UNIONE. Alle radici della crisi: le disuguaglianze economiche di L. Passarelli. CRISI ECONOMICA O CRISI SOCIALE? a cura della Segreteria Nazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE. Alle radici della crisi: le disuguaglianze economiche di L. Passarelli. CRISI ECONOMICA O CRISI SOCIALE? a cura della Segreteria Nazionale"

Transcript

1 P E R I O D I C O D E L L A F I S A C C G I L B A N C A D I T A L I A N. 6 M A R Z O CRISI ECONOMICA O CRISI SOCIALE? a cura della Segreteria Nazionale Sono ormai alcuni anni che gli indici economici risultano in flessione con ricadute sempre più evidenti sulla vita di ognuno di noi. Secondo i maggiori esponenti della politica e dell economia, stiamo attraversando la seconda fase della depressione che attanaglia l Europa; mentre nel 2008, il tutto traeva origine dallo scoppio di bolle immobiliari e finanziarie, adesso pare che il tutto dipenda invece dai problemi della finanza pubblica. Il debito sovrano, poi, sta penalizzando il nostro continente in differenti forme ed intensità; mentre nei paesi scandinavi la flessione del ciclo economico risulta limitata, in quelli mediterranei si hanno veri e propri rischi di default nazionale. Paesi come l Irlanda o il Portogallo (specie quest ultimo) stanno lottando per non affondare, il destino della Grecia è letteralmente appeso ai finanziamenti provenienti dall Unione Europea, BCE e dal Fondo Monetario Internazionale. Situazione, purtroppo, non del tutto dissimile si registra anche in Italia dove il Governo Monti, con una cura da cavallo che penalizza i settori più produttivi, sta cercando di non peggiorare ulteriormente la già difficile situazione delle casse pubbliche. Come ormai riconosciuto dall intera comunità internazionale, siamo di fronte ad un problema di natura Europea o ancora più esteso. In un contesto del genere è ovvio che gli interventi debbano avere carattere sovranazionale, per cui rileva la responsabilità dell Unione Europea. (segue a pag. 2) Alle radici della crisi: le disuguaglianze economiche di L. Passarelli Nel 2011 il CEO di Apple ha guadagnato 378 milioni di dollari, circa volte più di un suo impiegato. Da noi, Marchionne percepisce emolumenti pari a circa 400 volte la retribuzione di un operaio Fiat. Warren Buffett, il terzo uomo più ricco del pianeta, qualche mese fa ha evidenziato il paradosso dato dal fatto che a lui (che nel 2010 ha guadagnato 41 milioni di dollari) è stata applicata un ali-quota fiscale del 17%, mentre la sua segretaria (che ha un reddito pari a un millesimo del suo) è tassata al 36%. Benché lo stesso Buffet propugni la necessità che i ricchi paghino più tasse, resta comunque scandaloso che l aliquota fiscale che grava su un miliardario sia meno della metà di quella applicata a un povero cristo. Il movimento Occupy Wall Street ha coniato il famoso slogan che contrappone il 99% dei poveri del mondo all 1% dei ricchi; nonostante la semplificazione, lo slogan riflette una situazione reale di gravissima ingiustizia, non più sopportabile. (segue a pag. 3)

2 Pagina 2 CRISI ECONOMICA O CRISI SOCIALE? (segue da pag. 1) Ma siamo sicuri che le scelte del Governo europeo vadano incontro alle reali esigenze dei cittadini? Innanzitutto un dato che emerge dai vari sondaggi è che mai come adesso la voglia di Europa non è mai stata così bassa tra la gente. E ovvio che politiche tendenti al contenimento della finanza pubblica provochino contrasti, specie tra le classi lavoratrici. Ma alcuni dubbi, legittimi, possono comunque sorgere. Ad esempio, la vicenda della Grecia è abbastanza paradossale. Il debito pubblico greco è, in percentuale al Pil nazionale, il più alto dell - Europa; i governanti di Atene negli anni scorsi hanno effettuato vere e proprie frodi statistiche nella segnalazione dei dati di bilancio ad Eurostat; era normale che la crisi colpisse soprattutto la Grecia in quanto anello più debole. Detto questo, occorre anche sottolineare che i ritardi enormi nell intervento europeo dal momento dello scoppio del problema greco ha determinato l accumu-lazione di ulteriori miliardi di euro di nuovi debiti e maggiori difficoltà di risanamento. I cittadini greci stanno subendo tagli drastici su stipendi e pensioni, il welfare state praticamente non esiste più, i pubblici dipendenti vengono licenziati in massa. Il tutto in cambio di tranche di finanziamenti da parte della famigerata Trojka elargiti in modo eccessivamente differito (visto anche l atteggiamento colpevolmente attendista della Germania) che, fino ad adesso, non sono ancora riusciti a coprire la voragine di debito pubblico. La Grecia e anche l Italia, tra i paesi con maggiore difficoltà, hanno sostituito Governi regolarmente eletti con Esecutivi di garanzia nazionale guidati da personalità (apparente-mente) super partes, con lo scopo di portare avanti tecnicamente politiche che difficilmente i partiti soggetti al giudizio elettorale sarebbero in grado di effettuare in prima persona. Sotto la spinta di un Europa guidata da pochi grandi Stati, tali Governi, volente o nolente, stanno riducendo fortemente garanzie e stato sociale conquistati con anni di lotte dei lavoratori. E davvero necessario tutto ciò? La crisi, nata dall assenza di regole del mondo finanziario, deve per forza esser pagata da lavoratori e pensionati? Ed il Governo Europeo, sta veramente rispondendo all esigenza di democrazia e condivisione generale delle scelte in questo delicato frangente? Un altro elemento che emerge in questa difficile fase è sicuramente il fatto che i provvedimenti di riforma dello stato o del mercato del lavoro vengano portati avanti sempre col presupposto dell urgenza, ma anche della necessità. Per cui, come avviene in Italia ma anche in altri paesi europei viene stralciata ogni forma di concertazione o confronto approfondito tra le parti, lasciando parte della responsabilità ad un tecnicismo che si dichiara illuminato. L Europa si è sempre caratterizzata, storicamente, dalla presenza di società molto sviluppate e complesse, dove le decisioni, ma anche i principi o i grandi programmi politici, emergono dalla dialettica di vari gruppi portatori di interessi compositi e da un articolazione ben sviluppata di corpi intermedi (sindacati, rappresentanze dei datori di lavoro, ecc.). Questa crisi bypassa oggettivamente questo tipo di struttura; la società europea e quindi anche quella italiana, è chiamata ad affrontare un nuovo e delicato scenario sociale. Infine, visto il contesto in cui scriviamo, un accenno alla Banca d Italia. Questa crisi, a nostro parere, insegna che senza una rinnovata e rafforzata istanza pubblica la democrazia economica, la cura dell utenza istituzionale e privata, la difesa del risparmio individuale si realizzano solo e soltanto con un Istituto rinnovato ma che mantiene una sua articolata e diffusa presenza in tutte le funzioni che storicamente lo caratterizza: i servizi sul territorio, la produzione di banconote, la supervisione su intermediari, mercati e sistema dei pagamenti. La Fisac continuerà ad operare per una Banca d Italia che non riduca la propria dimensione e forza; il tecnicismo non è efficace se non è accompagnato da una forte connotazione pubblica capillare.

3 Pagina 3 Alle radici della crisi: le disuguaglianze economiche (segue da pag. 1) Nel nostro Paese, l indagine biennale della BI sui bilanci delle famiglie conferma, in maniera scientifica e sistematica, una forte e crescente iniquità distributiva. Grandi diseguaglianze nella distribuzione di reddito e ricchezza sono sempre esistite, ma negli ultimi decenni si sono acuite a livello mondiale e nazionale (negli anni 50 il temibile AD della FIAT Vittorio Valletta guadagnava solo 20 volte più di un suo operaio). Cos è successo nell ultimo terzo di secolo? La reazione del sistema capitalistico mondiale alla caduta tendenziale del saggio di profitto e all ascesa sociale, politica ed economica della classe operaia ha innescato una serie di politiche basate sull ideologia ultraliberista che hanno posto fine al patto keynesiano, causando un immensa redistribuzione del reddito verso le classi più abbienti. Lo stesso sviluppo dei nuovi paesi industrializzati, basato sulla delocalizzazione e sull'abbassamento del costo del lavoro, ha accentuato l'iniquità distributiva nei paesi occidentali, dove i lavoratori sono stati sottoposti al ricatto della moderazione salariale. Anche la ricchezza così creatasi nei paesi emergenti è risultata enormemente concentrata e foriera di contrasti sociali. Ora, la questione non riguarda più solo la disuguaglianza economica, la giustizia sociale e l etica, ma il funzionamento stesso del sistema economico mondiale. Le cause dell attuale crisi, infatti, non sono riconducibili ai circuiti finanziari, ma all economia reale, segnatamente alla sovrapproduzione e al sottoconsumo, che è legato strettamente alle disuguaglianze distributive. Un riccone che ha comprato 2 yacht, 10 automobili, e 1000 vestiti non saprà più come spendere il suo reddito. Un miliardo di poveri, se non ha soldi non comprerà nulla, anche se la domanda potenziale è di un miliardo di vestiti e un miliardo di auto. Il sistema capitalistico ha provato a ovviare a questo problema inventando il credito al consumo e i mutui subprime; per qualche anno l economia così drogata è andata avanti, ma poi abbiamo visto com'è finita. La crisi dei subprime e del debito eccessivo, dunque, è stata causa della crisi finanziaria del , ma è conseguenza dell attuale crisi reale che attanaglia il pianeta. Il sistema risolve la crisi di sovrapproduzione e di eccesso di capitale produttivo, inizialmente svalutando quello in eccesso: le imprese chiudono, i disoccupati aumentano, la domanda cala ulteriormente e questo provoca un circolo vizioso, con aggravamento della crisi, maggiore disoccupazione e ulteriore svalutazione del capitale. Dalla crisi degli anni '30 del Novecento si è usciti con un immane processo di intervento nell economia da parte degli stati e, ahimè con la Guerra Mondiale, un'enorme distruzione fisica di capitale. Il compromesso keynesiano-fordista si fondava anche sulla redistribuzione del reddito e sul cosiddetto welfare state. Poi, negli anni '70, il capitale ha rotto il patto e si è progressivamente invischiato nella finanziarizzazione dell economia, cercando di contrastare la caduta tendenziale del saggio di profitto con la produzione di denaro a mezzo di denaro; i famigerati derivati finanziari ( armi di distruzione di massa secondo un aforisma dello stesso Buffett) hanno raggiunto il valore di 12 volte il PIL mondiale alla vigilia della crisi, poi sono calati (oggi sono di nuovo oltre 10 volte il PIL mondiale). La soluzione della crisi passa quindi necessariamente per due vie sostanziali: 1) una massiccia redistribuzione del reddito e della ricchezza mondiali. Qui si pone tuttavia il problema della qualità dello sviluppo umano. Il sistema dev essere ripensato, tenendo conto dell insostenibilità per l ecosistema (per la stessa antroposfera) dell attuale paradigma della crescita; dobbiamo quindi ripartire, con saggezza e lungimiranza, dalle classiche domande degli albori della scienza economica: cosa, quanto, come, per chi produrre? 2) nuove regole internazionali che introducano limitazioni rigorose alla finanza, in modo da renderla di nuovo ancella dell economia reale e magari dei popoli: restrizioni ferree ai derivati, Tobin tax, divieto di vendite allo scoperto, riforma delle istituzioni finanziarie sovranazionali (inclusa la BCE), rifondazione del sistema di rating (le tre disgrazie Moody s, S&P, Fitch operano in un colossale conflitto d interesse, essendo controllate da fondi di investimento privati che ovviamente speculano ex ante su giudizi che poi daranno; Moody s, ad esempio, è di proprietà di un fondo dell ineffabile Buffett, che si permette pure battute sui derivati ). Invece, le manovre lacrime e sangue in atto in Europa, se pur allevieranno le crisi debitorie degli Stati, certamente acuiranno il disastro economico e sociale.

4 Pagina 4 LA POSTA DELLA Tra i numerosi contributi pervenuti in redazione, abbiamo scelto di pubblicare integralmente la lettera che ci ha inviato alla fine dello scorso anno il dott. Aldo Misserville, pensionato del nostro Istituto, sul tema della crisi finanziaria. Si tratta, come leggerete, di un intervento molto articolato che contiene proposte, quasi profetiche quando sono state formulate, sul tema di quegli Eurobonds che sono ora nell agenda dei principali Paesi Europei. Il CdR IDEE PER IL RISANAMENTO FINANZIARIO DEGLI STATI DELL' AREA EURO GRAVATI DA UN ELEVATO DEBITO PUBBLICO Premessa. L'attuale situazione economica e finanziaria che si sta manifestando nel mondo occidentale è dovuta in gran parte alla globalizzazione, perché Paesi che fino a pochi anni fa erano marginali sia nella produzione che nello scambio di beni industriali, attualmente hanno di molto incrementato la loro presenza sui mercati e sono divenuti altamente competitivi (Cina, India e altri paesi emergenti); ciò è dovuto al "dumping" sociale che rende i costi dei loro prodotti di gran lunga inferiori a quelli degli U. S. A. e degli Stati Europei facenti parte dell area EURO nonché all'alto investimento nell istruzione e nella ricerca. Grecia, Spagna, Italia e Portogallo hanno risentito più degli altri l effetto di tale concorrenza internazionale per la massiccia delocalizzazione che sono stati costretti a fare nei suddetti Paesi nei settori dell abbigliamento, del tessile, della chimica e manifatturiero in genere; oltre a ciò, il commercio internazionale si è squilibrato a causa delle importazioni che i Paesi occidentali effettuano in maniera crescente dalle aree di minore costo. In particolare, nei confronti della Cina le bilance commerciali sono sempre più in disavanzo, con conseguente deflusso verso di essa di notevoli risorse finanziarie. Gli squilibri evidenziati hanno provocato una caduta drastica dei PIL nazionali e un preoccupante aumento della disoccupazione per far fronte alla quale i Paesi più deboli sono dovuti intervenire con politiche economiche di emergenza che hanno aggravato il disavanzo di bilancio pubblico, specialmente per l'effetto dei finanziamenti alle varie CIG, resi necessari per attenuare il crescente disagio sociale e la diminuzione delle entrate erariali e previdenziali. Sulla finanza pubblica degli Stati suddetti si stanno ora accumulando effetti perversi fra cui: 1. grave deterioramento del rapporto PIL/Debito Pubblico in circolazione sul mercato secondario; 2. aumento del disavanzo del bilancio dello stato; 3. aumento dell emissione di titoli pubblici. Il cumularsi di questi effetti ha notevolmente drammatizzato la politica economica di tali Stati i quali si trovano in gravi difficoltà per rispettare gli impegni assunti con gli accordi di Maastricht. Non potendo nel breve periodo operare manovre di bilancio draconiane, per il pericolo di gravi rivolte sociali, essi hanno effettuato alcune politiche di rientro del disavanzo pubblico che però non sono apparse adeguate alle aspettative di quelle istituzioni internazionali che intervengono nella domanda e nell'offerta dei titoli pubblici sui mercati primario e secondario. (segue a pag. 5)

5 Pagina 5 Tale inadeguatezza è apparsa evidente quando, per rendere più appetibili e sottoscrivibili i titoli pubblici immessi sul mercato, sono stati necessari aumenti dei tassi di rendimento che rendono ancora più problematica la politica dei bilanci statali. Gli interventi della Banca Centrale Europea sui debiti pubblici dei Paesi dell'eurozona. Per attenuare le tensioni e le speculazioni sui titoli pubblici emessi dagli Stati dell Eurozona, la BCE è intervenuta negli ultimi mesi con massicci acquisti contrastando, almeno temporaneamente, le forti vendite da parte degli investitori istituzionali. Questi interventi congiunturali possono provocare preoccupanti spinte inflazionistiche sull Euro e non appaiono inquadrati in una politica europea che abbia come fine la soluzione del problema in un periodo di medio e lungo termine. Per finanziare tali operazioni le istituzioni europee stanno ora pensando di far emettere dalla BCE dei titoli propri (Eurobonds), le cui modalità di emissione, le garanzie da offrire agli investitori, la quantità e la durata dei quali non sono state ancora chiarite a sufficienza. Si è proposto anche, recentemente, di istituire un fondo salva stati per stabilizzare i mercati e contrastare le speculazioni sui titoli pubblici. Sulla scia di queste considerazioni si avanzano quindi delle idee per rendere l'emissione dei suddetti Eurobonds realisticamente fattibile. Innanzitutto è necessario che i titoli pubblici degli Stati facenti parte dell area Euro, per il loro intero ammontare siano convertiti, ad ognuna delle loro scadenze, con Eurobonds con scadenza più lunga, almeno superiore ai trent anni. Ciò eviterebbe che gli Stati più indebitati siano costretti ad effettuare politiche di rientro a breve termine le quali, per la mancanza di risorse destinate a tale scopo, avrebbero gravi effetti deflazionistici che, a loro volta, frenerebbero lo sviluppo economico. La possibilità di un rientro a lungo termine dissolverebbe in modo drastico i timori per l'insolvenza degli stati coinvolti e, correlativamente, verrebbero attenuati gli andamenti speculativi dei mercati finanziari. Considerato però che la circolazione dei titoli pubblici degli stati europei dell area EU- RO è di dimensioni notevoli, specialmente, come si è detto, per l Italia, la Spagna, la Grecia e il Portogallo, delle manovre di rientro a lungo termine che si basassero solo sulla politica di bilancio di ogni singolo stato avrebbero un alta probabilità di fallire ed esporrebbero i titoli in circolazione a speculazioni ripetitive. Si rende pertanto necessaria un'azione coordinata tra la Banca Centrale Europea, le banche centrali e i ministeri dell Economia di ogni singolo Stato. La BCE dovrebbe emettere un prestito in Eurobonds, di durata almeno trentennale, pari all ammontare dei titoli pubblici emessi dagli stati facenti parte dell Eurozona; nel contempo si dovrebbero creare presso di essa due fondi: il primo per l assorbimento titoli pubblici area euro e il secondo per l ammortamento titoli emessi dalla stessa area. Gli Eurobonds immessi sul mercato dovrebbero essere garantiti sia da riserve valutarie provenienti dagli stati dell Eurozona, sia dall impegno di detti stati di riacquistare i titoli pubblici presso la BCE con risorse finanziarie provenienti da politiche di bilancio pubblico. Per determinare l ammontare degli Eurobonds da emettere è necessario innanzi tutto calcolare: 1. l ammontare complessivo dei titoli emessi dagli stati dell Eurozona; 2. la percentuale di debito che ogni singolo stato ha rispetto all ammontare complessivo. 3. la quantità di riserve valutarie che ogni stato, in proporzione al suo debito, deve depositare a garanzia presso la BCE; 4. il tasso d interesse base per le aste d'emissione; 5. l importo delle rate che BCE devrebbe annualmente rimborsare; 6. l ammontare della quota che ogni singolo stato dovrebbe fornire per incrementare il Fondo ammortamento Eurobonds istituito presso la BCE. (segue a pag. 6)

6 Pagina 6 A seguito di questa attività preparatoria compiuta con accordi fra i paesi dell'eurozona, il sistema dovrebbe funzionare come segue. La BCE, con l'emissione di Eurobonds, si fornirebbe di una sufficiente liquidità che confluirebbe in un apposito "fondo " destinato al riacquisto dei titoli pubblici in scadenza emessi dai singoli stati dell Eurozona, nonché pronto, quando se ne rilevasse la necessità, ad intervenire sul mercato secondario con tempestivi acquisti. Nel contempo, le Banche Centrali dei Paesi interessati dovrebbero costituire presso la stessa BCE un fondo riacquisto titoli che sarà alimentato da versamenti effettuati dai rispettivi ministeri economici i quali, con politiche di bilancio a lungo termine, dovranno a loro volta introdurre nei bilanci di previsione un fondo ammortamento titoli pubblici in circolazione. Alla scadenza di ogni rata di Eurobonds, le banche centrali di ogni stato dovranno riacquistare dalla BCE un ammontare di propri titoli pubblici pari alla rata che la stessa dovrà rimborsare, reintegrando in questo modo il "Fondo ammortamento eurobonds"; correlativamente, il Tesoro di ogni paese riacquisterà tali titoli dalla propria Banca Centrale, con la liquidità proveniente dal "Fondo ammortamento titoli" a suo tempo creato presso il proprio Ministero dell Economia. Vantaggi di tale sistema. E' ragionevole ipotizzare che il sistema proposto sia di gran lunga più vantaggioso rispetto alla soluzioni di natura congiunturale a breve termine a- dombrate finora nell'ambito dei paesi Eurozona. Innanzitutto si eviterebbero le ricorrenti speculazioni al ribasso sul mercato dei titoli emessi dai paesi più esposti perché, non appena tali speculazioni si manifestassero, l'intervento immediato del "Fondo riacquisto titoli" presso la BCE sterilizzerebbe l effetto perverso di tali azioni speculative; d'altro canto, nei paesi più "virtuosi" si allontanerebbero i timori di incontrollabili "default" degli stati più indebitati e si eviterebbero, comunque, tensioni inflazionistiche sulla moneta unica. Ancora più importanti sarebbero i vantaggi per i Paesi gravati da ingenti indebitamenti perché essi non dovrebbero più improntare le loro politiche di bilancio sotto l affanno generato dal dover riuscire a rimborsare i propri titoli in scadenza; dal momento che il rimborso avverrebbe in un arco di tempo di più ampio respiro, si eviterebbe pertanto la perniciosa, ricorrente pratica di emettere sempre nuovi titoli pubblici per sostituire quelli in scadenza e, per di più, d'importi sempre più elevati a causa degli interessi in maturazione. L'allungamento dei tempi della riscossione finale dei titoli emessi ha anche come conseguenza che, all'atto del piano di risanamento concordato, gli Stati più indebitati siano chiamati a prevedere in anticipo l'ammontare della liquidità da destinare periodicamente al "Fondo ammortamento titoli pubblici in circolazione", evitando così che i vari governi che si susseguono negli anni, per meri motivi elettorali, destinino per il risanamento della finanza pubblica risorse non adeguate. Aldo Misserville Pensionato Banca d Italia

7 Pagina 7 COME SUPERARE (in altro modo!) LA CRISI di U. Onelli Fa meraviglia la sottovalutazione dei rischi che corre la democrazia per superare la crisi. Basterebbe aggiungere alle campagne contro la casta (che a volte appaiono sovradimensionate e strumentali), alla perdita di credibilità della politica e dei partiti, quanto faceva dire Platone a Socrate. Lo Stato avrebbe dovuto accogliere i geni, gli uomini con qualità superiori con queste parole : Noi l onoreremo come un essere degno di adorazione, meraviglioso e amabile, ma dopo avergli fatto notare che non c è uomo di tal genere nel nostro Stato e che non deve esserci,untogli il capo e incoronatolo, lo scorteremmo fino alla frontiera. Ed ancora, secondo Platone, il miglior governo è aristocratico perché è il governo dei migliori. Poi il governo aristocratico diventa oligarchico, governo dei pochi non necessariamente dei migliori; la successiva fase è il governo democratico, cioè governo del popolo che per eccesso di libertà e dopo anni di abulia e mancanza di partecipazione può portare alla tirannide. Proprio per questo la crisi avrebbe dovuto essere affrontata in altro modo, da un buon ragioniere al posto di un professore della Bocconi. E questo con tutto il rispetto per il senatore Mario Monti che ha deluso. Infatti da una parte ha dato - con la sua autorevolezza e credibilità - nuova dignità, nuovo rispetto per il Paese, valore all etica dei comportamenti, nuova morale, valori questi necessari alla buona Politica. Dall altra non ha saputo - e dire ad un bocconiano di non sapere è quasi una ingiuria cogliere il momento guadagnatosi sull onda di un largo consenso di popolo o liberato dall era berlusconiana o deluso da un governo che non aveva risposto alle attese e alla promesse. Tale consenso gli avrebbe permesso qualsiasi azione di governo, senza sottostare a trattative e ricatti dato che i partiti di maggioranza e opposizione della passata legislatura non avrebbero e non hanno ancora la forza di sfiduciarlo. Monti quindi ha voluto una manovra con più ombre che luci. Monti ha proposto una manovra con una ricetta per superare la crisi, così come l Europa ha dettato, con una illogica commistione di centralismo dello Stato e ricette liberiste (ma non liberali che sarebbero tutt altra cosa). Un buon ragioniere senza un chiaro mandato democratico dovrebbe limitarsi solo a fare dei calcoli per sapere quante risorse occorrano per affrontare e portare a soluzione il problema del debito, per stimolare in parallelo la crescita e la produttività partendo dal settore pubblico. Sarebbe possibile superare la crisi in breve, senza decidere sui problemi strutturali che pretendono un governo pienamente politico, spingendosi solo fino al punto di operare per superare una legge elettorale che è all origine della malattia della società, che sta annichilendo la buona politica, la credibilità dei partiti, in definitiva la democrazia. Basterebbe un programma di governo che andasse a trovare le risorse in via del tutto eccezionale e per un periodo di tempo limitato innalzando le aliquote fiscali (anche esse in modo progressivo e come credito di imposta) oltre una soglia di reddito per evitare riflessi gravi di recessione, corrispondendo titoli di stato con una rendita del 3 / 3,5% utili anche a frenare la speculazione e ridurre gli oneri futuri degli interessi che avvitano la spirale del debito.. Bisognerebbe - ristornando ai contribuenti onesti, in modo economicamente sostenibile, ciò che è stato tassato nella fase eccezionale - affiancare l azione del governo cosiddetto tecnico, dando immediata concretezza alla lotta all evasione fiscale, con una ulteriore imposta sui condoni che hanno premiato oltre misura i disonesti. (segue a pag. 8)

8 Pagina 8 Bisognerebbe ancora affiancare la manovra con una seria lotta all evasione partendo subito, ad esempio, con una forte e ponderata tassazione sulle proprietà più recenti dei beni di lusso che non sono in possesso di pensionati e contribuenti virtuosi. Il 42,4% delle barche di lusso sono intestate, stando alle statistiche fiscali riportate dal Sole 24 ore del 10 dicembre, a chi a malapena arriva a guadagnare in un anno euro, e, ancora, che veicoli di potenza superiore ai 185 Kw sono di contribuenti che dichiarano al fisco una vera miseria. Anche quei dati gridano scandalo ma vanno ponderati perché non valutano che molte persone fisiche hanno redditi sottoposti all IRPEF per euro ma pagano altre imposte alla fonte su altri redditi. Per fare cassa con un introito intorno ai 4 miliardi di euro Monti dovrebbe aprire l asta sulla vendita delle frequenze radiotelevisive, superando i veti di Berlusconi a cui sono state regalate e sfidandolo a votare la sfiducia. Per dare concretezza alla intenzione dichiarate di utilizzare il tempo fino alla scadenza del mandato per superare lo scontro politico, e avviarlo a confronti più civili fra i partiti sui contenuti, il governo Monti - con una manovra differente - avrebbe potuto avere tutto il tempo per aprire un dibattito trasparente e pubblico nel Parlamento e arrivare in tempi ragionevoli a decisioni sui temi strutturali. L agenda sui problemi strutturali è lunga, dopo i guasti e l inadeguatezza di chi ha governato quasi interrottamente per un ventennio, per aprire subito e sfidare al confronto pubblico i partiti con programmi economici alternativi ma difficilmente conciliabili. Ci si avvierebbe alle elezioni che legittimino un governo avendo chiaro che cosa i partiti hanno deciso o decideranno sui problemi strutturali come l ICI, la riforma delle pensioni non per fare cassa ma per garantire quei milioni di giovani che hanno perso o perderanno qualsiasi diritto, la riforma del mercato del lavoro e dei nuovi ammortizzatori sociali, nuovi criteri di intervento nella spesa pubblica per combattere clientelismo, tangenti, corruzione e criminalità, nuove politiche energetiche ed ecologiche, l istruzione e la sanità pubblica, la riforma del fisco. Per rendere urgente e indispensabile una iniqua manovra oggi è il tempo delle bugie e degli inganni sulla sua necessità e sulla drammaticità della situazione economica che, nelle dimensioni riportate dai media e nelle dichiarazioni di Monti, era fino a poco tempo fa taciuta (per convenienza??? gratitudine???) anche dalla Banca d Italia di Draghi. La crisi, il deficit, non riguardano solo l Italia ed altri paese europei, se anche la Bundesbank a fine novembre a dovuto sottoscrivere il 31% dei titoli emessi e non acquistati, se anche la Francia non può più sorridere, se anche l Inghilterra di Cameron, nonostante i sacrifici, trema. Si dice che il deficit è insopportabile, si chiedono quindi sacrifici anche ai pensionati ma non si fa nulla, o quasi, per aggredire le cause che tali deficit hanno alimentato, per toccare speculatori e poteri che mettono in ginocchio Popoli e Stati.

9 Pagina 9 EQUITÀ, CHE STRANO CONCETTO di E. Pezzuto Da alcuni mesi il governo Monti è alla guida del Paese. Sulla spinta del Presidente della Repubblica ed appoggiato, ob torto collo, da una maggioranza vasta in Parlamento, ha varato decreti legge e norme nel tentativo di risanare un economia asfittica e sull orlo del fallimento. Salutato da tanti, anche nel Paese, come l unico Governo in grado di varare riforme strutturali tali da riguadagnare la fiducia dei mercati e degli altri paesi europei, ha iniziato un processo di trasformazione o per meglio dire di restaurazione dei rapporti di forza tra gli strati sociali. Il suo primo intervento, chiamato con enfasi, salva Italia non ha fatto che ripercorrere le vecchie strade dei governi democristiani: intervento sulle pensioni, aumento delle tassazioni indirette, nessuna attenzione ai grandi patrimoni. Successivamente si è tanto parlato di liberalizzazioni, ma la montagna ha partorito il topolino. Banalizzando si potrebbe dire che qualche licenza in più di tassisti e la vendita dei farmaci di fascia C nei supermercati siano gli interventi che favoriranno la ripresa economica del Paese. Poi toccherà al mercato del lavoro a- vendo come stella cometa il principio che solo eliminando alcune residue rigidità (art. 18 libertà di licenziare ad nutum senza possibilità di reintegro sul posto di lavoro neanche dopo pronunciamento della magistratura) si possa garantire ai giovani un accesso più facile nel mondo del lavoro. Tutte iniziative prese con spirito dottorale, in perfetta continuità con il precedente Governo. I sindacati, alcuni partiti in Parlamento, altri non presenti nello stesso, oltre ai movimenti, hanno criticato gli interventi sottolineandone la non equità. Queste prese di posizione sottintendono che l analisi che il Governo fa sulla crisi e su come uscirne è sostanzialmente corretta e che basterebbe inserire elementi di equità nella manovra per poter essere accettata da tutti. Invece a mio parere ci troviamo di fronte ad una crisi sistemica senza precedenti che dimostra in modo inequivocabile il fallimento del modello capitalistico di sviluppo fondato sulla crescita non qualificata e su una spregiudicata finanziarizzazione che ha trasformato l economia reale in virtuale favorendo, in assenza di regole, speculatori di ogni genere, sullo sfruttamento dei paesi in via di sviluppo come esercito di riserva per il mercato del lavoro. Quindi l intervento di Monti andrebbe chiamato in modo più appropriato salva sistema in perfetta sincronia con le azioni della BCE e di Francia e Germania molto più impegnati a salvare banche e imprese piuttosto che affrontare i temi del mercato del lavoro con un orizzonte europeo e mondiale o di un welfare comune e coerente in tutti i paese aderenti all Unione Europea o di perseguire un modello di U- nione Europea politica, democratica e non fagocitata dagli interessi dei paesi più forti. Il precedente Governo con la felice intuizione del presidente Berlusconi ha preferito chiamarsi fuori dagli interventi voluti dai potentati europei e piuttosto che pagarne i prezzi elettorali ha fatto il bel gesto di dimettersi. (segue a pag. 10)

10 Pagina 10 Il Governo Monti non ha problemi di consenso elettorale e nell operare risponde solo a quei principi economici di liberismo edulcorato che lo ispirano. Sbaglia chi ritiene che risponda ai famosi poteri forti. Questo Governo è la rappresentazione politica dei poteri forti, un insieme di tecnici convocati al capezzale di un sistema in disfacimento da mantenere in vita tenendo inalterati rapporti di classe, stratificazione economica, sudditanza del sud rispetto al nord. Quindi è semplicemente inutile invocare equità, il Governo ha ben presente quale livello di equità deve applicare nella tutela degli interessi di classe che rappresenta. Nel Paese è divampata la protesta con connotati fortemente corporativi dei tassisti e poi dei camionisti, degli agricoltori e via via potrebbe espandersi ad altri strati sociali fortemente compressi dalla crisi e dagli interventi del Governo. Il tutto, in assenza di mediazione/rappresentanza politica, è pericolosissimo per la democrazia. Abbiamo subìto per anni il Governo fantasmagorico di Berlusconi; abbiamo assistito ai contorcimenti ed al disfacimento di una sinistra che fosse degna di questo nome. Ora ci toccano i tecnici, in apparenza non schierati politicamente, che intervengono con soluzioni che sarebbero piaciute tanto ai governanti della Prima Repubblica. Non vorrei in futuro trovarmi con un Governo specializzato nel risolvere problemi sociali come tanti anni fa in Cile, perché quando si abbandona la politica per far posto alla tecnocrazia si sa da dove si parte ma non si sa dove si arriva.

11 Pagina 11 POWER TO TECHNICIANS? di A. Campi Forse non tutti se ne sono accorti, ma con la nomina di Salvatore Rossi a Vice Direttore Generale della Banca d Italia è stato infranto un altro tabù: per la prima volta (a quanto mi consta) un laureato in discipline scientifiche (matematica) entra nel Direttorio. Lo considero un segnale positivo per tutti i tecnici, perché dimostra come a partire da (qualcuno avrebbe detto nonostante ) una solida formazione scientifica sia possibile costruire una brillante carriera all interno di una prestigiosa Istituzione come la nostra, operante in ambito economico e finanziario. Con ciò non voglio (solo) sostenere, banalmente, che in Banca dovrebbe essere attribuita maggiore considerazione a chi è latore di competenze tecnico-scientifiche (soltanto negli ultimi anni un ingegnere è stato posto a capo di uno dei Servizi tecnici) o alle opportunità offerte dalla tecnologia. Molto è stato fatto dalla gestione Draghi per il pieno sfruttamento delle nuove tecnologie all interno del nostro Istituto, ma ancora nell ultima Relazione annuale il fatto che i servizi bancari non si erogano più solo allo sportello appare alquanto trascurato. Personalmente, infatti, ho maturato la convinzione che spesso la trattazione di problemi complessi, che sempre più ci troviamo ad affrontare, e l individuazione di soluzioni innovative richiedano la combinazione di conoscenze e approcci multidisciplinari. In particolare, ritengo che la capacità di integrare saperi e sensibilità diversi costituisca una caratteristica chiave di ogni buon dirigente. Francamente non so dire se nella recente nomina di cui sopra si possa scorgere un segnale della maggiore consapevolezza da parte del nostro Istituto del valore della qualità e della varietà di competenze del suo personale, comprese le discipline tradizionalmente considerate ancillari. Però, per parte mia, in un periodo dove solo il business del gioco d azzardo sembra prosperare, invito tutti i giovani a puntare sulle proprie capacità e conoscenze, preoccupandosi di farle crescere ed integrare con le altre discipline e culture con cui verranno in contatto. Alla lunga, vinceranno la scommessa! Il rating de noantri Deutsche Bank, prima in Europa, propone sinistri death bonds speculando su persone in crisi per malattia o vecchiaia. Più precoce è la morte più alto è il profitto. Bond del genere, d altronde, danno interessi sicuri: niente lo è più della morte! E pensare che solo pochi giorni fa Josef Acherman, capo supremo della D B, ha dichiarato l intenzione della sua banca di perseguire i suoi scopi economici in modo onorevole e morale. Per questo, sentiamo il dovere appunto morale di assegnare alla DB un rating di ben quattro gatti neri...

12 Pagina 12 Caro diario, 27/12 oggi è morta Stefania Noce, 24 anni, studentessa di Lettere, attivista del Movimento Studentesco di Catania e di SE NON ORA, QUANDO? Aveva pubblicato, sul giornalino dell Università, un articolo che si concludeva così: le donne sono ovviamente persone di sesso femminile prima ancora di essere mogli, madri, sorelle e quindi, che nessuna donna può essere proprietà oppure ostaggio di un uomo, di uno Stato, nè, tantomento, di una religione.. Ed oggi è morta, morta ammazzata, uccisa a coltellate dal suo ex. 3/1 La pratica delle dimissioni in bianco è all attenzione del governo. Così risponde una nota di Fornero (NB: non la Fornero, guai!) ai tanti appelli che ha ricevuto per combattere una piaga del mondo del lavoro femminile: la pratica di far firmare alle dipendenti, al momento dell assunzione, un modulo di pre-licenziamento in caso, soprattutto, di maternità. Il Ministero sta studiando i modi e i tempi di un intervento complessivo a carattere risolutivo e che [ ]possa garantire, in caso di dimissioni, [ ] soprattutto la data di rilascio e di validità della lettera di dimissioni nell ambito di una più generale volta a rafforzare la trasparenza nelle relazioni di lavoro». E ci voleva un governo tecnico, evvè? 4/1 Sul Guardian di oggi c è un intervista a Siobhan Benita, candidata a primo cittadino di Londra. Si batte da outsider e nel suo programma compaiono tra l altro sconti per l uso dei trasporti pubblici per i genitori che devono portare i figli a scuola e un giorno al mese gratis sui mezzi, una migliore illuminazione per le strade e più sicurezza per i ciclisti in città. Idee semplici, dettate dal buon senso: proprio quello che sembra mancare ad e- sempio alla vicesindaco di Roma, la quale proprio oggi non aveva di meglio da fare che inaugurare il giardino degli angeli, un cimitero dedicato ai feti abortiti. 26/1 In Gran Bretagna gli uomini casalinghi ( househusband ) sono quasi triplicati dal 1996 al Anastasia de Waal ha commentato così al Telegraph: Vent anni fa l idea che fosse un uomo a prendersi cura della prole come primo compito era giudicata castrante. Ora qualcosa è cambiato. I ruoli, almeno lì, sono diventati interscambiabili. A conferma, c è anche un sondaggio svolto dall Aviva, che parla di 1,4 milioni di uomini inglesi che, lavoratori o no, si definiscono i principali accuditori dei figli, a fronte di una mamma-moglie molto impegnata fuori casa. Sarà forse per timore di un simile sovvertimento dell ordine costituito che in Italia non si è ancora riusciti ad approvare nemmeno un minuto di congedo per paternità? 3/2 Festa di lancio di People, programma tv condotto da Lorenzo Crea, alla Duel Beat Disco di Agnano, Napoli, animata dalle solite cubiste poco vestite. Niente di male (o quasi), non fosse che il conduttore è il figlio della presidente del Pd campano Maria Grazia Pagano, per cui al party c era il fior fiore del Pd locale: il responsabile Giustizia Orlando, il segretario regionale Amendola, il capogruppo regionale Russo, e decine di giovani democratici. Dagospia non manca di far notare il contemporaneo flop della manifestazione anticamorra organizzata dalla deputata del Pd Picierno a Scampia: Finalmente un po' di gnocca sana e Democratica sotto 'o Vesuvio: altro che OccupyScampia! Il Pd venerdì scorso aveva di meglio da fare. Non mi ricordo chi disse: Il problema non è Berlusconi, è il berlusconismo. Eh! Nuova Periodico della Fisac CGIL Banca d Italia - V. Panisperna, 32, Roma - Autorizz. Trib. di Roma n. 407/2010 del 21/10/2010 Direttore Responsabile: Claudio Antonio Picozza Redazione: Cinzia Battistoni - Andrea Cacchiani - Alfredo De Gregorio - Pietro Dilorenzo - Giovanna Federici - Rossana Mazzola - Ugo Onelli - Daniele Savina - Segreteria Fisac Cgil Banca d Italia Grafica: Stefano Grasso STAMPATO IN PROPRIO Scrivete alla Nuova Unione:

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA I contenuti della manovra Monti ci fanno esprimere un giudizio del tutto negativo. Sembrano passati secoli dal discorso d insediamento in cui

Dettagli

Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità Premessa

Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità Premessa Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità approvato nel corso della riunione dell Esecutivo della CES del 7 novembre

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero La Grecia è a un punto di stallo. Le elezioni di inizio maggio si sono risolte in un nulla di fatto, non avendo portato alla definizione

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione 1 luglio 2015 n. 24 La crisi greca: i dati e la sua evoluzione IL QUADRO MACROECONOMICO E DI FINANZA PUBBLICA DELLA GRECIA 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Secondo Eurostat, nel 2013 il PIL della Grecia

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Approfondimenti statistici

Approfondimenti statistici QUADERNO N 122 GENNAIO 2013 GLI EQUIVOCI SUL DEBITO CHE PENALIZZANO L ITALIA Tabella 1 - Il check up dei debiti (in rosso i valori che superano quota 60% dei rispettivi denominatori per debito pubblico

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Per un tasso di conversione equo

Per un tasso di conversione equo Per un tasso di conversione equo Il secondo pilastro rappresenta un elemento importante del sistema svizzero di previdenza vecchiaia. Attualmente, le prestazioni promesse rispetto alla speranza di vita

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI

CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VI - FINANZE PROPOSTA DI LEGGE N. 2397 AUDIZIONE DEL 24 GIUGNO 2014 PRESIDENTE DI FEDERAUTO FILIPPO PAVAN BERNACCHI 1 Signor Presidente, Onorevoli Membri della Commissione,

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore AGGIUNGI UN GRECIA, IN AZIENDA TORNA LA RACMA? D Sull orlo del collasso finanziario, il più debole dei paesi europei è di fronte a scelte difficili, anche di politica monetaria. Il modello argentino attuato

Dettagli

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Giugno 2015 Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 La sintesi dei trend Confronto

Dettagli

Il coraggio dell Italia. 1 idee per cambiare.

Il coraggio dell Italia. 1 idee per cambiare. Il coraggio dell Italia. 1 idee per cambiare. PRIMA IE 25 novembre 2012 bersani2013.it / tuttixbersani.it L Italia ce la farà se ce la faranno gli italiani. Se il paese che lavora, o che un lavoro lo

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale.

Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale. Analisi sulla crisi dei debiti sovrani dell Europa meridionale. Dalle cause alle soluzioni: la proposta degli Eurobond Relatore: Prof. Michele Battisti Candidato: Leonardo De Vizio (Mat. 067362) Sin dall'inizio

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi,

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi, Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE E p.c Signor Renzi Caro Signor Draghi, E qualche giorno che pensavo di scriverle, da quando la BCE ha abbassato il costo del denaro al valore dello 0,05%.

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta

LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta LA GRANDE SPECULAZIONE OVVERO IL GRANDE IMBROGLIO DELLO SPREAD Intervista a Renato Brunetta 5/10 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Interviste

Dettagli

FDP. Italiano. Andate a votare il 22 settembre.

FDP. Italiano. Andate a votare il 22 settembre. FDP Italiano Andate a votare il 22 settembre. Quattro anni buoni per la Germania Insieme possiamo realizzare grandi cose La libertà di ognuno di noi è il fondamento e il confi - ne della politica liberale.

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Il mercato del lavoro più flessibile in Europa

Il mercato del lavoro più flessibile in Europa Il mercato del lavoro Ministro del Lavoro della Gran Bretagna di Chris Grayling Il governo britannico ha agito con decisione per ridurre il deficit e ripristinare la stabilità economica: le condizioni

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco ASSIOM Forex Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Roma, 8 febbraio 2014 La ripresa, i rischi Dalla scorsa estate, all intensificarsi del rafforzamento congiunturale nelle economie

Dettagli

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Sommario Le nuove regole europee sulla gestione delle crisi (BRRD)... 1 Perché sono state introdotte le nuove regole europee?... 2 Che cos è la risoluzione

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine febbraio 2014 Dati rilevati nel mese di gennaio 2014 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa NOTA INFORMATIVA (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli