 inserendo nella colonna 2 (utilizzo): codice 16 in relazione al reddito dei fabbricati imponibile attribuito dalla società (da riportare nella colonna 1) e/o codice 17 in relazione al reddito dei fabbricati non imponibile attribuito dalla società (da riportare nella colonna 1)

32 IVIE IRPEF L art. 70 comma 2 del TUIR non si applica per gli immobili all estero soggetti all Imposta sul valore degli immobili (IVIE) adibiti ad abitazione principale e per quelli non locati Effetto sostitutivo IVIE IRPEF sui redditi fondiari degli immobili siti all estero non locati Art.1 comma 518, L. 24 dicembre 2012, n. 228

33 IVIE IRPEF Effetto sostitutivo IVIE IRPEF NON deve essere compilato il corrispondente quadro della dichiarazione dei redditi relativo alla indicazione dei redditi degli immobili situati all estero non locati Resta fermo l obbligo di compilazione del modulo RW Circolare n.13/e 9 maggio 2013, paragrafo 5.2.

34 ACCONTO ULTERIORE RIVALUTAZIONE DEI REDDITI DOMINICALE E AGRARIO

35 Terreni - ACCONTO 2013 Anno 2013 Redditi dominicale e agrario dei terreni Terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (IAP) Rivalutazione (ulteriore) 15% Rivalutazione (ulteriore) 5% Art. 1, comma 512, legge di stabilità 2013 (legge n. 228 del 24 dicembre 2012)

36 Terreni - ACCONTO 2013 Per il calcolo dell acconto 2013, chi presta assistenza fiscale (730) o il contribuente (Unico PF) rivaluta di un ulteriore 15 per cento i redditi dominicale e agrario che risultano dagli atti catastali Reddito dominicale + 80% + 15% Reddito agrario + 70% + 15%

37 Terreni - ACCONTO 2013 Casella Coltivatore diretto o IAP colonna 9 quadro A (730) o colonna 13 quadro RA (Unico PF) Se è barrata la casella l ulteriore rivalutazione (sempre per l acconto 2013) è pari al 5% anziché al 15%

38 NUOVA DISCIPLINA IMMOBILI DI INTERESSE STORICO O ARTISTICO

39 IMMOBILI INTERESSE STORICO Anno 2012 Nuova disciplina per gli immobili di interesse storico o artistico ai sensi dell articolo 10 del codice di cui al D.Lgs. N.42/2004 Art. 4, commi 5 quater e 5 sexies del decreto legge 2 marzo 2012 n. 16, convertito con modificazioni dalla L. n.44/2012

40 IMMOBILI INTERESSE STORICO Disciplina ante D.L. 16/2012 (art. 11 co. 2 della L. 413/91 Immobili non posseduti in regime d impresa Immobili patrimonio delle società Determinazione del reddito mediante l applicazione della minore tra le tariffe d estimo previste per le abitazioni della zona censuaria nella quale è collocato l immobile (criterio della rendita figurativa)

41 IMMOBILI INTERESSE STORICO Disciplina post D.L. 16/2012 Immobili vincolati posseduti da PF Non in regime di impresa Immobili non locati Immobili locati Sono esenti da Irpef e dalle relative addizionali in quanto assoggettati ad IMU Costituisce reddito imponibile il maggiore importo tra le rendita catastale effettiva rivalutata e il 65% del canone di locazione (art. 37, co.4 bis TUIR)

42 IMMOBILI INTERESSE STORICO Disciplina post D.L. 16/2012 Immobili vincolati posseduti in regime d impresa Immobili non locati: 50% del reddito medio ordinario di cui all art. 37, co.1 TUIR senza maggiorazione di 1/3 (art. 90, Reddito co.1, terzo periodo, TUIR) Immobili Immobili locati: Patrimonio Maggiore tra il 65% del canone di locazione e il reddito medio ordinario (art. 90, co.1, quinto periodo, TUIR)

43 IMMOBILI INTERESSE STORICO Disciplina post D.L. 16/2012 Immobili vincolati posseduti da ENC ART. 144 TUIR Per gli immobili riconosciuti di interesse storico o artistico, ai sensi dell'articolo 10 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, il reddito medio ordinario di cui all'articolo 37, comma 1, e' ridotto del 50 per cento e non si applica comunque l'articolo 41. Per i redditi derivanti da immobili locati non relativi all'impresa si applicano comunque le disposizioni dell'articolo 90, comma 1, quarto e quinto periodo

44 IMMOBILI INTERESSE STORICO Criterio generale di determinazione del reddito dei fabbricati vincolati concessi in locazione Maggiore importo tra rendita catastale rivalutata e ridotta del 50% canone di locazione ridotto del 35% Risoluzione n.114/e del R 31 dicembre 2012

45 IMMOBILI INTERESSE STORICO ACCONTI 2012 Nella determinazione degli acconti dovuti per l anno 2012 si doveva assumere quale imposta del periodo precedente quella che si sarebbe determinata applicando la nuova disciplina introdotta dal D.L. n. 16/2012 Art.4. comma 5 septies, D.L. 16/2012 Circolare n.19/e 1 giugno 2012 par. 5.4

46 CEDOLARE SECCA: I PRINCIPALI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

47 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 4 giugno 2012 Revoca dell opzione La revoca dell opzione, nelle more dell adozione del provvedimento direttoriale che ne definisca le modalità può essere effettuata in carta libera o utilizzando il Mod.69 come schema di richiesta della revoca È opportuno darne comunicazione al conduttore responsabile solidale del pagamento dell imposta di registro

48 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 04 giugno 2012 Comunicazione preventiva al conduttore Non è necessaria per contratti di durata inferiore a 30 giorni nell anno o per quelli in cui è presente una clausola di rinuncia all aggiornamento del canone Non occorre reiterarla per le annualità successive Per il periodo transitorio 2011 la comunicazione è da ritenersi tempestiva se inviata entro il 1 ottobre 2012 (termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi 2011)

49 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 04 giugno 2012 Periodo transitorio 2011 acconto omesso L omesso versamento dell acconto della cedolare secca non impedisce l applicazione del regime sostitutivo Il contribuente può regolarizzare l omissione ricorrendo all istituto del ravvedimento operoso presentando istanza di correzione dei codici tributo se in sede di determinazione e versamento dell acconto IRPEF 2011 ha tenuto conto del reddito derivante dalla locazione dell immobile

50 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 04 giugno 2012 Acconto nell anno di prima applicazione Se nell anno precedente a quello di opzione per la cedolare secca il contribuente ha assoggettato all IRPEF il reddito locato non è tenuto al versamento dell acconto della cedolare per l anno in cui interviene l opzione per il regime sostitutivo

51 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 04 giugno 2012 Comproprietario non contraente e fondo patrimoniale L opzione per la cedolare può essere esercitata anche dal comproprietario non risultante dal contratto di locazione presentando il modello 69 corredato da documentazione attestante il titolo di comproprietario, fermo restando l obbligo di comunicazione preventiva al conduttore di rinuncia agli aggiornamenti del canone La facoltà di adesione al regime della cedolare secca spetta anche al coniuge non proprietario di immobile confluito in un fondo patrimoniale

52 CEDOLARE SECCA Circolare n. 20/E 04 giugno 2012 Trasferimento dell immobile locato In caso di trasferimento dell immobile locato, l opzione esercitata dal dante causa cessa di avere efficacia ai fini IRPEF continua ad avere effetto ai fini dell imposta di bollo e di registro sino al termine dell annualità contrattuale i nuovi titolari possono esercitare l opzione entro 30 gg. dal subentro presentando il mod.69

53 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Opzione effettuata in sede di registrazione tardiva del contratto È possibile optare per il regime facoltativo di tassazione della cedolare secca anche nell ipotesi di tardiva registrazione del contratto di locazione ricorrendo all istituto del ravvedimento operoso (Circ. 26/2011, paragrafo 9.1.) Versamento delle sole sanzioni commisurate all imposta di registro calcolata sul corrispettivo pattuito per l intera durata del contratto di locazione

54 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Opzione non tempestiva effettuata successivamente alla registrazione L opzione esercitata mediante presentazione del modello 69 oltre il termine previsto per il versamento dell imposta di registro dovuta annualmente determina l impossibilità di accedere al regime della cedolare secca per l annualità in relazione alla quale l opzione non è stata esercitata nei termini

55 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Esempio n.1 Contratto di locazione quadriennale con efficacia dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2016 stipulato il 1 gennaio 2013 e registrato nei termini il 15 gennaio 2013, senza opzione per la cedolare secca e con versamento dell imposta di registro per l intero quadriennio Opzione con Mod. 69 presentato il 15 febbraio 2013 Opzione con Modello 69 presentato il 15 febbraio 2014 L opzione ha effetto dal 2014 L opzione ha effetto dal 2015

56 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Cedolare secca e remissione in bonis L istituto della remissione in bonis può essere applicato alla fattispecie di tardiva presentazione del modello 69 solo se il tardivo adempimento dell obbligo di presentazione di tale modello non sia configurabile come mero ripensamento Non può essere ammesso ad usufruirne chi ha effettuato il versamento dell imposta di registro(anche se in unica soluzione) prima di esercitare l opzione per il regime della cedolare secca

57 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Esempio n.1 Contratto di locazione quadriennale con efficacia dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2016 stipulato il 1 gennaio 2013 e registrato nei termini il 15 gennaio 2013, senza opzione per la cedolare secca e con versamento dell imposta di registro per l intero quadriennio Opzione con Mod. 69 presentato il 15 febbraio 2013 Opzione con Modello 69 presentato il 15 febbraio 2014 Remissione in bonis

58 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Esempio n.2 Contratto di locazione quadriennale con efficacia dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2016 stipulato il 1 gennaio 2013 e registrato nei termini il 15 gennaio 2013, senza opzione per la cedolare secca e con versamento della imposta di registro dovuta per la sola prima annualità Opzione con Modello 69 presentato il 15 febbraio 2014 senza versamento della imposta di registro annuale REMISSIONE IN BONIS

59 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Esempio n.3 Contratto di locazione quadriennale con efficacia dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre 2013 stipulato il 1 gennaio 2010 e registrato nei termini il 15 gennaio 2010 (non cedolabile ), con versamento dell imposta di registro per l intero quadriennio Opzione con Modello 69 presentato il 15 febbraio 2013 REMISSIONE IN BONIS

60 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Cedolare secca e remissione in bonis Il tardivo invio della preventiva comunicazione al conduttore non è sanabile con l istituto della remissione in bonis in quanto non si tratta di una comunicazione da effettuarsi nei confronti dell amministrazione finanziaria

61 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Art.3, commi 8 e 9 del D. Lgs. 23/2011 Contratti di locazione non registrati entro i termini Contratti registrati a canoni inferiori Contratti di comodato fittizi Gli uffici fiscali in sede di registrazione non sono tenuti ad effettuare alcuna valutazione in ordine all applicabilità delle conseguenze civilistiche previste dall art. 3, commi 8 e 9 del D. Lgs. 23/2011 (durata della locazione fissata in 4+4, canone pari al triplo della rendita catastale)

62 CEDOLARE SECCA Circolare n. 47/E 20 dicembre 2012 Art.3, commi 8 e 9 del D. Lgs. 23/2011 La parte che intende avvalersi delle conseguenze civilistiche di cui ai commi 8 e 9 in sede di richiesta di registrazione deve dichiarare all Ufficio il valore e la durata contrattuale derivanti dall applicazione della disciplina legale e non invece il valore e la durata risultanti dall atto non registrato nei termini L eventuale ravvedimento del contribuente incide esclusivamente sul trattamento sanzionatorio tributario mentre non influenza la disciplina di cui ai commi 8 e 9 dell art. 3 del D.Lgs. 23/2011

63 CEDOLARE SECCA Circolare n. 13/E 9 maggio 2013 Regime transitorio Applicazione cedolare secca in dichiarazione e revoca L opzione espressa nella dichiarazione dei redditi anno d imposta 2011 e, non confermata per le annualità successive con mod. 69, esplica effetti, salvo revoca, anche per il periodo residuo di durata del contratto L opzione in dichiarazione non è vincolante per le annualità successive e la revoca è desumibile dal comportamento concludente del contribuente diretto ad applicare l IRPEF e l imposta di registro

64 CEDOLARE SECCA Circolare n. 13/E 9 maggio 2013 Regime transitorio Mancata applicazione della cedolare secca in dichiarazione Il contribuente può sanare l omissione presentando la dichiarazione integrativa modello UNICO 2012 (redditi 2011) entro il 30 settembre 2013, con applicazione della cedolare secca regolarizzando i versamenti non effettuati dell acconto e del saldo della cedolare secca dovuti per il periodo di imposta 2011, e dell acconto della cedolare secca dovuto per il periodo di imposta 2012, versando inoltre il saldo nei termini ordinari

65 CEDOLARE SECCA Circolare n. 13/E 9 maggio 2013 Regime transitorio Mancata applicazione della cedolare secca in dichiarazione Il contribuente ai fini della regolarizzazione dei versamenti può presentare istanza di correzione dei codici tributo se ha tenuto conto del reddito derivante dalla locazione dell immobile abitativo ai fini del versamento dell acconto e del saldo IRPEF dovuti per il 2011, e dell acconto IRPEF dovuto per il 2012 Non è applicabile il ravvedimento operoso per il versamento dell acconto della cedolare secca dovuto per il periodo di imposta 2011

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

IMU ed imposte sui redditi

IMU ed imposte sui redditi I Dossier Fiscali IMU ed imposte sui redditi I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate (C.M. 5/E/2013) SOMMARIO IMU ed imposte sui redditi... 3 IMU in sostituzione dell IRPEF Effetti sui singoli redditi...

Dettagli

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti Circolare N.5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2013 OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti.it 2 INDICE PREMESSA...3 1. RAPPORTO TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI...3

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra IMU e imposte sui redditi - chiarimenti

Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra IMU e imposte sui redditi - chiarimenti Roma, 18 Aprile 2013 Prot. n.: 333/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 20/2013 Oggetto: Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E dell 11 Marzo 2013: rapporto tra

Dettagli

Circolare N.94 del 21 Giugno 2012

Circolare N.94 del 21 Giugno 2012 Circolare N.94 del 21 Giugno 2012 Cedolare secca: per i contratti già in corso al 07.04.2011 la comunicazione agli inquilini è possibile fino al 01.10.2012 Cedolare secca: per i contratti già in corso

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile Art. 3 D.LGS. 14.3.2011, n. 23 Stefano Spina O.D.C.E.C. Torino Torino 14 giugno 2012 LA CEDOLARE SECCA ASPETTI GENERALI Obiettivo

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Quadro B: redditi dei fabbricati. a cura di Fabio Garrini

Quadro B: redditi dei fabbricati. a cura di Fabio Garrini Quadro B: redditi dei fabbricati a cura di Fabio Garrini 1 La visura catastale Dati identificativi individuazione del fabbricato Sezione foglio mappale - subalterno Dati di classamento descrizione del

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo

IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI. Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF: ESERCITAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Dott.ssa Raffaella Sponsillo IRPEF (D.P.R. 22 DICEMBRE 1986 N. 917) DEFINIZIONE: IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CARATTERISTICHE: IMPOSTA

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012

BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012 BREVE GUIDA ALLE NOVITA 730/2013 REDDITI 2012 L IMU sostituisce, per la componente immobiliare, l Irpef e le relative addizionali in riferimento ai redditi fondiari relativi ai beni locati. Sono comunque

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

CONVEGNO PARMA DEL 19 OTTOBRE 2011

CONVEGNO PARMA DEL 19 OTTOBRE 2011 CONVEGNO PARMA DEL 19 OTTOBRE 2011 Dott. Filippo Berti dottore commercialista e revisore contabile Studio in Salsomaggiore Terme ed in Parma e Piacenza c/o Studio Ampollini Gian Mario tel. 0523/305828

Dettagli

L EFFETTO SOSTITUTIVO IMU / IRPEF E LA COMPILAZIONE DEL MOD. UNICO 2015 PF

L EFFETTO SOSTITUTIVO IMU / IRPEF E LA COMPILAZIONE DEL MOD. UNICO 2015 PF INFORMATIVA N. 167 05 GIUGNO 2015 DICHIARAZIONI L EFFETTO SOSTITUTIVO IMU / IRPEF E LA COMPILAZIONE DEL MOD. UNICO 2015 PF Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 13, DL n. 201/2011 DM 28.11.2014 DL n. 4/2015

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII - N. 2/ 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII - N. 2/ 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII - N. 2/ 2013 730/2013: le novità Come ogni anno, anche il modello 730/2013 presenta alcune significative novità.

Dettagli

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011

CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011 CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011 OGGETTO: LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI L'art. 3 del D.Lgs. n. 23 del 14/03/2011 ha introdotto, a partire dal periodo d imposta 2011, la possibilità per i possessori

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI ART. 3 D. LGS 23/2011 COMUNICATO STAMPA 06/04/2011 PROVVEDIMENTO 07/04/2011 n. 55394 MODELLO SIRIA + MODELLO 69 RIS.

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012 Formazione 730/2013 Corso di Aggiornamento 730/2013 Dichiarazione dei Redditi 2012 A cura di Ansanelli Francesco Formazione 730/2013 I redditi fondiari I redditi fondiari sono quelli relativi ai terreni

Dettagli

CEDOLARE SECCA PER I REDDITI IMMOBILIARI DA LOCAZIONE L

CEDOLARE SECCA PER I REDDITI IMMOBILIARI DA LOCAZIONE L CEDOLARE SECCA PER I REDDITI IMMOBILIARI DA LOCAZIONE L Agenzia delle entrate fornisce gli attesi chiarimenti sull applicazione della cedolare secca, soprattutto per quanto concerne le modalità di calcolo

Dettagli

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 Con i provvedimenti dell Agenzia delle entrate 15.1.2013 e 4.3.2013 è stato approvato in via definitiva (rettifiche comprese), il modello 730/2013 per l adempimento

Dettagli

Modello UNICO 2014: quadro RA - Redditi da terreni Edoardo Sesini e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo

Modello UNICO 2014: quadro RA - Redditi da terreni Edoardo Sesini e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo Modello UNICO 2014: quadro RA - Redditi da terreni Edoardo Sesini e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " FISCO In sede di compilazione delle dichiarazioni dei redditi,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011

LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Circolare informativa n. 15 del 13 Aprile 2011 LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Il decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, recante disposizioni in materia

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

UNICO 2014 : I REDDITI DA QUADRO RB E IL CASO DEGLI IMMOBILI LOCATI AD INQUILINI MOROSI

UNICO 2014 : I REDDITI DA QUADRO RB E IL CASO DEGLI IMMOBILI LOCATI AD INQUILINI MOROSI UNICO 2014 : I REDDITI DA QUADRO RB E IL CASO DEGLI IMMOBILI LOCATI AD INQUILINI MOROSI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto nel quadro RB del modello Unico vanno dichiarati i redditi

Dettagli

La cedolare secca sugli affitti è un'imposta che, se scelta, sostituisce quelle ordinariamente dovute sulle locazioni e, cioè:

La cedolare secca sugli affitti è un'imposta che, se scelta, sostituisce quelle ordinariamente dovute sulle locazioni e, cioè: CEDOLARE SECCA La cedolare secca sugli affitti è un'imposta che, se scelta, sostituisce quelle ordinariamente dovute sulle locazioni e, cioè: l Irpef e le addizionali sul reddito degli affitti l imposta

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA 3/2013

CIRCOLARE INFORMATIVA 3/2013 D E T R A Z I O N I E D E D U Z I O N I D I M P O S T A N E L M O D E L L O 7 3 0 E D U N I C O P F 2 0 1 3 T A S S A Z I O N E R E D D I T I D A T E R R E N I E F A B B R I C A T I CIRCOLARE INFORMATIVA

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

La cedolare secca dovrebbe servire a semplificare il pagamento delle imposte sui contratti di locazione.

La cedolare secca dovrebbe servire a semplificare il pagamento delle imposte sui contratti di locazione. Milano, 22 aprile 2011 Egregi Signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 05-2011 OGGETTO: CEDOLARE SECCA AFFITTI In alternativa al regime ordinario vigente per la tassazione del reddito fondiario ai fini

Dettagli

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è entrato

Dettagli

Art. 3 D.Lgs. 14 marzo 2011 n. 23

Art. 3 D.Lgs. 14 marzo 2011 n. 23 Art. 3 D.Lgs. 14 marzo 2011 n. 23 Disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale Entrata in vigore dal 07 aprile 2011 Lunedì 26 settembre 2011 Studio Brustia & Pagani - Dr. Stefano Brustia 1

Dettagli

E MIGLIORAMENTI FONDIARI. CIRCOLARE N.12 Prot. n.712 CB/ev Roma, 22 aprile 2013

E MIGLIORAMENTI FONDIARI. CIRCOLARE N.12 Prot. n.712 CB/ev Roma, 22 aprile 2013 ASSOCIAZIONE NAZIONALE BONIFICHE, IRRIGAZIONI E MIGLIORAMENTI FONDIARI Membro dell European Union of Water Management Associations CIRCOLARE N.12 Prot. n.712 CB/ev Roma, 22 aprile 2013 E-mail A TUTTI GLI

Dettagli

CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO

CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO Riferimenti: Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 Nell ambito del Federalismo fiscale municipale il Legislatore ha introdotto, con decorrenza dal

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI DELL IMU. I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono:

SOGGETTI PASSIVI DELL IMU. I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono: SOGGETTI PASSIVI DELL IMU I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono: il proprietario d immobili ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;

Dettagli

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI 29 Aprile 2013 DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE 730 UNICO PF 2013 UNICO MINI Dott. Giangiacomo Indri Raselli SCADENZE 730 => al CAF entro 31/5/2013 trasmesso entro il 17/06/2013 Unico PF/mini

Dettagli

L opzione non può essere effettuata nell esercizio di attività di impresa o di arti e professioni.

L opzione non può essere effettuata nell esercizio di attività di impresa o di arti e professioni. Contribuenti interessati Possono optare per il regime della cedolare secca le persone fisiche titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento (per esempio, usufrutto) su unità immobiliari

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23)

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23) STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.6.2011 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2011 CEDOLARE

Dettagli

Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche

Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche Modello Unico 2013: cosa non dimenticare per le persone fisiche La dichiarazione dei redditi della persona fisica, relativa al periodo d imposta 2012, è interessata da alcune significative differenze rispetto

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

www.rizzatodainese.it consulenza economico-giuridica, tributaria e del lavoro

www.rizzatodainese.it consulenza economico-giuridica, tributaria e del lavoro L OPZIONE PER LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI Giovedì 7 aprile u.s è entrato in vigore il decreto sul federalismo municipale e con esso l opzione per la (articolo 3 del d.lgs 23/2011). La " sugli affitti"

Dettagli

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti CIRCOLARE N.20/E Roma, 4 giugno 2012 OGGETTO: Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Via Cristoforo

Dettagli

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO

Studio Associato Renata SELLA & Fausto GALLO Belluno, 13 Novembre 2012 Quaderni Bellunesi OGGETTO: acconti scadenti il 30 novembre 2012 dovuti dai contribuenti persone fisiche per IRPEF e cedolare secca anno d'imposta 2012. Termini di versamento

Dettagli

È possibile infatti distinguere un regime ordinario di tassazione da un nuovo sistema agevolato e alternativo: la cedolare secca.

È possibile infatti distinguere un regime ordinario di tassazione da un nuovo sistema agevolato e alternativo: la cedolare secca. 3. LE LOCAZIONI Il reddito che il proprietario ricava dalla locazione di un fabbricato (reddito effettivo) è tassato in maniera diversa a seconda del regime di tassazione scelto. È possibile infatti distinguere

Dettagli

Locazioni e Fisco. di Jean-Claude Mochet

Locazioni e Fisco. di Jean-Claude Mochet Locazioni e Fisco di Jean-Claude Mochet Abbreviazioni usate nel testo art. CIPE C.p.c. DL DLgs DM DPR ICI IMU IRPEF IVA IVIE pag. par. TUIR TUR Articolo Comitato interministeriale per la programmazione

Dettagli

Qui di seguito pubblichiamo una sintesi dei principali chiarimenti forniti dalla circolare n. 3/DF in materia di I.M.U. suddivisi per materia.

Qui di seguito pubblichiamo una sintesi dei principali chiarimenti forniti dalla circolare n. 3/DF in materia di I.M.U. suddivisi per materia. n. 20, 21 maggio 2012 CIRCOLARE N. 3/DF DEL 18 MAGGIO 2012 I PRINCIPALI CHIARIMENTI a cura di Maurizio Delfino Elena Salvia Qui di seguito pubblichiamo una sintesi dei principali chiarimenti forniti dalla

Dettagli

Studio Legale e Commerciale CES@RINI. AFFITTI: si cambia

Studio Legale e Commerciale CES@RINI. AFFITTI: si cambia AFFITTI: si cambia E stata introdotta a partire dal 2011 la "cedolare secca sugli affitti". Si tratta di un imposta che sostituisce quelle attualmente dovute sulle locazioni (articolo 3 del dlgs 23/2011).

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 PERSONE FISICHE NOVITÀ

MODELLO UNICO 2014 PERSONE FISICHE NOVITÀ MODELLO UNICO 2014 PERSONE FISICHE NOVITÀ pagina 1 in questa circolare 1. Modello Unico 2014 PF Struttura 2. Modello Unico Mini 2014 3. Soggetti esonerati 4. Soggetti interessati 5. Termini di versamento

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

Quadro RB REDDITI DEI FABBRICATI

Quadro RB REDDITI DEI FABBRICATI Quadro RB REDDITI DEI FABBRICATI ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 REDDITI DEI FABBRICATI REDDITO IMPONIBILE SOGGETTI OBBLIGATI SOGGETTI ESONERATI COME SI COMPILA CASI PRATICI Il Quadro RB deve essere utilizzato

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI

LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI LA TASSAZIONE DEI REDDITI IMMOBILIARI Dott. Comm. Filippo Ceccarelli Redditi fondiari Sono redditi fondiari quelli inerenti ai terreni e ai fabbricati situati nel territorio dello Stato che sono o devono

Dettagli

G A L L I & P A R T N E R S D O T T O R I C O M M E R C I A L I S T I

G A L L I & P A R T N E R S D O T T O R I C O M M E R C I A L I S T I CEDOLARE SECCA SUI CONTRATTI DI LOCAZIONE PREMESSA Con la presente, desideriamo richiamare la Vostra attenzione sull introduzione e sulla definitiva operatività, a partire dal corrente anno, della nuova

Dettagli

La lente sul fisco. Guida alla cedolare secca. Aggiornata con la circolare 26/E del 1/06/2011. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line

La lente sul fisco. Guida alla cedolare secca. Aggiornata con la circolare 26/E del 1/06/2011. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line La lente sul fisco L Aggiornamento Professionale on-line Guida Operativa Guida alla cedolare secca Aggiornata con la circolare 26/E del 1/06/2011 A cura del Comitato Scientifico La lente sul fisco Indice

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

CHI DEVE PAGARE L'IMU:

CHI DEVE PAGARE L'IMU: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta municipale

Dettagli

1. LA CEDOLARE SECCA NAZIONALE SUGLI AFFITTI

1. LA CEDOLARE SECCA NAZIONALE SUGLI AFFITTI CONSORZIO NAZIONALE La nota che segue vuole essere una prima riflessione a commento dell introduzione del Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, Federalismo Fiscale Municipale, ed in particolare all

Dettagli

1 modulo Requisiti soggettivi e oggettivi

1 modulo Requisiti soggettivi e oggettivi LA CEDOLARE SECCA 1 modulo Requisiti soggettivi e oggettivi LA CEDOLARE SECCA 1.Legge delega nr. 42 del 2009 2.D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23 (art. 3) 3.Provvedimento La cedolare secca sostituisce con riguardo

Dettagli

MODELLO 730/2015. Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

MODELLO 730/2015. Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara MODELLO 730/2015 dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI GENERALI 1 Quadro A Redditi dei terreni 2 Quadro B Redditi dei fabbricati 3

Dettagli

Guida pratica: fisco e affitti. Diritti riservati Solo Affitti S.p.A.

Guida pratica: fisco e affitti. Diritti riservati Solo Affitti S.p.A. Introduzione Il mattone è la forma di investimento preferita dagli italiani: sicura e redditizia. E gli italiani, nonostante il carattere istintivo e passionale, sono dei buoni risparmiatori, che amano

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

CEDOLARE SECCA: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

CEDOLARE SECCA: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 20.06.2011 CEDOLARE SECCA: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il decreto legislativo n.23 del 14 marzo 2011, recante disposizioni

Dettagli

Oggetto: cedolare secca sui canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Oggetto: cedolare secca sui canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Ai Sigg. Clienti Loro Sedi Mestre, 28 aprile 2011 Oggetto: cedolare secca sui canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Per effetto dell art. 3 del DLgs. 14.3.2011 n. 23, contenente disposizioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 15/2011. Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Applicazione del regime della cedolare secca

NOTA INFORMATIVA N. 15/2011. Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo Applicazione del regime della cedolare secca Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dottore commercialista revisore legale CLAUDIO UBINI dottore commercialista

Dettagli

MODELLO 730/2013 NOVITÀ

MODELLO 730/2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 9/2013 del 14 marzo 2013 MODELLO 730/2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadro del Modello 730/2013 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2013

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

genzia ntrate UNICO MINI 2014 Periodo d imposta 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

genzia ntrate UNICO MINI 2014 Periodo d imposta 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE genzia ntrate UNICO MINI 2014 Periodo d imposta 2013 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE È UNA VERSIONE SEMPLIFICATA DEL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE, IDEATA PER AGEVOLARE I CONTRIBUENTI CHE SI TROVANO N ELLE

Dettagli

COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE DI PALO DEL COLLE CITTA METROPOLITANA DI BARI IMU - TASI SI RENDE NOTO che entro la scadenza del 16 giugno 2015 deve essere effettuato il versamento della prima rata dell Imposta Municipale propria

Dettagli

COSA È LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI?

COSA È LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI? COSA È LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI? È un nuovo regime di tassazione agevolata sugli affitti introdotto dall art.3 del decreto legislativo n. 23/2011. Consiste nell applicare al canone annuo di locazione

Dettagli

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 17 Aprile 2011 Oggetto: Circolare del 17.04.2011 Argomento nr. 1) LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI - REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Il decreto

Dettagli

GUIDA ALL IMU - ANNO 2012

GUIDA ALL IMU - ANNO 2012 Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno GUIDA ALL IMU - ANNO 2012 CHI DEVE PAGARE L IMU L IMU è dovuta dai proprietari di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli situati nel territorio

Dettagli

FISCO E CASA:LE LOCAZIONI

FISCO E CASA:LE LOCAZIONI FISCO E CASA:LE LOCAZIONI agosto 2014 CEDOLARE SECCA LOCAZIONI A CANONE CONCORDATO DETRAZIONI PER GLI INQUILINI PROROGA, CESSIONE, RISOLUZIONE PAGAMENTO IMPOSTE DI REGISTRO E DI BOLLO aggiornamento MAGGIO

Dettagli

La fiscalità della separazione Firenze 21.03.2016

La fiscalità della separazione Firenze 21.03.2016 La fiscalità della separazione Firenze 21.03.2016 Studio GRAZZINI Dottori e Ragionieri Commercialisti Associati Empoli Via Di Bonistallo 50/b - tel 057172296 fax 057177945 Relatori: Dott. Federico Pianigiani

Dettagli

FISCO E CASA:LE LOCAZIONI

FISCO E CASA:LE LOCAZIONI FISCO E CASA:LE LOCAZIONI Gli aggiornamenti più recenti modalità di pagamento delle imposte dovute per la registrazione dei contratti ampliamento dei termini per effettuare il ravvedimento e nuove ipotesi

Dettagli

Preclusa la cedolare secca per la locazione di immobili uso foresteria. (Faq Agenzia delle Entrate 21.01.2015)

Preclusa la cedolare secca per la locazione di immobili uso foresteria. (Faq Agenzia delle Entrate 21.01.2015) N. 45 del 12.02.2015 La Memory A cura di Franca Recenti Preclusa la cedolare secca per la locazione di immobili uso foresteria (Faq Agenzia delle Entrate 21.01.2015) In data 20.01.2015, sono stati forniti,

Dettagli

COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE Provincia di Lodi GUIDA PRATICA ALL IMU

COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE Provincia di Lodi GUIDA PRATICA ALL IMU COMUNE DI CORNEGLIANO LAUDENSE Provincia di Lodi GUIDA PRATICA ALL IMU La disciplina di riferimento (ART. 13, DL 201/2011, ARTT. 8 E 9 D.LGS 23/2011, ART. 4 DL 16/2012) L art. 13 del DL n. 201/2011 ha

Dettagli

IMP (Imposta Municipale Propria)

IMP (Imposta Municipale Propria) IMP (Imposta Municipale Propria) Cosa si paga Chi deve pagare L abitazione principale e le relative pertinenze. I fabbricati iscritti in Catasto. Le aree fabbricabili. I terreni agricoli. Tutti gli immobili

Dettagli

UNICO 2013 PF: compilazione del quadro RB per i redditi dei fabbricati

UNICO 2013 PF: compilazione del quadro RB per i redditi dei fabbricati UNICO 2013 PF: compilazione del quadro RB per i redditi dei fabbricati di Riccardo Rizzi e Manuela Castellani (*) L ADEMPIMENTO Il Quadro RB di UNICO 2013 deve essere utilizzato per dichiarare i redditi

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE:

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 26 dell 08/09/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: TRIBUTO SUI SERVIZI

Dettagli

Assoedilizia 16.06.2011

Assoedilizia 16.06.2011 La cedolare secca ultimi aggiornamenti e riferimenti al Modello Unico Assoedilizia 16.06.2011 Alessandro de Vincentis Dottore Commercialista Revisore Contabile adevin@studiobazzanadevincentis.com 1 Principali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. 2011/55394 Modalità di esercizio dell opzione per l applicazione del regime della cedolare secca, modalità di versamento dell imposta e altre disposizioni di attuazione dell articolo 3 del decreto

Dettagli

Formazione 2011/2012 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL

Formazione 2011/2012 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI Formazione 2011/2012 1 FEDERALISMO FISCALE Art. 3. d.lgs. n. 23/2011 Cedolare secca sugli affitti 2. A decorrere dall anno 2011, ilcanone di locazione relativo ai contratti

Dettagli

Focus di pratica professionale di Federico Salvadori. Il ricalcolo degli acconti in Unico 2013

Focus di pratica professionale di Federico Salvadori. Il ricalcolo degli acconti in Unico 2013 Focus di pratica professionale di Federico Salvadori Il ricalcolo degli acconti in Unico 2013 Si approssima ormai la scadenza per l effettuazione dei versamenti d imposta derivanti dal modello Unico, per

Dettagli

LOCAZIONE - CEDOLARE SECCA - RISPOSTE A QUESITI - CHIARIMENTI

LOCAZIONE - CEDOLARE SECCA - RISPOSTE A QUESITI - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 4 giugno 2012, n.20/e Cedolare secca sugli affitti - Risposte a quesiti. LOCAZIONE - CEDOLARE SECCA - RISPOSTE A QUESITI - CHIARIMENTI

Dettagli