Raffaello Pagliaccetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raffaello Pagliaccetti"

Transcript

1

2

3 Raffaello Pagliaccetti Cronaca di un recupero restauro e fusione in bronzo dei gessi Pinacoteca Civica

4 Mostra promossa e organizzata da: BANCA DI TERAMO DI CREDITO COOPERATIVO S. C. ADERENTE AL FONDO DI GARANZIA DEI DEPOSITANTI DEL CREDITO COOPERATIVO Fondazione Venanzo Crocetti Teramo, Pinacoteca Civica 23 aprile - 30 giugno 2010 Sindaco Maurizio Brucchi Assessore agli Eventi Guido Campana Direttore Generale Furio Cugnini Mostra a cura di Paola Di Felice Progetto Didattico Gioia Porrini Coordinamento generale Rocco Porreca, Dirigente Settore Cultura e Musei Restauri PRAXIS di Rolo Jenny e Majoli Franco Fusioni in bronzo Fonderia d Arte Fabris e F.lli Folla sas - Fonderia Arte Bronzo srl Referenze fotografiche Fabrizio Sclocchini Progetto grafico e stampa Grafiche Martintype Si ringrazia per la disponibilità la Fondazione Ventilj e la TE.AM. spa

5 Raffaello Pagliaccetti alla Pinacoteca Civica di Teramo: un appuntamento che conferma la spiccata sensibilità verso la creazione artistica dai riflessi di rilievo. La Mostra è occasione per avvicinare l artista nato a Giulianova e per puntare l attenzione sul recupero dei suoi gessi fusi poi in bronzo. Così, l appuntamento ci consente di conoscere un percorso artistico di profonda ispirazione e dai risultati avvincenti. Oltre ciò, particolarmente significativo è l altro aspetto dell evento e che è chiaramente descritto nel suo titolo: il racconto del recupero, del restauro, delle opere realizzate da uno dei massimi scultori abruzzesi dell ottocento. Operazione, questa, che dà il segno della sensibilità di chi se ne è fatto promotore e artefice, e che testimonia di una attenzione vigile e fattiva nei confronti di qualificanti e qualificati artisti della nostra terra, fino ad ora forse sottodimensionati ma, proprio grazie a tali operazioni, anch essi recuperati ad un livello e ad una dignità artistiche degne. La Mostra costituisce, su un altro versante, una nuova tappa del cammino che in un insieme più articolato, è teso alla crescita della città, in termini di offerta e di produzione culturale. L Amministrazione Comunale, con le iniziative già organizzate e con quelle che sono in programma, vuol tracciare un percorso che, muovendosi in continuità con il recente passato, intende dar corpo ad una stagione il cui obiettivo è di far finalmente decollare le potenzialità che, nel settore, sappiamo innumerevoli e fondamentali. La Mostra dei bronzi di Pagliaccetti contribuisce, per la sua particolarità, a consolidare tale progetto, le cui prospettive vogliono far sì che si realizzi quel salto di qualità, costantemente auspicato dai cittadini e dalle realtà associative. È un evento cui guardiamo con ammirazione, con compiacimento e che salutiamo con particolare enfasi. Insomma: una Mostra importante, che dà prestigio alla nostra città e che conferma - anche per la collocazione nella da poco riaperta Pinacoteca Comunale - la ritrovata vitalità culturale, il risveglio, che prospettiamo sempre più coinvolgente e foriero di risultati. Ringrazio per il contributo e la sensibilità tutti i protagonisti dell evento: la Regione Abruzzo, la Fondazione Tercas, la Fondazione Crocetti e la Banca di Teramo. La collaborazione prodotta in questa occasione, è la prova concreta delle straordinarie possibilità e degli effettivi risultati che è possibile realizzare quando si uniscono intelligenze, lungimiranza e operatività. Il Sindaco di Teramo Maurizio Brucchi 5

6 Nell Ottocento era motivo di particolar orgoglio in tutte le Accademie in Italia e all estero poter esibire una galleria con le principali sculture dell Antichità classica e del Rinascimento riprodotte in gesso. Quasi si poteva valutare il prestigio dell istituzione dall articolazione e dal numero di tali opere, destinate a riscuotere l ammirazione dei visitatori oltre che ad assolvere finalità didattiche. In qualche modo si aveva l impressione di poter meglio catturare l anima dei capolavori di tutti i tempi attraverso queste riproduzioni tridimensionali e a grandezza naturale. Il vero più vero si percepiva attraverso la copia, che anzi contribuiva a far acquisire qualche elemento in più perché ne era premessa la manipolazione, preclusa viceversa in presenza di originali gelosamente custoditi nelle raccolte di tutto il mondo. Del resto già dal primo Rinascimento era una prassi consolidata far riprodurre in scala ridotta e in bronzo le opere più rilevanti, a vantaggio di un pubblico di appassionati e collezionisti che allestiva una propria wunderkammer per soddisfare la voglia di svago e di conoscenza assieme. Le richieste erano tali da incentivare l impegno anche di tanti artisti di grido i quali si cimentarono con queste pratiche di copia, abbastanza complesse perché in ogni caso imponevano la preparazione di un nuovo modello in terracotta o in cera, di fronte un originale non di rado difficile da raggiungere. Oggi in alternativa alle tecniche più tradizionali e ai calchi, tuttora praticati con eccellenti risultati, la tecnologia sempre più sofisticata permette di eseguire fedelissime copie anche attraverso la scannerizzazione in 3D. Eppure, stranamente, la maggiore facilità con cui si possono realizzare repliche perfette non sembra rappresentare un incentivo a sfruttare un opportunità che, se praticata in maniera corretta, andrebbe a tutto beneficio della diffusione dei modelli più significativi dell identità culturale di una nazione. Mentre in Oriente si replica tutto e con grande disinvoltura per il mercato della globalizzazione, al contrario in un Occidente in declino, e in Italia in particolare, la pratica di copia appare come demonizzata, forse perché oggi la gente comune tende ad identificare la riproduzione di un opera d arte con i souvenir proposti dagli ambulanti dinanzi i principali monumenti. In effetti l ambito della copia è molto variegato, c è copia e copia come può esserci un buon originale e un altro pessimo. Abbastanza sporadiche e occasionali sono ancora le circostanze in cui è prevista una riproduzione di qualità, limitata per lo più a particolari situazioni collegate al restauro di capolavori che non possono essere lasciati all aperto e quindi vengono sostituiti con copie che rasentano la perfezione. Il caso delle repliche in bronzo delle sculture di Raffaello Pagliaccetti rientra in qualche modo nel medesimo alveo: la riproduzione come garanzia della conservazione futura per opere fragili o facilmente deperibili, perché certo una fusione in bronzo è pronta a sfidare il tempo, a patto che si intenda accettare le imprevedibili colorazioni che può assumere il metallo Ma quella della patina è un altra storia. Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell Abruzzo Lucia Arbace 6

7 Il 19 maggio del 1900, durante la commemorazione dello Scultore Raffaello Pagliaccetti, nella sala del consiglio comunale di Giulianova, Pasquale Ventilj, nella sua qualità di assessore provinciale assunse l impegno di costruire un Museo per ospitarvi, in modo permanente, le opere dello scultore, morto alcuni giorni prima. Nel 1990 noi riprendemmo quell impegno durante le celebrazioni del 150 anniversario della nascita dello scultore, quando nelle sale del Palazzo di Giustizia di Teramo, appena ristrutturato, organizzammo la mostra delle sue opere e dei quattro scultori abruzzesi viventi: Andrea e Pietro Cascella, Mario Ceroli e Venanzo Crocetti. Fu una mostra di notevoli dimensioni che occupò tutto il piano terra del Palazzo di Giustizia. Il tentativo di costruire un museo pagliaccettiano, Ventilj lo aveva ripreso nel 1914 quando recuperò le opere dello scultore giuliese sfrattate dai musei di S. Marco e di S. Salvi di Firenze. L architetto Patrignani progettò il Museo che doveva essere costruito nei pressi della piazza Belvedere. Neanche questa volta il progetto fu realizzato perché i fondi raccolti furono utilizzati per costruire le case dei pescatori. Ventilj era un uomo tenace e ancora una volta, nel 1939, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita, ripropose il progetto che però rimase tale ed a Ventilj, che nel frattempo aveva acquistato tutte le opere di Pagliaccetti, non restò altro che donare le opere, insieme al suo patrimonio, alla congrega di carità di Teramo, che, allora, gestiva gli ospedali. Successivamente le opere di Pagliaccetti passarono al Comune di Teramo. Nei vari passaggi i gessi, soprattutto, subirono danni non lievi. Nel 1990 il Comitato da me presieduto, decise di restaurare i gessi e di fonderne in bronzo sette: Il Cappellini a Lissa, le due versioni del Rossini, il Garibaldi, lo Scemo, la Bambina Seduta e la Virgo. Su iniziativa dell Assessore alla Cultura, Oscar Tancredi, la Sovrintendenza ai beni culturali dell Aquila, restaurò l Orfanella. Durante una visita a Firenze per la mostra delle opere di Crocetti allestita da noi nel Museo di Santa Croce incontrammo il Dott. Viggiani, Direttore dell Accademia di belle arti di Firenze e con lui, davanti alla statua di S. Andrea, realizzata da Pagliaccetti e collocata sulla facciata di S. Maria del Fiore, ci impegnammo di recuperare tutte le opere, allora in gesso, e di allestire un Museo a lui dedicato. L idea sembrò concretizzarsi nel 1991, nel Palazzo di Giustizia ristrutturato, ma il cambio di amministrazione e l ostilità di alcuni personaggi fermarono ancora una volta il progetto. L Amministrazione comunale però si pose di nuovo il problema di una migliore collocazione delle opere e di recuperare i gessi assai malandati. Solo recentemente, con una intelligente collaborazione tra la Fondazione Venanzo Crocetti, il Comune di Teramo e la Fondazione Ciotti-Ventilj è stato possibile recuperare altre 18 opere, fuse in bronzo, mentre quasi tutti i gessi sono stati ormai restaurati. In questa mostra esponiamo i 25 bronzi a fianco delle opere originali in gesso. È stata questa l occasione per riprendere, con il Sindaco di Teramo, l idea del Museo da destinare ora ai due scultori giuliesi, Venanzo Crocetti e Raffaello Pagliaccetti, nelle sale dell IPOGEO in costruzione. Continua così il destino comune dei due più grandi scultori della nostra Provincia, la comune origine giuliese, la frequentazione dell Accademia di S. Luca dove Pagliacci studia e Crocetti vince, a 19 anni, il primo premio della scultura e successivamente ne diventa Presidente per due mandati. Le esperienze maturate a Firenze dove Pagliaccetti lavora per tanti anni e dove per un brevissimo periodo insegna all Accademia 7

8 di belle arti, dove invece Crocetti insegna per 11 anni. Anello di congiunzione ed elementi di continuità dei rapporti tra i due maggiori scultori è l artista giuliese Ulderico Ulizio, nella cui bottega il giovinetto Crocetti apprende i primi insegnamenti della scultura. Ulizio era stato allievo di Pagliaccetti e stabilì un solido legame di amicizia con Crocetti, che orfano di entrambi i genitori si rivolge a lui, oltre che per consigli nel campo dell arte anche per aiuto in diverse circostanze. L ho potuto riscontrare da una fitta corrispondenza tra i due che sono riuscito a recuperare. Firenze nella seconda metà dell 800 esercitava un enorme fascino sugli uomini di cultura abruzzesi. Nello stesso periodo a Firenze viveva la nostra poetessa Giannina Milli, fervente sostenitrice dell Unità d Italia. C erano anche Fedele Romani, docente nel liceo classico e scrittore, il Barnabei insigne professore di lettere e scrittore. Tanto che Dell Ongaro, noto critico e storico dell arte scrisse: di Teramo è anche il Della Monica che improvvisa sulla tela, come Giannina Milli improvvisa sulla scena e concludeva: Teramo è un nido di artisti. Di più nella villa la Capponcina di Settignano aveva fissato la sua dimora anche Gabriele D Annunzio, assiduo frequentatore dei salotti culturali fiorentini. Nel 1900, il Vate Abruzzese, che era stato eletto Deputato nel collegio di Ortona nel 1897, si candidò in un collegio di Firenze per essere rieletto Deputato. Non fu fortunato, sia perché aveva cambiato schieramento politico, passando dalla Destra alla Sinistra, sia perché, sradicato dal suo collegio naturale di Ortona, non riuscì a catalizzare i voti dei fiorentini. I due scultori avevano in comune non solo la terra di origine ma anche la tenacia e la forza del carattere, la severità nel concepire la vita, il rigore verso se stessi, una grande capacità di lavoro e di sacrificio, la coerenza della fede e nella fedeltà agli ideali patriottici. Un collega di Pagliaccetti, Rinaldo Carnielo, così lo descrive: facile e corretto nella parola e amato da molti e rispettato da tutti, basta a sé stesso. Non è pecora di nessun gregge, né pastore di pecore. Fa un arte tutta sua. A Firenze trovò un periodo di vivaci fermenti soprattutto per opera dello scultore Bartolini, le cui doti di innovazione furono determinanti per la nascita del realismo in Toscana. Bartolini esercitò una notevole influenza su di lui. Anche il Duprè gli fu amico e consigliere. Da lui ereditò la severità spirituale, e, alla sua morte, per sette mesi, lo sostituì alla cattedra di scultura all Accademia di Belle Arti, come risulta da un verbale riportato dalla rivista arte e storia con queste parole: nella seduta dell 11 gennaio 1883 fu nominato, con votazione splendida, l artista valente, grande modesto, Raffaello Pagliaccetti, che deve essere ben lieto della onorificenza così lusinghiera. Pagliaccetti si inserisce perfettamente nel clima culturale della città toscana dove domina il verismo nella letteratura. Verga nei suoi viaggi per l Italia sosta spesso a Firenze. Pagliaccetti nel 1866 realizza le sue prime opere importanti: il Garibaldi a Caprera, il Cappellini alla battaglia di Lissa e il busto di vecchia donna, che presentato insieme ad altre opere, all esposizione universale di Parigi gli procurò l assegnazione alla medaglia d oro. Nella esposizione universale di Philadelphia riscosse grande successo la statua di Garibaldi a Caprera, anche questa rimase in gesso e non fu mai tradotta in bronzo, come tutte le altre opere che ci sono pervenute. 8

9 Anche la statua di Pio IX ebbe un accoglienza entusiasta, sia dagli esperti che dalla critica ma anch essa, a causa della precaria situazione finanziaria dello scultore, rimase in gesso. Fu i Filosofo Augusto Conti, ammiratore del nostro artista, che pensò che un capolavoro come quello non poteva rimanere in gesso, materia assai fragile e destinata a perire. Il Filosofo si rese promotore di una sottoscrizione tra i suoi amici e riuscì a fondere in bronzo la statua e la donò a Papa Leone XIII. Oggi è quasi abbandonata nella sede del Pontificio Istituto delle missioni estere nel quartiere Monteverde, a Roma ed è intrasportabile. Il Comune di Giulianova, però, possiede una versione originale del Pio IX, prima o poi bisognerà trovare le risorse per fondere anche questo gesso per evitarne la rovina. Altra vicenda che turbò profondamente lo scultore e aumentò i contrasti con il suo comune di origine fu quella del monumento a Vittorio Emanuele II. L incarico per l esecuzione della statua a Vittorio Emanuele II doveva costituire il ritorno in patria dello scultore, che era vissuto sempre fuori. Era un ritorno sul proprio territorio che, conosceva molto poco, perché fin da giovane si era trasferito a Roma e poi a Firenze. Per lui il monumento era di importanza estrema perché consacrava agli occhi dei compaesani il successo che aveva ottenuto nella scultura. Affrontò quindi il progetto con grande entusiasmo e pieno di ideali dovendo ricordare nell opera, la sosta di Vittorio Emanuele II, che dopo la vittoria a Castelfidardo, era entrato nel Regno attraversando il Tronto e sostando per una visita a Giulianova. Ma purtroppo presto i numerosi inconvenienti che si presentarono durante e dopo la realizzazione dell opera esacerbarono ancora maggiormente i suoi risentimenti verso la terra nativa. Il Comune di Giulianova, che aveva assunto l impegno di pagare la realizzazione dell opera, non mantenne la promessa e lo scultore dovette impegnarsi, con la fonderia, firmando delle cambiali, che non furono, poi, onorate. La statua, appena fusa, fu danneggiata pesantemente durante il trasporto da Pistoia, dove era stata fusa in bronzo, a Firenze: si ruppe il braccio destro e la spada, che dovette frettolosamente rifare. Trasportata a Giulianova, la statua rimase in stato di abbandono sulla piazza in attesa che fosse realizzato il piedistallo, che fu successivamente costruito nelle dimensioni attuali senza il suo consenso. Egli avrebbe preferito un piedistallo più alto. Il Critico De Micheli scrisse che, il piedistallo realizzato dal Comune rendeva giustizia all opera imponente del Re, se invece fosse stato più alto, come desiderava Pagliaccetti, l opera sarebbe sembrata meno importante. De Micheli scrisse belle pagine critiche sull opera di Pagliaccetti e, da parte sua, gli rese giustizia inserendolo nella storia degli artisti dell 800 che egli stava scrivendo ed affermò con convinzione che Pagliaccetti è un artista che assolutamente non si può lasciare nell oblio. Questo episodio è simile a quello che, dopo anni di assenza riportò Crocetti a Teramo. Nel 1956 Carino Gambacorta, appena eletto Sindaco, gli propose di realizzare il monumento ai Caduti di tutte le guerre, sul viale dei Tigli. Per Crocetti quell incarico fu un riconoscimento della sua terra, dei successi che aveva ottenuto da quando aveva lasciato l Abruzzo. Era un ritorno da vincitore nella sua terra che non lo conosceva. Crocetti non ebbe la stessa sfortuna di Pagliaccetti ma le vicende che comportarono la realizzazione 9

10 del monumento ai caduti furono tante e alcune molto spiacevoli. Il contrasto con i tecnici comunali per la realizzazione della piattaforma e della vasca sulla quale sono posti il Cavallo e il Cavaliere, i dissensi sorti per l esecuzione dell opera con l amministrazione comunale, i ritardi eccessivi nei pagamenti turbarono profondamente i rapporti tra l artista e la committenza. Siamo in possesso di un vasto epistolario che documenta l intera vicenda. Ma la saggezza del Prof. Carino Gambacorta e l amicizia che nel frattempo era nata tra di noi, volsero a stemperare i toni e a creare un clima di forte e duratura intesa. Pagliaccetti, appena tornato in Abruzzo, ebbe un intensissima emozione dallo stato di indigenza di tre orfanelle. Egli, chiamando in aiuto anche gli amici, le sostenne generosamente, ma volle fare molto di più: rappresentò in una statua di terracotta policroma la più infelice delle tre, che era, per di più, anche cieca. È una figura raccolta, severa, composta, che lascia trapelare un profondo spirito di tristezza e malinconia. Oggi è una delle opere più belle della collezione della Pinacoteca Civica. L abbiamo dovuta difendere perché la Sovrintendenza, dopo il restauro, avrebbe voluto trattenerla al Museo Nazionale dell Aquila. L orfanella cieca invece deve essere collocata nel nuovo Museo Crocetti Pagliaccetti di prossima apertura. All inizio della sua attività Pagliaccetti realizzò in marmo il busto di Melchiorre Delfico e lo donò all Amministrazione Provinciale di Teramo come segno di gratitudine per la borsa di studio concessagli per frequentare l Accademia di San Luca. La Banca di Teramo l ha recentemente fatto fondere in bronzo e sarà collocato il prossimo 25 aprile tra i busti dei personaggi illustri nei giardini Carino Gambacorta di Teramo. La nostra banca, in collaborazione con la Fondazione Ciotti Ventilj, realizzerà anche la gipsoteca nel palazzo Ventilj di Mosciano, coronando così un sogno dell Assessore Ventilj e proteggendo i numerosissimi gessi recuperati e restaurati in questi anni. Presidente On. Antonio Tancredi 10

11 È sempre una ottima occasione di crescita culturale assistere alla presentazione di una nuova fatica tramutata in evento espositivo pronto a farsi osservare, leggere, commentare. Perché il tema affrontato in questa mostra, quello della fusione in bronzo di venticinque sculture dell artista giuliese Raffaello Pagliaccetti, di proprietà della Fondazione Ventilj, oltre a suscitare motivi di interesse e creare attesa per quella che é stata una straordinaria operazione di tutela del patrimonio collettivo, aggiunge una pagina significativa alle scritte in precedenza sull autore, e integrano la serie di riflessioni fatte sulla scultura abruzzese e italiana dell Ottocento. La valorizzazione dei beni culturali é sicuramente, in assoluto, un settore che necessita di un poderoso rilancio soprattutto nella prospettiva di una città che vuole e deve guardare al futuro, a partire dalla conoscenza e dalla comprensione del proprio passato. In tale ottica un lavoro puntuale e metodico che, con spirito e dosaggio attento elenca, documenta, cataloga, analizza e individua le opere che più necessitano di un recupero, si qualifica, ed é il caso delle sculture di Pagliaccetti, come un contributo essenziale per la conservazione, tutela e valorizzazione di un patrimonio collettivo che, più di altro, si offre come biglietto da visita di un intera comunità. Potrà forse apparire un affermazione facile e scontata ma non esiste collezione pubblica che, meglio dei gessi della Collezione Ventilj, si adatta ad essere raccontata; e in effetti essa rappresenta un significativo e avvincente tassello di una storia dell arte che va ancora narrata a più voci e con la consapevolezza che esse saranno di enorme interesse per la ricostruzione della vicenda scultorea artistica ottocentesca. Perché le opere di Raffaello Pagliaccetti portano il segno dei tanti eventi che hanno fatto la storia di questo territorio e di quello nazionale esprimendone, al pari di altri fattori socio-economici, l identità più visibile ed autentica ma, soprattutto, in esse si esplicita l ispirazione, di matrice neoclassica per un verso e realistica dall altro, i due poli entro cui oscilla la musa ispiratrice della scultura ottocentesca cui il nostro aderisce con una sintesi di rara vigoria. Una convinzione ancor più sostenibile alla luce dei risultati ottenuti grazie all opera di restauro e fusione in bronzo dei gessi, prodotti a cavallo fra la prima e la seconda metà dell Ottocento, che ha restituito il soffio vitale della creatività a personaggi del vivere civile, a eroi protagonisti della storia, ad attori di un drammatico vissuto quotidiano, fissati nella dinamica immobilità di una posa scultorea che ha conferito l immortalità dell hic et nunc, anche se appannati da decenni d oblio. E in realtà il continuo sforzo di documentazione e di ricerca, che é alla base dell intera operazione di recupero dei venticinque gessi di Raffaello Pagliaccetti, opere di assoluta pregnanza nello scenario culturale e artistico del nostro territorio e dell intera penisola, é la testimonianza di un impegno vivo e fruttuoso, che stimola ad ulteriori riflessioni sull autore e sulle sue opere con lo stesso rigore e la stessa tenacia, oltre che a considerazioni sull intervento restaurativo. E in effetti a rileggere i testi sacri del restauro viene da pensare che, anche in un età come la nostra, per la quale i problemi della conservazione sono fondamentali, la pratica complessa e mai facile del restauro non sia ancora entrata nell orizzonte della cultura per così dire quotidiana, pur se il nostro destino di nati tardi, di epigoni, come diceva 11

12 profeticamente Nietztche, ci obbliga ad un rapporto permanente con il passato e con i beni, gli oggetti e le forme attraverso cui esso continua a parlarci e a dare testimonianza di se stesso. In tale ottica é sembrata imprescindibile un operazione di progressiva trasformazione di alcune opere d eccellenza espressive dell arte del nostro che, grazie al convergere d intenti da parte della Regione Abruzzo, Fondazione Tercas, Fondazione Crocetti e Banca di Teramo, é stata realizzata negli anni. Tale operazione ha affiancato, al problema conoscitivo e interpretativo del conservare, un problema etico che ci ha suggerito considerazioni inerenti le procedure, gli accorgimenti, le invenzioni applicate alla varietà inesauribile della materia e delle forme oggetto dell intervento. Per questo la presentazione delle opere restaurate e fuse in bronzo appare anche un occasione unica e irripetibile per discuterne i risultati, le impostazioni, le modalità esecutive e, soprattutto, per far conoscere anche a un pubblico più vasto quella che alla fine é un etica, un intelligenza del fare, del custodire in modo critico, del risarcire i guasti del tempo senza mai falsificare ciò che ci resta di altre epoche e altre stagioni, conservandone il volto più autentico, l immagine più vera e gelosamente individuale. E ancora si è inteso, con questo intervento, compiere un azione di risarcimento a posteriori nei confronti dell artista il quale, il 6 aprile 1877, in risposta all amico Vincenzo Bindi, che gli chiede ulteriori notizie sulla sua biografia da inserire in un opera sugli Artisti abruzzesi che pubblicherà nel 1883, scrive tra l altro...i lavori da me fatti sono ben pochi, ed in gran parte sono rimasti semplici modelli del mio studio a causa di poca fortuna e pochissimi mezzi. È in effetti il destino della maggior parte delle sue opere: calchi ricavati da originali in argilla che riproducono fedelmente anche le impronte dei polpastrelli dell artista, oltre che evidenziarne la giunzione dei tasselli e/o delle valve e che, nel tempo, per la caratteristica igroscopica del materiale o per la corrosione completa delle armature interne di ferro, hanno subìto processi di degrado o rotture dei pezzi con evidenti alterazioni del modellato. Tutto questo aveva reso più difficile l analisi e lo studio delle singole opere e, in ultima analisi, della sua personalità di scultore a cavallo fra la prima e la seconda metà dell Ottocento, a più di ottanta anni dalla monografia del Parroni, che rimane una pietra miliare per la puntuale elencazione delle opere trasferite dal benemerito Pasquale Ventilj dallo studio dell artista, in Firenze, a Mosciano, e da più di venti anni dal dettato critico di Mario De Micheli che, in occasione della mostra dedicata a Pagliaccetti nel 1989, tentò una prima riflessione critica sulla sua arte, dedicandogli negli anni successivi ampio spazio nella sua monografia sulla scultura italiana dell 800. E così, date le molteplici rotture di parti con alterazioni del modellato, le numerose sbreccature delle singole opere e, in qualche gesso, la presenza di una patina superficiale ambrata riferibile a film di gommalacca o cere applicate come passaggio per la fusione, è venuta maturando l idea di una sistemazione di parte delle opere dell artista mediante una campagna di restauro dei gessi maggiormente compromessi e un programma di fusione delle sculture più significative nello scenario della sua produzione artistica. Ne è scaturito un progetto che ha cercato di tener conto, in un ambito cronologico che testimoniasse il progressivo evolversi della sua arte, delle tematiche più care 12

13 all autore, ora evidenziando opere dalla chiara matrice neoclassica ora quelle per le quali, a ragione, sia Parroni che De Micheli, parlano di verismo del nostro; ora recuperando le matrici della scultura monumentale, ora coniugando il ritratto al femminile o al maschile sino alle sculture di piccole dimensioni ma piene di quell energia vitale che pare animare in ogni piccola parte un corpo in tensione, annidata in ogni piega della struttura corporea e dell anima. Si è tentato, in tal modo, di imprigionare nel bronzo la forza vigorosa di personaggi, volti, bozzetti di monumenti, teste colossali cui forse la materia gessosa, ancorché segnata dall impronta dei polpastrelli degli originali in argilla, non era riuscita a conferire la vitalità incontenibile, sia pur rattenuta entro le fattezze di un corpo o di un volto, fissata per l eternità. Vitalità incontenibile che è appunto nel torso di Fauno il quale, seppure legato alle sue prime esercitazioni accademiche e a chiari riecheggiamenti neoclassici nel recupero di un soggetto mitologico, si anima di una forza in tensione che, in questo caso, il gesso patinato asseconda e trasforma in grumo di energia, dalla conchiglia brandita e poggiata sul ventre sino al capo in vigorosa torsione laterale. È ancora il caso degli Studi per il Cenotafio di Cosimo de Bartolomei che, tra il 1870 e il 1875, Pagliaccetti realizza indulgendo a note di elegiaco classicismo nelle fattezze, nei volti, nelle pose che hanno lasciato ogni materialità terrena per veleggiare in un mondo umbratile e soffuso di malinconia, al pari di certe eroine del mondo classico cui l assenza di vita conferisce la bellezza pensosa che solo la mancanza di luce può provocare in un ombra incorporea mentre Zena, accovacciata e avvolta dalla sua nudità che l assimila ad un eroe antico, indugia con il suo sguardo proiettato in lontananza verso arcane verità intraviste ma taciute, in un drammatico ma appena connotato contrasto tra la levigatezza del volto e del corpo stesso e la chioma riccioluta entro cui si annida e riesplode la luce, conferendo alla schiava la drammatica rassegnazione di tante donne, illustre bottino di guerra, strappate alle loro famiglie e alla loro patria. E siamo in un mondo pieno di riecheggiamenti classici che, attraverso Tenerani, Pagliaccetti eredita da Canova, Thorvaldsen la cui arte il nostro respira, allievo dell Accademia di S. Luca dal 1858 al 1961, e che si porta nel suo bagaglio espressivo senza abdicare completamente ai dettami di quell arte neppure dopo le belle prove veriste del Ritratto di vecchia, Cappellini a Lissa, lo stesso Galvani o il Demente. È qui che il realismo, temperato da una sorta di idealismo, del Dupré, fa bella prova, nel volto appassito della vecchia dalle guance cadenti e dallo sguardo appannato cui si contrappone la tiara di riccioli sul capo, nel tentativo di conferirle una maturità in grado di contendere con il rovinoso scorrere del tempo; nello slancio eroico del Cappellini, soldato per eccellenza nella sua divisa così ricca di particolari; nel Demente, dal volto grottesco, maschera urlante il dolore della propria esistenza; nel Galvani, con il suo rigoroso abito settecentesco, tutto proteso verso l oggetto del suo esperimento, una moribonda ranocchia, inconsapevole medium per la conduzione dell elettricità. Ma è nei ritratti, al maschile e al femminile, che Pagliaccetti riesce a rendere con forza l elemento fisiognomico: ora un lieve e impercettibile piegamento del busto, ora un profilo aquilino, ora l irriproducibile 13

14 atteggiarsi di un labbro, particolari fortemente connotanti di singole opere, si trasformano in espressione fisica a cogliere un moto dell anima. Così si alternano serenità a cruccio, energia e slancio a tristezza, austerità a ieratica pensosità, lasciando spazio a immaginifiche congetture sugli scenari psicologici retrostanti sino alla bellissima Virgo, tutta piena di un nitore espressivo quattrocentesco che pure indulge, nella resa delle fosse orbitali o delle pieghe labiali, a dettami di un arte veristica mentre, nella scultura coniugata con il monumentale o in quella dalle piccole dimensioni, protagonista è assai spesso il particolare, che siano pieghe facciali o parti emergenti di un volto, che sia un particolare abbigliamento o la resa di una fanciulla sottratta all Ade, in un atteggiamento di muto e fanciullesco colloquio con una candida colomba. Particolari, dettagli, peculiarità, frammenti espressivi che il bronzo della fusione sottolinea, e fissa, lasciando riemergere la suggestione dell impronta dei polpastrelli nell argilla mentre l artista nel chiuso del suo studio, novello demiurgo, plasma la materia per darle un anima. Direttore dei Civici Musei Paola Di Felice 14

15 Opere

16

17 Fauno, gesso patinato, cm. 150x50x30 17

18 18 Galileo Galilei, gesso, cm. 73x65x30, 1864 ca.

19 fusione postuma in bronzo,

20 20 Il soldato Cappellini a Lissa, gesso, cm. 85x40x38, 1866 ca.

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Dipinti, Sculture, Uniformi, Decorazioni, Armi antiche e Documenti Storici in un Percorso Tematico che Racconta la Storia del Regno d Italia www.collezionesabauda.it

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

La fotografia italiana per le opere d arte danneggiate dal sisma dell Emilia-Romagna

La fotografia italiana per le opere d arte danneggiate dal sisma dell Emilia-Romagna La fotografia italiana per le opere d arte danneggiate dal sisma dell Emilia-Romagna www.infocamere.it InfoCamere ha voluto contribuire alla raccolta di fondi destinati al restauro di opere d arte danneggiate

Dettagli

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione Palazzo Foresti, via San. Francesco 20, Carpi 27 novembre 2009-24 gennaio 2010 Mostra promossa e organizzata da Società Palazzo Foresti, Carpi

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

Biografia del Maestro Luigi Diligenti. Enrico Sangalli

Biografia del Maestro Luigi Diligenti. Enrico Sangalli Biografia del Maestro Luigi Diligenti Enrico Sangalli 19 20 Luigi Diligenti si è sempre definito Pittore-Scultore monzese. Monza gli dà i natali il giorno 16 marzo 1931, in via Cesare Beccaria. In questo

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA OLTRE LA MOSTRA Testi, immagini, brani critici e letterari e filmati raccontano opere e artisti. a cura di Fabiana Mendia, presidente dell Associazione

Dettagli

Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano

Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano Genova Sestri Ponente, dal 28 ottobre al 3 novembre 2013 Supporto interattivo per la mostra omonima realizzata dall Associazione genovese Museo Gipsoteca

Dettagli

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola.

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola. Delegazione di Brescia PROGETTO DELLA DELEGAZIONE FAI DI BRESCIA PER LE SCUOLE Anno Scolastico 2005/06 Brescia da visitare, da vivere, da amare Progetto a supporto

Dettagli

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture VERONIKA VAN EYCK 1936-2001 Sculture Veronika van Eyck Sculture Nel vasto panorama della scultura italiana del Novecento, una posizione di rilievo è occupata da Veronika van Eyck, nativa di Monaco ma milanese

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

Curriculum del Dr. Massimo Tarassi

Curriculum del Dr. Massimo Tarassi Curriculum del Dr. Massimo Tarassi Data di nascita 7 MAGGIO 1947 Istruzione e Formazione 1972 Laurea presso la Facoltà di Lettere dell Università di Firenze, con una Tesi di Storia Medievale, successivamente

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico

Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico 5 Al radioso preside, Agostino Aversa, Coordinatore generale del gruppo Testimoni del Risorto con ammirazione ed affetto dedico don Adolfo L Arco salesiano PRESENTAZIONE L Autore del presente volume non

Dettagli

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione La musica come passione, arte, linguaggio, emozione Da una tradizione secolare nel settore della costruzione degli strumenti musicali e della lavorazione dei metalli in terra di Toscana, scaturisce: Pistoia

Dettagli

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito UNESCO è quello di

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO. A cura della Fondazione Napoli Novantanove

LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO. A cura della Fondazione Napoli Novantanove LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO A cura della Fondazione Napoli Novantanove 3 Maggio Ore 8/13 Casa Professa dei Gesuiti e Biblioteca del 1700 con gli affreschi dell epoca appena restaurati anche in francese,

Dettagli

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 LA PIETÀ DI SAN PIETRO IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 Storia di un restauro ABSTRACTS "LA VIOLENZA E LA PIETÀ" PRESENTAZIONE E COMMENTO DEL FILM- DOCUMENTARIO La violenza e la Pietà è il film documentario

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

Silvia Serafini Tommaso Paloscia

Silvia Serafini Tommaso Paloscia Silvia Serafini Silvia Serafini nasce nel 1966 e vive a Firenze da sempre. La sua vita è tutta dedicata all arte, dagli studi giovanili all'istituto per l'arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli e in seguito

Dettagli

Nuovi fermenti sociali e politici (1967-1973)

Nuovi fermenti sociali e politici (1967-1973) Nuovi fermenti sociali e politici (1967-1973) Lo sviluppo economico degli anni 60 viene fondato su tre fattori: il primo, scatenante, è definito dalla crescita forzata delle grandi aree urbane nazionali.

Dettagli

Marco Federici e i suoi "Angeli tra le Macerie"

Marco Federici e i suoi Angeli tra le Macerie "Angeli tra le macerie" aiuta la Protezione civile in Abruzzo È stato consegnato alla Protezione civile il ricavato della vendita del libro «Angeli tra le macerie», scritto dal giornalista della Gazzetta

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

18 / 19 settembre 2014

18 / 19 settembre 2014 Convegno Nazionale 18 / 19 settembre 2014 GALATINA Palazzo della Cultura Piazza Alighieri n. 51 Assessorato alla Cultura e Polo Biblio-Museale Il convegno nazionale Pietro e Cesira Siciliani: filosofia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

il ripristino dei camminamenti di ronda.

il ripristino dei camminamenti di ronda. Stefania Cargioli GLI INTERVENTI DI RECUPERO DEL CASTELLO DI MONTECUCCOLO ED IL TRASFERIMENTO NEI LOCALI RESTAURATI DEL MUSEO NATURALISTICO DEL FRIGNANO F. MINGHELLI. Nella primavera dello scorso anno

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Leonardo

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI

CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2013/2014 BANDO DI CONCORSO Una scultura per celebrare l'artista

Dettagli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli Guerrino Bardeggia Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100 servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli E sempre più difficile individuare esattamente cosa sia Arte. Dall impressionismo

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità premessa Si fa un gran parlare in questi giorni di vacanze in Abruzzo (lo stesso Presidente del Consiglio è alla ricerca di casa) dopo le note vicende che

Dettagli

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Xxxx testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Un amorevole restauro conservativo ha trasformato la villa che fu dello scrittore e critico letterario Cesare Garboli in un accogliente guest house di

Dettagli

MOSTRA CONCORSO DI ARTE CONTEMPORANEA IV edizione. Cibo per la mente. in collaborazione con

MOSTRA CONCORSO DI ARTE CONTEMPORANEA IV edizione. Cibo per la mente. in collaborazione con MOSTRA CONCORSO DI ARTE CONTEMPORANEA IV edizione Cibo per la mente in collaborazione con Bando di partecipazione Art. 1 - Proposta L, sita in Via Jacopo Durandi, 13 - Torino, indice un concorso a premi

Dettagli

Ettorina B orroni. Albo d Oro. motivazione

Ettorina B orroni. Albo d Oro. motivazione Ettorina B orroni Per aver saputo coniugare idealità e valori del cattolicesimo democratico con la concretezza tipica dei lombardi, riuscendo a riscoprire le risorse umane, religiose, culturali ed economiche

Dettagli

Remo Alessandro Piperno

Remo Alessandro Piperno La non arte quella astratta, surrealista, non tocca il Ferretti perchè egli ama restare nel concreto, ama la fisica e non la metafisica. Il mondo iperuranio, oggetto di favola mistica per primitivi, selvaggi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2812 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FRANCO Vittoria, MODICA, ACCIARINI, TESSITORE, BRUNALE, TONINI e PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 MARZO

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello*

La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello* La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello* La Biblioteca Comunale di Montale, nata negli anni 70, è stata

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof.

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof. Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof. Salvatore Settis Magnifico Rettore, Gentili docenti e studenti, Caro Professor

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate febbraio-maggio 2014 Continua l iniziativa AVIS di scoperta e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Milano con le visite

Dettagli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli UNDO.NET 4/3/2011 L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli PIO SODALIZIO DEI PICENI, ROMA La mostra ''L'Accademia Russa di Belle Arti'' svela al pubblico fatti, personaggi ed eventi in 3 secoli

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Antonio Lani (Lione 1932)

Antonio Lani (Lione 1932) 132 Antonio Lani (Lione 1932) Via Crucis, 1952-1953 14 terrecotte invetriate, cm 60 x 40 ca. (ciascuna) MONTECICCARDO, Chiesa di San Sebastiano 17 Nato a Lione, fratello gemello di Paolo, anch egli artista,

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO Una scultura per celebrare

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. CXC Call for curators

Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. CXC Call for curators CXC Call for curators Ente banditore del concorso Corso Bettini 43 38068 Rovereto TN Tel +39 0464 454139 Sede di coordinamento Galleria Civica - Trento Via Belenzani 44 38121 Trento Tel +39 0461 985511

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico LICEO SOCIO-PSICOPEDAGOGICO REGINA MARGHERITA PALERMO Lezioni di Storia dell Arte A.S. 2014/2015 - Classi 5e Presentazione per utilizzo didattico 2 Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell'ottocento

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Museo Storico della Fanteria

Museo Storico della Fanteria COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE Museo Storico della Fanteria Manifestazioni ed eventi B envenuti al Museo della Fanteria. 000185 Roma P.zza S. Croce in Gerusalemme, 9 - Metropolitana San Giovanni Accesso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA ALAIN MATTHEEUWS Amarsi per donarsi Il sacramento del matrimonio Prefazione di JEAN-LOUIS BRUGUÈS Traduzione a cura di Paolo Caena, Revisione

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

MUSEO DELLA CITTÀ - PALAZZO SAN SEBASTIANO

MUSEO DELLA CITTÀ - PALAZZO SAN SEBASTIANO Mantova MUSEO DELLA CITTÀ - PALAZZO SAN SEBASTIANO Mantova Museo della Città - Palazzo San Sebastiano La reggia cinquecentesca voluta da Francesco II Gonzaga ospita un importante gruppo di opere appartenenti

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

L Ottocento: Il Realismo

L Ottocento: Il Realismo L Ottocento: Il Realismo L Ottocento Il Realismo Il Realismo: l arte del quotidiano e del lavoro. Il Realismo nasce in Francia a metà del XIX secolo. Si ispira alla corrente filosofica del Positivismo,

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli