TECO 2013: un primo esame dei risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECO 2013: un primo esame dei risultati"

Transcript

1 TECO 2013: un primo esame dei risultati Franco Peracchi Università di Roma Tor Vergata 4 marzo 2014 Versione provvisoria, si prega di non citare. Ringrazio Daniele Checchi e soprattutto Fiorella Kostoris per le utili discussioni, e Alessio Ancaiani, Alberto Ciolfi e Irene Mazzotta per lo sforzo nel fornirmi le basi dati nel formato richiesto. I dati utilizzati in questo rapprto, i programmi e le elaborazioni prodotte sono disponibili su richiesta all ANVUR. Questo rapporto esprime le opinioni dell autore e non rappresenta il punto di vista dell ANVUR.

2 Abstract Questo rapporto presenta un primo esame della mole di informazione raccolta in occasione della sperimentazione del Test sulle Competenze (TECO), un test nazionale che intende rilevare le competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani. Le sperimentazione è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese, e ha riguardato quasi 22 mila laureandi delle lauree triennali e a ciclo unico, di cui poco più di 9 mila si sono iscritti al test e circa lo hanno effettivamente sostenuto tra il maggio e il luglio L analisi dei dati del TECO mostra l esistenza di una relazione sistematica e statisticamente significativa tra i punteggi nel test e una serie di caratteristiche osservate degli studenti partecipanti quali l età, il genere, l anzianità dal diploma, il voto di diploma, la media dei voti nel corso di laurea, la lingua parlata a casa e la cittadinanza. Le caratteristiche osservate degli studenti partecipanti contribuiscono però solo in piccola parte a spiegare la variabilità riscontrata nei punteggi e lasciano un ampio margine residuale che è da ricondurre da un lato a caratteristiche inosservate degli studenti, dall altro a caratteristiche inosservate del corso di laurea e dell Ateneo di appartenza degli studenti. Dalla stima degli effetti complessivi delle caratteristiche inosservate dei gruppi di lauree e degli Atenei, emerge una duplice distinzione: da un lato tra gruppi di lauree scientifiche e gruppi di lauree umanistiche, dall altro tra Atenei del Centro-Nord e Atenei del Sud-Isole. Il punteggio medio di studenti con identiche caratteristiche osservate è infatti più alto per i gruppi di lauree scientifiche e per gli Atenei del Centro-Nord (esclusi quelli dell area romana), e più basso per i gruppi di lauree umanistiche e per gli Atenei del Sud-Isole. In assenza di autoselezione degli studenti, gli effetti stimati potrebbero essere interpretati come una misura della qualità intrinseca di un gruppo di lauree o di un Ateneo. In realtà, una loro interpretazione in questo senso è resa difficile dal fatto che solo una frazione degli idonei (in alcuni casi una piccola frazione) si è effettivamente presentata a sostenere il test e che i tassi di partecipazione si differenziano notevolmente per gruppo di lauree e per Ateneo, e variano al variare delle caratteristiche degli studenti. Gli effetti stimati potrebbero quindi riflettere, almeno in parte, l autoselezione dei partecipanti al test. Poiché l evidenza disponibile sembra indicare che l autoselezione tenda ad eliminare soprattutto gli studenti peggiori (autoselezione positiva), una parte dell effetto fisso sarebbe quindi da attribuire alla maggiore qualità media degli studenti partecipanti al TECO nei gruppi di laurea o negli Atenei caratterizzati da un minore tasso di partecipazione al test.

3 Contents 1 Introduzione 1 2 Il TECO Struttura del test Requisiti di ammissione Modalità di svolgimento Valutazione del test Caratteristiche degli studenti idonei Informazione disponibile Statistiche descrittive Caratteristiche degli idonei preiscritti Informazione disponibile Statistiche descrittive Probabilità di preiscrizione Caratteristiche dei partecipanti Informazione disponibile Statistiche descrittive Probabilità di partecipazione Confronto tra idonei, preiscritti e partecipanti Risultati del test Statistiche descrittive Analisi di regressione Problemi di autoselezione Regressione quantilica Conclusioni 32

4 1 Introduzione Il Test sulle Competenze (TECO) è un test nazionale sviluppato dal Council for Aid to Education (CAE) per conto dell Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR). Il suo scopo è quello di rilevare le competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani, in particolare le loro capacità di individuare le incoerenze logiche in un ragionamento, di analizzare e risolvere problemi mai affrontati in precedenza, e di comunicare efficacemente il proprio pensiero per iscritto. La prima sperimentazione del test è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei italiani, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese (Nord, Centro, e Sud-Isole), e ha riguardato quasi 22 mila laureandi delle lauree triennali e a ciclo unico, cioè gli studenti del terzo e quarto anno delle lauree triennali e a ciclo unico in regola con i crediti formativi universitari (CFU) di base e caratterizzanti, di cui poco più di 9 mila si sono iscritti al test, e poco meno di 6 mila lo hanno effettivamente sostenuto tra il maggio e il luglio Questo rapporto presenta un primo esame della mole di informazione raccolta in occasione della sperimentazione del test. Il rapporto è organizzato come segue. La sezione 2 descrive brevemente il test. La sezione 3 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei al test. La sezione 4 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei che si sono preiscritti al test. La sezione 5 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei che hanno partecipato al test. La sezione 6 presenta un analisi dei risultati del test. Infine, la sezione 7 riassume e conclude. 2 Il TECO Questa sezione si limita a offrire una breve descrizione del TECO, rinviando a Kostoris Padoa Schioppa (2012) per le motivazioni del test e al rapporto ANVUR (ANVUR 2014) per le principali caratteristiche degli Atenei partecipanti e per maggiori dettagli sul test. Il test è un adattamento all Italia della versione più recente del Collegiate Learning Assessment (CLA), un test inizialmente sviluppato dal CAE per le università americane. Il test mira a valutare le effettive capacità degli studenti in materia di ragionamento analitico, soluzione di problemi e comunicazione scritta, indipendentemente dai loro percorsi accademici. Tali competenze non solo sono necessarie per il successo negli studi universitari, ma sono importanti anche per il successo nel 1

5 lavoro e in altri aspetti della vita extrauniversitaria. Per rispondere bene al test non sono necessarie conoscenze specifiche in alcun ramo particolare. La prima sperimentazione del TECO è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei italiani slezionati dall ANVUR tra i 30 che si erano autoproposti. Gli Atenei selezionati per la sperimentazione, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese (Nord, Centro, e Sud-Isole), sono: Milano, Padova, Piemonte Orientale e Udine per il Nord; Bologna, Firenze, Roma La Sapienza e Roma Tor Vergata per il Centro; e Cagliari, Messina, Napoli Federico II e Salento per il Sud-Isole. Se si escludono La Sapienza e Tor Vergata, entrambi nel Lazio, gli altri 10 Atenei si trovano ciascuno in una regione diversa. Per ciascun Ateneo partecipante, l ANVUR ha raccolto una notevole mole di informazione riguardante gli studenti e i laureandi (numero di studenti a tempo pieno e a tempo parziale, numero di studenti italiani e non, tasso di laurea, tasso di abbandono, quota di studenti lavoratori, quota di studenti fuori corso, tempo medio per il conseguimento del titolo, ecc.), l offerta didattica (corsi di laurea offerti in lingua italiana e non, numero di insegnamenti offerti in lingua italiana e non, ecc.), il personale docente (numero di docenti a tempo pieno e a tempo parziale, numero di docenti italiani e stranieri, composizione dei docenti per area scientifica, età, nazionalità, ecc.), la qualità della sua ricerca, misurata dalla Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) , il grado di eccellenza scientifica dei singoli docenti valutati per l Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN), e un insieme di variabili ambientali (tasso di occupazione per classe di età, tasso di crescita del PIL regionale, ecc.). 2.1 Struttura del test Il CAE ha predisposto la versione in lingua inglese del test e un gruppo internazionale di esperti ne ha curato la traduzione e l adattamento al caso italiano. Rispetto alla versione per il mondo universitario americano, quella italiana contiene meno domande e richiede meno tempo per essere completata. Il test è anonimo, si svolge interamente on-line in ambiente sorvegliato, e consiste di due moduli somministrati separatamente: il modulo PT (Performance Task o Prova di Prestazione) e il modulo SRQ (Selected Response-Questions o Prova a Risposta Multipla). Il modulo PT mira a valutare le competenze dei laureandi in materia di pensiero critico e comunicazione scritta. Questo modulo consiste di una domanda aperta a cui è allegato un fascicolo documentale e richiede di articolare una risposta scritta che viene valutata indipendentemente da due esaminatori (scorer) diversi con riferimento a tre ambiti distinti: analisi e soluzione dei 2

6 problemi (Analysis and Problem Solving o APS), efficacia di scrittura (Writing Effectiveness o WE), e tecnica di scrittura (Writing Mechanics o WM). Il primo ambito riguarda la capacità dello studente di prendere in considerazione e soppesare informazioni di varia provenienza per trarre una decisione o conclusione logica e corroborarla con un esame coerente delle informazioni fornite. Il secondo ambito riguarda la capacità dello studente di presentare per iscritto argomentazioni logiche e coerenti. Il terzo ambito riguarda la dimestichezza dello studente con le regole basilari dell italiano e il suo controllo della lingua. Ciascun ambito riceve un punteggio da 0 a 6. Il punteggio minimo nel modulo PT è quindi 0, quello massimo 18. Per assicurare coerenza dei punteggi attribuiti da esaminatori diversi è stato predisposto un apposito manuale per l attribuzione dei punteggi. Il modulo SRQ consiste di 20 domande (items) a risposta multipla, ciascuna con 4 risposte possibili, ed è più corto del corrispondente modulo nella versione americana che contiene invece 25 domande. Ciascuna domanda riceve punteggio 0 se la risposta è errata o mancante, punteggio 1 se la risposta è corretta. Il punteggio minimo nel modulo SRQ è quindi 0, quello massimo 20. Il modulo è suddiviso in tre parti che intendono misurare tre diversi aspetti delle competenze generaliste: la parte CRE (Critical Reading) consiste di 8 domande e intende misurare la capacità di lettura critica, la parte CA (Critique an Argument) consiste di 5 domande e intende misurare la capacità di criticare un ragionamento, mentre la parte SRQ (Scientific and Quantitative Reasoning) consiste di 7 domande e intende misurare la capacità di ragionamento scientifico e quantitativo. Il TECO ha una durata complessiva di 90 minuti, di cui 60 per il modulo PT e 30 per il modulo SRQ. 2.2 Requisiti di ammissione Gli studenti idonei (ammissibili) al TECO sono, al netto di quelli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie (infermieristica, ostetricia, ecc.): per i corsi di laurea triennale, gli iscritti al terzo anno in possesso (all 1/4/2013) di tutti i crediti formativi universitari (CFU) di base e caratterizzanti del loro corso di studio, ad eccezione di quelli offerti nel secondo semestre 2013, e gli iscritti al quarto anno (primo fuori corso) in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del loro corso di studio; per i corsi di laurea a ciclo unico, gli iscritti al terzo o quarto anno (all 1/4/2013), che abbiano superato almeno 120 CFU di base e caratterizzanti previsti dal loro corso di studio. 3

7 Gli studenti che hanno sostenuto il test ricevono un attestato di partecipazione, redatto secondo uno schema concordato tra gli Atenei. Gli studenti possono inoltre ottenere dall ANVUR, su richiesta individuale, un certificato con l esito della prova. Non sono previste altre forme di incentivo alla partecipazione. 2.3 Modalità di svolgimento Il test si è svolto tra il maggio e il luglio 2013, nel periodo compreso tra la fine dei corsi e l inizio delle sessioni di laurea. Il vantaggio di questa scelta è che lo svolgimento del test non interferisce con l attività didattica. Lo svantaggio è che il periodo di svolgimento del test corrisponde con quello di preparazione degli esami durante il quale la presenza in Ateneo tende ad essere ridotta, specie nel caso degli studenti fuori-sede. Le date, gli orari e il numero delle sessioni TECO differiscono da un Ateneo all altro. Per esempio, a Bologna le sessioni del test si sono tenute tra il 15 e il 26 maggio, alla Sapienza tra il 20 maggio e il 20 giugno Sebbene le date e gli orari di svolgimento del test, e le modalità adottate per favorire la preiscrizione e la partecipazione al test, non abbiano alcun effetto sulle caratteristiche degli studenti idonei, esse potrebbero però aver influenzato le caratteristiche degli studenti preiscritti e di quelli effettivamente partecipanti al test. 2.4 Valutazione del test Le procedure di correzione e valutazione (scoring) dei test svolti dagli studenti sono le seguenti: l ANVUR ha proceduto a individuare due country lead scorer, il CAE ha addestrato i due country lead scorer attraverso una serie di sessioni svoltesi tra aprile e giugno 2013 sia on-line sia on-site a Roma, ciascun Ateneo partecipante ha individuato un suo lead scorer, i 12 lead scorer sono stati addestrati dal CAE a Roma e hanno a loro volta addestrato tutti i valutatori (scorer) selezionati dagli Atenei partecipanti (circa 110 in totale), la valutazione delle risposte aperte dei test è stata effettuata dai valutatori italiani con un metodo double-blind, mentre il CAE ha proceduto alla correzione delle risposte chiuse dei test ricevute in forma anonima. 4

8 Un campione causale pari al 20% delle risposte aperte è stato successivamente corretto da un gruppo di esperti dll Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione (INVALSI) che ha riscontrato una sostanzialemnte correttezza delle valutazioni rinvenendo solo tre outliers tra i 110 scorer selezionati. Il punteggio di uno studente nel modulo PT è la somma delle valutazioni separate nei tre diversi ambiti: APS (Analysis and Problem Solving), WE (Writing Effectiveness), e WM (Writing Mechanics). Il punteggio dello studente nel modulo SRQ è invece la somma del numero di risposte esatte nelle sue tre parti: CA (Critique an Argument), CRE (Critical Reading) e SRQ (Scientific and Quantitative Reasoning). Il punteggio totale dello studente è infine calcolato come media aritmetica di opportune trasformazioni lineari dei punteggi nei moduli PT e SRQ (vedi sezione 6.1). 3 Caratteristiche degli studenti idonei Dopo una breve discussione delle modalità di svolgimento del test, questa sezione esamina le principali caratteristiche degli studenti idonei al TECO. Ricordiamo che gli studenti idonei sono, al netto di quelli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie: per i corsi di laurea triennale, gli iscritti al terzo anno in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del proprio corso di studio, ad eccezione di quelli offerti nel secondo semestre 2013, e gli iscritti al quarto anno (primo fuori corso) in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del loro corso di studio; per i corsi di laurea a ciclo unico, gli iscritti al terzo o quarto anno che (all 1/4/2013) abbiano superato almeno 120 CFU di base e caratterizzanti previsti dal loro corso di studio. Complessivamente, gli studenti idonei al TECO nei 12 Atenei sottoposti alla sperimentazione sono risultati essere , a fronte di circa 86 mila studenti non idonei del terzo e quarto anno (al netto degli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie). 3.1 Informazione disponibile L informazione trasmessa dagli Atenei circa gli studenti idonei comprende il nome e cognome, la data e il comune di nascita, il genere, la cittadinanza, l Ateneo, il corso e la classe di laurea di appartenenza, e il comune di residenza alla prima immatricolazione. 5

9 Data la numerosità dei corsi di laurea esistenti, e la variabilità delle loro denominazioni, ho ritenuto opportuno adottare la classe di laurea come unità di osservazione poiché questo consente la comparabilità inter-ateneo delle analisi. Le 64 classi di laurea ministeriali sono tuttavia ancora troppe. Con l aiuto di Fiorella Kostoris, le ho quindi ricondotte a una classificazione in 25 gruppi di lauree: Agro-alimentare, Architettura, Arte, Beni culturali, Biologia, Chimica, Comunicazione, Economia, Farmacia, Filosofia, Formazione, Geografia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere, Lingue, Matematica, Fisica e Statistica (MatFisStat), Medicina, Odontoiatria, Politico, Psicologia, Sociale, Storia, Territorio e Veterinaria. In alcuni casi, ho anche fatto ricorso alla classificazione MIUR in 4 macro-aree disciplinari: la macro-area Sanitaria (comprendente i gruppi di lauree Farmacia, Medicina, Odontoiatria e Veterinaria), la macro-area Scientifica (comprendente i gruppi di lauree Agro-alimentare, Architettura, Biologia, Chimica, Ingegneria, Matematica Fisica e Statistica, Territorio, e alcune lauree del gruppo Beni culturali), la macro-area Sociale (comprendente i gruppi di lauree Comunicazione, Economia, Formazione, Geografia, Giurisprudenza, Politico, Psicologia e Sociale), e la macro-area Umanistica (comprendente i gruppi di lauree Arte, Filosofia, Formazione, Geografia, Lettere, Lingue, Storia, e gran parte delle lauree del gruppo Beni culturali). Questa classificazione ha però lo svantaggio di essere eccessivamente aggregata, con un elevato grado di eterogeneità all interno di ciascuna area, e di includere lauree dello stesso gruppo in macro-aree diverse. Per esempio alcune lauree del gruppo Beni culturali sono incluse nella macro-area Scientifica e altre in quella Umanistica, mentre alcune lauree dei gruppi Geografia e Formazione sono incluse nella macro-area Sociale e altre in quella Umanistica. È stato inoltre possibile ottenere informazioni relative all anno e al voto di diploma di scuola media superiore, al tipo di istituto frequentata e alla provincia sede dell istituto, e alla condizione di studente lavoratore. Tali informazioni sono ricavate dall Anagrafe nazionale degli Studenti (ANS), gestita dal CINECA sulla base dei dati trasmessi dagli Atenei. L anno accademico di riferimento considerato è il 2011/2012, con l anno solare 2012 per le analisi inerenti i crediti ottenuti o comunque per tutte le situazioni correlate allo svolgimento della carriera universitaria. È importante notare che l attendibilità di questi dati dipende dalla correttezza dei dati trasmessi dai singoli Atenei. Occorre inoltre notare che alcune delle informazioni raccolte attraverso l ANS potrebbero in realtà essere fornite direttamente dagli Atenei in fase di invio dei dati relativi agli studenti idonei. Le informazioni relative agli studenti non idonei potrebbero anch esse essere trasmesse attraverso la piattaforma dedicata agli Atenei secondo uno standard concordato, in modo da disporre di informazioni certe 6

10 a una precisa data. In una eventuale nuova edizione del TECO, potrebbe quindi essere opportuno definire anticipatamente uno standard completo per facilitare le operazioni di raccolta dati, sia per gli studenti idonei che per quelli non idonei. 3.2 Statistiche descrittive La tabella 1 mostra il numero di idonei per Ateneo e genere. Oltre un quarto degli idonei (5.808) risulta iscritto alla Sapienza, tra 2 e 3 mila ciascuno a Bologna (2.645), Firenze (2.457), Milano (2.574), Napoli (2.976) e Padova (1.918), poco più di mille a Tor Vergata (1.080), e intorno ai 500 ciascuno negli altri cinque Atenei (Cagliari, Salento, Messina, Piemonte Orientale e Udine). Le femmine sono e rappresentano mediamente oltre il 60% degli idonei (61,6%). La percentuale di femmine varia però molto tra gli Atenei, con un minimo del 52,7% per Tor Vergata e un massimo di circa il 70% per Salento (69,4%) e Piemonte Orientale (70.0%). La tabella 2 mostra il numero di idonei per gruppo di lauree e genere. Oltre il 60% degli idonei si concentra in otto gruppi di lauree: Giurisprudenza (19,8%), Medicina (9,6%), Economia (6,2%), Ingegneria (5,6%), Lingue (5,4%), Architettura (5,2%), Farmacia e Psicologia (entrambe con il 5,1% degli idonei). La distribuzione degli idonei tra i diversi gruppi di lauree si differenzia però in modo significativo a seconda del genere degli studenti. La percentuale di idonei appartenenti alla macro-area Scientifica è quasi doppia per i maschi (36,6%) rispetto alle femmine (19,4%), mentre la percentuale di idonei nella macro-area Umanistica è più che doppia per le femmine (22,2%) rispetto ai maschi (10,8%). Se si considera la disaggregazione per gruppo di lauree, il numero di femmine è 24 volte quello dei maschi nel gruppo Formazione (414 contro 17), quasi cinque volte nel gruppo Psicologia (922 contro 186) e nel gruppo Sociale (306 contro 62), oltre quattro volte nel gruppo Beni culturali (419 contro 104), e oltre tre volte nel gruppo Lettere (517 contro 164). Al contrario, il numero di maschi è due volte e mezzo quello delle femmine nel gruppo Ingegneria (873 contro 346) e oltre due volte nel gruppo Matematica Fisica (578 contro 251). La distribuzione degli idonei tra i diversi gruppi di lauree si differenzia inoltre a seconda dell area territoriale dell Ateneo (tabella 3). La percentuale di idonei appartenenti alla macro-area Sanitaria è infatti relativamente più elevata nel Nord (22,8%), quella di idonei appartenenti alle macro-aree Scientifica e Umanistica è relativamente più elevata nel Centro (31,6 e 19,0% rispettivamente), e quella degli idonei appartenenti alla macro-area Sociale è relativamente più elevata nel Sud-Isole (45,5%). Per quanto riguarda quest ultima macro-area, le differenze tra le aree territoriali sono da attribuire soprattutto al gruppo Giurisprudenza che rappresenta il 31,5% degli idonei nel Sud-Isole, 7

11 il 25,2% nel Nord e solo il 12,9% nel Centro (tabella 4). La tabella 5 mostra, separatamente per Ateneo, l età media degli idonei, la percentuale degli idonei nati tra il 1988 e il 1991, e quella degli idonei nati tra il 1990 e il L età media degli idonei è di 23,6 anni, leggermente inferiore per le femmine (23,5 anni) rispetto ai maschi (23,9 anni). Questa elevata età media è il risultato del fatto che solo il 34,6% degli idonei ha meno di 23 anni, il 42,9% ha 23 anni, mentre il rimanente 22,5% ha più di 23 anni. Gli Atenei dove l età media degli idonei è maggiore sono Cagliari (24,8) e Piemonte Orientale (25,3 anni), quelli dove è minore sono Napoli (23,1 anni) e Firenze (23,3 anni). La differenza tra l età media degli idonei a Napoli e Piemonte Orientale è quindi di oltre 2 anni. L 89,1% degli idonei è nato tra il 1988 e il 1991, e il 75% ǹato tra il 1990 e il Queste percentuali variano anch esse in misura significativa tra gli Atenei. In particolare, la percentuale degli idonei nati tra il 1990 e il 1991 è superiore all 80% per Salento (80,2%), Milano (80,6%) e Udine (83,3%), ed è inferiore al 70% per Messina (64,2%), Cagliari (66,5%), Piemonte Orientale (68,6%) e La Sapienza (69,7%). La tabella 6 mostra l età media al conseguimento del diploma di scuola media superiore e l anzianità media dal diploma, misurata dalla differenza tra l età al momento del test (pari alla differenza tra 2013 e l anno di nascita) e l età al conseguimento del diploma (pari alla differenza tra l anno di conseguimento del diploma e l anno di nascita). L età media al conseguimento del diploma è di 18,9 anni. Le differenze tra Atenei sono piccole, ad eccezione di Napoli dove l età media al conseguimento del diploma è straordinariamente bassa (solo 17.8 anni!). L anzianità media dal diploma è di ben 4,7 anni, in notevole contrasto con la durata nominale (3 anni) di gran parte dei corsi di studio. L elevata anzianità media dal diploma riflette il fatto che solo il 28,4% degli idonei (6.178) ha conseguito il diploma meno di quattro anni prima, il 43,8% (9.544) lo ha conseguito quattro anni prima, e il restante 27,8% più di quattro anni prima. Gli Atenei dove l anzianità media è maggiore sono Cagliari (5,6 anni) e Piemonte Orientale (5,9 anni), quelli dove è minore sono Firenze e Udine (4.2 anni). L anzianità media dal diploma è leggermente più elevata per i maschi (4.9 anni) che per le femmine (4,6 anni), sebbene l età media al conseguimento del diploma sia sostanzialmente la stessa per maschi e femmine (19,9 anni). La tabella 7 mostra il voto medio di diploma (espresso in centesimi) per Ateneo e genere. Per calcolare il voto medio, ho convertito il punteggio di 100 e lode in 110/100. Il voto medio è pari a 82,1, ed è più alto per le femmine (82,8) che per i maschi (80,9). Il voto medio è sensibilmente superiore alla media per i gruppi Odontoiatria (85,0), Ingegneria (85,4) e Medicina (88,7), e sensibilmente inferiore alla media per i gruppi Arte (75,3), Comunicazione (76,8) e Formazione 8

12 (77,2). La tabella 8 mostra il voto medio di diploma per Ateneo e genere. Colpisce il voto sensibilmente inferiore alla media per La Sapienza (75,6), e quello molto superiore alla media per tutti gli Atenei del Sud-Isole (86,2 per Cagliari, 86,4 per Salento, 86,6 per Napoli, e addirittura 87,2 per Messina). La tabella 9 mostra, per ciascun Ateneo, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma e genere. Ho riclassificato i tipi di scuola media superiore in 6 categorie: istituto professionale, istituto tecnico, liceo classico, liceo scientifico, altro liceo, e altro istituto (quest ultimo un insieme eterogeno che comprende una varietà di istituti, quali conservatoro di musica, istituto d arte e scuola magistrale). Complessivamente, due terzi degli idonei proviene dal liceo scientifico o classico (il 40,4% dal liceo scientifico e il 25,7% dal liceo classico), il 13,9% da un istituto tecnico o professionale, l 8,1% da un altro liceo, il 6,1% da un altro istituto, mentre per il 5,7% non si conosce il tipo di diploma di scuola media superiore. Mentre tra i maschi è più comune la frequenza di un istituto tecnico/professionale (18,9%) o del liceo scientifico (47,3%), tra le femmine è più comune la frequenza del liceo classico (29,6%) o di un altro liceo (10,9%). In questi due tipi di liceo, e negli altri istituti, la presenza femminile è predominante. Come al solito, la distribuzione tra i vari tipi di diploma varia considerevolmente per gruppo di lauree e per Ateneo. La tabella 10 mostra, per ciascun gruppo di lauree, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma. Come atteso, ciascun gruppo di lauree tende ad attrarre studenti provenienti da tipi diversi di scuola media superiore. La maturità scientifica è molto più frequente nei gruppi Matematica Fisica (56,2%), Odontoiatria (58,6%) e Ingegneria (66,3%), quella classica nei gruppi Beni culturali (39,2%), Filosofia (41%), Giurisprudenza (42,6%) e Lettere (48,8%), quella da un altro liceo nei gruppi Sociale (19%), Lingue (19,3%) e Formazione (37,1%), mentre un diploma di istituto tecnico o professionale è molto più frequente nei gruppi Economia (31.2%), Agro-alimentare (41,3%) e Geografia (45,6%). La tabella 11 mostra, per ciascun Ateneo, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma. Gli Atenei dove la percentuale di studenti provenienti dal liceo scientifico è maggiore sono Bologna (45,9%) e Tor Vergata (47%), quelli dove è minore sono Salento (28,8%) e Piemonte Orientale (32,4%). Gli Atenei dove la percentuale di studenti provenienti dal liceo classico è maggiore sono Messina (31,6%) e Napoli (32,5%), quelli dove è minore sono Udine (13%) e Piemonte Orientale (16,8%). Infine, gli Atenei dove maggiore è la percentuale di studenti provenienti da un istituto tecnico o professionale sono Udine (27,5%) e Piemonte Orientale (27,9%), quelli dove è minore sono 9

13 La Sapienza (8,8%) e Napoli (10,9%). La tabella 12 mostra la distribuzione degli idonei secondo la distanza tra il comune di residenza alla prima immatricolazione e quello sede dell Ateneo di appartenenza. Ho classificato gli idonei in quattro categorie: comune di residenza uguale a quello dell Ateneo di appartenenza, comune di residenza diverso da quello dell Ateneo ma stessa provincia, provincia di residenza diversa da quella dell Ateneo ma stessa regione, e regione di residenza diversa da quella dell Ateneo. Questa classificazione ha il vantaggio di basarsi su dati amministrativi, meno soggetti ad errore delle risposte individuali, e di essere disponibile per tutti gli studenti, anche quelli che non si sono preiscritti al test. In media, il 27,4% degli idonei risiede nello stesso comune dell Ateneo (dist0), il 24,4% nella stessa provincia ma non nello stesso comune (dist1), il 29,3% nella stessa regione ma non nella stessa provincia (dist2), e solo il 18,9% al di fuori della regione sede dell Ateneo (dist3). Il peso relativo delle quattro categorie varia però notevolmente tra gli Atenei. Padova e Bologna sono quelli con il maggior bacino extra-provinciale, dove cioè più elevata è la frazione di studenti residenti fuori provincia o addirittura fuori regione (69,9% e 71,8% rispettivamente), mentre Cagliari e Napoli sono quelli con il minor bacino extra-provinciale (22,8% e 25,6% rispettivamente). La tabella 13 mostra la frazione degli idonei che a casa non parla l italiano, separatamente per Ateneo e genere. Tale frazione è pari al 3,1% ed è quindi molto bassa. Essa è leggermente più bassa per le femmine (2,9%) che per i maschi (3,3%), e mostra comunque una certa variabilità tra gli Atenei, con minimi dell 1,4% per Bologna e dell 1,6% per Cagliari, e massimi del 5,1% per La Sapienza e del 6,7% per Udine. La tabella 14 mostra la distribuzione degli idonei per Ateneo e tipo di partecipazione al TECO, e cioè non preiscritto e che quindi non ha partecipato (N), preiscritto ma che non è venuto (PRN), preiscritto che è venuto e il cui test è valido(prv), e preiscritto che è venuto ma il cui test è stato annullato poiché il voto nel modulo PT è stato inferiore a 3 (PRVA). Il 58,1% degli idonei non si è preiscritto, il 15% si è iscritto ma non è venuto al test, il 26,8% si è preiscritto ed è venuto al test, e lo 0,2% è venuto ma ha avuto il test annullato. Di nuovo, le differenze tra gruppi di lauree sono notevoli. I gruppi di lauree dove è minore la percentuale di non preiscritti sono MatFisStat (36,9%), Ingegneria (43,4%) e Chimica (43,5%), quelli dove è maggiore sono Lingue (65,6%) e Giurisprudenza (67,9%). La tabella 15 mostra la distribuzione degli idonei per gruppo di lauree e tipo di partecipazione al TECO. Gli Atenei dove è minore la percentuale di non preiscritti sono Piemonte Orientale (25,1%) 10

14 e Udine (29%), quelli dove è maggiore sono Tor Vergata (71,2%) e Bologna (80,7%). Si noti che il campo di variabilità tra Atenei (pari a circa 55 punti percentuali) è molto maggiore di quello tra gruppi di lauree (pari a 31 punti percentuali). 4 Caratteristiche degli idonei preiscritti Questa sezione descrive le principali caratteristiche dei studenti idonei che si sono preiscritti al test. Ignorerò invece i studenti idonei che non si sono preiscritti e quindi non hanno partecipato al test, e i 213 studenti non idonei (non aventi diritto) ma appartementi al terzo e quarto anno (al netto delle professioni sanitarie) che si sono preiscritti al test a causa della mancanza di un filtro al momento della preiscrizione. Si noti che, per la stessa ragione, altri studenti si sono preiscritti senza nemmeno appartenere al terzo e quarto anno (al netto delle professioni sanitarie). 4.1 Informazione disponibile In aggiunta all informazione disponibile per gli idonei, quella fornita direttamente dagli studenti al momento della preiscrizione comprende la lingua parlata in casa (se diversa dall italiano), se fuori sede (cioè con residenza anagrafica diversa da quella della didattica a una distanza superiore ai 20 km), il tempo medio (in minuti) impiegato giornalmente per raggiungere il luogo delle lezioni partendo dal luogo di residenza abituale, se studente lavoratore (con impegno/impiego remunerato, anche precario ma sistematico), la numerosità del nucleo familiare, il numero di fratelli all università o che svolgono studi superiori, l attitudine allo spostamento (la risposta è sì se lo studente ha effettuato più di due viaggi all anno fuori regione o all estero), il numero medio annuo di viaggi fuori regione durante gli studi universitari, il numero medio annuo di viaggi all estero durante gli studi universitari, il numero di corsi di studio universitario frequentati e superati in lingua non italiana in Italia, il numero di corsi di studio universitario frequentati e superati in lingua non italiana all estero, e il numero di periodi di studio passati all estero superiori a due mesi per Erasmus o altro programma di studio. Purtroppo, parte di questa informazione non è disponibile per gli studenti di Bologna e Padova. Inoltre, l informazione circa alcune di queste variabili, in particolare il tempo medio impiegato giornalmente per raggiungere il luogo delle lezioni, risulta essere talvolta di scarsa qualità, con frazioni elevate di valori anomali, specialmente per alcuni Atenei, e non verrà quindi utilizzata. Tramite l ANS, per i preiscritti è stato infine possibile ottenere informazione relativa alla media dei voti, al numero di esami sostenuti e al numero di CFU nel corso di studi universitario. 11

15 4.2 Statistiche descrittive La tabella 16 mostra il numero di preiscritti e il tasso di preiscrizione (percentuale degli idonei preiscritti sugli idonei) per gruppo di lauree. Complessivamente, i preiscritti rappresentano il 41,8% degli idonei, con differenze molto piccole tra femmine e maschi (41,6% contro 46,4%). I tassi di preiscrizione variano però molto a seconda del gruppo di lauree, con minimi del 32.1% e del 34,4% rispettivamente per i gruppi Giurisprudenza e Lingue, e massimi del 56,6% e del 63,1% rispettivamente per i gruppi gruppi Ingegneria e MatFisStat. La tabella 17 mostra invece il numero di preiscritti e il tasso di preiscrizione per Ateneo. La variabilità del tasso di preiscrizione è molto maggiore tra Atenei che tra gruppi di lauree, con minimi del 19,3% per Bologna e del 28,8% per Tor Vergata, e massimi del 71% per Udine e del 74,9% per Piemonte Orientale. La tabella 18 mostra la percentuale di preiscritti che lavora, separatamente per Ateneo e genere. Occorre tenere conto che questa informazione è mancante per l 80,6% degli studenti di Bologna e il 65,8% degli studenti di Padova. Tra i preiscritti per i quali l informazione è disponibile, la percentuale di studenti lavoratori è pari al 14,1%, ma risulta più elevata per le femmine (14,4%) che per i maschi (13,6%). Vi sono poi notevoli differenze tra gli Atenei, con minimi dell 7,7% per Messina e del 9,7% per Firenze, e un massimo del 23,3% per Milano. La tabella 19 mostra la media dei voti (in trentesimi) dei preiscritti per macro-area disciplinare, separatamente per genere. Le femmine tendono a presentare una media dei voti leggermente più elevata rispetto ai maschi (26,7 contro 26,4). La tabella evidenzia anche una tendenza all inflazione dei voti (grade inflation) per la macro-area Umanistica dove la media dei voti è pari a 27,7 contro una media di 26,4 per le altre tre macro-aree. La tabella 20 mostra la media dei voti dei preiscritti per gruppo di lauree, separatamente per genere. La differenza a favore delle femmine è più marcata per i gruppi Veterinaria (27,2 per le femmine contro 26,6 per i maschi), Odontoiatria (28,2 per le femmine contro 27,4 per i maschi) e Psicologia (26,8 per le femmine contro 25,8 per i maschi). È però vero l opposto per il gruppo MatFisStat (26.1 per le femmine contro 26.6 per i maschi) e il gruppo Lingue (26.9 per le femmine contro 27.6 per i maschi). L analisi separata per gruppo di lauree evidenzia come la tendenza all inflazione dei voti nella macro-area Umanistica sia largamente da attribuire ai gruppi Lettere (28,0), storia (28,4) e Filosofia (28,7). La tabella 21 mostra la media dei voti dei preiscritti per area territoriale dell Ateneo, separata- 12

16 mente per genere. Sia per le femmine sia per i maschi, la media dei voti è più elevata nel Sud-Isole (26,9) rispetto al Nord (26,5) e al Centro (26,6). La tabella 22 mostra la media dei voti dei preiscritti per Ateneo, separatamente per genere. La differenza a favore delle femmine è particolarmente marcata per Piemonte Orientale (26,3 per le femmine contro 25,5 per i maschi) mentre si osserva l opposto per Udine (25,9 per le femmine contro 26,3 per i maschi). 4.3 Probabilità di preiscrizione Per comprendere meglio quali fattori aiutino a spiegare le differenze osservate nel tasso di preiscrizione, ho proceduto a stimare modelli logit per la probabilità di preiscrizione tra gli idonei utilizzando i micro-dati a livello individuale. La mia specificazione di base include come covariate l età dello studente, l anzianità dal diploma di scuola media superiore, il voto di diploma, e una serie di indicatori binari per il genere femminile e il tipo di diploma (istituto tecnico o professionale, liceo classico, altro liceo, e altro istituto). Non ho incluso l indicatore per la lingua parlata perché gli idonei che a casa parlano una lingua diversa dall italiano risultano tutti preiscritti. Ho incluso invece indicatori binari per valori mancanti delle variabili anzianità dal diploma, voto di diploma e tipo di diploma. Alcune di queste covariate (come il genere e l età) sono pure variabili demografiche il cui effetto sulla probabilità di preiscrizione non è a priori chiaro. Altre (come il tipo di diploma, il voto di diploma e l anzianità dal diploma) catturano invece fattori connessi all abilità dello studente e alla sua motivazione per gli studi universitari. L intercetta (constant) della specificazione di base rappresenta il logaritmo del rapporto tra la probabilità di preiscrizione e quella di non preiscrizione (log-odds di preiscrizione) per un idoneo tipico, cioè uno studente di 23 anni, maschio, con anzianità di 4 anni dal diploma, diploma di maturità scientifica e voto di diploma pari a 80/100. Si noti che il log-odds di preiscrizione è positivo se la probabilità di preiscrizione è maggiore del 50%, e negativo altrimenti. Allo scopo di catturare il ruolo di fattori connessi al costo (reale o percepito) dell iscrizione al test, a queste covariate di base ho poi aggiunto, in una seconda specificazione, una serie di indicatori per la distanza del comune di residenza dalla sede dell Ateneo di appartenenza (comune di residenza diverso da quello dell Ateneo ma stessa provincia, provincia di residenza diversa da quella dell Ateneo ma stessa regione, e regione di residenza diversa da quella dell Ateneo). Infine, allo scopo di catturare il ruolo di fattori non misurabili specifici al gruppo di lauree o all Ateneo di apparteneza dello studente, a queste covariate di base ho ulteriormente aggiunto, in 13

17 due specificazioni successive, una serie di indicatori binari per il gruppo di lauree e l Ateneo di appartenenza. L esperienza del precedente Assessment of Higher Education Learning Outcomes (AHELO) ha infatti mostrato come il tasso di partecipazione al test dipenda largamente dalla capacità dei responsabili delle sedi e dei corsi di studio di informare gli studenti, di far capire loro i vantaggi del test e, magari, di entusiasmarli a un esperienza internazionale. La tabella 23 presenta i risultati delle stime di queste quattro specificazioni: la colonna iscr1 si riferisce alla specificazione che contiene solamente l intercetta e le covariate di base (età dello studente, anzianità dal diploma, voto di diploma, e una serie di indicatori binari per il genere e il tipo di diploma), la colonna iscr2 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate di base una serie di indicatori binari per la distanza del comune di residenza dalla sede dell Ateneo, la colonna iscr3 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate in iscr2 una serie di indicatori binari per il gruppo a cui appartiene il corso di laurea dello studente (il gruppo di lauree di riferimento è Giurisprudenza), e la colonna iscr3 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate in iscr2 una serie di indicatori binari per l Ateneo di appartenenza dello studente (l Ateneo di riferimento è La Sapienza). Il numero di asterischi a destra dei coefficienti stimati ne misura la significatività statistica. In particolare, nessun asterisco indica un valore-p maggiore di 0,10 (coefficiente non significativo al 10%), un asterisco indica un valore-p compreso tra 0,05 e 0,10 (coefficiente significativo al 10%), due asterischi indicano un valore-p compreso tra 0,01 e 0,05 (coefficiente significativo al 5%), e tre asterischi indicano un valore-p inferiore a 0,01 (coefficiente significativo all 1%). Gli errori standard su cui si basa questo sistema di asterischi sono robusti in presenza di eteroschedasticità di forma ignota. Le statistiche riportate nella parte inferiore della tabella sono la numerosità campionaria (N), il numero di parametri del modello inclusa l intercetta (k), la log-verosimiglianza massimizzata (ll), la log-verosimiglianza massimizzata del modello senza covariate (ll 0), lo pseudo R 2 come misura della bontà dell adattamento statistico (r2 p = 1 - ll/ll 0), la statistica del test χ 2 per la significatività congiunta delle covariate (chi2), e il Bayesian Information Criterion (bic) che tiene conto sia della bontà dell adattamento statistico sia della complessità (numero di parametri) del modello. Nella specificazione di base (colonna iscr1), le probabilità di preiscrizione non sembrano dipendere in modo statisticamente significativo dal genere e dall età dello studente, diminuiscono con l anzianità dal diploma e il voto di diploma, e sono più basse per studenti provenienti da istituti tecnici/professionali, dal liceo classico e, in particolare, da altri licei o da altri istituti. La bontà dell adattamento ai dati di questa specificazione, misurata dallo pseudo R 2, è però molto bassa 14

18 (meno dell 1%). Essa migliora leggermente, ma rimane bassa, se si inseriscono nel modello una serie di indicatori per la distanza dall Ateneo (colonna iscr2). La bontà dell adattamento migliora invece sostanzialmente, con lo pseudo R 2 che passa dallo 0,9 al 3,2%, quando si inseriscono nel modello gli indicatori per il gruppo di lauree (colonna iscr3). I coefficienti associati a questi indicatori (o effetti fissi ) forniscono una stima della differenza tra il log-odds di preiscrizione per un dato gruppo di lauree e quello per il gruppo di lauree di riferimento (cioè Giurisprudenza), tenendo fissi i valori di tutte le altre variabili utilizzate in questa specificazione. I risultati della stima di questa specificazione confermano come il gruppo Giurisprudenza si caratterizzi per un più basso tasso di preiscrizione rispetto a tutti gli altri gruppi di lauree, e in particolare rispetto a gruppi di lauree scientifiche come Chimica, Ingegneria e MatFisStat. Inserendo nel modello gli indicatori di Ateneo (colonna iscr3), la bontà dell adattamento migliora nettamente, con lo pseudo R 2 che passa dal 3,2% al 9,1%, a indicare il ruolo fondamentale svolto da fattori non misurati specifici di ciascun Ateneo. Si noti anche che, con l inserimento degli effetti fissi di Ateneo, perde di significatività l anzianità dal diploma, diventano significativi i coefficienti associati all età e al genere femminile (rispettivamente negativi e positivi), e cambia segno (da negativo a positivo) quello associato al voto di diploma. Gli effetti fissi di Ateneo forniscono una stima della differenza tra il log-odds di preiscrizione per un dato Ateneo e quello per l Ateneo di riferimento (cioè La Sapienza), tenendo fissi i valori di tutte le altre variabili utilizzate in questa specificazione. Il loro esame mostra che, a parità di tutte le altre condizioni, le probabilità di preiscrizione sono significativamente più basse per Napoli, Tor Vergata e soprattutto Bologna, e significativamente più alte per Udine e Piemonte Orientale, in linea con i risultati della tabella 17. Le differenze tra Atenei nei tassi di preiscrizione sono quindi da attribuire solo in minima parte a differenze nella composizione degli studenti per sesso, età, ecc., e solo in piccola parte a differenze nel mix di corsi di laurea. La conclusione generale che si può trarre da queste stime è che, sebbene alcune caratteristiche individuali degli studenti (in particolare la media dei voti nel corso di laurea) aiutino a spiegare le differenze nei tassi di preiscrizione, queste sono in gran parte da ricondurre a fattori specifici al corso di laurea e, soprattutto, all Ateneo di appartenenza dello studente. 15

19 5 Caratteristiche dei partecipanti Questa sezione descrive le principali caratteristiche dei studenti che sono effettivamente venuti al test (partecipanti al test). Di questi, hanno svolto il test, mentre 45 hanno avuto il test annullaro avendo conseguito nel modulo PT un voto inferiore a 3. Tra i partecipanti al test ho incluso 30 studenti non idonei che si sono preiscritti e che sono stati ammessi al test dai rispettivi Atenei. Ignoro invece i studenti idonei che si sono preiscritti al test ma che non si sono presentati a sostenerlo. 5.1 Informazione disponibile In aggiunta all informazione disponibile per tutti gli idonei, quella fornita dai partecipanti al test comprende il titolo di studio, la professione e il tipo di contratto di lavoro di entrambi i genitori, se lo studente ha frequentato in modo regolare i corsi di base e caratterizzanti previsti nel corso di studio, e se il suo corso di studi gli ha permesso di sviluppare competenze adeguate. Occorre notare che, per gli studenti partecipanti al test che non lo hanno completato, queste variabili sono comunque disponibili sebbene il test non risulti svolto. 5.2 Statistiche descrittive La tabella 24 mostra il numero di partecipanti al test e il tasso di partecipazione tra gli idonei (percentuale dei partecipanti sugli idonei) e tra i preiscritti (percentuale dei partecipanti sui preiscritti) separatamente per gruppo di lauree. Si noti che il tasso di partecipazione tra gli idonei è il prodotto del tasso di preiscrizione (già analizzato nella sezione 4) e il tasso di partecipazione tra i preiscritti. Distinguere tra queste due componenti può essere utile se si pensa che esse dipendano da fattori diversi. A fronte di idonei e preiscritti, solo studenti hanno partecipato al test. Il tasso di partecipazione tra gli idonei è dunque pari al 27%, più elevato per i maschi (28,6%) che per le femmine (25,9%). Oltre a essere molto basso, il tasso di partecipazione presenta anche una notevole variabilità tra gruppi di lauree. Esso tende infatti a essere relativamente elevato per i gruppi di laurea scientifici (con un massimo del 47,4% per il gruppo MatFisStat), molto basso per i gruppi Arte (15,5%), Psicologia (17,4%), Odontoiatria (18%) e Medicina (18,9%), e piuttosto misto per i gruppi della macro-area Sociale (si confronti per esempio il 20,3% del gruppo Giurisprudenza con il 34,6% del gruppo Economia). Il tasso di partecipazione tra i preiscritti è maggiore ed è pari al 64,3%. Anche in questo caso esso è più elevato per i maschi (67,4%) che per le femmine (62,3%), e presenta una notevole 16

20 variabilità tra gruppi di lauree. Il confronto dei dati nella tabella 16 con quelli nella tabella 24 non sembra indicare che bassi tassi di preiscrizione siano compensati da alti tassi di partecipazione tra i preiscritti. La tabella 25 mostra il numero di partecipanti al test e il tasso di partecipazione tra gli idonei separatamente per Ateneo. Il tasso di partecipazione presenta una notevole variabilità tra Atenei, con minimi del 13,9% e del 16,8% rispettivamente per Bologna e Tor Vergata, e massimi del 62,9% e del 64,3% rispettivamente per Piemonte Orientale e Udine, gli unici due Atenei ad aver raggiunto l obiettivo iniziale di portare al test un numero di laureandi non inferiore alla metà degli idonei. Il tasso di partecipazione tra i preiscritti è più elevato, con minimi del 49,2% per La Sapienza e del 58,4% per Tor Vergata, e massimi dell 83,9% per Padova, del 84% per Piemonte Orientale e addirittura del 90,6% per Udine. Di nuovo, il confronto dei dati nella tabella 17 con quelli nella tabella 25 non sembra indicare che bassi tassi di preiscrizione siano compensati da alti tassi di partecipazione tra i preiscritti. La tabella 26 mostra la distribuzione del titolo di studio dei genitori, laddove disponible, separatamente per Ateneo. L assenza di informazione circa il titolo di studio del padre o della madre segnala in realtà la mancanza di questo genitore. Ho riclassificato i titoli di studio nelle seguenti quattro categorie: licenza elementare o media ( Nessun diploma ), diploma di scuola media superiore ( Diploma ), laurea e post-laurea (corso di perfezionamento, diploma di specializzazione, master, o dottorato). In generale, la percentuale con laurea o post-laurea è leggermente più elevata tra i padri (31,1%) che tra le madri (30,4%). Essa è inoltre più elevata per gli Atenei del Centro e del Sud-Isole che per quelli del Nord (per le madri: 33,1% nel Centro, 30,3% nel Sud-Isole e 26,3% nel Nord, per i padri: 34,1% nel Centro, 30,8% nel Sud-Isole e 26,7% nel Nord). La tabella 27 mostra la distribuzione secondo il diploma dello studente condizionatamente al titolo di studio dei genitori, laddove disponibile. La tabella mostra chiaramente come la frazione di studenti con diploma di maturità classica o scientifica cresca al crescere del titolo di studio della madre e del padre, raggiungendo l 80% del totale tra gli studenti i cui genitori hanno un titolo post-laurea. La tabella 28 mostra la distribuzione secondo il diploma dello studente condizionatamente alla professione dei genitori (dirigente, impiegato, operaio, altro). I risultati sono simili a quelli della tabella 27, il che non sorprende data la forte associazione tra titolo di studio e professione. 17

Primi risultati dell identificazione delle determinanti universitarie e ambientali delle performance degli studenti *

Primi risultati dell identificazione delle determinanti universitarie e ambientali delle performance degli studenti * Primi risultati dell identificazione delle determinanti universitarie e ambientali delle performance degli studenti * Maggio, 2014 (versione preliminare) Giovanni di Bartolomeo, Sapienza - Università di

Dettagli

Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE PER L UNIVERSITA E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO

Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE PER L UNIVERSITA E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO Il profilo e gli esiti occupazionali dei laureati al Politecnico di Torino 1 Il profilo e gli esiti occupazionali dei laureati al Politecnico di Torino Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE

Dettagli

SPERIMENTAZIONE TECO

SPERIMENTAZIONE TECO SPERIMENTAZIONE Valutazione e diagnosi sugli esiti degli apprendimenti effettivi di carattere generalista dei laureandi nelle Università di Napoli Federico II, Lecce, Messina e Cagliari Roma, 11 marzo

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Orientamento Universitario

Orientamento Universitario 1 Orientamento Universitario Moduli di Orientamento Simulazioni e Test per l accesso alle Facoltà a numero chiuso Corsi di Preparazione ai Test di ammissione la chiave per il numero chiuso 2 Indice Orientamento

Dettagli

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA)

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Indice Popolazioni analizzate Lauree di 1 livello e magistrali a ciclo unico Il voto medio negli esami L incremento di voto

Dettagli

Cosa ci dicono le statistiche sull università

Cosa ci dicono le statistiche sull università Cosa ci dicono le statistiche sull università di Ruggero Paladini Una prima ricognizione sui dati dell Ufficio statistica del Ministero Università e Ricerca,che riguardano studenti, laureati, docenti di

Dettagli

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita,

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, UnidTest ha sviluppato Servizi e Strumenti di Orientamento pensati per studenti, scuole, università, enti pubblici e privati.

Dettagli

Per avviare la sperimentazione occorrono le seguenti procedure:

Per avviare la sperimentazione occorrono le seguenti procedure: PROTOCOLLO sulle procedure e gli atti necessari e conseguenti all avvio della sperimentazione del test di valutazione delle competenze generaliste dei laureandi italiani da svolgere entro il 31 dicembre

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti

Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti Dr. Ezio Casale Ordine medici e Odontoiatri- Chieti Accesso al corso di laurea in medicina e chirurgia L. 264 / 1999 M.I.U.R. a) Numero programmato Offerta formativa Fabbisogno regionale b) Prove di ammissione

Dettagli

Relazione su Le motivazioni a partecipare e i risultati negli Atenei meridionali. Riccardo Martina Università di Napoli Federico II

Relazione su Le motivazioni a partecipare e i risultati negli Atenei meridionali. Riccardo Martina Università di Napoli Federico II Convegno Anvur su Le competenze dei laureandi italiani nella sperimentazione Teco Roma 11 marzo 2014 Relazione su Le motivazioni a partecipare e i risultati negli Atenei meridionali Riccardo Martina Università

Dettagli

TEST TECO: COS E. Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani

TEST TECO: COS E. Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani TEST TECO: COS E Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani Le competenze trasversali sono caratterizzate dal fatto di non essere oggetto di uno specifico insegnamento

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Ufficio Statistica 8 OSSERVATORIO ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Coordinamento: Dott.ssa Rossella Salvi Rilevazione ed elaborazione dati: Nicola Loda Fonte:

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA 5 ISTRUZIONE In questo capitolo sono presentati i dati sull istruzione scolastica ed universitaria, i dati provengono dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, che ora accorpa il

Dettagli

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Le statistiche proposte si basano su due fonti di dati. Gli archivi della Segreteria didattica hanno

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI PREPARAZIONE PER I TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITARI. Relatore: prof. Catello Ingenito

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI PREPARAZIONE PER I TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITARI. Relatore: prof. Catello Ingenito Liceo Scientifico G. Salvemini Liceo Scientifico G. Salvemini PRESENTAZIONE DEL CORSO DI PREPARAZIONE PER I TEST DI AMMISSIONE UNIVERSITARI Relatore: prof. Catello Ingenito PANORAMICA SUI CORSI CHE PREVEDONO

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013

Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013 Statistiche Nazionali sull'ammissione a Medicina e Chirurgia 2012/2013 I valori sono ricavati dai dati pubblicati dal Miur (Ultima modifica 28/09/2012 ) L'edizione 2012 dell'ammissione a Medicina e Odontoiatria

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j ALLEGATO I Calcolo del costo standard ai fini del riparto FFO 2014 (DI 893/2014 e relative tabelle e note tecniche allegate) Ai fini del DI 893/2014 il concetto di studente in corso è riferito alla condizione

Dettagli

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO La tanto attesa e temuta classifica Censis relativa alla valutazione degli Atenei italiani è stata di recente pubblicata

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999

1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999 1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999 La popolazione complessiva osservata è quella dei 39.618 laureati appartenenti alle 18 università che hanno aderito al Progetto ALMALAUREA prima del 1999 che hanno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

PROFILO DEI LAUREATI 2002. Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi

PROFILO DEI LAUREATI 2002. Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi PROFILO DEI LAUREATI 2002 Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi Piemonte Orientale Università di Torino Politecnico di Torino Genova Milano IULM Parma Modena e Reggio Emilia Trento IUAV Udine

Dettagli

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011 Università degli Studi di Firenze Area Servizi Economici e Finanziari Ufficio Programmazione, Pianificazione Risorse Finanziarie e Controllo di Gestione a cura di Laura Bartolini La Ripartizione del Fondo

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

Le università del Friuli Venezia Giulia

Le università del Friuli Venezia Giulia Le università del Friuli Venezia Giulia a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna Direzione

Dettagli

TEST DI ACCESSO, FINALIZZATI ALLA VERIFICA DEI SAPERI MINIMI

TEST DI ACCESSO, FINALIZZATI ALLA VERIFICA DEI SAPERI MINIMI TEST DI ACCESSO, FINALIZZATI ALLA VERIFICA DEI SAPERI MINIMI Numerosi Atenei prevedono la somministrazione di test d'ingresso obbligatori, a cui spesso si dà il nome di TEST DI ACCESSO. Essi hanno l'obiettivo

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

La rilevazione dei giudizi degli studenti via internet

La rilevazione dei giudizi degli studenti via internet La rilevazione dei giudizi degli studenti via internet Michele Lalla NUCLEO DI VALUTAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA 1. RILEVAZIONE VIA CARTACEA La rilevazione dei giudizi degli

Dettagli

I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.)

I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.) I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.) Quanti giovani pratesi si iscrivono all università, e con quali risultati? Come si differenziano i percorsi di

Dettagli

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità (Anno Accademico 2010-2011) 2 Indice 1. Obiettivi del

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Nota Mastrillo. Alcuni dati sono stati elaborati da Angelo Mastrillo (mastrillo@aitn.it)

Nota Mastrillo. Alcuni dati sono stati elaborati da Angelo Mastrillo (mastrillo@aitn.it) Introduzione L'edizione 2011 dell'ammissione a Medicina e Odontoiatria ha visto alcune novità che hanno ripercussione su queste statistiche e sui raffronti storici. Le principali sono le seguenti: 1. Unica

Dettagli

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1

LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Università Ricerca AFAM Numero 10 LA FORMAZIONE POST-LAUREA 1 Gli studenti che dopo aver conseguito la laurea proseguono nella loro formazione sono in costante crescita e si aggirano attualmente intorno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

L insegnamento a distanza: caratteristiche

L insegnamento a distanza: caratteristiche L insegnamento a distanza: caratteristiche Alessio Ancaiani «La didattica universitaria in Italia. Una prima ricognizione» Roma 18 marzo 2016 AGENDA L insegnamento a distanza nelle Università: uno sguardo

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Stefano Bertocchi Docente Alpha Test. Guida ai test d ammissione

Stefano Bertocchi Docente Alpha Test. Guida ai test d ammissione Stefano Bertocchi Docente Alpha Test Guida ai test d ammissione Questa guida contiene alcune informazioni sui test di ammissione ai Corsi di Laurea a numero programmato e risponde a domande quali: Chi

Dettagli

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per la Didattica e le Attività Post Lauream SENATO DEL 28/09/2009 I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari

Dettagli

Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007

Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007 Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007 Indice 1. La popolazione dei laureati 2007 a. i laureati triennali, b. i laureati specialistici

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE Indice Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia A.L.E.F.... 2 Dipartimento di Bioscienze...

Dettagli

Presentazione del test sulle competenze generaliste, TECO

Presentazione del test sulle competenze generaliste, TECO Presentazione del test sulle competenze generaliste, TECO Il test TECO è composto di due sezioni: Performance Task (prova di prestazione) e Domande a risposta multipla. Tutte le prove TECO sono somministrate

Dettagli

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ YoUniversity Lab Roma 26 febbraio 15 Alberto Sironi (Alpha Test) ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ 1. Accesso all università Dati aggiornati e proposte di miglioramento Il sistema di regolamentazione

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA DI LETTERE E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA, ECONOMIA e di LETTERE E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E CULTURA DELLA GASTRONOMIA E DELLA RISTORAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

T E S T D I N G R E S S O E I S C R I Z I O N E A L C O R S O D I L A U R E A I N I N F E R M I E R I S T I C A

T E S T D I N G R E S S O E I S C R I Z I O N E A L C O R S O D I L A U R E A I N I N F E R M I E R I S T I C A T E S T D I N G R E S S O E I S C R I Z I O N E A L C O R S O D I L A U R E A I N I N F E R M I E R I S T I C A 1) VORREI ISCRIVERMI AL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA, CHE COSA DEVO FARE? 2) QUALI

Dettagli

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti:

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Erasmus+ e ECTS Maria Sticchi Damiani Università di Messina 14 aprile 2014 www.bolognaprocess.it 1 ATENEO 1. Documenti di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA)

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Indice Laureati 2012 per tipo di diploma I gruppi disciplinari di laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Premessa: finalità e obiettivi La necessità di disporre di dati relativi alle carriere accademiche degli studenti e ai risultati delle attività

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE di Liana Verzicco IL CAPITALE UMANO DI LIVELLO TERZIARIO Il solo obiettivo della strategia di Lisbona che l Unione Europea ha pienamente raggiunto prima

Dettagli

Bando di ammissione. al corso di laurea magistrale a ciclo unico in. Giurisprudenza. e ai corsi di laurea in

Bando di ammissione. al corso di laurea magistrale a ciclo unico in. Giurisprudenza. e ai corsi di laurea in Bando di ammissione al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza e ai corsi di laurea in Interfacce e Tecnologie della comunicazione Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Servizio

Dettagli

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010.

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010. Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015 Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010 (Maggio 2015) La presente pubblicazione fa riferimento a dati elaborati a Marzo 2015.

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA Scuola superiore Laurea (3 anni) Master I Livello Laurea Magistrale (2 anni) Master II Livello Specializzazione Dott. Ricerca Mondo del lavoro Università degli Studi di

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA CLASSE LMG/01 Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Dipartimento: il Dipartimento di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia in collaborazione con Università degli Studi di Roma La Sapienza - Dipartimento di Comunicazione e Ricerca

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

iscrizione partecipazion preparazione

iscrizione partecipazion preparazione Tutti i corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia sono a numero chiuso, pertanto è necessario superare un test d ingresso. I bandi per le iscrizioni al nuovo anno accademico vengono pubblicati

Dettagli

Bando di ammissione. al corso di laurea magistrale a ciclo unico in. Giurisprudenza. e ai corsi di laurea in

Bando di ammissione. al corso di laurea magistrale a ciclo unico in. Giurisprudenza. e ai corsi di laurea in Bando di ammissione al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza e ai corsi di laurea in Interfacce e Tecnologie della comunicazione Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Servizio

Dettagli

Documento contenente le linee guida per l offerta formativa dell a.a. 2011-2012

Documento contenente le linee guida per l offerta formativa dell a.a. 2011-2012 Documento contenente le linee guida per l offerta formativa dell a.a. 2011-2012 Il Collegio dei Presidi, coordinato dal Prorettore con delega per la didattica, ha elaborato alcune aggiunte e modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE ai TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (T.F.A.) (istituti ai sensi del DM del 10 settembre 2010, n. 249)

BANDO DI AMMISSIONE ai TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (T.F.A.) (istituti ai sensi del DM del 10 settembre 2010, n. 249) RIPARTIZIONE POST LAUREA UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO BANDO DI AMMISSIONE ai TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (T.F.A.) (istituti ai sensi del DM del 10 settembre 2010, n. 249) ANNO ACCADEMICO 2011/12

Dettagli

Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale

Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi

Dettagli

Premessa Convenzione Veneto Lavoro - Università di Padova. Costruzione di LALLA

Premessa Convenzione Veneto Lavoro - Università di Padova. Costruzione di LALLA Convegno Dati e indicatori possibili sull inserimento lavorativo e professionale Relazione: L utilizzo del SILV (sistema informativo lavoro del Veneto) per l analisi degli esiti occupazionali dei laureati

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

Bando di ammissione. ai corsi di laurea in. Economia e Management. Amministrazione Aziendale e Diritto. Gestione Aziendale

Bando di ammissione. ai corsi di laurea in. Economia e Management. Amministrazione Aziendale e Diritto. Gestione Aziendale Bando di ammissione ai corsi di laurea in Economia e Management Amministrazione Aziendale e Diritto Gestione Aziendale ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Allegato 3 Decreto Rettorale 364 d.d. 17.06.2015 1 Art.

Dettagli