DOCUMENTO di REGISTRAZIONE. Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO di REGISTRAZIONE. Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A."

Transcript

1 Sed Sociale: via IV Novembre n.45, San Miniato (PI) Iscritta all Albo delle banche al n e capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato iscritto all Albo dei Gruppi Bancari. Capitale sociale Euro ,00 Numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Pisa Codice Fiscale e Partita I.V.A.: DOCUMENTO di REGISTRAZIONE Di Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Il presente documento, unitamente ai suoi eventuali supplementi e ai documenti incorporati mediante riferimento, costituisce un Documento di Registrazione (il Documento di Registrazione ) dell emittente Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. ( Cassa di Risparmio di San Miniato, l' Emittente o la Banca ) ai fini della Direttiva 2003/71/CE (la Direttiva Prospetti ) ed ai sensi dell articolo 14 del Regolamento 2004/809/CE e della delibera CONSOB n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificati ed integrati. Esso è stato depositato presso la CONSOB in data 28/06/2013 a seguito di approvazione comunicata con nota n. prot del 27/06/2013 e contiene informazioni sull Emittente, in quanto emittente di una o più serie di strumenti finanziari (gli Strumenti Finanziari ) per la durata di dodici mesi a decorrere dalla sua data di approvazione. Ai fini di un'informativa completa sulla Banca e sull'offerta, il presente Documento di Registrazione deve essere letto congiuntamente alla Nota Informativa (la Nota Informativa ), alla Nota di Sintesi (la Nota di Sintesi ), che insieme al presente Documento di Registrazione compongono il Prospetto di Base (il Prospetto di Base ), alle Condizioni Definitive (le Condizioni Definitive ), ai supplementi o agli avvisi integrativi, a seconda del caso, nonché alla documentazione ed alle informazioni indicate come incluse mediante riferimento nei medesimi, come di volta in volta modificate ed aggiornate. CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 1/31

2 Si veda inoltre il Capitolo "Fattori di Rischio" nel Documento di Registrazione e nella rilevante Nota Informativa per l'esame dei fattori di rischio che devono essere presi in considerazione con riferimento alla Banca ed ai tipi di strumenti finanziari di volta in volta rilevanti. L'adempimento di pubblicazione del Documento di Registrazione non comporta alcun giudizio della CONSOB sull'opportunità dell'investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Il presente Documento di Registrazione, e gli altri documenti che costituiscono il Prospetto di Base, sono messi a disposizione del pubblico, ed una copia cartacea di tale documentazione sarà consegnata gratuitamente agli investitori che ne facciano richiesta, presso la Direzione Generale e Sede Sociale dell Emittente in Via IV Novembre 45, San Miniato (PI) e presso la rete di sportelli e sono altresì consultabili sul sito internet dell Emittente CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 2/31

3 INDICE GENERALE PERSONE RESPONSABILI e DICHIARAZIONE DI Pag. 5 RESPONSABILITÀ 1. PERSONE RESPONSABILI Pag INDICAZIONE DELLE PERSONE RESPONSABILI Pag DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA Pag REVISORI LEGALI DEI CONTI Pag NOME E INDIRIZZO DEI RESPONSABILI DELL EMITTENTE Pag INFORMAZIONE CIRCA LA REVOCA DALL INCARICO, Pag. 6 DIMISSIONI O MANCATO RINNOVO DELL INCARICO DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEI REVISORI RESPONSABILI DELLA REVISIONE 3. FATTORI DI RISCHIO Pag INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE Pag INFORMAZIONI SULL EMITTENTE Pag STORIA ED EVOLUZIONE DELL EMITTENTE Pag Denominazione legale e commerciale Pag Luogo di registrazione dell Emittente e suo numero di Pag. 18 registrazione Data di costituzione e durata dell Emittente Pag Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base Pag. 18 alla quale opera, paese di costituzione, nonché indirizzo e numero di telefono della sede sociale Qualsiasi fatto recente verificatosi nella vita dell Emittente Pag. 18 sostanzialmente rilevante per la valutazione della sua solvibilità 5. PANORAMICA DELLE ATTIVITA Pag PRINCIPALI ATTIVITA Pag Principali categorie di prodotti venduti e/o servizi prestati Pag Nuovi prodotti e nuove attività Pag Principali mercati nei quali l Emittente opera Pag STRUTTURA ORGANIZZATIVA Pag DESCRIZIONE DEL GRUPPO E DELLA POSIZIONE CHE Pag. 21 L EMITTENTE OCCUPA 6.2 GRADO DI AUTONOMIA GESTIONALE E/O DIPENDENZA Pag. 22 ALL INTERNO DEL GRUPPO 7. INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE Pag DICHIARAZIONI SU CAMBIAMENTI NEGATIVI SOSTANZIALI Pag INFORMAZIONI SU TENDENZE, INCERTEZZE, RICHIESTE, Pag. 22 IMPEGNI O FATTI NOTI CHE POTREBBERO RAGIONEVOLMENTE AVERE RIPERCUSSIONI SIGNIFICATIVE SULLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE ALMENO PER L ESERCIZIO IN CORSO 8. PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI Pag ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI Pag. 23 VIGILANZA 9.1 RIFERIMENTI DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI Pag. 23 AMMINISTRAZIONE, DIREZIONE GENERALE E COLLEGIO SINDACALE E LORO PRINCIPALI ATTIVITA ESERCITATE AL DI FUORI DELL EMITTENTE STESSO 9.2 CONFLITTI DI INTERESSE DEGLI ORGANI DI Pag. 25 AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 3/31

4 10. PRINCIPALI AZIONISTI Pag SOGGETTI IN POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI CONTROLLO Pag. 28 NELL EMITTENTE 11. INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE Pag. 29 ATTIVITA E LE PASSIVITA, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DELL EMITTENTE 11.1 INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE RELATIVE AGLI Pag. 29 ESERCIZI PASSATI 11.2 BILANCI Pag REVISIONE DELLE INFORMAZIONI FINANZIARIE ANNUALI Pag DATA DELLE ULTIME INFORMAZIONI FINANZIARIE Pag INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI E ALTRE Pag. 30 INFORMAZIONI FINANZIARIE 11.6 PROCEDIMENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI CHE POSSONO Pag. 30 AVERE UN EFFETTO SIGNIFICATIVO SULL ANDAMENTO DELL EMITTENTE 11.7 CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA SITUAZIONE Pag. 30 FINANZIARIA O COMMERCIALE DELL EMITTENTE 12. CONTRATTI IMPORTANTI Pag INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI Pag. 31 ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI 14. DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO Pag. 31 CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 4/31

5 1. PERSONE RESPONSABILI 1.1 INDICAZIONE DELLE PERSONE RESPONSABILI La Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A., con sede legale in Via IV Novembre n. 45, San Miniato (PI), legalmente rappresentata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, Dott. Alessandro Bandini, si assume la responsabilità delle informazioni contenute nel presente Prospetto di Base. 1.2 DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA La Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A., dichiara di aver adottato tutta la ragionevole diligenza richiesta ai fini della redazione del presente Documento di Registrazione e che le informazioni ivi contenute sono, per quanto a propria conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 5/31

6 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 NOME E INDIRIZZO DEI REVISORI DELL EMITTENTE L'Assemblea ordinaria degli azionisti dell Emittente in data 30 aprile 2010 ha deliberato di conferire l'incarico, per il novennio , per la revisione contabile del bilancio d'esercizio individuale dell Emittente e del bilancio consolidato del Gruppo che fa capo all'emittente (il Gruppo Bancario CARISMI ), nonché per la revisione contabile limitata della relazione semestrale dell Emittente e semestrale consolidata del Gruppo Bancario CARISMI alla società KPMG S.p.A. (la Società di Revisione ) con sede in Milano, Via Vittor Pisani, 25, iscritta alla sezione al Registro delle Imprese di Milano con n e al R.E.A. di Milano con n (e registrata al numero d ordine n.13 dell Albo Speciale delle società di revisione tenuto dalla Consob, Codice Consob 34956, Delibera d iscrizione n del 16 luglio 1997), in conformità a quanto previsto dalla Legge n. 262/05 e dal successivo Decreto Legislativo n. 303/06, come successivamente modificati ed integrati. Non sono stati emessi rilievi sui bilanci dell Emittente e del Gruppo Bancario, da parte della Società di revisione. Le relazioni della Società di Revisione sono incluse nei fascicoli del bilancio d esercizio e bilancio consolidato del Gruppo messi gratuitamente a disposizione del pubblico come indicato nel successivo capitolo 14 Documenti accessibili al pubblico cui si rinvia INFORMAZIONI CIRCA LA REVOCA DALL INCARICO, DIMISSIONI O MANCATO RINNOVO DELL INCARICO DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEI REVISORI RESPONSABILI DELLA REVISIONE Non si sono verificate revoche, dimissioni, o mancati rinnovi dell incarico della società di revisione nel periodo cui si riferiscono le informazioni finanziarie oggetto di revisione. CARISMI - Documento di Registrazione 2013 pag. 6/31

7 FATTORI DI RISCHIO 3. FATTORI DI RISCHIO La presente sezione è relativa ai soli rischi connessi all Emittente. Si invitano gli investitori a leggere la Nota Informativa sugli Strumenti Finanziari al fine di comprendere i rischi di volta in volta connessi all investimento. Prima di qualsiasi decisione sull investimento, si invitano gli investitori a leggere attentamente il presente Capitolo, al fine di comprendere i rischi collegati all'emittente e di ottenere un migliore apprezzamento delle capacità dell Emittente di adempiere alle obbligazioni relative agli strumenti finanziari offerti che potranno essere emessi dall Emittente e descritti nella Nota Informativa ad essi relativa. L Emittente ritiene che i seguenti fattori potrebbero influire sulla capacità dell Emittente stesso di adempiere ai propri obblighi derivanti dagli strumenti finanziari emessi nei confronti degli investitori. Rischio di credito L Emittente è esposto ai tradizionali rischi relativi all'attività creditizia. Pertanto, l'inadempimento da parte dei clienti ai contratti stipulati ed alle proprie obbligazioni, ovvero l'eventuale mancata o non corretta informazione da parte degli stessi in merito alla rispettiva posizione finanziaria e creditizia, potrebbero avere effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria dell Emittente. Per maggiori informazioni sui coefficienti patrimoniali e gli indicatori di rischiosità creditizia si rinvia alle tabelle di cui al paragrafo 3.1 Informazioni finanziarie selezionate e paragrafo 11 Informazioni finanziarie riguardanti le attività e le passività, la situazione finanziaria e i profitti e le perdite dell'emittente del presente Documento di Registrazione. Più in generale, alcune controparti potrebbero non adempiere alle rispettive obbligazioni nei confronti dell Emittente a causa di fallimento, assenza di liquidità, malfunzionamento operativo o per altre ragioni. Il fallimento di un importante partecipante del mercato, o addirittura timori di un inadempimento da parte dello stesso, potrebbero causare ingenti problemi di liquidità, perdite o inadempimenti da parte di altri istituti, i quali a loro volta potrebbero influenzare negativamente l Emittente. L Emittente è inoltre soggetto al rischio, in certe circostanze, che alcuni dei suoi crediti nei confronti di terze parti non siano esigibili. Il perdurare della situazione di crisi dei mercati del credito, il deterioramento delle condizioni dei mercati dei capitali ed il rallentamento dell economia globale, potrebbero avere riflessi negativi sulla capacità della clientela bancaria di onorare gli impegni assunti e determinare, conseguentemente, un significativo peggioramento della qualità del credito nei settori di attività dell Emittente. Inoltre, una diminuzione del merito di credito dei terzi, ivi inclusi gli Stati Sovrani, di cui l Emittente detiene titoli od obbligazioni, potrebbe comportare perdite e/o influenzare negativamente la capacità dell Emittente di vincolare nuovamente o utilizzare in modo diverso tali titoli od obbligazioni a fini di liquidità. A tal proposito si evidenzia che, alla data del 31/12/2012, l Emittente non è esposto sui debiti governativi di Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda e Cipro e che circa il 94,80% del portafoglio di proprietà dell Emittente (per complessivi euro mila) è investito in titoli di debito dello Stato Italiano (per maggiori dettagli si rimanda alla Relazione di gestione al bilancio CARISMI- Documento di Registrazione /31

8 FATTORI DI RISCHIO consolidato del Gruppo CARISMI nonché alla Nota Integrativa di Bilancio Parte B Sezione 4 Paragrafo 4.2.) Una significativa diminuzione nel merito di credito delle controparti dell Emittente potrebbe pertanto avere un impatto negativo sui risultati dell Emittente stesso. Mentre in molti casi l Emittente può richiedere ulteriori garanzie a controparti che si trovino in difficoltà finanziarie, potrebbero sorgere delle contestazioni in merito all ammontare della garanzia che l Emittente ha diritto di ricevere e al valore delle attività oggetto di garanzia. Livelli di inadempimento, diminuzioni e contestazioni in relazione a controparti sulla valutazione della garanzia aumentano significativamente in periodi di tensioni e illiquidità di mercato. Rischio di mercato Il rischio di mercato è il rischio per l Emittente di subire perdite derivanti dall operatività sui mercati riguardanti gli strumenti finanziari, ivi inclusi i titoli emessi da Stati Sovrani, le valute e le merci che potrebbero generare un deterioramento della solidità patrimoniale dell Emittente. L Emittente è quindi esposto a potenziali cambiamenti nel valore degli strumenti finanziari, ivi inclusi i titoli emessi da Stati Sovrani, dovuti a fluttuazioni di tassi di interesse, di tassi di cambio e di valute, nei prezzi dei mercati azionari e delle materie prime e degli spread di credito e/o altri rischi (al riguardo, anche un rilevante investimento in titoli emessi da Stati Sovrani può esporre l Emittente a significative perdite di valore dell'attivo patrimoniale). Tali fluttuazioni potrebbero essere generate da cambiamenti nel generale andamento dell economia, dalla propensione all investimento degli investitori, da politiche monetarie e fiscali, dalla liquidità dei mercati su scala globale, dalla disponibilità e costo dei capitali, da interventi delle agenzie di rating, da eventi politici a livello sia locale sia internazionale e da conflitti bellici e atti di terrorismo. Rischio di liquidità dell Emittente Il rischio di liquidità dell Emittente è il rischio che l Emittente non sia in grado di adempiere alle proprie obbligazioni alla loro scadenza. La liquidità dell Emittente potrebbe dunque essere danneggiata dall incapacità di accedere ai mercati dei capitali attraverso emissioni di titoli di debito (garantiti o non), dall incapacità di vendere determinate attività o riscattare i propri investimenti, da imprevisti flussi di cassa in uscita ovvero dall obbligo di prestare maggiori garanzie. Questa situazione potrebbe insorgere a causa di circostanze indipendenti dal controllo dell Emittente, come una generale turbativa di mercato o un problema operativo che colpisca l Emittente o terze parti o anche dalla percezione, tra i partecipanti al mercato, che l Emittente o altri partecipanti del mercato stiano avendo un maggiore rischio di liquidità. La crisi di liquidità e la perdita di fiducia nelle istituzioni finanziarie può aumentare i costi di finanziamento dell Emittente e limitare il suo accesso ad alcune delle sue tradizionali fonti di liquidità. Per maggiori dettagli si rimanda alla Nota Integrativa di Bilancio Consolidato Parte E Sezione 3. CARISMI- Documento di Registrazione /31

9 FATTORI DI RISCHIO Rischi connessi con la crisi economico/finanziaria generale La capacità reddituale e stabilità dell Emittente sono influenzati dalla situazione economica generale e dalla dinamica dei mercati finanziari ed, in particolare, dalla solidità e dalle prospettive di crescita delle economie del paese in cui l Emittente opera (inclusa la sua affidabilità creditizia), nonché dell Area Euro nel suo complesso. Al riguardo, assume rilevanza significativa l andamento di fattori, quali le aspettative e la fiducia degli investitori, il livello e la volatilità dei tassi di interesse a breve e lungo termine, i tassi di cambio, la liquidità dei mercati finanziari, la disponibilità ed il costo del capitale, la sostenibilità del debito sovrano, i redditi delle famiglie e la spesa dei consumatori, i livelli di disoccupazione, l inflazione ed i prezzi delle abitazioni. Assume altresì rilievo nell attuale contesto economico generale la possibilità che uno o più Paesi fuoriescano dall Unione Monetaria o, in uno scenario estremo, che si pervenga ad uno scioglimento dell Unione Monetaria medesima, con conseguenze, in entrambi i casi, allo stato imprevedibili. Tali fattori, in particolar modo in periodi di crisi economico/finanziaria, potrebbero condurre l Emittente a subire perdite, incrementi dei costi di finanziamento, riduzioni del valore delle attività detenute, con un potenziale impatto negativo sulla liquidità della Banca e sulla sua stessa solidità patrimoniale. Rischio connesso al deterioramento della qualità del credito Il deterioramento dei crediti verso i propri clienti può essere ricondotto, in particolare, alle perduranti difficoltà del contesto macroeconomico che hanno messo a dura prova il reddito e la liquidità disponibile di imprese e famiglie con conseguente crescita del credito deteriorato. A tal fine, è indispensabile agire attraverso una gestione efficiente delle partite anomale mediante: il monitoraggio efficace delle esposizioni scadute finalizzato al rientro in bonis delle medesime posizioni attraverso un controllo nel continuo finalizzato ad attuare le opportune azioni gestionali atte a riportare il rapporto in condizioni di regolarità o per adottare le azioni necessarie alla tutela dei diritti di credito dell Emittente; l analisi degli incagli e valutazione di eventuali passaggi in sofferenza; la possibilità di cedere a terzi quota parte delle esposizioni classificate a sofferenza attraverso operazioni straordinarie finalizzate al miglioramento degli indicatori di rischiosità creditizia. Al le sofferenze lorde su impieghi lordi determinano un indicatore di rischiosità pari al 9,35% a livello consolidato, in miglioramento rispetto all analogo indicatore del che ammontava al 10,13%. Al le partite anomale lorde su impieghi lordi determinano un indicatore di rischiosità pari al 16,35% a livello consolidato, in miglioramento rispetto all analogo indicatore del che ammontava al 18,63%. Per maggiori dettagli sui crediti deteriorati (partite anomale), sulla dinamica degli stessi e sui principali indicatori di rischiosità creditizia ad essi connessi si rimanda alla Nota Integrativa di Bilancio Consolidato Parte E Sezione 1 e al paragrafo 3.1 del presente Documento. CARISMI- Documento di Registrazione /31

10 FATTORI DI RISCHIO Rischio connesso al deterioramento della situazione economico patrimoniale della banca Gli indicatori di patrimonializzazione consolidati dell Emittente, Tier 1 ratio e Total Capital ratio, al 31 dicembre 2012 erano rispettivamente pari a 6,87% e 10,05%, in netto miglioramento rispetto all esercizio precedente in cui tali valori si attestavano al 5,83% il primo e 8,51% il Total capital ratio. Su tale andamento ha influenzato in modo prevalente l incremento del patrimonio di vigilanza a seguito dell aumento di capitale avvenuto a fine Dall analisi del conto economico consolidato si evidenzia che l utile d esercizio si attesta a 8,15 milioni di euro (6,22 milioni di euro su base individuale) in netto miglioramento rispetto al 2011 che aveva chiuso in negativo per -25,72 milioni di euro (-28,91 milioni di euro a livello individuale). L utile consolidato 2012 da un lato beneficia del miglioramento del margine di intermediazione, principalmente dovuto ai 54,60 milioni di euro di utili realizzati dalla gestione del portafoglio titoli, dall altro è penalizzato dall incremento delle svalutazioni nette dei crediti per 62,35 milioni di euro. La perdita consolidata dell anno 2011 risentiva prevalentemente delle svalutazioni del valore di alcune partecipazioni, pari a 14,47 mln. di euro e di rigorose politiche di rettifiche di valore per deterioramento del portafoglio crediti (pari a 30,90 mln. di euro). Rischio connesso all attuazione del Piano Industriale Il Piano Industriale (varato dal CdA della Banca il 09/03/2012) ha definito uno scenario di cambiamento per la Banca che si focalizzerà sui seguenti principali drivers: - miglioramento del modello di produzione del reddito; - potenziamento degli strumenti di controllo e governo dei rischi; - mantenimento dell adeguatezza patrimoniale; - continua valorizzazione del capitale umano. L Emittente ha dato il via agli interventi previsti, volti all accrescimento del margine di intermediazione generato dalla rete distributiva, all efficientamento della struttura dei costi, alla rifocalizzazione sul core business del Gruppo, alla razionalizzazione della gestione del credito ed al consolidamento della base patrimoniale. Nell ambito dell applicazione del Piano Industriale un passaggio essenziale è stato costituito dall'aumento di capitale (deliberato in data 5 settembre 2012 da parte dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti della Banca) che si è concluso in data 16 novembre 2012 con l intera sottoscrizione delle nuove azioni, per un ammontare di 25 mln. di euro. L aumento di capitale ha permesso di anticipare l accrescimento della dotazione patrimoniale non soltanto destinato, in prospettiva, al rispetto dei requisiti patrimoniali previsti dalle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, ma soprattutto allo sviluppo commerciale a supporto del territorio di riferimento e, segnatamente, delle piccole medie imprese e delle famiglie, senza rinunzia alcuna al ruolo autonomo e indipendente pregiudiziale al pieno supporto all economia locale. In virtù di ciò e sempre nell ambito della portata del Piano Industriale , la Banca procederà ad effettuare ulteriori interventi per il rafforzamento patrimoniale, anche realizzando nuovi aumenti di capitale in linea con quanto già realizzato nel corso dell anno CARISMI- Documento di Registrazione /31

11 FATTORI DI RISCHIO Il Piano industriale si basa su stime ed ipotesi relative alla realizzazione di eventi futuri e sugli effetti di azioni che dovranno essere intraprese dalla Banca, includendo assunzioni di carattere generale, relative a variabili esogene connesse al verificarsi di eventi futuri non controllabili dal management interno (scenario macro-economico e finanziario, scenario normativo) e assunzioni di natura discrezionale, relative a variabili di tipo endogeno che trovano espressione e manifestazione nelle specifiche azioni gestionali ed organizzative che la Banca prevede di intraprendere nell arco temporale di riferimento del Piano. Il mancato o parziale o non tempestivo verificarsi delle ipotesi incluse nel Piano potrebbe comportare scostamenti anche significativi rispetto alle previsioni formulate delle grandezze patrimoniali e dei risultati economici attesi che potrebbero, quindi, verificarsi in parte, non verificarsi o non verificarsi nei tempi e nei modi previsti dal Piano. Rischio operativo Il rischio operativo è il rischio di subire perdite derivanti dall inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni. Rientrano in tale tipologia, tra l altro, le perdite derivanti da frodi interne ed esterne, errori umani, interruzioni dell operatività, indisponibilità dei sistemi, inadempienze contrattuali, sicurezza sul lavoro, obblighi professionali verso i clienti ovvero alla natura o caratteristiche dei prodotti, catastrofi naturali. Il rischio operativo, in quanto tale, è un rischio puro, essendo ad esso connesse solo manifestazioni negative dell'evento. Tali manifestazioni sono direttamente riconducibili all'attività dell'emittente e riguardano l'intera sua struttura (governo, business e supporto). Il rischio operativo, connaturato nell'esercizio dell'attività bancaria, è generato trasversalmente da tutti i processi aziendali. L Emittente si sta adoperando per la diffusione di una maggiore cultura interna del rischio operativo e dei controlli, che unita all implementazione di un funzionale sistema di reporting interno e alla disponibilità di piani di emergenza, costituiscono elementi essenziali di un efficace ed efficiente sistema di gestione del rischio operativo. Per maggiori dettagli si rimanda alla Nota Integrativa di Bilancio Consolidato Parte E Sezione 4. Rischio legale Il rischio legale è rappresentato principalmente dal possibile esito sfavorevole delle vertenze giudiziali cui l'emittente è convenuto in ragione dell'esercizio della propria attività bancaria. Le più consuete controversie giudiziali sono relative a revocatorie fallimentari ovvero azioni di nullità, annullamento o risarcimento danni, conseguenti ad operazioni d'investimento in strumenti finanziari emessi da soggetti successivamente incorsi in "default". Per quanto attiene al rischio legale, anche in relazione a quanto riportato al paragrafo 11.6 del presente Documento di Registrazione, l Emittente ritiene che l importo complessivo riferito ai procedimenti giudiziari in corso non possa pregiudicare l adempimento nei confronti degli investitori degli obblighi derivanti dall emissione di strumenti finanziari in quanto i fondi per rischi ed oneri accolgono sufficienti accantonamenti a fronte delle controversie legali. CARISMI- Documento di Registrazione /31

12 FATTORI DI RISCHIO Rischio correlato all assenza di rating dell Emittente Si definisce rischio connesso all assenza di rating dell Emittente il rischio relativo alla mancanza di informazioni sintetiche sulla capacità dell Emittente di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero alla rischiosità di solvibilità dell Emittente relativa ai titoli emessi dallo stesso. L Emittente è privo di rating e non esiste una valutazione indipendente della capacità dello stesso di assolvere i propri impegni finanziari, ivi compresi quelli relativi ai Prestiti Obbligazionari. Va tuttavia tenuto in debito conto che l'assenza di rating dell'emittente e/o degli strumenti finanziari oggetto dell'offerta non è di per sé indicativa della solvibilità dell'emittente e, conseguentemente, di rischiosità degli strumenti finanziari oggetto dell'offerta medesima. CARISMI- Documento di Registrazione /31

13 3.1 INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE Si riporta di seguito una sintesi degli indicatori patrimoniali dell Emittente tratti dall ultimo bilancio sottoposto a revisione per l'esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2012, con confronto al 31 dicembre Si precisa che i dati riferiti al sono stati approvati dal Consiglio di Amministrazione della Banca ed approvati dall Assemblea il 23 Aprile I dati, espressi in migliaia di euro, sono stati redatti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. Tabella 1: Patrimonio di Vigilanza e coefficienti patrimoniali Indicatori patrimoniali individuali 31/12/2012 Variazione 31/12/2011 Percentuale Patrimonio di vigilanza (total capital) (1) ,36% Total capital Ratio (2) 10,26% 9,14% 12,25% Tier One Capital Ratio (3) 7,53% 6,49% 16,02% Core Tier One Capital Ratio (4) 7,53% 6,49% 16,02% Tabella 1 bis: Patrimonio di Vigilanza e coefficienti patrimoniali Indicatori patrimoniali consolidati 31/12/2012 Variazione 31/12/2011 Percentuale Patrimonio di vigilanza (total capital) (1) ,72% Total capital Ratio (2) 10,05% 8,51% 18,10% Tier One Capital Ratio (3) 6,87% 5,83% 17,84% Core Tier One Capital Ratio (4) 6,87% 5,83% 17,84% (1) Il Patrimonio di Vigilanza (total capital) Individuale e Consolidato al è incrementato rispetto al principalmente per effetto dell aumento del capitale sociale e della riserva sovrapprezzo azioni per l importo di ,00, in esecuzione della delibera assunta dall Assemblea dei Soci in data 5 settembre 2012; l operazione si è conclusa con l intera sottoscrizione delle azioni emesse in data 16 novembre (2) L incremento del Total Capital Ratio Individuale e Consolidato è il risultato dell aumento del Patrimonio di Vigilanza, a seguito del rafforzamento patrimoniale connesso all aumento di capitale di ,00. (3) Il Core Tier One Capital Ratio Individuale e Consolidato coincide con il Tier 1 Capital Ratio in quanto la Banca non ha in essere emissioni di strumenti ibridi di capitale computabili nel Patrimonio di Base. Tabella 2: Principali indicatori di rischiosità creditizia Indicatori patrimoniali individuali (*) 31/12/2012 Variazione 31/12/2011 Percentuale Sofferenze lorde su impieghi lordi (5) 9,29% 10,10% -8,00% Sofferenze nette su impieghi netti (6) 6,18% 5,47% 12,98% Partite anomale lorde su impieghi lordi (7) 16,25% 18,57% -12,50% Partite anomale nette su impieghi netti (8) 12,44% 13,56% -8,24% CARISMI- Documento di Registrazione /31

14 Tabella 2 bis: Principali indicatori di rischiosità creditizia Indicatori patrimoniali consolidati (*) 31/12/2012 Variazione 31/12/2011 Percentuale Sofferenze lorde su impieghi lordi (5) 9,35% 10,13% -7,72% Sofferenze nette su impieghi netti (6) 6,22% 5,49% 13,27% Partite anomale lorde su impieghi lordi (7) 16,35% 18,63% -12,25% Partite anomale nette su impieghi netti (8) 12,52% 13,60% -7,95% (*) Il valore, cioè il numeratore del rapporto delle sofferenze lorde e delle partite anomale lorde, è identico sia per la situazione individuale che per la consolidata. Ciò in quanto sia i crediti in sofferenza, sia le partite anomale coincidono con quelle della Capogruppo, Cassa di Risparmio di San Miniato, poiché le società controllate sono rispettivamente una immobiliare ed una fiduciaria. Pertanto le differenze che si verificano a livello di indicatori patrimoniali, sia individuali che consolidati, dipendono dalle variazioni che riguardano esclusivamente il denominatore di tali rapporti, cioè gli impieghi. (5) L indice rappresenta, in termini percentuali, l incidenza delle sofferenze lorde sul totale degli impieghi anch essi lordi. Le sofferenze lorde al 31/12/2012 ammontano a 233,151 (migliaia di euro), gli impieghi lordi 2.509,286 (migliaia di euro). Confrontando i dati consolidati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011 l indice registra un decremento del -7,72%. In particolare, rispetto all anno precedente, al 31/12/2012 le sofferenze lorde si sono ridotte di 9,3 mln. di euro, come risultato tra incrementi per 103,67 mln. di euro (dovuti a nuovi passaggi a sofferenza) e decrementi per 113,02 mln. di euro. I decrementi delle sofferenze lorde sono dovuti alla cancellazione di posizioni rilevate a sofferenza anche in esercizi precedenti che, per 46 mln. di euro, dipendono da eventi estintivi del credito, che hanno permesso da un lato, l abbattimento delle sofferenze lorde e, dall altro, la riduzione per pari importo dei fondi di svalutazione. Mentre l effetto di suddetti abbattimenti è riscontrabile sulle sofferenze lorde, esso non impatta sulla dinamica delle sofferenze nette (già al netto dei fondi rettificativi). (6) L indice rappresenta, in termini percentuali, l incidenza delle sofferenze nette, costituite dalle sofferenze lorde al netto dei fondi analitici rettificativi, sul totale degli impieghi anch essi netti. Confrontando i dati consolidati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011, l indice registra una variazione incrementativa del 13,27% per effetto dell aumento delle posizioni in sofferenza sui crediti a seguito della difficile situazione economica. In particolare, rispetto all anno precedente, al 31/12/2012 le sofferenze lorde si sono ridotte di 9,3 mln. di euro, come risultato tra incrementi per 103,67 mln. di euro (dovuti a nuovi passaggi a sofferenza) e decrementi per 113,02 mln. di euro. I decrementi delle sofferenze lorde sono dovuti alla cancellazione di posizioni rilevate a sofferenza anche in esercizi precedenti che, per 46 mln. di euro, dipendono da eventi estintivi del credito, che hanno permesso da un lato, l abbattimento delle sofferenze lorde e, dall altro, la riduzione per pari importo dei fondi di svalutazione. Mentre l effetto di suddetti abbattimenti è riscontrabile sulle sofferenze lorde, esso non impatta sulla dinamica delle sofferenze nette (già al netto dei fondi rettificativi). (7) Per Partite Anomale Lorde si intende la sommatoria degli impieghi classificati a: sofferenza, incaglio, scaduti e/o sconfinati da oltre 90 giorni e ristrutturati. Le Partite anomale lorde al 31/12/2012 ammontano a 407,710 (migliaia di euro), gli impieghi lordi 2.509,286 (migliaia di euro). L indice rappresenta, in termini percentuali, l incidenza degli impieghi anomali sul totale degli impieghi lordi. Confrontando i dati consolidati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011 l indice registra un decremento del 12,25%. In particolare l indice risente della compensazione di sofferenze lorde all interno delle partite anomale per un ammontare di 46 milioni di euro con il contestuale abbattimento di fondi svalutazione per il medesimo ammontare. In particolare, rispetto all anno precedente, al 31/12/2012 le sofferenze lorde si sono ridotte di 9,3 mln. di euro, come risultato tra incrementi per 103,67 mln. di euro (dovuti a nuovi passaggi a sofferenza) e decrementi per 113,02 mln. di euro. I decrementi delle sofferenze lorde sono dovuti alla cancellazione di posizioni rilevate a sofferenza anche in esercizi precedenti che, per 46 mln. di euro, dipendono da eventi estintivi del credito, che hanno permesso da un lato, l abbattimento delle sofferenze lorde e, dall altro, la riduzione per pari importo dei fondi di svalutazione. Mentre l effetto di suddetti abbattimenti è riscontrabile sulle sofferenze lorde, esso non impatta sulla dinamica delle sofferenze nette (già al netto dei fondi rettificativi). (8) Per Partite Anomale Nette si intende la sommatoria degli impieghi classificati a: sofferenza, incaglio, scaduti e/o sconfinati da oltre 90 giorni e ristrutturati al netto dei fondi rettificativi. L indice CARISMI- Documento di Registrazione /31

15 rappresenta, in termini percentuali, l incidenza degli impieghi anomali netti sul totale degli impieghi netti. Confrontando i dati consolidati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011 l indice registra una variazione diminutiva del 7,95% per effetto di una maggiore riduzione degli incagli e dei crediti scaduti rispetto all incremento di sofferenze e crediti ristrutturati. Le perduranti difficoltà del contesto operativo hanno portato la banca, in un ottica di prudente apprezzamento del rischio, ad effettuare rettifiche nette di valore per deterioramento di crediti pari a 62 milioni di euro (valore decisamente superiore alle svalutazioni dell anno precedente che ammontavano a 31 mln. di euro). Al 31 dicembre 2012 la percentuale di copertura delle partite anomale si è attestata al 34,5% (31,5% al 31/12/2011), confermandosi su livelli congrui ed in linea con quelli storici registrati dalla Cassa. Tabella 3: Principali dati di Conto Economico Bilancio individuale (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2011 Variazione Assoluta Variazione Percentuale Margine di interesse (9) ,12% Margine di intermediazione (10) ,08% Risultato netto di gestione finanziaria (11) ,63% Costi operativi (12) ,82% Risultato dell'operatività corrente al lordo delle imposte (13) N.A. Risultato d'esercizio (14) N.A. (9) Il Margine di Interesse è la differenza tra interessi attivi riscossi ed interessi passivi pagati. Il lieve decremento (-2,12%) del margine di interesse nel corso del 2012 rispetto al 31/12/2011 è imputabile ad un incremento degli interessi attivi e proventi assimilati (+11,2%), inferiore agli interessi passivi ed oneri assimilati (-12,5%). (10) Il Margine di Intermediazione è la somma algebrica del margine di interesse, delle commissioni nette, dei dividendi, del risultato netto delle attività di negoziazione su titoli di proprietà e di copertura, degli utili o delle perdite da cessione o riacquisto di attività e passività finanziarie (quali ad esempio BTP, CCT, etc) e del risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value. Confrontando i dati al 31/12/2012 rispetto ai dati al 31/12/2011 il valore registra un incremento del 55,08% derivante soprattutto dagli utili della gestione del portafoglio titoli (54,6 mln. di euro) che dal contributo delle commissioni nette (+3,99 mln. di euro). (11) Il Risultato netto della gestione finanziaria è costituito dal margine di Intermediazione al netto delle rettifiche/riprese di valore per deterioramento crediti. Confrontando i dati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011 si evidenzia un aumento pari al 35,63%, dato dal raffronto percentuale tra gli 89,3 milioni di euro del 2012, contro i 65,8 milioni di euro dell esercizio precedente; il risultato netto della gestione finanziaria è la risultante del miglioramento del Margine di Intermediazione che però, a sua volta, risente dell incremento delle svalutazioni dei crediti a seguito del difficile contesto economico del Il totale delle svalutazioni nette dei crediti ammonta a 62,3 milioni di euro (+101,8% rispetto al valore del 31/12/2011). (12) I Costi Operativi rappresentano il costo del personale, le spese amministrative, gli accantonamenti ai fondi rischi ed oneri, l ammortamento delle immobilizzazioni materiali ed immateriali e gli altri oneri/proventi di gestione. il decremento dello 0,82% rispetto al precedente esercizio è imputabile ad un attenta politica di contenimento ed efficientamento svolta dalla Cassa. (13) Il Risultato dell operatività corrente al lordo delle imposte è costituito dal risultato netto della gestione finanziaria al netto dei costi operativi e degli utili/perdite delle partecipazioni e da cessione di investimenti. Al 31/12/2012 si attesta a 14,7 milioni di euro in aumento di 41,6 milioni di euro rispetto all esercizio 2011 quando si era registrata una perdita di 26,9 milioni di euro. (14) Il Risultato d esercizio, scontati i necessari accantonamenti di imposte nel pieno rispetto della normativa fiscale, è pari a 6,2 milioni di euro e, confrontato con lo stesso dato al 31/12/2011 quando si era verificata una perdita d esercizio di 28,9 milioni di euro, dimostra un incremento pari a 35 mln. di euro collegato alle motivazioni suesposte. In relazione al Bilancio Consolidato, sullo scostamento positivo in termini di redditività, hanno pesato le componenti già illustrate in sede di commento al bilancio individuale della capogruppo. L analisi dei principali margini reddituali evidenzia che: CARISMI- Documento di Registrazione /31

16 Tabella 3 bis: principali dati di Conto Economico Bilancio consolidato (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2011 Variazione Assoluta Variazione Percentuale Margine di interesse (18) ,29% Margine di intermediazione (19) ,15% Risultato netto di gestione finanziaria (20) ,65% Costi operativi (21) ,86% Risultato dell'operatività corrente al lordo delle imposte (22) N.A. Risultato d'esercizio (23) N.A. (18) Il Margine di Interesse è la differenza tra interessi attivi riscossi ed interessi passivi pagati. Il lieve decremento (-2,30%) del margine di interesse nel corso del 2012 rispetto al 31/12/2011 è imputabile ad un incremento degli interessi attivi e proventi assimilati (+11,2%), inferiore agli interessi passivi ed oneri assimilati (-12,5%). (19) Il Margine di Intermediazione è la somma algebrica del margine di interesse, delle commissioni nette, dei dividendi, del risultato netto delle attività di negoziazione su titoli di proprietà e di copertura, degli utili o delle perdite da cessione o riacquisto di attività e passività finanziarie (quali ad esempio BTP, CCT, etc) e del risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value. Confrontando i dati al 31/12/2012 rispetto ai dati al 31/12/2011 il valore registra un incremento del 55,15% derivante soprattutto dagli utili della gestione del portafoglio titoli (54,6 mln. di euro) che dal contributo delle commissioni nette (+3,99 mln. di euro). (20) Il Risultato netto della gestione finanziaria è costituito dal margine di Intermediazione al netto delle rettifiche/riprese di valore per deterioramento crediti. Confrontando i dati al 31/12/2012 rispetto a quelli al 31/12/2011 si evidenzia un aumento pari al 35,65%, dato dal raffronto percentuale tra gli 88,9 milioni di euro del 2012, contro i 65,6 milioni di euro dell esercizio precedente; il risultato netto della gestione finanziaria è la risultante del miglioramento del Margine di Intermediazione che però, a sua volta, risente dell incremento delle svalutazioni dei crediti a seguito del difficile contesto economico del Il totale delle svalutazioni nette dei crediti ammonta a 62,3 milioni di euro (+101,8% rispetto al valore del 31/12/2011). (21) I Costi Operativi rappresentano il costo del personale, le spese amministrative, gli accantonamenti ai fondi rischi ed oneri, l ammortamento delle immobilizzazioni materiali ed immateriali e gli altri oneri/proventi di gestione. Il decremento del 2,86% rispetto al precedente esercizio è imputabile ad un attenta politica di contenimento ed efficientamento svolta dalla Cassa. (22) Il Risultato dell operatività corrente al lordo delle imposte è costituito dal risultato netto della gestione finanziaria al netto dei costi operativi e degli utili/perdite delle partecipazioni e da cessione di investimenti. Al 31/12/2012 si attesta a 17,2 milioni di euro in aumento di 41,7 milioni di euro rispetto all esercizio 2011 quando si era registrata una perdita di 24,5 milioni di euro. (23) Il Risultato d esercizio, scontati i necessari accantonamenti di imposte nel pieno rispetto della normativa fiscale, è pari a 8,1 milioni di euro e, confrontato con lo stesso dato al 31/12/2011 quando si era verificata una perdita d esercizio di 25,7 milioni di euro, dimostra un incremento pari a 33,8 mln. di euro collegato alle motivazioni suesposte. CARISMI- Documento di Registrazione /31

17 Tabella 4: Principali dati di Stato patrimoniale Variazione Assoluta Variazione Percentuale Bilancio individuale (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2011 Raccolta diretta [voci 10,20,30,50 del Bilancio - Stato Patrimoniale Voci del Passivo e del patrimonio Netto] (15) ,52% raccolta indiretta ,34% Attività finanziarie [voci 20,30,40e 50 dell'attivo di Stato patrimoniale] ,08% Impieghi a clientela e banche [voci 60 e 70 dell'attivo di Stato patrimoniale](16) ,81% Totale attivo ,37% Patrimonio netto (17) ,83% Capitale sociale ,98% (15) La Raccolta diretta costituita dai conti correnti e depositi liberi, dai depositi vincolati, dalle operazioni di pronti contro termine, dai certificati di deposito e dalle obbligazioni proprie evidenzia nel corso del 2012 un incremento del 2,52%. La raccolta diretta e indiretta da clientela presentano variazioni positive nei confronti con l anno 2011, rispettivamente di 142 milioni di euro (+5,9%) e 211 milioni di euro (+9,3%). (16) Gli Impieghi a clientela e banche presentano valori superiori rispetto al 31/12/2011 di 67 milioni di euro facendo registrare un incremento del 2,81%. (17) Il Patrimonio netto, costituito dal capitale sociale, dai Sovrapprezzi di emissione, dalle Riserve da valutazione e dall Utile/perdita d esercizio, presenta nel corso del 2012 un incremento del 22,83% imputabile sia alle Riserve positive sulle Attività finanziarie disponibili per la vendita (AFS) che all aumento del capitale sociale e della riserva sovrapprezzo azioni per 25 milioni di euro. Tabella 4 bis: principali dati di Stato patrimoniale Variazione Assoluta Variazione Percentuale Bilancio consolidato (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2011 Raccolta diretta [voci 10,20,30,50 del Bilancio - Stato Patrimoniale Voci del Passivo e del patrimonio Netto] (24) ,51% raccolta indiretta ,34% Attività finanziarie [voci 20,30,40e 50 dell'attivo di Stato patrimoniale] ,08% Impieghi a clientela e banche [voci 60 e 70 dell'attivo di Stato patrimoniale](25) ,46% Totale attivo ,48% Patrimonio netto (26) ,38% Capitale sociale ,98% (24) La Raccolta diretta costituita dai conti correnti e depositi liberi, dai depositi vincolati, dalle operazioni di pronti contro termine, dai certificati di deposito e dalle obbligazioni proprie evidenzia nel corso del 2012 un incremento del 2,51%. La raccolta diretta e indiretta da clientela presentano variazioni positive nei confronti con l anno 2011, rispettivamente di 142 milioni di euro (+5,9%) e 211 milioni di euro (+9,3%). (25) Gli Impieghi a clientela e banche presentano valori superiori rispetto al 31/12/2011 di 58 milioni di euro facendo registrare un incremento del 2,46%. (26) Il Patrimonio netto, costituito dal capitale sociale, dai Sovrapprezzi di emissione, dalle Riserve da valutazione e dall Utile/perdita d esercizio, presenta nel corso del 2012 un incremento del CARISMI- Documento di Registrazione /31

18 24,38% imputabile sia alle Riserve positive sulle Attività finanziarie disponibili per la vendita (AFS) che all aumento del capitale sociale e della riserva sovrapprezzo azioni per 25 milioni di euro. Per maggiori dettagli in merito alle informazioni finanziarie dell Emittente si rinvia al paragrafo 11 Informazioni finanziarie riguardanti le attività e le passività, la situazione finanziaria e i profitti e le perdite dell emittente. 4. INFORMAZIONI SULL EMITTENTE 4.1 STORIA ED EVOLUZIONE DELL EMITTENTE Denominazione legale e commerciale La denominazione legale e commerciale dell Emittente è Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A (di seguito anche l Emittente, la Banca, CRSM o CARISMI ) Luogo di registrazione dell Emittente e suo numero di registrazione La Società Emittente è iscritta al n del Registro delle Imprese di Pisa, al n nel Repertorio Economico Amministrativo (REA) presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Pisa, e al n dell Albo Banche tenuto dalla Banca d Italia ed è la capogruppo del gruppo bancario Cassa di Risparmio di San Miniato iscritto all'albo dei Gruppi Bancari al n ; essa aderisce al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi ed al Fondo Nazionale di Garanzia Data di costituzione e durata dell Emittente La Società è stata costituita in data 12 maggio 1992 nella forma di società per azioni con atto a rogito dottor Galeazzo Martini, notaio in Pontedera, repertorio n e raccolta n La durata della Società è fissata fino al 31 dicembre 2100 e potrà essere prorogata come da espressa previsione statutaria Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base alla quale opera, paese di costituzione, nonché indirizzo e numero di telefono della sede sociale La Società Emittente è costituita in San Miniato (PI) ed opera sulla base della legge italiana e delle norme statutarie. L Emittente ha sede legale in San Miniato, via IV Novembre n. 45, tel e svolge la sua attività di Direzione Generale in San Miniato, via IV Novembre n. 45, tel Qualsiasi fatto recente verificatosi nella vita dell Emittente sostanzialmente rilevante per la valutazione della sua solvibilità In data 5 settembre 2012, l Assemblea Straordinaria degli Azionisti della Cassa ha deliberato l aumento a pagamento, in via scindibile, del capitale sociale e della riserva sovrapprezzo azioni fino ad un massimo di 25 milioni di Euro mediante l emissione di n. CARISMI- Documento di Registrazione /31

19 nuove azioni ordinarie al prezzo unitario di Euro 10,20, pari al book value, offerte in opzione agli azionisti. Il Prospetto Informativo, contenente le informazioni sull Emittente e sull offerta ai Soci, è stato depositato presso la CONSOB in data 12 ottobre 2012 a seguito dell avvenuta approvazione da parte della stessa Autorità con nota del 10 ottobre 2012 protocollo n La Cassa, in data 15 ottobre 2012, ha quindi dato avvio all operazione di aumento di capitale, offrendo le nuove azioni ordinarie in opzione agli Azionisti al prezzo unitario di Euro 10,20, pari al book value. L offerta agli Azionisti è stata promossa esclusivamente in Italia sulla base del Prospetto Informativo - redatto in conformità della normativa vigente in materia e contenente le informazioni sull Emittente e sull offerta in opzione ai Soci aventi diritto alla sottoscrizione del capitale In data 16 novembre 2012 si è conclusa l intera sottoscrizione delle nuove azioni emesse pari a n azioni ordinarie della Cassa. Il pagamento e la consegna delle azioni assegnate nell ambito dell Offerta è stato effettuato, senza aggravio di commissioni o spese, in data e con valuta 30 novembre L aumento di capitale ha costituito un passaggio essenziale nell ambito dell applicazione del Piano Industriale anticipando l accrescimento della dotazione patrimoniale non soltanto destinato, in prospettiva, al rispetto dei requisiti patrimoniali previsti dalle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, ma soprattutto allo sviluppo commerciale a supporto del territorio di riferimento e, segnatamente, delle piccole medie imprese e delle famiglie, senza rinunzia alcuna al ruolo autonomo e indipendente pregiudiziale al pieno supporto all economia locale. In virtù di ciò e sempre nell ambito della portata del Piano Industriale , la Banca procederà ad effettuare ulteriori interventi per il rafforzamento patrimoniale, anche realizzando nuovi aumenti di capitale in linea con quanto già realizzato nel corso dell anno In data 14 novembre 2012 è iniziata una visita ispettiva ordinaria da parte dell Organo di Vigilanza, disposta dalla sede di Firenze con lettera del 13 novembre 2012, che si è conclusa il 12 febbraio 2013, con rilievi ed osservazioni ai quali la Banca ha risposto in data 7 maggio 2013, concludendo quindi l iter ispettivo, senza che ciò determinasse ulteriori commenti, osservazioni o sanzioni da parte della Banca d Italia. Nel mese di novembre 2012 la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, Grifoni CRSM S.p.A. e Società Cattolica di Assicurazione hanno sottoscritto patti parasociali finalizzati a regolare gli assetti proprietari e di governo della banca. Con la stipula dei Patti i sottoscrittori hanno inteso mantenere e rafforzare ulteriormente i proficui rapporti di collaborazione, al fine di favorire il consolidamento ed il rafforzamento della presenza della Cassa nel territorio di operatività e di garantire l autonomia giuridica e gestionale della stessa. In data 29 novembre 2012 la Banca ha acquisito una partecipazione nella Soprarno Sgr, Società di Gestione del Risparmio specializzata in fondi comuni di investimento mobiliare con sede a Firenze, conferendo contestualmente alla Sgr il ramo d azienda CARISMI- Documento di Registrazione /31

20 inerente l attività di gestione patrimoni mobiliari. La Banca detiene attualmente il 45% del capitale sociale della Soprarno Sgr. 5. PANORAMICA DELLE ATTIVITA 5.1 PRINCIPALI ATTIVITÀ L oggetto sociale della società Emittente è descritto nell art. 4 dello Statuto, il quale testualmente recita: La Società ha per oggetto sociale la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle loro varie forme, comprese le attività rientranti nelle capacità dell Ente originario Cassa di Risparmio di San Miniato in forza di leggi o di provvedimenti amministrativi, ivi compresi il credito agrario ed il credito artigiano. La Società può compiere, con l osservanza delle disposizioni vigenti, tutte le operazioni e i servizi bancari e finanziari consentiti, compresa l assunzione e la gestione di partecipazioni in Italia o all Estero, nonché ogni altra operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dello scopo sociale. Può inoltre emettere obbligazioni conformemente alle vigenti disposizioni normative. Con la propria attività la Società si propone anche di promuovere e diffondere lo spirito di previdenza a dare il massimo impulso allo sviluppo economico e sociale della propria zona.. La Società, nella sua qualità di capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, ai sensi dell art. 61, comma 4, del T.U., emana, nell esercizio dell attività di direzione e coordinamento, disposizioni alle componenti il Gruppo per l esecuzione delle istruzioni impartite dalla Banca d Italia nell interesse della stabilità del Gruppo Principali categorie di prodotti venduti e/o servizi prestati La società ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme. L Emittente opera prevalentemente nel settore dell intermediazione creditizia tradizionale, svolgendo le attività di raccolta da clientela ed erogazione del credito. A completamento dell offerta una gamma completa di prodotti e servizi bancari e finanziari fruibili sia attraverso i canali bancari ordinari che per mezzo di canali innovativi. La banca è autorizzata alla prestazione dei seguenti servizi ed attività di investimento, previsti dal TUF (Dlgs 58/98) e più precisamente: negoziazione per conto proprio; esecuzione di ordini per conto dei clienti; sottoscrizione e/o collocamento, con o senza assunzione a fermo, ovvero con o senza assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente; gestione di portafogli; ricezione e trasmissione di ordini; consulenza in materia di investimenti Nuovi prodotti e nuove attività Alla data di redazione del Documento di Registrazione non vi sono nuovi prodotti o servizi che l Emittente intende offrire alla clientela che si discostino significativamente da quelli già offerti Principali mercati nei quali l Emittente opera L Emittente svolge la propria attività operando prevalentemente sul mercato regionale della Toscana dove sono collocati la quasi totalità degli 88 sportelli del Gruppo e dove CARISMI- Documento di Registrazione /31

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli