ANJ-A->A0,D?F4-,$,$/ Una lettura in un ottica di genere OPHQ'RTS$UVPHWXQHW9YVYEZ [\%\]W9^T_ERH`Ba'^bUVadcdW9^EeRH`FadQHW9Y#fTR" name="description"> ANJ-A->A0,D?F4-,$,$/ Una lettura in un ottica di genere OPHQ'RTS$UVPHWXQHW9YVYEZ [\%\]W9^T_ERH`Ba'^bUVadcdW9^EeRH`FadQHW9Y#fTR">

Una lettura in un ottica di genere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una lettura in un ottica di genere"

Transcript

1 ! "# $ % "&"' (# ) J-MB?B>ANJ-A->A0,D?F4-,$,$/ Una lettura in un ottica di genere OPHQ'RTS$UVPHWXQHW9YVYEZ [\%\]W9^T_ERH`Ba'^bUVadcdW9^EeRH`FadQHW9Y#fTR _a'^ba k#^buirdftr _a'^ba I

2 Indice Premessa 1 Lavoro e identità 2 Una lettura di genere 4 Parte Prima Le Storie di Vita 11 Capitolo 1 Introduzione metodologica 12 Gli obiettivi della ricerca e la scelta del metodo 12 Le narrazioni 12 Racconti di donne e racconti di uomini 13 Capitolo 2 L analisi dell avvio delle interviste: l incipit quale significativo indicatore del codice narrativo 15 Una breve premessa metodologica: importanza dell inizio del racconto nel metodo biografico 15 Un analisi quanti-qualitativa: occorrenza tematica dell inizio della narrazione 16 Gli incipit riguardanti il lavoro 17 Gli incipit riguardanti i percorsi formativi 23 Gli incipit riguardanti la famiglia 26 Gli incipit dedicati alla condizione del non lavoro 29 Capitolo 3 Storie di scelte 31 Dalla famiglia al lavoro 31 La socializzazione al destino di genere 32 Le scelte formative 32 La famiglia come vincolo 34 Dalla scuola al lavoro 36 L accesso al mondo del lavoro 43 Capitolo 4 Dal lavoro al non lavoro: i percorsi di esclusione e la percezione dell inattività lavorativa 51 I percorsi di esclusione: le motivazioni oggettive e soggettive dell esclusione dal mondo del lavoro 51 La grande crisi: dal lavoro dipendente alla flessibilità, dal lavoro autonomo al non lavoro 53 Le motivazioni soggettive: effetti del mobbing e della qualità ambientale nelle scelte professionali 56 Lavoro e salute 58 Le scelte familiari e il non lavoro 60 La condizione del non lavoro: condizione, atteggiamenti e psicologia della condizione non lavorativa 63 Capitolo 5 Dal non lavoro a lavoro: vincoli e risorse, le immagini del lavoro e le strategie di reinserimento 73 Immagini e percezioni del lavoro 73 Il doppio svantaggio: donne ultraquarantenni in cerca di lavoro 76 Strategie di reinserimento e progetti di vita 78 Rapporti con i centri per l impiego 88 II

3 Parte II Focus group 91 Introduzione 92 Il contesto teorico 92 La scelta metodologica 93 I risultati dei focus 94 Tipi di contesti lavorativi 95 Tempi di vita e tempi di lavoro 95 Tempi femminili 97 Casalavoro e il resto? 97 Modelli familiari 98 Stili di leadership femminili 99 Saper delegare 100 Età e genere 101 Scarpette e scarponi 102 Scelta della borsa 103 Nuovi modelli da trasmettere 104 Focus contatto 104 Oltre 40 parità di genere 104 Esperienza 105 Modo di porsi/disponibilità 105 Le possibilità introdotte dalla riforma universitaria 105 Parte III Una proposta di lettura: l approccio linguistico 109 Presupposti teorici e metodologici 110 Dall antropologia alla sociolinguistica ricordando gli studi in genere 111 Dallo strutturalismo alle reti semantiche 113 Finalità e obiettivi 115 L applicazione degli strumenti 116 La recherche de l insécurité linguistique 116 L età 122 Il lavoro 123 I soldi 124 La famiglia 125 Il giudizio 127 Random tra i documenti 129 Conclusioni 132 BIBLIOGRAFIA 135 III

4 Premessa Nell ambito del progetto Oltre i 40 anni è stata realizzata una ricerca, finalizzata ad approfondire alcuni aspetti specifici del target di riferimento dell intervento in relazione ai diversi territori provinciali. Gli obiettivi di indagine, in linea con lo spirito di fondo del progetto, sono il frutto della collaborazione con le Province, i cui funzionari hanno partecipato attivamente alla progettazione: è infatti utile da un lato offrire un riscontro complessivo regionale, ma dall altro salvaguardare le singole specificità territoriali. L'ipotesi generale di ricerca si basa sullo studio approfondito della situazione, del comportamento e dell'attesa dei disoccupati ultra quarantenni individuati secondo criteri di omogeneità. L attenzione su questo target specifico avviene anche in virtù degli alti rischi che il non lavoro determina, sia nei percorsi soggettivi sia nei meccanismi di esclusione da percorsi di reinserimento. I rischi principali risiedono in pericolose aperture ascrivibili al fenomeno delle "nuove povertà" e a nuove forme di disuguaglianza e di deprivazione sociale che si innestano sulla difficoltà di accesso non solo al mercato, ma anche alla formazione e all'orientamento. Gli obiettivi di ricerca riferiti ai disoccupati ultraquarantenni - possono essere così sintetizzati: analisi della condizione motivazione (anche soggettiva) dello stato di disoccupazione strategie, ossia azioni intraprese obiettivi professionali bisogni espressi e latenti (di orientamento, di formazione, di utilizzo dei servizi) aspettative La strategia complessiva di ricerca ha previsto, oltre ad un analisi dei mercati locali del lavoro, la necessità di approfondire con modalità qualitative la condizione specifica delle persone adulte in cerca di lavoro, sia a seguito di una interruzione volontaria che per la perdita del lavoro stesso. Si è posto inoltre particolare rilievo ai diversi livelli di aspettativa e utilizzo dei servizi e delle politiche attive del lavoro, finalizzando tale approfondimento alla raccolta di informazioni che possano risultare utili alla programmazione dei servizi stessi e alle modalità di erogazione. 1

5 Lavoro e identità Il mercato del lavoro regionale evidenzia dal punto di vista quantitativo un miglioramento: tre anni fa il tasso di disoccupazione era quasi il 12% ed oggi è dimezzato (media ISTAT 2003: 6,1%) Una lettura più di taglio qualitativo evidenzia però fasce di potenziale disagio su cui è urgente intervenire. A fronte della diminuzione della disoccupazione frizionale e di quella fisiologica, quella patologica è aumentata. Un ulteriore elemento è dato dal fatto che in Liguria il tasso di attività e quello di occupazione sono significativamente bassi del nord Italia. Una lettura congiunta di queste informazioni potrebbe significare che un punto su cui concentrare l attenzione è quel segmento di persone che non si pongono nel mercato del lavoro neanche come disoccupati, ossia stanno nell anticamera della disoccupazione, mettendo in atto strategie di auto esclusione dal lavoro e quindi dai servizi. Un tasso di disoccupazione che decresce e un basso tasso di attività sono indicatori di anoressia del sistema, di mancanza di speranze. Uno dei nodi importanti è allora quello di coniugare le politiche del lavoro con la rimozione delle cause per cui certe politiche del lavoro non si possono nemmeno fare. Nell ambito di un intervento su un target specifico come quello degli Over 40 è sembrato opportuno utilizzare, appunto, il lavoro come lente attraverso la quale conoscere e approfondire motivazioni, attese e strategie dei percorsi individuali nel loro complesso. La condizione anagrafica (l età adulta) in un certo senso amplifica quelle che possono essere le conseguenze di una situazione di bisogno e allo stesso tempo inibisce la progettualità e la capacità di mettere in campo risorse di attivazione. Il lavoro può essere considerato come il principale canale di accesso alla libera e attiva partecipazione sociale; i percorsi professionali rappresentano quindi un canale di mediazione verso la promozione e la costruzione della cittadinanza, sottolineando come ancora oggi le modalità e la qualità di partecipazione al lavoro determinino la possibilità di accedere autonomamente alle risorse per la propria promozione sociale. Il lavoro continua ad essere una chiave di ingresso nel circolo del riconoscimento sociale e un costruttore di identità. Ciò che vale la pena sottolineare è proprio una apparente contraddizione che si instaura, tra la crisi del modello di regolazione sociale fondato sul lavoro industriale e il peso sempre maggiore che il lavoro comunque ha nella costruzione dell identità dei singoli. A quella che potremmo definire frantumazione del lavoro garantito, fa fronte una sempre maggiore incertezza, una incapacità (maggiore difficoltà) di progettare liberamente la propria carriera, non solo di lavoro, ma anche di vita. 2

6 A fronte di un progressivo indebolimento del modello, aumenta il senso e il significato che si attribuisce al lavoro; a maggiore vulnerabilità complessiva corrisponde una altrettanta vulnerabilità nella costruzione delle biografie individuali. Il lavoro che non c è per i giovani implica una impossibilità a progettare il futuro, o per lo meno a progettarlo secondo i canoni che hanno funzionato finché ha retto il modello industriale : è un lavoro intermittente che produce percorsi di vita altrettanto intermittenti, ma che al tempo stesso socializza a una nuova cultura del lavoro, grazie alla quale è possibile entrare in un circolo di progressiva definizione di identità lavorativa. Il lavoro che non c è più (il lavoro perso, la prolungata permanenza al di fuori del mercato o ancora l impossibilità di reggere il lavoro che non c è più) causa implicazioni maggiori di esclusione sociale: non è più solo una (rara) assenza di risorse: il marginale e il precario non hanno la titolarità per partecipare alla costruzione comunicativa della realtà sociale che abitano solo temporaneamente esclusione generalizzata come rischio (non si parla più di esclusione opposta a inclusione), ma il poter esser escluso. Volendo schematizzare, gli elementi che contribuiscono a descrivere le diverse situazioni di debolezza e vulnerabilità sociale sono costituite da una sommatoria variabile di debolezze che a loro volta causano differenti in-capacità. Debolezza economica culturale relazionale politicoistituzionale In-capacità a soddisfare le proprie necessità economiche A gestire l incertezza A godere del sostegno di reti primarie e secondarie Nel farsi riconoscere normativamente la propria debolezza socio-economica Questo schema vale ovviamente in modo generalizzato; alle debolezze citate va però aggiunto, come si vedrà in seguito, il genere, considerando anche i diversi ambiti della vita professionale in cui si manifestano le disuguaglianze: 1. scelta 2. ingresso 3. permanenza 4. perdita del lavoro 3

7 Una lettura di genere Le donne hanno avuto accesso al mercato del lavoro da tempo. Anche in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando, l'accesso per le donne è in crescita in diversi settori con un'accentuazione nel terziario. Aumentano altresì la richiesta di lavoro da parte delle donne, la fila e il tempo di attesa di quelle che cercano lavoro. L'ingresso delle giovani nell'istruzione e nella formazione in misura superiore rispetto ai ragazzi ha fatto crescere le aspettative delle donne rispetto al lavoro, ma non si sono sviluppati strumenti specifici per cercarlo. I percorsi d'istruzione e di formazione post-obbligatoria delle ragazze subiscono meno ritardi e interruzioni di quelli dei maschi. Tuttavia questo non costituisce motivo per una più agevole riuscita nella ricerca di lavoro. Una volta entrate nel circuito lavorativo il lavoro femminile evidenzia una maggiore discontinuità legata allo sviluppo delle vicende familiari: le donne si mettono più volte nella loro vita alla ricerca di lavoro e hanno bisogno di strumenti adeguati per cercarlo e ri trovarlo. L universo femminile costituisce tutt oggi una realtà debole nel mondo del lavoro, un mondo che emerge dal nostro esame, come precario, in continua trasformazione. Ma se è vero che la carenza di occupazione porta le donne ad accettare, spesso, una condizione di inattività, è vero anche che ciò si verifica in ambiti caratterizzati da basse motivazioni (o alto scoraggiamento) ad entrare nel mercato. Uno dei temi centrali è quello del riconoscimento del patrimonio formativo, culturale, relazionale, ecc - che può essere utilizzato nella ricerca del lavoro solo, partendo dal presupposto che tale patrimonio venga riconosciuto. Questo ragionamento vale a maggior ragione per la componente femminile, la cui identità lavorativa rischia di essere spesso confusa, per esempio, tra la dimensione familiare e quella professionale. La visibilità del patrimonio risulta da una sua attenta analisi, dall'attribuzione di valore e di misura delle singole parti.per giungere ad una meta è importante partire bene e attrezzarsi adeguatamente: quando ci si affaccia al mondo del lavoro il paesaggio è così ampio che risulta difficile individuare non solo il punto di arrivo (il lavoro cui si aspira) ma anche il punto di partenza (il patrimonio di cui si dispone ammesso che si riconosca di averlo). I percorsi di vita si giocano quindi su alcuni cerchi, dai confini mobili, evidenziando in ogni cerchio condizioni abilitanti o segreganti. 4

8 LAVORO FAMIGLIA NON LAVORO Questi insiemi costituiscono l oggetto della ricerca, con particolare riferimento alle aree di sovrapposizione negli itinerari di vita personale e professionale. Il senso di affiancare una ricerca ad un progetto operativo come quello di Over 40 è trovare non tanto delle generalizzazioni, quanto degli ambiti di intervento su cui innestare politiche specifiche di azione. A fronte di una risposta concreta offerta dal progetto (costruire percorsi di reinserimento al lavoro per soggetti particolarmente deboli nella costruzione di tali percorsi) è sembrato opportuno entrare nelle vite delle persone per capire le concatenazioni esistenti tra i cerchi e per individuare i diversi baricentri che compiutamente costruiscono (o distruggono) l equilibrio dei percorsi individuali. Tra le diverse debolezze, il genere in particolare in questo segmento di persone costituisce sicuramente una chiave di lettura che in qualche modo esalta i contorni del problema. Essere donna può essere una debolezza trasversale dalle scelte personali fino a quelle professionali, fino alle capacità messe in campo nel momento della perdita del lavoro. 5

9 INGRESSO SCELTA LAVORO PERMANENZA FAMIGLIA NON LAVORO PERDITA E DISOCCUPAZIONE Il fulcro di questo lavoro di ricerca sta nell intersecazione dei cerchi e nei transiti da un cerchio all altro: le storie di scelta (dalla famiglia al lavoro) le modalità di ingresso (sempre dalla famiglia ma anche dall istruzione al lavoro) le possibilità di rimanere dentro al recinto (permanenza) la perdita e la disoccupazione (dal lavoro al non lavoro) Nelle pagine che seguono cercheremo di sintetizzare quanto è emerso dalle storie di vita raccolte e dai focus group. In questa sede può essere utile anticipare alcuni elementi chiave, che di fatto costituiscono la struttura di questo lavoro. Nell incontro tra il cerchio famiglia e lavoro, la parola chiave potrebbe essere storie di scelta. FAMIGLIA STORIE DI SCELTA LAVORO 6

10 Questo è un primo elemento fortemente connotato dal genere. Il percorso tra famiglia e lavoro è assolutamente ovvio per gli uomini - perché è naturale farlo mentre una donna che lavora non è così ovvio come dire un uomo che lavora. Già questo primo step implica una scelta (e quindi presuppone una capacità progettuale e la disponibilità di risorse per progettare). Come si vedrà dalle interviste, questo tema è centrale in tutto il percorso di vita: dalle motivazioni e dalla progettualità iniziali dipendono largamente le risorse da attivare durante tutto l arco della vita. La scelta al femminile porta in sé una implicita rinuncia, ponendo una alternativa tra la famiglia e il lavoro. In questa fase agiscono gerarchie di preferenze e scelte, spesso non agite autonomomamente ma connesse ai cicli di vita familiare (la doppia, anzi la tripla presenza) FAMIGLIA DI ORIGINE Risorse Vincoli LAVORO NUOVA FAMIGLIA Lo spazio dedicato al lavoro nell ambito del proprio progetto di vita dipende in larga misura non da una scelta operata, quanto da una serie di scelte obbligate. A tenere insieme con l abilità di un giocoliere tutti questi pezzi contrastanti e a ricucire giorno dopo giorno il patchwork della vita quotidiana c è una donna di mezza età, che una ventina di anni fa aveva improvvisamente creduto a un futuro di libertà femminili Questo focalizza l attenzione sul fatto che una crisi lavorativa (la perdita del lavoro, ma anche la capacità di stare nel mercato in modo intermittente) rischia di creare percorsi di auto-esclusione. Per la donna la famiglia rappresenta una valida e immediata risposta al problema. Il lavoro di cura garantisce la ricollocazione in un ruolo sociale, ma implica un elevato rischio di rassegnazione e di inibizione delle proprie capacità progettuali. Un altro elemento che viene approfondito è l ingresso nel mondo del lavoro. Dalle storie di vita emergono i fattori principali da cui dipendono le difficoltà di accesso. Le percezioni soggettive delle donne evidenziano sia le difficoltà riconducibili al mercato del lavoro amplificate dall interpretazione che le donne stesse ne fanno sia le difficoltà determinate dal pregiudizio per cui la donna è meno produttiva e più instabile. Il punto su cui focalizzare l attenzione è proprio l asse a cui tali difficoltà vengono ascritte: la donna in sè. Difficilmente questo piano viene ricondotto ad 7

11 una prospettiva sociale più ampia per cui il lavoro e in particolare quello femminile rientra in un quadro di responsabilità sociale collettiva su cui ovviamente si innesta quella individuale. Come ha osservato Laura Balbo, i servizi che dovrebbero andare a vantaggio delle donne non sono una somma di privilegi distorti, ma i presupposti per far funzionare la società moderna E in questo che si innestano gli elementi di difficoltà sul fronte dell offerta: spesso sono le autolimitazioni che caratterizzano le singole traiettorie di vita. Un terzo fattore che viene affrontato nel percorso di ricerca è quello della permanenza nel lavoro. Qui i cerchi che si intersecano sono tre (famiglia, lavoro, non lavoro), proprio a causa del nuovo modello lavorativo. Un elemento chiave, che verrà approfondito in seguito, è infatti proprio quello per cui la flessibilità del lavoro è più indirizzata verso la precarietà che non verso il cambiamento. I processi subordinativi rendono più difficile la costruzione di un bagaglio professionale solido, di fronte all elevato tasso di mutabilità del mercato. La permanenza nel mercato e lo sviluppo di una identità femminile nel lavoro impongono alla donna la presenza in più mondi vitali. Utilizzando una metafora, l identità femminile si gioca sull immagine delle scarpe e delle scarpette. Laddove le prime rappresentano una accresciuta aspettativa di successo e di riuscita e le seconde tengono ancorata la percezione di sé verso la femminilità tradizionale. In altri termini strumenti hard (le scarpe, il bagaglio professionale) si confondono con situazioni soft (le scarpette, ossia l alternativa sempre presente per le donne). Le donne sono, non fanno. Anche quando scelgono di lavorare è pur sempre una cosa secondaria al fatto di essere mogli e madri a cui si può aggiungere figlie Sempre secondo un efficace metafora che approfondirà Luisa Stagi in seguito, tutto questo si riversa nel contenuto della borsa che ogni donna porta con sé, un contenuto che influenza fortemente le capacità di progettazione, scelta e permanenza nel lavoro. Le donne, infatti, devono ancora giustificare che il lavoro extradomestico non le rende per forza cattive madri, mogli e figlie, secondo un assunzione implicita per cui la donna può lavorare solo se la sua scelta non stravolge l assetto organizzativo familiare. E a questo punto che si innesta una quarta intersecazione dei cerchi: quella tra lavoro e non lavoro. La perdita del lavoro diventa una tappa che assume un significato molto particolare: per la donna questo momento già di per sé caricato di messaggi forti ripropone un crocevia prodotto da condizionamenti. Nella narrazione si costruiscono le traiettorie di vita delle persone: la perdita del lavoro può costituire un punto di tali traiettorie. Nelle storie di vita che abbiamo 8

12 raccolto si evidenzia una differenza sostanziale che può essere raffigurata graficamente: la narrazione femminile può essere simile ad una ragnatela, dove ogni parte sta in relazione con il tutto, mentre quella maschile esprime un tracciato lineare fatto di un succedersi di eventi. Una delle ironie delle nostre vite è che quello che ci dicevano da giovani innanzitutto ti sposerai e avrai dei bambini si è rivelato in qualche misura vero. Nessuna di noi ha abbandonato totalmente il lavoro, ma i problemi della maternità e del privato sono intrecciati con le nostre conquiste e le rendono più difficili da riconoscere (Mary Catherine Bateson, Comporre una vita, 1992) Laddove la perdita del lavoro interrompe un percorso lineare è abbastanza intuibile che la progettualità miri a ristabilizzare la traiettoria; laddove c è una ragnatela, le opportunità di rinunciare alla traiettoria sono maggiori Si arriva così al quinto punto del lavoro di ricerca: la disoccupazione. Mantenendo l ottica di genere, il non lavoro femminile spesso non è imputabile ad un deficit di capitale umano (anzi emerge con chiarezza che le donne spesso hanno una struttura educativa più salda), quanto ad una progressiva riduzione di risorse da mettere in campo. Genere, età anagrafica ed età professionale costituiscono l ambito entro cui questa ricerca si è sviluppata. Un ultima notazione, prima di passare all analisi di quanto emerso dalla discesa sul campo. L impostazione metodologica di questo percorso di ricerca è particolarmente innovativa. Si è ritenuto opportuno rinunciare alla generalizzazione tipica di una survey 1 a favore di un approfondimento qualitativo sulla percezione soggettiva. La restituzione dei risultati di ricerca avviene su tre piani: la dimensione soggettiva, attraverso al ricostruzione delle storie di vita (Parte I) la dimensione collettiva attraverso i focus group (Parte II) la proposta di un analisi testuale, correlata alle narrazioni: è una proposta metodologica molto interessante, in quanto l approccio linguistico propone una chiave di lettura molto particolare e interessante. (Parte III). Storie di vita, lette attraverso la lente del lavoro e del non lavoro: un percorso di ricerca che si innesta su un intervento realizzato in parallelo concreto di reinserimento nel mondo del lavoro. Una traiettoria percorsa con scarpe e scarpette e con zaino in spalla. 1 Ossia alla somministrazione di un questionario strutturati ad un numero rappresentativo di soggetti 9

13 10

14 11

15 Capitolo 1 - Introduzione metodologica Gli obiettivi della ricerca e la scelta del metodo Il nostro intento è stato quello di comprendere in che modo le persone sopra i 40 anni vivono la situazione del non lavoro, quali sono state le traiettorie di vita che le hanno portate a tale circostanza, quali scelte hanno operato e quanto sono state determinate e determinanti, quali strategie adoperano e hanno adoperato, quale conoscenza e interpretazione hanno della realtà in cui vivono. Per riuscire a far emergere questi temi e queste riflessioni è stato scelto di utilizzare, nella rilevazione, tecniche qualitative - narrazioni e focus group - che hanno proprio la caratteristica di comprendere il modo in cui si formano le opinioni, capire in modo empatico quale definizione gli attori danno della loro realtà e approfondire le motivazioni dell agire. Attraverso le narrazioni individuali, infatti, è possibile far emergere sia le letture soggettive e le rappresentazioni che gli attori hanno delle organizzazioni e del mondo del lavoro, sia i modi in cui viene prodotta una conoscenza condivisa e intersoggettiva della realtà; le pratiche discorsive individuali mettono in luce i significati e le norme interiorizzati, così come le contraddizioni e le ambiguità più o meno consapevolmente percepiti. Le narrazioni La narrazione è stata descritta come il canale privilegiato attraverso cui gli individui comprendono il mondo. Attraverso il racconto vengono operate connessioni, costruiti schemi di interpretazione, prodotti ordinamenti e classificazioni, assegnando una forma organizzativa agli eventi della vita sulla base di un ordine temporale e di uno schema interpretativo che prevede l intenzionalità dei personaggi (Gherardi, Poggio, 2003). Introdurre un ordine, inserire gli eventi all interno di una trama, permette di affrontare la molteplicità di esperienze e percezioni che caratterizza sempre più la vita degli individui; la collocazione delle azioni e delle percezioni all interno di un tracciato narrativo rappresenta per gli individui un processo di ordinamento perché fornisce una cornice di riferimento e permette di dare un senso alle azioni e agli eventi e di rendere significativa l esperienza (Ibidem). Ciò che viene trasmesso con i racconti è l insieme di regole pragmatiche che costituisce il sapere sociale: ciò che bisogna saper intendere, saper dire, saper fare; grazie agli esempi concreti e situati di azioni si ricostruiscono dei modelli, dei casi paradigmatici per il comportamento. Inoltre, ogni cultura è caratterizzata da strutture linguistiche e le costruzioni di storie si caratterizzano da impostazioni discorsive e narrative: le parole vincolano il dire (Ibidem). Per questo decostruire il testo narrativo è interessante, poiché significa non solo analizzare ciò che il testo dice, ma anche ciò che non dice o che avrebbe potuto dire e che emerge in modo autonomo rispetto al discorso. 12

16 Racconti di donne e racconti di uomini Proprio perché l analisi narrativa non riguarda soltanto il cosa viene raccontato, ma anche il come le persone impongono ordine al flusso dell esperienza per dare senso agli eventi e alle azioni (Riessman, cit. in Gherardi, Poggio) e il perché la storia viene raccontata in quel modo, la prima differenza da evidenziare è proprio il modo diverso in cui uomini e donne intervistati hanno esposto la loro esperienza. Pur trovandosi nella stessa situazione - essere in cerca di lavoro e avere più di 40 anni uomini e donne hanno presentato modalità e stili narrativi assai diversi: più lineari e rivolti all individualità, quelli maschili, più complesse e autoriflessive quelle femminili. Secondo alcuni autori questa differenza è abbastanza tipica: solitamente la narrazione femminile richiama una ragnatela, dove ogni parte sta in relazione con il tutto, mentre quella maschile esprime un tracciato lineare fatto di un succedersi di eventi (Gherardi, Poggio, 2003). Le differenze narrative, infatti, sono significative per l individuazione degli elementi distintivi, ma soprattutto per comprendere la chiave interpretativa del significato di tali differenze. Uno dei caratteri più evidenti è certamente la durata e l articolazione del racconto: le storie degli uomini sono più brevi e caratterizzate dall autodeterminazione, quelli delle donne sono risultati più articolati ed eterodiretti. Le differenze sono riscontrabili anche nel modo in cui gli intervistati hanno risposto alla domanda iniziale dando avvio alla propria storia; a questo scopo è stato riservato un capitolo all analisi dell incipit del racconto, poiché ci è parso estremamente significativo considerarlo come una delle scelte più rilevanti. La scelta o meglio la possibilità di scegliere è sicuramente la chiave di lettura più significativa che si è evidenziata e che opera come fattore di distinzione sia tra uomini e donne sia all interno del genere femminile. Analizzando le interviste delle donne emerge proprio questa dicotomia nel fattore scelta: le storie di scelta operata e di scelta obbligata. I momenti di scelta per le donne sono assai numerosi: che tipo di investimento formativo, che tipo di lavoro, con che orario e impegno, come mantenerlo è a che costi di vita familiare. Le donne che operano le scelte espongono la propria esperienza come costellata da una serie di scelte che le hanno portate all attuale situazione; sono storie che in parte assomigliano a quelle degli uomini per l accentuazione, al loro interno, dei fattori di volontà e determinazione, ma che in parte se ne distaccano, perché per gli uomini la condizione lavorativa viene vissuta come scelta scontata (Gherardi, Poggio, 2003). Nei racconti delle donne che si sviluppano intorno al tema della scelta volontaria, emerge quindi la dimensione intenzionale e progettuale delle decisioni prese di fronte alle diverse opzioni e, a volte, in contrasto con il contesto familiare e sociale. La scelta può aver luogo all inizio della storia e da lì condizionarne tutto il corso, come accade per le donne che manifestano una vocazione per una determinata professione e che lottano, o hanno lottato, per raggiungere e mantenere quella, proprio quella professione. Ma la scelta può essere conseguente a una presa di coscienza successiva, per cui a un certo punto della vita alcune donne decidono di dare una svolta alla propria vita scegliendo di puntare sul lavoro. Questa scelta spesso porta 13

17 implicita in sé anche una rinuncia: se si parla di scelta spesso, in questo caso, l alternativa è rappresentata tra famiglia e lavoro. Perché è capitata l occasione una mia amica mi ha buttato lì l idea ho visto che ce la facevo Sara aveva 11 anni i figli cominciavano un pochino a crescere e mi sembrava di non togliere tempo alla famiglia è al mattino, al mattino sono tutti impegnati al pomeriggio sono a casa, non trascuro mai la mia famiglia che nella mia idea di donna viene sopra tutto L altra tipologia di racconti si connota invece per la non scelta, come se ogni avvenimento della vita fosse frutto del caso, o di determinazioni esterne così forti da rendere vano ogni tentativo di decisione autonoma. Le strategie quindi si basano su possibilità residuali che producono, in una sorta di circolo vizioso, range sempre più ristretti di possibili adattamenti. Non ho mai fatto la ballerina per gli stessi motivi di prima; sono riuscita comunque a farmi male alla schiena e a farmi operare, magari per non doverlo fare davvero ma forse c è un motivo, che ho capito e riesco a spiegare abbastanza bene: mi sentivo molto in colpa nei confronti dei miei genitori per il fatto di fare la ballerina. Soprattutto nei confronti di mia madre, che suonava il pianoforte e poi, morto suo padre, ha smesso, secondo lei non ha più potuto suonare, ma non è del tutto vero, avrebbe potuto continuare, comunque Invece è morto mio padre e io ho continuato a ballare, con sensi di colpa forti. Poi le problematiche mie interiori e ci vedo anche, nell ambito della danza poi lo senti fortissimo, ma forse proprio un po in generale, la difficoltà per una donna di emergere, anzi di concepire la propria emersione. Nella lettura delle storie maschili si individua un altra dicotomia di significati che si sviluppa intorno all idea del percorso segnato o dell aver scelto il proprio percorso. Per gli uomini, infatti, il percorso sembra più caratterizzato dal carattere di necessità che l esperienza lavorativa ricopre per gli uomini: essi entrano nel mercato del lavoro non per caso né per scelta ma perché è naturale farlo (Gherardi, Poggi, 2003). Ciò che distingue gli uomini è il raccontarsi come individui che seguono una traccia assegnata dalla società, oppure come soggetti che hanno voluto e vogliono costruire una strada alternativa. Io penso che a questo punto o è un lavoro a livello commerciale visto che ho un ottima comunicativa con le persone, sono capace a vendere, quindi potrei benissimo mettermi a vendere poltrone piuttosto che altre cose e se poi ci fosse la possibilità di trovare un lavoro dove poter mettere a frutto le cose che so fare e che ho imparato fino ad ora, sarebbe ancora meglio. Potrei fare tante cose Queste considerazioni hanno portato a concentrarsi maggiormente sull analisi delle narrazioni femminili: il fatto che per gli uomini sia frutto di una scelta implica non dover comprendere i meccanismi che determinano tali situazioni, mentre è certamente più complicato fa emergere gli aspetti deterministici delle scelte o non scelte femminili. 14

18 Capitolo 2 - L analisi dell avvio delle interviste: l incipit quale significativo indicatore del codice narrativo Una breve premessa metodologica: importanza dell inizio del racconto nel metodo biografico Nella metodologia delle storie di vita assume una particolare importanza l incipit dell intervista ovvero le modalità di avvio della narrazione da parte degli intervistati. 2 L avvio dell intervista, vista la natura libera ed auto espressiva della narrazione indica, anche se non in maniera diretta e univoca, i percorsi definitori e le rappresentazioni di un determinato problema, con l ovvia deduzione che nelle storie di vita si attiva un processo di utilizzo della memoria e che nel seppur esistente flebile recinto del processo di semplificazione della realtà che comunque lo strumento di analisi comporta, la memoria stessa ha la possibilità di dispiegarsi in forma autonoma e libera. In questa logica è necessario considerare la situazione dell intervista come un processo che pone almeno due soggetti in una relazione sociale finalizzata alla produzione di informazione attraverso una sollecitazione della memoria dell intervistato. Ritenzione e oblio sono i due poli della nostra memoria e sempre più massicciamente questa viene messa in discussione da un insieme complesso di fattori determinanti l infinito processo di apprendimento che miscela le agenzie classiche di socializzazione con quelle fortemente invasive dei mass media e delle nuove tecnologie dell informazione. Nella tecnica dei racconti di vita, nella quale è previsto il minimo grado di direttività e manovra da parte dell intervistatore nella raccolta delle testimonianze si prevede che l attacco sia determinato in maniera diretta dall intervistato. Quindi si è chiesto di iniziare il racconto a piacere dell intervistato (considerando questo come elemento conoscitivo di grossa importanza quindi nella scheda di supporto all intervista andrà indicato chiaramente quale sia il punto d inizio della narrazione). Partendo dal presupposto che la ricostruzione del passato viene inevitabilmente filtrato, riordinato, illuminato, ri-costituito a partire dal presente e proprio all inizio del racconto biografico che in teoria vi dovrebbe essere la minima influenza derivante dalla situazione del presente quella dell intervista specifica. Ovviamente è bene sottolineare che seppur avendo lasciato la piena discrezionalità nell avvio dell intervista vi erano diversi fattori, che in ogni caso, finivano di dare un indirizzo a questo particolare tipo di cooperazione cognitiva rispetto ai temi da cui partire: in primis la natura dell indagine che sia nel primo approccio che nell avvio dell intervista definivano senza possibilità di dubbi le finalità e il taglio dell intervista e in secondo luogo la natura dell ente che conduce l indagine (Agenzia Liguria Lavoro). E ovvio che i due fattori 2 Cipolla C., Il ciclo metodologico della ricerca sociale, F.Angeli, Milano, 1998, Cipriani R., La metodologia delle storie di vita, Euroma, Roma, 1992, 15

19 considerati non potevano che avviare un effetto di indirizzo rispetto all attacco e la performazione complessiva degli inizi delle interviste. In ogni caso una più approfondita analisi dei sopraccitati attacchi fa emergere alcuni aspetti relativi all approccio cognitivo al problema che comunque come abbiamo già ricordato dovrebbe essere inserito in un ambito tematico già definito quello della situazione di inattività lavorativa e del più generale rapporto con l attività lavorativa. Trattandosi di narrazioni biografiche era piuttosto scontato che il racconto trovasse un proprio filo conduttore nell ambito della riflessione sul rapporto con il mondo del lavoro, e anzi proprio uno degli obiettivi dell indagine era quello di definire un autoriflessione sulle cause e le evidenze dei percorsi soggettivi fornitici nel corso dell indagine. Si può pensare che la modalità di dare avvio ad un racconto può essere vista come una prima opportunità, per chi si racconta, di dare una definizione alla propria identità. In altre indagini utilizzanti una simile metodologia si evidenziava come uomini e donne finivano per avere degli attacchi differenti: più volitivi e attivi quelli degli uomini, caratterizzati da maggior passività e dipendenza quelli delle donne. Tale atteggiamento veniva spiegato dando privilegio ad un approccio più di carattere culturologico rispetto a uno di carattere psicologico affermando una tendenza delle donne a presentare un sé meno centrale e più defilato rispetto allo sviluppo della storia tendenza che può essere letta come conseguente al bisogno di queste donne di riparare alla rottura all ordine simbolico di genere conseguente alla loro entrata in contesti lavorativi tradizionalmente maschili. 3 Un analisi quanti-qualitativa: occorrenza tematica dell inizio della narrazione Un primo livello di lettura dei materiali raccolti ci permette di raccogliere in maniera molto sintetica quali siano le principali occorrenze tematiche affrontate nell attacco della narrazione. Questo semplice criterio di analisi ci indica una prevalente inclinazione ad avviare la narrazione direttamente dai temi del lavoro (nel 35% dei casi) e in questa categoria si ritrovano quei racconti che si incentrano nella descrizione dei percorsi lavorativi. Nel 19% dei casi l avvio è stato riservato alla descrizione della famiglia (nella gran parte dei casi quella di appartenenza), mentre per il 26% dei casi viene descritta l esperienza formativa o il passaggio dalla scuola e il lavoro. A livello numerico pochi sono stati gli incipit che si sono incentrati nella descrizione dell esperienza del non lavoro, anche se c è da dire che molti hanno descritto i percorsi lavorativi fino ad esplicitare sin da subito quali siano state le cause della propria situazione di inattività. 3 Gherardi Silvia, Poggio Barbara, Donna per fortuna, uomo per destino, Etas 16

20 Lavoro Famiglia 7% 11% 2% 13% 13% 19% 35% Scuola Transizione scuola mondo del lavoro malattia non lavoro disoccupazione altre Gli incipit riguardanti il lavoro Narrare la propria storia di vita significa anche mettere in discussione quale sia la propria identità e il proprio rapporto soggettivo con il mondo del lavoro, a riguardo si osserva che le storie partono spesso da una descrizione degli esordi e dei primi rapporti con il mondo del lavoro. Da un analisi complessiva delle interviste con incipit dedicati al rapporto con il mondo del lavoro emerge che spesso tale orientamento si sviluppa come una significativa ricapitolazione degli aspetti più salienti della propria storia professionale, mixando i percorsi formativi, i primi approcci al mondo del lavoro, e soprattutto per le donne, le scelte familiari. In molti casi emergono approcci direttamente dedicati alle narrazioni rivolte agli esordi, con racconti che immediatamente affrontano le cause della chiusura e del fallimento di quelle esperienze: cause oggettive relative a difficoltà dei mercati di riferimento o a crisi aziendali Quando ho cominciato, ho iniziato in una casa di spedizioni, dopodiché ho lavorato nelle agenzie marittime dove seguivo i carichi convenzionali etc. Questo mercato è morto perché tutto ormai va in container e questo indipendentemente dalla crisi che ha subito la mia azienda. Ho fatto il capo turno per 4 anni e poi siccome ero nei frigoristi e siccome c erano appalti truccati e personale gestito male che dormiva sugli impianti, il capo reparto aveva anche una sua ditta individuale e quindi approfittava anche dei dipendenti interni per chiedere favori. Mi sono rivolto al dirigente che mi aveva proposto come impiegato, sapeva di questa situazione, mi ha messo al centro elaborazione dati come impiegato, mi ha dato il settimo livello come a tutti e nel momento in cui doveva passarmi di livello non lo ha fatto e quindi ho interrotto il rapporto di lavoro nel maggio del 94. Sono stato bersaglio di particolari attenzioni perciò mi sono rivolto all Ispettorato del lavoro, sono finito in ospedale perché mi hanno avvelenato ( ), adesso ho la causa, ho preso un avvocato. Sono finito in mezzo a una strada e adesso spero che alla fine della causa mi diano dei soldi. Ho lavorato in Italsider per 23 anni, poi c è stata la crisi dell acciaio, un sacco di lotte intestine, c erano 17

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA Bolzano 13/02/2013 COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PRONTI, ATTENTI C ERA UNA VOLTA! Percorso in italiano lingua veicolare o di introduzione alla lingua italiana Rivolto

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi

Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi La transizione nell età adulta. I laureti umbri La distanza sociale come marca il percorso di transizione alla vita adulta, l

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

I driver e i killer del diventare adulti

I driver e i killer del diventare adulti I driver e i killer del diventare adulti Diventare adulti, cosa terribilmente difficile a farsi. È molto più facile evitarlo e passare da un infanzia a un altra infanzia Francis Scott Fitzgerald, L età

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Ristorante "Il Rusticone, Bienne

Ristorante Il Rusticone, Bienne Ristorante "Il Rusticone, Bienne Il datore di lavoro Salvatore Trovato È stata una coincidenza felice: quando M. mi ha proposto di lavorare da me al ristorante "Rusticone", stavo giusto cercando un nuovo

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE Metodologia e risultati della ricerca 22 ottobre 2009 Achille Orsenigo 1 Premesse sul valore del lavoro Non è facile

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli