Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia"

Transcript

1 Breve storia della Cooperazione allo Sviluppo in Italia L Italia entra nel settore della cooperazione allo sviluppo fondamentalmente per due fattori: le pressioni internazionali e i legami coloniali. L Italia inizia il suo percorso di cooperazione per gestire i rapporti con la Somalia, paese di cui ha l Amministrazione fiduciaria fino al 1960, e per allinearsi agli altri paesi occidentali impegnati nelle attività di cooperazione. In questi primi anni la presenza italiana, in termini di contributi finanziari, è pressoché irrilevante; solamente a partire dagli anni Ottanta, periodo nel quale cresce l interesse della classe politica e dell opinione pubblica nei confronti dei temi legati alla cooperazione, si registra l avvio di una vera e propria politica di cooperazione allo sviluppo. Con lo scopo di riesaminare l azione e l evoluzione della disciplina nel nostro paese, si riconoscono cinque fasi fondamentali che marcano la storia della cooperazione italiana. La prima fase è caratterizzata da una profonda incertezza sul piano della gestione delle attività di cooperazione e della divisione dei compiti a livello ministeriale. Le competenze sono infatti ripartite tra quattro ministeri (Affari Esteri, Tesoro, Difesa e Istruzione) e la Banca d Italia. In questa situazione di nulla progettualità e scarsa organizzazione, l intervento italiano si concentra quasi esclusivamente sulla Somalia, paese al quale l Italia è legata per via dell esperienza coloniale. Tra il 1950 e il 1960 vengono stanziati 90 miliardi di lire per il paese africano; altri 60 miliardi sono erogati tra il 1961 e il Il contributo italiano serve principalmente a risanare il bilancio somalo, rilanciare il settore bananiero e formare competenze locali attraverso l invio di tecnici italiani. Negli anni successivi le pressioni del volontariato cattolico e il maggiore interesse degli organismi internazionali verso i problemi dei PVS, spingono l Italia a impegnarsi maggiormente nel settore della cooperazione. L approvazione della legge Pedini (1966), che autorizza il servizio civile all estero come alternativa al servizio militare, da nuova linfa al tema della solidarietà verso i popoli del Sud del mondo, anche se la classe politica si mostra indifferente verso il settore della cooperazione. Tale indifferenza si traduce nello scarso contributo finanziario apportato dall Italia, che si attesta su valori nettamente inferiori rispetto agli altri paesi che formano il DAC (Comitato per l Aiuto allo Sviluppo), e nel mancato accordo sulla riforma legislativa della materia(1). La seconda fase della cooperazione italiana si apre con l approvazione della legge nº del dicembre 1971, che caratterizzerà il futuro della cooperazione allo sviluppo. Con questa misura viene ridisegnata l impostazione istituzionale del settore, affidato a una Sezione del Ministero degli Esteri, anche se sul canale multilaterale l ultima parola spetta al Tesoro. Questa bipartizione di competenze non permette all Italia di fare sostanziali passi in avanti dal punto di vista amministrativo, ne tantomeno di rendere più snelle ed efficaci le procedure. In termini operativi, l impegno italiano rimane 1 I paesi che formano il DAC (Development Assistance Committee) sono: Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia (dal 1985), Giappone, Lussemburgo, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti.

2 strettamente vincolato alla cooperazione multilaterale; l 80% delle risorse statali va infatti a finire nelle casse degli organismi internazionali, mentre il resto è quasi completamente destinato all invio di personale nei PVS (cooperazione tecnica). Questa sproporzione dimostra lo scarso interesse delle forze politiche nel costruire rapporti di cooperazione bilaterale, fattore che per estensione mette in luce la poca rilevanza della politica estera italiana. Quasi a voler dichiarare il diffuso disinteresse verso i temi della cooperazione, l Italia, in mancanza di una strutturata politica di cooperazione, affida quindi i propri contributi alla gestione degli organismi multilaterali. Altro dato importante è quello legato alla componente dell aiuto italiano. Tra il 1971 e il 1979 i flussi privati, soprattutto crediti di esportazione, superano di gran lunga i contributi pubblici, che rappresentano soltanto il 19% dei flussi complessivi italiani. La seconda fase della cooperazione italiana giunge a una svolta nel 1975, grazie alla scadenza della copertura finanziaria della legge Ciò implica la preparazione di una nuova legge, che dopo un estenuante iter legislativo viene finalmente approvata nel febbraio del Anche questa legge, la nº 38/79, segna l inizio di una nuova stagione, che si segnala per essere tra le più attive e innovative nella storia della cooperazione italiana. La prima novità è di carattere teorico. Il primo articolo della nuova legge sancisce infatti il concetto di cooperazione allo sviluppo, differenziandolo da quello di cooperazione tecnica. La seconda importante innovazione è la creazione di un Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo, organo che si colloca a metà strada tra le richieste di coloro che spingono per la formazione di un Agenzia autonoma e quanti difendono il ruolo del MAE (Ministero degli Affari Esteri). L impatto di questa seconda novità viene però ridimensionato dalla riconfermata centralità del MAE quale soggetto coordinatore tra i vari ministeri, elemento che certifica una certa continuità con la legge del Lungi dallo stimolare un più efficace funzionamento del sistema della cooperazione, la riorganizzazione prevista dalla nuova legge paralizza il settore, causando il blocco totale degli stanziamenti finanziari. Alla paralisi politica fa da contraltare la crescente attenzione dell opinione pubblica che, sensibile alla mobilitazione promossa nel 1979 dal Partito Radicale di Marco Pannella, si rende conto del problema della fame nel mondo. L interesse dell opinione pubblica risveglia l intero mondo politico, da sempre attento a cogliere i sentimenti popolari in funzione della corsa elettorale, portando a un consistente aumento dell APS (Aiuto Pubblico allo Sviluppo) italiano. L aiuto italiano passa dai milioni di US$ del 1980 ai milioni del 1989, registrando un incremento del 165%. Rispetto al decennio precedente crescono in maniera considerevole le risorse destinate al canale bilaterale, mentre la componente multilaterale rimane stabile. A fronte di questo importante aumento dei flussi finanziari governativi calano invece i contributi privati, che arrivano addirittura a generare un saldo negativo nel periodo 1986/1987. Nei primi anni Ottanta la questione del sottosviluppo va quindi a occupare il centro del dibattito politico-culturale; nel momento in cui la classe politica intuisce che la cooperazione allo sviluppo può essere usata per attirare le simpatie delle masse, i finanziamenti verso il settore cominciano a sbloccarsi con maggiore facilità e velocità. I partiti italiani sono ormai pienamente consapevoli della rilevanza politica del sistema cooperazione, che, se controllato, consente di raggiungere ruoli chiave nelle

3 dinamiche parlamentari ed esercitare una grande influenza sulla politica estera. Al pari della classe politica, anche le lobbies economiche vedono nella cooperazione uno strumento da cui trarre profitto. Le imprese, messe in ginocchio dal calo delle esportazioni verso i PVS ( ), manifestano in questo periodo il loro interesse verso l APS come forma di penetrazione commerciale. La crisi del governo Spadolini relega però la cooperazione in secondo piano e i ritardi nell attuazione della legge 38/79 si fanno sempre più evidenti, portando con loro una scia di critiche dovute alla lentezza delle procedure burocratiche, al ritardo nell erogazione delle somme impegnate e alla difficoltà nell adottare programmi coerenti. L intero operato della cooperazione italiana è messo sotto accusa e la situazione sembra pronta per una nuova riforma. Nel 1985, vista l impossibilità di arrivare ad un accordo tra le diverse forze politiche, viene studiata una parziale riforma che introduce il tema dell intervento straordinario (furono stanziati miliardi di lire da spendere in soli 18 mesi). La nuova riforma legislativa, con la quale si entra nella quarta fase della cooperazione italiana, viene finalmente approvata nel Anche in questo caso non ci sono segni di rottura totale rispetto alla normativa precedente; tra le novità si registrano l istituzione del Comitato interministeriale per la cooperazione allo sviluppo (Cics) e la creazione di un apposita Commissione per le Ong, con il compito di attribuire loro l idoneità allo svolgimento di attività di cooperazione. Altro aspetto importante, incluso nell art. 1 della legge, è il riconoscimento dell importanza della cooperazione allo sviluppo come parte integrante della politica estera, a ribadire l assoluto controllo del MAE sulle attività di cooperazione. Viene aperto il Fondo speciale per la cooperazione allo sviluppo, gestito dalla nuova Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (DGCS), e il Fondo rotativo dei crediti d aiuto, gestito dal Tesoro. La creazione dei due fondi non cambia la modalità di gestione dei finanziamenti, affidati all ormai classica ripartizione tra MAE (cooperazione bilaterale) e Tesoro (cooperazione multilaterale). A differenza del passato, la legge 49/87 include però un ampia gamma di obiettivi sociali e umanitari; mette in evidenza l importanza dei processi di sviluppo endogeno; risalta il ruolo che possono occupare le autonomie locali e le espressioni organizzate della società civile nei processi di sviluppo. Sono fattori, questi ultimi, che nemmeno le leggi degli altri paesi industrializzati prendono in considerazione. In netto anticipo rispetto alle normative degli altri paesi donatori, l ordinamento italiano si dota quindi di un quadro legale all avanguardia, pronto a supportare le attività di cooperazione. La specificità del caso italiano è confermata dal fatto che, mentre alla fine degli anni Ottanta gli altri paesi industrializzati diminuiscono gli stanziamenti per gli aiuti, in Italia si verifica un forte aumento dei flussi. In altri periodi era successo l esatto contrario, con il poco protagonismo dell Italia proprio quando gli altri paesi investivano maggiori risorse. Questo aumento dei flussi governativi, che tocca il massimo nel 1989 quando l Italia destina lo 0,41% del PNL all APS, ha però vita breve. Lo scandalo di Tangentopoli si ripercuote infatti anche sulla cooperazione, associata dai cittadini alla dilagante corruzione che investe l universo politico-economico del nostro paese. I flussi di denaro destinati ai PVS diminuiscono e vengono orientati sui paesi della ex-

4 Yugoslavia, sull Albania e sull Africa; a causa di questa riduzione degli aiuti in America Latina sono quasi esclusivamente le Ong a fare cooperazione. Sono anni nei quali aumenta notevolmente il numero di Ong, che si avvalgono di programmi cofinanziati dalla Commissione Europea e acquistano maggior peso nel gestire le situazioni d emergenza. Tuttavia, il crollo delle risorse destinate alla cooperazione allo sviluppo è impressionante e, come sottolineano M. Zupi e M. Mellano, negli anni Novanta nessuna voce di bilancio pubblico è stata decurtata quanto quelle relative alla cooperazione allo sviluppo (2). Tab. 1: Evoluzione APS/PNL, Italia ,41 0,31 0,30 0,34 0,31 0,27 0,14 0,20 0,11 0,20 0,15 Fonte: MAE, varie annate La tabella mostra i dati relativi alla percentuale del PNL (Prodotto Nazionale Lordo) italiano destinata all APS. Come possiamo apprezzare, dopo il picco dello 0,41% registrato nel 1989 la flessione si fa sempre più marcata, sino ad arrivare allo 0,11% del 1997, momento in cui la cooperazione italiana dispone di minori risorse. Il caso italiano riflette la tendenza alla riduzione dell impegno finanziario pubblico dei donors nel corso degli anni Novanta. A questo trend negativo dal punto di vista finanziario, si contrappone il moltiplicarsi degli obiettivi su cui dovrebbe lavorare la cooperazione e un crescente interesse della società civile nei confronti della situazione dei PVS. La gestione di crisi ed emergenze umanitarie, il rispetto dell ambiente, il problema dei flussi migratori, lo sviluppo sostenibile e il capitale istituzionale sono alcuni dei nuovi obiettivi della cooperazione, che si aggiungono alla lotta contro la povertà e all impegno per la crescita economico-sociale dei PVS. In questo periodo di ridefinizione degli obiettivi della cooperazione allo sviluppo, le basi delle politiche di aiuto vengono però criticate e messe in discussione; le analisi economiche evidenziano l inefficacia della struttura della cooperazione nel risolvere le difficoltà dei PVS, causando un generale ripensamento su obiettivi e modalità d intervento. Il questionamento della disciplina degli aiuti, gli scandali interni e, soprattutto, la crisi del sistema partitico italiano portano al drastico taglio delle risorse che, come abbiamo visto, subiscono una forte flessione nel corso di tutto il decennio dei 90. La cooperazione entra in crisi e l Italia arriva a occupare il penultimo posto dei paesi donatori dell OCSE, davanti solo agli Stati Uniti (dati del 2000), fattore che evidenzia la necessità di una revisione della legge 49/87, ritenuta ormai insufficiente per regolare la politica di cooperazione italiana. Nonostante il decennio dei Novanta sia stato il più critico della sua storia, la cooperazione italiana ha saputo portare avanti alcuni progetti di estrema importanza nella lotta contro la povertà e a favore dello sviluppo umano. Ci si riferisce in 2 Mauro Mellano e Marco Zupi, Economia e politica della cooperazione allo sviluppo, Laterza, Roma-Bari, 2007.

5 particolare al progetto Attenuazione della povertà rurale, co-finanziato dall Italia e dalla Banca Mondiale (Albania, ); al Social Rehabilitation Fund, parte integrante del programma per l Etiopia Economic Recovery and Reconstruction Programme (ERRP), lanciato nel 1992 sotto il cordinamento della Banca Mondiale; infine, il programma Eritrean Community Rehabilitation Fund (ECRF), un iniziativa da 26 milioni di US$. La critica che si può muovere all operato dell Italia durante gli anni Novanta è quella di non aver programmato strategicamente le proprie politiche di cooperazione, disperdendo le risorse attraverso i cosiddetti interventi a pioggia a beneficio di numerosi PVS. Al contrario, la cooperazione italiana si mette in luce positivamente nel promuovere la crescita della cooperazione decentrata e nell adottare un approccio integrato nei suoi programmi d aiuto (attenzione congiunta verso crescita economica, sistema sanitario, istruzione, ambiente, e diritti umani). Riprendendo la definizione formulata da P. Isernia, l Italia è dunque passata da una prima fase di non politica della cooperazione allo sviluppo ( ) a una seconda fase di gestazione della politica ( ). Il terzo momento, della crescenza della politica ( ), ha preceduto l odierna fase della politica istituzionalizzata, dal 1987 ad oggi(3). Queste quattro fasi della storia della cooperazione italiana, ciascuna marcata dall introduzione di una nuova normativa, ci conducono al nuovo Millennio. Ad oggi il paese non si è dotato di una nuova legge in materia, essendo ancora in vigore la 49/87, ormai pressochè insufficiente a regolamentare scenari interni e internazionali che sono profondamente mutati negli ultimi vent anni. In questo senso, la proposta di disegno di legge delega presentata nell aprile 2007 offriva lo spunto per un riassetto normativo del settore. Tale proposta apriva il varco a una quinta fase della cooperazione italiana, quella post-istituzionalizzata. Il disegno di legge impegnava il governo a riformare l intero settore della cooperazione entro 24 mesi dalla formulazione della proposta (a partire dall aprile 2007), confermando la responsabilità del MAE nello stabilire finalità ed indirizzi della politica estera italiana. Inoltre, disponeva che le attività di cooperazione dovessero privilegiare l impiego di beni e servizi prodotti nei paesi in cui si realizzano gli interventi e prevedeva, per quanto concerne la cooperazione decentrata, il coordinamento della politica di cooperazione nazionale con le iniziative attuate da Regioni, Province e Comuni. Il disegno di legge non ha trovato applicazione, visti i problemi di politica interna che hanno portato alla caduta del governo Prodi nel febbraio Nei primi anni Duemila la cooperazione allo sviluppo sembra invece aver acquistato nuova linfa. Accanto all innovativo approccio lavorativo, che tende ad essere focalizzato su un numero maggiore di varianti, sono cambiati anche gli obiettivi dei programmi di cooperazione. Per quanto riguarda l Italia si segnala che, nonostante il trend di crescita degli aiuti fatto registrare dai paesi DAC (Development Assistance Committee), il nostro paese non sta incrementando i volumi di APS destinati ai paesi poveri. Al proposito si veda la tabella seguente. 3 Pierangelo Isernia, La Cooperazione allo sviluppo, Il Mulino, Milano, 1995.

6 Tab. 2: erogazione di APS in percentuale sul PNL, Paesi del G7 + Spagna Paesi Canada 0,25 0,21 0,27 0,23 0,26 0,34 0,29 Francia 0,30 0,30 0,37 0,40 0,41 0,47 0,47 Germania 0,27 0,27 0,26 0,28 0,27 0,36 0,36 Giappone 0,28 0,23 0,22 0,20 0,18 0,28 0,25 Italia 0,12 0,15 0,20 0,16 0,14 0,29 0,20 Regno 0,31 0,32 0,30 0,34 0,36 0,47 0,51 Unito Stati Uniti 0,10 0,11 0,12 0,14 0,16 0,23 0,18 Spagna 0,21 0,30 0,26 0,23 0,23 0,27 0,32 Fonte: OCSE, elaborazione UTL La Paz Si osserva dalla tabella come l Italia risulti agli ultimi posti tra i donatori dei paesi che formano il Comitato per l Aiuto allo Sviluppo (DAC), seguita solo dagli Stati Uniti. Si è voluto includere qui anche il dato che si riferisce alla Spagna, paese che nel 2006 ha visto un incremento del 20,7% del proprio APS. Altro aumento importante è quello fatto registrare dall Irlanda che, sempre nel 2006, ha saputo aumentare le risorse destinate all APS del 36,9%. Un capitolo a parte andrebbe aperto per descrivere la politica di cooperazione praticata da Danimarca, Lussemburgo, Olanda, Norvegia e Svezia, unici paesi in grado di raggiungere e superare la quota dello 0,7% del PNL stabilita in sede internazionale. Nel febbraio 2008 è stato presentato a Parigi il Rapporto sulla Cooperazione allo Sviluppo dell OCSE; l Italia non fa registrare risultati incoraggianti, piazzandosi al penultimo posto tra i donatori europei, seguita solo dalla Grecia. Nel 2006 il nostro paese ha visto scendere del 30% il suo contributo di APS rispetto all anno precedente, attestandosi sullo 0,20% del PIL, cifra ben al di sotto dello 0,39% fissato in sede europea quale obiettivo da raggiungere entro il Questo risultato è inferiore anche se confrontato con la media dei paesi europei del DAC (0,43%) e con quella dei paesi del G7 (0,27%). L OCSE segnala che tra le conseguenze della scarsissima incisività dell intervento italiano figurano la mancata riforma della cooperazione, la carenza di personale e la poca flessibilità operativa; altre raccomandazioni riguardano la qualità dei sistemi di valutazione, che secondo l OCSE andrebbero rafforzati, e la pianificazione degli indirizzi operativi. Lo stesso organismo apprezza i progressi fatti registrare dall Italia a livello di prioritá e strategie, riferendosi in particolare ai programmi di rafforzamento del protagonismo femminile avviati in Somalia, Afghanistan, Libano e Palestina. A tal proposito, si segnala che al disegno di legge delega del 2007 ha fatto seguito, nel febbraio 2008, il Documento conclusivo dell indagine conoscitiva sulla politica di cooperazione allo sviluppo. Un testo che si presenta come l ennesimo compromesso tra

7 le diverse forze politiche, nel quale si formalizza il ruolo del Viceministro con delega alla cooperazione, si ribadisce l idea del fondo unico in cui dovrebbero confluire tutte le risorse destinate alla cooperazione, si insiste sulla programmazione triennale e si rimarca la responsabilità politica del MAE nelle attività di cooperazione. L idea più innovativa contenuta nel disegno di legge del 2007, ossia la creazione di un Agenzia esterna, viene bocciata dal documento del 2008, in quanto non si vuole sovraccaricare, dal punto di vista procedurale e organizzativo, la cooperazione allo sviluppo di una macchina autoreferenziale, che finisca con il costare più delle risorse che si riescono ad erogare (4). Il rinnovamento del sistema della cooperazione risulta, un altra volta, parziale e non sostanziale. Il documento, inoltre, relega le Ong in una posizione secondaria e non chiarisce il ruolo del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (Cics). L Italia, qualora le direttive tracciate dal documento si traducano in legge, perde quindi un altra occasione per il definitivo rinnovamento della normativa sulla cooperazione. La storia della cooperazione italiana arriva così ai nostri giorni, passando da fasi di profonda indifferenza ad altre di forte attenzione da parte dell opinione pubblica e della classe politica. Anche le misure adottate durante questi primi cinquant anni di cooperazione allo sviluppo si caratterizzano per essere marcate da forti incongruenze. A periodi, infatti, nei quali le risorse destinate alla cooperazione sono scarsissime, seguono momenti nel corso dei quali l impegno finanziario è più che consistente. Un fattore, forse l unico, rimane però costante nella storia della cooperazione italiana: l allocazione dell aiuto. L Italia, al pari della Francia, non concentra le proprie risorse su pochi paesi, al contrario, le ripartisce tra molti paesi. Un esempio su tutti è il periodo , quando l Italia indirizza il suo aiuto a ben 108 Stati. Questo comportamento, che da un lato può essere giudicato altruistico e in linea con la cultura della cooperazione, dall altro riflette l assenza di un ispirazione politico-strategica nell azione della cooperazione italiana, che dovrà necessariamente far parte dei piani promossi nel futuro. 4 Parere della Commissione Esteri del Senato durante la seduta che ha portato alla redazione del Documento conclusivo dell indagine conoscitiva sulla politica della cooperazione allo sviluppo, del 26 febbraio In risposta al documento e allo scarso interesse della classe politica verso i temi legati alla cooperazione, il Coordinamento Italiano Network Internazionali (Cini) ha indetto un controsondaggio elettorale in vista delle elezioni di aprile 2008, nel quale si sottopongono ai candidati premier dieci domande inerenti a questioni di cooperazione allo sviluppo. Il controsondaggio è stato pubblicato su La Repubblica del 28/02/2008.

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

La cooperazione italiana è. Fuori classe. Certificata inadeguata per quantità

La cooperazione italiana è. Fuori classe. Certificata inadeguata per quantità La cooperazione italiana è Fuori classe Certificata inadeguata per quantità 1,2 Biglietto da visita dell Italia Rapporto APS/PIL nel 2010 1 gap = 5 mld 08 0,8 0,6 0,51% Italia = 0,15% 0,4 0,28% 02 0,2

Dettagli

IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD)

IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD) 104 IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD) Attività dell anno 1. Nel 2000 l IFAD 1 ha approvato 27 nuovi progetti, finanziati attraverso prestiti per un importo pari a 409 milioni di

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

The PURPLE revolution?

The PURPLE revolution? La nuova disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Legge n.25 del 4 agosto 204 Legge agosto 204, n. 25. The PURPLE revolution? B www.bolodewo.com 2 Una riforma lunga 30 anni

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA 1. I MOTIVI DELLA RIFORMA La riforma del Codice Doganale Comunitario, avvenuta con l adozione del Regolamento (CE) n. 450 del 2008 1, trova il suo fondamento giuridico nella disposizione contenuta all

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

III) AMBIENTE E SVILUPPO

III) AMBIENTE E SVILUPPO III) AMBIENTE E SVILUPPO LA GLOBAL ENVIRONMENT FACILITY (GEF) Cenni storici e aspetti generali 1. La Global Environment Facility (GEF) fu istituita nel 1991 con una risoluzione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE Overview Education Policy Analysis Analisi delle politiche educative Le note di sintesi sono degli stralci di pubblicazioni dell OCSE. Sono disponibili

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana.

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Premessa Con il presente documento, le Organizzazioni aderenti al CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali - desiderano

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Organizzazioni non governative ONG: Uno sguardo in Italia

Organizzazioni non governative ONG: Uno sguardo in Italia Organizzazioni non governative ONG: Uno sguardo in Italia A cura di: Dott. Paolo Romagnoli (Servizio Selezione e Formazione In Rete Innovazione per lo Sviluppo) Via S. Calimero 11 20122 MILANO 02 58305381

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI

IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI La Cooperazione allo Sviluppo Vittoria Maria Peri- UCREL - INT Workshop Roma 18 novembre 2013 1 OECD - DAC Da 50 anni a questa parte, il Comitato di Aiuto allo

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA Nei Paesi dell OCSE il turismo è una grande industria e come tale contribuisce direttamente per il 4,7% del PIL, il 6% dell occupazione, il 21% delle esportazioni

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini)

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) Quaderni di Armadilla scs Onlus Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) n. 4 - aprile 2015 Introduzione Armadilla è una organizzazione

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo Graziella Bertocchi e Chiara Strozzi Università di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento di Economia Marco Biagi Seminario Nazionale MIUR

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 14.00 15.30 I processi di riforma e i nuovi approcci Le autorità locali nel quadro della nuova legge sulla

Dettagli

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati,

Signor Presidente, Signore e Signori Governatori, Signore e Signori Delegati, Intervento dell On.le Gianluigi Magri Sottosegretario di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze, al Consiglio dei Governatori dell IFAD Roma 18 e 19 Febbraio 2004 Signor Presidente, Signore e Signori

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI -

STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI - STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI - 1 Eleonora Corsalini Milano, 23 Novembre 2009 CONTENUTI Comparazione Paesi OCSE Comparazione Paesi G7 Focus sul Sistema Sanitario

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

Le ONG e la Cooperazione allo Sviluppo

Le ONG e la Cooperazione allo Sviluppo Santo Domingo (Repubblica Dominicana). Ragazzi con il diploma di elettricista conseguito al Centro de Capacitación Laboral, progetto del VIS per la formazione professionale dei lavoratori di strada Dario

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE COSA PAGANO E QUANTO PAGANO OGGI LE AZIENDE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO LA FISCALITA IN ITALIA Nel 2014 la pressione fiscale in Italia ha raggiunto il 43,4% (rapporto tra il

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

La governance delle università: uno sguardo comparato

La governance delle università: uno sguardo comparato La governance delle università: uno sguardo comparato Marino REGINI (Università Statale di Milano) Seminario EconomEtica e POLIS, Vercelli, 2 Marzo 2012 Le riforme della governance universitaria in Europa

Dettagli

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 LEGISLAZIONE VIGENTE E ALTRE SPESE

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 LEGISLAZIONE VIGENTE E ALTRE SPESE III.3 LEGISLAZIONE VIGENTE E ALTRE SPESE I quadri di finanza pubblica descritti nel paragrafo III.2 presentano gli obiettivi programmatici per gli anni 2008-2011. Questi sono costruiti a partire da un

Dettagli