I racconti dei Battuti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I racconti dei Battuti"

Transcript

1 I racconti dei Battuti LA SCUOLA INFERMIERI PROFESSIONALI DI SAN VITO nel ricordo dei suoi allievi di Giacomo Tasca a cura del CENTRONOVE Circolo Aziendale Ospedaliero di San Vito al Tagliamento n. 4 - Dicembre 2011

2

3 L Ospedale Santa Maria dei Battuti di San Vito al Tagliamento ha vissuto tra il 1963 e la fine del Novecento un periodo di sviluppo eccezionale che, per importanza ed efficienza, trova forse paragone solo con l acquisto del Palazzo Heimann e dipendenze nel 1875 e con l arrivo da Padova del primo chirurgo moderno Vittorio Fiorioli della Lena. Con l anno 1963 è iniziato il potenziamento progressivo del personale medico e infermieristico, sono stati istituiti nuovi reparti di diagnosi e cura con relativi ambulatori che, in successione cronologica, sono stati quelli di ostetricia e ginecologia, centro di chirurgia della mano, pediatria; ortopedia e traumatologia; otorinolaringoiatria, oculistica e nuovi servizi diagnostico-terapeutici e tecnici: laboratorio di analisi cliniche, centro trasfusionale, centro di rianimazione e terapia intensiva con due posti letto (il primo inaugurato nella nostra regione), servizio di endoscopia digestiva, di oncologia, di fisioterapia, di emodialisi. Ovviamente anche i reparti di degenza preesistenti (chirurgia e medicina) e la radiologia usufruirono di un tempestivo e continuo potenziamento tecnico-strumentale in armonia con il rapido evolvere del progresso scientifico. Fra le nuove realizzazioni più utili rientra la istituzione nel 1979 della Scuola per Infermieri Professionali, intitolata al compianto dottor Girolamo Jacobelli, che è rimasta funzionante fino a tutto il 1997 quando l insegnamento della professione infermieristica è passato con la nuova

4 legge alle università statali nell ambito della facoltà di Medicina e Chirurgia. È ancora vivo fra i miei ricordi degli anni Sessanta il forte bisogno che l ospedale aveva di disporre di infermieri professionali, necessità che veniva soddisfatta assumendo infermiere diplomatesi dopo due anni di studio nelle scuole-convitto di Pordenone, Udine e, soprattutto, di Gorizia dove la scuola era retta dalle Suore della Provvidenza presenti nel nostro ospedale dal Per soddisfare il bisogno di infermieri generici si provvedeva con corsi di studio interni gestiti da quelle suore con diploma di infermiere professionali che potevano quindi dedicarsi all insegnamento delle tecniche infermieristiche. Per quanto riguarda le infermiere professionali l ospedale aveva cominciato ad assumere alcune neodiplomate che in quegli anni hanno portato la freschezza della giovane età e la buona volontà di lavorare. Tra queste non posso non citare con la più viva gratitudine per la loro intelligente e affettuosa collaborazione in sala operatoria due ragazze di Bagnarola: Lucia Del Frari strumentista e in seguito responsabile delle sei sale operatorie dell ospedale nuovo e Maurizia Zamparo anch essa strumentista che proveniva dalla scuola infermieri dell ospedale di Udine; ad esse seguì Egle Tommasin diplomata presso la scuola di Gorizia e destinata a reggere con grande senso di responsabilità per molti anni la segreteria e l attività ambulatoriale della divisione chirurgica. Nell autunno del 1967 Suor Gerosa Vidali, che aveva notevole esperienza didattica, diresse il primo corso per infermieri generici; durò un anno solare da marzo a marzo dell anno seguente con vacanza solo nel mese di agosto come ben ricorda un bravissimo allievo di allora, Leonardo Querin destinato a diventare un importante riferimento nella cerchia del personale di assistenza in anestesia e rianimazione. Altri corsi seguirono negli anni successivi. Nell autunno del 1971 iniziò anche nell Ospedale di San Vito il primo corso di riqualificazione istituito dal Ministero per infer-

5 mieri generici che erano in possesso di certi titoli di studio, che rispondevano ad una formula concordata con i sindacati, potessero ottenere, previo esame finale tenuto presso la Scuola Infermieri Maran di Pordenone, il diploma di infermieri professionali alla fine di un anno di studio. A questo primo corso parteciparono otto infermiere generiche tra le quali ricordo Bruna Piagno, Suor Pierpaola e Graziella Falcomer e, unico infermiere, Antonio Daneluzzi che dopo la quiescenza dall Ospedale di San Vito (luglio 95), continua ad esercitare con passione e dedizione la professione d infermiere in una casa di riposo. Seguì nel 1972 un secondo corso di riqualificazione dal quale emersero tra gli altri Luisa D Italia, una struttura portante del reparto di chirurgia, apprezzata da colleghi e medici per la sua efficienza nel lavoro di corsia, Adriano Centis che diventò un elemento prezioso nel servizio di anestesia e rianimazione e Nadia Chiarotto provetta strumentista da me molto considerata per serietà, precisione e prontezza. Ho ricordato con vero piacere e con senso di riconoscenza queste persone in rappresentanza di tante altre che nella mia attività di chirurgo ho potuto conoscere molto da vicino e stimare per il loro senso di responsabilità e per il tratto pieno di riguardi verso i malati. Sono tutte persone che hanno validamente cooperato alla conservazione e alla crescita del buon nome che l ospedale di San Vito ha sempre goduto presso le popolazioni che ha servito. Nel settembre 1979 il Consiglio di amministrazione istituì la Scuola di Infermieri Professionali e ne affidò la direzione al dr. Giovanni Bassi, primario anestesista e Direttore sanitario, la direzione didattica a Suor Michelina Bettega. Ho collaborato anch io all attività di insegnamento fin dal primo anno per il quale mi fu affidata Scienza dell Alimentazione. Negli anni successivi fino al 1995 insegnai Patologia Chirurgica partecipando quasi sempre agli esami di diploma. È stata per me un esperienza piacevo-

6 le e utile che conservo tra i ricordi più belli della mia vita ospedaliera. Ho cercato qui di ricostruire una memoria di questa Scuola durata per sedici corsi di tre anni ognuno dando voce ad alcuni ex-alunni che mi hanno fatto partecipe dei loro ricordi. In sedici corsi la Scuola ha portato al diploma 266 studenti e non era materialmente possibile raccogliere i ricordi di tutti. Per questo motivo si è dovuto riservare la ripartizione delle succinte interviste a poche persone cercando però di raccogliere i ricordi di almeno una persona per ogni corso. Qualche volta si è verificata la felice occasione di incontrare qualche rappresentante in più di alcuni corsi e di raccogliere anche i ricordi di alcuni infermieri generici. Il primo corso portò al diploma 16 infermiere nell estate del Luisa Nocent che da quell anno presta servizio nella divisione di ostetricia e ginecologia dove ha dato il suo apporto nelle corsie della maternità e della ginecologia, ora da diversi anni lavora negli ambulatori. La scuola le ha lasciato il ricordo di due materie che l hanno appassionata: Scienza dell Alimentazione il primo anno e Patologia Medica il secondo anno illustrata dal primario medico dr. Alberto Rizzo. Io stesso ricordo Luisa che veniva a prendere i miei appunti di Scienza dell Alimentazione che poi copiava perché le lezioni esondavano un po dal piccolo testo dato in dotazione. Dello stesso corso ( ) è Mara Castellarin che ricorda con piacere la pratica di corsia imparata dalla caposala di chirurgia donne Suor Gemmarita e quella di strumentista appresa da Lucia del Frari. I primi due anni di lavoro li ha svolti in reparto dozzinanti ed è stato un periodo difficile che ha superato a fatica. Il lungo tirocinio fatto a strumentare in sala operatoria di ostetricia e ginecologia le ha dato sempre soddisfazione e le ha consentito di accumulare quella esperienza che oggi le è molto utile nel dirigere il personale e tutto il lavoro che avviene nel reparto operatorio recentemente ammodernato. Come altre colleghe ha

7 avvertito in questo ultimo anno un appesantimento burocratico che rende il lavoro più gravoso senza lasciar intravedere una manifesta utilità. Ancora una diplomata nel 82 è Maria Giovanna Bortolussi che racconta di aver svolto tirocinio nel reparto di chirurgia uomini diretto da Suor Angelita e in quello di chirurgia donne. Se avesse potuto scegliere liberamente dove svolgere il suo lavoro avrebbe scelto senza incertezze il reparto di ostetricia-ginecologia, fu invece assegnata subito dopo il diploma al reparto operatorio. Si adattò rapidamente strumentando nei primi anni quasi sempre nelle due sale operatorie di chirurgia generale. Si dichiara ancora contenta dell interessante lavoro che svolge con serenità e tranquillità Per il gruppo di 20 ragazze e di un ragazzo (Devi Papais) che si sono diplomati nel 83 ho potuto intervistare Lorena Bianchet che entrò in ospedale come ausiliaria per poi accedere alla scuola infermieri. Di tutte le materie del programma scolastico quella che per Lorena fu la più avvincente - e questo per la bravura e la chiarezza di esposizione dell insegnante Suor Michelina - fu Tecnica Infermieristica. Dopo il diploma lavorò fino al 1997 in Medicina Donne sotto la direzione di Sr Lia Antonia della quale conserva un ottimo ricordo. Dal 97 è in Direzione sanitaria. Mauro Leon viene a rappresentare i 17 diplomati e diplomate del 1984, quelli del terzo corso di cui hanno fatto parte anche Antonio Fregonese e Pierluigi Benvenuto. Mauro aveva superato l esame finale del corso di infermiere generico tenuto da Sr Maurizia nel Nello studio teorico della scuola per professionali ricorda le sue difficoltà nello studio della chimica (docente era il dr. Giovanni Tasca del Laboratorio di Analisi) e anche in inglese con il prof. Angelo Bertolo. Un ricordo a lui rimasto particolarmente vivo fu quello dell assistenza ad una autopsia eseguita dal professor Antoci: si trattava della salma di un uomo che era deceduto per una emorragia cere-

8

9 Diploma anno 1982 Diploma anno 1983

10

11 Diploma anno 1984 Diploma anno 1985

12 brale. Mauro rimase impressionato in modo violento quando l assistente settore tolse la calotta cranica che aveva segato e mise allo scoperto l encefalo ed il danno provocato dall emorragia. Dal 96, dopo 12 anni di chirurgia, è impegnato nell articolato lavoro di assistenza ai chirurghi ortopedici sia in sala operatoria che in sala gessi. Collega di Mauro Leon è Pierino Luchin che ha frequentato il corso per generici degli anni insieme a lui. Le materie di studio che più lo avevano appassionato erano state Patologia Chirurgica e Igiene, tenuta quest ultima dal dr. Sabino. Durante il corso di generico fece pratica in medicina uomini per passare poi in chirurgia dove rimase fino al 1998, anno in cui è stato trasferito in ortopedia. Tra i ricordi di lavoro più cari cita la simpatica personalità dell infermiere generico Giulio Ventoruzzo di Gleris che gli fu insegnante, ricco di esperienza e generoso elargitore di buoni consigli. Ho potuto incontrare Maria Venaruzzo nello spogliatoio della sala operatoria prima che iniziasse il suo lavoro quotidiano di strumentista. Maria è arrivata al diploma nel La parte pratica dello studio l ha svolta passando attraverso quasi tutti i reparti di degenza del nostro ospedale oltre che in sala parto dove l insegnamento le fu dato dalla caposala Edda Fabris e nel servizio domiciliare accanto a Mariarosa De Giusti. Di tutte queste persone, dalle quali ha appreso il frutto di tanta esperienza nel campo assistenziale, conserva un ricordo grato per il tratto materno e gentile con il quale l hanno trattata. Dopo il primo lavoro alla casa di Cura S.Camillo di Treviso è approdata come strumentista a San Vito. La ricordo al mio fianco tranquilla e tempestiva, esatta nello svolgere il lavoro che aveva imparato con rapidità eccezionale, tale da farmi ritenere che doveva possedere una predisposizione naturale. Nonostante i molti e importanti cambiamenti avvenuti in questo reparto dal 1997 in poi Maria continua ad essere soddisfatta del suo lavoro e del buon clima che regna nel reparto operatorio.

13 Alessandra Santarossa è tra i 15 allievi (14 donne e un maschio, Fiorenzo Gaiatto) che hanno superato l esame di diploma insieme a lei nell estate del Riandando con la memoria alle materie studiate durante il corso ammette che l impressione generale che prova è quella di un ordinamento dello studio ancora arretrato rispetto allo sviluppo che la scienza infermieristica ha avuto negli anni che sono seguiti. La preparazione teorica era comunque all altezza dei requisiti scolastici del suo tempo. Il tirocinio pratico lo ha svolto prevalentemente nelle due sezioni di Medicina Donne ricevendo insegnamenti da Sr Alfonsina, persona ricca di umanità, e da Sr Lia Antonia, caposala rigorosa che faceva funzionare il reparto come un orologio. Alessandra è stata la prima allieva che ha svolto il tirocinio pratico presso il Centro di salute mentale. Ha lavorato per 10 anni in Terapia Intensiva e dopo altre esperienze sia in ambito ospedaliero che territoriale è occupata ora in Direzione Sanitaria, dove si interessa di incident reporting. Raggiungo al telefono Catia Cassin che, in questa serie di interviste, rappresenta il corso (12 ragazze e un maschio, Giovanni Rinaldi). Catia ricorda che l unica materia di studio che le ha presentato delle difficoltà è stato l inglese, una difficoltà però che le si è ripresentata dopo 22 anni dal diploma nel corso universitario specialistico di scienze infermieristiche e ostetriche conclusosi felicemente quest anno in febbraio. Alla Scuola retta da Suor Michelina studiò con vivo interesse anatomia e igiene, materia questa insegnata allora dal dottor Celotto. Quale esperienza più qualificante professionalmente cita quella da lei svolta presso la Casa di riposo di Azzano Decimo, come responsabile infermieristica dal 2005 al Ora lavora presso la direzione del Servizio infermieristico dell Azienda Sanitaria n.6 Friuli Occidentale. Stefania Saveri mi accoglie nella sua postazione di caposala del reparto di chirurgia. Mi rac-

14

15 Diploma anno 1986 Diploma anno 1987

16

17 Diploma anno 1988 Diploma anno 1989

18 conta che ha studiato nella Scuola di San Vito tra il 1984 e il 1987 e che, tra le caposala sotto la cui direzione ha fatto il tirocinio pratico prima del diploma, le personalità che più l hanno colpita per efficienza didattica e per il modo di dirigere le sezioni di degenza a loro affidate, sono state Suor Maurizia (chirurgia uomini) e Suor Lia Antonia (medicina donne). La cardiologia insegnata con grande capacità dal dottor Duchi è la materia che più ha destato il suo interesse. Nel periodo di lavoro presso l Ospedale di Udine, sezione chirurgia vascolare, ricorda con piacere i complimenti dei medici e caposala per il grado di preparazione ricevuto nella Scuola Infermieri di San Vito. Sempre del corso è Paola Tisiot appassionata alle lezioni di Tecnica Infermieristica insegnata da Suor Angelita. Il tirocinio pratico l ha svolto in tutti i reparti e servizi dell ospedale di San Vito tranne che sala operatoria. Il massimo interesse che è venuta coltivando nel corso di questa esperienza è stato per il lavoro che si svolgeva in chirurgia e soprattutto in chirurgia uomini. Tuttavia non fu affatto estranea ad interessi per due soggetti scientifici ai quali non ha potuto dedicarsi come avrebbe desiderato ma che coltiva ancora con qualche lettura: psicologia e pedagogia. Nel 1988 si è diplomata infermiera professionale Lucia Masut insieme ad altre 11 colleghe e a Luca Gri. La trovo nel reparto di pediatria dove lavora attualmente. Mi parla subito del suo interesse per lo studio e, in particolare, della Ostetricia e Ginecologia, spiegata con molta cura e passione dal dottor Linciano, docente della materia per tutti gli anni della scuola. Nell apprendimento della pratica infermieristica, dove non ha incontrato alcuna difficoltà, è rimasta impressionata dalla precisione e dalla serietà dei controlli da parte dell insegnante Suor Angelita che alle allieve ripeteva spesso: tutto ciò che non è vassoio si porta con il vassoio. Lucia prese alla lettera questa regola e un giorno, essendo

19 stata incaricata di portare un cuscino ad una degente, pensò bene di metterlo su un vassoio e, attraversando il corridoio, andò a portarlo alla malata. Le colleghe che la videro, dopo un attimo di stupore, scoppiarono a ridere. Del primario chirurgo che amava interrogare e controllare quanto le allieve avevano capito e assimilato, Lucia ha avuto timore come molte sue compagne. Subito dopo il diploma fu assunta e assegnata alla Medicina Donne nella sezione retta da Suor Lia Antonia che le diceva spesso: nina, se te ga un can che te corre drio, varda ch el te magna. Dapprima questa esortazione a sbrigarsi, a essere svelta l aveva resa perplessa, poi si convinse che doveva dimostrare di essere più veloce nell eseguire gli ordini della caposala. Tatiana Di Fresco è oggi la caposala del reparto di ortopedia (corso ). Nel tirocinio pratico era rimasta molto coinvolta nell assistere all attività di chirurgia della mano la cui parte traumatologica è stata quella che aveva potuto apprezzare di più. Si sente realizzata nel suo lavoro e ricorda con grande piacere le lodi ricevute dagli esaminatori per la stesura del Piano assistenziale che era stata una iniziativa di Catya Zorzi, collaboratrice didattica di Sr Michelina: il tema riguardava alcuni ustionati degenti in chirurgia uomini. Claudia Hattinger si è diplomata insieme a 16 colleghe nel Un po di difficoltà ricorda di aver incontrato nello studio di Igiene Ospedaliera, che era una delle materie dell ultimo anno di corso. Della Scuola conserva un ottimo ricordo che la porta ad affermare che la rifarebbe subito essendo stata una parte molto bella e interessante della sua vita così come non dimentica gli insegnamenti ricevuti da Suor Angelita e da Suor Gemmarita. Racconta che un giorno si è accorta che in chirurgia uomini c era un degente che doveva essere operato di ernia e non aveva mai fatto la profilassi antitetanica. Essendo fresca dell impressione che le aveva lasciato la descrizione scolastica del tetano andò a riferire la cosa ad

20 una diplomata di reparto più anziana la quale le rispose che non c era proprio nessuna necessità di fargli una vaccinazione antitetanica. Oggi Claudia presta servizio al Pronto Soccorso: era il suo obiettivo professionale da quando ascoltava con grande attenzione le lezioni tenute dal dr. Salvatore, allora dirigente del reparto. È contenta di sentirsi utile nelle più svariate emergenze alle persone che improvvisamente e inaspettatamente vengono colpite dal male e hanno bisogno di tutto. Anche Vicenzina Castellan, è infermiera professionale dal È sempre rimasta nell ambito delle degenze chirurgiche, partecipando alle continue trasformazioni dei metodi di cura e di assistenza del malato e dell organizzazione del reparto. Questi continui cambiamenti, se pur pesanti per molti aspetti, non hanno influito negativamente sullo spirito gioviale e sul modo scrupoloso di lavorare di questa ex-allieva che non risparmia un luminoso sorriso a nessuno. Alla fine del decimo corso nell estate del 1991 insieme ad altre 19 compagne si diplomò Monica Bortolussi che ricorda della Scuola l insegnamento di una materia per lei piuttosto ostica, anatomia, se pur spiegata in modo chiaro e semplice dal dottor Bellomo. La ricca e positiva esperienza del tirocinio nei reparti ospedalieri e in alcune strutture territoriali le rimane ancora viva e presente nella sua memoria. Iniziò a lavorare a Caorle nella Casa di riposo poi a San Donà di Piave nel Centro di salute mentale. Ma questi sono stati brevi periodi rispetto ai dieci anni che trascorse in Terapia intensiva a San Vito. Lì imparò molto grazie agli insegnamenti dei colleghi più anziani e in particolare da Dario Masotti che ha sempre ammirato per equilibrio, serenità e preparazione professionale. Da lui apprese, tra l altro, la tecnica di prelievo del sangue arterioso, acquisendo una manualità che gli tornò utilissima quando fu trasferita nel servizio di Emodialisi. Da due anni lavora in Pediatria, contenta di questa nuovo ambiente; il clima e i ritmi sono molto

21 diversi dai reparti precedenti; qui il lavoro si svolge in un atmosfera serena e protetta ed entrare nel Nido o assistere alla nascita di un bambino in sala parto o in sala operatoria sono esperienze che coinvolgono ed emozionano sempre. Trovo al lavoro nella Sala Gessi Alessandro Biasutti che in questa serie di interviste rappresenta le sue 14 compagne di studio diplomate nel Mi dice di non aver incontrato difficoltà nello studiare le materie curricolari salvo forse alcuni capitoli di Patologia Medica, duri da digerire. Da tirocinante il periodo trascorso nel reparto di Medicina è stato molto positivo. Nel Gruppo gessi e in Sala operatoria di Ortopedia è impegnato nel tipo di lavoro che più gli piace; è un attività che svolge agevolmente e in autonomia entro i limiti e con le caratteristiche di una assistenza infermieristica specializzata che gli consente di essere molto vicino e professionalmente utile a stretto contatto con i medici del reparto. Il 12 corso ha diplomato nel 1993 Cristina Zadro. Ricorda con piacere le lezioni di Tecnica Infermieristica spiegate in maniera tanto chiara e interessante da Suor Michelina e da Catya Zorzi. Il lavoro in Sala Operatoria è stato quello che l ha affascinata e che desiderava fare fin dal tirocinio. Accontentata! Oggi è una strumentista operativa in tutte le specialità che si praticano nel gruppo operatorio del nostro ospedale e lavora con passione e competenza a fianco dei chirurghi. È contenta e si sente realizzata, si trova bene insieme alle sue colleghe e alla caposala che conosce fin dai tempi del tirocinio. Quella del Reparto Operatorio, mi dice, è una bella famiglia che è guidata bene e va avanti tranquilla in silenzio e cercando di dare il massimo. Katia Tolfo è del corso (18 allieve e un allievo, Claudio Centis). La passione naturale istintiva di Katia per il lavoro di infermiera si è manifestata nell affrontare e studiare la materia che è stata per lei la più bella e la più importante di tutte: tecnica infermieristica. E

22

23 Diploma anno 1990 Diploma anno 1991

24

25 Diploma anno 1992 Diploma anno 1993

26 l attrazione per il reparto di ortopedia durante il tirocinio si è rivelata determinante per la sua carriera professionale avendo trovato proprio in quel reparto la sua collocazione sentendosi tuttora soddisfatta e realizzata nelle sue aspirazioni. Lavora nel reparto di Terapia intensiva Sara Novello, infermiera professionale dall estate del 1995 (corso di 20 allievi di cui 2 maschi: Andrea Favretti e Claudio Pavan). Ricorda di aver incontrato difficoltà già nel primo anno di studio nel seguire le lezioni di patologia generale tenute dal dr. Plaino. Il tirocinio pratico è stato il più vario e completo possibile con una frequentazione anche presso l istituto La Nostra Famiglia. Oggi, nel delicato lavoro che svolge in Terapia intensiva, si sente serena e tranquilla, pienamente realizzata nel prestare il suo servizio infermieristico ai pazienti critici, molto spesso al limite tra la vita e la morte. Simona Pellarin, conclusa la scuola (corso , 12 allievi tra cui due maschi, Loris Toffolon, Cesare Manzini) la prima assunzione per lei fu presso la Casa di Riposo di Morsano al Tagliamento per arrivare poi nell ospedale di San Vito, assegnata alla divisione chirurgica. Dopo un intermezzo territoriale al Distretto sanitario di Cordenons ritorna a San Vito, in Chirurgia. Dal 2010 è in Terapia intensiva. Nella conversazione, Simona parla dei suoi primi giorni di lavoro in chirurgia uomini e di quanto rimase coinvolta emotivamente nell assistere un degente molto anziano al quale doveva tagliare le unghie dei piedi. La sera, a casa, prima di addormentarsi, ripensando alla solitudine e allo stato di totale abbandono in cui quel vecchio viveva da tempo è stata colta da una profonda tristezza e ha pianto. In seguito ha dovuto imparare a controllare questa sua naturale empatia che anche in altre occasioni l aveva portata ad immedesimarsi nelle condizioni tristi e dolorose delle persone che avvicinava per dovere di servizio. Ricorda ancora una vecchia signora che era sola e che le aveva raccontato tutte le amare vicende attraverso le quali era

27 passata. Alla fine del racconto, grata per la pazienza e l ascolto attento e partecipante di Simona, quella signora volle esprimerle la sua gratitudine offrendole del denaro che ovviamente Simona non accettò. Manuela Caravano si è diplomata nel 1997, l anno dei diplomi dell ultimo corso di sedici allievi che avevano iniziato gli studi e il tirocinio professionale nel Trovò particolarmente interessante lo studio di anatomia, patologia chirurgica e farmacologia con la dott.ssa Majeron, applicandosi con passione e senza trovare particolari difficoltà nel percorso scolastico. Del primo impiego alla Casa di Riposo di Aviano non riportò un impressione positiva a differenza di quella fatta subito dopo nella Casa di Riposo di Codroipo e poi in quella di San Vito. Assunta nel nostro ospedale nel 2002, assegnata alla divisione medica, è stata costretta a lasciare il lavoro in corsia dopo aver sofferto due episodi di shock anafilattico insorto per sensibilizzazione al lattice che le provocava accessi di forte dispnea. Ora Manuela è in Cardiologia, un servizio che definisce ben diretto e organizzato dove i buoni rapporti interpersonali raggiunti, al di là delle gerarchie e delle responsabilità, contribuiscono a migliorare la qualità delle prestazioni. Dello stesso corso è Cristian Mazzon che mi parla dell interesse nei suoi studi scolastici per l oncologia, spiegata benissimo dal caro dr. Plaino che ricorda con vivo sentimento di gratitudine e ammirazione insistendo nel far precedere il nome con l aggettivo caro ogni volta che lo nomina. Altrettanta attenzione e partecipazione Cristian ha avuto per le lezioni di tecnica infermieristica e per la geriatria spiegata in maniera superlativa dal dr. Zavaroni, preciso e puntiglioso nelle frequenti interrogazioni che rivelavano alla classe lo scrupolo, l esattezza e l impegno di quel bravissimo docente. Il primo posto di lavoro lo ha trovato alla Casa di Riposo di Caorle poi in quella di Portogruaro, di Motta di Livenza, di Oderzo e di Treviso. In questo

28

29 Diploma anno 1994 Diploma anno 1995

30

31 Diploma anno 1996 Diploma anno 1997

32 peregrinare dall una all altra casa per anziani ha più volto riconosciuto la fortuna di aver avuto come insegnante di geriatria il dr. Zavaroni. Un periodo in Chirurgia a San Vito e, dal 2006, è coordinatore infermieristico della RSA di Azzano Decimo, struttura di 27 posti-letto. È contento dell ambito in cui presta il suo servizio avendo la possibilità di applicare tutta la esperienza maturata durante e dopo la scuola infermieri di San Vito della quale conserva un ottimo ricordo. Nelle mie visite all Ospedale di San Vito per incontrare e intervistare le persone che fin qui ho ricordato mi è anche capitato di parlare con alcune infermiere generiche tuttora in attività, che mi hanno narrato particolari della loro vita di allieve nei corsi per Infermieri generici. Mi limito a citare Diana Paron che ha frequentato il corso per generici degli anni e che ricorda di essere rimasta molto colpita dalle bellissime ed esaurienti lezioni tenute dal patologo dr. Muretto sulla vita delle cellule e Franca Spagnol, oggi attiva negli ambulatori del reparto di ostetricia e ginecologia, che mi raccontava di essere rimasta incantata dalle spiegazioni del dr. Gasparet sul mondo fantastico e complesso dell ematologia. Un difficile percorso ad ostacoli è stato quello superato brillantemente per la sua tenacia incredibile e la grande forza di volontà, da Antonio Fregonese diplomatosi nell estate del 1984: assunto nel nostro ospedale come ausiliario dopo un lungo periodo di lavoro in Australia, ha saputo sfruttare le possibilità offerte dai contratti di lavoro di quegli anni per poter studiare e acquisire in tempi brevi i titoli di studio necessari all ammissione e alla frequenza come allievo-lavoratore della scuola infermieri. Toni è già da qualche anno in pensione, ma nei reparti in cui ha prestato servizio, la chirurgia e la terapia intensiva, e in tutto l ambiente ospedaliero è ancora apprezzato per le sue doti umane: sempre disponibile, simpatico e gentile con pazienti e colleghi. Il giudizio retrospettivo formulato dalle persone che hanno partecipato a questa iniziativa del

33 Centronove sulla Scuola Infermieri Professionali dell Ospedale di San Vito e sulle persone che l hanno diretta, Suor Michelina Bettega dapprima e Rosanna Finos poi, coadiuvate dal 1988 in poi da Catya Zorzi, Maria Grazia Moro e Donatella Piazza, è un giudizio altamente positivo a conferma dell ottimo risultato ottenuto con la fusione di insegnamento e tirocinio della preparazione infermieristica all interno di una unica struttura che offriva - non va dimenticato - anche la possibilità del convitto per gli allievi che venivano da lontano. Per tutti i docenti l impegno di insegnare le materie corrispondenti al proprio lavoro professionale è stato uno stimolo aggiuntivo allo studio e all aggiornamento scientifico, sicuramente a loro utile nell espletamento dell impegnativo lavoro quotidiano. Ho documentato in questa piccola pubblicazione che il Centronove ha voluto offrire ai suoi soci e a tutti gli ex-allievi e insegnanti della Scuola Infermieri Professionali dell Ospedale di San Vito quanto é ancora vivo nel ricordo degli allievi il clima familiare, caloroso, ricco di attenzioni che gli amministratori dell Ospedale hanno saputo creare e conservare nei riguardi della Scuola e della sua complessa attività intra moenia. Non vi sono state in quegli anni domande o richieste motivate da parte della direzione didattica che non siano state immediatamente esaminate con viva attenzione e subito soddisfatte. Non fu certo impegno da poco istituire dal nulla una scuola con relativo convitto in un ospedale dove si svolgeva allora una attività assistenziale e diagnostico-curativa caratterizzata da un ritmo tanto veloce ed intenso. I resoconti annuali dell Assessorato Regionale alla Sanità segnalavano infatti in quegli anni l Ospedale di San Vito sempre in testa a tutti gli altri ospedali della regione per i dati numerici riguardanti ricoveri, cure, durate di degenza e prestazioni ambulatoriali. Il Centronove che ha promosso questa piccola memoria della Scuola sente il dovere di ricor-

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Dr. Nakandha Esther Magumba Trainee Internal Medicine Il programma è iniziato nel Novembre 2010, con la partecipazione di 17 studenti: 5

Dettagli

Laura De Vitt. Per darvi un idea più precisa del mio percorso formativo vi fornisco alcune informazioni specifiche.

Laura De Vitt. Per darvi un idea più precisa del mio percorso formativo vi fornisco alcune informazioni specifiche. Laura De Vitt Laura De Vitt inizia l attività di ostetrica nel 1997 presso il reparto di Ostetricia dell Ospedale Civile Santa Maria degli Angeli di Pordenone, dopo aver maturato un esperienza decennale

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

Formato europeo per il curriculum vitae

Formato europeo per il curriculum vitae Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome CROSARIOL MICHELA Indirizzo PIAZZA CAVALIERI DI VITTORIO VENETO 7 Telefono 3478156872 e-mail michelacrosariol@virgilio.it Nazionalità

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv.

PRESENTAZIONE. DIRETTORE DEL CORSO Zoran Olivari UOC Cardiologia - Ospedale Ca Foncello, Treviso tel. 0422 322767 e-mail: segcardiotv@ulss.tv. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Antonina Ristagno Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 11 giugno 2013 La conservazione: obiettivi Fin dal 2005, anno della prima stesura del Codice

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paoletti Roberta 31, Strada Cerquacupa, 05030, Otricoli, Terni Telefono 349/7399828 Fax E-mail

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI VILLANI MIRIAM. Nome

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI VILLANI MIRIAM. Nome F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VILLANI MIRIAM ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 3 Giugno 2014 RAD DIPARTIMENTO EMERGENZA-URGENZA A.O. LODI Dal 1996 al 3 Giugno 2014 INFERMIERA

Dettagli

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI

CORSO di COACHING PROFESSIONALE CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI CORSO di COACHING PROFESSIONALE II EDIZIONE GENOVA Genova piazza colombo 3 - info@xelon.org CORSO RICONOSCIUTO DALLA PIÙ IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA COACH PROFESSIONISTI La figura in uscita dal percorso

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LA MELIA AURELIO Indirizzo VIA COLLE FIORITO 31 GENZANO DI ROMA 00045 Telefono 069398231 3283140797 Fax E-mail aurelio.lamelia@libero.it

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA CURRICULUM DI STUDIO

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA  CURRICULUM DI STUDIO CURRICULUM VITAE Cognome - Nome: PASQUOT LOREDANA Nata a San Donà di Piave (VE) il 6 aprile 1957 Residenza: Via Quadronno 4, 20122 MILANO Cittadinanza: Italiana Stato Civile: Coniugata con Ermes Fornasier.

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318 A.S.L. TO3 Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo Sede legale provvisoria Via Martiri XXX Aprile, 30 COLLEGNO Sede di Pinerolo Str. Fenestrelle, 72 PINEROLO CENTRALINO COLLEGNO: 011-95511 CENTRALINO

Dettagli

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi.

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. CARTA DEI SERVIZI Presentazione Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. Questo importante strumento è stato concepito per portarla a conoscenza dei servizi erogati all

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

Dirigente Medico, incaricato fino al 30/9/2000 e, successivamente, a tempo indeterminato, responsabile del presidio ospedaliero di Menaggio

Dirigente Medico, incaricato fino al 30/9/2000 e, successivamente, a tempo indeterminato, responsabile del presidio ospedaliero di Menaggio Dal 16/3/2000 al 31/3/2001 Dirigente Medico, incaricato fino al 30/9/2000 e, successivamente, a tempo indeterminato, responsabile del presidio ospedaliero di Menaggio Azienda Ospedaliera Sant Anna - Via

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto

Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Regione del Veneto DGR n. 3223 del 08 novembre 2002 ALLEGATO '2' Rete ospedaliera della Regione Veneto Dotazione di funzioni e posti letto strutture a gestione privata N.B. Nei totali non sono conteggiate

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI

FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI Formazione FREQUENZA DEGLI STUDENTI DEL QUINTO E SESTO ANNO DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITÀ DI GENOVA PRESSO GLI STUDI DEI MMG: IMPRESSIONI E COMMENTI ANDREA STIMAMIGLIO, RICCARDO

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Cliniche Universitarie Tübingen

Cliniche Universitarie Tübingen italienisch Cliniche Universitarie Tübingen CLINICA PER CHIRURGIA GENERALE, VISCERALE E DEL TRAPIANTO CLINICA PER ANESTESIOLOGIA E MEDICINA INTENSIVA DIPARTIMENTO DI OCULISTICA CLINICA GINECOLOGICA CLINICA

Dettagli

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

Iscrizioni aperte alla II edizione del corso COACH PROFESSIONISTA

Iscrizioni aperte alla II edizione del corso COACH PROFESSIONISTA TRAINING COUNSELING & COACHING ---------------------------------------------------------------------------------------------------- Iscrizioni aperte alla II edizione del corso COACH PROFESSIONISTA RICONOSCIUTO

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

Lomonico Sebastiano. Dirigente Medico. Medico specialista frequentatore. Contratto Medico specialista Borsista. Medico specialista frequentatore

Lomonico Sebastiano. Dirigente Medico. Medico specialista frequentatore. Contratto Medico specialista Borsista. Medico specialista frequentatore Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Lomonico Sebastiano ESPERIENZA PROFESSIONALE 01 aprile 2008 alla data attuale Dirigente Medico Azienda Ospedaliera San Paolo Milano Università degli Studi di Milano

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Newsletter gennaio 2015

Newsletter gennaio 2015 Newsletter gennaio 2015 Anche nel 2014, il nostro Villaggio si è confermato come una realtà in continuo movimento. In questo periodo ancora così difficile, i bisogni si evolvono e il Villaggio si evolve

Dettagli

Direzione Infermieristica

Direzione Infermieristica Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Andrea TODISCO (Italia) 02 914337.1 06 3015.8219 andrea.todisco@centrocliniconemo.it www.linkedin.com/profile/view?id=85746072&trk=hb_tab_pro_top Data di nascita

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indirizzo Via corna in piano 334, 23010 Colorina SO (Italia) Telefono 3284750238 E-mail evelin5@hotmail.it

Indirizzo Via corna in piano 334, 23010 Colorina SO (Italia) Telefono 3284750238 E-mail evelin5@hotmail.it Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome / Nome Indirizzo Via corna in piano 334, 23010 Colorina SO (Italia) Telefono 3284750238 E-mail evelin5@hotmail.it Cittadinanza Italiana Data di nascita 29

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti - 1^ Semestre

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Con il Patrocinio di: LE ARTRITI E LA PSORIASI Convegno promosso da AISpA Onlus - Bologna Presidente: Do. Giuseppe Oranges Sabato 1 Giugno 2013 Hotel Don Carlo - San Marco Argentano (CS) Presidente del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASCALE ERIKA Indirizzo VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI, 11 00144 ROMA Telefono Cellulare: 333/4078836

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/162 0 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 07 del 0 dicembre 3 ALLEGATO C Dgr n. del pag. 9/ A-Area Medica 5 9 3 0 Cardiologia Gastroenterologia Geriatria Medicina Generale Nefrologia Neurologia

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa dott. Marco Galbusera STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri dott. Graziano Gabetta

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI CLINICHE SAN PIETRO CUP: 1533 DA CELLULARE 070.276424 DIREZIONE GENERALE

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI CLINICHE SAN PIETRO CUP: 1533 DA CELLULARE 070.276424 DIREZIONE GENERALE Ufficio Comunicazione e Reclami c/o Direzione Generale via Michele Coppino, 26 07100 Sassari tel. 079.2830638 Fax 079.2830637 Email: urp@aousassari.it - Pec: protocollo@pec.aou.ss.it www.aousassari.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott.ssa SONIA CARLA RICCIU Indirizzo 128 INT 23, Via Piacenza, I-16138, Genova Telefono +39 3396068166 Fax

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014 Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014 Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Dipartimento di Patologia Umana X MASTER UNIVERSITARIO DI

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2012, n. 21-5035 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Medicina e Chirurgia Giornate di Orientamento per Studenti delle Scuole Superiori Simulazione dei casi clinici: 12-19-26 Novembre e Dicembre Facoltà di Medicina

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Provider: Università degli Studi di Torino - (ID 173) CONSENSO INFORMATO: DUE ANIME, DUE ATTORI - Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche - Aula Sezione

Dettagli

Gilardi Dr. Prof. Roberto

Gilardi Dr. Prof. Roberto Gilardi Dr. Prof. Roberto Fondatore di Kaloi, Network di professionisti che opera in Italia nella Formazione, Consulenza, Coaching già Docente a.c. Università di Trieste Esperto di Processi Formativi Direttore

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA ATTO AZIENDALE Allegato n. 1 STRUTTURA ORGANIZZATIVA REGIONE SICILIANA Ufficio Programmazione e Controllo di gestione- All.1 Atto Az.le def. appr.to da Ass..to 1 Ufficio Programmazione e Controllo di gestione-

Dettagli

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia R A F F A E L L A M I C H I E L I Segretario Nazionale Società Italiana Medicina Generale Nonostante il titolo della mia relazione sia Il ruolo di sentinella

Dettagli

Consulta Casagit. c/o Associazione Stampa Friuli-Venezia Giulia Corso Italia 13 34121 Trieste Tel. 040 370371 Fax 040370378 trieste@mail.casagit.

Consulta Casagit. c/o Associazione Stampa Friuli-Venezia Giulia Corso Italia 13 34121 Trieste Tel. 040 370371 Fax 040370378 trieste@mail.casagit. Consulta Casagit c/o Associazione Stampa Friuli-Venezia Giulia Corso Italia 13 34121 Trieste Tel. 040 370371 Fax 040370378 trieste@mail.casagit.it Orari degli Uffici Dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle

Dettagli

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GENOVA Antonio Indirizzo 101,via Le Chiuse, 10144,Torino,Italia Telefono 3357809266 E-mail genova.antonio@gmail.com

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO

LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO www.associazionevenetoesalute.it info@associazionevenetoesalute.it LE PROFESSIONI SANITARIE SI PRESENTANO FABIO MAZZUCATO - CRISTIAN LIUNI CHI SIAMO? costituita per merito di alcuni professionisti della

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 Cari Soci, Siamo qui a presentare il bilancio consuntivo del terzo anno, sembrano pochi tre anni ma se volgiamo lo sguardo all indietro sembra passata una eternità. INTRODUZIONE

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57.

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. Il sottoscritto dopo le scuole dell obbligo il 16/08/1970 si è arruolato nella Marina Militare.

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli