LIBERA MENTE. Il giornalino del Centro Diurno ALDA MERINI: BIOGRAFIA, LA MOSTRA, LE NOSTRE IMPRESSIONI. CULTURA,SPORT,ATTUALITA E TANTO ALTRO ANCORA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBERA MENTE. Il giornalino del Centro Diurno ALDA MERINI: BIOGRAFIA, LA MOSTRA, LE NOSTRE IMPRESSIONI. CULTURA,SPORT,ATTUALITA E TANTO ALTRO ANCORA."

Transcript

1 Anno II Numero 1/ Gennaio/Marzo 2011 LIBERA MENTE Il giornalino del Centro Diurno Anno IV numero 13 / gennaio, febbraio 2010 ALDA MERINI: BIOGRAFIA, LA MOSTRA, LE NOSTRE IMPRESSIONI. CULTURA,SPORT,ATTUALITA E TANTO ALTRO ANCORA. Resp. del Centro Diurno:Dott.ssa Stefania Benintende Resp. della Redazione:Dott.ssa Ornella Dragoni, Redazione: Paolo,Francesco, Clody, Luigi, Marina, Massimo, Giacomo, Carlo, ecc. Impaginazione e supporto informatico: Paolo Macchia e Dott.ssa Rinaldi Collaboratori:, Dott.ssa Conte. Gabriele Antognoni, Giuseppe

2 LE NOSTRE RUBRICHE : I L G I O R N A L I N O D E L C E N T R O D I U R N O XXALDA MERINI: BIOGRAFIA, LA MOSTRA MILANO ULTIMO ATTO D AMORE, LE NOSTRE IMPRESSIONI. PAG. 3/13 QUANDO SI CAMBIA ATTUALITA SPAZIO CULTURALE PENSIERI IN LIBERTA PERSONAGGI FAMOSI ATTIVITA CENTRO DIURNO SPORT POESIE PAG. 14 M E PAG. 15/19 N T PAG. 20/25 E PAG. 26/33 PAG.43/44 PAG. 45/46 QUESTIONARIO, EMANCIPAZIONE PAG. 47/54 SCRIVETECI PER CONSIGLI, OPINIONI E ALTRO. PAG. 34/39 PAG. 40/42 L I B E R A G E N N A I O / M A R Z O

3 ALDA MERINI BIOGRAFIA DI UNA PICCOLA APE FURIBONDA Sono una piccola Cresce durante gli ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace cambiare di misura. Con queste parole amava descriversi la poetessa milanese Alda Merini. A poco più di un anno dalla sua scomparsa ed in occasione del tributo offertole dalla sua città natale, vogliamo raccontarne la storia, la cui poetica, segnata da una profonda inquietudine ed una fervida visionarietà, la colloca tra le maggiori autrici del Novecento e dei primi anni del anni della Seconda Spagnoletti Guerra Mondiale (che la costringeranno poi a trasferirsi a Vercelli a seguito della distruzione della sua casa), ed esordisce come autrice molto giovane - a soli 15 anni - scoperta da Giacinto ed ispirata da Giorgio Manganelli,che fu un vero maestro di stile per lei, oltre che suo primo grande amore. Sempre in questo Attualità (pg1) Foto Gruppo Lettura Sport Alda Giuseppina Angela Merini nasce il 21 marzo 1931 a Milano in viale Papiniano da una famiglia di modeste condizioni. Della sua infanzia si conosce soltanto il poco che ella stessa racconta in alcune note autobiografiche, come ad e- sempio la passione per il pianoforte e la scrittura, espressioni del suo animo malinconico e sensibile. periodo, però, si manifestano i primi sintomi di quella che sarà una lunga malattia: Alda viene internata per un mese nella clinica Villa Turro,e una volta dimessa, riceve l'aiuto nario Questio- degli amici più cari che Cosa l'aiutano a raggiungere farò da coscienza di sé, a giocarsi bene il destino della grande scrittura al di là delle ombre della sua mente incontrate durante il ricovero. 3

4 ...BIOGRAFIA DI UNA PICCOLA APE FURIBONDA Finita la Guerra, sposa Ettore Carniti, modesto panettiere milanese, perché una volta tornati a Milano, io e la mia famiglia eravamo accampati in uno stanzone in cinque, con delle reti, allora sono andata con il primo che mi è capitato perché non ce la facevo più. Avevo 18 anni, dove potevo dormire? Così poi l ho sposato, nel Ha amato profondamente quest uomo fino alla sua morte, trent'anni dopo, uomo che ha definito come geloso, un gran lavoratore, semplice e concreto, ma poco incline a capire e condividere i suoi interessi culturali e la irrinunciabile passione per la poesia. Le figlie diranno poi : anche se vivevamo in una condizione di povertà e pativamo spesso la fame, nostra madre continuava a perseguire i suoi sogni. BIOGRAFIA DI UNA PIC- COLA APE FURIBONDA Sono una piccola ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace cambiare di misura. Con queste parole amava descriversi la poetessa milanese Alda Merini. A poco più di un anno dalla sua scomparsa ed in occasione del tributo offertole dalla sua città natale, vogliamo raccontarne la storia, la cui poetica, segnata da una profonda inquietudine ed una fervida visionarietà, la colloca tra le maggiori autrici del Novecento e dei primi anni del Alda Giuseppina Angela Merini nasce il 21 marzo 1931 a Milano in viale Papiniano da una famiglia di modeste condizioni. Della sua infanzia si conosce soltanto il poco che ella stessa racconta in alcune note autobiografiche, come ad esempio la passione per il pianoforte e la scrittura, espressioni del suo animo malinconico e sensibile. Cresce durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale (che la costringeranno poi a trasferirsi a Vercelli a seguito della distruzione Questionario della sua casa), ed esordisce come autrice molto Cosa giovane - a soli 15 anni farò da - scoperta da Giacinto Spagnoletti ed ispirata grande da Giorgio Manganelli,che fu un vero maestro di stile per lei, oltre che il suo primo grande amore. 4

5 ...BIOGRAFIA DI UNA PICCOLA APE FURIBONDA.Sempre in questo periodo, però, si manifestano i primi sintomi di quella che sarà una lunga malattia: Alda viene internata per un mese nella clinica Villa Turro e, una volta dimessa, riceve l'aiuto degli amici più cari che l'aiutano a raggiungere coscienza di sé, a giocarsi bene il destino della scrittura al di là delle ombre della sua mente incontrate durante il ricovero. Finita la Guerra, sposa Ettore Carniti, modesto panettiere milanese, perché una volta tornati a Milano, io e la mia famiglia eravamo accampati in uno stanzone in cinque, con delle reti, allora sono andata con il primo che mi è capitato perché non ce la facevo più. Avevo 18 anni, dove potevo dormire? Così poi l ho sposato, nel Ha amato profondamente quest uomo fino alla sua morte, trent'anni dopo, uomo che ha definito come geloso, un gran lavoratore, semplice e concreto, ma poco incline a capire e condividere i suoi interessi culturali e la irrinunciabile passione per la poesia. Le figlie diranno poi: anche se vivevamo in una condizione di povertà e pativamo spesso la fame, nostra madre continuava a perseguire i suoi sogni. Se la mia poesia mi abbandonasse come polvere o vento, se io non potessi più cantare come polvere o vento, io cadrei a terra sconfitta trafitta forse come la farfalla e in cerca della polvere d oro morirei sopra una lampadina accesa, se la mia poesia non fosse come una gruccia che tiene su uno scheletro tremante, cadrei a terra come un cadavere che l amore ha trafitto. Come polvere o vento ed.2009) Nel 1955 nasce la prima figlia, Emanuela, e poco dopo per la poetessa inizia un triste periodo di silenzio ed isolamento dovuto all'internamento Questionario al Paolo Pini, che dura Cosa fino al 1972 (anche farò se da intervallato da alcuni grande brevi ritorni in famiglia, durante i quali nascono le altre tre figlie (Barbara, Flavia e Simona). 5

6 ...BIOGRAFIA DI UNA PICCOLA APE FURIBONDA.Salute e malattia (alternanza che le era stata diagnosticata come sindrome bipolare) si intrecceranno poi fino al 1979, quando Alda farà definitivo ritorno a casa e riprenderà a scrivere dando vita ai suoi testi più intensi sulla drammatica e sconvolgente esperienza del manicomio, sui suoi orrori e le sue torture. Alla morte del marito, la Merini resta sola ed inizia un'amicizia a distanza con il poeta tarantino Michele Pierri. L'intesa fra i due si fa sempre più forte, malgrado i trent'anni e la distanza che li separano. I due si sposano e la poetessa si trasferisce a Taranto, per potersi occupare l'uno dell'altro stando vicini. Questi anni di apparente tranquillità vengono però deturpati dal riaffacciarsi del demone della follia e la Merini sperimenta nuovamente le torture dell'ospedale psichiatrico, questa volta tarantino. Nel 1986 fa finalmente ritorno a Milano e riprende a frequentare gli amici di un tempo. Ricomincia a scrivere con continuità, affiancando poesia e prosa e narrando di amore, oltre che di sofferenza. Di quell'amore che l'ha sempre pervasa; perché ha amato tanto, Alda, per quanto spesso non sia stata corrisposta. È questo il periodo più fertile dal punto di vista letterario, segnato da numerose pubblicazioni che consolidano il suo ritorno in scena e le consentono di riacquistare una certa serenità. Ed è questo il periodo di numerosi riconoscimenti pubblici del suo talento, come l'assegnazione, nel 1993, del P r e m i o L i b r e x - Guggenheim Eugenio Montale per la poesia, nel 1996 del Premio Viareggio e nel 1997 del Premio Procida Elsa Morante. Diviene quindi un personaggio di successo e comincia a guadagnare i primi frutti del suo straordinario lavoro, ma non per questo modifica il suo stile di vita: continua infatti a vivere come una clochard nella sua abitazione Questionario sui Navigli, in un passato sepolto da mille Cosa oggetti accumulati farò nel da tempo, in una casa grande piena di libri, quadri e fotografie che si trasforma in rifugio per artisti, barboni e squattrinati che le fanno visita. Perché per lei Milano è sempre stata questa: la sua dimora ed i suoi Navigli... non esisteva nient'altro della città. 6

7 ...BIOGRAFIA DI UNA PICCOLA APE FURIBONDA.La sola volta che ha abbandonato temporaneamente il suo rifugio, in Ripa di Porta Ticinese 47, è stata nel 1997, quando ottiene l'ultimo premio sopra citato, per trasferirsi all'hotel Certosa, dove vi rimane finché non spende tutto il denaro, in buona parte donato ai senzatetto incontrati per strada. Muore il 1 novembre 2009 a causa di un tumore osseo all'ospedale San Paolo di Milano, lasciando un grande vuoto in tutti quelli che hanno avuto l'onore di conoscerla e probabilmente l'amaro nella bocca di quelli che questa fortuna non l'hanno ottenuta. Nonostante la vita difficile, gli orrori e le sofferenze per gli internamenti ancora più che per la malattia, nonostante l'amore donato e non sempre ricambiato, questa grande poetessa non ha smesso di inseguire le sue passioni ed i suoi sogni per vederli, un giorno, realizzati. Io la vita l'ho goduta tutta, a dispetto di quello che vanno dicendo sul manicomio. Io la vita l'ho goduta perché mi piace anche l'inferno della vita, e la vita è spesso un inferno... per me la vita è stata bella perché l'ho pagata cara.. Abbiamo preferito non soffermarci sulle atrocità vissute da lei e da tanti altri in quegli anni di segregazione, anni lunghissimi, dolorosi e indicibili per questo lasciamo la parola ai suoi versi: Ho conosciuto Gerico, ho avuto anch'io la mia Pal e s t i n a, le mura del manicomio erano le mura di Gerico e una pozza di acqua infettat a ci ha battezzati tutti. Lì dentro eravamo ebrei e i Farisei erano in alto e c'era anche il Messia confuso dentro la folla: un pazzo che urlava al Cielo tutto il suo amore in Dio. Noi tutti, branco di asceti eravamo come gli uccelli e ogni tanto una rete oscura ci imprigionava ma andavamo verso le messe, le messe di nostro Signore e Cristo il Salvatore. Fummo lavati e sepolti, odoravamo di incenso. E, dopo, quando amavamo, ci facevano gli elettrochoc Questionario pazzo perché, dicevano, un non può amare nessuno. Cosa Ma un giorno da dentro farò da l'av e l grande l o anch'io mi sono ridestata e anch'io come Gesù ho avuto la mia resurrez i o n e, ma non sono salita ai cieli sono d i s c e s a a l l ' i n f e r n o d a d o v e r i g u a r d o s t u p i t a le mura di Gerico antica. (Le mura di gerico, in Terra Santa 1983) Marina e Luigi 7

8 INTERVISTA AL CURATORE DELLA MOSTRA: MILANO ULTIMO ATTO D AMORE Buongiorno Dott. Galli, recentemente lei ha allestito coi suoi collaboratori la mostra, tenutasi a Palazzo Reale, che Milano ha voluto dedicare ad Alda Merini e Mimmo Rotella. Come è nata l idea di accostare questi due artisti: la poesia della Merini e l arte figurativa di Rotella? A dire la verità da principio la mostra era stata pensata per Rotella, già dal 2007 avevamo cominciato a lavorare in tal senso. Poi la morte della Merini nel 2009 ci ha portato a pensare di poter creare un incontro tra i due sulla base di 10 serigrafie di Marilyn Monroe che Mimmo Rotella regalò alla poetessa milanese, grande ammiratrice dell attrice americana. La Merini omaggiò con altrettante poesie Marilyn ed ecco lo spunto per provare ad inventare un sodalizio artistico tra i due che nella vita a malapena si sono conosciuti. Milano ha voluto offrire un riconoscimento a chi l ha vissuta e rivelata: se la Merini ha cantato la Milano dei poveri, dei disadattati, degli ultimi; Rotella ha celebrato la Milano della moda, della pubblicità, dell effimero. La mostra è stata realizzata attraverso l ausilio di video proiezioni e supporti sonori, come mai la scelta di una mostra multimediale? L idea di fondo era quella di raccontare il personaggio Merini, di raccontarne la vita e le e- sperienze e quale modo migliore se non mediante l immagine, per cui lei aveva un vero e proprio culto. Raccontarla attraverso la scrittura sarebbe stato molto più difficile ed infinitamente più noioso credo abbiamo cercato di interpretare lo spirito di una donna che per tutta la vita è vissuta come su di un palcoscenico in attesa del suo pubblico, era quello che più di tutto le interessava, ammaliare, incantare, sedurre. Lo ha fatto in particolare con tutti gli uomini che ha incontrato, compreso Giuliano Grittini, suo amico e fotografo personale, che voleva avere sempre a disposizione, pronto Questionario più ad immortalarla nelle dissacranti situazioni, Cosa nelle sue nudità più farò im-dpudiche. Da quel patri- grande monio di ben scatti abbiamo attinto per scegliere le 40 fotografie offerte al pubblico. Gruppo Lettura Sport 8

9 .INTERVISTA AL CURATORE DELLA MOSTRA: MILANO ULTIMO ATTO D AMORE Il disordine mi sembra una nota comune ai due artisti, cosa ne pensa? Più che di un disordine parlerei di una lacerazione. Gli strappi realizzati da Rotella sulle locandine stanno a significare una rottura rispetto alla società, così come le poesie della Merini sovente raccontano di una lacerazione della coscienza è in questo che vedo una similitudine. A quali poeti la Merini si è ispirata?quali sono stati gli incontri che hanno segnato una svolta nella sua vita artistica e personale? Sono stati molti gli incontri importanti a cominciare da Giorgio Manganelli che l ha sostenuta e incoraggiata e ha scritto la prefazione di Terra Santa forse l opera più riuscita della Merini sulla drammatica e sconvolgente esperienza del manicomio, con cui poi vinse nel 1993 il premio Montale. Anche l incontro con Ennio Flaiano e l amicizia con Salvatore Quasimodo sono stati particolarmente significativi. Non ha avuto un vero e proprio punto di riferimento letterario, dei maestri ideali che l abbiano ispirata. Sa la scrittura è assai diversa rispetto alle arti figurative, voglio dire nel caso della pittura per esempio di un determinato periodo è comune e diffuso raccogliere un certo tipo di eredità, ma nella letteratura e nella poesia gli influssi sono più mediati, meno diretti, non ci sono derivazioni così nette. Questo non significa non ci siano stati dei riferimenti culturali, ma non ci sono state grandi letture lei non era molto colta; era più interessata ad avere rapporti diretti con le persone, era famelica di relazioni e anche con la sessualità aveva un rapporto o- serei dire compulsivo. Cercava di sedurre tutti coloro che incontrava, il sesso era un modo forte per sentire la vita e per raccontarla. 9

10 .INTERVISTA AL CURATORE DELLA MOSTRA: MILANO ULTIMO ATTO D AMORE Quali sono i soggetti delle sue poesie, cosa vuole trasmetterci? Secondo lei la vita della Merini e la sua produzione artistica si possono suddividere in periodi? Nella vita avventurosa che ha fatto ha sempre cercato esperienze che potessero diventare spunti per la sua poesia, fonte di ispirazione e creatività. I temi che lei scrive sono quelli che esperisce e che sono per lei sempre degli incontri. Non credo ci siano temi o periodi che la contraddistinguano, nella sua produzione c è una continuità linguistica molto forte; se si legge una poesia degli anni 50 e una degli anni 80 non si rilevano differenze stilistiche, del resto lei non è stata una cultrice della lingua. Non vedo un evoluzione nella sua scrittura, sebbene io non sia un esperto, né critico letterario. Penso, tuttavia, sia più difficile riconoscerla nella lingua rispetto alla pittura o alle arti figurative in genere. Mi viene in mente Picasso o per stare più vicini a noi Fontana in loro si evidenzia un evoluzione talmente netta e riconoscibile da ricondurne le opere a periodi ben distinti per la loro peculiare originalità. I temi affrontati dalla Merini sono stati legati alla sua vita personale, lei come un poeta classico entra nell esperienza e semplicemente la racconta. Allora ci dica qualcosa in più della donna Merini Era eccentrica, bizzarra e anticonformista, contestava ogni regola e ordine precostituito, forse una risposta alle costrizioni prolungate dell ospedale psichiatrico consumatrice vorace di rapporti, cibo, fumo che immagino facessero parte del suo disagio mentale. U- na donna animata da un gran bisogno d amore. 10

11 .INTERVISTA AL CURATORE DELLA MOSTRA: MILANO ULTIMO ATTO D AMORE Nell ultima parte della sua vita il maestro Giovanni Nuti ha messo in musica le sue poesie. Quale era il suo rapporto con la musica?suonava il piano, quali brani preferiva? Amava molto la musica e quella classica in particolare, un mio amico critico musicale la ascoltò suonare discretamente Schubert e Schumann. Nella mostra non compare alcun segno della sua famiglia né d origine, né d elezione come mai? Semplicemente perché è stata irrilevante nella sua vita. Lei è stata molto legata al padre, di cui era innamorata come tutte le figlie lo sono, secondo il famoso complesso di E- lettra, un personaggio forse un po idealizzato. Con la madre ebbe un rapporto estremamente conflittuale, non si sentì mai completamente amata. Per quanto riguarda le figlie credo non si sentì mai realmente una madre per loro; abbiamo cercato di coinvolgerle nella preparazione della mostra, ma con scarso successo. A fronte di tutto ciò che ci siamo detti crede che la mostra sia riuscita nel suo intento? Mah in realtà credo dovreste essere voi a dirmelo spero di si, anche se gli elementi di continuità tra i due artisti non risultavano forse immediatamente percepibili. Qualcosa in più certamente poteva essere fatto in tal senso, come per esempio didascalie maggiormente esplicative e particolareggiate, beh ci penseremo per il prossimo avvenimento. Francesco 11

12 VISITA ALLA MOSTRA MILANO,ULTIMO ATTO D AMORE MILANO, ULTIMO ATTO D AMORE Alcune settimane fa siamo andati a visitare a Palazzo Reale la mostra che Milano ha voluto dedicare ad Alda Merini e Mimmo Rotella. Ad aspettarci per la visita guidata un narratore d eccezione: colui che l ha pensata e curata. Il percorso parte da 10 serigrafie di Marilyn Monroe realizzate da Rotella e donate ad Alda Merini, grande estimatrice del talento e della bellezza dell attrice, che omaggiò scrivendo altrettanto poesie. Questo ci è stato spiegato traccia un filo conduttore, un elemento di comunanza tra i due artisti che la mostra ha cercato di sviluppare anche in altre direzioni. Per raccontare Alda Merini è stato scelto un allestimento multimediale fatto di proiezioni di immagini e di suoni che scorrevano lungo il tragitto e che ci hanno piacevolmente consentito di cogliere l originalità del personaggio. Immersi nelle curiose narrazioni e negli aneddoti del nostro cantastorie ci siamo avventurati nella scoperta di una donna tanto particolare quale la Merini è stata. Pare abbia sempre vissuto a Milano sui navigli e non si sia mai allontanata gran che dal quartiere, al massimo arrivava in porta ticinese e dintorni. Nelle trattorie della zona incontrava Quasimodo e Raboni coi quali aveva una tenera amicizia. Si dice vivesse in una casa modesta, disordinata e sporca, coi muri imbrattati dalle sue annotazioni ed appunti, il pavimento ricolmo come un posacenere dei suoi mozziconi, l aria densa per il fumo delle oltre 100 sigarette al giorno. Il fatto che più ci ha colpiti è che ricevesse personalità illustri nella sua casa: Questionario senza politici; giornalisti; scrittori farsi alcun problema. Cosa farò da grande Negli ultimi anni della sua vita li riceveva a letto, luogo per cui pare avesse un vero culto, visto che lì mangiava, fumava, faceva l amore. Non 12

13 . MILANO, ULTIMO ATTO D AMORE disdegnava il sesso, anzi per la verità ebbe molti uomini oltre un centinaio dichiarò spesso con orgoglio. Amava molto farsi fotografare sia vestita che nuda e quindi aveva a disposizione un fotografo Non ce ne voglia Rotella, ma di questa visita ci resta forte il ritratto vivace di una Alda Merini eccentrica, appassionata, il segno di una rinascita oltre le Mura di Gerico. Annamaria e Michela giorno e notte. Proprio le fotografie ce l hanno rivelata attraverso i suoi incontri amorosi, i suoi navigli, l esperienza drammatica dei ricoveri al Paolo Pini che hanno ispirato tutta la sua poesia. La seconda parte della mostra è centrata sui lavori di Mimmo Rotella: sulle locandine teatrali e cinematografiche, che rubava nelle città, e a cui l artista apportava strappi tesi a rappresentare la rottura verso un mondo fatuo e superficiale. 13

14 QUANDO SI CAMBIA 2010,UN SIMPATICO RACCOLTO Quest anno che volge al termine, è stato per mia fortuna caratterizzato dall assenza di fattori in qualche modo traumatici. E stato un periodo in cui, senza premeditazione, sono riuscito a costruirmi una rete di rapporti interpersonali come non accadeva da tempo, e cosa non da poco, ho continuato, in forma incrementale a coltivare i miei interessi. Certamente il fatto che io abbia avuto un lungo periodo di tranquillità e serenità è stato determinante, ma come si evince dal titolo di questo articolo, il frutto che oggi mi è dato di assaporare è quello di un costante lavoro volto al fine di vivere una vita sempre migliore. Non credo affatto di avere delle qualità particolari. E nell ordine delle cose di ogni uomo o donna intraprendere e coltivare relazioni, di varia natura e specie. E alla base del vivere in comunità con gli altri, molto semplicemente. Rammaricarsi di se stessi, credere che non ci siano date altre opportunità dalla vita, aspettare che in qualche modo qualcosa accada è secondo me deleterio, comportamento che è necessario evitare, invece essere propositivi, con lo sguardo cocciutamente volto al domani, e battersi affinché questo sia migliore del nostro presente, è un comportamento auspicabile per tutti. Quest anno che sta per terminare, mi ha salutato con tantissime dimostrazioni di affetto e di stima, a volte anche un tantino imbarazzanti, perché non previste, ma comunque molto belle. Ancora più belle perché come ho detto, non sono state in q u a l c h e m o d o pilotate, ma frutto di un comportamento dettato dalla spontaneità che mi ha caratterizzato in questi ultimi tempi. La disponibilità (non all eccesso), il sapere ascoltare, capire quando è il modo e il momento giusto per esprimere ciò che vogliamo dire o fare, il rispetto reciproco, il confronto, il sapere scendere anche a qualche compromesso, sono tutti fattori, la medicina giusta per cercare di vivere una vita in relazione con l altro in maniera ottimale. Gruppo Per vivere Sport una vita Lettura piacevole occorrono più elementi, tutti necessari, tutti molto difficili da realizzare, uno di questi è comunque la stima verso se stessi e quella data da chi ci circonda. Per mia fortuna quest ultimo elemento sono certo di averlo portato a casa Grazie a tutti. Paolo 14

15 ATTUALITA PER UNA CORRETTA NAVIGAZIONE Chi è abituato a navigare nel web sicuramente conosce Wikipedia, l enciclopedia multimediale per eccellenza. Fattore molto importante è che è un sito completamente aperto, dove chiunque, e nel pieno rispetto delle regole, previa registrazione può aiutare ad incrementare il già enorme bagaglio di informazioni. Lo spirito della rete è proprio questo, una grande struttura, alla portata di tutti, aperta e che mette in contatto e in relazione milioni di internauti che hanno dei dubbi o semplicemente la curiosità di nuove conoscenze. E senz altro vero che lo stesso sistema nasconde tantissime insidie, pericolose trappole da cui bisogna difendersi, ma non si può assolutamente negare che internet ha contribuito f o r t e m e n t e all abbattimento di tante barriere. Oggi senza muoversi dalla nostra postazione è possibile praticamente fare di tutto, in qualche modo è possibile accedere ad ogni parte del mondo. Non bisogna comunque pensare che ogni cosa sia giusta farla in modo virtuale. Il contatto umano è assolutamente necessario, ma certo è che la rete ci aiuta tantissimo. Detto questo, vorrei parlare di un altro sito, che risponde in questo stesso modo alle richieste di chi naviga: Wikileaks. Questo sito, oggi al centro di controverse azioni legali, si è sempre occupato di mettere in rete documenti altrimenti riservati. La politica adottata da Assange, il fondatore è molto semplice e chiara: Non ci sono fonti conosciute, non ci sono commenti di a l c u n t i p o, i l t u t t o è all insindacabile giudizio della persona che legge. C è da dire che una parte di questi potrebbe essere falsa o diffusa con scopi strategici, ma questa è una cosa,per libertà di stampa e di informazione, che dovrebbe essere valutata da chi legge, visto che mai nessun documento è stato commentato dal sito o propagandato per certamente vero. Viene da chiedersi come mai che spesso gli interessati più che fornire le prove dell inattendibilità delle notizie, puntino sulla criminalizzazione del fondatore e dei suoi collaboratori. In un mondo, web compreso, traboccante di stupidità, cattivo gusto, pornografia, penso che accanirsi contro un sito che non fa altro che informazione, sia alquanto difficile da comprendere. A prescindere da questo sito, io credo che il cittadino abbia il diritto di essere informato, che sia giusto che gli intrallazzi del palazzo di turno, le azioni poco chiare militari, gli accordi fatti nell ombra, siano invece resi noti e trasparenti. E chiaro che potrebbero esserci delle informazioni che possono essere coperte dal segreto di stato, ma il grosso del materiale divulgato da WIKILEAKS riguarda accordi e fatti che hanno il netto sapore del poco chiaro. 15

16 .PER UNA CORRETTA NAVIGAZIONE Informazioni che quasi sempre sono negate al cittadino comune, ma visto che viviamo in un se pur discutibile stato di diritto, queste ci dovrebbero essere dovute. Assange è già stato arrestato alcuni anni fa con la stessa imputazione di questi giorni, la diffusione in rete di materiale riservato. Uscito poi per buona condotta. Oggi è agli arresti domiciliari in Inghilterra, accusato di un improbabile stupro. Su di lui pende anche una richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti. Purtroppo combattere i poteri forti, scardinare le maglie delle forze militari e altro è oltre che difficile, soprattutto pericoloso. Julian Assange, per la cultura occidentale per lo meno, dovrebbe essere solo un uomo che fa informazione, salvo poi di essere eventualmente smentito non, arrestato. Paolo Viene da pensare che a dispetto di ogni giusta regola, diffondere presunte informazioni, al solo scopo informativo, appunto, quindi poi tutte da verificare, sia un reato più grave che quello per esempio di mettere in rete, quindi anche alla portata di bambini, materiale pornografico o peggio. Chi naviga sul web, conosce quanto siano probabili le occasioni di vedere o addirittura scaricare file o foto di cattivo gusto. 16

17 IL CATTIVO SOLDATINO Chi conosce Bradley Manning? Bradley, militare, soldato semplice dell esercito degli stati Uniti, ventitre anni appena compiuti, vive in regime di totale isolamento da duecento giorni circa in una cella della base dei Marines di Quantico, Virginia. Una cella piccola, con solo le cose di primaria necessità: branda, wc, lavandino, un piccolo tavolo. Nessun lenzuolo, niente cuscino, sveglia alle cinque, riposo alle venti, guai a cercare di appisolarsi durante la giornata: è vietato. Nessuna visita, solo l Avvocato, lo Psichiatra, oppure due parole alle guardie. Durante il giorno una guardia, ogni cinque minuti si rivolge al detenuto, attende una risposta, poi ancora dopo cinque minuti e poi ancora Una sola ora al giorno per camminare in una stanza adiacente alla cella, si cammina formando un otto, niente flessioni o ginnastica, è permesso solo camminare. Una piccola tv,per tre ore al giorno, senza canali nazionali, solo notizie locali e un libro la settimana. Più di duecento giorni ad oggi, fine 2010, senza un processo, senza prove certe. Di cosa è imputato Bradley? Omicidio? Strage? Terrorismo? NO!! E accusato di avere passato a Wikileaks file considerati riservati. A prescindere dal fatto che una simile detenzione potrebbe ledere i diritti civili di chiunque, a prescindere da come può avere accesso un soldatino a file così sensibili, a prescindere da ogni cosa, si può tenere in regime di carcere duro per duecento e più giorni un uomo senza prove certe, ma solo indizi di colpevolezza? Qualcuno afferma che Washington avrebbe messo in atto un piano per convincere il giovane militare a cooperare, una detenzione pesante per convincerlo ad ammettere la colpa e patteggiare uno sconto di pena. Insomma, indurlo a credere che anche ammettere un reato non perpetrato e scontare una pena sia meglio dell inferno che sta da tempo patendo. Io non ho modo di conoscere la verità su questo caso, dico però che questo tipo di detenzione non è legale, è roba da Guantanamo, ma si sa, gli Americani possono tutto, d'altronde sono i paladini della DEMOCRAZIA. Paolo 17

18 IL CARNEVALE,UNA FESTA SCACCIA-PENSIERI L 8 marzo, data ormai nota per la festa della donna, ha coinciso quest anno con il martedì grasso ovvero ultimo giorno di carnevale secondo il rito romano. Abbiamo deciso di onorare tale festività(e come potevamo tirarci indietro) anche al Centro Diurno dove tra lauti banchetti, danze e travestimenti si è mantenuta la tradizionale baldoria propria di questa celebrazione. Ma in fondo cos è il carnevale se non il momento in cui l ambiguità può vivere, in cui realtà e apparenza si confondono? Mi è venuta la curiosità di saperne di più su origini e significato e spulciando qua e là ho scoperto alcune cose piuttosto interessanti. Il carnevale pare sia nata come festa contadina risalente ai riti della stagione invernale. L'esplosione di gioia e l'uso della maschera a- vevano la funzione di allontanare gli spiriti malefici. La maschera, infatti, rendendo l'uomo simile agli animali, gli dava un potere simbolico e temporaneo sugli animali sacri. Le prime testimonianze documentarie in merito risalgono al medioevo e parlano di una festa caratterizzata da uno sregolato godimento di cibi, bevande e piaceri sensuali. Per tutto il periodo si sovvertiva l'ordine sociale vigente e si scambiavano i ruoli soliti, nascondendo la vecchia identità dietro delle maschere. I festeggiamenti culminavano solitamente con il processo, la condanna, la morte e il funerale di un fantoccio, che rappresentava allo stesso tempo sia il sovrano di un auspicato e mai pago mondo di "cuccagna", sia il capro espiatorio dei mali dell'anno passato. La fine violenta del fantoccio poneva termine al periodo degli sfrenati festeggiamenti e costituiva un augurio per il nuovo anno in corso. Nelle varie manifestazioni carnevalesche è possibile individuare un denominatore comune: la propiziazione e il rinnovamento della fecondità, in particolare della terra, attraverso l'esorcismo della morte. Il periodo carnevalesco coincide più o meno con l'inizio dell'anno agricolo, un chiaro Il periodo carnevalesco coincide più o meno con l'inizio dell'anno agricolo, un chiaro indizio che permetterebbe di collegare direttamente il carnevale alle feste greche in onore di Dionisio, dio greco del vino, caratterizzate dal raggiungimento di uno stato di ebbrezza ed esaltazione entusiastica, fino a sfociare in vere e proprie orge, e a quelle romane dei Saturnali: solenne festa religiosa, che si celebrava in onore del dio Saturno e durante la quale si tenevano cerimonie religiose di carattere sfrenato e orgiastico, che prevedevano tra l'altro la temporanea sospensione del rapporto servopadrone, gli schiavi venivano, ad esempio, serviti dai liberti o dai padroni e potevano concedersi o- gni libertà! 18

19 .IL CARNEVALE UNA FESTA SCACCIA-PENSIERI Con l'avvento del cristianesimo, il carnevale continuò ad essere celebrato, ma perse il suo contenuto magico e rituale. Sebbene durante i secoli XV e XVI si diffusero le mascherate pubbliche, e si rinnovarono alcune tradizioni, ormai questi divertimenti erano stati così profondamente ridimensionati, da aver perso il loro antico splendore. In Italia il carnevale è stato sontuosamente celebrato per secoli. Ancora oggi sono visibili alcuni tratti di quest'antica festa popolare, nel Carnevale di Venezia o nel Carnevale di Viareggio. Noi pertanto non abbiamo voluto essere da meno molti si sono mascherati e hanno dato vita ad una divertentissima sfilata con tanto di voto da parte di un apposita giuria composta dagli smascherati del gruppo per eleggere il travestimento più simpatico e originale. Ognuno ha interpretato il personaggio che vestiva: Giovanna la gatta sensuale ; Cinzia la gattina elegante, Luigi il faraone egizio, Massimo il generale prussiano, Giuseppe lo zorro spavaldo e Rinaldo lo zorro comune, Michela la damigella ultramoderna, Antonella la coniglietta confettiera, Giacomo lo stregone, Michele il pirata ed Io pierot disperata.alla fine Giovanna la gatta con le sue sensuali movenze ha conquistato i giurati e si è aggiudicata la vittoria e la targa premio. Sono stata molto felice di essere parte dei festeggiamenti e che anche il mio medico curante il Dottor. Cisima (che purtroppo sarà trasferito in reparto)vi abbia partecipato. Da principio il suo sguardo mi metteva un po in imbarazzo, ma poi mi sono distesa e la sua presenza mi ha dato la carica per essere ancora più esuberante. Mi dispiace vada via, nonostante all inizio del rapporto di cura fossi molto intimidita da lui, dai suoi modi burberi e poco accoglienti, devo riconoscere che ha fatto con me un lavoro positivo, mi ha fatta stare bene. Spero si ricorderà di me come io mi ricorderò di lui. A testimoniare il gran divertimento di quella giornata vi lascio le nostre foto Marina Sapete perchè a Milano, e nella sua diocesi, il carnevale dura fino al sabato, mentre nel resto del mondo finisce al martedì? E' una bella storia: si dice che questa abitudine cominciò quando Sant' Ambrogio era il vescovo di Milano. La spiegazione dei milanesi era che siccome Gesù aveva fatto solo 40 giorni nel deserto, la quaresima doveva avere quasi la stessa durata... 6 settimane... da domenica a domenica. Il digiuno cominciava con la prima domenica di quaresima, e quindi bisognava far festa fino al sabato prima, invece di fermarsi al martedì; i milanesi facevano solo una piccola pausa il mercoledì delle ceneri, per poi ricominciare al giovedì... Poi però, benché l'abitudine fosse tollerata, c'erano tanti che si lamentavano di questo privilegio di Milano. Poi un anno vi fu una tremenda epidemia di peste, davvero tremenda, e Milano restò chiusa, in quarantena, per tantissimo tempo. La gente, anche quelli che non erano ammalati, pativa la fame, perché era proibito u- scire dalla città, e all'interno delle mura non si riusciva a produrre abbastanza cibo per tutti. Pian piano la situazione migliorò e, finalmente, le autorità diedero il permesso di riaprire la città, proprio il mercoledì delle ceneri. I poveri milanesi si ritrovarono a dover cominciare il digiuno di Quaresima, proprio appena finito il digiuno causato dalla peste... Naturalmente, i milanesi avevano voglia di fare carnevale, almeno gli ultimi tre giorni rimasti prima della Quaresima, così il vescovo di Milano andò dal Papa, raccontò la storia della Peste, di come era stata brutta, e di come la gente avesse sofferto. Il papa allora, commosso dal racconto del vescovo Carlo, cedette, e firmò una bolla, cioè un documento, in cui si dava alla Diocesi di Milano il diritto di festeggiare il carnevale ambrosiano fino al sabato che precede la 1 domenica di quaresima, per sempre. 19

20 SPAZIO CULTURALE JACOPO DELLA QUERCIA (PARTE SECONDA) Il suo primo grande capolavoro fu il monumento sepolcrale di Ilaria del Carretto a Lucca. Ilaria del Carretto, seconda moglie del Signore di Lucca Paolo Guinigi, fu seppellita presso la Chiesa di San Francesco cattedrale di Lucca. Questa scultura è probabilmente contemporanea alla Madonna della Melagrana per via delle affinità stilistiche nell esecuzione dell opera. Il Signore di Lucca volle costruire per la sua amata una tomba isolata come usavano i prìncipi d Oltralpe. Tentò di trasformare, così, sull esempio di quanto fecero altri Signori italiani, la Cattedrale di Lucca in una sorta di Mausoleo familiare. Fin dal 1408 fu affidato a Jacopo l incarico di ricostruire e decorare la grande porta civica al centro della Piazza del Campo a Siena, nota come fonte Gaia. Le raffigurazioni dei temi politici e civici dei Palazzi vengono estesi alla pubblica piazza prospiciente qui vi siedono: La Vergine col Figlio e una serie virtù; due rilievi con storie della Genesi; alcune serie di lupe coi gemelli, con le statue di Rea Silvia e Acca Lorentia che avevano il compito di celebrare la mitica discendenza di Siena da Roma. Siccome, poco dopo la metà del 1800, ci si accorse che la Fonte si trovava in un pessimo stato di conservazione la si sostituì con la copia di Tito Sarrocchi, mentre i resti dell originale vennero sistemati nel museo di Santa Maria della Scala. Poco più tardi fu coinvolto a Lucca nella fabbrica della cattedrale guidata da Antonio Pardini, per la quale Questionario ad scolpì alcune teste destinate ornare gli esterni Cosa delle navate e soprattutto farò da l imponente statua grande di Apostolo per uno dei contrafforti: elementi architettonici con la funzione di sostenere la parete laterale della chiesa. Foto Gruppo Lettura Sport Questa scultura si inserisce nello svolgimento dell arte di Jacopo dal sepolcro di Ilaria del Carretto alla Fonte Gaia, per la scelta di innestare un moderno piglio classico su di un sostrato ancora gotico. La fontana senese fu finalmente inaugurata nel 1419, furono coinvolti nel cantiere delle costruzioni anche due scultori: Francesco Valdambrino e Domenico Di Niccolò, tra i più all avanguardia del tempo... 20

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Franco Groppali IL MIO ICTUS, CONFINE di due VITE: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone autobiografia

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 dagli 11 anni LA GRANDE AVVENTURA Robert Westall Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 L autore Scrittore inglese, nato nel 1929

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli