Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta"

Transcript

1 ILARIA LEONARDI MARIA SASSI Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta Quaderno di ricerca n.6

2 COMITATO SCIENTIFICO Prof. Paolo AUTERI Prof. Carlo BERNINI CARRI Prof. Gabriele CIOCCARELLI Prof. Fulvio FRANCAVILLA Prof. Giorgio GIORGI Prof. Salvatorangelo LODDO Prof. Matteo MATTEI GENTILI Prof. Piero MELLA Prof. Enrico PEREGO Prof. Luigi RINALDI Prof. Ferdinando SUPERTI FURGA Prof. Vittorio VACCARI Prof. Dario VELO Prof. Antonella ZUCCHELLA I diritti di riproduzione e di adattamento totale o parziale e con qualsiasi mezzo (comprese le fotocopie, i films didattici e i microfilms) sono riservati per tutti i paesi Marzo 2004 COPYLAND Via S.Felice, PAVIA Tel

3 IL MODELLO DI SVILUPPO RURALE DEFINITO DALL UE. DALLA TEORIA ALL ATTUAZIONE: UNA SFIDA ANCORA APERTA * Ilaria Leonardi Maria Sassi 1. INTRODUZIONE La politica per le aree rurali dell Unione Europea, nel corso del tempo, ha rafforzato la propria centralità nell ambito degli interventi in agricoltura ed è diventata parte integrante dello sviluppo regionale e riferita all intero territorio europeo. Parallelamente a questa evoluzione si è assistito al rafforzamento dell approccio territoriale, integrato e sostenibile introdotto nel 1987 con la prima riforma dei Fondi Strutturali. Oggi la politica di sviluppo rurale definisce un processo di crescita endogena dei sistemi socio-economici locali. Si tratta di un cambiamento radicale rispetto ai tradizionali modelli di crescita esogena e che per essere applicato richiede nuove capacità progettuali e operative in grado di trasformare l identità e la cultura delle aree rurali in fattori strategici di sviluppo. In questo contesto, il paper mira, anzitutto, a caratterizzare i principali tratti del modello di sviluppo rurale definito dalla Commissione attraverso l analisi dell evoluzione della politica per le aree rurali dell Unione Europea a partire dalla sua nascita sino ai nostri giorni. Sulla base dell approfondimento dei piani di sviluppo rurale regionali, dei principali documenti di valutazione dell impatto di tali interventi e dei dati relativi alla programmazione si procede alla verifica dello stato di attuazione del modello proposto in relazione al contesto italiano e in particolare della capacità dei Piani di Sviluppo di identificare e monitorare la cultura e l identità locale dei territori di riferimento. Dalle risultanze emerse prendono avvio alcune riflessioni conclusive che portano alla definizione di una proposta operativa volta a valorizzare il momento dell analisi e * Lo studio è frutto di un lavoro congiunto delle due autrici; tuttavia, Maria Sassi ha curato la stesura dei paragrafi 2, 3, 4, 5 e 6 mentre i paragrafi 1 e 7 sono stati redatti congiuntamente. 1

4 dell attivazione del territorio intesi come punto di partenza e di arrivo del processo di sviluppo rurale stesso. 2. LA NASCITA DELLA POLITICA DI SVILUPPO RURALE La politica di sviluppo rurale dell Unione Europea (UE) nasce nella seconda metà degli anni 80 nell ambito della prima riforma dei fondi strutturali sollecitata dall Atto Unico (1987) e si caratterizza per un insieme di interventi volti a favore delle aree svantaggiare. Nel 1987, a seguito dei documenti Il futuro del mondo rurale e Portare l Atto Unico al successo prende forma la nuova politica delle strutture basata su un approccio territoriale, solo co-finanziata dall UE coordinando i tre Fondi Strutturali e volta a favorire investimenti per programmi pluriennali concentrati su determinati Obiettivi 1 (INEA, 1997). Nell ambito di tali Obiettivi il quinto riguarda la promozione dello sviluppo rurale attraverso interventi volti ad accelerare l adeguamento strutturale nell ambito della riforma della Politica Agricola Comunitaria (PAC) (Obiettivo 5a) e agevolare l adeguamento strutturale delle zone rurali (Obiettivo 5b) (INEA, 1995). La politica di sviluppo rurale deve intervenire anche nelle regioni dell Obiettivo 1, quelle in ritardo di sviluppo, per sostenere la crescita sostenibile di tali aree, inclusa la crescita e il rafforzamento agrario e forestale, e quello volto alla preservazione, valorizzazione e risanamento dello spazio naturale (Hoffman, 1995) Nel 1991, l introduzione dell Iniziativa Comunitaria Leader I segna l inizio vero e proprio del nuovo approccio alla politica di sviluppo rurale. Alla centralità del 1 Gli obiettivi su cui si concentrano gli aiuti strutturali sono: - obiettivo 1 regioni in ritardo di sviluppo; - obiettivo 2 zone colpite da declino industriale; - obiettivo 3 lotta contro la disoccupazione di lunga durata; - obiettivo 4 inserimento dei giovani nel mondo del lavoro; - obiettivo 5 promozione dello sviluppo rurale attraverso: o 5a adeguamento delle strutture agrarie o 5b sviluppo delle zone rurali. Mentre gli obiettivi 1, 2 e 5b sono a forte impatto territoriale e quindi volti alla coesione economico-sociale, i rimanenti sono di tipo orizzontale nonostante la loro azione si concentri sulle aree più deboli (INEA, 1997). 2

5 territorio viene affiancata quella della partecipazione e dell azione integrata per lo sviluppo endogeno delle aree ricadenti nell Obiettivo 1 e 5b. La partnership locale tra soggetti pubblici e privati è formalizzata in Gruppi di Azione Locale (GAL) che gestiscono i fondi erogati dall UE per dare attuazione a Programmi di Azione Locale (PAL) da loro elaborati in cui trovano definizione le strategie di sviluppo rurale e i relativi interventi da realizzare sul territorio di riferimento. Questi aspetti della politica di sviluppo rurale si consolidano con la seconda riforma dei fondi strutturali del Nell ambito di tale architettura trovano introduzione nuove misure alcune delle quali a forte connotazione territoriale, come la promozione e/o la creazione di marchi e investimenti a favore di prodotti locali o regionali agricoli e forestali di qualità. Nel 1994, Leader I viene sostituito da Leader II che pone una maggiore enfasi sugli aspetti innovativi dei progetti i quali devono trovare nei programmi di sviluppo regionale gli orientamenti e le linee guida. In questo modo, lo sviluppo rurale diventa parte integrante di quello regionale. Alla novità dell approccio introdotto dalla politica di sviluppo rurale così impostata si accompagna la sfida per le amministrazioni nazionali e regionali di ridefinire il loro ruolo nel governo delle politiche (INEA, 1997). L operatore pubblico oltre a gestire tali interventi si trova anche a doverli impostare e a partecipare attivamente al loro svolgimento. Il successo dei programmi a favore delle aree rurali vengono pertanto a dipendere crucialmente da elementi quali le capacità progettuali del soggetto pubblico, dai tempi per l espletamento delle procedure burocratiche, dalla disponibilità di fondi per il cofinanziamento. 3. LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE DOPO AGENDA 2000 La svolta significativa nella politica di sviluppo rurale avviene alla fine degli anni 90. Con il documento strategico Agenda (Commissione Europea, 1999) lo 2 Con la riforma del 1993 si assiste ad una leggera modifica delle definizioni degli obiettivi che da 5 passano a sei. Per lo sviluppo rurale è però confermato l obiettivo 5 e le due sottovoci in cui si articola. 3 In tema di sviluppo rurale Agenda 2000 recepisce le indicazioni emerse nell accordo di riforma raggiunto a Cork nel novembre del 1996 nell ambito della Conferenza europea sullo Sviluppo Rurale (Riferimento Biblico). In tale sede viene sottolineata la centralità dello sviluppo rurale nel contesto economico-sociale dell UE, la necessità di integrare lo sviluppo rurale e la politica dei 3

6 sviluppo rurale da solo obiettivo della politica strutturale diventa anche uno dei pilastri della PAC, il secondo 4, e da politica esclusivamente rivolta alle aree svantaggiare si trasforma in politica per l intero territorio, in politica per l adattamento strutturale delle regioni dell UE (INEA, 1999a). La pubblicazione del relativo regolamento di attuazione, il REG. CEE 1257/99, realizza un duplice obiettivo. Riunendo in un unico quadro giuridico tutti gli strumenti usati nell ambito delle politiche strutturali, esso apporta, anzitutto, una significativa semplificazione del contesto normativo e programmatico. Il Regolamento acquisisce, però, importanza soprattutto dal punto di vista strategico in quanto pone lo sviluppo rurale al centro della PAC finalizzando a tale processo tutti gli strumenti di politica strutturale nell ipotesi di un progressivo ridimensionamento della componente mercato dell intervento comunitario in agricoltura (INEA, 2000). I principi guida della nuova politica sono il decentramento delle responsabilità e la flessibilità della programmazione basata su un menù di azioni che devono essere finalizzate e implementate secondo gli specifici bisogni degli Stati Membri e delle Regioni e devono riflettere la diversità delle aree rurali (European Commission Agricultural and Rural Development, 2003). Le 22 misure previste sono raggruppabili in tre principali categorie, ristrutturazione e competitività (38% della spesa FEOGA programmata per il ), gestione ambientale e della terra (52% della spesa FEOGA programmata per il ), ed economie e comunità rurali (10% della spesa FEOGA programmata). Esse concorrono a definire un modello di sviluppo del territorio rurale che ruota attorno al potenziamento delle infrastrutture allo sviluppo e ammodernamento dei villaggi, al miglioramento dei redditi alternativi, turismo e artigianato, allo sviluppo dei prodotti regionali e delle funzioni ricreative di tali aree e alla protezione dell ambiente. Nell ambito di tale modello di crescita dell economia locale il futuro sostenibile dell agricoltura europea mercati e di potenziare dal punto di vista delle risorse finanziarie gli interventi a favore delle aree rurali. 4 Con la riforma attuata con Agenda 2000, la PAC si articola attorno a tre pilastri. Il primo è costituito dalla politica dei mercati, il secondo da quella dello sviluppo rurale e il terzo dalla politica delle strutture. Tra il 1992 e il 1999, gli interventi comunitari in agricoltura consistevano invece nella politica dei mercati, nelle misure di accompagnamento e nella politica delle strutture (Frascarelli, 1999). 4

7 deve avvenire attraverso il miglioramento dell efficacia delle aziende del settore, al sostegno di quelle durevoli, la diversificazione, la promozione di opportunità di reddito alternative, lo sviluppo dei servizi, la cura dello spazio naturale e del paesaggio, la riduzione dell impatto ambientale e la cura delle foreste. Di particolare rilievo sono le tredici misure previste dall articolo 33 del Reg. CEE 1257/99. Esse, infatti, sono specificatamente volte a favorire lo sviluppo integrato del territorio rurale della Comunità ispirandosi all esperienza maturata nelle Regioni Obiettivo 1, 5b e 6 nella precedente fase di programmazione (Commissione Europea Divisione Generale Agricoltura, 1999). Agenda 2000 stimola anche la riforma dei Fondi Strutturali che porta gli obiettivi territoriali da sei a tre 5. Gli interventi di sviluppo rurale nelle zone svantaggiate trovano collocazione nel nuovo Obiettivo 1, che riguarda le regioni in ritardo di sviluppo, e 2 relativo alle zone di riconversione economica e sociale. Infine, nel maggio 2000 Leader II è sostituito da Leader plus che copre il periodo ed è esteso all intero territorio rurale dell UE. L Iniziativa Comunitaria conferma e rafforza l approccio bottom-up e i principi di partenariato, innovazione, sviluppo integrato, rete e cooperazione (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b) per completare e rinforzare la politica di sviluppo rurale dell UE (European Commission Agricultural and Rural Development, 2003). Essa, tuttavia, compie un ulteriore passo in avanti al fine di dare risposta alle nuove sfide poste al mondo rurale stesso. Leader plus favorisce l attuazione di strategie integrate di dinamizzazione della crescita rurale con il duplice obiettivo di sostenere i progetti pilota innovativi condotti dai GAL e di favorire scambio di esperienze e la cooperazione transnazionale nel settore (Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura, 1999). L Iniziativa si sviluppa attorno a tre assi prioritari 6. Essi sono: 5 I tre nuovi obiettivi della politica strutturale sono: - obiettivo 1 regioni in ritardo di sviluppo: - obiettivo 2 zone di riconversione economica e sociale; - obiettivo 3 risorse umane. Il minor numero di obiettivi risponde ad uno dei principi ispiratori della riforma, ovvero quello della semplificazione degli strumenti, conseguendo, allo stesso tempo, una migliore visibilità ed efficienza dei Fondi Strutturali stessi (INEA, 2000). 5

8 - Asse 1 strategia pilota di sviluppo rurale a carattere territoriale e integrato fondata su un approccio ascendente e sul partenariato orizzontale; - Asse 2 sostegno alla cooperazione interterritoriale e trasnazionale; - Asse 3 creazione di rete tra tutti i territori rurali della Comunità, indipendentemente dal fatto che beneficino o meno di Leader plus, e tutti gli operatori di sviluppo rurale (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b). A queste si aggiunge un quarto asse relativo alla gestione, sorveglianza e valutazione. Nell ambito di tali aree la Commissione ha indicato come tematica attorno alle quali sviluppare i Piani di Sviluppo Locale l uso di nuove tecnologie e know-how e miglioramento della qualità della vita, la valorizzazione dei prodotti locali e delle risorse naturali e culturali. La linea intrapresa con Agenda 2000 di rafforzamento del secondo pilastro nell ambito della PAC si consolida con la sua revisione di medio termine avvenuta nel settembre del La centralità posta dalla riforma agli interessi dei consumatori in termini di salvaguardia ambientale, sicurezza alimentare e degli animali, al cui soddisfacimento è condizionato l aiuto comunitario alle aziende agricole, sottolinea, infatti, l orientamento di spostare la PAC verso un indirizzo più generale, la cosiddetta ruralità, a cui saranno destinate quote crescenti di risorse. Tale indirizzo è esteso anche ai nuovi paesi entranti. La nuova politica di sviluppo rurale che prende vita in tale contesto completa la struttura introdotta con Agenda 2000 introducendo quattro nuove misure al menù precedente (Tabella 1) e correggendo alcune di quelle già in vigore. L obiettivo degli aggiustamenti è di introdurre interventi che sostengano gli agricoltori nell affrontare il nuovo scenario di politica agricola e di mercato. Nulla cambia in merito all approccio. La politica di sviluppo rurale si configura quindi 6 In base all art. 9 del Reg. CE n. 1260/99, lettera h, l assi prioritario individua ciascuna delle priorità strategiche inserite in un quadro comunitario di sostegno o in un intervento, cui si accompagnano una partecipazione dei Fondi e degli altri strumenti finanziari e le corrispondenti risorse finanziarie dello Stato membro, nonché una serie di obiettivi specifici. 6

9 come volta a realizzare un processo di crescita dei sistemi socio-economicoterritorioali o locali ed è destinata ad avere un ruolo sempre più di primo piano nell ambito della PAC e della politica regionale. Tabella 1 - Misure di sviluppo rurale disponibili agli Stati Membri dell UE Misure Reg. CEE 1257/99 Gruppo 1 ristrutturazione Gruppo 2 gestione e competitività dell ambiente e della terra - Investimenti nelle aziende agricole; - insediamento dei giovani agricoltori; - prepensionamento; - formazione; - trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli; - opere di miglioramento fondiario (art. 33); - ricomposizione fondiaria (art. 33); - avviamento di servizi di assistenza alla gestione agricola (art. 33); - commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità (art. 33); - gestione delle risorse idriche destinate all agricoltura (art. 33); - miglioramento delle infrastrutture rurali connesse allo sviluppo dell agricoltura (art. 33); - ricostruzione del potenziale di produzione agricolo danneggiato da calamità naturali e introduzione di mezzi di prevenzione adeguati (art. 33). - Zone svantaggiare e soggette a vincoli ambientali; - misure agroambientali; - imboschimento dei terreni agricoli; - altre foreste; - tutela dell ambiente in relazione all agricoltura, alla colture e alla conservazione delle risorse naturali, e al benessere degli animali (art. 33). Gruppo 3 economia e comunità rurale - Servizi essenziali per l economia e la popolazione rurale (art. 33); - ammodernamento e sviluppo dei villaggi, salvaguardia del patrimonio rurale (art. 33); - diversificazione delle attività agricole e delle attività affini allo scopo di creare attività plurime o fonti alternative di reddito (art. 33); - promozione del turismo e dell artigianato (art. 33); - ingegneria finanziaria (art. 33). Nuove misure introdotte con la riforma della Pac del 2003 Gruppo 1 ristrutturazione e competitività - Incentivi per gli agricoltori che partecipano volontariamente agli schemi europei o nazionali progettati per migliorare la qualità di prodotto o processo e che forniscano in tal senso garanzie ai consumatori; - Aiuti per altri schemi nazionali di qualità alimentare riconosciuti nei rispettivi programmi e coerenti con i criteri dell UE; - supporto temporaneo e regressivo per aiutare gli agricoltori nella fase di adeguamento agli standard dell UE in termini di condizionalità poste; - sostegno per l introduzione del sistema di audit aziendale. Fonte: Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura (1999); European Commission Agricultural and Rural Development (2003). 7

10 4. IL MODELLO DI SVILUPPO PER LE AREE RURALI L obiettivo dello sviluppo rurale, vale a dire la crescita dei sistemi socio-economicolocali, rende centrale la comprensione di come il territorio-rete (Salone, 2000), frutto della sedimentazione di fattori storici, sociali e istituzionali del contesto locale, sia in grado di determinare uno specifico percorso di sviluppo di un area che assume tratti caratteristici e distintivi rispetto a quelli di altre (Distasio, 1995; INEA, 1999). Il territorio, come fonte di conoscenze contestuali, cioè che nascono in un particolare contesto di esperienza, integrandosi con il sapere codificato, vale a dire proiettandosi nel globale, diventa fattore competitivo strategico in grado di determinare il successo di un sistema territoriale differenziandolo dagli altri (Brusco, 1994). Si assiste, quindi, alla definizione di una logica di crescita diversa da quella prevalente di tipo settoriale e che consiste nel percorrere differenti stadi di uno stesso modello nell ambito del quale le diversità territoriali sono destinate a scomparire per dar sazio alla omogeneizzazione intesa come prodotto della modernizzazione. Con lo sviluppo rurale le differenze locali vanno invece comprese e valorizzate per rafforzare l identità e la cultura locale che sono fattori strategici di crescita. L approccio allo sviluppo parte, dunque, è di tipo bottom-up, va gestito in maniera decentrata con la partecipazione degli attori sociali e sviluppato attraverso interventi integrati. Anche la finalità ultima del processo di crescita si modifica diventando non più solo tecnico-produttivo ma soprattutto economico-sociale (Tabella 2). In tale ambito, trova giustificazione la politica di pianificazione rurale in grado di valorizzare il livello di integrazione e diversificazione da cui dipende crucialmente lo sviluppo di tali aree (Malassis, 1992). Si tratta pertanto di superare l approccio di matrice urbanistica oggi prevalente per adottare una modalità di gestione globale del territorio rurale che sia in grado di tener conto della generalità delle funzioni svolte dal territorio stesso e di risolvere le conflittualità che tra esse si manifestano (Franceschetti, 1995). Lo sviluppo rurale non è più sinonimo di crescita del settore agricolo (Iacoponi, 1996; Saraceno, 1994a; 1994b) e anche lo sviluppo del primario va letto e interpretato nel più ampio contesto della crescita dei sistemi agro-alimentari locali 8

11 Tabella 2 - Confronto tra modelli di sviluppo tradizionali e delle aree rurali Elementi Modello di sviluppo tradizionale Modello di sviluppo delle aree rurale Processo Unilineare Multilineare Durata Breve-medio termine Medio-lungo termine Obiettivo Tecnico-produttivo Economico-sociale Finalità Modernizzazione Valorizzazione risorse locali Approccio Dall alto e settoriale Dal basso e integrato Modalità Esogeno Endogeno Fattori strategici Effetti Ruolo degli attori locali Gestione centralizzata Aumento produttività Neutralità del territorio Interventi settoriali Omogeneizzazione Disgregazione identità Crescita settoriale Passivo Fonte: ns. elaborazione INEA, 1999; Hoffmann, Gestione decentrata Bisogni collettivi locali Centralità del territorio Interventi integrati Differenziazione Rafforzamento identità Diversificazione Attivo nell ambito dei quali l obiettivo diventa il rafforzamento delle reti di relazioni funzionali qualificate tra i diversi attori che lo compongono attraverso una sempre più stretta interazione tra istituzioni pubbliche e organizzazioni private e valorizzando le risorse specifiche che offre il territorio 7. In questo modo è possibile raggiungere una elevata specializzazione produttiva e competitività soprattutto nelle produzioni tipiche e di qualità. Più in generale, l organizzazione di un sistema produttivo locale crea valore aggiunto specifico consentendo di realizzare economie di scala, migliorando la sua capacità di adattamento la sua attitudine all apprendimento collettivo e quindi di innovazione a livello locale (Distasio, 1995; Sassi, 2001). In tale ambito, l ente pubblico acquisisce un ruolo centrale per la comprensione, lo sviluppo e il sostegno delle condizioni storiche, sociali, economiche e culturali che promuovano lo sviluppo endogeno delle aree rurali, processo che può essere 7 Tra le risorse specifiche che offre il territorio si annoverano la competenza della manodopera, la presenza dell Università, per i suoi effetti sul capitale umano e l appoggio ai trasferimenti tecnologici, e l accesso a specifici servizi come quelli finanziari. 9

12 innescato solo se sono presenti due fattori fondamentali, le capacità organizzativoimprenditoriali e conoscenze e attitudini sociali contestuali. 5. IL SISTEMA DELLA PROGRAMMAZIONE PER LO SVILUPPO RURALE IN ITALIA Con Agenda 2000 gli aspetti relativi alla programmazione 8 per lo sviluppo rurale vengono modificati in modo significativo. Essi, anzitutto, sono estesi a tutto il territorio dell UE e non solo alle zone Obiettivo e il loro finanziamento proviene anche dalla sezione Garanzia del FEOGA, canale che nel passato era dedicato esclusivamente alla politica di mercato o alle misure di compensazione diretta. In questo modo lo sviluppo rurale rientra nella più ampia categoria delle politiche regionali (INEA, 2000). Nella Tabella 3 sono elencati i diversi programmi di sviluppo rurale e il sostegno previsto per l UE-15 tra il 2000e il 2006 e per i paesi nuovi entranti nel periodo La programmazione delle misure di sviluppo rurale si articola in tre direzioni. Gli interventi nelle regioni ricadenti nell obiettivo 1 devono essere coerenti con il Quadro Comunitario di Sostegno (QCS) 9 e integrati nei Programmi Operativi Regionali (POR) 10, mentre quelli delle zone obiettivo 2 devono essere formalizzati nei Documenti Unici di Programmazione (DocUP) Per programmazione si intende il processo di organizzazione, decisione e finanziamento effettuato per fasi successive e volto a dare attuazione ai PSR. 9 Sulla base dell art. 9 del Reg. CE n. 1260/99 lettera d) Il Quadro Comunitario di Sostegno è il documento approvato dalla Commissione d intesa con lo Stato membro interessato, sulla base della valutazione del piano presentato dallo Stato membro stesso e coerente la strategia e le priorità di azione dei Fondi e dello Stato membro, i relativi obiettivi specifici, la partecipazione dei Fondi e le altre risorse finanziarie. Tale documento è articolato in assi prioritari ed è attuato tramite uno o più Programmi Operativi. 10 L articolo 9 del Reg. CE n. 1260/99 lettera f) considera Programma Operativo il documento approvato dalla Commissione ai fini dell attuazione di un QCS, composto di un insieme coerente di assi prioritari articolati in misure pluriennali, per la realizzazione del quale è possibile far ricorso a uno o più Fondi e ad uno o più degli altri strumenti finanziari esistenti, nonché alla BEI. 11 La lettera g) dell art. 9 del Reg. CE n. 1260/99 definisce Documento Unico di Programmazione un documento unico approvato dalla Commissione che riunisce gli elementi contenuti in un QCS e in un programma operativo. 10

13 Tabella 3 La programmazione Programmi Numero programmi Co-finanziamento FEOGA sezione Contributo dell UE (Euro miliardi) UE-15 periodo Sviluppo rurale 68 Garanzia Reg. CEE 1257/ Ob. 2 con misure di sviluppo rurale 20 Garanzia Ob. 1 con misure di 69 Orientamento 17,5 sviluppo rurale Leader + 73 Orientamento 2,1 Nuovi entranti periodo Sviluppo rurale 10 Garanzia 5,8 Reg. CEE 1257/99 Ob. 1 con misure di sviluppo rurale 9 Orientamento 2,0 Fonte: European Commission Agricolture and Rural Development, Il sistema di programmazione delle misure fuori Obiettivo fanno, invece, riferimento al Piano di Sviluppo Rurale (PSR) elaborato al livello geografico ritenuto più opportuno da ciascuno Stato Membro. In Italia il livello territoriale di riferimento è quello regionale nell ambito del quale si è optato per una programmazione integrata nel PSR degli interventi di sviluppo rurale delle aree ricadenti nell Obiettivo 2 e previsti dal Reg. CEE 1750/99. Il territorio nazionale è quindi bipartito in: - Regioni Obiettivo 1, il Sud, i cui interventi co-finanziati dal FEOGE- Orientamento sono inclusi con la programmazione degli altri fondi nel QCS e nei POR e che hanno dovuto predisporre appositi PSR per le ex-misure di accompagnamento e le indennità compensative; - Regioni fuori Obiettivo 1, il Centro-Nord, che fanno riferimento alla sola programmazione del PSR 12 (INEA, 2000). 12 Ciò ha fatto si che in Italia, nonostante l obiettivo di semplificazione introdotto da Agenda 2000, il numero dei documento programmatici sia elevato. Per il periodo di programmazione si annoverano, infatti, un QCS, sette POR e Complementi di programmazione (i documenti di attuazione della strategia e degli assi prioritari degli interventi, contenenti gli elementi dettagliati a livello di misura), ventuno PSR, quattordici Doc.UP, e 21 Leader plus (INEA, 2000). 11

14 Infine, la programmazione Leader plus i cui interventi, realizzabili all intero territorio nazionale, sono indicati nei Piani di Sviluppo Locale. Il sistema di programmazione per lo sviluppo rurale realizza i principi di politica rurale stimolando una significativa competenza nelle lettura delle potenzialità del territorio di riferimento e nel trasformare tali punti di forza in un processo di sviluppo sostenibile e integrato formalizzato nel piano di sviluppo. Il territorio rurale può essere visto come un insieme di attori, regole e ambiente le cui caratteristiche si sono definite nel corso del tempo e che determinano l identità e la culture locale (Figura 1). Tali elementi esprimo specifiche conoscenze, interessi, obiettivi, strategie, vincoli e opportunità la cui mediazione e coordinamento porta alla definizione del programma di sviluppo rurale. L attuazione di quest ultimo determina nuove regole, ruoli, strategie, vincoli e opportunità che stimolano l innovazione a livello locale la quale agendo sui fattori locali promuove lo sviluppo del territorio rurale. Gli elementi che compongono il territorio cessano di conservarsi per inerzia e assumono una dimensione dinamica diventando grandezze che devono essere continuamente valorizzate nella globalità la quale è condizione necessaria per catturare le conoscenze de-contestualizzate su un mercato più vasto possibile (Rullani, 1997). Nel processo descritto i protagonisti sono gli attori locali i quali sono chiamati a pensare e realizzare interagendo tra loro il sentiero di crescita dal basso del territorio rurale. Il punto di arrivo e di partenza della programmazione è rappresentato dal territorio rurale che deve essere continuamente analizzato, attivato e modificato per stimolare il processo di crescita endogena, sostenibile ed integrata (Figura 2). 6. L ATTUAZIONE IN ITALIA DEL MODELLO DI SVILUPPO RURALE NELLA PROGRAMMAZIONE L INEA nel Rapporto del 2000 sulle politiche di sviluppo rurale sottolinea come nella programmazione oggi in corso la maggior parte dei programmi non 12

15 Figura 1 Processo di definizione dei piani di sviluppo rurale DIMENSIONE GLOBALE INNOVAZIONE A LIVELLO LOCALE S T O R I A TERRITORIO RURALE - ATTORI (sociali, enti locali, imprese) - REGOLE (istituzionali, sociali, culturali, economiche, etc.) IDEN TITA E CULT URA LOCA Conoscenze, interessi, obiettivi, strategie, vincoli, potenzialità Piani di sviluppo rurale - Piani di azione Nuove regole, ruoli, attori, strategie, vincoli, - AMBIENTE LE locale opportunità DIAGNOSI TERRITORIALE E ATTIVAZIONE FASI MEDIAZIONE E COORDINAMENTO DEFINIZIONE ATTUAZIONE E GESTIONE PROTAGONISTI ATTORI LOCALI 13

16 Figura 2 Processo di analisi e di attivazione del territorio Diagnosi territoriale Attivazione dialogo sociale Identificazione cultura e identità territoriale Trasferimento risultati al soggetto decisionale (Regione, Gruppi di Azione Locale) Dimensione globale Piano di sviluppo rurale e Piani di Azione Locale Processo di sviluppo territoriale 14

17 individuino priorità territoriali o tematiche nella destinazione dei finanziamenti, ma questi ultimi sono spalmati su politiche di sviluppo rurali diffuse (INEA, 2000). Ciò viene, in parte, imputare alle rigidità introdotte dai regolamenti nella pianificazione finanziaria, alla eccessiva articolazione della struttura degli interventi e ai vincoli di carattere temporale e finanziario (Vettoretto, 2003). Tuttavia, una responsabilità importante va ricondotta alle scelte assunte dalle regioni in fase di preparazione dei PSR (INEA, 2000). Questo aspetto si rileva con chiarezza analizzando i documenti di programmazione delle politiche di sviluppo rurale 13. In essi si osserva, in particolare, una grave carenza nella individuazione della specifica rete e organizzazione di relazioni che legano la storia, gli attori, le regole e l ambiente al territorio e nel loro monitoraggio durante la fase di implementazione dei programmi. Nei PSR prevale, inoltre, l impostazione settoriale e non sistemica del contesto economico di riferimento che rappresenta uno degli elementi centrale nella definizione di sentieri di crescita endogeni. Infine, solo raramente si fa cenno alla proiezione dei sistemi locali nella dimensione globale con il rischio di considerarli come sistemi chiusi agli stimoli esterni. Dalla relazione sullo stato di attuazione finanziaria degli interventi previsti dai PSR effettuata congiuntamente dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dall INEA (2003a) emerge che la qualità e l ammontare della spesa risentono pesantemente delle misure degli impegni relativi alle misure di accompagnamento che si riferiscono alla precedente programmazione. Queste ultime assorbono una buona parte delle risorse stanziate per la nuova fase di programmazione soprattutto nelle Regioni Obiettivo 1 in cui esse rappresentano il 75% del totale della spesa pubblica. Nelle Regioni fuori Obiettivo 1 l influenza di tali impegni pregressi è minore, ma si attesta comunque al 22% degli stanziamenti complessivi. In queste ultime regioni si osserva, inoltre, che nell ambito della spesa strutturale una quota rilevante di risorse è destinata agli investimenti e all insediamento dei giovani 13 Per un analisi dei documenti di programmazione delle politiche di intervento rurale si veda il sito Osservatorio politiche strutturali 15

18 mentre minore attenzione è prestata alle misure dell articolo 33 volte a realizzare uno sviluppo integrato delle aree rurali (Figura 3). Figura 3 Programmazione della spesa pubblica per categoria di misura Regioni italiane fuori Obiettivo 1 Altre misure forestali 5% Valutazione 0% Misure articolo 33 14% Indennità compensative 5% Accompagname nto vecchio regime 22% Misure in corso 1% Investimenti 24% Insediamento giovani 6% Formazione 1% Accompagname nto nuovo regime 22% Fonte: Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003a. Con riferimento ai progetti Leader si riscontrano spesso forti ritardi nell attuazione e notevoli ostacoli alla piena utilizzazione delle risorse legati anche alle difficoltà di carattere burocratico-amministrativo (INEA, 1998; 1999c, Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, INEA, 2003b). L elemento però forse più rilevante alla fine della definizione di un modello di crescita endogeno, integrato e sostenibile del territorio rurale è la necessità di creare un legame forte tra queste Iniziative comunitarie e gli altri programmi di sviluppo rurale (INEA, 2001). Nella maggior parte dei casi questa relazione è venuta a mancare con il risultato che i Leader non sono riusciti ad andare al di là del loro specifico ambito di azione rivestendo un ruolo marginale nell ambito della programmazione regionale. 16

19 7. CONCLUSIONI: UNA PROPOSTA OPERATIVA Lo studio svolto ha evidenziato come il modello di sviluppo rurale pensato dall Unione Europea consista in un processo di crescita dei sistemi socio-economico locale. Dalla revisione dei documenti di programmazione delle politiche di intervento rurale è tuttavia emersa, tra le altre, la difficoltà di definire interventi che promuovano un processo di crescita endogena dei sistemi socio-economico locali proiettati nel globale. L analisi dell identità e della cultura territoriale deve essere, invece, intesa come un progetto, prima di ogni progetto, capace di costruire un quadro del contesto locale chiaro e trasparente, di individuare gli interressi in gioco da parte dei diversi attori e quindi di delinearne le criticità. Si tratta di una fase capace, soprattutto, di valorizzare appieno il mandato politico delle amministrazioni locali, quello di trasformare le esperienze innovative che nascono dall area di riferimento in politiche di sviluppo. In tale direzione, si sottolinea l importanza per l Ente Locale di dotarsi di una struttura di analisi permanente di supporto alla progettazione dello sviluppo del territorio rurale e al servizio della progettualità dei Gruppi di Azione Locale. Si dovrebbe trattare di Laboratorio di Sviluppo Rurale (LSR) che con mandato il politico-istituzionale diventi punto di riferimento forte per gli attori del territorio anche attraverso una rete di collegamento con le istituzioni di livello inferiore. Per le amministrazioni regionali il riferimento legislativo potrebbe essere la Legge 17 maggio 1999, n. 144, art. 1 14, che prevede la costituzione di unità tecniche di supporto alla programmazione, alla valutazione e al monitoraggio degli investimenti pubblici. Le principali funzioni che dovrebbero essere svolte da tali LSR possono essere così sintetizzate: a. diagnosi territoriale funzionale allo sviluppo rurale integrato e alla creazione di partnership; 14 La Legge 17 maggio 1999, n. 14, fa riferimento alle Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all occupazione e della normativa che disciplina l INAIL, nonché disposizioni per il riordino degli enti previdenziali (Gazzetta Ufficiale n. 118 del 22 maggio 1999 Supplemento Ordinario n. 99). 17

20 b. attivazione del dialogo sociale attraverso la creazione di gruppi di partecipazione locale (Forum); c. identificazione della cultura e dell identità territoriale come risultato della sintesi dei risultati delle due fasi precedenti; d. trasferimento risultati al soggetto decisionale della politica di sviluppo rurale. Queste fasi rappresentano un ciclo continuo come esposto nella Figura 2 precedentemente presentata. Poiché l obiettivo dello sviluppo rurale è economico-sociale, diventano rilevanti le competenze del gruppo di analisi che deve necessariamente essere interdisciplinare e dotato di capacità di mediazione di interessi. Tali conoscenze attualmente si formano prevalentemente attraverso l esperienza pratica dei soggetti che sono preposti a realizzare la partecipazione nei programmi di sviluppo e non trovano fondamento in uno specifico progetto formativo. Diventa, pertanto, centrale creare figure professionali che posseggano idonei strumenti di lavoro. Le competenze di mediazione di interessi dovrebbero essere possedute da ciascun figura tecnica dell unità di analisi del LSR ed esercitata secondo le proprie competenze e ambiti di azione e successivamente sintetizzata dal team di lavoro stesso. In altri termini, ciascun componente dovrà possedere le conoscenze specifiche del proprio sapere professionale (economiche o sociali o giuridiche, e così via), saper colloquiare con altre figure professionali, quindi avere una formazione di base multidisciplinare, e mettendo insieme i risultati derivanti dalla propria azione di analisi e di mediazione definire gli elementi di forza del territorio (conoscenze, ruoli, strategie, vincoli e potenzialità) tra i quali le Regioni e/o i GAL potranno scegliere quelli su cui fondare i loro interventi di sviluppo rurale. La fase della mediazione verrebbe pertanto affidata ad un team e non ad una sola persona, come suggerisce la prassi della programmazione negoziata (Riccione, 2002), con il vantaggio di ridurre significativamente il rischio spesso percepito di interpretazione troppo soggettiva del territorio e di disporre di un risultato che fa riferimento a competenze altamente qualificate. 18

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR ARDAF e Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Roma Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR «La riforma della PAC e l attuazione del nuovo regime dei pagamenti diretti in Italia:

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE 4.1 Dallo sviluppo agricolo allo sviluppo rurale Le zone rurali (che costituiscono circa l 80% del territorio comunitario) sono generalmente caratterizzate da una prevalenza

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Buongiorno a tutti! Il mio nome è Francesco Riganti Laureato in Scienze Politiche

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI I fondi comunitari non sono solo una fonte finanziaria supplementare ma anche e soprattutto uno stimolo all

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Assessore Regionale Luca Braia Giovanni Oliva - Vittorio Restaino Dipartimento Politiche Agricole e Forestali - Regione Basilicata Potenza - Sala

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale. Alessandro Monteleone, INEA

La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale. Alessandro Monteleone, INEA La riforma delle politiche di coesione e le implicazioni per lo sviluppo rurale Alessandro Monteleone, INEA Roma, 27 luglio 2005 La riforma dei Fondi strutturali e delle politiche di sviluppo rurale Luglio

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia I sostegni alle imprese agricole per la competitività e la diversificazione dei redditi Zola Predosa 29 ottobre 2011 Zola fa agricoltura

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus)

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Protocollo d intesa tra Regione Toscana e Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Consolidamento e sviluppo della collaborazione per attività cooperazione internazionale nel settore dell'accesso

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli