A cura di: Fulvio Menghini Laura Rossetti Matteo Palazzi Danila Tortomasi Stefania Di Benedetto Rosaria Cucinella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di: Fulvio Menghini Laura Rossetti Matteo Palazzi Danila Tortomasi Stefania Di Benedetto Rosaria Cucinella"

Transcript

1 A cura di: Fulvio Menghini Laura Rossetti Matteo Palazzi Danila Tortomasi Stefania Di Benedetto Rosaria Cucinella Corso di Marketing progredito Professore Giancarlo Ferrero A.A. 2013/2014 1

2 1. Strategie Oceano Blu 2. Come formare una strategia Oceano Blu 3. Il ruolo della rete per la collaborative innovation 4. I modelli emergenti della collaborative innovation 5. Il marketing laterale 2

3 3

4 L UNICO MODO PER BATTERE LA CONCORRENZA È SMETTERE DI CERCARE DI BATTERE LA CONCORRENZA OCEANO ROSSO Consideriamo il MERCATO come un universo composto da i confini di settore sono definiti e accettati da tutti le regole del gioco competitivo sono note 2 tipi di oceani sono tutti i settori che oggi non esistono le aziende cercano di superare le performance dei rivali per accaparrarsi una quota sempre maggiore della domanda esistente i prodotti diventano delle commodity e la concorrenza all ultimo sangue tinge l oceano di rosso a mano a mano che lo spazio di mercato si affolla, le prospettive di profitto e di crescita si riducono OCEANO BLU corrispondono alla creazione di nuova domanda e l opportunità di una crescita redditizia la concorrenza è irrilevante in quanto le regole del gioco sono ancora tutte da inventare 4

5 L impatto della creazione di un oceano blu sulla CRESCITA di un azienda a livello di fatturato e profitti Lancio 86% 14% Impatto sul fatturato 62% 38% Impatto sul profitto 39% 61% Lancio entro i confini degli oceani rossi Lancio entro i confini degli oceani blu 5

6 L accelerazione del progresso tecnologico La globalizzazione L acuirsi della concorrenza globale L accelerazione della trasformazione dei prodotti in commodity L inasprimento della guerra dei prezzi La riduzione dei margini di profitto Nelle principali categorie di prodotti e servizi, i brand stanno diventando sempre più simili e le persone si fanno sempre più selettive, basandosi sul prezzo; Nei settori sovraffollati, differenziare il brand diventa sempre più difficile. 6

7 come può fare un azienda ad abbandonare l oceano rosso della concorrenza spietata? come può riuscire a dar vita ad un oceano blu? si deve definire l unità di analisi AZIENDA SETTORE MOSSA STRATEGICA = l insieme di azioni e decisioni manageriali legate all offerta di nuovi prodotti/servizi tanto validi da creare un nuovo mercato 7

8 Ciò che ha distinto costantemente i vincitori dai perdenti nella creazione di un nuovo oceano blu è stato il loro approccio strategico. Le aziende intrappolate nell oceano rosso hanno seguito un approccio tradizionale. Quelle che hanno dato vita ad un nuovo oceano hanno seguito un approccio strategico value innovation (innovazione di valore) battere la concorrenza neutralizza la concorrenza offrendo agli acquirenti e all azienda stessa un aumento significativo del valore aprendo uno spazio di mercato nuovo ed incontestato 8

9 pone la stessa importanza su VALORE INNOVAZIONE quando l azienda unisce/allinea l INNOVAZIONE a utilità voci di costo prezzo 9

10 in questo modo l azienda rompe il trade off tra valore costo contenimento dei costi differenziazione valore costo 10

11 , grazie all eliminazione/riduzione dei fattori su cui ruota la concorrenza del settore comporta l offerto agli acquirenti deriva nel tempo poi i costi si riducono ulteriormente per effetto delle economie di scala, dovute agli alti volumi di vendita generati dalla superiorità del valore prodotto il POTERE DI ACQUISTO deriva struttura dei costi perfezionando l offerta prezzo introducendo nuovi elementi nel settore utilità prezzo offerti dall azienda 11

12 QUADRO STRATEGICO IL FRAMEWORK DELLE 4 AZIONI È un framework diagnostico ed operativo LO SCHEMA PER ELIMINARE-RIDURRE- AUMENTARE-CREARE FOTOGRAFA lo stato attuale del mercato conosciuto Quali sono le aree di investimento della concorrenza Quali sono i fattori su cui la concorrenza di scatena a livello di prodotti/servizi e loro consegna/erogazione Che cosa è offerto ai clienti dai concorrenti sul mercato 12

13 Alto Vini premium tracciando l offerta delle diverse aziende vinicole relativamente a tutti questi fattori Basso Vini economici CURVA DEL VALORE una rappresentazione grafica della performance dell azienda relativamente ai fattori competitivi del suo settore Prezzo Uso della terminologia enologica e distinzione nella comunicazione dei diversi vini Marketing above the line Qualità dovuta all invecchiamento Prestigio e storia del vigneto Complessità del gusto Varietà di vini 13

14 Alto Vini premium [yellow tail] Vini economici Basso Prezzo Uso della terminologia enologica e distinzione nella comunicazione dei diversi vini Marketing above the line Qualità dovuta all invecchiamento Prestigio e storia del vigneto Complessità del gusto Varietà di vini Comodità di consumo Facilità di scelta Divertimento/Avv entura il problema su cui è focalizzato il settore gli elementi del potere d acquisto che sono al di fuori dei confini del settore ridefinendo ALTERNATIVE & NON CLIENTI 14

15 QUADRO STRATEGICO IL FRAMEWORK DELLE 4 AZIONI LO SCHEMA PER ELIMINARE-RIDURRE- AUMENTARE-CREARE come ridurre i costi rispetto ai concorrenti necessario per RIDUZIONE Quali fattori andrebbero ridotti ben al di sotto dello standard di settore? ridefinire gli elementi del potere d acquisto tracciando una nuova curva del valore ELIMINAZIONE Tra i fattori che l industria dà per scontati, quali andrebbero eliminati? Nuova curva del valore CREAZIONE Quali fattori, mai offerti dal settore dovrebbero essere creati? AUMENTO Quali fattori andrebbero aumentati ben al di sopra dello standard di settore? come aumentare il valore per gli acquirenti come creare una nuova domanda 15

16 QUADRO STRATEGICO IL FRAMEWORK DELLE 4 AZIONI [yellow tail] ELIMINARE La terminologia e le distinzioni enologiche Le qualità legate all invecchiamento Il marketing above the line AUMENTARE Il prezzo rispetto ai vini economici Il coinvolgimento dei punti vendita LO SCHEMA PER ELIMINARE-RIDURRE- AUMENTARE-CREARE porsi tutte le domande è un elemento analitico che spinge l azienda a agire di conseguenza RIDURRE La complessità del vino La gamma dei vini Il prestigio del vigneto CREARE Bevibilità Facilità di scelta Divertimento e avventura 16

17 FOCUS DIVERGENZA TAGLINE AVVINCENTE in questo modo l azienda non disperde i suoi sforzi, come avviene quando ci si occupa di tutti i fattori competitivi la curva del valore è divergente, grazie ad un analisi delle alternative è il motto che riassume il profilo strategico in modo semplice e diretto; nel caso di [yellow tail] è chiara: si tratta di un vino semplice e divertente adatto per tutti i giorni 17

18 Come formulare una strategia oceano blu Ridefinire i confini del mercato 18

19 Considerano il settore di riferimento in modo uniforme e hanno come obbiettivo: essere l impresa migliore rispetto alle altre; Analizzano il settore attraverso la lente dei gruppi strategici tradizionali; Pongono il focus sullo stesso gruppo di acquirenti; Definiscono la gamma di prodotti e dei servizi in modo uniforme; Accettano un orientamento funzionale o emotivo del settore; Formulano strategia sul presente e sulle attuali minacce competitive. 19

20 1. Analizzare settori alternativi Una azienda deve riuscire a differenziarsi sia dalla concorrenza delle imprese del suo settore sia da quelle di altri settori che offrono prodotti o servizi con la stessa funzionalità. Caso Netjet 2. Analizzare i gruppi strategici in cui è diviso il settore I gruppi di aziende che operano nello stesso settore prevedono una strategia simile, quindi per differenziarsi devono classificarsi sulla base del prezzo e della performance. Caso Curves 3. Analizzare la catena degli acquirenti I compratori che pagano per un prodotto possono essere diversi dagli effettivi utilizzatori; focalizzandosi su questi ultimi l azienda può capire come ridisegnare l offerta di valore. Caso Novo Nordisk 20

21 4. Analizzare l offerta di prodotti e di servizi complementari Quando s inserisce un prodotto nel mercato è importante generare valore anche grazie ai servizi complementari, definendo una soluzione complessiva. Caso Nabi 5. Analizzare l appeal funzionale o emotivo esercitato sugli acquirenti In ogni settore la concorrenza tende a convergere su una visione condivisa del raggio di azione dei prodotti e dei servizi, ma anche sul fondamento dell appeal (funzionale o emotivo). Caso QB house 6. Analizzare i cambiamenti nel tempo Tutti i settori sono soggetti a una serie di trend che influenzano i business nel tempo e riuscire ad analizzare questi trend con la giusta prospettiva po dare la possibilità di creare un oceano blu. Caso Apple 21

22 Allineare il processo di pianificazione strategica in modo da porre il focus sul quadro complessivo è possibile grazie ai dati forniti da diverse persone che appartengono ai diversi settori dell azienda. Disegnare un quadro strategico consente all azienda di: Visualizzare il suo attuale stato di posizionamento nel mercato; Delineare la strategia futura. Il profilo strategico ha tre qualità complementari le quali devono essere espresse chiaramente: focus; divergenza; tagline avvincente. 22

23 Negli ultimi anni è stato ideato un processo strutturato in 4 fasi per spingere le aziende verso la creazione di un oceano blu. 1. Risveglio visiva 2. Effettuare un esplorazione sul campo 3. Rassegna delle strategie visive 4. Comunicazione visiva 23

24 L azienda nel settore dei servizi finanziari ha adottato il processo per sviluppare una strategia capace di staccarla dalla concorrenza. FASE 1: Due team manager hanno tracciato curve del valore corrispondenti alla strategia attuata dall azienda; le analisi hanno rilevato alcuni difetti della strategia aziendale. FASE 2: La ricerca sul campo ha capovolto molte conclusioni a cui i manager erano giunti nella prima fase del processo. Quindi è stato chiesto ai team di ridisegnare curve di valore. 24

25 FASE 3: I quadri strategici sono stati giudicati da dirigenti, rappresentati dei vari settori, clienti e non-clienti. Dopo la rassegna si è potuto dare all azienda un immagine realistica del profilo strategico attuale e futura. FASE 4: l ultimo passo è quello di comunicarla in modo comprensibile a ciascun dipendente tramite delle rappresentazioni visive degli obiettivi. 25

26 QUADRO STRATEGICO L utilizzo del quadro strategico nei processi decisionali relativo alle principali opportunità dei nuovi business permette all azienda di: stabilire un linguaggio comune, diffondere la sua cultura aziendale promuove norme strategiche MAPPA PMC Le aziende possono essere suddivise in: PIONIERI: questi hanno creato un oceano blu nel loro settore arricchendo il valore offerto al cliente. COLONI: sono coloro le aziende che hanno una curva di valore che segue il profilo della curva del settore. MIGRATORI: risiedono in un punto intermedio fra pionieri e coloni, essi offrono buon un prodotto ad un minor prezzo. 26

27 Il management spesso esprime un certo scontento per la pianificazione strategica. Disegnare una curva di valore o una mappa PMC è la prima parte del processo, successivamente si dovrà ricorre a documenti e calcoli. Visualizzando il quadro complessivo si potrà meglio immaginare come divergere dalla concorrenza. 27

28 L azienda deve mettere in discussione due pratiche tradizionali nel campo della strategia: 1) focus sui clienti attuali. 2) tendenza a segmentazione sempre più fitta, per adattarsi alle differenze tra i clienti. Per massimizzare la dimensione del suo oceano blu, l azienda deve concentrarsi sui non-clienti e non sui clienti; invece di porre il focus sulle differenze tra clienti, deve basarsi sui punti in comune tra loro, cioè gli aspetti a cui attribuiscono più valore. Estendere la dimensione oltre la domanda esistente, per sbloccare una nuova massa di clienti che prima non esisteva. 28

29 Esempio: Caso Callaway Golf Problema: Come mai gli appassionati di sport e i membri del country club non si sono ancora messi a giocare a golf? Soluzione: Callaway Golf ha scoperto un importante punto in comune che univa la massa dei non-clienti: colpire la palla da golf era considerato molto difficile. La risposta è stata Big Bertha, una mazza da golf con la testa più grande che semplificava notevolmente il compito di colpire la palla. Big Bertha ha convertito molti non-clienti in clienti. Qual è il punto su cui focalizzare l attenzione: la conquista di una quota maggiore di clienti esistenti o il tentativo di convertire i non-clienti in una nuova domanda? 29

30 TRE LIVELLI DEI NON-CLIENTI Terzo livello Primo livello Il nostro mercato Secondo livello Primo livello: futuri non-clienti, che si trovano ai bordi del nostro mercato e aspettano di levare le tende. Secondo livello: non-clienti che rifiutano, quelli che hanno scelto consciamente di tenersi fuori dal nostro mercato. Terzo livello: non clienti inesplorati, che si trovano in mercati distanti dal nostro. 30

31 Questi futuri non-clienti sono quelli che utilizzano solo in minima parte l attuale offerta del mercato, per far fronte alle loro necessità mentre cercano qualcosa di meglio. Esempio: Caso Pret a Manger I non-clienti di primo livello avevano tre punti in comune: 1) pranzare in poco tempo; 2) Mangiare cibi freschi e sani; 3) Li volevano comprare a un prezzo ragionevole. Quali sono i motivi principali per cui i non clienti di primo livello vogliono abbandonare il vostro settore? Cercare i punti in comune tra le loro insoddisfazioni e concentrarsi su di essi e non sulle differenze. 31

32 Sono i non-clienti che rifiutano, cioè quelli che non vogliono o non possono utilizzare l offerta attuale del mercato perché la trovano inaccettabile oppure al di sopra delle proprie possibilità. Essi soddisfano i propri bisogni in altro modo, o addirittura li ignorano. Esempio: Caso JCDecaux Offrì gratuitamente, alle amministrazioni locali, manutenzione compresa, la street forniture, cioè un tipo di strutture detti arredi urbani con pannelli pubblicitari integrati. Quali sono i motivi principali per cui i non-clienti di secondo livello rifiutano di usare prodotti/servizi del nostro settore? Cercare i punti in comune tra le loro esigenze. 32

33 Il terzo livello dei non-clienti è quello più lontano dai clienti attuali in un dato settore. Tipicamente nessun player del settore ha mai mirato a questi non-clienti inesplorati, né li ha considerati potenziali clienti perché i loro bisogni e le relative opportunità di business sono sempre stati appannaggio di altri mercati. Esempio: prodotti per la sbiancatura dei denti. settore della difesa aerospaziale USA. Settore difesa aerospaziale USA: Marina militare: Voleva aerei duraturi, capaci di reggere allo stress di atterraggio sulle portaerei. Corpo dei Marines: Volevano aerei di spedizione, capaci di sostenere atterraggio e decollo a bassa quota. Aeronautica: Voleva solo gli aerei più veloci e sofisticati. 33

34 1. Il punto di partenza è l utilità per il cliente. La nostra offerta comporta un utilità eccezionale? La massa di clienti ha un motivo per acquistarla? 2. Una volta chiarito il punto di utilità eccezionale, si passa alla seconda fase: la definizione del giusto pricing strategico. Il nostro interrogativo deve essere il seguente: il pricing è definito per attirare un target di massa, è fissato cioè ad un livello abbordabile? 3. La tutela del lato legato al profitto ci porta al terzo elemento: il costo. Siamo in grado di produrre la nostra offerta restando in un target di costo prefissato, realizzando comunque un buon margine di profitto? Potete fare profitti definendo un pricing strategico? 4. L ultima fase prevede il superamento degli ostacoli legati all adozione. Quali sono quelli relativi alla messa in pratica della nostra idea? Li abbiamo affrontati consapevolmente fin dall inizio? VERIFICARE L UTILITA ECCEZIONALE DELL OFFERTA Esempio: caso CD-i Philips Riproduttore video Stereo Consolle per videogiochi Strumento formativo 34

35 Acquisto Consegna Utilizzo Integrazione Manutenzione Eliminazione Produttività Semplicità Comodità Rischio Divertiment o e immagine Rispetto per l ambiente I sei stadi del ciclo esperienziale del cliente: ogni fase racchiude un ampia gamma di esperienze specifiche (es: acquisto può racchiudere l esperienza di esplorare il sito di ebay). Le sei leve dell utilità: sono i modi in cui l azienda può generare un utilità eccezionale. La leva usata più comunemente è quella della produttività (lato cliente), che corrisponde a un offerta che aiuta il cliente ad agire meglio o più velocemente. 35

36 Esempio: Ford Modello T Prima solo auto di lusso, fatte su misura per i ricchi. Focus intero settore: immagine. Vi erano due ostacoli che bloccavano l offerta dell utilità alla grande massa: comodità (riferita alla fase dell utilizzo); rischio(riferito alla fase di manutenzione). Fu definita L automobile per la grande massa. IL modello T era rivolto all uso quotidiano. Era affidabile e durevole. Occorre chiedersi quali siano gli ostacoli principali che bloccano l utilità offerta ai clienti e ai non-clienti lungo il ciclo dell esperienza dell acquirente? La nostra offerta elimina questi ostacoli? Se la risposta è no, è probabile che essa rappresenti un innovazione fine a se stessa. 36

37 Per garantire un sostanzioso flusso di ricavi legati all offerta, dobbiamo fissare il giusto prezzo strategico. Sta diventando sempre più importante sapere fin dall inizio quale sia il prezzo in grado di conquistare l intera massa del target di clienti. Ci sono due motivi per questo cambiamento di prospettiva: 1. Le aziende stanno scoprendo che alti volumi generano utili sempre più alti di una volta. Esempio: settore del software: produrre la prima copia del sistema operativo Windows XP è costato a Microsoft svariati miliardi di dollari mentre le copie successive hanno comportato solo il costo di un CD. 2. Agli occhi del cliente il valore di un prodotto/servizio è legato al numero totale delle persone che lo utilizzano (esternalità di rete). Occorre considerare il grado di protezione e le difficoltà di imitazione (concetto di escludibilità): Il prezzo strategico che definiamo per la nostra offerta non deve solo attrarre un gran numero di clienti, ma anche aiutarci a mantenerli. L azienda deve partire da un offerta che i clienti non possano rifiutare e deve scoraggiare le possibili imitazioni dei concorrenti. 37

38 La difficoltà principale nel determinare il prezzo strategico è quella di capire quanto siano sensibili al prezzo le persone che paragoneranno il nuovo prodotto/servizio con un gran numero di prodotti e servizi molto diversi, offerti al di fuori dei concorrenti tradizionali. 1. Forma diversa, stessa funzione: 2. Forma e funzione diversa, stesso obiettivo: 38

39 FASE 2: SPECIFICARE UN LIVELLO DI PREZZO ALL INTERNO DELLA FASCIA Determinare il livello più alto di prezzo che ci si può permettere di fissare restando all interno della fascia, senza invitare la concorrenza a imitare il proprio prodotto/servizio. Valutazione dipende da due fattori: grado di protezione legale; grado di esclusività dell asset. 39

40 Per rispettare il target di costo, l azienda ha a disposizione tre leve principali: 1. L ottimizzazione della supply chain e l introduzione di alcune innovazioni a livello di costo, dalla produzione alla distribuzione. Esempio: caso Swatch Problema: possiamo sostituire le materie prime del prodotto/servizio con altre magari meno tradizionali ma anche meno costose? Soluzione: Utilizzo della plastica; Riduzione del numero di componenti dell orologio; Tecniche di montaggio nuove ed economiche; Prezzo intorno ai 30 euro. 2. Partnership: offrono all azienda un modo per procurarsi velocemente ed efficacemente le capacità necessarie facendo abbassare la struttura dei costi. Esempio: caso Ikea Ikea ottiene il prezzo più basso per i materiali e per la produzione tramite una partnership con circa 1500 produttori sparsi in oltre 50 Paesi. 3. Modifica del modello di pricing: Esempio: caso Blockbuster Problema: come avrebbe potuto un impresa far soldi vendendo i video a pochi dollari, seguendo la strada del pricing strategico? Soluzione = vendita noleggio 40

41 Il modello di profitto della strategia oceano blu Prezzo strategico Target di profitto Target di costo Ottimizzazione della logistica e innovazioni a livello di costo Partnership Innovazione a livello di pricing 41

42 Un modello di business può non essere sufficiente a garantire il successo commerciale di un Idea Oceano Blu. Esso minaccia lo status quo. Per questo motivo potrebbe suscitare timori e resistenze nelle tre principali parti in causa di un azienda: I dipendenti: l azienda deve collaborare con i dipendenti in modo che tutti i membri risultino vincenti. Le aziende partner: essi temono che il loro flusso di ricavi o il loro posizionamento sul mercato possa essere minacciato da una nuova idea di business. Il grande pubblico: l opposizione a una nuova idea può anche allargarsi al grande pubblico, specie se l idea è davvero originale e innovativa quindi minaccia le norme sociali e politiche. Caso Monsanto: produce cibi geneticamente modificati. Problema: istruire il grande pubblico sui benefici dei cibi geneticamente modificati. Errore: lasciare che altri (Greenpeace ecc) tenessero le fila del dibattito, in quanto gli attacchi di questi gruppi hanno fatto molta presa in Europa. 42

43 CD-i Philips Utilità (l utilità offerta è di livello eccezionale?) Prezzo (il prezzo è facilmente accessibile?) Costo (la struttura dei costi rispetta il target di costo?) Adozione (abbiamo affrontato gli ostacoli legati all adozione?) Caso: NTT DoCoMo, il più grande operatore di telefonia giapponese, lancia nel 1999 l i-mode: Offre navigazione su Internet, mail, accesso a informazioni tramite cellulare; Prezzo accessibile ad una larga massa di utenti; Partnership con i produttori di telefoni e i fornitori di contenuti; 43

44 44

45 Oggi, l attuale diffusione delle Information & Communication Technologies ha aumentato la possibilità di entrare in contatto con i consumatori con i quali attivare processi di innovazione collaborativa, attraverso ambienti virtuali, chiamati virtual customer environment. 45

46 Apertura e Ubiquità. Si supera il trade-off tra la richness, e la reach. Velocità e durata. Accesso a conoscenza distribuita. Reversibilità e plasticità. Flessibilità 46

47 Differenzazione di marketing Elevata Limitata Marketing one to one Marketing tradizionale Customerization Mass Customization Limitata Elevata Differenziazione tecnologica 47

48 Prospettiva tradizionale Collaborative innovation Approccio all innovazione Ruolo del cliente Direzione dell interazione Centrato sull azienda Passivo: voce del cliente come input per creare e testare prodotti A una via: dall impresa al cliente Intensità dell interazione Episodica: su basi contingenti Ricchezza dell interazione Ampiezza del pubblico raggiunto Focus sulla conoscenza individuale Interazione diretta con i clienti attuali Centrato sul cliente Attivo: il cliente come partner nel processo innovativo A due vie: dialogo con i clienti Continuativa: dialogo iterativo Focus sulla conoscenza sociale ed esperenziale Interazioni dirette e mediate con clienti potenziali 48

49 L impresa oltre ad Internet, ha a disposizione un enorme quantità di mezzi per interagire con il mercato e diffondere dati, video, informazioni, comunicazioni per mettere in atto la collaborative innovation. Internet riesce in questo ambiente in continua evoluzione, a coniugare i vantaggi delle diverse tecnologie che riunisce al suo interno 49

50 Internet si pone come strumento di adaptive codevelopment di nuovi prodotti, dove i consumatori sono co-sviluppatori di innovazione e le imprese sollecitano i loro feedback per meglio orientare le scelte dei clienti ed alimentare la loro fiducia. 50

51 raggiungere i pubblici segmenti è veloce il costo dello sviluppo e test dei prototipi virtuali sono inferiori ai testi di prototipi fisici la realtà virtuale migliora la qualità delle interazioni con i consumatori. 51

52 Lo sviluppo di un nuovo prodotto in ottica collaborative innovation avviene in cinque fasi 52

53 OBIETTIVI METODI Sviluppare nuove idee di prodotti o servizi tramite indagini sui consumatori realizzati attraverso la rete. Survey Suggestion Box Comunità virtuali di consumatori Raccolta delle lamentele 53

54 METODI Virtual concept test. La realtà virtuale offre la possibilità di sviluppare e articolare diversi prodotti per confrontarli e valutarne le caratteristiche per selezionare l dea maggiormente funzionale. On line focus group. Favorisce l emergere della conoscenza di mercato tramite le interazioni tra i partecipanti on line in attraverso la video conferenza e la chat. 54

55 OBIETTIVI Tradurre le priorità dei consumatori in priorità di design ed engineering. METODI Conjoint analysis. Toolkits for user innovation. OPEN SOURCE 55

56 METODI virtual product test, consente al cliente di testare diverse configurazioni di prodotto attraverso immagini, descrizioni del prototipo, tour virtuali dentro il prodotto per dare un giudizio o modificare alcune caratteristiche. virtual market test, riproduzione in ambiente digitale del prodotto per ricreare una completa esperienza di shopping virtuale e prevedere il successo dei nuovo prodotto. (Es: veicolo elettrico nel quale si può entrare virtualmente e scambiare informazioni con gli utenti). 56

57 OBIETTIVI METODI Mettere in atto comportamenti di viral marketing per lanciare il prodotto Invio di cartoline elettroniche Buoni sconto ed omaggi comunicazioni personalizzate (newsletter e assistenza nella scelta del prodotto ) 57

58 58

59 LA COLLABORATIVE INNOVATION ORIENTAMENTO AL PRODOTTO ORIENTAMENTO AL MERCATO Consapevolezza dell importanza di assorbire conoscenza esterna a supporto dell innovazione. Approccio alla collaborative innovation: coinvolgimento attivo del cliente 59

60 La diffusione di Internet ha fatto si che alla base della collaborative innovation si sviluppasse un nuovo fenomeno che porta le aziende ad aprirsi da un punto di vista organizzativo: L INNOVAZIONE DISTRIBUITA Insieme di attività a supporto dell innovazione che prevedono una divisione del lavoro tra attori indipendenti e geograficamente dispersi. 60

61 I MODELLI ORGANIZZATIVI NATURA DELLA COLLABORAZIONE Ricerca di modelli al fine di catturare in maniera più economica, rapida e globale la conoscenza distribuita. TIPO DI GOVERNANCE Individuale Communitybased Firm centric Co-creazione del valore Comunità di creazione Market centric Virtual knowledge broker Sistemi open source 61

62 Cocreazione del valore Comunità di creazione I MODELLI ORGANIZZATIVI Virtual knowledge broker Sistemi open source Le aziende sviluppano prodotti e servizi superiori in un processo di co-creazione del valore con il cliente Procter & Gamble: Strategia Connect & Develop: Innovazione radicale dei prodotti tramite collaborazioni con clienti, fornitori, università, laboratori nazionali 62

63 I MODELLI ORGANIZZATIVI Cocreazione del valore Comunità di creazione Virtual knowledge broker Sistemi open source Creazione di una proprietà intellettuale condivisa. I partecipanti danno vita ad un contesto comune d esperienza riferito ad un ambito specifico. Azienda coordinatrice della community. Ducati Community 63

64 I MODELLI ORGANIZZATIVI Cocreazione del valore Comunità di creazione Virtual knowledge broker Sistemi open source Aziende che giocano un ruolo di mediazione della conoscenza. Raccolgono la conoscenza di mercato e di settore su determinati prodotti e la distribuiscono alle aziende. Innocentive: Azienda leader in Crowdsourcing innovation 64

65 I MODELLI ORGANIZZATIVI Cocreazione del valore Comunità di creazione Virtual knowledge broker Sistemi open source Sistemi basati sullo sviluppo congiunto di conoscenza e innovazione messo in essere da svariati attori individuali e indipendenti. Gli utenti possono beneficiare dei contributi gratuitamente condivisi dagli altri. Linux: freesoftware 65

66 I MODELLI ORGANIZZATIVI DIFFERENZE: Conoscenze prodotte Elementi di governo del processo innovativo Diverso grado di coinvolgimento degli attori esterni Co-creazione del valore Virtual Knowledge Broker APPROCCIO ETERARCHICO Comunità di creazione Sistemi open source APPROCCIO GERARCHICO 66

67 LE COMUNITA VIRTUALI Un aggregazione sociale che emerge dalla rete quando un numero sufficiente di persone che si impegnano abbastanza a lungo in discussioni pubbliche, con un discreto feeling umano, creando ragnatele di relazioni personali nel cyberspazio (Rheingold, 1993) REQUISITI: Un elemento di numerosità Un elemento temporale Un elemento di partecipazione consapevole 67

68 TIPI DI COMUNITA COMUNITA SU INTRANET : Comunità di collaboratori di una specifica impresa che sfruttano e trovano spazio nelle sue reti Intranet. Aspetto rilevante è il Knowledge Management COMUNITA SU EXTRANET:Comunità estese a fornitori e partner distributivi che nascono dall interconnessione tra diverse Intranet. Tali comunità sono volte a favorire processi di scambio di informazioni e di prodotti a livello verticale COMUNITA VIRTUALI DI CONSUMO:Comunità che si sviluppano nell ambiente aperto di Internet, aggregando utenti accomunati dai medesimi interessi e orientati a socializzare le rispettive esperienze, costruendo un background comune. STRUMENTI PER LA COLLABORATIVE INNOVATION 68

69 FUNZIONI DELLA COMUNITA DI CONSUMO AGGREGAZIONE DELLA DOMANDA SU SCALA GLOBALE: Superamento del trade off tra globalizzazione e personalizzazione. Processi di autosegmentazione. TIPOLOGIA: COMUNITA VIRTUALI A SUPPORTO DEI PROCESSI Di TRANSAZIONE: comunità che nascono in Rete con l esplicito obiettivo di agevolare operazioni di commercio elettronico. RUOLO NEL PROCESSO INNOVATIVO: Test dei nuovi concetti di prodotto Ciao.com: Comunità che aggrega soggetti interessati a consultarsi reciprocamente prima di effettuare un acquisto 69

70 FUNZIONI DELLA COMUNITA DI CONSUMO ANALISI DI MERCATO: Opportunità di accedere in tempo reale a informazioni per sviluppare servizi coerenti con le esigenze della collettività TIPOLOGIA: COMUNITA DI INTERESSE: individui determinati a scambiarsi informazioni su argomenti specifici. Ciò che realmente conta sono le conoscenze accumulate e la competenza del singolo partecipante ai temi affrontati RUOLO NEL PROCESSO INNOVATIVO: Generazione e selezione delle idee Cucinait.com: community che riunisce appassionati nel campo della cucina che si scambiano informazioni e consigli su ricette particolari, ristoranti, menù.. 70

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin BLUE OCEAN STRATEGY Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin L innovazione di valore APPROCCIO STRUTTURALISTA I cambiamenti a livello di sistema sono indotti

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace

GRUPPO DI LAVORO. Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace GRUPPO DI LAVORO Sara Antico Sara Banci Annalisa De Vitis Nadia Di Pace MATERIALE CONSULTATO W.Cham Kim e Renée Mauborgne, Strategia Oceano Blu. Vincere senza competere P. Kotler e F. Trias de Bes, Il

Dettagli

NUOVE METODOLOGIE PER L INNOVAZIONE RADICALE

NUOVE METODOLOGIE PER L INNOVAZIONE RADICALE NUOVE METODOLOGIE PER L INNOVAZIONE RADICALE DAR VITA AD UN OCEANO BLU UN NUOVO SPAZIO DI MERCATO L unico modo per battere la concorrenza è smettere di cercare di battere la concorrenza! Si consideri il

Dettagli

CO-CREAZIONE DEL VALORE

CO-CREAZIONE DEL VALORE MARKETING CORSO PROGREDITO Università di Urbino Docente: Giancarlo Ferrero CO-CREAZIONE DEL VALORE A cura di: Serena Leuci Gregory Scupola Francesco De Biase Francesca Triarico Mauro De Maggi 1 L intento

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

TEORIA ECONOMICA DELL ORGANIZZAZIONE

TEORIA ECONOMICA DELL ORGANIZZAZIONE TEORIA ECONOMICA DELL ORGANIZZAZIONE L approccio blue ocean Luca Pirolo LUISS Roma 21 febbraio 2008 La blue ocean strategy La Blue Ocean Strategy è un approccio sistemico per uscire dalla competizione.

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

INNOVATION MANAGEMENT CREARE VALORE e battere la crisi. Il Metodo CreActivity Branding

INNOVATION MANAGEMENT CREARE VALORE e battere la crisi. Il Metodo CreActivity Branding Il Metodo CreActivity Branding Marketing Innovation Management e La Creazione di valore Qualità Project Management ALCUNE DEFINIZIONI STORICHE DEL "VALORE" Porter: Definizione: Differenza positiva tra

Dettagli

blue ocean strategy in Italia

blue ocean strategy in Italia blue ocean strategy in Italia Blue Ocean Strategy Executive Seminar Milano, 25-26 ottobre 2012 Vincere senza competere: ripensare la propria strategia per la crescita profittevole. Panoramica Per la seconda

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Information summary: Il marketing

Information summary: Il marketing Information summary: Il marketing - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi forma

Dettagli

Business Model Generation. La progettazione e il design.

Business Model Generation. La progettazione e il design. «Camp for Company» Business Model Generation. La progettazione e il design. Aprile 2013 Mario Farias 1 Business Model Generation 2 La progettazione - Strumenti e tecniche Tutti i modelli di business hanno

Dettagli

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi.

ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1. http://www.sinedi. http://www.sinedi.com ARTICOLO 73 MARZO/ APRILE 2015 INNOVARE IL MODELLO DI BUSINESS CREANDO NUOVI MERCATI OCCHIO ALLE TRAPPOLE OCEANO ROSSO 1 L innovazione dei modelli di Business può essere guidata dalla

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi?

Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Quale direzione per le aziende? Aprirsi a nuovi mondi o diventare estremamente competitivi? Report paper by Novaxia Corporate Programme Team In un periodo di svolta dopo quello che abbiamo vissuto e che

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo LA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO ON-LINE IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo collocare il prodotto/servizio nel sistema di percezioni degli utenti rispetto alle varie alternative di scelta percepite

Dettagli

È mente RETORICA: persuade, emoziona e coinvolge attraverso un linguaggio naturale, chiaro e diretto. Dona magia alla parola.

È mente RETORICA: persuade, emoziona e coinvolge attraverso un linguaggio naturale, chiaro e diretto. Dona magia alla parola. È mente STRATEGA: elabora strategie di marketing vincenti improntete sull identikit del Cliente. Attraverso indagini di mercato, analisi statistiche e rielaborazioni è alla continua ricerca di soluzioni

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 LEZIONE 12 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO IL MARKETING CONCEPT L insieme delle attività che mirano

Dettagli

Marketing Myopia. (di Theodore Levitt,1960) La creatività si manifesta nella fase della percezione

Marketing Myopia. (di Theodore Levitt,1960) La creatività si manifesta nella fase della percezione MARKETING VERTICALE O MARKETING LATERALE? 1 Introduzione Fase analitica e conoscitiva Fase decisionale e di marketing management Analisi del mercato, dei concorrenti, della domanda, dei trend (modello

Dettagli

Le cinque strategie di base

Le cinque strategie di base Università degli Studi di Urbino Corso di laurea in Marketing e Comunicazione per le aziende Le cinque strategie di base Le cinque strategie competitive di base Corso di Strategie d Impresa Prof. Tonino

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Come diventare imprese con alte performance

Come diventare imprese con alte performance Come diventare imprese con alte performance Uno studio su posizionamento di mercato, capacità distintive, anatomia della performance a cura di Marino Fadda Come diventare imprese con alte performance a

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management

di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management STRATEGIA OCEANO BLU: VENDERE VALORE NON HA CONCORRENZA di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management La Teoria dei Vincoli fornisce un punto di vista diverso per formulare offerte così

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

L Oceano Blu è un mercato dove le regole sono ancora da scrivere e dove non esiste, almeno all inizio, c è competizione.

L Oceano Blu è un mercato dove le regole sono ancora da scrivere e dove non esiste, almeno all inizio, c è competizione. NAVIGARE NELL OCEANO BLU Digitronica Solution S.p.A. nasce dalla trentennale esperienza nel settore informatico italiano dei soci fondatori. Dalla distribuzione di prodotti (Digitronica), alle competenze

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli