ANDREA CAGIONI E GIULIO VIDOTTO FONDA. a cura di C.A.T. - Cooperativa Sociale (Onlus) in collaborazione con:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANDREA CAGIONI E GIULIO VIDOTTO FONDA. a cura di C.A.T. - Cooperativa Sociale (Onlus) in collaborazione con:"

Transcript

1 2012 ANDREA CAGIONI E GIULIO VIDOTTO FONDA Nativi Digitali e Social Network: convergenza su Facebook, opportunità e rischi Un esperienza di ricerca con gli studenti di quattro scuole fiorentine e pistoiesi a cura di C.A.T. - Cooperativa Sociale (Onlus) in collaborazione con: Istituto Tecnico Piero Calamandrei (Sesto Fiorentino) Istituto d Arte di Porta Romana (Firenze) Istituto Galileo Galilei (Firenze) Istituto Luigi Einaudi (Pistoia)

2 Indice Introduzione I social network nel Web sociale Il progetto di ricerca....5 I. Fuori dai social network» Reti amicali offline Attività su Web II. Dentro Facebook» Il primo accesso La costruzione del profilo Amici e conoscenti online: i numeri Tipi di contatti Attività preferite e pubblicazione di contenuti Privacy...34 III. Profili emergenti, opinioni e rappresentazioni» Intensità d uso Uso saltuario Uso medio Uso intenso Uso molto intenso Altri indici Atteggiamenti e opinioni: Su Facebook son tutti leoni IV. Rischi e autotutela» Violazioni subite Violazioni osservate Azioni di auto-tutela 65 Conclusioni...,. 68 Appendice 1 72 Bibliografia. 73 2

3 Introduzione I siti di social networking (d ora in poi SSN) rappresentano ormai un settore specifico e consolidato di studi e di ricerche multi-disciplinari. I SSN costituiscono una delle principali componenti di ciò che viene denominato Web 2.0 o Web sociale 1. Al Web sociale afferisce l'insieme di tutte quelle applicazioni e piattaforme online che permettono un semplice ed elevato livello di interazione tra il sito e l'utente, in contrapposizione alla staticità dei siti Web degli anni 90. Sebbene le cose siano ovviamente molto più complesse e sfumate, è fondamentale porre in rilievo che a partire dai primi anni del nuovo secolo Internet ha conosciuto un forte cambiamento, sia sul piano tecnologico, che su quello dell utilizzo sociale. Per avere un idea dell impatto e della popolarità del Web sociale basti pensare nei primi anni del 2000 alla forte diffusione dei blog o alla fortuna di un sito come Wikipedia, i cui contenuti sono interamente basati sul lavoro gratuito di una vasta comunità di lettori, che si sono dati delle regole condivise per creare, gestire e revisionare i contenuti immessi. Altri esempi spesso citati di siti considerati apripista del Web sociale sono ebay per la vendita online e Amazon, la maggiore libreria virtuale mondiale. È però solo con il successo commerciale dei SSN, prima con Myspace e poi soprattutto con Facebook, a partire dalla seconda metà degli anni 00, che il Web sociale diventa in modo compiuto un fenomeno globale e di massa. Nel Web sociale coesistono due dinamiche principali: l empowerment dell utente e la commercializzazione dei dati personali (Langlois et. al., 2009). Il primo è dato dalle inedite possibilità, sia in termini quantitativi che qualitativi, di espressione, creazione e condivisione dei contenuti che le nuove piattaforme rendono accessibili. Infatti, tutti i siti del Web sociale dipendono dai contenuti generati dagli utenti. È proprio per sottolineare questo aspetto di empowerment presente nella nuova cultura partecipativa della rete che alcuni ricercatori hanno coniato il concetto di prosumer, ovvero di utente attivo, produttore, oltre che consumatore, di contenuti multimediali (Jenkins et. al., 2005). Dall altra parte, nel Web sociale vi sono molteplici procedimenti tecnici e processi sociali attraverso i quali il lavoro collettivo degli utenti viene privatizzato dai siti. Le nuove piattaforme come Facebook e Youtube sono in grado di offrire gratuitamente i loro servizi perché, con modalità spesso opache, tracciano, profilano e commercializzano le informazioni e i dati personali prodotti e scambiati dagli utenti. I social network nel Web sociale Prima di definire i SSN, è opportuno analizzare brevemente cosa siano i social media 2, di cui i SSN fanno parte. Con il concetto di social media si denomina una nuova classe di media digitali attraverso cui è possibile fruire, creare e soprattutto condividere contenuti di vario genere (testo, audio, video, immagini), facilitando la comunicazione e l'interazione fra utenti e la conseguente creazione di comunità virtuali (Cavalli e Spadoni, 2010). Pur non essendo affatto le comunità virtuali una peculiarità dei social media - esse sono anzi un elemento costitutivo e fondamentale della rete sin dalle sue origini - è indubbio che i social media ne hanno incrementato la diffusione e ne hanno reso più semplice l'appartenenza. 1 Esiste una diatriba in merito al fatto se l espressione più corretta sia l una o l altra (vedi ad esempio Bennato, 2011). Pur non ritenendo pienamente soddisfacente nessuna delle due espressioni, nella presente ricerca è stato scelto di adottare la formula Web sociale in virtù della crescente diffusione del concetto sia in ambito scientifico, che mediatico. 2 Anche a proposito dei social media è possibile rilevare un incertezza terminologica, in quanto spesso vi si riferisce, a seconda degli autori e del contesto, con il concetto di nuovi media. Si preferisce comunque adottare il concetto di social media in quanto permette di sottolineare meglio le dimensioni comunicative e relazionali caratterizzanti l uso di questo insieme di media digitali. 3

4 Alla luce di quanto detto, dovrebbe ora essere più agevole afferrare le caratteristiche di base dei SSN. Una definizione comunemente condivisa di SSN, per quanto un po' datata, è la seguente: «Definiamo i siti di SSN come servizi basati sul Web che permettono alle persone di 1) costruire un profilo pubblico o semi-pubblico all interno di un sistema delimitato 2) di articolare una lista di altri utilizzatori con i quali condividono una connessione e 3) di vedere e di attraversare la loro lista di connessioni e quelle fatte da altri dentro al sistema. La natura e la nomenclatura di queste connessioni possono variare da sito a sito» (boyd ed Ellison, 2008, p. 211). Al centro di tutti i SSN vi è quindi la costruzione di un profilo personale che rappresenta una sorta di carta d'identità online dell'utente, attraverso la quale l'utilizzatore immette contenuti di vario genere che può condividere e scambiare con gli altri utenti all'interno del sistema. Infatti, a differenza dei precedenti siti personali statici, nei SSN il singolo utente può partecipare in modo dinamico, attraverso una lista di contatti formata dagli altri utenti con cui è in connessione, allo sviluppo di una comunità virtuale. L'appartenenza ad una stessa comunità virtuale implica quindi nei SSN prima di tutto la creazione di un'identità online, processo complesso e dinamico che determina varie problematiche. In relazione agli adolescenti, è stato argomentato come la costruzione del profilo oscilli fra due poli: da una parte vi è il profilo concepito come specchio o come vetrina, perciò ricco di informazioni relative a dati e a preferenze personali; dall'altra vi è la progettazione del profilo come connessione, perciò incentrata su informazioni che vertono più sulle reti sociali d'appartenenza che sull'utente. Nel primo caso l'identità è ego-centrata, nel secondo l'identità è data dall'insieme dei contatti (Livingstone, 2008). La stessa problematica dell'espressione identitaria nei SSN può essere analizzata a partire dagli specifici processi sociali che costituiscono l'espressione identitaria online, mettendo in luce come la messa in scena del sé si situi fra due poli, il narcisismo e la negoziazione, che derivano dalle specifiche modalità d'interazione adottate nei confronti degli altri utenti (Coutant e Stenger, 2010). Un altro aspetto molto dibattuto in letteratura riguarda le modalità comunicative instaurate fra utenti nei SSN. Se esiste una sostanziale unanimità sul fatto che i SSN devono parte considerevole del loro successo alla facilità d uso di nuove forme di comunicazione - chat, videochiamate, invio ad altri utenti di commenti o link, uso delle tag, ecc. - messe a disposizione dei propri utenti, appare molto più controverso e complesso stabilirne gli effetti. Mentre alcuni ricercatori ritengono che determinate modalità d'uso dei SSN abbiano effetti positivi sul capitale sociale degli adolescenti, in quanto consentono l allargamento e la diversificazione delle reti sociali di riferimento, favorendo in particolare la trasformazione dei legami latenti in legami deboli (Ellison, 2007), altri studi enfatizzano l'ambiguità della comunicazione mediata sul capitale sociale, in cui si assiste alla creazione di reti sociali ibride, costituite tanto da legami virtuali che da legami reali, che darebbero vita a un nuovo spazio, l' interrealtà, più flessibile, fluido e precario delle reti sociali tradizionali (Riva, 2010). Di notevole interesse sono gli approcci che s'interrogano sui nessi esistenti fra le pratiche sociali in atto nei social media e nei SSN, le culture e gli immaginari giovanili, le forme di socialità e d'espressione fra online e offline. boyd 3 propone l'interessante concetto di networked public (contesti pubblici in rete), attraverso cui definisce due aspetti distinti, ma complementari: da una parte rappresenta un nuovo tipo di spazio pubblico costruito tramite le nuove tecnologie di rete e dall'altra definisce le comunità immaginate che emergono come il 3 La studiosa utilizza di proposito le lettere minuscole per indicare la propria identità: danah boyd. E curatrice di un ricchissimo sito, e di un blog, che rappresentano una delle principali fonti di studi globali sulle nuove tecnologie digitali e i SSN. 4

5 risultato dell intersezione tra utenti e nuove tecnologie (boyd, 2008). Le pratiche d'uso dei SSN degli adolescenti americani studiati da boyd renderebbero evidente l'emergere di questo nuovo spazio pubblico, il quale sarebbe definito da quattro proprietà (persistenza, cercabilità, replicabilità e scalabilità) e da tre dinamiche sociali (audience invisibili, contesti crollati, la fusione tra pubblico e privato). Queste proprietà e queste dinamiche emergenti nei media digitali alterano le modalità attraverso cui vengono agite e rappresentate le relazioni nei contesti pubblici in rete. Spesso, ad esempio, mancano o sono carenti gli elementi di controllo dell audience e del contenuto pubblicato, che sono invece disponibili nelle interazioni offline. Per boyd i nuovi contesti pubblici in rete, di cui i SSN offrono il miglior esempio, costituiscono quindi uno spazio che non è più né pubblico né privato nel senso tradizionale dei termini e che pone quindi inediti interrogativi, riconfigurando ad esempio i confini e il significato della privacy (boyd, 2008 e 2010). Con il tema della privacy s'introduce uno degli argomenti più discussi e controversi, sia a livello scientifico, che di dibattito pubblico e mediatico. Semplificando molto, si confrontano tre tesi principali. Vi è chi sottolinea come l'uso dei SSN comporti la trasformazione della privacy nel senso della tendenza alla cessione più o meno consapevole, dagli utenti ai servizi, di parte dei dati personali, ma che ciò sarebbe compensato dai benefici percepiti dagli utenti nell uso complessivo dei SSN (Debatin e altri, 2009). Il secondo approccio sostiene che la privacy nei SSN vada analizzata secondo l'ottica di chi e in quale misura può accedere alle informazioni personali, in quanto nell'utente, specie adolescente, vi sarebbe una tensione continua fra bisogno di rivelarsi e di raccontarsi in modo ampio da una parte e di proteggere certe informazioni personali dall'altra (Livingstone, 2008). Infine, altri studiosi ritengono che non solo nei SSN, ma in generale nel Web sociale, agiscano interessi, tecnologie e dispositivi di controllo sociale sempre più invasivi e potenti che mirano a trasformare l'utente in un oggetto di marketing e di pubblicità personalizzata (Lanier, 2010; Wu ming, 2011). Più che di fine della privacy, si tratterebbe, quindi, dell avanzamento del processo di crescente sorveglianza delle attività online degli utenti, cominciato a metà anni 90 con la commercializzazione della rete, con la parziale privatizzazione di Internet e con l affermarsi degli interessi delle nuove multinazionali digitali e di parte dell industria culturale (Formenti, 2002; Sassen, 2007). Se pare così indubbio che i SSN rappresentino parte integrante e attiva del processo di ridefinizione dell identità, delle reti sociali, della comunicazione e della privacy, non è cedendo al panico morale tipico degli approcci apocalittici ai cambiamenti sociali e tecnologici che si avanza nella comprensione dei fenomeni. Proprio per evitare la stigmatizzazione e la semplificazione di fenomeni ormai tanto diffusi, nella costruzione e nello svolgimento della ricerca si è scelto di analizzare questo nuovo ambito d indagine a partire dalle pratiche d uso dei SSN da parte dei ragazzi e delle ragazze coinvolti. Introduzione alla ricerca Alla luce degli scenari sopra descritti abbiamo reputato interessante osservare come le ragazze e i ragazzi usino i SSN nella loro quotidianità e quali rappresentazioni e opinioni abbiano in merito. Nonostante la forte preoccupazione espressa dagli adulti e dai media spesso in relazione a casi estremi di isolamento sociale, cyber-bullismo, pedofilia, ecc. il nostro intento è stato quello di non incentrare la ricerca sul tema del rischio, quanto piuttosto sugli stili d uso dei SSN e sulle rappresentazioni a essi connesse. Obiettivo generale è stato quello di aggiornare e incrementare le conoscenze in particolare riguardo a: 1) abitudini e modalità di fruizione dei servizi di SSNing e individuazione di una tipologia di profili utente; 5

6 2) esperienze, vissuti e rappresentazioni legate alle dimensioni relazionale e comunicativa dei SSN alla luce delle opportunità e dei rischi a esso connessi. Il rapporto privilegiato della generazione nata negli anni Novanta con la rete la rende infatti tanto la componente della popolazione più esperta a riguardo quanto, contemporaneamente, quella più esposta ai rischi legati all uso improprio delle nuove tecnologie. Proprio perché entrato nella routine quotidiana, in assenza peraltro di percorsi formativi specifici, l uso del Web sociale è raramente oggetto di riflessione tra i ragazzi, che spesso lo sfruttano come una qualsiasi altra infrastruttura, come un prolungamento dei propri sensi. Pertanto la ricerca ha avuto anche il duplice fine di far partecipare i ragazzi in veste di esperti alla fase di costruzione degli strumenti d indagine e di stimolare, attraverso il confronto, una riflessione critica verso l uso di alcuni servizi Web. La piena collaborazione da parte dei quattro istituti superiori partner del progetto Con-Net ha favorito la progettazione di un indagine articolata in più fasi di lavoro con i ragazzi in orario curriculare e un sistema di rilevazione basato su una molteplicità di strumenti, indispensabili al perseguimento dei differenti obiettivi. Sono state così coinvolti circa 480 studenti provenienti dall Istituto Calamandrei di Sesto Fiorentino (8 classi), dall Istituto d Arte di Firenze (6 classi), dall Istituto Galilei di Firenze (5 classi) e dall Istituto Einaudi di Pistoia (6 classi). La varietà degli obiettivi e le caratteristiche dei fenomeni d interesse ci ha indotto a progettare una ricerca in ottica di mixed methods che si servisse, all occorrenza, di strumenti sia qualitativi, sia quantitativi. Nel corso del primo semestre dell anno scolastico , sono così avvenute in ordine cronologico: una discussione preliminare in classe; la somministrazione a distanza di un mese di un questionario strutturato; una serie di interviste in profondità tramite chat. Discussione Vista la rapidità di mutamento dei fenomeni d interesse e le differenti visioni che caratterizzano le giovani generazioni, il primo passo è stato quello della discussione di gruppo. Attraverso un incontro di due ore in ognuna delle 25 classi sono state così avviate alcune riflessioni tematiche lanciate dai ricercatori e sviluppate dagli studenti. Ciò ha facilitato una serie di operazioni fondamentali: - la socializzazione del gruppo classe agli obiettivi e agli strumenti di ricerca; - la conoscenza reciproca tra ricercatori e studenti; - la rilevazione dei temi ritenuti interessanti da parte delle classi; - la rilevazione di informazioni aggiornate e del linguaggio più adatto per orientare e calibrare la costruzione del questionario strutturato. Pertanto, pur costituendo una delle fasi più dispendiose e complesse della ricerca, la discussione si è rivelata un passaggio fondamentale sia per la raccolta d informazioni propedeutiche alla costruzione di strumenti efficaci, sia per conoscere i ragazzi e innescare in loro la curiosità, la partecipazione e la voglia di raccontarsi. A seguito delle discussioni si è inoltre palesata la necessità di rivedere parzialmente l iniziale strategia di ricerca alla luce di una serie di scoperte inattese. La sorprendete convergenza dei ragazzi su Facebook, a scapito sia degli altri siti di SSNing, sia degli altri tradizionali social media quali l e il blog, ci ha infatti condotti a modificare alcuni aspetti del progetto in itinere. Ad esempio, la costruzione di un blog da gestire con i ragazzi è stata sostituita con l apertura di un profilo Facebook di ricerca (con lo pseudonimo di Angi Connet) per comunicare con gli studenti anche al di fuori degli incontri previsti a scuola 4. 4 La scelta è stata quella di ridurre l invasività non contattando direttamente gli studenti su Web, ma 6

7 Anche gli obiettivi e gli strumenti in generale sono stati rifocalizzati maggiormente sull uso di Facebook in quanto unico SSN frequentato dal 98% degli studenti. Questionario A distanza di un mese dalla discussione siamo così tornati nelle classi con un corposo questionario composto da 45 items che è stato autocompilato dai singoli studenti, con la supervisione di un ricercatore. Effettuare la rilevazione in orario curricolare ha permesso di raccogliere 465 questionari in assenza di cadute o di rifiuti 5. Va tuttavia precisato che non ci troviamo di fronte a un campionamento probabilistico e rappresentativo degli studenti medi fiorentini e pistoiesi, in quanto in linea con gli obiettivi del più ampio progetto Con-net la scelta dei casi è avvenuta esclusivamente all interno delle scuole coinvolte nel progetto e sulla base della disponibilità delle classi e dei docenti 6. Non abbiamo analizzato i dati distinguendo gli studenti tra scuola e scuola, né tra classe e classe, in modo da rispettare l anonimato sia dei soggetti sia di possibili terzi e contesti oggetto dei loro racconti. Le variabili socio-anagrafiche rilevate sono state pertanto: età, genere, nazionalità, titolo di studio e professione dei genitori 7 e status sentimentale. Esse sono distribuite nel seguente modo: Genere (% ) femmine 72,2 maschi 27,1 Età (% ) Nazionalità (% ) Status sentimentale (% ) 14 14,1 Italiana 89,4 Single 65, ,1 Estera 10,6 impegnata/o 34, Status Economico (% ) Status Culturale (% ) Tab.1 Distribuzione delle variabili strutturali nel campione (N = 459) 17 22,9 Basso 20,6 Basso 32, ,2 Mediobasso 37,3 Medio 52, ,4 Medioalto 33,5 Alto 15,1 Alto 8,6 Ci troviamo pertanto di fronte a un campione composto prevalentemente da femmine, ma piuttosto variegato in relazione all età e agli status culturali ed economico. Nel seguente report descriveremo le distribuzioni delle risposte ai vari item e segnaleremo le principali differenze emerse in relazione a queste variabili, individueremo una tipologia di utente basata su alcuni indici tipologici e cercheremo infine di descrivere e interpretare le differenze nei comportamenti e negli atteggiamenti dei diversi tipi. Interviste in chat L ultima tecnica utilizzata è stata quella dell intervista in chat. A riguardo è stata costruita un apposita chat-room privata 8 alla quale i ragazzi potevano accedere previa identificazione incoraggiando chi fosse interessato a richiederci l amicizia. Abbiamo così comunque accumulato 105 contatti. 5 Tuttavia sei casi hanno evidenziato palese incoerenza e incompletezza nelle risposte e pertanto sono stati scartati. 6 In particolare son state coinvolte 7 prime, 6 seconde, 6 terze e 6 quarte. Sono inoltre state escluse preventivamente le classi quinte perché i diplomandi ci si augurava non avrebbero potuto partecipare alle attività di chiusura del progetto previste per l autunno dell anno seguente (2012). 7 Da questi ultimi dati sono stati costruiti due indici tipologici degli status culturale ed economico della famiglia di provenienza degli intervistati. 8 La piattaforma scelta è stata webchat.freeenode.net perché gratuita e piuttosto sicura. 7

8 (nickname e password) allo scopo di preservare il loro anonimato. Obiettivo dell intervista è stato di approfondire tematiche che il questionario non sarebbe stato in grado di trattare, ovvero esperienze e rappresentazioni dei ragazzi su temi più personali e delicati. Però dei 20 intervistati 9, soltanto sei hanno scelto di avvalersi del canale della chat-room, mentre quattordici hanno preferito chattare con noi direttamente attraverso il profilo Facebook del progetto 10 ; pertanto mettendoci la faccia senza problemi. Comunicare chattando si è rivelato molto utile a creare un clima confidenziale e collaborativo con i soggetti e ha fornito oltre a un interessante raccolta di esperienze e interpretazioni personali degli studenti informazioni aggiuntive utili alla comprensione e chiarificazione di una serie di aspetti rilevati tramite il questionario. La grande familiarità degli studenti con questo strumento ha costituito un indubbio vantaggio. Tuttavia, se paragonata all intervista faccia-a-faccia, la chat impedisce a nostro avviso di sviscerare temi specifici, favorendo piuttosto la varietà degli argomenti. Inoltre, la mancata compresenza fisica tra gli interlocutori, rende più frequenti fraintendimenti e sovrapposizioni. I risultati di questo lavoro sono quindi il frutto, in ottica di mixed methods, dell analisi del materiale raccolto attraverso i tre strumenti adottati. Ciò in relazione alle principali aree tematiche: reti amicali offline, attività su Web e dentro Facebook. Quest ultima è stata esplorata in relazione a temi quali: modalità d utilizzo, amicizie, privacy e rischio. 9 Tra questi 15 ragazze e soltanto 5 ragazzi. Inoltre, non siamo riusciti a intervistare ragazzi stranieri, peraltro sottorappresentati nelle classi coinvolte. 10 Già questa prima serie di modifiche del progetto di ricerca dà una prima idea della progressiva centralità assunta da questo SSN nella quotidianità di molti adolescenti. 8

9 I. Fuori dai social network Con la diffusione di massa dei SSN, la ricerca sociale si è posta da subito l interrogativo circa il loro impatto sulla composizione e sulla trasformazione del capitale sociale 11. Se è infatti assodato che uno dei principali motivi di successo dei SSN è legato alle nuove possibilità comunicative e relazionali che il loro uso consente, molto più controversi appaiono gli effetti e le connessioni con le pratiche centrate sull amicizia nella vita reale. Data la complessità della questione, nella ricerca ci si è posto l obiettivo più modesto di comprendere se vi fosse una qualche relazione fra le amicizie dichiarate dai ragazzi nella vita quotidiana e gli Amici di Facebook Reti amicali offline La prima richiesta fatta agli studenti è stata quindi di fornire una stima approssimativa del numero di individui che reputano essere loro amici. Il numero medio stimato dagli studenti è di poco superiore a 28 unità e risulta per quasi la totalità compreso entro i 50 amici (88,2% dei casi). Fig.1 Numero medio di amici offline per età (N = 459). A partire da 16 anni, il numero di amicizie tende a decrescere. Inoltre, se i maschi dichiarano una media di 41 amici, le femmine ne contano soltanto Il termine "capitale sociale" è definito in modo ambiguo. In questa sede ci riferiremo ad esso secondo l accezione che lo identifica con «quel bagaglio relazionale e valoriale che un soggetto costruisce nel corso della propria esistenza in una determinata società» (Putnam 1993, 156). 12 Questi temi verranno ripresi e approfonditi nel paragrafo 2.3 relativo all analisi dei contatti Facebook. 9

10 Valutazione rete amicale offline (%) solitaria/o 1,2 difficoltà a fare amicizia difficoltà a incontrare persone interessanti 3,8 7,8 soddisfatta/o della propria rete ristretta soddisfatta/o della propria rete estesa 43,4 43,9 Tab.2 Valutazione della propria rete di amicizie offline (N=454). Notiamo come la maggior parte degli intervistati affermi di essere generalmente soddisfatta della propria rete amicale (87,3%). Un 13,8% ammette invece difficoltà a stringere amicizia, a incontrare persone interessanti oppure si definisce una persona solitaria. Tra i soddisfatti, metà afferma di avere una rete amicale estesa e l altra metà ristretta. Di un certo interesse risulta la distribuzione delle risposte in relazione alla domanda: Se senti il bisogno di parlare con un amico di qualcosa di importante cosa fai?, attraverso la quale si è provato a capire l impatto dei SSN come mezzo di comunicazione di contenuti personali rilevanti. Discorsi importanti con amici (% ) non sento mai il bisogno 2,3 di persona 25,1 fisso al telefono poi di persona 21,9 parlo al telefono 30,2 fisso su Facebook poi di persona 9,3 videochiamata su SSN 2,1 chat su SSN 9,1 Tab. 3 Distribuzione delle risposte relative alla domanda: Se devi fare un discorso importante con un amico/a cosa fai? (n = 452) Le risposte attestano una distribuzione piuttosto variegata. Più della metà del campione preferisce incontrare l amico di persona (56,3%), meno di un terzo (30,2%) sceglie di conversarci al telefono, e poco più dell 11% preferisce discutere attraverso una chat o effettuando una video-chiamata per mezzo di un SSN. Tuttavia fra i primi, un quinto adotta in realtà una soluzione intermedia, in quanto fissa l incontro attraverso un SSN, mentre il 21,9% lo fa attraverso il telefono. L atteggiamento per genere dimostra anche qui delle differenze significative: 10

11 I ragazzi più delle ragazze scelgono la comunicazione tramite SSN, mentre tra coloro che preferiscono parlare al telefono troviamo un terzo delle ragazze (33,9%). Infine, chi predilige la comunicazione faccia a faccia sono in prevalenza ragazzi (29%) di età più elevata, 16-17enni (30,3%). 1.2 Attività su Web Fig. 3 Distribuzione delle risposte relative alla domanda: Se devi fare un discorso importante con un amico/a cosa fai? per genere (n = 452) In questo paragrafo verranno riportate le risposte ad alcune domande introduttive legate all uso di Internet, differenziano nello specifico la navigazione nei siti tradizionali e nei siti afferenti al Web sociale. Una variabile preliminare e cruciale al fine di comprendere i tipi d uso della rete e dei SSN concerne la disponibilità di dispositivi con i quali i ragazzi e le ragazze accedono a Internet. I risultati attestano mediamente un buon capitale tecnologico utilizzabile dai ragazzi/e: quasi un terzo del campione può navigare direttamente dal cellulare e oltre due terzi sono in possesso di un dispositivo personale (pc o cellulare) connesso a Internet. Tecnologia disposizione (%) Nessun dispositivo Computer di casa Computer personale Cellulare connesso a Internet a 1 28,8 38,5 31,7 Tab. 4 Distribuzione delle risposte relative alla disponibilità tecnologica dei soggetti (n = 450) A questi si somma un 28,8% che ha comunque un pc, ma condiviso con i familiari. Pertanto nel nostro campione i casi di digital divide, perlomeno nel senso stretto del termine, risultano essere soltanto sei, e segregati nelle fasce basse e medio-basse di reddito. Anche la dotazione di cellulare connesso ad Internet risente sensibilmente delle differenze di reddito e di status culturale (da 24,4% a 36,8). Se infatti ne è in possesso il 31,9% del campione generale e ben il 36,8% di chi proviene da famiglie più ricche, ciò si verifica soltanto per il 24% di coloro che riportano uno status economico basso. I 14enni sono l insieme con maggior disponibilità di cellulari connessi (42,2%), mentre tra le 11

12 altre fasce d età il dispositivo più avanzato è il computer personale (40% dei casi circa). Alla luce di questi dati, è dunque possibile proporre una distinzione centrale nel concetto di digital divide, differenziandolo fra assoluto e relativo. Alla prima categoria apparterrebbero solo coloro che non possono in alcun modo accedere a Internet, mentre è possibile inserire nel digital divide relativo i ragazzi e le ragazze che non possiedono un dispositivo personale (pc o cellulare) per navigare e che rappresentano il 29,3% del campione totale. Aggregando così le due categorie di digital divide, si nota come vi sia una duplice caratterizzazione: la probabilità di non potere navigare o di poterlo fare solo con un pc condiviso, aumenta tra coloro che hanno reddito basso (36,7%) e tra i migranti (50%). La relazione fra disponibilità tecnologica - condizione necessaria per accedere alla rete -, nazionalità e condizione economica delle famiglie risalta con chiarezza. Un ulteriore fattore in grado di rilevare il digital divide riguarda le competenze informatiche possedute, che sono state oggetto di un auto-valutazione nel questionario e di specifiche domande nelle interviste. In generale i soggetti valutano positivamente le proprie competenze nell uso di Internet. Quasi il 70% sostiene di avere competenze buone od ottime; solo il 4,5 scarse o pessime. Probabilmente, le effettive competenze dei ragazzi/e vanno assai ridimensionate, osservando soprattutto l alta frequenza di violazioni subite, che verranno riportate nel paragrafo 4.1. Sono state poi inserite alcune domande inerenti a eventuali limitazioni imposte dai genitori nell utilizzo di Internet (limiti di tempo, divieti verso specifici siti, punizioni per insuccessi scolastici) sulla cui base è stato costruito un indice del livello di limitazione parentale. Livello limitazione da parte dei genitori (%) Assente 26,1 Basso 33,6 Medio 24,7 Elevato 15,3 Tab. 5 Distribuzione del livello di limitazione Tab. 5 Distribuzione del livello di limitazione esercitato dai genitori sull uso del Web (n = esercitato dai genitori sull uso del Web (n = 446). 446). In generale, il livello di intervento in termini normativi dei genitori nell utilizzo di Internet è generalmente ridotto 13. Assente in più di un quarto dei casi ( 26,1%), è elevato in poco più del 15%. Il livello di controllo sulla navigazione dei figli sembra maggiore nella famiglie con status culturale alto, nelle quali risulta elevato nel 25% dei casi, e pare altresì ridursi come prevedibile al crescere dell età (cfr. App.1). Abbiamo ritenuto opportuno rilevare il tempo speso dagli studenti guardando la televisione e giocando con i videogiochi. Esposizione alla TV (%) Uso dei videogiochi (%) non la guardo 3,5 mai 39 non ogni giorno 17,8 non ogni giorno 24,7 massimo un ora 33,3 massimo un ora 21,8 due ore o più 45,4 due ore o più 14,5 Tab. 6 Distribuzione delle risposte relative al livello d uso della TV e dei videogiochi (n = 446). 13 Ciò ovviamente non toglie che i genitori e altri adulti significativi non possano attuare forme di controllo differenti da quelle previste dal questionario. 12

13 Oltre il 70% dei soggetti guarda le televisione ogni giorno; il 45,4% per almeno due ore, con un picco del 54,2% tra i 15enni. Più limitato risulta invece l uso di videogiochi (sia online che offline), in quanto soltanto il 36,3% afferma di giocare ogni giorno, mentre il 39% afferma di non farlo mai. Un uso più intensivo di videogiochi si riscontra tra i maschi e al crescere dello status culturale Tra quelli che giocano almeno due ore al giorno troviamo infatti il 25,2% dei ragazzi e il 23,9% di coloro che hanno uno status culturale elevato, contro soltanto il 10,6% delle ragazze e il 14,5% di coloro che dichiarano uno status culturale basso. Osserveremo in seguito le relazioni di questi comportamenti con le modalità di fruizione dei SSN. In generale, il sito frequentato da più soggetti è Youtube (97,6%), seguito dai motori di ricerca, in particolare Google (96,9%) e da Facebook (94,5%). Fig. 4 Distribuzione dei principali siti e servizi utilizzati dal campione (n = 435). In termini di genere, i maschi utilizzano una maggior varietà di siti rispetto alle femmine. Ciò vale anche al netto della forte differenza nell uso di siti erotici e pornografici (53% contro 7,6%). I maschi, infatti, utilizzano significativamente di più anche i forum (38,8% contro 25%) e i siti commerciali (70,7% contro 61,7%). 13

14 Fig.4b Distribuzione dei principali siti e servizi utilizzati dal campione per genere (n = 435). Più ragazze invece utilizzano l (83,6% contro 68,3%), mentre per gli altri siti non si ravvisano differenze significative. Una prima significativa tendenza concerne ciò che si può denominare come un processo di concentrazione su un numero molto ridotto di siti. Questa tendenza è uscita sostanzialmente confermata dalle interviste, nelle quali la totalità dei ragazzi e delle ragazze hanno citato gli stessi siti di riferimento (Facebook, Youtube e Google). Se invece si analizza la frequenza di utilizzo dei singoli siti è Facebook il sito visitato da più adolescenti nel quotidiano (75,2% del campione, contro il 68,9% di Google e il 64,8% di Youtube). Fig.5 Distribuzione della frequenza di accesso ai principali siti e servizi utilizzati dal campione (n = 435). È alto anche l afflusso ai siti in cui vedere o scaricare gratuitamente film, nonostante che nel periodo di rilevazione sia stato chiuso il popolare sito Megavideo: il 77,9% degli intervistati afferma di utilizzare questo tipo di servizio. Evidente il crescente allontanamento dall il 16% non l ha mai usata, il 4,8% ha smesso, il 58% la usa raramente, mentre soltanto il 21% la usa almeno settimanalmente. 14

15 Fig. 6 Distribuzione della frequenza di accesso ai principali siti e servizi Web sociale utilizzati dal campione (n = 435). Concentrandoci sull uso del Web sociale, si registra un larghissimo accesso a Youtube e, anche se meno frequente, a Wikipedia. In particolare Youtube è citato nelle interviste in modo unanime, probabilmente per il fatto che, riunendo un inimmaginabile quantità di contenuti, specie video e audio, consente con il minimo sforzo di appagare quasi tutte le ricerche e gli immaginari, sia quelli mainstream che quelli di nicchia. Nel Web sociale Youtube rappresenterebbe così una sorta di palinsesto globale, capace di attirare tipi molto diversi di utenti. Colpisce però soprattutto la rapida e crescente convergenza su Facebook da parte di chi si serviva di altri SSN. Fra i 313 utenti Msn e i 131 di Netlog, infatti, la maggioranza li ha abbandonati. Allo stesso modo forum e blog, molto popolari nell ultimo quinquennio anche presso questa fascia d età, vengono regolarmente usati da meno dell 8% degli studenti, mentre più del 70% non vi accede mai. Questo dato sorprende, ma fino a un certo punto, considerata l estrema velocità dei processi su Internet. In più, se la consultazione di forum serve soprattutto ad appagare interessi specialistici, nel caso dei blog appare più logico il loro rapido declino, tenuto conto che i SSN ne rimpiazzano tutte le funzionalità e ne aggiungono altre. Concentrandosi ora sugli altri SSN, Myspace, molto in voga fino a pochi anni fa, sembra esser stato abbandonato dai più grandi e ignorato dai più giovani, mentre Skype, ancora usato da poco meno del 20% del campione, probabilmente resiste grazie alla qualità della chat e delle videochiamate non ancora raggiunta da Facebook al momento della rilevazione. In crescita l uso, seppur saltuario, di Twitter con i suoi 95 utenti, di cui tuttavia 11 hanno già smesso di usarlo, pare per difficoltà nel comprenderne la logica di funzionamento. SSN come Owoo e Chat-roulette, che permettono rispettivamente chat multiple o video chiamate con persone selezionate a caso, hanno diffusione limitata, e vengono utilizzati con finalità di sperimentazione e frequenza sporadica. Infine, SSN come Skyrock, Twenty e Qu sembrano essere usati soltanto da migranti di 15

16 seconda generazione, rispettivamente francofoni, ispanofoni e cinesi. È stato poi costruito un indice tipologico d intensità di utilizzo del Web che tenesse conto sia della varietà dei siti visitati, sia della frequenza degli accessi. Fig. 7 Distribuzione dell indice di intensità di utilizzo del Web nel campione (n = 427). Innanzitutto vi è correlazione tra l uso del Web tradizionale e l uso del Web sociale (cfr. App.1). Quindi, generalmente, chi presenta un elevata intensità d uso del Web tradizionale è, nel 65% dei casi, anche un utilizzatore intensivo di SSN. Una minoranza (oltre il 10% campione) però afferma di usare Internet quasi esclusivamente per navigare nei SSN, in particolare su Facebook. L analisi statistica permette di delineare tre distinte dinamiche. In primo luogo, il genere: i ragazzi fanno un uso del Web più intensivo delle ragazze, soprattutto per il Web tradizionale, mentre rispetto al Web sociale l indice presenta valori simili. Con l età l indice sembra mantenersi costante, ma, come prevedibile, varia la qualità della navigazione. Come accennato, i più grandi presentano una media più alta nell uso di Web tradizionale, mentre i più piccoli rispetto al Web sociale. Questa relazione è facilmente intuibile poiché i più piccoli hanno probabilmente cominciato a navigare in modo autonomo in un momento in cui i SSN erano già affermati. Altri aspetti che sembrano influire molto sull intensità nell utilizzo di Internet, soprattutto sul Web sociale, sembrano essere il possesso o meno di un dispositivo personale per connettersi a Internet, il livello di competenza percepito nell uso di Internet e lo status culturale (quest ultima variabile anche riguardo all uso di Web tradizionale). In definitiva, l aspetto più saliente pare essere il processo di convergenza dei giovani utenti su Facebook, la cui popolarità ha reso marginale, in un tempo molto rapido, la rilevanza di tutti gli altri SSN e di altri servizi Web fino a pochi anni fa centrali (come , forum, blog e chat-room). Molteplici sono le interpretazioni di questo successo. Mantenendoci inizialmente legati agli aspetti più concreti, Facebook offre la massima varietà di strumenti comunicativi unita alla semplicità con cui queste funzioni possono essere attivate e gestite: - la messaggistica asincronica, che pare stia soppiantando l ; - i post e i commenti sulla bacheca (wall) in sostituzione dei forum e dei blog; - la video-chiamata; - la chat, che rappresenta di gran lunga la funzione preferita dagli adolescenti. 16

17 Un altro aspetto centrale riguarda la versatilità dei contenuti che possono essere pubblicati, inviati o linkati (video, musica, immagini). Tuttavia vi sono anche aspetti più complessi che verranno progressivamente trattati in questo lavoro. Essi riguardano in particolare i tipi di relazioni attivabili, l identità e la privacy. 17

18 II. Dentro Facebook Come accennato, il fenomeno Facebook ha assunto una rilevanza centrale in questo lavoro. La massiccia affluenza al sito (cfr. Par. 1.2) e la molteplicità di funzioni da esso assolte nella quotidianità di molti studenti ci ha infatti indotti ad approfondire le dinamiche e le rappresentazioni a esso connesse. Di seguito tratteremo pertanto delle modalità e delle motivazioni all iscrizione, della costruzione del profilo, della gestione delle amicizie e della privacy, per poi concentrarci sulle modalità d utilizzo, sulle opinioni e sul tema del rischio. A partire dal 2009 il fenomeno ha assunto peraltro proporzioni notevoli su scala globale (si parla oggi di quasi un miliardo di utenti), in particolare nei paesi occidentali. In Italia a novembre 2011 gli iscritti erano circa 21 milioni (con 13 milioni di accessi quotidiani), il 17% di età inferiore ai 19 anni. 18

19 2.1 Il primo accesso Tornando alla ricerca, notiamo innanzitutto come molti ragazzi e ragazze si siano iscritti a Facebook da due o tre anni a prescindere dall età. Ciò è in linea con il globale effetto valanga del 2009, anno in cui si è iscritto il 40% del campione e in cui il sito è decollato a livello mediatico e commerciale. Fig. 8 Numero di iscritti a Facebook nei diversi anni per età (N = 442). Il primo accesso è avvenuto pertanto in media a 13 anni. Un terzo dei soggetti si è iscritto prima dell età minima prevista dalle norme d uso del sito, senza peraltro incontrare particolari difficoltà nell aggirarne la normativa e registrandosi semplicemente con una diversa data di nascita. Fig. 9 Età di iscrizione a Facebook per età attuale (N = 442). Tenuto conto dell ondata del 2009, il grafico illustra infatti chiaramente l abbassamento d età d iscrizione, da anni per gli attuali 18enni agli anni per i 14enni. 19

20 Così, dei 60 quattordicenni, 21 si sono iscritti a dodici anni, 21 a undici, e 9 a dieci anni d età (nessuno di loro ha quindi atteso di compiere il tredicesimo anno). Vi è tuttavia un estrema minoranza di soggetti, 18 in tutto, che non sono iscritti a Facebook. Di questi, 7 non si sono iscritti nel rispetto del divieto imposto loro dai genitori, 4 per una temporanea indisponibilità di connessione, mentre soltanto 7 affermano di non essersi iscritti a Facebook, o di avere chiuso il profilo per scelta. Le loro motivazioni sembrano ben rappresentate dalla testimonianza di Tania. Tania (18 anni): T: Avevo bisogno di disintossicarmi dal mondo creato da quel SSN. E assurda l idea che un sito Web possa imprigionarti e farti stare con l ansia di sapere cosa gli altri facciano ogni istante. Ero arrivata a un livello di controllo nei confronti di alcune persone allucinante, quasi stalking, ma soprattutto è un mondo in cui sono tutti pronti a fare i professori e a giudicare tutto quello che scrivi, praticamente la libertà non era più all ordine del giorno. Vedevo che alcune persone pubblicavano su fb video o pensieri che non gli appartenevano, messi lì solo per compiacere la massa e caricarsi di mi piace. Per non parlare delle emozioni. Ci sono cose che non si possono assolutamente dire attraverso un insieme di lettere sopra una pagina virtuale, la gestualità è molto importante e purtroppo sottovalutata. E triste vedere ragazzi della mia età che passano le giornate chiusi in casa a scrivere che bel sole invece di uscire e goderselo davvero. Tornando al questionario, appare interessante la distribuzione delle risposte in merito alle principali motivazioni dell iscrizione. Fig. 10 Principali motivazioni addotte per l iscrizione a Facebook (risposta multipla, N = 438). Le principali risultano comunicare con gli amici e organizzare le uscite in compagnia. Ma molti affermano di essersi iscritti anche per combattere la noia, per farsi gli affari degli altri, risparmiare i costi del cellulare e conoscere meglio persone conosciute di vista. Trascurabile la quota di ragazzi mossa dalla partecipazione a gruppi di interesse, dalla ricerca di informazioni e o dalla volontà di diffonderle. 20

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI

FACEBOOK & CO SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI AVVISO AI NAVIGANTI SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE AGLI EFFETTI COLLATERALI FACEBOOK & CO AVVISO AI NAVIGANTI TI SEI MAI CHIESTO? CONSIGLI PER UN USO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL NETWORK IL GERGO DELLA RETE SOCIAL NETWORK: ATTENZIONE

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

LIBRETTO FORMATIVO DEL TIROCINANTE MARIO ROSSI

LIBRETTO FORMATIVO DEL TIROCINANTE MARIO ROSSI LIBRETTO FORMATIVO DEL TIROCINANTE MARIO ROSSI SOGGETTO PROPONENTE: I.T.T. - ISTITUTO TECNICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI, ASCOLI PICENO (AP) SOGGETTO ATTUATORE: CONFSALFORM - ROMA LIBRETTO RILASCIATO IL:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Proprio con l obiettivo di aumentare la consapevolezza degli utenti e offrire loro ulteriori spunti di riflessione e strumenti di tutela, il Garante

Proprio con l obiettivo di aumentare la consapevolezza degli utenti e offrire loro ulteriori spunti di riflessione e strumenti di tutela, il Garante SOCIAL PRIVACY COME TUTELARSI NELL ERA DEI SOCIAL NETWORK FACEBOOK & CO AVVISI AI NAVIGANTI TI SEI MAI CHIESTO? 10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI IL GERGO DELLA RETE PREMESSA: DALLA VITA DIGITALE

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli