Il Microcredito: profili teorici e applicativi. Il caso The People of San Miniato Foundation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Microcredito: profili teorici e applicativi. Il caso The People of San Miniato Foundation"

Transcript

1 Il Microcredito: profili teorici e applicativi. Il caso The People of San Miniato Foundation ARIANNA GASPARRI CLEAM a.a. 2011/2012 Docente Tutor GIORGIO FIORENTINI

2 2

3 Ringraziamenti Desidero ringraziare tutte le persone che, con pazienza e gentilezza, mi hanno aiutato a ottenere le informazioni necessarie per lo svolgimento di questo lavoro e mi hanno accompagnato nella sua stesura. Ringrazio il Professor Fiorentini, per avermi dato la possibilità di collaborare con lui nella stesura di questo lavoro e per tutti i preziosi consigli che mi ha dato. Ringrazio la Dott.ssa Alessia Anzivino, che mi ha supportato anche nei pomeriggi caldi d estate. Ringrazio la Dott.ssa Laura Biancalani, che si è sempre mostrata disponibile per ogni chiarimento e mi ha sempre supportato nello svolgimento del lavoro, la Dott.ssa Francesca Cioni, che mi ha materialmente fornito informazioni preziose, il Rag. Massimo Bacchereti e tutti coloro che sono coinvolti nel progetto della The People of San Miniato Foundation. Ringrazio Casa Maionese, una maestra di vita, e tutti coloro che ne hanno fatto parte, anche per poco. Ringrazio tutti i miei amici, quelli d infanzia e quelli conosciuti in questa avventura milanese. Infine, ringrazio mia madre, mio padre, Luca e Azzurra che mi hanno sempre supportato in ogni mia scelta, e dedico loro questo mio lavoro. 3

4 4

5 Indice Abstract.. pag. 7 Introduzione...pag. 8 Metodologia..pag.10 PARTE 1: Review letteratura 1- IL MICROCREDITO pag Premessa.pag Origini...pag Il sistema di credito formale, il sistema di credito informale e la risposta del Microcredito..pag PRINCIPI, MODELLI, METODOLOGIE E PRODOTTI pag Principi ispiratori.pag Modelli...pag.20 approccio minimalista e approccio integrato 2.3. Tipologie..pag. 21 Prestito di gruppo gruppo solidale Prestito di gruppo Village banking Prestito individuale Prestiti associativi 2.4. Prodotti pag. 25 5

6 Credito al consumo Servizi assicurativi Servizi di accompagnamento 3- LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI pag. 27 PARTE 2: Case Study e analisi dei risultati 4- CASE STUDY pag Premessa.pag The People Of San Miniato Foundation..pag Il bando pag Gli Indicatori.pag. 38 Conclusioni..pag. 53 Bibliografia e sitografia..pag. 55 6

7 Abstract Il presente lavoro si propone di presentare i profili teorici del Microcredito; partendo da questi aspetti che contraddistinguono questo nuovo modo di pensare la concessione del credito, il focus si sposta sull importanza, per le istituzioni che erogano questi microfinanziamenti, di possedere strumenti di monitoring capaci di misurare l efficacia delle loro politiche. L obiettivo è, dunque, quello di dimostrare la possibilità di creare indicatori oggettivi e veritieri in grado di valutare le politiche di queste istituzioni, dove la componente soggettiva, di difficile misurazione, risulta predominante. Ad esemplificazione, si è studiato il caso della The People of San Miniato Foundation: si è creato un primo set di indicatori definiti grazie a dati provenienti da interviste e dataset forniti dai responsabili del progetto; successivamente, a causa di una scarsità di dati che impediva una valutazione d efficacia esaustiva, si è proposto un ulteriore set di indicatori da utilizzare per un analisi più specifica. In conclusione, si può affermare che è possibile una valutazione dei risultati attraverso l utilizzo di indicatori oggettivi ed essa risulta fondamentale per legittimare l azione di un progetto di Microcredito in modo tale da evidenziare il contributo che esso dà alla comunità. 7

8 Introduzione Il corso di studi che frequento mi dà la possibilità di interfacciarmi continuamente con problematiche che affliggono l economia mondiale, o i fattori critici di successo in grado si decretare la crescita longeva di un Paese. Dapprima personalmente, e con gli strmenti analitici fornitimi dall Università poi, sono sempre stata interessata ad approfondire le problematiche che toccano da vicino l economia dei Paesi non soltanto molto sviluppati, ma anche di quelli costantemente alle prese con conflitti che spesso, dietro motivazioni di carattere etnico, nascondono in realtà cause di natura economica, quei Paesi in via di sviluppo, vittime di un vero e proprio sfruttamento delle proprie risorse perché posti nella condizione di dipendere da Stati stranieri. Sempre più frequentemente sentiamo, infatti, parlare di zone del mondo ricche di potenzialità, ma le cui popolazioni non riescono mai a conseguire l autonomia e l autosufficienza facendo leva sulle attività più tradizionali. Grazie all esperienza del programma di exchange, che ho svolto presso la Business School della National University di Singapore, ho avuto l opportunità di studiare le politiche macroeconomiche dei Paesi limitrofi, come il Vietnam e la Cambogia, che usualmente l Occidente definisce developing countries, e poi di concretizzare la mia conoscenza teorica grazie a viaggi di turismo responsabile che ho avuto la possibilità di effettuare nel Sud Est Asiatico. Rimasta affascinata dalle popolazioni autoctone, che ho avuto modo di conoscere da vicino, il mio interesse per questi Stati all eterna ricerca di un adeguato sviluppo economico è aumentato e ha cercato di trovare risposte motivate per aiutare proprio quelle popolazioni che ho incontrato, nei cui occhi ho letto una grande voglia di costruirsi un futuro migliore. Una risposta plausibile alle esigenze di queste popolazioni può essere rintracciata nelle esperienze del Microcredito, la parabola del Professor Yunus, il bengalese che ha aiutato le donne della comunità di Jobra ad avviare nuove attività imprenditoriali e ad uscire dal loro stato di indigenza, sia economica, che sociale, assicurando loro un futuro più prospero tramite la concessione di microprestiti senza porre barriere all ingresso tipiche del mercato formale, come la richiesta di garanzie reali, che rappresentano l ostacolo principale per coloro che hanno bisogno di credito. 8

9 Ho avuto l opportunità di conoscere da vicino tale fenomeno proprio a partire dal territorio in cui vivo, la città di San Miniato, in cui è nata una Fondazione bancaria che ha avuto il grande merito di lavorare per la pace nei territori della Palestina, proprio in virtù di esperienze di piccolo prestito all artigianato locale per far nascere e prosperare aziende in luoghi in cui è tuttora difficile parlare di solidarietà e fratellanza. Il mio interesse è andato sempre crescendo, e si è tradotto concretamente nella partecipazione come Summer Intern a un progetto di Microcredito di una Organizzazione No Profit in India, nella regione di Gujarat, nella città di Baroda, grazie all associazione studentesca AIESEC. Qui, ho avuto la possibilità di collaborare con una piccola banca locale che concede microprestiti, la M V Power Bank, e ho seguito da vicino i meccanismi tipici del fenomeno del Microcredito, quali la scelta dei beneficiari, le riunioni periodiche per la restituzione del prestito e il correlato sistema di monitoring da loro utilizzato. Ho inteso per questo approfondire l argomento per comprendere meglio le origini, lo sviluppo, le diverse applicazioni che il Microcredito ha subito nei cosiddetti Paesi in via di sviluppo, e poi procedere con l analisi di un caso studio, quello appunto che vede le origini nella mia terra natale, la The People of San Miniato Foundation. Il case study si muove seguendo un obiettivo, ovvero quello di trovare indicatori in grado di supportare il sistema di monitoring dell iniziativa sanminiatese, perché il presente lavoro concorda, anche con quanto emerge dall analisi della letteratura, con il concetto di valutazione dei risultati come processo fondamentale per l efficacia e il successo di un programma. Si ritiene, infatti, necessario per il settore, l implementazione di un sistema di meccanismi di controllo volto a misurare l efficacia della propria azione, viste anche la disponibilità sempre più scarsa di risorse e le sempre più articolate relazioni con l esterno e con gli stakeholder 1. Tale ricerca si propone, quindi, di mostrare la possibilità di misurare l efficacia dell azione di un istituto di Microcredito tramite indicatori oggettivi e veritieri, nonostante la soggettività sia un tratto caratterizzante del settore, che si traduce nella fiducia quale pilastro fondamentale nelle relazioni tra beneficiari e istituti di credito. 1 Fiorentini, G. (2012). Economia e gestione delle aziende non profit: cod Milano: EGEA. Cap 2, Par

10 Metodologia Il presente lavoro verte sul fenomeno del Microcredito e affronta tale argomento da due diverse prospettive: v Una review della letteratura che ne descrive le origini, i principali modelli e che va a sottolineare l importanza della misurazione dei risultati per politche d azione efficaci; v Un analisi del caso studio The People of San Miniato Foundation, con la proposta di strumenti di monitoring per la valutazione di efficacia di tale programma. Per il secondo punto, l analisi è stata svolta grazie a interviste e raccolta dati presso gli uffici italiani dell associazione: sono emerse lacune nel reperimento di informazioni sui beneficiari, tanto da non fornire un quadro completo ed esaustivo per una valutazione di efficacia. Si è ritenuto indispensabile, quindi, andare a proporre ulteriori indicatori in grado di descrivere in modo più dettagliato, ma sempre chiaramente comprensibile a tutti gli attori coinvolti nel progetto, l efficacia dell azione della The People of San Miniato Foundation, in vista anche di una probabile e reale applicazione da parte dei responsabili del progetto. 10

11 1. IL MICROCREDITO Solo i cattivi espolaratori dicono che non c è terra, allorchè vedono soltanto il mare. Francesco Bacone 1.1. Premessa A seguito dello smisurato successo che la filosofia alla base dello strumento del Microcredito ha avuto negli ultimi decenni, il 2005 è stato dichiarato, dall Organizzazione delle Nazioni Unite, Anno Internazionale del Microcredito. Secondo la definizione della Microcredit Summit Campaign, è possibile definire il Microcredito come the extension of small loans and other financial services (such as savings accounts) to the very poor. Si tratta quindi di una particolare forma di credito caratterizzata da importi di basso ammontare e senza vincoli di garanzia concessi a persone povere. Queste caratteristiche hanno permesso la diffusione di questo strumento prima nei Paesi sottosviluppati, contribuendo poi ad una successiva crescita di microimprese anche nei Paesi sviluppati. Il meccanismo così congeniato permette, prosegue la definizione, to pursue entrepreneurial projects that generate extra income, thus helping them to better provide for themselves and their families 2. Il Microcredito nasce per provvedere a quella domanda insoddisfatta di credito, da parte di chi appartiene solitamente alle fasce a basso reddito della popolazione e che vedono respinte le loro richieste dalle banche tradizionali, in quanto deficitarie di garanzie reali per accedere ai canali di credito tradizionali 3. La probabilità che questi ultimi si trovino a far fronte alle difficili dinamiche causate dal circolo vizioso della povertà è molto alto, trappola che a livello macroeconomico può causare un basso prodotto pro-capite, un conseguente basso consumo pro-capite ed un connesso basso investimento pro-capite, poiché tutto ciò che è prodotto si traduce in consumi. La crescita del Prodotto Interno Lordo risulterà essere di conseguenza ridotta o addirittura nulla, facendo presagire l innescarsi di un circolo vizioso di povertà da cui è difficile affrancarsi. La conseguenza peggiore che questo circolo concerne la marginalizzazione dell uomo non solo dal settore creditizio, ma soprattutto dalla società. 2 (http://www.microcreditsummit.org/about/what_is_microcredit/) 3 D. Ciravegna, A. Limone (2006). Otto modi di dire microcredito. Ed. Il Mulino 11

12 La speranza di un futuro migliore per l individuo si sgretola, innescando una voragine che si perpetua e si fa sempre più profonda Origini Nell imaginario collettivo odierno, quando si parla di Microcredito viene automaticamente alla mente la parabola del Professor Muhammad Yunus, che nel 1977 ha fondato la Grameen Bank, esempio più conosciuto di istituzione di Microcredito. Tuttavia, forme di micro finanziamenti si trovano già ben secoli prima. Nel Medioevo, infatti, era molto praticata la cosiddetta forma di intermediazione finanziaria dei monti di pietà, che deve la sua diffusione, soprattutto in Europa, al movimento francescano. Questa forma di intermediazione riconosceva nel prestito una sorta di educazione all imprenditorialità, piuttosto che la semplice beneficienza che bastava solo per sopravvivere. Sono da annoverare, poi, le English Lending Charity o l Irish Loan Fund, enti che elargivano Microcredito dopo le carestie che colpirono le regioni nel XIX secolo. Maggiore impatto ebbero le casse rurali sociali di credito della seconda metà del XIX secolo, le quali si basavano sui principi della garanzia solidale e della responsabilità illimitata, si rivolgevano alle zone rurali e si finanziavano principalmente con prestiti interbancari. Facevano fede allo stesso modello le associazioni popolari di credito, tuttavia più orientate verso le realtà cittadine e autofinanziate attraverso le quote versate dai soci. Queste realtà si sono trasformate in vere e proprio banche commerciali e oggigiorno si tende a non pensare ad esse quando si parla di Microcredito e del rapporto fiduciario tra creditore e debitore che elimina l esigenza di garanzie; ciò può portare a conclusioni sbagliate perché, specialmente le casse rurali hanno mantenuto questo paradigma che fa perno sul legame tra finanziatore e finanziato 5. Non va comunque dimenticato che le banche commerciali abbracciano logiche competitive tipiche di quelle banche che rappresentano una barriera per lo sviluppo dei più poveri: rimane quindi aperto il dibattito circa l utilità sociale di queste istituzioni che, da una parte si difendono facendo leva sul 4 D. Ciravegna, A. Limone (2006). Otto modi di dire microcredito. Ed. Il Mulino 5 D. Ciravegna, A. Limone (2006). Otto modi di dire microcredito. Ed. Il Mulino; pp

13 legame che li lega ai loro clienti, dall altra vengono comunque accusate di agire come vere e proprie banche, preferendo quindi una solidità finanziaria piuttosto che perseguire il loro obiettivo primario, ovvero quello di favorire i più deboli dal punto di vista finanziario Il sistema di credito formale, il sistema di credito informale e la risposta del Microcredito Il settore bancario formale si pone così come ostacolo allo sviluppo delle classi meno abbienti, poiché il sistema di erogazione viene bloccato dall assenza di garanzie dei potenziali clienti. Inoltre è doveroso notare come tale settore sia afflitto dal fenomeno dell Asimmetria Informativa nella scelta dei clienti, poiché nell esecuzione del contratto di credito, le due parti, il cliente e la banca, hanno a disposizione livelli di informazione diverse. Nella fattispecie è il richiedente che ha maggiori informazioni e quindi può trarre un vantaggio personale. Tale fenomeno si articola in due scenari particolari: uno è l adverse selection, che avviene prima della conclusione del contratto, in cui una parte omette informazioni rilevanti per l esecuzione della transazione; l altro è il moral hazard, ex post, in cui le azioni della controparte non possono essere perfettamente controllate. Ecco che la banca, per ovviare a questi scenari negativi, esige garanzie reali dai propri clienti, col fine di assicurarsi un riscatto in caso di manifestazione dei suddetti fenomeni. Un altra pratica molto utilizzata è quella dell Enforcement, che prevede l applicazione di strumenti e azioni legali al fine di costringere il cliente all esecuzione del contratto. Coloro che percepiscono un reddito basso, però, sono escluse dal settore formale bancario in quanto non possiedono alcuna garanzia tradizionale e non hanno una storia creditizia fortunata. Le banche non riconoscono in loro altro che alti costi di transazione, dovuti anche dalla dispersione territoriale che contraddistingue i meno abbienti, molto più cospicui rispetto agli importi stessi da elargire. Inoltre, l accesso è scoraggiato anche da fattori politici e socioculturali, quali un ambiente macroeconomico sfavorevole e la scarsa istruzione, o le politiche inadeguate verso il settore finanziario 6. Il Microcredito ha come missione quella di spezzare questo rapporto, rivolgendosi a questi settori marginali dell economia, tenta di cambiare il vizio in virtù e tenta di risollevare coloro che hanno e producono poco o nulla, coloro che la finanza formale ignora. 6 ISPI Winter School, Gli Attori della Microfinanza. Istituto degli Studi di Politica Internazionale, aprile 2012, Milano. 13

14 Per usare un espressione di Muhammad Yunus, il già citato patriarca di questa nuova generazione di Istituzioni, le MFIs (Micro Finance Institutions), il credito deve essere visto come diritto umano, non un attività rivolta alla creazione di profitto per i prestatori : diritto umano essenziale in quanto il Microcredito consente la partecipazione, la responsabilizzazione e l autogestione di iniziative da parte di coloro che vivono in condizioni di povertà pur essendo parte del mondo più sviluppato 7. Rimanendo focalizzati sui Paesi in via di sviluppo e sottosviluppati, l esclusione finanziaria della maggior parte della popolazione ha portato alla nascita di un mercato del credito parallelo, la cosiddetta finanza informale, che riguarda tutte quelle pratiche limitate di prestito gestite da associazioni comunitarie, da membri di famiglie, da commercianti o da prestatori su pegno. I meno abbienti sono così costretti a rivolgersi agli usurai in quanto non è concessa loro alcun altra possibilità di ricorrere ai canali formali di credito, rendendo così la probabilità di uscire da tale meccanismo oltremodo difficile. Si descrivono di seguito le forme caratteristiche di finanza informale 8. La servitù da debito Questa prima fattispecie si manifesta, nella maggior parte dei casi, quando l individuo chiede un anticipo sul salario. A seguito dell ottenimento del prestito richiesto, il debitore o un familiare, è costretto a lavorare gratuitamente, o raramente contro il pagamento di un salario irrisorio, per il creditore. Tale forma viene utilizzata perché si dispone della somma di denaro immediatamente, e al contempo, si ha anche un impiego. Addirittura, talvolta le clausole implicano il trasferimento del diritto di proprietà della terra del debitore al creditore. È una pratica molto diffusa in India, sovente i figli lavorano in condizioni di semischiavitù per ripagare i debiti dei padri. Il credito dei commercianti 7 D. Ciravegna, A. Limone (2006). Otto modi di dire microcredito. Ed. Il Mulino. Parte prima, Cap. II, pag Riferimenti da Cencini, A. e Borghi, M. (2010). Per un contributo allo sviluppo del Microcredito. Casa Editrice Dott. Antonio Milani. Cap. I. 14

15 Tale pratica si presenta nel caso di dilazione del pagamenti degli acquisti effettuati da parte di un individuo con difficoltà economiche. Il commerciante accorda un pagamento a termine, o il versamento di somme periodiche. Il prezzo risulta di conseguenza maggiorato e talvolta il tasso di interesse arriva anche al 100 per cento. Interessante è studiare tale pratica nel mercato islamico, dove il tasso d interesse è proibito, secondo i dogmi imposti dalla religione. Qui, infatti, i commercianti, per mascherare il tasso di interesse, vendono beni ad un valore superiore rispetto a quello richiesto, l acquirente rivende subito il bene ad una cifra inferiore, quella di cui ha bisogno, ritrovandosi costretto a pagare una somma ben superiore rispetto al necessario. Le Rotating Saving and Credit Associations (ROSCAs) Si tratta di associazioni i cui membri versano periodicamente i proprio risparmi e poi a turno beneficiano dell ammontare complessivo versato da tutti. I membri possono coinvolgere nell associazione solo conoscenti oppure altre persone facendole risultare con una configurazione più allargata. Caratteristica fondamentale è il legame di solidarietà che lega i consociati e la pressione collettiva che il gruppo riesce a creare: infatti, in caso di default, il debitore inadempiente, oltre a non avere più possibilità di contrarre un debito, sarà anche escluso dalla comunità. Le cooperative di credito (Credit Unions) In questo caso, gli abitanti del villaggio possono aderire e partecipare alla cooperativa, che riunisce un fondo di risparmi e poi accorda i prestiti, dei quali tutta la comunità è da garante. Anche qui, la garanzia solidale dei membri e il rischio di esclusione sociale sono i fattori che più proteggono dal rischio d insolvenza. Il settore informale, così ampiamente diffuso, si fa portatore di alcuni vantaggi per le popolazioni più povere ed escluse dal sistema formale. Infatti, i richiedenti non hanno alcuna difficoltà nell accesso, poiché non si richiedono garanzie formali, vista la conoscenza diretta tra le due parti; nonostante poi i prestiti siano di piccole dimensioni, i 15

16 costi di transazione sono irrisori, confermando la natura informale. D altro canto però questo sistema è un freno allo sviluppo della politica monetaria del Paese, in quanto provoca la formazione di mercati fortemente segmentati e massacrati dall usura, dati i tassi di interesse spesso elevatissimi e gli ovvi risvolti di natura sociale, che aumentano il divario tra ricchi e poveri, incapaci di risollevarsi dalla situazione di indebitamento. Viene così a crearsi un dualismo finanziario, cioè una presenza simultanea di un sistema formale e informale di credito. Ciò mostra come il Microcredito, e la Microfinanza in generale, non possa prescindere da queste forme, soprattutto per quanto riguarda la finanza informale, ancora socialmente radicata nelle comunità più povere. A partire dagli anni Settanta del secolo scorso, si sono sviluppati quei modelli di Microcredito che ora sono comuni nell immaginario collettivo. Il pioniere, come ricordato, è stato il professor Muhammad Yunus, che partendo dalla piccola comunità di Dhaka, nel Bangladesh, è riuscito a risollevare le sorti di milioni dei più poveri tra i poveri. Negli anni Novanta la logica del Microcredito si allarga, abbracciando quella ben più ampia di Microfinanza, termine che racchiude non solo l erogazione dei microloans, ma anche strumenti e servizi che si affiancano e integrano l attività di concessione prestiti con altre opportunità di sviluppo, quali depositi, assicurazioni o fondi pensione. Fino ad arrivare ai nostri anni, in cui si mette in dubbio la reale efficacia di tali programmi, si accusano di aver abbandonato quel fine che li aveva elevati al successo, e si cerca di orientare l azione verso la performance sociale e l impatto sociale. 16

17 2. PRINCIPI, MODELLI, TIPOLOGIE E PRODOTTI 2.1. Principi ispiratori 9 I programmi di Microcredito sono accomunati da un serie di principi che ne hanno decretato il successo negli ultimi anni. I caratteri distintivi della Microfinanza si ritrovano nella fiducia che L MFI 10 riconosce al beneficiario, quella fiducia che gli è sempre stata negata e che non gli ha permesso di risollevarsi dalla sua posizione di emarginato. Fiducia che si traduce nell applicazione di garanzie sostitutive a quelle reali, come per esempio la peer pressure. ovvero la creazione di gruppi. Questa pratica è risultata fondamentale per la fidelizzazione del cliente e il successo dei rimborsi. Taluni programmi prevedono l erogazione del prestito al gruppo, che si pone da garante ai singoli beneficiari: in caso di default, i membri del gruppo rispondono in solido per il rimborso delle rate. Anche qualora il prestito sia su base individuale, il meccanismo di controllo sociale può essere mantenuto, attraverso per esempio incontri collettivi per le quote di rimborso, al fine di ottenere quella pressione sociale che si ripercuote sul committment del singolo beneficiario. La responsabilizzazione e l esistenza di sanzioni sociali sono elementi che contribuiscono ad aumentare la fiducia da parte dell istituto nei confronti dei richiedenti. La motivazione al rimborso è anche sollecitata da altri fattori, come per esempio l aumento graduale della somma prestata in funzione della solvibilità, la presenza di incentivi per rimborsi regolari, la richiesta di un previo deposito di risparmio come garanzia. La presenza di questi meccanismi di solidarietà sottolineano il fatto che group meetings can facilitate education and training, which may be particularly helpful for clients with little business experience and/or low literacy levels 11. Altra caratteristica costante che si ritrova nei programmi di Microcredito è la durata di un intero ciclo. L erogazione è sempre molto tempestiva, con lo scopo di sopperire subito ai bisogni del cliente, in modo anche da allontanarlo dall eventuale tentazione di rivolgersi agli usurai. Anche il rimborso si realizza di conseguenza in tempi brevi, gli importi sono 9 Riferimenti da Cencini, A. e Borghi, M. (2010). Per un contributo allo sviluppo del Microcredito. Casa Editrice Dott. Antonio Milani. Cap. I; ISPI Winter School, Gli Attori della Microfinanza. Istituto degli Studi di Politica Internazionale, aprile 2012, Milano. 10 Micro Finance Istitution 11 Armendariz de Aghion e Morduch (2005) cit., pag. 14 in Cencini, A. e Borghi, M. (2010). Per un contributo allo sviluppo del Microcredito. Casa Editrice Dott. Antonio Milani 17

18 spesso di piccole dimensioni e la decorrenza è usualmente settimanale o mensile, poiché si fa leva sulla pressione che queste scadenze hanno sul beneficiario. Un altra risorsa invisibile che contribuisce alla spiegazione del successo del Microcredito è rappresentata dalla prossimità 12. Come spesso ricorda Yunus, si ha un inversione di tendenza rispetto al modello del credito tradizionale; qui, infatti, è la Banca che va dal cliente, e non viceversa. Si rompe così quel muro di pratiche burocratiche che ha allontanato i più poveri dalle banche e si cerca di ridurre quell asimmetria informativa che disincentiva la concessione di prestiti. Il Microcredito agisce in questo senso secondo due direzioni: da una parte si propone come banca di villaggio, poiché l attività creditizia è radicata nell ambito locale e rurale dove sono realmente i poveri; dall altra propone i funzionari non come figure lontane dalle realtà, ma li immerge fisicamente tra i candidati beneficiari. Un altra caratteristica riguarda l effetto impressionante delle principali esperienze di Microcredito sull effetto di genere 13, ovvero quella pratica diffusa di privilegiare le donne come beneficiarie. Secondo il rapporto del 2012 del Microcredit Summit Campaign, circa l 83% dei 137,5 milioni di persone molto povere che nel 2010 hanno beneficiato dei servizi finanziari offerti dalle MFIs sono state donne 14. Un interpretazione a tale fenomeno può essere spiegata su due direttrici: una sociale e una economica. Tra i motivi sociali, che dovrebbero essere i primi a muovere una MFI, ritroviamo gli obiettivi che spesso tali istituzioni si pongono, come ad esempio la lotta alla discriminazione e la parità dei diritti. Ecco come il Microcredito si fa portavoce di una nuova ondata di idee, non solo di uno sviluppo economico ma anche di un cambiamento culturale, puntando così all Empowerment femminile. Come indicato dal Professor Yunus l atto di conferire alla donna il controllo del denaro costituiva il primo passo per restituirle all interno della famiglia i diritti di essere umano 15. Passando ai motivi economici, individuiamo tra i principali il diverso grado di responsabilità della donna all interno di contesti culturali dove il Microcredito è solito operare, una gestione più oculata delle risorse finanziarie, la 12 Becchetti, L. (2008). Il Microcredito. Una nuova frontiera per l economia. Bologna: Il Mulino. 13 Riferimenti da: Cencini, A. e Borghi, M. (2010). Per un contributo allo sviluppo del Microcredito. Casa Editrice Dott. Antonio Milani. Cap I, pag. 23.; Becchetti, L. (2008). Il Microcredito. Una nuova frontiera per l economia. Bologna: Il Mulino. Cap V, pag. 75; Duflo, E. (2011). I numeri per agire: Una nuova strategia per sconfiggere la povertà. Feltrinelli Editore. 14 Maes, J. P. e Reed, L. R. (2012). State of the Microcredit Summit Campaign Report Working Paper. Microcredit Summit Campaign. 15 Yunus, M. (2007). Il banchiere dei poveri. 11 Edizione italiana (Edizione originale: Vers un monde sans pauvreté, Edition Jean- Claude Lattès, 1997). Feltrinelli Editore Milano 18

19 puntualità delle donne nel rimborso di prestiti e la loro tendenza a spendere una parte del reddito a favore della prole, ad esempio per programmi sanitari o educativi. Ultimo principio su cui fa perno il Microcredito, spesso oggetto di controversie, è il tasso di interesse 16. Ci sono due principali scuole di pensiero riguardo all applicazione di una remunerazione per l istituzione finanziaria che eroga il prestito: da una parte c è chi accusa talune istituzioni che applicano il tasso di interesse di allontanarsi dai motivi sociali che ispirano tali programmi e di ricordare l usura del mercato creditizio informale; altri invece la sostengono come condizione necessaria per la sopravvivenze delle stesse istituzioni. Spesso, infatti, i tassi effettivi sono più alti di quelli dichiarati, perché vi possono essere aggiunte spese e commissioni o imposta una quota obbligatoria di risparmio: nella pratica, infatti, si possono riscontrare tassi del 40-50% reali. Questi, però non sono la conseguenza della sola sostenibilità dell iniziativa di Microcredito: si possono annidare anche motivazioni più insidiose. C è il rischio che le istituzioni, per assicurarsi una sostenibilità finanziaria, finiscano per privilegiare i soggetti più solvibili, a discapito dei più poveri tra i poveri, o ancora, potrebbero estendere il numero di progetti finanziati, diminuendo la qualità del servizio e l assistenza ai singoli beneficiari. Ma un occhio più critico deve comunque interrogarsi sulla questione dell autosostenibilità dei sistemi di credito per i meno abbienti come un utopia. I costi di un sistema di Microfinanza con obiettivi di lotta alla povertà sono solitamente più elevati di quelli di una istituzione bancaria normale. Una delle ragioni per le quali le banche non si avventurano in certe zone povere, specialmente rurali, con una insufficiente rete di comunicazioni e una debole struttura economica, è il fatto che il costo di gestione del credito non sarebbe coperto dai ricavi di crediti di piccolo importo; questa è al contempo una delle ragioni della esistenza stessa della Microfinanza: raggiungere coloro che il sistema formale non raggiunge. Inoltre, nemmeno le banche, in realtà, vivono del differenziale tra i tassi sui prestiti e quelli sui depositi. Cioè le banche non coprono i propri costi con gli interessi attivi netti. E noto che invece le banche investono a loro volta, sia pure con vincoli più o meno ampi a seconda delle legislazioni nazionali. Perché allora le istituzioni finanziarie informali dovrebbero riuscire laddove non riescono quelle formali? Rimane dunque aperta il dilemma sul tasso di interesse, anche se la pratica ci dimostra che esistono poveri i quali, 16 Becchetti, L. (2008). Il Microcredito. Una nuova frontiera per l economia. Bologna: Il Mulino. 19

20 nonostante gli interessi, sono in grado di prendere denaro in prestito e rimborsarlo, in virtù del fatto che la rapidità del credito è più importante di tassi inferiori Modelli Per descrivere l approccio al fenomeno del Microcredito, in letteratura ricorrono due principali visioni che descrivono l approccio al fenomeno del Microcredito, che si differenziano in base alla presenza o meno di servizi accessori rispetto a quello core, ovvero la semplice erogazione del credito. Queste visioni posso definirsi come approccio minimalista e approccio integrato. 18 Approccio minimalista (Latino-americano) L espressione fa riferimento a quei programmi che si concentrano esclusivamente sull intermediazione finanziaria, fino a comprendere talvolta un intermediazione di tipo sociale. La prima consiste nell erogazione del credito, sia come capitale circolante sia per investimenti in capitale fisso, accompagnati spesso da sistemi di risparmio e forme assicurative per i beneficiari. La seconda invece riguarda attività di formazione dei beneficiari, una sorta di educazione finanziaria di base, con lo scopo di aiutare i clienti a gestire al meglio le loro attività. Esempi di intermediazione sociale riguardano l animazione e formazione su varie tematiche, come per esempio contabilità, sviluppo delle caratteristiche di leadership o cooperativismo. La presenza di queste attività correlate permette di trasferire anche un know how che nel tempo può essere assorbito dalla comunità in modo permanente, modo tale da avere un impatto di lungo periodo. La ragione principale che spinge le organizzazioni ad adottare questo approccio risiede nell autosufficienza del programma di Microcredito; infatti i servizi accessori rappresentano un ulteriore costo per chi eroga, minandone così la capacità di auto sostenersi, senza far ricorso a fonti esterne. 17 Duflo, E. (2011). I numeri per agire: Una nuova strategia per sconfiggere la povertà. Feltrinelli Editore. Pag ISPI Winter School, Gli Attori della Microfinanza. Istituto degli Studi di Politica Internazionale, aprile 2012, Milano. 20

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

La programmazione: le metodologie di microcredito

La programmazione: le metodologie di microcredito La programmazione: le metodologie di microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Le metodologie del microcredito La metodologia è l insieme di sistemi e procedure che un programma sviluppa per

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA Lucia Dalla Pellegrina Università Milano-Bicocca Corso di Economia Finanziaria M Ottobre 2014 IL CREDITO NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (PVS) TRE CANALI: CREDITO BANCARIO CREDITO

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI Il microcredito: tendenze e prospettive applicative Prof. Leonardo Becchetti Grameen bank: : il caso più noto 1974 Yunus insegna a Chittagong;

Dettagli

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO?

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? Strumenti per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile: dalla microfinanza al venture capital Intervento di Simona Lanzoni 20 MARZO 2013

Dettagli

Il giorno per giorno

Il giorno per giorno Il giorno per giorno Vado a dormire Mi alzo la mattina Compro 1$ di paglia Produco 4 cesti Rimane 1$ Utilizzo 3$ per mangiare e nutrire la famiglia Ricavo 4$ Vendo ogni cesto a 1$ I poveri e il normale

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Scheda didattica IL MICROCREDITO

Scheda didattica IL MICROCREDITO Scheda didattica IL MICROCREDITO Il microcredito permette ai poveri e agli scalzi di accedere ad una opportunità che di solito è esclusivo appannaggio dei ricchi. Accade così che quegli aspetti della società

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Buone pratiche di finanza etica e microcredito

Buone pratiche di finanza etica e microcredito 1 Laboratorio 2 Buone pratiche di finanza etica e microcredito Che cosa è il microcredito Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico, che permette alle persone in situazione di povertà ed emarginazione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie L Ente Nazionale per il Microcredito L Ente nazionale per il Microcredito è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta all esclusione sociale

Dettagli

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva?

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia 29 febbraio 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Forlì, 2 dicembre 2005 Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Chiara Valentini operatore micro.bo Cos è il MICROCREDITO Il microcredito è un sistema di credito basato su programmi che concedono

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà Il Girasole: GVV Lombardia e piccolo credito Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà 1 Premessa Il micro-credito è uno strumento di sviluppo economico che permette l'accesso ai servizi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Microfinanza e microcredito

Microfinanza e microcredito Microfinanza e microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Dalla finanza informale al microcredito Poiché i mercati finanziari tradizionali non considerano i bisogni delle fasce povere della popolazione,

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Laura Viganò University of Bergamo Italy Research Center on International Cooperation Lo sviluppo economico Livello macro:

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

Facoltà di scelta. Andrea Ichino università di bologna. Daniele Terlizzese eief e banca d italia

Facoltà di scelta. Andrea Ichino università di bologna. Daniele Terlizzese eief e banca d italia Facoltà di scelta L università salvata dagli studenti Una modesta proposta Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia Marzo 2013 1 Gli obiettivi della proposta Reperire

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Agricoltura e finanza rurale

Agricoltura e finanza rurale Agricoltura e finanza rurale Approfondimento della lezione del dott. Gaetano Ladisa Progetti e politiche a sostegno dell agricoltura, dell alimentazione e dell ambiente nei PVS Roberto d Amato r.damato@email.it

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano Managerialità e competenze. Gestione e valorizzazione delle risorse nella realtà territoriale La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

1. Ramo e azienda (conoscenze del ramo banca)

1. Ramo e azienda (conoscenze del ramo banca) Guida modello Profilo E / Profilo B Catalogo degli obiettivi di formazione (conoscenze del ramo banca) Competenze chiave Sistema bancario 1.7.1 Legge sulle banche 1.7.2 Convenzione relativa all obbligo

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI SIMULAZIONE: il business plan di una impresa legata ai rifiuti GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea In questo modulo sono

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta CONVEGNO / DIBATTITO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE WANDA VECCHI Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta Latina, 14 maggio 2012 Ringrazio per l invito e saluto tutti a nome di Padre Massimo

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE LAUREA SPECIALISTICA IN: SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E LOCALE TESI DI LAUREA POLITICHE DELLO SVILUPPO AGRICOLO TITOLO

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici Cosa c è in questa guida? Le domande di base 2 i diritti 3 passi per scegliere il conto del cliente 3 7! 9 Le attenzioni del cliente Aalla

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

3 pilastro, previdenza privata Assicurazioni sulla vita

3 pilastro, previdenza privata Assicurazioni sulla vita 3 pilastro, previdenza privata Assicurazioni sulla vita Il 3 pilastro o previdenza privata rientra nella sfera di responsabilità del singolo. Integra le prestazioni dei primi due pilastri e colma eventuali

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale HR E Marketing. Analisi Dello Sviluppo Marketing

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito Durante questo ultimo decennio si è molto discusso di microfinanza e di microcredito, spesso confondendo i due termini.

Dettagli

Microfinanza e Sviluppo Economico

Microfinanza e Sviluppo Economico Microfinanza e Sviluppo Economico Laura Viganò University of Bergamo Italy Research Center on International Cooperation Agenda Aspetti economici dello sviluppo Finanza e sviluppo - microfinanza Approcci

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina. Ottobre 2014

CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina. Ottobre 2014 CASSA PADANA BCC Progetto Ecuador Microfinanza Campesina Ottobre 2014 Il Progetto Microfinanza Campesina rappresenta una collaborazione tra le strutture locali di finanza popolare dell Ecuador sostenute

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Umubyeyi Mwiza è una espressione della lingua kinyarwanda che può essere tradotto

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Terre e Libertà 2014 winter edition

Terre e Libertà 2014 winter edition Progetto di volontariato internazionale Inverno 2014/2015 Terre e Libertà 2014 winter edition #TLwinter14 PROMOSSO DALL ONG CHI SIAMO IPSIA (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) è l organizzazione

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli