Finalmente il nuovo! I vecchi volti della politica italiana. I NUOVI volti della politica italiana. Euro 1,55. Anno VIII - n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finalmente il nuovo! I vecchi volti della politica italiana. I NUOVI volti della politica italiana. Euro 1,55. Anno VIII - n."

Transcript

1 Voci dal Sud 1 rw w w. s o s e d. eu Anno VIII - n Dicembre 2012 I vecchi volti della politica italiana Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 OMAGG IO Euro 1,55 I NUOVI volti della politica italiana Finalmente il nuovo!

2 Voci dal Sud 2 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Voci dal Sud... ai quattro venti Periodico indipendente di Attualità, Storia e Cultura Rassegna stampa dai mass media Reg. Tribunale di Palmi nr. 01/05 (fasc. 183/05) del 28/4/2005-2/05/2005 Fromo Editore - Rosarno (RC) casella postale 77 c.da Sella Badia ROSARNO tel fax Indirizzo Internet Direttore responsabile ed editoriale Franz Rodi-Morabito Segretaria redazione, Patrizia Rodi-Morabito Comitato redazione Mariasole Dalmonte e Michele Guardo Impaginazione telematica Mariasole Dalmonte ABBONAMENTI (momentaneamente Omaggio) ordinario euro sostenitore euro enti/associazioni euro Amici Voci dal Sud euro Versamento tramite: Conto Bancoposta n ABI CAB intestato a: Fracesco Rodi-Morabito (RC) PUBBLICITA - Tariffe modulo cmq 36 b/neuro 13* modulo cmq 64 b/neuro 26* modulo cmq 128 b/n euro 39* 1/2 pagina interna b/n euro 52* Pagina intera interna euro 100* * A colori + 20% (I prezzi si intendono per ciascuna uscita) Altri moduli o posizioni di rigore (1.a ed ultima pagina, ecc.): da convenire. Le inserzioni appaiono su Internet e su eventuale edizione cartacea Tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito a meno di diverso accordo. Testi, foto ed altro, anche se non pubblicati, non vengono restituiti e divengo proprietà dell editore che potrà utilizzarli anche su altre testate senza ulteriore consenso. I pezzi firmati sono riconducibili per la responsabilità sia civile che penale al firmatario dell articolo ed alla testata da cui sono stati rilevati L Editore ed il Direttore vengono così liberati da qualsiasi coinvolgimento e responsabilità. Foro competente: Palmi

3 Voci dal Sud 3 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu Sommario Editoriale: di Franz Rodi Morabito pag. 4 - Ma il nuovo, dov é pag. 5 - Chiude il Daga, carcere modello inaugurato in pompa magna unico nel suo genere pag. 6 - «Il Daga riaprirà a dicembre» Svolta dopo la chiusura shock pag. 7 - Migrantes: la tendopoli esplode! pag. 7 - Il Governo intervenga pag. 8 - Le lingue straniere alla base dei piani di studio scolastici pag. 9 - Arriva il nuovo gestore ma l emergenza rimane pag. 9 - Oliveri sollecita il commissario: equità per gli Enti nel conferimento pag L olio extra vergine d oliva italiano e di alta qualità ha finalmente trovato casa! pag Coldiretti: Saccà riconfermato Presidente provinciale all unanimità pag Il Parlamento boccia il taglio degli stipendi, ancora intatti i costi della politica! pag Il Vice Presidente della Regione Calabria, Talarico aveva annunciato un I-Pod a tutti a spese della Regione pag Quando... la casta si chiude a riccio pag Le fritture vengono assolte! pag MENOPAUSA: CHE PROBLEMA! pag Il Fegato: Cellule staminali pluripotenti: nuovo traguardo nella cura pag Scoperta cura per morbo Parkinson pag Miriam Stanganelli, studentessa di Gioia Tauro, Alfiere del Lavoro pag Dal nove dicembre quali saranno i treni soppressi? pag Al Sud le distanze non si indicano in Km, bensì in ore di viaggio! pag Teorie su Murat, un re d autunno pag Voi lo avreste assunto? - Lavora presso la Apple, ma il suo nome è Sam Sung! pag A San Rafael in California Non si fuma nemmeno negli appartamenti

4 Voci dal Sud 4 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Editoriale di Franz Rodi-Morabito Ma il nuovo dov è? Francamente, per quanti sforzi stia facendo, il tanto decantato nuovo non riesco a vederlo! Tutto mi sembra tremendamente vecchio sia al momento attuale che nel prossimo futuro. Non riesco, ad esempio, a vedere i grandi risultati vantati da Monti e dal suo governo; non riesco a vedere progressi nell economia nazionale, anzi vedo un tremendo regresso visto che la popolazione sta profondando in un bararo di povertà, miseria e disoccupazione cui, a mia memoria, non riesco a trovare il pari. Mentre in ogni momento storico ci sono stati soddisfatti ed insoddisfatti, adesso vedo solamente gente scontenta, anzi direi furiosa perchè non riesce a far quadrare i conti familiari e le somme di cui dispongono non sono sufficenti per superare la terza settimana ed, in alcuni casi, addiritttura la seconda settimana. Prospettive e speranze di trovare un lavoro sono ormai tramontate; le pensioni sono a rischio, anzi è quasi certo che sono addirittura da considerare un miraggio. Eravamo pieni di tasse ed a queste si sono aggiunti altri gravosi balzelli palesi o mascherati come ad esempio l assicurazione obbligatoria contro le avversità atmosferiche che altro non è che una nuova patrimoniale. I soli ad uscirne indenni sono i politici, le banche, le assicurazioni! Si è andato avanti a suon di decreti blindati dalla fiducia esautorando di fatto completamente il Parlamento che tuttavia ha continuato a gozzovigliare nel mare magnum dei propri benefit. Non è stato torto un sol capello ai signori politici, mentre la popolazione ha dovuto subìre senza poter pronunciare verbo. Qualcuno ha potuto utilizzare il diritto di veto come hanno fatto i politici? una casta privilegiata, dei semi Dei intoccabili. E le Banche? sono state abbondantemente foraggiate e supportate per evitare il crollo di questo potere. Altra categoria rispettata e riverita sono le assicurazioni che hanno seguitato ad accumulare utili ed a scaricare sull utenza i danni derivanti dalla loro stessa incapacità a difendersi dai truffatori. Fateci caso... si doveva fare grossi tagli sul numero dei politici e ciò non è avvenuto. Si doveva ridimensionare i soldi che vanno ai politici e niente se ne è fatto perchè... nessuno ha il diritto di mettere il naso in materia se non loro stessi e NESSU- NO ha visto un conflitto di interessi nell essere giudici e giudicati nello stesso tempo. Un commesso della Camera dei deputati guadagna in un anno quanto (anzi qualche piccola somma in più) del Re di Spagna! Si blatera a destra ed a manca di lotta all evasione e si punta su piccole sospette evasioni, mentre i grandssimi evasori sono tranquilli. Si ruba a piene mani e nessuno se ne preoccupa. Al momento si contano sulle dita di una mano coloro che sono inquisiti per avere sottratto fior di miloni di euro (miliardi di vecchie lire) mentre è evidente che la corruzione e la collusione sono ovunque. Viene da pensare che si sia trattata più di una faida per sottrarre il potere ad alcuni da parte di altri che vorrebbero emergere, che non una operazione pulizia. E questi signori oggi indagati o in carcere che pene subiranno? Gli saranno confiscati i patrimoni personali anche se intestati a compiacenti prestanomi? Mi chiedo perchè debba essere io o tu, caro lettore, a dovers pagare per risanare le casse dello stato spogliato da questi malfattori e LORO che hanno determinato tutto, ne debbono uscire dal rotto della cuffia con una condanna (se ci sarà mai!) di qualche anno che finirà poi per essere quasi azzerata da mille escamotages. Si pensava che almeno avremmo visto volti nuovi sulla ribalta politica, ma... se tanto mi da tanto... i burattini saranno sempre uguali e saranno solamente i costumi ad essere sostituti. Niente per carità contro Bersani, ma non gli basta l essere stato sulla scena per anni ed anni? Sarà votata la legge elettorale e si tornerà a scegliere i propi probabili politici oppure dovremo assistere all antidemocrazia che si vota il capo e si giura in verba magistri? E no, miei cari lettori, così non va assolutamente! Il popolo italiano è stufo di essere trattato da schiavo! Possibile che nessuno si faccia sorgere il sospetto che situazioni simili possonoscaturire in manifestazioni cruente di piazza? Perciò dopo le prossime elezioni riavremo il piacere (masochistico) di rivedere Bersani, di rivedere Berlusconi, di vedere il ghigno mefistofelico di La Russa, ed il volto accattivante di Casini? Oppure si studierà un metodo capzioso per riportare al potere Mario Monti che ha dimostratto di essere un ottimo ragioniere, ma un pessimo economista. Francamente dopo le primarie del PD mi è sorto il dubbio che gli italiani siamo stati colti da una epidemia di Sindrome di Stoccolma!

5 Voci dal Sud 5 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu Laureana di Borrello Chiude il Daga, carcere modello inaugurato in pompa magna unico nel suo genere Mariasole Dalmonte Era il maggio del 2004 quando, preceduto da un gran battage pubblicitario, con la presenza del Guardasigilli Castelli, venne inaugurato a Laureana di Borrello un carcere innovativo, unico in Italia. Infatti si sperimentava la custodia attenuata per i giovani di età compresa fra i 18 ed i 34 anni. Il principio base di questo Istituto era offrire un percorso detentivo alternativo con conseguente reinserimento sociale attraverso un cammino di riflessione consapevole. La logica di sperimentazione dell Istituto includeva una progettualità pedagogica in quanto avviava i detenuti educandoli al lavoro ed al rispetto del vivere civile iniziandoli al lavoro specializzato in varie discline come ad esempio la costruzione di serre per la coltivazione di fiori e piante, dell arte della lavorazione della ceramica e di un laboratorio di falegnameria. Altro importante fine era qello di far terminare la scuola d obbligo ed avviarli alle attività culturali ed istaurazione di percorsi formativi con coseguimento di attestati di qualifica. Molte anche le rappresentazioni teatrali in cui gli ospiti si sono cimentati riscutendo grossi successi. Il carcere di Laureana era insomma la materializzazione del principio di rieducazione che deve essere un carcere prescindendo dalla punizione. Si realizzava insomma la concretizzazione dell articolo 27 della Costituzione che prevede la riabilitazione del detenuto e non la penalizzazione dello stesso. L esperimento ebbe grande successo anche fra i reclusi dal momento che per essere ammessi in questo Istituto si doveva superare una selezione e, sopratutto, anche dopo ammessi, per permanere si dovevano ottenere determinati risultati in mancanza dei quali si tornava al regime dei carcei normali di cui tutti sappiamo le lacune e le sofferenze cui sono assoggettati i reclusi. Era nei programmi giornalieri il lavoto presso altri Istituti di pena, per cui giornalmente venivano trasferiti in altre sedi per realizzare lavori di falegnameria o, comunque per mettere in pratica quanto appreso in questo gioiello di casa di pena. Ma... improvvisamente, con una decisione fulminea e senza nemmeno avvisare le Autorità poliche e civili di Laureana, la struttura venne chiusa per carenza di personale. Grande fu il disappunto di tutti ivi compresi i reclusi che finalmente si vedevano privare di una possibilità reale di riscatto e reinserimento nella società civile e con un mestiere nelle mani! Sia la popolazione di Laureana che le autorità provinciali si ribellarono a questa assurda e cervellotica decisione fino a giungere a spostare per una seduta aperta del Consiglio Provinciale a Laureana. Anche gli ospiti del carcere modello si sono schierati in difesa del loro gioiello chiende che venga riaperto.

6 Voci dal Sud 6 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Laureana di Borrello «Il Daga riaprirà a dicembre» Svolta dopo la chiusura shock L Uilpa tranquillizza l opinione pubblica. Scettico Ceravolo SALVATORE LAROCCA - Calabria Ora Sembra giungere alla conclusione la nota vicenda della chiusura della casa di reclusione L.Daga di Laureana di Bor-rello. Una nota diramata dal segretario nazione dell Uilpa Penitenziari, Genna-rino De Fazio, fa sapere che «probabilmente entro dicembre riaprirà la Casa di reclusione, chiusa un mese e mezzo addietro dal Dap» ufficialmente per far fronte ad esigenze operative riferite come «non diversamente sormontabili con l insufficiente dell organico di Polizia penitenziaria assegnato in Calabria». «Dall attività presso la sede centrale del Dap e in considerazione a frequenti contatti con alcuni dirigenti di primo piano - fa sapere De Fazio - ho appreso dell intenzione di procedere alla riapertura del carcere di Laureana di Borrello in concomitanza dell assegnazione dei neo agenti del corpo di polizia penitenziaria del 165 corso che proprio a dicembre termineranno la fase di addestramento e saranno immessi in servizio operativo». De Fazio esprime grande soddisfazione per «l orientamento dipartimentale che raccoglierebbe le nostre continue e pressanti sollecitazioni, evitando che il patrimonio di eccellenza penitenziaria custodito a Laureana di Borrello sin dal 2004 possa andare disperso e che ciò si traduca in ulteriori oneri per la società, sia in termini di costi economici sia sotto il profilo dei livelli di sicurezza e di efficacia e di efficienza dell azione penale nel suo complesso». Non manca una velata critica all amministrazione penitenziaria da parte del sindacato: «Per il futuro si legge auspico che l amministrazione penitenziaria, nelle sue diverse articolazioni, prima di assumere decisioni di analoga portata consulti le organizzazioni sindacali non solo perché espressamente previsto dal sistema di relazioni dettato dalla normativa vigente, ma soprattutto perché dalle legittime ed inalienabili rappresentanze degli operatori possono pervenire segnalazioni esuggerimenti utili a favorire l individuazione delle soluzioni più efficaci in relazione alle problematiche da fronteggiare nel perseguimento degli obiettivi istituzionali, evitando pure che si cada in grottesche contraddizioni». Sarebbe il naturale epilogo alle tantissime prese di posizioni istituzionali, politiche e sociali della nota vicenda. È cauto comunque Domenico Ceravolo, a capo del comitato a difesa del Daga, nel commentare la notizia. «Siamo contenti di quanto emerge dalla nota dell Uilpa -afferma - che sicuramente si è adoperato per la causa, ma restano comunque voci non confermate. Abbiamo sentito anche noi circolare la data del 10 dicembre prossimo per la riapertura ma, senza nulla di ufficiale da parte del Dap, restano soltanto voci di corridoio». Nulla trapela, invece, da parte della direzione della Casa di reclusione che, dopo la nota polemica a seguito delle dichiarazioni in sede di consiglio provinciale con l onorevole Lella Golfo, non ha più diramato comunicati.

7 Voci dal Sud 7 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu San Ferdinando Migrantes: la tendopoli esplode! E ora l Sos arriva a Napolitano Madafferi scrive al capo dello Stato: «Situazione insostenibile» Siamo alla resa dei conti sulla questione immigrati. Domenico Madafferi, sindaco di San Ferdinando, come promesso, ha scritto alle più alte cariche della Repubblica per dire che il suo Comune non ce la fa più. «È una situazione che rischia di esplodere con gravi ripercussioni sulla tenuta dell ordine pubblico. In tale prospettiva non è azzardato temere il ripetersi di quanto avvenuto a Rosarno circa tre anni addietro. La struttura approntata dalla protezione civile regionale alla fine di gennaio scorso per la preventiva durata di tre mesi è ancora esistente con la presenza di circa 500 immigrati a fronte di una capacità di 260 posti letto. Per le spese di gestione la Regione Calabria, dopo un iniziale contributo,ha fatto sapere che non intende sborsare alcunché né il mio comune ha risorse finanziarie tali da sopperire alla manchevolezza di chi aveva a suo tempo garantito il sostegno contributivo». Parole dure, che prefigurano la necessità, nel caso in cui non arrivassero finanziamenti, lo smantellamento della struttura. «La tendopoli e la zona circostante è diventata un ghetto con una situazione igienico-sanitaria non degna di un paese civile - scrive Madafferi, tra gli altri, al presidente Giorgio Napolitano - i servizi igienici e fognanti necessitano di interventi per poter garantire uno standard minimo di vivibilità. Sono sorte baracche e tende di fortuna che danno una immagine spettrale del luogo. Non posso non ricordare che un mese addietro all interno della tendopoli è stato consumato un omicidio. In tale situazione,ed in assenza di interventi risolutori, chiedo a chi di competenza lo smantellamento della struttura prima di essere costretto ad adottare i provvedimenti previsti in simili casi dalla legge». Accanto alla protesta del sindaco, arriva la rabbia della Cgil, che se la prende con la Regione che «cronicizza la sua assenza nella gestione dell emergenza migranti sbattendo, come di consueto, la porta in faccia ai sindaci e alle popolazioni della Piana. Vogliamo mettere in evidenza la difformità dei comportamenti tra Regione e Provincia per riconoscere che, al tavolo dei migranti,tenutosi in Prefettura, il presidente Raffa ha dato il massimo della disponibilità. Questo aspetto, per la Cgil, è sostanziale e testimonia, essendo entrambi gli Enti, dello stesso colore politico, che il nostro chiamare a responsabilità la Regione non è affatto ideologico ed è fuori da ogni strumentalizzazione. Non possiamo diventare complici di una situazione ancor più drammatica di quella degli anni precedenti e soprattutto non consentiremo a nessuno di rendere vani gli sforzi che tutti sindaci, associazioni e sindacati abbiamo fatto verso il riconoscimento della dignità umana». Persino il vescovo Francesco Milito ha richiamato, in un profondo messaggio sulla fratellanza, tutti a stare vigili sul dramma dell emergenza migranti e a sollecitare da ogni famiglia che può una coperta al fratello immigrato che l aspetta. Domenico Mammola - Calabria Ora Il Governo intervenga 6 Deputati Pd calabresi interrogano il Viminale Il caso tendopoli arriva all attenzione del governo. Un gruppo di deputati del Partito democratico, tra cui i calabresi Rosa Calipari, Franco Laratta, Marco Minniti, Cesare Marini, Nico Oliverio e Doris Lo Moro, hanno interrogato il ministro dell Interno, Anna Maria Cancellieri, su quali siano le intenzioni per quel che riguarda l esplosiva situazione della tendopoli per i migranti di San Ferdinando. «Il campo di accoglienza di San Ferdinando gestito dal ministero dell Interno e approntato dalla protezione civile regionale per la preventiva durata di tre mesi è ancora esistente con la presenza di circa 650 lavoratori a fronte di una capacità di circa 260 posti. Solo nella zona di Rosarno le organizzazioni sindacali stimano l arrivo di circa 1000 lavoratori stranieri presso la struttura gestita dal ministero dell Interno». Al governo Monti, quindi, il quadro allarmante è stato chiarito dettagliatamente, così come la deputazione democratica ha ricordato che «la Regione Calabria dopo un iniziale contributo per le spese di gestione non ha più provveduto ad alcun finanziamento del campo di San Ferdinando, anche il personale incaricato della gestione non riceverebbe lo stipendio dal mese di luglio a causa del mancato pagamento da parte della Regione Calabria. La tendopoli e la zona circostante sono diventati un ghetto, con una situazione igienico-sanitaria non degna di un paese civile, gli stessi migranti denunciano una situazione insostenibile a causa della scarsa manutenzione dei servizi igienici presenti, che risultano pochi rispetto all utenza». I firmatari della nota, che com è noto hanno dei terminali politici sul territorio, visto che sia Elisabetta Tripodi che Domenico Madafferi, sono sindaci del Pd, hanno chiesto alla Cancellieri «se non ritenga urgente convocare nell immediato un tavolo presso la prefettura di Reggio Calabria con l obiettivo di analizzare e le principali problematiche del campo di San Ferdinando e dare risposta alla situazione emergenziale. Se non ritenga urgente potenziare la dotazione tecnicologistica del campo di San Ferdinando per garantire uno standard minimo di vivibilità ai lavoratori stranieri presenti e prevedere un supporto economico almeno per intervenire sulle prime gravissime problematiche del campo». La mossa dei parlamentari del centrosinistra è anche tesa a sottolineare «il clima di grave disagio, già denunciato da molti amministratori dei comuni interessati e dalle organizzazioni operanti sulla Piana, rischia di degenerare ogni giorno, riportando alla memoria dolorosi episodi di guerriglia urbana di tre anni fa e con gravi ripercussioni sulla tenuta dell ordine pubblico. Non è ipotizzabile che su piccoli comuni, come quello di San Ferdinando, ricada la responsabilità gestionale e finanziaria di una struttura così onerosa».

8 Voci dal Sud 8 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Palmi Le lingue straniere alla base dei piani di studio scolastici Palmi, l apprendimento degli idiomi è fondamentale per i giovani ed inizia alla primaria, prosegue alle medie e ai licei VIVIANA MINASI - Calabria Ora Lingue straniere sempre più al centro dei programmi scolastici, anche negli istituti della Piana Ṡono infatti sempre più numerose le ore che vengono dedicate, a scuola, allo studio dell inglese, del francese, dello spagnolo e del tedesco, sintomo di una volontà di aprirsi all Europa, formando giovani competenti e preparati. Lo studio delle lingue straniere inizia già alla scuola primaria Ȧ Palmi, le scuole San Francesco, Trodio e De Zerbi, tutte e tre scuole primarie, prevedono lo studio dell inglese. Un ora a settimana, durante la quale ai bambini vengono insegnate le basi della lingua straniera più diffusa al mondo. I bambini imparano l alfabeto, i numeri, i colori, i nomi di oggetti comuni ed animali, insegnati attraverso l utilizzo di cd, video e libri interattivi. Lo studio dell inglese continua alla scuola media, dove alcuni indirizzi prevedono l insegnamento anche del francese. Ma è negli istituti superiori e nei licei che l insegnamento delle lingue straniere raggiunge il suo apice. Quasi tutti gli indirizzi di studio, infatti, prevedono lo studio delle principali lingue straniere parlate in Europa, proprio perché sulla conoscenza delle lingue straniere che le aziende puntano per inserire nel mondo del lavoro i giovani. All istituto tecnico Luigi Einaudi c è un corso di studi linguistici. A partire dal primo anno si studia l inglese, per quattro ore settimanali, e dal seconso al quinto anno le ore diventano cinque a settimana. Gli alunni possono poi scegliere una seconda lingua, tra il francese, il tedesco e lo spagnolo, che si studia per cinque ore a settimana, tutti e cinque gli anni. La scuola prevede per gli studenti la partecipazione a soggiorni studio all estero e la possibilità di conseguire un certificato di lingua inglese, partecipando ai corsi pomeridiani. Infine, al liceo scientifico Nicola Pizi, gli studenti hanno la possibilità di scegliere tra l indirizzo tradizionale, dove si studia l inglese per tutti e cinque gli anni, e quello sperimentale, dove allo studio dell inglese si aggiunge quello del francese. Lo scorso anno, tra le attività alle quali hanno preso parte gli alunni dell istituto, Nicola Pizi, c era un interessante viaggio d istruzione, all estero che rientrava nel progetto Terre romantiche e selvagge di Re Artù, progetto che ha coinvolto più discipline. Sempre lo scorso anno scolastico, gli alunni delle classi quarte hanno preso parte ad un progetto di scambio interculturale con soggiorno studio in Inghilterra, nel corso del quale hanno potuto mettere alla prova le proprie conoscenze linguistiche.

9 Voci dal Sud 9 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu E ancora caos per i rifiuti solidi urbani della Piana di Rosarno/Gioia Tauro Arriva il nuovo gestore ma l emergenza rimane do. ma. - Calabria Ora Una piccola svolta nel sistema dei rifiuti si è verificata, ma nessuno se n è accorto. Il passaggio di consegne tra Veolia ed Ecologia Oggi non ha scandito nessun salto di qualità, forse smentendo chi riteneva che la multinazionale francese facesse i capricci mandando volontariamente in tilt l inceneritore di Gioia Tauro. La verità è che in questi giorni la Piana è ripiombata nell incubo monnezza. A Rosarno, Gioia, San Ferdinando, ma anche in altri centri limitrofi la spazzatura fa bella mostra di sé. Sono stati letali i circa 5 giorni in cui il sistema è stato paralizzato dal cambio della guardia tra Veolia e Ecologia Oggi. Al solito, quindi, chi ne fa le spese è il sistema Calabria sud, la provincia reggina, ed anche la Piana. In barba al disagio di sopportare la presenza dell unico inceneritore calabrese, i comuni della Piana non hanno diritto ad alcuna prelazione sull impianto di Gioia, non godono di una corsia preferenziale per il conferimento. Quindi i mezzi dei centri pianigiani devono partire alla volta di Casignana o Pianopoli, senza sapere, peraltro, se il loro carico sarà smaltito. C è tutto questo alle spalle del black-out di questi giorni, almeno 10 giorni di passione, fatti di rifiuti nelle strade e sindaci incollati ai telefoni con l ufficio del commissario. Lo stesso responsabile di quell istituzione, Vincenzo Speranza, aveva messo in conto i disagi, chiedendo ai primi cittadini di evitare le calche ai siti di smaltimento. Evidentemente lo stesso commissario aveva sperato in un ritorno alla normalità più celere, cosa che sulla Piana stenta ad arrivare. Accanto a questo, però, non si può che aggiungere la previsione nefasta del presidente dei sindaci, Emanuele Oliveri, che qualche giorno fa aveva lanciato l allarme rispetto al 22 dicembre prossimo, quando avverrà l inizio dello smantellamento della struttura commissariale per il trasferimento di poteri alla Regione. Ci si potrebbe trovare, sotto le feste natalizie, alle prese con una crisi, senza avere, peraltro, interlocutori: il commissario con le valigie e la regione senza pieni poteri. E poi il nodo del personale. A fine mese, dovrebbe scadere la possibilità di mettere a regime i lavoratori ex Piana Ambiente, anche se in teoria, in seguito ad una delle tante proteste delle maestranze, si è ottenuto un impegno scritto dei Comuni a riassorbire i lavoratori anche oltre tale data. Il nuovo corso sui rifiuti, ad ogni modo continua ad andare a rilento, visto che a breve partirà al massimo uno o due sotto ambiti, e nessuna traccia, invece, pare esserci di quel consorzio sulla differenziata che avrebbe dovuto rilevare il know-how di Piana Ambiente e la relativa forza lavoro. Oliveri sollecita il commissario: equità per gli Enti nel conferimento MELICUCCÀ - «E quanto mai necessario che ci sia una regolazione equa e scrupolosa nel conferimento dei rifiuti al termovalorizzatore». Non fa giri di parole Emanuele Oliveri, sindaco di Melicuccà e presidente dell associazione dei sindaci, nel raccontare alcune criticità del sistema di conferimento dei rifiuti. «Noi amministratori siamo i primi a riconoscere le difficoltà di questo momento, specie quando si parla di conferire negli impianti e in partico-lar modo le esigenze dei comuni più grandi. Ma c è la necessità che si prosegue con equità e pari dignità per tutti i comuni». Oliveri ha scritto all ufficio del commissario delegato all emergenza rifiuti per chiedere un piano di conferimento chiaro e dettagliato, in modo che si rispetti una turnazione prestabilita e non sovraccarichi taluni comuni e alcune società. «E opportuno che attraverso varie ordinanze, il commissario regolamenti il traffico in modo ordinato, così da non creare problemi e, soprattutto, evitando antipatiche corsie preferenziali». Il discorso è molto delicato, infatti legittimamente Polistena, Cinquefrondi, e Gioia sono state autorizzare a saltare la fila e poter conferire prima degli altri, visto il sovraccarico. La cosa potrebbe causare qualche problema e incomprensioni, perché c è un fattore con cui nessuno sta facendo i conti: la concorrenza. Infatti Piana Ambiente non c è più, e sul territorio sono diverse le società che servono i vari comuni. Si può capire, dunque, che quando una società sorpassa l altra, potrebbe nascere qualche screzio, così come quando un comune rimane in fila e gli autisti sono costretti a sobbarcarsi orari notturni che appesantiscono le società con orari di straordinario.

10 Voci dal Sud 10 AnnoVIII nr. 12 Dicembre A g r i c o l t u r a. L olio extra vergine d oliva italiano e di alta qualità ha finalmente trovato casa! Alberto Grimelli - Teatro Naturale (riportato in Facebook da Antonello e Marlena Anastasi) RIPRODUZIONE RISERVATA C è molto fermento nel mondo dell olio extra vergine d oliva in questo periodo. Regole che cambiano e polemiche che montano Ė normale in una fase storica di crisi che vi siano grandi mutamenti, anche strutturali, e il settore oliandolo non fa eccezione. E in questo contesto che va letta la proposta del Ministero delle Politiche Agricole di istituire un unico marchio per un olio extra vergine d oliva italiano e d alta qualità. Un unico bollino che potrebbe e dovrebbe sostituire i troppi che oggi sono in circolazione e che generano solo confusione nel consumatore nazionale e internazionale. Dopo anni di silenzi e ritardi, non può essere casuale che lo schema di Decreto Ministeriale che istituisce il sistema di qualità nazionale dell olio extra vergine d oliva e il relativo disciplinare di produzione siano stati predisposti in tre mesi. Certamente il lavoro svolto dal Consorzio Q, che univa Unaprol, Cno e Unasco, e che ha prodotto un disciplinare da cui è stato ricavato, in buona parte, quello ministeriale attuale, ha agevolato il processo. E tuttavia inusuale, almeno in Italia, che a una prima riunione, il 5 agosto scorso, faccia seguito la bozza del progetto in tre mesi. E evidente che vi è una forte volontà politica e una forte spinta che viene direttamente dal vertice di via XX settembre, ovvero dal Ministro Catania. Un lavoro che è stato presentato alle organizzazioni dei produttori e degli operatori il 13 novembre scorso e che ha riscosso un tiepido accoglimento, salvo alcuni rilievi d ordine soprattutto tecnico. In effetti i paletti posti dal disciplinare di produzione, che è il vero cuore del progetto, sono molto stringenti. Non ci riferiamo solo alle buone prassi agronomiche, di trasformazione, stoccaggio e imbottigliamento ma soprattutto ai parametri chimici da rispettare. I limiti sono spesso più stringenti di quelli previsti in alcuni disciplinari a denominazione d origine. La preoccupazione degli operatori è che, stante queste regole, il sistema di qualità nazionale dell olio extra vergine d oliva diventi una nicchia in mezzo ad altre nicchie. E così stata ravvisata la necessità di allargare un po le maglie affinchè la maggior parte dell olio italiano possa adeguarsi, nel breve termine, a questi paletti e che la restante parte possa avviare un percorso di miglioramento qualitativo atto a raggiungere i nuovi limiti nel volgere di poche campagne olearie. Il disciplinare di produzione e l adesione al sistema di qualità nazionale, che avrà carattere prettamente volontario, servirà ad offrire al consumatore un olio extra vergine di pregio garantito dal Ministero e servirà al mondo della produzione per alzare i propri standard qualitativi in un momento storico che richiede, soprattutto a livello internazionale, sempre maggiore qualità. L adesione al progetto del sistema di qualità nazionale sarà agevolato, per il mondo produttivo, perchè la bozza di decreto prevede che il Ministero e le Regioni possano concorrere, nel limite massimo previsto dall allegato del Regolamento (CE) n. 1698/2005, al sostegno dei produttori che aderiscono al Sistema di Qualità Nazionale Olio. Inoltre è quantomeno probabile che il Ministero, nell ambito dei fondi per la promozione, stimolerà i consorzi e le organizzazioni a utilizzare e promuovere proprio il nuovo marchio nazionale. Le nuove regole potrebbero divenire operative dalla prossima campagna olearia. La sensazione è infatti che il Ministro Catania voglia lasciare l incarico con il decreto approvato e in via applicativa. E anche per questa ragione che la prossima riunione di confronto sul tema, per trovare la quadra del cerchio, è stata fissata già per fine novembre.

11 Voci dal Sud 11 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu Intanto riassumiamo qui gli elementi essenziali del disciplinare di produzione in tema agronomico, di estrazione, conservazione e imbottigliamento. Innanzitutto è previsto che tutte le aziende, per la difesa fitosanitaria, si conformino alle pratiche di lotta integrata. Queste diverranno obbligatorie per tutti comunque dal 2014, ma il disciplinare anticipa comunque tale tendenza. Raccolta delle olive: Sarà necessario raccogliere le olive quando si ha un elevata percentuale di frutti invaiati e percentuali minime di frutti verdi e fortemente pigmentati rispettando l integrità del frutto a partire dal distacco dalla pianta, traumi e lesioni incidono infatti negativamente sull olio. Lavorazione delle drupe: Sarà obbligatorio non superare le 24 ore tra raccolta e molitura che diventano 12 nel caso la conservazione avvenga nei cassoni o bins, riponendo le cassette o i bins in locali freschi e areati e comunque coperti, a temperatura compresa tra 12 C e 20 C. Non è consentito il trasporto in sacchi in quanto provoca il danneggiamento dei frutti e successivi processi fermentativi legati alla formazione di difetti sensoriali. In fase di estrazione, oltre a sistemi di frantumazione soft, in gramolatura sono consigliati tempi di processo non superiori ai 30 minuti, calcolati tra la fine delle frangitura e l inizio della fase di estrazione e temperature comprese tra 20 e 30 C misurate sulla pasta con valori ottimali compresi tra 24 e 27 C. Non sono ammesse temperature superiori ai 35 C valutati sulla pasta in fase di gramolatura e tempi superiori ai 60 minuti. Per quanto riguarda il sistema per centrifugazione viene consigliato l uso di decanters sia a due fasi che a tre fasi a bassa diluizione che riducano l apporto di acqua aggiunta alle paste in fase di centrifugazione mantenendolo sotto al valore di 30 litri/100 kg di pasta. La fase di stoccaggio e conservazione dell olio: deve essere condotta in condizioni tali da ridurre le variazioni di temperatura ed eventuali cessioni di composti indesiderati all olio in fase di contatto con le superfici dei contenitori e di movimentazione delle masse. Si consigliano le seguenti variabili operative: - temperature dei locali di stoccaggio comprese tra 10 e 20 C; - contenitori in acciaio inox; - saturazione con gas inerti (azoto o argon) dello spazio di testa dei contenitori di stoccaggio al fine di ridurre il contatto con l ossigeno. - Non sono ammessi per lo stoccaggio recipienti composti di varie leghe metalliche non inerti che possano favorire la cessione di metalli ossidoriducenti (ferro, rame alluminio) all olio. - Non sono ammessi recipienti in cemento non vetrificato. - Non sono ammesse temperature di stoccaggio superiori ai 25 C ed inferiori a 6 C. La fase di imbottigliamento : dovrebbe prevedere l utilizzo di vetri scuri o vetri chiari a bassa permeabilità per le radiazioni nella banda sia dell ultravioletto che del visibile al fine di ridurre il pericolo di ossidazione dell olio in post imbottigliamento legato alla fotoossidazione. - Inoltre andrebbero preferiti imballaggi che proteggano le bottiglie in fase di stoccaggio e distribuzione in post imbottigliamento. - Inoltre, sempre al fine di ridurre i processi ossidativi è consigliabile l uso di gas inerti in fase di imbottigliamento e di idonei sistemi di chiusura ermetica (tappi a corona) impermeabili all ossigeno.

12 Voci dal Sud 12 AnnoVIII nr. 12 Dicembre A g r i c o l t u r a. Coldiretti: Saccà riconfermato Presidente provinciale all unanimità Eletto il nuovo Consiglio Direttivo Provinciale Calabria Ora Saccà è stato riconfermato Presidente della Federazione Provinciale Coldiretti di Reggio Calabria, imprenditore agricolo di 46 anni, è titolare di una azienda olivicola - ortofrutticola zootecnica di circa 300 ettari, ubicata nel comune di Roccaforte Del Greco in area montana. L assemblea per il rinnovo delle cariche, si è svolta il 30 novembre 2012, Saccà è stato rieletto all unanimità dai 30 presidenti di sezione e dai rappresentanti di Donne Impresa, Giovani Impresa e Federpen-sionati, la sua prima elezione risale al Il neoeletto presidente, ha dichiarato che intende dare continuità al lavoro svolto durante il mandato che si è appena concluso ed ha evidenziato che l azione della Coldiret-ti si rafforza utilizzando le esperienze del passato, concentrandosi sul presente e pensando fortemente al futuro - continueremo nella battaglia di difesa del Made in Italy e proseguiremo con ulteriore impulso con il progetto per la costruzione della Filiera Agricola tutta Italiana, entro due mesi verranno inaugurate due Botteghe di Campagna Amica. L assemblea nella stessa seduta ha eletto il Consiglio Direttivo, il Collegio dei Revisori dei Conti ed il Comitato dei Probiviri. Il Consiglio Direttivo è composto dai seguenti imprenditori agricoli: Stefano Bivone (Sino-poli), Antonio Bova (Bovalino), Domenico Cannatà (Rosarno), Giuseppe Falcone (Melito P.S.), Girolamo Giovinazzo (Cittanova), Gianluigi Hyerace (Caulonia), Domenico Lazzaro (Reggio Calabria), Santino Lucà (Bianco), Giuseppe Musco (Camini), Pino Perrone (Delianuova), Domenico Stelitano (Bova Marina), Antonino Tramontana (Reggio Calabria). Revisori dei Conti sono stati eletti: Orazio Nucera, Francesco Or-fanò, Domenico Battaglia, Giuseppe Raudino, Agata Fiorentino. Il Comitato dei Probiviri è composto da Pietro Molinaro, Pasquale Manti, Francesco Ieroianni, Francesco Fragome-ni, Luigi Sidari. Nella fase di rinnovo delle Sezioni territoriali, sono stati eletti 162 Consiglieri, l età media dei dirigenti è di 46 anni, nel Consiglio Direttivo è di 49 anni, bassa se si considera l età media della classe dirigente impegnata nelle politica, nell economia e nella pubblica amministrazione che è di 59 anni. Il Direttore Francesco Cosentini, anche in qualità di Direttore regionale, ha ribadito che l azione che Coldiretti metterà in campo va nella direzione della giustizia lungo la filiera per ristabilire il giusto reddito per l imprenditore agricolo, nella direzione della tutela delle imprese sull accesso al credito, Coldiretti porrà particolare attenzione alla riforma della Pac, alle azioni per la corretta applicazione delle norme sulla etichettatura, alla lotta alle frodi alimentari. Terminata l Assemblea elettiva, il Consiglio Direttivo si è autoconvocato per eleggere la Giunta esecutiva. Sono stati eletti Vicepresidenti gli imprenditori agrumicoli Domenico Lazzaro e Gianluigi Hyerace, della Giunta faranno parte Santino Lucà imprenditore vitivinicolo, e Pino Perrone imprenditore olivicolo.

13 Voci dal Sud 13 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu La casta Il Parlamento boccia il taglio degli stipendi, ancora intatti i costi della politica! Un emendamento alla Legge sullo sviluppo posto dal Governo Monti e le cui somme sarebbero dovuto andare al Fondo per lo sviluppo ed il rilancio econmomico, è stato bocciato quasi all unanimita in quanto viene asserito che Nessuno ha diritto ad interferire nelle questioni che riguarano i parlamentari delle due Camere! Angela Iannone - Yahoo! Notizie Ce l hanno fatta anche stavolta! Mentre chiedono sacrifici agli italiani, gli onorevoli mantengono il loro stipendio intatto, e i costi della politica non cambiano. Perchè è stato dichiarato inammissibile l emendamento al decreto sviluppo che proponeva di ridurre gli stipendi dei parlamentari, investendo questo notevole taglio nelle opere di sviluppo e crescita. Invece l istanza, portata avanti dalla senatrice Pd Leana Pignedoli, è stata cassata dalla Commissione industria del Senato, che sta vagliando l ammissibilità o meno dei circa emendamenti presentati. I parlamentari votano no, negando al Paese la possibilità di investire una quota sulla crescita e l occupazione giovanile. Era quanto deciso dall emendamento bocciato: Al fine di reperire, attraverso la riduzione del costo della rappresentanza politica nazionale, maggiori risorse da destinare al sostegno delle politiche per la crescita e l occupazione giovanile, il trattamento economico omnicomprensivo annualmente corrisposto ai membri della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica non può superare la media ponderata rispetto al Pil degli analoghi trattamenti economici percepiti annualmente dai membri dei Parlamenti nazionali dei sei principali Stati dell Area Euro. L indignazione monta su Facebook Ancora una volta hanno dimostrato di essere SOLO interessati ai propri interessi: I parlamentari italiani hanno ancora dichiarato inammissibile l emendamento al decreto sviluppo che proponeva di ridurre gli stipendi dei parlamentari, investendo questo notevole taglio nelle opere di sviluppo e crescita. Badano SOLO E SEMPRE AI CAZZETTI PROPRI E SE NE STRAFREGANO DELL ITALIA e degli italiani! Italiani voi continuate a credere nella loro buonafede ed al loro attaccamento all Italia? Allora vi sta bene essere presi per i fondelli per cui smettetela di lamentarvi!

14 Voci dal Sud 14 AnnoVIII nr. 12 Dicembre La casta Il Vice Presidente della Regione Calabria, Talarico aveva annunciato un I-Pod a tutti a spese della Regione L immediata levata di scudi avverso tale cervellotica decisione pilotata da Calabria Ora, fa tornare sui suoi passi Talarico che scrive la lettera che riportiamo Caro direttore, la cosa peggiore che possa capitare a chi fa politica, ma non solo a chi fa politica, è di pensare di fare una cosa utile e poi vederla apparire come qualcosa fatta male e criticabile. Peggio è non saper ascoltare, non cogliere gli umori dei cittadini, non percepire i momenti di rigetto generalizzato, in una fase molto delicata della vita del nostro paese, e della Calabria in particolare, che non è di transizione, come si diceva una volta, ma di trasformazione e di cammino verso un orizzonte ancora non chiaro. Spesso capita che ci possa essere divergenza di opinioni o differenti interpretazioni, tra persone, politici, o rappresentanti del mondo dei media, o di qualunque altra categoria sociale, la cosa migliore, in questo caso, è far prevalere l esigenza di non perdere di vista che chi è in buona fede lavora per creare i presupposti affinché possa realizzarsi il sogno di far uscire la Calabria dall emarginazione e di favorirne l ingresso pieno nella società italiana, con pari opportunità e pari dignità. Dico questo perché Le riconosco di condurre una battaglia giusta, con il suo giornale, con la passione che sanno trovare i non calabresi che però hanno saputo capirla fino in fondo la Calabria, scegliendo non solo di difenderla dai pregiudizi, ma anche di venirci a vivere e di lavorare. Desidero ringraziarla infine, per avermi definito un ottima persona e soprattutto un politico onesto. Sono doti fondamentali e più importanti, se si posseggono, o se vengono riconosciute, dell essere leader o meno, perché è la persona umana che conta ed il servizio che si rende ai cittadini, anche quando non si riesce, o non si raggiungono i risultati che si vorrebbero ottenere. Detto ciò, torno per un attimo sulla storia degli ipad, che per due giorni hanno occupato la prima pagina del suo giornale, con titoli un po vistosi ed eclatanti. L ultimo quello di ieri, Ho comprato gli ipad ai politici e me ne vanto, come è evidente, non corrisponde a verità, perché nessuno ipad è stato comprato e dato ai politici. E poi, il termine vantarsi non fa parte del mio costume, della mia storia personale privata e pubblica. Se torno per un attimo sulla storia degli ipad, e se me lo consente, lo faccio per ribadire qualche concetto e per informarla di una mia decisione. L ipad assegnato ai consiglieri, come tutto il sistema tecnologico che sta a monte di tutto il progetto, consentirà un risparmio di circa duecento mila euro all anno al Consiglio regionale. L ipad, come ho avuto modo di ribadire, non è stato acquistato e donato ai consiglieri. E stato semplicemente preso a nolo e a fine legislatura sarà restituito, perché non è di proprietà del Consiglio e tantomeno dei consiglieri. Ho colto però nelle sue parole la necessità, al di là della concretezza dei fatti, che a volte occorre dare segnali in questo particolare momento della vita politica ed è per questo che, accogliendo il suo punto di vista, ho pensato che sia giusto, proprio come messaggio all opinione pubblica, non far gravare sulle spese dell amministrazione regionale, il costo del nolo degli ipad, che è comunque minimo, e in ogni caso riguarda uno strumento di servizio che consente notevoli risparmi nel lavoro dell assemblea e delle commissioni. L Ufficio di presidenza, fin dalla prossima riunione, deciderà di ripartire la spesa e di farla sostenere ai singoli consiglieri, decurtandola dalla loro indennità. Resta il principio che tutta l iniziativa è stata fatta per ridurre i costi di funzionamento del Consiglio, modernizzare con nuove tecnologie il nostro sistema organizzativo, corrispondere a leggi nazionali che impongono determinate misure, avere attenzione per la salvaguardia dell ambiente. Torno a rinnovarle la mia stima per il suo impegno a favore della nostra Calabria. Con cordialità Franco Talarico Presidente del Consiglio Regionale Ed ecco la risposta del nostro direttore al Presidente Talarico: Caro presidente, siamo contenti che sia tornato sui suoi passi. L idea di far pagare ai cittadini calabresi gli ipad dei consiglieri regionali - persone che guadagnano 9mila euro netti al mese - era sbagliata. Le siamo sinceramente grati per aver capito il senso della nostra battaglia. Siamo contenti di questo bagno di realtà e di buon senso, due qualità che spesso mancano alla nostra classe dirigente. Ma ora ci aspettiamo nuovi segnali, nuove iniziative che possano far tornare la politica protagonista positiva della nostra regione.-

15 Voci dal Sud 15 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu La casta Quando... la casta si chiude a riccio Dimenticata in qualche cassetto del Consiglio regionale una norma sul limite massimo dei mandati Mettiamo un limite ai mandati consecutivi per un consigliere regionale? No, grazie, ripassare prego. Ecco come la casta in Calabria si chiude a riccio comprimendo al massimo le possibilità di ricambio della classe dirigente. Non è una storia nuova, e il Consiglio regionale ci ha abituato a molte perle, tuttavia è una storia che stona sempre, soprattutto in un contesto come quello attuale nel quale sarebbero necessari, agli occhi dei cittadini, segnali di cambiamento. Invece, al di là di operazioni di facciata, anche sul piano della trasparenza, e al di là di quella spruzzo di innovazione da propinare ai calabresi come grandi conquiste di democrazia e civiltà, quando si deve andare al dunque a palazzo Campanella ci si ferma. Tutti d accordo, in questi casi maggioranza e opposizione sono una cosa sola. Capita che a novembre del 2010 il consigliere regionale della Lista Scopelliti Salvatore Magarò depositi in consiglio regionale una proposta di modifica statutaria: si tratta di un emendamento articolo 18 dello Statuto dello Statuto in base al quale «non è rieleggibile alla carica di consigliere regionale chi abbia ricoperto tale carica per due mandati consecutivi». Nell appendice del testo presentato da Magarò si evidenzia inoltre che questo emendamento «sarà disciplinato anch esso dalle norme transitorie della legge regionale elettorale che dovrà fissare (secondo la prescrizione dell articolo 122 della Costituzione, costantemente confermato dalla giurisprudenza costituzionale sul riparto normativo tra fonte statutaria e fonte legislativa elettorale) la decorrenza del limite dei due mandati consecutivi (primo mandato e secondo mandato ), come anche tutti i casi di ineleggibilità e di incompatibilità del Presidente e degli altri componenti della Giunta regionale (riserva di legge regionale nel limite costituzionale dei principi fondamentali stabiliti dalla 1egge numero 165 del 2004). Evidente, l obiettivo di questa proposta di modifica dello Statuto, evidente e anche nobile : quello di consentire ANTONIO CANTISANI - Calabria Ora che l Assemblea regionale diventi una casa aperta a tutti e soprattutto possa rinnovarsi più di quanto - cioè, quasi zero - è possibile finora. Com è come non è, questa proposta di modifica statutaria è sparita completamente dall agenda dei lavori del Consiglio: chissà in quale cassetto - e sotto quanta polvere - è Alcuni politici hanno addirittura stabilita la propria residenza nell Aula del Consiglio per cui abitano direttamente nell Aula e... Dio me l ha data, guai chi la tocca! ancora parcheggiata Forse perché un po scomoda (ma i nostri consiglieri non lo diranno mai...), forse perché le priorità sono ben altre, meglio soprassedere. Particolare curioso, e comunque abbastanza eloquente: lo stesso Magarò, all epoca dai banchi del centrosinistra, analoga proposta di modifica dello Statuto aveva presentato anche all inizio della legislatura precedente. Anche in quel caso, il testo è scivolato come acqua sulle pietre, finendo nel nulla. Come sembra sia finito nel nulla anche il nuovo testo, depositato - è giusto ricordarlo - quasi due anni fa. Insomma, in Calabria cambiano le maggioranze, ma su certe cose - tipo come resistere al cambiamento - le distanze tra centrodestra e centrosinistra non esistono. Se a questo poi si aggiunge il fatto che nemmeno i singoli partiti sono propensi a porre seriamente limiti al cumulo dei mandati perpetuando così un ceto politico immobile, il quadro è completo. Verrebbe quasi da scherzare con un gioco di parole: quando fiuta il pericolo, la casta calabra si chiude a doppia mandata!

16 Voci dal Sud 16 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Alimentazione Le fritture vengono assolte! Yahoo Notizie - La Redazione.org - I feel good La frittura assolta dal Tribunale di Napoli. Dopo decenni di attacchi violenti da parte di dietologi e nutrizionisti, che hanno etichettato i fritti come cibo spazzatura e veleno per linea e salute, uno studio condotto dalla facoltà di Agraria dell Università Federico II di Napoli assolve patatine fritte e compagnia bella, ritenendoli, se preparati nella maniera giusta, cibi ottimi e nutrienti. Gli esperimenti di gastronomia molecolare, condotti dagli alunni del corso di laurea in collaborazione con l aiuto della scuola di cucina professionale Dolce & Salato di Maddaloni e con lo chef Giuseppe Daddio, sono stati effettuati in laboratorio durante il corso di laurea specialistica internazionale in Food Design, coordinati dal professor Vincenzo Fogliano. Secondo Fogliano le fritture non fanno affatto male e, anzi, se fritte in modo corretto, una patata o una montanara diventano prodotti nutrizionalmente ottimi. Dai risultati ottenuti dagli esperimenti, infatti, se alcuni vegetali, (melanzane e zucchine in primis) assorbono circa il 30% di olio, le patate assorbono solo il 5% dell olio, non differenziando quindi i propri valori nutrizionali da uno spaghetto aglio e olio e peperoncino. Per ridurre ancora di più l assorbimento di olio, Fogliano sostiene che è utile friggere con una pastella. In questi casi, infatti, un ruolo fondamentale lo gioca l amido che sigilla il pezzo da friggere, riducendo l assorbimento dell olio. L amido delle patate con granuli grossi e ricco di amilopectina è particolarmente efficace. Come preparare a casa le patatine fritte stile Mc Donald s Bisogna invece fare attenzione ai prodotti prefritti e poi surgelati o alla pratica di rifinire all ultimo minuto prodotti prefritti in precedenza. In questo caso, la quantità di olio assorbito aumenta significativamente. Secondo lo chef Giuseppe Daddio, parte attiva negli esperimenti universitari partenopei, la prova di fatto dimostra quanto teorizzato. La gastronomia molecolare è un mondo affascinante che ci permette non solo di conoscere meglio le materie prime, ma anche di approfondire i metodi di cottura e le reazioni chimiche, in pentola, nel piatto e nel nostro corpo. Insomma è la vera ricetta del benessere quotidiano di ognuno di noi.

17 Voci dal Sud 17 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu M e d i c i n a MENOPAUSA: CHE PROBLEMA! Carlo Maria Stigliano - Calabria Ora La menopausa è un momento importante della vita delle donne e per alcune di esse rappresenta un motivo di crisi e di disagio. Molte vivono questa fase della loro vita con difficoltà e con malessere, interpretandolo come una sorta di tramonto della loro vita, della loro sessualità e del loro sentirsi attive. In realtà questo è un passaggio che prima o poi capita a tutte le donne e perciò non deve essere visto come il declino della normale vita di relazione: la capacità riproduttiva non può essere considerata come l indice di validità per una donna! Cambia il suo ruolo fisico, non certo la sua importanza nella società né le sue qualità personali. Parlarne serenamente con il proprio ginecologo consente ad ogni donna che si trova in questo periodo della vita di capire ciò che accade al proprio corpo, limitando inutili ansie e paure che finiscono per peggiorare la situazione fisica e psichica femminile. Che cos è il climaterio? Prima della menopausa vera e propria vi è un periodo, detto climaterio, che può variare da qualche mese fino anche ad un paio d anni in cui si possono verificare irregolarità mestruali, in qualche caso con periodi di mancanza dei flussi, e disturbi come improvvise vampate di calore, soprattutto al volto, casi di insonnia e/o di nervosismo inspiegabile. Quali sono i segni premonitori della menopausa? Delle vampate di calore s è già detto; l umore della donna diviene poi assai mutevole con frequenti stati di depressione alternati a vere e proprie crisi di intolleranza per tutto e per tutti, spesso con una tendenza ad una litigiosità mai conosciuta dalla donna stessa. A volte vi è insonnia, difficoltà a concentrarsi, sensazione di non ricordare le cose da fare, svogliatezza, diminuzione del desiderio sessuale o addirittura intolleranza verso il partner; a ciò si possono aggiungere piccoli ma fastidiosi disturbi quali secchezza vaginale (quindi bruciore), disturbi urinari (qualche volta incontinenza). Ma nel corpo femminile che accade realmente? La menopausa è la cessazione dei cicli mestruali in quanto le ovaie non ovulano più e conseguentemente non si ha la produzione degli ormoni femminili che ogni mese fanno maturare un ovulo e producono quelle modificazioni nel corpo della donna che sono la base del suo fascino. A che età compare la menopausa? Le donne italiane vanno in menopausa in media intorno ai cinquant anni: molte iniziano già ad avere i sintomi attorno ai anni mentre alcune arrivano, soprattutto nel Sud, ad avere flussi mestruali ancora verso i anni. La menopausa precoce è un bene o un male? La perdita delle mestruazioni può essere vissuta come un evento negativo dalla donna sul piano psicologico dal momento che nella nostra cultura la perdita del ciclo e quindi della fertilità viene considerata quasi come un ridimensionamento del ruolo delle donne; sul piano fisico poi la perdita degli ormoni causa una più precoce insorgenza dei disturbi e delle conseguenze negative sulle ossa (osteoporosi) : in definitiva un più precoce invecchiamento femminile. E possibile rimanere gravida in climaterio? Alcuni cicli sono ancora ovulatori nel periodo del climaterio e pertanto non si può escludere la possibilità di insorgenza di una gravidanza, qualora avvenga la fecondazione E in menopausa? L assenza di ovulazione quando la menopausa è ormai consolidata esclude assolutamente questa possibilità. Le nonne-mamme sono frutto di gravidanze indotte artificialmente! Perché le donne in menopausa tendono ad aumentare di peso? La menopausa comporta alcune important modificazioni nel metabolismo della donna: per questa ragione ad esempio si produce più colesterolo cattivo (LDL colesterolo) e vi è una mag-

18 Voci dal Sud 18 AnnoVIII nr. 12 Dicembre M e d i c i n a gior tendenza all accumulo di grasso; questo tuttavia si deposita maggiormente sull addome (grasso di tipo mascolino) anziché sui fianchi dando il caratteristico aspetto per cui le donne mettono su pancia. In verità vi può essere un aumento di peso in menopausa anche di 8 /10 chili. La menopausa è sempre un evento naturale e prevedibile? La fine dei cicli mestruali può essere anche conseguenza di un intervento chirurgico (l asportazione dell utero e/o delle ovaie), di un trattamento farmacologico (alcuni farmaci come ad esempio quelli usati contro le recidive dei tumori della mammella ma non solo questi, portano all inibizione dell attività ovarica) e anche di un trattamento mediate irradiazione per tumori ad esempio. Perché la menopausa comporta a volte la caduta dei capelli, un certo grado di secchezza ed invecchiamento della pelle, disturbi vescicali, secchezza delle mucose genitali, diminuzione del desiderio sessuale? La brusca caduta della presenza di ormoni femminili nell organismo della donna è la causa di queste possibili conseguenze! E i dolori nelle ossa? La menopausa nel tempo è anche causa dell osteoporosi, una sgradevole conseguenza della progressiva rarefazione della struttura delle ossa dovuta anche questa alla carenza di ormoni femminili! Ma vi è nel contempo anche un certo grado di artrosi che si sovrappone e che rende ragione dei dolori diffusi alle articolazioni oltre che alle ossa. La sessualità in menopausa: è un problema? La secchezza della mucosa vaginale, la sensibilità e la facile dolorabilità della vescica rendono conto di una certa difficoltà ai rapporti sessuali e il timore di provare dolore peggiora la situazione; se si aggiunge anche una certa diminuzione del desiderio sessuale il quadro che se ne ricava è certamente critico! Dunque menopausa significa inevitabile invecchiamento? Esistono rimedi efficaci contro i disturbi ed i danni della menopausa? Non è pensabile che una donna con un aspettativa di vita di oltre trent anni, ancora giovanile e brillante, possa considerarsi ormai sul viale del tramonto soltanto perché le sue ovaie non funzionano più Innanzitutto le donne devono parlare dei loro problemi e delle loro difficoltà con il loro medico cioè il ginecologo; ricevere corrette informazioni e aiuto anche sul piano psicologico oltre che farmacologico serve molto bene ad alleviare i disturbi della menopausa. Esiste poi la possibilità della cosiddetta terapia ormonale sostitutiva, utilizzando gli ormoni femminili che vanno a rimpiazzare quelli naturali mancanti. Le terapie ormonali sostitutive sono sicure e soprattutto innocue? Il ginecologo prima di prescrivere una cura con ormoni femminili, esattamente come si fa per la pillola contraccettiva, valuta ogni situazione oltre alle eventuali controindicazioni: se tutto è a posto la somministrerà altrimenti ne sconsi-glierà alla donna l uso. Le terapie ormonali sostitutive sono proprio indispensabili? Sarà il ginecologo insieme alla donna a valutare di volta in volta se ve ne è la necessità e l utilità, come per qualunque altra cura, richiedendo gli accertamenti opportuni prima di iniziare il trattamento e programmando i giusti controlli; ma la terapia ormonale, se correttamente eseguita, non è pericolosa o dannosa: anzi le donne rivivono e recuperano il benessere e la femminilità che la menopausa mette a repentaglio! In conclusione: L allungamento della vita media fa si che le donne vivano oltre 30 anni in menopausa: non è accettabile che esse subiscano inesorabilmente i disagi e i danni che questa condizione può comportare. Le donne devono sapere che il loro medico, il ginecologo, può rispondere in modo esauriente alle loro richieste di attenzione e di cura per molti dei disturbi che si possono accompagnare a questa particolare età della loro vita.

19 Voci dal Sud 19 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu M e d i c i n a Il Fegato: Cellule staminali pluripotenti: nuovo traguardo nella cura Riparare il fegato malato con le sue stesse cellule allo stato embrionale Al Policlinico Umberto I di Roma primo trattamento al mondo di un paziente affetto da cirrosi epatica con le cellule staminali da cui origina il fegato Prof. Eugenio Gaudi - Calabria Ora Le vie biliari umane vengono distinte anatomicamente in due porzioni: le vie biliare intra-epatiche e le vie biliari extra-epatiche. In entrambe le porzioni delle vie biliari è recentemente stata identificata una nicchia di cellule staminali/progenitrici. Lo studio di tale nicchia e l isolamento di tali cellule rappresentano un obiettivo della ricerca scientifica in ambito epatologico poiché tali cellule potrebbero rappresentare un target per lo sviluppo di terapie farmacologiche e cellulari. Le cellule progenitrici epatiche sono cellule bipotenti in grado di differenziarsi verso i due lineage epiteliali del fegato, gli epa-tociti ( o cellule del fegato) ed i co-langiociti (o cellule delle vie bilari). Il compartimento delle cellule progenitrici epatiche, nel fegato adulto normale, è un compartimento quiescente. Infatti, il rimpiazzamento delle cellule parenchimali morte nel corso del normale turn-over cellulare viene garantito dalla proliferazione degli stessi epatociti e colangio-citi adulti. Tali cellule hanno infatti enormi potenzialità proliferative, come noto sin dall antichità con il mito di Prometeo; anche nel corso di numerose patologie epatiche, la capacità proliferativa delle cellule epatiche mature è in grado di garantire la restituito ad integrum dell organo. Tuttavia, in numerose patologie umane il compartimento staminale residente viene attivato; è il caso, ad esempio, dell epatite fulminante acuta massiva (o sub massiva); in tale situazione, l entità e la rapidità con cui si instaura il danno è tale che le cellule del fegato adulte non sono sufficienti a far fronte alla perdita. Inoltre, anche in patologie croniche di lunga data, la capacità pro-liferativa delle cellule parenchima-li viene meno ed il compartimento staminale viene attivato. Le informazioni sulla nicchia delle cellule progenitrici dei dotti biliari intrae-patici pone le basi per lo sviluppo di strategie di isolamento e di coltura di tali cellule. Un efficacie isolamento di cellule progenitrici epatiche da fegato adulto umano rappresenta una prima strategia per ottenere cellule da utilizzare in medicina rigenerativa. In tale contesto, abbiamo messo a punto un protocollo di isolamento che prevedeva l utilizzo di fegati Prof. Eugenio Gaudio, M.D. Dean of the Faculty of Medicine and Pharmacy Full Professor of Human and Clinical Anatomy Department of Anatomy, Histology, Forensic Medicine and Orthopaedics Coordinator of the Ph.D. Course on Experimental and Clinical Hepatology University of Rome La Sapienza marginali di donatori che risultassero, dopo valutazione istopa-tologia, non idonei per il trapianto. In media, è stato possibile isolare circa cellule con una vitalità > del 70%. Pertanto, attraverso tale procedimento, siamo riusciti ad ottenere cellule staminali epatiche da fegato umano normale con fenotipo indifferenziato e con una metodologia applicabile

20 Voci dal Sud 20 AnnoVIII nr. 12 Dicembre M e d i c i n a tenza è stata che l albero biliare extraepatico potesse contenere cellule staminali multipotenti. Tale ipotesi nasce dalla conoscenza e dallo studio della sviluppo embrionario dell albero biliare. Infatti, nel corso dello sviluppo fetale, da un gruppo comune di cellule endodermiche nel contesto del duodeno hanno origine gli abbozzi del fegato, delle vie biliari extraepatiche e del pancreas ventrale. Pertanto, nelle vie biliari extraepatiche, cellule multi potenti endodermiche potrebbero essere residuate nella vita postnatale. In tal senso, il primo passo è stata la ricerca della nicchia di tali cellule staminali: la nicchia è stata individuata nel contesto delle ghiandole peribiliari, disposte nel contesto della parete delle vie biliari. In particolare, tali ghiandole sono principalmente localizzate nel dotto epatico comune a livello dell ilo epatico, nel dotto cistico e, in maggior numero, nella papilla duodenale. La caratterizzazione di tali ghiandole ha permesso di identificare nel loro contesto cellule positive a numerosi markers altamente suggestivi di cellule staminali multipotenti. In conclusione, un compartimento di cellule staminali bipoten-ti epatiche è presente nell albero biliare intraepatico del fegato adulto e fetale. L isolamento di tali cellule dal fegato adulto è possibile, ma ha ridotte prospettive in ambito di medicina rigenerativa per la scarsa resa e la ridotta disponibilità di materiali. Tali cellule rappresentano però un bersaglio ideale per lo sviluppo di terapie farmacologiche tese modulare i processi proliferativi/differenziativi di tali cellule. L isolamento di cellule bipotenti da fegato fetale sembra possedere ottime prospettive per l utilizzo in medicina rigenerativa epatica grazie alla numerosità delle cellule staminali che popolano il fegato fetale ed alla ridotta manipolazione a cui tali cellule vengono sottoposte. Infine, l albero biliare extra-epatico contiene, nel contesto delle ghiandole peribiliari, una nicchia di cellule staminali multi potenti di origine endodermica. Tali cellule possono essere isolate ed hanno la capacità di differenziarsi in epatoci-ti, cellule biliari e cellule pancreatiche mature. Per la relativa facilità di reperire il materiale da cui isolare tali cellule e la scarsa manipolazione, tali cellule rappresentano un candidato ideale per la medicina rigenerativa di fegato, vie biliari e pancreas. Scoperta cura per morbo Parkinson Finalmente una bella notizia che potrà cambiare il destino di tanta gente. Nessuno pensava che un giorno il morbo di Parkinson sarebbe potuto essere sconfitto. Al massimo si sperava di alleviarne i sintomi. E invece adesso la possibilità di debellarlo è più che fondata. Grande scoperta di un team di scienziati veronesi La ricerca che potrebbe cambiare il destino dei malati di Parkinson è stata condotta dall Istituto nazionale di Neuroscienze. Trovata una proteina, ribattezzata C-Rel, capace di difendere l organismo dalla malattia. E già si pensa a un futuro prossimo con un farmaco con capacità curative.

21 Voci dal Sud 21 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu GIOIA TAURO La studentessa gioiese Myriam Stanganelli è stata insignita questa mattina del titolo di Alfiere del Lavoro (equivalente femminile di Cavaliere del Lavoro) e ha ricevuto da Giorgio Napolitano (guarda il video dal min. 54 al min 56), nel corso di una solenne cerimonia che si è svolta al Quirinale, l attestato d onore e la Medaglia del Presidente della Repubblica. Myriam era inoltre la più giovane e anche la studentessa con la media voti più alta (10) tra i 25 premiati. La ragazza, che ha appena iniziato la sua carriera universitaria alla facoltà di Ingegneria medica dell ateneo di Roma Tor Vergata, si è diplomata al liceo Scientifico Piria di Rosarno. I 25 alfieri premiati questa mattina sono stati individuati da un gruppo di 1364 studenti, considerati i migliori di Italia. Nel corso della cerimonia, in cui sono state consegnate le onorificenze ai nuovi cavalieri del lavoro, hanno preso la parola il Presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, Benito Benedini, e il Sottosegretario di Stato allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti. E quindi intervenuto il Presidente Giorgio Napolitano, che ha poi consegnato le insegne ai Cavalieri del Lavoro, e, contestualmente, gli attestati ai nuovi Alfieri del Lavoro. Erano presenti il Presidente della Corte Costituzionale, Alfonso Quaranta, il Vice Presidente della Camera dei Deputati, Rocco Buttiglione, il Segretario di Presidenza del Senato della Repubblica, Lucio Malan, il Ministro degli Affari Esteri, Giulio Terzi di Sant Agata, il Ministro dell Interno, Anna Maria Cancellieri, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Antonio Catricalà, il Consiglio Direttivo della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro e molte altre autorità. Calabresi con la C maiuscola Miriam Stanganelli, studentessa di Gioia Tauro, Alfiere del Lavoro Inquieto Notizie

22 Voci dal Sud 22 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Trenitalia ed il Sud DAL NOVE DICEMBRE QUALI SARANNO I TRENI SOPPRESSI? Ser. Mo - Calabria Ora Che la vita dei pendolari non sia del tutto facile questo già si sa: tra ritardi e treni soppressi chi si sposta su linea ferrata sa che deve uscire di casa con largo anticipo cercando di prevenire ogni tipo di imprevisto. A questo bisogna aggiungere le scale mobili rotte, le biglietterie sigillate - a di raggiungere Roma alle prime ore del mattino. Solo una coincidenza? Chi lo sa, bisognerà aspettare l entrata in vigore del nuovo orario invernale. Al momento è prenotabile il 64% dei treni in circolazione. A questo punto l interrogativo è d obbligo: solo un caso, o quei convogli volte inesistenti - e le stazioni sempre più isolate. una impresa privata, ma sono assolutamente I ragionamenti commerciali fatti da non ci saranno più? Trenitalia sarebbero giusti se si trattasse di Non sarebbe la prima Ma quale sorpresa ora impensabili riferendosi ad un servizio volta, dopo i venti treni in pubblico gestito in esclusiva dallo Stato fino riserverà Trenitalia ai a pochissimo tempo addietro. meno a lunga percorrenza viaggiatori calabresi? Sarebbe come dire che un bel giorno i che collegano la nostra regione al Nord Italia e vi- viaggiatori andassero alla stazione e si Dal nove dicembre infatti sentissero annunciare che il treno tal dei tali bisognerà fare i conti oggi non parte perchè ci sono pochi ceversa. viaggiatori! anche con il nuovo orario Se il meridione è ancora Italia, come si Un elenco che si aggiun- invernale. presume visto che si pagano le tasse come ge a quelli già tagliati nel nel resto d Italia, DEVE esserte servito alla Le stazioni ne sono pari del centro e del nord! marzo del 2010 e che potrebbe sprovviste, mentre su internet è già possibile allungarsi a dismi- sura con l arrivo della stagione prenotare la maggior parte dei treni. Anche quest anno, però, non si escludono sorprese. invernale. E una battaglia che dura ormai da anni. Ma la d i n a m i Volete sapere perché? Presto detto: non è ca è chiara: più si va avanti e più aumenta il numero prenotabile ad esempio nessun treno interregionale d e i che collega la Calabria alla Campania. Sono gli stessi che il nove settembre scorso dovevano essere cancellati e che poi sono sopravvissuti grazie all intesa tra le Regioni interessate. Sembra inesistente anche l Intercity notte 794 che treni soppressi. E i servizi diminuiscono. Si sente già parlare di bus sostitutivi da e per Taranto. Chissà se almeno questa volta la po litica arriverà in tempo? parte da Reggio alle e arriva a Torino alle Bisogna scongiurare il totale iso lamento della Calabria. Prima che sia troppo tardi. Così come sparisce il convoglio che permetteva

23 Voci dal Sud 23 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu Trenitalia ed il Sud Al Sud le distanze non si indicano in Km, bensì in ore di viaggio! SERAFINA MORELLI - Calabria Ora Cosenza-Crotone in un ora e trenta-un tempo che dovrebbe essere assolutamente normale senza chiedere alcun miracolo. Così mentre l azienda annuncia che a breve la tratta Roma-Milano - parliamo di ben 662 km - potrà essere percorsa in circa due ore e trenta, i viaggiatori calabresi chiedono almeno di poter fare 110 chilometri in un tempo accettabile. Oggi ci vogliono addirittura fino a cinque ore di tempo per raggiungere la città pitagorica, se invece becchi la coincidenza giusta raggiungi la meta addirittura in poco più di due ore e trenta. Ma accade molto rara mente. Lo stesso vale se decidi di raggiungere la zona jonica, o se vuoi spostarti in Basilicata o in Puglia. «Noi vogliamo avere gli stessi diritti, paghiamo le tasse come i milanesi, non chiediamo l eccellenza come magari accade a Milano, ma almeno servizi di serie B. Serve un sistema, un piano per dare alla Calabria una mobilità soddisfacente. Non extra. Il segretario generale della Uil Trasporti, Pino Bartolo, non ci sta a farsi prendere in giro da Trenitalia, così come dalla politica e dal sistema imprenditoriale. Non bastano più promesse o piani sulla carta. Ma servono azioni concrete. «Non possiamo più aspettare. Noi ancora stiamo discutendo di cose che gli altri hanno fatto cinquantanni fa. Manca ancora un piano di trasporti regionale - spiega Bartolo - l ultimo che è stato presentato risale al 1997 ma è come se non ci fosse mai stato. E rimasto lettera morta». I sindacati - insieme - chiedono una riforma vera accompagnata da un piano regionale dei trasporti. E finalmente da palazzo Campanella hanno deciso di accelerare il confronto con le organizzazioni sindacali. A distanza di due anni dunque sembra che le loro proposte verranno ascoltate. Dopo la soppressione di oltre venti treni con il cambio dell orario invernale dello scorso anno, anche questa volta si aspettano altre brutte sorprese. Dal nove dicembre infatti partiranno i nuovi orari, ma il fatto che quelli considerati a rischio ancora non sono prenotabili per Bartolo questo «è un ulteriore segnale. Per quanto riguarda i treni interregionale per Napoli le Regioni devono mettersi d accordo, ma nel frattempo Trenitalia furbescamente li caccia. E l intercity notte potrebbe davvero sparire? «Non possiamo accettare di essere presi in giro in questo modo. Da quando hanno rimesso il treno sapevamo che sarebbe stato soppresso. Ma davvero dobbiamo sopportare questo? ita E un offesa alla dignità dei calabresi». Il treno infatti per raggiungere Torino da Reggio impiega circa 19 ore, escludendo ovviamente eventuali ritardi che ormai i passeggeri hanno imparato a mettere in conto. Siamo nel 2012, ma la situazione rispetto a quando i nostri genitori prendevano i treni per raggiungere il Nord è cambiata di poco. E rischiamo anche di trovare gli stessi treni di una volta. «Nel ricorda il sindacalista - viaggiavo sul Treno 571 per Milano e impiegavo 11 ore». La situazione quindi con il passare del tempo sembra addirittura peggiorata. «Trenitalia ci ha ridato il treno, ma non poteva che essere una provocazione. Perché pensate che davvero si riempia tutte le volte e che la gente salga su questi vagoni? Così con il cambio orario ora saranno autorizzati a cancellarlo. E a dire: mettere i treni in Calabria è inutile tanto la gente non li prende». Ad isolare ancora di più la regione ci penseranno nuovi tagli che andranno a penalizzare la linea jonica, già bistrattata perché da sempre esclusa da ogni piano di investimento. «Le risorse non bastano e allora si tagliano i servizi, e anche quei pochi treni regionali sulla Sibari- Metaponto subiranno dei tagli. In questa zona già l offerta è minima, ma così i pendolari subiranno nuovi disagi e la jonica verrà tagliata fuori». E pensare che in quella tratta esistono ancora le littorine. «Non dobbiamo disperdere le risorse e serve pensare non solo alla quantità dei servizi ma anche alla qualità. Non ha senso avere sulla carta 200 carrozze se poi comunque ce ne ritroviamo 150 perché vengono soppresse o piazzano i treni del 1940». Locomotori che misteriosamente si guastano e lasciano i pendolari a piedi. Ma anche i calabresi hanno dei diritti. E desidererebbero viaggiare non come carri di bestiame. I treni vecchi del Nord, per una volta, lasciamoli dove stanno. Bartolo, intanto, sorride e continua a sperare.

24 Voci dal Sud 24 AnnoVIII nr. 12 Dicembre Teorie su Murat, un re d autunno Si avvicina il bicentenario dalla morte di Gioacchino Murat a Pizzo, il re di Napoli e cognato di Napoleone Bonaparte, condannato a morte secondo la legge da lui stesso promulgata. Il Centro Studi Gioacchino Murat e il Circolo Culturale Agorà, presieduti da Giovanni Aianello, da quasi vent anni organizza incontri e confronti sulla figura dell emblematico generale francese. «Il tentativo di riconquista del regno di Napoli cominciando da Pizzo, può essere considerato un parallelo del Murat con l analoga impresa, riuscita, di Napoleone dopo avere lasciato l isola d Elba afferma Aianello - siamo di fronte a due personalità che hanno avuto la forza di mettersi in discussione dopo una cocente sconfitta». Durante quest appuntamento, svoltosi alla Biblioteca Pietro de Nava, l ospite d onore è stato lo psichiatra Achille Concerto, autore di Un re d autunno Gioacchino Murat. «Cosa ha spinto Murat a tentare la sorte a Pizzo, rifiutando un regno - chiosa lo stesso - che, anche dopo il primo crollo napoleonico, gli era stato affidato di diritto? A queste domande dubito possa dare risposta, poco importa. L importante è cercare la verità, non averla o credere di possederne una assoluta. Daniela Scuncia, storica e collaboratrice di Leonida edizioni si è concentrata descrivendo l accurata iconografica del libro. Caratteristica da non sottovalutare in qualsiasi studio, dati i numerosi documenti storici e stampe d epoca riportati in appendice e le pagine del testo. Francesco Ventura - Calabria Ora L a S t o r i a Un Re che, se pur nel suo breve lasso di tempo del suo regno, molto fece per la Calabria promulgando molti decreti in favore dei calabresi fra cui il diritto alla scuola pubblica gratutita per i giovani

25 Voci dal Sud 25 Anno VIII nr. 12 Dicembre 2012 rwww.sosed.eu Notizie in breve o curiose Voi lo avreste assunto? - Lavora presso la Apple, ma il suo nome è Sam Sung! Yahoo Notizie Potrebbe sembrare una barzelletta e invece è realtà. All Apple Store Pacific Centre di Vancouver, in Canada, un dipendente porta il nome della diretta concorrenza: Sam Sung. È tutto vero e documentato dal bigliettino da visita postato da un utente (che probabilmente è anche un cliente del centro assistenza incriminato) sul sito The Loop: Sam Sung è uno specialist del negozio con tanto di profilo Linkedin. Il numero di telefono e l indirizzo riportati sono corretti, è già stato verificato. Se fosse stata una trovata pubblicitaria alla Apple sarebbe andato il merito di aver scovato l idea dell anno. Invece si tratta solo di ironia del destino, su cui il popolo del web non può che infierire. A San Rafael in California Non si fuma nemmeno negli appartamenti Calabria Ora A San Rafael, una cittadina di 57 mila abitanti a nord di San Francisco, la guerra al fumo entra nelle case. Una nuova legge comunale, votata dalla maggioranza degli abitanti, proibisce di fumare negli appartamenti e in tutti gli edifici che ospitano più abitazioni. È la nona città in California ad approvare la legge, e la speranza dei promotori è di estendere la pratica anche nel resto dello Stato e del Paese. «Riguarda il 100 per cento delle unità abitative multiple», ha spiegato Rebecca Woodbury, analista dell amministrazione municipale, a Cbs. La legge proibisce il fumo anche in tutti i parchi cittadini, e su marciapiedi e zone pedonali di alcuni quartieri, dove i passanti potranno fumare ma solo camminando. «Il fumo si disperde quando le persone si muovono ed è meno pericoloso», ha detto Woodbury.

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Radio Pace 15 marzo 2011

Radio Pace 15 marzo 2011 Radio Pace 15 marzo 2011 Costruiamo Umanità Esperienze e testimonianze dal mondo del carcere Ben trovati a tutti da Francesca Boeri. Siete in ascolto della rubrica mensile che vuol far conoscere la vita

Dettagli

Lavoro in carcere: solo il 20% dei detenuti è occupato, in 5 anni fondi 30% e retribuzioni ferme al 1994

Lavoro in carcere: solo il 20% dei detenuti è occupato, in 5 anni fondi 30% e retribuzioni ferme al 1994 CENTRO STUDI DI RISTRETTI ORIZZONTI Lavoro in carcere: solo il 20% dei detenuti è occupato, in 5 anni fondi 30% e retribuzioni ferme al 1994 Il Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria (da ora in

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte 34 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli)

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli) Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza Codice Fiscale 95070400247 Iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Vicenza al n.79 Costituita in data 25 luglio 2002 con

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4180 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CÒ e CRIPPA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 LUGLIO 1999 Nuove

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE 28/99 QUALITÀ CONTROLLATA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Indice PARTE GENERALE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Definizioni

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

Un partito della sicurezza?

Un partito della sicurezza? 35 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

CALABRIA STILLITANI. Le politiche sociali regionali non possono permettersi di pagare il 30% delle rette delle strutture socio sanitarie

CALABRIA STILLITANI. Le politiche sociali regionali non possono permettersi di pagare il 30% delle rette delle strutture socio sanitarie CALABRIA STILLITANI Le politiche sociali regionali non possono permettersi di pagare il 30% delle rette delle strutture socio sanitarie CATANZARO - La manovra finanziaria è in linea con la filosofia del

Dettagli

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Il recente decreto-legge 112/2008, emanato dal Governo il 25 giugno scorso e riguardante la manovra correttiva

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA Sintesi del Documento Programmatico in occasione dei Congressi Territoriali UISP in Emilia Romagna gennaio 2013 - Mauro Rozzi 1. Premessa: le riflessioni/visione

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3112 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MORASSUT Introduzione dell articolo 1122-quater del codice civile, in materia di interventi

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 L allarme che qualche mese fa avevamo lanciato sui tagli ai comuni oggi è diventato certezza, e non è stata cosa semplice, per

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I. Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA

COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I. Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE DURATA - SCOPI TITOLO I Capo I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE- DURATA Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio ai principi contenuti

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 E costituita L Associazione, senza fini di lucro, denominata:

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

L euro in tasca. Franco Praussello

L euro in tasca. Franco Praussello EURO 24 L euro in tasca Franco Praussello Da capodanno abbiamo finalmente in portafoglio la moneta europea, in forma di banconote nuove e fruscianti: l euro è diventato una moneta a pieno titolo, dopo

Dettagli