Educatore prima infanzia Profili professionali e offerte formative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Educatore prima infanzia Profili professionali e offerte formative"

Transcript

1

2 01 IMPAGINATO :25 Pagina 1 Educatore prima infanzia Profili professionali e offerte formative Direzione centrale affari sociali Settore sviluppo delle professionalità, volontariato, associazionismo e terzo settore

3 01 IMPAGINATO :25 Pagina 2 La presente pubblicazione è frutto dei risultati di una ricerca. I testi sono a cura di Francesca Ceruzzi e Patrizia Di Santo dello Studio Come S.r.l., Roma. Provincia di Milano, ottobre 2006

4 01 IMPAGINATO :25 Pagina 3 Sommario PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE 7 LA DOMANDA DI EDUCATORI PRIMA INFANZIA 13 Evoluzione dei servizi per la prima infanzia 13 Livelli essenziali delle prestazioni sociali (LEP) 14 Servizi per la prima infanzia nella Regione Lombardia 15 Profili professionali richiesti dagli standard di personale della Regione 15 Figure professionali 18 Figure professionali richieste da Comuni e altri Enti locali per l affidamento dei servizi 19 Qualifiche degli operatori in servizio 20 In sintesi 20 L OFFERTA FORMATIVA 23 Profili a esaurimento 23 Istruzione magistrale 23 Istruzione tecnica e professionale 23 Arti ausiliarie delle professioni sanitarie 24 Titoli in vigore a livello nazionale 24 Liceo socio-psicopedagogico 24 Scuole per puericultrici 25 L offerta universitaria 26 Esperienze formative specifiche della Regione Lombardia 26 Scuola di formazione del Centro Assistenza Minori della Provincia di Milano 26 Scuola di formazione degli Istituti Clinici di Perfezionamento 28 Formazione professionale FSE 28 In sintesi 29

5 01 IMPAGINATO :25 Pagina 4 LA VOCE DEGLI OPERATORI 31 Profilo del campione nei questionari 31 Strumenti per la riflessione 32 Nuove esigenze dei bambini e delle famiglie 34 Il ruolo di educatore prima infanzia 36 Attività che gli operatori svolgono spesso e raramente 37 Attività frequenti 37 Attività rare 38 Attività che gli operatori considerano facili e difficili 39 Confronto tra frequenza e facilità di esecuzione 41 Sviluppo della professionalità degli educatori prima infanzia 43 La funzione di coordinamento 43 Fabbisogno di aggiornamento espresso 45 Percezione degli operatori 45 Percezione dei coordinatori 46 VERSO IL PROFILO UNICO DI EDUCATORE PRIMA INFANZIA 49 Profilo professionale 49 Dibattito e orientamenti aperti 51 Proposta di riordino dei profili educativi 53 Competenze dell educatore prima infanzia 53 PROFILO EDUCATORE PRIMA INFANZIA 57 PROSPETTIVE E PROPOSTE 59 ALLEGATI 63 Allegato 1. Questionario educatori 65 Allegato 2. Attività dell educatore prima infanzia 71 Allegato 3. Competenze dell educatore prima infanzia 73 TABELLE 75

6 01 IMPAGINATO :25 Pagina 5 Prefazione In questo 2006, la Provincia ha inteso garantire servizi e interventi che fossero finalizzati al sostegno della famiglia e della capacità genitoriale. Questa scelta si è concretizzata nella realizzazione, d intesa con Comuni e volontariato, di azioni di supporto in particolare a famiglie fragili nel difficile compito dell educare, del crescere; piuttosto che a famiglie con gravi carichi assistenziali nel difficile compito del tutelare e curare. La famiglia rappresenta un capitale sociale di valore unico e una risorsa primaria ai fini del bene-essere delle persone e delle comunità. Di contro le famiglie sono sempre più sottoposte a pressioni di ordine strutturale, che aumentano il divario tra compiti, cui le stesse devono assolvere e risorse (in senso lato) di cui dispongono o a cui possono accedere. Ho consapevolezza che questo sia il nostro scenario di lavoro: da qui scelte di recente adozione quale quella di investire 15 milioni di euro sul bilancio pluriennale 2006/2007 per progetti finalizzati alla realizzazione o all ampliamento di strutture per la prima infanzia (0-36 mesi) da prevedersi in Comuni della provincia di Milano. Ho scelto di investire le risorse (anche economiche) della Provincia sugli esistenti servizi alla persona e ho chiesto a Comuni e privato sociale noprofit di mettere insieme, a quelle della Provincia, le loro stesse risorse, proprio per garantire più qualità e più appropriatezza ai servizi che eroghiamo. Il potenziamento dei servizi alla persona, rivolti in primo luogo alle famiglie, passa attraverso la formazione continua degli operatori: promuovere formazione è un costante impegno della Provincia. Concorre a concretizzare questo impegno la ricerca Educatore prima infanzia. Essa si propone di approfondire le conoscenze riguardo nuove competenze e professionalità esigite agli operatori, nuovi modelli di servizi, nuovi costumi educativi per orientare le iniziative di formazione e aggiornamento, che la Provincia propone agli operatori dei servizi della prima infanzia. Nella consapevolezza che nell immediato futuro si porrà con una certa urgenza il problema della definizione del profilo professionale dell opera- 5

7 01 IMPAGINATO :25 Pagina 6 tore 0-3 anni, questo lavoro vuole essere un contributo che la Provincia di Milano mette in campo per aprire un dibattito, a cui invita le Istituzioni preposte, in primo luogo la Regione Lombardia. Rosaria Rotondi Assessore alle politiche sociali 6

8 01 IMPAGINATO :25 Pagina 7 Introduzione Il rapporto diretto con servizi e operatori del territorio, mantenuto e consolidato dal Settore sviluppo delle professionalità anche dopo il decentramento delle attività provinciali, è basato oggi principalmente sull offerta formativa, sul sostegno e la consulenza a Comuni e ambiti territoriali, sulla diffusione di buone prassi e sull attività di studio e ricerca riguardo alle tematiche emergenti e rilevanti per i servizi alla persona. In campo formativo, dal 1978/79 al 2000/01 sono stati proposti agli educatori della prima infanzia n. 135 corsi di formazione permanente, in continuità con la precedente fase di riqualificazione in servizio degli operatori degli asili nido, trasformati in seguito alla L. n. 1044/71 e alla LR n. 39/72 in servizi educativi e non più di sola assistenza e custodia. L attività formativa, soprattutto quella di riqualificazione in servizio, è stata svolta in collaborazione con la Regione Lombardia che ha orientato verso una migliore e più specifica preparazione professionale, affidando alle Province il compito di raccordare le indicazioni regionali con le esigenze e le diversità dei territori locali. Sempre nel periodo dal 1978/79 al 2000/01 sono state coinvolte nelle iniziative di formazione e aggiornamento circa educatori, dei quali l 86% ha concluso il percorso con l attestato di partecipazione (frequenza di almeno i tre quarti del monte ore previsto dal corso); questa offerta formativa è stata l unica di cui gli educatori hanno potuto fruire in passato (salvo qualche intervento comunale), ma analoga carenza nell offerta formativa, almeno in parte, si verifica anche oggi, stante le note difficoltà del settore socio-assistenziale e la scarsità di risorse finanziarie dei Comuni. L attività di consolidamento della professione e l impegno successivo nel seguire l aggiornamento in servizio hanno riproposto la centralità della formazione permanente per gli educatori di asilo nido, coinvolti nel rapido e profondo mutamento nei modelli educativi, correlato all evoluzione del contesto sociale e alle nuove esigenze dei minori e delle famiglie. La professione dell educatore ha assunto una crescente importanza nei servizi alla persona e, conseguentemente, si rendono necessarie sia una migliore e più specifica preparazione riguardo agli aspetti relazionali con i minori e le famiglie, sia una maggiore attenzione al rapporto con altri ruoli 7

9 01 IMPAGINATO :25 Pagina 8 8 e professioni pedagogisti, pediatri, assistenti sociali, psicologi ecc., e una buona capacità di integrarsi nel lavoro d équipe. La legislazione regionale più recente accanto ai servizi per la prima infanzia indicati dal Piano socio assistenziale 88/90 e dalla LR 1/86 ha promosso, con la LR 23/99, progetti innovativi per la famiglia e l infanzia introducendo nuove tipologie di interventi tra i quali, nido famiglia, nido aziendale, attività di mutuo aiuto tra famiglie per la cura e il sostegno al bambino, attività ludiche per la prima infanzia. Con la LR n. 34/04 e la successiva DGR n. 7/20588/05, la Regione ha ridefinito le tipologie di servizio e gli standard strutturali e organizzativi di autorizzazione al funzionamento necessari per i servizi per la prima infanzia, nido, micro nido, centro prima infanzia e nido famiglia. La recente normativa regionale e gli interventi introdotti negli anni Novanta, assieme all aumento della domanda da parte delle famiglie, hanno comportato un ragguardevole incremento dei nidi, della cui gestione si occupano in misura crescente il privato e il privato sociale. Alla fine del 2005, quando la competenza per l autorizzazione al funzionamento era ancora delegata alla Provincia attualmente è dei Comuni, erano presenti sul territorio n. 633 asili nido, dei quali n. 316 gestiti da privati; negli ultimi quattro anni (dal 2002 al 2005) sono stati autorizzati n. 226 nidi privati. In relazione ai cambiamenti sopra descritti, il Settore sviluppo delle professionalità ha ritenuto di rafforzare le proprie proposte formative, in accordo con il territorio, rivolgendo l interesse soprattutto verso le problematiche emergenti e i nuovi bisogni formativi dell educatore prima infanzia; gli asili nido e i servizi similari si presentano, infatti, sempre di più come sistemi complessi di relazioni, luoghi di accoglienza e cura, ma anche di progettazione didattica, di gestione delle risorse umane e di conduzione dei gruppi di lavoro. L analisi delle iniziative di formazione e aggiornamento realizzate nell ultimo quadriennio (Tab. 1) rivela che le proposte svolte a favore di educatori e coordinatori sono state complessivamente n. 78, con n partecipanti; per gli educatori la maggioranza dei corsi si è svolta sul territorio (n. 44 rispetto a n. 17 centralizzati), mentre le coordinatori partecipano in misura maggiore ai corsi centralizzati (n. 13 rispetto a n. 4 svolti in sede locale); per questi ultimi, infatti, è più opportuno un aggiornamento che favorisca il confronto e lo scambio tra le varie realtà di lavoro e le differenti esperienze presenti sul territorio provinciale. Per quanto riguarda gli educatori invece, in linea generale, la necessità di

10 01 IMPAGINATO :25 Pagina 9 fare crescere i nuclei di lavoro locali, garantendo una formazione omogenea, ha comportato l esigenza di ricavare tempi e luoghi che potessero coinvolgere tutte gli educatori e non penalizzare l utenza; ad esempio, i corsi sulla programmazione annuale sono spesso attuati prima dell apertura dei servizi. Tabella 1 Corsi realizzati dal 2002 al 2005 a favore di coordinatori ed educatori prima infanzia Anno Educatori Coordinatori Totale Territorio Centralizzati Territorio Centralizzati Corsi Partec. Corsi Partec. Corsi Partec. Corsi Partec. Corsi Partec Totale Fonte: elaborazione Provincia di Milano, Settore sviluppo delle professionalità, 2006 I temi maggiormente trattati, per i coordinatori, riguardano l assunzione del ruolo, solo da pochi anni si è passati dal coordinamento a rotazione del collettivo alla figura del coordinatore stabile; le competenze gestionali e organizzative; la capacità di sviluppare rapporti significativi con la rete anche informale dei servizi; la ricerca di omogeneità su alcune questioni di carattere generale (quali ad esempio, liste d attesa, aspetti sanitari ecc.) tra nidi pubblici e privati che operano in uno stesso ambito territoriale. Il corso sul coordinamento pedagogico (realizzato ormai in XVI edizioni) ha visto un alta partecipazione da parte dei coordinatori: l interesse è dovuto sicuramente all attenzione e alla centralità poste sulla dimensione pedagogica, ma anche all approfondimento su attese e percezioni del ruolo, all analisi delle funzioni di coordinamento e all identificazione dei confini e delle relazioni tra servizi per l infanzia e contesto esterno. Le numerose iniziative formative territoriali rivolte agli educatori hanno toccato e approfondito le tematiche di fondo della professione, con la presentazione di nuovi approcci e modelli educativi, e hanno affrontato i cambiamenti sociali e culturali della famiglia che comportano significative ripercussioni sull attività, richiedendo maggiore flessibilità e differenziazione nell offerta dei servizi. 9

11 01 IMPAGINATO :25 Pagina Notevole attenzione è stata data agli aspetti del disagio psicologico del bambino e a temi impegnativi quali la gestione dei conflitti, l aggressività nella prima infanzia, il conflitto familiare, il sostegno alla genitorialità; interesse e partecipazione riscuotono anche le iniziative che trattano le problematiche dell interculturalità e della famiglia a cultura mista, considerata la significativa e crescente presenza di bambini stranieri. Negli ultimi anni si è consolidato il passaggio da una formazione un po occasionale a una progettazione articolata sul biennio, più attenta ai bisogni formativi espressi da educatori, coordinatori e responsabili di servizio. Le iniziative, non più destinate a una singola unità d offerta, hanno coinvolto i nidi di diversi Comuni o di un intero ambito territoriale, favorendo il confronto e la condivisione su aspetti fondamentali, e operando per fare uscire il nido, almeno in parte, dal suo tradizionale isolamento. È anche importante sviluppare il rapporto con gli insegnanti di scuola materna, nella prospettiva della creazione di una rete di servizi per la fascia 0-6 anni, e promuovere un inserimento più efficace nella programmazione locale, attraverso un migliore raccordo con gli Uffici di piano ; tali finalità sono state prese in considerazione anche nei loro aspetti formativi e rappresentano obiettivi su cui riflettere e investire nell immediato futuro. I percorsi promossi dal Settore sviluppo delle professionalità, trattandosi di formazione permanente, hanno un legame significativo con il mondo del lavoro, nella consapevolezza che la professionalità degli operatori in questi come negli altri servizi che si occupano di persone può accrescersi ed evolvere anche attraverso la riflessione, il ragionamento e l apprendimento a partire dalle esperienze vissute nel quotidiano. La mancanza tuttavia di un percorso formativo di base e del profilo professionale riconosciuti costituisce un problema per una professione che possiede ormai una propria precisa identità, consolidata e sviluppata nell impegno lavorativo e attraverso la formazione permanente. È indispensabile pertanto affrontare in tempi ragionevoli le presenti tematiche che il rapporto con gli operatori ricorda costantemente sulle quali è in atto un confronto che ha portato ad alcuni orientamenti comuni, come dimostrano gli studi e le ricerche effettuati, le indicazioni di organismi nazionali e le soluzioni praticate da alcune regioni. In questo percorso si inserisce il progetto Educatore prima infanzia affidato allo Studio Come con l obiettivo di sviluppare una visione condivisa tra gli addetti ai lavori sulla professionalità richiesta oggi e quella che dovrà maturare in futuro per rispondere alle nuove tipologie di servizi e ai nuovi modelli.

12 01 IMPAGINATO :25 Pagina 11 Dalla ricerca, e in particolare dai gruppi di confronto effettuati con i coordinatori e gli educatori dei servizi territoriali Magentino-Abbiatense, Monza-Lissone, Milano, si è raffigurata l evoluzione della figura dell operatore prima infanzia negli aspetti fondamentali del rapporto con i bambini e genitori, nelle funzioni e nel significato del lavoro di équipe; inoltre, si sono messi in evidenza lo spessore e la delicatezza dei compiti che gli educatori svolgono, specie in una fase di cambiamento che investe la condizione infantile e la famiglia. I servizi per la prima infanzia si presentano come luoghi di accoglienza e cura, di programmazione didattica e come ampio sistema di relazioni in cui il ruolo dell educatore acquista crescente importanza; tutto ciò pone l esigenza di una solida formazione di base e successivamente della formazione permanente, come riflessione continua sulla propria azione e sulla pratica acquisita. Il confronto con i servizi e soprattutto i seminari territoriali hanno dato preziosi elementi e conferme sull esigenza di proporre una figura educativa unica per i nidi e i servizi integrativi, a esclusione del nido famiglia considerate le sue specificità. A partire dalla mappa delle attività e funzioni richieste sia al singolo operatore che al servizio, inteso come sistema organizzativo, il profilo suggerito si sviluppa dopo la scuola secondaria di secondo grado, con un percorso formativo regionale e in futuro con un percorso universitario. Mariella Trevisan, Luigia Filippini Settore sviluppo delle professionalità 11

13 01 IMPAGINATO :25 Pagina 12

14 01 IMPAGINATO :25 Pagina 13 La domanda di educatori prima infanzia L analisi mette in evidenza i principali cambiamenti dei servizi prima infanzia anche alla luce della recente normativa a livello regionale che fissa i requisiti di personale di nidi, micro nidi, centri prima infanzia. Partendo dai profili indicati dalla Regione, vengono analizzate le figure richieste da alcuni Enti della Provincia di Milano per coprire gli organici dei servizi prima infanzia, per passare poi all analisi dei titoli di un campione di operatori attualmente in servizio. Evoluzione dei servizi per la prima infanzia Dopo l approvazione della Legge 1044/1971 che ha istituito gli asili nido comunali, si assiste a un evoluzione del modello del servizio in chiave educativa. Nei territori si sono sviluppate esperienze e sperimentazioni che hanno modificato la presenza esclusiva di personale con formazione socio-sanitaria 1 e hanno aperto i servizi a nuove competenze e a nuovi profili educativi, pedagogici e psicologici. Si tratta di servizi che si sono sviluppati negli anni Novanta in diverse città e regioni italiane, che testimoniano come la cultura del nido abbia aperto la strada a nuove proposte di intervento più flessibili e diversificate per rispondere alle esigenze delle famiglie e dei bambini: nidi famiglia, nidi in casa, tate a domicilio, ma anche numerose sperimentazioni quali centri gioco, area bambini, tempo per le famiglie. Le soluzioni adottate individuano almeno tre tipologie: servizi per bambini senza la presenza dei genitori, con la proposta di attività di gioco e socializzazione, servizi che accolgono bambini insieme a genitori e adulti, spazi di incontro tra genitori per avere occasioni di informazione e formazione. La nascita di questi servizi rivela un cambiamento culturale nella cura della prima infanzia; si riconosce un grande valore al gioco e alla socialità anche nelle prime fasi di crescita del bambino, si allarga l ottica con cui si guarda alle figure di riferimento del bambino (presenza di più soggetti con ruoli 1 Ad esempio, il titolo di vigilatrice d infanzia (arti ausiliarie delle professioni sanitarie). 13

15 01 IMPAGINATO :25 Pagina 14 diversi all interno del nucleo familiare), si prevede il coinvolgimento attivo dei genitori. L accesso ai servizi integrativi è più facile rispetto al nido tradizionale, basta una semplice iscrizione e non ci sono liste d attesa. Spesso sono collocati in strutture esistenti che vengono adeguate al nuovo scopo per assicurare ai bambini spazi di gioco; facilitano l interazione e la socializzazione tra coetanei e consentono agli adulti una permanenza piacevole, con la possibilità di incontrarsi, di comunicare, di informarsi sui vari temi relativi alla cura dell infanzia. In anni più recenti si sono sviluppati i nidi aziendali, che presentano caratteristiche organizzative e pedagogiche assimilabili ai nidi tradizionali. I nidi aziendali hanno la finalità di rispondere alle esigenze di conciliazione delle madri lavoratrici, nascono come esperienze flessibili, organizzate e pensate secondo gli orari di lavoro dei dipendenti anche se sempre più spesso sono aperti agli abitanti del territorio. Livelli essenziali delle prestazioni sociali (LEP) L evoluzione dei servizi per la prima infanzia ha seguito percorsi diversi nelle regioni italiane, in alcune sono stati compresi nel settore sociale, in altre nel settore educativo. Tuttavia, va ricordato che con la Legge 328/2000 i servizi per l infanzia entrano nella rete integrata dei servizi affidata alla programmazione e gestione della zona/distretto territoriale. Com è noto, la riforma del titolo V della Costituzione affida allo Stato il compito di fissare i livelli essenziali di servizi e prestazioni da garantire in modo omogeneo in tutto il paese (LEP). Il documento del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali (versione maggio 2004) include nei LEP i servizi per la prima infanzia. La tipologia di servizi e delle prestazioni prevista per l area socio-educativa prevede: asili nido e micro nidi, servizi integrativi prima infanzia, servizi innovativi prima infanzia, sostegno educativo scolastico, sostegno socio-educativo territoriale, integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio, integrazione sociale per detenuti, ex detenuti, nomadi, cittadini stranieri. In uno scenario tanto articolato diventa interessante capire come si declina il profilo professionale degli operatori educativi che, a diverso titolo, operano nei servizi dedicati alla prima infanzia. 14

16 01 IMPAGINATO :25 Pagina 15 Servizi per la prima infanzia nella Regione Lombardia In Lombardia, fino al 2005, la tipologia dei servizi per la prima infanzia è quella indicata nel Piano socio-assistenziale regionale del 1988/90; la legge di riordino dei servizi socio-assistenziali (LR 1/1986), i successivi Piani socio-sanitari regionali ( ) e la Legge 34/2004 Politiche regionali per i minori non precisano funzioni e profilo di competenze degli educatori prima infanzia. La legge regionale Politiche regionali per la famiglia (LR 23/1999) ha promosso progetti innovativi per rispondere alle esigenze delle famiglie con particolare attenzione a quelle numerose e monoparentali, introducendo nella rete dei servizi per l infanzia interventi che possono essere gestiti da associazioni e imprese: nido-famiglia, attività di cura di bambini da 0 a 3 anni promossa e autogestita da famiglie e utenti, potenziamento della ricettività dei nidi mediante convenzioni con soggetti privati, nido presso le aziende, banche del tempo e attività di mutuo aiuto tra famiglie di cura, sostegno e ricreazione del bambino, attività ludiche ed educative per l infanzia. La LR 23 del 1999 non offre indicazioni sulle figure professionali da utilizzare. Unico riferimento è all art. 4 comma 2 lett. e) in cui si richiede di agevolare la ricerca di personale che accudisca bambini a domicilio, favorendo la predisposizione in luoghi pubblici di elenchi di persone qualificate disponibili all esercizio di tali attività. La legge prevede che la Regione nell ambito della formazione professionale di sua competenza promuova attività di formazione e riqualificazione rivolte ai soggetti che operano nell ambito dei servizi socio-educativi (comma 6, lettera b). Profili professionali richiesti dagli standard di personale della Regione Con la DGR 7/20588 dell 11 febbraio 2005, la Regione Lombardia definisce i requisiti di personale dei servizi diurni, territoriali e domiciliari per la prima infanzia 2. I requisiti generali di struttura previsti dal PSA 88/ Attraverso le DGR del 16/02/2005 e DGR del 16/02/2005, invece, sono state riordinate le strutture di accoglienza residenziale per minori e disabili e i centri socio-educativi. Chiarimenti alla DGR 20588/2005 sono forniti dalle Circolari n. 11 e n. 45 del 18/10/2005, DG Famiglia e Solidarietà sociale. 3 E successive modifiche e integrazioni. 15

17 01 IMPAGINATO :25 Pagina 16 vengono integrati precisando il profilo organizzativo, la qualità e la quantità di personale per ogni tipo di servizio. Rimangono in vigore i vecchi standard per: nidi e micro nidi già autorizzati al funzionamento ai sensi del PSA 88/90, le strutture che hanno beneficiato dei finanziamenti LR 23/1999 come nidi famiglia. I servizi soggetti ad autorizzazione al funzionamento e accreditamento sono 4 : nidi, micro nidi, centri prima infanzia. I nidi famiglia non sono soggetti ad autorizzazione al funzionamento, ma hanno l obbligo di presentare dichiarazione di inizio attività al Comune di ubicazione e per conoscenza alla ASL. Il nido è un servizio diurno, pubblico o privato, con capacità ricettiva da 11 a 60 posti per bambini dai tre mesi ai tre anni (capacità che può essere incrementata del 20% massimo 5 ). Il nido ha finalità educative e sociali, collabora con le famiglie alla crescita e formazione dei minori, svolgendo anche servizio di mensa e riposo. L apertura minima è di 47 settimane, dal lunedì al venerdì, per 9 ore continuative. I nidi autorizzati ai sensi del Piano socio-assistenziale (DCR del 23 dicembre 1987) dovranno adeguarsi al nuovo requisito entro 3 anni dalla pubblicazione sul BURL della DGR del Il micro nido è anch esso un servizio diurno, pubblico, privato o gestito da associazioni di famiglie, con capacità ricettiva di massimo 10 bambini dai 3 mesi ai 3 anni (per i micro nidi non è previsto l incremento del 20%). Il micro nido ha finalità educative e sociali, collabora con le famiglie alla crescita e formazione dei minori, svolgendo anche servizio di mensa e riposo. L apertura minima è di 45 settimane l anno, dal lunedì al venerdì, per 8 ore continuative Le autorizzazioni al funzionamento delle nuove unità di offerta fino al 31 dicembre 2005 venivano rilasciate dalla Provincia. Le domande erano inviate alla Provincia e alla ASL di riferimento, o per la parte di competenza al Comune di Milano, con allegata documentazione attestante il possesso dei requisisti o con perizia asseverata, e per conoscenza alla Regione. Le autorizzazioni, in base a quanto stabilito dalla Legge 328/00, competono ai Comuni, la Regione Lombardia ha stabilito dal 1 gennaio 2006 (DGR VIII/1692 del 29 dicembre 2005) il trasferimento delle competenze. 5 Esempio: se un nido è autorizzato per 15 posti, è consentita la presenza contemporanea di un massimo di 18 bambini.

18 01 IMPAGINATO :25 Pagina 17 Il micro nido può essere realizzato: in un appartamento purché esclusivamente destinato alla funzione di micro nido come da autocertificazione del richiedente, in strutture polifunzionali purché gli spazi destinati siano ben distinti dalle altre funzioni, in un azienda. I micro nidi autorizzati ai sensi del Piano socio-assistenziale 1988/90 (cioè fino a 29 posti di capacità ricettiva) saranno fatti rientrare nella categoria nidi a prescindere dalla dizione riportata sull autorizzazione al funzionamento. Il centro prima infanzia è una struttura simile all asilo nido che offre un servizio temporaneo di assistenza educativa e di socializzazione, accogliendo in maniera non continuativa fino a 30 bambini da 0 a 3 anni, per un massimo di 4 ore consecutive 6. Pertanto: la frequenza è consentita per non più di 4 ore giornaliere, non è ammessa né la preparazione né la somministrazione dei pasti, la responsabilità dell accudimento dei bambini frequentanti attiene al personale operante nel centro prima infanzia secondo le competenze specifiche e non all eventuale adulto che può essere ammesso quale accompagnatore del bambino. Non sono assimilabili ai centri prima infanzia: servizi offerti a clienti di unità commerciali o di altri servizi (ad esempio, spazi gioco di centri commerciali, di ospedali, di supermercati ecc.) che fanno di fatto solo finalità ricreative e di garderie, spazi gioco, ludoteche o analoghi servizi con altre denominazioni con finalità esclusivamente ludica e di socializzazione destinati a bambini accompagnati sempre da un adulto di riferimento, che è responsabile del bambino. Il nido famiglia è un nido domiciliare che accoglie massimo 5 bambini da 0 a 3 anni. Ha finalità educative e sociali, svolte senza fini di lucro. È promosso da famiglie utenti associate (ai sensi della LR 23/1999) o da associazioni familiari costituite in osservanza delle associazioni non riconosciute e quindi regolate dagli accordi tra gli associati anche mediante la stipulazione di una scrittura privata secondo la normativa vigente. Le famiglie asso- 6 Eventualmente con la presenza di genitori e/o adulti di riferimento. 17

19 01 IMPAGINATO :25 Pagina 18 ciate concordano le modalità organizzative e la proposta educativa tenuto conto delle effettive necessità assistenziali ed educative dei bambini. Le famiglie possono gestire il nido famiglia: direttamente attraverso l individuazione della persona che si occuperà dell accudimento dei bambini, tramite affidamento a terzi (professionisti, cooperative ecc.) di tutte o parte delle prestazioni. Il nido famiglia può essere realizzato: nell abitazione di residenza di una delle famiglie associate, in un appartamento in uso a una delle famiglie (comodato, affitto, proprietà) destinato a nido famiglia, in uno spazio che abbia i requisiti della civile abitazione, in affitto, proprietà o comodato d uso a una delle famiglie. La ricettività massima è determinata in 5 posti; i nidi famiglia già funzionanti e finanziati con la LR 23/1999, anche se nelle annualità precedenti, sono tenuti a rientrare in questo standard entro il Figure professionali La Regione Lombardia individua due ruoli: operatore socio-educativo e coordinatore dei servizi per l infanzia. Operatore socio-educativo (DGR 20588/2005). I titoli di studio ritenuti validi per svolgere questo ruolo sono: maestra d asilo 7 (3 anni), vigilatrice di infanzia (3 anni), puericultrice, operatore ai servizi sociali (3 anni), diploma di assistente all infanzia (3 anni), diploma di maturità magistrale (4 anni), diploma di dirigente di comunità (5 anni), diploma di tecnico dei servizi sociali (5 anni), assistente di comunità infantile (5 anni), diploma di maturità rilasciato dal liceo socio-psicopedagogico (5 anni) educatore professionale, laurea in scienze dell educazione/formazione, laurea in psicologia, 18 7 Diploma di abilitazione all insegnamento nelle scuole di grado preparatorio/diploma di scuola magistrale

20 01 IMPAGINATO :25 Pagina 19 laurea in sociologia, laurea in servizi sociali. Gli standard di personale sono così determinati: nidi: un operatore socio educativo ogni 8 posti di capacità ricettiva, micro nidi: un operatore socio-educativo, centri prima infanzia: due operatori socio-educativi. Oltre al rispetto di questi standard, è obbligatoria la compresenza di due operatori durante tutto l orario di apertura del servizio. La compresenza può essere garantita sia nei servizi pubblici che negli Enti no profit anche attraverso personale volontario, privo del titolo specifico, purché in maniera stabile 8. Relativamente ai centri prima infanzia, la DGR (20588 del 2005) ha previsto due operatori socio-educativi, intendendo garantire almeno un operatore ogni 15 utenti e comunque la compresenza. Uno dei due operatori può essere volontario purché in possesso di uno dei titoli sopra specificati. Coordinatore. Nei nidi e nei micro nidi è previsto un ruolo di coordinamento; viene ricoperto da un soggetto scelto tra laureati in scienze dell educazione/formazione, psicologia, sociologia, servizio sociale. L esperienza quinquennale in servizio può sostituire il titolo della laurea, purché l esperienza sia maturata all interno di un nido o in un servizio analogo, compresa la scuola materna. L occupazione deve essere documentata da certificati di servizio rilasciati dai datori di lavoro presso cui si è operato. Il coordinatore può avere anche funzioni operative. Figure professionali richieste da Comuni e altri Enti locali per l affidamento dei servizi Gli Enti locali possono incidere sulla domanda di figure socio-educative attraverso le gare di affidamento dei servizi per l infanzia. La ricerca ha esaminato 12 capitolati pubblicati dai Comuni della Provincia di Milano, periodo , per verificare i titoli richiesti agli operatori. Su 12 bandi, 10 specificano i titoli di studio: i titoli richiesti per il personale educativo sono vari: diploma di assistente di comunità infantile, puericultrice, vigilatrice d infanzia (anche solo corso triennale), magistrale (quinquennale), assistente per comunità infantile, lauree in Scienze dell educazione, Psicologia, Pedagogia o lauree brevi con indirizzi dell area Scienze della formazione, 8 Il personale volontario privo di titolo specifico non concorre alla determinazione dello standard. 19

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Responsabili degli Uffici di Piano Per tramite delle ASL Ai responsabili degli Uffici Autorizzazione al

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA Approvati dall Assemblea Distrettuale dei Sindaci deliberazione n. 3 del 9.2.2011 Premessa L accreditamento può essere richiesto

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17 gennaio 2005 Allegato A REGIONE CAMPANIA OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ************************************************************************************************ VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4 1. NIDO D INFANZIA 1 1.1. L attività 1 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1 1.3. Il personale 4 1.4. Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento 5 2. SERVIZI INTEGRATIVI 6

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA Reggio Emilia Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 TESTO ATTUALE 1.3.2 Personale a) Personale educativo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Possesso dei requisiti 4. Principi 5. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 6. Stili di lavoro

Dettagli

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici ITALIA I DESCRIZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO 1. Popolazione educativa e lingua di istruzione Nell anno scolastico 2005-2006, il totale degli studenti, a tutti i livelli scolastici, è stato di 7.714.557,

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO A COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE ED IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE FRUITRICI DEL SERVIZIO SOCIO-EDUCATIVO SPERIMENTALE DENOMINATO NIDO IN FAMIGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Master Universitario di primo livello Facoltà di Scienze della Formazione Direzione: prof. Clemente Lanzetti,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt.

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO Laurea magistrale www.unicatt.it Piacenza a.a. 2014-2015 www.unicatt.it INDICE Scienze della formazione 3 Laurea magistrale in Progettazione

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Sport; lo Statuto della Regione Lazio; la L.R. 6 agosto

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

15243 17/12/2008. Identificativo Atto n. 1674 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

15243 17/12/2008. Identificativo Atto n. 1674 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 15243 17/12/2008 Identificativo Atto n. 1674 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI DI ASSISTENTE FAMILIARE IL DIRIGENTE DELLA UO ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori Allegato D Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 30 luglio 2013, n. 41/R (Regolamento di attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 26 luglio 2002,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI PAG. 1 di 6 Che cos è la Carta dei Servizi La Carta

Dettagli

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 ALLEGATO A) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO. Premessa

LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO. Premessa LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO Premessa Il presente documento nasce dalla necessità di definire e standardizzare l offerta del territorio relativamente al servizio di accoglienza in strutture residenziali

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

4.1 Novità e caratteristiche

4.1 Novità e caratteristiche 34 4.1 Novità e caratteristiche Gli istituti professionali fanno parte a pieno titolo del sistema di istruzione assieme ai licei e agli istituti tecnici e si distinguono nettamente da questi ultimi, perché

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO PAVONI PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SUPPORTO DOMICILIARE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA FAVORE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Richiamata

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità La ludoteca, sia pubblica che privata, si configura come un luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco. La ludoteca in

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della scuola media numero 19 104 III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA. Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia.

UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA. Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia. UNIVERSITA DEGLI STUDI EUROPEA DI ROMA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio post-lauream professionalizzante in psicologia. Art. 1 Definizione della pratica professionale di tirocinio I tirocini

Dettagli

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2437 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 NOVEMBRE 2010 Disposizioni

Dettagli

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI COMUNITÀ EDUCATIVE COMUNITÀ FAMILIARE SERVIZIO SEMIRESIDENZIALE ALLOGGIO PER L AUTONOMIA COMUNITA EDUCATIVE COMUNITA FAMILIARE FONDAZIONE PIO ISTITUTO BUON PASTORE Via

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli