INFRASTRUTTURE IL PUZZLE DELLA TOSCANA. DALLE TERRITORIALI Firenze... Arezzo, Grosseto, Siena... Livorno... Lucca, Pistoia, Prato... Massa Carrara...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFRASTRUTTURE IL PUZZLE DELLA TOSCANA. DALLE TERRITORIALI Firenze... Arezzo, Grosseto, Siena... Livorno... Lucca, Pistoia, Prato... Massa Carrara..."

Transcript

1 ies Industria e Sviluppo trimestrale di informazione, opinione, economia, impresa Confindustria Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Prato, Siena DALLE TERRITORIALI Firenze... Arezzo, Grosseto, Siena... Livorno... Lucca, Pistoia, Prato... Massa Carrara ANNO VI - N. 4 ottobre-dicembre 2014 INFRASTRUTTURE IL PUZZLE DELLA TOSCANA ENRICO ROSSI Vince la Toscana che non si arrende RICCARDO NENCINI Infrastrutture: è l ora dei fatti VINCENZO CECCARELLI Regioni: stop alle riduzioni delle risorse

2 IL NOSTRO LAVORO RAFFORZA LA VOSTRA IMMAGINE IL MONDO DELLA PELLE SU UNA RIVISTA NUOVI SPUNTI PER LA TUA ATTIVITÀ L&L, la rivista presente alle Fiere più importanti del settore, da Parigi a Milano.

3 Comunicazione & Pubblicità Consulta on-line la rivista, sul sito:

4

5 Direttore responsabile: Annarosa Pacini Comitato di redazione: Andrea Balestri, Sandro Bonaceto, Antonio Capone, Marcello Gozzi, Massimiliano Musmeci, Umberto Paoletti, Piero Ricci, Claudio Romiti Coordinatore editoriale: Furio Massi Redazione: Luisa Angioloni (Arezzo), Simona Bandino (Firenze), Lodovica Lazzerini (Massa Carrara), Ilaria Maraviglia (Lucca), Franco Passarini (Grosseto), Saida Petrelli (Prato), Elena Pozzoli (Livorno) Hanno collaborato a questo numero: Maurizio Abbati, Pino Di Blasio, Mattia Cialini, Francesco Colonna, Claudia Failli, Nadia Frulli, Giuseppe Nigro, Paolo Vannini, Manuela Villimburgo Impaginazione, grafica e foto: Franco Passarini Direzione e redazione: Confi ndustria Grosseto, viale Monterosa 196, Grosseto, iesindustriaesviluppo.com Editore: Assoservizi Toscana Sud Rete d Imprese. Via Roma, Arezzo Stampa: Soluzioni per la Stampa Srl, Corso Carducci 34, Grosseto Registrazione: Tribunale di Grosseto n. 1/2009 del Gli articoli possono non rispecchiare le posizioni delle Associazioni Industriali e dell Editore, che li ritengono in ogni caso un contributo sul piano dell informazione e dell opinione. Dei contenuti sono responsabili i singoli autori. L Editore non dovrà essere ritenuto responsabile per errori, omissioni, interruzioni o ritardi legati ai contenuti pubblicati nè per eventuali danni provocati dagli stessi. È consentita la riproduzione purchè espressamente autorizzata dall Editore, e con la citazione della fonte. Non vengono trattati dati personali. L uso dei dati, temporaneo, è solo a fi ni giornalistici. Foto Assoservizi Toscana Sud - Rete d Imprese. E vietato qualunque utilizzo e/o riproduzione, anche parziale, del materiale fotografico contenuto in questa rivista. PUBBLICITÀ: la raccolta pubblicitaria su tutto il territorio della Toscana per IES - Industria e Sviluppo è a cura di: MGA Comunicazione & Pubblicità srl - Via Aretina 167/M Firenze Tel. 055/ Cel. 349/ SOMMARIO 47 FIRENZE AREZZO 50 GROSSETO SIENA 56 LIVORNO LUCCA 58 PISTOIA PRATO MASSA 60 CARRARA La lunga strada verso l infrastruttura etica 8 Infrastrutture: è l ora dei fatti 12 Vince la Toscana che non si arrende 16 Regioni: stop alle riduzioni delle risorse 20 Infrastrutture, chiave di volta della crescita 21 Più energia al motore dell industria 24 Toscana del sud e infrastrutture: è il momento dei fatti 28 Toscana Nord: le infrastrutture, la grande opportunità 38 Dalla terra al mare, più infrastrutture, più sviluppo 42 Il rilancio passa dalla sicurezza Sostenibili per vincere Dove c è impresa c è casa Diamo energia alle nostre imprese La meccanica a Lucca, Pistoia e Prato: un settore dai molteplici volti Le cave e il Piano Paesaggistico Speciale Consulenti del lavoro EDITORIALE COVER STORY TERRITORIALI

6 Palazzo Budini Gattai Firenze Un luogo originale per ricevimenti di matrimonio, cene e cocktails, serate musicali in giardino, incontri di lavoro, convegni... An original venue for wedding receptions, dinners and cocktails musical and garden events, conferences and meetings... Via dei Servi, 51 Piazza SS. Annunziata, Firenze Tel Fax

7 EDITORIALE IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 7 di Francesco Colonna, editorialista Corriere Fiorentino La lunga strada verso l infrastruttura etica Un impresa può puntare su una linea specifica di prodotti, su qualcosa che contenga un suo vantaggio competitivo. Il governare o l amministrare rendono quasi impossibile una gestione del genere, perché in qualche modo una risposta va data a tutti. Difficile lasciare indietro o rinunciare a qualcosa, e questo a prescindere dalla pura convenienza collettiva. Questo in Italia è molto vero: un sentimento e un atteggiamento che hanno reso difficile scegliere un indirizzo e, di conseguenza, un rafforzamento delle nostre eccellenze o la creazione di nuove. Di conseguenza anche le strutture di sostegno, le infrastrutture appunto, hanno seguito la stessa logica. Anche se non sempre in passato. Quando negli anni Sessanta, nel volgere di poco tempo, fu costruita l Autostrada del Sole, si fece una scelta precisa: favorire l automobile. E in molte città, incluse quella della Toscana, si eliminarono i tram per lasciare spazio ad auto e bus, tanto più che la benzina costava molto poco. Che fosse la scelta giusta era opinabile, ma certo fu una scelta che influì nella strategia economica dell Italia. La percezione è che oggi, invece, si tenti di dare una risposta a tutto, pur nella difficoltà della lunga ed esasperante crisi economica e sociale. Un intento meritorio e comprensibile ma che non permette di comprendere la direzione lungo la quale ci si muove. Il piano regionale integrato delle infrastrutture e della mobilità (Priim) è ricco di impegni tutti lodevoli: alta velocità, trasporto pubblico locale, strade, porti, interporti, aeroporti, aree logistiche, e piste ciclabili (che da sole valgono l 8 per cento, visto che un toscano su due ha una bici e il 10 per cento di loro la usa quotidianamente). Sono circa 23 miliardi da qui al 2020 (mancano solo sei anni), metà dei quali da trovare. L idea alla base è che si vada sempre più a integrazione tra i vari mezzi facilitando la vita dei toscani e di coloro (tanti) che ci vengono a trovare, creando anche nuovi percorsi per unire ciò che ancora oggi non lo è: per esempio, una linea orizzontale che da Grosseto vada verso l altra parte dell Italia centrale. Colpisce tuttavia che una vera e sostanziale integrazione che si sta verificando in Toscana è quella tra gli aeroporti di Firenze e Pisa: fatto che avviene solo grazie alla cessione a un impresa straniera della proprietà dei due scali, senza che per decenni questi, in mano pubblica, riuscissero a trovare una convivenza sensata e produttiva per ambedue (negli Usa, patria del liberismo più o meno spinto, scali strategici sono in genere in mano alle authority pubbliche). Pur essendo due capisaldi strategici per la regione e per il Centro Italia. Per fortuna che si procede verso una gestione unica regionale del trasporto su gomma. Ormai è difficile agire economicamente senza una massa critica efficace e conveniente. Un argomento che si sta facendo strada anche in altri settori nei quali, per anni, si è assistito a una proliferazione incontrollata di mini società locali, segno più di volontà di creare piccoli centri di potere che di servire i cittadini. Una insana passione per le spa, divenuta poi un vizio e quindi una palla al piede. Comunque ora l impegno con i toscani e con l Italia, è preso: quindi ciò che conta è la capacità di realizzazione, di rispettare i tempi, di produrre appalti coerenti e efficienti, di garantire trasparenza assoluta, di rispettare la collettività informandola sempre e tempestivamente di qualunque situazione nuova si venga a creare, affinché le opere non costino poi x volte quanto preventivato, di scegliere aziende ineccepibili sul piano professionale e etico, senza legami con persone o ambienti discutibili o anche peggio. Perché l infrastruttura etica non vale certo meno di quella fisica.

8 IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 8 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA Infrastrutture: è l ora dei fatti Sono urgenti gli interventi infrastrutturali, per la Toscana come per il Paese, per l economia e per la crescita. Occorre l impegno di tutti per il rispetto dei tempi e degli obiettivi. Intervista al vice ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Riccardo Nencini di Mattia Cialini, giornalista Arezzonotizie.it Riccardo Nencini Socialista e toscano, senatore dall ultima legislatura, è entrato a far parte della squadra di Governo di Matteo Renzi come numero due alle Infrastrutture e ai Trasporti. Riccardo Nencini, classe 1959, ricopre infatti il ruolo di vice ministro nel delicato dicastero guidato da Maurizio Lupi. La scorsa primavera annunciò di voler premere l acceleratore dei lavori della grande incompiuta del centro Italia: la Due Mari. L 8 maggio scorso c è stata la firma dello statuto tra Anas, Ministero e Toscana, Umbria e Marche, le tre Regioni attraversate dall arteria per lo sblocco dei lavori. Partiamo da qui. Vice ministro Nencini, a che punto l iter per il completamento della E78 e quale è l impegno di CentrItalia, la nuova società che porterà avanti la realizzazione della grande opera? Prevedo belle sorprese, a breve. Lo scorso maggio avevo detto che contavamo di consegnare i lavori nel 2021, confermo la tempistica. Procedono i lavori nel tratto Siena-Grosseto, ma quelli tra Arezzo, Umbria e Marche sono affondati

9 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 9 tra paludi di vecchia data. L ideale tracciato si è arricchito negli anni di qualche tassello, mentre altre parti dell infrastruttura inesorabilmente invecchiavano. Emblematico il caso del traforo della Guinza, cattedrale del deserto tra Toscana, Umbria, Marche. Perché il progetto E78 non è stato inserito nello Sblocca Italia? Si tratta di un intervento privato e non poteva essere inserito nello Sblocca Italia. Ma la Due Mari viene considerata cruciale dal Governo Renzi, quale unico grande collegamento di terra est-ovest. Ripeto, il futuro riserverà belle sorprese. Rimanendo in tema di grandi opere, è ricorso da poco il cinquantesimo anniversario dell inaugurazione dell Autosole, realizzata a velocità record, tronco dopo tronco. Ha collegato Napoli con Milano coprendo una distanza di circa 800 chilometri in otto anni, dal 56 al 64. Cosa manca oggi rispetto ad allora per far procedere i lavori delle grandi opere a velocità maggiore? Dunque, ci sono due fattori che un tempo non esistevano. Ripartizione di responsabilità e procedure complesse. Nel primo caso, molte delle lungaggini vanno imputate all attuale Titolo V della Costituzione. Ovvero, la parte della Costituzione italiana in cui vengono disegnate le autonomie locali: Comuni, Province e Regioni. L attuale struttura delle regioni deriva da riforme del Titolo V cominciate negli anni Settanta e terminate nel 2001, per assecondare un idea di Stato più federalista e più prossimo alle esigenze dei cittadini. Una serie di riforme che ha causato diverse storture. Esatto. La ripartizione di competenze tra Regione e Stato non è formulata al meglio. Nel caso di grandi opere occorre che lo Stato sia responsabile unico. E per quanto riguarda le procedure? Vanno snellite. Ci sono troppi livelli di controllo: Corte dei Conti, Cipe ovvero il comitato interministeriale per la programmazione economica, conferenza dei servizi, conferenza delle regioni.... Sblocca Italia, dalla linea Lucca-Pistoia, all aeroporto di Firenze, cosa cambia per la Toscana? C è un accelerazione sulla E45? La futura autostrada Orte-Mestre non è nello Sblocca Italia. Ma è una delle opere a cui teniamo particolarmente. Vorrei concentrarmi sul potenziamento delle nostre ferrovie. Ci sono 25 miliardi a disposizione e una parte di questi è destinata al territorio toscano. La linea Lucca-Pistoia non è un collegamento per andare al mare. O meglio, non solo. Rappresenta un ponte tra Lucca e l area metropolitana di Firenze, un volano per l economia. L alta velocità: una scelta fondamentale per ammodernare il paese e per l economia dei territori In altre parti della Toscana, i pendolari in particolare, lamentano però una sorta di abbandono delle linee regionali in favore di eccessivi investimenti sull alta velocità. Ma l alta velocità è fondamentale per ammodernare il Paese. Lavori pubblici: per rappresentare davvero un motore per la ripresa, dovrebbero avere procedure snelle. Cosa si può migliorare dell iter attuale? Non è il caso di riformare il sistema delle riserve che consente di far lievitare i costi in maniera sproporzionata rispetto ai piani iniziali? E davvero il massimo ribasso, la chiave giusta per l assegnazione degli appalti? Questi sono tutti temi affrontati nel nuovo codice degli appalti da costruire entro l autunno del Inseriremo procedure molto più snelle. Tra le tantissime audizioni già fatte, il sistema del massimo ribasso non è stato difeso da nessuno. E troveremo delle forme adeguate per sostituirlo. L Expo 2015 è un occasione irripetibile. Aldilà delle inchieste, che danneggiano l Italia anche a livello di immagine, c è stata una polemica tra il presidente del Consiglio Renzi e il governatore lombardo Maroni, a proposito della lentezza dei lavori. A che punto siamo? Esiste un piano complessivo per favorire, oltre all afflusso verso Milano, anche l incoming in realtà territoriali di pregio come la Toscana? I tempi saranno rispettati. La Toscana dovrebbe partecipare all Expo come comunità regionale, pensando al modo migliore per fare sistema. Sia in maniera diretta portando a Milano eccellenze toscane, ma soprattutto cercando di catalizzare una parte dei numerosi visitatori previsti. La Toscana ha in sé caratteri marcati, apprezzati all estero, paradigmatici per l Italia intera. E avvantaggiata da collegamenti rapidi come l alta velocità Firenze-Milano e tantissime bellezze artistiche e naturali. Chiudiamo col tema delle lobby, su cui in Italia ci sono numerosi pregiudizi. Ma lei è per regolamentarle. Assolutamente sì. I gruppi di pressione esistono da sempre, non volerli vedere è da ipocriti. Le lobby hanno un volto, sono rappresentate da persone e aziende con un nome e un cognome. E doveroso regolamentarle alla luce del sole.

10

11

12 IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 12 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA Vince la Toscana che non si arrende Economia, infrastrutture, crescita: le vittorie, le prove da affrontare, il segreto per attrarre investitori stranieri. Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana di Pino Di Blasio, caposervizio interni ed economia regionale La Nazione Sa qual è la cartina di tornasole per diagnosticare lo stato di salute dell economia toscana? Piombino. Sei mesi fa tutti davano per spacciato il polo siderurgico, facevamo i conti su quanti dipendenti della Lucchini e delle altre fabbriche avrebbero perso il lavoro, dopo che l altoforno era stato spento. L acciaio italiano sembrava un reperto industriale, all orizzonte c erano solo offerte improbabili e s intonavano epitaffi su intere città che avevano vissuto di lamine e profilati. Oggi, mentre Terni sfoga la sua rabbia in piazza, mentre Taranto aspetta un cavaliere bianco per l Ilva, a Piombino ci sono due offerte credibili per acquisire la Lucchini. Che vada agli algerini di Cevital o agli indiani di Jindal, un bel pezzo di futuro è assicurato. C è voluto uno sforzo straordinario, ma siamo riusciti ad evitare che Piombino entrasse in una fase terminale. Il governatore della Toscana Enrico Rossi tira fuori dall elenco di vertenze e casi di successo, dalla lunga lista di numeri, tabelle e proiezioni sui settori economici del granducato, la storia simbolo del suo primo quinquennio alla guida della Regione. Lo fa a poche ore dalla scelta del commissario straordinario Nardi sul nuovo proprietario della Lucchini, ed è una scelta ponderata. La Regione non fa il tifo per una o per l altra offerta spiega Rossi ma ha due condizioni ineludibili per il polo siderurgico: il livello di occupazione e l area a caldo. La nuova proprietà dovrà garantire il numero massimo possibile di occupati e la conservazione di una lavorazione d eccellenza. Stando ai progetti, quelle condizioni saranno rispettate. C entra anche il porto nella scommessa per il polo siderurgico toscano? E la prima domanda che sia Jindal che i vertici di Cevital mi hanno fatto. Per il porto di Piombino sono pronti altri 120 milioni di euro, dopo la storia della Concordia, il Governo ha ribadito che manterrà gli impegni sullo smantellamento delle navi militari. Non ho motivi per dubitarne, così come sono convinto che un porto con fondali più bassi, sarà la carta in più per l acciaio in Toscana. Nemmeno il tempo di chiudere una vertenza delicatissima, che deve fare i conti con il dossier Livorno, con tante crisi che si aprono improvvisamente, come la Trw e l Eni... La prossima sfida sarà proprio Livorno, che diventerà un area di crisi complessa.

13 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 13 Capace di attrarre fondi per la reindustrializzazione sia governativi che comunitari. Ma anche per Livorno la partita più complicata riguarderà il porto. Livorno deve diventare un porto europeo e per questo servono azioni concrete: mettere sotto controllo radar tutto il mare toscano, collegare il porto con la rete ferroviaria evitando trasbordi di merci, realizzare i depuratori, attivare, con cinque milioni di finanziamento regionale, il collegamento con la rete elettrica per le navi che stazionano nel porto e che inquinano con i motori accesi. Un elenco nutrito, ma è convinto che Governo e Europa remino nella sua stessa direzione? Dietro ai porti servono connessioni e reti come quella dei corridoi europei. La Toscana sta dando battaglia per far inserire Livorno in questa rete. Ma serve un autostrada che colleghi il porto labronico a Roma. L Unione Eropea non deve guardare soltanto a est, ma anche a sud. Sul Mediterraneo possono aprirsi straordinarie prospettive di collegamento con l Africa del nord. E noi dobbiamo costruire la Darsena Europea, senza ulteriori indugi. Perché senza l aiuto dei fondi comunitari, Livorno sarà condannata a un declino inesorabile. Sono strategie per un futuro a medio termine, ma Molte le partite ancora da vincere, dai porti alle crisi dei big industriali la Toscana ha bisogno di terapie immediate. Non crede che l economia della regione abbia bisogno di uno scatto per tirarsi fuori dalla palude della stagnazione? Siamo una delle regioni che, in un quadro nazionale compromesso, ha sostanzialmente tenuto. Ma non possiamo essere soddisfatti. La disoccupazione non è aumentata, ma non si è nemmeno ridotta. La domanda interna è sempre a livelli bassissimi, i fatturati delle nostre aziende reggono solo grazie all export. Per i mercati esteri la Toscana conferma il suo primato tra le regioni italiane; i dati dei nostri diciotto distretti parlano di un export che supera i tredici miliardi di euro all anno. La salvezza viene dall estero? In questo momento sì, ma la Toscana ci mette la sua grande capacità di attrazione. Che va alimentata costantemente, sorretta da azioni mirate, come quella sui bandi europei. Lei ripete sempre questo claim. Cosa avete fatto di speciale sui bandi europei? Siamo l unica regione ad aver speso la stragrande maggioranza dei fondi europei del settennato precedente. E siamo la prima ad aver anticipato i bandi del prossimo settennato milioni di euro entreranno presto in circolo nel tessuto economico toscano, per finanziare progetti in agricoltura, nell industria, nel commercio, nell artigianato, nel turismo e nei servizi. La risposta delle imprese è stata entusiastica, tutti hanno voluto cogliere l occasione per sfruttare da subito i soldi dell Europa. Dagli argentini sugli aeroporti alle cordate per la Lucchini, dai magnati russi e cinesi che investono sul vino e sull olio ai tanti casi Qualità della vita ma anche attenzione verso le imprese, la forza della Toscana che attrae positivi di multinazionali in Toscana. Ha ragione il Financial Times a mettere la Toscana al primo posto tra le regioni dell Europa del sud nell attrazione di investitori stranieri? La Toscana, ha una sua attrattiva, riconducibile a quello che potremmo definire il mito del Bel Paese. La qualità della vita in Toscana è molto alta e lo sanno bene i manager e gli imprenditori che qui operano. Chi viene in Toscana per fare impresa trova ottime competenze, un saper fare di un artigianato che è straordinariamente competitivo e un elevata capacità di attrarre investimenti. I casi General Electric, con Nuovo Pignone, Eli Lilly sulla farmaceutica, Gucci con Richard Ginori e tanti altri, sono prove inequivocabili che le imprese di questa regione sono economicamente e strategicamente sexy, con quel quid capace di attirare chi ha voglia di investire milioni di euro. Pur sapendo che viene a operare in un Paese con mali endemici, dalla burocrazia alla lentezza della giustizia. Noi abbiamo fatto da sportello unico per le grandi imprese, in tanti casi, come Ikea, Eli Lilly o Ge, abbiamo affiancato la multinazionale affinchè superasse tutti gli ostacoli e realizzasse l investimento. E per questo che il Financial Times ci ha premiati, non solo per lo splendore della nostra terra.

14

15

16 IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 16 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA Regioni: stop alle riduzioni delle risorse Dalla sanità alla sicurezza idrogeologica alle infrastrutture: investire per crescere. Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità di Mattia Cialini, giornalista Arezzonotizie.it È tra gli ultimi arrivati in Giunta regionale, ma è forse quello con le deleghe più pesanti. Vincenzo Ceccarelli, 54 anni, casentinese, rappresenta il lato aretino del poligono governativo di Enrico Rossi. Entrato nel consiglio nel 2010, ha preso le redini dell assessorato alle Infrastrutture e Mobilità, sostituendo Luca Ceccobao nel marzo del Dopo gli esordi da sindaco nella natìa Castel San Niccolò, Ceccarelli ha guidato per dieci anni la Provincia di Arezzo. Adesso la sfida della Toscana, con tanti fronti caldi su cui impegnarsi. Sostiene Rossi nella battaglia contro la riduzione di risorse alle Regioni e spiega: Sarebbero tagli sulla carne viva se andassero a incidere sulla sanità o sulla sicurezza idrogeologica. E poi se la prende contro gli enti spendaccioni che non vengono sanzionati. I tagli lineari non vanno bene, colpiscono tutti e indistintamente. La Toscana, che negli anni ha razionalizzato spese, risorse e ha mantenuto un atteggiamento virtuoso non dovrebbe essere penalizzata. Quindi l assist al Governatore che aveva parlato della possibilità della violazione del patto di stabilità nell ambito della difesa del suolo: E quasi un passo obbligato: siamo in emergenza, le risorse ci sono, eppure non le possiamo spendere. Un fronte cruciale su cui è impegnato è rappresentato dalla E78, la strada europea che dovrebbe far fare un salto di qualità alla comunicazione dell Italia di mezzo, collegando Grosseto con Fano. Se ne parla dagli anni 60 e l arteria è una grande incompiuta. Di recente è stata costituita la società Centralia che dovrebbe portare a termine i lavori. A che punto siamo? Per quanto riguarda il tratto Siena-Grosseto, nonostante qualche recente lamentela degli amministratori grossetani, i lavori stanno procedendo. Siamo al completamento di due lotti. E l opera è così importante che la Regione ne ha chiesto l inserimento nella Legge di stabilità. Per quanto riguarda Centralia, siamo andati molto avanti nella creazione della società di progetto che per il 55 per cento è in mano all Anas. Siamo arrivati a perfezionare gli atti. Da parte del Ministero delle Infrastrutture c è una certa sensibilità riguardo alla E78. Si sta valutando la sua sostenibilità con la riduzione da 4,5 a 2,9 miliardi complessivi per il completamento. Sull avanza-

17 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 17 mento dell opera c è stato un recente balzo in avanti qualitativo, ma sulle date di inizio e fine lavori non mi posso sbilanciare. Di grande attualità è poi la questione dei treni regionali, anche alla luce della dichiarazione di Enrico Rossi: E ora di un operazione di giustizia per i pendolari, vittime di disservizi, disagi, ritardi spesso dovuti agli inchini dei piccoli convogli rispetto all Alta velocità. E chiara la sproporzione tra l impegno nei confronti del potenziamento dell Alta velocità e la viabilità regionale. Tra l altro la prima viene usata regolarmente da 60-70mila persone, la seconda da due milioni. Solo in Toscana sono 220mila i pendolari quotidiani. Rivendichiamo nei confronti di Rfi (Rete ferroviaria italiana) e Trenitalia il rispetto sia della qualità delle infrastrutture che della viabilità. Noi, come Regione, ci siamo impegnati, mettendoci la faccia. Abbiamo aperto una vertenza nei confronti di Trenitalia. I primi risultati li stiamo avendo, come la riapertura in tempi ragionevoli della Siena-Grosseto, chiusa dopo l alluvione. Mi sono messo in gioco, parlando direttamente con l amministratore delegato di Trenitalia dell epoca, Mauro Moretti. Inoltre per il servizio ferroviario regionale vorremmo andare a gara. Certo, rischia di essere una mossa sterile, se la società Vincenzo Ceccarelli alternativa a Trenitalia non viene messa nelle condizioni di avere a disposizione materiale rotabile e depositi, ma è un segnale. Siamo riusciti a riunire allo stesso tavolo Rfi e Trenitalia: ci siamo messi a sedere per rivedere il contratto quadro; la qualità del servizio dipende da tutte e due le società. Sennò è un rimpallo di responsabilità. Ci saranno clausole molto migliorative. Se Trenitalia non raggiungerà gli obiettivi fissati andrà incontro a sanzioni pesanti. Sul versante degli investimenti posso dire che sono pronti 100 milioni nei prossimi cinque anni. Al momento il 50 per cento dei servizi è coperto con treni Vivalto nuovi. Entro il 2015 ne saranno riqualificati altri, così che l 85 per cento dei treni sarà nuovo o revampizzato. E in dirittura d arrivo la gara per il trasporto pubblico locale (Tpl) su gomma. Per la fine dell anno vengono inviate le lettere di invito agli otto soggetti che hanno manifestato interesse. In ballo ci sono 1400 tra bus e autobus nuovi, oltre 200 milioni gli investimenti previsti. L età media dei mezzi, a quel punto, sarà di sette anni e mezzo, in linea con la media europea, partendo dagli attuali tredici. E mi pare un obiettivo notevole da raggiungere, considerando che sono stati anni di grandi tagli, a partire dal Una grande operazione, unica in Italia, anche nell ottica della salvaguardia dei posti di lavoro. In tempi di vacche magre, la minor attenzione alla manutenzione delle strade è tra le prove più evidenti della mancanza di fondi degli enti. I giornali locali si riempiono di servizi che denunciano le buche sull asfalto. Eppure l efficienza e la sicurezza stradale andrebbero tutelate al massimo. Noi abbiamo approvato Infrastrutture, cultura della strada, stili di vita: la sicurezza prima di tutto Livorno, Fosse Reale una legge del 2012 per la creazione di un osservatorio sulla sicurezza stradale, in cui sono coinvolti enti, forze dell ordine, Aci. L osservatorio monitora ogni aspetto della guida perché la sicurezza è determinata dalle infrastrutture, dalla cultura della strada e dagli stili di vita. La Regione cerca di dare il proprio contributo in ogni ambito. Sul fronte delle infrastrutture stiamo facendo investimenti straordinari. Un esempio? La variante del Valdarno, in via di ultimazione. Sono 307 gli interventi co-finanziati dalla Toscana negli ultimi dieci anni per la sicurezza stradale. La spesa finora ammonta a 117 milioni. Anche quest anno abbiamo distribuito 14 milioni alle Province per la sicurezza. Ogni morto sulla strada è sempre di troppo, ma il calo del numero degli incidenti, dei feriti e dei decessi registrato negli ultimi anni è sensibile. Infine una domanda, anche se l ambito non è esattamente di sua competenza. La Toscana è pronta a cogliere l opportunità dell Expo? Saremo fisicamente presenti con uno spazio espositivo di 200 metri quadri dal 1 al 28 maggio E stato fatto un bando pubblico per idee innovative, le migliori fra queste idee verranno portate a Milano. Agricoltura, commercio, filiera delle nostre produzioni e capacità creative. La Toscana ha una grande occasione.

18 STUDIO LEGALE QUERCI IMPRESA & DIRITTO UN BINOMIO CHE RIGUARDA IL DIRITTO FINANZIARIO E BANCARIO Negli ultimi decenni gli imprenditore si sono abituati ad avere rapporti stretti con il consulente Lo Studio Legale Querci, il cui titolare è abilitato presso la Corte di Cassazione, ha maturato una consolidata esperienza nel campo del di occuparsi approfonditamente dello studio dei rapporti di conto Voglio poi segnalare che la maggior parte dei diretta anche durante la pendenza del giudizio: Come si è trasformato il sistema bancario negli ultimi decenni? E un mondo che si è molto trasformato, passando da soggetto di diritto pubblico a l atteggiamento del nostro ordinamento nei particolare, si sono moltiplicate le pronunce avvalersi dell avvocato ed il consulente? come elemento da cui fare discendere anche precise scelte strategiche LA SCHEDA Come interviene lo Studio legale Querci Analisi preliminare dei conti correnti e delle posizioni collegate risultati; l Impresa sulle strade da intraprendere publiredazionale

19 ORDINE AVVOCATI DI PISA

20 IES ottobre-dicembre 2014 Pagina 20 COVER STORY / INFRASTRUTTURE, IL PUZZLE DELLA TOSCANA - FIRENZE Infrastrutture, chiave di volta della crescita Strade, aeroporti, edilizia, opere pubbliche: senza la produzione l economia non si rimette in moto di Maurizio Abbati, giornalista freelance Le infrastrutture sono uno snodo fondamentale per garantire la ricchezza e lo sviluppo di un territorio, non solo per le imprese ma anche per i comuni cittadini. Una infrastrutturazione insufficiente non consente un agevole spostamento e questo penalizza indubbiamente la produzione, i commerci, il turismo. La Toscana e l area fiorentina nello specifico risentono di un ritardo infrastrutturale accumulato negli anni, che dobbiamo recuperare se vogliamo incrementare il valore aggiunto del nostro territorio per i visitatori e soprattutto per gli investitori. Infrastrutture chiave di volta della crescita secondo il presidente di Ance Firenze, Stefano Fani, che parte da un infrastruttura ancora da portare a compimento per dimostrare gli effetti di una viabilità efficiente. I vantaggi che hanno garantito la realizzazione della terza corsia nel tratto fiorentino sono evidenti - spiega -. Pensiamo a come potranno ancora migliorare le cose quando sarà terminato il tratto valdarnese. Ma non dobbiamo fermarci qui, perché ci sono altri lavori da fare prima di poter dire di aver compiuto un efficientamento concreto della rete autostradale a servizio della città. Mi riferisco all uscita di Firenze sud, dove siamo in presenza di un viadotto privo di uno svincolo terminale che in origine era previsto. Stesso problema per l uscita di Firenze Certosa, dove il by pass del Galluzzo appare fondamentale. Oltre ai collegamenti via terra ci sono quelli aerei. E qui il discorso torna a cadere sul futuro dell aeroporto Vespucci. Purtroppo siamo di fronte a una questione che si protrae da tempo infinito, anche se finalmente una soluzione sembra essere alle porte. Non credo sia produttiva la discussione sulla pista, tra i duemila e i duemila quattrocento metri. Credo piuttosto che, se dobbiamo investire in un progetto nuovo, vada fatto guardando a un reale sviluppo di Firenze. E questo significa anche portare avanti la sinergia con Pisa, che però non potrà essere compiuta fino a quando non avremo un collegamento ferroviario funzionale. Altra questione aperta, la Tav. L alta velocità ferroviaria è un progetto che ha cambiato l Italia e adesso Firenze ha assunto un ruolo importante sull asse Roma-Milano. Ma il tunnel sotterraneo è un elemento prezioso in questo contesto, e non solo per migliorare la circolazione dei supertreni. Completare il tunnel significa anche liberare i binari di superficie e poterli utilizzare per il trasporto locale, alleggerendo il traffico. Se a ciò si aggiunge la possibilità di dare nuova destinazione urbanistica alle aree ferroviarie dismesse, magari per investimenti edilizi, sapete cosa può significare per l economia locale? C è però un altro tema importante legato alla gestione del traffico urbano, quello di un eccessiva presenza di auto in sosta sulla strada. Problema che può essere risolto solo con la creazione di nuovi parcheggi interrati. Per questo bisogna riaprire al project financing. Anche se prima vanno definiti bene gli appalti, perché se vogliamo che le imprese si accollino il rischio della costruzione di un parcheggio, bisogna presentare offerte valide e progetti sostenibili, sia sotto il profilo economico che dei tempi di realizzazione. Infrastrutture elemento imprescindibile anche per l economia del sistema di imprese che ruota attorno all edilizia e che sta vivendo una congiuntura difficile anche a causa della scarsità di offerta della committenza pubblica. Il blocco delle opere pubbliche ha gravato in modo forte sulle imprese. Molte sul territorio hanno chiuso in questi anni anche per questo motivo. E la dimostrazione di questa crisi dell edilizia sono i numeri, come sempre impietosi. Solo nell ultimo anno nell area fiorentina si contano 800 addetti in meno e 130 imprese che hanno chiuso, di cui 30 solo negli ultimi tre mesi. Senza contare il trend negativo degli anni precedenti. Questo ha fatto sì che il numero degli addetti scendesse dagli del luglio 2011 ai del luglio scorso, mentre nello stesso periodo le imprese sono passate da a Infine le ore lavorate, crollate da di tre anni fa a di oggi. E dunque essenziale far tornare a lavorare le imprese, perché solo così si può generare nuovo reddito e migliorare la capacità di spesa. Senza la produzione l economia non si rimette in moto. Stefano Fani

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

toscan i pri m i 'in Europa"

toscan i pri m i 'in Europa GG toscan i pri m i 'in Europa" IL sistema degli aeroporti toscani «è il nostro fiore all'occhiello», dice Martin Eurnekian ieri sulla pista di Peretola insieme al presidente di Corporacion America Italia,

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Aula magna della facoltà di

Aula magna della facoltà di Come far viaggiare i bus si studia all'università Al via lo scorso 6 marzo, alla Sapienza di Roma, il nuovo master su Management del trasporto pubblico locale, diretto da Giuseppe Catalano e Andrea Boitani.

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli