Certificato di Supplemento al Diploma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificato di Supplemento al Diploma"

Transcript

1 Certificato di supplemento al diploma Ingegneria per l Ambiente e il Territorio rilasciato a Mario Rossi nato a Trento (Italia) il gg/mm/aaaa Diploma supplement Environmental and Land Engineering Issued to Mario Rossi born in Trento (Italy) on dd/mm/yyyy Certificato di supplemento al diploma Versione italiana da pag. 1 Programmi dei corsi da pag 10 Diploma Supplement English version from page 20 Courses programmes from page 27 Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 1 di 36

2 Certificato di Supplemento al Diploma Premessa Il presente Supplemento al Diploma è stato sviluppato dalla Commissione Europea, dal Consiglio d'europa e dall'unesco/cepes. Lo scopo del supplemento è di fornire dati indipendenti atti a migliorare la trasparenza internazionale dei titoli (diplomi, lauree, certificati ecc.) e a consentirne un equo riconoscimento accademico e professionale. E' stato progettato in modo da fornire una descrizione della natura, del livello, del contesto, del contenuto e dello status degli studi effettuati e completati dallo studente identificato nel titolo originale al quale questo supplemento è allegato. Il certificato esclude ogni valutazione discrezionale, dichiarazione di equivalenza o suggerimenti relativi al riconoscimento. Le informazioni sono fornite in otto sezioni. Qualora non sia possibile fornire alcune informazioni ne sarà data la spiegazione. 1. Dati anagrafici 1.1 Cognome ROSSI 1.2 Nome MARIO 1.3 Data di nascita, (giorno, mese, anno), città e paese di nascita gg/mm/aaaa, Trento, Italia 1.4 Codice di identificazione personale AAABBBNNCNNDDDW (codice fiscale) (numero di matricola) 2. Informazioni sul titolo di studio 2.1 Titolo di studio rilasciato Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 2.2 Classe o area disciplinare Classe delle lauree in ingegneria civile e ambientale Nome dell'istituzione che rilascia il titolo di studio (tipologia: statali/non statali, legalmente riconosciute/telematiche) Università degli Studi di Trento Università statale Sede: Via Belenzani, 12 Trento 2.4 Nome dell'istituzione che gestisce gli studi se diversa dalla precedente Non applicabile, vedi punto Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione 3. Informazioni sul livello del titolo di studio 3.1 Livello del titolo di studio Corso di Laurea; 1 ciclo Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 2 di 36

3 3.2 Durata normale del corso (in anni) Tre anni 3.3 Requisiti di ammissione Titolo di studio di scuola superiore 4. Informazioni sul curriculum e sui risultati conseguiti 4.1 Modalità di frequenza e di didattica utilizzata Tempo pieno 4.2 Requisiti per il conseguimento del titolo I laureati in ingegneria per l'ambiente e il territorio devono: conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria; conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'ingegneria, sia in generale, sia in modo approfondito quelli relativi all'area dell'ingegneria per l'ambiente e il territorio, nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi, utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi; essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati; essere capaci di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale; conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; conoscere i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi; conoscere i contesti contemporanei; avere capacità relazionali e decisionali; essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell'unione Europea, oltre che in italiano; possedere gli strumenti cognitivi di base per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze. Il corso di laurea è finalizzato alla formazione di laureati dotati di solida cultura di base, sia negli aspetti fisico-matematici, sia nelle discipline tradizionali dell'ingegneria civile e ambientale. La Laurea in ingegneria per l'ambiente e il territorio ha lo scopo di preparare figure professionali in grado di ricoprire ruoli tecnici e tecnicoorganizzativi nei seguenti settori: gestione e controllo dell'ambiente e del territorio, difesa idrogeologica del territorio, valutazione dell'impatto e della compatibilità ambientale di piani e di infrastrutture dell'ingegneria, gestione delle risorse ambientali e del ciclo dei rifiuti. Il percorso formativo privilegia il completamento della formazione di base con l'introduzione di insegnamenti specifici orientati alla conoscenza dei sistemi naturali, delle politiche di gestione e di governo del territorio, e dei processi chimico-fisici rilevanti per l'ambiente. I crediti formativi conseguiti nel triennio sono integralmente riconosciuti nell'ambito del percorso formativo previsto per il biennio di laurea specialistica in ingegneria per l'ambiente e il territorio. Il profilo formativo del laureato consente di operare efficacemente all'interno di gruppi di progettazione e di strutture e organismi di controllo, con capacità di apportare contributi specifici nell'uso di strumenti fisico-matematici e con preparazione generale sufficiente per acquisire, anche autonomamente, ulteriori competenze specifiche in diversi campi applicativi. Il titolo si consegue mediante l'acquisizione di 180 crediti, così ripartiti: Attività formative Ambiti disciplinari CFU ambiti CFU attività disciplinari formative Base Matematica, informatica e statistica 35 Fisica e chimica Ingegneria ambientale e del territorio 37 Caratterizzante Ingegneria civile Ingegneria gestionale 4 Affine/Integrativa Discipline ingegneristiche 15 Cultura scientifica, umanistica, giuridica, economica, socio-politica A scelta dello studente A scelta dello studente Lingua/Prova finale Lingua straniera 6 Prova finale 3 Altre attività 12 Totale CFU Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 3 di 36

4 4.3 Curriculum, crediti, valutazione e voti conseguiti Data Attività didattica (codice) CFU Voto Valutazione ECTS SSD Conv./Ric. e Note 23/01/2004 Lingua straniera inglese (40120) 6 Ap - - Abbr. (1) 01/02/2004 Fisica tecnica 1 (40071) E ING-IND/10 09/02/2004 Chimica 1 (40014) C CHIM/07 26/06/2004 CAD (40034) 6 25 C - 02/09/2004 Fondamenti di informatica (40034) C ING-INF/05 (2) 23/02/2005 Introduzione all'ingegneria ambientale (40406) 5 Ap - ING-INF/05 26/02/2005 Ingegneria sanitaria (40045) 5 24 C ICAR/03 20/03/2005 Diritto (40020) 5 28 B IUS/01 10/07/2005 Economia applicata all'ingegneria (40026) 5 25 C ING-IND/35 31/07/2005 Ecologia 1 (40134) A AGR/05 25/09/2005 Calcolo 1 (40213) D - di cui 5 di cui 5 MAT/05 MAT/03 06/02/2006 Chimica 2 (40016) 10 Ap - CHIM/07 Er. (3) 01/03/2006 Fisica 1 (40069) D FIS/01 10/03/2006 Calcolo 2 (40214) D MAT/03 31/03/2006 Meccanica dei fluidi 1 (40187) D ICAR/01 14/04/2006 Ecologia 2 (40024) A AGR/05 31/07/2006 Fisica tecnica 2 (40192) A ING-IND/10 01/09/2006 Geologia (40035) C GEO/05 06/09/2006 Fisica 2 (40029) 5 30 A FIS/01 20/09/2006 Stage (40283) 5 Ap - - (4) Note: 1. Attività didattica riconosciuta da iscrizione al corso di laurea triennale in Ingegneria Civile dell Università degli Studi di Trento. 2. Attività didattica svolta in lingua inglese. 3. Attività didattica riconosciuta da programma Socrates/Erasmus presso Universidad Autonoma de Barcelona (ES) dal 30/03/2005 a 30/06/ Stage svolto presso Centro Ecologia Alpina (Trento), dal 15/05/2006 al 31/08/2006. Data Titolo della tesi CFU SSD Materia/disciplina 16/11/2006 LA FORMAZIONE IN INGEGNERIA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 10 GEO/05 GEO/05 Geologia applicata Legenda Sigla SSD Descrizione SSD CFU Credito formativo universitario ING-IND/10 Fisica e tecnica industriale Ap Approvato CHIM/07 Fondamenti chimici delle tecnologie SSD Settore scientifico disciplinare ING-INF/05 Sistemi di elaborazione delle informazioni Conv/Ric Convalida/Riconoscimento ICAR/03 Ingegneria sanitaria-ambientale Er. Erasmus IUS/01 Diritto privato Abbr. Abbreviazione di carriera ING-IND/35 Ingegneria economico-gestionale Cpa Competenze precedentemente acquisite AGR/05 Assestamento forestale e selvicoltura Mob Progetto di mobilità internazionale MAT/05 Analisi matematica Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 4 di 36

5 Legenda Sigla SSD Descrizione SSD MAT/03 Geometria ICAR/01 Idraulica GEO/05 Geologia applicata FIS/01 Fisica sperimentale 4.4 Sistema di votazione, distribuzione dei voti ottenuti I voti nelle singole attività didattiche sono espressi in trentesimi, in conformità con quanto previsto dall'articolo 11, comma 7 d, del D.M. 509/99, pertanto la sufficienza è 18 ed il voto massimo è 30 e lode. Voto Valutazione ECTS Percentuale di studenti che hanno ottenuto tale voto nel Corso di studio 30-30e Lode A B C D E Votazione finale conseguita e data di conseguimento 108/110, conseguito in data 21/09/2006. La votazione finale per il conseguimento del titolo è espressa in centodecimi, in conformità con quanto previsto dall'articolo 11, comma 7 d, del D.M. 509/99, pertanto la sufficienza è 66 ed il voto massimo è 110 e lode. Voto Valutazione ECTS Percentuale di studenti che hanno ottenuto tale voto finale nel Corso di studio e Lode A B C D E 9 5. Informazioni sull'ambito di utilizzazione del titolo di studio 5.1 Accesso ad ulteriori studi Accesso al 2 ciclo: Laurea Specialistica/Magistrale. 5.2 Status professionale conferito dal titolo I laureati in ingegneria per l'ambiente e il territorio troveranno sbocchi professionali in imprese, enti pubblici e privati e studi professionali per la progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi di controllo e monitoraggio dell'ambiente e del territorio, di difesa del suolo, di gestione dei rifiuti, delle materie prime e delle risorse ambientali, geologiche ed energetiche e per la valutazione dell'impatto e della compatibilità ambientale di piani ed opere. 6. Informazioni aggiuntive 6.1 Informazioni aggiuntive Lo studente si è iscritto per la prima volta in questo Ateneo il 20/09/2002. Lo studente è stato iscritto: - al corso di laurea triennale in Ingegneria Civile dell Università degli Studi di Trento nell a.a. 2002/03 - al corso di laurea triennale in Ambiente e Territorio dell Università degli Studi di Trento negli aa.aa 2003/04, 2004/05, 2005/ Altre fonti di informazioni Informazioni disponibili sul sito dell'ateneo e sul sito del Ministero dell Università e della Ricerca Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 5 di 36

6 7. Certificazione 7.1 Data del rilascio 04/12/ Firma - dott. Paolo Zanei - Firma omessa ai sensi dell art.3 comma 2 del decreto legislativo n.39, di data 12/02/ Carica Responsabile Divisione Servizi alla Didattica e agli Studenti 7.4 Timbro ufficiale Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 6 di 36

7 8. Informazioni sul sistema nazionale di istruzione superiore Il Sistema Universitario (DM 509/1999 e DM 270/2004) A partire dal 1999 gli studi universitari italiani sono stati ristrutturati in modo da rispondere agli obiettivi del "processo di Bologna". Il sistema universitario si articola ora su 3 cicli: la Laurea, titolo accademico di 1 ciclo, dà accesso al 2 ciclo; la Laurea Specialistica/Magistrale, titolo principale del 2 ciclo, è indispensabile per accedere ai corsi di 3 ciclo che rilasciano il Dottorato di Ricerca. Il sistema offre anche altri corsi accademici con i relativi titoli. Primo ciclo. É costituito esclusivamente dai Corsi di Laurea. Essi hanno l obiettivo di assicurare agli studenti un adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali e l acquisizione di specifiche conoscenze professionali. Requisito minimo per l accesso è il diploma finale di scuola secondaria, rilasciato al completamento di 13 anni di scolarità globale e dopo il superamento dei relativi esami di Stato, o un titolo straniero comparabile; l ammissione può essere subordinata alla verifica di ulteriori condizioni. I corsi hanno durata triennale. Per conseguire la Laurea, lo studente deve aver acquisito 180 crediti; può essere richiesto un periodo di tirocinio e la discussione di una tesi. La Laurea dà accesso ai concorsi per il pubblico impiego, al mondo del lavoro e delle professioni regolamentate e ai corsi del 2 ciclo universitario. Secondo ciclo. Gli studi di 2 ciclo comprendono: A) Corsi di Laurea specialistica/magistrale; essi offrono una formazione di livello avanzato per l esercizio di attività di elevata qualificazione in ambiti specifici. L accesso alla maggioranza dei corsi è subordinato al possesso di una Laurea o di un titolo straniero comparabile; l'ammissione è soggetta a requisiti specifici decisi dalle singole università; gli studi hanno durata biennale e comportano l'acquisizione di 120 crediti; la Laurea specialistica/magistrale (titolo di 2 ciclo del processo di Bologna ) richiede la discussione di una tesi di ricerca. Il cambiamento di denominazione da Laurea specialistica a Laurea magistrale è stato definito nel Alcuni corsi (Medicina e Chirurgia, Medicina veterinaria, Odontoiatria e protesi dentaria, Farmacia, Architettura, Giurisprudenza) sono definiti Corsi di Laurea specialistica/magistrale a ciclo unico : requisito di accesso è il diploma di scuola secondaria superiore o un titolo straniero comparabile; l'ammissione è subordinata a una prova di selezione; gli studi si articolano su 5 anni e 300 crediti (6 anni e 360 crediti per Medicina e Chirurgia). Tutte le lauree specialistiche/magistrali danno accesso ai concorsi per il pubblico impiego, al mondo del lavoro e delle professioni regolamentate e al Dottorato di Ricerca e a tutti gli altri corsi di 3 ciclo. B) Corsi di Master universitario di primo livello; sono corsi di perfezionamento scientifico o di alta formazione permanente e ricorrente a cui si accede con una Laurea o un titolo straniero comparabile; l ammissione può essere subordinata a ulteriori requisiti. La durata è minimo annuale (almeno 60 crediti). Il Master Universitario di primo livello è titolo di 2 ciclo che non dà accesso né al Dottorato di Ricerca né ad altri corsi di 3 ciclo. Terzo ciclo. Gli studi di 3 ciclo comprendono: A) Corsi di Dottorato di ricerca; hanno l obiettivo di far acquisire una corretta metodologia per la ricerca scientifica avanzata, adottano metodologie innovative e nuove tecnologie, prevedono stages all estero e la frequenza di laboratori di ricerca. L ammissione richiede una Laurea specialistica/magistrale (o un titolo straniero comparabile) e il superamento di un concorso; la durata è di minimo 3 anni. Il dottorando deve elaborare una tesi originale di ricerca e discuterla nell'esame finale. B) Corsi di specializzazione; hanno l obiettivo di fornire conoscenze e abilità per l esercizio di attività professionali di alta qualificazione, particolarmente nel settore delle specialità mediche, cliniche e chirurgiche. Per l ammissione è richiesta una Laurea specialistica/magistrale (o un titolo straniero comparabile) e il superamento di un concorso; la durata degli studi varia in rapporto al campo disciplinare. Il Diploma di specializzazione dà diritto al titolo di Specialista. C) Corsi di Master Universitario di secondo livello; sono corsi di perfezionamento scientifico o di alta formazione permanente e ricorrente. Vi si accede con una Laurea specialistica o magistrale o con un titolo straniero comparabile. La durata è minimo annuale (60 crediti). Crediti formativi universitari: i corsi di studio sono strutturati in crediti. Al credito formativo universitario corrispondono normalmente 25 ore di lavoro dello studente, ivi compreso lo studio individuale. La quantità media di lavoro accademico svolto in un anno da uno studente a tempo pieno è convenzionalmente fissata in 60 crediti. Classi di corsi di studio: i corsi di studio che condividono obiettivi e attività formative sono raggruppati in classi. I contenuti formativi di ciascun corso di studio sono fissati autonomamente dalle singole università; tuttavia le università devono obbligatoriamente inserire alcune attività formative determinate a livello nazionale. Tali requisiti sono stabiliti in relazione a ciascuna classe. I titoli di una stessa classe hanno tutti lo stesso valore legale. Titoli accademici: la Laurea dà diritto al titolo di Dottore ; la Laurea specialistica/magistrale dà diritto al titolo di Dottore magistrale ; il Dottorato di ricerca conferisce il titolo di Dottore di ricerca. Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 7 di 36

8 Titoli congiunti: le università italiane possono istituire corsi di studio in cooperazione con università straniere; al termine dei corsi di studio integrati sono rilasciati titoli congiunti o titoli doppi/multipli. Sistema universitario italiano The Italian University System (DM 509/99 DM 270/04) Dottorato di Ricerca Corso di Specializzazione Master universitario di 2 livello Laurea specialistica/ magistrale a ciclo unico / one block Laurea specialistica / magistrale Laurea Master universitario di 1 livello Scuola secondaria di 2 grado - Upper Secondary Education Scuola secondaria di 1 grado - Lower Secondary Education Scuola primaria - Primary Education Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 8 di 36

9 ALLEGATI - Descrizione del curriculum Attività formative con informazioni dettagliate sul programma seguito...9 CAD (40034)...9 Calcolo 1 (40213) Calcolo 2 (40214) Chimica 1 (40014) Chimica 2 (40016) Diritto (40020) Ecologia 1 (40024) Ecologia 2 (40134) Economia applicata all'ingegneria (40026) Fisica 1 (40029) Fisica 2 (40069) Fisica tecnica 1 (40071) Fisica tecnica 2 (40192) Fondamenti di informatica (40034) Meccanica dei fluidi 1 (40187) Attività formative per le quali non è possibile fornire informazioni dettagliate sul programma seguito...19 Geologia (40035) Ingegneria sanitaria 1 (40045) Introduzione all'ingegneria ambientale (40406) Lingua straniera - inglese (40120) Stage (40283) Attività formative con informazioni dettagliate sul programma seguito Attività formativa (codice) CAD (40034) Altre attività Settore/i scientifico disciplinare - A.A. di frequenza 2003/04 Anno di corso 1 Crediti 6 Obiettivi formativi Nel corso vengono affrontate le tematiche inerenti le tecniche per la rappresentazione grafica con l'utilizzo di strumenti informatici. Particolare attenzione è rivolta all'impiego delle tecniche elaborative per la restituzione dell'immagine degli edifici e del territorio. Supponendo la conoscenza delle tecniche di rappresentazione tradizionali, si offrono gli elementi per acquisire le tecniche di rappresentazione vettoriale bidimensionale. Si analizzano in particolare le modalità di organizzazione degli strumenti e delle tecniche del disegno "assistito" e le implicazioni dovute all'automazione di questa parte della progettazione. Per l'approfondimento e le esercitazioni viene utilizzato come software Autocad 2005 di Autodesk. Il corso è finalizzato all'ottenimento della massima efficienza nella produzione di elaborati grafici significanti. Sono previste sia lezioni teoriche che esercitazioni teorico-pratiche che verranno svolte sotto la guida del docente con l'uso diretto dei calcolatori da parte degli studenti. Prerequisiti Nessuno. Contenuto del corso Accenni alle unità di misura. Caratteristiche dei sistemi CAD. Computer graphic (raster) e grafica ad oggetti (vettori). I sistemi di riferimento: coordinate cartesiane; coordinate polari. Approfondimento del disegno in due dimensione utilizzando il software Autocad 2005 di Autodesk. Comandi per il disegno di oggetti vettoriali. Funzioni di aiuto al disegno (Snap-Grid-Ortho-Osnap) Comandi di modifica (editazione). Comandi di disegno di oggetti complessi. Quotature. Testi. Retini. Organizzazione e gerarchia degli elementi del disegno assistito. Layer. Gruppi. Blocchi. Xref. Librerie di oggetti. Il processo di stampa. Accenno alle convenzioni grafiche. Spazio carta. Layout di stampa. Finestre mobili. File di tipo *.CTB ed *.STB Si effettueranno esercizi sull'applicazione delle proiezioni ortogonali nel campo del disegno meccanico ed architettonico. Particolare attenzione sarà dedicata al disegno e gestione della cartografia a scala territoriale. Per quanto possibile si intende sollecitare la personalizzazione del programma modificando i menù e compilando brevi macro e script. Metodi didattici Tipo lezioni: lezioni frontali; lezioni in laboratorio Modalità di verifica dell apprendimento Esame finale Testi di riferimento Ellen Finkelstein, Autocad 2005 & AutocadLT2005, McGraw-Hill, Milano 2005 Fabio Bernardi, Introduzione al CAD, dispensa Università di Trento- Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 9 di 36

10 Facoltà di Ingegneria, Trento 2003 Autocad 2005 Pocket, ed. APOGEO, Lavis(TN) 2004 AA.VV., Norme per il disegno tecnico, Manuale M1, UNI, Milano 2005, voll. 1-3 AA. VV., Il nuovissimo manuale dell'architetto / direttore scientifico Luca Zevi, Eitore Mancosu, Roma 2003 Ernst Neufert, Enciclopedia pratica per progettare e costruire, Hoepli, Milano 1999 Attività formativa (codice) Calcolo 1 (40213) Base Settore/i scientifico disciplinare MAT/03-05 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi La conoscenza degli elementi di base di matematica (numeri, operazioni elementari, potenze, radici, diseguaglianze). Prerequisiti Introduzione agli argomenti basilari dell'analisi infinitesimale (limiti, derivate, integrali, serie, equazioni differenziali). Contenuto del corso Potenze, polinomi, esponenziali. Funzioni trigonometriche. Funzioni inverse. Grafici delle funzioni elementari. Numeri Complessi. Rappresentazione grafica dei numeri complessi. Aritmetica complessa. Radici di numeri complessi. Limite di una funzione e di una successione. Funzioni continue e discontinue. Regole di calcolo per i limiti. Limiti di funzioni monotone. Convergenza e limitatezza. Teorema di permanenza del segno. Teorema di esistenza degli zero e teorema dei valori intermedi. Teorema di Weierstrass. Derivate. Retta tangente a un grafico. Regole di derivazione. Metodo di Newton per determinare gli zeri di una funzione. Derivabilità e continuità. Derivazione di funzione composta. Derivazione della funzione inversa. Teorema di Fermat. Massimi e minimi. Teorema di Lagrange. Crescenza/decrescenza. Convessità/concavità. Asintoti obliqui. Formula di Taylor. Polinomio di Taylor. Criterio dell'hospital. Serie numeriche. Serie geometrica. Serie armonica e serie armoniche generalizzate. Criterio del confronto, del confronto asintotico, della radice e del rapporto. Criterio di Leibniz. Condizione necessaria di convergenza. Convergenza assoluta e convergenza. Serie di Taylor. Integrali e aree. Teorema fondamentale del calcolo integrale. Proprietà dell'integrale. Teorema della media integrale. Integrazione per sostituzione e per parti. Integrali di funzioni razionali. Aree e volumi di rotazione. Integrali impropri. Criteri di confronto e di confronto asintotico per integrali impropri. Convergenza assoluta e convergenza. Criterio di convergenza integrale. Equazioni differenziali. Linearità e non linearità. Equazioni differenziali a variabili separabili. Equazioni differenziali lineari di I ordine. Equazioni differenziali del II ordine a coefficienti costanti. Esercizi: Calcolo di limiti di funzioni e successioni. Calcolo di derivate. Calcolo della retta tangente. Calcolo del massimo e del minimo di una funzione. Grafici di funzioni. Studio di una serie. Calcolo di integrali. Studio di integrali impropri. Risoluzione di equazioni differenziali. Metodi didattici Lezioni ed esercitazioni frontali. Modalità di verifica dell apprendimento Esame scritto (esercizi), con possibilità di integrare l'esito con un esame orale Testi di riferimento Robert A. Adams, Calcolo Differenziale 1. Funzioni di una variabile reale. Terza edizione. Casa Editrice Ambrosiana. Attività formativa (codice) Calcolo 2 (40214) Base Settore/i scientifico disciplinare MAT/03-05 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi L'obiettivo del corso è di fornire allo studente strumenti matematici di base per affrontare lo studio di problemi di fisica ed ingegneria. Prerequisiti Algebra e geometria analitica elementari Trigonometria Calcolo delle funzioni di una variabile reale. Contenuto del corso Elementi di Geometria e Algebra lineare. Geometria analitica nello spazio tridimensionale. Rette, piani, cilindri, coni, paraboloidi, ellissoidi, iperboloidi. Spazi euclidei n-dimensionali. Algebra vettoriale. Prodotto scalare euclideo, norma e distanza in R^n, prodotto vettore. Disuguaglianza di Cauchy-Schwarz e disuguaglianza triangolare. Sistemi lineari. Metodo di Gauss per la ricerca delle soluzioni.teoria degli spazi vettoriali, basi e dimensione di uno spazio vettoriale. Algebra delle matrici. Metodo di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari. Determinanti, definizione e proprietà. Rango di una matrice. Calcolo dell'inversa di una matrice mediante minori. Applicazione alla soluzione dei sistemi lineari. Teorema di Rouché-Capelli e teorema di Cramer. Trasformazioni lineari e matrici. Autovalori e autovettori di una trasformazione lineare. Polinomio caratteristico. Elementi di calcolo differenziale e integrale per funzioni di più variabili. Derivate parziali. Gradiente e derivate direzionali. Approssimazioni lineari e differenziabilità. Piano tangente a un grafico. Matrice Jacobiana e determinante Jacobiano. Funzioni localmente invertibili. Curve nello spazio. Vettore tangente. Lunghezza di una curva. Derivazione di funzione composta. Funzioni definite implicitamente. Punti critici di una funzione in insiemi aperti. Matrice hessiana. Forme quadratiche. Estremi liberi e vincolati. Metodo dei moltiplicatori di Lagrange. Integrali doppi e tripli. Metodo di riduzione per il calcolo di integrali multipli. Cambiamento di variabili, coordinate polari, cilindriche e sferiche. Campi vettoriali. Integrale di linea di una funzione o di un campo vettoriale. Campi Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 10 di 36

11 conservativi. Teorema di Green. Superfici parametriche. Area di una superficie. Integrali di funzioni e campi vettoriali su una superficie. Flusso di un campo vettoriale attraverso una superficie. Divergenza e rotore di un campo vettoriale. Teorema di Stokes. Teorema della divergenza. Metodi didattici Attività richieste: lezioni frontali; esercitazioni in aula; studio individuale. Modalità di verifica dell apprendimento Esame scritto ed orale. Testi di riferimento M. Bramanti, C.D. Pagani, S. Salsa: Matematica. Calcolo infinitesimale e algebra lineare. Seconda edizione. Ed. Zanichelli, Bologna, 2004 B. P. Demidovich Esercizi e problemi di analisi matematica Editori riuniti Attività formativa (codice) Chimica 1 (40014) Base Settore/i scientifico disciplinare CHIM/07 A.A. di frequenza 2003/04 Anno di corso 1 Crediti 10 Obiettivi formativi Il corso fornisce i concetti basilari della disciplina chimica: struttura degli atomi, legami chimici, stati di aggregazione della materia, transizioni di fase, termodinamica delle reazioni chimiche, equilibri chimici in soluzione, cinetica chimica. Studio di alcuni elementi e loro composti di vasta applicazione. Prerequisiti Conoscenze di base di matematica e fisica. Contenuto del corso Nozioni introduttive (1 ora). Grandezze fisiche fondamentali, loro unità di misura, multipli e sottomultipli. Grandezze fisiche intensive ed estensive. Atomi, molecole e reazioni chimiche (5 ore). Struttura dell'atomo, particelle fondamentali, dimensioni. Elementi e loro isotopi. Concetto di mole e numero di Avogadro, masse atomiche e molecolari, molecole e formule chimiche. Isotopi stabili e non, decadimenti radioattivi. Reazioni chimiche, loro bilanciamento e calcoli ponderali nella trasformazioni di reagenti in prodotti. Stati di aggregazione della materia, proprietà, leggi (9 ore). Sistemi, numero di fasi, di componenti e gradi di libertà. Fasi e loro transizioni. Leggi sperimentali, modello di gas perfetto, miscele, gas reale, vapore. Solidi. Sistemi amorfi e cristallini, strutture cristalline e celle elementari. Fase liquida. Equilibri di fase. Diagramma di stato dell'acqua. Miscele binarie. Soluzioni a comportamento ideale, tensione di vapore e legge di Raoult. Proprietà colligative delle soluzioni, effetto ebullioscopico e crioscopico, pressione osmotica. Soluzioni reali. Metodi di misura della concentrazione. Configurazione elettronica degli elementi, nomenclatura dei composti chimici (9 ore). Atomo di Bohr. Moto dell'elettrone, funzioni d'onda. Orbitali atomici, loro energie, forme e dimensioni per atomi idrogenoidi e plurielettronici. Configurazioni elettroniche degli elementi, loro caratteristiche e proprietà periodiche. Volumi e raggi atomici, potenziali di ionizzazione ed affinità elettroniche, elettronegatività. Numeri di ossidazione. Nomenclatura dei composti chimici inorganici. Legami chimici e interazioni molecolari (10 ore). Solidi ionici cristallini e teoria del legame ionico, energia reticolare, strutture cristalline e raggi ionici. Teoria del legame di valenza, legame covalente, polarizzato, dativo. Legami multipli. Ibridizzazione degli orbitali atomici. Legami multipli delocalizzati, risonanza. Formule di struttura di molecole poliatomiche. Teoria dell'orbitale molecolare. Orbitali molecolari di legame e antilegame, Teoria del legame metallico. Interazioni intermolecolari, deboli, dipolo-dipolo e legami a ponte d'idrogeno. Termodinamica chimica (10 ore). Sistemi aperti, chiusi e isolati. Grandezze funzioni di stato e non. 1 principio della termodinamica. Energia interna ed entalpia. Calori molari delle sostanze pure. Composti, stati standard, entalpie standard di formazione. Variazioni di entalpia delle reazioni. Reazioni esotermiche ed endotermiche. 2 principio della termodinamica, entropia. Trasformazioni reversibili ed irreversibili. Verso spontaneo delle trasformazioni e variazioni di entropia. Energia libera di Gibbs, definizione, lavoro utile. Variazioni di energia libera nelle reazioni chimiche. Condizione di equilibrio delle reazioni chimiche, costanti di equilibrio. Reazioni in fase eterogenea che non raggiungono le condizioni di equilibrio. Equilibri chimici in soluzione (8 ore). Equilibri di solubilità di soluti solidi. Sali poco solubili e prodotto di solubilità, effetto dello ione comune nell'equilibrio di solubilità. Reazioni di idrolisi. Acidi e basi. Reazioni con trasferimento di protoni. Forza degli acidi e delle basi e relative costanti di dissociazione. Reazione di autodissociazione dell'acqua. Definizione di ph e poh e campi di validità nelle soluzioni acquose diluite. Calcolo del ph di soluzioni di acidi e basi monoprotiche. Acidi e basi coniugate. Costanti di idrolisi di sali. Soluzioni tampone. Reazioni ossidoriduttive, elettrodi e pile chimiche, corrosione dei metalli (8 ore). Specie ossidate e ridotte. Reazioni con trasferimento di elettroni, semireazioni di ossidazione e riduzione. Differenza di potenziale elettrico ed equazione di Nernst. Potenziali standard di riduzione. Tipologie di elettrodi chimici. Pile e calcolo della forza-elettromotrice. Reazione di scarica della pila e costante di equilibrio della reazione. Fenomeni di corrosione dei metalli. Metodi didattici Lezioni frontali in classe. Il corso è integrato da esercitazioni di calcolo stechiometrico tenute in aula dal docente. Le lezioni dedicate alle esercitazioni sono interposte alle ore di lezione teorica proponendo una serie di esercizi esplicativi a seguito degli argomenti trattati. Modalità di verifica dell apprendimento Prova scritta e prova orale (nelle sessioni di esame previste dal calendario accademico). A scelta dello studente, due prove scritte (organizzate durante il ciclo delle lezioni) e una prova orale in forma abbreviata. Testi di riferimento Per gli argomenti presentati nel corso si può fare riferimento ai testi: a) "Dispense di Chimica", Prof. Giovanni Carturan, Università degli Studi di Trento - Facoltà di ingegneria; disponibile presso il servizio di Copisteria; b) "Fondamenti di Chimica", M. Schiavello e L. Palmisano, EdiSES; c) "Fondamenti di Chimica", R.A. Michelin e A. Munari, CEDAM. Durante il corso verrà posto a disposizione degli studenti materiale didattico integrativo in forma di appunti cartacei, disponibile presso il servizio di Copisteria, come appunti di lezione, esercizi esplicativi risolti, quesiti per auto-valutazione dell'apprendimento. Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 11 di 36

12 Attività formativa (codice) Chimica 2 (40016) Base Settore/i scientifico disciplinare CHIM/07 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi Scopo di questo corso è fornire i concetti di chimica inorganica, chimica fisica, chimica organica e biochimica necessari alla comprensione dei fenomeni chimici naturali e delle variazioni ambientali causate dall'inquinamento chimico. Vengono introdotti i principali parametri di qualità delle acque naturali e i principali fenomeni di inquinamento atmosferico. Prerequisiti Chimica generale, in particolare equilibri chimici, termochimica, stechiometria, proprietà delle soluzioni, legame chimico. Contenuto del corso Equilibri chimici nelle acque naturali. Interazione aria-acqua: dissoluzione dei gas. Equilibri acido-base del sistema H2O-CO2, acidità ed alcalinità. Interazione acqua-suolo: equilibri di solubilità, metalli di transizione, composti di coordinazione ed equiibri di complessamento, salinità, durezza, equilibri di ossidoriduzione, ferro e manganese, metalli in tracce. Chimica organica: classi principali di composti e reattività: idrocarburi alifatici e aromatici, composti con O, N, alogeni, eterociclici; nutrienti; detergenti, pesticidi; polimeri. Destino delle sostanze organiche in ambiente. Trasformazioni chimiche. Trasferimento di massa: ripartizione e adsorbimento. Biodegradazione: cenni di biochimica; cinetica enzimatica, mineralizzazione e biotrasformazioni, BOD, COD, TOC, azoto e fosforo. Chimica dell'atmosfera. Composizione chimica e reattività fotochimica. Ozono stratosferico e buco dell'ozono. Combustione ed inquinamento: gas serra, ossidi di azoto e zolfo, particellato, precipitazioni acide, inquinanti organici, atmosfera fotoossidante. Metodi didattici Il corso è organizzato in lezioni ed esercitazioni didattiche in classe e prevede studio individuale. Modalità di verifica dell apprendimento L'esame consiste in una prova scritta con risoluzione di esercizi e in una prova orale. E' possibile sostenere la parte scritta dell'esame avvalendosi di due verifiche scritte in itinere. Testi di riferimento Appunti di Chimica 2 e slides PowerPoint- S. Dirè Dispense di Chimica 1 - G. Carturan -C.N.Sawyer, P.L. McCarty, G.F. Parkin, Chemistry for Environmental Engineering, McGraw-Hill Int. Ed S. Manahan, Fundamentals of Environmental Chemistry, Lewis Publ Attività formativa (codice) Diritto (40020) Base Settore/i scientifico disciplinare IUS/01 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi Obiettivo del corso è quello di introdurre agli aspetti basilari del nostro sistema giuridico, al fine di fornire agli studenti gli indispensabili strumenti conoscitivi per poter poi approfondire le tematiche giuridiche necessarie nella loro professione. Prerequisiti Nessuno Contenuto del corso A) CONCETTI GIURIDICI FONDAMENTALI 1) Nozioni introduttive: Norma giuridica - ordinamento giuridico - fonte del diritto Interpretazione - applicazione del diritto - rapporti tra le fonti B) ELEMENTI DI DIRITTO PRIVATO 2) Nozioni fondamentali del diritto privato: Soggetti e situazioni giuridiche soggettive - fatti e atti giuridici - negozio giuridico - contratto C) ELEMENTI DI DIRITTO COSTITUZIONALE 3) L'ordinamento repubblicano: "Costituzione" e "principi" costituzionali: concetto e funzione Il pluralismo istituzionale: gli organi costituzionali (Parlamento, Governo, Presidente della Repubblica) D) FONTI DEL DIRITTO 4) Schema essenziale delle fonti: Costituzione e leggi costituzionali- Legge e altri atti aventi forza di legge 5) (segue) Fonti delle autonomie 6) (segue) Altre fonti E) ELEMENTI DI DIRITTO AMMINISTRATIVO 7) Introduzione al diritto amministrativo: Il diritto amministrativo (nozione; funzione amministrativa) - L'attività amministrativa: poteri, discrezionalità, atto e provvedimento (caratteri, tipologia e vizi del provvedimento) 8 (segue) Il procedimento amministrativo (fonti, fasi e principi). 9 (segue) Il provvedimento amministrativo e la sua patologia 10 (segue) La giustizia amministrativa Metodi didattici Tipo lezioni: lezioni frontali Modalità di verifica dell apprendimento Esame orale (con preselezione) Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 12 di 36

13 Testi di riferimento TESTI CONSIGLIATI: G. FALCON, Lineamenti di diritto pubblico, Padova, Cedam, 2006, limitatamente alle seguenti parti: A) Capitoli 1 (ad eccezione dei 6, 7 e 8), 2 e 3. B) Capitoli 4 (ad eccezione del 5), 5 (ad eccezione dei 6 e 7), 6 ( 1, 4 e 5), 7. C) Capitoli 14 (ad eccezione del 2), 15 ( 1, 2, 3 e 6), 16, 31. D) Capitoli 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23 ( 1 e 2). E) Capitoli 24,27 e 30. Si richiede altesì una conoscenza diretta dei principali articoli della costituzione e della legge 241/1990, relativi agli argomenti oggetto del corso Attività formativa (codice) Ecologia 1 (40024) Affine/Integrativa Settore/i scientifico disciplinare AGR/05 A.A. di frequenza 2004/05 Anno di corso 2 Crediti 12 Obiettivi formativi Il corso si propone di fornire conoscenze di base che diano al futuro ingegnere la possibilità di affrontare in un'ottica ecologica i problemi di protezione e pianificazione del territorio, nonché di gestione delle risorse naturali. Verranno analizzati i principali fattori dell'ambiente e la loro influenza sugli ecosistemi terrestri, con particolare riferimento a quelli propri del territorio di montagna. Prerequisiti Chimica Contenuto del corso 1. Elementi di biologia vegetale L'origine della vita sulla terra Struttura e funzionamento della cellula vegetale e degli organismi autotrofi superiori 2. Ecologia a. Ecologia dei fattori fisici dell'ambiente: Ecologia e fattori ecologici: definizione e concetti generali I fattori abiotici e la loro influenza sugli ecosistemi, con particolare riguardo agli ecosistemi forestali Il clima e le classificazioni climatiche La copertura forestale e la difesa del suolo b. Pedologia 3. Caratteri botanici ed ecologici delle principali specie forestali alpine Metodi didattici Lezioni frontali; alle lezioni teoriche vengono affiancate numerose esercitazioni sia in aula che in campagna, che costituiscono parte integrante del corso Modalità di verifica dell apprendimento Esame scritto e orale Testi di riferimento Marco Paci, "Ecologia forestale" ; Testo Obbligatorio P.H. Raven, R.Hevert, Biologia delle piante, Zanichelli, 1990; Testo Consigliato Attività formativa (codice) Ecologia 2 (40134) Affine/Integrativa Settore/i scientifico disciplinare AGR/05 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi Il corso si propone di fornire conoscenze sulla struttura e sul funzionamento dell'ecosistema, sottolineando l'importanza dei meccanismi di autoregolazione e mettendo in luce le interrelazioni esistenti fra le diverse cenosi.particolare attenzione verrà posta all'analisi degli ecosistemi presenti in ambiente montano. Prerequisiti ecologia 1 Contenuto del corso 1. Ecologia a. Ecologia ed ecosistemi: definizioni e nozioni generali b. Ecologia delle popolazioni: * condizioni, risorse, interazioni. c. Ecologia delle comunità: * il flusso di energia; livelli trofici e catene alimentari; cicli biogeochimici; la regolazione ecologica. L'uomo come componente dell'ecosistema: ecosistemi naturali e ecosistemi antropizzati; cause di alterazione degli ecosistemi forestali 2. Selvicoltura * Concetto di selvicoltura e suo sviluppo storico * Ruolo dell'ecosistema forestale nell'assicurare beni e servizi per l'uomo ("funzioni" del bosco) * Importanza della gestione selvicolturale per il mantenimento delle funzioni del bosco Metodi didattici Lezioni frontali; alle lezioni teoriche vengono affiancate esercitazioni in aula e in campagna, costituenti parte integrante del corso. Modalità di verifica dell apprendimento Esame orale Testi di riferimento Marco Paci, "Ecologia forestale"; Edagricole E. Odum, "Ecologia"; Ed. Zanichelli Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 13 di 36

14 Attività formativa (codice) Economia applicata all'ingegneria (40026) Caratterizzante Settore/i scientifico disciplinare ING-IND/35 A.A. di frequenza 2004/05 Anno di corso 2 Crediti 5 Obiettivi formativi Il corso mira a fornire le conoscenze di base sull'economia e la preparazione scientifica per la programmazione dei processi di produzione e la gestione aziendale dei progetti. Prerequisiti Nessuno Contenuto del corso 1) Il sistema economico - I modelli macroeconomici - Relazioni tra economia ed ambiente 2) Il mercato - Domanda offerta e prezzi di equilibrio - Elasticità della domanda - Forme di mercato - Surplus del consumatore - Beni pubblici e beni privati 3) I costi di produzione e tecnologia - Costi fissi, variabili, costo marginale e medio - Economie di scala e di scopo - Quota d'ammortamento 4) Economia Applicata - Break even point - Analisi Costi-Benefici - Decisioni in condizioni di rischio e incertezza - Outsourcing - Programmazione Lineare - Project Management Metodi didattici Il corso è basato su lezioni frontali Modalità di verifica dell apprendimento L'esame è scritto e/o orale Testi di riferimento Begg D., Fischer S., Dornbusch R.(2001): Economia, McGraw-Hill, Milano Thuesen J.G., Fabrycky W.J.(1994): Economia per ingegneri, Il Mulino, Bologna Pilati L. (2005): Appunti del corso di Economia Applicata all'ingegneria, Unitn Attività formativa (codice) Fisica 1 (40029) Base Settore/i scientifico disciplinare FIS/01 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 12 Obiettivi formativi Il corso è rivolto agli studenti dei Corsi di Laurea triennale delle classi di Ingegneria Civile Ambientale e di Ingegneria Industriale e viene svolto durante il secondo semestre. Scopo del corso è di fornire i fondamenti del metodo sperimentale e della meccanica classica del punto materiale e dei sistemi di punti materiali. Il corso è integrato da complementi matematici ed esercitazioni numeriche, intese a mettere lo studente in condizioni di affrontare e superare la prova scritta dell'esame finale. Prerequisiti Si presuppone che lo studente abbia frequentato i corsi di Calcolo I e Chimica. Contenuto del corso 1. - Grandezze fisiche e loro misura. Metodo sperimentale. Grandezze fisiche fondamentali e derivate. Unità di misura. Sistemi di unità di misura. Il sistema internazionale. Scalari e vettori. Analisi dimensionale Cinematica del punto materiale. Sistemi di riferimento. Posizione, spostamento e velocità. Moto rettilineo e curvilineo. Carattere vettoriale delle grandezze cinematiche e loro componenti cartesiane. Legge oraria e traiettoria. Moti ad accelerazione costante. Componenti tangenziale e normale dell'accelerazione. Moto circolare. Moto curvilineo piano Moti relativi. Sistemi di riferimento assoluti. Moto relativo rettiluineo traslatorio. Velocità e accelerazione di trascinamento.trasformazioni di Galileo. Moto relativo rotatorio uniforme. Moto dei corpi sulla superficie della terra Dinamica del punto materiale. Concetto di massa. Particella libera. Principio di inerzia. Concetto di forza. Legge di Newton. Forze esistenti in natura: la forza di gravitazione universale. Forze di interesse pratico: peso, forze elastiche, forze d'attrito. Il pendolo semplice. Sistemi non inerziali: forze apparenti Energia e Lavoro. Impulso e lavoro. Potenza. Energia cinetica. Teorema dell'energia cinetica. Forze conservative. Energia potenziale. Conservazione dell'energia meccanica. Momento della quantità di moto e momento di una forza. Forze centrali. 6.- Dinamica dei sistemi di particelle. Forze interne e forze esterne. Principio di azione e reazione. Equazioni cardinali. Centro di massa. Sistema L e sistema C. Teoremi di König. Il problema dei due corpi. Energia cinetica. Energia interna. Energia totale meccanica. Urti fra due particelle Dinamica del corpo rigido. Momento angolare di un corpo rigido. Momento di inerzia. Teorema di Huygens-Steiner. Energia cinetica rotazionale. Equazioni cardinali del moto del corpo rigido. Equilibrio di un corpo rigido. Il pendolo composto. Urti tra particelle e corpi rigidi vincolati e non. Metodi didattici Tipo lezioni: lezioni ed esercitazioni frontali. Studio individuale, comprendente le risoluzione degli esercizi proposti, a casa. Modalità di verifica dell apprendimento --- Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 14 di 36

15 Testi di riferimento M. Alonso, E.J. Finn, Elementi di Fisica per l'università: Vol. 1 - Meccanica e termodinamica, Milano, Masson Italia Editori, 1993; Testo Consigliato Note: seconda edizione D. Halliday, R. Resnick, K.S. Krane, Fisica 1, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 1995; Testo Consigliato Note: 4a edizione P. Mazzoldi, M. Nigro, C. Voci, Fisica, Meccanica-Termodinamica, Napoli, EdiSES Società EditriceScientifica, 1991; Testo Consigliato C. Mencuccini, V. Silvestrini, Fisica I. Meccanica Termodinamica, Napoli, Liguori Editori, 1987; Testo Consigliato Attività formativa (codice) Fisica 2 (40069) Base Settore/i scientifico disciplinare FIS/01 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 5 Obiettivi formativi Il corso si prefigge di fornire agli studenti le conoscenze di base sui fenomeni elettromagnetici e la capacità di usare in modo predittivo le leggi che regolano i suddetti fenomeni. L'elettromagnetismo verrà presentato partendo dalla fenomenologia e con esempi legati agli aspetti di applicazione tecnologica e naturali dei fenomeni. Alla fine del corso lo studente avrà acquisito le quattro equazioni di Maxwell e le avrà applicate a svariati problemi. Il corso è propedeutico a parecchie materie di carattere più professionalizzante; poiché la maggior parte degli studenti, nel proprio percorso didattico, non affronterà in modo sistematico gli sviluppi della materia (per esempio ottica ed onde elettromagnetiche), il corso ha l'impegnativo scopo di dare solidi concetti perché lo studente possa approfondire ed affrontare autonomamente problemi che coinvolgono fenomeni elettromagnetici. Prerequisiti Lo studente deve avere acquisito le conoscenze di base del metodo scientifico e delle leggi della meccanica (corso di Fisica I). Da un punto di vista matematico deve conoscere le funzioni a più variabili, il calcolo integro differenziale, integrale di linea di superficie e di volume, le derivate parziali, saper risolvere equazioni differenziali elementari (corso di Calcolo I e Calcolo II). Contenuto del corso Caratteristiche elettriche della materia: conduttori ed isolanti. Cariche elettriche e loro spostamento (strofinio, contatto, induzione). Legge di Coulomb. Campo elettrico. Campo elettrico dovuto a distribuzioni continue e discrete di cariche. Legge di Gauss. Legge di Gauss in forma differenziale (divergenza). Lavoro del campo elettrico. Potenziale elettrostatico. Energia potenziale elettrostatica. Calcolo del potenziale elettrico dovuto ad un insieme discreto e continuo di cariche. Campo elettrico come gradiente del potenziale. Dipolo elettrico. Rotore del campo elettrico. Moto di cariche in campo elettrico. Conduttori. Capacità di un conduttore. Condensatori. Densità di energia del campo elettrostatico. Dielettrici. Condensatori con dielettrici. Accenni ai meccanismi microscopici della polarizzazione. Polarizzazione. Legge di Gauss in presenza dei dielettrici. Corrente elettrica stazionaria. Conservazione della carica in regime stazionario. Legge di Ohm. Resistenza. Effetto Joule. Forza elettromotrice. Leggi di Kirchoff. Carica e scarica Condensatore. Magnetismo: fenomenologia. Vettore induzione magnetica. Linee di campo magnetico. Dipolo e monopolo magnetico. Legge di Gauss per il vettore induzione magnetica. Forza magnetica su di una carica in moto. Forza magnetica su di un conduttore percorso da corrente- momenti meccanici su circuiti piani. Momento di dipolo magnetico- principio di equivalenza di Ampere. Campo magnetico prodotto da una corrente- legge di Biot & Savart. Legge di Ampere. Applicazioni (solenoide, toro). Forza fra correnti elettriche. Magnetismo nella materia. Diamagnetismo. Paramagnetismo. Ferromagnetismo. Campi magnetici variabili nel tempo- legge di Faraday- Legge di Lentz. Applicazioni della legge di Faraday. Autoinduzione ed induttanza- Calcolo dell'induttanza. RL circuits. Energia magnetica. - Conservazione della carica in regime variabile Legge di Ampere-Maxwell. Equazioni di Maxwell. Metodi didattici Il corso è articolato su 52 ore di lezione e 20 ore di esercitazioni in cui gli studenti affrontano l'impostazione e la risoluzione numerica di problemi.il corso mette a disposizione degli studenti un sito web: su questo sito vengono inseriti settimanalmente problemi e domande le cui soluzioni e risposte sono rese note la settimana successiva. Gli studenti possono a loro volta rivolgere domande o presentare dubbi ai tutor ed ai docenti del corso avendo così, ove possibile, risposte immediate. Modalità di verifica dell apprendimento 1) Durante il corso si svolgono due prove in itinere. Lo studente che supera entrambe le prove ha accesso alla prova orale. 2) Durante l'anno si svolgono cinque appelli scritto+orale. Due appelli tra gennaio e febbraio. Tre appelli tra giugno -settembre. Le prove scritte, comprese le prove in itinere, consentono di sostenere l'orale fino l'ultimo appello dell'anno accademico in corso. Testi di riferimento Elementi di Fisica : Elettromagnetismo Elementi di Fisica : Onde Autori: P. Mazzoldi- M. Nigro - C. Voci Casa Editrice: EdiSes Foundamentals of PhysicsHalliday and ResnickJohn Wiley & SonPhysics for scientist and engineers (exstended version)p.m. Fishbane, S. Gasiorowicz, S.T. ThorntonPrentice-Hall, Inc. USA Attività formativa (codice) Fisica tecnica 1 (40071) Affine/Integrativa Settore/i scientifico disciplinare ING-IND/10 A.A. di frequenza 2003/04 Anno di corso 1 Crediti 12 Obiettivi formativi Fornire le competenze necessarie per impostare semplici bilanci energetici, effettuare un'analisi di massima dei principali cicli di potenza (rendimento Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 15 di 36

16 termico, calore rilasciato all'ambiente)e immpostare e risolvere problemi di trasmissione del calore monodimensionali in regime stazionario. Prerequisiti 10 crediti di Calcolo 1, 6 crediti di Fisica 1. Contenuto del corso TERMODINAMICA: Primo e secondo principio della termodinamica. Irreversibilità. Gas ideale. Processi termodinamici in sistemi chiusi ed aperti. La superficie p-v-t per una sostanza pura. Secondo principio della termodinamica, irreversibilità e funzione entropia. La produzione di energia: cicli termodinamici diretti a vapore ed a gas. La refrigerazione: cicli inversi a vapore e fluidi frigorigeni. TRASMISSIONE DEL CALORE: Conduttività termica e legge di Fourier. Conduzione termica in regime stazionario monodimensionale. Cenni ad alcuni problemi di conduzione termica in regime variabile. Convezione termica naturale e forzata: parametri adimensionali che governano il fenomeno. La trasmissione globale: coefficiente globale di trasmissione (trasmittanza) e introduzione agli scambiatori di calore. Radiazione termica: concetti fondamentali, radiazione da corpo nero, superfici grigie, scambi radiativi tra superfici. Metodi didattici Tipo lezioni: lezioni frontali; Modalità di verifica dell apprendimento Prova scritta (con esercizi e domande di teoria) seguita da colloquio orale. Il colloquio orale deve essere sostenuto entro i due appelli successivi al superamento dell'esercizio scritto. Non è ammesssa la consultazione di testi o appunti durante la prova scritta. Durante il corso sono previste 2 prove di accertamento. Le prove di accertamento, se tutte sufficienti, equivalgono al superamento dell'esercizio scritto ed hanno validità fino all'appello di giugno. Ogni prova sostenuta sostiuisce ed annulla le precedenti (vale soltanto l'ultima votazione conseguita) Testi di riferimento TESTI CONSIGLIATI: A. Cavallini, L. Mattarolo - Termodinamica Applicata - Padova, CLEUP, 1992 C. Bonacina, A. Cavallini - L. Mattarolo - Trasmissione del Calore - Padova, CLEUP, 1989 Oppure in alternativa: Y. A. Cengel - Termodinamica e trasmissione del calore, McGraw-Hill, Milano, 1998 TESTI PER CONSULTAZIONE: G. Rogers, Y. Mayhew - Engineering Thermodinamycs Work and Heat Transfer - 4th ed., Longman, 1992 F.P. Incropera, D.P. De Witt - Fundamentals of Heat and Mass Transfer - 4th ed., John Wiley and Sons, R. Siegel, J. R. Howell - Thermal Radiation Heat Transfer - Washington, Hemisphere, Attività formativa (codice) Fisica tecnica 2 (40192) Affine/Integrativa Settore/i scientifico disciplinare ING-IND/10 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 12 Obiettivi formativi Fornire le competenze necessarie a: - impostare bilanci energetici/ entalpici anche per sistemi complessi e analizzare le prestazioni di un sistema alla luce del secondo principio della termodinamica. - effettuare un'analisi di massima dei processi dell'aria umida di interesse tecnico (processi di condizionamento dell'aria e condensazione superficiale e interstiziale nelle strutture edilizie). - impostare e risolvere problemi di trasmissione del calore in più dimensioni anche in regime variabile eventualmente utilizzando metodi numerici. Prerequisiti 20 crediti di Calcolo 1 e 2, 6 crediti di Fisica 1, 5 crediti di Fisica Tecnica 1. Contenuto del corso METROLOGIA: Richiami sul S.I. le unità di misura e definizioni fondamentali. La grandezza temperatura. Scala termodinamica e termometro a gas. Standard primari e scala ITS90. TERMODINAMICA:. Equazioni di stato e comportamento dei gas reali. Exergia. Cenni sulla combustione. Cenni alle problematiche di impatto ambientale. Elementi di gasdinamica monodimensionale (propagazione del suono). TERMODINAMICA DELL'ARIA UMIDA E DELL'ATMOSFERA: Miscele ideali di gas ideali e/o di vapori condensabili. Cenni sul comportamento delle miscele di gas reali. Elementi di Psicrometria e proprietà dell'aria. Trasformazioni dell'aria umida. Introduzione ai processi fondamentali del condizionamento ambientale. Fenomeni di condensazione superficiale e interstiziale nelle strutture edilizie TRASMISSIONE DEL CALORE: Equazioni differenziali che governano il fenomeno. Conduzione termica in regime stazionario bidimensionale. Conduzione termica in regime variabile. Introduzione ai metodi numerici di soluzione. Approfondimenti su convezione termica naturale e forzata: similarità, strato limite termico dinamico e di concentrazione, turbolenza. Trasporto di massa (diffusione). Cenni alla trasmissione del calore nelle strutture edilizie e cenni alla normativa sul risparmio energetico Trasmissione per radiazione nell'atmosfera e caratteristiche della radiazione solare. Problematiche ambientali: GE/effetto serra ODP/riduzione dello strato di ozono. ACUSTICA: Cenni di acustica applicata Metodi didattici Tipo lezioni: lezioni frontali; Modalità di verifica dell apprendimento Esercizio scritto seguito da colloquio orale. Il colloquio orale deve essere sostenuto entro i sei mesi successivi al superamento dell'esercizio scritto. Durante il corso sono previste 2 prove di accertamento. Le prove di accertamento, se tutte sufficienti, equivalgono al superamento dell'esercizio scritto ed hanno validità di sei mesi dalla fine del corso. Testi di riferimento A. Cavallini, L. Mattarolo - Termodinamica Applicata - Padova, CLEUP, 1992 C. Bonacina, A. Cavallini, L. Mattarolo - Trasmissione del Calore - Padova, CLEUP, 1989 R. Lazzarin, M. Strada - Elementi di Acustica Tecnica - Padova, CLEUP, 1983 TESTI PER CONSULTAZIONE: E. Bettanini, P. Brunello Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 16 di 36

17 - Lezioni di Impianti di tecnici, Vol. I e II - Padova, CLEUP, G. Moncada Lo Giudice, S. Santoboni - Acustica - Masson 1995 G. Moncada Lo Giudice, M. Coppi - Benessere Termico e qualità dell'aria interna - Masson G. Rogers, Y. Mayhew - Engineering Thermodinamycs Work and Heat Transfer - 4th ed., Longman, 1992 K. Wark - Advanced Thermodynamics for Engineers - Mc Graw Hill, F.P. Incropera, D.P. De Witt - Fundamentals of Heat and Mass Transfer - 4th ed., John Wiley & Sons, J.P. Holman - Heat Transfer - 8th ed. New York, McGraw-Hill, R. Siegel, J. R. Howell - Thermal Radiation Heat Transfer - Washington, Hemisphere, Attività formativa (codice) Fondamenti di informatica (40034) Base Settore/i scientifico disciplinare ING-INF/05 A.A. di frequenza 2004/05 Anno di corso 2 Crediti 10 Inglese Obiettivi formativi Obiettivo del corso e' fornire allo studente una conoscenza di base dell'informatica (è prevista anche un'introduzione di base all'architettura dei calcolatori, alle rappresentazioni binarie dei dati, al sistema operativo WINDOWS, e al software necessario per la programmazione: editor, compilatore, debugger) ed una conoscenza più approfondita sugli aspetti legati ai linguaggi di rappresentazione delle informazioni (quali i linguaggi per la descrizione di oggetti 3D e di mondi virtuali), i linguaggi di programmazione (sempre con riferimento all'animazione e trasformazione di oggetti 3D ed alla creazione di mondi virtuali) e i principali algoritmi per l'elaborazione delle informazioni. Prerequisiti Conoscenze elementari di matematica (funzioni seno e coseno), cinematica e geometria dello spazio. Familiarità con il computer e l'editing di files. Contenuto del corso Introduzione. cenni di Architetture, Linguaggi, Sistemi operativi e reti di calcolatori. Sistemi di numerazione, Rappresentazione delle informazioni, Problemi e algoritmi, Linguaggi formali e grammatiche, Linguaggi di programmazione, Compilatori e interpreti Linguaggi di Rappresentazione: grafica e realtà virtuale, Virtual Reality Modeling Language (VRML) Linguaggi di Programmazione: Javascript ed animazione di realtà virtuale. "Programmazione in JAVASCRIPT: elementi di base", le fasi dello sviluppo di un programma, lessico e sintassi del linguaggio JAVASCRIPT, struttura di un programma, tipi di dato elementari, variabili, operatori ed espressioni, controllo del flusso d'esecuzione. "Programmazione in JAVASCRIPT: approfondimenti", le funzioni, la ricorsione, leggibilità del sorgente, errori tipici, buone regole di programmazione. Metodi didattici Tipo lezioni lezioni frontali; lezioni in laboratorio; Il Corso si svolge con 3h di lezione e 2h di esercitazione al calcolatore e si avvale del supporto della didattica on-line. Tutte le informazioni aggiornate relative al corso si trovano sul sito della didattica on-line Modalità di verifica dell apprendimento MODALITÀ DI ESAME (CON PROVE DURANTE IL CORSO) - Prova scritta su parte teorica su Javascript - Prova al calcolatore su parte pratica (programmazione) su Javascript - Presentazione di un progetto VRML. Verrà assegnata un'area/oggetto da ricostruire in VRML in cui muovere con l'uso di JavaScript piu' oggetti che interagiscano utilizzando algoritmi visti a lezione. Durante la presentazione verrà chiesto di fare una modifica arbitraria al progetto. MODALITÀ DI ESAME (APPELLO UNICO) - Orale - Prova al calcolatore su parte pratica (programmazione) su Javascript -Presentazione di un progetto VRML. Verrà assegnata un'area/oggetto da ricostruire in VRML in cui muovere con l'uso di JavaScript piu' oggetti che interagiscano utilizzando algoritmi visti a lezione. Durante la presentazione verrà chiesto di fare una modifica arbitraria al progetto. Testi di riferimento Dispense del docente pubblicate su esse3 Jed Hartman and Josie Wernecke, (1996). The VRML 2.0 Handbook. Addison Wesley Developers Press. ISBN Pighizzini, Ferrari "Dai fondamenti agli oggetti - corso di programmazione in JAVA "- sec. ed. - Addison Wesley Attività formativa (codice) Meccanica dei fluidi 1 (40187) Caratterizzante Settore/i scientifico disciplinare ICAR/01 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Obiettivi formativi Assieme alle nozioni di base della meccanica del continuo fluido, il corso propone anche argomenti pertinenti alla formazione culturale dell'ingegnere industriale e della produzione industriale, quali la cavitazione idrodinamica, il moto nei tubi, i fluidi non-newtoniani, la gasdinamica e l'aerodinamica. Prerequisiti Sono indispensabili nozioni di analisi matematica, calcolo vettoriale e meccanica del punto. Contenuto del corso Proprieta` fisiche dei fluidi. Legge idrostatica e spinte su pareti piane e curve. Equazione di continuità in forma integrale e differenziale. Accelerazione. Funzione potenziale delle velocità. Reticolato di flusso. Equazioni di Eulero in coordinate intrinseche. Teorema di Bernoulli. Efflusso a battente da un serbatoio. Cavitazione. Spinte dinamiche. Teoria monodimensionale delle turbomacchine. Dinamica del fluido newtoniano e incomprimibile. Equazioni di Navier-Stokes. Numero di Reynolds. Moto laminare. Moto di Poiseuille e Couette. Cenni sulla turbolenza e sullo strato limite. Moto uniforme nei tubi. Formule di resistenza al moto. Diagramma di Moody. Perdita di Borda. Perdite localizzate di energia. Strumenti deprimogeni. Linea dell`energia e Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 17 di 36

18 piezometrica. Fluidi non newtoniani (viscoelastici, tixotropici e reopettici, Fluidi di Bingham, legge di potenza, modello di Sisko, numero di Reynolds generalizzato). Aereodinamica (Profili alari, portanza e resistenza, polare di un'ala, stallo, efficienza). Gasdinamica (Celerità di propagazione di un'onda infinitesima di pressione. Numero e cono di Mach. Moto in un convergente-divergente. Choking). Metodi didattici Lezioni ed esercitazioni frontali. Modalità di verifica dell apprendimento La verifica dell'apprendimento sarà in forma scritta e consisterà nella soluzione di un problema di fluidodinamica. Testi di riferimento Appunti dalle lezioni. Ghetti A., Idraulica, Libreria Cortina, Padova, E. Marchi, A. Rubatta, Meccanica dei Fluidi, UTET, Torino, Rouse H., Advanced Mechanics of Fluids, J.Wiley & Sons, New York, Holland F.A., Fluid Flow for Chemical Engineers, Arnold Publisher, Schowalter W.R., Mechanics of Non-Newtonian Fluids, Pergamon Press, Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 18 di 36

19 Attività formative per le quali non è possibile fornire informazioni dettagliate sul programma seguito Attività formativa (codice) Geologia (40035) Caratterizzante Settore/i scientifico disciplinare GEO/05 A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 10 Attività formativa (codice) Ingegneria sanitaria 1 (40045) Caratterizzante Settore/i scientifico disciplinare ICAR/03 A.A. di frequenza 2004/2005 Anno di corso 2 Crediti 5 Attività formativa (codice) Introduzione all'ingegneria ambientale (40406) Altre attività Settore/i scientifico disciplinare ING-INF/05 A.A. di frequenza 2004/05 Anno di corso 2 Crediti 5 Attività formativa (codice) Lingua straniera - inglese (40120) Lingua/Prova finale Settore/i scientifico disciplinare - A.A. di frequenza 2003/04 Anno di corso 1 Crediti 6 Attività formativa (codice) Stage (40283) A.A. di frequenza 2005/06 Anno di corso 3 Crediti 5 Durata Da 15/05/2006 a 31/08/2006 Azienda/Ente/Istituzione Centro Ecologia Alpina (Trento) Tutor universitario Tutor esterno Bianchi Mario Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Matricola: Pag. 19 di 36

20 Diploma Supplement Preamble The Diploma Supplement was developed by the European Commission, Council of Europe and by UNESCO/CEPES. The purpose of the supplement is to provide sufficient independent data to improve the international transparency and fair academic and professional recognition of qualifications (diplomas, degrees, certificates etc.). It is designed to provide a description of the nature, level, context, content and status of the studies that were pursued and successfully completed by the individual named on the original qualification to which this supplement is appended. It is free from any valuejudgements, equivalence statements or suggestions about recognition. Information is provided in eight sections. Where information is not provided, an explanation will give the reason why. 1. Information identifying the holder of the qualification 1.1 Family name ROSSI 1.2 First name MARIO 1.3 Date (dd/mm/yyyy), Place, Country of birth dd/mm/yyyy, Trento, Italy 1.4 Student number or code AAABBBNNCNNDDDW (Personal Identification Number) (Student code) 2. Information identifying the qualification 2.1 Title conferred Degree in Environmental and Land Engineering 2.2 Main field(s) of study for the qualification Class of the Degrees in Civil and Ambient Engineering Name of institution awarding qualification; Status (Type/control) University of Trento Public University Head Office: Via Belenzani, 12 Trento 2.4 Name of institution administering studies Not applicable 2.5 Language(s) of instruction/examination Italian 3. Information on the level of the qualification 3.1 Level of qualification Degree Course; 1 cycle 3.2 Official length of programme Three years Mod. C_DS_R_IT_ENG_ALL - Student code: P. 20 of 36

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli