PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 Scuola primaria : Casa Circondariale Lamezia Terme Ins. Mendicino Ettore Scuola secondaria di primo grado: Ins. Miletta Fernando C. Ins. Vescio Ninfa M. Ins. Tramontana Umberto A. Ins. De Sensi Pietro Ins. Mastroianni Pasqualino V. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

2 L elaborazione di questo Piano è stata una conferma dell'importanza assunta dalla Scuola carceraria all interno del sistema di istruzione per gli adulti. Questa documentazione, rende pubblica l'offerta formativa di questa Scuola e fa conoscere il contesto in cui opera, per migliorare l'efficacia del processo d insegnamento, in un ambiente così particolare come il carcere, a contatto con una realtà problematica e mai abbastanza conosciuta. PREMESSA La scuola primaria in carcere è già presente da diversi anni a Lamezia Terme nella Casa Circondariale; in base all'o.m.455/97 è inserita nel Centro Territoriale Permanente per l istruzione e la formazione in età adulta e fa capo all Istituto Comprensivo Borrello Fiorentino di Lamezia Terme, con nove insegnanti. L art.1, della suddetta ordinanza, afferma il compito del C.T.P., ad assumere, d'intesa con gli istituti penali, " iniziative per lo svolgimento di attività di educazione degli adulti nelle carceri". La scuola all'interno del carcere rappresenta uno dei punti fondamentali del trattamento penitenziario volto al recupero della persona, rispondendo non solo all'esigenza del conseguimento di una licenza o di un titolo, ma anche promuovendo e stimolando nuovi percorsi educativi e formativi, per gli adulti detenuti, finalizzati: al recupero dell alfabetizzazione primaria; all insegnamento della lingua italiana a detenuti stranieri; all acquisizione di competenze di base; alla rieducazione della crescita civile. L'Istituzione Penitenziaria privilegia l'istruzione delle persone ristrette attraverso l'organizzazione di corsi di scuola dell'obbligo, d'intesa con il Centro Servizi Amministrativi e i Provveditorati regionali dell'amministrazione Penitenziaria. LA STRUTTURA E L UTENZA Nella Casa Circondariale di Lamezia Terme, nel corso degli anni, si è verificato un cambiamento radicale per quanto riguarda i corsisti detenuti; se inizialmente le classi erano composte per la maggior parte da italiani a bassissima scolarità, da alcuni anni la situazione è mutata: i corsisti italiani sono pochissimi, le classi sono composte da stranieri di provenienza magrebina, albanese, slava, paesi dell est, centro e sud-americana. Nella Casa Circondariale, quest'anno sono presenti un docente impegnato rispettivamente nel corso di Alfabetizzazione, una funzione strumentale e cinque docenti di scuola secondaria di primo grado per il conseguimento del titolo di Licenza Media. Tra gli iscritti, ripartiti in base alle competenze linguistiche, sono presenti tre gruppi. Gli inserimenti in questi gruppi vengono preceduti da colloqui individuali per verificare sia il livello di conoscenza della lingua italiana sia per avere delle informazioni del passato scolastico del corsista. 18

3 Il primo gruppo (AA 1) è formato da studenti non scolarizzati, da poco giunti in Italia e con scarsa conoscenza della lingua. il secondo gruppo (AA 2 ) è composto da studenti scolarizzati nel loro paese di origine che hanno una conoscenza funzionale dell'italiano orale, scarsa padronanza della lingua scritta; il terzo gruppo (AA 3 ) è composto da studenti che hanno un livello medio -alto e una conoscenza dell'italiano orale relativa ad aree comunicative strettamente legate all'esperienza quotidiana. L'analisi dei corsisti prevede due fasi: Stabilire che cosa sia possibile fare per migliorare una situazione. Stipulare e strutturare un patto formativo con il quale l allievo s impegna a seguire un percorso adatto alle proprie competenze, con regolarità e nel rispetto delle regole della scuola ; l insegnante, da parte sua, lo aiuterà ad affrontare le difficoltà, anche con interventi individualizzati. ISCRIZIONE AI CORSI Gli allievi che scelgono di iscriversi al corso hanno, come prima e sostanziale motivazione, quella di spezzare la monotonia della detenzione, nonché di "impegnare la mente" in contenuti non collegati alla carcerazione. Frequentando la scuola possono dimostrare a se stessi di essere in grado di realizzare "qualcosa" di positivo Grande importanza può assumere nella realtà carceraria il Patto Formativo. Esso può diventare il perno su cui muovere tutto l'intervento. È attraverso questo strumento che l'allievo e il docente elaborano insieme un piano, nel quale le offerte formative acquistano valore e senso per il futuro. È necessario rilevare che il Patto non può essere formulato "coscientemente" nell'incontro iniziale: molta è l'ignoranza (intesa come chiusura) e le difese che l'allievo mette in atto; ci vuole tempo prima che tale "diffidenza" venga meno e ceda il posto ad un'intesa reale che consenta la definizione cosciente del Patto, che si imposterà quindi, tenendo conto di una serie di elementi condizionanti: Lo stato di sofferenza degli allievi; La fragilità della persona; La difficoltà a pensare ad un futuro; La rigidità dell organizzazione; La variabile tempo; La diffidenza a stringere un patto. 19

4 Nella fase primaria o apparentemente neutrale, avrà luogo lo svolgimento di quelle attività relative all'accoglienza, alla conoscenza tra docente e discente, alla rilevazione dei livelli di partenza; tali attività proseguiranno anche in itinere per far fronte ad eventuali ridefinizioni del percorso educativo. Una tale procedura, prevede per i docenti la necessità di: Diagnosticare i bisogni; Stabilire un clima favorevole all apprendimento; Creare un meccanismo per la progettazione comune; Formulare un offerta formativa che risponda alla pluralità delle esigenze degli utenti. I corsi di scuola elementare presso la Casa Circondariale di Lamezia Terme si svolgono nella fascia oraria messa a disposizione dalla Direzione Penitenziaria per lo svolgimento dell attività scolastica: dalle 8,30 alle 11,45 e dalle 13,30 alle 16, 30 con distribuzione dal lunedì al venerdì. L'attuale tempo scuola è di 24 ore di lezione di cui 19 frontali presso la Casa Circondariale che saranno finalizzate prioritariamente al recupero dell utenza carceraria e 5 di attività didattica di supporto presso la sede del C.T. P. Il numero dei corsisti per classe deve essere limitato a un massimo di 12 e un minimo di 5 e ove il numero minimo dovesse venir meno l insegnante sarà utilizzato in altri corsi. Le attività, come previsto dalla normativa, si articolano in 200 giorni all anno, da settembre a giugno, con lo stesso calendario della scuola elementare. Le iscrizioni dei corsisti sono sempre possibili durante il corso dell'anno. I corsisti hanno l obbligo di frequentare i corsi tutti i giorni, gli insegnanti, in accordo con la Direzione Carceraria, a seguito di tre assenze consecutive ingiustificate, convocano il corsista per un colloquio che chiarisca le ragioni dell assenza; dopo sei consecutive o quindici in corso d anno, l agente di custodia cancella il corsista dagli elenchi. Questo avviene al fine di responsabilizzare i detenuti rispetto all impegno preso all atto dell iscrizione e non occupare con frequenza saltuaria i posti che potrebbero essere fruiti da altri. La frequenza ai corsi d alfabetizzazione è subordinata alle esigenze dell organizzazione penitenziaria: sicurezza, vigilanza, licenze ravvicinate, etc.. Pertanto è necessario, per migliorare la qualità dei servizi e per migliorare i rapporti tra i vari operatori carcerari e scolastici, mantenere la Commissione Didattica (art.41 dell Ordinamento Penitenziario) formata dal Direttore del carcere, dagli educatori e dagli insegnanti. Si potranno così rendere noti, nella sede giusta le attività scolastiche, le norme di accesso ai corsi, le regole comuni da rispettare, in rapporto alle rispettive funzioni e al fine di evitare inopportune interferenze. FINALITÀ GENERALI E METODOLOGIA La scuola primaria in carcere, più di ogni altro ordine di scuola, deve mettere in primo piano come oggetto della sua azione, la coscienza del soggetto, per ricostruire ma anche per contrastare per quanto è possibile gli inevitabili effetti della detenzione, quali la disperazione, la regressione e la rassegnazione. 20

5 Lo scopo della scuola elementare in carcere è quella di fornire un istruzione di base per promuovere la crescita civile del detenuto, contrastare l esclusione sociale e creare le condizioni idonee all'avvio e al proseguimento del processo di recupero di una diversa immagine del sé. E' fondamentale riuscire a far recuperare agli allievi le esperienze positive del passato e le potenzialità non "sfruttate" per poter poi costruire un nuovo progetto di vita; diventa molto significativo anche per gli insegnanti, far memoria delle proprie esperienze presenti e passate e di non considerare nessuna persona una persona perduta; perciò chi insegna in carcere, dovrebbe essere animato, oltre che dalla passione per il proprio lavoro, da saggezza, equilibrio, pazienza e dalla volontà di promuovere il cambiamento. I principi fondamentali ai quali la scuola carceraria rapporta la propria azione, ovvero la ragion d'essere, sono: uguaglianza, ogni detenuto è un aspirante allievo; gli allievi meritano uguale attenzione e considerazione; accoglienza: si informerà gli allievi sulla funzione della scuola in un istituto di reclusione, si accoglieranno le loro aspettative fornendo percorsi per soddisfare gli obiettivi; la scuola consentirà, infine, l integrazione, intesa come adattamento all istituto, alla vita carceraria e al gruppo. Si cercherà inoltre, di suscitare interesse e motivazione, utili a stimolare le capacità intuitive; si affronteranno varie questioni per rendere attivo e personale il processo di apprendimento; si sistemeranno progressivamente le conoscenze acquisite in modo da indurre l allievo ad esercitare le proprie capacità. La metodologia è orientata sulla specificità del detenuto e tesa a provocare il suo interesse anche con mezzi autonomi dalla tradizionale didattica: flessibile, individualizzata con l utilizzo di tecniche che suscitino interesse negli utenti, la produzione autonoma di materiali didattici e di valutazione, l introduzione e il potenziamento di tecnologie multimediali. CRITERI E FINALITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA I docenti hanno individuato nell organizzazione dell attività una strategia formativa in cui l organizzazione prevede attivazione di percorsi didattici di breve durata. Questa scelta è motivata dalla presenza, spesso, per brevi periodi di tempo dei detenuti. Sono state predisposte azioni finalizzate all'alfabetizzazione culturale e funzionale e al consolidamento di conoscenze già acquisite. Nella fase primaria sono comprese le attività relative all'accoglienza, alla conoscenza tra docente e discente, alla rilevazione dei livelli di partenza. I colloqui, i tests, ovvero le prove di ingresso, danno la possibilità all'insegnante di creare gruppi di lavoro in parte omogenei, relativamente alla scolarizzazione, nonché al grado di partecipazione. I criteri che orientano la programmazione del gruppo docente sono i seguenti: Partire dai bisogni di apprendimento dei corsisti per recuperare un sapere perduto o acquisito in modo frammentario; Tenere conto del contesto scolastico in cui si opera, infatti l utenza carceraria è costituita da extra-comunitari clandestini o di italiani a bassa scolarità. 21

6 L insegnamento si articolerà attraverso: Interventi mirati alla discussione comune; lezioni con brevi spiegazioni dell insegnante, seguite da lavoro personale; discussioni libere o guidate; attività individuale o di gruppo. L'azione specificatamente educativa ed istruttiva si rapporta alla programmazione dei singoli docenti, che adotteranno una programmazione flessibile, adeguandola alle varie esigenze, che verranno sviluppate su percorsi di breve durata. Le programmazioni faranno riferimento alle seguenti quattro aree: 1. Area linguistico-comunicativa che comprende: L Alfabetizzazione linguistica, intesa come attività Comunicativa per l apprendimento di una lingua viva e spendibile; attività di rinforzo grammaticale/sintattico. Potenziamento del lessico. ASCOLTARE COMPRENDERE COMUNICARE ORALMENTE SCRIVERE Ascoltare e comprendere semplici messaggi verbali. Ascoltare testi letti o raccontati da altri, le richieste e le istruzioni relative al lavoro scolastico. Comprendere ed utilizzare semplici regole ortografiche e morfologiche. Comprendere argomenti e linguaggi specifici. Comprendere le spiegazioni dell insegnante. Comprendere un racconto o un breve testo. Raccontare brevi esperienze personali. Partecipare in modo ordinato alle conversazioni libere o guidate su temi di attualità ed esperienze vissute. Saper scrivere parole e semplici frasi, spontaneamente o sotto dettatura. Produrre e rielaborare semplici testi (nella f orma della cronaca,del diario,del resoconto,della lettera). Compilare moduli(istanze, richieste varie). Produrre brevi testi poetici,anche in dialetto. 2. Area scientifico-matematica che comprende: Lo sviluppo delle capacità logico-matematiche relative ad un saper operare funzionale alla comprensione di problemi, gradualmente più complessi. La conoscenza delle funzioni degli organi e degli apparati del corpo umano. I primi elementi di igiene. Padroneggiare abilità di calcolo Eseguire le quattro operazioni. Conoscere e usare i numeri fino a

7 orale e scritto Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi Conoscere e usare linguaggi logici. Osservare, porre domande, fare ipotesi e verificare Eseguire calcoli mentali con addizioni e sottrazioni. Eseguire calcoli con i numeri decimali. Riconoscere problemi in situazioni di apprendimento. Rappresentare in modo verbale e iconico una situazione problematica. Risolvere semplici problemi sulla compravendita. Formulare ipotesi di soluzione. Usare correttamente i correttivi logici: non, e, o. Calcolare la percentuale. Osservare e descrivere la struttura del corpo umano. Individuare e conoscere le principali norme di igiene personale e quelle relative alla collettività. Conoscere le fondamentali misure igienicoprofilattiche,atte a prevenire la diffusione delle malattie infettive. 3. Area storico-giuridica e ambientale che comprende: Lo studio delle epoche storiche in l uomo si è dovuto organizzare, per tutelare i diritti e darsi dei doveri, dagli uomini primitivi alle civiltà fluviali, ai giorni nostri. La considerazione del ruolo di un recluso,in rapporto all istituzione;la conoscenza delle nuove norme contenute nell Ordinamento Penitenziario e dei primi quattro articoli della Costituzione italiana. Lo studio dell ambiente, in rapporto ai mutamenti causati dall inquinamento atmosferico; la conoscenza del proprio paese. Conoscere, comprendere, ricostruire eventi e trasformazioni storiche. Elementi di Educazione civica Comprendere il rapporto Uomo - ambiente 23 Individuare eventi storici e le relative trasformazioni. Conoscere le epoche storiche in rapporto alla costituzione della società civile. Saper comprendere che il rispetto dei diritti umani, è il presupposto fondamentale della pace e della giustizia fra gli uomini. Conoscere i primi quattro articoli della Costituzione Italiana. Saper considerare il proprio ruolo di recluso in rapporto all Istituzione. Conoscere articoli dell Ordinamento Penitenziario che indicano diritti e doveri dei soggetti,in stato di detenzione. Conoscere il proprio paese. Conoscere e localizzare le principali città italiane. Saper interpretare l ambiente in chiave ecologica. Identificare interventi negativi dell uomo sull ambiente (l inquinamento atmosferico).

8 4. Area tecnologico-informatica che comprende: La conoscenza dei primi elementi d informatica; l informatica come linguaggio e come materia scolastica Conoscere i primi elementi di informatica Apprendere l utilità del computer e della videoscrittura Conoscere i primi elementi di base Word processing,in ambiente Windows. Utilizzare i programmi Utilizzare semplici software funzionali alla didattica. VALUTAZIONE DEI CORSISTI La finalità della scuola carceraria è il reinserimento sociale del recluso; a tale reinserimento sono finalizzati tutti i tentativi della prassi educativa. La scuola è il luogo privilegiato nel quale l'istruzione si fa strumento per la definizione di una corretta autocoscienza. L'offerta formativa è delineata in base alle esigenze dell'utenza e alla effettiva possibilità di risposta. Al termine dei corsi potrà rilasciato un attestato di partecipazione, si ridurrà così il numero di coloro che lasciano le attività scolastiche senza certificazione, o perché trasferiti o perché scarcerati. Conseguiranno la licenza elementare coloro che avranno raggiunto gli obiettivi o le competenze fondamentali e frequentato costantemente per la durata dei corsi. La valutazione e la certificazione dei corsisti avviene in modo tradizionale per quanto riguarda ciò che può attestare la loro frequenza, il raggiungimento delle competenze disciplinari e il conseguimento della licenza elementare. I registri e gli attestati sono uguali a quelli usati per la scuola comune. In questo contesto, parlare di valutazione vuol dire: Verificare apprendimenti/conoscenze/competenze degli allievi, in relazione agli obiettivi concordati e ai percorsi didattici svolti. Valutare, in itinere, i risultati ottenuti dagli allievi per adottare eventuali interventi correttivi. Valutare, al termine di un percorso didattico o dell anno scolastico, il rendimento complessivo di ogni allievo. 24

9 SPAZI E MATERIALE DIDATTICO Gli spazi per lo svolgimento delle lezioni scolastiche sono limitati e ristretti: la struttura disponibile consiste in una saletta adibita ad aula scolastica. Per gli insegnanti che, per motivi vari, non riescono a completare l orario scolastico nella loro sede è prevista la possibilità di completamento il C.T.P.. Nella nostra scuola non si usa un unico libro di testo perché ogni insegnante ne sceglie diversi, in base alle esigenze o richieste degli allievi: saggi, enciclopedie (Cd -rom), vocabolari, schede grammaticali, con esercizi raccolti negli anni precedenti; libri di narrativa e di poesie, che fanno parte della piccola biblioteca scolastica. Sono stati acquistati, come supporto didattico, films e documentari in videocassette e DVD. Particolare attenzione merita il reperimento, la conservazione, la creazione di un elenco aggiornato di detto materiale. FORMAZIONE E QUALIFICAZIONE DEGLI INSEGNANTI Per accedere al ruolo, gli insegnanti della scuola carceraria dovrebbero possedere il Diploma di Specializzazione: essi infatti, appartengono al ruolo speciale in base alle Leggi n 535 del 3/4/1958 e n 72 del3/2/1963, istituite a seguito di intesa tra i Ministeri dell Istruzione e di Giustizia. La legge n 72, tra l'altro, sancisce che ogni atto dell'uno, emanato senza il consenso dell'altro, è nullo. I criteri da adottare per l assegnazione dei docenti sono specificati nell O.M. n 371/94: i posti, qualora non siano coperti da titolari di ruolo, forniti di specializzazione, devono essere coperti in via prioritaria con docenti non di ruolo, iscritti nelle apposite graduatorie speciali ed in possesso del titolo di specializzazione, conseguito al termine degli appositi corsi, svolti d intesa tra i due Ministeri. Nel caso di mancanza o esaurimento delle graduatorie speciali, potranno essere utilizzati, a domanda, insegnanti di ruolo a disposizione,con preferenza per coloro che saranno ritenuti qualificati, per i titoli professionali e culturali posseduti, anche se sprovvisti dello specifico titolo richiesto. Qualora non sia possibile utilizzare docenti di ruolo, tali insegnamenti dovranno essere assicurati, anche assumendo, con contratto a tempo determinato, docenti iscritti nella graduatoria provinciale per posti comuni. Dal 1987, non vengono più realizzati corsi finalizzati al conseguimento di questa specializzazione, per cui sono stati sempre nominati insegnanti provenienti soltanto dal ruolo comune, sprovvisti di titolo. Inoltre ogni anno, i docenti cambiano: questa situazione crea molta confusione e non qualifica di certo, chi ha già esperienza nel settore o chi ne dovrà acquisire. Attualmente, nella Casa Circondariale di Lamezia Terme, è presente, quale docente di scuola elementare carceraria un insegnante, sprovvisto di titolo. PROGETTI Progetto - Il cineforum - espletato dalla F.S. Area 3A L attività relativa all analisi di un testo filmico permette di creare un momento proficuo per l apprendimento, la riflessione ed il confronto. 25

10 La lettura e l approfondimento di alcuni argomenti favoriscono: o l ampliamento delle capacità linguistiche,espressive e critiche o un miglioramento della comunicazione e della socializzazione attraverso l espressione diretta o indiretta delle proprie idee, dei bisogni e dell affettività Progetto Lettura Ulteriori altri corsi potranno essere attivati in funzione delle esigenze e delle disponibilità logistiche della struttura carceraria. Indirizzi utili: Centro Territoriale Permanente Piazza Diaz Lamezia Terme (CZ) Tel Fax Istituto Comprensivo Borrello- Fiorentino 88046Lamezia Terme Via Matarazzo (CZ) Tel /Fax / E.mail:CZIC868000struzione.it Casa Circondariale Lamezia Terme Vico Carcere (CZ). Tel Fax

11 Allegati A B C D E 27

12 Allegato A Quadro riassuntivo delle attività svolte Dal CTP/Ida di Lamezia Terme che ha sede c/o la scuola Media statale F.Fiorentino a partire dall a.s. 2001/2002 al 2009/2010 -CA. Corso di alfabetizzazione culturale ex licenza elementare -SC Scuola Carceraria -CSI. Corso di scuola secondaria di 1 grado(licenza media) -CILS. Corsi a favore di cittadini stranieri per l integrazione linguistica e sociale -CBM. + C Corsi brevi modulari di alfabetizzazione funzionale + Corso tipologia diversa - Tipologia del corso Anni Scolastici Certificati Certificati Certificati CA SC CSI Certificati Certificati Certificati Certificati Tot. CILS CBM* Pon + 1C Pon Pon Pon +1C Pon +4C Pon +3C Pon +3C

13 Anni Scolastici Tot. Tipologia del corso Certificati o licenziati Certificati Certificati Certificati Certificati Certificati Certificati CA SC CSI CILS CBM* Pon + 8 C Pon Il Dirigente Scolastico/Coordinatore del Centro Prof. Ernesto Antonini 29

14 Allegato B CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE IN ETÀ ADULTA sede I.C. Lamezia Borrello-Fiorentino Via Matarazzo Tel. e Fax E.mail: LAMEZIA TERME ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SEI UN ADULTO DI QUALSIASI ETÀ, UN LAVORATORE, UNA CASALINGA,UN CITTADINO STRANIERO? RISIEDI NEL TERRITORIO LAMETINO? NON HAI POTUTO CONSEGUIRE IL DIPLOMA DI LICENZA MEDIA? LA SOLUZIONE E : C.T.P.-IDA LAMEZIA TERME SONO APERTE LE ISCRIZIONI AL CORSO GRATUITO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LICENZA MEDIA LA FREQUENZA AI CORSI PUO VARIARE IN BASE ALLA TUA PREPARAZIONE. SI TERRA CONTO, NEI LIMITI DEL POSSIBILE, DELLE TUE ESIGENZE E DEI TUOI PROBLEMI. I corsi inizieranno il 1 ottobre 2012 Possono iscriversi persone di età superiore ai 16 anni I corsi potranno essere distaccati presso altre sedi statali o comunali del territorio lametino. PER ISCRIVERTI VIENI DIRETTAMENTE ALLA NOSTRA SEDE, I.C. Borrello- Fiorentino VIA MATARAZZO, LAMEZIA TERME SAMBIASE PER INFO: TEL E.MAIL 30

15 Allegato C Ministero Della Pubblica Istruzione CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE IN ETÀ ADULTA c/o I.C. BORRELLO-FIORENTINO Via Matarazzo Tel./ Fax Cod. Mecc. : czic E.mail: LAMEZIA TERME MODULO D ISCRIZIONE SCUOLA SECODARIA DI 1 GRADO - a.s. 2012/2013 Al Dirigente Scolastico Il sottoscritto/a chiede di essere ammesso/a a frequentare il CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO istituito presso questa scuola per l Anno Scolastico 2012/2013. A tal fine dichiara, sotto la propria responsabilità che rispondono a verità, i seguenti dati personali: Cognome Luogo di nascita Data di nascita M F Nome Nazione Residenza: Indirizzo Città.. Prov.( ) Domicilio: (compilare solo se diverso dalla residenza) Tel. cell. Titolo di studio Quanti anni di scuola nel proprio Condizione lavorativa: (barrare con una crocetta) In cerca di prima occupazione Disoccupato/a Settore d attività: Agricoltura Casalinga Pensionato/a Industria terziario Lavoratore/trice dipendente 31

16 Lavoratore/ trice autonomo/a Studente/ssa Orario preferito per la partecipazione ai corsi: Antimeridiano Pomeridiano Serale Trattamento dei dati personali Il /La sottoscritta dichiara che il CTP/IDA di Lamezia Terme può utilizzare i dati contenuti in questo documento, a seguito della Legge del n. 675 Tutela della privacy art. 27 e art. 13 del DLgs 196/03, esclusivamente per i fini di questa Amministrazione. In fede Data e firma leggibile Allega i seguenti documenti: Carta d identità (fotocopia) Per Stranieri Passaporto (fotocopia) Permesso di soggiorno (fotocopia) Ricevuta di pagamento permesso di soggiorno Lamezia Terme lì, / / Firma 32

17 Ministero Della Pubblica Istruzione CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE IN ETÀ ADULTA c/o I.C. BORRELLO-FIORENTINO Via Matarazzo Tel./ Fax Cod. Mecc. : czic E.mail: LAMEZIA TERME MODULO D ISCRIZIONE ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA L2 PER CITTADINI ITALIANI E STRANIERI a.s. 2012/2013 Al Dirigente Scolastico Il/la sottoscritto/a chiede di essere ammesso/a a frequentare il CORSO DI LINGUA ITALIANA L2 istituito presso questa scuola per l Anno Scolastico 2012/2103. A tal fine dichiara, sotto la propria responsabilità, che rispondono a verità, i seguenti dati personali, nonché di essere in possesso del permesso di soggiorno richiesto: Cognome / Surname... Luogo di nascita/ Place of birth... Paese /Country.. Cittadinanza /Citizenship /.. In Italia dalla data/ In Italy from / / Titolo di studio Educational degree Nome / Name Data di nascita /Date of birth M F Indirizzo attuale / Residence Permanent Address Città / City. Tel. cell./mobile phone desidero ricevere SMS / Please send S.M.S. / SI YES . Anni di scuola nel proprio paese How long have you studied in your country? 33

18 Hai già frequentato altri corsi d italiano? Did you attend any other Italian course? SI /YES NO Se sì,dove? If you did, where? nel tuo Paese / in your country al CTP /at CTP in Italia /in Italy altro/ in another place Attualmente lavori? / Are you working now? YES/SI NO Working conditions / Condizione lavorativa: (barrare con una crocetta) In cerca di prima occupazione / In search of first job Disoccupato/a / Unemployed Casalinga / Housewife Pensionato/a / Retired Lavoratore/trice dipendente / Employed Lavoratore/ trice autonomo/a / Self Employed Studente/ssa / Student Professione / Job Sectors / Settore d attività: (barrare con una crocetta) Agricoltura / Agriculture Industria / Industry terziario / Service Industry Orario preferito per la partecipazione ai corsi: Antimeridiano Pomeridiano Serale Trattamento dei dati personali Il /La sottoscritto/a dichiara che il CTP/IDA di Lamezia Terme può utilizzare i dati contenuti in questo documento, a seguito della Legge del n. 675 Tutela della privacy art.13 e art. 27 del DLgs 196/03, esclusivamente per i fini di questa Amministrazione. In fede Data e firma leggibile Permission to use your personal data: The undersigned authorizes the C.T.P. school to make use of his own personal data, according to the item: art. 13 e art. 27 del D.Lgs.n.196/03. 34

19 Signature Lamezia Terme lì, Allega i seguenti documenti / Documents enclosed: Titolo di studio per studenti stranieri (fotocopia) / Educational Degree (photocopy) Passaporto (fotocopia) / Passport (photocopy) Permesso di soggiorno (fotocopia) / Residence Permit (photocopy) Carta d identità (fotocopia) / Identity Card (photocopy) Ricevuta di pagamento permesso di soggiorno / Payment Receipt Residence Permit (photocopy) Data /date Lamezia Terme lì, / / Firma / Signature Ministero Della Pubblica Istruzione CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L EDUCAZIONE IN ETÀ ADULTA c/o I.C. BORRELLO-FIORENTINO Via Matarazzo Tel./ Fax Cod. Mecc. : czic E.mail: LAMEZIA TERME MODULO D ISCRIZIONE PER MINORI - a.s. 2012/2013 Al Dirigente Scolastico Il/la sottoscritto/a genitore tutore dell'alunno/a M F chiede che il/la proprio/a figlio/a venga iscritto/a a: alfabetizzazione di lingua italiana L2 scuola secondaria di 1 grado ( ex licenza media) Data 35 FIRMA

20 (Il genitore o tutore se minore) A tal fine dichiara, in base alle norme sullo snellimento dell attività amministrativa e consapevole delle responsabilità cui va incontro in caso di dichiarazione non corrispondente al vero, che l alunno/a Cognome e nome Codice fiscale è nato/a a (prov. ) il è cittadino/a Italiano/a altro (indicare quale) è residente a (prov. ) C.A.P. in Via N. telefono. proviene dalla scuola ove ha frequentato la classe / lingua straniera studiata Orario preferito per la partecipazione ai corsi: Antimeridiano Pomeridiano Serale Lamezia Terme lì / / Firma di autocertificazione (Leggi 15/98 127/97 131/98) Trattamento dei dati personali Il /La sottoscritto/a dichiara che il CTP/IDA di Lamezia Terme può utilizzare i dati contenuti in questo documento, a seguito della Legge del n. 675 Tutela della privacy art. 27 e art. 13 del DLgs 196/03, esclusivamente per i fini di questa Amministrazione. In fede Data e firma leggibile Lamezia Terme lì / / Firma 36

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

... l... sottoscritt... padre madre tutore. dell alunn... Cognome e nome. c h i e d e

... l... sottoscritt... padre madre tutore. dell alunn... Cognome e nome. c h i e d e DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO LEGNAGO Via Giordano Bruno 3-37045 LEGNAGO (VR) - TEL. 0442 20555 - FAX 0442 601379 DOMANDA DI ISCRIZIONE-ANNO SCOLASTICO 2006/2007 AL DIRIGENTE SCOLASTICO... l... sottoscritt......

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SANTAROSA AL DIRIGENTE SCOLASTICO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SANTAROSA AL DIRIGENTE SCOLASTICO DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SANTAROSA AL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO LEON BATTISTA ALBERTI - VIA Tolmino 40 10141 Torino tel. 011-19710282 fax 011-3852874 e-mail:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli