Formule della bellezza architettonica contemporanea

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formule della bellezza architettonica contemporanea"

Transcript

1 Formule della bellezza architettonica contemporanea EURAU 10 In the Fifties, with his Magic Formula for Architecture (Architecture as a function of Beauty and Usefulness), Ernesto Nathan Rogers suggested an approach which finds the terms of balance between function and form in the historical an social conditions. Rediscovering the title Formulas for a modern architectural beauty used by Van de Velde in 1916/17, Rogers hints at the idea that architecture is a dynamic balance of beauty and usefulness, ethic and aesthetic, collective and individual, objective and subjective, rational and irrational. Fifty years later, the development of design is quite actual. Which are the formulas for architectural beauty nowadays? Which the changing principles of action and view that have been emerging so far? Architecture, school, beauty, method, Rogers Dario Costi Università degli Studi di Parma b.go Onorato 21, Parma

2 (Fig. 1) Ernesto Nathan Rogers negli anni Cinquanta propone con la sua Formula magica dell architettura (Architettura in funzione di bellezza e utilità) la provocazione di un principio metodologico che ricerca le ragioni della forma dell equilibrio tra componente funzionale e questione formale nelle condizioni storiche del proprio tempo e della sua società. Riprendendo il titolo Formule della bellezza architettonica moderna 1 di Van de Velde del 1916/17 propone l idea che l architettura sia la sintesi sempre differente della dialettica tra etica ed estetica, collettivo e individuale, oggettivo e soggettivo, razionale ed irrazionale. Le sue lezioni riportano chiaramente una linea dello sviluppo storico e la sua storicizzazione operativa come prospettiva di lavoro: Ruskin, il moralista a difesa della natura, Morris, il moralista in difesa della società, a Van de Velde, il moralista a difesa della ragione se così si può dire a Gropius, che sempre identifica i problemi dell etica con quelli dell estetica e, cioè, cerca di giustificare o immedesimare l attività estetica nella sostanza etica, a noialtri, che siamo i continuatori, i trasformatori questa è una storica fatalità di questi ereditati principi. 2 Il contributo si pone l obiettivo di evidenziare la capacità dell impostazione rogersiana di informare e caratterizzare alcune tra le più importanti teorie architettoniche del dopoguerra e di trovarne tracce metodologiche ancora vive e operanti nell orizzonte dell architettura contemporanea italiana. In altre parole e stando al gioco di Rogers, quali sono le variabili dalla combinazione delle quali assume valore il progetto? Come sostanziare il concetto di bellezza architettonica oggi? /1964 Struttura concettuale e dialettica delle coppie (Fig. 2) Il metodo di Rogers è uno strumento di interpretazione della società all interno della consapevolezza di appartenenza storica. Nell editoriale Attualità di Adolf Loos la contestualizzazione nel tempo dell esperienza è il modo migliore per riportare la storia alla vita, d innestarla nel tronco dell esistenza, di comporla con le energie propulsive in un inesauribile fluire dove le mutazioni non risultano da atteggiamenti subitanei, arbitrari ed effimeri ma si radicano nel solco continuo della tradizione, cioè in un esperienza culturale intesa dinamicamente e creativamente (ROGERS, 1959). Nell Ultima lezione 3 del corso di Caratteri Stilistici e costruttivi dei monumenti del Rogers collega la formula magica dell architettura alla propria idea di progetto come continua proiezione: Architettura come problematica, non architettura come accademia; architettura come conquista di nuove rappresentazioni, non architettura come canoni; architettura come metodo continuamente riproposto, non architettura come maniera e acquetata dissertazione d impulsi. 4

3 La formula è, quindi, un equazione irrisolvibile una volta per tutte che diviene, di volta in volta, strumento di lavoro. È sistema concettuale basato su rapporti dialettici. Ho recentemente evidenziato 5 come le coppie di parole chiave - Architettura e Società, Scuola e Critica, Utilità e Bellezza, Metodo e Mestiere - su cui si struttura Problemi di una scuola d architettura del (saggio importante se è l unico sulla didattica raccolto in Esperienza d architettura), sono le stesse di Elogio dell architettura 7 del Precisamente vent anni dopo Rogers, in un occasione solenne e nel punto più alto della propria esperienza di architetto e di docente, svolge il proprio discorso sull architettura ancorato alle stesse parole accoppiate con cui aveva impostato, dall esilio svizzero, la sua riflessione rifondativa di giovane architetto e docente: Il compito del pedagogo e della critica, il compito della Scuola, dev essere quello di indicare i vasti orizzonti e di mostrare le molte strade possibili, non in senso agnostico, ma favorendo la responsabilità della libera scelta, congeniale a ciascuno. 8 Nella sua visione l architettura è sintesi di due termini antagonisti: Utilità e bellezza sono gli elementi antinomici della sintesi architettonica: sono i protagonisti che riassumono vitalmente le diverse parti del suo dramma. 9 Utilità e bellezza sono le due variabili tra cui si svolge una ricerca di senso del progetto come interpretazione consapevole del proprio tempo e della propria società. Nell equilibrio variabile tra loro l architettura è esito sempre differente e il progetto un esperienza che si arricchisce dal confronto di molti elementi: Comporre significa mettere insieme varie cose per farne una sola. 10 Rogers costruisce prima della guerra, pratica continuamente e lascia in eredità agli allievi una struttura concettuale disponibile ad essere attraversata dall esperienza progettuale che prende forma attraverso il progressivo confronto dialettico tra due dimensioni opposte e collegate: la componente razionale, collettiva, oggettiva e la componente irrazionale, individuale e soggettiva. Ragione ed esperienza sono, così, i due grandi ambiti di confronto dai quali acquisisce significato l architettura. Il progetto è interpretazione unica ma orientata e verificata all interno di una matrice logica condivisa che ne dimostra pertinenza e coerenza. Pertinenza rispetto all equilibrio difficile tra esigenze funzionali e formali. Coerenza rispetto al percorso di costruzione di senso che il progetto compie come azione critica e interpretazione della realtà /1966 Teorie della progettazione architettonica e nuove dialettiche (Fig. 3) La riflessione svolta negli anni Cinquanta dai 10 Maestri dell architettura italiana 11 apre negli anni Sessanta una stagione di ricerca e di strutturazione teorica per la Composizione che vede nella scuola il luogo di confronto sulle differenti posizioni. Qui i giovani allievi di allora mettono a

4 punto elaborazioni teoriche della progettazione a partire da precise nozioni di architettura. Tra il 1965 ed il 1966 Samonà promuove allo IUAV otto lezioni di giovani allievi delle scuole di Milano e Venezia sulla Teoria della progettazione architettonica (SAMONÀ ET AL., 1968). I saggi di Guido Canella, Vittorio Gregotti, Aldo Rossi, Luciano Semerani, allievi di Rogers e suoi collaboratori nella scuola e nella redazione di Casabella, sono riflessioni fondative sul progetto e posizioni culturali con cui si confronteranno e si confrontano tutt ora l impostazione didattica delle scuole di architettura di Milano e Venezia e delle molte facoltà ad esse culturalmente collegate diffuse sul territorio italiano. I loro contributi sono sintesi autonome ma collegate; una parallela ma individuale elaborazione generazionale di diverse definizioni di architettura. L elaborazione della Teoria formalista dell architettura 12 di Rossi stabilisce una modalità di lavoro (che diviene didattico oltre che progettuale) che fonda le ragioni del progetto nell analisi urbana. La collegata e decisiva nozione di Architettura della città (ROSSI, 1966) come quella di Architettura della conoscenza 13 di Canella esprimono la condivisa intenzione di un radicamento del progetto nella città e nel contesto fisico e culturale in cui agisce; atteggiamento portato alle estreme conseguenze dalla radicale presa di posizione de La costruzione logica dell architettura di Giorgio Grassi dell anno successivo (GRASSI, 1967). Con analogo obiettivo epistemologico viene scritto Il territorio dell architettura di Gregotti, sempre del 1966 (GREGOTTI, 1966). La sua recente riflessione sul testo sovrappone questioni generali e contributo individuale in forma di dubbio, rimandando all approccio dialettico e problematico di Rogers: io credo ci si dovrebbe anche domandare in che misura riflessioni come quelle contenute nel Territorio dell architettura contengano un qualche valore oggettivo, metodologico, parenetico o pedagogico, o se invece non siano un modo di essere autobiografico del processo di costruzione dell architettura. 14 Le lezioni costituiscono, così, una riflessione sintetica che affianca lo svolgimento degli studi e delle sperimentazioni di quegli anni interpretandone il mandato operativo. I vari discorsi sembrano, poi, articolarsi all interno di un analoga impostazione concettuale di partenza riferibile, come emerge tra le righe, al maestro comune. Canella rileva come gli studi degli anni precedenti sulla tipologia architettonica che pur hanno assorbito e unificato nel concetto di carattere architettonico la contrapposizione tra specie utile e specie estetica, hanno mantenuto la contrapposizione tra momento analitico e momento sintetico della progettazione (CANELLA 1968, p. 86). Da qui lo spostamento dell attenzione, rispetto a Rogers, alla dialettica tra il concorso della storia dell architettura nella definizioni di invarianti e la definizione di un nuovo concetto di tipologia e la sua strumentalità, la sua propellenza nel processo della composizione architettonica (ivi).

5 Gregotti compie una lunga ed articolata riflessione sul rapporto tra scienza e arte cui viene ricondotta la questione della razionalità e della scientificità del processo progettuale concentrando la parte centrale del proprio intervento ad una precisa definizione di campo nella differenziazione dei tre livelli di intervento dell architettura: quello geografico del territorio, quello topografico del circostante, del sito, e quello dell oggetto (GREGOTTI, 1968, p. 160). Rossi esplicita il debito a Rogers ed alla redazione di Casabella, cui viene ricondotta l apertura dell interesse per i contenuti affrontati ne L architettura della città in cui si sovrappongono avanzamenti scientifici e interesse progettuale individuale: così, andava precisandosi un nuovo apporto alla cultura architettonica, ma forse andava anche costituendosi una nuova architettura (ROSSI, 1968, p. 136). Una lettura che sovrappone significato collettivo e contributo personale nel significato di monumento: esso appartiene alla biografia dell artista e alla storia della società (ivi). Poco più avanti Rossi dedica il paragrafo finale all elemento soggettivo ragionando intorno alla definizione di Cézanne Io dipingo solo per i musei definizione utilizzata come titolo dell intera lezione: Con questa frase Cézanne, in modo chiarissimo, dichiara la necessità di una pittura che prosegue un suo sviluppo logico rigoroso ( ) Ma lo sviluppo e la verifica dei musei non modificano la qualità soggettiva dell opera; che appartiene a una qualità umana (ivi). Semerani svolge il proprio intervento intitolato Razionabilità della progettazione architettonica confrontando le intenzioni apparentemente opposte della ricerca di costanti strutturali (relative al campo, alla tecnica, di carattere iconico) e dell esigenza di indagare ed interpretare, volta per volta, le diverse nature delle relazioni che regolano ed hanno regolato la trasformazione della città e del territorio: il pensiero, la progettazione, poiché essa è pensiero, può svolgersi solo in termini critici e gli elementi passivi della storia sono anche gli elementi determinati e determinabili. Perciò, la progettazione richiede un atto di determinazione che è precisa negazione e conseguente scelta. La creatività si riconosce da questo, che è un intervento nel processo dialettico della realtà (SEMERANI, 1968, p. 80) /2000 Esperienze dell architettura, discorsi sul progetto (Fig. 4) Mi piace riportare quello che mi sembra essere il più importante lascito di Rogers per come emerge dal racconto della didattica del maestro e dalla valutazione di Antonio Monestiroli allora studente: Dalla cattedra venivano poste le questioni su cui interrogarsi, venivano dati i riferimenti culturali per operare, venivano riconosciuti i maestri da seguire, veniva soprattutto disegnata la mappa dei tranelli per far fronte ai grandi nemici dell architettura: l accademismo, l ideologismo, il tecnicismo ed altri aspetti del formalismo [ ]. Credo che l esempio di Rogers vada inteso in questo senso. I suoi migliori allievi lo hanno capito. Hanno costruito un loro

6 discorso sul progetto che pronunciano dalle migliori scuole di architettura italiane (MONESTIROLI, 1963). Non è questo il luogo e lo spazio per approfondire la questione delicata e complessa delle ricadute dell impostazione rogersiana sugli allievi. Basta solo, in questa sede ed in termini esemplificativi, accennare ad alcune tematiche da loro affrontate ed ad alcuni esiti raggiunti per sottolineare la potenzialità della struttura concettuale del metodo e della modalità di lavoro per dialettica tra ragione ed esperienza, avanzamenti collettivi ed apporti individuali. Per Canella le due dimensioni si sovrappongono nella sintesi di alcuni caratteri invarianti dell architettura milanese analizzati scientificamente negli studi e interpretati dialetticamente nelle architetture: introversione promiscuità, contaminazione, contrazione della prospettiva in spazi conclusi, carenza di gerarchia e di crescendo per sequenze, diffusione per coaguli, ecc. Questi caratteri morfologicamente incoerenti risultano strutturalmente coerenti perché tipicamente evidenti della frequenza ed intensità degli scambi che una cultura di frontiera e una configurazione insediativi ad arcipelago hanno instaurato nel lungo periodo e anche nella lunga distanza: il capoluogo come scalo principale, con approdi dislocati lungo le penetrazioni dalle aste di traffico (CANELLA, 1985, p. 105). In Rossi quello che viene considerato il trapasso (V. SAVI, 1998, p.30) dal logico de L Architettura della città all analogico dell Autobiografia scientifica (ROSSI, 1990) sembra piuttosto una compresenza variabile di ragione ed esperienza con una prevalenza della prima nella fase giovanile di costruzione di una teoria scientifica e della seconda nella successiva riflessione sulla propria esperienza. Le parole dedicate al primo testo all interno del secondo riaffermano nel 1990 quanto precisato nella lezione del 1966 a riguardo dell elemento soggettivo : Percorrevo a piedi le città d Europa per capirne il disegno e classificarle in un tipo; come un amore vissuto con egoismo ne ignoravo spesso i sentimenti segreti, mi bastava il sistema che la governava. Forse volevo semplicemente disfarmi della città. In realtà scoprivo la mia architettura: un groviglio di cortili, di case periferiche, di tetti, di gasometri erano la prima esplorazione di una Milano che mi sembrava fantastica. Il mondo borghese delle ville sul lago, i corridoi del collegio, le grandi cucine della campagna erano ricordi di un paesaggio manzoniano che si disfava nella città. Ma questo insistere sulle cose mi disvelava un mestiere. Lo ricercavo nella storia, lo traducevo nella mia storia (ROSSI, 1990, p. 27). Per Semerani l architettura è sintesi tra razionale ed irrazionale, conscio e inconscio, elementi antagonisti incarnati dalle figure di Apollo e Dioniso. Questi sono i due approcci alla ricerca di verità, alla ricerca del senso degli uomini [ ]. La nostra consapevolezza di intellettuali, di insegnanti dell arte e dell architettura sulla necessità di tradurre in termini intelligibili, razionali, trasmissibili quanto diciamo e proponiamo, non annulla la nostra esperienza di artisti, la nostra coscienza di un momento magico, di un momento oscuro

7 e profondo che accompagna l atto inventivo, quel momento che l architetto sloveno Jože Plečnik diceva essere il momento in cui si sente il fruscio delle ali dell angelo [ ] il momento della verità, sarà il raggiungimento della bellezza (SEMERANI, 2000, p. 90) Architettura in funzione di esperienza (individuale) e conoscenza (condivisa)? I testi italiani di storia dell architettura che hanno recentemente provato ad interpretare gli ultimi decenni del Novecento vedono gli ultimi capitoli dedicati alle vicende italiane fermarsi alle esperienze avviate verso la metà degli anni Sessanta e svolte negli anni Settanta fino al termine della Biennale del In una di queste recenti riflessioni è stato notato come proprio la mancanza di temi comuni è un elemento di debolezza dell architettura italiana contemporanea e come l attualità della Tendenza 16 (DURBIANO 2006, p. 26) sia da interpretare, all opposto, per il significato collettivo della ricerca che diviene condizione decisiva per l elaborazione delle varie teorie di architettura. Riprendendo il concetto di Semerani appena ricordato bellezza come momento di verità in quanto esito consapevole della dialettica tra ragione e intuizione si potrà forse raggiungere un riconoscimento di valore per l architettura quando questa riuscirà (o tornerà) ad essere l esito di un percorso al tempo stesso necessariamente condiviso e fortemente individuale. È allora possibile cambiare le variabili della formula magica in un equazione in cui l architettura è in funzione di conoscenza ed esperienza e l avanzamento scientifico è la base per l interpretazione personale? L esigenza di aprire una stagione di confronto come condizione per elaborare differenze sottolinea l attualità del lascito metodologico di Rogers verificato dalle sperimentazioni irriproducibili dei suoi allievi, quasi a dimostrare una delle sue più sagaci e illuminanti affermazioni: E anche se si persegue un metodo, forse l unica certezza è nell indice etico di una poetica (ROGERS, 1958, p. 33). 1 Titolo dell edizione italiana pubblicata da Zanichelli (Bologna 1981) del volume VAN DE VELDE H., Les formules de la beauté architectonique moderne, Weimar, Henry van de Velde, prima lezione tenuta da ROGERS E.N. per la cattedra di Caratteri stilistici e costruttivi dei monumenti, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano, a.a , raccolta in MAFFIOLETTI, 2009, p Ultima lezione tenuta da ROGERS E.N. per la cattedra di Caratteri stilistici e costruttivi dei monumenti, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano a.a / , raccolta in MAFFIOLETTI, 2009, p Ivi. 5 Vedi il mio intervento al Convegno internazionale Esperienza dell architettura, Ernesto Nathan Rogers ( ), Politecnico di Milano dicembre 2009, in corso di pubblicazione. 6 Problemi di una scuola d architettura in ROGERS, 1958, pp

8 7 Elogio dell architettura (ROGERS, 1964) è il discorso tenuto in occasione della cerimonia per le lauree honoris causa a Alvar Alto, Louis Kahn e Kenzo Tange a Milano il 4 aprile Problemi di una scuola d architettura in ROGERS, 1958, pp ROGERS E.N., Utilità e Bellezza, raccolto in MAFFIOLETTI, 2009, p È questa la frase che apre il testo Struttura della composizione architettonica in L esperienza dell architettura, (ROGERS 1958, p.171), riscontrabile nelle lezioni, invece, come esito del ragionamento sulle differenze tra le arti e sulla dialettica tra bellezza e utilità delle parti precedenti, vedi ROGERS E.N., Utilità e Bellezza, raccolto in MAFFIOLETTI, 2009, p Titolo della pubblicazione di MARINA MONTUORI, Teoria formalista dell architettura è il primo titolo sottolineato in ROSSI, 1999, vol. 1, 19 Giugno La definizione di architettura della conoscenza compare in CANELLA 1969, p GREGOTTI V., Introduzione alla nuova edizione (2008) in GREGOTTI, 1966, p. II. 15 Mi riferisco a BIRAGHI, 2008, e FILIPPI ET AL., Didascalie Fig.1 Ernesto Nathan Rogers, La formula magica dell architettura. Fig /1946 copertina di ROGERS E.N., Esperienza dell architettura, Einaudi, Torino Fig /1966 copertina di SAMONÀ G. ET AL., Teoria della progettazione architettonica, Edizioni Dedalo, Bari Fig /2000 copertina di ROSSI A., Autobiografia scientifica, Pratiche, Parma Bibliografia BIRAGHI M., Storia dell architettura contemporanea II, 1945/2008, Giulio Einaudi Editore, Torino 2008 CANELLA G., Dal Laboratorio della composizione, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp CANELLA G., Delimitazione di un esperienza, in AA.V.V, Per una ricerca di Progettazione 1, Istituto universitario di architettura, Venezia 1969, pp CANELLA G., Dieci opinioni sul tipo, in «Casabella», n , gennaio-febbraio 1985, pp DURBIANO G., Il movimento della Tendenza e l invenzione dell autonomia disciplinare, in FILIPPI ET AL., 2006, pp FILIPPI F.B., GIBELLO L., DI ROBILANT M., : episodi e temi di storia dell'architettura, Celid, Torino 2006 GRASSI G., La costruzione logica dell Architettura, Marsilio, Padova 1967 GREGOTTI V., I materiali della progettazione, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp GREGOTTI V., Il territorio dell architettura, Feltrinelli, Milano 1966 (edizione consultata Feltrinelli, Milano 2008) MAFFIOLETTI S. (a cura di), Il pentagramma di Rogers, Il Poligrafo, Padova 2009 MONESTIROLI A., Lezioni ex-cathedra, in AA. VV., Ernesto Nathan Rogers, testimonianze e studi, Quaderni del Dipartimento di Progettazione dell Architettura del Politecnico di Milano, n. 15, CittàStudi, Milano 1993, p. 63 MONTUORI M., 10 Maestri dell architettura italiana. Lezioni di progettazione, Albini, Daneri, Gardella, Libera, Mollino, Muratori, Muzio, Quaroni, Rogers, Samonà, Electa, Milano 1988

9 ROGERS E.N., Esperienza dell architettura, Einaudi, Torino 1958 (edizione consultata Skira, Milano 1997) ROGERS E.N., Attualità di Adolf Loos, editoriale in «Casabella-continuità», n. 233, novembre 1959 ROGERS E.N., Elogio dell architettura, in «Casabella-continuità», n. 287, maggio 1964 ROSSI A., Architettura per i musei, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp ROSSI A., Autobiografia scientifica, Pratiche, Parma 1990 (edizione consultata Pratiche, Milano 1999) ROSSI A., I quaderni azzurri, , Electa, Milano 1999 ROSSI A., L architettura della città, Marsilio, Venezia 1966 ROSSI A., Quaderni Azzurri, copia anastatica a cura di Dal Co F., Electa, Milano 1999 SAMONÀ G. ET AL., Teoria della progettazione architettonica, Edizioni Dedalo, Bari 1968 SAVI V., Dimenticare Aldo Rossi, in FARINATO S. (a cura di), Per Aldo Rossi, Atti del Convegno di studi in onore di Aldo Rossi (Genova, 7 novembre 1997), Marsilio Editori, Venezia 1998, pp SEMERANI L., L altro moderno, Umberto Allemandi & C., Torino-Londra 2000 SEMERANI L., Razionalibità della progettazione architettonica, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp Dario Costi (Parma 1971) è ricercatore presso la Facoltà di Architettura di Parma dove insegna Composizione architettonica ed è membro del Collegio Docenti del Dottorato di ricerca in Progettazione Architettonica di Palermo, Napoli, Reggio Calabria e Parma. Svolge attività progettuale principalmente sui temi dell edificio, dello spazio pubblico e degli allestimenti museografici. Dal 2004 al 2006 è cofondatore e presidente dell Associazione Festival dell Architettura, coordinatore delle prime tre edizioni della manifestazione, curatore di numerose mostre ed iniziative, responsabile e docente tutore del Workshop Europeo. Dal 2006 ha allestito la mostra itinerante ICAR 14 Composizione architettonica e urbana. Raccolta/Indagine sulla didattica dei Laboratori di progettazione delle Facoltà d Architettura italiane nelle sedi di Roma, Napoli, Aversa, Torino, Firenze, Palermo e Milano coordinando una serie di incontri tematici sulla didattica della Composizione. Dal 2007 attraverso la costituzione di Parma Urban Center promuove e svolge iniziative di ricerca con il coinvolgimento di altri docenti e ricercatori dell Università di Parma ed il supporto di Comitati scientifici nazionali e internazionali. È autore di pubblicazioni legate ad attività di ricerca e di progettazione urbana sul contesto emiliano e sul tema dell edificio e dello spazio pubblico.

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO A.A. 2011-2012 Programma del Corso di LANDSCAPE DESIGN prof. arch. carlo bellavista 1 PREMESSA. La scienza dell Ecologia ha recentemente rivalutato il senso del termine

Dettagli

Parma, 28 Maggio 2006

Parma, 28 Maggio 2006 Parma, 28 Maggio 2006 Oggetto: Invito di partecipazione alla mostra ICAR 14 / COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA E URBANA Raccolta/Indagine sulla didattica dei Laboratori di Progettazione delle Facoltà di Architettura

Dettagli

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 08/D1 PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA - SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ICAR/14 PRESSO IL DIPARTIMENTO

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE?

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE? L ARCHITETTURA concept Cosa hanno da dire i docenti di progettazione ad un paese la cui forma fisica pare imprigionata nelle gabbie delle procedure burocratiche, nelle impasse delle decisioni politiche,

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

FOTOGRAFIE E ARCHITETTURE.

FOTOGRAFIE E ARCHITETTURE. Corso di aggiornamento professionale FOTOGRAFIE E ARCHITETTURE. Dispositivi visivi e rappresentazioni dello spazio a cura di: Antonio Di Cecco, Marco Introini, Peppe Maisto, Alessandra Chemollo, Davide

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI FONDAMENTI DI ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO A.A. 2009_2010

Dettagli

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1:

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1: Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti. Facoltà di Architettura di Pescara Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura DSSARR - Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura,

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I Progetto Poesia Educativa Apprendimento scolastico e Relazione umana attraverso l espressione di sé Laboratorio Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo laboratorio

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

edile Data del DM di approvazione del ordinamento 31/03/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 01/04/2004 didattico

edile Data del DM di approvazione del ordinamento 31/03/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 01/04/2004 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA 4/S - Classe delle lauree specialistiche in architettura e ingegneria edile Data del DM di approvazione del ordinamento

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA

DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA VALENTINO PARMIANI Paesaggi/Architetture Chiesa dello Spirito Santo, via Milani Cesena 5-29 maggio 2016 Venerdì, 16.30 19.30 Sabato e Domenica, 10.00 13.00 / 16.30 19.30 Inaugurazione Giovedì, 5 maggio

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti di Foggia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti di Foggia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti di Foggia Anno accademico 2014/15 PROGRAMMA CULTURA DEL PROGETTO Prof.ssa Ketty DI

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano GRAFICA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Le principali tecniche tradizionali della grafica d arte, nate al traino delle grandi invenzioni della carta e della stampa, si distinguono per la natura

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Prof. Egidio Lomi Materia di insegnamento: Product Design III Ricevimento: il martedì dalle 11 alle 15 Aula Dipartimento Progettazione Arti Applicate e mail: e.lomi@ababo.it Programma della materia Parte

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Prof. Egidio Lomi Materia di insegnamento: Product Design II Ricevimento: il martedì dalle 11 alle 15 Aula Dipartimento Progettazione Arti Applicate e mail: e.lomi@ababo.it Programma della materia Il programma

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Laurea Magistrale in ARCHITETTURA Anno Accademico 2015-2016 Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Coordinatore: Prof. L. NOBILE Semestre preferenziale: II INTRODUZIONE Gli scavi

Dettagli

Psicologia Educazione Società 1

Psicologia Educazione Società 1 Psicologia Educazione Società 1 copyright 2012 Euno Edizioni via Mercede 25-94013 Leonforte (En) Tel. e Fax 0935 905300 info@eunoedizioni.it Copertina di Emilio Barbera Finito di stampare nel febbraio

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Prof. Egidio Lomi Materia di insegnamento: Product Design I Ricevimento: il martedì dalle 11 alle 15 Aula Dipartimento Progettazione Arti Applicate e mail: e.lomi@ababo.it Programma della materia Il corso

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

U A : La competizione sportiva

U A : La competizione sportiva U A : La competizione sportiva DATI IDENTIFICATIVI Anno scolastico 200 /200 Scuola: secondaria di I grado Destinatari: gruppi di alunni del terzo anno Discipline coinvolte: scienze motorie e sportive,

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA Prot. n. 2250 del 04.05.2012 LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA In linea con quanto disposto dall articolo 7, comma 2 del D.P.R. 15 marzo 2010, n. 89, l Accademia Nazionale di Danza definisce

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA Art. 1 - Denominazione del Corso di studio È istituito presso la Rome University of Fine Arts - Accademia di Belle

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Testi del Syllabus. Md1 Introduzione al Design. Md2 Richiami di scienza della rappresentazione

Testi del Syllabus. Md1 Introduzione al Design. Md2 Richiami di scienza della rappresentazione Testi del Syllabus Resp. Did. BALDASSARRI Elianora Matricola: 000430 Anno offerta: 2015/2016 Insegnamento: AI208 - DESIGN 1 Corso di studio: 700M - Architettura Anno regolamento: 2013 CFU: 4 Settore: ICAR/13

Dettagli

Con il contributo di

Con il contributo di Con il contributo di Bando di selezione per il conferimento di una borsa di studio per il progetto di ricerca Prima guerra mondiale: la grande trasformazione Tema di studio: Letteratura e Prima guerra

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO E SABBIONARA PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 Classe 2^ STORIA GEOGRAFIA Docenti M.Cristina Eccheli Barbara Marinelli STORIA COMPETENZE

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

Programmi del primo anno

Programmi del primo anno Formazione alle professioni educative Programmi del primo anno Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) valido per gli studenti immatricolati a partire dal 01/08/2009 Pedagogia sociale M-PED/01 Responsabile del

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico 2014-2015 è istituito il Corso di Master di II livello in: OPEN - ARCHITETTURA

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

Attività didattica Universitaria

Attività didattica Universitaria Attività didattica Universitaria Foto di Roberta Silva Laboratori e Insegnamenti presso l Università di Trieste, Facoltà di Scienze della Formazione a.a. 1994/1995, 1995/1996, 1996/1997 organizzazione

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE PER COMPETENZE Il nostro curricolo: verticale,integrato,unitario 1 ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI CRISPI MESSINA Misure di accompagnamento Indicazioni Nazionali Annualità 2014-15 Progetto Formativo Nazionale: Rafforzamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

Summer School - Centro Internazionale di Studi sul Paesaggio e sul Giardino 8-21 settembre 2014

Summer School - Centro Internazionale di Studi sul Paesaggio e sul Giardino 8-21 settembre 2014 questa ricerca applicata, in cui l azione dello spazio pubblico effimero di natura ambientale diventi modello collettivo di partecipazione, dove riconoscersi e condividere tempi, luoghi, momenti di città

Dettagli

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 1 SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 Progetto triennale di Circolo GIOCHI PER CRESCERE rivolto ai bambini di 5 anni TITOLO RESPONSABILE

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Architettura e Città, Storia e Progetto nel pensiero dei Maestri delle Scuole di architettura italiane

Architettura e Città, Storia e Progetto nel pensiero dei Maestri delle Scuole di architettura italiane Architettura e Città, Storia e Progetto nel pensiero dei Maestri delle Scuole di architettura italiane Federica Visconti Il testo indaga la questione del rapporto tra Storia e Progetto nel pensiero di

Dettagli

La struttura del Master all Università di Palermo

La struttura del Master all Università di Palermo Percorso Formativo MISSB Quali competenze, quali conoscenze? Didattica laboratoriale e progettazione di situazioni di apprendimento in classe tra Matematica e Fisica Università degli Studi Palermo Piazza

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli