A cura degli alunni delle classi quarte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura degli alunni delle classi quarte"

Transcript

1 Istituto Comprensivo 1 Polo Leverano Scuola Primaria Via Della Consolazione e Via Montessori a.s. 2009/2010 CONCORSO INDETTO DALLA BCC DI LEVERANO A cura degli alunni delle classi quarte 1

2 I NONNI Grande ricchezza per la famiglia, che generosamente spargono, nella vita di ogni giorno, i loro preziosi semi di saggezza e di sapienza, affinchè le giovani generazioni, a cui essi lasciano lo scettro del FUTURO, possano costruire un avvenire quanto più possibile sereno, attingendo dall esperienza, a volte felice e a volte dura, di chi li ha preceduti e facendo tesoro dei consigli e degli ammonimenti che rappresentano il loro TESTAMENTO SPIRITUALE. A tutti i nonni un GRAZIE di cuore, per la loro dedizione e per i loro grandi insegnamenti di vita. 2

3 A Te Nonno Nonno, nonno, raccontami una storia Non quella di Pinocchio o Pollicino, torna indietro un po con la memoria, raccontami di te che eri bambino. Com è bello ascoltare, nonno mio, della tua vita fatta di avventure, dei tanti sacrifici che hai affrontato, delle giornate belle e quelle scure Ammiro la tua forza, il tuo coraggio, la tua sincerità, la tua saggezza, del mio affetto io voglio farti omaggio e vederti scoppiar di contettezza. Angela 3

4 La nonna racconta Siede la nonna vicino al focolare, circondata dai grandi e dai piccini Racconta stanca e narra avvenimenti di quando il nonno e lei eran bambini. Com è bello ascoltar le sue avventure, seduti tutti intorno a quel camino con lo sguardo attento e il naso in sù scoprir con lei i segreti e le passioni di un tempo andato che ormai non torna più Ogni storia ha un insegnamento che lei regala a ogni nipotino, perché attingendo dalla sua esperienza possa meglio costruire il suo destino. Angela 4

5 PER GLI ALUNNI DI LEVERANO CARMINE ERROI detto: 5

6 6

7 Carmine Erroi, un nonnino di circa 90 anni, morto nel Settembre 2005, è stato da sempre vicino al mondo della scuola e dei bambini, tanto da essere considerato da tutti maestro di vita e allo stesso tempo un compagno di banco perché riusciva a trasmettere la sua esperienza e la sua cultura in modo semplice e spontaneo, proprio come si addice ad un bambino della nostra età. Nonostante abbia frequentato la scuola solo fino alla quinta elementare, è stato definito Il poeta contadino per il suo spiccato interesse verso la cultura, per la sua capacità di raccontare non solo la sua vita semplice e umile di contadino, ma anche perché ci ha fatto capire che il patrimonio culturale del proprio paese rappresenta un immenso tesoro che va gelosamente custodito e rinnovato. Dai suoi scritti, infatti, traspare in modo evidente l amore per la propria terra (Leverano) e le sue tradizioni: esse ci aiutano a comprendere meglio l ambiente in cui viviamo, ci fanno sentire parte integrante della comunità e rappresentano un legame inscindibile col nostro passato. E quanto emerge dal testo LIRANU MIA, nel quale Carmine Erroi decanta le bellezze del suo paese e l orgoglio di esserne figlio. 7

8 Io a Liranu so natu e bboiu llu sapiti quannu egnu numinatu cu no bbi nni scirrati. Lu Roccu Torce sontu fazzu sta poisia oiu lli tau lu vantu allu paese mia. Stae sotta nna patula è nnu paese anticu tene ddra torre sula fatta ti Federicu. Lu Barbarossa iò sentu c allu milleddocentu fece ddru monumentu ca spita ogne ientu. Tre cose a te occorre cu lli puè ricurdare lu fucalire la torre e la Chiesa Parrocchiale. E riccu ti sapienti ca ni parla la storia bbi li fazzu prisenti bbi li ticu a mimoria. Pompigliu Cazzella Angelu Capilupo lu Patre Moscia dettu Fra Giuseppe Maria e Girolamu Marcianu so paisani mia. Li prima letterati l auru era filosofu lu quartu era scienziatu alli scritture sacre si era dedicatu. E nnu paese agricolu no bbete tantu bellu mi sembra nnu gianiculu pi me è nnu gioiell 8

9 9

10 Iò lu dialettu scriu ma mi mintu a ripintagliu e riflettu quannu scriu cu no fazzu nuddru spagliu. Sai pircè m aggiu mpignatu o amicu paisanu? Cu no begna mai scirratu lu dialettu ti Liranu. Quann è crai, frate mia ti sta vita aggiu spicciatu ci tu lieggi sta poisia penzu ca egnu ricurdatu. Lu dialettu è donu saggiu è nfinitu comu mare è pronuncia di linguaggiu e nui tutti l amu amare. Iò no so nnu professore ti cultura so puirieddru bi la ticu cu lu core scriu cce dice lu cirieddru. 10

11 In questa poesia Rocco Torce esorta i leveranesi a non scordarsi mai della loro lingua dialettale perché, come lui dice è un dono saggio da custodire ed amare. Il dialetto infatti è testimonianza delle nostre radici culturali, farlo morire significherebbe cancellare una parte della nostra storia nostra storia. 11

12 La vita ete nnu fumu ti passaggiui ca manu manu tu no ti ni dduni ma ci rrifietti nci ole curaggiu! Tu l à lassare scrittu Pi li vagnuni SPERANZA Pi l esperienza allu ecchiu ta butare ca n è passate tante fiiu mia amposta quiddru tu l à rispettare ca è buta la furtuna cu nci rria

13 13

14 Uno, due e tre ieni tu e scioca cu me, asu, cavallu, donna e re iessi fore ca tocca a te. 14

15 Percorrendo a ritroso nel tempo la storia del gioco, che rappresenta l attività preferita dai bambini non solo per il suo lato divertente, ma anche per il suo valore formativo, abbiamo scoperto, insieme ai nonni, l importanza e la soddisfazione del fai da te. I nonni, infatti, non avendo giocattoli né soldi per comprarli, si accontentavano di cose semplici e di poco valore e, dando sfogo alla fantasia, si costruivano da sé i giocattoli preferiti. Qualunque oggetto poteva trasformarsi in un gioco importante e divertente, nascevano così carretti e monopattini di legno, trottole e bastoni, palle, fatte di vecchie pezze tenute insieme da cerchietti di camere d aria delle biciclette, e così via. Per le femminucce il giocattolo preferito era la pupa ti pezza per il classico gioco a mamma. Bastava prendere uno straccio da cucina o un qualsiasi fazzoletto colorato, piegarlo in due e arrotolarlo, infine ripiegare a mantello l estremità del fazzoletto. Ogni bambina personalizzava la sua pupa facendole vestiti con avanzi di stoffa colorata. Ma non è tutto. 15

16 Nel gioco a mamma la pupa di pezza diventava la figlia e questo offriva una valida occasione per inventarsi una festa, lu battesimu ti la pupa. Era questo un momento di gioco ma anche di gioia da condividere con i compagni e le compagne del convicinato: si facevano gli inviti, si compravano le caramelle e li cannillini (confetti colorati) e si faceva festa. Molti erano anche i giochi di gruppo che si facevano per strada ed aiutavano i bambini a confrontarsi con i coetanei e a coltivare il sentimento dell amicizia A TRENTUNU, A CECIRE, A MAZZA E PIRIPISCULU, A TUDDHRI, A CHIANCA, A CURRULU, A NUCI, A ZZICCA ZZICCA SECUTA.. 16

17 Molti di questi giochi oggi non si fanno più, ma i nonni ci hanno fatto capire una cosa importante: per divertirsi non è necessario avere tanti giocattoli sofisticati e all ultima moda; i giocattoli possiamo costruirli anche noi, magari con materiale riciclabile, poi BASTA ESSERE IN BUONA COMPAGNIA E FAR VOLARE LA FANTASIA 17

18 GIRO GIRO TONDO Cavallo biondo centocinquanta la gallina canta canta sola sola non vuole andare a scuola gallina bianca e nera ti dà la buona sera buona sera e buona notte il lupo dietro la porta la porta casca giù e il lupo non c è più è andato sulla montagna a cercare una castagna la castagna è tutta mia buona sera alla compagnia! GIRO GIRO TONDO Quanto è bello il mondo il mondo dei bambini con tanti fiorellini gelsomini e tulipani garofani e gerani e cinnannà e cinnannà e ci e ci e cià! GIRO GIRO TONDO Casca il mondo casca la terra, tutti giù per terra 18

19 19

20 20

21 Dalle interviste realizzate ai nonni, abbiamo notato che la loro scuola era molto diversa dalla nostra. Le scuole avevano lunghi corridoi che separavano le classi maschili da quelle femminili; solo in alcuni casi c erano classi miste. Le classi erano quasi sempre formate da più di 30 alunni e avevano un solo maestro che insegnava tutte le materie. I banchi e la cattedra erano di legno, al centro di ogni banco c era un calamaio pieno di inchiostro nero dove gli alunni intingevano il pennino per scrivere, infatti non c erano penne. Nella cartella c erano solo i quaderni, uno a righi e uno a quadretti, un libro di lettura ed un sussidiario; i più fortunati avevano una scatola di 6 colori. A scuola si imparava soprattutto a leggere, conto, a scrivere e a far di le altre materie si studiavano meno e solo qualche Foto anni 30 21

22 volta si andava in palestra a fare ginnastica. In classe non tutti gli alunni erano trattati allo stesso modo: i più bravi occupavano sempre i posti davanti, mentre i meno bravi erano seduti agli ultimi posti. Tutti erano obbligati a fare silenzio e a stare attenti durante le spiegazioni dell insegnante; bisognava impegnarsi a fare bene i compiti assegnati senza disturbare i compagni; era obbligatorio anche il rispetto delle norme igieniche, altrimenti si veniva puniti. Le punizioni più frequenti erano: bacchettate sulle mani con una pesante riga di legno, stare in ginocchio sui ceci dietro la lavagna oppure essere cacciati dall aula. Non tutti gli alunni riuscivano a completare il ciclo di studi dalla 1 alla 5 elementare; molti erano costretti a lasciare la scuola dopo la terza o la quarta classe perché dovevano aiutare i genitori nel lavoro dei campi. Nonostante i maestri fossero così severi e le punizioni così dure, tutti i nonni hanno detto che erano contenti di andare a scuola perché era l unico modo per imparare qualcosa e stare con i coetanei. E poi il lavoro nei campi era assai duro! Anno scolastico

23 Io ho frequentato la scuola solo per quattro anni. Frequentavo la scuola che si trova in via Della Libertà. E un imponente edificio costruito nel 1900 con delle altissime finestre rettangolari che illuminano lunghi corridoi e grandi aule. Le classi erano maschili e femminili ed erano composte da circa 30 alunni. Nell aula c erano: la cattedra, la lavagna, i banchi con il calamaio e alle pareti c erano: la carta geografica dell Italia, il Crocifisso e il quadro di Mussolini. Avevamo una sola maestra che insegnava Italiano e Matematica e si faceva ginnastica in palestra. L orario delle lezioni era dalle 8,00 alle 12,00 senza interruzione. Avevamo 2 libri, uno di Matematica e uno di Italiano e 3 quaderni, il terzo per il disegno; usavamo penne con il pennino e il calamaio e pastelli di legno. In classe bisognava fare silenzio assoluto e indossare il grembiule. Le punizioni erano molto diffuse ed erano: bacchettate sulle mani e nelle gambe, restare inginocchiati sui ceci dietro la lavagna o uscire fuori dalla porta. Nonostante tutto però a me piaceva andare a scuola perché volevo imparare tante cose. 23

24 24

25 Lo scrittore C. Arditi cosi descrive i Leveranesi : Gli abitanti hanno l animo mite e devoto, la mente ingegnosa, le braccia solerti ed operose. Ve ne sono di ogni mestiere e professione, ma va per la maggiore la classe dei contadini. 25

26 Leverano, in effetti, è nato e si è sviluppato soprattutto come centro agricolo, traendo la sua maggiore ricchezza dalla terra, grazie alla fatica di tante generazioni che con la loro operosità e la loro saggezza, hanno scandito i ritmi della storia. Intervistando i nonni, essi ci hanno confermato che, nel periodo della loro giovinezza, lu furese era proprio il mestiere più diffuso, a cui se ne accompagnavano diversi altri di tipo artigianale: il fabbro, il falegname, il maniscalco, il muratore 26

27 Solo alcune famiglie, le più facoltose, avevano la possibilità di far studiare i propri figli e farli diventare ingegneri, maestri o avvocati. Naturalmente ciò valeva solo per i figli maschi, in quanto le ragazze venivano educate fin da piccole a collaborare con gli uomini nel lavoro dei campi, a svolgere le faccende di casa, a cucire, a tessere allu talaru, a ricamare la tota per quando si dovevano maritare 27

28 La vita del contadino, in passato, era molto dura e faticosa, scandita dal ritmo delle stagioni: in autunno l aratura e le semine, in inverno la potatura e la raccolta delle olive, a primavera lu spuddhrimare (spollonatura della vite), in estate la raccolta e l essiccazione del tabacco e la mietitura, a settembre la vendemmia Il momento del raccolto era il momento più gratificante, in cui il contadino veniva ripagato per i sacrifici di un anno; era questo il momento per realizzare qualche sogno nel cassetto: il matrimonio di un figlio o l acquisto di un terreno o l inizio della costruzione di una casa. Ma se il raccolto non era andato bene, bisognava armarsi di pazienza e aspettare l anno successivo. Le giornate scorrevano sempre uguali: al mattino non c era sveglia, ci si alzava con le prime luci dell alba ed era già pronta la colazione, scarfatu e prummitori scattati cu lu tiaulicchiu, accompagnati da un buon sorso di vino. 28

29 Subito dopo DIREZIONE CAMPI! Chi andava a piedi, chi in bicicletta, chi cu lu trainu, unico mezzo di trasporto per le persone e per il raccolto. I rintocchi della campana annunciavano il mezzodì : era giunto il momento di fermarsi un attimo e consumare la ma renna, un semplice tozzo di pane a volte duro e senza companatico, oppure nna friseddhra cu lu prummitoru, poi si ricominciava a lavorare fino al tramonto. Arannu arannu mi mangiai lu pane Scennu e binennu mise lu sole Lu sole è misu La luna è calata: patrunu l aggiu fatta la sciurnata. 29

30 Il ritorno a casa era un momento d incontro familiare, quando la stanchezza si scioglieva davanti a un piatto di legumi, un bicchier di vino e qualche battuta scherzosa. Poi subito a letto, perché il nuovo giorno non tardava ad arrivare. ERA UNA SCELTA OPPURE UN OBBLIGO? Era una scelta obbligata! Questo era l unico modo per tirare avanti. 30

31 31

32 Ho frequentato la Scuola Elementare, non ho potuto proseguire gli studi, perché in famiglia, essendo secondogenito di sei fratelli, necessitava il mio contributo. Ai tempi di cui vi parlo, quand ero ragazzo, il nostro paese non godeva del benessere di cui oggi vanta, il divario tra Nord e Sud era molto forte, motivo per cui molti erano coloro che si spostavano nel Settentrione e all Estero in cerca di un posto di lavoro, sperando in un pizzico di fortuna. Il lavoro agricolo era l attività prevalente, svolta, per la maggior parte della popolazione, sotto il patronato di proprietari e latifondisti a volte sfruttatori con contratto di colonia e mezzadria. Ciò non era allettante, ma era l unico modo per poter campare per non morire. Il denaro in circolazione era scarso e bassa era la retribuzione. Il lavoro dei campi era duro, forse difficile da capire per i più giovani, che non possono ripercorrere, giustamente, con la loro memoria, quei tempi (60-70 anni fa,) quando mezzi e strumenti, artigianali ed ecologici, assieme alla forza fisica e alla volontà continua, impegnate, costituivano i punti forti del contadino. La tecnologia era lontana: non esistevano motozappe, trattori, macchine che agevolassero il lavoro, né concimi, né anticrittogamici, né sistemi alternativi oggi altamente in uso. Essi, tuttavia, se da un lato hanno offerto miglioramento e sviluppo nel settore primario, nonché di uno stato di benessere socio- economico, dall altro hanno causato una corsa invincibile, da parte del contadino alla produzione di primizie senza cautela dei prodotti usati per averle. 32

33 Oggi, nelle vetrine dei fruttivendoli, sulle tavole di tutti non mancano, frutti succulenti e verdi ortaggi. Il discorso non risulterebbe distorto, tuttavia, se i medicinali fossero usati a giuste dosi e in tempi da rispettare. Non si può irrorare oggi e raccogliere l indomani. Ciò, va a vantaggio del produttore, ma non di certo del consumatore. Nasce da qui l esigenza, la necessità di una cultura etico- professionale del produttore che, dovrebbe garantire, la genuinità di ciò che portiamo in bocca, e salvaguardare l incolumità dell acquirente. Oggi, grazie alle leggi governative del e alla Bonifica dell Arneo, molti contadini hanno potuto usufruire del possesso di un appezzamento di terreno bonificato, di quel terreno che costituiva la Macchia. 33

34 Il lavoro dei contadini, soprattutto dei coloni o dei mezzadri è stato sempre duro e mortificante. Una sera un contadino, vecchio per età e stanchezza, rientrava nella sua casa dopo una pesante giornata di lavoro. Ancora sporco di terra e vuoto nello stomaco si vide arrivare un messaggero del padrone. Ehi cumpà lu patrunu ti ole allu palazzu! Moi? Certu. Propriu moi. Statte buenu. Stau straccu muertu disse alla moglie, che incuriosita, si era avvicinata Ma addrai mi tocca. Lavatosi in fretta e indossati i vestiti per la festa si diresse al palazzo signorile. Benché le mani erano ncaddrarute, un tocco delicato e un Avanti dall altra parte, mise di fronte padrone e servo. Col vecchio cappello tra le mani e quasi tremante, il povero contadino, onesto, era diventato un inquisito Lo sai che hai un figlio maleducato? Signorsì, Eccellenza. ma perché? Oggi, gli sono passato dinanzi e non mi ha salutato. Ha finto di non vedermi! Forse non ti ha visto oppure sono giovani non capiscono! 34

35 Non è vero! Lui non è stato educato! Devi insegnargli il buon comportamento se vuoi restare alle mie dipendenze. Signorsì, Eccellenza, farò del mio meglio. Ed ora te ne puoi andare! A capo chino, il vecchio mortificato, rientrò nella sua casa. 35

36 Quanto lontani e surreali sembrano quei tempi!!! Eppure i nostri nonni li hanno vissuti con coraggio e sorretti dalla certezza che i loro eredi avrebbero potuto godere di una vita migliore grazie proprio ai loro sacrifici. Ora a noi raccomandano di impegnarci nello studio, perché siamo fortunati ad averne l opportunità. L istruzione infatti è l unica strada che ci consente di scegliere liberamente il nostro futuro professionale e realizzare i nostri desideri, nella convinzione che 36

37 Se non puoi essere un pino sul monte, sii una saggina nella valle, ma sii la migliore piccola saggina sulla sponda del ruscello. Se non puoi essere un albero, sii un cespuglio. Se non puoi essere un autostrada Sii un sentiero. Se non puoi essere il sole, sii una stella. Sii sempre il meglio Di ciò che sei. Cerca di scoprire il disegno Che sei chiamato ad essere, poi mettiti a realizzarlo nella vita. Douglas Malloch 37

38 38

39 Quando i nonni avevano la nostra età, i momenti per far festa non erano tanti come per noi oggi. Si festeggiavano le ricorrenze religiose importanti: Natale, Pasqua e la festa Patronale; però quelle in cui ci si divertiva di più erano: il Carnevale, la Pasquetta e la Fera ti li cirase. Natale e Pasqua erano le feste in cui tutti i parenti si riunivano per trascorrere insieme momenti di calda atmosfera familiare. La festa Patronale era attesa da tutti, grandi e piccini, perché si facevano tanti giochi in piazza (corsa coi sacchi, tiro alla fune ) e si assisteva ai concerti bandistici che erano apprezzati molto più di oggi. Per i piccoli poi era una gioia avvicinarsi alle bancarelle nella speranza di ricevere qualche giocattolo o un dolcetto; c era anche chi aspettava questa occasione per poter avere finalmente un vestito nuovo. Il Carnevale era la festa attesa soprattutto dai giovani perché era l occasione per uscire con maggiore libertà e divertirsi con gli amici. Ci si travestiva con i vestiti delle nonne, li fustiani, camicie da notte e 39

40 indumenti smessi e si andavano a trovare parenti, vicini di casa e amici per fare gli scherzi più disparati. Si recitavano canzoni, sonetti, filastrocche, in cambio di un tarallo, qualche biscotto o un bicchiere di vino. Particolarmente sentita era la tradizione della Pasquetta, la cosiddetta Urteddhra che avveniva il giovedì dopo la Pasqua. Si andava tutti a piedi allu Aru dove si partecipava alla S. Messa celebrata nella piccola cappella; dopo ci si sparpagliava nel prato per consumare la merenda portata da casa; uova sode, focacce e la tipica accareddhra preparata con pasta di pane o pastafrolla e l uovo sodo dentro. I piccoli si divertivano con gli aquiloni, li cumete, rigorosamente preparate a casa con canne e carta velina colorata; altri compravano li tatei, li trenule e li nzagareddhre, cioè nastrini colorati che si usavano come braccialetti o si legavano alle antenne dei motorini. 40

41 Un altro momento significativo era la fera ti li cirase, attesa soprattutto dalle ragazze che ricevevano in regalo dal fidanzato lu panaru ti cirase. Poca attenzione era data ad altri momenti significativi della propria vita, come il Battesimo, la Prima Comunione, la Cresima, il compleanno Le prime erano feste esclusivamente religiose; solo qualcuno dopo il rito religioso riuniva nella propria casa i parenti più stretti per offrire loro un dolce di pasta di mandorle fatta in casa e un bicchierino di rosolio (liquore fatto in casa con alcool ed essenza di anice o mandarino). Il compleanno non era proprio festeggiato, mentre si faceva grande festa per il giorno del matrimonio. 41

42 Erano altri tempi, si aveva poco, ma in quel poco erano racchiusi i sogni e le aspirazioni di una vita. Oggi abbiamo tanto, eppure non ci sentiamo mai soddisfatti e realizzati. Forse dobbiamo ricominciare ad apprezzare le cose semplici ed accontentarci di quello che abbiamo, senza chiedere.la luna. 42

43 In un tempo non molto lontano, in una società più chiusa e patriarcale, i ragazzi e le ragazze on godevano come oggi di grande libertà. Le caruse dovevano stare in casa, prendersi cura dei tanti fratellini e sorelline, aiutare la mamma nelle faccende domestiche, imparare a cucinare, a tessere al telaio, a ricamare i capi della tota, senza la quale non si poteva pensare al matrimonio. A tal proposito, anticamente, esisteva la Pia Opera del cosiddetto maritaggio (concorsero alla fondazione di tale Opera in particolare le famiglie Mieli e Goffreda) Si trattava di una somma di denaro ( ducati venti) che veniva assegnata, in base ad un sorteggio effettuato il giorno di Sant Anna, a due ragazze povere prossime al matrimonio. Li carusi erano quasi tutti obbligati a seguire il padre nel lavoro dei campi che, ogni giorno, terminava al tramonto. Le occasioni d'incontro per i giovani erano quindi limitate, le più comuni erano: l'uscita dalla chiesa, la vendemmia, le feste del paese o i festini in casa di parenti. Nei tempi più recenti: la passeggiata allu giru ti lu muru. 43

44 Il fidanzamento sulla porta della casa della ragazza, che durava alcuni mesi, dava la possibilità ai due giovani di cominciare a conoscersi. Questo incontro avveniva una volta la settimana ed era sempre il ragazzo a spostarsi. Trascorso questo periodo, il padre di lei dava il permesso ai due di vedersi in casa. Successivamente il fidanzato doveva condurre i propri genitori dalla ragazza per far conoscenza e si decidevano i giorni in cui si dovevano vedere e, solitamente, accadeva la domenica e il giovedì. Durante il fidanzamento a casa i due giovani erano sorvegliati e quindi non avevano la possibilità di parlare in confidenza, perché era sempre seduta di fronte a loro la madre (di lei) che faceva finta di lavorare a maglia o altro, ma non li perdeva un attimo di vista. Il fidanzamento ufficiale avveniva dopo un periodo considerato sufficiente a garantire in qualche modo che i ragazzi non si sarebbero lasciati, perché un' eventuale rottura sarebbe stata controproducente per il futuro della ragazza. In occasione di qualche festa importante come Natale, Pasqua e feste popolari i futuri suoceri donavano alla promessa sposa, che per la circostanza indossava il vestito della festa, l'anello di fidanzamento. Si trascorreva la serata insieme consumando qualche dolce preparato in casa e bevande, caffè o un pò di rosolio. 44

45 Maturata l'idea del matrimonio, le due famiglie si riunivano per puntare cioè fissare la data di esso e stabilire quanto erano in grado di dare in dote ai figli. La mamma della sposa preparava un elenco di tutta la tota, cioè il corredo della ragazza, sul quale il futuro sposo apponeva la firma. Le famiglie più abbienti davano panina 30 che era quasi il massimo che si poteva consegnare: 30 lenzuola, 30 tovaglie, 30 asciugamani invece le famiglie meno agiate panina 6 o 10. Se si mettevano d'accordo ( a volte non succedeva e veniva sciolto il matrimonio) si arrivava alla cosiddetta promessa, che veniva confermata circa venti giorni dopo con il matrimonio in chiesa. Da quel momento la futura sposa non usciva più di casa e cominciava a lavare e stirare tutta la biancheria del corredo realizzato con le proprie mani nel corso degli anni. Lenzuola ricamate, asciugamani, tovaglie venivano poste in un recipiente di terracotta con sopra della cenere, sulla quale veniva versata acqua bollente. Tale procedimento veniva chiamato lu cofanu. Dopo si allestiva in casa un' esposizione del corredo che poteva essere ammirato da parenti, amici, vicini di casa. 45

46 Anche la suocera preparava tutto ciò che serviva al figlio oltre la biancheria personale: completi di piatti, pentole, bicchieri..e inoltre aveva il compito di preparare l'abito della sposa. La mattina del matrimonio, prima che la sposa uscisse di casa, le amiche usavano preparare uno steccato, cioè un nastro teso che voleva rappresentare un impedimento alla sposa a lasciarla casa paterna. Questo gesto era una dimostrazione d affetto come se ancora volessero trattenerla dal compiere quel passo decisivo che l avvrebbe allontanata per sempre da loro. 46

47 La celebrazione nuziale, nella prima parte, era religiosa. Terminata la messa gli sposi giravano la piazza a piedi o in carrozza e le persone intorno si facevano partecipi della loro felicità, accogliendoli con un applauso, lanciando caramelle e confetti che erano la gioia dei bambini. Si recavano dopo nella casa della sposa e, una persona non più giovane e parente degli sposi, l'accoglieva e la consegnava alla suocera. Quest'ultima ingioiellava la nuora con parure d'oro. Si faceva la festa con un rinfresco da offrire a parenti e amici e tutto quanto accompagnato da musica e balli. Era tradizione che, dopo otto giorni dal matrimonio, la sposa indossasse l'abitu ti li uettu e andasse in visita ai parenti per far conoscere il marito. I diversi momenti brevemente esaminati che a partire dal fidanzamento portavano al matrimonio, erano delle tappe obbligate e rappresentavano quasi un rituale che veniva vissuto con semplicità e con gioia, anche se spesso in povertà. Ben si adattavano a quel tipo di società contadina e patriarcale, radicate su valori che, noi ragazzi,riteniamo molto importanti quali: il rispetto verso i più grandi, la centralità della famiglia nella vita di ogni persona e il lavoro. 47

48 NONNA MARIA Mi sono fidanzata a 22 anni. Ho provato un grande amore ed è stata un emozione grandissima che non avevo mai provato prima. Ai miei tempi il fidanzamento si festeggiava in casa con i parenti. Per il fidanzamento mi è stato regalato l anello. Quando ci siamo sposati ho festeggiato in casa con amici e parenti. Per il matrimonio abbiamo ricevuto due lampadari e dei soldi. NONNA LUCIA Mi sono sposata a 19 anni, provavo una gioia immensa perché era il mio sogno che si realizzava. Mi sono sposata il 27 Giugno del Anche se ero sarta ho fatto cucire il mio vestito da sposa da una mia cognata. Il giorno del matrimonio sono andata in chiesa accompagnata dallo sposo e dai compari di anello, non si usava essere accompagnati dai genitori. Dopo la cerimonia in chiesa siamo tornati a casa mia per un piccolo ricevimento con caffè e dolci e un pranzo con i parenti stretti. Nel pomeriggio siamo andata a casa dello sposo per un ricevimento più grande con parenti e amici fino alla cena conclusiva. BISNONNA GINA Quando mi sono fidanzata avevo 18 anni nel Novembre del Ho festeggiato nel pomeriggio a casa dei miei genitori a Nardò. C erano parenti e alcuni cari amici. Abbiamo mangiato dei buonissimi dolci di pasta di mandorla fatti a mano dalle suore di clausura di Nardò e bevuto del rosolio. Io indossavo 48

49 un vestito corto e il mio futuro marito un completo giacca e pantalone grigio. Mi hanno regalato solo fiori.. NONNA PIA Mi sono sposata nel gennaio del 1948 nella chiesa matrice di Monteroni, il paese di mio marito. Indossavo un vestito celeste lungo con un turbante e il velo cucito da una brava modista di Nardò. Il ricevimento è stato a casa dei miei suoceri e le mie cognate hanno organizzato un bel pranzo con tante buone pietanze. I rispettivi genitori ci hanno regalato dei soldi, mentre parenti ed amici degli oggetti per la casa. Il regalo che più ho apprezzato è stato un servizio di tazze bianche con un filo sul bordo d argento di cui ancora conservo gelosamente qualche pezzo. 49

50 La Rusina osce stae tutta ndaffarata, ae e bene ti la putea, sale e scinne ti la loggia, no tene nn acinu ti rigettu. La ite la cummare Maria ti coste casa e nni ddummanna: CUMMARE - Rusina, ma ce hai osce, stai tutta ascitata, ce ti na fucire? RUSINA - None mo!...fucire?... cce dici ca fazzu ddrha scostumatezza!?! Stau ascitata pircè stasera a bbinire a casa mia lu Roccu, lu zitu mia, ca a nucire li sua cu facimu riconoscenza. CUMMARE - Ah! Brau, brau! Ta truatu lu zitu, e dimme a ci è fiju? RUSINA - E fiju alla Ndata Fuci e allu Ntoni Trasicachioe; so cristiani ngarbati, ti fatia, e puru lu Roccu mia ete nnu buenu vagnone. E poi tene nnu fondu ti igne alli Parmente, nu fondu ti aulie alli Capuzzi e puru la zona cu frabbica. Quannu intra nna casa ncete lu pane, l ueju e lu mieru è casa ricca. Poi cu li sordi ti la riccota, intra quarche annu nni frabbicamu nna bella abitazione: casa, cammara, cucina e nnu picca ti uertu. La verità, mancu jò so di menu. Mama m è fatta la tota Panina 10. Li lanzuli, li stusciafacci, li mappine e li camise 50

51 tutti tissuti allu talaru, e poi la zinzalera, la buttita ti ammace, li cuperte e li centri allu tombulu. No be certu nnu scherzu cu tieni nna tota ti quiste! CUMMARE.- Na! So propriu cuttente Rusina ca ti sta sistiemi e pi stasera mo ce sta prepari? RUSINA - Mama è fatte to purpette, nnu picca ti carne a pignatu, lu casu friscu e la sobbrataula, cussì facimu nnu picca ti festa. CUMMARE. - Allora tanti auguri Rusina, e di nnu buenu nquestu (buona fortuna). RUSINA - Grazie, grazie, cummare (poi fra sé):- non aggiu capitu pincè tutti sannu pijare li pinzieri ti l auri. Lu zitu mi l aggiu truatu jo, no iddhra! Angela 51

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Maria Annita Baffa. La sposa della neve

Maria Annita Baffa. La sposa della neve Maria Annita Baffa La sposa della neve Vemi, atje ku zoqtë e ngrënjen folen e dashurisë atje shtëpinë do të ngrëjim edhe ne Andiamo, là dove gli uccelli costruiscono il nido d amore là costruiremo la nostra

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria ins. Antonietta Scarcella Il Natale. Ogni anno arriva il Natale E noi bambini felici siamo. Tutti contenti per i doni che riceviamo, Anche gli adulti sono contenti,

Dettagli

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese COME SI VIVEVA......DURANTE IL FASCISMO...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE Intervista alla signora Agnese " Cosa ricorda dell'inizio della guerra? Che cambiamento c'è stato nella vita di tutti i giorni?"

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Sempre state importanti. Per loro.

Sempre state importanti. Per loro. parteniamo al nostro nome. Forse l unica parte che ci appartiene veramente. Il nome. Infatti L ho cambiato. Ho sfogliato in libreria il libro dei nomi, uno di quei libri che ti regalano quando fai un figlio.

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli