D ORIENTARSI: ciclo di incontri per una funzione efficace

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D ORIENTARSI: ciclo di incontri per una funzione efficace"

Transcript

1 D ORIENTARSI: ciclo di incontri per una funzione efficace Mappa delle opportunità per prevenire l abbandono nei percorsi di istruzione e formazione Riccardo Barbero - Dirigente scolastico Materiale di lavoro ad uso percorso formativo D.Or. Obiettivi La finalità è conoscere le opportunità che esistono all interno della nostra provincia per contenere la dispersione scolastica e formativa: questa conoscenza è utile sia nel rapporto con gli allievi e le famiglie (per attuare l orientamento e il ri-orientamento), sia nel rapporto con le altre istituzioni scolastiche e formative (per realizzare i passaggi). La modalità di lavoro sarà di tipo cooperativo e procederà dall analisi di casi alla sistematizzazione delle informazioni. Analisi di casi-studio Caso 1 Ossama ha 14 anni, ma frequenta ancora la seconda media dopo essere stato bocciato 2 volte: una volta in prima e un altra in seconda media. La sua famiglia è arrivata dal Marocco quando lui era ancora in età prescolare: ha fatto la scuola elementare in Italia e perciò conosce bene l italiano. Non ama studiare e spesso si comporta in maniera aggressiva sia con i compagni, sia con gli insegnanti: dello studio rifiuta soprattutto la parte teorica pur dimostrando un intelligenza pronta. E più grande dei suoi compagni non solo per età e per fisico, ma anche per mentalità ed esperienza di vita. Nella stessa classe di Ossama c è, anzi ci dovrebbe essere, Kevin che è un ragazzo italiano di quasi 15 anni: vive in una comunità per minori alla quale è stato affidato dal Tribunale che lo ha allontanato dalla sua famiglia perché molto problematica. Kevin ha frequentato solo episodicamente e anche gli educatori della comunità non riescono a fargli accettare un rapporto normale con la scuola: quando Kevin si presenta in classe assume un atteggiamento provocatorio con gli insegnanti con l evidente intenzione di farsi allontanare. Ossama e Kevin hanno alcuni tratti in comune, ma anche evidenti differenze: all inizio dell anno scolastico la preside della scuola si chiede cosa si possa proporre a due ragazzi così. Caso 2 Samantha ha 14 anni e frequenta la terza media con poco profitto: non è mai stata bocciata perché gli insegnanti pur riscontrando notevoli carenze non hanno mai pensato che una ripetenza avrebbe potuto giovarle. La famiglia di Samantha è affettivamente presente, ma non è in grado di aiutarla nelle attività scolastiche e soprattutto non ha strumenti per stimolare in lei un interesse allo studio. Samantha ha una sorella più grande Sara che ha invano tentato di continuare dopo la terza media seguendo l indirizzo sociale di un istituto ex magistrale. E stata bocciata due volte e

2 ora, dopo aver compiuto i sedici anni, lavora in un impresa di pulizie: guadagna quanto basta per vestirsi e per divertirsi al fine settimana. Il consiglio di classe è orientato ad aiutare Samantha anche quest anno, in modo che possa superare l esame ed acquisire la licenza. Ma i genitori si chiedono cosa possa fare per completare l obbligo d istruzione. Caso 3 Roberto frequenta il primo anno di un istituto professionale per l industria: segue l indirizzo meccanico. Ha scelto questo indirizzo perché in scuola media ha dimostrato poco interesse per lo studio delle discipline linguistiche: era invece abbastanza bravo nel disegno tecnico. In matematica è andato bene fino a quando l insegnante ha introdotto i primi elementi di algebra: il calcolo letterale l ha spiazzato e nonostante l incoraggiamento dell insegnante ha registrato poche sufficienze anche in matematica e scienze. Ha concluso la scuola media con un giudizio sufficiente reale, ma basato più sulla sua buona volontà e sulla sua intelligenza pratica ed operativa piuttosto che sui risultati dello studio. Il consiglio di classe ha pensato che un istituto professionale per l industria potesse fare al caso suo e ha quindi sostenuto la sua scelta con un consiglio orientativo coerente. All inizio dell anno in prima superiore i risultati sembravano confermare le previsioni: Roberto dimostrava buona volontà e un discreto impegno. Poi sono iniziate ad arrivare le prime insufficienze di italiano, inglese ed anche di matematica. Roberto si è un po scoraggiato e soprattutto ha iniziato a manifestare la propria delusione per l indirizzo di studio scelto. Si aspettava di fare più ore di laboratorio pratico di meccanica e soprattutto di studiare anche nelle discipline di carattere generale (come italiano, matematica, inglese) quanto servisse per la sua preparazione professionale. Ora sia lui che il consiglio di classe sono rassegnati alla bocciatura perché sono troppe le insufficienze che ha accumulato in questa prima parte dell anno (italiano, inglese,matematica, fisica e diritto): Roberto ha già detto ai genitori che vorrebbe cambiare scuola anche se l insegnante di italiano, la coordinatrice del consiglio di classe, l ha consigliato di provare ancora un anno prima di abbandonare l istituto. Quali alternative alla bocciatura si possono prospettare? Caso 4 Christian sta frequentando la terza media con risultati molto modesti: non sembra aver acquisito un metodo di studio adeguato anche se dimostra buona volontà soprattutto in quelle discipline e in quelle attività dove la parte di studio teorico è più limitata. E un ragazzo educato e rispettoso: non ha mai dato problemi per quanto riguarda la disciplina. Si fa ben volere da tutti gli insegnanti. Alla responsabile per l orientamento ha confessato che il suo sogno è quello di diventare cuoco. Il consiglio di classe ha raccolto positivamente questo suo interesse e l ha indirizzato verso un istituto professionale alberghiero: Christian è andato con mamma e papà a visitarlo in un giorno di porte aperte. Ne sono tornati un po angosciati perché il preside dell istituto ha insistito molto sulla serietà della scuola e ha dichiarato con un certo orgoglio che circa la metà degli studenti del primo anno viene regolarmente bocciata. I genitori sono ora in dubbio se confermare la scelta oppure optare per qualche altro indirizzo meno selettivo; Christian capisce le preoccupazioni dei genitori, ma vorrebbe tentare lo stesso. Ci vorrebbe un qualche paracadute dice scherzando con l amaro in bocca alla responsabile dell orientamento per evitare di schiantarmi al suolo! Cosa deve cercare

3 di sapere a proposito dei corsi dell istituto alberghiero? Caso 5 Lajdon è appena arrivato dall Albania: è stato inserito in una comunità alloggio gestita dalla parrocchia. Ha compiuto 16 anni. Nel suo paese ha fatto studi equivalenti alla nostra scuola media. E qui senza permesso di soggiorno: vorrebbe trovare un lavoro e provare a restare in Italia. Molti suoi compaesani sono qui già da alcuni anni e sono ormai inseriti sia dal punto di vista sociale che economico. Lajdon è pieno di buona volontà e dimostra voglia di imparare: in poche settimane ha già appreso quanto gli basta per comunicare in italiano. Al suo paese faceva già dei lavoretti da elettricista: vorrebbe farsi un mestiere in questo campo. Si è rivolto alla scuola media del quartiere dove frequentano altri ragazzi più giovani di lui: lì però gli hanno detto che è troppo grande. E andato in un istituto professionale: ma gli hanno risposto che non possono iscriverlo senza la licenza media e gli hanno consigliato di rivolgersi ad un centro di formazione professionale. Lajdon è un po deluso: pensava di trovare facilmente la strada giusta per imparare rapidamente il mestiere e cercarsi un lavoro, ma adesso si trova in un vicolo cieco. Come ne può uscire? Caso 6 Allison è una ragazzina di 14 anni: sta facendo terza media. E molto seria e impegnata, ma i suoi risultati nelle discipline di base (italiano, matematica, lingue straniere) sono al limite della sufficienza. Fa sempre i compiti, rispetta le scadenze ed è molto rispettosa: per questo è tanto amata dai suoi insegnanti. Allison è figlia unica: mamma e papà sono fieri di lei e vorrebbero che raggiungesse il diploma di ragioneria. Gli insegnanti del consiglio di classe hanno opinioni diverse: alcuni pensano che la ragazza sgobbona com è possa farcela; altri come il professore di matematica sono scettici e sottolineano il rischio di un insuccesso che avrebbe conseguenze negative sul morale di Allison ed anche dei suoi genitori. L istituto tecnico vicino a casa di Allison è molto quotato e al tempo stesso attento a tutte le proposte di sperimentazione che vengono sostenute dagli enti locali (regione e provincia). Gli insegnanti del biennio sono impegnati in queste iniziative sperimentali e hanno costruito buoni rapporti di collaborazione anche con le agenzie formative che attivano propri corsi in ambito aziendale. L istituto promuove anche corsi di istruzione e formazione tecnica superiore in collaborazione con l università, alcune aziende del credito e un agenzia formativa specializzata in questo campo. Su richiesta del consiglio di classe il referente di scuola media per l orientamento chiede un incontro con l omologo dell istituto tecnico per affrontare il caso di Allison e di altri allievi in condizioni simili: quali prospettive esploreranno? Caso 7 Mattia sta terminando il terzo anno di un corso regionale presso un agenzia formativa. Dopo la terza media ha scelto questa strada per completare l obbligo d istruzione perché aveva paura che un percorso scolastico negli istituti superiori l avrebbe condotto ad un insuccesso come quello subito da suo fratello maggiore Carlo. Carlo aveva tentato l istituto tecnico industriale, ma dopo due anni e tanti debiti in diverse discipline aveva abbandonato per mettersi a lavorare nella boita dello zio che produce pezzi meccanici per la FIAT.

4 Mattia ha sempre avuto, invece, il pallino dell elettricista: nelle medie andava abbastanza bene eccetto che nelle lingue straniere e in italiano dove non riusciva ad oltrepassare una sufficienza stentata. Nel corso che sta facendo ha ottenuto ottimi risultati in campo professionale: anche nelle discipline di base si è dimostrato un buon studente, persino nello scrivere la relazione sullo stage si è scoperto più capace del previsto. Ora che si avvia a concludere brillantemente il suo percorso triennale, si domanda cosa fare. Ha solo 17 anni e teme che sul mercato del lavoro gli vengano offerti contratti da apprendista con mansioni poco qualificate: in famiglia lavorano tutti (mamma, papà e Carlo) e non c è un bisogno immediato di un altro salario. Ripensando alla sua scelta alla fine della media è un po pentito: non tanto per il corso che ha fatto del quale è molto contento. Infatti se oggi ha più fiducia in se stesso lo deve anche e soprattutto all ambiente positivo che ha incontrato in formazione professionale. Forse, però, avrebbe potuto osare di più: oggi ne è convinto. L altro giorno ha incontrato per strada il suo vecchio insegnante di italiano della scuola media e gli spiegato la sua situazione. Il prof gli ha detto di andarlo a trovare a scuola in un pomeriggio: gli porterà la relazione sul tirocinio di cui è molto fiero e ascolterà i suoi consigli e quelli del referente per l orientamento che è amico del prof di italiano. Cosa gli diranno? Caso 8 Silvano ha 25 anni: da 7 anni lavora presso un azienda artigiana. Fa l elettricista con buone competenze e vorrebbe provare a cercare lavoro in qualche azienda più grande per garantirsi una dinamica di carriera che la condizione attuale non gli concede. Il suo curriculum scolastico, però, è limitato perché ha interrotto gli studi dopo il primo anno di istituto professionale per l industria: ha frequentato in parte anche la seconda e poi per un complesso di problemi familiari e scolastici ha abbandonato gli studi. La sua intenzione era proprio quella di fare l indirizzo elettrico; oggi con l esperienza di lavoro che si è fatto si sente in grado di rientrare in istruzione per cercare di acquisire un diploma di scuola superiore. Ha iniziato ad informarsi sulle possibilità offerte dagli istituti professionali che hanno corsi serali: è un ragazzo sveglio con un buon livello di cultura perché, al di là del lavoro, legge abbastanza e si interessa di cinema; la sua ragazza che si è diplomata in un istituto tecnico commerciale lo trascina spesso anche a teatro. Silvano è pronto a fare sacrifici per ottenere il titolo di studio, ma vorrebbe che gli fossero riconosciute le competenze professionali e che fosse valutato il suo livello culturale: insomma non vorrebbe ricominciare la scuola come se fosse un ragazzino di 16 anni. La sua ragazza gli chiede di non impegnarsi per 5 anni di scuola serale perché vorrebbe che si sposassero tra due o tre anni e non ha intenzione di aspettare per tanto tempo. Come può Silvano tenere insieme tutte queste diverse esigenze? Caso 9 Martino ha 15 anni e frequenta il primo anno del liceo scientifico. E un ragazzino intelligente: se la cava bene in matematica e nelle attività nel laboratorio di informatica. Il computer è sempre stata la sua passione e tutti in casa anche la sorella maggiore che fa il secondo anno di liceo classico si rivolgono a lui per risolvere i loro problemi informatici. Alle medie Martino andava bene ed era molto stimato dagli insegnanti per il suo impegno e la sua correttezza: forse incideva sulla valutazione anche il fatto di essere figlio di due

5 insegnanti. Infatti la mamma e il papà di Martino insegnano entrambi in un altra scuola media: lei è docente di lettere e lui insegna musica ed è anche un valente violinista che suona in una affermata orchestra da camera. Martino, però, a differenza di tutto il resto della famiglia ha sempre avuto interessi tecnologici e pur ottenendo voti discreti anche nelle discipline umanistiche ed espressive ha sempre manifestato un interesse prevalente per le discipline tecniche e scientifiche. Il consiglio di classe della scuola media lo ha indirizzato al liceo scientifico nel tentativo di trovare una buona mediazione tra i suoi interessi e la cultura familiare. Martino ha accettato questa indicazione anche per fare piacere ai suoi genitori: l aggettivo scientifico lo ha un po tranquillizzato. Dopo solo due mesi di scuola, però, si è accorto che il liceo dove è iscritto gli richiede molto studio proprio in quelle discipline umanistiche (italiano, latino, storia) che lui non ama particolarmente e che di scientifico c è solo la matematica. L insegnante di matematica gli piace perché porta spesso la classe nel laboratorio di informatica per fare geometria al calcolatore con Cabrì géomètre: i voti che ottiene in questa disciplina sono buoni. Invece nelle discipline umanistiche incominciano a fioccare le insufficienze che gli costano anche gravi rimproveri da parte dei due genitori. Ad inizio novembre Martino è già in crisi con la scuola e si pente di aver accettato il consiglio degli insegnanti delle medie; alla sera la mamma lo aiuta a fare le attività di italiano e di latino, ma si sente che è nervosa ed irritata dal fatto che proprio suo figlio abbia così poche capacità nelle discipline che lei ama. Lui si è rivolto allo sportello psicologico della scuola: lo psicologo lo ha confortato e gli ha detto che avrebbe potuto fare l istituto tecnico dove non si studia latino e dove c è maggiore spazio per lo studio scientifico e tecnologico. Martino ha paura di essere bocciato alla fine dell anno: pensa che un fallimento di questo tipo avrebbe conseguenze negative anche sui rapporti familiari. Il consiglio dello psicologo gli sembra utile, ma si chiede come realizzare questa scelta diversa senza perdere un anno. Caso 10 Alberto ha 35 anni e lavora da quasi 20. Ha fatto diversi mestieri, ma ora da circa 8 anni ha una mansione che gli piace. In una piccola fabbrica dell indotto dell auto lavora su macchine utensili a controllo numerico per produzioni di grande serie: nonostante il lavoro sia un po ripetitivo pensa di avere buone competenze perché ha lavorato anche su frese e torni con meccanica tradizionale e quindi non si considera solo un pigiabottoni. Quando la macchina gira eseguendo il programma lui si immagina mentalmente le fasi della lavorazione e incomincia a capire quali errori ci sono nel programma che determinano un numero eccessivo di scarti. Arrivato a questo punto gli piacerebbe saperne di più e sfruttare maggiormente le sue competenze professionali: gli hanno detto che in una grande fabbrica cercano spesso operatori su macchine utensili a controllo numerico. Lì il lavoro è più qualificato perché le produzioni sono di piccole serie e si cambia lavorazione anche più volte al giorno; l azienda paga bene e soprattutto sceglie tra gli operatori più abili quelli che farà diventare programmatori dopo un corso aziendale piuttosto impegnativo. Per fare domanda in quella fabbrica, però, Alberto deve avere il diploma da perito meccanico: lui invece ha fatto solo due anni di istituto per geometri; è stato promosso in terza ma poi ha smesso di frequentare perché la prospettiva di lavorare in edilizia come suo padre non gli piaceva

6 affatto. Alberto è sposato ed ha un figlio alla scuola materna; la moglie lavora in una piccola sartoria vicino a casa: fa l orario spezzato come lui. In casa hanno iniziato a discutere sulla possibilità che Alberto riprenda gli studi, ma non si nascondono le difficoltà che dovranno affrontare per gestire lo studio oltre le faccende familiari e il lavoro. Ora si chiedono che tipo di corso è in grado di garantire l esito positivo che Alberto si aspetta dal suo rientro in istruzione. Caso 11 Loredana ha 14 anni e sta frequentando il primo anno di un istituto professionale per il commercio: dopo due mesi di scuola ha già collezionato insufficienze in quasi tutte le discipline. Gli insegnanti della scuola media le avevano preannunciato che avrebbe incontrato difficoltà nella scuola superiore: ma lei aveva pensato che forse esageravano apposta perché per tre anni l avevano rimproverata per il suo comportamento. All insegnante di italiano in particolare non andava giù che lei arrivasse al mattino a scuola con i capelli acconciati e il trucco al viso: alla madre aveva persino detto che lei faceva le moine ai ragazzi più grandi. Invece non era vero: forse quell insegnante sempre così affannata e trascurata nel vestire era solo invidiosa del suo essere sempre a puntino e in ordine dalla testa ai piedi. Ora però l invidia delle insegnanti non c entra per niente: lì in quel grande istituto, tra un migliaio di studenti e studentesse, quasi non si accorgono di lei, se non quando le restituiscono i compiti in classe corretti con un votaccio scritto in rosso. Ma in quelle occasioni le sembra di essere in un ufficio postale: la chiamano per cognome alla cattedra per allungarle il foglio pieno di sottolineature rosse e blu accompagnando il gesto con un laconico non ci siamo. Loredana si sta convincendo che la sua scelta è stata sbagliata: sa che deve ancora studiare fino a 16 anni e che le servirebbe un qualche titolo di studio prima di cercarsi un qualche lavoro al quale, però, non ha ancora pensato; un insegnante al quale ha confidato i suoi problemi le ha detto che è ancora in tempo per ritirarsi ed iscriversi da qualche altra parte senza perdere l anno. Ma dove può andare? Caso 12 Adin è un ragazzo di origini rumene: ha fatto buona parte della scuola elementare in Italia e quindi non ha problemi di lingua. Nella scuola media non ha particolarmente brillato e il consiglio di classe l ha genericamente consigliato di seguire un corso ad indirizzo professionale. Lui però è bravo con il computer e così si è iscritto all istituto tecnico con l intenzione di seguire nel triennio l indirizzo informatico. I suoi interessi informatici sono la navigazione su internet (è bravo a scaricare immagini e filmati), i programmi grafici e quelli fotografici: a scuola invece gli propongono attività di matematica (algebra su derive e geometria su geogebra ). E poi c è da studiare italiano, storia, diritto, fisica. E riuscito a superare la prima con qualche debito a settembre, ma in seconda non ce l ha fatta: sta ripetendo e si accorge che anche quest anno non è in grado di migliorare in maniera significativa. Un amico suo e della sua famiglia gli ha spiegato che esistono anche corsi di formazione professionale che danno la qualifica e assolvono l obbligo d istruzione. Così si è rivolto al responsabile dell orientamento dell istituto per avere da lui qualche indicazione. Lo incontrerà oggi: avrà qualche consiglio da dargli meno generico di quello che gli avevano fornito nella scuola media?

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Un alcolista fra noi: che fare?

Un alcolista fra noi: che fare? Tredimensioni 3(2006) 180-187 S T U D I Un alcolista fra noi: che fare? Luciano Ruozzi * L immaginario comune dipinge l alcolista come un emarginato, mezzo barbone, con gravi deficit psichici e dal comportamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli