TECO 2013: un primo esame dei risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECO 2013: un primo esame dei risultati"

Transcript

1 TECO 2013: un primo esame dei risultati Franco Peracchi Università di Roma Tor Vergata 4 marzo 2014 Versione provvisoria, si prega di non citare. Ringrazio Daniele Checchi e soprattutto Fiorella Kostoris per le utili discussioni, e Alessio Ancaiani, Alberto Ciolfi e Irene Mazzotta per lo sforzo nel fornirmi le basi dati nel formato richiesto. I dati utilizzati in questo rapprto, i programmi e le elaborazioni prodotte sono disponibili su richiesta all ANVUR. Questo rapporto esprime le opinioni dell autore e non rappresenta il punto di vista dell ANVUR.

2 Abstract Questo rapporto presenta un primo esame della mole di informazione raccolta in occasione della sperimentazione del Test sulle Competenze (TECO), un test nazionale che intende rilevare le competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani. Le sperimentazione è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese, e ha riguardato quasi 22 mila laureandi delle lauree triennali e a ciclo unico, di cui poco più di 9 mila si sono iscritti al test e circa lo hanno effettivamente sostenuto tra il maggio e il luglio L analisi dei dati del TECO mostra l esistenza di una relazione sistematica e statisticamente significativa tra i punteggi nel test e una serie di caratteristiche osservate degli studenti partecipanti quali l età, il genere, l anzianità dal diploma, il voto di diploma, la media dei voti nel corso di laurea, la lingua parlata a casa e la cittadinanza. Le caratteristiche osservate degli studenti partecipanti contribuiscono però solo in piccola parte a spiegare la variabilità riscontrata nei punteggi e lasciano un ampio margine residuale che è da ricondurre da un lato a caratteristiche inosservate degli studenti, dall altro a caratteristiche inosservate del corso di laurea e dell Ateneo di appartenza degli studenti. Dalla stima degli effetti complessivi delle caratteristiche inosservate dei gruppi di lauree e degli Atenei, emerge una duplice distinzione: da un lato tra gruppi di lauree scientifiche e gruppi di lauree umanistiche, dall altro tra Atenei del Centro-Nord e Atenei del Sud-Isole. Il punteggio medio di studenti con identiche caratteristiche osservate è infatti più alto per i gruppi di lauree scientifiche e per gli Atenei del Centro-Nord (esclusi quelli dell area romana), e più basso per i gruppi di lauree umanistiche e per gli Atenei del Sud-Isole. In assenza di autoselezione degli studenti, gli effetti stimati potrebbero essere interpretati come una misura della qualità intrinseca di un gruppo di lauree o di un Ateneo. In realtà, una loro interpretazione in questo senso è resa difficile dal fatto che solo una frazione degli idonei (in alcuni casi una piccola frazione) si è effettivamente presentata a sostenere il test e che i tassi di partecipazione si differenziano notevolmente per gruppo di lauree e per Ateneo, e variano al variare delle caratteristiche degli studenti. Gli effetti stimati potrebbero quindi riflettere, almeno in parte, l autoselezione dei partecipanti al test. Poiché l evidenza disponibile sembra indicare che l autoselezione tenda ad eliminare soprattutto gli studenti peggiori (autoselezione positiva), una parte dell effetto fisso sarebbe quindi da attribuire alla maggiore qualità media degli studenti partecipanti al TECO nei gruppi di laurea o negli Atenei caratterizzati da un minore tasso di partecipazione al test.

3 Contents 1 Introduzione 1 2 Il TECO Struttura del test Requisiti di ammissione Modalità di svolgimento Valutazione del test Caratteristiche degli studenti idonei Informazione disponibile Statistiche descrittive Caratteristiche degli idonei preiscritti Informazione disponibile Statistiche descrittive Probabilità di preiscrizione Caratteristiche dei partecipanti Informazione disponibile Statistiche descrittive Probabilità di partecipazione Confronto tra idonei, preiscritti e partecipanti Risultati del test Statistiche descrittive Analisi di regressione Problemi di autoselezione Regressione quantilica Conclusioni 32

4 1 Introduzione Il Test sulle Competenze (TECO) è un test nazionale sviluppato dal Council for Aid to Education (CAE) per conto dell Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR). Il suo scopo è quello di rilevare le competenze effettive di carattere generalista dei laureandi italiani, in particolare le loro capacità di individuare le incoerenze logiche in un ragionamento, di analizzare e risolvere problemi mai affrontati in precedenza, e di comunicare efficacemente il proprio pensiero per iscritto. La prima sperimentazione del test è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei italiani, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese (Nord, Centro, e Sud-Isole), e ha riguardato quasi 22 mila laureandi delle lauree triennali e a ciclo unico, cioè gli studenti del terzo e quarto anno delle lauree triennali e a ciclo unico in regola con i crediti formativi universitari (CFU) di base e caratterizzanti, di cui poco più di 9 mila si sono iscritti al test, e poco meno di 6 mila lo hanno effettivamente sostenuto tra il maggio e il luglio Questo rapporto presenta un primo esame della mole di informazione raccolta in occasione della sperimentazione del test. Il rapporto è organizzato come segue. La sezione 2 descrive brevemente il test. La sezione 3 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei al test. La sezione 4 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei che si sono preiscritti al test. La sezione 5 descrive le principali caratteristiche degli studenti idonei che hanno partecipato al test. La sezione 6 presenta un analisi dei risultati del test. Infine, la sezione 7 riassume e conclude. 2 Il TECO Questa sezione si limita a offrire una breve descrizione del TECO, rinviando a Kostoris Padoa Schioppa (2012) per le motivazioni del test e al rapporto ANVUR (ANVUR 2014) per le principali caratteristiche degli Atenei partecipanti e per maggiori dettagli sul test. Il test è un adattamento all Italia della versione più recente del Collegiate Learning Assessment (CLA), un test inizialmente sviluppato dal CAE per le università americane. Il test mira a valutare le effettive capacità degli studenti in materia di ragionamento analitico, soluzione di problemi e comunicazione scritta, indipendentemente dai loro percorsi accademici. Tali competenze non solo sono necessarie per il successo negli studi universitari, ma sono importanti anche per il successo nel 1

5 lavoro e in altri aspetti della vita extrauniversitaria. Per rispondere bene al test non sono necessarie conoscenze specifiche in alcun ramo particolare. La prima sperimentazione del TECO è stata condotta nel corso del 2013 in 12 Atenei italiani slezionati dall ANVUR tra i 30 che si erano autoproposti. Gli Atenei selezionati per la sperimentazione, quattro per ciascuna delle tre grandi aree territoriali del Paese (Nord, Centro, e Sud-Isole), sono: Milano, Padova, Piemonte Orientale e Udine per il Nord; Bologna, Firenze, Roma La Sapienza e Roma Tor Vergata per il Centro; e Cagliari, Messina, Napoli Federico II e Salento per il Sud-Isole. Se si escludono La Sapienza e Tor Vergata, entrambi nel Lazio, gli altri 10 Atenei si trovano ciascuno in una regione diversa. Per ciascun Ateneo partecipante, l ANVUR ha raccolto una notevole mole di informazione riguardante gli studenti e i laureandi (numero di studenti a tempo pieno e a tempo parziale, numero di studenti italiani e non, tasso di laurea, tasso di abbandono, quota di studenti lavoratori, quota di studenti fuori corso, tempo medio per il conseguimento del titolo, ecc.), l offerta didattica (corsi di laurea offerti in lingua italiana e non, numero di insegnamenti offerti in lingua italiana e non, ecc.), il personale docente (numero di docenti a tempo pieno e a tempo parziale, numero di docenti italiani e stranieri, composizione dei docenti per area scientifica, età, nazionalità, ecc.), la qualità della sua ricerca, misurata dalla Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) , il grado di eccellenza scientifica dei singoli docenti valutati per l Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN), e un insieme di variabili ambientali (tasso di occupazione per classe di età, tasso di crescita del PIL regionale, ecc.). 2.1 Struttura del test Il CAE ha predisposto la versione in lingua inglese del test e un gruppo internazionale di esperti ne ha curato la traduzione e l adattamento al caso italiano. Rispetto alla versione per il mondo universitario americano, quella italiana contiene meno domande e richiede meno tempo per essere completata. Il test è anonimo, si svolge interamente on-line in ambiente sorvegliato, e consiste di due moduli somministrati separatamente: il modulo PT (Performance Task o Prova di Prestazione) e il modulo SRQ (Selected Response-Questions o Prova a Risposta Multipla). Il modulo PT mira a valutare le competenze dei laureandi in materia di pensiero critico e comunicazione scritta. Questo modulo consiste di una domanda aperta a cui è allegato un fascicolo documentale e richiede di articolare una risposta scritta che viene valutata indipendentemente da due esaminatori (scorer) diversi con riferimento a tre ambiti distinti: analisi e soluzione dei 2

6 problemi (Analysis and Problem Solving o APS), efficacia di scrittura (Writing Effectiveness o WE), e tecnica di scrittura (Writing Mechanics o WM). Il primo ambito riguarda la capacità dello studente di prendere in considerazione e soppesare informazioni di varia provenienza per trarre una decisione o conclusione logica e corroborarla con un esame coerente delle informazioni fornite. Il secondo ambito riguarda la capacità dello studente di presentare per iscritto argomentazioni logiche e coerenti. Il terzo ambito riguarda la dimestichezza dello studente con le regole basilari dell italiano e il suo controllo della lingua. Ciascun ambito riceve un punteggio da 0 a 6. Il punteggio minimo nel modulo PT è quindi 0, quello massimo 18. Per assicurare coerenza dei punteggi attribuiti da esaminatori diversi è stato predisposto un apposito manuale per l attribuzione dei punteggi. Il modulo SRQ consiste di 20 domande (items) a risposta multipla, ciascuna con 4 risposte possibili, ed è più corto del corrispondente modulo nella versione americana che contiene invece 25 domande. Ciascuna domanda riceve punteggio 0 se la risposta è errata o mancante, punteggio 1 se la risposta è corretta. Il punteggio minimo nel modulo SRQ è quindi 0, quello massimo 20. Il modulo è suddiviso in tre parti che intendono misurare tre diversi aspetti delle competenze generaliste: la parte CRE (Critical Reading) consiste di 8 domande e intende misurare la capacità di lettura critica, la parte CA (Critique an Argument) consiste di 5 domande e intende misurare la capacità di criticare un ragionamento, mentre la parte SRQ (Scientific and Quantitative Reasoning) consiste di 7 domande e intende misurare la capacità di ragionamento scientifico e quantitativo. Il TECO ha una durata complessiva di 90 minuti, di cui 60 per il modulo PT e 30 per il modulo SRQ. 2.2 Requisiti di ammissione Gli studenti idonei (ammissibili) al TECO sono, al netto di quelli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie (infermieristica, ostetricia, ecc.): per i corsi di laurea triennale, gli iscritti al terzo anno in possesso (all 1/4/2013) di tutti i crediti formativi universitari (CFU) di base e caratterizzanti del loro corso di studio, ad eccezione di quelli offerti nel secondo semestre 2013, e gli iscritti al quarto anno (primo fuori corso) in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del loro corso di studio; per i corsi di laurea a ciclo unico, gli iscritti al terzo o quarto anno (all 1/4/2013), che abbiano superato almeno 120 CFU di base e caratterizzanti previsti dal loro corso di studio. 3

7 Gli studenti che hanno sostenuto il test ricevono un attestato di partecipazione, redatto secondo uno schema concordato tra gli Atenei. Gli studenti possono inoltre ottenere dall ANVUR, su richiesta individuale, un certificato con l esito della prova. Non sono previste altre forme di incentivo alla partecipazione. 2.3 Modalità di svolgimento Il test si è svolto tra il maggio e il luglio 2013, nel periodo compreso tra la fine dei corsi e l inizio delle sessioni di laurea. Il vantaggio di questa scelta è che lo svolgimento del test non interferisce con l attività didattica. Lo svantaggio è che il periodo di svolgimento del test corrisponde con quello di preparazione degli esami durante il quale la presenza in Ateneo tende ad essere ridotta, specie nel caso degli studenti fuori-sede. Le date, gli orari e il numero delle sessioni TECO differiscono da un Ateneo all altro. Per esempio, a Bologna le sessioni del test si sono tenute tra il 15 e il 26 maggio, alla Sapienza tra il 20 maggio e il 20 giugno Sebbene le date e gli orari di svolgimento del test, e le modalità adottate per favorire la preiscrizione e la partecipazione al test, non abbiano alcun effetto sulle caratteristiche degli studenti idonei, esse potrebbero però aver influenzato le caratteristiche degli studenti preiscritti e di quelli effettivamente partecipanti al test. 2.4 Valutazione del test Le procedure di correzione e valutazione (scoring) dei test svolti dagli studenti sono le seguenti: l ANVUR ha proceduto a individuare due country lead scorer, il CAE ha addestrato i due country lead scorer attraverso una serie di sessioni svoltesi tra aprile e giugno 2013 sia on-line sia on-site a Roma, ciascun Ateneo partecipante ha individuato un suo lead scorer, i 12 lead scorer sono stati addestrati dal CAE a Roma e hanno a loro volta addestrato tutti i valutatori (scorer) selezionati dagli Atenei partecipanti (circa 110 in totale), la valutazione delle risposte aperte dei test è stata effettuata dai valutatori italiani con un metodo double-blind, mentre il CAE ha proceduto alla correzione delle risposte chiuse dei test ricevute in forma anonima. 4

8 Un campione causale pari al 20% delle risposte aperte è stato successivamente corretto da un gruppo di esperti dll Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione (INVALSI) che ha riscontrato una sostanzialemnte correttezza delle valutazioni rinvenendo solo tre outliers tra i 110 scorer selezionati. Il punteggio di uno studente nel modulo PT è la somma delle valutazioni separate nei tre diversi ambiti: APS (Analysis and Problem Solving), WE (Writing Effectiveness), e WM (Writing Mechanics). Il punteggio dello studente nel modulo SRQ è invece la somma del numero di risposte esatte nelle sue tre parti: CA (Critique an Argument), CRE (Critical Reading) e SRQ (Scientific and Quantitative Reasoning). Il punteggio totale dello studente è infine calcolato come media aritmetica di opportune trasformazioni lineari dei punteggi nei moduli PT e SRQ (vedi sezione 6.1). 3 Caratteristiche degli studenti idonei Dopo una breve discussione delle modalità di svolgimento del test, questa sezione esamina le principali caratteristiche degli studenti idonei al TECO. Ricordiamo che gli studenti idonei sono, al netto di quelli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie: per i corsi di laurea triennale, gli iscritti al terzo anno in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del proprio corso di studio, ad eccezione di quelli offerti nel secondo semestre 2013, e gli iscritti al quarto anno (primo fuori corso) in possesso (all 1/4/2013) di tutti i CFU di base e caratterizzanti del loro corso di studio; per i corsi di laurea a ciclo unico, gli iscritti al terzo o quarto anno che (all 1/4/2013) abbiano superato almeno 120 CFU di base e caratterizzanti previsti dal loro corso di studio. Complessivamente, gli studenti idonei al TECO nei 12 Atenei sottoposti alla sperimentazione sono risultati essere , a fronte di circa 86 mila studenti non idonei del terzo e quarto anno (al netto degli iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie). 3.1 Informazione disponibile L informazione trasmessa dagli Atenei circa gli studenti idonei comprende il nome e cognome, la data e il comune di nascita, il genere, la cittadinanza, l Ateneo, il corso e la classe di laurea di appartenenza, e il comune di residenza alla prima immatricolazione. 5

9 Data la numerosità dei corsi di laurea esistenti, e la variabilità delle loro denominazioni, ho ritenuto opportuno adottare la classe di laurea come unità di osservazione poiché questo consente la comparabilità inter-ateneo delle analisi. Le 64 classi di laurea ministeriali sono tuttavia ancora troppe. Con l aiuto di Fiorella Kostoris, le ho quindi ricondotte a una classificazione in 25 gruppi di lauree: Agro-alimentare, Architettura, Arte, Beni culturali, Biologia, Chimica, Comunicazione, Economia, Farmacia, Filosofia, Formazione, Geografia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere, Lingue, Matematica, Fisica e Statistica (MatFisStat), Medicina, Odontoiatria, Politico, Psicologia, Sociale, Storia, Territorio e Veterinaria. In alcuni casi, ho anche fatto ricorso alla classificazione MIUR in 4 macro-aree disciplinari: la macro-area Sanitaria (comprendente i gruppi di lauree Farmacia, Medicina, Odontoiatria e Veterinaria), la macro-area Scientifica (comprendente i gruppi di lauree Agro-alimentare, Architettura, Biologia, Chimica, Ingegneria, Matematica Fisica e Statistica, Territorio, e alcune lauree del gruppo Beni culturali), la macro-area Sociale (comprendente i gruppi di lauree Comunicazione, Economia, Formazione, Geografia, Giurisprudenza, Politico, Psicologia e Sociale), e la macro-area Umanistica (comprendente i gruppi di lauree Arte, Filosofia, Formazione, Geografia, Lettere, Lingue, Storia, e gran parte delle lauree del gruppo Beni culturali). Questa classificazione ha però lo svantaggio di essere eccessivamente aggregata, con un elevato grado di eterogeneità all interno di ciascuna area, e di includere lauree dello stesso gruppo in macro-aree diverse. Per esempio alcune lauree del gruppo Beni culturali sono incluse nella macro-area Scientifica e altre in quella Umanistica, mentre alcune lauree dei gruppi Geografia e Formazione sono incluse nella macro-area Sociale e altre in quella Umanistica. È stato inoltre possibile ottenere informazioni relative all anno e al voto di diploma di scuola media superiore, al tipo di istituto frequentata e alla provincia sede dell istituto, e alla condizione di studente lavoratore. Tali informazioni sono ricavate dall Anagrafe nazionale degli Studenti (ANS), gestita dal CINECA sulla base dei dati trasmessi dagli Atenei. L anno accademico di riferimento considerato è il 2011/2012, con l anno solare 2012 per le analisi inerenti i crediti ottenuti o comunque per tutte le situazioni correlate allo svolgimento della carriera universitaria. È importante notare che l attendibilità di questi dati dipende dalla correttezza dei dati trasmessi dai singoli Atenei. Occorre inoltre notare che alcune delle informazioni raccolte attraverso l ANS potrebbero in realtà essere fornite direttamente dagli Atenei in fase di invio dei dati relativi agli studenti idonei. Le informazioni relative agli studenti non idonei potrebbero anch esse essere trasmesse attraverso la piattaforma dedicata agli Atenei secondo uno standard concordato, in modo da disporre di informazioni certe 6

10 a una precisa data. In una eventuale nuova edizione del TECO, potrebbe quindi essere opportuno definire anticipatamente uno standard completo per facilitare le operazioni di raccolta dati, sia per gli studenti idonei che per quelli non idonei. 3.2 Statistiche descrittive La tabella 1 mostra il numero di idonei per Ateneo e genere. Oltre un quarto degli idonei (5.808) risulta iscritto alla Sapienza, tra 2 e 3 mila ciascuno a Bologna (2.645), Firenze (2.457), Milano (2.574), Napoli (2.976) e Padova (1.918), poco più di mille a Tor Vergata (1.080), e intorno ai 500 ciascuno negli altri cinque Atenei (Cagliari, Salento, Messina, Piemonte Orientale e Udine). Le femmine sono e rappresentano mediamente oltre il 60% degli idonei (61,6%). La percentuale di femmine varia però molto tra gli Atenei, con un minimo del 52,7% per Tor Vergata e un massimo di circa il 70% per Salento (69,4%) e Piemonte Orientale (70.0%). La tabella 2 mostra il numero di idonei per gruppo di lauree e genere. Oltre il 60% degli idonei si concentra in otto gruppi di lauree: Giurisprudenza (19,8%), Medicina (9,6%), Economia (6,2%), Ingegneria (5,6%), Lingue (5,4%), Architettura (5,2%), Farmacia e Psicologia (entrambe con il 5,1% degli idonei). La distribuzione degli idonei tra i diversi gruppi di lauree si differenzia però in modo significativo a seconda del genere degli studenti. La percentuale di idonei appartenenti alla macro-area Scientifica è quasi doppia per i maschi (36,6%) rispetto alle femmine (19,4%), mentre la percentuale di idonei nella macro-area Umanistica è più che doppia per le femmine (22,2%) rispetto ai maschi (10,8%). Se si considera la disaggregazione per gruppo di lauree, il numero di femmine è 24 volte quello dei maschi nel gruppo Formazione (414 contro 17), quasi cinque volte nel gruppo Psicologia (922 contro 186) e nel gruppo Sociale (306 contro 62), oltre quattro volte nel gruppo Beni culturali (419 contro 104), e oltre tre volte nel gruppo Lettere (517 contro 164). Al contrario, il numero di maschi è due volte e mezzo quello delle femmine nel gruppo Ingegneria (873 contro 346) e oltre due volte nel gruppo Matematica Fisica (578 contro 251). La distribuzione degli idonei tra i diversi gruppi di lauree si differenzia inoltre a seconda dell area territoriale dell Ateneo (tabella 3). La percentuale di idonei appartenenti alla macro-area Sanitaria è infatti relativamente più elevata nel Nord (22,8%), quella di idonei appartenenti alle macro-aree Scientifica e Umanistica è relativamente più elevata nel Centro (31,6 e 19,0% rispettivamente), e quella degli idonei appartenenti alla macro-area Sociale è relativamente più elevata nel Sud-Isole (45,5%). Per quanto riguarda quest ultima macro-area, le differenze tra le aree territoriali sono da attribuire soprattutto al gruppo Giurisprudenza che rappresenta il 31,5% degli idonei nel Sud-Isole, 7

11 il 25,2% nel Nord e solo il 12,9% nel Centro (tabella 4). La tabella 5 mostra, separatamente per Ateneo, l età media degli idonei, la percentuale degli idonei nati tra il 1988 e il 1991, e quella degli idonei nati tra il 1990 e il L età media degli idonei è di 23,6 anni, leggermente inferiore per le femmine (23,5 anni) rispetto ai maschi (23,9 anni). Questa elevata età media è il risultato del fatto che solo il 34,6% degli idonei ha meno di 23 anni, il 42,9% ha 23 anni, mentre il rimanente 22,5% ha più di 23 anni. Gli Atenei dove l età media degli idonei è maggiore sono Cagliari (24,8) e Piemonte Orientale (25,3 anni), quelli dove è minore sono Napoli (23,1 anni) e Firenze (23,3 anni). La differenza tra l età media degli idonei a Napoli e Piemonte Orientale è quindi di oltre 2 anni. L 89,1% degli idonei è nato tra il 1988 e il 1991, e il 75% ǹato tra il 1990 e il Queste percentuali variano anch esse in misura significativa tra gli Atenei. In particolare, la percentuale degli idonei nati tra il 1990 e il 1991 è superiore all 80% per Salento (80,2%), Milano (80,6%) e Udine (83,3%), ed è inferiore al 70% per Messina (64,2%), Cagliari (66,5%), Piemonte Orientale (68,6%) e La Sapienza (69,7%). La tabella 6 mostra l età media al conseguimento del diploma di scuola media superiore e l anzianità media dal diploma, misurata dalla differenza tra l età al momento del test (pari alla differenza tra 2013 e l anno di nascita) e l età al conseguimento del diploma (pari alla differenza tra l anno di conseguimento del diploma e l anno di nascita). L età media al conseguimento del diploma è di 18,9 anni. Le differenze tra Atenei sono piccole, ad eccezione di Napoli dove l età media al conseguimento del diploma è straordinariamente bassa (solo 17.8 anni!). L anzianità media dal diploma è di ben 4,7 anni, in notevole contrasto con la durata nominale (3 anni) di gran parte dei corsi di studio. L elevata anzianità media dal diploma riflette il fatto che solo il 28,4% degli idonei (6.178) ha conseguito il diploma meno di quattro anni prima, il 43,8% (9.544) lo ha conseguito quattro anni prima, e il restante 27,8% più di quattro anni prima. Gli Atenei dove l anzianità media è maggiore sono Cagliari (5,6 anni) e Piemonte Orientale (5,9 anni), quelli dove è minore sono Firenze e Udine (4.2 anni). L anzianità media dal diploma è leggermente più elevata per i maschi (4.9 anni) che per le femmine (4,6 anni), sebbene l età media al conseguimento del diploma sia sostanzialmente la stessa per maschi e femmine (19,9 anni). La tabella 7 mostra il voto medio di diploma (espresso in centesimi) per Ateneo e genere. Per calcolare il voto medio, ho convertito il punteggio di 100 e lode in 110/100. Il voto medio è pari a 82,1, ed è più alto per le femmine (82,8) che per i maschi (80,9). Il voto medio è sensibilmente superiore alla media per i gruppi Odontoiatria (85,0), Ingegneria (85,4) e Medicina (88,7), e sensibilmente inferiore alla media per i gruppi Arte (75,3), Comunicazione (76,8) e Formazione 8

12 (77,2). La tabella 8 mostra il voto medio di diploma per Ateneo e genere. Colpisce il voto sensibilmente inferiore alla media per La Sapienza (75,6), e quello molto superiore alla media per tutti gli Atenei del Sud-Isole (86,2 per Cagliari, 86,4 per Salento, 86,6 per Napoli, e addirittura 87,2 per Messina). La tabella 9 mostra, per ciascun Ateneo, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma e genere. Ho riclassificato i tipi di scuola media superiore in 6 categorie: istituto professionale, istituto tecnico, liceo classico, liceo scientifico, altro liceo, e altro istituto (quest ultimo un insieme eterogeno che comprende una varietà di istituti, quali conservatoro di musica, istituto d arte e scuola magistrale). Complessivamente, due terzi degli idonei proviene dal liceo scientifico o classico (il 40,4% dal liceo scientifico e il 25,7% dal liceo classico), il 13,9% da un istituto tecnico o professionale, l 8,1% da un altro liceo, il 6,1% da un altro istituto, mentre per il 5,7% non si conosce il tipo di diploma di scuola media superiore. Mentre tra i maschi è più comune la frequenza di un istituto tecnico/professionale (18,9%) o del liceo scientifico (47,3%), tra le femmine è più comune la frequenza del liceo classico (29,6%) o di un altro liceo (10,9%). In questi due tipi di liceo, e negli altri istituti, la presenza femminile è predominante. Come al solito, la distribuzione tra i vari tipi di diploma varia considerevolmente per gruppo di lauree e per Ateneo. La tabella 10 mostra, per ciascun gruppo di lauree, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma. Come atteso, ciascun gruppo di lauree tende ad attrarre studenti provenienti da tipi diversi di scuola media superiore. La maturità scientifica è molto più frequente nei gruppi Matematica Fisica (56,2%), Odontoiatria (58,6%) e Ingegneria (66,3%), quella classica nei gruppi Beni culturali (39,2%), Filosofia (41%), Giurisprudenza (42,6%) e Lettere (48,8%), quella da un altro liceo nei gruppi Sociale (19%), Lingue (19,3%) e Formazione (37,1%), mentre un diploma di istituto tecnico o professionale è molto più frequente nei gruppi Economia (31.2%), Agro-alimentare (41,3%) e Geografia (45,6%). La tabella 11 mostra, per ciascun Ateneo, la distribuzione degli idonei per tipo di diploma. Gli Atenei dove la percentuale di studenti provenienti dal liceo scientifico è maggiore sono Bologna (45,9%) e Tor Vergata (47%), quelli dove è minore sono Salento (28,8%) e Piemonte Orientale (32,4%). Gli Atenei dove la percentuale di studenti provenienti dal liceo classico è maggiore sono Messina (31,6%) e Napoli (32,5%), quelli dove è minore sono Udine (13%) e Piemonte Orientale (16,8%). Infine, gli Atenei dove maggiore è la percentuale di studenti provenienti da un istituto tecnico o professionale sono Udine (27,5%) e Piemonte Orientale (27,9%), quelli dove è minore sono 9

13 La Sapienza (8,8%) e Napoli (10,9%). La tabella 12 mostra la distribuzione degli idonei secondo la distanza tra il comune di residenza alla prima immatricolazione e quello sede dell Ateneo di appartenenza. Ho classificato gli idonei in quattro categorie: comune di residenza uguale a quello dell Ateneo di appartenenza, comune di residenza diverso da quello dell Ateneo ma stessa provincia, provincia di residenza diversa da quella dell Ateneo ma stessa regione, e regione di residenza diversa da quella dell Ateneo. Questa classificazione ha il vantaggio di basarsi su dati amministrativi, meno soggetti ad errore delle risposte individuali, e di essere disponibile per tutti gli studenti, anche quelli che non si sono preiscritti al test. In media, il 27,4% degli idonei risiede nello stesso comune dell Ateneo (dist0), il 24,4% nella stessa provincia ma non nello stesso comune (dist1), il 29,3% nella stessa regione ma non nella stessa provincia (dist2), e solo il 18,9% al di fuori della regione sede dell Ateneo (dist3). Il peso relativo delle quattro categorie varia però notevolmente tra gli Atenei. Padova e Bologna sono quelli con il maggior bacino extra-provinciale, dove cioè più elevata è la frazione di studenti residenti fuori provincia o addirittura fuori regione (69,9% e 71,8% rispettivamente), mentre Cagliari e Napoli sono quelli con il minor bacino extra-provinciale (22,8% e 25,6% rispettivamente). La tabella 13 mostra la frazione degli idonei che a casa non parla l italiano, separatamente per Ateneo e genere. Tale frazione è pari al 3,1% ed è quindi molto bassa. Essa è leggermente più bassa per le femmine (2,9%) che per i maschi (3,3%), e mostra comunque una certa variabilità tra gli Atenei, con minimi dell 1,4% per Bologna e dell 1,6% per Cagliari, e massimi del 5,1% per La Sapienza e del 6,7% per Udine. La tabella 14 mostra la distribuzione degli idonei per Ateneo e tipo di partecipazione al TECO, e cioè non preiscritto e che quindi non ha partecipato (N), preiscritto ma che non è venuto (PRN), preiscritto che è venuto e il cui test è valido(prv), e preiscritto che è venuto ma il cui test è stato annullato poiché il voto nel modulo PT è stato inferiore a 3 (PRVA). Il 58,1% degli idonei non si è preiscritto, il 15% si è iscritto ma non è venuto al test, il 26,8% si è preiscritto ed è venuto al test, e lo 0,2% è venuto ma ha avuto il test annullato. Di nuovo, le differenze tra gruppi di lauree sono notevoli. I gruppi di lauree dove è minore la percentuale di non preiscritti sono MatFisStat (36,9%), Ingegneria (43,4%) e Chimica (43,5%), quelli dove è maggiore sono Lingue (65,6%) e Giurisprudenza (67,9%). La tabella 15 mostra la distribuzione degli idonei per gruppo di lauree e tipo di partecipazione al TECO. Gli Atenei dove è minore la percentuale di non preiscritti sono Piemonte Orientale (25,1%) 10

14 e Udine (29%), quelli dove è maggiore sono Tor Vergata (71,2%) e Bologna (80,7%). Si noti che il campo di variabilità tra Atenei (pari a circa 55 punti percentuali) è molto maggiore di quello tra gruppi di lauree (pari a 31 punti percentuali). 4 Caratteristiche degli idonei preiscritti Questa sezione descrive le principali caratteristiche dei studenti idonei che si sono preiscritti al test. Ignorerò invece i studenti idonei che non si sono preiscritti e quindi non hanno partecipato al test, e i 213 studenti non idonei (non aventi diritto) ma appartementi al terzo e quarto anno (al netto delle professioni sanitarie) che si sono preiscritti al test a causa della mancanza di un filtro al momento della preiscrizione. Si noti che, per la stessa ragione, altri studenti si sono preiscritti senza nemmeno appartenere al terzo e quarto anno (al netto delle professioni sanitarie). 4.1 Informazione disponibile In aggiunta all informazione disponibile per gli idonei, quella fornita direttamente dagli studenti al momento della preiscrizione comprende la lingua parlata in casa (se diversa dall italiano), se fuori sede (cioè con residenza anagrafica diversa da quella della didattica a una distanza superiore ai 20 km), il tempo medio (in minuti) impiegato giornalmente per raggiungere il luogo delle lezioni partendo dal luogo di residenza abituale, se studente lavoratore (con impegno/impiego remunerato, anche precario ma sistematico), la numerosità del nucleo familiare, il numero di fratelli all università o che svolgono studi superiori, l attitudine allo spostamento (la risposta è sì se lo studente ha effettuato più di due viaggi all anno fuori regione o all estero), il numero medio annuo di viaggi fuori regione durante gli studi universitari, il numero medio annuo di viaggi all estero durante gli studi universitari, il numero di corsi di studio universitario frequentati e superati in lingua non italiana in Italia, il numero di corsi di studio universitario frequentati e superati in lingua non italiana all estero, e il numero di periodi di studio passati all estero superiori a due mesi per Erasmus o altro programma di studio. Purtroppo, parte di questa informazione non è disponibile per gli studenti di Bologna e Padova. Inoltre, l informazione circa alcune di queste variabili, in particolare il tempo medio impiegato giornalmente per raggiungere il luogo delle lezioni, risulta essere talvolta di scarsa qualità, con frazioni elevate di valori anomali, specialmente per alcuni Atenei, e non verrà quindi utilizzata. Tramite l ANS, per i preiscritti è stato infine possibile ottenere informazione relativa alla media dei voti, al numero di esami sostenuti e al numero di CFU nel corso di studi universitario. 11

15 4.2 Statistiche descrittive La tabella 16 mostra il numero di preiscritti e il tasso di preiscrizione (percentuale degli idonei preiscritti sugli idonei) per gruppo di lauree. Complessivamente, i preiscritti rappresentano il 41,8% degli idonei, con differenze molto piccole tra femmine e maschi (41,6% contro 46,4%). I tassi di preiscrizione variano però molto a seconda del gruppo di lauree, con minimi del 32.1% e del 34,4% rispettivamente per i gruppi Giurisprudenza e Lingue, e massimi del 56,6% e del 63,1% rispettivamente per i gruppi gruppi Ingegneria e MatFisStat. La tabella 17 mostra invece il numero di preiscritti e il tasso di preiscrizione per Ateneo. La variabilità del tasso di preiscrizione è molto maggiore tra Atenei che tra gruppi di lauree, con minimi del 19,3% per Bologna e del 28,8% per Tor Vergata, e massimi del 71% per Udine e del 74,9% per Piemonte Orientale. La tabella 18 mostra la percentuale di preiscritti che lavora, separatamente per Ateneo e genere. Occorre tenere conto che questa informazione è mancante per l 80,6% degli studenti di Bologna e il 65,8% degli studenti di Padova. Tra i preiscritti per i quali l informazione è disponibile, la percentuale di studenti lavoratori è pari al 14,1%, ma risulta più elevata per le femmine (14,4%) che per i maschi (13,6%). Vi sono poi notevoli differenze tra gli Atenei, con minimi dell 7,7% per Messina e del 9,7% per Firenze, e un massimo del 23,3% per Milano. La tabella 19 mostra la media dei voti (in trentesimi) dei preiscritti per macro-area disciplinare, separatamente per genere. Le femmine tendono a presentare una media dei voti leggermente più elevata rispetto ai maschi (26,7 contro 26,4). La tabella evidenzia anche una tendenza all inflazione dei voti (grade inflation) per la macro-area Umanistica dove la media dei voti è pari a 27,7 contro una media di 26,4 per le altre tre macro-aree. La tabella 20 mostra la media dei voti dei preiscritti per gruppo di lauree, separatamente per genere. La differenza a favore delle femmine è più marcata per i gruppi Veterinaria (27,2 per le femmine contro 26,6 per i maschi), Odontoiatria (28,2 per le femmine contro 27,4 per i maschi) e Psicologia (26,8 per le femmine contro 25,8 per i maschi). È però vero l opposto per il gruppo MatFisStat (26.1 per le femmine contro 26.6 per i maschi) e il gruppo Lingue (26.9 per le femmine contro 27.6 per i maschi). L analisi separata per gruppo di lauree evidenzia come la tendenza all inflazione dei voti nella macro-area Umanistica sia largamente da attribuire ai gruppi Lettere (28,0), storia (28,4) e Filosofia (28,7). La tabella 21 mostra la media dei voti dei preiscritti per area territoriale dell Ateneo, separata- 12

16 mente per genere. Sia per le femmine sia per i maschi, la media dei voti è più elevata nel Sud-Isole (26,9) rispetto al Nord (26,5) e al Centro (26,6). La tabella 22 mostra la media dei voti dei preiscritti per Ateneo, separatamente per genere. La differenza a favore delle femmine è particolarmente marcata per Piemonte Orientale (26,3 per le femmine contro 25,5 per i maschi) mentre si osserva l opposto per Udine (25,9 per le femmine contro 26,3 per i maschi). 4.3 Probabilità di preiscrizione Per comprendere meglio quali fattori aiutino a spiegare le differenze osservate nel tasso di preiscrizione, ho proceduto a stimare modelli logit per la probabilità di preiscrizione tra gli idonei utilizzando i micro-dati a livello individuale. La mia specificazione di base include come covariate l età dello studente, l anzianità dal diploma di scuola media superiore, il voto di diploma, e una serie di indicatori binari per il genere femminile e il tipo di diploma (istituto tecnico o professionale, liceo classico, altro liceo, e altro istituto). Non ho incluso l indicatore per la lingua parlata perché gli idonei che a casa parlano una lingua diversa dall italiano risultano tutti preiscritti. Ho incluso invece indicatori binari per valori mancanti delle variabili anzianità dal diploma, voto di diploma e tipo di diploma. Alcune di queste covariate (come il genere e l età) sono pure variabili demografiche il cui effetto sulla probabilità di preiscrizione non è a priori chiaro. Altre (come il tipo di diploma, il voto di diploma e l anzianità dal diploma) catturano invece fattori connessi all abilità dello studente e alla sua motivazione per gli studi universitari. L intercetta (constant) della specificazione di base rappresenta il logaritmo del rapporto tra la probabilità di preiscrizione e quella di non preiscrizione (log-odds di preiscrizione) per un idoneo tipico, cioè uno studente di 23 anni, maschio, con anzianità di 4 anni dal diploma, diploma di maturità scientifica e voto di diploma pari a 80/100. Si noti che il log-odds di preiscrizione è positivo se la probabilità di preiscrizione è maggiore del 50%, e negativo altrimenti. Allo scopo di catturare il ruolo di fattori connessi al costo (reale o percepito) dell iscrizione al test, a queste covariate di base ho poi aggiunto, in una seconda specificazione, una serie di indicatori per la distanza del comune di residenza dalla sede dell Ateneo di appartenenza (comune di residenza diverso da quello dell Ateneo ma stessa provincia, provincia di residenza diversa da quella dell Ateneo ma stessa regione, e regione di residenza diversa da quella dell Ateneo). Infine, allo scopo di catturare il ruolo di fattori non misurabili specifici al gruppo di lauree o all Ateneo di apparteneza dello studente, a queste covariate di base ho ulteriormente aggiunto, in 13

17 due specificazioni successive, una serie di indicatori binari per il gruppo di lauree e l Ateneo di appartenenza. L esperienza del precedente Assessment of Higher Education Learning Outcomes (AHELO) ha infatti mostrato come il tasso di partecipazione al test dipenda largamente dalla capacità dei responsabili delle sedi e dei corsi di studio di informare gli studenti, di far capire loro i vantaggi del test e, magari, di entusiasmarli a un esperienza internazionale. La tabella 23 presenta i risultati delle stime di queste quattro specificazioni: la colonna iscr1 si riferisce alla specificazione che contiene solamente l intercetta e le covariate di base (età dello studente, anzianità dal diploma, voto di diploma, e una serie di indicatori binari per il genere e il tipo di diploma), la colonna iscr2 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate di base una serie di indicatori binari per la distanza del comune di residenza dalla sede dell Ateneo, la colonna iscr3 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate in iscr2 una serie di indicatori binari per il gruppo a cui appartiene il corso di laurea dello studente (il gruppo di lauree di riferimento è Giurisprudenza), e la colonna iscr3 si riferisce alla specificazione che aggiunge alle covariate in iscr2 una serie di indicatori binari per l Ateneo di appartenenza dello studente (l Ateneo di riferimento è La Sapienza). Il numero di asterischi a destra dei coefficienti stimati ne misura la significatività statistica. In particolare, nessun asterisco indica un valore-p maggiore di 0,10 (coefficiente non significativo al 10%), un asterisco indica un valore-p compreso tra 0,05 e 0,10 (coefficiente significativo al 10%), due asterischi indicano un valore-p compreso tra 0,01 e 0,05 (coefficiente significativo al 5%), e tre asterischi indicano un valore-p inferiore a 0,01 (coefficiente significativo all 1%). Gli errori standard su cui si basa questo sistema di asterischi sono robusti in presenza di eteroschedasticità di forma ignota. Le statistiche riportate nella parte inferiore della tabella sono la numerosità campionaria (N), il numero di parametri del modello inclusa l intercetta (k), la log-verosimiglianza massimizzata (ll), la log-verosimiglianza massimizzata del modello senza covariate (ll 0), lo pseudo R 2 come misura della bontà dell adattamento statistico (r2 p = 1 - ll/ll 0), la statistica del test χ 2 per la significatività congiunta delle covariate (chi2), e il Bayesian Information Criterion (bic) che tiene conto sia della bontà dell adattamento statistico sia della complessità (numero di parametri) del modello. Nella specificazione di base (colonna iscr1), le probabilità di preiscrizione non sembrano dipendere in modo statisticamente significativo dal genere e dall età dello studente, diminuiscono con l anzianità dal diploma e il voto di diploma, e sono più basse per studenti provenienti da istituti tecnici/professionali, dal liceo classico e, in particolare, da altri licei o da altri istituti. La bontà dell adattamento ai dati di questa specificazione, misurata dallo pseudo R 2, è però molto bassa 14

18 (meno dell 1%). Essa migliora leggermente, ma rimane bassa, se si inseriscono nel modello una serie di indicatori per la distanza dall Ateneo (colonna iscr2). La bontà dell adattamento migliora invece sostanzialmente, con lo pseudo R 2 che passa dallo 0,9 al 3,2%, quando si inseriscono nel modello gli indicatori per il gruppo di lauree (colonna iscr3). I coefficienti associati a questi indicatori (o effetti fissi ) forniscono una stima della differenza tra il log-odds di preiscrizione per un dato gruppo di lauree e quello per il gruppo di lauree di riferimento (cioè Giurisprudenza), tenendo fissi i valori di tutte le altre variabili utilizzate in questa specificazione. I risultati della stima di questa specificazione confermano come il gruppo Giurisprudenza si caratterizzi per un più basso tasso di preiscrizione rispetto a tutti gli altri gruppi di lauree, e in particolare rispetto a gruppi di lauree scientifiche come Chimica, Ingegneria e MatFisStat. Inserendo nel modello gli indicatori di Ateneo (colonna iscr3), la bontà dell adattamento migliora nettamente, con lo pseudo R 2 che passa dal 3,2% al 9,1%, a indicare il ruolo fondamentale svolto da fattori non misurati specifici di ciascun Ateneo. Si noti anche che, con l inserimento degli effetti fissi di Ateneo, perde di significatività l anzianità dal diploma, diventano significativi i coefficienti associati all età e al genere femminile (rispettivamente negativi e positivi), e cambia segno (da negativo a positivo) quello associato al voto di diploma. Gli effetti fissi di Ateneo forniscono una stima della differenza tra il log-odds di preiscrizione per un dato Ateneo e quello per l Ateneo di riferimento (cioè La Sapienza), tenendo fissi i valori di tutte le altre variabili utilizzate in questa specificazione. Il loro esame mostra che, a parità di tutte le altre condizioni, le probabilità di preiscrizione sono significativamente più basse per Napoli, Tor Vergata e soprattutto Bologna, e significativamente più alte per Udine e Piemonte Orientale, in linea con i risultati della tabella 17. Le differenze tra Atenei nei tassi di preiscrizione sono quindi da attribuire solo in minima parte a differenze nella composizione degli studenti per sesso, età, ecc., e solo in piccola parte a differenze nel mix di corsi di laurea. La conclusione generale che si può trarre da queste stime è che, sebbene alcune caratteristiche individuali degli studenti (in particolare la media dei voti nel corso di laurea) aiutino a spiegare le differenze nei tassi di preiscrizione, queste sono in gran parte da ricondurre a fattori specifici al corso di laurea e, soprattutto, all Ateneo di appartenenza dello studente. 15

19 5 Caratteristiche dei partecipanti Questa sezione descrive le principali caratteristiche dei studenti che sono effettivamente venuti al test (partecipanti al test). Di questi, hanno svolto il test, mentre 45 hanno avuto il test annullaro avendo conseguito nel modulo PT un voto inferiore a 3. Tra i partecipanti al test ho incluso 30 studenti non idonei che si sono preiscritti e che sono stati ammessi al test dai rispettivi Atenei. Ignoro invece i studenti idonei che si sono preiscritti al test ma che non si sono presentati a sostenerlo. 5.1 Informazione disponibile In aggiunta all informazione disponibile per tutti gli idonei, quella fornita dai partecipanti al test comprende il titolo di studio, la professione e il tipo di contratto di lavoro di entrambi i genitori, se lo studente ha frequentato in modo regolare i corsi di base e caratterizzanti previsti nel corso di studio, e se il suo corso di studi gli ha permesso di sviluppare competenze adeguate. Occorre notare che, per gli studenti partecipanti al test che non lo hanno completato, queste variabili sono comunque disponibili sebbene il test non risulti svolto. 5.2 Statistiche descrittive La tabella 24 mostra il numero di partecipanti al test e il tasso di partecipazione tra gli idonei (percentuale dei partecipanti sugli idonei) e tra i preiscritti (percentuale dei partecipanti sui preiscritti) separatamente per gruppo di lauree. Si noti che il tasso di partecipazione tra gli idonei è il prodotto del tasso di preiscrizione (già analizzato nella sezione 4) e il tasso di partecipazione tra i preiscritti. Distinguere tra queste due componenti può essere utile se si pensa che esse dipendano da fattori diversi. A fronte di idonei e preiscritti, solo studenti hanno partecipato al test. Il tasso di partecipazione tra gli idonei è dunque pari al 27%, più elevato per i maschi (28,6%) che per le femmine (25,9%). Oltre a essere molto basso, il tasso di partecipazione presenta anche una notevole variabilità tra gruppi di lauree. Esso tende infatti a essere relativamente elevato per i gruppi di laurea scientifici (con un massimo del 47,4% per il gruppo MatFisStat), molto basso per i gruppi Arte (15,5%), Psicologia (17,4%), Odontoiatria (18%) e Medicina (18,9%), e piuttosto misto per i gruppi della macro-area Sociale (si confronti per esempio il 20,3% del gruppo Giurisprudenza con il 34,6% del gruppo Economia). Il tasso di partecipazione tra i preiscritti è maggiore ed è pari al 64,3%. Anche in questo caso esso è più elevato per i maschi (67,4%) che per le femmine (62,3%), e presenta una notevole 16

20 variabilità tra gruppi di lauree. Il confronto dei dati nella tabella 16 con quelli nella tabella 24 non sembra indicare che bassi tassi di preiscrizione siano compensati da alti tassi di partecipazione tra i preiscritti. La tabella 25 mostra il numero di partecipanti al test e il tasso di partecipazione tra gli idonei separatamente per Ateneo. Il tasso di partecipazione presenta una notevole variabilità tra Atenei, con minimi del 13,9% e del 16,8% rispettivamente per Bologna e Tor Vergata, e massimi del 62,9% e del 64,3% rispettivamente per Piemonte Orientale e Udine, gli unici due Atenei ad aver raggiunto l obiettivo iniziale di portare al test un numero di laureandi non inferiore alla metà degli idonei. Il tasso di partecipazione tra i preiscritti è più elevato, con minimi del 49,2% per La Sapienza e del 58,4% per Tor Vergata, e massimi dell 83,9% per Padova, del 84% per Piemonte Orientale e addirittura del 90,6% per Udine. Di nuovo, il confronto dei dati nella tabella 17 con quelli nella tabella 25 non sembra indicare che bassi tassi di preiscrizione siano compensati da alti tassi di partecipazione tra i preiscritti. La tabella 26 mostra la distribuzione del titolo di studio dei genitori, laddove disponible, separatamente per Ateneo. L assenza di informazione circa il titolo di studio del padre o della madre segnala in realtà la mancanza di questo genitore. Ho riclassificato i titoli di studio nelle seguenti quattro categorie: licenza elementare o media ( Nessun diploma ), diploma di scuola media superiore ( Diploma ), laurea e post-laurea (corso di perfezionamento, diploma di specializzazione, master, o dottorato). In generale, la percentuale con laurea o post-laurea è leggermente più elevata tra i padri (31,1%) che tra le madri (30,4%). Essa è inoltre più elevata per gli Atenei del Centro e del Sud-Isole che per quelli del Nord (per le madri: 33,1% nel Centro, 30,3% nel Sud-Isole e 26,3% nel Nord, per i padri: 34,1% nel Centro, 30,8% nel Sud-Isole e 26,7% nel Nord). La tabella 27 mostra la distribuzione secondo il diploma dello studente condizionatamente al titolo di studio dei genitori, laddove disponibile. La tabella mostra chiaramente come la frazione di studenti con diploma di maturità classica o scientifica cresca al crescere del titolo di studio della madre e del padre, raggiungendo l 80% del totale tra gli studenti i cui genitori hanno un titolo post-laurea. La tabella 28 mostra la distribuzione secondo il diploma dello studente condizionatamente alla professione dei genitori (dirigente, impiegato, operaio, altro). I risultati sono simili a quelli della tabella 27, il che non sorprende data la forte associazione tra titolo di studio e professione. 17

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 7 IL SISTEMA UNIVERSITARIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, Norme di esecuzione del T.U. delle disposizioni sullo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Iscrizioni Part Time ai corsi dell Ateneo di Firenze Valutazione di una nuova opportunità Comitato Pari Opportunità Nucleo di Valutazione Interna Ufficio di Supporto al

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 Immatricolazione e Iscrizione ai Corsi di studio di cui ai DD.MM. 03.11.1999 n.509 (G.U. 04.01.2000), 04.08.2000 (G.U.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli