Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta"

Transcript

1 ILARIA LEONARDI MARIA SASSI Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta Quaderno di ricerca n.6

2 COMITATO SCIENTIFICO Prof. Paolo AUTERI Prof. Carlo BERNINI CARRI Prof. Gabriele CIOCCARELLI Prof. Fulvio FRANCAVILLA Prof. Giorgio GIORGI Prof. Salvatorangelo LODDO Prof. Matteo MATTEI GENTILI Prof. Piero MELLA Prof. Enrico PEREGO Prof. Luigi RINALDI Prof. Ferdinando SUPERTI FURGA Prof. Vittorio VACCARI Prof. Dario VELO Prof. Antonella ZUCCHELLA I diritti di riproduzione e di adattamento totale o parziale e con qualsiasi mezzo (comprese le fotocopie, i films didattici e i microfilms) sono riservati per tutti i paesi Marzo 2004 COPYLAND Via S.Felice, PAVIA Tel

3 IL MODELLO DI SVILUPPO RURALE DEFINITO DALL UE. DALLA TEORIA ALL ATTUAZIONE: UNA SFIDA ANCORA APERTA * Ilaria Leonardi Maria Sassi 1. INTRODUZIONE La politica per le aree rurali dell Unione Europea, nel corso del tempo, ha rafforzato la propria centralità nell ambito degli interventi in agricoltura ed è diventata parte integrante dello sviluppo regionale e riferita all intero territorio europeo. Parallelamente a questa evoluzione si è assistito al rafforzamento dell approccio territoriale, integrato e sostenibile introdotto nel 1987 con la prima riforma dei Fondi Strutturali. Oggi la politica di sviluppo rurale definisce un processo di crescita endogena dei sistemi socio-economici locali. Si tratta di un cambiamento radicale rispetto ai tradizionali modelli di crescita esogena e che per essere applicato richiede nuove capacità progettuali e operative in grado di trasformare l identità e la cultura delle aree rurali in fattori strategici di sviluppo. In questo contesto, il paper mira, anzitutto, a caratterizzare i principali tratti del modello di sviluppo rurale definito dalla Commissione attraverso l analisi dell evoluzione della politica per le aree rurali dell Unione Europea a partire dalla sua nascita sino ai nostri giorni. Sulla base dell approfondimento dei piani di sviluppo rurale regionali, dei principali documenti di valutazione dell impatto di tali interventi e dei dati relativi alla programmazione si procede alla verifica dello stato di attuazione del modello proposto in relazione al contesto italiano e in particolare della capacità dei Piani di Sviluppo di identificare e monitorare la cultura e l identità locale dei territori di riferimento. Dalle risultanze emerse prendono avvio alcune riflessioni conclusive che portano alla definizione di una proposta operativa volta a valorizzare il momento dell analisi e * Lo studio è frutto di un lavoro congiunto delle due autrici; tuttavia, Maria Sassi ha curato la stesura dei paragrafi 2, 3, 4, 5 e 6 mentre i paragrafi 1 e 7 sono stati redatti congiuntamente. 1

4 dell attivazione del territorio intesi come punto di partenza e di arrivo del processo di sviluppo rurale stesso. 2. LA NASCITA DELLA POLITICA DI SVILUPPO RURALE La politica di sviluppo rurale dell Unione Europea (UE) nasce nella seconda metà degli anni 80 nell ambito della prima riforma dei fondi strutturali sollecitata dall Atto Unico (1987) e si caratterizza per un insieme di interventi volti a favore delle aree svantaggiare. Nel 1987, a seguito dei documenti Il futuro del mondo rurale e Portare l Atto Unico al successo prende forma la nuova politica delle strutture basata su un approccio territoriale, solo co-finanziata dall UE coordinando i tre Fondi Strutturali e volta a favorire investimenti per programmi pluriennali concentrati su determinati Obiettivi 1 (INEA, 1997). Nell ambito di tali Obiettivi il quinto riguarda la promozione dello sviluppo rurale attraverso interventi volti ad accelerare l adeguamento strutturale nell ambito della riforma della Politica Agricola Comunitaria (PAC) (Obiettivo 5a) e agevolare l adeguamento strutturale delle zone rurali (Obiettivo 5b) (INEA, 1995). La politica di sviluppo rurale deve intervenire anche nelle regioni dell Obiettivo 1, quelle in ritardo di sviluppo, per sostenere la crescita sostenibile di tali aree, inclusa la crescita e il rafforzamento agrario e forestale, e quello volto alla preservazione, valorizzazione e risanamento dello spazio naturale (Hoffman, 1995) Nel 1991, l introduzione dell Iniziativa Comunitaria Leader I segna l inizio vero e proprio del nuovo approccio alla politica di sviluppo rurale. Alla centralità del 1 Gli obiettivi su cui si concentrano gli aiuti strutturali sono: - obiettivo 1 regioni in ritardo di sviluppo; - obiettivo 2 zone colpite da declino industriale; - obiettivo 3 lotta contro la disoccupazione di lunga durata; - obiettivo 4 inserimento dei giovani nel mondo del lavoro; - obiettivo 5 promozione dello sviluppo rurale attraverso: o 5a adeguamento delle strutture agrarie o 5b sviluppo delle zone rurali. Mentre gli obiettivi 1, 2 e 5b sono a forte impatto territoriale e quindi volti alla coesione economico-sociale, i rimanenti sono di tipo orizzontale nonostante la loro azione si concentri sulle aree più deboli (INEA, 1997). 2

5 territorio viene affiancata quella della partecipazione e dell azione integrata per lo sviluppo endogeno delle aree ricadenti nell Obiettivo 1 e 5b. La partnership locale tra soggetti pubblici e privati è formalizzata in Gruppi di Azione Locale (GAL) che gestiscono i fondi erogati dall UE per dare attuazione a Programmi di Azione Locale (PAL) da loro elaborati in cui trovano definizione le strategie di sviluppo rurale e i relativi interventi da realizzare sul territorio di riferimento. Questi aspetti della politica di sviluppo rurale si consolidano con la seconda riforma dei fondi strutturali del Nell ambito di tale architettura trovano introduzione nuove misure alcune delle quali a forte connotazione territoriale, come la promozione e/o la creazione di marchi e investimenti a favore di prodotti locali o regionali agricoli e forestali di qualità. Nel 1994, Leader I viene sostituito da Leader II che pone una maggiore enfasi sugli aspetti innovativi dei progetti i quali devono trovare nei programmi di sviluppo regionale gli orientamenti e le linee guida. In questo modo, lo sviluppo rurale diventa parte integrante di quello regionale. Alla novità dell approccio introdotto dalla politica di sviluppo rurale così impostata si accompagna la sfida per le amministrazioni nazionali e regionali di ridefinire il loro ruolo nel governo delle politiche (INEA, 1997). L operatore pubblico oltre a gestire tali interventi si trova anche a doverli impostare e a partecipare attivamente al loro svolgimento. Il successo dei programmi a favore delle aree rurali vengono pertanto a dipendere crucialmente da elementi quali le capacità progettuali del soggetto pubblico, dai tempi per l espletamento delle procedure burocratiche, dalla disponibilità di fondi per il cofinanziamento. 3. LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE DOPO AGENDA 2000 La svolta significativa nella politica di sviluppo rurale avviene alla fine degli anni 90. Con il documento strategico Agenda (Commissione Europea, 1999) lo 2 Con la riforma del 1993 si assiste ad una leggera modifica delle definizioni degli obiettivi che da 5 passano a sei. Per lo sviluppo rurale è però confermato l obiettivo 5 e le due sottovoci in cui si articola. 3 In tema di sviluppo rurale Agenda 2000 recepisce le indicazioni emerse nell accordo di riforma raggiunto a Cork nel novembre del 1996 nell ambito della Conferenza europea sullo Sviluppo Rurale (Riferimento Biblico). In tale sede viene sottolineata la centralità dello sviluppo rurale nel contesto economico-sociale dell UE, la necessità di integrare lo sviluppo rurale e la politica dei 3

6 sviluppo rurale da solo obiettivo della politica strutturale diventa anche uno dei pilastri della PAC, il secondo 4, e da politica esclusivamente rivolta alle aree svantaggiare si trasforma in politica per l intero territorio, in politica per l adattamento strutturale delle regioni dell UE (INEA, 1999a). La pubblicazione del relativo regolamento di attuazione, il REG. CEE 1257/99, realizza un duplice obiettivo. Riunendo in un unico quadro giuridico tutti gli strumenti usati nell ambito delle politiche strutturali, esso apporta, anzitutto, una significativa semplificazione del contesto normativo e programmatico. Il Regolamento acquisisce, però, importanza soprattutto dal punto di vista strategico in quanto pone lo sviluppo rurale al centro della PAC finalizzando a tale processo tutti gli strumenti di politica strutturale nell ipotesi di un progressivo ridimensionamento della componente mercato dell intervento comunitario in agricoltura (INEA, 2000). I principi guida della nuova politica sono il decentramento delle responsabilità e la flessibilità della programmazione basata su un menù di azioni che devono essere finalizzate e implementate secondo gli specifici bisogni degli Stati Membri e delle Regioni e devono riflettere la diversità delle aree rurali (European Commission Agricultural and Rural Development, 2003). Le 22 misure previste sono raggruppabili in tre principali categorie, ristrutturazione e competitività (38% della spesa FEOGA programmata per il ), gestione ambientale e della terra (52% della spesa FEOGA programmata per il ), ed economie e comunità rurali (10% della spesa FEOGA programmata). Esse concorrono a definire un modello di sviluppo del territorio rurale che ruota attorno al potenziamento delle infrastrutture allo sviluppo e ammodernamento dei villaggi, al miglioramento dei redditi alternativi, turismo e artigianato, allo sviluppo dei prodotti regionali e delle funzioni ricreative di tali aree e alla protezione dell ambiente. Nell ambito di tale modello di crescita dell economia locale il futuro sostenibile dell agricoltura europea mercati e di potenziare dal punto di vista delle risorse finanziarie gli interventi a favore delle aree rurali. 4 Con la riforma attuata con Agenda 2000, la PAC si articola attorno a tre pilastri. Il primo è costituito dalla politica dei mercati, il secondo da quella dello sviluppo rurale e il terzo dalla politica delle strutture. Tra il 1992 e il 1999, gli interventi comunitari in agricoltura consistevano invece nella politica dei mercati, nelle misure di accompagnamento e nella politica delle strutture (Frascarelli, 1999). 4

7 deve avvenire attraverso il miglioramento dell efficacia delle aziende del settore, al sostegno di quelle durevoli, la diversificazione, la promozione di opportunità di reddito alternative, lo sviluppo dei servizi, la cura dello spazio naturale e del paesaggio, la riduzione dell impatto ambientale e la cura delle foreste. Di particolare rilievo sono le tredici misure previste dall articolo 33 del Reg. CEE 1257/99. Esse, infatti, sono specificatamente volte a favorire lo sviluppo integrato del territorio rurale della Comunità ispirandosi all esperienza maturata nelle Regioni Obiettivo 1, 5b e 6 nella precedente fase di programmazione (Commissione Europea Divisione Generale Agricoltura, 1999). Agenda 2000 stimola anche la riforma dei Fondi Strutturali che porta gli obiettivi territoriali da sei a tre 5. Gli interventi di sviluppo rurale nelle zone svantaggiate trovano collocazione nel nuovo Obiettivo 1, che riguarda le regioni in ritardo di sviluppo, e 2 relativo alle zone di riconversione economica e sociale. Infine, nel maggio 2000 Leader II è sostituito da Leader plus che copre il periodo ed è esteso all intero territorio rurale dell UE. L Iniziativa Comunitaria conferma e rafforza l approccio bottom-up e i principi di partenariato, innovazione, sviluppo integrato, rete e cooperazione (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b) per completare e rinforzare la politica di sviluppo rurale dell UE (European Commission Agricultural and Rural Development, 2003). Essa, tuttavia, compie un ulteriore passo in avanti al fine di dare risposta alle nuove sfide poste al mondo rurale stesso. Leader plus favorisce l attuazione di strategie integrate di dinamizzazione della crescita rurale con il duplice obiettivo di sostenere i progetti pilota innovativi condotti dai GAL e di favorire scambio di esperienze e la cooperazione transnazionale nel settore (Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura, 1999). L Iniziativa si sviluppa attorno a tre assi prioritari 6. Essi sono: 5 I tre nuovi obiettivi della politica strutturale sono: - obiettivo 1 regioni in ritardo di sviluppo: - obiettivo 2 zone di riconversione economica e sociale; - obiettivo 3 risorse umane. Il minor numero di obiettivi risponde ad uno dei principi ispiratori della riforma, ovvero quello della semplificazione degli strumenti, conseguendo, allo stesso tempo, una migliore visibilità ed efficienza dei Fondi Strutturali stessi (INEA, 2000). 5

8 - Asse 1 strategia pilota di sviluppo rurale a carattere territoriale e integrato fondata su un approccio ascendente e sul partenariato orizzontale; - Asse 2 sostegno alla cooperazione interterritoriale e trasnazionale; - Asse 3 creazione di rete tra tutti i territori rurali della Comunità, indipendentemente dal fatto che beneficino o meno di Leader plus, e tutti gli operatori di sviluppo rurale (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b). A queste si aggiunge un quarto asse relativo alla gestione, sorveglianza e valutazione. Nell ambito di tali aree la Commissione ha indicato come tematica attorno alle quali sviluppare i Piani di Sviluppo Locale l uso di nuove tecnologie e know-how e miglioramento della qualità della vita, la valorizzazione dei prodotti locali e delle risorse naturali e culturali. La linea intrapresa con Agenda 2000 di rafforzamento del secondo pilastro nell ambito della PAC si consolida con la sua revisione di medio termine avvenuta nel settembre del La centralità posta dalla riforma agli interessi dei consumatori in termini di salvaguardia ambientale, sicurezza alimentare e degli animali, al cui soddisfacimento è condizionato l aiuto comunitario alle aziende agricole, sottolinea, infatti, l orientamento di spostare la PAC verso un indirizzo più generale, la cosiddetta ruralità, a cui saranno destinate quote crescenti di risorse. Tale indirizzo è esteso anche ai nuovi paesi entranti. La nuova politica di sviluppo rurale che prende vita in tale contesto completa la struttura introdotta con Agenda 2000 introducendo quattro nuove misure al menù precedente (Tabella 1) e correggendo alcune di quelle già in vigore. L obiettivo degli aggiustamenti è di introdurre interventi che sostengano gli agricoltori nell affrontare il nuovo scenario di politica agricola e di mercato. Nulla cambia in merito all approccio. La politica di sviluppo rurale si configura quindi 6 In base all art. 9 del Reg. CE n. 1260/99, lettera h, l assi prioritario individua ciascuna delle priorità strategiche inserite in un quadro comunitario di sostegno o in un intervento, cui si accompagnano una partecipazione dei Fondi e degli altri strumenti finanziari e le corrispondenti risorse finanziarie dello Stato membro, nonché una serie di obiettivi specifici. 6

9 come volta a realizzare un processo di crescita dei sistemi socio-economicoterritorioali o locali ed è destinata ad avere un ruolo sempre più di primo piano nell ambito della PAC e della politica regionale. Tabella 1 - Misure di sviluppo rurale disponibili agli Stati Membri dell UE Misure Reg. CEE 1257/99 Gruppo 1 ristrutturazione Gruppo 2 gestione e competitività dell ambiente e della terra - Investimenti nelle aziende agricole; - insediamento dei giovani agricoltori; - prepensionamento; - formazione; - trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli; - opere di miglioramento fondiario (art. 33); - ricomposizione fondiaria (art. 33); - avviamento di servizi di assistenza alla gestione agricola (art. 33); - commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità (art. 33); - gestione delle risorse idriche destinate all agricoltura (art. 33); - miglioramento delle infrastrutture rurali connesse allo sviluppo dell agricoltura (art. 33); - ricostruzione del potenziale di produzione agricolo danneggiato da calamità naturali e introduzione di mezzi di prevenzione adeguati (art. 33). - Zone svantaggiare e soggette a vincoli ambientali; - misure agroambientali; - imboschimento dei terreni agricoli; - altre foreste; - tutela dell ambiente in relazione all agricoltura, alla colture e alla conservazione delle risorse naturali, e al benessere degli animali (art. 33). Gruppo 3 economia e comunità rurale - Servizi essenziali per l economia e la popolazione rurale (art. 33); - ammodernamento e sviluppo dei villaggi, salvaguardia del patrimonio rurale (art. 33); - diversificazione delle attività agricole e delle attività affini allo scopo di creare attività plurime o fonti alternative di reddito (art. 33); - promozione del turismo e dell artigianato (art. 33); - ingegneria finanziaria (art. 33). Nuove misure introdotte con la riforma della Pac del 2003 Gruppo 1 ristrutturazione e competitività - Incentivi per gli agricoltori che partecipano volontariamente agli schemi europei o nazionali progettati per migliorare la qualità di prodotto o processo e che forniscano in tal senso garanzie ai consumatori; - Aiuti per altri schemi nazionali di qualità alimentare riconosciuti nei rispettivi programmi e coerenti con i criteri dell UE; - supporto temporaneo e regressivo per aiutare gli agricoltori nella fase di adeguamento agli standard dell UE in termini di condizionalità poste; - sostegno per l introduzione del sistema di audit aziendale. Fonte: Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura (1999); European Commission Agricultural and Rural Development (2003). 7

10 4. IL MODELLO DI SVILUPPO PER LE AREE RURALI L obiettivo dello sviluppo rurale, vale a dire la crescita dei sistemi socio-economicolocali, rende centrale la comprensione di come il territorio-rete (Salone, 2000), frutto della sedimentazione di fattori storici, sociali e istituzionali del contesto locale, sia in grado di determinare uno specifico percorso di sviluppo di un area che assume tratti caratteristici e distintivi rispetto a quelli di altre (Distasio, 1995; INEA, 1999). Il territorio, come fonte di conoscenze contestuali, cioè che nascono in un particolare contesto di esperienza, integrandosi con il sapere codificato, vale a dire proiettandosi nel globale, diventa fattore competitivo strategico in grado di determinare il successo di un sistema territoriale differenziandolo dagli altri (Brusco, 1994). Si assiste, quindi, alla definizione di una logica di crescita diversa da quella prevalente di tipo settoriale e che consiste nel percorrere differenti stadi di uno stesso modello nell ambito del quale le diversità territoriali sono destinate a scomparire per dar sazio alla omogeneizzazione intesa come prodotto della modernizzazione. Con lo sviluppo rurale le differenze locali vanno invece comprese e valorizzate per rafforzare l identità e la cultura locale che sono fattori strategici di crescita. L approccio allo sviluppo parte, dunque, è di tipo bottom-up, va gestito in maniera decentrata con la partecipazione degli attori sociali e sviluppato attraverso interventi integrati. Anche la finalità ultima del processo di crescita si modifica diventando non più solo tecnico-produttivo ma soprattutto economico-sociale (Tabella 2). In tale ambito, trova giustificazione la politica di pianificazione rurale in grado di valorizzare il livello di integrazione e diversificazione da cui dipende crucialmente lo sviluppo di tali aree (Malassis, 1992). Si tratta pertanto di superare l approccio di matrice urbanistica oggi prevalente per adottare una modalità di gestione globale del territorio rurale che sia in grado di tener conto della generalità delle funzioni svolte dal territorio stesso e di risolvere le conflittualità che tra esse si manifestano (Franceschetti, 1995). Lo sviluppo rurale non è più sinonimo di crescita del settore agricolo (Iacoponi, 1996; Saraceno, 1994a; 1994b) e anche lo sviluppo del primario va letto e interpretato nel più ampio contesto della crescita dei sistemi agro-alimentari locali 8

11 Tabella 2 - Confronto tra modelli di sviluppo tradizionali e delle aree rurali Elementi Modello di sviluppo tradizionale Modello di sviluppo delle aree rurale Processo Unilineare Multilineare Durata Breve-medio termine Medio-lungo termine Obiettivo Tecnico-produttivo Economico-sociale Finalità Modernizzazione Valorizzazione risorse locali Approccio Dall alto e settoriale Dal basso e integrato Modalità Esogeno Endogeno Fattori strategici Effetti Ruolo degli attori locali Gestione centralizzata Aumento produttività Neutralità del territorio Interventi settoriali Omogeneizzazione Disgregazione identità Crescita settoriale Passivo Fonte: ns. elaborazione INEA, 1999; Hoffmann, Gestione decentrata Bisogni collettivi locali Centralità del territorio Interventi integrati Differenziazione Rafforzamento identità Diversificazione Attivo nell ambito dei quali l obiettivo diventa il rafforzamento delle reti di relazioni funzionali qualificate tra i diversi attori che lo compongono attraverso una sempre più stretta interazione tra istituzioni pubbliche e organizzazioni private e valorizzando le risorse specifiche che offre il territorio 7. In questo modo è possibile raggiungere una elevata specializzazione produttiva e competitività soprattutto nelle produzioni tipiche e di qualità. Più in generale, l organizzazione di un sistema produttivo locale crea valore aggiunto specifico consentendo di realizzare economie di scala, migliorando la sua capacità di adattamento la sua attitudine all apprendimento collettivo e quindi di innovazione a livello locale (Distasio, 1995; Sassi, 2001). In tale ambito, l ente pubblico acquisisce un ruolo centrale per la comprensione, lo sviluppo e il sostegno delle condizioni storiche, sociali, economiche e culturali che promuovano lo sviluppo endogeno delle aree rurali, processo che può essere 7 Tra le risorse specifiche che offre il territorio si annoverano la competenza della manodopera, la presenza dell Università, per i suoi effetti sul capitale umano e l appoggio ai trasferimenti tecnologici, e l accesso a specifici servizi come quelli finanziari. 9

12 innescato solo se sono presenti due fattori fondamentali, le capacità organizzativoimprenditoriali e conoscenze e attitudini sociali contestuali. 5. IL SISTEMA DELLA PROGRAMMAZIONE PER LO SVILUPPO RURALE IN ITALIA Con Agenda 2000 gli aspetti relativi alla programmazione 8 per lo sviluppo rurale vengono modificati in modo significativo. Essi, anzitutto, sono estesi a tutto il territorio dell UE e non solo alle zone Obiettivo e il loro finanziamento proviene anche dalla sezione Garanzia del FEOGA, canale che nel passato era dedicato esclusivamente alla politica di mercato o alle misure di compensazione diretta. In questo modo lo sviluppo rurale rientra nella più ampia categoria delle politiche regionali (INEA, 2000). Nella Tabella 3 sono elencati i diversi programmi di sviluppo rurale e il sostegno previsto per l UE-15 tra il 2000e il 2006 e per i paesi nuovi entranti nel periodo La programmazione delle misure di sviluppo rurale si articola in tre direzioni. Gli interventi nelle regioni ricadenti nell obiettivo 1 devono essere coerenti con il Quadro Comunitario di Sostegno (QCS) 9 e integrati nei Programmi Operativi Regionali (POR) 10, mentre quelli delle zone obiettivo 2 devono essere formalizzati nei Documenti Unici di Programmazione (DocUP) Per programmazione si intende il processo di organizzazione, decisione e finanziamento effettuato per fasi successive e volto a dare attuazione ai PSR. 9 Sulla base dell art. 9 del Reg. CE n. 1260/99 lettera d) Il Quadro Comunitario di Sostegno è il documento approvato dalla Commissione d intesa con lo Stato membro interessato, sulla base della valutazione del piano presentato dallo Stato membro stesso e coerente la strategia e le priorità di azione dei Fondi e dello Stato membro, i relativi obiettivi specifici, la partecipazione dei Fondi e le altre risorse finanziarie. Tale documento è articolato in assi prioritari ed è attuato tramite uno o più Programmi Operativi. 10 L articolo 9 del Reg. CE n. 1260/99 lettera f) considera Programma Operativo il documento approvato dalla Commissione ai fini dell attuazione di un QCS, composto di un insieme coerente di assi prioritari articolati in misure pluriennali, per la realizzazione del quale è possibile far ricorso a uno o più Fondi e ad uno o più degli altri strumenti finanziari esistenti, nonché alla BEI. 11 La lettera g) dell art. 9 del Reg. CE n. 1260/99 definisce Documento Unico di Programmazione un documento unico approvato dalla Commissione che riunisce gli elementi contenuti in un QCS e in un programma operativo. 10

13 Tabella 3 La programmazione Programmi Numero programmi Co-finanziamento FEOGA sezione Contributo dell UE (Euro miliardi) UE-15 periodo Sviluppo rurale 68 Garanzia Reg. CEE 1257/ Ob. 2 con misure di sviluppo rurale 20 Garanzia Ob. 1 con misure di 69 Orientamento 17,5 sviluppo rurale Leader + 73 Orientamento 2,1 Nuovi entranti periodo Sviluppo rurale 10 Garanzia 5,8 Reg. CEE 1257/99 Ob. 1 con misure di sviluppo rurale 9 Orientamento 2,0 Fonte: European Commission Agricolture and Rural Development, Il sistema di programmazione delle misure fuori Obiettivo fanno, invece, riferimento al Piano di Sviluppo Rurale (PSR) elaborato al livello geografico ritenuto più opportuno da ciascuno Stato Membro. In Italia il livello territoriale di riferimento è quello regionale nell ambito del quale si è optato per una programmazione integrata nel PSR degli interventi di sviluppo rurale delle aree ricadenti nell Obiettivo 2 e previsti dal Reg. CEE 1750/99. Il territorio nazionale è quindi bipartito in: - Regioni Obiettivo 1, il Sud, i cui interventi co-finanziati dal FEOGE- Orientamento sono inclusi con la programmazione degli altri fondi nel QCS e nei POR e che hanno dovuto predisporre appositi PSR per le ex-misure di accompagnamento e le indennità compensative; - Regioni fuori Obiettivo 1, il Centro-Nord, che fanno riferimento alla sola programmazione del PSR 12 (INEA, 2000). 12 Ciò ha fatto si che in Italia, nonostante l obiettivo di semplificazione introdotto da Agenda 2000, il numero dei documento programmatici sia elevato. Per il periodo di programmazione si annoverano, infatti, un QCS, sette POR e Complementi di programmazione (i documenti di attuazione della strategia e degli assi prioritari degli interventi, contenenti gli elementi dettagliati a livello di misura), ventuno PSR, quattordici Doc.UP, e 21 Leader plus (INEA, 2000). 11

14 Infine, la programmazione Leader plus i cui interventi, realizzabili all intero territorio nazionale, sono indicati nei Piani di Sviluppo Locale. Il sistema di programmazione per lo sviluppo rurale realizza i principi di politica rurale stimolando una significativa competenza nelle lettura delle potenzialità del territorio di riferimento e nel trasformare tali punti di forza in un processo di sviluppo sostenibile e integrato formalizzato nel piano di sviluppo. Il territorio rurale può essere visto come un insieme di attori, regole e ambiente le cui caratteristiche si sono definite nel corso del tempo e che determinano l identità e la culture locale (Figura 1). Tali elementi esprimo specifiche conoscenze, interessi, obiettivi, strategie, vincoli e opportunità la cui mediazione e coordinamento porta alla definizione del programma di sviluppo rurale. L attuazione di quest ultimo determina nuove regole, ruoli, strategie, vincoli e opportunità che stimolano l innovazione a livello locale la quale agendo sui fattori locali promuove lo sviluppo del territorio rurale. Gli elementi che compongono il territorio cessano di conservarsi per inerzia e assumono una dimensione dinamica diventando grandezze che devono essere continuamente valorizzate nella globalità la quale è condizione necessaria per catturare le conoscenze de-contestualizzate su un mercato più vasto possibile (Rullani, 1997). Nel processo descritto i protagonisti sono gli attori locali i quali sono chiamati a pensare e realizzare interagendo tra loro il sentiero di crescita dal basso del territorio rurale. Il punto di arrivo e di partenza della programmazione è rappresentato dal territorio rurale che deve essere continuamente analizzato, attivato e modificato per stimolare il processo di crescita endogena, sostenibile ed integrata (Figura 2). 6. L ATTUAZIONE IN ITALIA DEL MODELLO DI SVILUPPO RURALE NELLA PROGRAMMAZIONE L INEA nel Rapporto del 2000 sulle politiche di sviluppo rurale sottolinea come nella programmazione oggi in corso la maggior parte dei programmi non 12

15 Figura 1 Processo di definizione dei piani di sviluppo rurale DIMENSIONE GLOBALE INNOVAZIONE A LIVELLO LOCALE S T O R I A TERRITORIO RURALE - ATTORI (sociali, enti locali, imprese) - REGOLE (istituzionali, sociali, culturali, economiche, etc.) IDEN TITA E CULT URA LOCA Conoscenze, interessi, obiettivi, strategie, vincoli, potenzialità Piani di sviluppo rurale - Piani di azione Nuove regole, ruoli, attori, strategie, vincoli, - AMBIENTE LE locale opportunità DIAGNOSI TERRITORIALE E ATTIVAZIONE FASI MEDIAZIONE E COORDINAMENTO DEFINIZIONE ATTUAZIONE E GESTIONE PROTAGONISTI ATTORI LOCALI 13

16 Figura 2 Processo di analisi e di attivazione del territorio Diagnosi territoriale Attivazione dialogo sociale Identificazione cultura e identità territoriale Trasferimento risultati al soggetto decisionale (Regione, Gruppi di Azione Locale) Dimensione globale Piano di sviluppo rurale e Piani di Azione Locale Processo di sviluppo territoriale 14

17 individuino priorità territoriali o tematiche nella destinazione dei finanziamenti, ma questi ultimi sono spalmati su politiche di sviluppo rurali diffuse (INEA, 2000). Ciò viene, in parte, imputare alle rigidità introdotte dai regolamenti nella pianificazione finanziaria, alla eccessiva articolazione della struttura degli interventi e ai vincoli di carattere temporale e finanziario (Vettoretto, 2003). Tuttavia, una responsabilità importante va ricondotta alle scelte assunte dalle regioni in fase di preparazione dei PSR (INEA, 2000). Questo aspetto si rileva con chiarezza analizzando i documenti di programmazione delle politiche di sviluppo rurale 13. In essi si osserva, in particolare, una grave carenza nella individuazione della specifica rete e organizzazione di relazioni che legano la storia, gli attori, le regole e l ambiente al territorio e nel loro monitoraggio durante la fase di implementazione dei programmi. Nei PSR prevale, inoltre, l impostazione settoriale e non sistemica del contesto economico di riferimento che rappresenta uno degli elementi centrale nella definizione di sentieri di crescita endogeni. Infine, solo raramente si fa cenno alla proiezione dei sistemi locali nella dimensione globale con il rischio di considerarli come sistemi chiusi agli stimoli esterni. Dalla relazione sullo stato di attuazione finanziaria degli interventi previsti dai PSR effettuata congiuntamente dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dall INEA (2003a) emerge che la qualità e l ammontare della spesa risentono pesantemente delle misure degli impegni relativi alle misure di accompagnamento che si riferiscono alla precedente programmazione. Queste ultime assorbono una buona parte delle risorse stanziate per la nuova fase di programmazione soprattutto nelle Regioni Obiettivo 1 in cui esse rappresentano il 75% del totale della spesa pubblica. Nelle Regioni fuori Obiettivo 1 l influenza di tali impegni pregressi è minore, ma si attesta comunque al 22% degli stanziamenti complessivi. In queste ultime regioni si osserva, inoltre, che nell ambito della spesa strutturale una quota rilevante di risorse è destinata agli investimenti e all insediamento dei giovani 13 Per un analisi dei documenti di programmazione delle politiche di intervento rurale si veda il sito Osservatorio politiche strutturali 15

18 mentre minore attenzione è prestata alle misure dell articolo 33 volte a realizzare uno sviluppo integrato delle aree rurali (Figura 3). Figura 3 Programmazione della spesa pubblica per categoria di misura Regioni italiane fuori Obiettivo 1 Altre misure forestali 5% Valutazione 0% Misure articolo 33 14% Indennità compensative 5% Accompagname nto vecchio regime 22% Misure in corso 1% Investimenti 24% Insediamento giovani 6% Formazione 1% Accompagname nto nuovo regime 22% Fonte: Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003a. Con riferimento ai progetti Leader si riscontrano spesso forti ritardi nell attuazione e notevoli ostacoli alla piena utilizzazione delle risorse legati anche alle difficoltà di carattere burocratico-amministrativo (INEA, 1998; 1999c, Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b). L elemento però forse più rilevante alla fine della definizione di un modello di crescita endogeno, integrato e sostenibile del territorio rurale è la necessità di creare un legame forte tra queste Iniziative comunitarie e gli altri programmi di sviluppo rurale (INEA, 2001). Nella maggior parte dei casi questa relazione è venuta a mancare con il risultato che i Leader non sono riusciti ad andare al di là del loro specifico ambito di azione rivestendo un ruolo marginale nell ambito della programmazione regionale. 16

19 7. CONCLUSIONI: UNA PROPOSTA OPERATIVA Lo studio svolto ha evidenziato come il modello di sviluppo rurale pensato dall Unione Europea consista in un processo di crescita dei sistemi socio-economico locale. Dalla revisione dei documenti di programmazione delle politiche di intervento rurale è tuttavia emersa, tra le altre, la difficoltà di definire interventi che promuovano un processo di crescita endogena dei sistemi socio-economico locali proiettati nel globale. L analisi dell identità e della cultura territoriale deve essere, invece, intesa come un progetto, prima di ogni progetto, capace di costruire un quadro del contesto locale chiaro e trasparente, di individuare gli interressi in gioco da parte dei diversi attori e quindi di delinearne le criticità. Si tratta di una fase capace, soprattutto, di valorizzare appieno il mandato politico delle amministrazioni locali, quello di trasformare le esperienze innovative che nascono dall area di riferimento in politiche di sviluppo. In tale direzione, si sottolinea l importanza per l Ente Locale di dotarsi di una struttura di analisi permanente di supporto alla progettazione dello sviluppo del territorio rurale e al servizio della progettualità dei Gruppi di Azione Locale. Si dovrebbe trattare di Laboratorio di Sviluppo Rurale (LSR) che con mandato il politico-istituzionale diventi punto di riferimento forte per gli attori del territorio anche attraverso una rete di collegamento con le istituzioni di livello inferiore. Per le amministrazioni regionali il riferimento legislativo potrebbe essere la Legge 17 maggio 1999, n. 144, art. 1 14, che prevede la costituzione di unità tecniche di supporto alla programmazione, alla valutazione e al monitoraggio degli investimenti pubblici. Le principali funzioni che dovrebbero essere svolte da tali LSR possono essere così sintetizzate: a. diagnosi territoriale funzionale allo sviluppo rurale integrato e alla creazione di partnership; 14 La Legge 17 maggio 1999, n. 14, fa riferimento alle Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all occupazione e della normativa che disciplina l INAIL, nonché disposizioni per il riordino degli enti previdenziali (Gazzetta Ufficiale n. 118 del 22 maggio 1999 Supplemento Ordinario n. 99). 17

20 b. attivazione del dialogo sociale attraverso la creazione di gruppi di partecipazione locale (Forum); c. identificazione della cultura e dell identità territoriale come risultato della sintesi dei risultati delle due fasi precedenti; d. trasferimento risultati al soggetto decisionale della politica di sviluppo rurale. Queste fasi rappresentano un ciclo continuo come esposto nella Figura 2 precedentemente presentata. Poiché l obiettivo dello sviluppo rurale è economico-sociale, diventano rilevanti le competenze del gruppo di analisi che deve necessariamente essere interdisciplinare e dotato di capacità di mediazione di interessi. Tali conoscenze attualmente si formano prevalentemente attraverso l esperienza pratica dei soggetti che sono preposti a realizzare la partecipazione nei programmi di sviluppo e non trovano fondamento in uno specifico progetto formativo. Diventa, pertanto, centrale creare figure professionali che posseggano idonei strumenti di lavoro. Le competenze di mediazione di interessi dovrebbero essere possedute da ciascun figura tecnica dell unità di analisi del LSR ed esercitata secondo le proprie competenze e ambiti di azione e successivamente sintetizzata dal team di lavoro stesso. In altri termini, ciascun componente dovrà possedere le conoscenze specifiche del proprio sapere professionale (economiche o sociali o giuridiche, e così via), saper colloquiare con altre figure professionali, quindi avere una formazione di base multidisciplinare, e mettendo insieme i risultati derivanti dalla propria azione di analisi e di mediazione definire gli elementi di forza del territorio (conoscenze, ruoli, strategie, vincoli e potenzialità) tra i quali le Regioni e/o i GAL potranno scegliere quelli su cui fondare i loro interventi di sviluppo rurale. La fase della mediazione verrebbe pertanto affidata ad un team e non ad una sola persona, come suggerisce la prassi della programmazione negoziata (Riccione, 2002), con il vantaggio di ridurre significativamente il rischio spesso percepito di interpretazione troppo soggettiva del territorio e di disporre di un risultato che fa riferimento a competenze altamente qualificate. 18

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme una guida pratica per una visione di insieme sommario Presentazione 3 I pilastri della 4 Uno sguardo d insieme 5 Le novità per il I Pilastro 6 Le novità per il II Pilastro 9 Glossario 12 Il volume è frutto

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 SETTEMBRE 2013 Sommario 1 Il quadro di riferimento 1.1 La Politica Agricola Comune 1.2 Gli obiettivi tematici e le priorità per i PSR

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche

Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche associazionealessandrobartola Studi e ricerche di economia e di politica agraria Collana Tesi on-line Larisa Lupini Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli