NOTIZIE NAZIONALI SPAZIO FAQ E GIURISPRUDENZA. 13. Pagamento delle reggenze A.S e dimensionamento scuole SICUREZZA E SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE NAZIONALI SPAZIO FAQ E GIURISPRUDENZA. 13. Pagamento delle reggenze A.S. 2012-2013 e dimensionamento scuole SICUREZZA E SCUOLA"

Transcript

1 Dirigenti Scolastici N. 59/ Settembre 2012 E on line il sito web della FLC CGIL Lombardia, all indirizzo Nel sito un ampia sezione dedicata ai DIRIGENTI SCOLASTICI, con una raccolta normativa, spazio FAQ, notizie ed informazioni utili per tutti i colleghi PER LA CONSULENZA MAIL, SCHEDE CONSULENZA, ALTRI SERVIZI (CEDOLINO, PENSIONI ECC..) I SOLI DIRIGENTI ISCRITTI ALLA FLC LOMBARDIA POSSONO RIVOLGERSI A - tel RESPONSABILE REGIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI LOMBARDIA Coordinamento Nazionale STRUTTURA COMPARTO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI SEGRETARIO REGIONALE FLC LOMBARDIA IN PRIMO PIANO 01. MOBILITAZIONI FLC 02. Contrattazione integrativa di scuola: gli schemi del Mef 03. Dimensionamento scuole, contrattazione ed RSU. MANOVRA E RAPPORTI STATO REGIONI 04. Finanziamenti alle scuole: il Mef ha sbagliato i calcoli per pagare l IRAP 05. Dimensionamento scolastico: sanare i guasti di piani affrettati e illegittimi NOTIZIE NAZIONALI 06. Nomine di docenti e ATA dalle graduatorie d istituto in attesa dell allineamento degli archivi 07. Cronache dalla scuola reale 08. Centri digitali invece che scuole e pc al posto dei docenti 09. Dal 20 ottobre 2012 saranno dismesse le connessioni internet di 3800 scuole: dopo gli spot del ministro, la realtà di tagli e disservizi NOTIZIE REGIONALI 10. Colosio invia gli auguri per un buon anno scolastico. La FLC CGIL Lombardia ringrazia e aggiunge Utilizzo fondi Aree a rischio e a forte processo immigratorio (Art. 9 CCNL), anno scolastico 2012/13, esercizio finanziario COSA RESTA DELLA SCUOLA. Fine del discorso educativo? - IX Convegno Jonas Milano onlus SPAZIO FAQ E GIURISPRUDENZA 13. Pagamento delle reggenze A.S e dimensionamento scuole SICUREZZA E SCUOLA 14. Lezioni di sicurezza: "2087" dedica un fascicolo ai problemi della scuola italiana 15. Edilizia scolastica: tema da considerare emergenza nazionale inviata da scuole sicure 16. Edilizia scolastica: il Consiglio Nazionale dei Geologi mette in guardia sui

2 rischi 17. Se la classe è numerosa, a rischio sicurezza di allievi e docenti - di Pippo Frisone NAVIGANDO IN RETE 18. Scuola primaria e nuove Indicazioni: idee per ri-partire - di G. Cerini UN INIZIO DI DISCUSSIONE SULLE NOTIZIE RELATIVE AL RIORDINO DEI CICLI 19. Come Berlinguer e Moratti, il Ministro lavora per ridurre di un anno il percorso scolastico 20. Balletto di notizie e smentite sull'ipotesi di riordino dei cicli 21. DIPLOMA A 18 ANNI? PARLIAMONE - di P.A. 22. Scuola da 13 a 12 anni? Se ne parla da 40 anni 23. Bertagna: il diploma a 18 anni? Le leggi ci sono già, eccole - servizio di Matteo Rigamonti 24. "A scuola a cinque anni", pediatri insorgono. Il Ministro: notizia senza fondamento pratico IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : scheda flc cgil su contrattazione integrativa di scuola e schemi mef circolare ministeriale 25 del 19 luglio 2012 schemi di relazione illustrativa e relazione tecnico finanziaria contratti integrativi nota 4173 del 12 settembre 2012 dimissioni linee internet progetto spc documento Colosio Documento Barachetti IX Convegno Jonas Milano onlus 1 IX Convegno Jonas Milano onlus 2 REGGENZE E RETRIBUZIONE ANNO SCOLASTICO presentazione miur del 13 settembre 2012 risultati anagrafe edilizia scolastica dati miur del 13 settembre 2012 su rischio sismico dati miur del 13 settembre 2012 su anagrafe edilizia scolastica IN PRIMO PIANO 01. MOBILITAZIONI FLC La FP-CGIL e la FLC-CGIL per i settori dell'università-ricerca e AFAM (formazione artistica musicale) hanno proclamato una giornata di sciopero generale dei servizi pubblici per il 28 Settembre p.v. E' una giornata di protesta, contro le scelte del Governo Monti sul lavoro pubblico e, quindi, una tappa del percorso di mobilitazione di tutta l'organizzazione. Gli interventi della Spending Review, infatti, non riguardano solo i lavoratori pubblici ma tutti i lavoratori dei servizi pubblici, compresi quelli svolti da datori di lavoro privati. Così come i tagli previsti hanno un impatto diretto su tutti gli appalti collegati al lavoro pubblico, che coinvolgono aziende i cui lavoratori sono rappresentati dalle Categorie private della CGIL.

3 Infine, il Governo Monti, che si sta apprestando ad una seconda manovra di Spending Review sta riducendo il perimetro dell'intervento pubblico, diminuendo i servizi ai cittadini. Per questo è importante, come già si sta facendo, che tutta l'organizzazione sostenga in tutti i modi la mobilitazione delle due Categorie. Mobilitazione che prevede lo sciopero di un'intera giornata, per tutti i comparti della FP-CGIL, pubblici e privati, nonché per l'università, la Ricerca e l'alta formazione artistica e musicale della FLC-CGIL, proclamato insieme alle corrispettive Categorie della UIL. Come sapete venerdì 28 settembre si svolgerà una manifestazione nazionale a Roma. L'appuntamento è previsto per le 9.00 a Piazza Esedra. Il corteo si snoderà per via Cavour, Fori Imperiali e si concluderà a Piazza Santi Apostoli con l'intervento conclusivo dei Segretari Generali di CGIL e UIL, Susanna Camusso e Luigi Angeletti, e i Segretari Generali delle cinque Categorie. Sono previsti i contributi di un rappresentante del sindacato spagnolo e di un rappresentante del sindacato greco. Chiarito il quadro, diamo un aggiornamento delle iniziative in programma. il 21 settembre "la giornata del merito", il merito delle migliaia di lavoratori precari della conoscenza, i meriti e i diritti acquisiti da un'intera generazione di docenti e ATA. Ci saranno decine di iniziative territoriali. il 28 settembre sciopero dell'università, ricerca, AFAM e dei lavoratori della funzione pubblica, proclamato insieme alla UIL, con corteo che parte da piazza Esedra e manifestazione finale in piazza santi apostoli. 12 ottobre sciopero dei lavoratori della scuola con manifestazioni territoriali, giornata anche di mobilitazione studentesca. 19 ottobre manifestazione spettacolo, nelle ore serali, in piazza del Popolo, con artisti che sostengono e condividono la nostra idea di conoscenza, interventi di esponenti del mondo della cultura e del lavoro che noi rappresentiamo. Nella manifestazione del 28 ottobre interverranno, fra gli altri, Mimmo Pantaleo e Susann a Camusso. La confederazione ha fissato degli obiettivi comuni di partecipazione che rappresentano un punto di riferimento generale ma, per quanto ci riguarda, sarà importante garantire una partecipazione visibile sia all'interno del corteo che nella piazza dei comizi finali. 02.Contrattazione integrativa di scuola: gli schemi del Mef Una circolare della Ragioneria Generale dello Stato cerca di mettere il guinzaglio ai contratti integrativi. Verbosità e indicazioni sbagliate finiscono per aumentare la confusione nelle scuole. Ecco come difendersi. La contrattazione integrativa si svolge nel solco tracciato dai contratti nazionali. Questo principio, contenuto nel Dlgs 150/2009, non è messo in discussione da alcuna circolare ministeriale, fosse pure della Ragioneria Generale dello Stato. Vediamo cosa è successo Tutto nasce da un esigenza giusta e condivisibile: uniformità e coerenza della negoziazione e del processo di controllo e pubblicità dei contratti, possibilità di effettuare efficaci monitoraggi. E così la Ragioneria predispone e trasmette a tutte le pubbliche amministrazioni la circolare 25 del 19 luglio 2012 che contiene gli schemi di relazione illustrativa e di relazione tecnicofinanziaria che debbono corredare i contratti integrativi (ai sensi del comma 3 sexies dell art. 40 del Dlgs 165/2001, come modificato dal Dlgs 150/2009). Una circolare che, nel caso della scuola, è indirizzata a dirigenti scolastici, direttori amministrativi, revisori dei conti. Purtroppo la Ragioneria ha voluto strafare e ha diffuso degli schemi che incorrono in errori grossolani, almeno per quanto riguarda la scuola dove alcune norme (Leggi Brunetta) a cui la ragioneria si richiama non sono applicabili, come spieghiamo nella scheda tecnica allegata.

4 Il furore ideologico degli estensori della Circolare 25 nel voler condizionare la contrattazione integrativa, intervenendo sull autonomia dei dirigenti li ha accecati. Ad esempio si cita l Intesa del 4 febbraio 2011, ma si dimentica l Intesa sul lavoro pubblico firmata a maggio 2012 dal Governo e da tutte le organizzazioni sindacali, che ha mandato in soffitta buona parte del Decreto Brunetta. Gli estensori della circolare non si sono nemmeno accorti delle modifiche apportate al Dlgs 165/2001, dal DL 95/2012 (che ha cambiato nuovamente le disposizioni del Dlgs 150/2009) sull organizzazione degli uffici e della gestione del rapporto di lavoro che sono oggetto di concertazione e non di sola informativa sindacale. Tanto che Brunetta stesso subito dopo l approvazione del DL 95 ha scritto una lettera di protesta al premier Monti ritenendola limitativa dei poteri attribuiti dalla legge alla pubblica amministrazione, quale datore di lavoro, nel pubblico interesse.. È grave che attraverso schemi tecnici si cerchi di porre vincoli alla negoziazione e di dettare interpretazioni unilaterali e restrittive dei contratti vigenti, chiedendo ai revisori di svolgere compiti che la legge non gli attribuisce, come estendere il loro controllo alle materie relative alle relazioni sindacali e al merito dei contenuti della contrattazione che invece sono stabiliti dalla contrattazione collettiva nazionale. I revisori devono verificare solo la compatibilità dei costi. La circolare non è né una guida per le relazioni fra le parti né ha il potere di interpretare i contratti o le leggi. La contrattazione continua a svolgersi nel solco tracciato dall art. 6 del Ccnl. È bene quindi che le parti del tavolo della contrattazione integrativa di istituto, dirigenti e parti sindacali (RSU e OO.SS. provinciali firmatarie del CCNL), confermino modalità e materie del confronto contrattuale, cercando di trovare soluzioni condivise ai tanti problemi che incontrano quotidianamente le scuole per funzionare e realizzare il POF. La circolare, è bene sottolineare, si riferisce solo alla forma delle relazioni che accompagnano il contratto integrativo, la sostanza non è stabilita da un atto unilaterale dell amministrazione che in questo caso non è nemmeno quella che gestisce i rapporti di lavoro. Da quanto ne sappiamo, il Miur non ha avuto alcuna voce in capitolo sulla formulazione della circolare. L ennesimo sopruso nei confronti delle scuole, l ennesima molestia burocratica nei confronti di Ds e Dsga, conseguenza della sottovalutazione da parte del Mef del lavoro nelle scuole trattate come un qualsiasi ufficio pubblico, senza tener conto delle loro specificità. La FLC è impegnata sul piano politico a ottenere il ritiro della circolare, dal momento che questa non si limita alla semplice trasmissione degli schemi tipo, ma suggerisce interpretazioni di leggi e del Ccnl, andando ben oltre l esigenza della P.A. di uniformare la ricerca e rendere trasparente l uso delle risorse. IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : scheda flc cgil su contrattazione integrativa di scuola e schemi mef circolare ministeriale 25 del 19 luglio 2012 schemi di relazione illustrativa e relazione tecnico finanziaria contratti integrativi 03. Dimensionamento scuole, contrattazione ed RSU. La situazione sui diversi territori, rispetto al dimensionamento delle Scuole, ci ha indotto ad attivare iniziative unitarie per una gestione coordinata delle relazioni e contrattazioni sindacali a livello di Istituto con il preciso scopo di evitare per quanto possibile nuove elezioni degli Organismi di rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro (RSU), a breve distanza dalle precedenti, valorizzare coloro che sono stati eletti e garantire la continuità contrattuale nelle singole scuole.

5 L'amministrazione, infatti, non ha alcun compito autonomo, se non quello di convocare le parti (Segreterie provinciali dei sindacati rappresentativi e RSU). Non ha assolutamente competenza a decretare la decadenza delle RSU. In linea di diritto, solo le scuole coinvolte nel dimensionamento che danno vita ad una nuova scuola (cambio codice) possono presentare il problema di legittimità delle RSU elette. Nelle scuole che mantengono la loro "identità" giuridica, il ruolo di rappresentanza è riconosciuto alle RSU a suo tempo elette anche se è avvenuto un mutamento nella consistenza del personale: è questo l'orientamento assunto dalla stesso ARAN in precedenti analoghe situazioni, "la RSU eletta ha la rappresentanza di tutti i lavoratori in servizio, nonché tutti quelli assunti o trasferiti dopo la sua elezione. La eventuale rielezione della RSU a causa della mutata consistenza dei lavoratori, può essere solo di iniziativa sindacale". Si sta verificando la disponibilità dell'aran per pervenire rapidamente ad un accordo integrativo di comparto che risolverebbe in radice tutte le questioni che si stanno registrando nelle singole scuole, con la predisposizione di un regolamento di comparto, che potrebbe rendere meno soggette a sconvolgimenti le RSU della scuola, e nel più breve tempo possibile una nota congiunta delle OO.SS.che consenta di dare avvio senza intralci alle contrattazioni MANOVRA E RAPPORTI STATO REGIONI 04. Finanziamenti alle scuole: il Mef ha sbagliato i calcoli per pagare l IRAP La FLC CGIL interviene presso il Miur per sollecitare un intervento che assicuri il pagamento dei lavoratori. Molte scuole ci hanno segnalato che in fase di liquidazione dei compensi accessori la procedura è bloccata per insufficiente disponibilità sul piano gestionale/contabile dell'irap. Pertanto siamo intervenuti presso il Miur per chiedere conto di quanto stesse succedendo. A quanto pare per un errore di previsione del MEF è impossibile procedere alla liquidazione del salario accessorio per incapienza dei capitoli di riferimento (2140 e 2145) per il pagamento dell IRAP, Il Miur, su nostra sollecitazione, sta disponendo una variazione di bilancio a favore dei suddetti capitoli, al fine di consentire la ripresa della normale operatività della gestione delle competenze accessorie. Al Miur abbiamo fatto presente che in assenza di un intervento tempestivo insorgerebbero numerose controversie che vedrebbero sicuramente soccombere l Amministrazione anche perché a breve il problema si proporrà anche in altri capitoli (vedi ad esempio i compensi per gli esami di stato). Ad aggravare la situazione ci sono la mancata definizione degli importi contrattuali da assegnare alle scuole per l anno scolastico 2012/13, la situazione di stallo in cui si trovano le scuole dimensionate per le quali la contabilità del codice vecchio non esiste più e deve essere chiusa al 31/08 e la mancata attribuzione dei primi 4/12 relativi al periodo settembredicembre Poiché riteniamo che tale tempistica non sia compatibile con i tempi di vita della scuola abbiamo sollecitato il Miur ad intervenire con urgenza per ripristinare il regolare afflusso dei fondi alle scuole, dando istruzioni precise.

6 05. Dimensionamento scolastico: sanare i guasti di piani affrettati e illegittimi Entro dicembre Stato e Regioni dovranno rivedere i criteri di dimensionamento alla luce della sentenza della Corte costituzionale. La FLC in una lettera sollecita il confronto e suggerisce soluzioni In questi giorni di avvio del nuovo anno scolastico alunni, genitori e personale della scuola stanno toccando con mano gli effetti nefasti dei piani di dimensionamento varati dalle amministrazioni regionali per l a.s. 2012/13: scuole soppresse e smembrate per dare luogo a istituti comprensivi con più di 1000 alunni, organici ridotti, sedi prive di Dirigente scolastico e DSGA. Tutto questo per ottemperare a una norma, la Legge 111/11, voluta dall allora Governo Berlusconi con l unico obiettivo di risparmiare a spese della qualità del servizio scolastico pubblico. Una norma che lo scorso 7 giugno la Corte Costituzionale ha pesantemente sanzionato giudicandola illegittima perché lesiva delle prerogative regionali in materia di riorganizzazione della rete scolastica. Questa sentenza però è arrivata quando i processi riorganizzativi della rete scolastica per il 2012/2013 erano in via di ultimazione, così molte scuole ora si ritrovano ad aver subito un dimensionamento non solo disastroso sul piano didattico e organizzativo ma anche illegittimo sotto il profilo costituzionale. Per correre ai ripari la Conferenza delle Regioni ha preso l impegno di dare attuazione alla sentenza costituzionale a partire dall a.s. 2013/2014 e il Governo, anche seguito di una risoluzione approvata il 10 luglio al Senato, si è impegnato ad aprire un apposito tavolo di concertazione con le regioni. Poiché le decisioni per il prossimo anno dovranno essere assunte entro dicembre 2012 e data la delicatezza e rilevanza delle decisioni da assumere, sarebbe auspicabile che questo confronto di merito venga avviato quanto prima. È quanto sollecita la FLC CGIL in una lettera inviata ai diversi soggetti istituzionali che saranno coinvolti nel confronto. La FLC CGIL chiede anche di partecipare al tavolo, visto che il processo di dimensionamento comporta (ha già comportato) effetti sull organizzazione del lavoro, sugli organici del personale e sulla qualità del servizio. Ristabilire la legittimità costituzionale è l occasione, innanzitutto, di sanare le tante situazioni in cui le scuole e i territori sono stati prevaricati e di ricreare le condizioni minime di qualità necessarie all attività didattica e all esercizio professionale. Secondo la FLC CGIL i nuovi parametri dimensionali devono rispondere a criteri di funzionalità didattica e organizzativa delle scuole, per questo vanno superate le rigidità di criteri prettamente numerici e rispettate le specificità territoriali. Ad esempio, il numero degli alunni non può essere uguale per tutte le scuole ma va rapportato al tipo di scuola e alle diverse realtà territoriali. Roma, 13 settembre 2012 Al Sottosegretario Dott. Marco Rossi Doria Al Capo di Gabinetto Dott. Luigi Fiorentino MIUR Al Presidente della VII Commissione Cultura del Senato della Repubblica Sen. Guido Possa Al Presidente della VII Commissione Cultura della Camera dei Deputati On.le Manuela Ghizzoni

7 Ai Membri VII Commissione del Senato della Repubblica Ai Membri VII Commissione della Camera dei Deputati Al Presidente della Conferenza delle Regioni Al Presidente della IX Commissione Istruzione della Conferenza delle Regioni Oggetto: dimensionamento della rete scolastica. Sentenza Corte Cost Tavolo di concertazione. Richiesta incontro Egregio Sottosegretario Egregi Senatori Egregi Deputati Egregio Presidente della Conferenza delle Regioni Egregio Presidente della IX Commissione Istruzione della Conferenza delle Regioni La sentenza della Corte Costituzionale, dichiarativa dell'illegittimità dall'art 19 comma 4 del D.L. 98/2011 convertito in legge 111/2011, richiamata in oggetto, non ha potuto trovare immediata esecuzione, essendo intervenuta in un periodo dell'anno scolastico in cui i processi organizzativi preliminari agli atti amministrativi finalizzati all'avvio dell'a.s erano pressoché ormai ultimati. La Conferenza delle Regioni, con l'apprezzamento del Governo, proprio in ragione di quanto sopra espresso, si è impegnata a darne attuazione a partire dall'anno scolastico Poiché le decisioni di merito andranno assunte dalle Regioni entro dicembre 2012 occorre, a nostro parere, dare seguito agli impegni presi dalle Istituzioni in indirizzo in varie sedi. Ricordiamo fra i più importanti le seguenti determinazioni: l'impegno a costituire un tavolo di concertazione con la Conferenza Unificata Stato Regioni assunto dal Sottosegretario all'istruzione Marco Rossi Doria (risposta immediata alle interrogazioni in VII Commissione della Camera il 4 luglio 2012); la risoluzione approvata dalla Commissione VII del Senato del 10 luglio 2012 che impegna il Governo a prevedere il superamento di criteri rigidi nella definizione dei nuovi parametri dimensionali, a rispettare le specificità regionali e dei territori, senza dover rispettare un numero di alunni uguale per tutte le scuole, dimensionando queste ultime a seconda delle diverse realtà territoriali. Chiediamo che si avvii quanto prima, stante l'urgenza e la delicatezza delle decisioni da assumere, soprattutto in considerazione del fatto che le scuole hanno già subito un dimensionamento talora forzato e improduttivo, il confronto di merito fra le istituzioni interessate dando seguito agli impegni che spettano a ciascuno dei soggetti interessati secondo le rispettive responsabilità. Chiediamo, inoltre, un incontro, in quanto Organizzazione sindacale, in considerazione dei riflessi sull'organizzazione del lavoro, sulla qualità del servizio e sull'organico del personale che il processo di dimensionamento comporta. In attesa di sollecito riscontro auguriamo buon lavoro e porgiamo Distinti saluti Il Segretario Generale FLC CGIL Domenico Pantaleo NOTIZIE NAZIONALI 06. Nomine di docenti e ATA dalle graduatorie d istituto in attesa dell allineamento degli archivi I ritardi del Ministero e il mancato accoglimento della nostra richiesta di permettere, già nel mese di giugno, agli inclusi nelle graduatorie d'istituto di scegliere le scuole in sostituzione di

8 quelle non più esistenti a causa del dimensionamento, sta determinando ancora una volta una situazione di incertezza nelle supplenze. Come abbiamo segnalato nel nostro commento alla circolare sulle supplenze, ricordiamo che al momento le uniche graduatorie d'istituto già valide per il 2012/2013 sono solo quelle di I fascia del personale ATA (elaborate già con le scuole dimensionate) e pertanto da esse si può procedere con le normali supplenze definitive (salvo per gli assistenti che come è noto vanno comunque nominati fino all'avente diritto in attesa che si chiarisca la situazione sul transito di inidonei/i TP). Tutte le altre graduatorie (II e III fascia ATA e I, II e III fascia docenti) sono quelle del 2011/12 (la prima fascia dei docenti, oltre alla sistemazione delle scuole, è perfino priva di chi ha sciolto la riserva o si è inserito in fascia aggiuntiva). Pertanto nel caso di utilizzo di tali graduatorie le supplenze devono essere fino all'avente diritto, in attesa che siano messe in linea le graduatorie 2012/13. Le operazioni di allineamento delle scuole da parte del Ministero sono condizionate al controllo delle confluenze tra le scuole a seguito del dimensionamento, da parte degli Uffici scolastici provinciali e non saranno pronte prima della fine di settembre. Ricordiamo anche che, malgrado qualche sollecitazione proveniente da varie parti, quest'anno non è più previsto il "salva precari", che potrebbe essere riattivato solo con un provvedimento legislativo. Pertanto le graduatorie prioritarie dello scorso anno non hanno più alcuna validità, né sono previste modalità di riconoscimento giuridico del servizio 07. Cronache dalla scuola reale Il primo giorno di scuola illustrato da giornali e tv è molto diverso da quello vissuto sul campo. Ecco una testimonianza dalla trincea di una scuola d infanzia fresca di dimensionamento A ogni inizio d anno scolastico, la scuola torna in cima ai pensieri di tutti, politici, amministratori, governanti, genitori, opinion maker. È un fuoco di paglia, ma fa tanto fumo. Per carità, si sentono tante cose giuste e sensate, ma purtroppo anche le pontificazioni di tanta gente che a scuola c è stata solo da studente e più di 40 anni fa. Snocciola le sue ricette e poi tace per un anno. Noi sappiamo quanto sia complessa e difficile la vita scolastica, e non solo perché chi ci governa si accanisce da anni con tagli e peggiora ordinamenti e organizzazione, ma semplicemente perché a scuola si lavora sull educazione e sul futuro di generazioni di giovani e per farlo bene servono tante cose. La testimonianza che proponiamo qui è solo uno spaccato, molto piccolo, di questa complessità. È il diario del primo giorno di scuola di una maestra di scuola d infanzia che, con sobrietà e leggerezza, ci apre gli occhi su problemi immensi, ma facilmente risolvibili. Se solo ci fosse la volontà di risolverli. Il primo giorno di scuola di una maestra di scuola dell infanzia Caro diario, ieri, mercoledì 12 settembre, nella mia scuola - che si trova in una bellissima città del Friuli-Venezia Giulia - è stato il primo giorno di lavoro con i bambini. Ho rivisto i miei 26 pargoli tra cui una bambina disabile grave che avevo già l anno scorso (ne avrò altri due con disabilità lievi). Li ho rivisti e ho sentito le loro urla allegre e festose, dopo due mesi; per la verità con alcuni di loro avevamo già cominciato a scambiarci messaggi per telefono. Il primo è arrivato già il 25 agosto: Ciao maestra, hai finito le ferie? Ti voglio bene. Purtroppo ho pensato le ferie sono già finite. Ho ricevuto anche un preoccupato Ciao maestra, sarai ancora con noi, vero? Era della mamma di una bambina con problemi che ho aiutato moltissimo e che teme che la

9 figlia sia affidata a una nuova maestra. La maggior parte dei messaggi dei bambini erano saluti affettuosi. Fa sempre piacere riceverli (sono queste le grandi soddisfazioni del nostro lavoro). Il primo giorno di lezione, anzi di attività educativa, nella scuola dell infanzia come sai per noi maestre non è il primo giorno di lavoro, perché s inizia il 1 settembre, che quest anno era di sabato. Sono andata per la presa di servizio nel nuovo istituto comprensivo, quello che l anno scorso chiamavamo direzione didattica e ho conosciuto il nuovo dirigente. Alle 11, come da programma, ci siamo ritrovate, con le colleghe per una ricognizione della situazione. Eravamo in 8, mancavano le tre supplenti di cui due di sostegno. Nel rivedere le aule vuote, il mio pensiero è andato agli ultimi giorni del mese di giugno. Facchinaggio Ricordo ancora, con sofferenza, quei giorni: le aule esposte al sole sia il mattino, sia il pomeriggio: dentro c erano 32 gradi, i bambini stanchissimi e noi maestre impegnate a spostare gli armadietti (di legno e di metallo) nei corridoi per lasciare le aule libere, perche il 1 luglio entrano i ragazzi del centro estivo organizzato dal Comune. Così, spingi tu che spingo anch io, fermiamoci un po che non ce la faccio, oddio la schiena, siamo riuscite a spostare tutti gli armadi. Alla fine, dopo aver imballato tutto il materiale dell aula (una ventina di grandi scatoloni) e i giocattoli puliti dalle collaboratrici scolastiche con il disinfettante portato da casa, li abbiamo trasportati in fondo alla scuola per riporli in bell ordine. I primi giorni di settembre, faremo il lavoro contrario, per preparare le aule per accogliere i bambini. Insomma, ogni anno due traslochi: a giugno e a settembre. È questa una delle poche cose brutte e schifose della nostra bellissima professione, perché non ci compete, non siamo pagate per farlo e soprattutto dopo un anno peggiora notevolmente le nostre ernie. Dobbiamo aspettare una settimana di tempo per recuperare un po di agilità e serve una scatola di antinfiammatori. Tutto questo perché il Comune, da anni, dice che non ha i soldi per pagare gli operai per fare questo lavoro. Ci potremmo rifiutare. Ho telefonato al mio sindacato che mi ha detto che noi maestre ci dobbiamo rifiutare, ma il sindacato, come accade spesso, non capisce: io e le altre gli abbiamo chiesto di risolvere il problema, non di dirci cosa possiamo fare o no. Lo sappiamo che ci possiamo rifiutare: maestre sì, ma non stupide; in realtà non ci possiamo rifiutare perché la dirigente ha detto all assessore all istruzione del Comune che dello spostamento degli armadi si farà carico la scuola. Ovviamente, quando la dirigente ci ha detto che dovevano collaborare col Comune, abbiamo pensato che se è così disponibile poteva darci una mano, giacché è pagata il triplo di noi, ma ovviamente non glielo abbiamo detto. Così, per l ennesima volta, abbiamo spostato tutto, con l aiuto di Anna, la collaboratrice scolastica, che nonostante abbia il certificato di disabilità e sia esonerata dai lavori pesanti ci ha aiutato molto. Ho saputo, poi, che la maestra Maria della sezione di D, che già soffre di ernia, ha trascorso i primi tre giorni di ferie a letto. Soldi per giochi, carta e pennarelli Il dirigente mi aveva informato poco prima (sono la coordinatrice del plesso) che avremo a disposizione 128 euro a sezione per tutto l anno (a tanto ammonta il contributo dello Stato) per comprare giochini, carta per fotocopiare, pennarelli. A novembre avremo già consumato tutto il fondo. Caro diario, penso proprio che quest anno il mio contributo per fare il lavoro più bello del mondo e per far bella figura con i genitori alle feste di Natale e a quella di fine anno dovrà crescere: l anno scorso me la sono cavata con poco meno di 100 euro in denaro e con un po di materiale che avevo a casa. Nella riunione di gruppo abbiamo deciso di chiedere ai rappresentanti dei genitori di fare come l anno scorso. L hanno scorso i rappresentanti dei genitori nel consiglio d intersezione avevano preso contatto con tutte le famiglie e a ognuna di esse avevano chiesto un contributo di 25 euro per costituire un fondo con cui comprare materiale di consumo per la classe. Noi maestre compravamo, presentavamo gli scontrini al rappresentante di classe che, a sua volta, esibiva

10 ai genitori il resoconto delle spese. Tutto certificato. Ma come ben sai, non tutti i bambini hanno due genitori e non tutti hanno dato il contributo richiesto, o perché non potevano o non hanno voluto. Risultato: furono raccolti 480 euro invece che 750, però, con molta fatica, li abbiamo fatti bastare. Speriamo le cose vadano meglio per il prossimo anno, ma con la crisi che c è Tu cosa ne pensi, caro diario? Tre collaboratori scolastici invece che quattro Durante la riunione, nel grande salone mensa, ogni tanto mi distraevo per ammirare il cortile esterno con un grandissimo giardino, al centro del quale troneggia un vecchio albero, bello, sano e robusto. La mia scuola è bella, molto bella, mi sono detta, però è grande e ha tanti spazi. Questo che dovrebbe essere un fatto positivo si trasforma in uno svantaggio. C è un lungo corridoio su cui affacciano le aule, il salone mensa/sala giochi e alcune altre stanze. Ci sono troppe porte (8) che danno sul cortile e tutte devono restare aperte; sono porte a spinta, per rispettare le misure di sicurezza. Ci vorrebbero almeno due collaboratori scolastici sempre presenti in servizio durante tutte le 8 ore in modo che uno possa attendere ai numerosi compiti e l altro vigilare l ingresso e le numerose uscite, di darci una mano quando serve per accompagnare i bambini piccoli ai servizi (sono 45 su 131) e vigilare i grandi quando da soli vanno ai servizi e non è detto che ritornino. La nuova direttrice amministrativa (quella in servizio l hanno scorso ha perso il posto a causa dell accorpamento degli istituti scolastici) ci ha informato che non potrà assegnare alla mia scuola più di tre collaboratrici scolastiche di cui una con la certificazione medica che la esonera dai lavori pesanti (cioè lavare i pavimenti e sollevare pesi!). I bambini disabili A un certo punto della riunione abbiamo esaminato la situazione dei bambini disabili che frequenteranno la nostra scuola che ospita complessivamente 131 bambini e cinque sezioni. In tre sezioni c è un bambino disabile e in due no; quelle con bambini disabili hanno 25 alunni, le altre 28, però in una delle due c è un bambino autistico non ancora certificato (lo sarà a breve) e in un altra due bambini con problemi gravi che i genitori non vogliono far certificare, ma pare ha detto il dirigente che il certificato sia in arrivo. Diversi bambini sono, come si dice, borderline. Molti sono figli d immigrati. Nella mia classe i figli d immigrati sono il 59%. In un altro plesso del mio circolo didattico ho saputo che sono oltre il 95%, i figli d immigrati, perché i genitori italiani si rifiutano di far frequentare ai loro figli quella scuola. Insomma i bambini disabili del mio plesso scolastico saranno tre con certificazione e due o tre senza. Altri due bambini certificati frequentano le altre scuole del circolo, quindi in totale quelli certificati sono 5. Questi bambini stanno in classe 8 ore il giorno per 5 giorni, quindi ognuno sta in classe 40 ore che moltiplicato 5 fa 200 ore; senza esagerare sono handicap molto gravi e avrebbero bisogno di avere un insegnante di sostegno per tutto il tempo che stanno a scuola; invece ci hanno assegnato solamente due insegnanti di sostegno. Un insegnante di sostegno lavora 25 ore a settimana e, quindi, in due assicureranno 50 ore di sostegno a settimana; ergo ogni bambino avrà il sostegno per 4 ore il giorno, quasi sempre la mattina. Il pomeriggio il rischio di qualche incidente è altissimo. Alla fine di ogni giornata di lavoro senza incidenti gravi, noi maestre rendiamo grazie alla Buona stella. Quanti vomiti? Quante febbri? La situazione dei pochi collaboratori scolastici assegnati ci ha preoccupato e non poco. Ho ripensato alla situazione dell anno precedente. La mattina dalle 7.45 alle 11 eravamo in servizio 5 maestre per badare a 129 bambini (per fortuna non sempre tutti presenti). Era presente, per svolgere i suoi compiti di pulizia, assistenza e vigilanza una collaboratrice scolastica che aveva anche la certificazione medica, legge 104/82, che attesta che è persona che non può fare lavori pesanti, tipo prendere in braccio i bambini perché ha l ernia e altre gravi malattie. Noi riceviamo i bambini all ingresso tra urla di gioia e a volte strepiti e pianti. Molti genitori li portano prestissimo, altri con comodo anche oltre 9 e ci deve essere sempre qualcuno a

11 disposizione. La collaboratrice scolastica deve anche per un ora ritirare i buoni/mensa, pulire e rassettare dove man mano si sporca, tenere in ordine i bagni e, soprattutto, vigilare tutte le porte (quelle di acceso al cortile e quella da cui entrano i genitori per portare i piccini a scuola). Insomma se la collaboratrice fa il guardiano non riesce a fare le pulizie, se fa le pulizia non riesce a dare una mano a noi nel sorvegliare i grandi che vanno ai servizi e, men che meno, accompagnare i piccoli che hanno spesso bisogno di aiuto. I piccoli quest anno saranno 45 su 131 e alcuni non hanno ancora compiuto i tre anni. Insomma ci dobbiamo arrangiare. Lasciamo stare cosa succede nei mesi invernali, il pensiero mi fa rabbrividire; Ti dico solo cosa è successo, ieri, il primo giorno di scuola. Solo 3 bambini con la febbre e 7 vomiti; durante i mesi invernali le febbri (bronchite, raffreddore, e altro) sono molto di più. Ti voglio raccontare cosa succede quando un bambino ha il vomito. Bisogna portarlo in bagno, aiutarlo e fargli coraggio, poi pulirlo e siccome la collaboratrice scolastica spesso non può darci una mano (sarebbe suo compito questo) e non possiamo abbandonare gli altri alunni da soli in classe, facciamo cosi: il malato lo prendiamo in braccio (non ti dico come questo aiuta il progresso dell ernia) qualche refrattario lo prendiamo per mano e tutti gli altri ce li trasciniamo dietro per il corridoio, in modo da poterli controllare con il terzo occhio, mente badiamo al bambino che vomita e piange (e urla). Quando tutto è concluso, noi maestre ci ridiamo su. Alla fine della giornata ci chiediamo reciprocamente: quanti vomiti oggi? Quante febbri? Quante bronchiti? Questa è la normalità. Purtroppo, a volte, capita anche di peggio. Per queste cose abbiamo il quarto occhio e la protezione di una stella che non è mai visibile ed emana influssi benefici per noi maestre. Gli abbiamo assegnato il nome di Sfiga e ci protegge dalle denunce dei genitori per mancata vigilanza e dalle contestazioni dei dirigenti per la stessa ragione. Quando è visibile sono guai. Per questo motivo quando accade un incidente in classe a qualche bambino, si dice che è stato per Colpa della Sfiga. La prima giornata: tranquilla e faticosa Mi sono preparata per tempo e con più cura. Arrivano i genitori e noi maestre, tutte, vogliamo dare un immagine efficiente, serena e piacevole (sia perché ci piace il nostro lavoro, sia perché se non siamo brave e disponibili, l anno prossimo, i genitori iscrivono i bambini in altre scuole e noi perdiamo il posto). Alle sette e trenta ero già a ricevere bambini e, fino alle 9.15 non ho fatto altro che sollevare pesi di 15/20 chili e parlare con mamme e papà ansiosi e preoccupati. Ho rassicurato tutte e tutti, ma nessuno è venuto a rassicurare me. I bambini erano tutti eccitati. Abbiamo trascorso il tempo a parlare delle vacanze e così sono venuta a conoscenza di tante situazioni familiari complesse. È andata come tutti gli anni: urla di gioia dei grandi, pianti dei piccoli. Non abbiamo potuto portare i bambini in cortile durante la ricreazione perché pioveva. La prima giornata è finita I primi tre giorni di attività educativa, quest anno, finiranno alle 13, per favorire l adattamento dei bambini. Ieri, quindi, eravamo due maestre, in compresenza. Alle 13,00 ha suonato, puntuale, la campanella e abbiamo accompagnato i bambini verso l uscita. I genitori (non tutti purtroppo) aspettavano felici. Alle mi restavano da consegnare ancora 5 bambini. Come sempre, nonostante le raccomandazioni, non tutti i genitori arrivano puntuali. Finalmente, alle ho riconsegnato tutti, sani e salvi, e mi sono messa in auto un po stralunata e con le orecchie tappate. Ho fatto già mezz ora di lavoro in più che nessuno mi pagherà mai. Sono andata a recuperare mio figlio che frequenta il secondo anno delle superiori e mi stava aspettando fuori della scuola e ho cercato una farmacia aperta con orario continuato perché avevo bisogno di fare scorta di antinfiammatori. Il mal di schiena è già ritornato. Oggi ho dovuto prenderli in braccio tutti e 26 per salutarli e alcuni più di una volta, domani andrà meglio.

12 L anno scorso ho consumato 16 confezioni di antinfiammatori. A casa non ce n è più, l ultima dose l avevo ingurgitata il 30 giugno. Non vedevo l ora di arrivare a casa e prenderne la mia dose abituale di antinfiammatori. Un po di riposo prima di andare a fare la spesa, passare dalla mamma malata, assistita dalla badante immigrata, cui cedo un pezzo del mio stipendio e preparare la cena, prima di portare l altro figlio in palestra. E solo il primo giorno! Domani, giovedì, sarò sola fino alle 13, come pure venerdì! La mia collega ha chiesto part-time e i prossimi due giorni non è di turno. La parte di posto lasciata libera sarà coperta da una supplente e le nomine le faranno la prossima settimana; nell attesa la segreteria dell istituto comprensivo ha già detto che non nominerà il supplente solo per pochi giorni. Non vedo l ora che arrivino le vacanze di Natale. Firmato EMMEDI 08. Centri digitali invece che scuole e pc al posto dei docenti È l'idea del Ministro Profumo annunciata in una conferenza stampa. Pantaleo: "basta con gli annunci, è necessario risolvere i problemi della scuola". In un anno scolastico che si è avviato nel caos, il Ministro Profumo pensa a sostituire le scuole con "centri digitali" e i docenti con i computer. Pronta la risposta del Segretario generale della FLC CGIL. In una lettera aperta Pantaleo si rivolge in modo accorato al Ministro perché ci ripensi e dedichi le sue attenzione ai tanti problemi irrisolti della scuola che sono la vera emergenza. Gentile Ministro, apprendiamo da notizie di stampa che, ieri, durante la conferenza stampa per l inaugurazione dell anno scolastico ha annunciato nuove prospettive per la scuola italiana: computer in ogni classe, tablet agli insegnanti insomma una vera e propria rivoluzione. Un sogno digitale. Era davvero necessaria, Signor Ministro, questa operazione mediatica per coprire con scenari mirabolanti, la triste realtà: questo anno scolastico si è avviato malissimo, uno dei peggiori a nostra memoria. Classi ancora senza insegnanti, personale ausiliario, tecnico e amministrativo non ancora nominato, grande confusione e difficoltà determinate dagli effetti del dimensionamento scolastico e dai tagli agli organici degli ultimi quattro anni, condizioni fatiscenti o insicure di tante nostre scuole. E ancora come non ricordare che il personale docente inidoneo per motivi di salute verrà trasferito forzosamente nelle segreterie al posto di assistenti amministrativi precari. Oppure il concorso epocale per i giovani da Lei annunciato qualche settimana fa e così via o ancora la drammatica situazione del personale ATA con precari che non avranno più ne' supplenze e ne' la speranza della stabilizzazione. Ma evidentemente queste miserie non La riguardano e non riflette nemmeno sul recentissimo rapporto OCSE che pone il nostro paese agli ultimi posti per investimenti in istruzione in rapporto al PIL, investimenti peraltro in costante diminuzione. Tra le grandi innovazioni, a cui lei pensa, ci risulta essere in un prossimo provvedimento legislativo, l idea di sostituire gli insegnanti con i personal computer. Si vorrebbero cioè cancellare le scuole nelle piccole isole e nei comuni montani sostituendole con dei non meglio identificati Centri scolastici digitali, dove i bimbi sarebbero collegati in rete e le attività didattiche gestite in modalità e-learning sotto la vigilanza di un tutor.

13 Non si tratta di un idea nuova, infatti sappiamo che pratiche di questo tipo sono in uso da molti anni in Groenlandia o nella sterminata Australia dove le distanze o le condizioni del territorio e del clima condizionano pesantemente la vita delle persone. Signor Ministro a noi pare che si vogliano fare tre operazioni con questa norma: un ulteriore taglio di organico del personale, ammantato dall alone della modernità e dell innovazione; lo stravolgimento dell idea stessa di scuola pubblica, costituzionalmente garantita, che verrebbe privata della essenziale funzione di mediazione culturale e didattica degli insegnanti; una riduzione di risorse a territori già deprivati. Se questa è l innovazione che ha in mente, essa troverà la più dura opposizione da parte di questa organizzazione sindacale. La invitiamo a dare piuttosto una risposta ai problemi concreti della scuola italiana a partire da quelli che Lei stesso e il Suo governo hanno creato (es. inidonei e concorso) per garantire a ogni bambino e a ogni bambina una scuola di qualità. Infine ci corre l obbligo di segnalare che l unica innovazione fin ad oggi da Lei messa in campo, il registro elettronico, è rimasta lettera morta. Infatti le scuole si sono aperte e dei registri elettronici non c è l ombra, anzi in molti casi non ci sono nemmeno quelli cartacei. Ma tutto ciò si spiega con il fatto che nella legge, Spending Review, non è previsto neanche un euro per coprire le spese di questa innovazione e in tante situazioni viene chiesto agli stessi insegnanti di portare i propri personal computer. Avevamo auspicato che Lei Signor Ministro non cedesse alla tentazione di tanti suoi predecessori di annunciare interventi epocali senza risolvere i problemi veri della scuola italiana lasciando, spesso e volentieri come nel caso di chi l ha preceduta,cumuli di macerie. Avevamo auspicato un inversione di tendenza in termini di investimenti e risorse dopo tre anni davvero devastanti. Così non è stato fino ad oggi. Ci ripensi. La FLC CGIL confida nell accoglimento della richiesta e Le porge distinti saluti Il Segretario Generale FLC CGIL Domenico Pantaleo 09. Dal 20 ottobre 2012 saranno dismesse le connessioni internet di 3800 scuole: dopo gli spot del ministro, la realtà di tagli e disservizi Una nota della Direzione generale per gli studi, la statistica ed i sistemi informativi del MIUR comunica la dismissione delle linee internet del progetto SPC Scuole. Il D.Lgs. 82 del 7 maggio 2005, noto come Codice dell Amministrazione Digitale, ha istituito e disciplinato il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) con l obiettivo di creare una rete di interconnessione tra le Amministrazioni garantendo la sicurezza e la riservatezza delle informazioni. Figurando le istituzioni scolastiche tra le Amministrazioni dello Stato interessate dai servizi previsti dal SPC, nel 2008 la Direzione generale per gli studi, la programmazione e per i sistemi informativi del MIUR ha stipulato con il RTI (Raggruppamento Temporaneo d Impresa) guidato da Fastweb spa, un contratto per la fornitura alle scuole dei servizi di connettività e sicurezza previsti dal SPC. Questo ha consentito a circa 3800 scuole di fruire di un collegamento ad Internet (di tipo ADSL o satellitare) e di una serie di servizi di sicurezza, a carico della Direzione generale.

14 Adesso, dopo gli spot del Ministro Profumo sulla modernizzazione delle scuole italiane attraverso la cosiddetta agenda digitale, la dematerializzazione, gli slogan un computer per ogni classe, banda larga, scuola 2.0, con la nota prot del 12 settembre 2012 la Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi del MIUR ci riporta alla realtà fatta ancora una volta di tagli e di conseguenti disservizi. Nella nota si comunica che dal 20 ottobre 2012 saranno dismesse tutte le linee ministeriali Fastweb del progetto SPC per le 3800 scuole interessate. Vale pena riflettere sulle motivazioni che hanno portato a questo taglio. Da una parte si indica la vera ragione: sono venuti meno gli stanziamenti finanziari necessari a garantire la gestione e lo sviluppo dell intero sistema informativo, con conseguente grave esposizione debitoria della Direzione generale nei confronti del fornitore del servizio. Si aggiunge però anche una curiosa motivazione: non è giusto continuare a sostenere l intervento economico in favore delle 3800 scuole perché ciò costituirebbe discriminazione nei confronti della restante maggior parte delle scuole (!). Non è previsto poi nessun finanziamento alle scuole interessate in modo che possano ripristinare un nuovo collegamento. Anche per il collegamento Internet le scuole si dovranno cercare sponsor o dovranno chiedere altri contributi alle famiglie? IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : nota 4173 del 12 settembre 2012 dimissioni linee internet progetto spc NOTIZIE REGIONALI 10. Colosio invia gli auguri per un buon anno scolastico. La FLC CGIL Lombardia ringrazia e aggiunge... Alleghiamo il documento di saluti per un buon anno scolastico prodotto dal Direttore generale dell'usr Lombardia, dott. Giuseppe Colosio e la lettera di "risposta" del Segretario generale della FLC CGIL Lombardia Barachetti Corrado Ezio. IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : documento Colosio Documento Barachetti 11. Utilizzo fondi Aree a rischio e a forte processo immigratorio (Art. 9 CCNL), anno scolastico 2012/13, esercizio finanziario 2012 Considerato che la procedura nazionale negoziale per l attribuzione dei fondi è ancora in corso, si raccomanda di non procedere all utilizzo dei fondi e di restare in attesa di ulteriore comunicazione sulla effettiva disponibilità delle risorse. Direzione Generale Via Ripamonti, Milano Posta Elettronica Certificata:

15 Prot. n. MIUR AOODRLO R.U Milano, 14 settembre 2012 Ai dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche autonome di ogni ordine e grado della Lombardia Oggetto: Utilizzo fondi Aree a rischio e a forte processo immigratorio (Art. 9 CCNL), anno scolastico 2012/13, esercizio finanziario 2012 Da comunicazioni intercorse con la Direzione Generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione abbiamo verificato che la procedura nazionale negoziale per l attribuzione dei fondi assegnati per le scuole collocate in Aree a rischio e a forte processo immigratorio è ancora in corso. Raccomandiamo pertanto di non procedere all utilizzo dei fondi imputati alle singole istituzioni scolastiche (v. circolare USRLo n.9884 del 6 agosto 2012) e restare in attesa di nostra comunicazione sulla effettiva disponibilità delle risorse. Ringraziando per la cortese attenzione è gradita l occasione per porgere un cordiale saluto. Il direttore generale Giuseppe Colosio Patrizia Capoferri tel COSA RESTA DELLA SCUOLA. Fine del discorso educativo? - IX Convegno Jonas Milano onlus Educare e psicoanalizzare: mestieri impossibili secondo Freud. Psicoanalisi e pedagogia, attraverso le voci di Jonas e del Centro Studi Riccardo Massa, si incontrano in una giornata dedicata al tema della Scuola con l intento d interrogare il riflesso della crisi contemporanea e la caduta degli ideali sociali sull istituzione scolastica. Oggi, forse ancor più di ieri, proprio la scuola, seppur in grande difficoltà, detiene un ruolo educativo e orientativo fondamentale trovandosi ad essere il crocevia in cui si incontrano le questioni soggettive delle nuove generazioni, le difficoltà della famiglia moderna e il compito formativo dei docenti. Quale antidoto possibile di fronte a quella che potrebbe IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : IX Convegno Jonas Milano onlus 1 IX Convegno Jonas Milano onlus 2 SPAZIO FAQ E GIURISPRUDENZA 13. Pagamento delle reggenze A.S e dimensionamento scuole Pervengono da più parti quesiti in merito al pagamento delle reggenze per il corrente anno scolastico.

16 Vox populi.in alcuni casi anche di provenienza sindacale.. metterebbero in dubbio il pagamento delle reggenze per l anno in corso, con particolare riferimento alle scuole sottodimensionate. Nella scheda in allegato una disamina completa delle norme e dei compensi attualmente in vigore. IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : REGGENZE E RETRIBUZIONE ANNO SCOLASTICO SICUREZZA E SCUOLA 14. Lezioni di sicurezza: "2087" dedica un fascicolo ai problemi della scuola italiana Nel nuovo numero della rivista i contributi, tra gli altri, di Domenico Pantaleo, Gianna Fracassi e Massimo Mari della FLC CGIL nazionale. Marco Togna ha curato per Rassegna sindacale la presentazione del fascicolo. Un mondo spesso dimenticato, di cui l'opinione pubblica si ricorda a settembre o in occasione degli esami di maturità. Ma la scuola è una realtà complessa, enorme, in cui ogni giorno si muovono milioni di persone tra docenti, operatori e studenti. E in cui si annidano rischi che toccano aspetti diversi: un'ampia gamma, insomma, che va dall'obsolescenza di molte strutture alle malattie professionali di insegnanti e personale ATA. "Lezioni di sicurezza", questo il titolo del prossimo numero della rivista "2087", dedicato interamente ai problemi

17 della scuola italiana, sia analizzandoli in termini scientifici (con la collaborazione di esperti e centri studi) sia fornendo indicazioni pratiche a chi negli istituti di occupa di questi temi. Il fascicolo si apre con l'introduzione di Domenio Pantaleo, segretario generale della FLC CGIL, che offre un'ampia panoramica della situazione: la costante riduzione di fondi e di organici, il preoccupante fenomeno dell'abbandono scolastico, l'aumento dei carichi di lavoro per il personale, lo stato (spesso penoso) dell'edilizia. Una vera emergenza, spiega Pantaleo, che necessita un'inversione di tendenza e l'avvio, subito, di un progetto che preveda investimenti in questo settore. "L'attenzione ai giovani conclude il segretario parte anche dall'istruzione pubblica: abbiamo la responsabilità di consegnare alle future generazioni di studenti una scuola pubblica di qualità, che determini il pieno sviluppo della persona umana, come recita la nostra Costituzione". Si entra poi nel vivo della materia, con approfondimenti di carattere scientifico sulle condizioni di lavoro e sulle malattie professionali del personale scolastico: un primo focus è dedicato ai docenti, centrando l'attenzione in particolare sulla "sindrome da burnout" (ossia quel malessere psichico che può colpire quei lavoratori che svolgono attività molto stressanti) e sulle patologie della voce, come disfonie e laringopatie; il secondo (a opera del direttore scientifico della rivista, Diego Alhaique) esamina nel complesso le condizioni di lavoro del personale ATA e dei collaboratori scolastici, con particolare riguardo ai disturbi muscoloscheletrici, a scivoloni e cadute, all'uso corretto di laboratori e macchinari. Attenzione viene anche dedicata ai temi della "scuola violenta", ossia all'incremento, registrato negli ultimi anni, delle aggressioni ai danni del personale scolastico da parte di studenti e genitori. La seconda sezione della rivista ospita articoli su singoli argomenti di grande interesse: lo stato dell'edilizia scolastica (redatto da Massimo Mari, responsabile sicurezza della FLC CGIL nazionale), in cui, partendo da numeri e tabelle che testimoniano la vetustà e la mancanza di sicurezza in gran parte delle nostre scuole, si pone con evidenza la necessità di un piano straordinario di interventi; una panoramica delle opinioni degli RLS sulla sicurezza nella scuola dove prestano servizio, dove si evidenzia il grande impegno di personale e dirigenti scolastici e la clamorosa assenza di istituzioni ed enti locali; la presentazione del progetto "Tapiro", realizzato da CGIL-CISL-UIL di Modena, sulla sicurezza negli istituti scolastici della provincia. Conclude questa sezione un importante contributo sul sovraffollamento delle aule italiane (di Gianna Fracassi, segreteria nazionale FLC CGIL), provocato dalla legge 133 del luglio 2008, emanata dall'ultimo governo Berlusconi, che ha tagliato oltre 150 mila posti (tra docenti e altro personale), causando il fenomeno delle cosiddette "classi-pollaio". La terza parte comprende articoli di più breve lettura e dal carattere più divulgativo: gli argomenti spaziano dai film dedicati alla scuola (dove si ritrovano, seppur in forma artistica, questioni relative alla sicurezza) ai dati Inail sugli infortuni, dalla normativa per la sicurezza alle indicazioni dell'agenzia europea di Bilbao, fino alle iniziative presenti nella scuola italiana in materia di "educazione alla sicurezza". Concludono il numero le consuete rubriche di webteca, Sportello Diritti (a cura dell'inca) e la nuova rubrica "In principio", incentrata sui principi giuridici della sicurezza attraverso le sentenze della magistratura. Informazioni Anno XIV numero 8, agosto formazione e informazione per la sicurezza sul lavoro Lezioni di sicurezza Casa Editrice Edit. Coop. Redazione Promozione Abbonamenti redazione, promozione e vendite

18 15. Edilizia scolastica: tema da considerare emergenza nazionale inviata da scuole sicure Ogni anno con la riapertura delle scuole riemergono tutte le questioni non risolte e tra tutte quella dell edilizia scolastica che esige risposte concrete ed azioni immediate. I Sindaci, nonostante le ulteriori riduzioni di risorse, sia da parte dello Stato che delle Regioni, e le restrizioni imposte dai vincoli del patto di stabilita che spesso non consentono interventi neanche laddove indispensabili, continuano seppur con difficolta ad assicurare un impegno costante e responsabile; nel frattempo aumenta il numero delle persone che si rivolgono ai Comuni chiedendo tariffe agevolate: dal trasporto scolastico alla mensa scolastica, ai contributi per i libri di testo e le borse di studio. L edilizia scolastica nel suo complesso offre un quadro molto variegato, con esempi di eccellenza ma anche con situazioni molto disagiate e di effettivo rischio sicurezza. Lo stato dei finanziamenti, ad oggi, e il seguente: del miliardo di euro di fondi CIPE stanziati nel 2009 per la messa in sicurezza delle scuole, tolta la parte destinata all emergenza Abruzzo, restano 760 milioni di euro circa (che dovevano essere utilizzati attraverso 2 piani stralcio), di questi solo 161 milioni di euro sono stati effettivamente assegnati e quasi totalmente impegnati. La mancata assegnazione delle altre risorse preventivate ha impedito di effettuare gli interventi programmati. A 200 milioni di euro, ammontano le risorse previste nel 2012, sia per la costruzione di nuovi edifici che per la messa in sicurezza; una parte di queste e stata assegnata per la ricostruzione delle scuole colpite dal recente sisma; 115 milioni di euro serviranno per mettere in sicurezza le scuole individuate nella risoluzione Alfano, ma si e in attesa di conoscere le modalita di assegnazione. Infine il piano di coesione territoriale, che interessa le 4 Regioni del Mezzogiorno dell obiettivo 1, prevede nell ambito del progetto per la dispersione scolastica anche interventi sugli edifici scolastici. E evidente che le risorse messe in campo non sono assolutamente sufficienti e soprattutto rispetto agli annunci le risorse che arrivano ai Comuni sono esigue e giungono con lentezza. Il tema dell edilizia scolastica deve essere considerato una emergenza nazionale e come tale affrontato. Va ribadita le necessita, rappresentata dall ANCI da anni nelle diverse sedi istituzionali, che le spese per l edilizia siano escluse da patto di stabilita ; e poi necessario un maggiore coordinamento dei programmi nazionali, finalizzato ad un piu efficace impiego delle risorse, soprattutto se ridotte come nella fase attuale ed al miglior utilizzo delle strutture e la predisposizione di un nuovo piano nazionale di durata pluriennale che consenta una programmazione nel tempo degli interventi di risanamento, messa in sicurezza e rinnovo dell edilizia scolastica, favorendo anche la ripartenza delle economie locali; che Comuni e Province siano i destinatari diretti dei finanziamenti statali al fine di consentire un piu rapido impiego delle risorse, e su questo non c e piu dubbio alcuno essendo funzione fondamentale degli Enti locali da finanziare integralmente e direttamente. Infine e quanto mai opportuno il completamento dell anagrafe dell edilizia scolastica. (mt/sg) Anci, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (12 settembre 2012) 16. Edilizia scolastica: il Consiglio Nazionale dei Geologi mette in guardia sui rischi Per i geologi edifici scolastici sono collocati in aree ad alto rischio sismico. L'allarme è confermato dai risultati dell'anagrafe condotta dal MIUR sull'edilizia scolastica e recentemente resa pubblica. Preoccupante il silenzio del Ministro Profumo. Il grido di allarme lo ha lanciato, in un comunicato del 13 settembre 2012 riportato dall'ansa, Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, sulla base dello studio condotto dal Consiglio Nazionale dei Geologi su dati Cresme, ISTAT e Protezione Civile. Secondo il presidente dei geologi, in Italia edifici scolastici sono in aree potenzialmente ad elevato rischio sismico, di cui in Sicilia, in Campania, in Calabria (il 100% del totale), in Toscana, nel Lazio.

19 Mentre ad elevato rischio idrogeologico sono scuole di cui 994 in Campania, 815 in Emilia Romagna e 629 in Lombardia. Quanto sopra denunciato è tranquillamente confermato dagli stessi dati del MIUR pubblicati di recente a seguito dei risultati dell'anagrafe dell'edilizia scolastica, pressoché terminata visto che l'indagine copre il 95,9% del totale delle istituzioni scolastiche statali. Anzi, le fonti ministeriali individuano nella relazione di accompagnamento sia le maggiori criticità sia le soluzioni che intenderebbe mettere in campo il MIUR aggiungendo ben poco di nuovo ed immediatamente esigibile a quanto in questi mesi ha "annunciato" il Governo Monti. Siamo però ancora ai preliminari! Comunque i risultati della ricerca ci forniscono un quadro decisamente preoccupante sia sul rischio sismico sia sullo stato più complessivo in cui versano gli edifici scolastici italiani ampiamente denunciato dalle numerose indagini, tra cui quella della FLC CGIL in collaborazione con la rivista 2087 (vedi correlati) che in tutti questi anni si sono susseguite. Non è un caso che proprio in questi giorni la senatrice Bastico del PD ha presentato uno specifico disegno di legge per destinare l'8x1000 all'edilizia scolastica, in considerazione appunto di un'assenza endemica di risorse per mettere a norma il nostro patrimonio edilizio ad uso scolastico e garantire la sicurezza nelle scuole. Se il Ministro Profumo vuole fare qualcosa per la scuola, abbandoni il virtuale e si dedichi invece a risolvere il reale. Allegati IN ALLEGATO SUL SITO REGIONALE FLC in sezione dirigenti scolastici INSIEME AL NOTIZIARIO : presentazione miur del 13 settembre 2012 risultati anagrafe edilizia scolastica dati miur del 13 settembre 2012 su rischio sismico dati miur del 13 settembre 2012 su anagrafe edilizia scolastica 17. Se la classe è numerosa, a rischio sicurezza di allievi e docenti - di Pippo Frisone Dallo scorso anno poco è cambiato. Il Piano generale di edilizia scolastica, previsto dallo stesso decreto 81/09, con l individuazione delle scuole alle quali estendere il meccanismo dei nuovi limiti massimi degli alunni per classe, è rimasto ancora un annuncio, cui ha fatto seguito qualche timido elenco regionale, subito rientrato nell ombra. Dopo la deroga per il 2009/10 sulla formazione delle classi ancora coi vecchi parametri, prima il Tar del Lazio, con sentenza n.552/11 e successivamente il Consiglio di Stato che accoglieva per la prima volta una class-action intentata dal Codacons contro una pubblica Amministrazione, davano torto all ex ministro Gelmini. L aumento del numero degli alunni per classe, rientrava nel piano di razionalizzazione (alias tagli) del nostro sistema scolastico, deciso con la L.133/08 dal duo Tremonti-Gelmini. A quell aumento doveva seguire un vero e proprio piano generale sull edilizia scolastica. A parte un intervento straordinario deliberato dal CIPE nel 2012 a favore dell edilizia scolastica nel meridione, nulla di programmatico in materia ha visto la luce. Ora quell aumento senza un intervento di programmazione dell edilizia scolastica diventava un rischio e un vero e proprio pericolo per la sicurezza degli allievi e degli insegnanti. In una realtà come quella italiana col 42% delle scuole senza certificato di agibilità statica, col 29% senza agibilità igienico-sanitaria, col 46% prive di scale di sicurezza e col 15% senza impianti elettrici a norma ( dati Legambiente ), l aumento degli alunni per classe, deciso nel

20 2009 più che un azzardo suona come un atroce beffa per chi dovrebbe lavorare e studiare in tutta sicurezza! A tutto ciò va aggiunta la vetustà degli edifici scolastici, con il 15% che risale a prima del 900, il 16% tra il 900 e gli anni 40, il 37%, cioè il grosso, tra gli anni 40 e gli anni 70. Ora mentre si aumentavano gli alunni per classe, rimanevano inalterati tutti i vincoli in materia di norme tecniche di edilizia scolastica, DM del e la normativa antincendio di cui al DM degli Interni del Sia l uno che l altro decreto convergono sul mantenimento del numero di 25 alunni per classe come norma generale, cui deve fare riscontro, nell obbligo mq.1,80 di spazio minimo per allievo e mq.1,96 nella secondaria superiore. Eventuali deroghe devono essere certificate anche in via provvisoria dai vigili del fuoco. Prima del DM 81/09 i valori minimi e massimi per formare una classe erano i seguenti: Infanzia min.15 max 28 Primaria min.10 max 25 Media min.15 max 29 Sup.min.20 max 29 Col DM 81/09 i parametri sono stati innalzati come segue: Infanzia min.18(+3) max.30 Primaria min.15(+5) max 27(+2) Media min.18(+3)max 30(+1) Superiori min.27(+7) max 30(+1) In organico di fatto può succedere che per mantenere lo stesso numero di classi previste in organico di diritto si applichi un ulteriore aumento fino al 10%, vale a dire due/tre alunni in più che possono aggiungersi ai valori massimi!!! In tali condizioni parlare di classi pollaio o in batteria rende molto bene l idea, con tutto ciò che ne consegue: abbassamento del livello di qualità dell insegnamento e degli apprendimenti, aumento della dispersione e degli abbandoni, per non parlare dell aumento dei rischi legati alla sicurezza e alla situazione igienico-sanitaria. Al di là delle ricadute che possano comportare le spending review del governo Monti, bisogna riflettere su alcuni dati sugli infortuni a scuola, forniti dall Inail : Gli alunni infortunati negli ultimi 10 anni sono passati da del 2000 a del 2010 mentre i docenti infortunati nello stesso decennio son passati da a !!! Credo che queste cifre da sole debbano interrogarci tutti, a partire da chi ci governa. Occorre mettere a punto un piano serio d interventi di messa a norma e in sicurezza di tutti gli edifici scolastici. Vanno eliminate le emergenze e tutte quelle deroghe, a partire dall oscillazione del 10%, che stanno abbattendo con molta facilità anche il muro dei 30 alunni per classe!!! Vanno rispettate, senza se e senza ma, tutte le norme sull antincendio e sulla messa in sicurezza degli edifici scolastici nonché sugli spazi minimi per alunno, previsti dalle norme attualmente in vigore. Il DM 81/09 va modificato radicalmente ma soprattutto i parametri sulla formazione delle classi vanno declinati all interno di ogni edificio scolastico e con la capienza di ogni singola aula, senza più far prevalere esigenze di risparmio o di tagli agli organici sulla salute e sulla sicurezza di alunni e insegnanti.

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico.

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico. Oggetto: contrattazione integrativa a livello di Istituzione Scolastica per la determinazione dei criteri riguardanti l assegnazione del personale docente e ATA ai plessi: a.s. 2011/2012. Istituzione Scolastica:

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli