IN GITA AL GIORNALE DI REGGIO Lunedì una classe della scuola elementare Figlie di Gesù ha fatto visita alla redazione del nostro settimanale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN GITA AL GIORNALE DI REGGIO Lunedì una classe della scuola elementare Figlie di Gesù ha fatto visita alla redazione del nostro settimanale"

Transcript

1 SETTIMANALE SABATO 18 APRILE 2015 ANNO IX NUMERO 16 QUESTO GIORNALE NON RICEVE ALCUN FINANZIAMENTO PUBBLICO 1 EURO Testata: Il Giornale dell Emilia Romagna - Iscritta al Tribunale di Reggio Emilia il 03/03/2006 al n ISALUTEI PAGINA 14 ISPETTACOLII PAGINA 42 Patologie da fumo: a Reggio 500 nuovi pazienti all anno In concerto il 24 aprile: Nino D Angelo si racconta in esclusiva IL INIZIATIVAI IN GITA AL GIORNALE DI REGGIO Lunedì una classe della scuola elementare Figlie di Gesù ha fatto visita alla redazione del nostro settimanale A PAGINA 12

2

3 SABATO 18 APRILE 2015 I APPROFONDIMENTO DEL DIRETTORE Expo 2015: l enogastronomia è un plus dell Italia Pensare e scrivere di cibo italiano fa sperare che il nostro Paese abbia tutte le carte in regola per ritornare a splendere grazie al suo Made in Italy Investire il denaro nel proprio Paese significa sostenere l economia e neutralizzare gli effetti negativi della crisi MAURIZIO COSTANZO QUANDO si parla dell Italia non si può non fare riferimento all eccellenza dell arte culinaria che la contraddistingue. La gastronomia è una grande risorsa e motivo di orgoglio per il nostro Paese perché si basa non solo sulla tradizione ma anche sulla qualità. La crisi economica indubbiamente ha esplicato i suoi effetti anche sul consumo dei prodotti alimentari inevitabilmente in calo, ma è necessario sfatare il mito secondo cui per mangiare bene bisogna spendere tanto. Nei prodotti italiani, la qualità può coesistere con un prezzo modico, bisogna solo imparare a scegliere e a discernere. La scelta deve ricadere, avendo una garanzia di qualità, su prodotti italiani, perché investire il proprio denaro nel proprio Paese vuol dire sostenere l economia e neutralizzare, seppure in parte, gli effetti negativi della crisi. Vi è una normativa legislativa vastissima rivolta a garantire non solo la genuinità del prodotto, ma a predisporre a tutela del consumatore tutta una serie di garanzie. Nel 1992 nasce il cosiddetto marchio Dop, Denominazione di Origine Protetta, che è una certificazione che offre garanzie sulla provenienza del prodotto, che in base al tipo di prodotto sarà una zona geograficamente delimitata. Garantire il legame tra un determinato alimento con il territorio, vuol dire anche garantire le conoscenze tecniche degli operatori del settore a produrre il prodotto stesso. Si pensi, tanto per fare un esempio, alla mozzarella di bufala campana, che è, senza dubbio, un fiore all occhiello della gastronomia italiana, chiamata anche oro bianco o perla della tavola. La prelibatezza e la qualità alimentare del prodotto, non sono solo assicurate dall uso di latte fresco intero di bufala di provenienza mediterranea, ma anche dall abilità e dall esperienza dell operatore ossia dal metodo di lavorazione del prodotto stesso. A vigilare che tutte le produzioni avvengano nel rispetto della legge, vi sono delle associazioni, i cosiddetti consorzi di tutela che hanno il compito, con la loro attività di vigilanza, non solo di tutelare il prodotto salvaguardandolo da contraffazioni di ogni genere o da concorrenza sleale, ma anche di dare la giusta informazione al consumatore. Il lavoro dei consorzi nel nostro Paese è, ahimè, abbastanza impegnativo perché non mancano svariati tentativi di emulazione di tante eccellenze italiane che fortunatamente rimangono ben lontane dall originale. Anche il vino rappresenta un elemento di primo piano nel settore agroalimentare italiano e anche qui troviamo un capillare intervento legislativo rivolto a valorizzare il prodotto vinicolo attraverso lo strumento della certificazione İl concetto di qualità nell ambito vinicolo, è un po più complesso perché il mercato italiano Maurizio Costanzo, direttore editoriale del nostro Settimanale e di 4Minuti.it offre tantissime realtà enologiche, ognuna delle quali corrisponde alle diverse realtà locali che presenta il nostro Paese e dal momento in cui anche in questo caso la certificazione tenderebbe a dare maggior pregio al vino che proviene da una determinata zona geografica piuttosto che un altra, ogni singolo produttore ha cercato di esaltare la specificità della produzione locale dando una precisa e inconfondibile identità all origine del vino. Tra l altro, per il produttore rendere unico il proprio vino, la propria produzione è fondamentale per sostenere la competitività sia sul mercato interno che su quello internazionale. La produzione vinicola, negli ultimi tempi ha subito un notevole ammodernamento e questo giova anche al mondo del lavoro, infatti pare sono sempre più numerosi i giovani che hanno trovato occupazione nelle vigne, nelle cantine o nella distribuzione commerciale. L Italia, soprattutto negli ultimi anni, è un paese particolarmente provato da mille problemi e pensare e scrivere di cibo italiano consola un po e ci fa sperare che il nostro Paese ha tutte le carte in regole per ritornare a splendere per il suo made in Italy. Direttore: Maurizio Costanzo La testata telematica che ti aggiorna direttamente nella tua informative inviate settimanalmente Più di 158 milioni di accessi al sito da Gennaio ad agosto 2014

4 un segreto che tramandiamo di generazione in generazione. ora potete scoprirlo anche voi. shop.casalivini.it Oltre 100 anni di esperienza e passione in ogni bottiglia

5 SABATO 18 APRILE PRIMO PIANO Papa: Expo sarà una vetrina per Reggio Fausto Papa, amministratore delegato di Reire, ci parla dell importanza dell esposizione mondiale per la nostra città. La rassegna avrà luogo a Milano da venerdì 1 maggio e durerà 6 mesi LORENZO CHIERICI SEI mesi di Expo per farci conoscere dal Mondo intero. Expo Milano 2015 è l Esposizione Universale che l Italia ospiterà dal primo maggio al 31 ottobre 2015 e sarà il più grande evento mai realizzato sull alimentazione e la nutrizione. Per sei mesi Milano diventerà una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Un area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri, più di 140 Paesi e Organizzazioni internazionali coinvolti, oltre 20 milioni di visitatori attesi. Sono questi i numeri dell evento internazionale più importante che si terrà nel nostro Paese. Expo Milano 2015 sarà la piattaforma di un confronto di idee e soluzioni condivise sul tema dell alimentazione, stimolerà la creatività dei Paesi e promuoverà le innovazioni per un futuro sostenibile. Ma non solo. Expo Milano 2015 offrirà a tutti la possibilità di conoscere e assaggiare i migliori piatti del mondo e scoprire le eccellenze della tradizione agroalimentare e gastronomica di ogni Paese. Per la durata della manifestazione, la città di Milano e il Sito Espositivo saranno animati da eventi artistici e musicali, convegni, spettacoli, laboratori creativi e mostre cavamo dei marchi per il Made in Reggio, oggi, invece, abbiamo i ponti di Calatrava che sono conosciuti in tutto il mondo, ma non basta ed Expo può darci una grande mano». COME ARRIVARE AD EXPO Il Sito Espositivo di Expo Milano 2015 è situato a Nord-Ovest di Milano, in una zona fortemente infrastrutturata. CON L ALTA VELOCITA Da Reggio, con l alta velocità, ci sono alcuni treni diretti e altri che fanno scalo alla stazione Centrale di Milano o a quella di Porta Garibaldi. Il treno di retto da Reggio, destinazione Rho Fiera Expo Milano 2015, arriveranno in prossimità dell ingresso del Sito Espositivo in soli 45 minuti da Reggio AV, mentre col cambio in Centrale o a Porta Garibaldi, servono altri 20 minuti circa, a seconda delle coincidenze. La linea, comunque, è servitissima. Trenitalia è vettore ufficiale di Expo per tutta la durata dell evento. Saranno infatti disponibili 19 Frecciarossa, 18 Frecciabianca, 4 Intercity notte e 26 treni da e per la Svizzera e la Francia, per un totale di 67 fermate speciali. Durante i sei mesi dell evento, Milano sarà raggiungibile con 236 corse al giorno, di cui 148 Frecce Trenitalia, e con oltre posti al giorno tra collegamenti nazionali e internazionali. L area espositiva è di 1,1 milioni di metri quadri sui quali saranno coinvolti 140 Paesi e Organizzazioni internazionali, con un attesa di oltre 20 milioni di visitatori Reggio potrà beneficiare di tutti coloro che, sfruttando la Mediopadana, decideranno di soggiornare nella nostra città che dovrà quindi avere la capacità di mettersi in mostra L OPINIONE DELL ESPERTO A tal proposito, con uno sguardo su Reggio, facciamo il punto con uno specialista del settore, membro di Unindustria, il dottor Fausto Papa, amministratore delegato di Reire che ha sede in via Rinaldi 95, dove una volta c era la vecchia cantina di Cavazzoli, specializzata proprio nel commercio di materie prime alimentari, di proprietà del ragionier Camillo Galaverni. Dottor Papa, crede che Reggio sia pronta per affrontare l Expo? «Di iniziative in corso ce ne sono tante e non solo da parte degli industriali, ma anche delle varie associazioni del Comune e della Provincia. L unica cosa che mi rammarica un po è quella di esserci mossi un po tardi, visto che di Expo abbiamo iniziato a parlare dall autunno dello scorso anno; insomma, il tempo di fare qualcosa di grosso, magari a livello unitario, per il bene della città, ci sarebbe stato». Sì, anche perché Expo non è una fiera come un altra... «No, questa è un occasione che magari non si ripeterà più per altri 100 anni e sarebbe stato importante valorizzare il più possibile il territorio nella sua intierezza. D altro canto siamo italiani e spesso arriviamo all ultimo minuto. Tra l altro non sappiamo neppure se il Padiglione Italia sarà pronto per l inaugurazione, anche mi auguro che lo sia». Cosa può dare Reggio all Expo? E l Expo a Reggio? «Il nostro territorio di cose da dire e da offrire ne ha veramente tante. Expo darà certamente grande visibilità al nostro territorio, mi fa piacere infatti che alcune aziende si stiano muovendo, magari in modo settoriale, su specifiche tipologie di prodotti: tale atteggiamento aiuta a trainare anche il resto. Expo non è una fiera dove si va lì e sul momento si portano a casa degli ordini, ma è un occasione forse unica di visibilità, grazie alla quale si possono avere enormi ritorni. Se a questo contesto aggiungiamo per fortuna anche Reggio, credo che, grazie alla grande opportunità che offre la nostra stazione Mediopadana dell alta velocità, nella nostra città si possa convogliare un buon numero di visitatori. Io stesso, quando vado all estero alle fiere difficilmente arrivo subito nel luogo dell evento, ma mi fermo magari a 50 chilometri da quel posto, dove poter dormire; inoltre, non mi fermo per un giorno solo, ma colgo l occasione di visitare quel luogo per qualche giorno in più. Con la Mediopadana, invece, si arriva direttamente dentro a Expo. Il tema dell evento è quello alimentare, ma credo anche che ci saranno benefici anche per molti altri settori. Insomma, Expo può davvero diventare il biglietto da visita del nostro Paese e quindi anche della nostra città». Ci sono molte aziende reggiane che saranno in esposizione a Milano? «Sì, ce ne saranno tante e non solo le grandi aziende. Stilare un numero, però, diventa difficile. Soltanto alcune aziende enormi partecipano però per tutti i sei mesi visto che i costi da sostenere non sono piccoli: fra queste credo ci siano la Ferrarini, la Grissin Bon e probabilmente altre due. Ce ne saranno moltissime legate alla produzione e alla commercializzazione del vino, per il quale ci sarà uno spazio apposito». Secondo lei, quali saranno i prodotti reggiani di maggior successo? «Di certo il Parmigiano Reggiano, ma è scontato dirlo e l aceto balsamico. Noto, però, che si stanno muovendo molto bene tantissime aziende di vini che saranno magari, non avendo un loro stand, saranno ospitati in quelle delle associazioni e sono certo che traineranno il settore. Credo inoltre che ricoprirà un ruolo di primo piano anche il settore carni-salumi e in questo senso la presenza costante dell azienda Ferrarini aiuterò e non poco». E le altre eccellenze reggiane che ruolo avranno? «Expo è un ottima vetrina per tutti. I cappelletti, però, tanto per citare un prodotto nostro, forse unico, non credo ci siano, mentre non mancherà il prosciutto cotto. Saranno presenti quindi le più grandi eccellenze a livello industriale». Quindi Reggio, realmente, che beneficio ne avrà se saranno rappresentati soltanto alcuni prodotti? «Ce l avrà di riflesso, ma perché ciò avvenga è fondamentale portare Expo sul nostro territorio attraverso varie iniziative. Se saremo bravi a fare questo Reggio otterrà risultati importanti. Chi viene magari dall estero non si fermerà solo a Milano: magari verrà qualche giorno a Reggio, sfruttando la Mediopadana, per il beneficio di alberghi e ristoranti, e potrà quindi apprezzare la nostra cultura agroalimentare, come se fosse ad Expo, visto APERTO TUTTI I GIORNI DALLE 10 ALLE 23 DAL 1 MAGGIO AL 31 OTTOBRE 2015 BIGLIETTI ACQUISTABILI GIA DA ORA IN PREVENDITA SUL SITO APP DEDICATA ALL EVENTO SCARICABILE GRATUITAMENTE PER TUTTI I DISPOSITIVI DIGITALI PER ARRIVARE ALLE SEDI ESPOSITIVE È UTILIZZABILE L ALTA VELOCITÀ E MILANO LA LINEA DELLA METROPOLITANA che il tema è quello e a noi le eccellenze non mancano. A tal proposito sarà importante l utilizzo di canali informatici, Internet su tutti, mettendo in mostra il nostro territorio nell etere». Dottor Papa, lei consiglierebbe ai reggiani di andare ad Expo? «Sicuramente, anche se credo stia venendo recepito il concetto che spiegavo prima, ossia quello di portere l Expo a Reggio attraverso molteplici iniziative, offrendo ai visitatori di tutto il mondo le bellezze e la qualità del nostro territorio. Sarà inoltre importante avere magari dei collegamenti costanti con Expo, in modo che anche da qui si possa apprezzare ciò che sta accadendo». Quanto potrà guadagnare Reggio in termini di visibilità e di indotto? «Penso che, strutturando bene il tutto, l aspetto ludico non mancherà. Bisogna iniziare a dare un immagine mano provinciale della nostra città: in passato cer- DA MILANO CON LA METRO E possibile utilizzare la linea 1 e seguire le indicazioni per la stazione di Rho Fiera Milano. La linea 1 rossa transita per le stazioni di Duomo, Cadorna e si interconnette con tutte le altre linee metropolitane. Il tempo di percorrenza previsto è di circa 25 minuti da Piazza Duomo, 35 minuti dalla Stazione Centrale, 20 minuti dalla Stazione Cadorna e 30 minuti dalla Stazione Garibaldi. È necessario munirsi di biglietto extraurbano. La stazione metropolitana di Rho Fiera Milano è direttamente collegata con l accesso Ovest Fiorenza. A pochi metri dalla stazione è possibile raggiungere il piazzale dei controlli tramite un nuovo gruppo di scale attualmente in costruzione. All accesso sono presenti biglietterie e servizi al visitatore. COL BUS GRAN TURISMO Con il bus GT è possibile giungere al parcheggio di Merlata, dove è presente un area su prenotazione per la sosta. A seconda della necessità i bus GT possono essere indirizzati dal gestore al Terminal di Roserio, anch esso su prenotazione, dove è possibile effettuare operazioni di carico/scarico dei visitatori. Dal parcheggio di Merlata le persone raggiungono l area controlli attraverso appositi percorsi pedonali nel parco e, passati i controlli, percorrono la passerella pedonale Expo- Merlata (PEM) per raggiungere l area espositiva. Dal Terminal di Roserio le persone raggiungono l area controlli a piedi, passati i quali si trovano all interno dell area espositiva. CON L AUTOMOBILE Con l auto si prende per Milano per poi decidere una di queste destinazioni: Merlata (adiacente all accesso Sud Merlata); Arese (collegato con navetta gratuita con l accesso Est Roserio); Fiera Milano (collegato con navetta gratuita con l accesso Ovest Fiorenza); Trenno (collegato con navetta gratuita con l accesso Est Roserio). IL COSTO DEL BIGLIETTO Collegandovi al sito si può scegliere fra una data fissa e una aperta : il tagliando costa 32 euro, poi ci ci sono pacchetti famiglia.

6 4 SABATO 18 APRILE 2015 PRIMO PIANO Expo: un occasione unica per Enti, aziende e lavoratori A Reggio tra il Tecnopolo e lo Spazio Gerra: Expo in RE - Agricolture per la sostenibilità, l energia e l ambiente, un progetto finalizzato alla conoscenza e allo scambio tra le aziende reggiane e 8 Paesi stranieri che hanno aderito all iniziativa Confcommercio: Reggio può rifiorire attraverso l esposizione diventando protagonista con le sue eccellenze Ci sono ancora 2350 posti di lavoro disponibili: si cercano team leader, tecnici di sistemi, area manager retail, ma anche operai da formare che potranno essere utilizzati anche per Dubai 2020 LORENZO CHIERICI L EMILIA Romagna e Reggio si preparano al grande evento che dovrà dare visibilità anche alla nostra città sia a livello di eccellenze del settore agroalimentare, sia sotto il profilo dell accoglienza. Ecco alcune iniziative e pareri sul ruolo di Reggio all Expo. IL GIORNALE DEL CIBO EDITO DA CIR FOOD Si rinnova in occasione di Expo 2015 il portale online Il Giornale del Cibo, di cui CIR food è editore. Ampio spazio fra le rubriche alla gestione della tavola pubblica, dagli appalti di ristorazione collettiva alla qualità delle mense. Oltre ad offrire una panoramica su temi della alimentazione e del buon cibo, il portale tratterà con ancor più attenzione il tema della ristorazione collettiva e delle principali criticità legate alla gestione della tavola pubblica e alle caratteristiche degli appalti e delle dinamiche che regolano il sistema di assegnazione delle gare. Un processo che oggi, il più delle volte, non premia il livello di qualità dei servizi ma tiene in considerazione solo il prezzo, con gare al massimo ribasso.accanto alle rubriche più note, Ricette, Eventi e sagre, Tra frigo e dispensa, se ne aggiungono quindi delle nuove, identificative di un progetto editoriale originale e innovativo, fra cui Pubblicamente a Tavola, che affronta contenuti relativi al mercato della ristorazione collettiva: pasti nelle scuole, negli ospedali e nelle comunità in genere. A ciò si aggiunge l editoriale Cum Grano Salis, che spazia da temi d attualità legati a Expo 2015, alla cultura e alle criticità legate alla sostenibilità economica e sociale del mercato. SCAMBI FRA AZIENDE AGRICOLE REGGIANE E 8 PAESI ASIATICI Nell ambito di Reggio Emilia per Expo 2015, nello scorso fine marzo, ha preso il via il progetto Expo in RE - Agricolture per la sostenibilità, l energia e l ambiente, la rassegna che si tiene fra il Tecnopolo e lo Spazio Gerra. Finanziato dalla Regione Emilia- Romagna, il progetto ha quali soggetti promotori il Comune di Reggio Emilia capofila, la Fondazione Rei-Reggio Emilia Innovazione, il Crpa-Centro ricerche produzioni animali, Reggio nel Mondo, Legacoop, Cna. Il progetto offre occasioni di conoscenza e scambio tra aziende reggiane che operano in ambito agricolo, agro-alimentare e nel settore delle energie rinnovabili, e otto Paesi che hanno aderito al progetto: Brasile, Burkina Faso, Cina, Namibia, Mozambico, Sudafrica, Stati Uniti d America, Zambia. «Questo scambio ha detto Serena Foracchia, assessore alla Città internazionale vuole promuovere verso i Paesi partner, oltre alle nostre tipicità alimentari e di cultura gastronomica, alcune competenze distintive del nostro territorio, che hanno riconosciuti contenuti di innovazione, ricerca e tecnologia, in campi quali: agricoltura sostenibile, energie rinnovabili, prodotti alimentari, packaging, meccanica agricola». Reggio Emilia offre infatti eccellenze, di rinomanza internazionale, per quanto riguarda i prodotti tipici (Parmigiano-Reggiano, Lambrusco Reggiano, Aceto Balsamico tradizionale di Reggio Emilia, Prosciutti e altri salumi insaccati), ma di rilevante interesse sono considerati anche i processi di coltivazione, produzione e trasformazione, e fra questi, quelli realizzati con tecniche sostenibili e rinnovabili. In questo contesto ci saranno anche altri due importanti eventi: il primo sarà un convegno internazionale su Agricoltura e produzione di bionergie ed energie rinnovabili da produzione agricola (biomasse e biometano), che si terrà dal 30 giugno e al 1 luglio, con l obiettivo di presentare le esperienze di eccellenza del territorio reggiano e attivare un confronto internazionale; il secondo, una scuola autunnale internazionale sull agricoltura sostenibile che si svolgerà il 14 e 15 ottobre, con l obiettivo di creare occasioni di formazione, workshop e visita ad esperienze su tecniche produttive a basso impatto ambientale, e processi per la gestione dell acqua e la riduzione dell uso della terra. CARLO SANGALLI, PRESIDENTE NAZIONALE DI ASCOM «Per Reggio Emilia l essere a 45 dall esposizione è un elemento fondamentale - spiega il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli - Gli imprenditori credono in Expo che molti considerano una grandissima opportunità, addirittura la scintilla che potrebbe far scattare la ripresa del nostro Paese. Dobbiamo crederci tutti e sono convinto che 20 milioni di visitatori siano una opportunità importantissima da non lasciarci scappare sia a livello nazionale che locale, visto che, Reggio Emilia è una città accogliente e preparata all vento, facilmente collegabile grazie all alta velocità con la sede dell esposizione mondiale». DONATELLA PRAMPOLINI «Per Reggio è importantissimo perché la nostra è una provincia improntata sull agroalimentare ed Expo parla di cibo e di Nutrire il Pianeta - ha spiegato Donatella Prampolini, presidente provinciale di Confcommercio - Abbiamo una grandissima opportunità data dall Alta velocità e sono certo che se sapremo sfruttare al meglio questa opportunità potremmo anche creare nuovi posti di lavoro per i nostri giovani». SONO ANCORA DISPONIBILI 2350 POSTI DI LAVORO Ultima chiamata per Expo Servono ancora Team leader, tecnici di sistemi, area manager retail, operai e via dicendo. Ci sono ancora esattamente 2350 posti di lavoro disponibili. Attualmente i padiglioni che assumono sono Germania, Regno Unito, Messico, Thailandia, Vinitaly, Veneranda, Fabbrica del Duomo, Irlanda, Federalimentari, New Hollande, Qatar, Dubai, Cile, Usa, Francia, Regione Sicilia, San Marino, Marocco e Illy. Si tratta di contratti temporanei durante il periodo dell evento, ma al termine di Expo ci sarà la possibilità di proseguire un percorso: «Per i nostri lavoratori - scrive Manpower - son previsti percorsi di outplacement per rafforzare le competenze acquisite e c è un accordo con gli organizzatori di Dubai 2020 per la valutazione di candidature di operatori già formati». Per chi volesse candidarsi basta collegarsi al sito e rispondere al singolo annuncio per poi seguire la procedura telematica. LA CROVI CONSULTING CI SARA CON ESSEREMILIANO Martedì scorso alcune aziende di Albinea e Vezzano si sono riunite nella sala comunale di Albinea parlando di come essere protagonisti ad Expo: Il punto di forza di EsserEmiliano spiega Marcello Mattioli, amministratore delegato della Crovi Consulting Project, azienda reggiana ideatrice del progetto è la sua prospettiva strategica: le azioni già messe in campo attraverso un grande investimento di risorse private rappresentano un trampolino di lancio potente a livello internazionale per l intero sistema imprenditoriale reggiano, che anche dopo Expo potrà valorizzare le sue diverse eccellenze continuando ad attirare investimenti e turisti sul territorio». L EMILIA CERCA UN PRONTO RILANCIO CON EXPO «Abbiamo stanziato 7 milioni di euro per non perdere il treno della ripresa e attirare più visitatori possibili nelle nostre città». Sono le parole pronunciate nei giorni scorsi dal Governatore dell Emilia Romagna Stefano Bonaccini. «E la nostra opportunità - ha recentemente spiegato il consigliere regionale Andrea Rossi - In un contesto come quello di Expo, dove il sistema agroalimentare ricopre un ruolo di primo piano, anche a nostra regione deve essere protagonista per aiutare le nostre aziende a ripartire in fretta». AREE TEMATICHE AREE EVENTI AREE SERVIZI COSTI PRINCIPALI Il parere dei reggiani: Siamo pronti per Milano. Facciamo vedere di cosa siamo capaci LISA VALENTINI PADIGLIONI CLUSTER TECNOLOGIE SERVIZI STAFF E VOLONTARI PROMOZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZI AI PARTECIPANTI ASSISTENZA AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO SICUREZZA PADIGLIONE ZERO PALAZZO ITALIA milioni di euro di cui: SONO 120 i chilometri che separano Reggio da Milano, ma quando si parla di Expo la metropoli lombarda sembra proprio dietro l angolo. Anche se non tutti hanno pensato se andare a visitare l esposizione universale o meno il commento e l idea se la sono fatta comunque. Si parla dei lavori, dei ritardi, delle incursioni della mafia e di quello che ci si potrà trovare dentro. La scatola culinaria delle meraviglie si sta per aprire e ognuno vuole vedeci dentro tutto quello che si desidera: da nuove possibilità di lavoro, all incontro con nuove culture più o meno esotiche. L Expo di Maggio, insomma è atteso, come lo sono le grandi occasioni che fanno sentire un po tutti partecipi anche se nessuno ha davvero l idea di quello che si ci troverà dentro. Agli occhi dei reggiani la protagonista assoluta è l Italia: come risorsa, per i suoi prodotti e la sua cultura del cibo, e S8 Lesli S9 CORPORATE SOCIETA CIVILE CASCINA TRIULZA RISO CACAO CAFFÈ RICAVI PRINCIPALI (previsti) milioni di euro di cui: VENDITA BIGLIETTI SPONSORIZZAZIONI MERCHANDISING SERVIZI AI VISITATORI OSPITALITA PARTECIPANTI LOTTERIA AFFITTO PADIGLIONI MARKETING Emilia METROPOLITANA anche come istituzione. Lo Stato è chiamato a dimostrare di essere in grado di amministrare e far fiorire un opportunità come questa e gestire le aspettative internazionali. «Ci andrò sicuramente, voglio essere partecipe di questa incredibile manifestazione, soprattutto quando ho la possibilità di averla così vicina a casa - commenta Lesli -. Speriamo solo che l Italia sia in grado di gestire l esposizione e non si faccia brutta figura. E l occasione per fare una buona impressione a livello internazionale». Non è dello stesso parere Emilia: «Io non andrò. Sono convinta che il progetto sia stato gestito in maniera pessima e che alla fine di questa esperienza, quando si tireranno le somme ci si renderà conto di non aver farro una bella impressione». A lei fa eco anche Michela che aggiunge: «Mi sono informato sui recenti fatti di cronaca che hanno riguardato l Expo e francamente non sono fiero di quello che è stato

7 SABATO 18 APRILE PRIMO PIANO Attesi migliaia di studenti alla kermesse milanese FRUTTA E LEGUMI CENTRO MEDIA S23 S24 SPEZIE S26 ARTE E CIBO S28 Michele Roberto Cristina Madelina S30 CIBO DEL FUTURO SPAZIO ESPOSITIVO ITALIANO PAESI PARTECIPANTI ALL EXPO N.5 REPUBBLICA CECA N.6 BAHARAIN N.7 ANGOLA N.8 BRASILE N.13 MOLDAVIA N.14 LETTONIA N.16 BIELORUSSIA N.17 MALESIA N.18 THAILANDIA N.21 CINA N.22 COLOMBIA N.23 ARGENTINA N.33 FRANCIA N.34 ISRAELE N.35 SVIZZERA N.38 GERMANIA N.39 KWAIT N.41 ARABIA SAUDITA VISITATORI ATTESI BIGLIETTI D INGRESSO PAESI ATTESI PAESI CHE HANNO GIA ADERITO VISITATORI ITALIANI INTENZIONATI VISITATORI ITALIANI INDECISI BIO MEDITERRANEO ISOLE ZONE ARIDE S33 S35 S38 ANFITEATRO CEREALI E TUBERI N.42 PRINCIPATO DI MONACO N.43 GIAPPONE N.45 RUSSIA N.46 ESTONIA N.47 OMAN S.8 BELGIO S.9 VIETNAM S.23 AZERBAIGIAN S.24 EMIRATI ARABI UNITI PARCO DELLA BIODIVERSIVITA CIBO SOSTENIBILE S.26 KAZAKHSTAN S.28 UNGHERIA S.30 PERU S.33 AUSTRIA S.35 IRAN S.38 TURCHIA N=NORD S=SUD 20 milioni 24 milioni ,3 milioni 2,7 milioni fatto». «Io non andrò ma seguirò l evento tramite giornali e televisioni, sono orgoglioso che questa opportunità sia toccata a noi e mi auguro davvero che riesca bene. Voglio essere fiducioso» coclude Roberto. Per i reggiani ci sono ancora tanti dubbi, dunque, e anche tante critiche rispetto alle notizie che finora si sono raccolte sui giornali parlando di Expo. I pareri più entusiasti, tuttavia, sostengono che il successo sarà assicurato e si sono già accaparrati i posti in prima fila per assistervi. «Sì adrò di sicuro, è un esperienza che allarga gli orizzonti e che permette di vedere realtà del tutto nuovo. Il mio unico dubbio è che ce la faciano a partitre effettivamente in tempo», precisa Cristina. «Anche io ho già comprato i biglietti e non voglio perdremela. Credo che a livello culinario l Italia abbia da insegnare a chiunque nel mondo quindi non potremmo che uscirne bene», commenta Madelina. E di cucina si parla molto, soprattutto quando si deve fare i conti con tutta l arte culinaria estera, che presto farà capolino dai capannoni milanesi: «L altro giorno ho letto che arriveranno cibi esotici e molte spezie orientali. Sono piatti molto diversi dai nostri a cui, si dice, dovremmo abituare il nostro gusto. Non so se ce la faremo, dopotutto la nostra è una delle cucine più buone e sane del mondo, ce la invidiano in molti. Un tentativo comunque credo che vada fatto, per aprire nuovi orizzonti e sperimentare tutte le possibilità. Credo che l Expo serva principalmente a questo: a varvare nuove frontiere ed espandere le prospettive». Cucina, politica, finanza, incontro culturale e occasione per far vedere che cosa il nostro Paese è in grado di fare: la scatola dei sogni si apre a maggio, ma i reggiani sembrano davvero già pronti. FOCUS L ITALIA, quando ha candidato Milano per ospitare l Esposizione Universale, ha scelto il Tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Expo Milano 2015 si confronta con il problema del nutrimento dell uomo e della Terra e si pone come momento di dialogo tra i protagonisti della comunità internazionale sulle principali sfide dell umanità. UN PO DI STORIA Il 28 aprile 1906 si inaugurava a Milano l Esposizione Internazionale dedicata ai trasporti. Per l occasione l area alle spalle del Castello Sforzesco, l attuale Parco Sempione, ospitava oltre 200 padiglioni. L interesse verso i progressi ottenuti nel campo dei trasporti terrestri e marittimi era alto. Tutto il mondo aspettava la fine dei lavori del Traforo del Sempione. La manifestazione permise a Milano di guadagnarsi un ruolo da protagonista sulla scena internazionale. PERCHE MILANO Le destinazioni di Expo è stata scelta nel cuore dell Italia settentrionale, della Lombardia, dove gli organizzatori si preparano ad accogliere e conquistare i visitatori di Expo Milano 2015, svelando al mondo il loro ricco patrimonio culturale, artistico ed enogastronomico della nostra terra. EXPO DIGITALE Expo Milano 2015 presenta il suo volto digital. L Esposizione Universale che l Italia ospiterà dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 vuole raggiungere il più ampio pubblico e per farlo utilizza gli strumenti digitali più innovativi nell ottica di veicolare in maniera capillare il messaggio del Tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. GLI AMBASCIATORI Vengono dal mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo e dal terzo settore: gli Ambassador di Expo Milano 2015 sono i nostri ideali portavoce, un gruppo di personalità eccellenti ogni giorno più numeroso. Uomini e donne, italiani e non, che hanno accettato con entusiasmo il ruolo di portabandiera dell Esposizione Universale. Li accomuna la volontà di mettersi in gioco in prima persona e di lanciare il proprio spunto di riflessione sulla manifestazione e sul tema scelto per animarla: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. TANTISSIME NOVITA I Cluster sono una delle novità di Expo Milano 2015: per la prima volta i Paesi non vengono raggruppati in padiglioni collettivi secondo criteri geografici, ma secondo identità tematiche e filiere alimentari. In questo modo il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita viene trattato in modo diffuso rendendo concreto lo spirito di questi spazi che è proprio teso alla condivisione, al dialogo e all interazione. I Cluster sono caratterizzati da aree comuni, che sviluppano attraverso spazi funzionali (mercato, mostra, eventi, degustazioni) la filiera alimentare. Ogni Paese presente nei Cluster ha uno spazio espositivo individuale, dove sviluppa una sua propria interpretazione del Tema di Expo Milano (l.c.) DIVERSE le scuole che si mobilitano, che si organizzano per prendere parte a quello che viene definito l evento del secolo. Tra gli istituti reggiani in pole position troviamo il Silvio D Arzo di Montecchio Emilia. La scuola infatti è stata una delle prime a richiedere i biglietti, non solo: prima della visita alla grande esposizione internazionale i ragazzi dovranno seguire un piano di formazione che prevede proprio una preparazione a quello che sarà Expo. Così la dottoressa Rosanna Rossi, preside del Silvio D Arzo: Expo è una grande opportunità per tutti noi, i ragazzi devono partecipare a questi grandi eventi, sono visite didattiche fondamentali per capire l attualità, per capire il periodo storico in cui viviamo la preside ha poi continuato dicendo: Stiamo preparando i nostri ragazzi alla visita con delle lezioni riguardanti Expo, siamo molto coinvolti e anche i nostri giovani studenti hanno dimostrato grande inetresse e grande entusiasmo le classi parteciperanno ad Expo anche nel prossimo anno scolastico: Alcune classi visiteranno Expo in primavera, mentre alcune quinte saranno tra le scolaresche che visiteranno la mostra in settembre. La scuola deve dare la possibilità ai ragazzi di fare queste esperienze, sono fondamentali In prima linea anche l istituto alberghiero di Reggio Emilia, l istituto Angelo Motti, scuola diretta dal professore Remo Cesare Fiocchi, il preside ha apostrofato così la partecipazione ad Expo degli studenti del Motti: Sicuramente parteciperemo con tutte le classi in visite guidate che dureranno fino a settembre. Si tratta di una esperienza esaltante, evento importante per tutte le scuole ma particolarmente significativo per noi che, col cibo, abbiamo a che fare tutti i giorni il preside è poi entrato nello specifico accennando ad alcune idee molto innovative: Expo è una grande opportunità per Reggio Emilia e per i nostri studenti in particolare. Abbiamo intenzione di mettere in piedi una sorta di sinergia con Cir Food in modo da coniugare scuola e lavoro. I nostri ragazzi hanno bisogno di fare esperienza e questo tipo di attività sono utili, servono a valorizzare quanto imparato tra i banchi di scuola il dirigente scolastico ha poi concluso dicendo: Il compito della scuola è valorizzare il territorio attraverso i giovani, attraverso gli studenti che ogni giorni varcano i portoni della scuola. Il settore enogastronomico è fondamentale per Reggio emilia e provincia, mi auguro che i miei studenti possano imparare il più possibile da Expo IAPP UFFICIALEI GRAZIE alla Expo Milano 2015 Official App, è possibile partecipare in prima persona in questa Esposizione Universale, che sarà un grande evento mondiale che ha per tema: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, ed è si svolge a Milano, tra il maggio 1 e il 31 ottobre. Disponibile gratuitamente sul Apple Store e Google Play, oltre ad essere distribuito pre-installato sui dispositivi Edutainment partner di Samsung Italia, l Expo Milano 2015 Official App, è stato sviluppato in Italia da Accenture, Expo 2015 di Global Il Silvio D Arzo di Montecchio e l istituto Angelo Motti di Reggio Emilia in visita alla grande esposizione internazionale. Parlano i dirigenti scolastici La dottoressa Rosanna Rossi Il preside Remo Cesare Fiocchi System Integration Partner, permettendo tecnologie del progetto Digital da TIM, per la connettività e servizi Official Global Partner. Che cosa si può fare in questo momento con l Expo Milano 2015 Official App? Potete scoprire che cosa sta accadendo a Milano, e in varie città Italywide in occasione dell Expo. Questo include eventi, concerti, conferenze, degustazioni enogastronomiche, sagre, spettacoli e conferenze, nonché le iniziative create appositamente per i bambini.

8 TRASFORMA IL TUO DIESEL EL DIESEL + META EMA ANO DIESEL + METANO CON UN SISTEMA NUOVA VITA AI MOTORI DIESEL. Una tecnologia consolidata LANDIRENZO Diesel Dual Fuel è l innovativo sistema ad iniezione sequenziale progettato e prodotto da Landi Renzo per la conversione di motori diesel in motori in grado di lavorare con una miscela di gasolio e metano. Il sistema può essere installato su veicoli commerciali leggeri e su mezzi per il trasporto pesante consentendo un risparmio fino al 23% sul costo del carburante*. *dati variabili a seconda del veicolo e delle modalità di guida dello stesso Contatta l officina LANDIRENZO: CAR GAS di Barbaccini Mauro & C. Via Alva MyrdaL 9/A - Fraz. di Forche di Puianello Quattro Castella (RE) - Tel:

9 SABATO 18 APRILE Mr. Neuro parla reggiano... NOI CITTADINI Expo 2015: una grande opportunità per tutti PILLOLE DI AUTODIFESA Io sono fra coloro che credono che ogni manifestazione rappresenti qualcosa di speciale e che Expo, cibandosi di comunicazione, di intrattenimento, di contenuti e anche di solidarietà, sia un buon biglietto da visita per quell Italia un po nascosta, ma tradizionalmente sana, che è quella del food CHARLIE GNOCCHI CIAO a tutti! Tra meno di un mese si inaugura a Milano Expo nutrire il pianeta. Si tratta sicuramente di un evento tra i più discussi degli ultimi anni: per alcuni rappresenta una grande opportunità di rilancio del sistema Italia, mentre per altri più polemici sarà il solito specchietto per le allodole e il solito contenitore spreca soldi. Voi cosa ne pensate? Io sono fra quelli che credono che ogni manifestazione rappresenti un opportunità e che Expo, cibandosi di comunicazione, di intrattenimento, di contenuti e anche di solidarietà, sia un buon biglietto da visita per quell Italia un po nascosta, ma tradizionalmente sana, che è l Italia del food. Come molti di voi forse non sanno, io ho i miei trascorsi nel settore alimentare nei ristoranti di mia mamma e del mio babbo: gia a 11 anni facevo il cameriere e tuttora i miei fratelli gestiscono due ristoranti a Fidenza e a Parma. A casa nostra si è sempre parlato di cibo ed ho un altro fratello laureato in agraria, che mi ha convinto a 15 anni ad investire le poche lire guadagnate in un estate a raccogliere pomodori, in un allevamento di tacchini. Successivamente abbiamo allevato polli, anatre, faraone e anche comprato tacchini americani. Mio padre poi mi ha fatto vendere il vino che produceva uno dei primi agricoltori biologici ed infine negli anni dell Università ho lavorato come carrellista alla F.lli Boschi di Fontanellato, dove si produceva il famoso Pomì della Parmalat. O cosi o Pomi! Ve lo ricordate il grande Charlie Gnocchi, il Mister Neuro di Striscia la Notizia slogan, che divenne tormentone anche fra i giovani del tempo? Tutto questo per dirvi che un emiliano rimane sempre un emiliano grazie eccellenze della sua terra: lambrusco, parmigiano reggiano, prosciutto, culatello, cappelletti, zamponi, cotechini e chi più ne ha, più ne metta. Col tempo ho imparato ad apprezzare i processi produttivi e le lavorazioni, che portano a queste prelibatezze. Dietro alle tradizioni c è una filiera che pulsa, c è un affinamento industriale di altissimo livello. Mi sono appassionato quando ho appurato la grande ricchezza delle nostre terre in fatto di macchinari per la produzione alimentare. Abbiamo una tradizione ed una tecnologia da fare spavento! A volte si danno per scontate queste cose, ma è proprio per questo che, se parliamo di cibo, possiamo andare a testa alta in tutto il mondo. Potrei continuare con la zootecnia, con agricoltura e piantagioni, con università e ricerca, una filiera che coinvolge migliaia di persone e famiglie. La ricca Reggio non è solo questo, ma è anche cooperative e distribuzione, finanza ed esportazione. Reggio nel campo della filiera agroalimentare ha una delle esperienze più longeve e potenti del mondo e sicuramente fara la sua grande figura ad Expo Non voglio dimenticare che gia Cibus, a Parma, si è occupata degnamente di rappresentare i produttori alimentari e Vinitaly, a Verona, è una realtà favolosa. Non voglio nemmeno trascurare lo zampino di Farinetti e del suo micidiale contenitore Eataly, che sta spopolando in tutto il mondo. Questo imprenditore furbo ha capito, prima di altri, che il cibo è cultura, comunicazione e finanza e io sono uno di quelli che giustamente gli attribuiscono il merito della sua fortuna, anche commerciale. Ma Reggio ad Expo deve portare anche la grande tradizione sociale e di solidarietà, bisogna far si che questo contenitore sia una vetrina delle buone azioni, del giusto e del moralmente corretto. Non sarà facile, perché in queste occasioni la parte del leone potrebbero farla i gruppi industriali più potenti e più capaci di attrarre i visitatori con effetti speciali, perché non dimentichiamoci che Expo è un enorme fiera paesana, un po più tecnologica. Gli amministratori e gli imprenditori, coordinati da qualche bravo creativo, dovrebbero consorziarsi e sfruttare ancora una volta il buon nome della nostra citta per offrire una proposta culturale nuova. Mi riallaccio ai recenti discorsi sul degrado e sulla delinquenza, che attanagliano e affliggono Reggio. Expo deve essere la vetrina per riportare a Reggio il primato delle tradizioni forti, della schiettezza non solo del suo lambrusco, ma di genti capaci operose e solidali e convincere tutti che il suo territorio, dalla bassa del po all appennino, è ricco di particolarità, storia, tradizione e tante sorprese. Logicamente io metto sempre a disposizione la mia esperienza di assaggiatore di culatelli e strolghini, di appassionato di Sorbara e delle Cantine Riunite e di grandissimo esperto della gastronomia del Regno di Parma, Piacenza e Guastalla, proprio come voleva la parmigiana reggiana ante litteram Maria Luisa d Austria! ISTAT: Aumenta il carrello della spesa Il quantitative easing è partito solo il 9 marzo, quindi è normale che l Italia sia ancora, per il terzo mese consecutivo, in deflazione ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell Unione Nazionale Consumatori, commentando il dato Istat secondo il quale, a marzo, la deflazione rimane stabile a - 0,1%, lo stesso livello di febbraio. Quello che, invece, è meno normale e ci preoccupa è che i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona salgano ancora su base annua, passando dal +0,7% di febbraio a +0,9, ha proseguito Dona. L aumento del carrello della spesa è allarmante e ha risvolti dal punto di vista sociale, perché colpisce anche quel 14,3% delle famiglie che non riesce più a pagare le bollette di luce e gas. Per un pensionato, ad esempio, significa spendere 34 euro in più. E poco per chi ha pensioni d oro, ma non certo per i pensionati al minimo. Secondo i calcoli dell Unione Nazionale Consumatori, per una coppia con 1 figlio l aumento dello 0,9% del carrello della spesa significa pagare, in termini di aumento del costo della vita, 60 euro in più su base annua. Per un pensionato con più di 65 anni sono 34 euro in più, mentre per un single con meno di 35 anni si tratta di 40 euro. Il maggior aumento per la tradizionale famiglia italiana: una coppia con due figli spenderà 62 euro in più. Dal primo aprile tutte le carni fresche, refrigerate o congelate, devono avere l indicazione di origine in etichetta. Finora l obbligo dell indicazione d origine era valido solo per le carni bovine. Dal 1 aprile 2015, in base al Regolamento 1169/2011, l obbligo è esteso a tutte quelle finora esenti e cioè: la carne di animali di specie suina; la carne di animali di specie ovina o caprina; la carne di animali di specie volatili. Di seguito un elenco degli alimenti con e senza obbligo in etichetta dell origine/provenienza:l obbligo è già in vigore per carne bovina, suina, ovina, caprina, di volatili, miele, olio extra vergine di oliva, passata di pomodoro, uova, frutta e verdura fresche, latte fresco pastorizzato. L obbligo non è in vigore per: pasta, prosciutti e salumi, formaggi, frutta e verdura trasformata, latte concentrato, pomodoro derivati. Adiconsum si auspica che l obbligo dell indicazione d origine in etichetta sia esteso al più presto a tutti gli alimenti. Solo un etichetta chiara e completa può aiutare il consumatore ad operare la scelta migliore per la propria salute e sicurezza. Energia: contratti non richiesti, una piaga dilagante da fermare. Antitrust indaga su Enel, Eni, Acea, Hera com, Bee twin su segnalazione Federconsumatori. Degli oltre reclami scritti inviati dai consumatori nei confronti degli operatori di energia e gas, il 18% riguardano contratti non richiesti, pratiche commerciali scorrette con firme apocrife, informazioni ingannevoli o parziali, mancato rispetto del diritto di recesso, doppie fatturazioni. I dati di Federconsumatori indicano che si tratta di un fenomeno dilagante, che assieme al 47% dei reclami per fatturazioni anomale, rappresenta un dato in forte aumento, che mina la credibilità del libero mercato e della concorrenza. In una situazione come questa - commenta Federconsumatori- è assurdo pensare di imporre agli utenti il passaggio al mercato libero, così come prospettato dal DL Concorrenza. Un regime di concorrenza richiede tre requisiti essenziali ed imprescindibili, quali: trasparenza, comportamenti commerciali corretti e competitività. Tutti elementi che mancano al mercato libero dell energia elettrica e del gas. Per questo la Federconsumatori ha avanzato alcune proposte per riportare correttezza e legalità in tali mercati.

10 8 SABATO 18 APRILE 2015 ECONOMIA E FINANZA Ascom Reggio si rinnova con un occhio all Expo LE FOTO DELL INAUGURAZIONE Donatella Prampolini: Siamo tornati nel cuore della città e abbiamo dimostrato di voler cambiare le cose coi fatti, non solo a parole Il presidente nazionale Carlo Sangalli: Per rilanciare i consumi abbiamo chiesto al Governo di non aumentare l Iva e ci ha dato retta Donatella Prampolini, presidente provinciale di Confcommercio. Nel riquadro Carlo Sangalli Alcuni momenti della splendida festa di inaugurazione della nuova sede di Confcommercio. Tante le personalità del mondo politico ed economico intervenute all evento LORENZO CHIERICI NEL mese di marzo c è stata una leggera ripresa, ma nel febbraio del 2015 l indice del disagio sociale rilevato da Confcommercio ha registrato un valore stimato di 20,4 punti, in aumento di sette decimi rispetto al mese di gennaio, in cui si era toccato il valore più basso da dall inizio del Tale andamento deriva da un modesto aumento della disoccupazione estesa e da una flessione più contenuta dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d acquisto (dal -1,4% di gennaio a -0,5% di febbraio). L aumento rilevato per il Misery Index Confcommercio (MIC), dopo un bimestre di riduzioni, va valutato con molta attenzione in quanto riferito ad un mese di transizione tra due diversi regimi regolatori del mercato del lavoro, una situazione che potrebbe aver portato le imprese, in attesa dei decreti attuativi del jobs act, a procrastinare di alcune settimane eventuali assunzioni. In marzo, tale indice, non ancora rilevato ufficialmente, sembra però in leggero rialzo proprio in conseguenza dell effetto dei decreti attiativi. Tornando ai dati di cui siamo in possesso, ossia quelli di febbraio, questo elemento si è associato alle incertezze che ancora caratterizzano l avvio della ripresa, di cui si colgono molti segnali, ma che stenta a tradursi in un significativo miglioramento dei livelli produttivi, dei consumi e del mercato del lavoro. A febbraio, infatti, il tasso di disoccupazione ufficiale è salito al 12,7%, in aumento di un decimo di punto rispetto a gennaio e di due decimi nei confronti di un anno prima. I disoccupati si sono attestati a 3 milioni 240mila unità (+23mila sul mese precedente e +67mila rispetto a febbraio del 2014). Il numero di occupati è diminuito di 44mila unità su base mensile ed aumentato di 93mila nel confronto annuo. LA NUOVA SEDE ASCOM «La parte più cruenta della crisi, a mio avviso, l abbiamo passata, anche se i dati di febbraio non sono stati certamente esaltanti - spiega il presidente di Confcommercio di Reggio Emilia Donatella Prampolini Manzini in occasione della presentazione della nuova sede di Ascom, sita in viale Timavo 43, per la prima volta di proprietà dell associazione - Prima che i dati positivi dell economia si trasformino in un aumento dei consumi passerà ancora un po di tempo. Ora, c è bisogno di stare molto vicini alle imprese che stanno vivendo una fase di rilancio: è proprio in questo momento che Confcommercio deve fornire servizi importanti ai propri associati, con tante idee e capacità di rinnovamento, che rappresentano le chievi di volta per iniziare a crescere». Tornando alla nuova serde Ascom, è stata inaugurata la settimana scorsa, con la benedizione solenne di monsignor Marmiroli, alla presenza delle più alte cariche politiche ed economiche della provincia dal sindaco di Reggio Luca Vecchi, al presidente della Provincia Giammaria Manghi, dal presidente della Camera di Commercio Stefano Landi al sottosegretario alla presidenza della Regione Emilia Romagna Andrea Rossi. CARLO SANGALLI «L inaugurazione della nuova sede è un atto di forza, di coraggio e di grande responsabilità perché questa realtà associativa, guidata da Donatella Prampolini - ha spiegato il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli, ospite d onore della giornata - ha voluto tornare in Centro storico per essere di nuovo protagonisti della città e per vivere il territorio». I dati macroeconomici danno l economia nazionale in crescita, anche se in febbraio c è stata una flessione: crede che, magari anche attraverso il lavoro di Confcommercio, possa esserci una ripresa anche a livello provinciale? «I segnali sono ancora timidi, ma ci sono. Tali indicazioni, pur non autorizzando facili ottimismi sul futuro della nostra economia, mettono in evidenza un inversione di tendenza che ovviamente deve essere supportata da politiche che favoriscano la domanda interna perché soltanto con il rilancio dei consumi si può uscire davvero dalla crisi». Il Governo ha dichiarato che non aumenterà l Iva nei prossimi due anni e se Renzi manterrà le promesse, come ci auguriamo, anche per Confcommercio sarebbe una bella vittoria... «Esatto, noi lo abbiamo sempre chiesto con molta forza e molta determinazione. Volevamo un atto di coraggio da parte del Governo di eliminare la spesa pubblica improduttiva, soprattutto per evitare che scattino le clausole di salvaguardia e in modo particolare l aumento dell Iva da qui al Il Governo sembra proprio che ci abbia ascoltato prendendo l impegno di non aumentare l imposta sul valore aggiunto e di questo gliene diamo atto». Presidente, quant è importante il ruolo del terziario nel rilancio dell economia reggiana e non solo? «Le attività del terziario sono importantissime perché non hanno solo una valenza di carattere economico: contribuiscono, infatti, in maniera fondamentale, a formare anche quella fitta trama di relazioni sociali che animano la vita delle nostre città, dei nostri paesi e dei nostri borghi. Laddove c è un attività commerciale, turistica e di servizio conclude Carlo Sangalli - si creano le condizioni di vitalità e qualità dei territori, si realizzano con più facilità opportunità di crescita per i rapporti sociali e culturali, si limita il degrado, stimolando, allo stesso tempo, la riqualificazione urbana, lo sviluppo, la legalità.» DONATELLA PRAMPOLINI «Abbiamo denunciato per molto tempo che una delle problematiche legate ai nostri centri storici è il fatto che i direzionali si sono spostati al di fuori delle mura di cinta. Anche noi lo avevamo fatto per cause di forza maggiore, ma appena ne abbiamo avuto l opportunità siamo rientrati in città. Tra l altro lo abbiamo fatto in questa meravigliosa sede di viale Timavo 43 che è di proprietà di Confcommercio, per la prima volta. Abbiamo quindi una casa, completamente ristrutturata, una sede a nostra misura, che parla di noi, degli sforzi fatti in tutti questi anni, che parla del fatto che vogliamo essere vicini agli associati e anche ai luoghi nei quali si decide il futuro della nostra città. Insomma, meglio di così non potevamo trovare. Tra l altro a giorno Reggio sarà presente ad Expo e ci saremo anche noi: sono convinta che attraverso l esposizione mondiale anche Reggio potrà fare un salto di qualità». ALESSANDRO GRANDE «L inaugurazione - ha aggiunge Alessandro Grande, direttore provinciale di Confcommercio - si congiunge non solo idealmente con le celebrazioni per i settant anni della Confederazione nazionale e della nostra Associazione, che cadono proprio nell anno in corso. Mi piace immaginare che la nuova sede possa diventare la quinta porta di accesso al Centro Storico e nel contempo il primo avamposto della periferia, come a rappresentare la sintesi più felice degli interessi di cui siamo portatori e del territorio nel quale operiamo».

11 SABATO 18 APRILE ECONOMIA E FINANZA Allarme giocattoli pericolosi: 2500 i prodotti banditi LAVORO Da oggi obbligatoria la polizza a tutela degli infortuni da lavoro domestico Arriva l assicurazione Inail per le casalinghe La Cina rimane il principale paese di origine di questi prodotti. Negli ultimi due anni il 64% del totale delle notifiche di pericolosità riguardava prodotti provenienti dall oriente 28% 23% 9% Giocattoli Vestiti, tessile accessori di moda Elettrodomestici e apparecchiature Cina, compreso Hong Kong Unione Europea e i paesti dell EEA Sconosciuti Altri Turchia 3% 7% 14% 12% 8% 3% 3% Veicoli a motore Articoli per l'infanzia e attrezzature per bambini Attrezzatura per l illuminazione 64% RASSETTARE la casa, pulire e assicurare il benessere dei propri cari non è riconosciuto come mestiere e non è retribuito, ma non per questo non deve essere cosiderato un vero e proprio lavoro. Perciò ha bisogno di tutte le tutele legali ed economiche di un qualunque impiego: primo tra gli tutti l assicurazione. Come ottenerla? Per promuovere l assicurazione casalinghe a tutela di chi si occupa in via esclusiva, gratuitamente e senza subordinazione della cura della casa e del nucleo familiare, l Inail sta inviando una comunicazione alla platea dei potenzialmente interessati, pari a circa un milione e mezzo di persone. La lettera, firmata congiuntamente dal direttore dell Inail, Giuseppe Lucibello, e dal presidente del comitato amministratore del Fondo autonomo speciale per l assicurazione contro gli infortuni domestici, Federica Rossi Gasparrini, illustra i vantaggi dell adesione all assicurazione casalinghe informando sulle prestazioni garantite in caso di infortunio, sulle modalità di pagamento del premio tramite l allegato bollettino postale precompilato, nonché sull esonero dal pagamento per i soggetti in possesso dei requisiti di legge. L assicurazione contro gli infortuni da lavoro domestico è stata istituita e resa obbligatoria dalla legge 493/1999, che ha attribuito al lavoro familiare un valore economico oltre che sociale. Il premio assicurativo è di 12,91 euro annui e, proprio per il suo carattere di obbligatorietà, gode di un alta deducibilità fiscale, arrivando a costare in realtà circa 0,60 euro al mese. La copertura assicurativa decorre dal giorno successivo al pagamento del premio. Sono esonerati dal pagamento, perché interamente a carico dello Stato, coloro che l anno precedente, abbiano avuto un reddito personale lordo Irpef non superiore a 4.648,11 euro e contemporaneamente appartengano ad un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo Irpef non superi i 9.296,22 euro. Alle casalinghe/i in caso di infortunio grave, è garantita una rendita mensile a vita qualora l invalidità permanente riportata sia pari o superiore al 27%. L importo della rendita può oscillare dai 186,17 euro (invalidità del 27%) ai 1.292,90 euro (invalidità al 100%). In caso di infortunio mortale è prevista una rendita ai superstiti in possesso dei requisiti di legge. Da oggi in avanti, quindi, nasce una possibilità in piùper chi sceglie di occuparsi della propria casa, grazie alla quale non dovrà più preoccuparsi di non essere assistito se dovesse succedergli qualcosa. (li.vi.) LISA VALENTINI IN una città come la nostra dove il 39% delle famiglie ha almeno un figlio e il numero di bambini superava già l anno scorso le 26mila unità, sapere quali sono i giocattoli sicuri e quali invece sono pericolosi, diventa un esigenza più che primaria. Nonostante, infatti, pupazzi e bambole a prima vista non sembrino minacciosi, possono essere davvero rischiosi per la salute dei nostri piccoli. Molte volte i loro componenti sono nocivi o tossici se portati a cntatto con la bocca oppure le loro fattezze non rispettano le norme di sicurezza e rischiano di rompersi ferendo i bambini. A reoccupare particolarmente sono i nuovi dati pubblicati dalla Commissione europea che mostrano come nel 2014 sia stato impedito l ingresso nell Ue, o sia stata disposta la rimozione dal mercato, di quasi 2mila 500 prodotti (da giocattoli, agli autoveicoli) in quanto pericolosi per i consumatori. Da 12 anni la Commissione e gli Stati membri collaborano per garantire che i beni di consumo immessi sul mercato europeo siano sicuri. A tal fine, utilizzano il sistema di allarme rapido per i prodotti pericolosi non alimentari. «Ogni prodotto in Europa deve essere sicuro per i nostri cittadini. I prodotti che possono causare danni devono essere ritirati dal mercato quanto prima. Proprio per questo motivo abbiamo creato il sistema di allarme rapido, uno strumento che nel corso degli anni si è rivelato molto efficace nella tutela dei consumatori europei. Si tratta di un esempio molto pratico della cooperazione dell Ue a vantaggio dei nostri cittadini», ha dichiarato Vèra Jourová, Commissaria europea per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere. Il sistema di allarme rapido garantisce che le informazioni sui prodotti pericolosi non alimentari ritirati dal mercato e/o richiamati ovunque in Europa siano trasmesse rapidamente tra gli Stati membri e la Commissione. Ciò permette di adottare i conseguenti provvedimenti opportuni (divieto/blocco delle vendite, ritiro, richiamo o rifiuto all importazione da parte delle autorità doganali) in tutta l Ue di informare i consumatori. Nel 2014 sono stati registrati nel sistema 2mia 755 provvedimenti di questo tipo. Sempre nel 2014 il sito web del sistema di allarme rapido è stato visitato da quasi 2 milioni di persone. Grazie ai nuovi strumenti di ricerca i consumatori e le imprese possono informarsi meglio sui prodotti pericolosi individuati e richiamati. Attualmente al sistema partecipano trentuno paesi (gli Stati membri dell Ue, l Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia). Ma quali sono i prodotti che presentano rischi? Nel 2014 i giocattoli (28%) e gli indumenti, i prodotti tessili e gli articoli di moda (23%) sono state le due principali categorie di prodotti oggetto di provvedimenti correttivi. I rischi chimici, di lesioni e di soffocamento sono stati tra i rischi segnalati più frequentemente per questi prodotti. I rischi chimici più comuni segnalati nel 2014 riguardano prodotti quali scarpe e articoli in cuoio (ad esempio il cromo VI, una sostanza che irrita la pelle), i giocattoli e gli articoli di puericultura (ad esempio gli addolcitori della plastica, che possono causare problemi di fertilità), e la bigiotteria (ad esempio metalli pesanti nocivi). E per sapere da dove provengono questi prodotti pericolosi basta quardare i dati relativi all ultimo anno. La Cina rimane il principale paese di origine dei prodotti pericolosi notificati nel sistema di allarme rapido. Nel 2014, come nel 2013, il 64% del totale delle notifiche riguardava prodotti provenienti dal continente orientale. La Commissione collabora strettamente con la Cina attraverso il sistema di allarme rapido - Cina per garantire che le autorità cinesi affrontino tutte le questioni di sicurezza dei prodotti in loco. Solo l anno scorso sono state 2mila 435 il numero totale di nostifiche inserite nel sistema di allarme rapido in cifre. Le notifiche sono aumentate del 3% rispetto al 2013, il che significa che i consumatori hanno beneficiato di una migliore protezione rispetto al passato, in quanto è stato bloccato un numero maggiore di prodotti pericolosi. Sono stati, invece, 2mila 755, il numero di provvedimenti di follow-up adottati nel Come funziona? Quando uno Stato membro individua un prodotto che non è sicuro, inserisce una notifica nel sistema di allarme rapido e tutti gli altri paesi effettuano una ricerca del prodotto in questione nei rispettivi mercati e se lo individuano indicano i provvedimenti conseguenti (divieto/blocco delle vendite, ritiro, richiamo o rifiuto all importazione da parte delle autorità doganali) che hanno adottato.

12 10 SABATO 18 APRILE 2015 IL PERSONAGGIO Fabrizio Medici, il maestro della trasparenza La vetreria Isoglass compie 35 anni: storia e progetti di una piccola azienda che non teme il futuro e la crisi Importante collaborazione con Ferrari e Lamborghini. In prima linea nella costruzione del museo Giorgio Armani di Milano Non abbiamo mai licenziato nessuno, continuiamo a pagare i nostri collaboratori e nonostante la crisi siamo riusciti a difendere l assetto produttivo UNA PICCOLA azienda dai polmoni grandi, così grandi da riuscire a rimanere in apnea per tutta la durata dello stallo economico. Isoglass nasce 35 anni fa, dallo spunto imprenditoriale di alcuni ragazzi, oggi diventati grandi. Una storia importante, una di quelle aziende che, insieme a tante altre migliaia di aziende di questa dimensione, sono riuscite a donare benessere e risorse a questa terra. Parliamone con Fabrizio Medici, fondatore e presidente del gruppo che comprende Isoglass e Paltrinieri, altro marchio acquisito proprio nel 2006, con la crisi alle porte. Salve presidente, 35 anni in azienda non sono pochi. Una volta corrispondevano ad una vita lavorativa, non è certo male come traguardo. Questa bella avventura inizia proprio negli anni 80, tornai dal militare ed alcuni amici mi coinvolsero in questo progetto ambizioso. Il vetro aveva una pessima reputazione, nessuno prestava attenzione a questo tipo di materiale. Siamo partiti da zero, non avevamo nulla Non è facile lavorare in questo settore, ma Isoglass ha radici profonde che stanno aiutando molto l azienda a rimanere stabile. L edile è fermo, anzi, questo mercato addirittura fa passi indietro. Il periodo è davvero buio per il nostro settore, non nascondo che in alcuni momenti ci siamo trovati davvero in difficoltà ma poi viene fuori la nostra forza: siamo una squadra, lavoriamo insieme da molto anni e alla fine troviamo sempre una strada nuova Uno dei meriti di Isoglass? Non abbiamo mai licenziato nessuno, continuiamo a pagare i nostri collaboratori e nonostante la crisi siamo riusciti a difendere l assetto produttivo. Sono molto legato alle persone che lavorano con me, siamo una piccola azienda, queste persone fanno parte della famiglia, non sono semplici dipendenti Vuole citarne qualcuno? Sicuramente i miei tre fedelissimi: Carlino Gazzotti, il maestro di tecnica. Per Carlino il vetro non ha segreti. Ringrazia anche William Costi e Giorgio Dallari, altre due colonne, due persone che hanno lavorato fianco a fianco con me alla buona riuscita del piano aziendale Non è facile trovare collaboratori fidati... Trovare gente capace di lavorare con te una vita è davvero difficile, oggi è tutto molto più frenetico. Le aziende che resistono nel tempo hanno una qualità umana alla base, anche grazie a queste persone Isoglass ha superato i momenti più difficili A proposito di collaboratori, recentemente ha inserito in azienda anche Stella e Valentina Medici, eredi al trono di Isoglass... Al momento stanno portando avanti il praticantato al mio fianco (sorride). Stella ha molto grinta ma deve ancora maturare, la dottoressa Valentina Medici è l amministratore delegato. Sono sicuro che faranno bene in azienda, sono cresciute a pane e vetro, anche loro amano questo marchio Non deve essere facile lavorare con le proprie figlie... Sicuramente è una delle sfide più difficili (sorride). Non è facile, inoltre il nostro mondo è popolato da soli uomini. Chiaramente sono felice di lavorare con loro, la mia esperienza è una buona scuola da cui attingere Tante le collaborazioni importanti, Isoglass raccoglie consensi anche quando si parla di sinergie con altri gruppi... Attualmente stiamo collaborando con la costruzione del museo Giorgio Armani di Milano, edificio che inaugurerà con l apertura di EXPO. Non solo: stiamo lavorando anche alla costruzione del nuovo concessionario Ferrari a Modena, collaboriamo con Lamborghini e con tante altre aziende importanti Presidente, cosa si sente di dire ai giovani che oggi sognano di avviare una piccola attività? Lavorare in proprio non è facile, serve molta determinazione e non occorre mai guardarsi indietro Fabrizio Medici con le figlie Stella (a destra) e Valentina Dalla piccola azienda locale a marchio con reputazione nazionale: ecco l ascesa dei maestri del vetro Una storia che prende forma nel 1980 ISOGLASS nasce nel 1980 a Roteglia (Re) dall idea di un gruppo di giovani imprenditori locali. Fin dai primi anni si impone, a livello regionale, come realtà dinamica e all avanguardia nel settore delle vetrate isolanti. Nel 1990 la proprietà passa interamente nelle mani della famiglia Medici che non lesina sforzi nell intento di rafforzare l immagine e la visibilità dell azienda a livello nazionale. Agli inizi del terzo millennio l azienda consolida la propria crescita e nel corso dell anno 2002 inaugura la nuova sede produttiva e direzionale che si sviluppa su una superficie coperta di 1700 mq. E proprio grazie agli ingenti investimenti in infrastrutture e in risorse umane e tecnologiche che l azienda riesce a raggiungere importanti traguardi in termini di volumi e di produttività ( mq. di vetrate isolanti e mq. di vetro float prodotti nel corso dell anno 2007) e di customer sactisfation. Dall anno 2007 l introduzione di un nuovo modello organizzativo ha permesso all azienda di ottenere la Certificazione del Sistema di Gestione della Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001: 2000 e le ha consentito di apporre la Marcatura CE sulle vetrate isolanti prodotte come previsto dalle vigenti normative. Il programma strategico di crescita per linee esterne si è poi concretizzato con l acquisizione della Vetreria Paltrinieri Silvano s.r.l. (marchio storico del distretto delle ceramiche) la cui attività (vetri per complementi d arredo ed architettura d interni) si integra in maniera coordinata e sinergica con il core business di Isoglass (vetri per il comparto edile residenziale, commerciale ed industriale). Nel corso degli anni l azienda ha collaborato con le più affermate e prestigiose imprese del settore; tra i serramentisti ricordiamo: Cormo Società Cooperativa. - Comeca s.p.a. - 3 Elle Lavorazione del Legno - Montecchinfissi - I.Effe.Ci s.r.l. - Bi.Pi.Effe - Macchioni Infissi - Vazza & Zerlin; tra le imprese edili: Unieco s.c.r.l. - La Betulla - Coop. Muratori di Reggilo - Orion.. Vetro, una reputazione che cambia: da materiale di serie B a protagonista in materia di stile e design (photo Isoglass)

13

14 12 SABATO 18 APRILE 2015 MONDO SCUOLE I ragazzini durante la lezione Piccoli giornalisti crescono Una scolaresca in visita alla redazione del Giornale Lunedì mattina la classe quarta della scuola Figlie di Gesù di Reggio Emilia ha preso parte al progetto didattico Il Giornale della Scuola NELLA giornata di lunedì 13 aprile la classe quarta della scuola elementare Figlie di Gesù di Reggio Emilia ha fatto visita alla redazione de Il Giornale di Reggio Settimanale per scoprire come si edita il giornale, per capire e scoprire quali sono i segreti e il punto di vista di chi opera per la carta stampata. La mattinata, molto produttiva, ha visto i ragazzini partecipare alla riunione coi giornalisti per poi prendere parte al dibattito. Tanti i temi affrontati dai ragazzini, dalla cronaca nera allo sport. La lezione, tenuta dai cronisti del settimanale, si è poi conclusa con la visione di un documentario dedicato alla storia dei quotidiani italiani. Nelle prossime settimane i ragazzini, durante le ore scolastiche, si trasformeranno in piccoli cronisti, pubblicando così sulla nostra edizione settimanale, articoli e foto riguardanti la vita della scuola e non solo. La nostra redazione non è nuova ad iniziative di questo tipo dato che dal 2007 i nostri giornalisti creano, alimentano e danno spazio ai giovani studenti della nostra provincia. I ragazzini della quarta elementare in visita alla sede del grionale, in via Guicciardi

15 SABATO 18 APRILE LA PAGINA ROSA Ci muoviamo per la difesa concreta delle donne in difficoltà Intervista a Roberta Bruzzone, psicologa e criminologa forense che da anni lotta per aiutare mogli, madri e minori che subiscono maltrattamenti o abusi. La cosa più importante per chi è vittima di abusi è proprio quella di avere un riscontro nel presente E fondamentale costruire una sensibilità comune in tutta la società, che si attivi nell aiuto di chi è più debole come donne e bambini e condanni senza appello i sex offender LISA VALENTINI «LA STORIA delle donne è la storia della peggiore tirannia che il mondo abbia mai conosciuto: la tirannia del debole sul forte. Ed è quella basata sulla forza, l unica tirannia che duri», questo scriveva Oscar Wilde nel 1891, sancendo ancora una volta l assioma, allora innegabile, della superiorità maschile sulla donna e più in generale su chi è debole. A leggerla dopo oltre cento anni di distanza sembra, per fortuna, soltanto una vecchia frase stantia, che nulla a che fare con la realtà. A renderla così inadeguata ai nostri tempi sono stati il lavoro e la forza di numerose grandi donne, che hanno evulto il mondo e la società. Così, nel tempo, la figura femminile ha mosso enormi passi verso la sua emancipazione dal ruolo mite e sottomesso da cui era partito. Oggi l universo rosa è diventato la colonna portante di valori di rispetto e indipendenza, libertà e potere. A portare alti e in prima linea questi principi di autonomia e autodeterminazione, è la la dottoressa Roberta Bruzzone, psicologa e criminologa forense che da anni lotta per aiutare mogli, madri e minori che subiscono maltrattamenti o abusi a liberarsi dalle loro difficili realtà. Una donna, che, per le donne, ogni giorno combatte contro ingiustizie e violenze, capace di far valere i diritti dei più deboli e di formare medici e associazioni dal punto di vista psicologico e legale sul come agire in situazioni di pericolo. Un curriculum notevole il suo, che da anni la vede ambasciatrice di Telefono Rosa Onlus nel mondo, e loro consulente nell ambito di casi di violenza domestica, sessuale, stalking e omicidio. Grazie alla sua esperienza è spesso protagonista dei salotti di Porta a Porta, il progrmma condotto da Bruno Vespa. Inoltre la Bruzzone è Presidente dell Accademia Internazionale delle Scienze Forensi, e Direttore Scientifico e Vicepresidente dell associazione reggiana La Caramella Buona Onlus contro la pedocriminalità e la violenza contro le donne. E nel suo impegno reggiano la Bruzzone, proprio la settimana scorsa, ha visitato la nostra città per informare il personale medico Ipasvi (Infermieri professionali assistenti sanitari e vigilatori d infanzia) e della Croce Verde sui metodi di trattamento della vittima di violenze. Esperta nelle tecniche di analisi, valutazione e diagnosi di abuso nei confronti di minori e nell ambito della violenza sulle donne, la criminologa è ha spiegato come affrontare le difficoltà nella gestione delle situazioni di maltrattamenti e quanto sia importante un intervento rapido e il più possibile sinergico delle strutture pubbliche. Il Gdr l ha intervistata per capire quale sia e come si svolga il suo importante lavoro Ḋottoressa Bruzzone in cosa consiste il suo lavoro? «Mi occupo di conculenza e assistenza a tutti coloro che vivono situazioni di difficoltà: dal bambino o la donna maltrattata fino algi specialisti che si occupano di gestire queste situazioni» Come giudica l escalation altissima che in questi anni ha avuto la violenza nei confronti delle donne? «A livello giudiziale è un fatto che le aggressioni verso le donne e anche verso i minori sono in aumento continuo ed è un dato molto preoccupante. Per fortuna sono aumentate anche le denunce: azione molto importante nel percorso di tutela da questi crimini» Cosa significa il fatto che ci sia stato un aumento delle denunce? «Che c è una maggior volontà di far emergere il maltrattamento e di punire la mancanza di rispetto o l aggressione, anziché vergognarsene e tacerla. Le donne stanno prendendo coscienza di non aver colpa nell essere vittime» Negli ultimi giorni è intervenuta anche a Reggio, che tamatiche ha trattato? La psicologa e criminologa, Roberta Bruzzone «Pricipalmente mi sono occupata di formazione, che ritengo essere un argomento molto importante. Da 5 anni ormai mi occupo di spiegare agli operatori sanitari come affrontare le situazioni di violenza e di pericolo direttamente sul campo» In che senso? «Parlo di scene in cui è avvenuta direttalemente la violenza o il crimine: fondamentale è sapere come muoversi per non contaminare la scena e proteggere la vittima» Come mai proprio a Reggio? «Abbiamo scelto questo luogo simbolico anche per festeggiare i 18 anni di vita dell associazione reggiana La Caramella Buona della quale sono vicepresidente. E stata una bella occasione per unire temi importanti» Non si occupa soltanto di assistenza scientifica e forense quindi? «No, mi occupo anche di consulenze psicologiche sia alle vittime di abusi che ai professionisti che li seguono. La collaborazione con la Caramella fa parte di questo progetto rivolto alla tutela di chi è vittima di violenze» Quali sono gli obiettivi? «E fondamentale costruire una sensibilità comune in tutta la società che si attivi nell aiuto di chi è più debole come donne e bambini e condanni senza appello i sex offender» In che modo? «Il mio impegno con Caramella Buona è quello di essere in prima linea, dare una risposta rapida e concreta a chi ha bisogno» Qual è la cosa più importante? «Basilare, a livello istituzionale, è l ascolto e la tutela di chi subisce violenza. Di pari passo, è necessario essere preparati e formati sul tipo di assistenza che occorre fornire» Perchè è necessario un così alto livello di preparazione? «Poiché coloro che sono maltrattati si rivolgono quasi sempre al mondo delle associazioni del proprio territorio che devono saperli aiutare, cosa che non sempre avviene purtroppo» Cosa vuol dire? «Non sempre coloro che accolgono chi subisce violenze sono professionisti e sono in grado di dare risposte immediate.non hanno le competenze nè le capacità» Con il suo lavoro come li aiuta? «Bisogna tenere presente che la cosa più importante per chi è vittima di abusi è proprio quella di avere un riscontro nel presente e con la Caramella abbiamo creato una rete per allontanare dalle situazioni di pericolo tutti coloro che ne hanno bisogno e ricollocarli in strutture protette. E una rete che si attiva e risponde alle esigenze nelle 24 ore» Ritiene efficace il lavoro delle istituzioni? «Purtroppo non sempre. Soprattutto nei casi di maltrattamenti minori e stalking le situazioni vengono sottovalutate e le risposte non vengono date come dovrebbero. Questo non va bene. Ecco perché le associazioni devono essere preparate: è fondamentale incentivare la professionalizzazione» Se potesse parlare ad una giovane donna che subisce maltrattamenti cosa le direbbe? «Se parlassi ad una donna in difficoltà le direi di cercare aiuto subito e di non vergognarsi della sua situazione. Essere vittima di abusi non è una colpa. Le consiglierei di documentarsi attentamente e scegliere con attenzione l ente o l associazione a cui rivolgersi, perché potrebbe fare la differenza sul esito della sua storia. Fondamentale, però, è la voglia di riprendersi la propria vita» LA CARAMELLA BUONA LA CARAMELLA Buona è un organizzazione non profit Onlus, fondata nel gennaio del 1997 da Roberto Mirabile, suo presidente. Il presidente onorario è l avvocato Nino Marazzita e il direttore scientifico/ vice presidente la criminologa Roberta Bruzzone. Ha sede nazionale e legale a Reggio Emilia e sedi ad Acuto (Fr), Roma, Barletta e Verona. A Reggio e ad Acuto sono presenti anche le Case Buone. Attualmente l Associazione ha circa 30mila sostenitori in Italia e la struttura organizzativa è composta da una ventina di collaboratori e una decina di professionisti altamente qualificati in diversi settori (tutela legale, criminologia, psicologia, investigazioni, formazione ecc.). Dal 2003 l Associazione è riconosciuta Parte Civile ed esercita la tutela della parte lesa nei maggiori processi penali nei Tribunali italiani: procedimenti tutti vinti, a carico di sex offender (pedofili e stupratori) ottenendo la condanna al carcere degli imputati. Attualmente La Caramella Buona Onlus ha ottenuto un totale di 114 anni di condanne al carcere, nei procedimenti seguiti dai propri avvocati. IL COMMENTO Roberto Mirabile «ROBERTA è una grande portavoce, capace di intrattenere platee di specialisti così come di bambini», commenta il presidente dell associzione La Caramella Buona, Roberto Mirabile. «La sua capacità di comunicare e far comprendere problematiche importanti con facilità e immediatezza ci fornisce la possibilità di far comprendere a tutti l importanza di una tutela sociale delle vittime di violenze e abusi: dal bambino che subisce atti di bullismo alla donna picchiata o violentata», specifica. «Il nostro obiettivo come associazione locale è sviluppare un impegno concreto e immediato nell accoglienza e nell assistenza di chi decide di abbandonare la propria casa per allontanarsi dai molestatori o situazioni pericolose. Grazie alla dottoressa Bruzzone abbiamo un aiuto in più per affiancarci alle donne che sono in difficolà», conclude Mirabile.

16 14 SABATO 18 APRILE 2015 INTERVISTA IN CORSIA Il tumore al polmone uccide 8 volte su 10, ma i fumatori aumentano L intervista alla pneumologa del Santa Maria Nuova, Anna Simonazzi, che spiega quali siano le conseguenze per la nostra società invasa dalla nicotina Ogni anno, a Reggio, 500 nuovi pazienti si rivolgono all Arcispedale per patologie legate al fumo. L età media dei pazienti è passata dai 60 ai anni. Aumentano le donne Per smettere meglio non usate la sigaretta elettronica: non elimina la gestualità e il rapporto fisico con l oggetto LISA VALENTINI QUANTE volte vi sarà capitato di vedere, camminando per la strada, dieci persone con la sigaretta in mano? Di loro, purtroppo, almeno tre si ammaleranno di tumore al polmone, come conseguenza diretta del vizio per la nicotina. Ma come si può scongiurare questo pericolo e quali sono i rischi reali di una vita da fumatore? Lo racconta la specialista pneumologa del Santa Maria, Anna Simonazzi, che spiega gli effetti medici e sociali per la nostra società invasa dalla nicotina. L abitudine del fumo quali rischi comporta? «Ne comporta molti dal punto di vista pneumologico si è più soggetti a bronchite cronica e a limitazioni della funzionalità respiratoria. Soprattutto in pazienti anziani si ha dispnea e tosse per oltre tre mesi all anno, questi sono i casi più lievi» E in quelli più gravi? «Si arriva all insufficienza respiratoria poichè il tessutopolmonare è completamente distrutto e si arriva alla terapia intensiva o ai trattamenti con l ossigeno» Di cosa è fatta una sigaretta e perché è così dannosa? «Al suo interno si trova la nicotina che è la sostanza che induce l astinenza, ma anche altri potentissimi cmmposti come l ammoniaca, l arsenico, il ddt (il famigerato pesticida), il polonio che è una sostnaza usata nella chimica nucleare e molti diluenti chimici che da molti anni erano stati banditi persino per la meccanica industriale perchè se inalati erano nocivi» Il fumo quali organi va a compromettere? «Il fumo fa male dalla testa ai piedi. I polmoni sono solo uno degli organi che vengono danneggiati. Tutto l apparato cardiovascolare e il sistema arterioso è danneggiato con il rischio di episodi ischemici agi arti inferiori e cerebrali o di insufficienza venosa» Il tumore è uno dei rischi più pericolosi è vero? «Sì. Il tumore al polmone è strettamente collegato al fumo. Certo dipende per quanto una persona ha fumato e in quali quantità. Se una persona smette in tempo quello del tumore è un rischio che si può limitare» Quanti anni da fumatore ci vogliono per considerarsi a rischio? «Bastano 10 anni fumati bene per essere a rischio di tumore con una media di uno o due pacchetti al giorno» Qual è il tasso di mortalità per questo tipo di tumore? «Quello al polmone è un tumore molto aggressivo che su uno studio di 100mila caso ha dimostrato una incidenza del 94% e una mortalità dell 83%» Cosa si può fare per prevenirne l insorgenza? E quando lo si diagnostica invece, come bisogna procedere? «La disassuefazione dal fumo è il primo passo per la prevenzione, unita ad esami di routine come la tac e la spirometria. Una volta individuato invece cicome soluzioni ci sono l intervento chirurgico oppure le terapie con radio e chemioterapia» La prima sigaretta arriva in età sempre più giovane quali sono i rischi per i ragazzi? «Nei soggetti giovani aumenta la sensibilità agli allergeni con frequenti episodi di asma. Il fumo distrugge i sistemi di difesa che l apparato respiratorio ha per proteggerci, quindi, diventiamo bersagli più facili per pulvisocoli, pollini e altri agenti» Nella foto piccola la pneumologa, Anna Simonazzi Distribuzione % dell abitudine al fumo per sesso * fumatori ** Ex fumatore *** Fumatore in astensione * Soggetto che dichiara di aver fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente fuma tutti in giorni o qualche giorno ** Soggetto che dichiara di aver fumato più di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma da almeno 6 mesi II DATI INTERNAZIONALII **** Non fumatore *** Soggetto che attualmente non fuma, ma da meno di 6 mesi **** Soggetto che dichiara di aver fumato meno di 100 sigarette nella sua vita e attualmente non fuma Qual è il percorso medico più adatto se si volesse smettere di fumare? «Bisogna studiare il percorso adatto con il proprio medico, magari con in supporto di farmaci con cerotti e sigaretta elettronica. Ma è necessario essere molto motivati altrimenti non si smette» E molto difficile abbandonare il vizio? «Sì, oltre all astinenza si deve combattere contro l abitudine: la compagnia della sigaretta è, per chi fuma, un grande bisogno. Unito alla gestualità di portarla alla bocca fa in modo che si provi un grande piacere a fumarla. Questo è l ostacolo maggiore» Non l astinenza fisica? «No, quella dura 20 giorni massimo un mese poi è la consuetudine che ci impone la ricerca del fumo, non il corpo. Per questo sconsiglio l uso della sigaretta elettronica per smettere di fumare» Perchè? «Non elimina la gestualità e il rapporto fisico con l oggetto sigaretta. Non lavora, a mio parere,nel senso corretto» Quanti casi all anno vede di pazienti i cui polmoni sono compromessi a causa del fumo? «Circa 500 nuovi pazienti all anno, più tutti coloro che hanno patologie croniche o problematiche di lunga durata» Che età hanno in media questi pazienti? «Di solito sono sulla sessantina, ma da qualche anno arrivano da noi anche pazienti di 40 anni o 50 che subiscono già gli effetti di anni di fumo» Sono più uominio più donne? «Prima erano in maggioranza uomini, ora direi che si equiparano. L escalation di questo vizio delle donne è stata altissima» Il numero dei fumatori secondo lei è in aumento? «Nonostante le conoscenze che abbiamo purtroppo il trend è in aumento: si fuma più di prima» Perché? «E una abitudine sociale consolidata. I giovani subiscono le pressioni dei gruppi di amici che prendono ad esempio modelli sbagliati. Gli adulti invece soffrono gli stress della quotidianità e li sfogano con queste cattive abitudini. Purtroppo vorranno molti anni per sviluppare una società chevada avanti senza fumo». I DATI internazionali non segnano una situazione migliore di quella di Reggio. Dal terzo rapporto Tobacco Atlas si evince che il prossimo anno, per le malattie legate al fumo, moriranno 11 persone al minuto. Tra le cause di morte principali cancro, enfisema e malattie cardiocircolatorie. Dal punto di vista economico la passione per le bionde costerà 500 miliardi di dollari, pari al 3,6% del pil mondiale, per spese mediche, danni alla produttività e problemi ambientali. Cinquecento miliardi che se ne vanno, letteralmente, in fumo. Questi dati sono in linea con quelli diffusi con il rapporto 2008 dall Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e che stimavano il numero di morti annuali nel 2030 a otto milioni, causando oltre 175 milioni di morti nel periodo

17 SABATO 18 APRILE IL NOSTRO COMUNE Castellarano inaugura gli Orti urbani comunali Tutti gli assegnatari si sono ritrovati nella sala del Consiglio comunale dove gli assessori Giorgio Zanni (ambiente) e Massimo Bagni (politiche sociali) hanno illustrato il funzionamento, la gestione e i possibili sviluppi futuri di questo progetto ALLARME AMBIENTE Agrinsieme lancia ancora una volta l allarme sull invasione delle nutrie Il fenomeno non è ancora stato arginato: agricoltori in difficoltà REGGIO - Agrinsieme, lancia ancora una volta l allarme sull invasione delle nutrie nelle campagne reggiane. Il coordinamento provinciale di Cia, Confagricoltura e Alleanza delle cooperative italiane (Agci, Confcooperative, Legacoop) chiede che si prendano provvedimenti efficaci e rapidi per mettere sotto controllo la diffusione di questi roditori, diventati un vero flagello per l agricoltura e gli argini dei canali. La zona della provincia con la maggiore incidenza di danni, per centinaia di migliaia di euro, è la bassa Reggiana, nelle terre della bonifica dove è presente una capillare rete di canali. La legge 116 dell agosto scorso, classificando la nutria come animale nocivo e non più selvatico, sì è rivelata una sciagura per gli agricoltori. Con la nuova classificazione le Province non sono più deputate a realizzare i piani di controllo e di fatto si è bloccata l attività di contrasto. Al danno segue la beffa: dopo la modifica legislativa i danni agli agricoltori non sono più rimborsabili. Agrinsieme e Copagri hanno incontrato il Prefetto, dott. Raffaele Ruberto, per rimarcare al rappresentante del governo la preoccupazione e il forte stato di tensione degli agricoltori per un fenomeno diventato ormai insopportabile. Il Prefetto ha informato della fitta corrispondenza intervenuta sull argomento nei mesi scorsi tra la stessa Prefettura, la Regione e il Ministero dell Interno, secondo il quale le ordinanze dei sindaci non sono giuridicamente ammesse per affrontare un problema come questo, in quanto non emergente e transitorio. Il Prefetto di Reggio Emilia ha promesso il suo impegno per promuovere piani di contenimento sovracomunali, d intesa con la Regione e le Unioni dei Comuni. Agrinsieme, se da un lato registra l impegno del Prefetto, denuncia come purtroppo si stia allontanando la soluzione di un problema che si è fatto sempre più grave in questi mesi e che rappresenta una grave minaccia non solo per il reddito degli agricoltori ma soprattutto per la sicurezza pubblica. La nutria, insieme ad altri selvatici, costituisce una grave minaccia per le arginature di fiumi e canali, come hanno tragicamente dimostrato gli eventi di Modena del gennaio 2014, dove il cedimento dell argine del fiume Secchia provocò l inondazione di vaste aree nei comuni di Bastiglia, Bomporto, San Prospero, Camposanto, Finale Emilia, Medolla e San Felice sul Panaro, oltre ad alcune frazioni di Modena. Il volume d acqua fuoriuscito fu allora stimato tra i 36 e i 38 milioni di metri cubi, con un colmo dell onda di piena superiore ai 400 metri cubi al secondo. Un uomo perse la vita mentre prestava i primi soccorsi e gravissimi furono i danni ad abitazioni, imprese e opere pubbliche. Nel 2014 sul territorio provinciale sono state abbattute circa nutrie, a fronte di una media degli anni precedenti che si aggirava intorno ai animali. Si può quindi stimare un incremento rispetto al passato di nutrie femmina. Calcolando 8 cuccioli per gestazione e 2,5 gestazioni all anno, anche sottostimando la capacità produttiva di questi animali è facile calcolare un incremento nel primo anno di non controllo di circa capi. CASTELLARANO - Sabato 21 marzo sono stati consegnati e inaugurati i nuovi orti urbani comunali. Tutti gli assegnatari si sono ritrovati nella sala del Consiglio comunale dove gli assessori Giorgio Zanni (ambiente) e Massimo Bagni (politiche sociali) hanno illustrato il funzionamento, la gestione e i possibili sviluppi futuri di questo progetto. Un progetto nato con l intento di rivolgersi non solo alla popolazione più anziana ma a tutte le fasce d eta, consentendo l inserimento dei giovani e privilegiando gli inoccupati tramite un apposita graduatoria dedicata. Obiettivo raggiunto considerando l eterogeneità dei partecipanti a questa prima assemblea. Terminato l incontro, il folto gruppo - più di una cinquantina di persone presenti - ha raggiunto a piedi i propri appezzamenti di terreno. Il taglio del nastro, oltre alla consegna di sacchetti di compost per concimare il terreno e di alcune buste di sementi donate dall Ente comunale, ha dato ufficialmente il via a questo importante progetto messo in campo dall Amministrazione di Castellarano Ċosì l assessore Giorgio Zanni, tra i dirigenti più attivi di Castellarano: Con l ultimazione dei lavori e la consegna ai cittadini richiedenti è stato raggiunto un primo ed importante traguardo, di cui siamo orgogliosi il giovane dirigente ha poi aggiunto: E però solo l inizio di un percorso che vedrà gli orti strutturarsi sempre più, grazie al lavoro svolto dai cittadini sui propri appezzamenti ed alla collaborazione dell Amministrazione, con il fine ultimo di pro- porsi quale punto di aggregazione e socializzazione tra persone e generazioni che lavorano quotidianamente fianco a fianco Giorgio Zanni ha poi concluso dicendo: Per favorire la sinergia tra l Ente comunale e gli assegnatari abbiamo già proposto l idea di costituire l associazione di gestione degli orti che sarà punto di riferimento per tutti che raccoglierà problemi e proposte riscontrati nella gestione quotidiana. L intento è quindi di creare una rappresentanza che possa dialogare costantemente con l Amministrazione comunale e condividere le future azioni e gli ulteriori sviluppi degli orti comunali Photo Al centro tutti i cittadini coinvolti nel progetto. In alto la visita agli appezzamenti comunali asseganti. Sotto la riunione con gli assessori IN AGENDA A partire da lunedì 13 aprile, fino a venerdì 29 maggio, torna nel Parco dei Popoli l iniziativa gratuita Castellarano in cammino. Si tratta di semplici camminate, organizzate dall Asl Distretto di Scandiano in collaborazione con l Amministrazione comunale, intervallate da facili esercizi effettuati per il miglioramento dell equilibrio e il mantenimento dell elasticità e del tono muscolare, al seguito di un istruttore della Federazione Italiana di Atletica Leggera. Il ritrovo è, come da tradizione, alle 15.30, il lunedì e venerdì, davanti alla Casa Aperta del Parco dei Popoli. Le camminate gratuite avranno la durata di un ora e si svolgeranno solo in caso di bel tempo.

18 16 SABATO 18 APRILE 2015 LA PAGINA BIANCA Reggio ha ancora troppe barriere FOCUS BIANCO Disabili ad Expo col servizio Info disabilità Expofacile Lo dice il giovane Giuseppe Ragusa, colpito dopo poche settimane di vita dalla spina bifida: Sono un ottimista e mi sento come altri, l unica differenza è che vado in carrozzella, ma non capisco perchè io non abbia il diritto di prendere un tram come tutti. Il mio sogno? Fidanzarmi e tornare in Puglia A destra, Giuseppe Ragusa, 22 anni, studente della Filippo Re, assieme a Vincenzo Tota Il logo di Expo 2015 Nutrire il Pianeta PER tutta la durata della manifestazione Expo 2015, all interno del sito espositivo sarà presente il servizio Info disabilità Expofacile : punto informativo di Regione Lombardia dedicato ai visitatori con disabilità e con esigenze specifiche. Il servizio sarà presidiato da operatori specializzati delle principali associazioni lombarde della disabilità. Offrirà indicazioni sull accessibilità di Expo e sui servizi in esso rivolti alle persone con disabilità. L infopoint fornirà inoltre informazioni sull accessibilità turistica di Milano (strutture ricettive, luoghi di interesse culturale, mobilità, itinerari turistici ecc) e del territorio lombardo. Info Disabilità Expofacile sarà a disposizione dei visitatori negli orari di apertura della manifestazione e sarà ospitato presso Cascina Triulza - Padiglione della Società Civile E stata mappata l accessibilità dei mezzi di trasporto ed in generale la mobilità in Lombardia. Sono in fase di mappatura il polo espositivo, numerosi alberghi e ristoranti di Milano e hinterland ed i principali siti di interesse storico, culturale e artistico della città, nonchè altri servizi utili fra cui quelli di prima emergenza. Nove itinerari turistico-culturali sono stati individuati per dare la possibilità di apprezzare la città anche ai turisti con disabilità. Dal 1 agosto la Regione Emilia Romagna avrà un proprio padiglione, all interno sarà presente anche la Fand Federazione delle associazioni Nazionali con Disabilità. Informazioni presso la sede di Reggio Emilia cell VINCENZO TOTA Giuseppe Ragusa, 22 anni, studente della Filippo Re, quest anno alla maturità con specializzazione in Economia aziendale, è nato a Martina Franca, in provincia di Taranto, da padre pugliese e madre campana, di Eboli «...dove si è fermato Cristo», sottolinea prontamente Giuseppe. Il padre è operaio e la madre casalinga e Giuseppe commenta: Ha troppo da lavorare per tenermi a bada». Giuseppe, che ha anche una sorella maggiore, è disabile dalla nascita quando gli anno diagnosticato la spina bifida. Oggi deambula con l ausilio di una carrozzina elettrica. La spina bifida è un difetto genetico della colonna dovuto dalla mancata saldatura degli archi vertebrali ed è la più comune delle malformazioni. La forma più frequente e anche più grave è il mielomeningocele, che è visibile fin dalla nascita. I sintomi provocano debolezza muscolare estrema oltre a forme di paralisi e deformità a livello di piedi, bacino, ginocchia, con conseguente difficoltà di deambulazione. A pochi mesi dalla nascita la diagnosi è impietosa e i genitori decidono di affidarsi al professor Adriano Ferrari, direttore dell unità di riabilitazione delle gravi disabilità infantili dell età evolutiva di Reggio, un ente di eccellenza nel settore della disabilità a livello europeo che opera da 20 anni e da cui arrivano bambini da tutta Italia. L accesso all unità operativa è limitato alle disabilità motorie dell infanzia con particolare riferimento a quelle dipendenti da paralisi cerebrale infantile e da altre encefalopatie fisse o evolutive, da malattie neuromuscolari (distrofie, atrofie, miopatie, ecc.), da lesioni spinali (mielomeningocele, paraplegie, ecc.) e da gravi malformazioni congenite dell apparato locomotore. All unità operativa vengono curati i bambini da 0 a 14 anni, ad eccezione delle malattie neuromuscolari per le quali non ci sono limiti. Oggi Giuseppe è maggiorenne e viene seguito dal Centro di Riabilitazione per adulti diretto dalla dottoressa Fiocchi. «Quando, da piccolo, sono arrivato a Reggio mi ha preso in cura il professor Ferrari che mi ha condotto in un lungo percorso riabilitativo con vari interventi a diverse parti del corpo. Di lui ho un magnifico ricordo e gli sono grato per ciò che ha fatto per me. Di interventi chirurgici, comunque, ne ho dovuto subire diversi: uno a Bari,uno a Reggio Emilia e gli altri a Parma. L ultimo alla vescica a Vicenza». Giuseppe, con quale spirito affronti la tua vita? «Sono sempre ottimista, nonostante i tempi non aiutino e ho un rapporto eccellente con entrambi i miei genitori, con mi madre in particolar modo, anche perché con lei ho trascorso molte notti in ospedale e soprattutto con lei ho condiviso gioie e dolori. Malgrado il rapporto, con loro non parlo di donne anche se sanno che mi piacciono tanto». Fai la quinta e hai 22 anni: i conti non tornano... «Ho perso un anno perché ho dovuto fare degli interventi chirurgici alla colonna vertebrale, mentre un altro è andato male per problemi con un insegnante. Io, comunque, non avevo voglia di studiare: ora è tutto superato. Non vedo l ora che arrivino gli esami di giugno per arrivare al diploma e concludere la mia vita scolastica dopo 7 anni». Cosa c è nel tuo futuro? «Ho molti progetti: il primo è quello di avere una ragazza fissa, di vivere ogni giorno con lei. Io saprei come amare una donna. Attualmente mi sto frequentando con una persona. Vedremo come andrà». E il secondo progetto qual è? «Sono un grande sognatore, ma so anche rimanere coi piedi per terra, infatti ciò che mi preoccupa maggiormente è il lavoro. Appena diplomato, sarà importante collocarmi da qualche parte per avere una mia autonomia, prendere la patente, comprare un auto, ma soprattutto sentirmi utile e produttivo per la società e creare tanti rapporti umani. Insomma, ho voglia di cominciare a sentirmi adulto. Giuseppe, ti sei mai sentito emarginato a causa della tua disabilità? «Alcune volte si, in particolare alle scuole medie; ricordo che organizzarono una gita senza pensare al sottoscritto e ci rimasi male; purtroppo la cosa si è ripetuta anche alla Filippo Re, quando venne fatta una gita a Torino senza valutare che alla stessa avrei partecipato volentieri anch io. Il fatto di camminare in carrozzina o senza non mi fa sentire diverso dagli altri. La tua carrozzina sembra una moto... come ci si convive? «Vado su queste quattro ruote fin da bambino quindi sono autonomo e ci sono abituato. La carrozzina, con la prescrizione medica me l ha passata l Usl, ma ho dovuto pagare tutte le integrazioni e le modifiche. Direi che sia stato fatto un ottimo lavoro, anche perché con questa carrozzina posso muovermi senza stancarmi eccessivamente. Purtroppo non riesco a salire sui bus, il più delle volte manca la pedana e quando c è non funziona. Ho fatto spesso discussioni con gli autisti, ma nessuno mi sa spiegare perché io non possa prendere il tram come gli altri». Fai qualche attivitià sportiva? «Sì, gioco a carrbasket nella palestra di Sesso con gli amici dell Asdre, anche se ho dovuto sospendere a causa dell ultimo intervento. Il prossimo settembre torno in pista. Nel frattempo ho fatto tiro con l arco e ho provato a giocare a tennis tavolo. Per noi disabili l attività fisica è molto importante sia per consentire di vivere con una parte della quotidianità in mezzo agli altri, sia per conservare, e se possibile migliorare le condizioni di salute. Mi piace molto il calcio: sono un tifoso della Juve e sono andato al Mapei Stadium per vedere il Sassuolo con la Juve, la Roma e il Trofeo Tim. Ho visto la Juve anche al Tardini di Parma». Altri disabili dicono che allo stadio di Reggio Emilia non si vedono bene le partite: cosa ne pensi? «Ci sono due posti riservati a noi disabili; in quello di destra non si vede nulla perch ci sono davanti le panchine; in quello di sinistra ci sono le righiere, quindi la visuale è limitata. Hanno perfettamente ragione». Giuseppe, hai molti amici? «Con alcuni il rapporto è buono, con altri i contatti sono solo occasionali: esco con i ragazzi del Sap, coi quali spesso andiamo fuori a mangiarci una pizza e a dire due stupidate». Che rapporto hai con tua sorella? «Alti e bassi, alcune volte ci prendiamo male, ma è normale che sia così». Cosa significa per te essere un disabile? «Per me la parola disabilità non ha nessun significato, anche se sono così sono una persona uguale alle altre; non c è nessuna differenza. E vero, in carrozzina non posso andare dove vorrei, per i trasporti è una tragedia e ci sono costi piuttosto alti da sostenere, ma non posso farci nulla. Da quest anno, infatti, vado a scuola da solo». Vuoi lanciare un messaggio ai nostri amministratori? «Migliorate la città: ci sono ancora troppe barriere architettoniche, zone della città dove i disabili non possono andare, a cominciare da Piazza Prampolini, poi la via Emilia verso Parma, la stazione vecchia e molto altro ancora». Hai un sogno nel cassetto? Fidanzarmi. In estate torni un po in Puglia al mare? «Vorrei fare come Alfonso Spagnolo (un ragazzo disabile calabrese ndr) che dopo molti anni ha lasciato Reggio Emilia ed è tornato nel suo paese di origine, ma non posso. Vorrei tornare a Martina Franca. Non ne ho parlato con i miei genitori, ma penso che sarebbero contenti anche loro di tornare a casa». IL LAVORO PER I DISABILI Quanto sostiene Giuseppe è la dimostrazione evidente di ciò che rappresenta il lavoro per le persone disabili ed è per questo che per loro deve esserci una corsia privilegiata. Abbiamo visto che sanzionare i datori di lavori che non assumono disabili oppure dare agli imprenditori un contributo (vedi esenzione dei contributi) non risolve il problema. La legge 68 che dovrebbe favorire l ingresso dei disabili nel mondo lavorativo non è sufficiente a migliorare la situazione.

19 SABATO 18 APRILE ICALCIO - LEGA PROI A PAG. 19 Beppe Alessi festeggia i 38 anni: Il mio regalo? La Regia in B. Domani la gara col Savona: Con le piccole abbiamo sempre fallito. Dobbiamo dimostrare di essere pronti per il salto di categoria IATLETICA REGGIOI ISPECIALE PRIMA CATEGORIAI Risultato positivo per la società del guru Riccardo Aicardi: tante le medaglie raccolte alle finali regionali Parla Stefano Ramenzoni, dirgente della Piccardo&Savorè, club ducale promosso in Promozione A PAGINA 29 A PAGINA 25

20 18 SABATO 18 APRILE 2015 BASKET Arbor, oltre mezzo secolo di basket e passione Il presidente Corrado Borelli: La Federazione, per aiutarci, dovrebbe abbassare i costi, ma non lo fa. Il 10 maggio un torneo di pallacanestro e volley per ricordare Carla Severi e Rudy Ligabue G.S. ARBOR BASKET Presidente: dottor Corrado Borelli Vice presidente e Responsabile del settore giovanile: Marco Cagossi Direttore sportivo: Michele Montanari Segreteria: Annamaria Cingi e Stefano Negri Accompagnatore Serie C e informatico: Andrea Rabitti Medici sociali: Corrado Borelli e Gianni Bartoli Segreteria amministrativa: Emanuela Cigni Consigliere: Davide Bellezza Allenatore prima squadra: Alberto Baroni, coadiuvato da Alberto Vacondio e Marco Bigliardi Allenatore Under 19 regionale: Matteo Bellei Allenatore Under 17 regionale: Marco Cagossi Alleantore Under 15 regionale: Giammaria Tagliavini Allenatore Minibasket: Giammaria Tagliavini LORENZO CHIERICI E UNA delle società storiche di Reggio, sorta nel 1952, che da un paio d anni ha diviso le società di basket e pallavolo, rafforzando le rispettive realtà, due gruppi sportivi che però continuano a collaborare in occasione di importanti eventi. Siamo sempre state due realtà divise - spiega Corrado Borelli, presidente dell Arbor basket - anche se abbiamo sempre lavorato assieme. Oggi le forze si sono dovute raddoppiare: eravamo in pochi e diventa dura gestire tutto. Grazie a questa divisione siamo quindi riusciti a raccogliere più persone da una parte e più dall altra. Assieme, però organizziamo eventi e progetti sempre col medesimo spirito, senza l idea di crare dei fenomeni, ma con l obiettivo di far giocare tutti e di tenere uniti i gruppi di ragazzi». A breve avrete il Memorial Carla Severi e Rudy Ligabue, precisamente il prossimo 10 maggio. Ci parli dell evento e dei due dirigenti scomparsi che ricordate con tanto affetto? «Sono due figure storiche della storia dell Arbor: Carla e Rodolfo erano marito e moglie e hanno dedicato tutta la loro vita alla società, soprattutto alla crescita dei più giovani. Abbiamo pensato di organizzare questo torneo con bimbi e bimbe fino a 13 anni, sia di pallavolo che di basket, in collaborazione quindi con l Arbor Volley, proprio per tenere sempre vivo il loro ricordo. Il prossimo domenica 10 maggio, quindi, li ringrazieremo per quanto hanno fatto per noi facendo giocare i ragazzi in due palestre: la pallacanestro alla Rinaldini di via Kennedy e al pallavolo all Amedeo d Aosta di via Cecati». Parliamo di basket: quante squadre avete a livello di settore giovanile? «Copriamo tutte le cateorie, dal minibasket fino all Under 19, per totale di circa 200 atleti. La prima squadra, che gioca in Serie C regionale ha come sede la palestra nuova di Rivalta, il settore giovanile, invece, gioca in prevalenza alla palestra Guidetti Ex Gil di via Verdi sul lungo Crostolo». Lei è presidente dell Arbor Basket da cinque anni, qual è il bilancio della sua attività? «Mi sono trovato presidente da quando Rodolfo Ligabue si è ammalato. Ho ereditato una società con molto spirito e con tanta voglia di fare. Di problemi con le persone non ce ne sono mai stati e ho cercato di portare avanti lo spirito della società, che è quello di far crescere dei giovani trasmettendo loro un etica morale molto importante. Tutto ciò è stato possibile grazie anche a lavoro di mia moglie Annamaria che segue con grande passione le squadre giovanili, dandomi un grosso aiuto». Lei e Annamaria, praticamente, avete sostituito Carla Severi e Rudy Ligabue... «Praticamente sì. Anche noi siamo una coppia, siamo entrambi in pensione e siamo sempre stati appassionati di basket, quindi ci dedichiamo con grande passione alla crescita dei ragazzi e delle società». Neppure la crisi economica vi ha creato problemi? «Quella ha colpito tutti, ma la Federazione non ci sta assolutamente aiutando: ogni anno le spese aumentano e gli introiti pubblicitari calano e non sentiamo la Federazione vicina a questi nostri problemi, se non nel permettere alle squadre di fascia alta di disputare le categorie che vogliono, con dispendi di spese imporanti. Oggi, con sempre meno soldi, diventa difficile portare avanti un attività di un certo tipo e diventa sempre più dura reperire nuovi imprenditori appassionati. L altro aspetto negativo è l assenza di volontari, mentre una volta non era così e anche per questo che le società vanno in crisi». Come potrebbe intervenire la Federazione? «Semplicemente abbassando i parametri, almeno per un po di tempo, cosa che ha leggermente fatto l anno scorso, senza però In alto, la prima squadra che sta lottando per salvarsi in C Regionale, al centro l Under 18 e qui a sinistra l Under 13 aumentare i costi di tesseramenti, giudici di campo e via dicendo. Noi spendiamo troppi soldi per far giocare le squadre, per avere gli stessi servizi di prima quando ne spendevamo meno e dall altra parte della barricata non sentiamo mai la frase Ok, per un anno proviamo per un anno a ridurre». Fra i vostri giovani atleti ce n è qualcuno in rampa di lancio? «Ne avevamo un paio davvero bravi, Davoli, che ha praticamente smesso, e Costantino, che è andato a giocare in Promozione. Erano cresciuti nel nostro vivaio, ma non sono rimasti. Oggi i ragazzi fanno fatica a fare sacrifici: io ho 67 anni e gioco ancora con gli amici perché sono innamorato di questo sport, mentre loro, quando vengono a giocare, sembra che ti facciano un piacere». In campionato, infatti, qualche difficoltà l avete... «La prima squadra sta andando male: ha un rendimento altalenante e le prestazioni fornite non ripagano l impegno della società e dell allenatore. Faremo quindi senz altro i play out e cercheremo di salvarci, per poi archiviare questa stagione». Voi, però, fate anche del sociale avendo una squadra disabili. Vero? «E vero, abbiamo una squadra di disabili neurologici alla quale teniamo tantissimo e che chiamamo Overlimits. In quel gruppo ci sono diversi volontari che allenano e quest anno vorrebbero fare un campionato del Centro Sportivo. Vedremo se sarà possibile. Per ora hanno fatto solo allenamento in palestra e un torneo di Natale. Questo gruppo di atleti è formato da ragazzi fantastici che ci stanno dando grandissime soddisfazioni». Chiudiamo cobn un sogno nel castto? «Continuare così a far crescere i ragazzi, almeno nella voglia di giocare per i prossimi 20 anni». SERIE A La Grissin Bon giocherà domani alle 18,15 a Pistoia Reggio non teme più nessuno, ma alziamo il livello arbitrale! CLASSIFICA PT. V P 1. EA7 EMPORIO ARMANI MI GRISSIN BON RE UMANA REYER VE BANCO DI SARDEGNA SS DOLOMITI ENERGIA TN ENEL BR VANOLI CR GRANAROLO BO (-2 P.) GIORGIO TESI GROUP PT ACEA ROMA ACQUA VITASNELLA CANTÙ SIDIGAS AV UPEA CAPO D'ORLANDO OPENJOBMETIS VA CONSULTINVEST PS PASTA REGGIA CE (-1 P.) PIERPAOLO ZUCCHETTI NOI ci siamo! La Grissin Bon c è e vuole dire la sua in questa ultima parte di stagione regolare. Dopo avere asfaltato anche Sassari, ecco che i biancorossi hanno davvero in mano la possibilità di chiudere al secondo posto, subito dietro a Milano. Sarebbe un risultato storico per la società reggiana, che sta dimostrando a tutto il circuito che si può fare basket anche con giocatori italiani e che una compagine societaria seria e professionale può regalare risultati impensabili solo qualche anno fa. Patron Stefano Landi può ritenersi soddisfatto di come stanno lavorando i suo uomini e di una società che gira come un orologio sotto la guida attenta del reggiano Alessandro Dalla Salda. Ora è il momento di stringere i denti e di affrontare l insidiosa trasferta di Pistoia con grande concentrazione. Considerando il fatto che nel prossimo poker di partite, Venezia dovrà andare a Sassari, la Grissin Bon non può permettersi di sbagliare ora. Due partite fuori e due in casa da affrontare con l obiettivo di arrivare secondi per poter sfruttare la forza del Pala- Bigi e dei sui fantastici tifosi ai playoff, a cui la compagine biancorossa parteciperà per il terzo anno consecutivo. Ci attendono ancora tante belle partite di basket, ma ci aspettiamo un doveroso salto di qualità nella classe arbitrale, che anche domenica, ha messo in campo una prestazione, a nostro parere, non al livello di queste squadre e degli sforzi immani che stanno facendo le società per rendere il nostro basket più interessante, bello e spettacolare. C è bisogno di una visione lungimirante, c è bisogno di più attenzione, c è bisogno di un vero e proprio salto di qualità, che ci auguriamo anche in Italia si possa fare. Detto questo, veniamo allo stato di forma della nostra squadra: la gran parte degli atleti sta recuperando progressivamente la condizione e probabilmente potremo rivedere presto al 100% tanti nostri eroi. Positive le prestazioni di Silins e Cinciarini, dai quali ci aspettiamo grandi cose, ma anche Lavrinovic recupera velocemente. Bene anche Chikoko, che piano piano sta entrando negli schemi di Menetti. Ai play off non basterà l immenso Kaukenas per vincere, ma ci si aspetta il ritorno della cooperativa del canestro, capace di trafiggere anche squadre del calibro di Milano. Fa piacere vedere che la difesa funziona, ma aspettiamo anche che si asciughino le polveri e che si tornino registrare le percentuali di tiro che ci aspettiamo da Diener e compagni. Class. aggiornata a mercoledì 15/04 Achille Polonara in azione Il match con Sassari è stato l Emak day. Emak, uno dei principali produttori europei di macchine, componenti e accessori per il giardinaggio, l agricoltura, l attività forestale e l industria, entrato quest anno tra i cosponsor della Pallacanestro Reggiana dopo 3 anni di presenza nel Basket Pool, ha celebrato l evento con una serie di iniziative interessanti.il pubblico ha potuto ammirare dal vivo alcuni dei prodotti dell azienda di Bagnolo in Piano e sono stati ospiti d onore alla partita i Da Move, leader del Freestyle Sports Entertainment europeo. Proseguono le iscrizioni al Basket Camp organizzati dalla Pallacanestro Reggiana. Sono ancora aperte le iscrizioni ai camp estivi organizzati dal club biancorosso e dalla Scuola Basket Reggio Emilia che si svolgeranno dal 7 al 27 giugno 2015 a Castelnovo Ne Monti, da anni meta del raduno estivo degli atleti della Grissin Bon, e dal 28 giugno al 4 luglio a Cervia. Sono già tantissime le iscrizioni ricevute dal club; restano comunque a disposizione posti per tutti e quattro i periodi in programma. Pallacanestro Reggiana inoltre ricorda che è possibile partecipare nelle prime due settimane anche con la formula del Day Camp: i giovani partecipanti avranno la possibilità di trascorrere la giornata facendo le attività in programma mentre alla sera torneranno a casa con la propria famiglia.

COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF

COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF COME ARRIVARE AD EXPO E COME RAGGIUNGERE IL PADIGLIONE WAA CONAF http://www.expo2015.org/it/esplora/sito-espositivo/come-raggiungere-il-sito-espositivo Di seguito trovate le istruzioni per raggiungere

Dettagli

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015 EXPO Milano 2015 EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 è un Esposizione Universale con caratteristiche inedite e innovative. Non solo una rassegna espositiva, ma anche un evento che intende coinvolgere attivamente

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ESSEREMILIANO IL TERRITORIO REGGIANO PROTAGONISTA PRIMA, DURANTE E DOPO EXPO 2015

ESSEREMILIANO IL TERRITORIO REGGIANO PROTAGONISTA PRIMA, DURANTE E DOPO EXPO 2015 ESSEREMILIANO IL TERRITORIO REGGIANO PROTAGONISTA PRIMA, DURANTE E DOPO EXPO 2015 EXPO 2015 E IL TERRITORIO DI REGGIO EMILIA Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 l Esposizione Universale di Milano, incentrata

Dettagli

DOVE IL CIBO VIENE CONDIVISO, CELEBRATO, GODUTO, ASSAPORATO, NEL LUOGO STESSO IN CUI E NATO.

DOVE IL CIBO VIENE CONDIVISO, CELEBRATO, GODUTO, ASSAPORATO, NEL LUOGO STESSO IN CUI E NATO. DOVE IL CIBO VIENE CONDIVISO, CELEBRATO, GODUTO, ASSAPORATO, NEL LUOGO STESSO IN CUI E NATO. Dalla condivisione intellettuale e fattiva di operatori economici, istituzioni e privati, nasce Gola Gola Food

Dettagli

inprogress 8.9.10.11 NOVEMBRE 2015 STAZIONE LEOPOLDA FIRENZE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi L ECCELLENZA DI TOSCANA MIXOLOGY

inprogress 8.9.10.11 NOVEMBRE 2015 STAZIONE LEOPOLDA FIRENZE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi L ECCELLENZA DI TOSCANA MIXOLOGY L ECCELLENZA DI TOSCANA 15 EDIZIONE DEGUSTAZIONE DELLE ECCELLENZE VITIVINICOLE TOSCANE CUOCO 3.0 Visioni - Valori - Vantaggi 28 CONGRESSO NAZIONALE FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI MIXOLOGY Cocktail in the

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi ALESSANDRO ROSSO GROUP ALESSANDRO ROSSO GROUP Alessandro Rosso Group nasce nel 2002 da un gruppo di professionisti con oltre trent anni

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

Soroptimist International d Italia

Soroptimist International d Italia Soroptimist International d Italia Milano, 29 ottobre 2013 www.expo2015.org L EXPO NELLA VISIONE MODERNA Un Evento che si celebra dal 1851 Londra, 1851 Parigi, 1889 Hannover 2000 Umanità, Natura, Tecnologia

Dettagli

Al lavoro: 2.800 operai (3.500 a Gennaio) 40 gru 80 escavatori 200 camion Avanzamento lavori: Piastra: 80% Interferenze: 90%

Al lavoro: 2.800 operai (3.500 a Gennaio) 40 gru 80 escavatori 200 camion Avanzamento lavori: Piastra: 80% Interferenze: 90% Ce la faremo? Al lavoro: 2.800 operai (3.500 a Gennaio) 40 gru 80 escavatori 200 camion Avanzamento lavori: Piastra: 80% Interferenze: 90% Quanto costa Expo? Piano investimento Piano investimento pubblico

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 3 Cosa è una Esposizione Universale Da oltre 100 anni, le Esposizioni Universali hanno un posto d eccellenza nell'educazione dei cittadini, del mondo e nel

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Relazione Expo 2015 Andrea Offi

Relazione Expo 2015 Andrea Offi Relazione Expo 2015 Andrea Offi L esperienza expo è iniziata il giorno 12/05/2015 quando ci siamo ritrovati presso la stazione di Napoli centrale pronti per partire verso Milano. Per me era la prima volta

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano

Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Innovare nell agroalimentare Il Parco Tecnologico Padano Viviamo in un mondo globalizzato, e questa è una informazione acquisita, ma vi è ancora poca consapevolezza su ciò che in realtà globalizzazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

IRPINIANEWS 22 GIUGNO Expo 2015 Le ricette della tradizione Irpina in scena a Milano di Redazione online 22 giugno 2015 Preservare e rilanciare la memoria del territorio irpino attraverso la salvaguardia

Dettagli

«Expo in Città» Confcommercio Milano per Expo Milano 2015. (in fase di definizione) Visual: urbanfile.org

«Expo in Città» Confcommercio Milano per Expo Milano 2015. (in fase di definizione) Visual: urbanfile.org «Expo in Città» Confcommercio Milano per Expo Milano 2015 (in fase di definizione) Visual: urbanfile.org Expo 2015 in breve Parigi, 31 marzo 2008: Milano si aggiudica Expo 2015 Tema: Nutrire il Pianeta,

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo

Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo Napoli, Leguminosa 2016: i legumi al centro del mondo Napoli si prepara ad accogliere, per i giorni del 4, 5 e 6 marzo, la seconda edizione di Leguminosa 2016, l evento che celebra i legumi, nell anno

Dettagli

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY:

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: SCUOLA DI COMUNICAZIONE Proposta di MASTER di Primo livello in MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: Promozione enogastronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio A.A.2014-15 Premessa

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA PER EXPO 2015. Consulta dei Liberi Professionisti 18 maggio 2015 Camera di commercio di Monza e Brianza

CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA PER EXPO 2015. Consulta dei Liberi Professionisti 18 maggio 2015 Camera di commercio di Monza e Brianza CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA PER EXPO 2015 Consulta dei Liberi Professionisti 18 maggio 2015 Camera di commercio di Monza e Brianza La Camera di commercio di Monza e Brianza per Expo 2015 OBIETTIVO

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA?

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND è un nuovo polo multiespositivo, che nasce in stretta correlazione con Padiglione Italia Expo2015,

Dettagli

Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio.

Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio. MAGGIO 2016 47 GIOVANI COINVOLTI DAL 2013 3 PROGETTI VIAGGI NEL SERVIZIO CIVILE COMUNE DI RIETI Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio.

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

Invest in Lombardy Investimenti esteri, da dove ripartire?

Invest in Lombardy Investimenti esteri, da dove ripartire? EXPO MILANO 2015 Invest in Lombardy Investimenti esteri, da dove ripartire? Palazzo Turati Sala Conferenze Milano, 22 luglio 2013 www.expo2015.org Le sfide ambiziose di Expo Milano 2015 Un Tema globale:

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA EXPO 2015 MILANO

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA EXPO 2015 MILANO NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA EXPO 2015 MILANO Tema dell Expo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. L alimentazione è l energia vitale del Pianeta necessaria per uno sviluppo sostenibile basato

Dettagli

Si scrive Unadieta.It ma si legge uno stile di vita italiano. Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food

Si scrive Unadieta.It ma si legge uno stile di vita italiano. Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food 1 Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food Crescere insieme lavorando in maniera coordinata e condivisa, per migliorare la qualità della vita nelle nostre città Regala alla tua azienda la giusta

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

www.expo2015.org www.facebook.com/ Expo2015Milano.it twitter.com/expo2015milano

www.expo2015.org www.facebook.com/ Expo2015Milano.it twitter.com/expo2015milano EXPO, IL SUCCESSO DEL PRIMO MESE www.expo2015.org Expo2015Milano.it twitter.com/expo2015milano Numeri e obiettivi raggiunti ad un mese dall apertura Aun mese dall apertura gli scetticismi e i timori si

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

#animaperexpo. Milano, 6 maggio 2015

#animaperexpo. Milano, 6 maggio 2015 #animaperexpo Milano, 6 maggio 2015 ANIMA e Expo Ecco cosa ti serve 1) Perché ANIMA crede in Expo2015 2) EXPO e Padiglione Italia - come orientarsi 3) ANIMA in Expo- Guida alla mostra Fab Food 4) ANIMA

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business.

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. La nostra storia. Ciao Pizza nasce nel 1996 dall idea di tre giovani imprenditori di creare un realtà stabile nel settore della piccola ristorazione. Non c

Dettagli

Expo Milano 2015 dal primo maggio al 31 ottobre 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015

Expo Milano 2015 dal primo maggio al 31 ottobre 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015 Come ampiamente riportato sui media italiani e mondiali, dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 si terrà a Milano l esposizione Universale Expo Milano 2015 Nutrire il pianeta / Energia per la vita. Expo Milano

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012 EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo Maggio 2012 Expo Milano 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Expo Milano 2015 è un evento globale, culturale, educativo e scientifico che riunisce a Milano Paesi,

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Manuale con suggerimenti pratici. A cura di Cristina Bertazzoni Franco Angeli, 19 euro

Manuale con suggerimenti pratici. A cura di Cristina Bertazzoni Franco Angeli, 19 euro GESTIRE UN NEGOZIO ALIMENTARE Manuale con suggerimenti pratici A cura di Cristina Bertazzoni Franco Angeli, 19 euro INDICE Prefazione p. 7 Introduzione p. 11 1. Riconoscere la qualità dei salumi di Fabio

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa»

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» Forlì, 16 gennaio 2015 1 L Esposizione Universale Expo Milano 2015

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO-

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- DIPARTIMENTO IMPRESA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- ECONOMIC GROWTH:

Dettagli

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014

Birra e bevande Pasta ripiena Importatori. Delicatessen. Salumi Spezie. Olio. Formaggi. Export. Aceto. Latte e derivati. Parma, 5-8 Maggio CIBUS 2014 Prodotti BiologiciFrozenfood Pane e sostituti Formaggi Pasta ripiena CioccolatoAcque minerali Conserve vegetali Export Pasta secca Formaggi Carni Delicatessen CIBUS 2014 Salumi Buyer Parma, 5-8 Maggio

Dettagli

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE?

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? Ti piacerebbe gestire la tua giornata lavorativa in LIBERTÀ e AUTONOMIA anche Part-Time o come Secondo Lavoro? Se vuoi dare una svolta definitiva alla tua vita

Dettagli

L Economia della Ristorazione il Menù della Ricchezza

L Economia della Ristorazione il Menù della Ricchezza L Economia della Ristorazione il Menù della Ricchezza dalla giornata del 9 aprile L Italia non è solo il Bel Paese, ma è anche il Buon Paese : siamo dei buongustai, ci piace la buona cucina e la buona

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Strettamente riservato e confidenziale Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Progetto FICO Illustrazione del Progetto 1 Introduzione Il fondo PAI Il fondo PAI, Parchi Agroalimentari Italiani, gestito da

Dettagli

Totale* 213. In casa 140

Totale* 213. In casa 140 Firenze, 11 aprile 2015 I CONSUMI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE (valori in Mld. di euro correnti anno 2014) Totale* 213 In casa 140 Fuori casa 73 * escluse bevande alcoliche Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

EXPO. L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera)

EXPO. L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera) EXPO L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera) Esiste da oltre 160 anni - Londra 1851 Milano 1906 (oltre 100 anni) Ogni Expo è dedicata, da sempre, ad

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI

FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI 1 FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI Che cos è VINO a Taste of ITALY? VINO a Taste of ITALY è il padiglione dedicato al panorama vitivinicolo italiano presente all

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013

Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 Good Food in Good Fashion Milano Moda Donna Settembre 2013 PREMESSA L Associazione Maestro Martino ha lo scopo di promuovere il territorio lombardo e le sue eccellenze attraverso la Cucina d Autore. L

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

IL PERCORSO DEL FARMACO DAGLI STUDI REGISTRATIVI ALL ACCESSO DEI PAZIENTI

IL PERCORSO DEL FARMACO DAGLI STUDI REGISTRATIVI ALL ACCESSO DEI PAZIENTI Promossa da SALA MARCO BIAGI IL PERCORSO DEL FARMACO DAGLI STUDI REGISTRATIVI ALL ACCESSO DEI PAZIENTI SABATO, 10 OTTOBRE 2015 ore 9.00-16.30 Patrocinio richiesto di Regione Lombardia Palazzo Lombardia

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

AUDIZIONE PRESSO LA COMMISSIONE AGRICOLTURA DEL SENATO SUL DDL DIETA MEDITERRANEA (AS 313 AS 926)

AUDIZIONE PRESSO LA COMMISSIONE AGRICOLTURA DEL SENATO SUL DDL DIETA MEDITERRANEA (AS 313 AS 926) AUDIZIONE PRESSO LA COMMISSIONE AGRICOLTURA DEL SENATO SUL DDL DIETA MEDITERRANEA (AS 313 AS 926) 9 Giugno 2015 Desidero in primo luogo ringraziare il presidente e la Commissione per aver benignamente

Dettagli

Cos è il Marketing del consiglio?

Cos è il Marketing del consiglio? Cos è il Marketing del consiglio? Il Marketing del consiglio è uno dei metodi di commercializzazione dei prodotti con la crescita più rapida e peggio compresi al giorno d oggi. Marketing significa semplicemente

Dettagli

SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ

SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ NAPOLI 3/5 Dicembre 2015 Mostra d Oltremare SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ media partner partner istituzionali L EXPO CONTINUA A NAPOLI: DAL 3 AL 5 DICEMBRE ALLA

Dettagli

VICINI A MILANO. DENTRO ALL EXPO.

VICINI A MILANO. DENTRO ALL EXPO. VICINI A MILANO. DENTRO ALL EXPO. EXPO 2015. L ITALIA C È. Expo 2015 è un evento educativo, scientifico e culturale di portata mondiale, dedicato al futuro del nostro pianeta. Expo 2015 è una realtà concreta

Dettagli

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma Intervento di Shelly Sandall Direttore Marketing & Corporate Partners Expo 2015 S.p.A. Expo Milano 2015 un Evento

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano

Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Centro Studi per lo Sviluppo rurale Milano, 04 dicembre 2013 Alessandra Corrado a.corrado@unical.it

Dettagli

G I U N T A P R O V I N C I A L E

G I U N T A P R O V I N C I A L E Estratto dal verbale della seduta del 26/04/2006 Delibera n. 154 del 26/04/2006 Oggetto: Prot. n 57128 Pagina 1 di 10 G I U N T A P R O V I N C I A L E Il 26 Aprile 2006 alle ore 09:30 si riunisce nella

Dettagli

POZZAR Agriturismo ed Aziende agricole BOSCO ISONZO e LA MEL Una famiglia unita, fra tradizione d innovazione

POZZAR Agriturismo ed Aziende agricole BOSCO ISONZO e LA MEL Una famiglia unita, fra tradizione d innovazione POZZAR Agriturismo ed Aziende agricole BOSCO ISONZO e LA MEL Una famiglia unita, fra tradizione d innovazione di Claudio Fabbro Attenti come sempre a cosa bolle in pentola in fatto di buon vino, ricette

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA L OBIETTIVO È CREARE UN POLO AGRICOLO, L OCCASIONE PER RIUNIRE I DIVERSI SETTORI DELL AGRICOLTURA E COLLEGARLI CON UN PUBBLICO ETEROGENEO, CREANDO

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli