Approvato dal Collegio dei Docenti del 15/06/2012 e dal Consiglio d Istituto del 26/06/2012 (con implementazioni e successive modifiche )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvato dal Collegio dei Docenti del 15/06/2012 e dal Consiglio d Istituto del 26/06/2012 (con implementazioni e successive modifiche )"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA I. E V. FLORIO ERICE VIA BARRESI N 26 C.A.P Cod. Fisc.: E mail: Approvato dal Collegio dei Docenti del 15/06/2012 e dal Consiglio d Istituto del 26/06/2012 (con implementazioni e successive modifiche ) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 M Motivo della revisione: Prima emissione Sistema di Gestione Qualità Rev. 0 Del 16/10/2006 Emesso da RGQ Approvato da DS UNI EN ISO 9001:2008 Pagina 1 di 157 INDICE 1

2 Premessa 1. Identità Istituto 1.1. Mission 1.2. Denominazione 1.3. Contesto socio-economico del territorio e dell utenza 1.4. Storia 1.5. Dati statistici dell istituto 1.6. Risorse umane 1.7. Risorse materiali 1.8. Progetto qualità 2. Gestione Didattica 2.1. Attività formativa curriculare e integrativa Tabella riassuntiva degli indirizzi di studio Nuova tabella riassuntiva degli indirizzi di studio Tipologia del quinquennio di studi Specializzazioni del triennio di qualifica Profili professionali post- qualifica Nuova tipologia del quinquennio di studi Nuovi profili professionali e competenze Quadri orari Nuovi quadri orari Corso serale Orario delle lezioni Alternanza scuola-lavoro Attività integrative Cittadinanza e Costituzione 2.2. Finalità - Obiettivi 2.3. Linee metodologiche 2.4. Valutazione Griglia di valutazione generale Valutazione del comportamento Criteri guida per l attribuzione del voto di condotta Criteri per la quantificazione del credito scolastico Criteri per la quantificazione del credito formativo 2.5. Piano di recupero Integrazione alunni stranieri Corsi di potenziamento 2.6. Sportello didattico 2.7. Progetti 2.8. Handicap e integrazione scolastica 2

3 2.9. Monitoraggio dispersione scolastica 2.10 Continuità e Orientamento 2.11 Centro sportivo scolastico 3. Gestione organizzativa 3.1. Organigramma 3.2. Funzioni /organi 3.3. Piano annuale delle attività d Istituto 3.4. Piano annuale di formazione Docenti e A.T.A 4. Gestione amministrativa 4.1. Orario di funzionamento dell istituto 4.2. Composizione e organizzazione dei servizi generali e amministrativi 4.3. Organigramma funzionale per i servizi generali ed amministrativi 4.4. Gestione dei servizi ausiliari 4.5. Funzioni assistenti tecnici 5. Allegati 5.1 Regolamento di Istituto 5.2 Regolamento di Disciplina 5.3 Patto educativo di corresponsabilità 5.4 Regolamento del comitato studentesco 5.5 Carta dei Servizi 5.6 Linee guida (Regolamento Istituti Professionali) 5.7 Tabella di certificazione delle competenze (per il biennio) 5.8 Tabelle attribuzione credito scolastico 5.9 Codice Privacy 5.10 Regolamento concessione uso temporaneo e precario locali scolastici 5.11 Tabella valutazione titoli tutor 5.12 Glossario 3

4 Il POF è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche che esplicita la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa e organizzativa (D.P.R. 275/99, art.3, comma 1). Nel predisporre il piano dell offerta formativa, l Istituto Professionale di Stato - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera I. e V. FLORIO di Erice tiene conto dei bisogni e delle richieste dell utenza, delle caratteristiche socioculturali, economiche ed ambientali del territorio, delle potenzialità e dei mezzi della scuola, ma anche dell esigenza di un ripensamento significativo dei comportamenti professionali, delle pratiche didattiche e delle modalità operative che presiedono allo svolgimento della vita scolastica. Nell ambito della propria autonomia, l Istituto propone un azione progettuale orientata al successo formativo degli alunni e alla riduzione della dispersione scolastica. In particolare, obiettivi del piano sono: attuare, attraverso un raccordo diretto con il territorio e mediante la flessibilità, un processo di maggiore incidenza dell istituzione scolastica nel contesto sociale, culturale ed economico; riorganizzare i servizi in base alle richieste del nuovo assetto istituzionale della scuola per garantire l efficacia dei servizi stessi; combattere l insuccesso scolastico attraverso la valorizzazione delle potenzialità personali; garantire la libertà di insegnamento e di pluralismo culturale, salvaguardando il diritto all apprendimento; agevolare le iniziative formative di orientamento; predisporre piani mirati di formazione del personale docente e A.T.A.; approfondire le opportunità connesse all autonomia. Inoltre, dall anno scolastico 2006/2007, ogni piano di lavoro, progetto integrativo ed extracurriculare viene redatto su appositi modelli predisposti dal Sistema gestione qualità; sono realizzabili soltanto le azioni/progetto recepite nel POF per le quali esista copertura finanziaria; sono riconosciute soltanto le azioni/progetto comprensive di monitoraggio e valutazione a consuntivo. 4

5 5

6 L obiettivo fondamentale dell Istituto Professionale di Stato - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera - I. & V. FLORIO di Erice è formare figure professionali nell ambito della ristorazione e del turismo che sappiano inserirsi con decisione, consapevolezza e sicurezza nel mondo del lavoro o proseguire gli studi a livello universitario, avendo acquisito saperi e competenze in una dimensione operativa ed un metodo concreto e personale di osservazione, di studio e di valutazione della realtà. Laboratorio di Ricevimento Laboratorio di Front-Office Laboratorio di Cucina Laboratorio di Sala 6

7 INDIRIZZI ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA I. E V. FLORIO SEDE CENTRALE: Via Barresi, 26 C.A.P Erice, Casa Santa (TP) SEDE SUCCURSALE: Via Lodi, Erice, Casa Santa (TP) SEDE STACCATA: Casa Circondariale di Trapani ( in attesa di autorizzazione) NUMERI TELEFONICI SEDE CENTRALE: tel /fax SEDE SUCCURSALE: tel./fax: 0923/ CODICE ISTITUTO: TPRH02000T CODICE SERALE: TPRH CODICE FISCALE: CODICE IBAN: IT29T PARTITA IVA : SITO WEB: 7

8 L Istituto Professionale di Stato - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera di Erice accoglie alunni provenienti dal capoluogo e dai comuni della provincia. Dall analisi del territorio emerge che, da più di un decennio, uno dei settori portanti dell economia è quello legato all attività del comparto turistico-alberghiero e della ristorazione che trova nel nostro istituto, proprio per il suo specifico indirizzo, il referente naturale in termini di formazione professionale. Benché non ancora ai livelli della provincia di Palermo o della Sicilia orientale in quanto ad offerta ed organizzazione dei servizi, la nostra provincia, ricca di attrattive storico - culturali e paesaggistiche, mostra di avere le carte in regola per un definitivo boom turistico e negli ultimi anni si è notato un sensibile aumento del numero delle strutture ricettive e ristorative non soltanto nelle località balneari ma anche nell entroterra. L aumento esponenziale della popolazione scolastica dell Istituto, dalla sua autonomia ad oggi, è prova dell interesse crescente dei giovani verso questo settore economico. Riguardo alla realtà socio-culturale degli alunni che frequentano l Istituto, si rileva che nella maggior parte dei casi gli studenti provengono da famiglie dedite all agricoltura, all artigianato o al commercio. Negli ultimi anni, una percentuale crescente di essi proviene da famiglie di impiegati e di operatori del settore turistico. 8

9 Nell anno scolastico 1980/81, nella città medievale di Erice, incantevole luogo e meta del turismo internazionale, ha inizio l attività del nostro istituto, quale sede staccata dell Istituto Professionale di Stato di Palermo, su iniziativa di alcuni ex allievi. In quegli anni gli istituti alberghieri erano pochissimi in Sicilia e, per ospitare gli studenti fuori sede, le scuole erano dotate di un convitto. Anche ad Erice nacque la struttura ospitante e così la scuola, in poco tempo, divenne punto di riferimento dell intera provincia trapanese. L inizio, irto di mille difficoltà, vide l encomiabile impegno di un gruppo di giovani insegnanti, i proff. Ignazio Stellino, Francesco Todaro e Leo Vona, cresciuti con l Istituto e di esso ancora oggi punti di riferimento. L Istituto alberghiero ed Erice, nel tempo, hanno operato in un clima di perfetta integrazione, contribuendo entrambi al reciproco sviluppo. Le tappe fondamentali della storia dell Istituto sono riconducibili all ottenimento dell autonomia, nel 1986, e successivamente al graduale spostamento della sede, a partire dall anno scolastico 1992/93, da Erice vetta al Collegio di Arti e Mestieri ubicato a valle, nella zona residenziale di Erice Casa Santa. Tutto ciò fu ottenuto grazie alla forte iniziativa degli alunni e al successivo interessamento della Provincia Regionale di Trapani. La riforma scolastica, denominata Progetto 92, diede un impulso notevole alle iscrizioni, tanto da far diventare la scuola una delle più grandi della provincia, per numero di iscritti. A conferma di tale sviluppo, nel 1998, venne aperta una sede coordinata a Castelvetrano che, in appena tre anni, è diventata autonoma. Negli anni non sono mai mancati i riconoscimenti all Istituto, sia da parte dei suoi interlocutori privilegiati, alunni e famiglie, sia da parte delle aziende turistiche e degli enti territoriali. Tanti sono gli alunni che hanno intrapreso, con grande successo, attività e professioni turistiche in ogni parte del mondo, che ricordano sempre gli anni trascorsi a scuola come periodo fondamentale per la loro crescita personale e professionale. Gli alunni dell Istituto, guidati da insegnanti e assistenti tecnici, offrono il loro contributo professionale nell ambito di manifestazioni culturali, sportive e di carattere sociale, anche su richiesta della Provincia, dei Comuni, della Prefettura e delle Forze di Polizia, in occasione di eventi molto importanti, come la visita del Presidente della Repubblica e la Coppa America di Vela. Un ulteriore elemento di gratificazione è dato dagli eccellenti risultati che i nostri ragazzi ottengono nel confronto con gli alunni di altri istituti alberghieri partecipando regolarmente a concorsi nazionali e internazionali. Di notevole importanza l attività di stage, svolta con continuità ed in collaborazione con strutture ricettive del trapanese, della regione, del territorio nazionale e internazionale. 9

10 Un riferimento a parte meritano il concorso eno-gastronomico nazionale, svoltosi nell anno scolastico 1996/97 che ha riscosso un notevole successo di partecipazione e consenso, il concorso internazionale Reception clerk ed il concorso internazionale Gran trofeo d oro della ristorazione italiana, nel quale i nostri allievi si distinguono pervenendo ad ottimi risultati. Nell anno scolastico 1996/97, grazie all apporto fattivo del Dirigente Scolastico, Prof. Giuseppe Liuzza, l Istituto viene intitolato a due grandi imprenditori siciliani: Ignazio e Vincenzo Florio, rappresentanti di una Sicilia industriosa, creatrice di ricchezza e centro di cultura mediterranea ed europea. Dal 1996/97 ad oggi il numero delle iscrizioni è cresciuto in modo rilevante, tanto da far sorgere la necessità di istituire una succursale dell Istituto. Negli ultimi anni la scuola è stata dotata di nuovi laboratori e sono stati effettuati lavori di ristrutturazione tali da renderla sempre più accogliente e funzionale. Il 31 maggio 2007 l Istituto ha raggiunto l ambito traguardo della certificazione di qualità ISO, che negli anni è stata riconfermata. Il conseguimento di tale obiettivo costituisce motivo di grande soddisfazione per il personale dell Istituto e corona gli sforzi del Gruppo Qualità, composto dai proff. Bizzi Patrizia, Mazzarese Rosaria e Todaro Salvatore. Con ciò si è dato inizio ad un percorso che procede sulla strada del miglioramento continuo, secondo standard qualitativi e quantitativi predefiniti, nella gestione dei servizi, nell organizzazione e nella didattica, ai fini del successo formativo degli alunni. Infine, negli ultimi anni, l Istituto è divenuto sede di esami per le certificazioni Trinity ed E.C.D.L. 10

11 Anno Scolastico 1^ 2^ 3^ Cuc. 3^ Sala Classi 3^ Ric. 4^ Tur. 4^ Rist. 5^ Tur. 5^ Rist. Tot. Alunni Tot. Classi 1996/ / / / / / / / / / / / /09 CORSO SERALE 2009/10 CORSO SERALE 2010/11 CORSO SERALE 2011/12 CORSO SERALE 2012/13 CORSO SERALE (i dati completi saranno inseriti a Settembre) N.B. I dati relativi all anno scolastico 1999/2000 comprendono anche la sede coordinata di Castelvetrano che è divenuta sede autonoma a partire dal 2000/01. 11

12 Anno scolastico 2012/13: (i dati completi saranno inseriti a Settembre) ALUNNI CLASSI N CLASSI N ALUNNI Prime Seconde Terze Quarte Quinte Prima corso serale 1 24 Seconda corso serale 1 22 Terza corso serale 1 20 Quarta corso serale 1 17 Quinta corso serale 1 14 TOTALE DOCENTI RUOLO INC. TEMPO DETERMINATO DOC. RELIGIONE Tempo Ruolo determ. Ruolo ITP SOSTEGNO TOTALE Tempo determ. Ruolo Tempo determ. A. T. A. D.S.G.A. ASSISTENTI Amministrativi Tecnici Tempo Tempo Ruolo Ruolo determ. determ. COLLABORATORI SCOLASTICI Tempo Ruolo determ. TOTALE 12

13 La sede centrale dell Istituto è sita in via Barresi n 26, ad Erice - Casa Santa (TP) e dispone di un ampio parcheggio interno, cui si accede attraverso due cancelli dalla via Argenteria. La succursale è situata in via Lodi, ad Erice Casa Santa (TP). L istituto dispone di : n 45 Aule, di cui n 35 nella sede Centrale, n 10 in Succursale. n 1 Aula magna. n 1 Magazzino. n 1 Biblioteca. n 1 Palestra. n 2 Pulmini n 1 Furgone per servizio catering n 13 Laboratori : n 1 Laboratorio di Ricevimento. n 1 Laboratorio di Pratiche d agenzia. n 1 Laboratorio di Front-office. n 2 Laboratori di Cucina. n 1 Laboratorio di Pasticceria. n 2 Laboratori di Sala-bar. n 1 Laboratorio di Scienze degli alimenti n 1 Laboratorio linguistico. n 1 Laboratorio di Informatica. n 1 Laboratorio di Matematica e Scienze. n 1 Laboratorio per le attività di sostegno. Tutti gli studenti usufruiscono delle risorse materiali dell Istituto, grazie ad un attenta organizzazione dell orario scolastico e al servizio pullman che consente lo spostamento dalla sede succursale alla sede centrale e viceversa. 13

14 La responsabile del Sistema Qualità è la Prof. Bizzi Patrizia. Auditor interni Sistemi di Gestione Qualità sono i Proff. Mazzarese Rosaria Anna e Todaro Salvatore. POLITICA DELLA QUALITÀ L Istituto Professionale di Stato Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera I. e V. Florio eroga una varietà di servizi ai clienti e alle parti interessate: allievi, famiglie, docenti, personale ATA, contesto socio-economico, territorio, in rapporto alle diverse esigenze. Il DS, consultato il CD e il CdI, ha stabilito che: una politica scolastica improntata sulla qualità è connotata da una serie di interventi mirati alla pianificazione delle attività, dei processi, dei servizi secondo un percorso sistemico che tenga conto delle caratteristiche ambientali in cui opera. Gli obiettivi prioritari appropriati agli scopi dell Istituto Professionale di Stato I. e V. Florio sono: Scelte innovative, organizzative, curriculari ed extra-curriculari per il miglioramento continuo dell offerta didattica e dell organizzazione dei servizi. Innalzamento del livello di scolarità, riduzione della dispersione scolastica e promozione del successo formativo. Attenzione ai bisogni sociali in fase di orientamento, riorientamento ed educazione permanente. Valorizzazione della progettualità nell attività collegiale e di programmazione. Sostegno all innovazione didattica e organizzativa e alla formazione in servizio dei docenti. Promozione, sviluppo e miglioramento nell uso delle nuove tecnologie con azioni mirate al lavoro in rete. Partecipazione e coinvolgimento delle famiglie e del territorio, anche in collaborazione con altre scuole. In tal senso l attività didattica si articola: in un lavoro stabile e continuo sulle competenze di base, affinché gli allievi acquisiscano abilità, conoscenze, cultura di tipo generale e competenze comunicative nelle lingue straniere; 14

15 in un approccio dinamico ai contenuti volto allo sviluppo di competenze professionali specifiche, in modo da realizzare un collegamento fra il mondo del lavoro e l istituto. Le finalità condivise con il Gruppo di Qualità interno all Istituto sono: diffusione tra tutto il personale docente e non docente di una cultura della qualità orientata verso i risultati con attitudine operativa a rilevare e misurare gli obiettivi di ogni procedura per un reale miglioramento dei servizi erogati; applicazione delle norme di qualità per il miglioramento degli interventi metodologico didattici nelle tecniche di trasmissione delle conoscenze e degli strumenti organizzativi dell intero sistema scuola. La Politica della Qualità viene comunicata all interno dell organizzazione tramite affissione della stessa ed illustrazione a tutto il personale in fase di formazione iniziale sul Manuale Qualità. La scuola, in un ottica culturale di miglioramento continuo, utilizza come modello di riferimento la normativa ISO 9001: PIANO DEGLI OBIETTIVI PER L ANNO SCOLASTICO 2012/13 ( in fase di elaborazione) Il D.S., anno per anno, dopo aver implementato il Sistema Gestione Qualità, analizza i monitoraggi di gradimento relativi all anno scolastico precedente, individua le esigenze di tutti gli utenti della scuola e i bisogni formativi del territorio ed esplicita gli obiettivi misurabili da raggiungere: Successivamente, con la collaborazione del D.S.G.A., tenendo conto delle risorse umane e materiali che ha a disposizione, ascoltato anche lo Staff direttivo, il D.S. individua i processi operativi da attivare nella sua gestione. 15

16 16

17 TABELLA RIASSUNTIVA DEGLI INDIRIZZI DI STUDIO Per gli alunni iscritti fino all a.s. 2009/2010 BIENNIO COMUNE CORSO SERALE MONOENNIO DI QUALIFICA (3 anno) Qualifica di Operatore dei servizi di CUCINA Qualifica di Operatore dei servizi di SALA - BAR Qualifica di Operatore dei servizi di RICEVIMENTO Qualifica di OPERATORE DEI SERVIZI DI CUCINA Dopo il monoennio di qualifica gli allievi possono inserirsi nel mondo del lavoro o proseguire gli studi frequentando il biennio di specializzazione. BIENNIO DI SPECIALIZZAZIONE (4 e 5 anno) Diploma di TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI Diploma di TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Diploma di TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI 17

18 NUOVA TABELLA RIASSUNTIVA DEGLI INDIRIZZI DI STUDIO Per gli alunni iscritti a partire dall a.s. 2010/2011 ( Secondo il Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali del 15/03/2010.) PRIMO BIENNIO COMUNE ( 1 e 2 anno) Gli studenti, al termine del biennio, scelgono fra tre articolazioni: Enogastronomia Servizi di sala e vendita Accoglienza turistica Al termine del III ANNO si consegue l ATTESTATO DI QUALIFICA PROFESSIONALE IeFP SECONDO BIENNIO (3 e 4 anno) a) Articolazione Enogastronomia Opzione Preparazione pasti Opzione Prodotti dolciari, artigianali e industriali ( in attesa di autorizzazione) b) Articolazione Servizi di sala e vendita Opzione Servizi di sala e vendita c) Articolazione Accoglienza turistica: Opzione Accoglienza turistica Dopo aver conseguito l ATTESTATO DI QUALIFICA, gli allievi possono inserirsi nel mondo del lavoro o proseguire gli studi frequentando il quarto anno. Al termine del IV ANNO si consegue il DIPLOMA PROFESSIONALE IeFP Tecnico di cucina Tecnico dei servizi di sala e vendita Tecnico dei servizi di promozione e accoglienza Dopo aver conseguito il DIPLOMA PROFESSIONALE, gli allievi possono inserirsi nel mondo del lavoro o proseguire gli studi frequentando il quinto anno. QUINTO ANNO per il conseguimento del DIPLOMA DI ISTRUZIONE PROFESSIONALE 18

19 TIPOLOGIA DEL QUINQUENNIO DI STUDI Per gli alunni iscritti fino all a.s. 2009/2010 Classi Quarte e Quinte (BIENNIO POST-QUALIFICA) Dopo la qualifica si ha accesso al proseguimento degli studi per conseguire il diploma di Tecnico dei Servizi della Ristorazione o il diploma di Tecnico dei Servizi Turistici. Tali diplomi sono equipollenti a qualsiasi altro conseguito nelle scuole secondarie di secondo grado, consentendo pertanto l iscrizione a tutte le facoltà universitarie PROFILI PROFESSIONALI POST QUALIFICA Il tecnico dei servizi di ristorazione è, in qualsiasi tipologia di struttura in cui opera, il responsabile delle attività di ristorazione in tutti i suoi elementi. Le sue competenze coprono perciò svariati campi, dall approvvigionamento delle derrate alimentari al controllo qualità quantità - costi, dall organizzazione del lavoro alla guida di un gruppo e delle sue relazioni con soggetti di altri servizi. Ha conoscenze culturali, tecniche e organizzative rispetto alle tematiche del settore. Possiede la conoscenza di due lingue straniere e capacità di recepire le istanze del personale e della clientela. Il tecnico dei servizi turistici è in possesso di un ampia cultura di base, conosce il territorio in cui opera, ha spirito di iniziativa, buone capacità di adeguarsi al cambiamento e adattarvisi, doti di concretezza che lo rendono idoneo ad operare sia nel settore turistico ricettivo che nel comparto amministrativo contabile. 19

20 NUOVA TIPOLOGIA DEL QUINQUENNIO DI STUDI Per gli alunni iscritti a partire dall a.s. 2010/2011 ( Secondo il Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali del 15/03/2010.) A decorrere dall anno scolastico 2007/08, l istruzione è impartita obbligatoriamente per almeno dieci anni (L. 27 Dicembre 2006 n 296 art. 1 comma 622) e, conseguentemente, l età per l accesso al lavoro è elevata da 15 a 16 anni (D.M. n 139/2007). Il nuovo corso di studi è strutturato in 2 bienni e un quinto anno, al termine del quale gli studenti sostengono l Esame di Stato per il conseguimento del Diploma di Istruzione Professionale. Il primo biennio è finalizzato al raggiungimento dei saperi e delle competenze relativi all assolvimento dell obbligo di istruzione. Nel corso del primo biennio gli allievi studiano tutti le stesse discipline. Gli insegnamenti sono equipollenti a quelli dei bienni degli altri Istituti secondari di secondo grado. In ottemperanza al D.M. n 139 del e al D.M. del 27 dicembre 2007 per l assolvimento dell obbligo di istruzione, i saperi e le competenze sono riferiti a quattro assi culturali: asse dei linguaggi (italiano, lingue, ed. fisica) asse matematico (matematica, informatica) asse scientifico-tecnologico (scienze della terra, biologia, principi di alimentazione) asse storico- sociale (storia, religione, ed. al sociale, diritto ed economia, cittadinanza e costituzione) Relativamente ad ogni asse culturale, ciascun dipartimento individua le competenze di base che gli alunni devono aver acquisito a conclusione dell obbligo d istruzione. La certificazione relativa all adempimento dell obbligo d istruzione è rilasciata in seguito a domanda. Per coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno di età è rilasciata d ufficio (D.M. n 139 del art. 4 comma 1). Il secondo biennio è articolato in due distinte annualità, al fine di consentire un raccordo con i percorsi di istruzione e formazione professionale. Al termine del terzo anno si consegue un attestato di Qualifica Professionale e al quarto anno un Diploma Professionale, in regime di sussidiarietà con gli Enti di Formazione Professionale, sulla base di specifici accordi stipulati dal MIUR con le singole Regioni. 20

21 Il rilascio dei titoli di studio triennali e quadriennali va incontro alla richiesta delle famiglie e del mondo del lavoro di prevedere percorsi formativi più brevi rispetto a quelli quinquennali, tuttavia sempre aperti alla prosecuzione degli studi. Fin dal primo anno il quadro orario prevede una suddivisione delle attività e degli insegnamenti in Area Generale Comune e Area di Indirizzo. Sono previste 1056 ore annuali, pari a una media di 32 ore settimanali. Sono attivati laboratori, stage, tirocini e alternanza scuola-lavoro per apprendere, soprattutto nel secondo biennio e nel quinto anno, attraverso un esperienza diretta. La specializzazione tecnica superiore Dopo il completamento degli studi secondari anche i diplomati degli istituti professionali avranno ulteriori opportunità oltre all inserimento nel mondo del lavoro e all iscrizione all università: iscrizione a percorsi brevi di 800/1000 ore per conseguire una specializzazione tecnica superiore (IFTS) per rispondere ai fabbisogni formativi del territorio; iscrizione a percorsi biennali per conseguire un diploma di tecnico superiore nelle aree tecnologiche più avanzate presso gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), in via di costituzione. 21

22 NUOVI PROFILI PROFESSIONALI E COMPETENZE Per gli alunni iscritti a partire dall a.s. 2010/2011 ( Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali del 15/03/2010. Allegati A e B ) PROFILO Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell enogastronomia e dell ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi. È in grado di: utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l organizzazione della commercializzazione, dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalità; organizzare attività di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane; applicare le norme attinenti la conduzione dell esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro; utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all ottimizzazione della qualità del servizio; comunicare in almeno due lingue straniere; reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi; attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici; curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti. COMPETENZE A conclusione del percorso quinquennale, i Diplomati nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera conseguono i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze: 1. Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. 2. Utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. 3. Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. 4. Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando 22

23 le nuove tendenze di filiera. 5. Applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. 6. Attuare strategie di pianificazione, compensazione, monitoraggio per ottimizzare la produzione di beni e servizi in relazione al contesto. ARTICOLAZIONI L indirizzo presenta le articolazioni: Enogastronomia, Servizi di sala e di vendita e Accoglienza turistica, nelle quali il profilo viene orientato e declinato. Nell articolazione Enogastronomia, il diplomato è in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; operare nel sistema produttivo promuovendo le tradizioni locali, nazionali e internazionali, e individuando le nuove tendenze enogastronomiche. Nell articolazione Servizi di sala e di vendita, il diplomato è in grado di svolgere attività operative e gestionali in relazione all amministrazione, produzione, organizzazione, erogazione e vendita di prodotti e servizi enogastronomici; interpretare lo sviluppo delle filiere enogastronomiche per adeguare la produzione e la vendita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela, valorizzando i prodotti tipici. Nell articolazione Accoglienza turistica, il diplomato è in grado di intervenire nei diversi ambiti delle attività di ricevimento, di gestire e organizzare i servizi in relazione alla domanda stagionale e alle esigenze della clientela; di promuovere i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione di prodotti turistici che valorizzino le risorse del territorio. A conclusione del percorso quinquennale, i diplomati nelle relative articolazioni Enogastronomia e Servizi di sala e di vendita, conseguono i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1. Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico. 2. Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche. 3. Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell articolazione Accoglienza turistica consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1. Utilizzare le tecniche di promozione, vendita, commercializzazione, assistenza, 23

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni;

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni; D.P.R. 15-3-2010 n. 87 Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli