ANDROID ANDROID & JAVA. DALVIK o ART? STRUMENTI SVILUPPARE CON ECLIPSE. Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANDROID ANDROID & JAVA. DALVIK o ART? STRUMENTI SVILUPPARE CON ECLIPSE. Java e la piattaforma Android. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica"

Transcript

1 Università degli Studi di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Java e la piattaforma Android Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2014/2015 Prof. ENRICO DENTI Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) ANDROID Android è un sistema operativo per smartphone & tablet basato sul kernel di Linux che adotta Java come linguaggio di programmazione e incorpora quasi tutto il framework Java Android 4.2: macchina virtuale Dalvik diversa da JVM standard architettura a registri formato ottimizzato Dalvik Executable (.dex) anziché bytecode (.class) Android 5: nuova macchina virtuale ART Già disponibile in Android 4.4 a titolo sperimentale DALVIK o ART? Dalvik ha accompagnato Android fin dagli esordi architettura a registri, formato ottimizzato....ma prestazioni non del tutto soddisfacenti ( e qualche problema di licenza fra Google e Oracle ) ART (Android Run Time) mira a prestazioni migliori disponibile da Android 4.4 (kit kat) ma non impostata per default diventa la VM di default in Android 5 migliora le prestazioni perché sostituisce il compilatore JIT (just-in-time) di Dalvik con un compilatore AOT (ahead-of-time), che pre-compila tutto il codice durante l'installazione dell'app anziché dopo durante la migrazione da Android 4.4 a 5 dice «sto ottimizzando le app» - le converte tutte! miglior gestione energia (durata batteria +20% ~) MA: installazione più lenta, occupazione memoria maggiore (+10-20%) ANDROID & JAVA Android è anche una piattaforma con i suoi strumenti di sviluppo: Android SDK di ambiente: plugin Eclipse (ADT) Cosa significa che "Android adotta Java"? stesso linguaggio: lo conoscete già! "quasi" stesse librerie (TRANNE la grafica.. comprensibilmente!) MA diversa macchina virtuale nell'infrastruttura, quindi diverso formato del codice oggetto e quindi diverso modello di sviluppo NON PIÙ bytecode (.class) MA Dalvik Executable (.dex) NON PIÙ archivi jar (.jar) MA application packages (.apk) NON PIÙ solo javac, MA ANCHE altri strumenti MA soprattutto diversa organizzazione delle applicazioni NON PIÙ main classico: le app sono organizzate in attività NON PIÙ console con stdout, stdin: le app sono solo grafiche STRUMENTI COME SI SVILUPPA in Android? con Eclipse + alcuni strumenti aggiuntivi Android SDK ADT plugin per Eclipse Problema: configurazione complicata con l'android Developer Tool (ADT) una versione speciale di Eclipse con quei tool già inclusi dal 2014, non più supportata con Android Studio basato su uno strumento alternativo a Eclipse più completo e moderno, ma con ambiente "piuttosto diverso" dal classico Eclipse SVILUPPARE CON ECLIPSE Non basta installare gli strumenti bisogna anche configurarli....e non è semplicissimo PASSI NECESSARI: installare una o più "Platforms" creare uno o più "Virtual Devices" configurare l'emulatore Android per tali dispositivi Sembra facile.. ma è piuttosto faticoso.. però alla fine funziona NB: l'emulatore è pesante e lento a partire.. ma poi è ottimo.

2 SVILUPPARE CON ADT ANDROID STUDIO ADT è un Eclipse preconfigurato PROCEDURA Installazione manuale degli strumenti in Eclipse Oggi non più necessaria operativamente..ma da conoscere per capire "cosa c'è dietro" 1) Installazione dell'android SDK scaricare da scompattarlo e lanciare il setup configurarlo tramite l'sdk Manager (scelta e installazione piattaforme) 2) Installazione dell'adt Plugin per Eclipse DENTRO ECLIPSE: istruire Eclipse per lo scaricamento e installare il plugin aggiungere al plugin le informazioni sulla posizione dell'sdk 3) Configurazione dell'adt Plugin DENTRO ECLIPSE: riconoscimento piattaforme installate configurazione di uno o più dispositivi virtuali Android (AVD) 1. INSTALLAZIONE SDK 2. CONFIGURAZIONE SDK Si può fare anche dopo, ma tanto vale farlo ora. INDISPENSABILI: SDK Tools almeno una platform Android (nuovi device) Android (smartphone) oppure Android 3.x (dipende..) UTILI: USB driver (per scaricare app su dispositivi reali via cavo USB)

3 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (1) 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (2) DENTRO ECLIPSE: menu Help > Install New Software 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (3) 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (4) Normale, perché il plugin è ha bisogno di sapere la posizione dell'sdk. Fare quindi clic su Open Preferences (NON Close). 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (5) Premere Browse e selezionare la cartella con l'sdk. Verificare che vengano trovate le piattaforme installate. 3. INSTALLAZIONE PLUGIN (5) Premere Browse e selezionare la cartella con l'sdk. Verificare che vengano trovate le piattaforme installate.

4 4. CONFIGURAZIONE PLUGIN (1) 4. CONFIGURAZIONE PLUGIN (2) Al momento, non ci sono dispositivi virtuali installati. Dal menu Window, selezionare AVD Manager Bisogna crearne almeno uno premendo New.. Definire un nome (in alto) Scegliere la piattaforma (es ) Scegliere la SD card size (1 GB) Scegliere la risoluzione (WVGA tipicam.) 4. CONFIGURAZIONE PLUGIN (3) Se ne volete altri, ripetete la procedura. Ora c'è almeno un dispositivo virtuale installato. Creare applicazioni Android La Console di Eclipse mostra il log della creazione avvenuta. ANDROID & JAVA ANDROID: L'EMULATORE Sviluppare applicazioni per Android è molto simile a svilupparle per Java Standard sempre Eclipse, solito ambiente, soliti tool MA la diversa macchina virtuale (Dalvik/ART) implica qualche passaggio in più PRIMA bastava generare il bytecode (.class) ORA, in più, occorre generare il «suo» formato (.dex /.elf) INOLTRE, per eseguirle occorre un emulatore emula un terminale Android con relativa GUI, tasti, etc possibile emulare vari dispositivi con diverse caratteristiche Soprattutto, è diversa l' organizzazione delle applicazioni NON HANNO PIÙ IL MAIN: sono organizzate in attività NON C'È PIÙ LA CONSOLE con stdout, stdin: sono grafiche

5 CONFIGURAZIONE DELL'EMULATORE L' Android Virtual Device manager gestisce i "finti terminali Android" da emulare Se ne possono definire molti, con diverse caratteristiche hw/sw - piattaforma (es. Android 2.3.3) - dimensione SD card size (es. 1 GB) - risoluzione (es. WVGA) - SVILUPPO DI APPLICAZIONI Per sviluppare un'applicazione, la prima cosa da fare è creare un apposito progetto (Eclipse o Android Studio) New > Android Application project Per definirne altri, premere NEW e compilare la form APPLICAZIONI ANDROID (1) Perché una Applicazione Android ("app") non ha main? Perché c'è dietro un'idea diversa di scenario: un dispositivo smartphone/tablet è ben diverso da un pc! e, conseguentemente, di modello di runtime: le app devono essere fatte secondo un ben preciso schema perché così Android ne riconoscerà le parti costitutive e le integrerà nel suo framework d'esecuzione tale schema semplifica la realizzazione perché molti aspetti generali sono ereditati: SI SFRUTTA L'EREDITARIETÀ FIN DALLE FONDAMENTA un'app è fatta di una o più Activity ed è sempre descritta da un manifest (se non ha GUI, può essere un Service) APPLICAZIONI ANDROID (2) E la grafica? Android NON HA Swing: fornisce la sua libreria i componenti grafici sono tutti sottoclassi di View sono sottoclassi di View anche text field, bottoni, etc strutturalmente, le View sono organizzate in gruppi un layout è quindi composto da View e da ViewGroups (invisibili) opportunamente annidati Soprattutto, a differenza di Java, le GUI non si programmano: si descrivono tramite un idoneo vocabolario XML ACTIVITY (1/4) L'attività (Activity) è il nucleo base di ogni applicazione una Activity "base" di per sé non fa nulla ma esiste! Attività vuota (di default) in esecuzione nell'emulatore ACTIVITY (2/4) La classe Activity definisce vari metodi, che le singole attività possono (devono) specializzare il principale metodo è oncreate, chiamato quando l'attività inizia riceve un argomento Bundle, da usare per chiamare l'omonimo metodo padre via super (come Graphics in paintcomponent..) import android.app.activity; import android.os.bundle; public class CodFiscAndroidActivity extends Activity public void oncreate(bundle savedinstancestate) { // il codice dell'attività

6 ACTIVITY (3/4) Una semplice attività di prova che stampa HelloWorld può essere ottenuta semplicemente specializzando la view il metodo setcontentview specifica cosa mostrare a video lo "strano" argomento R.layout.main indica di visualizzare ciò che è specificato in un file XML esterno, main.xml di default, tale file specifica di mostrare un messaggio di saluto ACTIVITY (4/4) La prima Activity col messaggio di saluto predefinito: Nome della nostra Activity e messaggio di saluto (personalizzabile) import android.app.activity; import android.os.bundle; public class CodFiscAndroidActivity extends Activity public void oncreate(bundle savedinstancestate) { setcontentview(r.layout.main); Il Codice Fiscale su Android ESEMPIO: portare il codice fiscale su Android la logica dell'applicazione è immutata CodFisc resta com'è cambia l'interazione con l'utente: non più console, ma una GUI! Come si fa la nuova GUI? ci vuole una Activity, che specializzi oncreate e poi gestisca gli eventi, ad esempio il tasto DONE (Fatto) E come si programma una GUI in Android? non c'è Swing, ma la nuova libreria android.widget, con i suoi componenti e i suoi eventi un utile componente di testo è la TextView (non editabile) una sua sottoclasse editabile è EditView, a cui va associato l'apposito oneditoractionlistener che definisce il metodo oneditoraction CodFiscAndroid ACTIVITY (1/2) import android.app.activity; import android.os.bundle; import android.widget.edittext; public class CodFiscAndroidActivity extends Activity public void oncreate(bundle savedinstancestate) { EditText txt = new EditText(this); txt.setsingleline(); txt.settext("immettere i dati della persona: "); txt.setoneditoractionlistener(new MyListener(txt)); setcontentview(txt); Anziché il contenuto di default espresso da R.layout.main, si mostra il nostro componente. Ascoltatore degli eventi separato (per leggibilità) CodFiscAndroid ACTIVITY (2/2) LA NOSTRA APP EMULATA import android.view.keyevent; import android.view.inputmethod.editorinfo; import android.widget.edittext; import android.widget.textview; public class MyListener implements TextView.OnEditorActionListener { private EditText output; public MyListener(EditText output){ this.output = output; public boolean oneditoraction(textview v, int actionid, KeyEvent event) { if (actionid!= EditorInfo.IME_ACTION_DONE) return false; String line = v.gettext().tostring(); String[] args = line.split("\\s+"); // separa args per calcolacodice String codice = CodFisc.calcolaCodice(args[1], args[0], Integer.parseInt(args[2]), Integer.parseInt(args[3]), Integer.parseInt(args[4]), args[5].equals("m")? CodFisc.MASCHIO : CodFisc.FEMMINA, args[6] ); output.settext(codice); return true; Per convenzione, si restituisce true se l'evento è stato gestito, false altrimenti La costante IME_ACTION_DONE rappresenta il tasto DONE (enter): se il tasto premuto non è quello, usciamo senza fare nulla.

7 DEPLOYMENT DELL'APPLICAZIONE E per installarla su un vero telefono? o lo si collega via USB a Eclipse (tramite l'usb driver), spegnendo l'emulatore, così da usarlo al suo posto; oppure, più semplicemente, si copia l'apk manualmente LA NOSTRA APP: INSTALLAZIONE doppio clic Come si copia l'apk manualmente? l'apk (analogo del jar) è generata automaticamente da Eclipse basta copiarla nel telefono (ad esempio nella cartella download) dopo averlo collegato via USB Screenshot catturati da Samsung Galaxy S I9000 LA NOSTRA APP: ESECUZIONE Il linguaggio non cambia Java è sempre Java RIASSUMENDO Il framework applicativo è diverso diverso processo di sviluppo diversi strumenti diversa libreria grafica diverso modo di organizzare l'applicazione TUTTO QUI..? NULL'ALTRO DA SEGNALARE..? in realtà no : c'è molto altro..! Screenshot catturati da Samsung Galaxy S I9000..ovvero? GUI definite tramite risorse anziché programmaticamente altri concetti oltre all'activity (Intent.. e non solo) GUI TRAMITE RISORSE?? In Swing, le GUI vengono programmate scrivendo codice (eventualmente con l'aiuto di strumenti come WindowBuilder) In Android, fare le GUI in tal modo è possibile.. l'abbiamo appena fatto! ma non è ciò che si fa di solito, perché c'è una alternativa migliore: descrivere la GUI senza programmarla! per evitare che piccoli cambiamenti grafici comportino grandi (e faticosi) cambiamenti nel codice NUOVO APPROCCIO: il codice Java si limita a caricare un layout descritto altrove la descrizione del layout è fatta in un opportuno file XML esterno che specifica quali componenti grafici ci sono, dove sono, che dimensione hanno. e tutte le loro proprietà IL NUOVO APPROCCIO L'activity NON definisce più i componenti setcontentview carica sempre e solo R.layout.main il suo vero (e unico) compito è agganciare i listener Il layout desiderato si definisce nel file main.xml Eclipse lo genera sempre automaticamente: in effetti c'era anche prima.. ma l'abbiamo volutamente ignorato! ORA, invece, lo apriamo e modifichiamo opportunamente! gli strumenti per farlo sono già presenti nell'android plugin con tanto di preview! RISULTATO: fare una GUI anche complessa è mooolto più semplice e non è finita: le risorse esterne comprendono anche stringhe e immagini, che quindi non è più necessario cablare nel codice!

8 CodFiscAndroid REVISED import android.app.activity; import android.os.bundle; import android.widget.edittext; public class CodFiscAndroidActivity extends Activity public void oncreate(bundle savedinstancestate) { setcontentview(r.layout.main); EditText txt = findviewbyid(r.id.mytxt); txt.setoneditoractionlistener(new MyListener(txt)); Il listener ovviamente è identico Il contenuto è sempre espresso da R.layout.main, che però ora è personalizzato e specifica un EditText di nome mytxt Per recuperare un riferimento allo EditText di nome mytxt (necessario per agganciargli il listener), si usa la funzione findviewbyid CodFiscAndroid -main.xml <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <LinearLayout xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android" android:layout_width="fill_parent" android:layout_height="fill_parent" Namespace obbligatorio per Android android:orientation="vertical" > Descrizione layout desiderato <EditText android:singleline="true" android:layout_width="fill_parent" android:layout_height="wrap_content" </EditText> </LinearLayout> La frase che appare nel campo di testo è specificata dalla stringa di nome immissione, a sua volta specificata nel file ausiliario strings.xml Header obbligatorio in tutti i file XML ELENCO COMPONENTI presenti nel layout Qui ce n'è uno solo, un EditText di nome mytxt Di seguito, le sue proprietà: singleline hint (la frase che appare) CodFiscAndroid -strings.xml CodFiscAndroid -strings.xml La stringa di nome immissione ha come valore "Immettere i dati della persona:" Ma scrivere direttamente strings.xml è scomodo, quindi c'è un editor visuale già incluso! NOMI delle stringhe definite in strings.xml Cliccandoci sopra. La stringa di nome immissione ha come valore "Immettere i dati della persona:" LA NUOVA APP CodFiscAndroid -main.xml In realtà, non è solo strings.xml ad avere un editor: anche main.xml ne ha uno, per non scrivere XML a mano! Preview Strumenti di zoom DUNQUE, non è necessario programmare la GUI a mano: si usa l'editor visuale! Palette con tutti i componenti disponibili

9 L'ULTIMA CURIOSITÀ Nel codice così riorganizzato, c'era sempre quello "strano" riferimento a un argomento R.layout.main Chi è questo R? È il file delle RISORSE: generato automaticamente da Eclipse, contiene in forma Java le definizioni delle risorse definite nei vari file XML Più precisamente, contiene gli identificativi univoci di: identificatori (nomi di componenti grafici) layout (non è detto ci sia solo main ) stringhe immagini e icone OLTRE LE ACTIVITY: Intent Per connettere più attività fra loro, Android introduce il concetto di Intent come descrizione astratta di una operazione da eseguire e può essere: esplicito, quando si specifica per nome l'attività da eseguire; implicito, quando si specifica solo l azione da eseguire (non l'attività esatta che dovrà eseguirla) Idea chiave: scrivere applicazioni i cui pezzi interagiscono fra di loro senza necessariamente doversi conoscere ESEMPIO 1 Applicazione articolata in due attività, una che mostra una lista di URL e un'altra che visualizza l'url scelto. l'intent creato dalla prima attività contiene il nome della seconda attività da attivare (ovvero, il nome esatto della classe visualizzatrice) ESEMPIO 2 Applicazione articolata in due attività, una che mostra una lista di URL e un'altra che invia l'url scelto. l'intent creato dalla prima attività contiene il nome della azione da svolgere (ACTION_SEND), non CHI la svolgerà sarà Android a scegliere la classe da attivare fra chi accetta quell'intent Un Intent INTENT è un'istanza di android.content.intent può essere definito programmaticamente o come risorsa è assimilabile a un "segnale" (evento) asincrono, che viene ricevuto da quei componenti (attività o servizi) registrati per esso può contenere dati, utili al ricevente per decidere cosa fare ESPLICITO: l'attività Pippo attiva l'attività Pluto Intent i = new Intent( this, Pluto.class); IMPLICITO l'attività Pippo attiva una attività capace di svolgere l'azione VIEW Intent i = new Intent( Intent.ACTION_VIEW, Uri.parse("http://...")); Se ci sono più componenti capaci di svolgere l'azione, apparirà un dialog per scegliere quale attivare. ESEMPIO (1/10) Singolarmente presa, questa attività mostra a video una lista di voci fra cui scegliere ma per ora non fa nulla (non ci sono gestori di eventi) public class MyActivity extends ListActivity { protected void onresume() { super.onresume(); Estendiamo direttamente ListActivity (anziché genericamente Activity) setlistadapter(new ArrayAdapter<String>( this, android.r.layout.simple_list_item_1, android.r.id.text1, new String[] { "http://edenti.deis.unibo.it", "http://www.unibo.it", "http://www.google.it" ));... // da completare ESEMPIO (2/10) Aggiungiamo perciò un event listener, che: gestisca l'evento "voce scelta" attivando una URLActivity passandole un Intent ESPLICITO contenente, come dato extra, l'url da aprire (recuperato dalla lista) e infine attivando tale nuova attività public class MyActivity extends ListActivity {... // parte precedente protected void onlistitemclick(listview l, View v, int pos, long id) { Intent intent = new Intent(this, URLActivity.class); intent.putextra("url", (String) getlistadapter().getitem(pos)); startactivity(intent);... // da completare ESEMPIO (3/10) A sua volta, la nuova attività, chiamata esplicitamente: recupera il dato rilevante (l'url da aprire) dall' Intent ricevuto e lo visualizza tramite un opportuno componente di sistema (una WebView) public class URLActivity extends Activity { protected void oncreate(bundle savedinstancestate){ WebView webview = new WebView(this); setcontentview(webview); String url = getintent().getstringextra("url"); settitle(url); webview.loadurl(url);

10 ESEMPIO (4/10) Infine permettiamo alla prima attività di reagire all'evento "long touch" sull'indirizzo selezionato a tale fine, aggiungiamo alla MyActivity un listener per l'evento ItemLongClick (in aggiunta al listener per ItemClick che c'era già) public class MyActivity extends ListActivity {... // parte precedente protected void oncreate(bundle savedinstancestate) { getlistview().setonitemlongclicklistener(new MyLongClickListener( )); Due argomenti: l'attività sui cui agire (this) e il msg da mostrare nel chooser (String) In particolare, vogliamo che la reazione al "long touch" sia l'offerta di condividere il valore selezionato (qui, un URL) di conseguenza, MyLongClickListener dovrà costruire un apposito INTENT per attivare una attività "condividi elemento" ESEMPIO (5/10) L'attività "condividi elemento" non la definiamo: c'è già! nei sistemi Android, "condividi con " è parte dei servizi standard (condividi via Bluetooth, via Facebook, etc) usiamo perciò un Intent IMPLICITO per avvisare tutte le attività esistenti, potenzialmente interessate a questo tipo di lavoro public class MyLongClickListener implements OnItemLongClickListener{ public boolean onitemlongclick(adapterview<?> adapterview, View view, int pos, long id) { final Intent intent = new Intent(Intent.ACTION_SEND); intent.settype("text/plain"); intent.putextra(intent.extra_text, (String) adapterview.getitematposition(pos)); mymainact.startactivity( Intent.createChooser(intent, mymsg))); return true;...// da completare Messaggio personalizzato da mostrare nel chooser Azione da svolgere (si cercano volontari ) Dati extra per l'intent Attivazione di un'ulteriore attività: un chooser per scegliere fra tutte le attività capaci di gestire l'action_send ESEMPIO (6/10) Ovviamente, c'è qualche dettaglio da sistemare: il listener agisce sull'activity principale (mymainact), che quindi deve essere ricevuta come parametro dal costruttore del listener idem per il messaggio personalizzato (mymsg) public class MyLongClickListener implements OnItemLongClickListener{ private String mymsg; private Activity mymainact; public MyLongClickListener(Activity mymainact, String mymsg) { this.mymsg = mymsg; this.mymainact = mymainact;...// tutto il resto public class MyActivity extends ListActivity { // nel metodo oncreate, la creazione del listener avverrà così: // new MyLongClickListener(this, getstring(r.string.my_msg)) ESEMPIO (7/10) Da ultimo, occorrono le giuste dichiarazioni nel manifest <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <manifest xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android" package="it.unibo.deis.edenti" android:versioncode="1" android:versionname="1.0" > <uses-sdk android:minsdkversion="10" /> <uses-permission android:name="android.permission.internet"/> <application > <activity android:name=".myactivity" > <intent-filter> <action android:name="android.intent.action.main" /> <category android:name="android.intent.category.launcher" /> </intent-filter> </activity> <activity android:name=".urlactivity"/> </application> </manifest> e nelle risorse stringa: ESEMPIO (8/10) ESEMPIO (9/10) click semplice Qui non è apprso alcun chooser: evidentemente, questo emulatore conosce un'unica attività capace di gestire l'action_send long touch Qui non è apparso alcun chooser: evidentemente, in questo emulatore è registrata un'unica attività per l'action_send, quella che effettua l'invio via mail.

11 ESEMPIO (10/10) long touch È il titolo che abbiamo definito noi nelle risorse (my_msg) Su questo smartphone, invece, il chooser appare e offre la scelta fra parecchie applicazioni RIFERIMENTI Ci sono molti libri (in inglese e in italiano) spesso però non pensati per chi conosce già Java Fast track for Java developers index.html

Android by Example v4.2 JellyBean

Android by Example v4.2 JellyBean Android by Example v4.2 JellyBean Rossi Pietro Alberto Sorgenti scaricabili dal sito www.sprik.it Premessa Tanto tempo è passato dalla prima guida, troppo. L'intento era quello di costruire una guida solida

Dettagli

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Ciclo di vita delle aevità Ogni AcHvity ha dei metodi standard A(vità non esiste 1. oncreate() 2. onstart() 3. onresume() A(vità in esecuzione 4. onpause() 5. onstop() 6. ondestroy() A(vità non esiste

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning.

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. Per collegare un iphone con connettore Lightning ad SPH-DA100 AppRadio e

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10.1

Le novità di QuarkXPress 10.1 Le novità di QuarkXPress 10.1 INDICE Indice Le novit di QuarkXPress 10.1...3 Nuove funzionalit...4 Guide dinamiche...4 Note...4 Libri...4 Redline...5 Altre nuove funzionalit...5 Note legali...6 ii LE NOVITÀ

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Guida Samsung Galaxy S Advance

Guida Samsung Galaxy S Advance Guida Samsung Galaxy S Advance Il manuale utente completo del telefono si può scaricare da qui: http://bit.ly/guidasamsung NB: la guida è riferita solo al Samsung Galaxy S Advance, con sistema operativo

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli