Raffaello Pagliaccetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raffaello Pagliaccetti"

Transcript

1

2

3 Raffaello Pagliaccetti Cronaca di un recupero restauro e fusione in bronzo dei gessi Pinacoteca Civica

4 Mostra promossa e organizzata da: BANCA DI TERAMO DI CREDITO COOPERATIVO S. C. ADERENTE AL FONDO DI GARANZIA DEI DEPOSITANTI DEL CREDITO COOPERATIVO Fondazione Venanzo Crocetti Teramo, Pinacoteca Civica 23 aprile - 30 giugno 2010 Sindaco Maurizio Brucchi Assessore agli Eventi Guido Campana Direttore Generale Furio Cugnini Mostra a cura di Paola Di Felice Progetto Didattico Gioia Porrini Coordinamento generale Rocco Porreca, Dirigente Settore Cultura e Musei Restauri PRAXIS di Rolo Jenny e Majoli Franco Fusioni in bronzo Fonderia d Arte Fabris e F.lli Folla sas - Fonderia Arte Bronzo srl Referenze fotografiche Fabrizio Sclocchini Progetto grafico e stampa Grafiche Martintype Si ringrazia per la disponibilità la Fondazione Ventilj e la TE.AM. spa

5 Raffaello Pagliaccetti alla Pinacoteca Civica di Teramo: un appuntamento che conferma la spiccata sensibilità verso la creazione artistica dai riflessi di rilievo. La Mostra è occasione per avvicinare l artista nato a Giulianova e per puntare l attenzione sul recupero dei suoi gessi fusi poi in bronzo. Così, l appuntamento ci consente di conoscere un percorso artistico di profonda ispirazione e dai risultati avvincenti. Oltre ciò, particolarmente significativo è l altro aspetto dell evento e che è chiaramente descritto nel suo titolo: il racconto del recupero, del restauro, delle opere realizzate da uno dei massimi scultori abruzzesi dell ottocento. Operazione, questa, che dà il segno della sensibilità di chi se ne è fatto promotore e artefice, e che testimonia di una attenzione vigile e fattiva nei confronti di qualificanti e qualificati artisti della nostra terra, fino ad ora forse sottodimensionati ma, proprio grazie a tali operazioni, anch essi recuperati ad un livello e ad una dignità artistiche degne. La Mostra costituisce, su un altro versante, una nuova tappa del cammino che in un insieme più articolato, è teso alla crescita della città, in termini di offerta e di produzione culturale. L Amministrazione Comunale, con le iniziative già organizzate e con quelle che sono in programma, vuol tracciare un percorso che, muovendosi in continuità con il recente passato, intende dar corpo ad una stagione il cui obiettivo è di far finalmente decollare le potenzialità che, nel settore, sappiamo innumerevoli e fondamentali. La Mostra dei bronzi di Pagliaccetti contribuisce, per la sua particolarità, a consolidare tale progetto, le cui prospettive vogliono far sì che si realizzi quel salto di qualità, costantemente auspicato dai cittadini e dalle realtà associative. È un evento cui guardiamo con ammirazione, con compiacimento e che salutiamo con particolare enfasi. Insomma: una Mostra importante, che dà prestigio alla nostra città e che conferma - anche per la collocazione nella da poco riaperta Pinacoteca Comunale - la ritrovata vitalità culturale, il risveglio, che prospettiamo sempre più coinvolgente e foriero di risultati. Ringrazio per il contributo e la sensibilità tutti i protagonisti dell evento: la Regione Abruzzo, la Fondazione Tercas, la Fondazione Crocetti e la Banca di Teramo. La collaborazione prodotta in questa occasione, è la prova concreta delle straordinarie possibilità e degli effettivi risultati che è possibile realizzare quando si uniscono intelligenze, lungimiranza e operatività. Il Sindaco di Teramo Maurizio Brucchi 5

6 Nell Ottocento era motivo di particolar orgoglio in tutte le Accademie in Italia e all estero poter esibire una galleria con le principali sculture dell Antichità classica e del Rinascimento riprodotte in gesso. Quasi si poteva valutare il prestigio dell istituzione dall articolazione e dal numero di tali opere, destinate a riscuotere l ammirazione dei visitatori oltre che ad assolvere finalità didattiche. In qualche modo si aveva l impressione di poter meglio catturare l anima dei capolavori di tutti i tempi attraverso queste riproduzioni tridimensionali e a grandezza naturale. Il vero più vero si percepiva attraverso la copia, che anzi contribuiva a far acquisire qualche elemento in più perché ne era premessa la manipolazione, preclusa viceversa in presenza di originali gelosamente custoditi nelle raccolte di tutto il mondo. Del resto già dal primo Rinascimento era una prassi consolidata far riprodurre in scala ridotta e in bronzo le opere più rilevanti, a vantaggio di un pubblico di appassionati e collezionisti che allestiva una propria wunderkammer per soddisfare la voglia di svago e di conoscenza assieme. Le richieste erano tali da incentivare l impegno anche di tanti artisti di grido i quali si cimentarono con queste pratiche di copia, abbastanza complesse perché in ogni caso imponevano la preparazione di un nuovo modello in terracotta o in cera, di fronte un originale non di rado difficile da raggiungere. Oggi in alternativa alle tecniche più tradizionali e ai calchi, tuttora praticati con eccellenti risultati, la tecnologia sempre più sofisticata permette di eseguire fedelissime copie anche attraverso la scannerizzazione in 3D. Eppure, stranamente, la maggiore facilità con cui si possono realizzare repliche perfette non sembra rappresentare un incentivo a sfruttare un opportunità che, se praticata in maniera corretta, andrebbe a tutto beneficio della diffusione dei modelli più significativi dell identità culturale di una nazione. Mentre in Oriente si replica tutto e con grande disinvoltura per il mercato della globalizzazione, al contrario in un Occidente in declino, e in Italia in particolare, la pratica di copia appare come demonizzata, forse perché oggi la gente comune tende ad identificare la riproduzione di un opera d arte con i souvenir proposti dagli ambulanti dinanzi i principali monumenti. In effetti l ambito della copia è molto variegato, c è copia e copia come può esserci un buon originale e un altro pessimo. Abbastanza sporadiche e occasionali sono ancora le circostanze in cui è prevista una riproduzione di qualità, limitata per lo più a particolari situazioni collegate al restauro di capolavori che non possono essere lasciati all aperto e quindi vengono sostituiti con copie che rasentano la perfezione. Il caso delle repliche in bronzo delle sculture di Raffaello Pagliaccetti rientra in qualche modo nel medesimo alveo: la riproduzione come garanzia della conservazione futura per opere fragili o facilmente deperibili, perché certo una fusione in bronzo è pronta a sfidare il tempo, a patto che si intenda accettare le imprevedibili colorazioni che può assumere il metallo Ma quella della patina è un altra storia. Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell Abruzzo Lucia Arbace 6

7 Il 19 maggio del 1900, durante la commemorazione dello Scultore Raffaello Pagliaccetti, nella sala del consiglio comunale di Giulianova, Pasquale Ventilj, nella sua qualità di assessore provinciale assunse l impegno di costruire un Museo per ospitarvi, in modo permanente, le opere dello scultore, morto alcuni giorni prima. Nel 1990 noi riprendemmo quell impegno durante le celebrazioni del 150 anniversario della nascita dello scultore, quando nelle sale del Palazzo di Giustizia di Teramo, appena ristrutturato, organizzammo la mostra delle sue opere e dei quattro scultori abruzzesi viventi: Andrea e Pietro Cascella, Mario Ceroli e Venanzo Crocetti. Fu una mostra di notevoli dimensioni che occupò tutto il piano terra del Palazzo di Giustizia. Il tentativo di costruire un museo pagliaccettiano, Ventilj lo aveva ripreso nel 1914 quando recuperò le opere dello scultore giuliese sfrattate dai musei di S. Marco e di S. Salvi di Firenze. L architetto Patrignani progettò il Museo che doveva essere costruito nei pressi della piazza Belvedere. Neanche questa volta il progetto fu realizzato perché i fondi raccolti furono utilizzati per costruire le case dei pescatori. Ventilj era un uomo tenace e ancora una volta, nel 1939, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita, ripropose il progetto che però rimase tale ed a Ventilj, che nel frattempo aveva acquistato tutte le opere di Pagliaccetti, non restò altro che donare le opere, insieme al suo patrimonio, alla congrega di carità di Teramo, che, allora, gestiva gli ospedali. Successivamente le opere di Pagliaccetti passarono al Comune di Teramo. Nei vari passaggi i gessi, soprattutto, subirono danni non lievi. Nel 1990 il Comitato da me presieduto, decise di restaurare i gessi e di fonderne in bronzo sette: Il Cappellini a Lissa, le due versioni del Rossini, il Garibaldi, lo Scemo, la Bambina Seduta e la Virgo. Su iniziativa dell Assessore alla Cultura, Oscar Tancredi, la Sovrintendenza ai beni culturali dell Aquila, restaurò l Orfanella. Durante una visita a Firenze per la mostra delle opere di Crocetti allestita da noi nel Museo di Santa Croce incontrammo il Dott. Viggiani, Direttore dell Accademia di belle arti di Firenze e con lui, davanti alla statua di S. Andrea, realizzata da Pagliaccetti e collocata sulla facciata di S. Maria del Fiore, ci impegnammo di recuperare tutte le opere, allora in gesso, e di allestire un Museo a lui dedicato. L idea sembrò concretizzarsi nel 1991, nel Palazzo di Giustizia ristrutturato, ma il cambio di amministrazione e l ostilità di alcuni personaggi fermarono ancora una volta il progetto. L Amministrazione comunale però si pose di nuovo il problema di una migliore collocazione delle opere e di recuperare i gessi assai malandati. Solo recentemente, con una intelligente collaborazione tra la Fondazione Venanzo Crocetti, il Comune di Teramo e la Fondazione Ciotti-Ventilj è stato possibile recuperare altre 18 opere, fuse in bronzo, mentre quasi tutti i gessi sono stati ormai restaurati. In questa mostra esponiamo i 25 bronzi a fianco delle opere originali in gesso. È stata questa l occasione per riprendere, con il Sindaco di Teramo, l idea del Museo da destinare ora ai due scultori giuliesi, Venanzo Crocetti e Raffaello Pagliaccetti, nelle sale dell IPOGEO in costruzione. Continua così il destino comune dei due più grandi scultori della nostra Provincia, la comune origine giuliese, la frequentazione dell Accademia di S. Luca dove Pagliacci studia e Crocetti vince, a 19 anni, il primo premio della scultura e successivamente ne diventa Presidente per due mandati. Le esperienze maturate a Firenze dove Pagliaccetti lavora per tanti anni e dove per un brevissimo periodo insegna all Accademia 7

8 di belle arti, dove invece Crocetti insegna per 11 anni. Anello di congiunzione ed elementi di continuità dei rapporti tra i due maggiori scultori è l artista giuliese Ulderico Ulizio, nella cui bottega il giovinetto Crocetti apprende i primi insegnamenti della scultura. Ulizio era stato allievo di Pagliaccetti e stabilì un solido legame di amicizia con Crocetti, che orfano di entrambi i genitori si rivolge a lui, oltre che per consigli nel campo dell arte anche per aiuto in diverse circostanze. L ho potuto riscontrare da una fitta corrispondenza tra i due che sono riuscito a recuperare. Firenze nella seconda metà dell 800 esercitava un enorme fascino sugli uomini di cultura abruzzesi. Nello stesso periodo a Firenze viveva la nostra poetessa Giannina Milli, fervente sostenitrice dell Unità d Italia. C erano anche Fedele Romani, docente nel liceo classico e scrittore, il Barnabei insigne professore di lettere e scrittore. Tanto che Dell Ongaro, noto critico e storico dell arte scrisse: di Teramo è anche il Della Monica che improvvisa sulla tela, come Giannina Milli improvvisa sulla scena e concludeva: Teramo è un nido di artisti. Di più nella villa la Capponcina di Settignano aveva fissato la sua dimora anche Gabriele D Annunzio, assiduo frequentatore dei salotti culturali fiorentini. Nel 1900, il Vate Abruzzese, che era stato eletto Deputato nel collegio di Ortona nel 1897, si candidò in un collegio di Firenze per essere rieletto Deputato. Non fu fortunato, sia perché aveva cambiato schieramento politico, passando dalla Destra alla Sinistra, sia perché, sradicato dal suo collegio naturale di Ortona, non riuscì a catalizzare i voti dei fiorentini. I due scultori avevano in comune non solo la terra di origine ma anche la tenacia e la forza del carattere, la severità nel concepire la vita, il rigore verso se stessi, una grande capacità di lavoro e di sacrificio, la coerenza della fede e nella fedeltà agli ideali patriottici. Un collega di Pagliaccetti, Rinaldo Carnielo, così lo descrive: facile e corretto nella parola e amato da molti e rispettato da tutti, basta a sé stesso. Non è pecora di nessun gregge, né pastore di pecore. Fa un arte tutta sua. A Firenze trovò un periodo di vivaci fermenti soprattutto per opera dello scultore Bartolini, le cui doti di innovazione furono determinanti per la nascita del realismo in Toscana. Bartolini esercitò una notevole influenza su di lui. Anche il Duprè gli fu amico e consigliere. Da lui ereditò la severità spirituale, e, alla sua morte, per sette mesi, lo sostituì alla cattedra di scultura all Accademia di Belle Arti, come risulta da un verbale riportato dalla rivista arte e storia con queste parole: nella seduta dell 11 gennaio 1883 fu nominato, con votazione splendida, l artista valente, grande modesto, Raffaello Pagliaccetti, che deve essere ben lieto della onorificenza così lusinghiera. Pagliaccetti si inserisce perfettamente nel clima culturale della città toscana dove domina il verismo nella letteratura. Verga nei suoi viaggi per l Italia sosta spesso a Firenze. Pagliaccetti nel 1866 realizza le sue prime opere importanti: il Garibaldi a Caprera, il Cappellini alla battaglia di Lissa e il busto di vecchia donna, che presentato insieme ad altre opere, all esposizione universale di Parigi gli procurò l assegnazione alla medaglia d oro. Nella esposizione universale di Philadelphia riscosse grande successo la statua di Garibaldi a Caprera, anche questa rimase in gesso e non fu mai tradotta in bronzo, come tutte le altre opere che ci sono pervenute. 8

9 Anche la statua di Pio IX ebbe un accoglienza entusiasta, sia dagli esperti che dalla critica ma anch essa, a causa della precaria situazione finanziaria dello scultore, rimase in gesso. Fu i Filosofo Augusto Conti, ammiratore del nostro artista, che pensò che un capolavoro come quello non poteva rimanere in gesso, materia assai fragile e destinata a perire. Il Filosofo si rese promotore di una sottoscrizione tra i suoi amici e riuscì a fondere in bronzo la statua e la donò a Papa Leone XIII. Oggi è quasi abbandonata nella sede del Pontificio Istituto delle missioni estere nel quartiere Monteverde, a Roma ed è intrasportabile. Il Comune di Giulianova, però, possiede una versione originale del Pio IX, prima o poi bisognerà trovare le risorse per fondere anche questo gesso per evitarne la rovina. Altra vicenda che turbò profondamente lo scultore e aumentò i contrasti con il suo comune di origine fu quella del monumento a Vittorio Emanuele II. L incarico per l esecuzione della statua a Vittorio Emanuele II doveva costituire il ritorno in patria dello scultore, che era vissuto sempre fuori. Era un ritorno sul proprio territorio che, conosceva molto poco, perché fin da giovane si era trasferito a Roma e poi a Firenze. Per lui il monumento era di importanza estrema perché consacrava agli occhi dei compaesani il successo che aveva ottenuto nella scultura. Affrontò quindi il progetto con grande entusiasmo e pieno di ideali dovendo ricordare nell opera, la sosta di Vittorio Emanuele II, che dopo la vittoria a Castelfidardo, era entrato nel Regno attraversando il Tronto e sostando per una visita a Giulianova. Ma purtroppo presto i numerosi inconvenienti che si presentarono durante e dopo la realizzazione dell opera esacerbarono ancora maggiormente i suoi risentimenti verso la terra nativa. Il Comune di Giulianova, che aveva assunto l impegno di pagare la realizzazione dell opera, non mantenne la promessa e lo scultore dovette impegnarsi, con la fonderia, firmando delle cambiali, che non furono, poi, onorate. La statua, appena fusa, fu danneggiata pesantemente durante il trasporto da Pistoia, dove era stata fusa in bronzo, a Firenze: si ruppe il braccio destro e la spada, che dovette frettolosamente rifare. Trasportata a Giulianova, la statua rimase in stato di abbandono sulla piazza in attesa che fosse realizzato il piedistallo, che fu successivamente costruito nelle dimensioni attuali senza il suo consenso. Egli avrebbe preferito un piedistallo più alto. Il Critico De Micheli scrisse che, il piedistallo realizzato dal Comune rendeva giustizia all opera imponente del Re, se invece fosse stato più alto, come desiderava Pagliaccetti, l opera sarebbe sembrata meno importante. De Micheli scrisse belle pagine critiche sull opera di Pagliaccetti e, da parte sua, gli rese giustizia inserendolo nella storia degli artisti dell 800 che egli stava scrivendo ed affermò con convinzione che Pagliaccetti è un artista che assolutamente non si può lasciare nell oblio. Questo episodio è simile a quello che, dopo anni di assenza riportò Crocetti a Teramo. Nel 1956 Carino Gambacorta, appena eletto Sindaco, gli propose di realizzare il monumento ai Caduti di tutte le guerre, sul viale dei Tigli. Per Crocetti quell incarico fu un riconoscimento della sua terra, dei successi che aveva ottenuto da quando aveva lasciato l Abruzzo. Era un ritorno da vincitore nella sua terra che non lo conosceva. Crocetti non ebbe la stessa sfortuna di Pagliaccetti ma le vicende che comportarono la realizzazione 9

10 del monumento ai caduti furono tante e alcune molto spiacevoli. Il contrasto con i tecnici comunali per la realizzazione della piattaforma e della vasca sulla quale sono posti il Cavallo e il Cavaliere, i dissensi sorti per l esecuzione dell opera con l amministrazione comunale, i ritardi eccessivi nei pagamenti turbarono profondamente i rapporti tra l artista e la committenza. Siamo in possesso di un vasto epistolario che documenta l intera vicenda. Ma la saggezza del Prof. Carino Gambacorta e l amicizia che nel frattempo era nata tra di noi, volsero a stemperare i toni e a creare un clima di forte e duratura intesa. Pagliaccetti, appena tornato in Abruzzo, ebbe un intensissima emozione dallo stato di indigenza di tre orfanelle. Egli, chiamando in aiuto anche gli amici, le sostenne generosamente, ma volle fare molto di più: rappresentò in una statua di terracotta policroma la più infelice delle tre, che era, per di più, anche cieca. È una figura raccolta, severa, composta, che lascia trapelare un profondo spirito di tristezza e malinconia. Oggi è una delle opere più belle della collezione della Pinacoteca Civica. L abbiamo dovuta difendere perché la Sovrintendenza, dopo il restauro, avrebbe voluto trattenerla al Museo Nazionale dell Aquila. L orfanella cieca invece deve essere collocata nel nuovo Museo Crocetti Pagliaccetti di prossima apertura. All inizio della sua attività Pagliaccetti realizzò in marmo il busto di Melchiorre Delfico e lo donò all Amministrazione Provinciale di Teramo come segno di gratitudine per la borsa di studio concessagli per frequentare l Accademia di San Luca. La Banca di Teramo l ha recentemente fatto fondere in bronzo e sarà collocato il prossimo 25 aprile tra i busti dei personaggi illustri nei giardini Carino Gambacorta di Teramo. La nostra banca, in collaborazione con la Fondazione Ciotti Ventilj, realizzerà anche la gipsoteca nel palazzo Ventilj di Mosciano, coronando così un sogno dell Assessore Ventilj e proteggendo i numerosissimi gessi recuperati e restaurati in questi anni. Presidente On. Antonio Tancredi 10

11 È sempre una ottima occasione di crescita culturale assistere alla presentazione di una nuova fatica tramutata in evento espositivo pronto a farsi osservare, leggere, commentare. Perché il tema affrontato in questa mostra, quello della fusione in bronzo di venticinque sculture dell artista giuliese Raffaello Pagliaccetti, di proprietà della Fondazione Ventilj, oltre a suscitare motivi di interesse e creare attesa per quella che é stata una straordinaria operazione di tutela del patrimonio collettivo, aggiunge una pagina significativa alle scritte in precedenza sull autore, e integrano la serie di riflessioni fatte sulla scultura abruzzese e italiana dell Ottocento. La valorizzazione dei beni culturali é sicuramente, in assoluto, un settore che necessita di un poderoso rilancio soprattutto nella prospettiva di una città che vuole e deve guardare al futuro, a partire dalla conoscenza e dalla comprensione del proprio passato. In tale ottica un lavoro puntuale e metodico che, con spirito e dosaggio attento elenca, documenta, cataloga, analizza e individua le opere che più necessitano di un recupero, si qualifica, ed é il caso delle sculture di Pagliaccetti, come un contributo essenziale per la conservazione, tutela e valorizzazione di un patrimonio collettivo che, più di altro, si offre come biglietto da visita di un intera comunità. Potrà forse apparire un affermazione facile e scontata ma non esiste collezione pubblica che, meglio dei gessi della Collezione Ventilj, si adatta ad essere raccontata; e in effetti essa rappresenta un significativo e avvincente tassello di una storia dell arte che va ancora narrata a più voci e con la consapevolezza che esse saranno di enorme interesse per la ricostruzione della vicenda scultorea artistica ottocentesca. Perché le opere di Raffaello Pagliaccetti portano il segno dei tanti eventi che hanno fatto la storia di questo territorio e di quello nazionale esprimendone, al pari di altri fattori socio-economici, l identità più visibile ed autentica ma, soprattutto, in esse si esplicita l ispirazione, di matrice neoclassica per un verso e realistica dall altro, i due poli entro cui oscilla la musa ispiratrice della scultura ottocentesca cui il nostro aderisce con una sintesi di rara vigoria. Una convinzione ancor più sostenibile alla luce dei risultati ottenuti grazie all opera di restauro e fusione in bronzo dei gessi, prodotti a cavallo fra la prima e la seconda metà dell Ottocento, che ha restituito il soffio vitale della creatività a personaggi del vivere civile, a eroi protagonisti della storia, ad attori di un drammatico vissuto quotidiano, fissati nella dinamica immobilità di una posa scultorea che ha conferito l immortalità dell hic et nunc, anche se appannati da decenni d oblio. E in realtà il continuo sforzo di documentazione e di ricerca, che é alla base dell intera operazione di recupero dei venticinque gessi di Raffaello Pagliaccetti, opere di assoluta pregnanza nello scenario culturale e artistico del nostro territorio e dell intera penisola, é la testimonianza di un impegno vivo e fruttuoso, che stimola ad ulteriori riflessioni sull autore e sulle sue opere con lo stesso rigore e la stessa tenacia, oltre che a considerazioni sull intervento restaurativo. E in effetti a rileggere i testi sacri del restauro viene da pensare che, anche in un età come la nostra, per la quale i problemi della conservazione sono fondamentali, la pratica complessa e mai facile del restauro non sia ancora entrata nell orizzonte della cultura per così dire quotidiana, pur se il nostro destino di nati tardi, di epigoni, come diceva 11

12 profeticamente Nietztche, ci obbliga ad un rapporto permanente con il passato e con i beni, gli oggetti e le forme attraverso cui esso continua a parlarci e a dare testimonianza di se stesso. In tale ottica é sembrata imprescindibile un operazione di progressiva trasformazione di alcune opere d eccellenza espressive dell arte del nostro che, grazie al convergere d intenti da parte della Regione Abruzzo, Fondazione Tercas, Fondazione Crocetti e Banca di Teramo, é stata realizzata negli anni. Tale operazione ha affiancato, al problema conoscitivo e interpretativo del conservare, un problema etico che ci ha suggerito considerazioni inerenti le procedure, gli accorgimenti, le invenzioni applicate alla varietà inesauribile della materia e delle forme oggetto dell intervento. Per questo la presentazione delle opere restaurate e fuse in bronzo appare anche un occasione unica e irripetibile per discuterne i risultati, le impostazioni, le modalità esecutive e, soprattutto, per far conoscere anche a un pubblico più vasto quella che alla fine é un etica, un intelligenza del fare, del custodire in modo critico, del risarcire i guasti del tempo senza mai falsificare ciò che ci resta di altre epoche e altre stagioni, conservandone il volto più autentico, l immagine più vera e gelosamente individuale. E ancora si è inteso, con questo intervento, compiere un azione di risarcimento a posteriori nei confronti dell artista il quale, il 6 aprile 1877, in risposta all amico Vincenzo Bindi, che gli chiede ulteriori notizie sulla sua biografia da inserire in un opera sugli Artisti abruzzesi che pubblicherà nel 1883, scrive tra l altro...i lavori da me fatti sono ben pochi, ed in gran parte sono rimasti semplici modelli del mio studio a causa di poca fortuna e pochissimi mezzi. È in effetti il destino della maggior parte delle sue opere: calchi ricavati da originali in argilla che riproducono fedelmente anche le impronte dei polpastrelli dell artista, oltre che evidenziarne la giunzione dei tasselli e/o delle valve e che, nel tempo, per la caratteristica igroscopica del materiale o per la corrosione completa delle armature interne di ferro, hanno subìto processi di degrado o rotture dei pezzi con evidenti alterazioni del modellato. Tutto questo aveva reso più difficile l analisi e lo studio delle singole opere e, in ultima analisi, della sua personalità di scultore a cavallo fra la prima e la seconda metà dell Ottocento, a più di ottanta anni dalla monografia del Parroni, che rimane una pietra miliare per la puntuale elencazione delle opere trasferite dal benemerito Pasquale Ventilj dallo studio dell artista, in Firenze, a Mosciano, e da più di venti anni dal dettato critico di Mario De Micheli che, in occasione della mostra dedicata a Pagliaccetti nel 1989, tentò una prima riflessione critica sulla sua arte, dedicandogli negli anni successivi ampio spazio nella sua monografia sulla scultura italiana dell 800. E così, date le molteplici rotture di parti con alterazioni del modellato, le numerose sbreccature delle singole opere e, in qualche gesso, la presenza di una patina superficiale ambrata riferibile a film di gommalacca o cere applicate come passaggio per la fusione, è venuta maturando l idea di una sistemazione di parte delle opere dell artista mediante una campagna di restauro dei gessi maggiormente compromessi e un programma di fusione delle sculture più significative nello scenario della sua produzione artistica. Ne è scaturito un progetto che ha cercato di tener conto, in un ambito cronologico che testimoniasse il progressivo evolversi della sua arte, delle tematiche più care 12

13 all autore, ora evidenziando opere dalla chiara matrice neoclassica ora quelle per le quali, a ragione, sia Parroni che De Micheli, parlano di verismo del nostro; ora recuperando le matrici della scultura monumentale, ora coniugando il ritratto al femminile o al maschile sino alle sculture di piccole dimensioni ma piene di quell energia vitale che pare animare in ogni piccola parte un corpo in tensione, annidata in ogni piega della struttura corporea e dell anima. Si è tentato, in tal modo, di imprigionare nel bronzo la forza vigorosa di personaggi, volti, bozzetti di monumenti, teste colossali cui forse la materia gessosa, ancorché segnata dall impronta dei polpastrelli degli originali in argilla, non era riuscita a conferire la vitalità incontenibile, sia pur rattenuta entro le fattezze di un corpo o di un volto, fissata per l eternità. Vitalità incontenibile che è appunto nel torso di Fauno il quale, seppure legato alle sue prime esercitazioni accademiche e a chiari riecheggiamenti neoclassici nel recupero di un soggetto mitologico, si anima di una forza in tensione che, in questo caso, il gesso patinato asseconda e trasforma in grumo di energia, dalla conchiglia brandita e poggiata sul ventre sino al capo in vigorosa torsione laterale. È ancora il caso degli Studi per il Cenotafio di Cosimo de Bartolomei che, tra il 1870 e il 1875, Pagliaccetti realizza indulgendo a note di elegiaco classicismo nelle fattezze, nei volti, nelle pose che hanno lasciato ogni materialità terrena per veleggiare in un mondo umbratile e soffuso di malinconia, al pari di certe eroine del mondo classico cui l assenza di vita conferisce la bellezza pensosa che solo la mancanza di luce può provocare in un ombra incorporea mentre Zena, accovacciata e avvolta dalla sua nudità che l assimila ad un eroe antico, indugia con il suo sguardo proiettato in lontananza verso arcane verità intraviste ma taciute, in un drammatico ma appena connotato contrasto tra la levigatezza del volto e del corpo stesso e la chioma riccioluta entro cui si annida e riesplode la luce, conferendo alla schiava la drammatica rassegnazione di tante donne, illustre bottino di guerra, strappate alle loro famiglie e alla loro patria. E siamo in un mondo pieno di riecheggiamenti classici che, attraverso Tenerani, Pagliaccetti eredita da Canova, Thorvaldsen la cui arte il nostro respira, allievo dell Accademia di S. Luca dal 1858 al 1961, e che si porta nel suo bagaglio espressivo senza abdicare completamente ai dettami di quell arte neppure dopo le belle prove veriste del Ritratto di vecchia, Cappellini a Lissa, lo stesso Galvani o il Demente. È qui che il realismo, temperato da una sorta di idealismo, del Dupré, fa bella prova, nel volto appassito della vecchia dalle guance cadenti e dallo sguardo appannato cui si contrappone la tiara di riccioli sul capo, nel tentativo di conferirle una maturità in grado di contendere con il rovinoso scorrere del tempo; nello slancio eroico del Cappellini, soldato per eccellenza nella sua divisa così ricca di particolari; nel Demente, dal volto grottesco, maschera urlante il dolore della propria esistenza; nel Galvani, con il suo rigoroso abito settecentesco, tutto proteso verso l oggetto del suo esperimento, una moribonda ranocchia, inconsapevole medium per la conduzione dell elettricità. Ma è nei ritratti, al maschile e al femminile, che Pagliaccetti riesce a rendere con forza l elemento fisiognomico: ora un lieve e impercettibile piegamento del busto, ora un profilo aquilino, ora l irriproducibile 13

14 atteggiarsi di un labbro, particolari fortemente connotanti di singole opere, si trasformano in espressione fisica a cogliere un moto dell anima. Così si alternano serenità a cruccio, energia e slancio a tristezza, austerità a ieratica pensosità, lasciando spazio a immaginifiche congetture sugli scenari psicologici retrostanti sino alla bellissima Virgo, tutta piena di un nitore espressivo quattrocentesco che pure indulge, nella resa delle fosse orbitali o delle pieghe labiali, a dettami di un arte veristica mentre, nella scultura coniugata con il monumentale o in quella dalle piccole dimensioni, protagonista è assai spesso il particolare, che siano pieghe facciali o parti emergenti di un volto, che sia un particolare abbigliamento o la resa di una fanciulla sottratta all Ade, in un atteggiamento di muto e fanciullesco colloquio con una candida colomba. Particolari, dettagli, peculiarità, frammenti espressivi che il bronzo della fusione sottolinea, e fissa, lasciando riemergere la suggestione dell impronta dei polpastrelli nell argilla mentre l artista nel chiuso del suo studio, novello demiurgo, plasma la materia per darle un anima. Direttore dei Civici Musei Paola Di Felice 14

15 Opere

16

17 Fauno, gesso patinato, cm. 150x50x30 17

18 18 Galileo Galilei, gesso, cm. 73x65x30, 1864 ca.

19 fusione postuma in bronzo,

20 20 Il soldato Cappellini a Lissa, gesso, cm. 85x40x38, 1866 ca.

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione Palazzo Foresti, via San. Francesco 20, Carpi 27 novembre 2009-24 gennaio 2010 Mostra promossa e organizzata da Società Palazzo Foresti, Carpi

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA OLTRE LA MOSTRA Testi, immagini, brani critici e letterari e filmati raccontano opere e artisti. a cura di Fabiana Mendia, presidente dell Associazione

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2812 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FRANCO Vittoria, MODICA, ACCIARINI, TESSITORE, BRUNALE, TONINI e PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 MARZO

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

PICASSO 150 OPERE A PALAZZO VISTARINO E LE SUE PASSIONI PAVIA, 18 DICEMBRE 2015-18 MARZO 2016. finesseweb.com. Sponsor Tecnico:

PICASSO 150 OPERE A PALAZZO VISTARINO E LE SUE PASSIONI PAVIA, 18 DICEMBRE 2015-18 MARZO 2016. finesseweb.com. Sponsor Tecnico: Sponsor Tecnico: finesseweb.com PICASSO E LE SUE PASSIONI 150 OPERE A PALAZZO VISTARINO PAVIA, 18 DICEMBRE 2015-18 MARZO 2016 Ringraziamenti: Sostenitore: ViviPavia Associazione Culturale Building Innovative

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013

PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 ASSEMBLEA 26 OTTOBRE 2012 PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE ANNO 2012/2013 PROGRAMMA GENERALE ALSOB 1. Start-up a) Tesseramento soci Con l evento Laureati Eccellenti si apre l opportunità per i soci

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Fondazione Roma Europea. 6 ottobre 2014, ore 19.30

Fondazione Roma Europea. 6 ottobre 2014, ore 19.30 Traduzione Fondazione Roma Europea 6 ottobre 2014, ore 19.30 Signor Segretario Generale, Eccellenze, Signore e Signori, è per me una grande gioia e un onore essere Vostro ospite questa sera in occasione

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO

LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO PREMESSA Lo scorso mese di novembre le quinte classi dei corsi IGEA e MERCURIO del nostro Istituto hanno partecipato

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof.

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof. Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza per il conferimento della laurea in honoris causa in architettura al Prof. Salvatore Settis Magnifico Rettore, Gentili docenti e studenti, Caro Professor

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA

DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA PIETRO ANTONIO LEO DI ALCUNI ANTICHI PREGIUDIZII SULLA COSÌ DETTA SARDA INTEMPERIE E SULLA MALATTIA CONOSCIUTA CON QUESTO NOME LEZIONE FISICO-MEDICA a cura di Giuseppe Marci presentazione di Alessandro

Dettagli

Giovanni Calò 1882-1970

Giovanni Calò 1882-1970 Giovanni Calò 1882-1970 Solo col trascendente c è la libertà 1 GIOVANNI CALO, nato a Francavilla Fontana (Brindisi) il 24-12-1882, e ivi improvvisamente mancato il 25 maggio 1970. Laureato in Filosofia,

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI

PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI PROGRAMMA ASSOCIAZIONE AMICI (In collegamento con il programma culturale dell'accademia Incontri in Accademia Visite a studi di noti Artisti, Architetti e Scultori Passeggiate Romane Gite Culturali 10

Dettagli

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. SCACCHI, BARI DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo Il repertorio presenta

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

CURRUCULUM VITAE. Vincitore di una borsa di Studio presso la SAM, Scuola dell Arte della Medaglia, presso l Istituto

CURRUCULUM VITAE. Vincitore di una borsa di Studio presso la SAM, Scuola dell Arte della Medaglia, presso l Istituto CURRUCULUM VITAE Nome: PATRIZIO Cognome: DANIELE Via Francesco Gonin n 15 00133 Roma (RM) Cell: 389.9969607 E-mail: pdart@patriziodaniele.com Sito Internet: www.patriziodaniele.com DATI PERSONALI STOTO

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

lucamaroni@lucamaroni.com www.lucamaroni.com

lucamaroni@lucamaroni.com www.lucamaroni.com LA STORIA DEL RITROVAMENTO E DEL REIMPIANTO DELLA VIGNA DI LEONARDO DA VINCI A MILANO NELLA CASA DEGLI ATELLANI DI LUCA MARONI Luca Maroni, analista sensoriale, enologo, autore ed editore dell Annuario

Dettagli

MOLISE *STELLE AL MERITO DEL LAVORO 2014*

MOLISE *STELLE AL MERITO DEL LAVORO 2014* Consolato Regionale Maestri del Lavoro del Molise MOLISE *STELLE AL MERITO DEL LAVORO 2014* Gli insigniti con il Prefetto Di Menna e la Console Giuseppina Petta Gli insigniti con il Prefetto Fra Menna

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi.

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Il filo che porta in questo mondo passa anche attraverso i tanti simboli

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Il Collegio Universitario d Eccellenza Fondazione Comunità Domenico Tardini aderisce alla Conferenza dei Collegi Universitari (CCU) legalmente

Il Collegio Universitario d Eccellenza Fondazione Comunità Domenico Tardini aderisce alla Conferenza dei Collegi Universitari (CCU) legalmente Il Collegio Universitario d Eccellenza Fondazione Comunità Domenico Tardini aderisce alla Conferenza dei Collegi Universitari (CCU) legalmente riconosciuti dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

- Lettera del direttore della casa editrice "Cerchina", dat. 26 set. 1930. Si chiede di recensire il volume di C. A. Felice "Arte decorativa 1930

- Lettera del direttore della casa editrice Cerchina, dat. 26 set. 1930. Si chiede di recensire il volume di C. A. Felice Arte decorativa 1930 - Lettera del direttore della casa editrice "Cerchina", dat. 26 set. 1930. Si chiede di recensire il volume di C. A. Felice "Arte decorativa 1930 alla Esposizione di Monza" - Lettera di R. Trevisani, direttore

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Muzzi Andrea Data di nascita 17/05/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Muzzi Andrea Data di nascita 17/05/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Muzzi Andrea Data di nascita 17/05/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Dirigente

Dettagli

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - COMUNICATO STAMPA

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - COMUNICATO STAMPA Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - 6 novembre 2007 COMUNICATO STAMPA

Dettagli

Castello di Montecuccolo

Castello di Montecuccolo Castello di Montecuccolo PAVULLO - Modena DOMENICA 26 OTTOBRE 2014 L imponente maniero, arroccato su uno sperone roccioso a guardia della valle dello Scoltenna e delle vie di comunicazione con la Toscana,

Dettagli

Nasce il primo premio Italian Sportrait Awards

Nasce il primo premio Italian Sportrait Awards Nasce il primo premio Italian Sportrait Awards Grazie alla Confsport Italia si svolgerà quest anno la prima edizione del premio Italian Sportrait Awards. La cerimonia di consegna dei premi si terrà il

Dettagli

La mostra: Se la forma scompare

La mostra: Se la forma scompare Progetto: Passi nel tempo. Archeologia Anno Scolastico 2009-2010 La mostra: Se la forma scompare 11 12 13 Dicembre 2009. Inaugurazione della mostra: Venerdì 11 Dicembre, ore 17 Sotterranei della Pinacoteca

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

ORARI DI APERTURA Tutti i giorni 9.30-18.00; martedì 9.30-13.00. Tel. 055 2343723 fax 055 2478350 Lunedì-venerdì 9.00-16.00 gruppi@museogalileo.

ORARI DI APERTURA Tutti i giorni 9.30-18.00; martedì 9.30-13.00. Tel. 055 2343723 fax 055 2478350 Lunedì-venerdì 9.00-16.00 gruppi@museogalileo. DIDATTICA 2014/15 Si apre il nuovo anno scolastico e il Museo Galileo presenta ai suoi visitatori nuovi e stimolanti percorsi didattici rivolti alle scuole di ogni ordine e grado. Oltre alle visite e ai

Dettagli

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro realizzazione grafica: Valerio Rosati - Ufficio Stampa Rai Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro italiano:

Dettagli

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA Istituto Figlie di Gesù Scuola dell Infanzia Paritaria San Luigi SEZIONE PRIMAVERA Via Alle Grazie,8-54100 Massa Tel. Fax 0585-451367 IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA 1) AMBITO CULTURALE E

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

Le classi coinvolte nel progetto sono:

Le classi coinvolte nel progetto sono: Le classi coinvolte nel progetto sono: 3 A 19 alunni 4 italiani 3 egiziani 4 cinesi 1 albanese 1 rumena/ucraina 1 tedesco/italiano 4 filippini 1 rep. Dominicana 3 B 23 alunni 6 italiani 7 cinesi 5 filippini

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente

Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente MODIGLIANI EXPERIENCE Un evento mai rappresentato: la prima grande mostra internazionale sull opera e la vita di

Dettagli

È la mia vita in Piazza Grande

È la mia vita in Piazza Grande È la mia vita in Piazza Grande Dal 1940 a oggi i modenesi raccontano PROGETTO PARTECIPATO SUL SITO UNESCO DI MODENA PERIODO: ottobre 2013 - maggio 2014 ENTE PROMOTORE: Comune di Modena, Ufficio coordinamento

Dettagli

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione Carte da collezione Una selezione di mazzi di carte da gioco da collezionare: intramontabili mazzi Modiano ed ultime novità. Per curiosi ed appassionati. 1 304 901 Storia del Volo 304 908 Il Popolo dei

Dettagli

BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA"

BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA BANDO DI CONCORSO FORUM NAZIONALE DI SCULTURA" Indetto dalla Federazione Italiana Club e Centri UNESCO sotto progetto elaborato dal Club UNESCO Carrara dei Marmi Premessa Il Club UNESCO Carrara dei Marmi

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870)

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) Maria Grazia Bianchi Eger, 13 febbraio 2012 1 L immagine di Roma classica «Roma, 1 novembre 1786 [ ] non osavo quasi confessare a me stesso

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI

BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE G.ROSSINI Carta dei Servizi Art.1. Premessa 1.1 Finalità del servizio bibliotecario La Biblioteca della Fondazione Rossini è un servizio specializzato nella raccolta di documenti

Dettagli

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Istituzione scolastica capofila: Istituto comprensivo 12 di Bologna Scuola secondaria di primo grado Luigi Carlo Farini Museo: Biblioteca-archivio Casa

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007

UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007 UOMO E NATURA BINOMIO VINCENTE Anno 2007 PRESENTAZIONE L associazione ABRUZZO LIVE ha organizzato nel territorio abruzzese un convegno di cultura e salute internazionale itinerante nel giugno 2006 dal

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Creatività e riciclo

Creatività e riciclo MOSTRA CONCORSO DI ARTE CONTEMPORANEA III edizione Creatività e riciclo in collaborazione con Bando di partecipazione Art. 1 - Proposta L, sita in Via Jacopo Durandi, 13 - Torino, indice un concorso a

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

Emozioni e creatività

Emozioni e creatività Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Voglio che voi vi raffiguriate la tanto usata immagine del Pensatore di Rodin. Voglio che vi immaginiate

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE COMUNICATO STAMPA COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE

COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE COMUNICATO STAMPA COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE L Esercito Marciava attraversa il Lazio Dal 16 al 19 maggio i villaggi allestiti dall Esercito a Cassino, Roma e Viterbo per commemorare il centenario della Grande Guerra con mostre, mezzi storici, concerti

Dettagli