Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo , prof.ssa Viola Macchi Cassia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia"

Transcript

1 Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione)

2 GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV. EMOTIVO-RELAZIONALE SV. SOCIALE SV. MORALE

3 LA COMPLESSITA DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema comunicativo molto complesso, e di conseguenza è complesso il suo studio, e in particolare lo studio del suo sviluppo. Molteplicità dei livelli di analisi Molteplicità di proprietà e funzioni

4 I LIVELLI DI ANALISI DEL LINGUAGGIO! La composizione e le funzioni del linguaggio! Suono! >>> Fonologia! Lessico (le categorie di parole)! Significato! >>> Semantica! Morfologia!! Sintassi! Grammatica! (forma + combinazione delle parole) Contesto! >>> Pragmatica! Funzioni comunicative! Conversazione! Discorso!

5 LE PROPRIETA DEL LINGUAGGIO! Referenzialità! I segni linguistici si riferiscono ad oggetti ed eventi esterni al linguaggio stesso.! Arbitrarietà! La relazione tra suoni e significati è arbitraria: il significato non può essere ricavato dalla forma del suono, pertanto deve essere appreso e trasmesso culturalmente.! Creatività/Produttività! Chi parla una lingua può produrre un numero infinito di messaggi combinando tra loro un numero finito di unità base di quella lingua.! Autoreferenzialità! Il linguaggio è un codice (sistema di segni) che rimanda a se stesso, è autonomo e autosufficiente (può spiegare i propri significati attraverso espressioni linguistiche complesse).!

6 Lo sviluppo del linguaggio! Il linguaggio è una capacità unicamente umana che corrisponde alla più straordinaria conquista del bambino nei primi anni di vita.! Le domande:! Quando e come i bambini imparano a segmentare il flusso continuo di suoni e a produrre correttamente i suoni corrispondenti alle parole?! Come fanno a capire che i suoni si riferiscono ad aspetti della realtà! Quando e come imparano le parole e i modi per combinarle in sequenze per poter generare frasi nuove! Gli approcci allo studio dello sv. del linguaggio! Ø Complessità! Ø Precocità dell acquisizione! Ø Spontaneità dell acquisizione! Ø Il fatto che è presente solo! nell uomo! Rendono lo sv. linguistico un ambito privilegiato per la controversia natura/ cultura!

7 Lo sviluppo del linguaggio! Lo sviluppo fonologico >>> produzione dei suoni linguistici Pianto >> vocalizzazioni >> parole! Lo sviluppo lessicale >>> produzione delle parole e costruzione!!! del vocabolario Protoparole >> parole >> esplosione del vocabolario! Lo sviluppo morfosintattico >>> costruzione delle frasi Uso dei suffissi e prefissi (singolare/plurale, maschile/femminile, coniugazione verbi) Combinazioni di parole secondo le regole della propria lingua!

8 Lo sviluppo del linguaggio! La competenza linguistica:!la capacità di trasmettere contenuti di conoscenza sufficientemente differenziati e articolati, di produrre messaggi in funzione dei propri scopi comunicativi! si sviluppa prima di! Capacità comunicativa Linguaggio La competenza comunicativa:!la capacità di utilizzare le modalità comunicative e linguistiche più appropriate agli obiettivi del parlante, alle caratteristiche dell interlocutore, al contesto sociale e al contenuto della comunicazione per realizzare i propri intenti conoscitivi e sociali.!

9 Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (1)! Dipende da predisposizioni biologiche Acquisizione del linguaggio Dipende dall acquisizione di conoscenze condivise dalla cultura di appartenenza Dipende dallo sviluppo cognitivo Acquisizione del linguaggio Dipende dallo sviluppo sociale

10 Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (2)! Il rapporto tra linguaggio e pensiero è bidirezionale:! Ø Quali sono i prerequisiti cognitivi che consentono l apprendimento del linguaggio? Cognizione >> Linguaggio! Ø In che modo il linguaggio influisce sul pensiero, sulle capacità cognitive e comunicative? Il linguaggio consente la formazione di livelli di conoscenza e di adattamento all ambiente specifici? Linguaggio >> Cognizione!

11 Le questioni centrali per lo sviluppo del linguaggio (3)! Ø Complessità! Ø Precocità dell acquisizione! Ø Spontaneità dell acquisizione! Ø Il fatto che è presente solo! nell uomo! Rendono lo sv. linguistico un ambito privilegiato per la controversia natura/cultura!! Nell architettura neuro-cognitiva dell essere umano esiste un intrinseca capacità di produrre e di comprendere il codice linguistico?!! Approccio associazionista! Approccio innatista! Approccio costruttivista!

12 Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio! v Approccio associazionista (Skinner, anni 50).!!Il linguaggio è appreso grazie ai medesimi meccanismi che presiedono!ad ogni altra forma di apprendimento (imitazione, rinforzo).! v Approccio innatista (Noam Chomsky, posizione attuale).!!tutti i linguaggi umani sono caratterizzati da regole specifiche e comuni!(verbo, oggetto, soggetto; parole costruite combinando i suoni e parole!combinate in frasi).!!principi universali innati che diventano attivi quando maturano i circuiti!cerebrali ad essi corrispondenti!!+!!parametri con range di valori possibili prefissati tra cui il bambino sceglie.!!!e la Teoria della modularità >> il linguaggio viene acquisito e mantenuto!grazie ad una speciale facoltà che è indipendente dalle altre!facoltà!!della mente e del cervello.!!!>> Discontinuità filogenetica: il linguaggio è il risultato di un improvvisa!mutazione che ha portato all emergere di una nuova abilità complessa.!

13 Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio! La teoria di Chomsky spiega ü Perché si impara a parlare in maniera rapida ü Perché le tappe dello sviluppo linguistico sono le stesse in tutte le culture e le classi sociali ü Perché il bambino è in grado di produrre e capire espressioni mai sentite in precedenza (creatività) ü Perché il linguaggio che il bambino produce è più ricco di quello a cui è stato esposto

14 Le posizioni classiche sullo sviluppo del linguaggio! Approccio costruttivista (cognitivo-funzionalista) (Elisabeth Bates, anni 90, oggi).! Le abilità e le conoscenze linguistiche si sviluppano grazie all integrazione e ricombinazione di sistemi neurali e mentali diversi, che esistono anche in altre specie e che svolgono anche funzioni non linguistiche.!! Il linguaggio è acquisito e mantenuto attraverso processi mentali/neurali che condivide con altri domini percettivi, cognitivi e affettivi.!! >> continuità filogenetica: il linguaggio si è evoluto gradualmente da abilità preesistenti. Le componenti del linguaggio sono presenti nei primati non umani.!

15 Le fasi dello sviluppo comunicativo e linguistico! 1 anno >> COMUNICAZIONE prelinguistica --> linguistica 2 anno >> comprensione e produzione delle prime PAROLE 3-4 anno >> dalle parole alle FRASI: l acquisizione della GRAMMATICA e la competenza linguistica Età scolare >> la consapevolezza METALINGUISTICA e la competenza comunicativa

16 Dalla comunicazione prelinguistica alle parole! Non si può parlare di sviluppo del linguaggio senza inserirlo all interno di una più ampia CAPACITA COMUNICATIVA Lo sviluppo comunicativo pre-linguistico precede e prepara la comparsa del linguaggio, attraverso l evoluzione di espressioni e gesti comunicativi l evoluzione dei suoni che il bambino produce spontaneamente in suoni dotati di significati = parole

17 l primi mezzi di comunicazione non verbale! L espressione facciale delle emozioni: il SORRISO! I suoni non-comunicativi:! il PIANTO,! le VOCALIZZAZIONI! I gesti:! INDICAZIONE e SGUARDO!

18 l primi mezzi di comunicazione non verbale: le espressioni emotive! Il sorriso Endogeno (riflesso) Esogeno Selettivo, Strumentale nascita! 2 mesi! 3 mesi! tempo!

19 l primi mezzi di comunicazione non verbale: i suoni non linguistici! Le tappe dello sviluppo fonologico! 0-1 mese Suoni di natura vegetativa Pianto (emissione vocale inarticolata; di fame, di dolore, di irritazione) Sbadigli, ruttini, gorgoglii 2-6 mesi Vocalizzazioni Si inseriscono tra i turni verbali del genitore (proto-conversazioni) 6-7 mesi Lallazione canonica Il bambino produce sequenze consonantevocale con le stesse caratteristiche delle sillabe, ripetute più volte (i.e. baba gaga) Prime emissioni vocali articolate. NESSUNA INTENZIONALITA COMUNICATIVA L intenzionalità comunicativa si verifica quando l emissione di un messaggio è finallizzato al raggiungimento di un obiettivo, e controllato.

20 l primi mezzi di comunicazione non verbale: lo sguardo e l attenzione condivisa! Dalla nascita e nei primi mesi di vita gli OCCHI sono la porzione del volto che attrae maggiormente l attenzione dei bambini.! 2287 ms! 507 ms! Grazie a questa sensibilità si costruiscono le interazioni DIADICHE (interazioni faccia-afaccia): il comune oggetto d attenzione è l altro.!

21 l primi mezzi di comunicazione non verbale: l indicazione e l attenzione condivisa! Successivamente (5 mesi) il gesto dell indicazione (pointing) viene usato insieme allo sguardo per dirigere l attenzione dell interlocutore verso un oggetto di interesse comune. --> nascono le interazioni triadiche (adulto + bambino + oggetto): il focus dell attenzione congiunta è il mondo esterno Nasce l intenzionalità comunicativa

22 l gesti e l emergere dell intenzionalità comunicativa! Rispetto ad altre azioni i gesti comunicativi vengono prodotti a distanza e non implicano nessun contatto con il destinatario della comunicazione. Sono sempre accompagnati dallo sguardo che viene rivolto alternativamente verso il bersaglio e verso il destinatario. Manifestano un intenzionalità comunicativa. Ne esistono di diversi tipi, di complessità crescente

23 I gesti comunicativi (+ sguardo)! Gesti DEITTICI, o performativi (dai 6.8 mesi) Esprimono un intenzione comunicativa e si riferiscono ad un oggetto-evento che si può individuare osservando il contesto (es.: stendere le braccia in alto; aprire e chiudere ritmicamente il palmo della mano; indicare) Sono utilizzati con finalità comunicative di complessità crescente: Gesti RICHIESTIVI 8-9 mesi Il b. chiede l intervento dell adulto per raggiungere uno scopo Gesti DICHIARATIVI mesi Il b. chiede l attenzione dell adulto per condividere l interesse per un aspetto della realtà (indicazione + vocalizzazione/ espressione facciale che fa da commento)

24 I gesti comunicativi (+ sguardo)! Forme di comunicazione RICHIESTIVE Forme di comunicazione DICHIARATIVE Mirano a influenzare il COMPORTAMENTO degli altri (l adulto deve fare qualcosa) L uso delle forme richiestive è possibile, oltre che nell infante umano, anche in altre specie animali e nei bambini autistici. Mirano a influenzare gli STATI MENTALI degli altri (l adulto deve condividere con il bambino l interesse per qualcosa) L uso delle forme dichiarative richiede una prospettiva RAPPRESENTAZIONALE

25 I gesti comunicativi (+ sguardo)! Gesti REFERENZIALI, o rappresentativi Esprimono un intenzione comunicativa e rappresentano un referente specifico. Il loro significato cioè non varia in funzione del contesto. (es.: salutare con la mano, fare no con la testa, nominare un oggetto attraverso i gesti) Hanno origine sociale, nascono all interno di routine sociali o di giochi con l adulto e vengono appresi per imitazione.! Fanno da ponte per l apprendimento del linguaggio perché hanno natura convenzionale, ma hanno portata esplicativa limitata per la loro natura iconica.!

26 La nascita dell INTENZIONALITA COMUNICATIVA! Come si sviluppa l intenzionalità comunicativa? L intenzionalità comunicativa si verifica quando l emissione di un messaggio è finalizzato e controllato. 0-8 mesi Preintenzionale 8-12 mesi Intenzionale 12+ Linguistica Il bambino cerca di afferrare un oggetto senza mai guardare la mamma Il bambino indica un oggetto guardando il padre ed emettendo dei suoni La bambini dice ripetutamente cotto, per ottenere dalla mamma un biscotto

27 La nascita dell INTENZIONALITA COMUNICATIVA! L intenzionalità comunicativa è resa possibile da: Abilità cognitive (Piaget) Distinzione mezzi-fini (sviluppo sell intelligenza sensomotoria, 8-12 mesi) Dalle forme richiestive alle forme dichiarative. Abilità sociali (Bates) Consapevolezza dell efficacia dei propri segnali comunicativi. Ruolo dell adulto che interpreta i segnali ( come se ) e attribuisce loro un significato condiviso.

28 Dai gesti comunicativi alle prime parole! I gesti vengono progressivamente sostituiti dalle parole. All aumentare del vocabolario diminuisce il numero di gesti prodotti, fino a quasi scomparire quando il bambino possiede un vocabolario di circa 50 parole. Relazione tra repertorio gestuale e vocale nello sviluppo Periodo in cui il bambino usa gesti referenziali Comparsa delle prime parole Periodo in cui il vocabolario raggiunge le 50 parole Diminuzione dell uso di gesti referenziali

29 0-1 mese Dai suoni non linguistici alle prime parole! Le tappe dello sviluppo fonologico! Suoni di natura vegetativa Pianto (emissione vocale inarticolata; di fame, di dolore, di irritazione) Sbadigli, ruttini, gorgoglii 2-6 mesi Vocalizzazioni Si inseriscono tra i turni verbali del genitore (proto-conversazioni) 6-7 mesi mesi Lallazione canonica Lallazione variata Il bambino produce sequenze consonantevocale con le stesse caratteristiche delle sillabe, ripetute più volte (baba, gaga) Prime emissioni vocali articolate. Il bambino produce sequenze sillabiche complesse, variate (i.e. baga). Primi suoni con caratteristiche analoghe a quelle della lingua di appartenenza.

30 Dai suoni non linguistici alle prime parole! Le ricerche più recenti evidenziano come il bambino!utilizzi, nel formare le prime parole, le sequenze!fonetiche già sperimentate nella lallazione, e sottolineano una CONTINUITA tra la produzione dei primi suoni! e le prime vere parole.! lallazione tatata parola tata = bambino PROTOPAROLE (12 mesi) am am = quando la mamma porta da mangiare

31 Lo sviluppo lessicale! Compaiono in media tra gli 11 e i 13 mesi! (circa 10 parole a 12 mesi).! Fase del lessico emergente Fase della! esplosione! del vocabolario! mesi circa mesi circa L ampiezza del vocabolario si attesta in media sulle 50 parole Brusca impennata nell accrescimento di nuove parole: 5-40 parole alla settimana. Compaiono le parole-contenuto (verbi, aggettivi), parole-funzione (pronomi,articoli )

32 Le prime parole: la fase del LESSICO EMERGENTE!! Ø Le prime 50 parole si riferiscono a persone e oggetti familiari, azioni abituali, servono a interagire con le altre persone (ciao, no, bravo).! Ø Sono NOMI concreti, riferiti ad elementi dell ambiente di facile individuazione (no articoli, pronomi).! Ø Sono legate a specifici contesti e sono parte integrante delle azioni in corso. Riferite a oggetti specifici e usate per commentare o descrivere quello che sta succedendo.! Hanno carattere NON-REFERENZIALE.!

33 Le prime parole: la fase del LESSICO EMERGENTE! Ø Le prime parole vengono apprese in contesti interattivi, in cui l adulto fornisce indizi contestuali che aiutano il bambino a individuare le corrispondenze tra elementi linguistici e non linguistici (ARBITRARIETA del linguaggio).! Ø Vengono apprese in modo indiretto, attraverso la semplice esposizione a interazioni comunicative tra parlanti attraverso le quali il bambino inferisce la relazione tra nome e oggetto.!!

34 Il significato delle prime parole! Due diverse teorie sulla costruzione del significato delle prime parole: Clark 1973 Il bambino costruisce il significato delle parole sulla base delle somiglianze percettive tra gli oggetti o eventi Nelson 1974 Il bambino categorizza all inizio le somiglianze funzionali, cioè l uso degli oggetti e le loro proprietà dinamiche. Ipotesi del NUCLEO FUNZIONALE

35 Il significato delle prime parole! Le prime parole denotano un livello di categorizzazione DI BASE! animale! gatto! siamese! cane! bassoto! E il livello che corrisponde alle differenze percettive più evidenti!

36 Errori tipici nelle prime fasi dello sviluppo lessicale Errore di sovraestensione Il bambino chiama cane qualsiasi animale a quattro zampe Si verifica più spesso nella produzione: espediente per compensare la limitatezza del lessico. Errore di sottoestensione Il bambino chiama bambola esclusivamente la sua bambola preferita Legato ad un uso non-referenziale, contestualizzato delle parole. Errore di sovrapposizione Il bambino usa aprire per riferirsi non soltanto all azione di aprire una porta, ma anche all azione di accendere la luce

37 L esplosione del vocabolario! Nella fase dell esplosione del vocabolario (18 mesi) compare l uso referenziale delle parole: vengono estese ad esemplari diversi di una stessa categoria.!! Il linguaggio si DECONTESTUALIZZA: si sgancia dal contesto extra-linguistico da cui ha avuto origine.! Viene raggiunta la proprietà della arbitrarietà.!! In parallelo gli ambiti di attribuzione categoriale di una parola si restringono progressivamente ai referenti adeguati!! Es: cane per tutti quadrupedi --> cane solo per i cani.!!

38 Lo sviluppo della grammatica! Grammatica= morfologia + sintassi! Morfologia: studia l acquisizione dei suffissi e dei prefissi che servono a:! - formare il singolare/plurale oppure il maschile/femminile dei nomi, aggettivi;! - coniugare i verbi oppure gli articoli;! - derivare un nome dall altro (forno- fornaio) Sintassi: studia in che modo il bambino apprende a costruire combinazioni di parole che rispettino le regole della propria lingua (es. la posizione degli aggettivi nella lingua inglese vs italiana)!

39 Lo sviluppo della grammatica! Verso i 18 mesi, quando il repertorio lessicale ha raggiunto le 100 parole, compaiono le prime combinazioni di due-tre parole.! Linguaggio telegrafico; fase presintattica:! inizialmente sono parole-contenuto giustapposte, senza intonazione comune e prive di parole-funzione.! Sono guidate da relazioni semantiche (es: i componenti dell azione: agente-azione-oggetto)!!

40 Lo sviluppo della grammatica! Esempi di linguaggio telegrafico! Relazione! Enunciato! Situazione! Agente-azione! Azione-oggetto! Azione-recipiente! Agente-oggetto! Rifiuto! Richiesta! Non-esistenza! Uomo-piange! Dà-palla! Dà-mamma! Mamma-palla! No-sapone! Dà-palla! Più-papà! Un omino giocattolo è appena caduto dal tavolo! La mamma dà al bambino la palla che tiene in mano! Il b. dà la palla alla m.! Il b. dà la palla alla m.! Il b. rifiuta di lavarsi! Il b. indica una palla! Il p. è appena uscito!

41 Lo sviluppo della grammatica! Lo sviluppo morfo-sintattico! Morfologia verbale 3 anni in produzione 7 anni in comprensione Accordo tra soggetto e verbo (persona e numero) es.: il gatto insegue i cani La mela mangia la bambina Morfologia nominale 3 anni Forme del genere (m/f) e del numero (singolare/plurale) relative ai nomi Morfologia pronominale 3-4 anni Pronomi personali (io/tu,me/ te-->noi/voi/essi) Es. di errori: mangio io? Il cacciavite di me

42 L età prescolare: il linguaggio narrativo! In età prescolare il linguaggio è usato a scopo narrativo: linguaggio narrativo.! Prolungamento dell intersoggettività basato sulla condivisione mentale, anziché fisica.!! Consente la formazione di unità rappresentazionali più ampie di quelle possibili in precedenza attraverso i sensi.!! Obbliga il pensiero ad una scansione più analitica dell esperienza. Da una rappresentazione parallela a una rappresentazione seriale.!! LIMITE: è ancora un linguaggio soggettivistico, psicologico, non logico.!

43 L età scolare: lo sviluppo della pragmatica! La pragmatica si riferisce alla capacità di comunicare in modo efficace: adattare lo stile della conversazione in funzione dell interlocutore, e di tenere conto del punto di vista dell interlocutore e dei suoi bisogni comunicativi.!! Si sviluppa pienamente in età scolare (entro gli 8-9 anni).!!!

44 Gli usi del linguaggio: lo sviluppo della pragmatica! Piaget: tra i 2 e i 7 anni il linguaggio è egocentrico: i bambini non compiono sforzi per comprendere ed essere compresi, per spiegare il proprio punto di vista e comprendere quello degli altri.! In realtà! Già a 3 anni adattano il proprio stile conversazionale in funzione dell età dell interlocutore:! Disconferme, dimostrazioni --> verso i + piccoli! Conferme, chiarificazioni --> verso i coetanei!

45 Gli usi del linguaggio: lo sviluppo della pragmatica! In età prescolare, fino a circa 8 anni, i bambini comunicano efficacemente quando il referente da descrivere è semplice o familiare ma falliscono quando il referente è complesso, insolito, ambiguo:! Es: descrizione ad un adulto/coetaneo di una figura che l interlocutore non può vedere! Oggetti ambigui! Figure senza senso che differiscono per un dettaglio!

46 La consapevolezza meta-linguistica! Nell età scolare il bambino diventa capace di trattare le forme del linguaggio come oggetto di analisi, considerarle per se stesse piuttosto che come veicolo di significati.! Verbi che si riferiscono a stati mentali 3 anni termini emotivi 4 anni termini cognitivi Verbi che si riferiscono ad atti linguistici Termini con cui ci si riferisce a parti o unità del codice linguistico Triste, contento, buono,cattivo Credere,pensare,immaginare,fare finta Pregare, maledire, promettere, ordinare Parole, frasi, sillabe, lettere

47 Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nel RITMO di ACQUISIZIONE! Tutti i bambini condividono medesime tappe evolutive, ma le raggiungono attraverso un ritmo e strategie differenti.! Media Minimo Massimo Età di comparsa delle prime parole Ampiezza del vocabolario a 20 mesi Comprensione di parole a 8-10 mesi Comprensione di parole a mesi 13 mesi 50 parole 30 parole mesi 22 parole nessuna mesi 628 parole Età di comparsa delle prime frasi 20 mesi 14 mesi 24 mesi

48 Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nello STILE DI ACQUISIZIONE! Esistono diversi stili individuali attraverso i quali i bambini imparano a parlare.! Katherine Nelson (1973) ha analizzato le prime 50 parole Referenziale Espressivo Vocabolario composto in maggioranza da nomi A 2,5 anni: Sviluppo lessicale più rapido Vocabolario composto in maggioranza da pronomi, nomi propri,formule per regolare l interazione sociale (non si tocca, vai via, cosa fai?) A 2,5 anni: Sviluppo sintattico più rapido

49 Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Differenze nello STILE DI ACQUISIZIONE! Gli stili referenziale ed espressivo sono manifestazione di diversi Stili Cognitivi, che si riflettono in un diverso modo di usare il linguaggio ---> stili nella pragmatica del linguaggio.! STILE referenziale Orientamento verso gli oggetti Uso prevalente di intenzione dichiarativa Scarsa varietà di atti linguistici Approccio riflessivo alla soluzione di problemi STILE espressivo Orientamento verso le persone Uso prevalente di intenzione richiestiva Alta varietà di atti linguistici Approccio impulsivo alla soluzione di problemi

50 Le differenze individuali nello sviluppo linguistico! Diversi fattori concorrono a determinare le differenze individuali nell acquisizione del linguaggio:! STILE referenziale STILE espressivo Interazione madre-bambino (var. contestuali)! Le madri fanno commenti! Le mamme coinvolgono i bambini in nominano gli oggetti e li giochi e routine! commentano! Genere femminile! Primogenito! Livello socioeconomico elevato! Variabili socio-demografiche (var. contestuali)!! Genere maschile Secondogenito Livello socio-economico Caratteristiche temperamentali (var. individuali)! Riflessivi! Impulsivi!

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

LO SVILUPPO DEL LESSICO. Comprensione e Produzione delle prime parole

LO SVILUPPO DEL LESSICO. Comprensione e Produzione delle prime parole LO SVILUPPO DEL LESSICO Comprensione e Produzione delle prime parole COS È IL LESSICO? Dizionario mentale che permette di: immagazzinare le conoscenze relative alle parole della propria lingua recuperare

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA 1 LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA Comunicazione e linguaggio 2 Comunicazione: trasmissione di informazioni che tenga conto della sorgente e della destinazione codici comunicativi

Dettagli

Cos è una Parola? Forma fonetica che soddisfa due criteri:

Cos è una Parola? Forma fonetica che soddisfa due criteri: Cos è una Parola? Forma fonetica che soddisfa due criteri: a) È simile alla parola adulta b) viene utilizzata per riferirsi a uno specifico evento/oggetto o a una classe di eventi/oggetti (Vihman & McCune

Dettagli

Comunicare prima di parlare

Comunicare prima di parlare Comunicare prima di parlare Abilità preverbali Nel corso del primo anno di vita il bambino: - Impara a interagire con gli adulti (attenzione condivisa) - Impara a comunicare intenzionalmente con gesti

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA: IL LINGUAGGIO VERBALE

LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA: IL LINGUAGGIO VERBALE BRUNICO 2010 LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA: IL LINGUAGGIO VERBALE Logopedista Luisa Degasperi. Centro Studi Erickson, Trento. Sviluppo del linguaggio I bambini normalmente imparano a parlare

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio (cap. 9)

Lo sviluppo del linguaggio (cap. 9) Lo sviluppo del linguaggio (cap. 9) - Fase pre-linguistica: Il pianto Il sorriso Cooing, balbettio e lallazione - Fase del linguaggio infantile - Il linguaggio del bambino a due anni Il linguaggio È una

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio CORSO DI LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO A.A. 2004-05 INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta Prof. Claudia Casadio LINGUAGGIO E PENSIERO Le relazioni tra linguaggio e pensiero

Dettagli

Imparare a comunicare efficacemente

Imparare a comunicare efficacemente Imparare a comunicare efficacemente Comunicare efficacemente Per diventare un parlante e un ascoltatore competente è necessario padroneggiare: - le relazioni semantiche - le regole sintattiche Ma anche

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ISTC - CNR Trento, 21 maggio 2011

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO Lo sviluppo del linguaggio e della comunicazione: PRIMA

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Diettore: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038 Reggio

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA Competenza chiave europea: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza specifica: LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L apprendimento della lingua inglese e di una seconda

Dettagli

La tombola delle frasi

La tombola delle frasi Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Adele Spagnolo e Elisabetta Di Clemente La tombola delle frasi Prevenzione e recupero

Dettagli

Continuità del comportamento pre- e post- natale

Continuità del comportamento pre- e post- natale Continuità del comportamento pre- e post- natale 1 il feto mostra Movimenti e capacità di coordinazione senso-motoria: riflessi (12-14 sett.); risposte motorie a stimoli tattili (8 sett.), odori, sapori,

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

Le Abilità Conversazionali. Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini

Le Abilità Conversazionali. Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini Le Abilità Conversazionali Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini Cos è una conversazione? Si definisce conversazione uno scambio verbale composto da almeno 2

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Sviluppo del linguaggio. Le fasi dello sviluppo del linguaggio

Sviluppo del linguaggio. Le fasi dello sviluppo del linguaggio Sviluppo del linguaggio Le fasi dello sviluppo del linguaggio 1 2 Sviluppo del linguaggio: fase pre-linguistica I bambini sviluppano la capacità di parlare secondo una sequenza ordinata di fasi: passando

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA I DISURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO Relatrice: Chiar. ma Prof.ssa Annalisa SCANU Candidata:

Dettagli

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni classe 1^ L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Per imparare ad utilizzare efficacemente il linguaggio, il bambino deve:

Per imparare ad utilizzare efficacemente il linguaggio, il bambino deve: Capitolo V LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO E DELLA COMUNICAZIONE 5.1 Che cos è il linguaggio? Imparare a parlare significa acquisire una capacità estremamente complessa in un tempo breve: di norma, i primi

Dettagli

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria Liceo Quadri, Vicenza 9 dicembre 2013 [corsi livello A0 A1] [1] Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione

Dettagli

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura»

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» «I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» Volkmar et al 1977 ABILITA SOCIALE È la capacità di relazionarsi

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici 1. Comunicare oralmente:comprensione e produzione Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Traguardi per lo sviluppo delle competenze CURRICOLO VERTICALE DELLE LINGUE COMUNITARIE (INGLESE E FRANCESE) COMPETENZE CHIAVE La comunicazione nelle lingue straniere Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO COGNITIVA GIOCO B) APPRENDIMENTO LAVORI A TAVOLINO. insegnamento di attività da eseguire successivamente in modo indipendente, che comprende attività come descritto prima. Si lavora anche su attività da

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Comunicare prima di parlare

Comunicare prima di parlare «Quando una persona si rivolge a noi in una lingua sconosciuta, non siamo in grado di comprendere nulla di quello che ci dice. I bambini alla nascita si trovano in una condizione ancora più difficile:

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione

Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione ITALIANO L2 Alcuni suggerimenti per il processo di prima e seconda alfabetizzazione 1. Definire il significato di interlingua, lingua per comunicare e lingua per lo studio 2. Definire il ruolo della grammatica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014 Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico Pescara, 27.02.2014 16 bambini Ogni bambino ha una terapista di riferimento ed effettua 6 ore di trattamento

Dettagli

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS Paola VISCONTI 19 marzo 2011 Clinica Neurologica-Università di Bologna Ambulatorio Autismo e DPS Ospedale Maggiore AUSL BOLOGNA Dipartimento Neuroscienze

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa per la sc. primaria) (I traguardi

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

Le funzioni del gioco

Le funzioni del gioco Ravenna 27 gennaio 2011 Gioco e abilità sociali Angelica Rossi - psicologa Centro Autismo e DPS Ravenna Alessandra Annibali - psicologa ed educatrice Centro Autismo e DPS Ravenna Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli