LA GRANDE SFIDA DEL BORSA & WEB BORSA CASH BOND PRIMO PIANO. Imposta patrimoniale: Tassi su e tasse giù, Quali banche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRANDE SFIDA DEL BORSA & WEB BORSA CASH BOND PRIMO PIANO. Imposta patrimoniale: Tassi su e tasse giù, Quali banche"

Transcript

1 MENSILE ANNO 1 NUMERO 7 DICEMBRE ,00 4,00 BORSA & WEB LA GRANDE SFIDA DEL 18 Imposta patrimoniale: PRIMO PIANO che cos è, come funziona e dove può colpire 55 Tassi su e tasse giù, CASH più allettanti (e redditizi) i conti di deposito 46 Quali banche BORSA possono evitare i mega-aumenti di capitale POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 2012 BOND 62 Dove investire: il portafoglio obbligazionario di F per il 2012

2

3

4

5 Ma uscirne sarà lunga e dura di Lionello Cadorin ha molte più virtù di quelle che gli stessi italiani le riconoscono. Sta sicuramente meglio della Spagna, per alcuni aspetti anche della Gran Bretagna, non sta poi molto peggio della Francia. Resta il secondo Paese manifatturiero d Europa, ha un sistema bancario comun- L'Italia que solido, un bilancio statale sotto controllo. molto meno indebitate. Se, come sarebbe corretto, si sommasse il debito complessivo delle famiglie con quello dello Stato, e si mettesse il risultato della ca degli spendaccioni ci ritroveremmo dietro, e non più davanti, a Usa e Gran Bretagna, dove le famiglie sono mediamente molto più indebitate, e addirittura molto vicini alla virtuosissima Germania. Se tutto questo è vero, ed è facilmente dimostrabile - cia? Dove nasce l incubo Italia? Nasce dalla dimensione assoluta del nostro debito pubblico, vicino ai miliardi di euro (2.500 mi- al mondo. Parliamo di un debito che è cinque volte quello della Grecia che pure ha creato tanto allarme, quattro volte l indebitamento che pesava sulla fallita Lehman Brothers, 25 volte (venticinque!) il debito statale che portò dieci anni fa l Argentina a un default che fece tremare i mercati e che migliaia di risparmiatori non hanno dimenticato. fronte regolarmente al suo enorme impegno, l aumento dei tassi fa costare il debito sempre di più; si ne, e così via. La spirale negativa ha messo l Italia non sarà facile. Sarà lunga e dura. Investire per il 2012 è diventato così molto più complicato. Al di là di Google e Apple, campioni globa- fermare, prudenti e coraggiosi trovano anche in questo numero di F idee e consigli. 05

6

7 12 dicembre 7 DICEMBRE 2011 MENSILE ANNO 1 NUMERO 7 DICEMBRE 2011 MENSILE ANNO 1 NUMERO EFFE RE 2011 O 7 DICEMB ANNO 1 NUMER MENSILE 2011 EFFE - dicembre IDA DEL ANDE SF DEL O DEL LA GR SFIDASFIDA LA GRAN GRANDE LA DE PIANO 18 PRIM 55 Impos H, PIANO 1 PRIMO 8le: NO 18 su e tasse giù, 18 che cos è 62 CASTassi CASH ona patrimoniale funzi iaalpiano PRIMO oonnniia anti CASH 55 Imposta più allett giù,come 55 46Quali46 colpire 62 Tassi 46nario Dove62 tizi) su e tasse dove può moniale im ttrriimo giù, cos è, Imposta patrimoniale: (e reddipiù he, investire, il porta Dove banche, sitotassi su e tasseche allettanti Quali banc Quali banche, di depo funziona che cos è, : ta patrimoniale Come potrebbe essere un Italia fuori dall euro & WEB BORSABORS & WEB& WEB ABORSA BOND investire, BOND BORSABORSA BORSA DoveBOND foglio investire,.it 11 4,00 4,00 4,00 Le malefatte impunite / 3 Richiedi la tua copia in edicola! 5,00 5,00 5,00 azine.it 10 SEI RIMASTO SENZA F? mag Banche, l ingranaggio si è inceppato dicembre EFFE - DICEMBRE BLOG i conti (e redditizi)più allettanti come il portafoglio gazio evitare evitare il portafoglio evitare possono obbli re ona re possonopossono llpppiifunziona colpire na il 2012 nario e dove puòcome enti enti di F perobbligazio (e redditizi) obbligazionario i conti di deposito i mega-aum i mega-aumi mega-aumenti colpire co 2012 e dove puòò colpire i conti di deposito di F per il di alecapitale di capitale F per il 2012 di capitdi - 70% - LO/MI MENTO POSTALE NE IN ABBONA SPA - SPEDIZIO M /M O/MI O/M LO LO/M 70 - LO/MI - 70% S OSTALE POST POSTA POSTAL O POSTALE POSTE ITALIANE NTO NT M NTO AM AME ONAME ONAM BONA BONAME BONAM AB A BONA N ABBONAMENTO IZIONE IN PEDIZIONE SPEDIZION SPE O/MI A - SPEDIZIONE LO/M LO/MI PA % - LO SPOSTE E - 70% LE NE SPA TALIANE ITALIAN ITALIANE TE ITAL OSTE POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PRENOTA SUBITO LA PROSSIMA USCITA! BRIC MERCATI EMERGENTI Asia, cercare opportunità 4 14 PRIMO PIANO Trend e cambiamenti T nel panorama IT HOME COPERTINA Apple contro Google TECH TECNOLOGIA & FINANZA < 34 BORSA = > # ## 46 07

8 Menu BORSA Unicredit, bilancio pulito 49 banche stanno meglio 51 CASH LIQUIDITÀ Tasse giù e tassi su, spinta ai conti deposito 54 Ma come fanno a offrire rendimenti così buoni? 58 BOND TITOLI DI STATO E OBBLIGAZIONI 62 STARTUP METTERSI IN PROPRIO A confronto con un klik le offerte dei supermercati 68 F ACADEMY Capitale garantito? Metti

9 PERSONE & SOCIETÀ 68 ETF 76 I portafogli di dicembre 80 CERTIFICATI Pescare il Bonus dell ultimo minuto PERFORMANCE RENDIMENTI ALTERNATIVI 86 REAL ESTATE MERCATO IMMOBILIARE Comprare la casa di montagna in Francia 88 INANZAONLINE.COM Il meglio del Forum 96 ABI 51 ACCENTURE 34 ALDRIDGE GREG 24 APPLE 24 APPLIX 24 BANCA ALETTI 82 BANCA IFIS 55 BANCA MEDIOLANUM 58 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA 46 BANCO POPOLARE 46 BOKOBZA ALAIN 76 BOSSI GIOVANNI 58 CARRARA ROBERTO 24 CARROTCORP 24 CHANPONGSANG TEERA 14 CHE BANCA! 55 COOK TIM 24 FIDELITY 14 FINECO 55 FLOW TRADERS 76 FONTANA RAVA EDOARDO 58 FRACASSI ALESSANDRO 68 GHIZZONI FEDERICO 46 GIULIANINI PAOLO 76 GOOGLE 24 ING DIRECT 55 ISHARES 76 KLIKKAPROMO.IT 68 KOESTERICH RUSS 76 M&G INVESTMENTS 24 MASSIAH VICTOR 46 MAZZONE LUCIANO 68 MICROSOFT 34 MUTUIONLINE 68 NOKIA 34 PAGE LARRY 24 PANELLA CARLO 58 PESCARMONA MARCO 68 RIM 34 SABATINI GIOVANNI 51 SABATO DANIELE 76 SAMSUNG 34 SAVIOTTI PIER FRANCESCO 46 SOCIÉTÉ GÉNÉRALE 76 SUAREZ THOMAS 24 UBI BANCA 46 UBS 83 UNICREDIT 58,76 VIGNI ANTONIO 46 WEBANK 58 09

10 BLOG REDDITO FISSO Banche, l'ingranaggio si è inceppato... A farne le spese sono piccole imprese e famiglie. La prospettiva è una crescita nulla, o quasi, per lungo tempo. Investire? Restano le corporate HANS STOTER head of credits di ING IM A lla luce delle problematiche legate alla crisi del debito, molti investitori stanno guardando con attenzione al settore bancario. Qual è la reale esposizione delle ziaria? Possono sopportare un default della Grecia? Hanno imparato dalla lezione del 2008? Sono domande ri- ziale rischio sistemico, ma anche per capire se le banche possano agire da ingranaggio per sostenere lo sviluppo le impatto di una crisi globale del settore bancario è necessario guardare attentamente i bilanci delle banche e le fonti potenziali di raccolta. DI HANS STOTER RISCHIO PAESI EURODEBOLI Nel breve termine le banche devono fronteggiare due problemi principali: la raccolta e l esposizione ai Paesi deboli dell'euro, che può essere diretta oppure indiretta, cioè tramite rapporti con altri istituti con elevate posizioni debitorie sui periferici e rischio di pesanti svalutazioni. In aggiunta, le banche stanno fronteggiando una recessione incombente che potrebbe portare a un aumento nel livello di incagli e sofferenze, sia sul fronte delle imprese sia delle famiglie. La profonda e complessa interazione all interno del sistema bancario può essere vista come un castello di carte: se un istituto fallisce il rischio è che possa collassare tutto il sistema. Di conseguenza, la scarsa trasparenza sull esposizione cia verso le banche e riporta al problema della raccolta. Un punto importante in questo periodo, dove è so l emissione di obbligazioni senior e bisogna ricorrere ai covered bond (obbligazioni garantite). In aggiunta, i prestiti interbancari, quando disponibili, sono sempre più onerosi e il costo per attrarre fondi dalle famiglie è in aumento. La Bce è consapevole di questo problema ed è disponibile a fornire liquidità alle banche, se necessario. Ma anche questo ha un costo L'interazione all'interno del sistema bancario è come un castello di carte: se un istituto fallisce il rischio è che possa collassare tutto il sistema Alla luce di quanto sopra, le banche sono sotto pressione in termini di pro- e dalla necessità di stanziare riserve per coprire eventuali perdite dovute al peggioramento nella qualità degli asset in portafoglio. E in tutto ciò non aiuta nemmeno il capitale delle banche, che dalla crisi del stanno rafforzando continuamente i coprirsi da potenziali eventi negativi. E per rispettare i parametri richiesti, le opzioni sono limitate. Ritengo che l ultima carta sarà la richiesta di supporto ai governi. Quindi mi aspetto una riduzione degli impieghi con contestuale aumento dei margini, un taglio dei costi, una diminuzione dei rischi e una spinta ai clienti per indirizzarli verso il mercato del debito. Il risultato è un ingranaggio inceppato che colpirà principalmente piccole e medie imprese e consumatori. SOLO LE GRANDI SOCIETA... Le società più grandi, con accesso al mercato del debito, subiranno impatti minori e potranno quindi continuare a coltà. Solo quelle più solide però potranno emettere obbligazioni. Per alimentare la crescita e ottenere credito a buon mercato, le piccole e medie imprese e i consumatori non potranno rivolgersi alle banche, una simile politica non è nel loro interesse. Attualmente gli strumenti più indicati per stimolare lo sviluppo sono le incentivazioni statali, come sussidi e piani di spesa. Purtroppo oggi i governi tendono maggiormente a focalizzarsi sull austerità piuttosto che sugli investimenti. La conclusione, quindi, è abbastanza desolante: una crescita nulla, o quasi, per un lungo periodo, to. Le opportunità di investimento, in un contesto giapponese come quello attuale, sono limitate. I corporate bond potrebbero essere una di queste. Un indicazione gli spread sui corporate giapponesi sono di gran lunga i più bassi al mondo! F 10

11 BLOG LETTURE Le malefatte impunite della f inanza "innovativa" Nell'avvicente cronaca di un famoso giornalista inglese la costruzione dell'enorme castello di strumenti derivati che ha portato alla più grave crisi dai tempi della Grande Depressione L'autore Nicholas Dunbar è uno dei maggiori giornalisti della rivista Risk, bibbia riconosciuta dell'industria dei derivati. pubblica il suo primo libro, Inventing Money: the story of Long-Term Capital Management and the legends behind it. Chi ha causato la più dai tempi della Grande Depressione? Perché la gente comune si Chi sono i banchieri innovativi che hanno messo in piedi un meccanismo da migliaia di miliardi sempre più complicato e inarrestabile (intascando che appartengono alla stretta attualità, dà una risposta il giornalista inglese Nicholas Dunbar nel suo ultimo libro: Quei diavoli di derivati. Bugie più controverso. Partendo proprio da derivati l autore offre diversi punti lettori/investitori, gettando luce sulle più grande dal dopoguerra. Nella sua analisi va oltre la semplice e piatta cronaca degli eventi degli si concentra piuttosto sulla Dopo il celebre libro Too big to fail - Il crollo dei giganti Ross Sorkin del New York Times, un altro giornalista racconta la storia come le principali banche d investimento abbiano inventato nuovi prodotti, di come gli investitori siano stati adulati autorità che avrebbero dovuto vigilare e garantire stabilità siano state invece a loro volta sedotte dalle ricompense e dai ritorni politici e di come gli speculatori siano riusciti a guadagnare cifre da ree di avere sostenuto prodotti come i che dilagarono in breve tempo in Europa. la stessa rispettabilità intellettuale della da un profondo pessimismo/realismo: fatta franca, sono rimaste impunite banche sono diventate ancora più grandi e i cambiamenti del sistema di prodotti strutturati incriminati non sono scomparsi. F NICHOLAS DUNBAR Quei diavoli di derivati. Bugie e segreti Egea pagine - 29,50 euro 11

12 BLOG Washington post Come potrebbe essere un' DI COLEMAN KENDALL Economista americano, è consulente di banche e istituzioni f inanziarie negli Stati Uniti, in Giappone, in Svizzera e in Italia. Vive a Washington. Come sarà l Italia del dopo-euro? Supponiamo che questa crisi (insuccesso del governo tecnico del prof. Mario Monti, nel corso del , a due diverse monete in Italia e Germania. La maggior parte degli analisti lo ritiene un esito ragionevolmente improbabile. L'obiettivo di questo articolo non è di fornire l ennesima analisi della situazione attuale, ma di ragionare su come l'italia potrebbe apparire a qualche mese dall introduzione della nuova moneta. Assisteremmo probabilmente a un periodo di crisi, sia prima sia dopo, e probabilmente a una svalutazione del debito pubblico italiano Ma io vorrei concentrarmi su chi saranno i vincitori e i perdenti una volta che le acque si saranno calmate. Lo scenario di base è che il nuovo assestamento monetario comporterebbe una svalutazione della moneta italiana rispetto a quella adottata dai Paesi del Nord certo numero di banche (in Italia come all intervento pubblico. Non appena la moneta italiana dovesse indebolirsi i prezzi in Italia salirebbero, ma dopo la crisi l Italia diventerebbe più competitiva; d altro canto gli italiani troverebbero più cari i beni provenienti dalla Germania e dagli altri Paesi. Anche se ho spesso occasione di venire in Italia, non conosco la situazione competitiva nelle diverse industrie; non scriverò quindi di singole aziende, ma proverò invece a tratteggiare ciò a cui l'economia italiana potrebbe assomigliare una volta che la situazioen sia tornata alla normalità. Siccome ci sono buone probabilità che la crisi evolva in maniera molto diversa da quanto io potrei aspettarmi, gli investitori che prendono in considerazione queste mie idee dovrebbero seguire molto attentamente gli eventi prima di prendere quasiasi posizione. In particolare esiste il pericolo di una possibile guerra commerciale, con l'approvazione da parte dell'italia o di altri Paesi di qualche tipo di legislazione che ostacoli gli scambi internazionali come risultato della controversia sullo smembramento dell'eurozona. In questo caso ci sarebbero più perdenti che vincitori. Senza quel tipo di norme ecco chi potrebbero essere vincitori e perdenti: VINCITORI - Le aziende italiane capaci di sopravvivere alla crisi. Le aziende subiranno una notevole di accesso al credito dal momento che le italiane hanno imparato ad affrontare queste situazioni nelle molte svalutazioni dell'epoca pre-euro, e per quelle che sapranno Tramonto su Maastricht 12

13 BLOG Italia fuori dall'euro adeguarsi rapidamente ci saranno grandi opportunità. Due tipi di aziende italiane concorrenti di imprese tedesche e le Made in Italy che effettivamente producono in Italia. I consumatori italiani che vorranno comperare per esempio un elettrodomestico si accorgeranno che le marche tedesche saranno diventate più care, e i consumatori stranieri si "butteranno" sui prodotti italiani. Anche per i prodotti agricoli italiani le cose dovrebbero andare bene (di fatto i costi sono industrie che utilizzano lavoro e beni italiani. Le aziende che importano i loro materiali o che esternalizzano le loro produzioni avranno - L'industria turistica e gli stranieri che virtù dei costi più bassi. Anche se è probabile la concorrenza di altri Paesi che avranno anch'essi svalutato, come la Grecia, l Italia è una meta turistica straordinariamente d'albergo o un tavolo nei ristoranti più noti. PERDENTI - Aziende italiane che delocalizzano o i cui costi sono fuori dall'italia, e aziende tedesche o comunque straniere che vendono in Italia. Queste imprese soffriranno di svantaggi competitivi in termini di costi che richiederanno diversi anni di sforzi per essere superati. Alcune stime (per loro natura tedesco calerebbe del 20% se l Eurozona cadesse in pezzi. Purtroppo questo è un gioco a somma negativa: non ci sono altri Paesi il cui Pil invece crescerebbe in misura equivalente; tutti saranno un po' più poveri. - L'edilizia probabilmente soffrirà dal momento che il mercato dei mutui termine a bassi tassi d interesse; con meno e pressioni al ribasso sui prezzi delle costruzioni. Si ridurranno i prestiti e gli mondo. Tutti gli europei se la passerebbero meglio se i loro leader trovassero il modo di far funzionare il sistema monetario attuale, sia sia con una qualche sorta di garanzia sul debito dei Paesi periferici. Ma l eventualità di una disgregazione dell Eurozona esiste e tutti gli investitori dovrebbero pensare a un piano F F comprendono alcune dinamiche industriali meglio di me. Spero che, avendo io dato loro una base di partenza, possano preparare i piani futuri per il caso in cui questo terribile esito non possa essere evitato. F 13

14 BRIC & C MERCATI EMERGENTI Indonesia, Jakarta 14 IDEE DI INVESTIMENTO Asia, cercare opportunità nei nuovi (veri) emergenti Il favore di trend strutturali solidi. Popolazione giovane. Livello dei consumi ancora contenuto. Quali Paesi rispondono a questi requisiti in un area che mantiene grandissime potenzialità DI ALESSANDRO PIU I n principio c era la Cina e c erano quattro Tigri asiatiche. Taiwan, Corea del Sud, Hong Kong e Singapore si sono messe in Novanta per gli elevati tassi di crescita. Dietro di loro altre economie di minori dimensioni si mostravano molto dinamiche: Malesia, Indonesia, Filippine, Thailandia. Oggi sono soprattutto queste ultime a poter rientrare nei asiatiche mentre le prime quattro hanno raggiunto un grado di sviluppo più vicino a quello delle econo- minciare dall India, per proseguire con Bangladesh, Pakistan, Vietnam, questo motivo, nonché per la distan- - La chiave per identif icare l Asia emergente, secondo la mia prospettiva, è in primo luogo il basso Pil pro capite concetto di Asia emergente e spesso non sono più. I PARAMETRI DELLO SVILUPPO Teera Chanpongsang, gestore del fondo FF Emerging Asia di Fidelity Worldwide Investment, è la persona adatta a inquadrare questo dominio. F lo ha intervistato rivolgendogli alcune domande proprio condo la mia prospettiva spiega Chanpongsang - è in primo luogo l avere un basso Pil pro capite. vediamo che l India raggiunge la soglia dei mille dollari, la Cina è a quota 3.500, Corea del Sud e Taiwan si aggirano sui dol- noverate tra quelle emergenti. Ancora più elevato, secondo le rileva- nale, è il Pil pro capite sviluppato da Hong Kong e Singapore, nel se-

15 IL FABBISOGNO DI INFRASTRUTTURE Capacità energetica MW per milione di persone USA Taiwan Giappone Regno Unito Paesi industrializzati Paesi Asia Emergente Fabbisogno di infrastrutture = Elevata spesa pubblica Corea Malesia Cina Thailandia Filippine Indonesia India Fonte: CLSA, OTTOBRE 2011 condo caso superiore addirittura a quello di Regno Unito e Germania. Il secondo parametro considerato dal gestore di Fidelity è il grado di mo e delle infrastrutture. A Taiwan e in Corea del Sud tutti hanno un frigorifero a casa, come negli Stati Uniti o nel Regno Unito. In India elettrodomestico si ferma al 4%, in di Internet è solo al 15% in India e al 35% in Cina contro il 65% o più di Stati Uniti, Regno Unito, Corea e Taiwan. Se consideriamo motociclette, automobili, telefoni cellulari stesso vale per i consumi di energia Asean countries. Una suddivisione che non è solo geografica. Tra i diversi aggregati ci sono diffe- - tracciamo una linea che da sinistra a destra indica il grado di pene- osserva Chanpongsang trove- seguite dall India, poi la Cina e to riguarda le infrastrutture è invece la Cina a prevalere e a trovarsi nella parte più a destra del nostro asse. Seguono Malesia e Thailandia, India, Indonesia, Filippine e, frontiera. Una suddivisione che non è solo formale ma che rappresenta un vantaggio per tutta la macroarea. Favorisce, infatti, lo sviluppo dei commerci interni. Non economie asiatiche dalle esporta- corso degli anni. Prendiamo per esempio il turismo e facciamo un confronto tra 2000 e 2011: Il turismo interno all area è aumen- questo lasso di tempo mentre il turismo proveniente dall esterno è cresciuto soltanto di Se interne all area, si è passati dai 5 miliardi di dollari del 1990 ai 100 miliardi del In termini percentuali la quota sul totale è sali- LA MAPPA RAGIONATA DELLO SVILUPPO ASIATICO Oggi possiamo considerare l Asia emergente chiarisce Chanpongsang suddivisa in tre parti. dionale e in particolare l India. Infine c è il gruppo degli Asean countries che comprende Thailandia, Filippine, Malesia e Indo- Pakistan, che in futuro entreranno a far parte del gruppo di mercati dell Asia meridionale, e il Vietnam, destinato a unirsi agli DOVE I CONSUMI DOMESTICI PESANO DI PIU 71,6 Quota del Pil (in %) 57,2 56,7 53,7 48,0 33,8 Filippine India Indonesia Thailandia Malesia Cina Fonte: CLSA, OTTOBRE

16 BRIC & C MERCATI EMERGENTI FATTORE DEMOGRAFICO: L ASIA GIOVANE A CONFRONTO CON IL VECCHIO GIAPPONE Asia emergente nel 2010 Giappone nel Popolazione di età inferiore a 25 anni: 43% Popolazione giovane Forza lavoro in crescita = Ascesa della classe media Popolazione di età inferiore a 25 anni: 23% Maschio milioni Femmina milioni Fonte: CLSA, Dipartimento Affari Sociali ed Economici delle Nazioni Unite, Divisione popolazione 2011.World Population Prospects: The 2010 Revision. L Asia emergente comprende Cina, India, Indonesia, Malesia, Thailandia e Filippine ta dal 20% al 30%. E c è ancora tanta strada da fare se in Cina ci - occidentali è evidente. UNA POPOLAZIONE GIOVANE Un altro vantaggio dell Asia emergente è avere, in generale, una po- persone delle quali 1,4 miliardi con il gestore di Fidelity: Il 43% della confronto, in Giappone è giovane - - e produrre gli iphone e gli ipad, in altri termini a produrre Pil. In tal modo cominciano ad avere dei soldi in tasca e a comprare prodotti come cosmetici, telefoni cellulari e quindi a sostenere i consumi interni. Nelle Filippine i consumi interni sono oggi pari a circa il 72% del Pil. In India, Indonesia e Thailandia la percentuale è del 55%. - è evidente. L OPPORTUNITÀ ASIATICA - meraviglie di Alice. E, soprattutto, non fa parte di un altro pianeta. Di - no ancora un peso e quindi non potranno non avere un impatto, E tuttavia anche un rallentamento La volatilità dei mercati emergenti è spesso ritenuta dagli investitori come un tratto caratteristico di queste aree. Una percezione non sempre corretta economico globale non sarebbe così negativo per l Asia emergen- così forti come in passato proprio lentamento del mondo occidentale, cioè di Europa e Stati Uniti, o addirittura una nuova recessione, come quello cinese e indiano negli ultimi 12 mesi. Tuttavia le ridotte - leva dei tassi di interesse per stimolare l economia. Bisogna infatti considerare che i tassi di interesse sono all 8,5% in India, al manovra, quello che non c è negli ridotti ai minimi termini (0,25% ndr). Se poi prendiamo in conside- sottolinea Chanpongsang il li- 16

17 MERCATI EMERGENTI BRIC & C vello dei Paesi dell Asia emergente è nettamente migliore rispetto a quello dei paesi più sviluppati. di Fidelity. Se si osservano le va- e utili) o di price to book ratio netto), ci si accorge di quanto questi indicatori siano scesi a causa dall Europa. Ci troviamo attualmente a livelli molto vicini a quelli toccati in occasione della crisi se- thers. Sono convinto che questo di acquisto. Anche se l impatto di questi problemi può essere limitato, come abbiamo visto, i merca- dalla crisi dell Europa nel breve termine e le tensioni del Vecchio continente sul problema del de- mercati asiatici. Nel medio e lungo termine invece confido che l Asia VOLATILITÀ E RISCHIO è spesso ritenuta dagli investitori come un tratto caratteristico di queste aree. Per Teera Chanpongsang si tratta in buona parte di una per- un periodo di tre anni, la combina- abbassa decisamente il rischio e la singolarmente hanno una volatili- si può vedere che se per esempio il nostro fondo FF Emerging Asia 2% superiore rispetto all Europa, il rendimento che si può ottenere è invece decisamente superiore e compensa ampiamente quel 2% di F Focus sulle piccole società che crescono rapidamente Teera Chanpongsang è il gestore del fondo FF Emerging Asia Fund (Fidelity Worldwide Investment) che investe su titoli azionari di società quotate sui mercati emergenti asiatici. Un terzo del fondo è dedicato a società cinesi, un terzo a società indiane e un terzo ai paesi Asean (Indonesia, Malesia, Thailandia, Filippine). D: Come procede nella costruzione del portafoglio di investimento? Parto dalla scelta e dall analisi delle singole azioni supportato dalla struttura di ricerca proprietaria di Fidelity. Il mio è un approccio bottom-up. Per ogni singolo titolo vado a visitare l azienda, gli impianti del gruppo, parlo con i top manager. Vado anche a vedere cosa fa la concorrenza. Poi della compagnia, se questo potenziale è sottostimato dal mercato, valuto che possibilità ci sono di sorprese positive presentano delle potenzialità di ristrutturazione molto elevate D: Ci sono preclusioni o preferenze per compagnie growth o value oppure di piccole o grandi dimensioni? In generale vediamo maggiori opportunità nelle azioni di società a piccola e media capitalizzazione. Nell Asia emergente, inoltre, si trovano ancora grosse opportunità di crescita e pertanto il portafoglio tende ad essere costituito in maggior misura da azioni growth. La scelta però, lo ripeto, parte dalla singola azione, non dal Paese, non dal settore, non dalla tipologia. D: Che contributo dà ogni singola nazione al portafoglio d investimento? Tenendo presente quanto appena detto, in generale nei Paesi più sviluppati come la Malesia abbiamo una maggiore presenza di aziende che producono un ottimo rendimento attraverso la distribuzione dei dividendi come per esempio le società di telecomunicazioni. In Indonesia abbiamo banche che producono non è così: infatti sul comparto bancario cinese sono sottopesato. D: Quale dovrebbe essere la quota di un portafoglio dedicata all Asia emergente? Nell Asia emergente ci sono e continueranno a esserci delle la costruzione di portafogli d investimento sia fatta con l aiuto di consulenti professionisti. Allo stato attuale si può osservare che solidi trend di crescita che caratterizzano l Asia emergente. 17

18 PRIMO PIANO PATRIMONIALE Dove può colpire la tassa sulla ricchezza Se ne parla, ci si scontra tra favorevoli e contrari. Ma importante è capire che tipo di imposta sia e come potrebbe essere applicata, anche alla luce delle esperienze estere VDI LORENZO RAFFO dell estate? Presto o tardi scomparivano. Il tormentone del mondo finanziario non sembra invece destinato a dileguarsi. Si chiama patrimoniale. Da qualche mese ogni giorno c è chi la propone come unica soluzione ai problemi di debito dell'italia e chi la rifugge interpretandola come un colpo definitivo a capacità e volontà di risparmiare degli italiani. Di certo sarà un tema che ci affliggerà ancora per molto tempo, in quanto materia da sempre oggetto di scontro e di confronto politico e mediatico. A F queste battaglie non interessano se non per l'esito potenziale sui patrimoni dei lettori. Ma di notevole importanza, per chiunque abbia un capitale piccolo o grande che sia è capire cosa s intende con il termine patrimoniale e quali potrebbero essere le sue applicazioni concrete, alla luce anche di quanto già realizzato in altri Paesi. UN IMPOSTA CHE COLPISCE LA DISPONIBILITÀ I modi per definire la patrimoniale possono essere molti. Uno sufficientemente tecnico ma non troppo complesso la sintetizza così: si tratta di un imposta che non grava sui redditi, ma sulla "disponibilità" di ricchezza che fa capo a ogni persona. Può colpire una singola componente del patrimonio (per esempio gli immobili) oppure il suo insieme, escludendo evidentemente i beni di cui è difficile accertare il possesso: tipici i lingotti d oro, i gioielli e il denaro in contanti. Inoltre può essere ordinaria o straordinaria, ovvero avere una cadenza an- MA QUESTA STANGATA È GIÀ DECISA: QUANTO SI PAGHERÀ DA GENNAIO SUI CONTI TITOLI VALORE NOMINALE O DI RIMBORSO DEL PATRIMONIO IMPOSTA DI BOLLO FINO AL 2012 IMPOSTA DI BOLLO DAL 2013 Fino a ,20 34,20 Da a ,00 230,00 Da a ,00 780,00 Oltre , ,00 18

19 È :È LA SOLUZIONE PER I TEMPI DIFFICILI Lo dimostra la storia. Quando i cicli economici si raffreddano»»»» I MOTIVI DI CHI SI OPPONE LE RAGIONI DI CHI È FAVOREVOLE PRIMO PIANO nuale (in questo caso il tasso di prelievo è minore) o occasionale (con un importo inevitabilmente maggiore). Chi ha avanzato proposte di introduzione di un'imposta del genere in Italia ha pensato soprattutto alla seconda ipotesi, con la logica di ridurre l importo del debito pubblico, notoriamente fra i più alti al mondo. C È CHI DICE: MA ESISTE GIÀ Gli oppositori sostengono che una patrimoniale già esiste in Italia e che grava sugli immobili. E l Ici, l'imposta comunale introdotta nel 1993, e che dal 2013 sarà sostituita con l Imu (Imposta municipale unica). E aggiungono: sono applicate anche l imposta di successione sebbene fortemente attenuata e l imposta di registro per la compravendita degli immobili. In realtà tutte e tre incidono poco sul patrimonio globale, perché prevedono esenzioni e agevolazioni, e sono anche in parte eludibili. Un esempio? Dato che l Ici non riguarda le prime case, molti coniugi tengono la residenza in abitazioni diverse (un caso abbastanza comune: il marito l ha nella casa di città e la moglie in quella al mare), evitando così di pagare l'imposta. So- 19

20 PRIMO PIANO stenere quindi che una patrimoniale esiste in Italia appare un po forzato. IN FORMATO MINI ADOTTATA PER LA FINANZA Diverso invece il caso dei patrimoni detenuti nell ambito finanziario. Se fino a oggi hanno goduto di un trattamento agevolato, rispetto a quanto avviene nella maggior parte dei Paesi europei (l esempio più significativo riguarda l aliquota sulle rendite, per lungo tempo rimasta al 12,5%) dal primo gennaio 2012 subiranno un forte incremento dei prelievi fiscali, con lo scatto della stessa aliquota al 20%, salvo per i titoli di Stato, e una vera e propria stangata per i conti di deposito I più colpiti dall'aumento dell'imposta di bollo saranno i detentori di patrimoni della fascia media, da 150 mila a euro titoli, che vedranno aumentare l imposta di bollo da 34,2 euro a 680 euro il primo anno nel caso dei grandi patrimoni (oltre euro), per passare a euro nel I più colpiti saranno però i detentori della fascia media, ovvero da a euro, che inspiegabilmente dovranno subire dal 2012 al 2013 un incremento di oltre tre volte, mentre il segmento superiore lo subirà solo di 1,6 volte. Proprio questo caso è la conferma del timore di chi si oppone alla patrimoniale: in altre parole, che essa sia decisa con la classica improvvisazione all italiana, colpendo di più certe fasce di cittadini rispetto ad altre. Sempre in campo finanziario vi sono le disparità di trattamento evidenti fra chi detiene capitali all estero in maniera legale e chi non li ha dichiarati o chi li ha rimpatriati godendo dello scudo fiscale e delle sue agevolazioni. NON HO PROBLEMI, E INTANTO EVADO!" F Che ne pensa della patrimoniale? - E come andrebbe applicata? Così facendo si colpirebbero anche famiglie dei ceti meno abbienti. Ha senso? - Nel suo caso quanto inciderebbe la patrimoniale? SERVE A CHE COSA? LA CONFUSIONE È TANTA Se si confrontano le opinioni in merito agli obiettivi per i quali una patrimoniale potrebbe essere adottata si verifica un assoluta diversità di posizioni. Per alcuni questa imposta, quando applicata straordinariamente, costituisce un prelievo occasionale deciso in condizioni di emergenza. Mai come in questo momento sempre secondo questa linea di pensiero - ce n'è bisogno, non tanto per ridurre il debito pubblico, quanto per finanziare lo sviluppo e favorire la ripresa. No sostengono altri sarebbe questa una scelta errata, poiché lo scopo di un imposta eccezionale consiste nell abbattere il debito. Non si può pensare di colpire il risparmio privato se non si pongono le condizioni perché esso stesso ne tragga indirettamente un vantaggio. Oggi una parte consistente dei risparmiatori ha titoli di Stato massacrati nella valorizzazione dalla crisi dei Paesi mediterranei e quindi anche dell Italia. Se s imponesse un prelievo a favore della riduzione dei deficit pubblici l effetto positivo sarebbe immediato per i titoli di Stato e quindi si tornerebbe a investire su di essi, con un duplice van- 20

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

Immobiliare, asset class vincente

Immobiliare, asset class vincente I MERCATI INTERNAZIONALI DEL REAL ESTATE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche che valutano le alternative di impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale Cos è l Oro? 1. L oro è il metallo più prezioso, è sinonimo di ricchezza ed eccellenza. 2. L oro non dipende dai governi. 3. L oro non è tassato. 4. L oro non ha scadenza e non si deteriora. 5. L oro non

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079 Economia Aziendale Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli Nº matricola: 708079 Corso A-D 2014-2015 Fonte: IL SOLE 24 ORE: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-07/

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010

PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010 PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010 2 CRESCITA ECONOMICA ANCORA LIMITATA Dopo due anni di recessione, il 2010 ha mostrato delle variazioni positive del PIL in quasi tutti i principali paesi

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan Ben S. C. Fung (+852) 2878 718 ben.fung@bis.org Robert N. McCauley (+852) 2878 71 robert.mccauley@bis.org Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan La domanda di depositi

Dettagli

22-gen-2015. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00):

22-gen-2015. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): 22-gen-2015 Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): Giappone (Nikkei225): +0,28% Australia (Asx All Ordinaries): +0,43% Hong Kong (Hang Seng): +0,60% Cina (Shangai) +0,59% Singapore (Straits Times) +0,54%

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

IL PIANO DI RISPARMIO ATTIVO CHE UNISCE PROTEZIONE E PERFORMANCE FINANZIARIA.

IL PIANO DI RISPARMIO ATTIVO CHE UNISCE PROTEZIONE E PERFORMANCE FINANZIARIA. IL PIANO DI RISPARMIO ATTIVO CHE UNISCE PROTEZIONE E PERFORMANCE FINANZIARIA. PERCHÉ ACCONTENTARSI? Il mercato oggi offre soluzioni sempre più interessanti e innovative, alla portata di tutti. Dal telefono

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli