Formule della bellezza architettonica contemporanea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formule della bellezza architettonica contemporanea"

Transcript

1 Formule della bellezza architettonica contemporanea EURAU 10 In the Fifties, with his Magic Formula for Architecture (Architecture as a function of Beauty and Usefulness), Ernesto Nathan Rogers suggested an approach which finds the terms of balance between function and form in the historical an social conditions. Rediscovering the title Formulas for a modern architectural beauty used by Van de Velde in 1916/17, Rogers hints at the idea that architecture is a dynamic balance of beauty and usefulness, ethic and aesthetic, collective and individual, objective and subjective, rational and irrational. Fifty years later, the development of design is quite actual. Which are the formulas for architectural beauty nowadays? Which the changing principles of action and view that have been emerging so far? Architecture, school, beauty, method, Rogers Dario Costi Università degli Studi di Parma b.go Onorato 21, Parma

2 (Fig. 1) Ernesto Nathan Rogers negli anni Cinquanta propone con la sua Formula magica dell architettura (Architettura in funzione di bellezza e utilità) la provocazione di un principio metodologico che ricerca le ragioni della forma dell equilibrio tra componente funzionale e questione formale nelle condizioni storiche del proprio tempo e della sua società. Riprendendo il titolo Formule della bellezza architettonica moderna 1 di Van de Velde del 1916/17 propone l idea che l architettura sia la sintesi sempre differente della dialettica tra etica ed estetica, collettivo e individuale, oggettivo e soggettivo, razionale ed irrazionale. Le sue lezioni riportano chiaramente una linea dello sviluppo storico e la sua storicizzazione operativa come prospettiva di lavoro: Ruskin, il moralista a difesa della natura, Morris, il moralista in difesa della società, a Van de Velde, il moralista a difesa della ragione se così si può dire a Gropius, che sempre identifica i problemi dell etica con quelli dell estetica e, cioè, cerca di giustificare o immedesimare l attività estetica nella sostanza etica, a noialtri, che siamo i continuatori, i trasformatori questa è una storica fatalità di questi ereditati principi. 2 Il contributo si pone l obiettivo di evidenziare la capacità dell impostazione rogersiana di informare e caratterizzare alcune tra le più importanti teorie architettoniche del dopoguerra e di trovarne tracce metodologiche ancora vive e operanti nell orizzonte dell architettura contemporanea italiana. In altre parole e stando al gioco di Rogers, quali sono le variabili dalla combinazione delle quali assume valore il progetto? Come sostanziare il concetto di bellezza architettonica oggi? /1964 Struttura concettuale e dialettica delle coppie (Fig. 2) Il metodo di Rogers è uno strumento di interpretazione della società all interno della consapevolezza di appartenenza storica. Nell editoriale Attualità di Adolf Loos la contestualizzazione nel tempo dell esperienza è il modo migliore per riportare la storia alla vita, d innestarla nel tronco dell esistenza, di comporla con le energie propulsive in un inesauribile fluire dove le mutazioni non risultano da atteggiamenti subitanei, arbitrari ed effimeri ma si radicano nel solco continuo della tradizione, cioè in un esperienza culturale intesa dinamicamente e creativamente (ROGERS, 1959). Nell Ultima lezione 3 del corso di Caratteri Stilistici e costruttivi dei monumenti del Rogers collega la formula magica dell architettura alla propria idea di progetto come continua proiezione: Architettura come problematica, non architettura come accademia; architettura come conquista di nuove rappresentazioni, non architettura come canoni; architettura come metodo continuamente riproposto, non architettura come maniera e acquetata dissertazione d impulsi. 4

3 La formula è, quindi, un equazione irrisolvibile una volta per tutte che diviene, di volta in volta, strumento di lavoro. È sistema concettuale basato su rapporti dialettici. Ho recentemente evidenziato 5 come le coppie di parole chiave - Architettura e Società, Scuola e Critica, Utilità e Bellezza, Metodo e Mestiere - su cui si struttura Problemi di una scuola d architettura del (saggio importante se è l unico sulla didattica raccolto in Esperienza d architettura), sono le stesse di Elogio dell architettura 7 del Precisamente vent anni dopo Rogers, in un occasione solenne e nel punto più alto della propria esperienza di architetto e di docente, svolge il proprio discorso sull architettura ancorato alle stesse parole accoppiate con cui aveva impostato, dall esilio svizzero, la sua riflessione rifondativa di giovane architetto e docente: Il compito del pedagogo e della critica, il compito della Scuola, dev essere quello di indicare i vasti orizzonti e di mostrare le molte strade possibili, non in senso agnostico, ma favorendo la responsabilità della libera scelta, congeniale a ciascuno. 8 Nella sua visione l architettura è sintesi di due termini antagonisti: Utilità e bellezza sono gli elementi antinomici della sintesi architettonica: sono i protagonisti che riassumono vitalmente le diverse parti del suo dramma. 9 Utilità e bellezza sono le due variabili tra cui si svolge una ricerca di senso del progetto come interpretazione consapevole del proprio tempo e della propria società. Nell equilibrio variabile tra loro l architettura è esito sempre differente e il progetto un esperienza che si arricchisce dal confronto di molti elementi: Comporre significa mettere insieme varie cose per farne una sola. 10 Rogers costruisce prima della guerra, pratica continuamente e lascia in eredità agli allievi una struttura concettuale disponibile ad essere attraversata dall esperienza progettuale che prende forma attraverso il progressivo confronto dialettico tra due dimensioni opposte e collegate: la componente razionale, collettiva, oggettiva e la componente irrazionale, individuale e soggettiva. Ragione ed esperienza sono, così, i due grandi ambiti di confronto dai quali acquisisce significato l architettura. Il progetto è interpretazione unica ma orientata e verificata all interno di una matrice logica condivisa che ne dimostra pertinenza e coerenza. Pertinenza rispetto all equilibrio difficile tra esigenze funzionali e formali. Coerenza rispetto al percorso di costruzione di senso che il progetto compie come azione critica e interpretazione della realtà /1966 Teorie della progettazione architettonica e nuove dialettiche (Fig. 3) La riflessione svolta negli anni Cinquanta dai 10 Maestri dell architettura italiana 11 apre negli anni Sessanta una stagione di ricerca e di strutturazione teorica per la Composizione che vede nella scuola il luogo di confronto sulle differenti posizioni. Qui i giovani allievi di allora mettono a

4 punto elaborazioni teoriche della progettazione a partire da precise nozioni di architettura. Tra il 1965 ed il 1966 Samonà promuove allo IUAV otto lezioni di giovani allievi delle scuole di Milano e Venezia sulla Teoria della progettazione architettonica (SAMONÀ ET AL., 1968). I saggi di Guido Canella, Vittorio Gregotti, Aldo Rossi, Luciano Semerani, allievi di Rogers e suoi collaboratori nella scuola e nella redazione di Casabella, sono riflessioni fondative sul progetto e posizioni culturali con cui si confronteranno e si confrontano tutt ora l impostazione didattica delle scuole di architettura di Milano e Venezia e delle molte facoltà ad esse culturalmente collegate diffuse sul territorio italiano. I loro contributi sono sintesi autonome ma collegate; una parallela ma individuale elaborazione generazionale di diverse definizioni di architettura. L elaborazione della Teoria formalista dell architettura 12 di Rossi stabilisce una modalità di lavoro (che diviene didattico oltre che progettuale) che fonda le ragioni del progetto nell analisi urbana. La collegata e decisiva nozione di Architettura della città (ROSSI, 1966) come quella di Architettura della conoscenza 13 di Canella esprimono la condivisa intenzione di un radicamento del progetto nella città e nel contesto fisico e culturale in cui agisce; atteggiamento portato alle estreme conseguenze dalla radicale presa di posizione de La costruzione logica dell architettura di Giorgio Grassi dell anno successivo (GRASSI, 1967). Con analogo obiettivo epistemologico viene scritto Il territorio dell architettura di Gregotti, sempre del 1966 (GREGOTTI, 1966). La sua recente riflessione sul testo sovrappone questioni generali e contributo individuale in forma di dubbio, rimandando all approccio dialettico e problematico di Rogers: io credo ci si dovrebbe anche domandare in che misura riflessioni come quelle contenute nel Territorio dell architettura contengano un qualche valore oggettivo, metodologico, parenetico o pedagogico, o se invece non siano un modo di essere autobiografico del processo di costruzione dell architettura. 14 Le lezioni costituiscono, così, una riflessione sintetica che affianca lo svolgimento degli studi e delle sperimentazioni di quegli anni interpretandone il mandato operativo. I vari discorsi sembrano, poi, articolarsi all interno di un analoga impostazione concettuale di partenza riferibile, come emerge tra le righe, al maestro comune. Canella rileva come gli studi degli anni precedenti sulla tipologia architettonica che pur hanno assorbito e unificato nel concetto di carattere architettonico la contrapposizione tra specie utile e specie estetica, hanno mantenuto la contrapposizione tra momento analitico e momento sintetico della progettazione (CANELLA 1968, p. 86). Da qui lo spostamento dell attenzione, rispetto a Rogers, alla dialettica tra il concorso della storia dell architettura nella definizioni di invarianti e la definizione di un nuovo concetto di tipologia e la sua strumentalità, la sua propellenza nel processo della composizione architettonica (ivi).

5 Gregotti compie una lunga ed articolata riflessione sul rapporto tra scienza e arte cui viene ricondotta la questione della razionalità e della scientificità del processo progettuale concentrando la parte centrale del proprio intervento ad una precisa definizione di campo nella differenziazione dei tre livelli di intervento dell architettura: quello geografico del territorio, quello topografico del circostante, del sito, e quello dell oggetto (GREGOTTI, 1968, p. 160). Rossi esplicita il debito a Rogers ed alla redazione di Casabella, cui viene ricondotta l apertura dell interesse per i contenuti affrontati ne L architettura della città in cui si sovrappongono avanzamenti scientifici e interesse progettuale individuale: così, andava precisandosi un nuovo apporto alla cultura architettonica, ma forse andava anche costituendosi una nuova architettura (ROSSI, 1968, p. 136). Una lettura che sovrappone significato collettivo e contributo personale nel significato di monumento: esso appartiene alla biografia dell artista e alla storia della società (ivi). Poco più avanti Rossi dedica il paragrafo finale all elemento soggettivo ragionando intorno alla definizione di Cézanne Io dipingo solo per i musei definizione utilizzata come titolo dell intera lezione: Con questa frase Cézanne, in modo chiarissimo, dichiara la necessità di una pittura che prosegue un suo sviluppo logico rigoroso ( ) Ma lo sviluppo e la verifica dei musei non modificano la qualità soggettiva dell opera; che appartiene a una qualità umana (ivi). Semerani svolge il proprio intervento intitolato Razionabilità della progettazione architettonica confrontando le intenzioni apparentemente opposte della ricerca di costanti strutturali (relative al campo, alla tecnica, di carattere iconico) e dell esigenza di indagare ed interpretare, volta per volta, le diverse nature delle relazioni che regolano ed hanno regolato la trasformazione della città e del territorio: il pensiero, la progettazione, poiché essa è pensiero, può svolgersi solo in termini critici e gli elementi passivi della storia sono anche gli elementi determinati e determinabili. Perciò, la progettazione richiede un atto di determinazione che è precisa negazione e conseguente scelta. La creatività si riconosce da questo, che è un intervento nel processo dialettico della realtà (SEMERANI, 1968, p. 80) /2000 Esperienze dell architettura, discorsi sul progetto (Fig. 4) Mi piace riportare quello che mi sembra essere il più importante lascito di Rogers per come emerge dal racconto della didattica del maestro e dalla valutazione di Antonio Monestiroli allora studente: Dalla cattedra venivano poste le questioni su cui interrogarsi, venivano dati i riferimenti culturali per operare, venivano riconosciuti i maestri da seguire, veniva soprattutto disegnata la mappa dei tranelli per far fronte ai grandi nemici dell architettura: l accademismo, l ideologismo, il tecnicismo ed altri aspetti del formalismo [ ]. Credo che l esempio di Rogers vada inteso in questo senso. I suoi migliori allievi lo hanno capito. Hanno costruito un loro

6 discorso sul progetto che pronunciano dalle migliori scuole di architettura italiane (MONESTIROLI, 1963). Non è questo il luogo e lo spazio per approfondire la questione delicata e complessa delle ricadute dell impostazione rogersiana sugli allievi. Basta solo, in questa sede ed in termini esemplificativi, accennare ad alcune tematiche da loro affrontate ed ad alcuni esiti raggiunti per sottolineare la potenzialità della struttura concettuale del metodo e della modalità di lavoro per dialettica tra ragione ed esperienza, avanzamenti collettivi ed apporti individuali. Per Canella le due dimensioni si sovrappongono nella sintesi di alcuni caratteri invarianti dell architettura milanese analizzati scientificamente negli studi e interpretati dialetticamente nelle architetture: introversione promiscuità, contaminazione, contrazione della prospettiva in spazi conclusi, carenza di gerarchia e di crescendo per sequenze, diffusione per coaguli, ecc. Questi caratteri morfologicamente incoerenti risultano strutturalmente coerenti perché tipicamente evidenti della frequenza ed intensità degli scambi che una cultura di frontiera e una configurazione insediativi ad arcipelago hanno instaurato nel lungo periodo e anche nella lunga distanza: il capoluogo come scalo principale, con approdi dislocati lungo le penetrazioni dalle aste di traffico (CANELLA, 1985, p. 105). In Rossi quello che viene considerato il trapasso (V. SAVI, 1998, p.30) dal logico de L Architettura della città all analogico dell Autobiografia scientifica (ROSSI, 1990) sembra piuttosto una compresenza variabile di ragione ed esperienza con una prevalenza della prima nella fase giovanile di costruzione di una teoria scientifica e della seconda nella successiva riflessione sulla propria esperienza. Le parole dedicate al primo testo all interno del secondo riaffermano nel 1990 quanto precisato nella lezione del 1966 a riguardo dell elemento soggettivo : Percorrevo a piedi le città d Europa per capirne il disegno e classificarle in un tipo; come un amore vissuto con egoismo ne ignoravo spesso i sentimenti segreti, mi bastava il sistema che la governava. Forse volevo semplicemente disfarmi della città. In realtà scoprivo la mia architettura: un groviglio di cortili, di case periferiche, di tetti, di gasometri erano la prima esplorazione di una Milano che mi sembrava fantastica. Il mondo borghese delle ville sul lago, i corridoi del collegio, le grandi cucine della campagna erano ricordi di un paesaggio manzoniano che si disfava nella città. Ma questo insistere sulle cose mi disvelava un mestiere. Lo ricercavo nella storia, lo traducevo nella mia storia (ROSSI, 1990, p. 27). Per Semerani l architettura è sintesi tra razionale ed irrazionale, conscio e inconscio, elementi antagonisti incarnati dalle figure di Apollo e Dioniso. Questi sono i due approcci alla ricerca di verità, alla ricerca del senso degli uomini [ ]. La nostra consapevolezza di intellettuali, di insegnanti dell arte e dell architettura sulla necessità di tradurre in termini intelligibili, razionali, trasmissibili quanto diciamo e proponiamo, non annulla la nostra esperienza di artisti, la nostra coscienza di un momento magico, di un momento oscuro

7 e profondo che accompagna l atto inventivo, quel momento che l architetto sloveno Jože Plečnik diceva essere il momento in cui si sente il fruscio delle ali dell angelo [ ] il momento della verità, sarà il raggiungimento della bellezza (SEMERANI, 2000, p. 90) Architettura in funzione di esperienza (individuale) e conoscenza (condivisa)? I testi italiani di storia dell architettura che hanno recentemente provato ad interpretare gli ultimi decenni del Novecento vedono gli ultimi capitoli dedicati alle vicende italiane fermarsi alle esperienze avviate verso la metà degli anni Sessanta e svolte negli anni Settanta fino al termine della Biennale del In una di queste recenti riflessioni è stato notato come proprio la mancanza di temi comuni è un elemento di debolezza dell architettura italiana contemporanea e come l attualità della Tendenza 16 (DURBIANO 2006, p. 26) sia da interpretare, all opposto, per il significato collettivo della ricerca che diviene condizione decisiva per l elaborazione delle varie teorie di architettura. Riprendendo il concetto di Semerani appena ricordato bellezza come momento di verità in quanto esito consapevole della dialettica tra ragione e intuizione si potrà forse raggiungere un riconoscimento di valore per l architettura quando questa riuscirà (o tornerà) ad essere l esito di un percorso al tempo stesso necessariamente condiviso e fortemente individuale. È allora possibile cambiare le variabili della formula magica in un equazione in cui l architettura è in funzione di conoscenza ed esperienza e l avanzamento scientifico è la base per l interpretazione personale? L esigenza di aprire una stagione di confronto come condizione per elaborare differenze sottolinea l attualità del lascito metodologico di Rogers verificato dalle sperimentazioni irriproducibili dei suoi allievi, quasi a dimostrare una delle sue più sagaci e illuminanti affermazioni: E anche se si persegue un metodo, forse l unica certezza è nell indice etico di una poetica (ROGERS, 1958, p. 33). 1 Titolo dell edizione italiana pubblicata da Zanichelli (Bologna 1981) del volume VAN DE VELDE H., Les formules de la beauté architectonique moderne, Weimar, Henry van de Velde, prima lezione tenuta da ROGERS E.N. per la cattedra di Caratteri stilistici e costruttivi dei monumenti, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano, a.a , raccolta in MAFFIOLETTI, 2009, p Ultima lezione tenuta da ROGERS E.N. per la cattedra di Caratteri stilistici e costruttivi dei monumenti, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano a.a / , raccolta in MAFFIOLETTI, 2009, p Ivi. 5 Vedi il mio intervento al Convegno internazionale Esperienza dell architettura, Ernesto Nathan Rogers ( ), Politecnico di Milano dicembre 2009, in corso di pubblicazione. 6 Problemi di una scuola d architettura in ROGERS, 1958, pp

8 7 Elogio dell architettura (ROGERS, 1964) è il discorso tenuto in occasione della cerimonia per le lauree honoris causa a Alvar Alto, Louis Kahn e Kenzo Tange a Milano il 4 aprile Problemi di una scuola d architettura in ROGERS, 1958, pp ROGERS E.N., Utilità e Bellezza, raccolto in MAFFIOLETTI, 2009, p È questa la frase che apre il testo Struttura della composizione architettonica in L esperienza dell architettura, (ROGERS 1958, p.171), riscontrabile nelle lezioni, invece, come esito del ragionamento sulle differenze tra le arti e sulla dialettica tra bellezza e utilità delle parti precedenti, vedi ROGERS E.N., Utilità e Bellezza, raccolto in MAFFIOLETTI, 2009, p Titolo della pubblicazione di MARINA MONTUORI, Teoria formalista dell architettura è il primo titolo sottolineato in ROSSI, 1999, vol. 1, 19 Giugno La definizione di architettura della conoscenza compare in CANELLA 1969, p GREGOTTI V., Introduzione alla nuova edizione (2008) in GREGOTTI, 1966, p. II. 15 Mi riferisco a BIRAGHI, 2008, e FILIPPI ET AL., Didascalie Fig.1 Ernesto Nathan Rogers, La formula magica dell architettura. Fig /1946 copertina di ROGERS E.N., Esperienza dell architettura, Einaudi, Torino Fig /1966 copertina di SAMONÀ G. ET AL., Teoria della progettazione architettonica, Edizioni Dedalo, Bari Fig /2000 copertina di ROSSI A., Autobiografia scientifica, Pratiche, Parma Bibliografia BIRAGHI M., Storia dell architettura contemporanea II, 1945/2008, Giulio Einaudi Editore, Torino 2008 CANELLA G., Dal Laboratorio della composizione, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp CANELLA G., Delimitazione di un esperienza, in AA.V.V, Per una ricerca di Progettazione 1, Istituto universitario di architettura, Venezia 1969, pp CANELLA G., Dieci opinioni sul tipo, in «Casabella», n , gennaio-febbraio 1985, pp DURBIANO G., Il movimento della Tendenza e l invenzione dell autonomia disciplinare, in FILIPPI ET AL., 2006, pp FILIPPI F.B., GIBELLO L., DI ROBILANT M., : episodi e temi di storia dell'architettura, Celid, Torino 2006 GRASSI G., La costruzione logica dell Architettura, Marsilio, Padova 1967 GREGOTTI V., I materiali della progettazione, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp GREGOTTI V., Il territorio dell architettura, Feltrinelli, Milano 1966 (edizione consultata Feltrinelli, Milano 2008) MAFFIOLETTI S. (a cura di), Il pentagramma di Rogers, Il Poligrafo, Padova 2009 MONESTIROLI A., Lezioni ex-cathedra, in AA. VV., Ernesto Nathan Rogers, testimonianze e studi, Quaderni del Dipartimento di Progettazione dell Architettura del Politecnico di Milano, n. 15, CittàStudi, Milano 1993, p. 63 MONTUORI M., 10 Maestri dell architettura italiana. Lezioni di progettazione, Albini, Daneri, Gardella, Libera, Mollino, Muratori, Muzio, Quaroni, Rogers, Samonà, Electa, Milano 1988

9 ROGERS E.N., Esperienza dell architettura, Einaudi, Torino 1958 (edizione consultata Skira, Milano 1997) ROGERS E.N., Attualità di Adolf Loos, editoriale in «Casabella-continuità», n. 233, novembre 1959 ROGERS E.N., Elogio dell architettura, in «Casabella-continuità», n. 287, maggio 1964 ROSSI A., Architettura per i musei, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp ROSSI A., Autobiografia scientifica, Pratiche, Parma 1990 (edizione consultata Pratiche, Milano 1999) ROSSI A., I quaderni azzurri, , Electa, Milano 1999 ROSSI A., L architettura della città, Marsilio, Venezia 1966 ROSSI A., Quaderni Azzurri, copia anastatica a cura di Dal Co F., Electa, Milano 1999 SAMONÀ G. ET AL., Teoria della progettazione architettonica, Edizioni Dedalo, Bari 1968 SAVI V., Dimenticare Aldo Rossi, in FARINATO S. (a cura di), Per Aldo Rossi, Atti del Convegno di studi in onore di Aldo Rossi (Genova, 7 novembre 1997), Marsilio Editori, Venezia 1998, pp SEMERANI L., L altro moderno, Umberto Allemandi & C., Torino-Londra 2000 SEMERANI L., Razionalibità della progettazione architettonica, in SAMONÀ ET AL., 1968, pp Dario Costi (Parma 1971) è ricercatore presso la Facoltà di Architettura di Parma dove insegna Composizione architettonica ed è membro del Collegio Docenti del Dottorato di ricerca in Progettazione Architettonica di Palermo, Napoli, Reggio Calabria e Parma. Svolge attività progettuale principalmente sui temi dell edificio, dello spazio pubblico e degli allestimenti museografici. Dal 2004 al 2006 è cofondatore e presidente dell Associazione Festival dell Architettura, coordinatore delle prime tre edizioni della manifestazione, curatore di numerose mostre ed iniziative, responsabile e docente tutore del Workshop Europeo. Dal 2006 ha allestito la mostra itinerante ICAR 14 Composizione architettonica e urbana. Raccolta/Indagine sulla didattica dei Laboratori di progettazione delle Facoltà d Architettura italiane nelle sedi di Roma, Napoli, Aversa, Torino, Firenze, Palermo e Milano coordinando una serie di incontri tematici sulla didattica della Composizione. Dal 2007 attraverso la costituzione di Parma Urban Center promuove e svolge iniziative di ricerca con il coinvolgimento di altri docenti e ricercatori dell Università di Parma ed il supporto di Comitati scientifici nazionali e internazionali. È autore di pubblicazioni legate ad attività di ricerca e di progettazione urbana sul contesto emiliano e sul tema dell edificio e dello spazio pubblico.

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli