s ommario N Anno XVIII ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE AUTONOMA ITALIANA LAVORATORI POSTELEGRAFONICI 3 All amico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "s ommario N 3-4 - Anno XVIII - 2014 ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE AUTONOMA ITALIANA LAVORATORI POSTELEGRAFONICI 3 All amico"

Transcript

1 Autorizzazione Tribunale Roma N. 382/97 - Poste Italiane S.P.A Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in. L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 2 - DRCB - Roma ANNO XVIII - N

2 2014 N Anno XVIII ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE AUTONOMA ITALIANA LAVORATORI POSTELEGRAFONICI Direttore Responsabile Francesco Cavallaro Direttore Walter De Candiziis Comitato di Redazione Walter De Candiziis, Massimiliano Leonardo, Salvatore Fasciana, Sergio Seminara, Maurizio Moriccioni. Editing testi e foto Massimiliano Leonardo Grafica E-graf - Roma Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana Direzione e Redazione: Via dell Amba Aradam, Roma Tel Fax Internet: Registrazione presso il Tribunale di Roma n 00382/97 del Iscrizione R.O.C. n Finito di stampare Aprile 2014 uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu 3 All amico s ommario 3 4 Il ruolo politico del CRAL Poste4 5 Semplificazione dei contratti di lavoro Quell aspro sapore di antico 7 della Camera e Senato 9 9 INSERTO: L analisi dei documenti presentati all ESECUTIVO NAZIONALE di RIMINI e conseguenti azioni strategiche sindacali 7 Sull alienazione quote M.E.F. 40% di Poste c è il S Ì Abbiamo una banca Postel/Postelprint S.p.a. la strada per la crescita

3 Sindacalisti per passione! Chi ha scelto di essere sindacalista in Failp è stato attratto da un sistema di valori, autonomia, un modello sindacale di vita sociale, l identità ben definita di parte sociale e poi l adesione ai programmi, alla lotta, per non essere esclusi, il raggiungimento dell obiettivo di pari dignità Carlo Lima Addio, Addio amici miei. Con un sorriso vi saluto. No, non versate lacrime, non ne ho bisogno. Voglio soltanto il vostro sorriso. Se la tristezza vi assale, pensatemi... e io sarò felice. Ricordate bene: quando vivi nel cuore di chi ami, non morirai mai. RABINDRANATH TAGORE Premio Nobel letteratura 1913 Il 17 marzo è venuto a mancare Carlo Lima, Dirigente della Failp e condirettore di Failp Oggi. A L L A M I C O Quando apprendi la notizia della scomparsa di qualcuno, ti assale la tristezza per la vacuità della vita, ma quando viene a mancare un tuo vicino, un collega, un amico, un familiare, allora il dolore si fa rabbia e sgomento, per avere perduto l occasione di dirgli qualcosa d importante o di non avere saputo sufficientemente ascoltare ciò che aveva da dirti. La vita è un dono e la morte è nella natura delle cose, soprattutto per un credente e Carlo lo era in modo convinto, per come viveva e praticava l impegno quotidiano, con spirito cristiano. La sua scomparsa nella serata dello scorso 17 marzo, a pochi minuti dall ultimo incontro e dall ultimo colloquio a tema sul lavoro e l impegno sindacale, ci ha lasciati sgomenti ed il vuoto della sua scrivania, delle sue carte, cui stava lavorando ancora qualche ora prima di quel tragico istante, sarà difficile da colmare. Per questo, il modo migliore di ricordarlo è nella frase che gli abbiamo dedicato Nessuno muore sulla terra, finché vive nel cuore di chi resta. Il silenzio, a volte parla più delle parole. Ciao Carlo!

4 Riflettere dentro o ai margini del possibile ruolo politico delle organizzazioni non-profit (uso volontariamente questa accezione ampia, includendovi un po tutte le organizzazioni della società civile, operanti nel campo dei servizi alla persona), impone grande attenzione sia alle trasformazioni interne che ai processi esterni delle stesse. Faccio qualche esempio, è proprio vero che le organizzazioni associative sono in crisi? O non è forse vero che in crisi sono quelle strutture appartenenti alle potenti lobbie economiche e clientelari? Questo è il punto di partenza, credo che nessuno può chiamarsi fuori da questa situazione, poiché, certo con responsabilità diverse, tutti ne siamo coinvolti. Il ruolo delle organizzazioni non-profit ( ), è che sono le uniche realtà che possono assicurare continuità per la soddisfazione dei bisogni dei cittadini. Ritroviamo spesso una forte carica ideale in coloro che operano in questi settori, quali il Sindacato, i Cral, il Pauuuuuuu 1 pp olitiche sociali Il ruolo politico del CRAL Poste (in ricordo di Carlo) Abbiamo scelto di ricordarlo con le SUE PAROLE e le SUE IDEE che riproponiamo in questa pagina in cui egli ha affrontato uno dei temi su cui oggi si sta cimentando il tavolo sindacale nazionale, il ruolo politico delle organizzazioni non-profit ed in questo senso la missione del CRAL. Il testo è un articolo firmato da Carlo Lima qualche tempo fa, ancora oggi di particolare attualità. tronato, le Associazioni di volontariato, ecc. Spesso ci troviamo ad operare, anche come CRAL, in una società dove sono presenti realtà come quella della dequalificazione dei servizi, riduzione di fatto delle prestazioni sociali per chi ne ha più bisogno, oppure evasione fiscale, taglio della spesa sociale. Se mettiamo insieme queste caratteristiche, ci troviamo davanti una società che presenta elementi comuni alle moderne società post-industriali, con forme sociali a volte pre-moderne quali il clientelismo e la mancanza di senso civico, anche all interno delle nostre strutture. È dentro questo quadro, volutamente poco ottimistico (onde evitare pericolose illusioni) che si colloca questa riflessione sul ruolo del CRAL. Nell arco degli ultimi 2 anni, questo ruolo d impiego nel sociale è passato (almeno a livello d autoriflessione) da intervento di tipo assistenzialistico ad interventi centrati sullo sviluppo della persona, del territorio e della soddisfazione dei bisogni che vanno dalla gestione del tempo libero alla cultura. Da questa analisi discendono alcune conseguenze ed alcuni attributi caratteristici dell attività del CRAL. La prima è che l azione solidaristica non può limitarsi alla gestione del business con le agenzie di viaggio e/o alla pubblicità dei servizi per conto terzi. La seconda è un rilancio delle nostre attività, rinnovando la qualità dei servizi offerti, rispetto ad una domanda sociale in profondo mutamento sul territorio di tipo culturale-educativo (es. doposcuola per i figli dei postelegrafonici, incontri formativi, ecc.). La terza è che il CRAL, allo stato attuale, con la trasformazione in S.p.A. delle Poste, non deve essere considerato un appendice sindacale. È su queste linee strategiche che la FAILP CISAL intende confrontarsi. 4 FAILPOGGI - 3-4/2014

5 uuuuuuu 2 n ormativa Semplificazione dei CONTRATTI DI LAVORO 2014 Il nuovo contratto a termine dal 21 marzo eliminato l obbligo della causale può avere una durata massima di 36 mesi si possono accendere contratti a tempo determinato a- causali per singolo datore di lavoro nel limite massimo del 20% dell organico complessivo, fatte salve talune specificità (imprese fino a 5 dipendenti, avvio delle nuove attività d impresa, imprese stagionali, ragioni di carattere sostitutivo, imprese dello spettacolo; con lavoratori superiori a 55 anni) i singoli contratti a tempo determinato possono essere prorogati fino ad 8 volte (per la medesima attività lavorativa per cui il contratto era stato stipulato), pertanto il datore di lavoro potrà stipulare detti contratti senza giustificare l assunzione, fino ad un massimo temporale di 36 mesi il contratto a termine dovrà comunque essere stipulato con atto scritto e deve contenere l indicazione del limite di durata non c è alcun obbligo di dichiarare per iscritto il piano formativo (es. nell apprendistato) il limite quantitativo della somministrazione dei contratti a tempo determinato resta affidato alla contrattazione collettiva nazionale (ccnl stipulati dai sindacati comparativamente più rappresentativi) Ma ad avviso della Failp la prospettiva deve restare il contratto a tempo indeterminato FAILPOGGI - 3-4/2014 Il nuovo Contratto di Apprendistato dal 21 Marzo può essere utilizzato per i giovani dai 15 ai 29 anni, secondo le tipologie (Apprendistato per la qualifica, diploma professionale, professionalizzante o di mestiere, di alta formazione e di ricerca). il contratto (o patto di prova) deve essere in forma scritta e può avere durata massima di tre anni la durata minima del contratto è di sei mesi, salvo i casi disciplinati per l Apprendistato di alta formazione e ricerca è prevista la possibilità di inquadrare l apprendista fino a due livelli inferiori, rispetto alla categoria spettante, in applicazione del CCNL di riferimento, oppure in alternativa, di stabilire la retribuzione dell apprendista in misura percentualmente inferiore con gradualità rispetto all anzianità di servizio prevista la presenza di un tutor aziendale o referente; le aziende possono usufruire del finanziamento dei percorsi formativi tramite i fondi paritetici interprofessionali il periodo dell apprendistato si prolunga corrispondentemente in caso di malattia, o infortunio, superiore a trenta giorni, secondo le previsioni del CCNL di riferimento nel periodo della formazione il datore di lavoro può recedere dal contratto solo in presenza di giusta causa-giustificato motivo a pena delle sanzioni di legge sulla formazione: 120 ore per gli apprendisti privi di titolo, in possesso di licenza elementare e/o della sola licenza di scuola secondaria di I grado / 80 ore per gli apprendisti in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado / 2-40 ore per gli apprendisti in possesso di laurea o titolo equivalente il datore di lavoro può recedere dal contratto con i termini di preavviso contrattualmente vigenti, decorrenti dal termine del periodo di formazione ai sensi dell art C.C. Se nessuna delle parti esercita la recessione al termine del periodo di formazione, il rapporto prosegue come ordinario rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato 5

6 uuuuuu 3 ii ndigniati postali Quell aspro sapore di Antico Ancora una volta prevale la logica del lobbismo? Ci sembra questa l unica interpretazione delle esternazioni ascoltate nelle ultime settimane, da parte di alcuni personaggi importanti della politica e perfino di qualche componente sociale. Forse sono le sindromi, congressuale da una parte ed elettorale dall altra, che attanagliano un po tutti a motivare talune incredibili dichiarazioni, che lasciano sbalorditi quanti hanno a cuore le sorti degli italiani e del paese. Chi può, o vuole, assalta i governanti di turno all arma bianca per salvare il proprio orticello, anche quando (udite! udite!) un esecutivo lancia l idea di diminuire / contenere concretamente i costi della politica, tagliare spese scandalose, riformare lo Stato ed affrontare il problema dei costi dei manager, ammodernare il paese, abbassare la tassazione del lavoro/impresa, restituire potere d acquisto alle classi deboli, anche se purtroppo senza migliorare le pensioni (il problema di sempre). Da anni in Italia e non solo, siamo sempre più alle prese con l impazzimento dell economia e l assalto all arma bianca della new economy, quella globalizzazione tanto celebrata come opportunità di sviluppo per tutti, che ha finito per confinarci in cattive acque. Da ogni parte si accendono nuove attività economiche totalmente de-regolate, che vengono tollerate e da cui escono manufatti di scarsa qualità e di poco prezzo, ad affollare i banchi dei mercatini ed i negozi etnici che si mantengono a galla, nonostante il buon senso ci faccia affermare che spesso si tratta di pratiche poco trasparenti o sul filo dell illegalità, oltre che di materiali poco sicuri o concretamente nocivi. Ascoltare roboanti proclami (tuffo nostalgico nel passato remoto) di forze sociali e datoriali che rilanciano la concertazione/consociativismo, dimenticando gli insegnamenti del passato, sa dell incredibile: come se per parlarsi ed ascoltarsi debbano sempre servire un tavolo lungo qualche metro ed estenuanti discussioni fra pompose delegazioni, mentre fuori mercati e finanza fanno macelleria sociale, la disoccupazione cresce e le imprese egoisticamente delocalizzano Nell era dei social network e della comunicazione elettronica e digitale, ancora esistono componenti sociali che pensano di farci perdere tempo e denaro, per mettere la loro faccia nei tiggi e potere vantare qualche conquista, spacciata poi come panacea di tutti i mali, quando dagli anni 90 in poi si tratta degli stessi protagonisti che ci hanno cacciato in quell infernale groviglio di interessi fra politica-appalti-traffici-potere, che ha dato vita all enorme debito pubblico che grava sulle nostre teste (circa miliardi pari a euro per ciascun cittadino italiano, neonati compresi). In Italia non è facile immaginare una nuova società equilibrata e virtuosamente compensata, in cui merito e valori siano complementari con sistemi di organizzazione sociale equi per tutti, in cui prevalgano gli interessi comuni, piuttosto che quelli delle associazioni, partiti, comitati d affari, sottoboschi, malversatori, padroncini di tessere di ogni tipo; ma chiunque lavori per costruirla va rispettato e soprattutto messo alla prova, se occorre dandogli dei consigli e perdonateci, basta inviare qualche lettera, o messaggio via Internet, Face-book, Twitter e quant altro abbiamo già imparato ad utilizzare. RICEVIAMO E PUBBICHIAMO 6 FAILPOGGI - 3-4/2014

7 uuuuuuu 4 p rivatizzazione Sull alienazione quote M.E.F. 40% di Poste c è il SÌ della Camera e Senato Come è noto, il Consiglio dei ministri del Governo Letta, nella riunione del 24 gennaio scorso, ha approvato lo schema di DPCM, che individua i criteri di privatizzazione della società Poste Italiane Spa, (cessione di una quota fino al 40 per cento del capitale). LLa cessione potrà avvenire attraverso offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti del gruppo Poste italiane Spa, e/o a investitori istituzionali italiani e internazionali. Lo schema all'esame delle competenti commissioni parlamentari ha incassato il parere positivo di Ca- FAILPOGGI - 3-4/2014 mera e Senato, chiamate a pronunciarsi nel merito. L VIII Commissione del Senato ha espresso il suo parere favorevole all atto del Governo n. 77 (schema per la privatizzazione di Poste Italiane) con alcune osservazioni volte a perseguire la più proficua valorizzazione delle quote e del migliore reimpiego delle risorse, anche per la tutela del valore dei capitali dei piccoli risparmiatori e per conservare la capacità dell indirizzo strategico dello Stato, per il servizio universale del recapito postale e la raccolta e gestione del risparmio postale. L esame dello schema di DPCM alla Camera dei Deputati presso la IX Commissione si è concluso il 26 marzo ed in questa stessa commissione è stata svolta l audizione dell attuale vice Ministro dell Economia. Nell ambito di tale audizione, l 11 marzo scorso è stata presentata una relazione che conferma la volontà del Governo di proseguire il processo di alienazione di quote di Poste (40%) ed Enav (49%) secondo gli schemi dei DPCM o Atti del Governo 77 e 78. Il rappresentante del Governo ha sostenuto le buone ragioni del processo di privatizzazione/valorizzazione del patrimonio preso in considerazione, che impegna aziende bene patrimonializzate, senza mettere a rischio la funzionalità dei servizi. Poste ed Enav ad avviso del Governo riceveranno nuovo impulso dalla trasparenza attraverso cui dovranno essere realizzate le dismissioni e dall ingresso dei privati, che aiuteranno le loro performance. 7

8 Nell incontro, il vice Ministro ha confermato che non sono previste fasi di separazione o spacchettamenti organizzativi nelle aziende, rammentando che la forza del Gruppo Poste, fra l altro, sta negli attuali assetti che consentono sinergie fra i vari rami in cui opera il gruppo. Nel corso dell audizione è stato rammentato il percorso che già nel passato ha consentito in Italia analoghi interventi di privatizzazione in 30 aziende ove era presente lo Stato, realizzando ricavi utilizzati per la riduzione del debito pubblico, previsione confermata anche per gli attuali processi che il Governo intende portare avanti ed estendere in un percorso pluriennale destinato ad attrarre capitali dall estero ed a convincere i risparmiatori a sottoscrivere forme di risparmio azionario (oggi poco diffuse), riducendo parallelamente il debito pubblico attraverso gli introiti che si realizzeranno e che al momento possono solo essere stimati attraverso la massima valorizzazione delle due società, coinvolgendo i lavoratori nei processi, come avvenuto in altri paesi. La soluzione di dismettere il 40% di Poste ed il 49% di ENAV, lasciando allo Stato il controllo di maggioranza delle aziende, serve ad iniziare il percorso delle nuove privatizzazioni da cui il Governo si attende risultati positivi. E sul versante dell iter della privatizzazione è già stato scelto l Advisor dell operazione (conferimento a Lazard Srl ed allo Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners dell'incarico, rispettivamente, di Consulente finanziario e di Consulente legale del Ministero per le attività relative alla cessione sul mercato di una quota di minoranza del capitale di Poste Italiane S.p.A.) ed è stata avviata la selezione delle banche che dovranno guidare il collocamento in Borsa della quota di Poste Italiane. Il Gruppo Poste ha chiuso il Bilancio 2013 con l utile netto di milioni, nel Bilancio 2012 l utile netto del Gruppo era stato di milioni. GRAZIE HAI LAVORATORI! Consiglio dei Ministri predispone schema DPCM Camere esprimono parere + osservazioni - Non vincolante Governo approva schema definitivo DPCM MEF sceglie Advisor e collocatore MEF e M.S.E. + parere Dipartimento Politiche Comunitarie definiscono DPCM e regolamentano modalità cessione quote / fasi/opv/bonus Share L Iter della Privatizzazione Le ultime. Camera Deputati Roma 26 marzo La 9^ Commissione (Trasporti, poste e telecomunicazioni), esaminato lo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri recante determinazione dei criteri di privatizzazione e delle modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell'economia e delle finanze nel capitale di Poste italiane Spa (Atto n. 77): premesso che si prevede, in particolare, che l'alienazione possa essere effettuata, anche in più fasi, attraverso un'offerta pubblica di vendita rivolta al pubblico dei risparmiatori in Italia, inclusi i dipendenti del gruppo Poste Italiane, e/o a investitori italiani e internazionali; premesso che il gruppo Poste Italiane S.p.A. ha un'importanza strategica per l'economia del Paese - opera in una pluralità di settori, tra i quali sono inclusi servizi di pubblico interesse di rilievo strategico, come il servizio postale universale e la raccolta del risparmio postale - è necessario assicurare che la cessione a soggetti privati di una quota rilevante, sia pur minoritaria, del capitale di Poste Italiane S.p.A. non determini conseguenze negative in ordine al livello delle prestazioni inerenti il servizio postale universale e abbia luogo con modalità tali da fornire tutte le necessarie garanzie per quanto concerne la tutela del risparmio postale; ESPRIME PARERE FAVO- REVOLE con osservazioni. 8 FAILPOGGI - 3-4/2014

9 5 L analisi dei documenti presentati all ESECUTIVO NAZIONALE di RIMINI e conseguenti azioni strategiche sindacali Come è noto, a Rimini nei giorni 26, 27 e 28 febbraio 2014, nel corso dell esecutivo nazionale della Failp, si sono svolti i lavori di 2 specifiche Commissioni deputate ad affrontare le tematiche delle funzioni Mercato Privati e Servizi Postali. Gli obiettivi da realizzare che la Failp Nazionale si era prefissa, sono stati monitorati ed analizzati sulla base delle seguenti variabili all interno delle macro-strutture attualmente esistenti in Poste Italiane: Criticità Evoluzione Clima Qualità del lavoro Comportamenti Altro I contenuti dei documenti (elaborati dalle strutture territoriali) presentati nei giorni del Convegno nelle rispettive Commissioni sono le basi attraverso cui proporre adeguate azioni sindacali, principalmente per la tutela dei diritti dei lavoratori. MERCATO PRIVATI e SERVIZI POSTALI Sulla base di questo assemblaggio ragionato, sono scaturite le seguenti considerazioni, ed analizzati in modo aggregato, i contenuti dei documenti: Commissione Documento Finale Mercato Privati e Servizi Postali; Confronto analitico dei temi proposti e sinergia di ambedue le macro strutture; Fascia di raggruppamenti per argomenti omogenei; Sviluppo strategico e valutazioni per possibili negoziati. A tal proposito sono state individuate otto (8) sotto aree con relative proposte, come dal seguente elenco: 1. Sicurezza (sicurezza fisica e disagio psicofisico) Applicazione, aggiornamento del manuale di sicurezza degli uffici postali attuando le soluzioni migliori atte a tutelare i lavoratori sul versante fisico e delle responsabilità, oltre che il patrimonio aziendale. Attuazioni delle migliori pratiche per prevenire i disagi psico-fisici e lo stress lavoro correlato. Interventi per la corretta applicazione della Legge 81/2008 per una maggior protezione, prevenzione, sicurezza dei lavoratori (esempio visite mediche, pause videoterminali, ecc.). Sicurezza fisica da attuare attraverso una diversa struttura del lay-out standard che deve evolversi con l utilizzazione delle nuove tecnologie messe a punto per prevenire il rischio delle rapine e garantire maggiormente i lavoratori e la clientela. Tutela del personale che usufruisce delle particolari norme di welfare nelle condizioni di difficoltà riconosciute dalle leggi, (es: Legge 104, tutela lavoratrici madri, ecc). NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO

10 Peculiarità degli uffici monoperatori e relative problematiche gestionali e di tutela fisica degli addetti. Tutela del personale e dei beni degli uffici promiscui (coesistenza tra personale dei Servizi Postali e di Mercato Privati). Tutele del personale nella gestione delle valute e dei modelli di relazione con il cliente e fra gli operatori ed i quadri, nei diversi momenti del lavoro giornaliero e nei cambi di turno. Il problema della sorveglianza sanitaria estesa al personale del recapito a tutela della sua salute ed integrità fisica. Verifica dell applicazione del DGLS 81/2008 per l attività dei portalettere e degli operatori degli stabilimenti e della logistica postale. 2. Dotazione mezzi Gestione del contante, precauzioni, apparecchiature di controllo, compensazione dei rischi. La dotazione dei mezzi di trasporto e delle attrezzature del portalettere, ivi compreso il problema del software dei palmari che si è dimostrato spesso inadeguato e relativo sistema di assistenza. Inadeguata assistenza tecnica sui mezzi di lavoro (tagliandi, sistema frenante, sostituzione pneumatici, ecc.) 3. Gestione personale Corretta gestione degli istituti contrattuali (compensazione e remunerazione, conto ore, ferie, orari, ecc.). Revisione delle politiche meritocratiche e delle altre forme di premialità in uso esclusivo da parte aziendale. Miglioramenti degli orari di lavoro ed in talune particolari condizioni della relazione con la clientela. Riduzione/conversione dei rapporti di lavoro parttime e soluzione delle pendenze relative al personale esodato e dei nuovi assunti. Copertura del reale fabbisogno degli uffici postali attualmente carenti in molte realtà territoriali attraverso gli strumenti previsti per l occupazione, comprensivo del ricorso alla clausola elastica, sottoscritta dai neo assunti con contratto di lavoro part-time. Approfondimento delle problematiche specifiche dei lavoratori quadri operatori commerciali specialisti, ecc. Soluzioni a sostegno dei lavoratori dello Staff/Corporate impegnati nelle attività di supporto e tutela nonché collaborazione con il personale di Mercato Privati. Verifica della flessibilità operativa, in particolare su alcuni aspetti della sua regolamentazione. La corretta utilizzazione degli inidonei ed il loro eventuale reinserimento. Problemi derivanti dalle sostituzioni di lungo periodo che devono essere sempre necessariamente soddisfatte. La fruizione delle ferie da parte del portalettere, con la previsione di affidare al secondo livello di contrattazione la stipula di accordi che regolino operativamente la fruibilità di quanto previsto nel CCNL in aderenza alle problematiche locali. Approfondire il problema delle sostituzioni e delle assenze di lungo termine (infortuni, maternità, ecc.). 4. Formazione Corretta formazione ed osservanza dei disposti normativi, contrattuali e degli accordi intervenuti fra le parti (esempio: abnorme diffusione della formazione extra orario lavorativo e della sua mancata remunerazione, nei modi e con le prassi dovute. NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO I

11 6. Avanzamenti carriera e andamento professionale Riconoscimento delle nuove figure professionali emergenti (mansionario, pesatura, attribuzione del giusto livello classificatorio). La valorizzazione over 50 con l adozione di politiche attive del lavoro che valorizzino la professionalità, in quanto spesso gli stessi sono esclusi dalle politiche meritocratiche e dagli avanzamenti di carriera (salvaguardia della professionalità di questi lavoratori che è stata poco considerata dalla Legge Fornero, che ha limitato di fatto la loro permanenza in azienda, con futuri danni per quanto riguarda il loro risultato pensionistico). 7. Sviluppo servizi Attuazione di più idonei piani formativi a supporto dei lavoratori interessati dai processi di revisione dei servizi e per i neoassunti. 5. Accordi sottoscritti Monitoraggio continuo sull attuazione delle intese sottoscritte che subiscono ritardi nonché inosservanze da parte degli stessi Organi aziendali territoriali preposti. Favorire un puntuale rispetto a livello territoriale, da parte dell azienda, di quanto convenuto nell accordo nazionale. Realizzare un effettivo decentramento del confronto azienda/oo.ss. sugli aspetti organizzativi e gestionali degli accordi. Definire una maggiore regolamentazione di alcuni istituti che impongono ai referenti aziendali sul territorio, una maggiore trasparenza ed equità nella gestione delle procedure operative che dal centro vengono inviate in periferia. P r o b l e m a t i c h e connesse al sistema della classificazione degli uffici postali, degli organici; fabbisogni e riequilibri provenienti dai Servizi Postali e dalle ricadute del personale eventualmente soggetto a sposizionamento e a spostamenti. Verifica dell andamento della logistica su tutto il territorio nazionale. Risultati qualitativi e quantitativi dell attività dei Messi Notificatori, e dei nuovi processi innovativi, esempio gare Equitalia ed Amazon. 8. Problematiche uffici Piano immobiliare per superare le criticità delle strutture immobiliari inidonee ad espletare correttamente i servizi. Soluzioni alle problematiche degli U.P.I. e dei Call Center. La revisione ove necessaria, delle zone di recapito, per risolvere alcune criticità che si sono create a NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO

12 seguito dei precedenti eccessivi tagli, delle rilevanti variazioni di flussi di traffico che scaturiscono dalle nuove commesse e dall ulteriore fase di implementazione della rete logistica. Revisione sistema RAM. 9. Altro Una volta individuati i settori ed analizzate le situazioni di fatto esistenti sui posti di lavoro, si potrà procedere ad ulteriori approfondimenti anche per porre in atto proposizioni che si potrebbero così descrivere (vedi schema esemplificativo). Effetti della produzione Tipologia Gruppo: Sicurezza Analisi dei fattori critici Eventuali modifiche migliorative Studio del problema Riflessi sul lavoro e sui lavoratori Stralcio di elementi significativi utili al confronto con l Azienda Richiesta di negoziato con presentazione di una piattaforma rivendicativa I documenti finali analizzati (lavori delle Commissioni), potrebbero essere oggetto di ulteriori integrazioni, per stendere un documento finale unico atto a delineare percorsi omogenei sia di sviluppo strategico, sia di maggiori conoscenze per le strutture territoriali della FAILP. Sono stati in plenaria dibattuti anche alcuni problemi, quali gli effetti della privatizzazione, tenendo conto delle precedenti esperienze di altri settori, nonché dello sviluppo di Poste Italiane ed in particolare la riorganizzazione dei Servizi Postali. Ad oggi, come è noto, manca un piano industriale aggiornato dell azienda e ciò ha giustificato e facilitato una politica di tagli e ridimensionamenti per contrastare il declino che le corrispondenze tradizionali hanno subito negli ultimi anni. Infatti, la migliore soluzione che resta è quella di sapere intercettare il mercato, per coniugare al meglio la logica dell efficienza con quella dell innovazione. COSTRUIRE UNA PIATTAFORMA E-COMMERCE Il processo di riorganizzazione dei Servizi Postali, di cui all accordo del 28 febbraio 2013, pur in assenza di un piano industriale del settore, si è reso necessario per contrastare, in qualche modo, il declino che le corrispondenze tradizionali di tipo cartaceo hanno subito negli ultimi anni e che sembrava ormai irreversibile, tentando altresì di intercettare lo sviluppo e coniugando al meglio la logica dell'efficienza con quella dell'innovazione. Le , più veloci e gratuite, fanno oggi una concorrenza spietata alle lettere. Il fenomeno è in atto dagli anni 90, ma ha subito di recente un accelerazione. Tra il 2008 e il 2012 il volume delle lettere è sceso dal NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO I

13 21%, ma solo con l acquisizione della recente commessa Amazon l Azienda ha iniziato a rendersi conto che internet non sarà inevitabilmente la fine dei servizi postali, anzi potrebbe essere, al contrario, lo strumento della sua rinascita. Infatti, negli ultimi anni, mentre crollavano le spedizioni di corrispondenza, aumentava, nel contempo il business della consegna dei pacchi. Siamo nell era digitale e molti consumatori si sono abituati a fare acquisti online con un semplice click, però occorre riflettere sul fatto che se il web consente di perfezionare l ordine di acquisto e di effettuarne il pagamento online, qualcuno però deve poi consegnare la merce a domicilio. Questa è la ragione per cui si è quindi visto crescere progressivamente il volume dei pacchi spediti e consegnati dal servizio postale. La scelta di Amazon di affidare la commessa a Poste Italiane piuttosto che ai suoi concorrenti privati (Fedex, Ups, DHL, ecc.) è dettata (a nostro avviso) dal fatto che mentre questi ultimi offrono un servizio di corriere espresso migliore, la prima, con la sua rete di Mercato Privati e Servizi Postali, con oltre UP e gli stabilimenti postali che presidiano il territorio, li batte sicuramente per flessibilità. Governo, Autorità ed in particolare l AG- COM, pur se gli utili nel 2012 hanno superato il miliardo di euro, continuano a considerare i Servizi Postali e la rete sportelli di Mercato Privati come un qualcosa di inefficiente e costoso, al punto di limitare il recapito postale a soli 5 giorni settimanali e, non contenti di questo, di sollecitare la sperimentazione del recapito a giorni alterni, mentre nel versante Mercato Privati, l ultima riclassifica, cosiddetta clasterizzazione 2013 degli UP, ha consentito l eliminazione di molti uffici in piccole cittadine di provincia, dove l ufficio postale era l ultima presenza fisica dello Stato (frutto delle direttive di regolamentazione fra Poste e l Autorità di vigilanza). Infatti dai uffici postali del 2011 si è passati agli attuali (meno 635 U.P.) Ancora oggi continua la battaglia per dimagrire e privatizzare, e l Azienda con il suo management, invece di opporsi a questa linea di tendenza, si limita a dire che entro 5 anni il volume delle corrispondenze cartacee si ridurrà ulteriormente del 30%, affermando semplicemente che il commercio online è ormai una realtà in crescita e non rendendosi minimamente conto che il web sta cambiando il mondo ed occorrerebbe invece rivedere, in relazione a questo cambiamento, come riposizionarci sul mercato con i nostri servizi ed intercettare realmente, e non solo a parole, lo sviluppo e l innovazione. Con la commessa Amazon sono state affidate all Azienda le spedizioni di questo grosso colosso dell e-commerce che ha iniziato ad operare direttamente in Italia solo, con la logistica gestita a livello europeo, alla fine del 2010 e nessuno poteva ipotizzare allora questo boom economico dell e-commerce. Dal 2010 ad oggi Amazon spedisce giornalmente in Italia da a pacchi e pacchetti, contenenti ogni genere di oggetti, dalla piccola scheda di memoria della telecamera ai più evoluti ed ingombranti televisori e ad altri oggetti di ogni tipo e dimensione. Amazon ha aperto il suo centro distribuzione a Castel S. Giovanni, collocato all imbocco dell autostrada A21, in posizione strategica per la consegna in tutta Italia e prossimamente aprirà un nuovo centro distribuzione, denominato MXP5 per gestire un catalogo prodotti che nei prossimi anni diventerà sempre più ampio. Ci viene spontaneo domandarci allora perché Poste Italiane, con le sue 28 società consociate, i cui rami di attività spaziano da quello assicurativo a quello bancario e alla logistica, dalla telefonia fissa e mobile al provider internet ed altro non abbia ancora adeguatamente affrontato questa sfida del cambiamento, pensando alla NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO

14 possibilità di dotarsi a sua volta e per tempo di una piattaforma e-commerce con un proprio piano di hosting Per chi non è molto esperto della materia spieghiamo che l hosting è un pacchetto di servizi legati alla registrazione di un account (sito/postazione) di e-commerce, sia da parte dei venditore, comunemente definito seller o marketplace sia da parte dell acquirente, cioè il buyer, che spaziano dai servizi di provider di internet, alla logistica, alla messaggistica, ai servizi di imballaggio, di spedizione, di sdoganamento e di consegna, ai sistemi di pagamento e di assistenza customer care (post-vendita) Al solo fine di stimolare l attenzione di chi legge, cerchiamo di inserire in una linea temporale quello che, secondo noi, sono i fattori-chiave che hanno contribuito alla nascita e all evoluzione sia del web che dell e-commerce, anche al fine di valutare insieme se Poste Italiane abbia o meno queste potenzialità e possibilità di successo. Tim Berners Lee alla fine del secolo scorso cercava un modo per condividere facilmente documenti e nel 1989, al culmine della sua ricerca, ha inventato il web con la sua visione URL (localizzazione dei files), l http (protocollo di trasmissione) e gli HTML (ipertesti). Il progresso tecnologico, poi, con l avvento dei supercomputers, delle infrastrutture di rete, dei cavi in fibra ottica e dei server hanno reso queste connessioni sempre più veloci, capienti e meno costose. Il web o internet ha accorciato le distanze ed aumentato la voglia di comunicare velocemente anche con persone fisicamente molto lontane, aprendo la via alla cosiddetta globalizzazione, che nasce quindi prima come fenomeno di comunicazione a distanza ed è divenuta successivamente anche fenomeno economico e commerciale. Nel primo decennio del 2000 è enormemente aumentata la facilità di accesso al web attraverso strumenti sempre più semplici e alla portata di tutti (prima i computer, poi i telefonini, poi i tablet e gli smart phone), ulteriormente facilitata dall introduzione dei motori di ricerca Google, Skype ed in ultimo dai social media. L abitudine a comunicare facilmente e velocemente su si è poi evoluta con le chat e le video-chat fino ad arrivare ai social network che sono oggi gli strumenti di aggregazione e di comunicazione sfruttati per le piattaforme e-commerce e le community. I soggetti che hanno seguito con attenzione questa evoluzione hanno colto, in questo naturale bisogno delle persone di comunicare, l occasione per reinventare anche il marketing ed i grandi marchi hanno amplificato poi questo fenomeno trasformandolo in fenomeno di massa. Questo è stato possibile perché i social network o le Community ripropongono su internet gli stessi meccanismi di collegamento delle reti tradizionali, come ad esempio gli hub dei treni, degli aerei o delle semplici relazioni personali faccia a faccia, ma su un bacino enormemente più ampio. In questo nuovo scenario la piattaforma e-commerce assomiglia al palazzo che ospita un centro commerciale: un palazzo troppo piccolo, troppo grande o con difetti di stabilità e sicurezza può diventare un fattore determinante di successo o di insuccesso. La costruzione di una piattaforma e_commerce va fatta in base al tipo di prodotti o servizi che dovrà ricevere, alla quantità di marketplace (venditori /produttori) e di buyers (clienti/acquirenti) da inserire, alla necessità di gestire eventualmente anche un magazzino fisico o semplicemente virtuale, qualora si decidesse, come ha fatto Amazon, di gestire anche un sistema di vendita diretta e questo potrebbe avvenire anche per Poste Italiane, in modo ben diverso e migliore di quello fino ad oggi sperimentato con Posteshop e con risultati che riteniamo insoddisfacenti. Per realizzare una piattaforma di successo le Aziende devono normalmente curare il loro posizionamento nei SERP dei motori di ricerca più famosi per poter attrarre i propri clienti. Poste Italiane, con il buon nome che si è creato sia in Italia che all estero (4 posto nella graduatoria mondiale del settore redatta dalla prestigiosa rivista economico-finanziaria statunitense Fortune come World s Most Admired Companies) negli ultimi anni, ha il vantaggio di gestire un suo brand che è diventato famo- NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO I

15 so e potrebbe quindi contare su un influencer di milioni di followers, e non solo nelle grandi città metropolitane, ma, ancora di più, nei piccoli centri di provincia, dove la concorrenza è meno forte ed agguerrita. Tutte le aziende hanno infatti un nome, molte hanno un marchio, ma solo le migliori diventano brand. I grandi brand come ad esempio Ferrari, Apple, Nike e Coca Cola, suscitano emozioni, creano coinvolgimento, fiducia e senso di appartenenza. Posteitaliane esiste già nell immaginario delle persone, viene riconosciuto dalla gente, ha un identità che la distingue dalla concorrenza per nome, flessibilità, forte integrazione nel territorio, affidabilità, sicurezza e prezzi contenuti, tutti fattori che possiamo, obiettivamente, definire di successo. Il valore del brand aiuta a vedere meglio, a fidelizzare, a trovare nuovi clienti, a superare i momenti difficili determinati dalle crisi economiche che sono ormai diventate cicliche. Se una società specializzata volesse condurre un test di autovalutazione su una futura ipotetica piattaforma e- commerce gestita da Poste Italiane ponendo la classica domanda: dove hai comprato quei prodotti... o chi ti ha fornito quel servizio... crediamo che sarebbero in molti a rispondere: su Poste Italiane, perché il suo brand è, per molti, senso di appartenenza, emozione, orgoglio e condivisione pubblica. Perché i clienti dovrebbero scegliere questa piattaforma e che cosa la contraddistinguerebbe dalle altre del mercato? Perché Poste Italiane si differenzia dalla concorrenza per la competitività dei costi, il presidio del territorio, l affidabilità dei propri servizi, la fiducia dei propri clienti, perché Poste Italiane ha in altre parole una forte identità. E la più grande azienda italiana, con oltre dipendenti, bilanci, una efficiente rete logistica, un forte presidio del territorio, è una Società in condizione di erogare al suo interno servizi di provider internet e di telefonia mobile, servizi finanziari, assicurativi e propri strumenti di pagamento online, su supporto SSL in grado di garantire la sicurezza della transazioni contro il cyber crime, ma anche sistemi di pagamento presso i propri sportelli fisici. Poste Italiane non è più da anni solo una Azienda di Posta e Bancoposta, ma una realtà economica che opera nel nostro Paese a 360. Se il management aziendale, invece di perdersi oggi in logiche contenitive di rigore ed in assurde riorganizzazioni dell esistente per contenere gli effetti della crisi economica, prestasse più attenzione al cambiamento, al marketing ed al cross selling, Poste Italiane potrebbe, a nostro avviso, aspirare a diventare il gestore della più importante piattaforma e-commerce europea e, attraverso la vendita diretta, anche del più grande negozio virtuale, sviluppando un business di gran lunga maggiore dell attuale, migliorando ulteriormente la propria posizione nella graduatoria delle World s Most Admired Companies e rendendo ancora più importante il proprio contributo per la ripresa economica del nostro Paese. PRIVATIZZAZIONE: LE ESPERIENZE DI ALTRE AZIENDE Il dibattito interno al sindacato si sta incentrando ultimamente sulla prossima privatizzazione di Poste Italiane, di cui il Parlamento sta discutendo i dettagli, dopo la presentazione dello schema di DDL da parte del Governo Letta. Parlare di privatizzazioni significa affrontare il processo attraverso cui la proprietà di un azienda controllata dallo Stato passa in tutto od in parte ad uno o più privati, applicando le norme di riferimento (L. 474/1994). In Italia le privatizzazioni sono iniziate nel 1991 e proseguite nel tempo con particolari accentuazioni nei periodi (2001/2003), fino ad arrivare ad oggi. Il motivo che ha legittimato i processi di privatizzazione è stato quello di potere reperire risorse per ridurre il debito pubblico del nostro paese, che ci costringe a subire un enorme peso in termini di tassazione (vale per le famiglie come per le imprese), alleggerendo lo Stato con l obiettivo di renderlo più snello ed efficiente. Ciò ha determinato la scelta compiuta dai Governi di trasformare Poste Italiane da Azienda Autonoma dello Stato in E.P.E. e successivamente in SPA. Le privatizzazioni di aziende considerate non strategiche per il paese hanno coinvolto a partire dal 1993 imprese quali SME, ENI, ENEL, IRI, INA, Ferrovie dello Stato, CREDIT, AGIP, SNAM, ANAS, ecc NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO

16 Lo Stato, attraverso l evoluzione progressiva del sistema delle alienazioni di quote parziali o totali delle partecipazioni del Tesoro, si è disimpegnato nei settori bancario, assicurativo, delle telecomunicazioni, Tabacchi, Energia e perfino Difesa (Finmeccanica). A noi tutti interessa stabilire se nel passaggio da Pubblico a Privato ci siano stati elementi di miglioramento delle aziende, scaturiti dal reimpiego nelle stesse di una quota parte delle risorse liberatesi a seguito del loro collocamento sul mercato: ciò vale soprattutto per le Public utilities che occupano gli spazi dedicati all offerta dei pubblici servizi, non trascurando che occorre comunque intervenire, per ridurre compiutamente il debito pubblico che ci sta divorando le risorse del paese, impedendo la crescita e lo sviluppo di nuova occupazione. Per questo, sfogliando le documentazioni probatorie di cui c è ampia cognizione, ad iniziare da quella che la Corte dei Conti dedica agli Obiettivi e risultati delle privatizzazioni di partecipazioni pubbliche, ciò che salta subito all occhio è che in occasione di ogni privatizzazione/alienazione, si discute tanto di rischi e contenuti (soprattutto da parte delle lobby direttamente interessate), salvo poi trascurare il monitoraggio dei risultati e ciò vale per lo stesso Parlamento (esame dei proventi, modalità per l alienazione, costi, ecc ). Fra il 2004 ed il 2008 si sono ricavati proventi dalle privatizzazioni per 96,25 miliardi che sono stati destinati, come prevede la legge, al capitolo di entrata del bilancio dello Stato Fondo per l ammortamento dei Titoli di Stato. In occasione delle varie O.P.V. le domande di acquisto delle azioni hanno superato l offerta con rapporti che variano fra il 2,94 ed il 4,98, che dimostrano un grosso interesse ed apprezzamento del mercato verso le operazioni di vendita di azioni (quando la domanda ha superato l offerta si sono assegnati i titoli sulla base di un piano di riparto proporzionale all entità delle domande di ciascun investitore e della sua qualità, in termini di propensione al mantenimento della quota di titoli assegnati nel medio-lungo periodo, oltre all eventuale Bonus Shares gratuito delle azioni concesse - ove previsto - al pubblico, ai dipendenti, agli utenti, consentendo l avvicinamento di tali attori sociali al mercato borsistico ed azionario, piuttosto che verso il risparmio puro e semplice). La destinazione dei proventi delle operazioni compiute attraverso le privatizzazioni (es. casi IRI-FINTECNA ed ENI) ha fatto rilevare che nella destinazione dei risultati acquisiti c è stata la riduzione dei costi delle imprese interessate, attraverso la riduzione dello stock dell indebitamento, quindi la liberazione di risorse economiche per un eventuale miglioramento dell impresa e dei servizi offerti al paese. Nell ultimo rapporto licenziato dalla Corte dei Conti si segnala che, con riferimento al mondo delle banche e delle autostrade, si è rilevato l aumento della capacità di generare profitti, ma attraverso l aumento delle tariffe, piuttosto che mediante recuperi dell efficienza, mentre lo Stato ha pienamente raggiunto i suoi obiettivi. Pertanto, scontando che le varie imprese Postali a livello europeo hanno già ampiamente proceduto ad effettuare processi di privatizzazione parziale ed in qualche caso totale, risulta improbabile che il nuovo Governo Renzi possa rinunziare ad un piano di privatizzazioni che coinvolga progressivamente buona parte delle imprese attualmente facenti capo al Ministero dell Economia, rimuovendo ogni tentativo di resistenza. Ciò non significa affatto vedersi spacchettare Poste Italiane, come da qualche parte si sente dire, poiché al momento tutti gli stakeholder concordano sulla necessità di mantenere l unicità del Gruppo, anche se non sarebbe scandaloso l avvio di una maggiore responsabilizzazione e trasparenza dei singoli segmenti aziendali, da cui deriverebbe una maggiore consapevolezza del proprio ruolo e maggiore responsabilizzazione dei loro Dirigenti e Manager. Al sindacato tocca essere parte attiva nella vigilanza delle imprese privatizzate, piuttosto che diventare componente degli stessi Consigli di Amministrazione, evitando il ripetersi di errori che nel passato hanno causato grossi guai ed il coinvolgimento sindacale in situazioni di poca trasparenza, determinate da un management poco accorto che in alcuni casi ha costituito il vero problema dell efficienza. NSERTO INSERTO INSERTO INSERTO INSERTO

17 uuuuuuu 6 p osteitaliane Abbiamo una banca Ma ne sappiamo poco perché, ad essere sinceri, le notizie che riguardano i nostri fratelli bancari, ci arrivano con il contagocce ed azienda e parti sociali non si sono cimentate granché per chiarire il contesto in cui operano i nostri colleghi della Banca del Mezzogiorno. CCiò che possiamo affermare è che c è un nucleo di risorse umane che lavorano nella sede Corporate di Poste Italiane e poi la vera struttura di BdM-MCC (Banca del Mezzogiorno-Medio Credito Centrale) con sedi in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia ed a Roma in viale America 351. La denominazione testé citata BdM-MCC promana dal contesto in cui è nata la Società, promossa dalla volontà politica del Governo in cui Giulio Tremonti ha mantenuto l incarico di Ministro dell Economia, come previsto dalla legge 191/2009. A ben vedere, il contesto pensato alle origini, di un aggregazione fra più istituti, per costituire un polo capace di erogare crediti alle piccole e medie imprese del mezzogiorno e del sud d Italia, con l intervento di più banche popolari locali e del credito cooperativo non ha avuto buon fine ed alla fine ci ha pensato Poste Italiane S.p.A. ad acquistare il 100% del Medio Credito Centrale, realizzando l attuale Società presieduta da Massimo Sarmi in qualità di Presidente ed intorno a lui un C.d.A. composto da 4 Consiglieri, più i 5 componenti il Collegio Sindacale (rieleggibili per tre esercizi). La banca offre Linee di finanziamento indirizzate alle imprese del centro-sud d Italia, comprese quelle del comparto agricoltura, avvalendosi della rete commerciale di Poste Italiane, cioè uffici postali abilitati a veicolare tali FAILPOGGI - 3-4/2014 prodotti (si tratta generalmente di Uffici Poste Impresa) ed ha un buon fatturato (11,6 milioni di euro di utile netto nel 2013, incrementato rispetto al 2012). Il personale che lavora nella BdM-MCC S.p.A. è in maggior parte di tipo bancario e svolge per l appunto tale mission, in particolare ogni altra attività finanziaria nei limiti consentiti dalle disposizioni vigenti per perseguire gli obiettivi previsti dall art. 2, c. 162 L. 23 dicembre 2009 n. 191 e, segnatamente, ad aumentare la capacità di offerta del sistema bancario e finanziario del Mezzogiorno; a sostenere le iniziative imprenditoriali maggiormente meritevoli di credito, incidendo sui costi di approvvigionamento delle risorse finanziarie necessarie agli investimenti; a canalizzare il risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno. In particolare la società: a) esercita le attività definite nella Legge sopra citata; b) svolge attività di banca di garanzia nel Mezzogiorno, anche a favore dei consorzi di garanzia collettiva dei fidi e di supporto all attività di questi ultimi; c) svolge attività di gestione e di erogazione di agevolazioni pubbliche, inclusi anticipi di contributi). Come si evince dal sito del M.E.F., il C.d.A. di BdM-MCC S.p.A. sarà da rinnovare, come vale per quelli delle altre società controllate dal Gruppo Poste Italiane (Banca del Mezzogiorno - Medio Credito Centrale, Consorzio per i servizi di telefonia mobile; Mistral Air, Poste Vita, Poste- Shop, Poste Assicura, PostelPrint) e sono da rinnovare tutti i Collegi Sindacali. 17

18 uuuuu 7 ss ocietà collegate Postel/Postelprint S.p.a. la strada per la crescita Postel è la Società del Gruppo Poste Italiane che opera nel settore dei servizi di comunicazione, di gestione documentale e di E-procurement per le imprese e per la Pubblica Amministrazione. L E-procurement è l approvvigionamento elettronico cioè quell insieme di tecnologie, procedure, operazioni e modalità organizzative per l acquisizione di beni e servizi on-line, tra le aziende, eseguito grazie alle possibilità offerte dalla rete Internet e dal commercio elettronico. La storia di Postel, in qualche modo, comincia nel 1987 grazie alla creazione del servizio di Posta Elettronica Ibrida, gestito da Poste Italiane in collaborazione con Elsag, una assoluta novità, per l epoca, per integrare documenti elettronici e cartacei. Il servizio ottenne un successo immediato e consentì alla Società una crescita continua fino alla costituzione, nel maggio 1999 di Postel s.p.a. La Società è cresciuta negli anni come Global Service, per soddisfare le esigenze per la gestione in outsourcing di processi di supporto al business, di comunicazione marketing e di business oriented di imprese ed enti pubblici. Postel si è sviluppata successivamente come Gruppo formato da PostelPrint, Address, Docugest e Docutel, queste ultime dedicate alla gestione della documentazione bancaria. Nel 2011 la Società Postel ha chiuso il bilancio con un risultato positivo di quasi 10 milioni di euro, ma nel 2012 questo saldo ha mutato segno, chiudendo in passivo. Nel 2013, è cessata la partner-ship di Docutel con il suo principale socio-fornitore e il pacchetto azionario (circa 15% delle azioni) prima detenuto da una banca è passato a Postel. La riduzione delle commesse verificatasi nel 2012 ha determinato la chiusura dello stabilimento di Colle Val d Elsa e l assegnazione delle attività residuali agli altri siti Postel di Melzo, Multedo, Pomezia e Genova. Nel 2013 con la chiusura dello stabilimento senese, al fine di evitare gravi conseguenze la Failp e le altre OO.SS. hanno raggiunto con la società e con Poste Italiane un accordo per stabilizzare la loro permanenza in servizio all interno di altri siti Postel, coerentemente con le loro esigenze produttive, ovvero, in alternativa, per transitare in Poste Italiane nell ambito della stessa provincia di Siena o di quelle confinanti. Nel 2013 Poste Italiane ha anche internalizzato la videocodifica che veniva svolta nello stabilimento Postel di Palermo e il 12 dicembre 2013, è stato necessario raggiungere un nuovo accordo con Poste Italiane per salva- 18 FAILPOGGI - 3-4/2014

19 FAILPOGGI - 3-4/2014 Postel ricavi 2013 euro (-14,8%) organico risorse Postelprint ricavi 2013 euro (+1,8%) organico risorse guardare i livelli occupazionali, assicurando a quanti lavoravano presso questo sito il passaggio in Poste Italiane, nell ambito produttivo Mercato Privati (sportelleria e Contact Center) della stessa provincia (100 risorse). Nonostante i processi di riorganizzazione produttiva per contenere i costi di produzione i volumi di traffico Postel nel 2013 hanno fatto registrare una ulteriore flessione del 10%, facendoci temere per il futuro dei lavoratori. Viene a questo punto spontaneo domandarci, come per altri versi abbiamo fatto in Poste Italiane, perché ostinarsi in pesanti processi di riorganizzazione dell esistente, piuttosto che cercare nuove attività più adeguate alle novità del mercato (es. il commercio elettronico, ecc.). Occorre, a nostro avviso, rendersi conto che Internet sta cambiando il mondo e che cambiano i servizi commerciali che le Aziende chiedono ed in relazione a questo cambiamento, Postel dovrebbe meglio valutare come riposizionarsi nel mercato con i suoi servizi, intercettando realmente lo sviluppo e l innovazione, per fermare il declino. La Failp ha proposto la realizzazione in Poste Italiane di una piattaforma e-commerce con un proprio piano hosting, cioè un pacchetto di servizi integrati diversificato per la clientela retail e per quella business e, a nostro avviso, buona parte di questi servizi, potrebbero essere forniti proprio dalle Società del Gruppo Postel. Un recente studio dell Osservatorio e-commerce Net- Comm del Politecnico di Milano mostra come i consumi dei canali tradizionali si confermino tendenzialmente in calo, mentre l e-commerce cresce a doppia cifra: solo nel 2013 la sua crescita è stata del 18% rispetto al 2012, per un controvalore di vendite pari a 11,3 miliardi di euro. Questo ha inoltre generato in Italia un volume di affari annuo di circa 80 milioni di euro nel solo comparto contact logistics, ma fino ad oggi solo il 3% di questo è riconducibile al commercio elettronico. E evidente quindi che in Italia, in questa direzione, i margini di crescita possano esserci e che le possibilità di fare affari, bene posizionandosi nel filone dell e-commerce, possano essere concrete. Su questo fronte le Società che sanno leggere per prime queste nuove potenzialità di mercato, e ci auguriamo che tra queste ci sia anche Postel, potranno avere dei vantaggi competitivi importanti. Nel frattempo i competitors si organizzano (vedi le iniziative Fulfilment by Amazon che opera come 3PL (vendita diretta oppure logistica conto terzi), per quelle aziende che preferiscono affidare questo servizio in outsourcing, piuttosto che investire direttamente in un proprio canale di vendite on-line. Sono già più di 8000 le aziende italiane che si appoggiano al centro logistico Amazon di Castel S. Giovanni per la commercializzazione dei loro prodotti. Perché allora Postel non potrebbe pensare di potenziare ed ampliare il suo servizio di e-procurement con la creazione di un analogo centro, ad esempio a Melzo, che è il suo stabilimento di Milano con il più grosso Data Center d Europa, e dotarlo di un area distinta di stoccaggio e gestione dell inventario per prodotti di altre Aziende che scegliessero di affidare in outsourcing a Postel il ricevimento, il prelievo, l imballaggio e la spedizione dei propri ordini di acquisto ricevuti su una qualsiasi altra piattaforma e-commerce? La posizione centrale in Europa, la vicinanza ad importanti autostrade, gli altri stabilimenti Postel della penisola, che potrebbero diventare una rete strategica di stoccaggio di queste merci per servire meglio il territorio nazionale, potrebbero essere sicuramente fattori di sicuro successo di questa Società. La Failp come sempre farà la sua parte per rilanciare le attività industriali di Postel, nella speranza che un nuovo Piano Industriale dell azienda sappia affrontare le sfide dell innovazione, e questo nostro contributo potrebbe essere una buona occasione per incontrarsi, ciascuno nelle rispettive attribuzioni, per dare sviluppo alla società. 19

20

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO.

IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO. IL DIRITTO DEL LAVORO TRA PRESENTE E FUTURO. Dalla Legge 78 del 2014 allo Jobs Act. Politiche attive: razionalizzazione incentivi esistenti. Il Disegno di Legge Delega di Riforma del Lavoro, approvato

Dettagli

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Intervento di Susanne Ruoff Direttrice generale della Posta Svizzera 10 giugno 2013 FA FEDE IL DISCORSO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Gentili Signore,

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Proposta di legge sul precariato Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Art. 1 (Sostegno del reddito, formazione, previdenza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro. Roma, 5.6.2014 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201400003143/AG Oggetto: Legge 16 maggio 2014, n. 78 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A.

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. Verbale di Accordo Il giorno 30 dicembre 2004 tra Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. e - le Segreterie Nazionali - le Segreterie

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Premessa CAMPO DI APPLICAZIONE, DECORRENZA, DURATA

Premessa CAMPO DI APPLICAZIONE, DECORRENZA, DURATA PIATTAFORMA CONTRATTO DECENTRATO REGIONALE PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DELLE COOPERATIVE DEL SETTORE SOCIO-SANITARIO ASSISTENZIALE EDUCATIVO E DI INSERIMENTO LAVORATIVO COOPERATIVE SOCIALI LAZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Roma, settembre 2012 DCSII P.za Dalmazia, 1 00198 ROMA Tel. 06 47 61 11 dcsii.dag@pec.mef.gov.it Indice Introduzione La struttura del sistema

Dettagli

Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio

Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti alessandra.damiani@barbierieassociati.it 1 Guida alla gestione dei PMstudi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer. Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.com RELAZIONE SULLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE (Relazione approvata

Dettagli

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un PREMESSA Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel percorso di ripresa dell economia della nostra Regione. È per questo motivo che riteniamo

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO?

PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO? PERCHE SCEGLIERE QUI VENDO? 1 PERCHE' APRIRE 01 E un servizio H24 che non impiega il tempo dei tuoi collaboratori, rispondendo alle esigenze dei tuoi clienti,ed ampliando il tuo mercato. PER RISPARMIARE

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI. Nota sul ddl 1629. Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015

DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI. Nota sul ddl 1629. Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015 DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI Nota sul ddl 1629 Audizione X Commissione, Senato Roma, 9 luglio 2015 Confimprese Le Imprese del Commercio Moderno CHI SIAMO Confimprese raggruppa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Governare le reti per innovare e crescere

Governare le reti per innovare e crescere Governare le reti per innovare e crescere 1 Governare le reti per innovare e crescere 2 Consorzio Concessioni Reti Gas CRG Consorzio Concessioni Reti Gas Composto dalle seguenti società: Consorzio ABN

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2013-2014 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 16 giugno 2014

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Scenario 1/4. Mercato Privati Area Centro Filiale Cagliari

Scenario 1/4. Mercato Privati Area Centro Filiale Cagliari febbraio 2013 Scenario 1/4 Poste Italiane ha realizzato, nell arco di poco più di un decennio, un profondo processo di rinnovamento innalzando la qualità dei servizi e ampliando la gamma dell offerta.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL

Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL Incontro sulle azioni di Piano strategico della funzione PCL Si è svolto questa mattina l atteso incontro con l Azienda per l illustrazione delle azioni specifiche della Funzione Posta, Comunicazione e

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Città di Minerbio Provincia di Bologna PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2013-2015 (in attuazione al D.Lgs. 33/2013) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 24/07/2013

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato B Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E

ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E CRESCITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE Roberto Cunsolo Commercialista in Catania Catania 27 marzo 2014 Guida alla gestione dei piccoli e medi studi professionali Modulo 2:

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Il mondo è davvero pieno di pericoli, e vi sono molti posti oscuri; ma si trovano ancora delle cose belle, e nonostante che l'amore sia ovunque mescolato

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli