Sindacato e industriali: la strana coppia. pag. Quindicinale di fatti, personaggi e vita vicentina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sindacato e industriali: la strana coppia. pag. www.vicenzapiu.com. Quindicinale di fatti, personaggi e vita vicentina"

Transcript

1 QUOTIDIANI ON-LINE: Viale Trento 197, Vicenza Tel ; fax Direttore responsabile Giovanni Coviello Schio bufera sulla Polizia Locale pag 13 Sindacato e industriali: la strana coppia pag 10 Quindicinale di fatti, personaggi e vita vicentina Flashback Rossi Trissino, una giunta ad impresam pag 15 L ex presidente di Aim difende i suoi bilanci. Alessia Schiavo li farà da Miss Purga berico-padana Continua a pag 9... La guerra intestina al Carroccio berico è in realtà la riproposizione su scala locale di quanto sta accadendo nel partito nordista da Roma in su. Non sono pochi gli analisti che vedono una Lega nella quale l entourage del leader Umberto Bossi usi «le purghe» come l ultimo baluardo prima dell implosione in un movimento che sta andando alla deriva. Un movimento nel quale una parte abbastanza ben rappresentata che fa capo al ministro dell Interno Bobo Maroni e al sindaco di Verona Flavio Tosi, fiutando la debacle, starebbe flirtando con ambienti del nascituro terzo polo. di Marco Milioni CORSO FOGAZZARO Dilemma pedonale dall autunno dello scorso anno che il è sindaco berico Achille Variati coltiva un piccolo sogno. Quello della pedonalizzazione, prima parziale, poi forse totale, di corso Fogazzaro. Era il Giunta e Aim festeggiavano il completamento in anticipo della riqualificazione della zona a ridosso tra San Biagio e corso Fogazzaro. di Marco Milioni Continua a pag 8... n ottobre euro 1,20 cumulativo con BassanoPiù e Ovest - Alto Vicentino ONOREVOLI VOLGARITÀ Il linguaggio dei politici Continua a pag Sdoganata la volgarità persino in parlamento, le cadute di stile della politica nostrana si susseguono a un ritmo preoccupante, tanto che la sensibilità comune inizia a soffrire di un certo disagio: etichettato come bacchettone o puritano, chi subisce la violenza di queste esternazioni fuori luogo, finisce semplicemente per allontanarsi sempre più dalla sfera del politico. di Stefania Calledda Viale Trento 197, Vicenza Tel ; fax Poche ciàcole Jobs e Gelmini In edicola il venerdì Questa volta le ciacole le metto da parte, perché mi piace iniziare in prima pagina il racconto del mio incontro con Steve Jobs e condividerlo con voi lettori. A Vicenza non so in quanti abbiano incontrato uno degli uomini non solo ha cambiato il mondo ma ha impresso al cambiamento una velocità di fronte alla quale impallidisce anche quella dei neutrini della Gelmini. E qui c è la differenza tra gli Usa e noi: loro si possono permettere gente come Jobs, geni universali, e a noi, capitalisti senza capitali, il buon Dio ha regalato questa ministra dell Università : siamo proprio in un tunnel di lacrime. Steve Jobs: anche io gli devo qualcosa Se n è andato a 56 anni Steve Jobs, uno dei tre fondatori della Apple, e con lui una parte di me, che pure di lui sono più vecchio di quasi un lustro. Jobs, il mito della Apple di sempre, il 1 aprile 1976 la fondò con Steve Wozniak e il primo finanziatore Mike Markula, l ho incontrato nel 1985 in uno dei suoi regni di allora: Cupertino, in California. Un momento di emozione e di riflessione per rimettere in ordine (la mia età non mi chiede scusa) le mie piccole memorie di quel grande uomo, che ha contribuito a cambiare la storia del mondo e, più in piccolo, la mia. E da cittadino ora di Vicenza e da ex ingegnere elettronico romano di allora vi racconto quello che ricordo. Era, quindi, maggio, nel 1985, addirittura pochi giorni prima che Jobs fosse defenestrato dal vertice della società dal suo delfino ma poco visionario John Sculley. Salvo tornarvi molti anni dopo per farla rinascere dalle sue ceneri e farla tornare ad essere la stella che ora è. Era maggio quando la Apple, quindi, premia i migliori suoi partner europei con un viaggio in Usa. Continua a pag. 3 di Giovanni Coviello I Citizen Writers inviateci notizie, opinioni, commenti, foto e video da pubblicare Agenti pubblicitari: curricula a :

2 movida 221 del 14 ottobre 2011 pag 2 People Club, e in duemila sanno dove andare per divertirsi Il Palladium si è unito al locale vicentino per raddoppiare la proposta di generi di Eduardo Mele S abato scorso con ospiti scatenati è stata la notte del secondo debutto del People Club di Vicenza, tra i più interessanti nuovi locali della provincia vicentina. Centinaia le persone provenienti dalla città ma anche tante compagnie accorse da varie zone della provincia nelle due sale di cui dispone il club. Nessun nome di particolare fama era in programma come ospite per la serata, ma c era la garanzia di una consolle magistralmente gestita dai dj resident del locale: la coppia di dj The Kids ed il veterano dj Sig. Sam, affiancati da nuovi ma esperti arrivati, quali i dj Ivan Cadiz e Ugi. Moltissime le novità introdotte quest anno e molte le conferme rispetto alla passata stagione. Anche per quest anno vengono infatti riconfermati i quattro sabati mensili di stampo commerciale, che vedranno l alternanza dei resident dj ad altri artisti della zona, italiani e stranieri, e che offriranno periodicamente serate a tema e sorprese sceniche degne dei migliori club nazionali. I venerdì invece saranno così organizzati: il primo venerdì del mese sarà dedicato alla grande musica live, come già l anno scorso è stato fatto con i concerti di Linea 77, Omar Pedrini, Verdena ed altri ancora; il secondo venerdì del mese è targato anni 90 e Funky Remember, e vedrà nuovi ospiti calcare il palco del people Club, primi fra tutti gli Eiffel 65 con il grande show in programma per venerdì 11 novembre; il terzo venerdì si riconferma la serata di tendenza del locale, con i party dal gusto internazionale dello staff HUND; infine l ultimo venerdì del mese è riservato ai MUV party, la serata per gli universitari vicentini e non solo, con promozioni per tutti coloro che si presentano con il libretto universitario a partire dall ingresso fortemente ridotto. La vera novità della stagione tuttavia è un altra. Per la prima volta a Vicenza infatti due locali si sono uniti in una sola realtà: la discoteca Palladium, realtà hip hop nota in tutta Italia da poco off, si è infatti unita all offerta artistica del People Club creando così due situazioni all interno del locale: in sala principale musica commerciale organizzata dal Black Mamba Team ed in sala privé l hip hop di tendenza gestito appunto dallo staff del Palladium.

3 terzapagina 221 del 14 ottobre 2011 pag 3 Steve Jobs: anche io gli devo qualcosa, dal 1985 di Giovanni Coviello Se n è andato a 56 anni Steve Jobs, uno dei tre fondatori della Apple, e con lui una parte di me, che pure di lui sono più vecchio di quasi un lustro. Jobs, il mito della Apple di sempre, il 1 aprile 1976 la fondò con Steve Wozniak e il primo finanziatore Mike Markula, l ho incontrato nel 1985 in uno dei suoi regni di allora: Cupertino, in California. Un momento di emozione e di riflessione per rimettere in ordine (la mia età non mi chiede scusa) le mie piccole memorie di quel grande uomo, che ha contribuito a cambiare la storia del mondo e, più in piccolo, la mia. E da cittadino ora di Vicenza e da ex ingegnere elettronico romano di allora vi racconto quello che ricordo. Era, quindi, maggio, nel 1985, addirittura pochi giorni prima che Jobs fosse defenestrato dal vertice della società dal suo delfino ma poco visionario John Sculley. Salvo tornarvi molti anni dopo per farla rinascere dalle sue ceneri e farla tornare ad essere la stella che ora è. Era maggio quando la Apple, quindi, premia i migliori suoi partner europei con un viaggio in Usa (nella foto la pubblicità di allora con Jobs che presta il suo volto alla sua azienda: oggi dopo 26 anni lo fanno in tanti, ma lui pensava diversamente, n.d.r.). Tra le aziende italiane c era quella per cui lavoravo dal 1981 promuovendo, vendendo e assistendo, già di mio senza il classico camice bianco da ingegnere, i loro computer. Fin dall epoca dell Apple II, il primo vero personal computer di successo con ben 48 Kb di memoria Ram (sì, Kb, non è un errore di stampa, ma siamo a 26 anni fa, una vita, di più, un era nell informatica). Dovevo andare con mia moglie ma pochi giorni prima la mia signora subisce un incidente d auto a Roma, con la macchina distrutta, dei bei bozzi sul volto ma per fortuna senza i due gemelli di quasi un anno a bordo. E io, come sempre incoraggiato da lei, parto, comunque. Da solo. Forse con lei avrei fatto più turismo (forse!). Ma da solo, di giorno, mentre tutti gli altri se ne vanno in giro tra Twin Towers, Rodeo Drive e Golden Gate a seconda che fossimo a New York, Los Angeles o San Francisco, io giro le città a stelle e strisce per capire come lì si vendono i personal computer, della Mela e non solo. E, con gli occhi da cliente ipotetico per studiare come attrarne l interesse poi, da venditore, visito i grandi magazzini Macy s, tra i primi, 26 anni fa!, a vendere informatica. E poi i singoli negozi e le catene di computer shop, da Business Land a Computerland. E il turista? Faccio anche quello, ovviamente, malato come sempre sono stato di iperattivismo. Ma rigorosamente di notte. E (inconscientemente?) anche nel Bronx (e quì abbiamo paura di campo Marzo?). Ma poi arriva il clou: da San Francisco tutti verso le cattedrali della Silicon Valley. Tutti, rigorosamente in pullman, meno io e un dirigente dell allora importatore in Italia della Apple, che, assetati di novità, non ci lasciamo sfuggire una botta di vita Usa on the road, affittiamo un auto (di quelle poco ecologiche di allora) e scivoliamo verso Cupertino, sede principe dell azienda di Jobs, percorrendo per la prima volta autostrade a quante corsie non so. Arriviamo e entriamo nel tempio. Non vi racconto nulla che non sia noto se non pochissime particolarità. Accanto alla sede di ideazione, progettazione e costruzione dal 1984 dei Macintosh (i Mac da cui poi sono nati i prodotti attuali e dal cui sistema operativo si è sviluppato l approccio user friendly ai computer e, poi, gli Ipod, Iphone e Ipad) c era un negozio. Di computer? No. Di gadget col simbolo della mela: dalle tazze, agli asciugamani da spiaggia, alle vele per surf, alle penne, anche quelle d argento col micro simbolo del trio della Apple sul cappuccio che avevano l onore di essere esposte anche da Tiffany nella Fifth Avenue a New York. Cosa c era di particolare in questo classico sistema di fidelizzaione dei clienti? Nulla se non che si era, ripeto, a 26 anni fa. Profetizzavano prodotti e marketing Jobs e la sua allegra brigata,che non erano partiti, però, come racconta l agiografia, solo vendendo un vecchio Maggiolino per finanziare il primo progetto, l Apple I, in un garage ma con dollari di Markula, già genio della Intel, oltre, ovviamente, alla loro montagna di neuroni. E io imparavo e bevevo da loro. Tutto. Per poi italianizzarlo in una società, quella da cui venivo, che di là a poco diventava in Italia (sorry, addirittura con base a Roma!) la più grande tra le piccole nel mondo dei computer. La seconda cosa che voglio (devo) raccontarvi è quella fisicamente legata a Jobs. Dove lo incontro, lui e non gli altri due? Nell atrio della sede. Emozione? Tanta quando ci racconta come vede il mondo del futuro. Ammirazione? Di più quando ci fa vedere dal vivo quelle cose che anche i più piccoli imprenditori oggi conoscono bene, come il just in time, con i Mac che escono dalla catena e vanno direttamente nelle pance dei camion, degli americani trucks pronti a partire per il mondo (e, credetemi, ce n era anche uno di una Coviello s trucking company, di cui ancora oggi quanto vorrei, oddio!, conoscerne il mio omonimo proprietario!). Ma anche se avevo, istintivamente, dismesso il camice bianco, appena uscito dalla multinazionale di radar in cui avevo lavorato per occuparmi di quella che era solo in nuce la marea di... computer users, la mia sorpresa fu enorme quando ritorniamo in sede e nelle sale vicine all ingresso cosa scopriamo? Tanto verde, tavoli da ping pong, pianoforti e... tanti ingegneri che scendono dai loro uffici e leggono o giocano o suonano o... Per fare cosa? Per recuperare creatività nella routine. Oggi lo fanno in Google e fa notizia! Ventisei anni dopo! Quest estate, un puro caso prima dell addio da tempo previsto di Jobs, che ha inventato di tutto e anche la vittoria sul tumore al pancreas (ma solo per due volte e non per la terza, quella letale!), sono tornato negli Usa. Lì i miei figli, ora ventisettenni, fanno i ricercatori, tra i cervelli che emigrano, alla Ucsd, l university of California of San Diego. Vicini, non solo fisicamente, a Facebook, Google, Yahoo. Loro usano i nuovi I-Mac, Ipod e Iphone. Quelli che, partendo dalla sua San Francisco, Direttore Responsabile GIOVANNI COVIELLO Editore MEDIA CHOICE s.r.l. Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax Pubblicità MEDIA CHOICE s.r.l. Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax Redazione Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax ENRICO SOLI Marco Milioni Segretaria di redazione Angela Mignano Hanno collaborato a questo : giancarlo andolfatto stefania calledda marta cardini federica ceolato cecilia correale renato ellero andrea genito eduardo mele paolo mele senior angela mignano riccardo solfo leonardo stella giulio todescan doris zjalic dove quest anno ho visitato di nuovo i magazzini Macy s e il Golden Gate, Steve Jobs ha ideato per un mondo che da oggi, lo si usa dire, sarà più vuoto. Per me di sicuro. E dal suo modo diverso di comunicare con gli altri che ha preso una strada diversa la mia attenzione genetica al rapporto con gli altri. Non esagero se dico che senza quell impatto, e l effetto a catena avuto nel tempo su di me, oggi anche VicenzaPiù e BassanoPiù forse non esisterebbero o sarebbero diversi. Sicuramente più piatti. Megalomania? Di Più. Un inarrestabile curiosità verso quello che avviene. Con occhi sulla nostra provincia, ma non da provinciali. E una grande voglia di contribuire a quello che avverrà. Grazie Steve. Anche io ti devo qualcosa. Stampa Centro Servizi Editoriali Grisignano Di Zocco (VI) V. Del Lavoro, 18 Tel Autorizzazione Tribunale di Vicenza n del 22 agosto 2008 Associato Unione Stampa Periodica Italiana Copyright: Le condizioni di utilizzo dei testi e delle foto sono concordate con i detentori. Se ciò non è stato possibile, l editore si dichiara disposto a riconoscere il giusto compenso. VicenzaPiù si avvale di opere d ingegno (testi e fotografie) distribuiti gratuitamente con le licenze Creative Commons Attribuzione e Attribuzione - Non opere derivate. Ringraziamo tutti gli autori che ci permettono di utilizzare i loro lavori segnalando il nome o il link ad un loro spazio web personale. Per maggiori informazioni: Giornale chiuso in redazione alle ore di giovedì 14 ottobre 2011 Tiratura: copie

4 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 4 I salvatori della Patria di Renato Ellero Che Berlusconi debba andarsene è argomento talmente evidente che non intendiamo perdere tempo al riguardo. Il problema è: chi è il salvatore della Patria? Il nome più ricorrente è quello di Luca Cordero di Montezemolo (LCdM, per semplicità, n.d.r.). Non volendo essere cattivo non mi occuperò del suo periodo alla guida della Fiat. Mi occuperò invece di come si muove almeno nel Veneto, stando alle parole di chi per censo e per scelta gli è vicino. LCdM avrebbe scelto il proprio referente in un parlamentare (preciso che non indicherò il sesso) del Veneto. Le caratteristiche. 1) Sindaco del centrodestra di una città veneta ideologicamente di centrodestra. 2) Trombato alle elezioni di rinnovo come sindaco, sconfitto al primo turno dal candidato del centrosinistra. 3) Candidato dal Pdl alla Camera. 4) Deputato in carica. 5) Ligio votante ad oggi la fiducia al governo Berlusconi. Potrei divertirmi ma non lo faccio perchè questo, purtroppo, porterà ulteriore danno al Paese. Credo di non dover commentare una tale scelta. Forse è il caso che qualcuno gli spieghi (a LCdM) che in questo Paese è necessario un distacco secco dal passato e da tutti i gravi inquinamenti che l hanno caratterizzato. Va detto che non mi diverte notare quanti omuncoli (anche donne) di centrodestra comincino a prendere le distanze preparandosi al salto della quaglia. Quello che sono queste persone, ed i giornalisti che concedono loro spazi, non e degno di commento. Certo Scajola non sapeva che gli avevano pagato l appartamento, ma questi non sanno nemmeno come si chiamano! Anzi hanno votato Pdl, ma a loro insaputa! Povera Italia! Luca Cordero di Montezemolo Un altra Italia Della Valle e il salto dei canguri! di Paolo Mele senior Avete un età compresa tra i 50 ed i 60 anni? Siete stanchi e stressati dal lavoro e da problemi economico-familiari? Trigliceridi e colesterolo sono alle stelle ed il medico vi ha diagnosticato un inizio di diabete? Tranquilli, non c è nulla di cui dobbiate preoccuparvi, è tutto a posto. Infatti è statisticamente provato che la durata media della vita si è elevata di circa anni e che pertanto non potete morire. Come dite? Un collega, vostro coetaneo, è morto d infarto l altro giorno e ce n è un altro in chemioterapia da circa tre mesi? Evidentemente erano male informati o peggio, all italiana maniera, hanno deciso di fare i furbi, dimostrando un pessimo senso civico. Vi ripeto: fisicamente, ed ancor più fiscalmente non è possibile. Anzi non vi è concesso morire! Dovete continuare a lavorare, e soprattutto a pagare le tasse. Dovete continuare a versare i contributi per la pensione che, anche se avete già maturato, proprio in ragione dei suddetti nuovi parametri esistenziali, vi sarà corrisposta un po più avanti... diciamo intorno ai 70 anni (?), quando secondo le statistiche contributive i sopravvissuti della vostra generazione potranno finalmente godersi i mali della loro vecchiaia. Un diritto oggi maturato da migliaia di lavoratori che dopo 40 anni non percepiscono alcuna pensione e sono costretti a continuare a lavorare chissà per quanto ancora, per di più con i contributi aumentati, se non addirittura raddoppiati. Un regalo di chi ci governa, frutto velenoso di una delle ultime, innumerevoli, manovre finanziarie, o pseudo tali. Manovre che già da tempo avrebbero dovuto comportare il ritiro della patente di governo a questi conducenti ubriachi di tracotanza e potere. Una casta incapace delle più piccole rinunce, ma all unanimità pronta a pretendere il sacrificio del Popolo (che casta sia con la minuscola e popolo con la maiuscola chissà se lo capirà, la casta?, n.d.r.) che avrebbe avuto il dovere di tutelare. Una casta che dove può arraffa, nel grossolano tentativo di appianare i conti, sempre più in rosso, delle sue sconsiderate gestioni, estendendo il peso delle insostenibili tassazioni a carico di chiunque. Non escluso imponendo occasionali gabelle per i più indigenti, quali questuanti e meretrici di strada, col pretesto di restituire decoro alla città. di cui essi per primi si rilevano, talvolta, espressione indecorosa. Ed allora forse è il momento di riprendere in mano il volante di questa democrazia, affinché non sia più un monopolio di costoro, condonati fiscali, evasori multinazionali, falsi profeti del peccato fiscale, o pargoli monodotati del nepotismo di potere. Ma ritorni ad essere la democrazia di tutti. Perchè quello di costoro è un Paese di cui non faremo mai parte. La nostra è un altra Italia, un Italia nata dal sudore e dal sangue del Popolo, linfa preziosa del suo futuro e non elisir di lunga vita da mungere per il benessere di pochi. Diego Della Valle (r.e.) Che Della Valle (che chiameremo nel seguito D.V.) avesse comprato spazi sui quotidiani per spirito costruttivo nazionale lo poteva credere solo lo scemo del villaggio. Nel nostro foro interno lo avevamo capito che quest uomo, abilissimo nel fare quattrini, imprenditore di successo, partecipe del salotto buono (solo in Italia si arriva in quel sito facendo scarpe, magari a Formosa), aveva una intenzione nascosta ma non ne avevamo la prova. Quando a Ballarò, invitato a fare il nome di ministri validi, ha citato come stimati all estero, i nomi di Tremonti, Maroni, Galan, abbiamo capito tutto sulla manovra gattopardesca di D.V. e Luca Cordero di Montezemolo nel recupero del peggio. Tremonti, in realtà, è l unico conosciuto all estero, riconosciuto esperto di tema fiscale, inesistente in tema economico. Non per niente fu considerato per capacità complessiva al 18 posto fra i ministri economici d Europa. Ma almeno di un settore capisce (fisco) anche se racconta balle sul federalismo fiscale e comunque non è ultimo (ma quasi) nella considerazione tecnica europea. Gli imbecilli, che qui si sprecano a parlare conoscendo a mala pena la lingua italiana, vadano a leggersi le pubblicazioni tecniche straniere e fino a quel momento tacciano. Per quanto riguarda Maroni è totalmente sconosciuto all estero. E conosciuto solo a livello di commissione europea dove l hanno accusato (a ragione o a torto) di razzismo, e in Romania e Tunisia per i motivi a tutti noi noti. Che poi conoscano Galan è battuta infelice persino per il più scalcinato comico da avanspettacolo. è evidente che si sta costruendo il cerchio dei mediocri che ad uno come D.V. va benissimo per fare ciò che vuole. A me è pure simpatico, a parte la Fiorentina, ma non posso dimenticare che è stato un sostenitore accanito (credo anche con pecunia) di Silvio Berlusconi; poi, persino (udite! udite!) di Clemente Mastella. Ora Galan, Tremonti, Maroni. Come talent scout in politica il buon D.V. è proprio pericoloso! Sulle sue scarpe mi tolgo il cappello, anche se si dimentica di dire che l Oriente è anche per lui fonte di notevole guadagno, ma nelle sue iniziative politiche penso che sia meglio prepararsi il visto per un lungo soggiorno in Australia. Almeno là il salto lo fanno solo i canguri!

5 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 5 Quartiere Italia: scoprire di piacersi ancora Una zona della città tanto pregiata quanto rivoluzionata. Il parroco don Luca Trentin: A San Paolo si vive ancora bene, i suoi abitanti si danno da fare, ma ci sono problemi di viabilità da risolvere. di Enrico Soli Quant è cambiato il quartiere Italia negli ultimi anni! Impossibile non accorgersene. Quella che è conosciuta anche come San Paolo ed è caratterizzata da vie che portano nomi di poeti e scrittori, è una zona che recentemente ha visto l avvento del liceo Quadri, poi quello della Cisl, quindi si cantieri in viale Ferrarin, in via Goldoni per la nuova palestra e infine l arrivo dei profughi ai Paolini. Viste le strutture già presenti, l amministrazione comunale vorrebbe rilanciare l area nella sua vocazione di cittadella dello sport, magari come ha più volte suggerito l assessore competente Umberto Nicolai dando ragione agli abitanti creando nell ex campo federale quei posti auto di cui il quartiere è privo. Il tutto nell ottica di una rinascita del palazzetto dello sport. Ma è anche un quartiere in parte ancora ferito da problemi ben più gravi, come l alluvione di un anno fa. Alcuni abitanti di via Brotton e laterali non hanno ancora finito di risistemare l abitazione invasa dall acqua che la stagione delle piogge è di nuovo alle porte. La si affronta con un certo fatalismo: Quello dell anno scorso è stato un evento eccezionale, che non dovrebbe ripetersi dicono alcuni residenti della zona. Don Luca Trentin, 50 anni, parroco a San Paolo dal settembre del 2006, vede i cambiamenti in positivo: La presenza del Quadri, con la buona collaborazione instaurata con il direttore scolastico, ha arricchito la zona con un prestigioso liceo. La CISL è un punto di riferimento per molte persone che cercano aiuto per affrontare i problemi quotidiani; i cantieri in Viale Ferrarin si sono conclusi (anche se manca ancora una adeguata segnaletica e una verifica del rispetto della segnaletica) favorendo giustamente il passaggio di chi transita in bicicletta; la palestra di Via Goldoni ha qualificato uno spazio altrimenti sottoutilizzato e la presenza dei profughi ai Paolini non ha arrecato nessun disturbo ai vicini (piuttosto ci preoccupa la gestione di queste persone che, una volta introdotte nel nostro contesto, sono costrette a ritornare in patria...). Questo però un tempo era un quartiere borghese dove si viveva bene: adesso come lo definirebbe visto che da residenziale sta diventando sempre più trafficato per la presenza di servizi che prima non c erano? La mia impressione (vedendo anche i pregiati condomini che sorgono in zona, al posto delle piccole villette di qualche anno fa) è che abbia acquistato in qualità e sia considerato ancora come un bel quartiere della città. Chi ci vive fatica ad abbandonarlo, mentre chi vi arriva lo trova Lavori di asfaltatura. Sullo sfondo la sede provinciale della CISL La chiesa di San Paolo accogliente. Questo non significa che sia tutto uno splendore ; molti problemi della viabilità, specialmente nell orario di entrata e uscita degli studenti, non sono risolti, e resta soprattutto la maleducazione di tante persone che usufruiscono delle strutture presenti, lasciando i proprie automezzi - spesso di non piccole dimensioni - in posti forse per loro comodi, ma di certo scorretti e inadeguati per gli abitanti. Chi poi abita più prossimo alle strutture ha sicuramente anche dei disagi, ma da questo a fare di ogni erba un fascio, ne corre!. Sia a San Paolo che a San Bortolo ci sono aree che da anni attendono di essere liberate : mi riferisco all area del campo federale e a quella dell ex centrale del latte. Sono temi sentiti dalla popolazione o battaglie condotte solo dai rappresentanti dei coordinamenti? Sul coinvolgimento delle persone... non è una cosa facile per nessuno! Lo si è visto per il Dal Molin come per altre emergenze... tendenzialmente ognuno preferisce non essere disturbato, e si attiva solo se vengono intaccati i suoi interessi, appena il problema si sposta alla via adiacente, già perde di interesse. Non trovo comunque scorretto che alcuni si facciano promotori di miglioramenti nel quartiere e propositori di progetti qualificanti la zona. Si dia poi il giusto spazio al dibattito, e siano gli amministratori della città, animati da autentico spirito di servizio e guidati dal bene comune, a fare le scelte più appropriate, sulle quali poi saranno giudicati al momento delle elezioni amministrative. In generale di cosa si lamentano e cosa le chiedono i parrocchiani? Più che lamentele, ascolto e vedo tante persone che nel loro piccolo - nei gruppi parrocchiali e non, sportivi, nelle associazioni, nella scuola, Don Luca Trentin nel volontariato... - danno il meglio di sé per rendere migliore il quartiere in cui vivono, creando relazioni positive con i giovani, con i genitori. Vedo persone che si impegnano personalmente e responsabilmente a migliorare la vita delle persone più in difficoltà. Con queste premesse ritengo che anche i problemi e le difficoltà che inevitabilmente sorgono, possano essere superati con spirito di collaborazione.

6 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 6 Gli amarcord di Rossi: la mia Aim fac caldeggiato anche da Variati. E L ex presidente di Aim sulla graticola giudiziaria e manageriale è un tranquillo ma furioso fiume in piena. Con lui in questo di Giovanni Coviello Dopo le confessioni di Fazioli e le risposte di Variati, inframezzate dalle contrrossiaddizioni di Colla (se, come di dovere, diamo credito al sindaco) e dal silenzio storico di Vianello, il più vecchio di tutti loro in Aim, proviamo a descrivere un altro arco del cerchio infinito (e poco magico) di Aim. Giuseppe Rossi da presidenstrascte ne ha scritto parte della storia più o meno controversa ma fa ancora parte della sua cronaca per gli strascichi giudiziari in cui è o lo hanno coinvolto Guardi, a livello giudiziario l unica cosa che io posso dire, visto che c è un indagine aperta, è che comunque io sono assolutamente innocente e che le carte stanno dimostrando ai giudici che effettivamente la situazione è in realtà così. L accusa specifica qual è? L accusa specifica che riguarda Aim è il fatto che sia stata comprata Marghera facendo un favore al geometra Valle, per il quale non si capisce quale tipo di favore io avrei potuto fare visto che Marghera è stata comprata nel 2006, mentre secondo loro i fatti risalgono al 2003 quando l abbiamo presa in affitto. Dal 2003 al quando è finito il contratto di affitto io non so che garanzie di affare avrei potuto dare: visto che in quel periodo sono stati rinominati tre consigli di amministrazione, credo che nessuno sia in grado di garantire a qualcun altro Se ricordo bene voi avete affittato quell area da Noi abbiamo affittato quell area da Ecoveneta, Ecoveneta ha fatto questo contratto di affitto e noi abbiamo detto partecipiamo con voi a questa operazione, anche perché per noi poteva essere solo un ragionamento di interesse per chiudere il ciclo completo dei rifiuti Il sito era ancora proprietà di Valle Era proprietà di Valle Gestione Ecoveneta insieme ad Aim Attenzione, però, perché Ecoveneta prende in affitto da Valle poi viene da Aim e dice facciamo assieme. Per me in quel momento l interlocutore è Ecoveneta (del gruppo Maltauro, n.d.r.), noi non abbiamo mai trattato con Valle. Aim Bonifiche nasce dopo, al tempo si chiamava Aimeco, questa era la situazione poi si è montato un caso Lei, quindi, ha trattato sempre con Ecoveneta non con Valle Io ho trattato sempre con Ecoveneta ma io non ho neanche trattato con Giuseppe Rossi Ecoveneta, io ho trattato, credo una volta, col dott. Lombardi dopodiché era la struttura che si occupava di trattare con Ecoveneta, ma poi io non ero nemmeno nel consiglio di amministrazione di Aimeco, sono stato nel cda finchè non ha operato, quando ha iniziato ad operare io non ero più nel cda. Comunque il presidente è il presidente per cui ha sempre delle responsabilità ed io non voglio sicuramente esimermi dalle responsabilità. Credo che sia stata fatta una cosa corretta, onesta senza nessun tipo di secondo fine e lo stiamo dimostrando Giglioli quando entra in ballo in questa questione Sulla vicenda di Giglioli è un po difficile dire quando entra in ballo, Giglioli entra in ballo per fare una perizia quando stanno trattando per acquistare l azienda Stanno, cosa intende? Trattano il presidente di Aimeco che all epoca è il dott. Bordin e il cda che è formato anche da Bertelle e Carta (Bruno, n.d.r.), sono loro che trattano con Ecoveneta. C è la documentazione che dimostra che il cda nella holding viene a relazionare su ciò che fa e la holding lo condivide Quindi loro stanno trattando con Ecoveneta l acquisto dell area e chiedono una perizia a Giglioli Chiedono una perizia a Giglioli che fa una sua perizia dell area e dà il valore che ritiene questa valga A lui è fatta colpa di aver avuto rapporti di affari con Valle Sì lo ho letto anche io nelle carte, sono un po delle fantasie e il tempo lo dimostrerà. Poi dovremmo tornare indietro per fare un ragionamento serio, perché questa è una mistificazione mediatica, secondo me, di tutto quello che è avvenuto prima perché Variati ha vinto le elezioni continuando a sostenere che Aim era un disastro, che Aim era un buco. Io dico falso, falso, questo è tutto falso. Quando noi siamo arrivati in Aim l azienda faceva 130 milioni di euro di fatturato, questi sono dati che Variati con tutta tranquillità può andare a prendere in Aim e se ha voglia li pubblica e io sono qua disposto a commentarli in pubblico. Nel 2001 Aim faceva136 mlioni di euro di fatturato, quando sono andato via io faceva 270 milioni di euro. La realtà è che Aim per un sacco di anni ha trasferito circa milioni di euro al Comune pagando 4-5 milioni di euro imposte. E secondo Variati o secondo chi ha fatto questa grande pubblicità un azienda è decotta se riesce a produrre reddito per milioni di euro? Quindi 130 milioni era il fatturato iniziale, 270 milioni quello a cui lei era arrivato con un margine di utile consistente che le consentiva di pagare le tasse e retribuire il socio di controllo Ma se lei va a vedere la perizia che ha fatto fare la procura, da tre professori universitari credo, mi dica se il comune ha depauperato l Aim. In questa perizia c è una parte in cui i periti dicono no, assolutamente non ha depauperato l Aim. Il comune poteva addirittura chiedere di più all Aim. Allora io vorrei sapere dov era quest azienda decotta! Il comune chiedeva quegli importi come conferimento o come utile? Noi pagavamo dei canoni di concessione che erano milioni di euro all anno. Poi trasferivamo anche degli utili al comune, pagavamo delle imposte. Quello che Aim conferiva al comune faceva parte dei costi? Si certo. La realtà è che alla fine noi abbiamo sempre trasferito una grande quantità di denaro, c è stato un periodo in cui hanno decantato che i nostri bilanci erano eccezionali. Prima di andarmene fu incaricato un grosso gruppo di professionisti milanesi di fare uno studio su tutta Aim in cui avevano detto che Aim era sana e che l unico problemino che poteva avere era la crisi di crescita. Cioè la crescita è stata troppo rapida per cui c era un indebitamento un po più alto di quello che aveva prima. Ma attenzione, hanno detto che l indebitamento era di 130, 200, 180 milioni di euro mentre la verità è che quando Dario Vianello sono andato via nel 2007 l Aim aveva 90 milioni di euro di debiti su 270 milioni di euro di fatturato. Quando qualcuno dice siamo stati bravi perché abbiamo ridotto il debito e io vado a vedere qual è la riduzione del debito e il debito si riduce nel lungo termine questo vuol dire che hai solo pagato dei mutui, il debito non è quello, per cui in realtà quando facciamo questo tipo di ragionamenti stiamo dicendo delle falsità e raccontando ai vicentini delle balle colossali. L Aim è sempre stata un azienda molto sana, un azienda importante, un azienda che è cresciuta, con la mia logica e quella del mio cda che era diversa da quella che aveva il prof Fazioli. L in house secondo noi era già allora una cosa sulla quale non si poteva puntare e il tempo ci ha dato ragione. Noi avevamo detto guardate che con l in house moriremo tutti, per cui noi abbiamo cambiato, abbiamo cominciato a comprare la Sit che faceva gare esterne, affidamenti diretti nel Comune solo con l Aim, abbiamo messo in piedi una struttura che potesse essere snella ma che potesse anche partecipare alle gare. Abbiamo partecipato alla gara di Treviso e abbiamo vinto la gara del gas di 60 milioni di euro, noi avevamo cercato di aprire a mercati diversi. Fazioli quando è arrivato era un forte sostenitore dell in house e mi pare che nell ultima intervista che ho letto e che avete fatto proprio voi diceva sì, se prima credevo nell in house ora non ci credo più. Io non dico nulla, Fazioli ho avuto modo di conoscerlo quando ha fatto un progetto per i trasporti da noi quando io ero presidente di Aim ma per il resto non lo conosco e non

7 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 7 ceva 20 milioni di utili con Vianello il mio bravo dg sapeva tutto to arriviamo a metà corso mentre nella prossima puntata racconteremo l altra metà e lo sbocco nel mare magnum mi permetterei di giudicare chi non conosco. Ma il tempo è galantuomo e il tempo ha dato ragione evidentemente a quello che io pensavo 7, 8 anni fa quando pensavo che l in house sarebbe stata un fallimenro Queste polemiche di Variati e della nuova amministrazione sullo sfacelo di Aim erano polemiche che si basavano anche su dei dati o erano solo polemiche politiche secondo lei? Erano solo polemiche politiche. I latini avevano ragione quando dicevano verba volant, scripta manent, perché se uno prende i bilanci e prende le carte in mano, basta capire cosa c è scritto. I bilanci di allora dicevano che Aim andava bene, era una società sana c erano molti gruppi interessati cioè molte altre multiutility che volevano fare con noi delle fusioni e noi abbiamo valutato i bilanci degli altri. Al tempo devo dirle che Aim era una di quelle che aveva i bilanci più belli e aveva una grande salute pertanto prima di esaminare alcune fusioni noi abbiamo sempre detto qui rischiamo di portare invece di portare a casa Una delle annotazioni che ha fatto Fazioli sulle precedenti gestioni, non so se la sua o quella di Zanguio, è stata: ho preso in mano un azienda che addirittura non era in grado di pagare gli stipendi Secondo me questo è assolutamente falso, in realtà però io non sono in grado di smentire ciò che dice Fazioli per un questione molto semplice. C è stato un anno e mezzo del dott. Zanguio per cui io non sono in grado Achille Variati di capire cosa è successo in quell anno e mezzo. Io sono in grado di dire e di spiegare cosa è successo quando c ero io. Quando c ero io la situazione non era questa, l Aim aveva una grande liquidità una grande disponibilità, ha fatto grandi investimenti, ha fatto grandi acquisizioni ed era diventata una grossa azienda. Era un azienda che comunque sapeva muoversi sul mercato, un azienda che prima si conosceva solo a Vicenza e negli ultimi anni si conosceva in giro per l Italia Un altro appunto che ha fatto Fazioli è che quando è arrivato in Aim lui non è riuscito a scrostare quella che era la struttura di Aim, Variati ha commentato che è stata una colpa sua se non ci è riuscito. C erano queste croste di dirigenza che bloccavano l azienda? Guardi, l Aim ha delle grandissime professionalità Può fare qualche nome Ma io direi un po tutto il gruppo dirigenziale Vianello è sotto tiro in questo momento, Fazioli non risponde, Variati non risponde Io rispondo,sempre, non c è alcun problema. Il dott Vianello lo ha nominato direttore generale il presidente Rossi. Vianello ha un unica responsabilità, secondo me, su tutta la vicenda, perche le capacità non gli mancano. Quella di far finta o quantomeno di far finta a livello mediatico che lui non ci fosse o che lui addirittura non sapesse neanche cosa stesse avvenendo in Aim. Falso, falsissimo perché il dott. Vianello era il di riferimento non solo mio ma di tutti i consiglieri. Allora o abbiamo sbagliato tutti,e io non lo credo assolutamente quindi salvo anche Vianello. Oppure Variati ha fatto un ottima scelta quando ha messo come direttore generale il dott. Vianello Lui dice che non è intervenuto e che è stata una scelta di Colla, mentre Colla dice che lo ha proposto Variati Io non conosco il dottor Colla per cui non so se lo abbia scelto lui o no Variati quando era consigliere regionale caldeggiò Vianello come direttore generale? Sì, in occasione di una cena, ma non me lo disse lui direttamente. Me lo disse qualcun altro che mi aveva detto Variati. Ma io lo avevo già nominato quindi non mi influenzò per niente. Io Vianello lo ho nominato direttore perché ero convinto e sono convinto che aveva le capacità (m.m.) La procedura con la quale Aim ha scelto il responsabile per la comunicazione. L elenco degli affidamenti che la spa di San Biagio e lo stesso comune hanno conferito a ditte esterne come il gruppo Sartorello. Il dettaglio dei rilievi in ragione dei quali la Corte dei Conti avrebbe mosso dei rilievi che in qualche maniera avrebbero rallentato l iter, ora sbloccato, per la realizzazione del nuovo padiglione fieristico in zona Ovest. Sono queste le domande che da una decina di giorni il Pdl ha indirizzato alla giunta comunale di Vicenza, sia in forma di domanda di attualità sia in forma di richiesta di accesso agli atti presso il comune. «Putroppo però dall amministrazione non abbiamo avuto alcun riscontro». Usa queste parole il consigliere comunale di minoranza Gerardo Meridio (Pdl) il quale non risparmia le critiche nei confronti dell esecutivo capitanato dal democratico Achille Variati: «Parla tanto di trasparenza e poi alla prova dei fatti il comune come casa dalle mura di vetro diventa una chimera. Non si possono violare certi diritti». I documenti chiesti dalle minoranze non sono di poco conto perché toccano alcuni ambiti assai delicati del di fare il dg allora e sono convinto che le abbia adesso. Ma la domanda che mi pongo è: caro sindaco Variati, cosa hai detto in tutti questi anni? Perchè io l ho nominato per primo dg cinque anni fa (nel mi pare) e sono stato più lungimirante di te, l ho fatto cinque anni prima di te. Lo ho messo a fare il dg questo ha fatto il dg e tu dopo 5 anni vieni a dire che nel cda che c era con quel direttore generale erano tutti dei banditi. E ora in realtà Vianello era così bravo che lo rimetti a fare il direttore generale? Vianello era dg nel periodo finale del suo mandato dal 2004 fino a quando lei ha lasciato. Quindi, per capire, lei dice che, per quanto riguarda le accuse che vengono fatte al cda di Aim, siccome il dg era Vianello quest ultimo o era incapace o era partecipe Delle due l una: o non sapeva niente e sistema di potere sull asse che da palazzo Trissino porta direttamente a San Biagio. In questo senso Meridio spara a zero e spiega che «quelle carte ci spettano di diritto in ossequio ai poteri ispettivi che la legge assegna al consigliere comunale. Il consegnarcele non è un favore ma un dovere per l amministrazione». Parole dure che si sommano al fastidio accumulato nei giorni, dopo che durante il consiglio comunale a cavallo tra i primi di settembre e i primi di ottobre il sindaco non aveva non meritava, quindi, di fare il direttore generale allora come adesso. O sapeva tutto e allora era talmente bravo non c è storia. Su questo non posso essere smentito da nessuno, però io sono convinto che Variati ha fatto un ottima scelta. L azienda è sempre andata bene, non so come vada adesso perché i numeri non ce li ho Ci fermiamo qui per questo e lasciamo a VicenzaPiu.com e a VicenzaPiù n. 222 l altra metà dell intervista in cui dopo gli industriali (Amenduni, Beltrame) e Assindustria entrano in ballo Stabila, Zanguio E, al termine della pubblicazione, faremo qualche commento. Per ora tutto, o quasi, si commenta da solo. Come nello spirito del documento che a puntate stiamo producendo sulla più grossa realtà pubblica della città, in cui bello e bruto hanno strani confini. Aim nel mirino Il Pdl attacca: niente documenti su San Biagio e sugli affidamenti al Gruppo Sartorello. Meridio: «Non si possono violare certi diritti» Gerardo Meridio risposto alle domande targate Pdl durante il question time perché a suo dire non era in grado di fornire la documentazione richiesta (VicenzaPiu.com del 4 ottobre). «Di giorni ne sono passati parecchi - attacca ancora Meridio - e a noi non è ancora pervenuto un bel nulla. Come mai questi ritardi strani? Che cosa c è dietro?». Il consigliere non fa riferimenti precisi ma in controluce si legge una critica all entourage del primo cittadino. Il quale, seppur indirettamente, è anche stato sollecitato con una precisa missiva del presidente del consiglio comunale, il democratico Gigi Poletto. Per di più in tema di trasparenza alle critiche del Pdl si sommano gli interrogativi del consigliere del Pd Sandro Guaiti il quale diverse settimane fa aveva chiesto lumi sull elenco completo dei consulenti che dal 2008 in poi avrebbero beneficiato di un contratto col comune capoluogo. Elenco «ancora massimamente incompleto il quale per legge andrebbe pubblicato con tutti i dettagli del caso». Una critica che in passato non era sfuggita allo stesso Meridio il quale si era ripromesso di accendere un riflettore anche per la questione consulenze.

8 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 8 Dilemma pedonale La ventilata chiusura al traffico di corso Fogazzaro, salutata con favore anche da residenti e commercianti, potrebbe scontrarsi con le mire dell assessorato alla mobilità che cerca nuovi posti auto a San Biagio di Marco Milioni dall autunno dello scorso anno È che il sindaco berico Achille Variati coltiva un piccolo sogno. Quello della pedonalizzazione, prima parziale, poi forse totale, di corso Fogazzaro. Era il Giunta e Aim festeggiavano il completamento in anticipo della riqualificazione della zona a ridosso tra San Biagio e corso Fogazzaro. Toni Trentin sul portale del GdV del 3 ottobre scriveva così: «Ma il bello deve ancora venire, forse. Finito questo stralcio operativo, in febbraio parte l altro, quello metterà a posto la strada fiancheggiata dai portici verso i Carmini: i sottoservizi interrati, gli innesti verso case e botteghe predisposti, il manto stradale sostituito... E a quel punto, sulla scia della chiusura per la rimessa a nuovo della carreggia- presieduta da Tiziana Zammattio, sono tentati dall idea di sperimentare una chiusura parziale, fino allo slargo della chiesa dei Carmini. Una novità da proporre ai vicentini intanto al sabato (o almeno al sabato pomeriggio) per vedere l effetto che fa una passeggiata commerciale alternativa all affollamento del corso Palladio». Il sindaco cinguettava la pedonalizzazione, i commercianti della zona gradivano anche perché per molti, tra residenti e imprenditori, il gran flusso delle auto in zona è un tappo e non un pungolo per gli affari. E ancora Trentin dà la parola, sempre sul GdV del 3 ottobre alla Zammattìo con un paio di incisi che danno bene il senso della vicenda: «L importante - dicono accettando e rinforzando l ipotesi rinnovata ieri da Variati e dall assessore allo sviluppo economico Tommaso Ruggeri - è che ci siano occasioni che facciano da richiamo». Le minoranze chiedono trasparenza sui fondi Aim ta destinata a diventare la più bella del centro storico e aspettando la risistemazione anche dei marciapiedi porticati, si potrà porre sul tavolo della discussione tra Amministrazione, negozianti e residenti la parola che altrove è un tabù ma che qui si può pronunciare: pedonalizzazione. Ne parlano gli stessi operatori: parecchi tesserati ai Portici di corso Fogazzaro, l associazione Passano un po di mesi. E all improvviso, all inizio dell estate 2011, si materializza quasi dal nulla la necessità di un aumento del dei posteggi presso il parking Carmini. Aumento che avverrebbe cercando spazi utili nella sede Aim di San Biagio. Tant è che il sindaco si muove in fretta; chiede alla municipalizzata di cercare un area alternativa per togliere dal centro storico il deposito coi camioncini inquinanti di Aim. La spa comunale, lo rivela VicenzaPiù, sforna un bando cucito su misura per un area dismessa del Gruppo Maltauro. Le opposizioni di centrodestra insorgono. E il bando sbanda. Poi d improvviso sul GdV del 29 settembre esce uno strano articolo di Nicola Negrin nel quale ritorna in pompa magna l ipotesi Carmini bis, che poi si tramuta in posti auto da cercare a San Biagio. Stavolta il presunto inquinamento dei mezzi Aim, almeno Uno scorcio di corso Fogazzaro mediaticamente, non è più una priorità. La priorità è il Natale, leggi shopping natalizio. A parlare del progetto, almeno sulle prime non è alcun membro di giunta, non il presidente di Aim Paolo Colla, ma il direttore generale della multiservizio: Dario Vianello, un fedelissimo di Variati. Un progetto da 1,6 milioni di Euro. Tant è che Ruggeri suda freddo. Alcuni tecnici comunali in seno al suo assessorato gli spiegano che l accelerazione voluta da Vianello e cara al consigliere comunale delegato alla mobilità Claudio Cicero può nuocere alla prospettiva di lungo periodo («la pedonalizzazione») accarezzata da commercianti, residenti, da pezzi importanti di Ascom e dallo stesso primo cittadino. La domanda di fondo è una. Che senso ha spendere tante risorse, alcune rimediate a fatica fuori dal comune, per riqualificare corso Fogazzaro in previsione di un divieto alle auto, se poi si spendono altri quattrini proprio per far giungere in zona altri «mostri a quattro ruote»? I quali, si sa, rendono in termini di pedaggi e cassa, magari con il fine di realizzare altre opere, ma inquinano non poco. Infatti pure Variati è preoccupato. Non gli pesano tanto i possibili contrasti in giunta, ma le possibili critiche di commercianti e residenti che per primi avevano abbandonato un tabù, quello delle ZTL da espandere, che a Vicenza è duro a morire. Lo stesso Cicero, in un paio di colloqui riservati con Variati, avrebbe riconosciuto la sostanza del problema. Proprio per questo motivo il capo dell esecutivo avrebbe messo al lavoro una taskforce multisettoriale con un obiettivo preciso: trovare una soluzione al contempo soft ma scientificamente pianificata in modo da non scontentare nessuno e in modo da poter testare entrambi i due approcci ai problemi di una spina nord del centro che da anni mostra pochi segni di vitalità. Frattanto però le minoranze di centrodestra rimangono col fucile spianato. Vogliono capire infatti se i danari che Aim userà per questo piano «resosi improvvisamente necessario» saranno impiegati con procedure trasparenti o meno.

9 città 221 del 14 ottobre 2011 pag 9 Purga berico-padana Il Carroccio vicentino è tra i terreni più duri di scontro di una lotta intestina che a livello nazionale vede i fedelissimi del senatùr sempre più accerchiati dagli eventi e dai leghisti dissenzienti: così il movimento rischia l implosione di Marco Milioni La guerra intestina al Carroccio berico è in realtà la riproposizione su scala locale di quanto sta accadendo nel partito nordista da Roma in su. Non sono pochi gli analisti che vedono una Lega nella quale l entourage del leader Umberto Bossi usi «le purghe» come l ultimo baluardo prima dell implosione in un movimento che sta andando alla deriva. Un movimento nel quale una parte abbastanza ben rappresentata che fa capo al ministro dell Interno Bobo Maroni e al sindaco di Verona Flavio Tosi, fiutando la debacle, starebbe flirtando con ambienti del nascituro terzo polo. Ad ogni buon conto il congresso regionale veneto alle porte ha acuìto queste tensioni (espellere o declassare al rango di semplice sostenitore un simpatizzante dell ala Tosi significa non farlo votare in assise politica) tanto che casi eclatanti di «purghe» come quello della sede di Arzignano sono addirittura finiti sulla stampa nazionale. E così la base ha paura; anche quando deve esprimere giudizi in pubblico. In questo quadro il coordinatore veneto Gian Paolo Gobbo ha identificato nel ruolo di «epuratore» il deputato vicentino Manuela Dal Lago che da mesi sferza la terra veneta in cerca di chi ha deragliato rispetto al binario prestabilito a Milano in via Bellerio, sede nazionale del partito. Tant è che in un contesto del genere non si possono sottacere le denunce sul piano storico contenute nel libro inchiesta Umberto Magno scritto da un ex leghista di lusso come Leonardo Facco. Quest ultimo a metà settembre nel presentare la sua fatica letteraria sotto i portici della basilica Palladiana a Vicenza, aveva fatto una serie di riferimenti precisi alle recenti espulsioni eccellenti in corso nel Vicentino e le aveva ricollegate a quanto sta accadendo a livello nazionale. «Oggigiorno - precisa l autore - la Lega continua ad essere ciò che è sempre stato. L aziendina di Umberto Bossi, il quale è una persona malata con poche ore di autonomia al giorno. Per cui l amministratore delegato di tale ditta è la moglie di Bossi ovvero Manuela Marrone. La quale usa il marito come la madonna pellegrina per mostrare a tutti che il Carroccio è ancora lui e si fa ciò che decide lui». Secondo Facco nel Carroccio, almeno politicamente, «non esistono differenze o orizzonti plurimi». Per cui «o stai con Bossi, e allora fai carriera; oppure non stai con lui e di conseguenza vieni deprecato o cacciato in malo modo». In questi giorni peraltro sui media nazionali ancora una volta è stata rilanciata la questione dei rapporti politico-economici tra il leader del Pdl Silvio Berlusconi e lo stesso Bossi. Su Rai Tre un altro ex di primo piano dell area Lega, il giornalista Gigi Moncalvo, il 2 ottobre durante il programma condotto da Lucia Annunziata, aveva spiegato che «Berlusconi aveva fatto un intervento economico pesante a favore della casse della Lega» sia sul simbolo sia per ripianare debiti in capo al Carroccio. Ma che cosa sta succedendo quindi nel movimento? Come mai, per esempio, militanti leghisti della base nel comune vicentino di Trissino (servizio a pagina X) chiedono l anonimato per contestare il conflitto di interessi in Leonardo Facco capo all assessore all ambiente in una giunta monocolore padano? Per spiegare una situazione del genere tornano ancora buone le parole pronunciate da Facco a Vicenza: «Le condizioni di emergenza strutturale che hanno spinto persone in buona fede a credere nel progetto leghista c erano già vent anni fa e oggi sono ancora più incancrenite». Il pensiero dello scrittore corre alla crisi economica e alla situazione critica dei conti pubblici e poi aggiunge che «non va dimenticato che il 70% degli abitanti del Settentrione almeno una volta ha votato Lega. Tant è che sul territorio in questo momento si stanno rafforzando movimenti di ex leghisti, i quali oltre a mietere qualche consenso, hanno mantenuto quello spirito originario in forza del quale stanno dimostrando che il Carroccio è ed è stato il più grande bluff capitato sulle genti del Nord». Comunque gli spunti per un dibattito aperto non mancherebbero. Tanto per dirne una. Il giorno 11 marzo di quest anno a pagina 4 VicenzaPiù ha pubblicato un lungo reportage nel quale è stato acceso un faro su più di un nervo scoperto. Almeno sul conto di alcuni papaveri leghisti vicentini, fedelissimi della Dal Lago in primis. Epperò dal segretario provinciale Marita Busetti non sono arrivate repliche di sorta. Perché? Facco per di più, che è anche stato tra i giornalisti di punta de La Padania nonché ex dirigente del partito nordista, aggiunge ancora un altro tassello con una sfaccettatura «berica» precisa: «Poiché il mio libro è stato molto censurato mi sono buttato sulle presentazioni. Ne ho fatte 43 e in ogni posto in cui andavo mi si presentava l ex leghista di turno o il cittadino di turno per darmi i documenti o addirittura dossier belli e pronti con le porcherie inenarrabili di qualche rappresentante del Carroccio. Raccogliendo la documentazione» anche per quanto concerne casi vicentini «mi sono accorto che la Lega Nord è una vera e propria associazione a delinquere, con una quantità enorme di pregiudicati, di persone sotto giudizio, con settori ancora da esplorare». Un esempio? «Non si può nemmeno avere idea delle porcherie che ci sono sotto l affare quote latte e dei relativi rimborsi».

10 costume&società 221 del 14 ottobre 2011 pag 10 Zuccato esorcizza l effetto Marchionne, Bergamin paladina di Confindustria Imprenditori e lavoratori per una volta uniti: ma è il modello di sviluppo la crisi vera di Federica Ceolato Anche a Vicenza si fa sentire l eco della decisione di Sergio Marchionne di uscire da Confindustria. Il presidente degli industriali vicentini, Roberto Zuccato, che non si sbottona su possibili defezioni dalla locale Assindustria, ha, comunque, scritto nei giorni scorsi agli associati in via preventiva: In un momento così drammatico per la vita del Paese, il mondo produttivo deve unire gli sforzi e rinunciare ai personalismi. Anche Marina Bergamin, segretaria provinciale Cgil Vicenza, ritiene non condivisibili le motivazioni che hanno portato Fiat a decidere di uscire dal sistema. Marchionne continua a sbagliare, innamorato dell art. 8 della legge finanziaria. Per noi una cosa è chiara: l accordo unitario del 28 giugno scorso è alternativo a quell articolo, sposa un altra filosofia, fa sintesi tra interessi apparentemente diversi che possono e devono convergere, ossia la crescita della competitività e la difesa del lavoro dei lavoratori. Una sintesi cruciale per uscire dalla crisi senza rotture irreparabili e per guardare avanti. Rotture irreparabili e deregolamentazione totale che, viceversa, alcuni (Marchionne e Sacconi per fare solo due nomi) auspicano con enorme miopia. Rotto il sindacato ora si vuol rompere Confindustria per andare dove? Al far west contrattuale? Follia. Piccoli Marchionne spunteranno anche a Vicenza? E possibile, ma sarebbe un disastro. Noi non ci staremo e speriamo stavolta di non essere soli. Insomma dallo strappo Marchionne e dalle aspettative disattese di gestione politica della crisi, che includono l assenza o la complicità del governo nella fuga prototipo della Fabbrica Italiana Automobili Torino da Assindustria e dall Italia, nasce un inconsueta alleanza, nazionale e locale, tra due delle parti sociali fino a pochi giorni fa in maggior conflitto. Se la Cgil, il sindacato che ha resistito al fascino degli accomodamenti all insegna del meno peggio perseguito invano da Cisl e Uil, e Confindustria, stretta tra il rinculo dell appoggio al governo di fatto ritirato col Manifesto della Marcegaglia e l americanizzazione dei rapporti sindacali voluta da un Lingotto immemore di quanto ha ricevuto dal sistema Italia, stringono un insolita alleanza ci sarebbe da gioire in tempi normali. Ma oggi nel mezzo di una crisi, che lo stesso Trichet annuncia come crescente, viene da chiedersi se basti o se, cosa molto più realistica, non sia da ridiscutere e ridisegnare con urgenza tutto il modello di sviluppo in cui per decenni imprenditori e lavoratori si sono come adagiati. La crisi è finanziaria, dicono gli esperti di turno. E del modello di vita, percepiscono le persone. Che siano sulla poltrona di gestione di un azienda o che ne siano gli ingranaggi operativi. Emma Marcigaglia e Roberto Zuccato, Presidenti Assindustria nazionale e vicentina Onorevoli volgarità Come cambiano il linguaggio e il comportamento dei politici di Stefania Calledda Sdoganata la volgarità persino in parlamento, le cadute di stile della politica nostrana si susseguono a un ritmo preoccupante, tanto che la sensibilità comune inizia a soffrire di un certo disagio: etichettato come bacchettone o puritano, chi subisce la violenza di queste esternazioni fuori luogo, finisce semplicemente per allontanarsi sempre più dalla sfera del politico. È il caso delle dichiarazioni dell ex (?) An Claudio Cicero, consigliere dell opposizione reinventato poi come braccio destro del sindaco Variati alla Mobilità. Spalleggiando l assessore azzurro all Istruzione, Morena Martini, che aveva spedito la Rete degli studenti in mobilitazione direttamente in miniera a sudare sette camicie, Cicero ha rincarato la dose sostenendo Brava: se tu li mandi in miniera, io li mando a zappare. Il tutto nell imbarazzo del primo cittadino che, pur non ancora ripresosi dal caso del suo portavoce Bulgarini, sorpreso alla guida in stato di ebbrezza con conseguente ritiro della patente, si affrettava (e limitava) a supporre un equivoco come motivazione dell exploit dialettico del consigliere mobile. Insomma, se le espressioni colorite della Lega Nord non bastassero, tra roghi di piazza e inviti ad armarsi di fucile anche in quel di Venezia nell ultima Festa dei popoli Padani, ci pensano anche i nostri politici locali a far perdere definitivamente ogni sobrietà alla politica. Del resto, cosa aspettarsi dopo i vari forza gnocca, fatti Claudio Cicero e Achille Variati scopare, handicappata del cazzo per non parlare della pesanti offese alla Merkel del nostro amato premier, e dopo l uso spudorato del dito medio dei nostri parlamentari? E le vittime sono sempre le stesse, donne, disabili, studenti in una società gerontocratica, maschilista e xenofoba, così condita con quella capacità di essere fuori luogo da suscitare l indignazione anche di coloro che per cultura dovrebbero rappresentare le menti più aperte. Il fatto è che si è perso il senso delle parole che divengono turpiloquio laddove si pronunciano in contesti in cui sarebbe adeguata una certa serietà, una misura, ecco, si è persa proprio la misura. Si è male interpretato il bisogno degli elettori di avere eletti più vicini alla loro quotidianità, perché una frase infelice detta in un bar, in una caserma, in una cena tra amici non ha lo stesso effetto in un altro luogo come un salotto televisivo o, peggio, in un luogo o in un contesto di rappresentanza politica e civile. E se molte persone che ascoltano queste volgarità o vedono certi esempi comportamentali ne subiscono la violenza, l imbarazzo, il disagio, il peggio è che altre, giovani e meno giovani, si sentono autorizzate all emulazione: Tanto se lo fanno quelli che sono gli eletti!?

11 focus nume 221 de14 ottobre 2011 pag 11 Paolo Pellizzari: il commissario Costa insensibile al rischio falda sotto la base Usa La provincia ora vuole piezometri profondi 20 m, analisi anche in superficie e più ampie Paolo Pellizzari di Giulio Todescan Nei panni del contestatore No Dal Molin non ci si vede, Paolo Pellizzari, e infatti respinge l etichetta. Ma nelle ultime settimane la bandiera della richiesta di trasparenza sul cantiere Usa che pochi giorni fa ha aperto i suoi cancelli a sindaci e giornalisti, una mossa che stride con l opacità che grava su molti aspetti della costruzione della base è stata di fatto brandita da un attore che nei lunghi anni passati non si era mai distinto per particolare attenzione al tema, ovvero la Provincia. L assessore all ambiente e alle risorse idriche di Palazzo Nievo ha ingaggiato una battaglia a colpi di sollecitazioni formali e successive diffide rivolte a Paolo Costa, il commissario governativo alla costruzione della base Usa. A lui Pellizzari ha inviato la richiesta, dopo che la questione era stata sollevata dal consigliere del Pd Matteo Quero, di fornire i risultati delle analisi sulla falda «profonda» sotto la base. Costa prima non ha risposto, poi, in seguito alla diffida inoltrata dalla Provincia, ha affermato che i dati non lo riguardavano e che andavano casomai richiesti alla Regione. «La sensazione è che Costa si sia decisamente rilassato sulla questione Dal Molin dopo aver risolto la partita delle compensazioni commenta Paolo Pellizzari. Ma non è che siamo tutti contenti, perché uno ha ottenuto le compensazioni, o solo perché i comitati possono farsi un giro nel parco della pace. Noi vogliamo sapere quale impatto sta avendo la base Usa sulla falda, e andremo dritti sulla nostra strada». Sembra un deciso cambio di strategia rispetto all ultimo anno in cui, nonostante teoricamente i dati sulle acque dovessero arrivare ogni tre mesi ai tecnici provinciali, da Palazzo Nievo non si erano alzate voci di protesta ad ogni mancata consegna dei dati stessi. Non mancano di sottolinearlo i No Dal Molin che sul loro sito scrivono: «Ci vogliono 18 mesi perché l assessore provinciale Pellizzari si accorga che i dati per monitorare la falda acquifera vicentina non gli sono mai stati trasmessi?». «La provincia non si è posta come forza estremista in atteggiamento di attacco, ma come un ente politico che voleva tutelare i cittadini ribatte l assessore Pellizzari. Le nostre sono richieste elementari, che non comportano aggravi di costi. A chi abbiamo fatto la richiesta? Non agli americani, che non sono nostri interlocutori, ma al commissario di governo Costa, interfaccia degli americani con il governo. Potevamo anche far richiesta alla Regione, ma la Regione aveva già fatto la sua istruttoria, la Vinca, i cui dati ci sono stati consegnati, pur con ritardi». A far sbottare il pacato Pellizzari è stato l atteggiamento del commissario Costa, che «non ci ha nemmeno degnato di una risposta prosegue l assessore -. Mi pare che ci sia una scarsissima sensibilità, una sostanziale assenza di Costa dal suo ruolo». Da maggio 2010 la Provincia non ha più ricevuto i dati sulle analisi effettuate a carico delle aziende operanti nel cantiere della base americana: monitoraggi che vengono fatti grazie ai 10 pozzi piezometri profondi 7 metri esistenti nel cantiere. Nel maggio 2010, la prima rilevazione aveva portato a galla un innalzamento di 30 centimetri della falda (dall ottobre 2008 al dicembre 2009) fra il lato ad est, lungo via Sant Antonino, e il lato ovest verso il Bacchiglione. Un dislivello imputato alla selva di micropali (3798, profondi da 14 a 18 metri) impiantati nel terreno sotto la base e responsabili dell effetto-diga sulla falda sottostante. Il dislivello era stato reputato «insignificante» dallo stesso Pellizzari. Inoltre erano state rilevate, a macchia di leopardo, percentuali oltre la norma di cloruro di vinile e dicloropropano, inquinanti comunque diffusi in tutta la falda acquifera, non imputabili al solo cantiere Usa. «Un anno e mezzo fa abbiamo rilevato che le cose andavano bene, ma chiedevamo una serie di analisi supplementari dice Paolo Pellizzari - In primis non capiamo perché i piezometri erano profondi soltanto 7 metri, e non 18 come i micropali. Secondo: i piezometri sono ciechi nei primi due metri di profondità: perché non analizzare anche acqua della falda superficiale? Terzo: chiediamo di ampliare l analisi sia della qualità delle acque, sia del livello di falda, ad altri piezometri già presenti intorno all aeroporto, ma in un area più estesa del mero cantiere. Una mossa necessaria per indagare i riflessi sulla falda in un raggio più ampio». Ristorante Wok Sushi Dinasty Ogni giorno una novità da scoprire! Il meglio della cucina orientale, ogni giorno la possibilità di scegliere le portate guardandole e di farsi cucinare al momento carne, pesce e verdure, da condire poi con salse più o meno piccanti, spaziando fra sushi e sashimi,cucina cinese e soprattutto carne e pesce freschissimo, cucinati al momento sopra grandi piastre o nelle tipiche wok. E fare il bis, oppure assaggiare nuove proposte del buffet, per soddisfare anche la curiosità, in un atmosfera di delicatezza e armonia. Tutto questo è Wok Sushi Dynasty. Il locale alle Piramidi (ingresso 2, premere il tasto 1 sull ascensore, sapendo però che ci porterà al terzo piano tel ) nasce da un esperienza trentennale nella ristorazione orientale, maturata in Olanda: gli ampi e moderni spazi ospitano fino a 400 coperti, sette giorni su sette, dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle Ideale anche per gruppi, feste private e matrimoni, grazie a spazi riservati al proprio interno, Wok Sushi Dynasty ha anche la forza del prezzo: con euro a pranzo e a cena (bibite escluse) si può mangiare a volontà, scegliendo dal buffet piatti legati alla stagione, preparati con il wok, che dà il nome al locale. Si possono trovare piatti già pronti, oppure tanti cibi che vengono cucinati al momento nel wok, la tipica pentola semi sferica che, con l aggiunta di poco olio vegetale, cucina ad elevato calore e rapidamente, permettendo di conservare la freschezza dei dei sapori e delle sostanze nutritive. Ampia la scelta degli antipasti, che spaziano dai bocconcini con pietanze calde teppanyaki, ai cibi cotti alla piastra in stile giapponese, dal buffet di sushi alle insalate. Accanto alle proposte della cucina cinese con tanti piatti pronti il punto di forza è il buffet per la cottura con wok. Ognuno mette nel piatto gli ingredienti che desidera, scegliendo fra carne, pesce e verdure, e i cuochi glielo consegnano pochi minuti più tardi, condito con una delle varie salse, dolci, oppure più o meno piccanti. Si possono scegliere anche carne, pesce o verdure dal buffet tepanyaki e farli cucinare sulla piastra. Per terminare in bellezza frutta, gelato e l immancabile... liquore. Cinese sì, ma dal gusto globale, la proposta del Wok Sushi Dynasty delle Piramidi.

12 sport 221 del 14 ottobre 2011 pag 12 La società biancorossa del dopo Baldini: semplicemente impreparata La dirigenza sbaglia e raddoppia : estate e autunno farciti di errori. Non ci resta che sperare nella buona stella di Gigi Cagni l insolito... Solfo di Riccardo Solfo Mi ero ripromesso di non criticare l operato della società padrona, nonostante i pessimi risultati raccolti fin qui. Infatti su questo giornale che ospita le mie considerazioni avevo già scritto sull allenatore, sul direttore Paolo Cristallini e sulla pochezza tecnica di questa squadra, peggiorata dalla scarsa voglia di sacrificarsi di alcuni giocatori. L esonero di Silvio Baldini ha sancito, però, il fallimento del piano estivo dei dirigenti biancorossi. Ma le mie preoccupazioni (e, penso, anche quelle dei tifosi) sono aumentate leggendo l incredibile comunicato stampa emesso dalla palazzina uffici di via Schio mercoledì 5 ottobre: La Società Vicenza Calcio informa che sono iniziati da ieri sera e sono proseguiti per tutta la giornata odierna dei colloqui e delle valutazioni volti ad individuare la nuova guida tecnica della squadra biancorossa. Sono stati sino ad ora contattati alcuni allenatori, ottenendo da quest ultimi la loro disponibilità. Cosa? Ma come, il buon Silvio è praticamente ultimo da inizio campionato e non ne ha vinta una e i dirigenti non avevano ancora preparato un piano B? Non posso credere che una società di calcio professionistico, una qualunque, dopo la sconfitta di Cittadella non avesse già pensato a potenziali nuovi allenatori per metterli in preallarme. Ma l impreparazione e l inadeguatezza della società per lo meno in questa fase (e speriamo sia solo uno sbandamento!) risaltano ancora di più nella seconda frase: Sono stati sino ad ora contattati alcuni allenatori, ottenendo da quest ultimi la loro disponibilità Bugia clamorosa, perché Iachini, il buon Beppe, non ha mai detto grazie, vengo di corsa, no, l ex ha detto: grazie del vostro interessamento ma sinceramente spero di rientrare con qualche squadra più ambiziosa. Altrimenti non si spiega il suo no. La verità è triste, Iachini preferisce stare ancora fermo piuttosto che allenare questo Vicenza. Passi che non ci siano soldi, lo ripeto non è una colpa, è un fatto. Passi che ci siano inadeguatezza e superficialità, ma che si raccontino anche le bugie, beh questo no. La cosa urta, urta la maggior parte dei tifosi che si sentono presi in giro. Mi chiedo, e vi chiedo cari lettori-tifosisostenitori-abbonati, ma non era meglio leggere la verità? Cioè: non abbiamo ancora scelto l allenatore perché non ci avevamo pensato, sbagliando, e adesso non è neanche facile portarne a casa uno di valido perché, vedi Iachini, la nostra prima scelta, c è scetticismo su questa squadra, tanto che i mister senza panchina preferiscono stare ancora a casa piuttosto che venire da noi!. Infatti è arrivato Gigi Cagni che è pronto da tre anni! Sull attuale allenatore comunque non mi pronuncio, aspettiamo i due derby, poi eventualmente tireremo le prime somme. Certo una cosa possiamo già dirla, sfortunato non è vista la gara d esordio a Grosseto (rigore sbagliato dai maremmani all ultimo minuto). Meglio tornare sulle mosse di questa società sulla quale qualche mio (stimato) collega si è già pronunciato (bene) parlando di mancanza di umiltà. Quel comunicato parla da solo e questa società è di una presunzione clamorosa. Qui non si rischia solo la retrocessione sportiva, qui si rischia di sparire dal calcio che conta. Nell anno che potrebbe regalare la serie A al Padova e l ennesima salvezza al Cittadella che ha speso praticamente niente per fare la squadra. E se qualche dirigente pensa che io sia prevenuto sarebbe un altra dimostrazione di inadeguatezza. Posso sbagliare, ovviamente, nelle mie valutazioni, e ne sarei felice per i tifosi, ma, se volevo dar contro, potevo iniziare scrivendo semplicemente della mossa (non da applausi!) di liberare in tempo Maran per fargli fare bella figura al Menti e per risparmiare qualcosa. Meglio non pensarci, perché anche quella è stata una mossa clamorosa: qualcuno ha valutato i riflessi negativi sull immagine del club della sua possibile (e poi verificatasi) vittoria? Ma tant è. Certo che non ci resta che sperare in Cagni, nella sua buona sorte e nel suo rapido riabituarsi alla panchina dopo tre anni di stop! Altrimenti a noi le gioie saranno sempre proibite. Stefan Schwock, Dario Cassingena e Gigi Cagni

13 altovicentino 221 del 14 ottobre 2011 pag 13 Consorzio di Vigilanza Altovicentino: il centrodestra vuole mandare a casa il Cda di Andrea Genito Il comandante Matteo Maroni ha fatto da capro espiatorio: con le sue dimissioni ha pagato per colpe altrui. Non usa mezzi termini, il capogruppo della Lega in Consiglio Comunale, Alessandro Gori, che invece attribuisce gravi responsabilità al vertice del Cda di uno dei più longevi Enti sovracomunali di vigilanza. Il presidente del Consorzio, ing. Luigi Canale, non può certo vantare un passato di sapiente gestore Il capogruppo del PdL, Alberto Bressan dove ha operato finora- spiega Gori- ha però il merito di far parte di una nomenklatura. Mentre Maroni si stava adoperando per una soluzione alla lunga vertenza sindacale interna, lui, spalleggiato ovviamente dall amministrazione comunale di Schio, ha sempre muro contro muro su questioni anche facilmente aggirabili. I vigili reclamavano ad esempio piccole indennità, che potevano essere facilmente coperte responsabilizzando il personale e riducendo la flessibilità nell applicazione delle sanzioni. Inutile girarci attorno, si fa cassa anche con le multe, che però spesso non vengono comminate per un controproducente buonismo o perchè ci si limita a controllare capillarmente solo parte del territorio: il centro o poco oltre. Quest anno poi si è toccato il fondo con altre figuracce, come le microcamere installate nella sede di Via Pasini, senza, pare, che ne nessun dirigente sapesse nulla. Magari le avranno montate dei ladri entrati di nascosto negli uffici! Hanno preferito scaricare tutte le responsabilità su Maroni, per poi cercare di tappare il buco con altre figure leali verso la Giunta, con incarichi creati ad hoc e senza neppure avere la delicatezza di cambiare lo statuto, che non le prevedeva. La realtà è che questo Ente ha le ore contate: quando decadrà non sarà più riproponibile, secondo quanto prevede chiaramente la nuova Finanziaria, quindi è meglio azzerarlo che tollerare una lunga e stucchevole eutanasia. Anche perchè costa troppi soldi ai contribuenti e non ottimizza affatto un servizio così delicato ed importante per i cittadini. Cosa propone la Lega? Una convenzione tra Comuni, con ai vertici i Sindaci. Solo così si eviterebbero clientelismi e si sarebbe certi della massima trasparenza. Sulla stessa lunghezza d onda il capogruppo consiliare del Pdl, Alberto Bressan, che ricorda che per ragioni simili si è già dimesso il Cda del Consorzio dei vigili dei Castelli, che gestiva il servizio da Montecchio Maggiore: stanno cercando di tenere in vita un carrozzone oramai morente e che, per rapporti interni deteriorati irrimediabilmente, sta collezionando più figuracce che giusti riconoscimenti per il suo lavoro. Non ce l ho con i vigili, anzi loro sono le vittime di questa situazione, ma con l organizzazione che ha mostrato di avere grossi limiti e di non essere più conveniente. Insomma, il centrodestra chiede a gran voce di staccare la spina al Consorzio dell Altovicentino e di responsabilizzare i primi cittadini; lo ha ribadito a gran voce con due mozioni nell ultimo Consiglio Comunale, raccolte (seppur con dei distinguo) anche dal consigliere di maggioranza, Vasco Bicego. Quest ultimo non concorda con la volontà di sopprimere l Ente, ma da tempo va sottolineandone le difficoltà interne ed aveva chiesto che i suoi colleghi di partito considerassero le ragioni dei vigili in sciopero. Far intervenire la Procura della Repubblica è stato un clamoroso autogol- sottolinea il consigliere del Pd- si poteva lavare i panni sporchi in famiglia e far prevalere il buon senso, invece di ostinarsi a dare torto alle rivendicazioni del sindacato. Se erano delle schiocchezze, perchè non le hanno Il capogruppo della Lega, Alessandro Gori risolte in breve tempo invece di tirarla così per le lunghe? Ricordiamoci che sono i vigili i veri attori del servizio, non certo Cda ed amministratori. L impressione è che la questione terrà ancora banco nei prossimi ordini del giorno consiliari, il rischio tangibile è una replica di scioperi ed agitazioni di cui i cittadini di Schio e dell Altovicentino non sentono proprio il bisogno. Fallito Il Mondo del bambino, il caso Aiazzone di Schio Ha chiuso il più grande outlet per infanzia dell Alto Vicentino: clienti infuriati (a.g.) Schio come Biella? Per molti versi la vicenda del fallimento del megastore per l infanzia, Il Mondo del Bambino, che si trascina da quasi un anno, ricorda da vicino quella del noto mobilificio Aiazzone, svuotato (infissi compresi!) ad inizio estate da circa duecento clienti truffati ed esasperati per l inutile attesa di giustizia. In questo caso a non vederci più dalla rabbia sono almeno altrettanti genitori che hanno versato caparre dai 500 ai 1000 euro per prenotare passeggini, lettini o giocattoli di cui è restato loro solo la foto sul catalogo. La prima denuncia risale a settembre 2010, quando una mamma trovò chiuso l outlet di Via Lago di Garda, nella zona industriale scledense, proprio il giorno in cui avrebbe dovuto ritirare la merce richiesta, approfittando di una promozione-sconto per chi appunto dava un acconto, un pò come accade per prenotare i viaggi. Fiducia assolutamente mal riposta, perchè quello era il classico specchietto per le allodole, architettato probabilmente per raccogliere fondi il più in fretta possibile, prima di sparire. Difatti la truffa o l ammanco ammonterebbe ad oltre Euro, come evidenziarono denunce fatte successivamente alla stazione dei Carabinieri di Schio. A restare con un pugno di mosche, tra l altro, sono state anche le tre commesse del negozio, che avanzano parecchie mensilità di stipendio, visto che i titolari si sono resi irreperibili ed il contabile pare sia in Polonia. Attraverso i loro avvocati hanno tentato di rassicurare i creditori, sostenendo che risarciranno tutto, ma intanto l unica cosa possibile per i liquidatori è stato mettere all incanto quanto rimasto nel megastore, con tanto di avviso sui giornali, questa volta.. serio. Però non sembra bastare ai truffati: io ho versato l intero costo di un completo per la culla e di un seggiolonespiega Matteo Sberze- dovrei ricomprare merce qui, seppure sottocosto, per sentirmi soddisfatto? Imelde Guzman al Mondo del Bambino aveva consegnato in conto vendita circa 50 pannolini biologici, ma non ha più visto un euro: sono certa che li hanno venduti, erano ben fatti ed il Comune di Schio dava anche un incentivo perchè sono riciclabili. La beffa è che li ho fatti realizzare da alcune mamme extracomunitarie, che si sono costituite in cooperativa per lavorare; ci penserò io a pagarle, ma questi imprenditori dovrebbero vergognarsi. I rischi di chi ha versato consistenti anticipi sono pesanti: «se il negozio fa parte di un gruppo e le difficoltà sono solo del punto vendita scledense, sarà sempre la sede centrale a rispondere degli acconti - avverte Danilo Baraldo, responsabile dello Sportello Consumatori di Schio - se invece siamo di fronte ad un ipotesi fallimentare, allora le coppie che hanno pagato diventano creditori chirografari e dovranno aspettare tutta la trafila prima di vedersi, forse, riconoscere qualcosa». Ecco che lo scenario già visto con Aiazzone, potrebbe ripetersi in zona industriale, ma probabilmente, ad un anno di distanza dal crack, i poveri genitori troverebbero ben poco da portare a casa.

14 ovestvicentino 221 del 14 ottobre 2011 pag 14 Sospetto inciucio Dopo il caso rimborsi a Castelgomberto la base del Pd è in fermento per la mancata opposizione all operato della giunta leghista: e sui democratici si moltiplicano gli spettri di un conflitto di interessi di Marco Milioni «Ma come mai dopo quello che è capitato nessuno ha alzato la voce?». E ancora: «Possibile che dalla segreteria cittadina e quella provinciale non dicano nulla?» E poi: «In che condizioni è ridotto il partito se non riesce a dire una parola chiara in situazioni del genere?». Sono queste le voci tra militanti e semplici elettori del Pd, che come capita col Carroccio, chiedono l anonimato per spiegare la situazione di «grande difficoltà» che vive il partito democratico nella valle dell Agno. Non più di due settimane infatti VicenzaPiù (30 settembre 2011, pagina 13) infatti aveva rivelato alcune indiscrezioni su una presunta indagine in capo alla giunta comunale castrobretense. Indagine penale che riguarderebbe le modalità con le quali l esecutivo ha chiesto ed ottenuto i contributi per l alluvione di Ognissanti dell anno passato. Ma al di là di eventuali risvolti penali sempre VicenzaPiù aveva per la prima volta dato conto che nell esposto inviato in procura e in prefettura dal consigliere comunale Andrea Cocco (che è pure il segretario cittadino del Pdl) la famiglia dell ex sindaco Bonaventura Granatiero avrebbe ottenuto rimborsi giudicati incongrui dallo stesso Cocco per euro. Se a questo si aggiunge che la provincia ha messo in ghiacciaia l intero iter proprio a seguito dell esposto di Cocco, in paese la maggioranza che regge le sorti del consiglio, un monocolore leghista con Pd e Pdl in minoranza è andata in subbuglio soprattutto quando si è sparsa la voce che il coordinatore del Pdl sarebbe pronto ad informare la Corte dei Conti affinché si attivi presso la giunta per chiedere il ristoro di un eventuale danno erariale. Ed è in questo contesto che emergono i mal di pancia della base democratica che non si spiega la mancanza di azione da parte dei due consiglieri di area Pd che siedono in consiglio comunale, rispettivamente Gino Dal Toso e Derio Carlotto: quest ultimo per di più è il coordinatore locale del Pd. Un Pd locale sul quale si stagliano alcune ombre relative a possibili incompatibilità che potrebbero in qualche maniera «infagottare» il ruolo di oppositori dei due consiglieri. Il primo infatti è lo zio del primo cittadino, il leghista Lorenzo Dal Toso, mentre per Carlotto il Andrea Faccin discorso è ancora più complesso. Secondo alcune voci circolate in municipio infatti Carlotto sarebbe tra i soci di una ditta di lavorazione delle pelli, la Gidue Pellami srl, sita in via dell Economia. Una porzione della zona industriale che secondo il piano regolatore vigente, o più nel dettaglio, secondo le norme tecniche di attuazione dello stesso, non sarebbe compatibile con un insediamento di tal genere. Il condizionale è d obbligo perché interpellato al riguardo, anche per iscritto, Carlotto ha preferito non rispondere. La questione però, al di là delle vicende amministrativo-giudiziarie, ha un risvolto tutto politico. Perché se le ombre sul capo di Carlotto dovessero materializzarsi la questione diverrebbe «maledettamente spinosa per il Pd» fanno sapere alcuni simpatizzanti di Castelgomberto: visto che il primo cittadino finirebbe per tenere di fatto per le orecchie uno dei capi delle minoranze, con tutto ciò che ne consegue in termini di mancato controllo e mancata opposizione. Alluvione, «archiviato» l esposto contro la giunta (m.m.) «In queste ore ho saputo che il Gip in modo definitivo ha archiviato l indagine penale generata da un esposto del consigliere di minoranza Andrea Cocco del Pdl. Esposto che verteva su un presunto conteggio improprio dei fondi dell emergenza alluvionale del Ciò significa che gli addebiti da lui mossi non stanno né in cielo né in terra». Il 12 ottobre ha usato queste parole il sindaco di Castelgomberto Lorenzo Dal Toso quando ha incontrato tutta la sua giunta per informarla delle novità giunte dalla procura berica. Rispetto alle quali peraltro il primo cittadino non ha fornito riscontri scritti. Ma al di là delle vicende penali Dal Toso (il quale tiene a precisare di non avere in tasca la tessera del Carroccio), a capo di una giunta leghista supportata da altre liste civiche, muove duramente contro Cocco, il quale in una lunga nota firmata dal capo dell esecutivo, viene accusato di avere «danneggiato il paese», di avere fatto «perdere soldi preziosi» tanto che nelle dichiarazioni del primo cittadino, che parla di «falsità» attribuendole al consigliere di minoranza, nonché nella nota diffusa sempre il 12 ottobre, si stabilisce de facto un nesso causale tra l esposto e il congelamento dei fondi per l alluvione di Ognissanti del Più nel dettaglio la cifra totale richiesta dal comune ammonterebbe a un paio di milioni di euro, mentre quella già stanziata, per la quale secondo il sindaco c è pure il rischio che il comune debba restituirla, ammonta ad euro e rotti. In questo contesto (vedi Vicenzapiu.com del 12 ottobre) Dal Toso spiega che la giunta sta valutando eventuali azioni penali nei confronti di Cocco, unitamente ad una eventuale azione civile con la quale si chiederebbe per conto del comune una sorta di ristoro del danno pari agli importi non percepiti dall amministrazione. Cocco intanto da parte sua si dice sereno e sicurissimo del suo operato, respinge al mittente le accuse e si prepara a contrattaccare in ogni sede. La conceria Gidue

15 ovestvicentino 221 del 14 ottobre 2011 pag 15 Giunta ad impresam A Trissino deflagra il caso delle «incompatibilità» nell esecutivo leghista. Il Pd chiede le dimissioni dell assessore all ambiente, un dipendente del gruppo che fa capo al barone della concia Rino Mastrotto di Marco Milioni Una giunta comunale sottoposta ad un fuoco di fila senza precedenti. Un sindaco «chiuso nel bunker» che non replica ai rilievi delle minoranze. Le ombre sulle presunte liaison dangereuse col gruppo Rino Mastrotto. Il nervosismo della base leghista che comincia a serpeggiare in paese. Sono questi i nervi scoperti della politica trissinese dopo che il 30 settembre VicenzaPiù ha pubblicato un ampio reportage sulle incompatibilità che graverebbero in capo ad alcuni assessori dell esecutivo, un monocolore leghista che fa affidamento su di un ampia maggioranza consiliare. E tant è che la pietra angolare dello scontro è la posizione del referente all ambiente Cecilia Fochesato. Il suo doppio ruolo di assessore e di dipendente del gruppo Rino Mastrotto, una compagine industriale del settore concia rispetto alla quale sul comune incombono doveri di controllo ambientale. Doppio ruolo che non è passato inosservato. Massimo Follesa, coordinatore cittadino del Pd spiega che «eleganza vorrebbe che la Fochesato si dimettesse; è come se il ministro dell ambiente fosse un dirigente dell Ilva di Taranto o quello delle comunicazioni un dipendente di Mediaset. Queste come altre sono incompatibilità evidenti». E ancora: «La cosa più grave è che il primo cittadino rimanga in silenzio chiuso nel suo bunker politico leghista a far finta che nulla accada intorno a lui. Poi Follesa rincara la dose e sul blog del suo partito attacca: «Abbiamo già sollevato i nostri dubbi... ci vuole maggiore attenzione sia sull aspetto della gestione dell ambiente che sulle questioni del nuovo piano di assetto del territorio fermo da oltre due anni e di fatto desaparecido ad opera di questa giunta». Gli fa eco il consigliere comunale Gerardo Lupo della civica Cittadini Attivi il quale ricorda per di più le grane tributarie capitate di recente addosso alla Mastrotto: «Quella conceria in passato ha già inquinato. Ovviamente la Fochesato sarà una bravissima persona, ma è sulla situazione in sé stessa nonché in termini di principio che si alimentano dubbi su dubbi. Facciamo un esempio. Se l assessore rilevasse potenziali anomalie fiscali, ora che i comuni incassano il 100% degli accertamenti andati a buon fine, avrebbe il coraggio di denunziare il suo datore di lavoro?». Lupo poi punzecchia l esecutivo sulle questioni di bilancio. Lo definisce bravo per gli equilibrismi dovuti alle ristrettezze dei trasferimenti statali, ma lo accusa di non battere sufficientemente i pugni per ottenere di più. Ed è in questo contesto che la tenuta della base leghista Il segretario del Pd trissinese Massimo Follesa rischia di grosso. Da mesi in provincia come in regione è in atto una corsa all epurazione nei confronti di chiunque contesti la leadership del senatùr Umberto Bossi e dei suoi referenti locali. L operato del governo delude la base ma anche a livello locale le cose non vanno diversamente. Due militanti trissinesi che chiedono l anonimato «perché ormai ti cacciano a pedate anche se dici che la sede è male illuminata» definiscono «una vera indecenza» la questione «dei conflitti di interesse» in seno alla giunta: «a partire da quelli che riguardano uno dei più grandi gruppi conciari italiani che sul suo sito si vanta di tenere all ambiente. Come? Facendo lobbying per regole ambientali blande con l aggravante di avere un dipendente della conceria del signor Rino Mastrotto in un assessorato chiave. La vera Lega era quella degli albori, quando si agitavano i cappi contro i tangentari e non li si proteggeva come si fa oggi. La Lega di oggi sembra un animale ferito. Se non cambia passo finirà per rantolare e sputare il suo ultimo respiro in un clima di piombo e pieno di sospetti». Ma che cosa pensa il sindaco leghista Claudio Rancan degli addebiti che gli vengono mossi? Li reputa fuori bersaglio? È disposto a qualche apertura o considera tutto una montatura? Da più di due settimane chi scrive ha chiesto più volte, anche via una replica o una presa di posizione, ma il primo cittadino e la giunta al momento si rifiutano di rispondere. VIDEO PRODUZIONI e AGENZIA PUBBLICITARIA con 20 anni di esperienza Riprese e montaggi video Video tecnici su macchine ed impianti di produzione Video istituzionali per aziende Spot pubblicitari, programmi TV e Video Clip Riversamenti su DVD da qualsiasi supporto Studio dell immagine aziendale Siti internet Posizionamento su motori di ricerca Realizzazione cataloghi e depliant Fotografia industriale Linkvideo - Via Padova, Trissino (Vi) Agenzia Commerciale Vicenza - Via Btg. Monte Berico, 32/34 - Tel Stampa digitale e tipografica CD - DVD multimediali Duplicazioni Progettazione 3D Sala posa interna

16 libera 221 del 14 ottobre 2011 pag 16 VicenzaPiù libera: spazi autogestiti dai movimenti e con testimonianze sociali L assessore Giuliari declassato a portavoce dei suoi uffici Il Movimento degli sfrattati accusa il comune: invece di sistemare persone bisognose nei propri appartamenti sfitti, le colloca a proprie spese in albergo. E nessuno dei progetti presentati dall assessore e finanziati riguarda l emergenza abitativa anche se da Cariverona ha ricevuto euro! La gestione di un assessorato é fatta di alcune scelte e decisioni politiche e di altre tecniche. Le prime spettano all assessore e, in casi particolari, alla giunta comunale, le seconde agli uffici assessorili. Così dice la legge. Nell assessorato con titolarità Giovanni Giuliari, le cose sono sconvolte: gli uffici fanno sia il tecnico che il politico. E l assessore? E una specie di portavoce degli uffici. Nei nostri incontri, a fronte di questioni complesse da noi poste, egli concludeva gli incontri con la fatidica frase..gli uffici così ritengono. Nell ultimo incontro, alla presenza dei rappresentanti nostri e di altri sindacati degli inquilini e associazioni dei proprietari, dopo circa tre ore di discussione nella quale l assessore era stato una comparsa mentre protagonisti erano i vertici della struttura assessorile (quattro persone), a fronte della sostanziale contrapposizione fra noi e gli uffici egli, avendo lasciato a dirigenti e funzionari dare risposte politiche a problemi politici, chiudeva dicendo che la posizione dell assessore é quella degli uffici. Cioè Giuliari faceva il portavoce di direttore e funzionari. Una parte degli assistenti sociali che hanno il compito delicatissimo di ricevere gli sfrattati e le famiglie in emergenza abitativa e dar loro una risposta risolutiva, agisce, non ripresi nonostante le nostre segnalazioni, in libertà perché non c é una direttiva sulle indicazioni alle quali essi debbano attenersi. Ci vogliono tatto e sensibilità nell accogliere le famiglie sfrattate, che fino a pochi mesi prima avevano un lavoro, un reddito, una condizione di autosufficienza e poi sono precipitate nella povertà per la chiusura dell azienda dove lavoravano e per la cassa integrazione. A queste famiglie, che sono vittime e chiedono casa, gli assistenti per la gran parte dicono che non ci sono né soldi né case (vedremo che non é vero) oppure (in un caso) invitano moglie e figli a tornare in Pakistan salvo rientrare poi in Italia (come se questo Stato fosse dietro l angolo) mentre per il marito c era il dormitorio pubblico. Oppure consigliano gli sfrattati di cercar casa rivolgendosi ad agenzie immobiliari sparpagliate per la provincia raccontando loro la bugia che in quei comuni i proprietari, prima di stipulare il contratto di locazione, non chiedono due buste paga. Ma non é così. E un evidente tentativo di disseminarli per la provincia scaricando della grana il loro ufficio. Nuclei con padre e madre disoccupati vengono invitati a cercarsi un lavoro e ad affittarsi una casa: il comune darà fino a per corrispondere il deposito cauzionale. Ma in provincia di Vicenza, dove ci sono stati licenziamenti da gennaio ad agosto di quest anno e la cassa integrazione ha subito una impennata, trovare un posto di lavoro é assai difficile ed i proprietari - in tutta la provincia - prima di sottoscrivere un contratto di locazione voglio vedere le ultime due buste paga, salvo verificare la situazione in azienda. In una situazione occupazionale del genere, queste proposte hanno un vago senso Ma, oltre alle gravi carenze nell accoglienza e nell impegno per trovare una soluzione vi sono le imperdonabili bugie. E due di queste, fondamentali, su cui entriamo in dettaglio su VicenzaPiu. com, sono che non ci sono soldi e che non ci sono case. Bugie. Sulla prima bugia anticipiamo rispetto a VicenzaPiu.com che, ad esempio, l assessorato alla pace, famiglia, servizi sociali ed abitativi ha ricevuto dalla fondazione Cariverona euro. Ma nessuno dei progetti presentati dall assessore e finanziati riguarda l emergenza abitativa. Cioé per gli sfrattati sono stati rifiutati. Sulla seconda bugia l anteprima è che l Amcps, che gestisce gli immobili comunali, ha redatto un elenco di 131 alloggi di proprietà comunale sfitti: via, piano, interno, accessori Movimento degli sfrattati c/o Sunia Calo delle vocazioni: per Monsignor Bonato il virus è la secolarizzazione Influisce anche il calo delle nascite ma qualche suora sta rifiorendo di Marta Cardini Le suore in provincia stanno scomparendo? È dei giorni scorsi la notizia che a Schio le ultime quattro Suore di Carità che davano assistenza alla struttura La Casa si ritirano per raggiunti limiti di età, dopo 160 anni di presenza. Le Suore di Carità delle sante Capitanio e Gerosa, dette di Maria Bambina, erano presenti infatti a Schio dal 1852, quando furono chiamate dal medico chirurgo Giovanni Battista Letter nell allora ospedale Baratto. Un caso simile era successo qualche anno fa anche a Cornedo, quando le suore Figlie di Maria Ausiliatrice avevano dovuto lasciare il paese, nel 2008, dopo 100 anni di presenza perché erano sempre più anziane e non c era ricambio generazionale per mancanza di vocazioni. Una buona notizia arriva invece da Montecchio, dove sono tornate le suore di clausura al Monastero di Santa Maria Immacolata, che era chiuso da quattro anni. Nel 2007 se ne erano infatti andate le Serve di Maria che l avevano costruito e oggi finalmente sono in attesa dell autorizzazione ecclesiastica nove giovani suore di un altro ordine, provenienti dal Varesotto. Ma in genere l anzianità delle suore e il calo fisiologico delle vocazioni rende impossibile, da parte degli ordini, la gestione di strutture e la presenza nelle opere di carità e preghiera. Il calo delle vocazioni è un fenomeno non solo della provincia di Vicenza, ma dappertutto - spiega Monsignor Giuseppe Bonato dalla Diocesi di Vicenza -. Il calo delle nascite nella popolazione italiana si è riflettuto sia nelle strutture scolastiche, sia nei servizi, sia nella vita religiosa. Meno persone, meno gente che si dedica alla vita ecclesiastica. Al calo delle vocazioni ha anche contribuito il diffuso processo di secolarizzazione, che rende il cammino più difficile. Negli ultimi anni comunque sembrano esserci stati dei segni di ripresa. Sabato 24 settembre nel Duomo di Breganze sono state consacrate quattro giovani suore Orsoline, tutte italiane, di cui tre vicentine. Credo che anche le modalità della vita consacrata siano in fase di riorganizzazione. Molte comunità vengono chiuse, ma molte suore fanno ancora sentire la loro presenza nelle comunità limitrofe. Ad esempio a Schio le suore di Maria Bambina servono ancora la zona di Santorso, Timonchio e Tretto. E alcune canoniche rimaste libere perché i preti sono stati accorpati in una stessa casa, ad esempio a Debba, Barbarano Vicentino e Fimon, sono state occupate da piccole comunità religiose di suore. Se son rose rifioriranno..

17 libera 221 del 14 ottobre 2011 pag 17 VicenzaPiù libera: spazi autogestiti dai movimenti e con testimonianze sociali La democrazia è partecipazione La manifestazione studentesca del 7 ottobre a Vicenza di Cecilia Correale* Come avevamo promesso il 7 ottobre abbiamo occupato le piazze d Italia. Anche a Vicenza, nonostante la pioggia battente, migliaia di giovani si sono trovati a dire la propria con la stessa determinazione di sempre: per rilanciare le proposte di scuola e società a misura di cittadino, e capaci di dare spazio e voce agli studenti in quanto tali. Infatti, anche se prima o poi come adulti e lavoratori avremo l occasione di esprimere almeno attraverso il voto quello che crediamo giusto, ora come studenti, quindi giovani, e con delle prospettive diverse questa libertà non ce l abbiamo. Ma, oltre a dire a gran voce che contiamo anche noi, abbiamo denunciato quelli che sono i problemi generati dalla riforma nelle scuole e dalle manovre tra gli studenti e nelle loro famiglie. E ignoriamo le sterili polemiche che nascono sempre da chi preferisce criticare non notando che dietro a questo impegno c è il lavoro e la volontà di ogni singolo studente che lo fa suo. La pioggia ce l ha dimostrato: saremmo potuti stare a casa, se fossimo stati come veniamo descritti (poca voglia di studiare e di andare a scuola), e invece chi era lì ha scelto di restare per portare anche le sue idee. Stiamo fuori dalle scuole proprio perché vogliamo che queste siano migliori. Ma allo stesso tempo sappiamo che ci sono molti modi per concretizzare nelle nostre scuole quella partecipazione e quella presenza attiva che rivendichiamo nella nostra società. Anzi siamo i primi che invitiamo tutta la scuola come istituzione a rendere effettivo l articolo 1 delle Studentesse e degli Studenti che recita La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. Rete degli Studenti Medi di Vicenza Meritocrazia, una vera rivoluzione di pensiero Bus scuola: ancora mancanze di Leonardo Stella* Meritocrazia. Una parola che, seppur sulla bocca di tutti, sembra essere sparita dalla realtà quotidiana. C è addirittura qualcuno che la combatte in piazza, contestando l unica riforma degli ultimi cinquant anni che, pur avendo anch essa dei limiti, cerca di fare del merito la sua parola d ordine. Posto il momento difficilissimo che la nostra Patria e il mondo intero vivono per colpa della crisi finanziaria, la Riforma Gelmini sta cercando di risollevare la scuola dalla china pericolosa su cui stava scivolando. Test d ingresso all università, meno docenti ma più qualificati, un riordino di tutti gli Istituti tramite l eliminazione del caos dei 600 indirizzi sperimentali prima esistenti, per non parlare poi della rivoluzione attuata nelle Università. Detto questo, c è però da dire che i tagli lineari non sono mai piaciuti neanche a noi. Bisognava e bisogna ritoccarli tramite gli emendamenti: se vogliamo che il futuro ci appartenga bisogna investire nella formazione. Preciso però che il vero pregio della riforma è quello del cambio di mentalità: finalmente al socialismo reale voluto fortemente da 30 anni di predominio delle sinistre si sostituisce il principio del merito. Per noi il criterio non dev essere quello del alla fine tutti uguali, bensì quello del all inizio tutti uguali. Questo non è solo un gioco di parole ma una vera Rivoluzione di pensiero. Non si può pensare a una società in cui le capacità e le eccellenze di ognuno vengano azzoppate in nome del livellamento ad un criterio di uniformità. Va invece permesso a tutti di partire da una stessa base, dallo stesso start usando il gergo dell atletica, indipendentemente dalla condizione sociale, economica e Giovane Italia Veneto familiare, ma allo stesso tempo di poter giungere il più in alto possibile grazie alle proprie capacità, virtù e peculiarità. Ed è questo che gli studenti devono pretendere, ma non con le solite, trite e ritrite, sterili proteste. Non vi è alcun diritto che piova dal cielo o che venga concesso da qualche carta o entità superiore. I diritti bisogna conquistarseli, bisogna saper proporre e partecipare al dibattito, lottare per ciò che si vuole raggiungere. E questo è il must. Il nostro di Avanguardia studentesca, di sicuro. E di tutti gli studenti, speriamo! * Avanguardia studentesca di Doris Zjalic * trasporti sono uno dei temi centrali di ogni inizio d anno scola- I stico. E questo settembre non potevano non riconfermarsi tra le questioni scolastiche: nonostante un abbassamento del prezzo dell abbonamento annuale studentesco delle corse Aim, le problematiche sono le stesse degli altri anni, se non anche peggiori. In particolare ci sono arrivate molte segnalazioni per quanto riguarda il trasporto Ftv, che è utilizzato soprattutto da chi frequenta scuole e vive in provincia. Le corriere Ftv hanno orari discordanti con l inizio e la fine delle lezioni, così che molti studenti si trovano a dover uscire in anticipo o entrare in ritardo, con la conseguente perdita di lezioni. Inoltre le corriere risultano quasi sempre sovraffollate: il di persone a bordo supera spesso i limiti di legge. Proprio questa è stata la causa di un incidente avvenuto due settimane fa, che ha visto coinvolto un ragazzo. Lo studente, che stava viaggiando sulle scale del pullman, si è rotto il polso durante la chiusura delle porte. Questo non può essere ammissibile, ma anzi dovrebbe incitare a un intervento rapido. Gli studenti lamentano anche gli alti costi degli abbonamenti per un servizio assolutamente non soddisfacente e lo scarso di corse, che impedisce di fatto di muoversi all interno della provincia. è chiaro come sia necessario un intervento rapido per migliorare un servizio essenziale per gli studenti, che permetta non solo di raggiungere le loro scuole, ma anche di muoversi all interno della loro provincia. Rete degli Studenti Medi di Vicenza

18 QUOTIDIANI ON-LINE: Software per la gestione della PMI Marostica, tel PalaBruel, attriti vecchi e nuovi pag 3 Tribunale, tutti contro la chiusura pag 7 Due miss, in volata per il Vicentino pag 7 n 2-14 ottobre euro 1,20 cumulativo con VicenzaPiù BassanoPiù Quindicinale di fatti, personaggi e vita bassanese Direttore responsabile Giovanni Coviello The City, lady Daiana La città del Brenta innamorata del bello. Come miss Daiana Beltramello Pedemontana: timore Espresso ritardi per l inizio dei lavori I della Pedemontana stanno preoccupando gli amministratori locali? Le difficoltà evidenziate dai comitati di zona, specie per il Bassanese, sono difficoltà di peso o possono essere risolte alle brevi? E in questo contesto come vanno lette le ombre su Sacyr, il colosso spagnolo che controlla il pacchetto di maggioranza della compagine che ha ottenuto la concessione per la realizzazione della Pedemontana stessa? di Marco Milioni Continua a pag 5... DAL SUNIA Sfratti e bambini Per non limitarci alle rivendicazioni, nel dicembre 2010 abbiamo presentato alla amministrazione comunale di Bassano alcune proposte che attraverso uno studio ed una costruzione diversa del bilancio - avrebbero consentito di reperire i fondi necessari per far fronte alla emergenza abitativa. Nessuna risposta, no comment!. Continua a pag 4... di Segreteria Provinciale Sunia LA STORIA La prof precaria e ambulante Continua a pag 4... Ogni volta che si prende servizio in un nuovo istituto tante sono le questioni da affrontare e se non si è dotati di un forte spirito di adattamento si rischia di farne una malattia. È la testimonianza di una delle tanti docenti precarie vicentine, costretta a cambiare ogni anno scuola in attesa di una futura messa in ruolo. di Federica Ceolato Software per la gestione della PMI Il grappino In edicola il venerdì La Filippin, il messaggino e il capo chino «Dottor Coviello, in qualità di assessore bisogna contattare la segreteria del comune di Bassano. La Filippin non decide in autonomia». Davide Cadore, addetto stampa del segretario veneto del Pd Rosanna Filippin, usa queste parole in un sms inviato al direttore di BassanoPiù Giovanni Coviello. Il quale aveva chiesto alla Filippin stessa la disponibilità per una intervista nella sua funzione di referente all urbanistica nel comune della città del ponte. Un fatto del genere non andrebbe nemmeno commentato poiché si commenta da solo. Chissà, in un periodo in cui i neutrini gelmini corrono nei tunnel elvetico-abruzzesi, non si sa, magari qualcuno finisce in una galleria che porta fino a Bassano. Epperò se il caso Gelmini comincia e finisce nel recinto del ridicolo, diverso è il sapore che un fatterello del genere lascia in bocca. Che cosa significa che un assessore nel prendere appuntamento per una intervista non può decidere «in autonomia?». Se l ostacolo a tale autonomia è il sindaco, fa ridere che il primo cittadino di un centro medio piccolo come Bassano possa permettersi tanto con il capo veneto, del maggiore partito d opposizione e del secondo partito italiano. Se invece, sia anche ipotesi di scuola, l autonomia non c è perché i veri referenti cui rendere conto stanno sì all urbanistica, ma non nella sua sfera pubblica, allora la questione diventa più seria. di Marco Milioni Via Roma 9/ Rosà (VI) Tel Via Verci 23, Bassano (VI) Tel

19

20 BassanoPiù città 2 del 14 ottobre 2011 pag 3 Razza Brenta L iniziativa di Rosso per il citizen wifi non è che una delle tante spie di un Bassanese che indipendentemente dalla politica mostra maggiori attributi culturali rispetto al capoluogo di Marco Milioni Era il 30 di settembre quando Il Giornale di Vicenza pubblicava la notizia dell iniziativa di Renzo Rosso patron di Diesel. Iniziativa con la quale si vuole dotare Bassano del Grappa di una rete wifi cittadina, gratuita ed aperta a tutti. Se il tutto si avvera, sotto diversi aspetti, sarà un primato nazionale. Ora al di là dei meriti e delle conseguenze che una decisione del genere avrà nel breve (tanto di cappello a Rosso del quale condivido poco o nulla della sua filosofia, ma che in questa circostanza ha saputo cogliere veramente l attimo) emerge purtroppo uno smacco brutale patito in primis dalla politica ed in secundis dal capoluogo. Ma è mai possibile che un comune ricco come Bassano abbia dovuto aspettare il passo, seppur deciso, di un illustre privato cittadino per mettere a punto una struttura che costa sì e no come una dozzina di rotatorie? Ma ancora più brutale è lo smacco che Vicenza, come sistema collegato alla sua funzione di capoluogo, patisce da Bassano. È possibile che il comune capoluogo sul quale insistono la Camera di Commercio, uno dei più importanti istituti di credito veneti (la BpVi), imprese di grido come Beltrame, Valbruna, Gemmo, Dainese tanto per dire, non abbia mai pensato di muoversi nella medesima direzione indicata dal patron della Diesel? È mai possibile, parlando in iperbole, che l unica partnership avanzata con le imprese si traduca nelle lucette con cui la Gemmo illuminerà la basilica palladiana? Ad ogni buon conto il merito di Rosso è anche quello di aver smosso i sonni di molti amministratori del Vicentino. Che da qui a domani faranno a gara (e anche nel resto del Paese) per imitare la soluzione Bassano. Così almeno vien da sperare. Segno che, ed è questo il merito maggiore di Rosso, il buon esempio se veicolato con forza percorre moltissima strada. Sul tappeto però rimane una questione di fondo. La città del ponte ha mostrato ancora una volta di avere un orizzonte culturale di più alto profilo. Un esempio viene dal richiamo e dalla partecipazione, la quale va ben oltre i confini provinciali, che un evento come Operaestate riscuote ogni anno. Ma più nel piccolo che Bassano, sempre parlando in metafora, sia una piccola che ragiona da grande lo si intuisce quando passeggiando per le sue strade del centro la sera si trova gente giovane e non che chiacchiera e passeggia; quando, sempre alla sera, si entra nelle librerie aperte o nei book-café dove si organizzano incontri di spessore. C entra la politica in tutto questo? No, è una cosa che sta scritta nel dna dei bassanesi la cui condizione più felice rispetto a quella del capoluogo è una condizione pre-politica. Il che non significa che sulle rive del Brenta tutto sia rose e viole. La politica, la predominanza degli interessi economici su quelli collettivi, la visione di un modello di sviluppo basato su infrastrutture di tipo pesante e desueto ormai ostili alla natura profonda dell uomo, sono paradigmi che esistono ovunque: Bassano non fa eccezione, ma imponendosi de facto un paragone con la città del Palladio, eterna rivale, il paragone è emerso da solo. Basti ricordare la figura barbina rimediata proprio durante il Cinquecentenario del grande architetto. Qualche anno fa, quando la precedente amministrazione bassanese era ancora in carica, l ex sindaco Gian Paolo Bizzotto andò su tutte le furie per una copertina alquanto scemotta pubblicata sul mensile del comune di Vicenza Informacittà. Una copertina di tipo cartoon che ritraeva una sorta di immaginario bombardamento sulla sua città del ponte. Bizzotto se la prese moltissimo dimostrando di non capire un acca di politica. Non si trattava di un offesa a Bassano, ma di una manifestazione cretina di invidia verso una città che al di là della politica mostrava e mostra maggiori attributi, culturali s intende, rispetto al sempre moscio capoluogo berico. Tant è che Bizzotto, pur di fronte ad un avversario che certo non si può definire un fulmine di guerra, perse. E maluccio. Il PalaBruel degli attriti resuscita Guelfi e Ghibellini Il Volley Bassano trova casa al Pala2 e il New Skate Bassano tifa Brescia Ci risiamo. Il torpore autunnale di Bassano del Grappa, città che secondo un recente studio de Il Sole 24 Ore è risultata essere la seconda città più sportiva d Italia tra cento comuni non capoluogo di provincia, viene risvegliato ancora una volta dall annosa questione degli spazi disponibili negli impianti sportivi cittadini. Che sono tanti, grandi e funzionali. Ma evidentemente mai sufficienti. Se da un lato incidono sicuramente l altissimo di società sportive attive in città dall altro va anche detto che con ogni probabilità qualche problema a livello di gestione deve pur esserci se ogni anno puntualmente scoppia qualche polemica tra società diverse, con l Amministrazione Comunale pronta ad intervenire senza però riuscire a sbrogliare una matassa piuttosto complicata. Non è bastata nemmeno la costruzione, decisa dall amministrazione Bizzotto ed ereditata da quella attuale, del PalaBassano2 costruito a due passi dal vecchio e glorioso PalaBassano. Lo sforzo economico importante è stato voluto tra non poche polemiche dalla precedente amministrazione per decongestionare un PalaBassano inflazionato e oggetto, a suo tempo della famosa contesa tra Bassano Hockey 54 e Bassano Volley, nel 2009 due delle serie A più prestigiose e importanti della città. Due anni dopo, e veniamo all attualità, cambiano in parte i protagonisti ma non lo scenario. E stavolta a recitare, almeno a detta degli accusatori, il ruolo del cattivo di turno è il volley, che nel frattempo ha preso in mano la gestione del PalaBassano2, mentre a lamentarsi è il New Skate Bassano, società di pattinaggio artistico. Oggetto della contesa il poco spazio concesso per allenarsi perché, dopo la nascita proprio del progetto Bruel e a fronte della presenza di 3 società di calcio a 5, al Pala2 le ore a disposizione dei pattinatori vengono dimezzate. Scoppia la protesta, comprensibile nelle ragioni ma non certo nella forma, soprattutto quando un nutrito gruppo di pattinatori bassanesi decide di organizzarsi e di assistere a Bassano-Brescia di Coppa Italia di pallavolo tifando contro la squadra di casa. Un episodio deprecabile cui ha risposto ieri, proprio in occasione della presentazione del battesimo del Pala2 come PalaBruel in omaggio alle esigenze pubblicitarie, Fiorenzo Signor, storico presidente del maschile e neopresidente del Bruel Volley Bassano. Il problema non è il Pala2, costruito principalmente per la pallavolo e il calcio a 5, chiosa Signor, ma l indisponibilità di altri impianti bassanesi alcuni dei quali gestiti in monopolio a differenza del nostro che è aperto ad altri sport: noi quello che potevamo fare per il pattinaggio negli ultimi due anni l abbiamo fatto e anche quest anno siamo riusciti a dare 6 ore alla società New Skate Bassano. Quindi proprio noi che per anni abbiamo peregrinato per tutto il circondario non ci stiamo a passare per quelli che impediscono a una società di allenarsi: questo è un problema che comprendiamo, ma che di certo non dipende da noi. Un chiarimento importante che irrompe tra i malumori dei pattinatori, il cui presidente, Claudio Ferronato, però, non abbassa il capo: Sono sei le ore concesse ma solo due quelle utilizzabili in orari gestibili e questo a fronte delle 15 ore che le precedenti due società di Direttore Responsabile GIOVANNI COVIELLO Editore MEDIA CHOICE s.r.l. Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax Pubblicità MEDIA CHOICE s.r.l. Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax Redazione Via Pirandello, 11 - Vicenza Tel/fax ENRICO SOLI Marco Milioni Segretaria di redazione Angela Mignano Hanno collaborato a questo : giancarlo andolfatto stefania calledda marta cardini federica ceolato cecilia correale renato ellero andrea genito eduardo mele paolo mele senior angela mignano riccardo solfo leonardo stella giulio todescan doris zjalic pattinaggio lo scorso anno avevano al Pala2. Ma la cosa che non capiamo e che non accettiamo è quella di aver saputo del problema da Signor e dall assessore allo sport solo ad estate avanzata. Avevamo chiesto solo una soluzione temporanea per trovare un alternativa ma evidentemente per i programmi quadriennali di sbarco in serie A della squadra femminile di pallavolo qualche ora in meno di uso dell impianto per qualche mese è considerata vitale. Questo non è credibile!. Stampa Centro Servizi Editoriali Grisignano Di Zocco (VI) V. Del Lavoro, 18 Tel Autorizzazione Tribunale di Vicenza n del 1 settembre 2009 Associato Unione Stampa Periodica Italiana Copyright: Le condizioni di utilizzo dei testi e delle foto sono concordate con i detentori. Se ciò non è stato possibile, l editore si dichiara disposto a riconoscere il giusto compenso. VicenzaPiù si avvale di opere d ingegno (testi e fotografie) distribuiti gratuitamente con le licenze Creative Commons Attribuzione e Attribuzione - Non opere derivate. Ringraziamo tutti gli autori che ci permettono di utilizzare i loro lavori segnalando il nome o il link ad un loro spazio web personale. Per maggiori informazioni: Giornale chiuso in redazione alle ore di giovedì 29 settembre 2011 Tiratura: copie

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli