LA BASILICA DI S. MARIA MAGGIORE A ROMA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BASILICA DI S. MARIA MAGGIORE A ROMA."

Transcript

1 LA BASILICA DI S. MARIA MAGGIORE A ROMA. (COl/liIlU"ziolle e fil/e 1!edi jascicolo ge'liiaio). Da tutti questi esami si può ricavare che i laterizi usati nell'antica fabbrica di S. Maria Magg'iore hanno diverse provenienze, ciò che può farci creclere che l'opera della costruzione della suddetta elehba attribuirsi ad. età tarda (basso impero), in confronto a quella classica, in cui il materiale laterizio usato era cii uguale composizione. L'uso poi fatto di cotto pill resistente nell'architrave (cii cui i mattoni hanno una superficie di m. 0,19 X 0,013 e m. 0,04 di spessore) e nel cornicione (m. 0,25 di altezza, m. o, I 2 di larghezza, m. 0,03 cii spessore) ci dimostra che i costruttori clella basilica seguivano ancora le buone regole di costruzione dell'età classica che consigliavano l'impiego di materiale scelto nei membri architettonici (l). La struttura a cortina clella navata centrale (fig. 7) continuava nella parete sinistra legata all'arco trionfale, come si può veclere nella fig. S che riproduce un residuo del muro originario là ancora esistente, e raccordato Fig. 7. (FOI. Gabillello,l:lil/. P. Islr. ). Particolare costruttivo dei muri della Ila \'ata centrale. con la muratura trecentesca all'epoca dei grandiosi lavori eli Nicolò IV. Anche sotto gl'intonachi della nave centrale e clelia parte posteriore cieli 'arco trionfale, da me in alcuni punti rimossi, twvai un'identico materiale e simile disposizione e collegamento di laterizi e malta (fig. 8). Traforando poi il muro nel suo spessore potei constatare che la riempi tura del medesimo è di rottami di mattoni e tegole vecchie con abbondantissima malta d'impasto grossolano ma assai tenace. (I) Si avverte qui bene che tutta la trabeazione col sovmpposto corniciolle che corre sui colonnati di S. Maria i\laggiore è di l1iattoni: qllesti fra una colonna e l'altm sono posti verticalmente. Quando feci rimuovere la decorazione del piano d'imposta dell'architrave, sotto la meclesima si trovò che la struttura li1uraria è sostenuta eia un fascione eli ferro largo III. 0,12 e dello spessore di ,07: dne staffoni a t, in grossen<l con grappa internata nell' arco in piano sostengono detto fascione che va ad il1lpostarsi sui capitelli (fig. 2).

2 Pure lo s tra to o letto di ma lta fra i p ezzi di ma tto ni cli,'posti a fil a ri n elle cortine d ell e mura t'.. mollo spesso e talvolta rrtggiung e l'altezz a. di 7 centime tri (I l, N ella mal ta suddetta s i trova no spa rse abbonda n teme n te piccole scori e rosse elette volgarme nte ere/olli con frammentini di la va le ucilica ed a nch e cristalli icositetraedri be n conservati di lellcite, L'impasto d ell a nostra malta fu t~ltt o certame nte con pozzolalle rosse lazi a li proveni e nti da lle cave s ulla via Prenestina in prossimità cii Ronn, L e medesime ma lte ha nno fatto ottima presa e riesce difficile distaccarn e campio ni. Oltre le esplorazioni sopra d escritte, e fa tte nelle mura a ntir:he di S. M a ri a M aggiore, ne feci altre in va ri e p a rti nelle fondazioni delle ste,-'se mura perimetrali e ne ll e soltofo nelazi oni dell e colonne d ella nave media na: trovai che le medesime sono in ope ra ceme ntizia (c alcestruzzo) co mposta di soli tufelli (2) co n a bhonda ntissima malta, Come osserva gius ta mente il chia rissimo a rchitetto G, B, G iovenale (cui sottoposi il quesito <l ei p erch è furono adop e ra ti ne ll.e soprafonda.zi oni solo fra m, menti di laterizi, mentre nell e fo ndamenta ve nne ro usati solo tufelli) è logico che nelle fondazi oni non si ri scontri tegolozza p erchò questa, onde essere adop e ra ta nell'ope ra ce me ntizia (calcestruzzo), a vrehbe richiesto un inutile la vo ro di trituramento che iuvece nella sopra,;truttura no n a b bisogna va. l tufehi poi provenendo cla ll e d em olizi oni aveva no la dime n,;i o ne n ecessaria p e r un calces truzzo O fa cilmente c i,;i p oteva 110 ridurre. Ahbenchè il tufo resista assai me no ciel late rizi o alla compressione purtuttavia e ra sufficie nte a sopporta re il carico assai limita to <li ulla basili ca al tipo romano (3), (I) Nei tempi Illig-li ori (I ~ ec, d, C. ) il letto cii malta è ~o llili ss in lo e poi, in epoche successive, cresce fin o a rag-g: uag-liare e supe ra re lo spessore d e i m attoni come ne l elso nostro, (2) A nche pe r l'esame di questi tufe lli ricorsi alla cortesia e compete nza dd s ullodato pro f. :\<1 eli, il quale osse r\'atine alcuni campio ni rile vò che a ppa rte nevanr; al tllfo \'llicanico, litoide, di colo r g-i alio r ossastro (g-ia llo-lio nato pe r il SIlO calure a n>ll og u a ljuellu d e lla pe lle cie l leone ), e che fu ado pe rato dagli a ntichi, che lo c hiamaro no lapis r ube?', Di questa roccia par \::n o S traoo ne, Vitruvio, Plinio, ecc, Inte ress;lnte è 1111 P ;ISSO di Straho ne (Geo,lp'aphill,lib, \ ), il quale dice cile «t', Jnio scorre (a valle di Ti\'o li ) in lilla pianura fertile presso le Ciwe della pietra liburtillll (il nostro trave rtino) e cabiua (il pe pe lino :;;,ijino, usato ne l /Ilurag lio ne d e ll'a rco d e i Pantani e nelle antiche 111 ma, sulle lju;lii è costruito il Palazzo Sellat() rio sul Campidoglio) r di quella delta r OSSII, talchi: t'estrarre e trllsportare da queste cave le pietre L' cosa facite e di esse sono costr uili JWJlti edi/ià di Noma», Anche Vitruvi() scrive che ne ll e fabbriche si u;;;lva il lapis ruber, le cui cave rilllangono vicine a ROllla (I ii ), I, Glp, 7), 11 tufo litoide, g iallo-lion;ltu, si trova in p <l recchie localitù dei dinto rni d i ROlila e ne ll 'iutemo anche cl elia stessa c itlil, co rn e alla Rupe T a rpe a, al P,tl atino, alla :VIoletta 5,)tto l'.'\\'cntino, ove ve nne cavato lino a pochi anni fa, Ne i dinto rni di Ro ma è cavato alla Sedia d el Diavolo pre sso la via Nome nta na; a po nte ì\'la lllmolo s ulla v ia Vale ria, oggi Tihurtin<t; a 'l'o r l'ig nattnra; a Monte VenJe s ulla vi<l l'ortn e ll~e ; a maggior dbtanza ~i trova a Lun:; hezza, a Zagaro lo, a Lal )ico, Valmo nto ne, c cc, Rig uardo alla localit;\ d a lla q uale potero no p ro babiltne nte prove nire i campio ni di tnfo tro vati ne lla fo nd azio ne ci i S, Mari;1 ì\i;l g'!-('ìore, che furun o pre se ntati all'esame, te nutuconto de ll 'asp etto j'acies, che p resenta no i franlme ntini, si può cred e re che potessero prove nire d a lle cave, aperte ne lla v; tll e d e ll 'Ani e ll e, cioè, o dalla Seclia del D iavolo presso S, Agnese sulla via N o me ntana, od anche meglio, dalle vecchie cave, acce nnate nel passo di S tl abone, sopra riport,lto, che so no lungo la a ntica via Vale ria, lie ll e vicillanze di ponte Manllllv lo, (3) Infatti le m ura pe rillletr ali antiche de lla bas ilica, \;'t d ove si co nse rvano intatte, hallllo lo spesso re d i circa 111, 0,80, Le nllira d e lla liavata ci i n1e7.zo sulle colo nne hallno pure esse un ugua l sp essore, 18 - Boli, d'arie,

3 Gia sopra accennai che l'architrave è tutto di laterizio e gli spazi da una colonna all'altra sono a piattabancla in mattoni (I). Questa maniera di costruzione ci dà la prova che l'edificio non può rimontare all'epoca classica, quando la traueazione sui colonnati si usava farla sempre di marmo con architrave monolitico. Non è argomento sufficiente per attribuire un'alta antichità a un edificio il trovarsi in esso le file di colonne coronate da epistilio come qualcuno afferma: uno dei caratteri più salienti delle costruzioni basilicali è la lunga prospettiva offerta dai colonnati delle navate, la quale Fig (Fot. Gabillello l1lill. P. 1str.) Particolare costruttivo del muro a sinislra clell'arco trionfale. richiedeva grande semplicità e nitidezza di linee, cui in pratica, nulla meglio corrisponde della trabeazione; e da ciò si può dedurre la persistenza di questa nelle costruzioni basilicali anche in epoche tarde. Sappiamo infatti dalla storia e ci risulta anche da antichi disegni che, nella basilica vaticana fatta costruire da Costantino nel sec. IV" sulle colonne correva un architrave continuo, ed altrettanto si osserva tuttora nella basilica costantiniana di Betlem; cosa che vediamo anche nel portico, ricostruito l'anno 367, degli Dei Consenti nel Foro Romano. Alcuni campioni della malta delle mura antiche e delle fondamenta di S. Maria Maggiore furono esaminati nel Laboratorio cii chimica applicata ai (I) Gl'intercolunni non sono tutti uguali, ma lo spazio fra le colonne varia cla 111. m. T,85. 2,26 a

4 materiali eia costruzione presso la R. Scuola degl'ingegneri eli Roma: in nota riporto il resoconto dei saggi eseguiti (I). Da questi risulta che furono adoperate le malte grasse per la soprastruttura e quelle magre per le fondazioni. Conforme alle prescrizioni delle buone regole dell'arte muraria, le quali seguitarono ad osservarsi in Roma, anche ad epoca tarda, selbene un po' imbastardite. La malta magra, ossia un pitl ricco impasto di pozzolana, si usava nelle strutture che non dovevano fare gran resistenza; così nelle fondazioni le quali generalmente scavate nel sottosuolo ed incassate avevano il solo officio di sostenere la sqpraelevazione; mentre si usava la malta grassa ottenuta dalla calce grassa (2) ch' è più scorrevole, come la colla, nella soprastruttura per l'efficace collegamento dei paramenti con l'empleeto1z (3). Dopo tutti questi esami fatti sulla fabbrica di S. Maria :Maggiore per il sistema della sua costruzione nonchè della sua forma costruttiva ritrovate uguali in tutte le principali parti del sacro tempio, credo di potere concludere che questo non fu edificio restaurato, ma ricostruito dalle fondamenta. (I) Campione L Campione II. Fondazioni. lvluri di elevazione. Perdita di peso { acqua al fuoco anidride cnrbonica Calce r3 00 Pozzolana - per differenza Totale rao.oo Per cui astraendo dall'acqua e dall'anidride carhonica, cloe riportandod alle malte al momento dell'impiego e secche si avranno per esse le composizioni seguenti: Calce Pozzolana. Totale Campione l. M,alta magra I. r8 roo.oo Campione Il. ~'Ialta grassa Ora si sa che le malte I: 3 di calce e pozzolana di Roma corrispondono in peso a r 1.02 di calce per di pozzolana, se la calce è grassa e di calce per cii pozzolana, se la calce è magra. 1.1 campione n. II adunque è stato co nfezionato co n quantità anche eccedenti il dosa mento.1 : 3 per quanto si riguarda alla calce; nel campione I invece il qu<lntitalivo di calce è inferiore al richiesto per detto d osa mento. Roma, 23 maggio 1914 D ott. GINO GAU.O Dott. GIACO)'IO CENNI Rendo, per questo es:lme chimico, vivissime grazie all' illustre Prof. G. Giorgis ed ai suoi dne egregi assislenti qui sottoscritti. (2) Calci grasse si dicono quelle che si ricavano medi;;nte cottura dei calcari che conteng'ono il 50 per cento all'incirca di ossido di calce e senza contenere ossido di magnesia (magnesia). La calce grassa impastata con la pozzolana nel rapporto dovuto dà ottima malta. (3) Le mura infalti degli edifici s opra terra,oltrechè doversi reggere su se stesse debbono anche sostenere il peso e la spinta delle opere interne che premono sulle medesime.

5 La nostra f:lbbrica poi non può rimontare affatto ai secoli II e III (I) come giustamente osserva Rivoira, opponendovisi la struttura ciel suo visibile paramento (già sopra descritta) avvegnacchè siffatta nuda cortina frammentizia è ben lungi dall'essere «il bell'apparecchio» ri chiamante la muratura dei tompi di Adriano (a. I ): e non è neppure quello seguito in Roma insino ai giorni di Costantino. Nessun conosci tore dell'arte d el murare di quei secoli potrà contraddire a simile affermazione che, d el resto, è di facile controllo, non difettando l'urbe di struttura laterizia dei m ede. imi secoli. Basta raffrontare il paramento esterno 'della nostra ba. ilica coi rivestimenti di uguale specie degli edifizi sorti in Roma in tali età: Pantheon (a. I20-I24)pergiungere alle costruzioni palatine e termali di Settimio Severo e Caracalla (193-2 '7) e terminare alla Curia ecl alle terme cii Diocleziano (a ) nonchè alla basilica nova di Massenzio e Costantino (a. 3/0-3 I 2). E traendo pure argomento dalle ghiere degli archi nelle finestre di S.. Maria Maggiore che sono (Fol. Sansail1ij. Fig La hasilica di S. Maria Maggiore ai tempi di Sisto V. per illtiero composte di cotto di spoglio talora martellato (per libe rarlo dal cemento che già altre volte aveva servito a legarlo) e disposto spesso in senso ve rticale (ciò che accusa una decadenza marca ta nell'arte c1ell'eçlificare) lo stesso Prof. Rivoira conclude con affermare che la detta basilica vuole essere assolutamente ascritta <Id un'epoca posteriore ai primi d el IV secolo e anteriore agli ultimi del V ( 2 ~. L'arg'omento però ch'è d ecisivo per assegnare alla prima metà del V secolo la nostra chiesa e che viene offerto dagli antichi mosaici che la decorano al- (I) G. T. Rrvo rra Li: origini dell'arc/liletlllra lombarda, Roma 1907, pp. 542, 543. La presenza sul tetto cl elia nostra chiesa di tegole con holli dei primi quattro secoli d ell'era cristiana, da cui l'vlo ns. Crostar osa vorrebbe trarre argomento per dimostr;lre l'a lta antichità d ella hasilica, indica semplicemente, secondo lo stesso Rivoira (I. C., p. 543) che l'edificio venne costrutto con mate riali frallllllèntizi. (2) In S. Sabina cominciata sotto Celestino (422-32) e consecrata da Sisto III il fo ndatore di S. Maria Mag-g-iore (chiese che perciò direi g-elllelle ed in cui si ritrova ugua le il largo ritmo e l'alta lnce piovente in esse dalle numerose e I;lrg he finestre d e ll e rispettive navate centrali) la mlllatma è quasi id e ntica a quella della hasilica mariancl esquilin<1. L'apparecchio dei paramenti e pressoché regolare anche in S. Sahina; solo il materiale late rizio adoperato in questa (e che proviene pure da demolizione) é più uniforme ed il letto di calce tra i filari di mattoui ragg iunge in essa uno spes;;ore massimo di cm. 4, me ntre in S. Maria l\lag-giore è perfino di cm. 7. In oltre anche in S. Sabina si riscontra l'osserv;lilza delle buone pratiche lilurarie, ma un po' imbastardite. In S. Maria ivlagg'iore però è più e \'idente il progressivo alterarsi delle forme antiche.

6 -CJ $1,..,,/(,,1' cii ~/'''~". ;Ptlr!;rl!,.,. --_f,h ,.. ~T---- t ç,u )%, C.l.pj",lù co/~i,.5:r,s.a.f'... ""'1 Sd.fr~slh ~ ~ 'o: t'. Fig'. 10. '-' Pianta dimostrativa ddlc costruzioni di S. Maria r:laggiore fatta da nn disegno del Fugoa. \

7

8 l'interno, il Rivoira non lo prende in considerazione dichiarandosi incompetente a giudicare le pitture l11usive. Riferirò qui appresso brevemente gli esami che feci sulle medesime e le questioni che si agitano intorno alla loro età. De Rossi assegna al tempo di Sisto III (per un'iscrizione che glieli attribuisce) i musaici dell'arco trionfale di S. Maria :Maggiore e quelli della navata centrale ad epoca anteriore, e ciò lo deduce dagli intenti narrativi di questi mentre nei primi risultano intenti dottrinali. Però, con tutto il rispetto dovuto al grande maestro, debbo rendere noto che le constatazioni di fatto non convalidano l'opinione surriferita. Coadiuvato Fig ( Fo/. Gabinf'//o 111ill. P. 1s/,..). Parte superiore in prospettivn di S. Maria Mnggiore verso la pinzza dell'esquilino. da persona tecnica, lo volli fare alcuni tasti sui musaici dell'arco trionfale ed in quelli dei riquadri ( I) della navata. Le risultanze furono che le pitture musive sono aderellti alle murature di laterizio dell'arco trionfale e della navata centrale da cui le separa un leggiero strato d'intonaco (una specie di rinzaffo) che ordinariamente ha lo spessore di un centimetro (2 ). (I) [riquadri cii musaico hanno tutti la stessa altezza di , l1ientre la larghezzn non è mai uguale, ma varia da ,68 a m. 1,85; la spiegazioue cii questa differenza si ha nel vario spazio d ei S()ttoposti intercolunni. (2) Nei riquadri della parete sinistra c he gll3rc!;1 ("arco trio nlùle talvolta lo spessore dell'intonaco è maggiure. Ciò si deve alla poca regolarità d e lla costrnzione della parete. In S. Maria iv[aggiore le cortine delle mura originarie non sono perfettamente allineate j qua e là presentano rientramenti o sporg"enze, e quindi per pnreggiare la superficie dei riquadri a musaico l'intonaco dovette avere diverso spessore.

9 - J42 - Le tessere aderiscono a questo strato eli calcina fermate su cii esso c fra loro con mastice quasi sempre bianco ed in qualche parte rosso. L e medesime tessere differentissime per forma e spessore sono ug uali nel colorito e nella composizione chimica sia nell'arco trionfale sia nei riquadri della navata (I). Tale rassomig'li anza spicca in modo speciale nella tessere auree che la massa trasparente, jalina, i'icope rta di una sfoglia di o ro pallido Uii.EXfI!IJI')' Insomma la tecnica ricorre identica nei :udeletti musaici. Fig. 12, - (Fot. Gn/)fllello Mil1. P. ]'<"'.). Alzata cleltìanco ciel transetto di S. Maria Maggiore verso Est. Dal trovarsi le tessere aderenti al leggiero intonaco, che ricopre i paramenti sia dell'arco trionfale che della navata su cui trovansi i musaici, se ne deduce che, una volta accertata l'epoca clelia muratura sottoposta alla suddetta decorazione musiva se ne può a nche ricavare l'età di questa. (I) Tali cubi di ~malto (vetro colorito con ossidi metallici) sono per i vari colori az?urro, verde, l,ianco ecc. traslllcidi: solo le tessere rosse sono opache. Tra i cubi bianchi (vetro colorato con ossido di stagno) no n rinvenni mai tessere di marmo, ch'erano in uso per il colore bianco, ne i mllsaici più antichi e che si trovarono anche nel musaicll di S. l'ude nziana (ultimamente restaurato) ed anteriore a qllelli di S. :'Ilaria Ma~giore. Le tessere del fregio, che corre sull'architrave nella nave centrale della nostra chiesa, sono più grandi cii qllelle dell'arco e dei riquadri. I cllbi aurei sono di smalto rosso. Il mastice ;llltico che tiene terme le tessei e d ell 'arco e elei riqlla Iri è composto di calce e polvere cii marmo. (.)uello del fre;;io di calce e polve re di mattone. Nella basilica di S. Sabina quasi coeva della nostra, nel musaico che sta sulla parete interna in clli si apre la porta maggiore, dopo 1111 e~ame accurati) da me fatto del medesimo, ritrovai che la tecnica cii detto mllsaico è affatto ug uale a quella dei Illllsaici più antichi di S. Maria Maggiore. Le tesse re SO Il O ide ntiche per g randezza, composizione chimica, colore, ccc. I cllbi aurei hanno pure le sfoglie cii oro pallido (ricoperte da una specie di cristallino) su fondo ialino traspare nte. Diafane sono anche le tessere, dai colori leg-g'eri: azzurro, verdi no, carnicino, etc. I.'iscrizio ne antica ebbe pochi restauri; invece qllrtsi intieramente rifatte sono le due figure: Ilcclesia e,l' circumcisùme - l:-èclesia e,l: gentibus.

10 Credo di avere già sufficientemente provato che tali muri siano eia attribuire alla ricostruzione della 1Ji{silica fatta eia Sisto III: da ciò ne argomento che a questo Pontefice si clebbono assegnare gli antichi musaici, e non certo a tempi a lui anteriori..ma oltre a questa identità tecnica vi è anche quella iconografica; le foggie del vestiario, ad esempio, sono le medesime in tutti i musaici figurativi dell'arco e della navata, e se vi ('~ qualche divergenza negli angeli, che mentre nell'arco trionfale sono alati, nella nave sono invece apteri, ciò può facilmente spiegarsi con il modo cii comporre i musaici: questi invero essendo ingrandimenti cli bozzetti, poterono per le scene bibliche clelia navata, avere esemplari Fig (Fol. Gabillello Nill. P. 1slr.). Prospetto esterno del transetto di S. Maria Maggiore a norcl-est. in antichissimi codici miniati della Bibbia, nelle quali illustrazioni, secondo l'iconografia primitiva cristiana, gli angeli erano raffigurati senz'ali (I). Per l'arco trionfale in cui si dovettero rappresentare scene nuove, i decoratori furono costretti a fare opera originale e quindi poterono dipingere gli angeli con le ali che l'arte contemporanea aveva già cominciato a dare ai medesimi. Le differenze poi di elevatezza nella collcezione, di potere illusivo di rappresentazione e eli maniera ilei colorire impressionistico che si trova fra i musaici suddetti, è facilmente spiegabile con il mag'gior o minor valore e forse anche con le diversità cii tendenze degli artefici che collaborarono alla fattura cii quelli. Escludono invece una differenza cii età nei vari musaici clell'arco e della navata cii S,.Maria.Maggiore la tecnica, l'intento della decorazione che sono in essi sostanzialmente consimili. Tra Liberio, cui De Rossi ed altri vogliono attribuire i riquadri clelia navata, e Sisto III cui assegnano l'arco tronfale vi è una dit~ \I) Alcune cii queste osserv<lzioni le ho ricavate dalla pregevolissima Storia dell'arte italial/a dell'illustre Prof. PIETI,O TOEscA (Torino, 1914, voi. Ili, pp e note).

11 fe renn ci i circa ottant'mmi, sp azi o di tempo assai significativo p er l'arte di quei tempi che precipitava verso la decad enza. Fig Prospetto d ell'abside di S. Maria Maggio rel p rima de l resta uro cii Cle mente IX. Orbe ne se, p e r esempio, esamllllamo il quadro d ell'ospitalità cii Ahramo (ch e fu g iudicato eli età remoti ssima eia taluni che vorrebhe ro far risalire a cl epoca anch e anteriore a Liberi o i musaici d ei ri q uadri) v i troviamo eguale ri c ch ezza d i colorito nella s ua tecnica impressioni sti ca, un consimile gioco di espressione nelle figure, lo stesso delibera to studio di dare un'altezza ideale al rac-

12 - J45 - conto che nella decorazione dell'arco triont:tle. Altri consimili caratte ri stilistici si riconoscono in m olti riqllildri : in quello, -ad esempio, clove si rappresenta la adozione di,mos!\ fatta (]a lla fi g li a di F a raone; questa porta vesti ri cchis.: il1le ed è acconciata di gemme come la Ve;-gine sui musaici d ell'arco trionfale. Tali foggie fe mminili rappresentate in que ll a pittura musiva non hanno la semplicitù propria d ei primi secoli dell'impero e rassomigliano invece, nei drappi d'oro e negli orname nti di gemme a quella ciel principio del secolo V d. C. ([ l. L e presunte inte rpolazioni ch e vorrebbero ritrovare in questi musalcl r. P. Richter e A. C. Taylor ed altri non sono affatto evide nti. JJ1fine il realismo, ch e distinse lo stile classico, e, potente nel dare evide nza al racconto, è invece nei mllsaici di S. Maria }Iaggiore attenuato dall'intenzione cii re ndere pill maestosa la scena, d o ncl e que ll a si mmetria e quel disporsi di fronte delle fi g ure che poi prevalse sempre p ill nella pittura medioevale. Tuttociò ci d imostra che i nostri \1111 saici no n possono risalire ael alta antichità. La targa con la iscrizione dedicatoria di Sisto 111 ag'gillnta al centro dell'arco trionfale fu una doverosa me moria, ch e fo rse esclusa dall'umiltà di quel Pontefice, fu invece posta d all 'immedi a to o da a ltro s uccessore per ricordare l'opera mag nificentissi ma compiuta ad o no re della Madre di I>io, d a quel grande vescovo, mentre occupava il s ublime seggio apostolico. Da tutto quanto h o sopra rife rito e discusso si può conclude re che sono i nostri a ntichi musaici opera del V secolo; dimostrai pure ch e anche le pareti della Basilica sono di tale tempo, ossia del V secolo, il ch e confe rma pienam ente l'epigrafe dedicatoria surrife rita, che cioè Sisto 111 edificò un nuovo sa n tua rio (uova /cll/j>ia ) dedicandolo a Ila EhIlU;XIlr;, cosa che pure ci na rra clello stesso papa il Libcr j>oll/~/imlis (2). (I) La grande varietà dei vesti menti civili e milita ri indossati d alle nume rose tig-ure che sono ne ll e nostre scene Illusi ve costituisconu una pag-ina inte ressantissima della storia del costume nel V sec()lo; tali ripr()duzion i hanno anche il vantaggio di esse re eseguite in pittura. Su questo a rgollle niu spero di puter presto puhblicare uno stud io speciale. (2) Il cele bre padre Gi useppe Hian chini ( ) dell'oratorio che fn teste de l1isu dei grandiosi restauri fatti da Benedettu XIV nella Basilica di S. :\Iaria :\'Iaggiure, ci lasciò in una nota manoscritta che si cunserva alla Valli celli a na fra le s ue copiose schede (T 75, fol. 2S5 e ss.) queste prel.iose notil.ie degli SGlVi fatti a quell'epoca ne l sottosuolo della nostra chiesa : «Nello scavare sutto il pavimenw de lla Basilica, si è riconosci m o, che tutto il sito di le i in a ltri te mpi e ra occupato da faljl >r iche riguardevoli, e che in appresso e ra divenuto uno scaric:ltoio de' materiali inutili della citti!; esse n' losi trovato pieno di terra riportata mescolata d i pezzi di matto ne, volg'armente detti tavolozza, di calcinacci, di frammenti di ma rmo lavurato, d i cocci, e si & incontrato U11 intreccio continuo di muri, più o m<!llo profondi; altri de' q uali e rano lavorati a curtina, ed altri alla saracinesca. Si veduti di più due pozzi, uno de' quali stava nel portico, vicino <llla porta clelia nuova scala, dentro il q u,lie e ravi una piccola brocca cii rame; il secondo stava ne lla navata della Paulina, vicin o alla Cappella Sforza. Dove piil, e dove meno si sono anondati g li scavame nti nella Basilica, secondo il diverso bisognu della fabbrica. Pel fonda mento dell'altar Maggiure si è scavato a fo ndo palmi 58 pe r le sepolture gr,lihli palmi 20; per le piccole palmi 14 ; e fin almente palmi 8 in circa per le buche da pianta rvi gli stili e1e' po nti necessari pe r g li doratori, ed altri artisti. In tal congiuntura, o ltre le slldctette scoperte, sottu palmi 8 in circa, nella navata grande vicino alla porta ciel campanile, si è veduto un pavimento di musaico rappresentante un g rottesco d i ottimo gusto, la vor:lto con pietruccie hianche e nere. Francesco F icoroni, antiquario d i nota e rudizione, lo disse un vestigio del te mpio di Giunone Lncina. Sotto p,limi 9 1 / 2 nell a navata d ella Paulina, avanti alla Cappella Sforz<l, si trovò una strada selciata appuntu come le antiche strade cunsulari, che ancur oggi in molti luog hi si con- I ~ - B oli. ri' A "Ic.

13 Donde possano provenire le magnifiche colonne che adornano la nostra hasilica non sarà difficile argomentarlo, mentre sappiamo che fino dal basso Impero nella costruzione cii monumenti, edifici, ecc., non si ebbe scrupolo cii ricorrere per il materiale occorrente alla spogliazione ed anche demolizione di!<ervano; la medesima tagliava ohliquamente la navata gnlll cl e, verso la porta, che collduce alla sagrestia. Sotto palmi 13, nella navata della Sistina, vicino alla sud.detta porta della sagrestia, si vicle un piantato cii grossi travertini riqlladrati, sopra ciel quale si alzava un muro semicircolare, lavorato a cortina; e allo stesso livello della detta navata, fra la Cappella Sistina e quella del Confalone, che oggi si dice del S. Crocifisso, o delle Reliquie, fu scoperta una piccola chiavica che tagliava a traverso la medesima navata. Sotto palmi 193/4, nella navata di mezzo, fu veduto un altro edifizio alquanto simile al suddetto, ma di llli più grande, il quale divideva in mezzo la lunghezza della stessa navata. Lo dicevano i periti ancor esso lina chiavica. lo per altro lo credetti pinttosto qualche conclotto cii una delle acque antiche cli Roma, che, a parere del Fabretti ascendevano al numero di tredici acque differenti, delle quali oggi solo tre ne abhiamo. Fimlimente sotto palmi 58, nello scavare il fondamento dell'altar Maggiore fu trovato Ull massiccio di selcetti, e allo stesso livello eravi il piano di alcuni corridori, scavati nel vergine, che erano alti palmi 8, larghi palmi 3. AI presente la huca, fatta pel detto fondamento, resta vuota, e la sua altezza si divide a mezzo da una v6lta; sopra la qu,i1e rimane la Cappella sotterranea del nuovo Altar Magg-iore in cui sono state situate diverse memorie del vecchio altare demolito». Negli atti capitolari eli S. Maria Maggiore al 31 gennaio 1563 travasi questa notizia: «decre\'erunt (Canonici) super quadam certa CUhHlIlW absconelita qua (sic) fuerit repertn retro sacristiam dictile ecclesiae (S. Maria Majoris ele Urhe] fieri dehere sex pallas pro ornamento chori». Di queste sei palle che S0l10 di alalw;tro rosa, quattro si conservano intatte nella nuov,l sagrestia e due furono segate per la decorazione marmorea fatta cla Pio IX dell'attuale confessione sotto l'altare papale. Si av\'erte che l'anticil sagrestia stava ~ul fianco sinistro della Ilasilica entrando dal portico dinanzi la facciata. Nella fig. 9 che ci rappresenta la hasilica di S. Maria Maggiore veduta dalla parte posteriore, si possono benissimo riconoscere a destra le rovine degli antichi edifici che stavano a fianco della chiesa e vicino all'antico sacrario. Questa figura riproduce un affresco esistente nella D'ran sala della Biblioteca Vaticana e che rappresenta la piazza dell'esquilino prima dell'apertura della granele strada diretta che elal Laterano arrivava alla Trinità dei Monti. Mi pare che tlltto quanto ho qui riferito confermi maggiormente la mia tesi che la basilica di Sisto 11 [ fu ricostruita sopra edifici più antichi esistenti sul luogo dove ora essa s rge imponente e maestosa. Alla Vallicelliana fra le schede del p. Giuseppe Rianchini (T 86) vi è una lettera di Pier Filippo Strozzi canonico della basilica di S. Maria Maggiore, il quale fu testimonio oculare delle innovazioni eseguite in qnesta chiesa al tempo di Benedetto XIV, e di tutto quello che vide lasciò memorie accuratissime. Orbene, il sullodato canonico Strozzi ci riferisce nella sopra citata lettera, in c1ata 30 dicemhre 1747, indirizzata al P. Bianchini (1. c., fol. 12 e segg.) circa lo scavo fatto nell'antico presbiterio, quanto appresso: «Ecco come stavano ultimamente il presbiterio e la trihuna. Ascolti adesso quanto si è osservato nel loro scavamento. fn primo luogu si è incontrato il muro di una tribulill vece/zia, il quale rasentava il pavimento e di quà e di li\ andava a terminare appiè del famoso arco di Sisto 1fT... Dopo il muro della tribuna vecchia nello sca\'are s'incontrò il masso cii 1111 secondo pavimento distante c1aj, superiore palmi 6 1/2 e anelando più sotto palmi I 1/2 se ne trovò un altro che appunto restava a livellu del pavimento del rimanente della chiesa». Il pavimento quindi del presbiterio, prima dei lavori di Benedetto, sarebbe stato elevato m. I,78 sul piano generale della chiesa. [l canonico Strozzi non ci fa sapere quale fosse la struttura ciel l11uro della tribuna di cui si rinvennero le fondazioni, notizia che sarebbe stata per noi molto preziosa per metterla in confronto col resto della 1l1Uratura antica della fabbrica di Santa Maria Maggiore. Che poi la Basilica di Sisto JII finisse con cotesta ahside o piuttosto che l'abside stessa fosse traforata da arcate collie congetturò De Rossi (I) e vi girasse attorno una galleria in prosecuzione delle navi laterali, ciò è impossibile decidere allo stato attuale delle (\) iuusaici, S, illa,.,'a ilfaggiùre,

14 - 147 monumenti pill antichi, e questa usanza diffusasi sempre plu nel crescente dilettare di perizia tecnica e di ricchezza, portò quasi alla necessità di adornare le costruzioni nuove con le spoglie dell'antichità, e quindi l~ nobili colonne, gli artistici capitelli, le ricche marmoree trabeazioni, ecc., che aggiungono tanto cose. Oa un istrumento esistente nell'archivio Liberiano in data 3 gennaio 1573 risulta che il transetto cii S. :\'Iaria Maggiore era sopraelevato al livello del pavimento della basilica e che facendosi lo scavo «ad erectum adaequancli ipsam superiorum partem cum planitie partis inferiori" ipsius hasilicae~, venne in luce nel sottosuolo della nave traversa a sud-est, l'urna in cui era racchiuso il corpu di Nicolò I V «cum sui nomirois inscriptione et titulo». Il chiarissimu prof. Rodolfo Lanciani, possessore di una preziosa cartella contenente stampe e disegni relativi alla l';lsilica di S. Maria lvlaggiore, gentilmente mi favorì (permettendo di utilizzarla) una pianta parziale della t1\ollumentale chiesa mariana esquilina, disegno originale dell'architetto Ferdinando Fuga che ideò e diresse i grandiosi restauri fatti nella suddetta a spese di Benedetto XIV. Tale disegno, copiato dall'egregio amico architetto Camillo Ciavarri, viene qui riprudotto con l'aggiunta della misura iconografica e calcoli delle navate grandi e laterali (fig-. IO). Si avverta però hene che la pianta ciel Fuga non è completa ed ahbraccia solo il piano clelia basilica dalla linea dell'arco trionfale alla linea del muro del campanile cui è appoggiata la cappella ora Patrizio Nel rilevare detta pianta si vollero far cunoscere le varie strutture e sovrapposizioui come da nnnessa leggenda. Sopra le colonne della nave ccntrnle si elevano ancora intatti i muri orig-inali di Sisto I II, che pure si consen'ano quasi intieri nelle mura perimetrali della basilica sopra la rientranza fra un pila~tro e l altro. <Juando feci i saggi sulle varie strutture esistenti in S. Maria Maggiore dovetti constatare che sul destro e sul sinistro del transetto (ch'è lungo , lnrgo ,8r ed 11<1 In stessa altezza della nave centrale) la costruzione del nncleo interno ed il p;,rnmento esterno che lo riveste è di opera trecentesca (salvo alcune riprese di l1luratura fatte più tardi all'epoca di Uenedt:tto X Il I, r724-i730), ciò che confermn pienamente l'iscrizione commemorativa di Nicolò IV:... Quarttts papa fltit Nicola.us Vir.t;inis aedem IU/IIC lapsalll 1'efecit jitq/le velllsta nova... Che poi detto lavoro riprendesse le antiche fonda;doni, o fosse una nuova costruzione non posso dirlo perchè tale saggio di accertamento, dato lo stato attuale della hasilicn nelle parti inferiori del transetto e della tribuna, è inattuahile. Certo che una nave traversa così angusta e così elevata non è l1iolto in nccordo con le grandiose linee architettoniche del resto del l1l0numento. Nella parte snperiore di questo transettn fra le volte costruite nel sec. XV dal Cardinale d'estouteville ed il tetto, esiste parte dell'antica decorazione fatta dai pittori e l1l0saicisti toscani clelia fine del sec. XliI e principio del XIV. Si vedono pure lassì\ alcuni mollaci intagliati alla gotica, dal che si può ritenere che il tetto originale clelia nave tmnversa, cui quelli appartenevano, fosse coevo delle pitture. Aggiungo qni alcune vedute per maggiore chiarezzn. La figura I I riproduce la parte superiore della hasilica col tetto della navata grande ed in fondo il transetto con i snoi fianchi destro e sinistro e relativo coperti me ; in essa risalta anche il collegamento dei dne tetti. La figura 12 riprodnce il finnco esterno verso est del transetto. In essa si rileva chiaramente la costruzione trecentesca. AI vertice, sotto la gronda del tetto, si ammin.l una cornice superiore con lllensole di marmo e mattoni a segn che caratterizza lo stile di qnell'epoca. Il fronte esterno verso nord-est del transetto terminato n timpano è!iprodotto nella figura 13. Si vedono qui chiaramente dne avancorpi all'estrel1liti\ laterali che si estendono ancora sni fianchi. 'Snllo stesso frollte slnnno due finestre, nlln superiore rettangolare ed una inferiore rotonda. Nella figllfa 14 è riprodotto l'esterno dell'abside con le pareti adiacenti e gl'ingressi alla basilica aperti dal Card. d 'Estouteville e come si vec1e\"ano al r621. Le finestre ogivali (I) ed i (I) Le finestre della tribuna mi~urano m. 4,3S X 1,83 e li all'interno sono s[rombate. Nel disegno si vedono riempiti da colonnine ed,archelli acuti di marmo. Il muro aulico misura m. 0,95 di spessore. L'esterno dell'abside fu da Clemenle X nel 1673 racchiuso entro una fl1unllura cur\"a rì\'eslita di travenini e che ha uno spessore di m. 1,38,

15 - ]48-- splendore alle nostre basiliche, si può affermare con quasi sicurezza che sieno state ricavate da edifici più antichi (I). Tali certamente furono le colonne scanalate ecl i capitelli corinzi cii Santa Sabina, basilica coeva della nostra; così pure provennero eia un eclificio pagano i colonnati dorici con archi clelia basilica romana cii S. Pietro in Vincoli, costrutta anch'essa nella prima metà ciel secolo V. (;-lova:-jni B[A~TOTTI. vecchi muri sussistono per buona lùrtuna tuttora malgrado i tentativi fatti dagli 'Hchitetti che lavorarono a S. Maria Mag-giore in epoche posteriori, particolarmente Bernini, (che aveva un progetto d'ingrandimento dell'abside) per farli scomparire. La stampa del De Angelis (fig. I4) qui riprodott;l~ ha un particolare interesse; nelle medesime si discernono bene le colollne di angolo (Iesene) rilegate da un cornicione a modig-lioni di marmo, un fregio d'imposta, le ogive appoggiate sopra una fascia che risalta agli ang-oli infine diverse pitture. <Jueste sono cii pii! epoche; quelle del basso riproducono le armi deg-li ultimi Papi che fecero esegnire lavori nella basilica e specialmente di Sisto V. Quella al disotto clelle ogive nei timpani delle graudi arcale sembrano del sec. XII!. Il soggetto di mezzo rappresenta l'odig itria, detta Madonna di S. Luca, fra due angeli in adorazione. Gli altri timpani portano figure separate con palmizi nel mezzo. :'vlalgrac1o la rozzezza dell'incisione si riconoscono ancora sul freg-io d'imposta disegni caratteristici ciel sec. XIII e che corrispondono con gli avanzi di l11usaici ancora visihili snlla facciata dell'ara Coeli. (I) Un decreto degl'imperatori Teodosio II e Valentiniano IU del 435 d. C. riguardo alla demolizione dei templi pagani, ordinava: «CUl1ctaque eorum fana, tempia, delui>ra, si qua etiam 1I11l1C restant integra, praecepto Magistratnnm destrui praecipil1\ns», cfr. Codice Teodosiano (ediz. Goclifred., XVI, IO, 25). Se t<llvolta regnanti cristiani somministrarono nel sec. IV e V pietre nobilissime ed altri ornamenti fatti vellire da lontani paesi per il decoro delle chiese della nuova religione, ciò fu in via eccezionale e non cii regola generale. COlue pure sappiamo che il romano emporium rigurgitava di preziosi materiali cii marmo di ogni genere, che lavorati e trasportati per altri scopi 11nir(Jno però ad essere utilizzati nelle ~acre costrnzioni. Riguardo poi alle nostre colonne il sulloclato G. Flianchini (I. c., T 75, 44 I fol. e 55.) ci fa sapere che per uguagli<lre le difterenti loro altezze si fecero i zoccoli di bardiglio da Benedetto X IV: che alle medesime fll imposto un nuo,'o collarino a capitello per essere gli antichi molto corrosi dal tempo e che tutte furono fusate e ripulite, ma il diametro di palmi 3 1/2 che si diede alla maggior parte di esse, non si potè avere in tutte melltre alcnne mancavano clelia grossezza necessaria per ricavarvi detto diametro. DOTT. "RDVINO COL.'\SANTI, Hcd"t/ore respollsabile. I~oma, IYl;j - Tipografia Editrìcp. Homana, via della Frezza.57-b1.

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

i tesori dei nostri Rioni

i tesori dei nostri Rioni i tesori dei nostri Rioni Nell ambito del progetto All Ombra del Colosseo 2011 realizzato dai volontari del Servizio Civile Nazionale, siamo lieti di accompagnarvi in questa visita guidata alla scoperta

Dettagli

ROMA NEL IV V SECOLO. Pianta di Santa Maria Maggiore. Papa Sisto III (432 440); ristru urata nel XIII secolo

ROMA NEL IV V SECOLO. Pianta di Santa Maria Maggiore. Papa Sisto III (432 440); ristru urata nel XIII secolo Catacombe e basiliche mar riali fuori le mura Basilica di San Pietro in Va cano fuori le mura Ca edrale di San Giovanni in Laterano all interno delle mura ma in area periferica Mausoleo (chiesa) di Santa

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

Dott. Giuseppe Cortesi

Dott. Giuseppe Cortesi Dott. Giuseppe Cortesi Schemi di lettura RAVENNA E I SUOI MONUMENTI PALEOCRISTIANI Cenni di storia a) Nel 476, con la deposizione di Romolo Augustolo, in Ravenna si insedia Odoacre, condottiero degli Eruli.

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi

Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi Collana Quaderni dell Ariosto N. 62 Uno casali olim casamentivo. Un laboratorio nel Quadrivio rossettiano Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi Francesco Artosi (trascrizione) i

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE Lunedì, 23 Marzo 2015, noi alunni delle classi 5B e 5C della Scuola Primaria G. Cozzoli, accompagnati dalle maestre Cetta e Annamaria e da un gruppo di genitori,

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI Le aree di studio: - area a grande concentrazione urbana (zona di Napoli) 1 - area interna della provincia (zona di Terzigno) -

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI La visione diretta delle innumerevoli testimonianze archeologiche che popolano i nostri territori, unita alla

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato LA CAPPELLA PAOLINA Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato L avventura dei restauri interni alla Cappella Paolina, voluta dal Pontefice Paolo III Farnese e denominata

Dettagli

CHIESA SANTA MARGHERITA

CHIESA SANTA MARGHERITA CHIESA SANTA MARGHERITA La Chiesa di S. Margherita, si trova nel rione "Fornillo". Costruita dalla famiglia Porcelli forse nel XVI o XVII sec. venne restaurata nella seconda metà del 700, a cura degli

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara.

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Vista della chiesa prima dei lavori di restauro Vista della chiesa dopo i lavori di restauro Vista della controfacciata

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

NORME DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE CONTRO IL FUOCO DEI FABBRICATI A STRUTTURA IN ACCIAIO DESTINATI AD USO CIVILE. Circolare N.

NORME DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE CONTRO IL FUOCO DEI FABBRICATI A STRUTTURA IN ACCIAIO DESTINATI AD USO CIVILE. Circolare N. NORME DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE CONTRO IL FUOCO DEI FABBRICATI A STRUTTURA IN ACCIAIO DESTINATI AD USO CIVILE MINISTERO DELL' INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI Ispettorato Tecnico

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali INDICE CAPO I - TITOLI ABILITATIVI Art. 1 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Art. 2 - Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Art. 3 - Comunicazione di Inizio Lavori Art. 4 - Imprese autorizzate

Dettagli

Gli ordini architettonici nell architettura romana

Gli ordini architettonici nell architettura romana Gli ordini architettonici nell architettura romana L approccio dei Romani agli ordini architettonici e alle loro regole è meno dogmatico e meno denso di implicazioni filosofiche, rispetto a quello degli

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno Roma ed ASsisi Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante Esempi di restauro di opere d arte Francesco Morante Il Laocoonte La scultura di età ellenistica nota come il Gruppo del Laocoonte, fu ritrovata a Roma nel 1506, nei pressi della Domus Aurea. Il gruppo

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

I SIMBOLI MEDIOEVALI

I SIMBOLI MEDIOEVALI I SIMBOLI MEDIOEVALI VERSO UN ARTE SIMBOLICA L arte medioevale ha la funzione di esprimere concetti e simboli religiosi mediante immagini, per far conoscere ai fedeli la storia sacra. Dall arte imperiale

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio RICERCA ESEGUITA DA MARCO MARVEGGIO, ALESSANDRO DELLA VALLE STEFANO PROIETTI,, IAN VUTCARIOV CLASSE 5^ SCUOLA PRIMARIA BRUNO CREDARO- VIA BOSATTA,

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso Cattedrale de Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Address: Piazza dell Obradoiro City: Santiago de Compostela Region: Galizia Country: Spagna

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16 1 2 3 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

Torre pendente di Pisa Pisa, Italia

Torre pendente di Pisa Pisa, Italia Torre pendente di Pisa Pisa, Italia Torre pendente di Pisa La costruzione della torre di Pisa ha richiesto quasi 200 anni. Il famoso campanile occupa la sua posizione, accanto alla Cattedrale, da oltre

Dettagli

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Il complesso immobiliare si trova in località Bagnano in aperta campagna, poco distante da Certaldo ed è composto da Chiesa, Canonica e alcuni

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo

SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo SCHEDA INTERVENTO Chiesa di Sant Agata del Carmine Comune di Bergamo Con l obiettivo di restituire all antico edificio le riserve di duttilità e di stabilità che i danni allora subiti le avevano fatto

Dettagli

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI.

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. 1. Palazzo Agucchi Uno degli interventi di restauro che ci ha permesso di fare

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag.

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag. COMUNE DI NAPOLI pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale Data, 06/03/2014 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA. Architettura romana UTILIZZO DELL ARCO NELL ARCHITETTURA ROMANA

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA. Architettura romana UTILIZZO DELL ARCO NELL ARCHITETTURA ROMANA TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARCHITETTURA ROMANA Strade e ponti Viadotti Acquedotti Pont du Gard (20-16 a.c): Ltot = 270m Luci campate: 25 m Chi vorrà paragonare le inattive

Dettagli