REGOLAMENTO ORGANICO PER I DIPENDENTI DELLA CASA ANZIANI DI PARADISO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO ORGANICO PER I DIPENDENTI DELLA CASA ANZIANI DI PARADISO"

Transcript

1 a07rodca REGOLAMENTO ORGANICO PER I DIPENDENTI DELLA CASA ANZIANI DI PARADISO versione

2 I N D I C E CAPITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo d'applicazione CAPITOLO II - STATUTO DEL PERSONALE Art. 2 Art.3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.7 Art.7a Suddivisione dei dipendenti Nomina Requisiti per la nomina del personale curante, amministrativo e dei servizi generali Personale incaricato Personale straordinario Praticanti Invalidi CAPITOLO III - DURATA DEL RAPPORTO D'IMPIEGO Art. 8 Art. 9 Art.10 Art.11 Art.12 Nomine generali Periodo di prova Dimissioni e licenziamenti Indennità per mancata conferma Limiti d'età CAPITOLO IV - DOVERI DI SERVIZIO E DIVIETI VARI Art.13 Art.14 Art.15 Art.16 Art.17 Art.18 Art.19 Art.20 Art.21 Art.22 Sorveglianza del personale Doveri di servizio Divieti vari Supplenze Mansioni integrative Orario di lavoro Occupazioni accessorie Cariche pubbliche Segreto d'ufficio e professionale Deposizione in giudizio

3 CAPITOLO V - MANCANZA AI DOVERI DI SERVIZIO E CONSEGUENZE Art.23 Art.24 Art.25 Art.26 Art.27 Art.28 Responsabilità Inchiesta Prescrizioni Misure disciplinari Sospensione Diritto di ricorso CAPITOLO VI - DIRITTI DEL DIPENDENTE Art.29 Art.30 Art.31 Art.32 Art.33 Art.34 Art.35 Art.36 Art.37 Art.38 Art.39 Art.40 Diritti sindacali Commissione del personale Vacanze Calcolo delle vacanze Variazione del periodo delle vacanze Malattia ed infortunio durante le vacanze Riduzione delle vacanze Giorni di riposo Lavoro straordinario Picchetto per lavoro festivo e notturno Congedi pagati e non pagati Abbigliamento di lavoro CAPITOLO VII - FORMAZIONE PROFESSIONALE Art.41 Perfezionamento professionale CAPITOLO VIII - PREVIDENZA E ASSICURAZIONE Art.42 Art.43 Art.44 Art.45 Art.46 Obbligo di appartenenza alla cassa pensione Assicurazione infortuni Stipendio in caso di malattia o infortunio Stipendio in caso di decesso Riduzione prestazioni assicurative

4 CAPITOLO IX - STIPENDI E INDENNITA' Art.47 Art.48 Art.49 Art.50 Art.51 Art.52 Art.53 Art.54 Art.55 Art.56 Art.57 Art.58 Art.59 Art.60 Classificazione e pianta del personale Scala degli stipendi Stipendio iniziale Modalità di pagamento Aumenti annuali e riconoscimento anni di servizio Promozioni Gratificazioni di servizio Gratifica straordinaria Indennità di carovita Assegni di famiglia per i figli e per persone a carico Indennità di trasferta Indennità per funzioni manuali Prestazioni in natura Stipendio in caso di servizio militare CAPITOLO X - ASSENZE Art.61 Art.62 Art.63 Art.64 Art.65 Assenze per ragioni di salute Assenze per cure Assenze per altri titoli Assenze arbitrarie Controllo delle assenze per ragioni di salute CAPITOLO XI - DISPOSIZIONI FINALI Art.66 Art.67 Art.68 Ordinanza interna Entrata in vigore Diritto sussidiario

5 CAPITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Campo di applicazione Art. 1 Le disposizioni del presente regolamento si applicano, in quanto non sia espressamente disposto in modo diverso, a tutto il personale della Casa per persone anziane del Comune di Paradiso nominato in pianta stabile. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 5

6 CAPITOLO II - STATUTO DEL PERSONALE Suddivisione dei dipendenti Art. 2 I dipendenti della Casa anziani sono suddivisi in 3 ordini: - personale nominato; - personale incaricato; - personale straordinario. Nomina Art. 3 I dipendenti della Casa anziani contemplati dalla pianta organica, sono nominati dal Municipio, su preavviso della Direzione della casa, previo concorso pubblico in base ad apposito capitolato di servizio. I posti vacanti sono messi a pubblico concorso; il Municipio può stabilire l età minima e massima dei candidati. Il Municipio può incaricare la Direzione della Casa anziani di sottoporre i candidati ad un esame. Il dipendente riceve un atto di nomina con l indicazione delle funzioni, dello stipendio, copia del Regolamento organico e di quello interno, nonché del capitolato d oneri. Una copia del capitolato d oneri e del Regolamento interno é da ritornare tramite la Direzione al Municipio, firmata in segno di accettazione. Art. 4 Requisiti per la nomina del personale curante, amministrativo e dei servizi generali Possono essere nominate solo le persone che soddisfano i requisiti contemplati nelle direttive del Dipartimento Opere Sociali e il cui grado di occupazione non sia inferiore al 50% dell orario stabilito per la funzione. Il Municipio può assumere nella forma dell incarico personale in attesa di partecipare ai corsi di formazione organizzati dal Cantone. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 6

7 Art. 5 Personale incaricato I dipendenti incaricati sono coloro assunti a tempo determinato e la cui assunzione non è automaticamente rinnovabile alla scadenza. Gli incaricati soggiacciono alle norme per il personale nominato, in quanto applicabili. Di regola sono incaricati i dipendenti in formazione o non ancora in possesso dei requisiti richiesti dai bandi di concorso. Personale straordinario Art. 6 Sono straordinari quei dipendenti che vengono assunti per lavori di carattere transitorio e limitatamente alla durata degli stessi. L assunzione di questi dipendenti non avviene tramite pubblico concorso. Il rapporto di lavoro è regolato dall'ordinanza municipale per il personale ausiliario e avventizio del Comune di Paradiso del 23 settembre Praticanti Art. 7 Il Municipio assume i praticanti provenienti dalle scuole sanitarie e sociali compatibilmente con le esigenze di servizio. Invalidi Art. 7a* Il Municipio, in accordo con l'ente sussidiante, favorirà l'integrazione professionale di persone invalide. Per l'affiliazione al Fondo di previdenza fanno stato gli statuti e regolamenti dello stesso. * nuovo articolo ris. CC ; in vigore dal appr. sez. enti locali Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 7

8 CAPITOLO III - DURATA DEL RAPPORTO D'IMPIEGO Nomine generali Art. 8 Il Municipio nomina ogni quadriennio i dipendenti della Casa anziani previsti dal presente regolamento. Il periodo di nomina scade, per tutti i dipendenti, compresi quelli nominati durante il quadriennio, sei mesi dopo le elezioni comunali. La riconferma è presunta se, entro quattro mesi dalle elezioni, il Municipio non comunica al dipendente, precisandone i motivi, la mancata conferma; in ogni caso devono essere rispettati i termini di disdetta dell art. 132 LOC. La mancata conferma può avvenire solo per giustificati motivi. Periodo di prova Art. 9 Per i dipendenti di nuova nomina il primo anno è ritenuto periodo di prova. Se la prova non è soddisfacente l autorità di nomina può dare in ogni tempo la disdetta all interessato con un preavviso di un mese. La disdetta deve essere motivata. Analogo diritto di disdetta spetta anche all interessato. Nei casi dubbi il Municipio ha la facoltà di prolungare il periodo di prova sino a un massimo di due anni. Dimissioni e licenziamenti Art. 10 Salvo in caso di licenziamento disciplinare la rottura del rapporto d impiego avverrà per la fine di un mese, con un preavviso di 3 mesi. Su richiesta dell interessato e compatibilmente con le esigenze di servizio il Municipio può ridurre questo termine. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 8

9 Art. 11 Indennità per mancata conferma In caso di mancata conferma non determinata da motivi gravi, il dipendente ha diritto ad una indennità pari ad un mese di stipendio per ogni anno di servizio prestato. Motivi gravi sono quelli che legittimano lo scioglimento del rapporto di lavoro durante il periodo di nomina. Non è corrisposta nessuna indennità se il dipendente è pensionato. Limiti d'età Art. 12 Il rapporto d'impiego cessa senza eccezioni, al primo mese che segue il compimento dell'età che dà diritto alla rendita AVS. Per il pensionamento anticipato fanno stato le disposizioni della Legge sulla Cassa Pensione dei dipendenti dello Stato. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 9

10 CAPITOLO IV - DOVERI DI SERVIZIO E DIVIETI VARI Sorveglianza del personale Art. 13 La Direzione esercita la sorveglianza su tutto il personale della Casa anziani valendosi della collaborazione dei quadri intermedi che esercitano la sorveglianza diretta sul personale a loro subordinato. Contro le decisioni della Direzione, adottate in base alle sue competenze o comunque affidategli dal Municipio, è dato ricorso in prima istanza al capo del personale ed in seconda istanza al Municipio. Il ricorso va presentato per iscritto entro 15 giorni dalla decisione impugnata. Doveri di servizio Il dipendente ha l'obbligo di: Art. 14 a) dedicare alle sue funzioni tutto il tempo stabilito dal regolamento interno, tutelando l'interesse della Casa ed astenendosi da ogni atto che sia di pregiudizio per la stessa; b) adempiere al suo operato conformemente ai principi di etica professionale, di umana solidarietà verso gli utenti della Casa e di reciproco rispetto delle competenze inerenti a ciascun servizio; c) usare modi corretti nei confronti del pubblico ed ispirarsi al principio della assidua e responsabile collaborazione; d) eseguire gli ordini e le direttive impartite dai suoi superiori nell'ambito delle rispettive funzioni; e) usare e custodire con cura il materiale messogli a disposizione. Il dipendente può essere obbligato, individualmente o collettivamente, a risarcire i danni cagionati intenzionalmente o per negligenza grave; f) comportarsi con serietà, avere la massima pulizia con particolare riguardo alla sua persona e nel vestiario obbligatorio; g) far rilevare al proprio superiore eventuali inconvenienti del servizio; h) rispettare l'orario assegnatogli e quanto disposto dal regolamento interno. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 10

11 Art. 15 Divieti vari E vietato ai dipendenti: - chiedere, accettare o farsi promettere, per sé o per altri, doni o altri profitti per atti inerenti i loro doveri e le loro competenze di servizio; - avere interessi con i fornitori della Casa per anziani; - assentarsi dal servizio senza il permesso della Direzione o del proprio responsabile di settore; - tenere una condotta riprovevole anche fuori servizio. E considerata cattiva condotta in modo speciale l insolvenza colposa, l abuso di alcoolici e medicamenti e l uso di sostanze stupefacenti; - in genere agire contro l interesse pubblico o del Comune e trasgredire le norme del presente regolamento e di quello interno. Supplenze Art. 16 Se ragioni di servizio lo esigono, il dipendente è tenuto a sostituire o ad aiutare i colleghi, senza alcun compenso. Chi sostituisce un collega di categoria superiore e di maggior responsabilità per un periodo di oltre 30 giorni, ha diritto, dal primo giorno fino al termine della supplenza, ad un indennità pari alla differenza tra lo stipendio del supplente e quello del supplito secondo l anzianità del supplente. Non si inizia il computo di un nuovo periodo di 30 giorni a stipendio di classe inferiore se la supplenza è interrotta per 15 giorni o meno. Mansioni integrative Art. 17 Se ragioni di servizio lo esigono al dipendente possono essere assegnati altri incarichi o mansioni senza che gli sia dovuto compenso alcuno, fermo restando il limite dell orario normale di lavoro, tenuto pure conto della formazione e della dignità dei dipendenti. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 11

12 Art. 18 Orario di lavoro L orario di lavoro è di 40 ore settimanali. Compete alla Direzione fissare l orario di lavoro, tenuto conto delle esigenze del servizio. Occupazioni accessorie Art. 19 Durante le ore di servizio il dipendente non può dedicarsi ad attività di carattere privato e/o personale. Il dipendente può, in via eccezionale e con l autorizzazione del Municipio, svolgere occupazioni accessorie, fuori dell orario di servizio, alle condizioni che: - non intralcino lo svolgimento normale delle sue mansioni; - siano compatibili col decoro della funzione. E vietato al dipendente gestire commerci od industrie in proprio. Nel caso di nomina a tempo parziale ai sensi dell'art. 4, il dipendente può svolgere altre attività lucrative se, a giudizio del Municipio, esse sono compatibili con la funzione svolta. Il Municipio può autorizzare i dipendenti a svolgere, anche durante i normali orari di servizio, occupazioni accessorie a condizione che le stesse vengano svolte a favore di Enti o Consorzi nei quali il Comune ha uno spiccato interesse. Dette occupazioni non devono in nessun caso intralciare il normale lavoro di servizio. Cariche pubbliche Art. 20 I dipendenti della Casa per anziani, salvo quanto stabilito dagli art. 43 cpv. 2 e 82 lett. e) LOC, possono assumere cariche pubbliche e sindacali soltanto con il consenso del Municipio, in quanto comportino assenze durante l orario di servizio. Queste assenze verranno conteggiate come vacanze, o in quanto le vacanze siano già state fatte, dedotte dallo stipendio. Il Municipio può tuttavia accordare a tale scopo congedi pagati per un periodo massimo di 10 giorni lavorativi annui. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 12

13 Art. 21 Segreto d ufficio e professionale Il dipendente è tenuto al segreto d ufficio o professionale sia durante che dopo la cessazione del rapporto di impiego. Deposizione in giudizio Art. 22 Senza il permesso del Municipio non è lecito al dipendente deporre in giudizio come parte, teste o perito giudiziario intorno a contestazioni che egli conosce in virtù della sua carica o nell esercizio delle sue funzioni, né di asportare documenti d ufficio. Questo permesso è necessario anche dopo la cessazione del rapporto d impiego. L autorizzazione può essere rifiutata soltanto se lo esige un preminente interesse pubblico. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 13

14 CAPITOLO V - MANCANZA AI DOVERI DI SERVIZIO E CONSEGUENZE Responsabilità Art. 23 I dipendenti che violano intenzionalmente o per negligenza i loro doveri sono puniti con una misura disciplinare. Restano riservate eventuali azioni per danni ed eventuali azioni penali. Qualunque sia l esito di tali azioni il Municipio conserva integralmente il diritto di adottare misure disciplinari per i medesimi fatti. Inchiesta Art. 24 Le misure disciplinari vengono pronunciate previa inchiesta. Il dipendente ha diritto di essere sentito, di farsi assistere da persone di sua fiducia e di prendere conoscenza degli atti di inchiesta prima che siano prese misure disciplinari. La procedura d inchiesta non dovrà di regola superare i tre mesi. Prescrizioni Art. 25 Il diritto di avviare un inchiesta disciplinare si prescrive entro un anno dal giorno in cui il Municipio è venuto a conoscenza della violazione dei doveri di servizio. L azione danni e l azione penale si prescrivono in base alle disposizioni dei relativi codici. Misure disciplinari Art. 26 La violazione dei doveri di servizio, la trascuranza o la negligenza nell adempimento delle mansioni sono puniti con i seguenti provvedimenti disciplinari, riservata l eventuale azione penale: a) l ammonimento; b) la multa fino a fr ; c) il collocamento temporaneo in situazione provvisoria; Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 14

15 d) il trasferimento ad altra funzione; e) la sospensione dall impiego con la perdita dello stipendio per un periodo massimo di tre mesi; f) il licenziamento, nei casi gravi o di recidiva. Le misure disciplinari vengono intimate per lettera raccomandata e motivate entro un mese dalla chiusura dell'inchiesta. In ogni caso il personale deve essere messo in condizione di poter presentare le proprie giustificazioni. L ammonimento può essere accompagnato dalla comminatoria di una misura più grave in caso di recidiva. Le misure di cui alle lettere b), c), d), ed e) possono essere accompagnate dalla comminatoria del licenziamento in caso di recidiva. Con il licenziamento il dipendente deve abbandonare immediatamente il suo posto di lavoro e perde il diritto allo stipendio. La sua posizione nei confronti della Cassa Pensione è definita in base alle disposizioni contrattuali. Sospensione Art. 27 Durante l inchiesta amministrativa e l eventuale procedimento penale, il dipendente può essere sospeso, anche immediatamente, dall impiego e privato dello stipendio. Tali misure sono applicabili anche nei casi di cui all art. 133 LOC. Se il Municipio al termine dell'inchiesta rinuncia ad ogni misura o adotta un altra misura che non comporti la perdita dello stipendio, esso va integralmente versato. Nel caso in cui si è adottata la misura della sospensione, lo stipendio è trattenuto per il periodo corrispondente, al massimo però per tre mesi. Nel caso in cui si è pronunciato il licenziamento, lo stipendio è trattenuto integralmente. Diritto di ricorso Art. 28 Contro qualsiasi provvedimento il dipendente può ricorrere entro quindici giorni al Consiglio di Stato, la cui decisione è appellabile al Tribunale Cantonale Amministrativo. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 15

16 CAPITOLO VI - DIRITTI DEL DIPENDENTE Art. 29 Diritti sindacali I dipendenti hanno il diritto di affiliarsi ad organizzazioni sindacali. Commissione del personale Art. 30 Il personale può nominare ogni 4 anni nel proprio seno una Commissione composta da 5 membri. La Commissione è consultata dalla Direzione sulle questioni globali che interessano il personale. Vacanze Art. 31 Il personale ha diritto alle seguenti vacanze pagate: - 20 giorni lavorativi fino al 15 o anno di servizio o 45 o anno di età - 25 giorni lavorativi dal 16 o anno di servizio o dal 46 o anno di età - 30 giorni lavorativi dal 30 o anno di servizio o dal 60 o anno di età. Il diritto alla settimana supplementare di vacanza matura nell anno in cui si raggiunge l età prescritta. Allievi delle scuole sanitarie e giovani fino ai 20 anni hanno diritto a 25 giorni di vacanza. Le vacanze devono essere effettuate entro il 31 marzo dell'anno successivo. Calcolo delle vacanze Art. 32 Se il rapporto di lavoro ha inizio ad anno inoltrato, cessa prima della fine dello stesso o viene temporaneamente interrotto durante il medesimo, il calcolo delle vacanze è fatto dividendo per 12 i giorni di diritto, moltiplicando il quoziente per il numero dei mesi di lavoro e arrotondando le frazioni all unità più vicina. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 16

17 Se la cessazione del rapporto di lavoro avviene dopo che il dipendente ha già usufruito delle vacanze la deduzione è fatta sullo stipendio, tranne in caso di decesso. Variazione del periodo delle vacanze Art. 33 Le vacanze devono effettuarsi in modo da garantire il normale funzionamento dei servizi, tenendo conto nel contempo di un' equa rotazione fra il personale. Il periodo di vacanza dovrà essere sottoposto, per l approvazione, alla Direzione entro un termine adeguato. Art. 34 Malattia ed infortunio durante le vacanze Il dipendente che si ammala o subisce un infortunio durante le vacanze è tenuto ad annunciare immediatamente il caso, producendo il relativo certificato medico alla Direzione. In caso di mancata immediata segnalazione o presentazione del certificato medico, la malattia o l infortunio sono computati come vacanze. Non sono presi in considerazione i casi di infortunio che consentono di muoversi liberamente o con lievi limitazioni, né la malattia di durata inferiore ai 3 giorni. Riduzione delle vacanze Art. 35 Se le assenze in seguito a malattia, infortunio o servizio militare obbligatorio superano i 90 giorni di un anno civile, la durata delle vacanze viene ridotta di un giorno per ogni successiva settimana, ritenuto tuttavia un minimo di vacanza di 8 giorni lavorativi. Le assenze per servizio militare non obbligatorio, congedo non pagato, sospensione per punizioni, comportano una riduzione delle vacanze pagate in proporzione alla durata delle assenze. Qualora intervenga, a vacanze in tutto o in parte già compiute, una circostanza qualsiasi che determina la riduzione delle vacanze, il computo è fatto sulle vacanze della successivo nella misura consentita dal conguaglio sull eventuale residuo di vacanze dell'anno in corso. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 17

18 Art. 36 Giorni di riposo Qualunque sia la natura dell'impiego, il dipendente ha diritto a 2 giorni di riposo settimanali della durata di 24 ore ciascuno. Ogni 3 settimane cadranno in sabato e domenica, compatibilmente con le esigenze di servizio; tuttavia dovranno cadere in sabato e domenica in ogni caso una volta ogni 4 settimane. Sono considerati giorni di riposo il sabato e la domenica e le feste riconosciute dal Cantone. I dipendenti che prestano servizio a turni irregolari hanno diritto ad un numero di giorni di riposo equivalente agli altri. Lavoro straordinario Art. 37 Le ore computate su ordine della Direzione oltre la durata del turno prefissato sono compensate nel modo seguente: - di giorno dalle alle con un supplemento del 25% - di notte dalle alle con un supplemento del 50% - durante i giorni di libero programmato con un supplemento del 75%. La compensazione delle ore straordinarie deve essere effettuata, di regola, con altrettanto tempo libero da concedersi entro la fine del mese susseguente. Compatibilmente con le esigenze di servizio, anche i supplenti potranno essere compensati con tempo libero. Nel caso ciò non fosse possibile, saranno compensati in denaro. Non entra in considerazione l orario di lavoro nei giorni festivi contemplati dai turni di servizio. Il supplemento è calcolato sullo stipendio orario (stipendio annuale maggiorato da un eventuale indennità di carovita, diviso 2000 ore). Art. 38 Picchetto e indennità per lavoro festivo e notturno Il servizio di picchetto durante il quale, su chiamata, il dipendente deve mettersi a disposizione della Casa anziani fuori del posto di lavoro, viene compensato con un congedo o con un indennità adeguati secondo le circostanze. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 18

19 Il tempo in cui il dipendente è occupato effettivamente conta come tempo di lavoro. I giovani fino a 18 anni compiuti non possono essere occupati per servizio notturno o di picchetto. Al dipendente che per esigenze di servizio presta la propria attività durante le ore notturne dalle alle o durante i giorni festivi ufficiali, compreso sabato e domenica, viene corrisposta un indennità per ora notturna o festiva, ad esclusione del cumulo, conformemente alle disposizioni cantonali in materia. Questo compenso potrà, se le circostanze lo permettono, essere trasformato in un corrispondente congedo. Congedi pagati e non pagati Art. 39 I dipendenti hanno diritto ai seguenti congedi pagati: a) 8 giorni consecutivi in caso di matrimonio, da effettuarsi entro sei mesi dalla celebrazione; b) 5 giorni consecutivi per la morte del coniuge o di un figlio; c) 3 giorni consecutivi per la morte di un genitore; d) 2 giorni per la nascita di un figlio; e) 1 giorno per matrimoni di un congiunto, o per la morte di fratelli, sorelle, suoceri, cognati, nipoti, nonni e zii; f) 1 giorno per trasloco; g) il tempo strettamente necessario per il funerale di un altro parente, di un collega, per comparire davanti all autorità o per ispezioni militari o per eventualmente altre necessità personali da autorizzarsi preventivamente dalla Direzione; h) di regola 10 giorni per cariche pubbliche; i) 5 giorni nell arco di un anno per affari pubblici o sindacali. Nei termini suddetti sono compresi gli eventuali giorni festivi ed il sabato. Se la circostanza che dà diritto al congedo supplementare previsto nelle lettere b), c), d) e) e f) si verifica allorquando il dipendente è già in vacanza, cade il diritto al congedo supplementare. Un congedo non pagato della durata massima di 2 anni può essere concesso ai dipendenti per ragioni di studio, perfezionamento o riqualifica professionale; il rapporto d' impiego viene in questo caso conservato ed impegna il beneficiario per un periodo di tempo, dopo la formazione, proporzionato alla durata degli studi. I dipendenti, qualora rescindessero il rapporto di lavoro prima dei tempi fissati, dovranno rifondere il Municipio, pro rate temporis, per le spese da esso sostenute per la loro formazione. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 19

20 Durante il congedo il dipendente perde il diritto allo stipendio ed alle indennità, ma conserva il rapporto d' impiego, ritenuto che l intero premio per la Cassa Pensione (compreso la parte spettante al Comune) ed altre misure di previdenza siano a suo carico. In caso di assenza per gravidanza o parto la dipendente percepisce l intero stipendio per 16 settimane, di cui di regola 6 prima del parto, a condizione che sia al servizio del Comune da almeno un anno. Se la dipendente non riprende il lavoro per almeno 9 mesi, il diritto allo stipendio intero è limitato a 8 settimane. L assenza per gravidanza e parto è in ogni caso computata agli effetti del calcolo del periodo di malattia, secondo l art. 44. Abbigliamento di lavoro Art. 40 Al personale curante e dei servizi generali, la Casa per anziani fornisce l abbigliamento idoneo allo svolgimento della funzione. L uso dello stesso è obbligatorio. L abbigliamento fornito viene lavato e stirato a cura della lavanderia della Casa anziani. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 20

21 CAPITOLO VII - FORMAZIONE PROFESSIONALE Perfezionamento professionale Art. 41* La Direzione, su mandato del Municipio, promuove l'aggiornamento ed il perfezionamento professionale del personale. Il dipendente che intende perfezionare la propria formazione può, previo accordo con la Direzione, seguire corsi professionali di perfezionamento e di aggiornamento. Durante la frequenza di detti corsi, se rientrano nell'interesse della Casa per anziani, il dipendente avrà dirtto allo stipendio completo alla condizione che si impegni preventivamente a prestare la sua opera presso la Casa per anziani per un periodo proporzionato alla durata del corso, ritenuto che un'assenza fino a tre mesi impegna il dipendente per il periodo di due anni. In caso contrario la Casa per anziani avrà il diritto di chiedere il rimborso totale o parziale (pro rata) dello stipendio percepito e delle spese causate durante la frequenza dei corsi sopraddetti. Il dipendete attribuito alla funzione di infermiere professionale in attesa del riconoscimento CRS, una volta ottenuta la registrazione presso la croce Rossa Svizzera, dovrà garantire una permanenza nella struttura di almeno un anno. La frequenza di corsi professionali di aggiornamento o di perfezionamento può essere dichiarata obbligatoria. * art. modificato ris. CC ; in vigore dal appr. sez. enti locali Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 21

22 CAPITOLO VIII - PREVIDENZA E ASSICURAZIONE Art. 42 Obbligo di appartenenza alla Cassa Pensione Ogni dipendente, nominato in pianta stabile in base al presente regolamento, deve appartenere obbligatoriamente alla Cassa Pensione dei dipendenti dello Stato alle condizioni della relativa legge cantonale. Assicurazione infortuni Art. 43 * Il Comune assicura tutti i dipendenti contro i rischi degli infortuni professionali e non professionali, sulla base della legislazione federale in materia (LAINF). I premi per l'assicurazione contro gli infortuni professionali sono a carico della Casa per anziani; quelli non professionali sono a carico del dipendente. Il riparto dei premi è regolato conformemente alle disposizioni cantonali. * art. modificato ris. CC ; in vigore dal appr. sez. enti locali Art. 44 Stipendio in caso di malattia o infortunio In caso di assenza per malattia o infortunio non professionale, il dipendente percepisce l intero salario per i primi 360 giorni e il 50% per gli altri 360 giorni. Le indennità per l economia domestica e figli non subiscono riduzioni. Al dipendente iscritto alla cassa pensione sono garantite le prestazioni alle quali avrebbe diritto in caso di pensionamento. Se l assenza è dovuta a malattia o infortunio professionale o ad un evento per cui risponde l assicurazione militare, il dipendente percepisce l intero stipendio per due anni. Se dopo almeno due anni dall inizio della prima assenza per malattia, il dipendente riprende il lavoro continuato per più di tre mesi, egli riacquista il diritto di ricevere lo stipendio secondo i capoversi precedenti. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 22

23 Il diritto allo stipendio, secondo i precedenti capoversi, può essere ridotto o soppresso se il dipendente ha cagionato la malattia o l infortunio intenzionalmente o per grave negligenza, se si è consapevolmente esposto a pericoli straordinari, se ha commesso un azione temeraria oppure commesso un crimine o un delitto. Sono inoltre applicabili i principi enunciati nella Legge federale in materia d'infortuni (LAINF) e nella Legge sull'assicurazione militare federale. Se l assenza per malattia si protrae oltre i 2 anni il dipendente è ritenuto dimissionario. In caso di capacità lavorativa ridotta, il dipendente è tenuto ad una presenza continuata durante tutte le ore lavorative normali, sia pure con mansioni ridotte ed eventuali possibilità particolari d assenza per cure urgenti. Eventuali deroghe possono essere concesse dalla Direzione previa presentazione di un dettagliato certificato medico che ne comprovi l esigenza. Stipendio in caso di decesso Art. 45 In caso di morte di un dipendente lo stipendio viene corrisposto come segue: - 3 mesi successivi a quello del decesso oltre l indennità di famiglia o per i figli, se il dipendente era coniugato; - 1 mese successivo a quello del decesso se il dipendente lascia almeno uno dei genitori conviventi; - in tutti gli altri casi nessuna indennità. Art. 46 Riduzione prestazioni assicurative Sono poste a carico del dipendente le eventuali riduzioni delle prestazioni assicurative dovute a sua colpa grave. Regolamento organico per i dipendenti della casa anziani di Paradiso pag. 23

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti

Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti 2.5.4.1 Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (del 15 marzo 1995) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti il messaggio 12 agosto 1994 n. 4279 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro, LL 1 ) 822.11 del 13 marzo 1964 (Stato 1 dicembre 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero.

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. E' approvato il testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero annesso

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli