Fondamenti di Informatica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondamenti di Informatica"

Transcript

1 Cosa sono i file? Un file è un archivio di dati che puo essere registrato su un supporto di massa (testo, lettera, programma, archivio di dati, ecc.) Fondamenti di Informatica 12. Linguaggio C - Gestione di file Il file è l unità logica di memorizzazione dei dati su dispositivi di memoria di massa Il file permette: una memorizzazione persistente dei dati una memorizzazione non limitata dalle dimensioni della memoria centrale Un file si puo anche considerare come un insieme di record correlati tra loro (ossia un insieme di informazioni strutturate e organizzate in un archivio) similitudine con le tabelle (array di strutture) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione A.A Semestre Prof. Giovanni Pascoschi Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 2 Tipiche operazioni su file Tipi di file (di testo e binari) Apertura del file : si stabilisce un collegamento logico tra la memoria centrale e l unità di memoria di massa che contiene il file sul quale si vogliono fare operazioni di lettura/scrittura viene riservata un area di memoria centrale buffer di I/O Chiusura del file : si chiude il collegamento logico tra la memoria centrale e l unità di memoria di massa che contiene il file (eseguito dopo la relativa apertura) Lettura dal file : si trasferiscono i dati dal file alla memoria centrale (input da file) Scrittura sul file : si trasferiscono i dati dalla memoria centrale al file (output su file) La tipologia di file di testo deriva essenzialmente dalla loro leggibilità File di testo (o ASCII) : i file di testo contengono i caratteri di fine riga (EOL End Of Line) e a ciascun byte corrisponde un carattere codificato in ASCII facilmente leggibili (vecchio approccio) Esempio: file sorgenti, bolle/fatture nei vecchi programmi Notepad File binari : i file binari sono considerati come un unico flusso continuo di bit, anch essi raggruppati in byte, ma non necessariamente distinti l uno dall altro (moderno approccio) Esempio : file eseguibili, documenti Word/Excel, ecc Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 3 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 4

2 Modalità di accesso ai file File con record a lunghezza fissa/variabile Accesso sequenziale: in fase di lettura i dati possono essere ritrovati (sequenzialmente) scorrendo tutti i record del file a partire dal primo fino ad arrivare all ultimo, nello stesso ordine con il quale sono stati registrati Accesso diretto (random/casuale): nel caso di utilizzo di record a lunghezza fissa aventi pertanto la stessa struttura, l accesso in lettura alla specifica componente puo avvenire direttamente, identificando la sua posizione all interno del file Record a lunghezza fissa: Nelle maggior parte delle applicazioni gestionali gli archivi nelle memorie di massa interessano file formati da record aventi la stessa struttura (record a struttura fissa/lunghezza fissa) sia accesso sequenziale che diretto Record a lunghezza variabile: In alcune applicazioni particolari i record non hanno lunghezza fissa (p.e. file sorgenti in cui le singole righe terminano con un EOL) solo accesso sequenziale Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 5 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 6 Esempio Dichiarazione del file struct Persona { char indirizzo[20]; float stipendi[12]; ; typedef struct Persona dip; dip Dipendente;... La dichiarazione di un file avviene con la seguente sintassi: FILE * fp; puntatore a una struttura di informazioni che si riferiscono al file utilizzato (p.e. locazione del buffer I/O, posizione corrente nel buffer durante la lettura e scrittura, ecc.) Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 7 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 8

3 Apertura del file Modalità di accesso al file La sintassi per l apertura di un file è la seguente: fp = fopen( nomefisico, modalità ); fp è il puntatore al file o descrittore del file (nome interno del file) nomefisico è il nome del file sul supporto di massa (attenzione percorso!) modalità indica le modalità di accesso al file se fp ritorna un valore NULL significa che ci sono stati del problemi ad aprire il file N.B.: una volta che si apre un file, esso rimane aperto finchè non viene chiuso esplicitamente dal programma o quando il programma stesso termina file binari file di testo modalità commenti rb r solo lettura wb w solo scrittura r+b r+ lettura & scrittura w+b w+ scrittura & lettura ab a a+b a+ se il file non esiste, restituisce un messaggio di errore se il file non esiste, viene creato; se esiste viene effettuata la sovrascrittura a partire dall inizio con perdita dei dati precedenti se il file non esiste, viene creato; se scrittura in fondo al esiste viene effetuata la scrittura in coda file (append) ai dati già esistenti scrittura in fondo al file e lettura Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 9 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 10 Esempio Chiusura del file struct Persona { char indirizzo[20]; float stipendi[12]; ; typedef struct Persona dip; dip Dipendente; int main() { fp = fopen( registro.dat, w );... /*apertura in sola scrittura del file chiamato registro.dat di tipo testuale*/ La sintassi per la chiusura di un file è la seguente: alla fine di una sessione di accesso al file è necessario chiuderlo per memorizzare permanentemente il suo contenuto nel dispositivo di memoria di massa all esecuzione di fclose viene assegnato NULL a fp e si rilascia il descrittore di tipo FILE la funzione restituisce 0 se l operazione di chiusura avviene correttamente, altrimenti restituisce EOF (End Of File) Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 11 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 12

4 Lettura di un record dal file Questa istruzione permette di leggere una componente dal file (record) e ne trasferisce il contenuto nella memoria centrale con la seguente sintassi: fread(&buffer, dimensione, numero_elementi, fp); buffer è il buffer di I/O dimensione indica la quantità di byte da leggere complessivamente per ciascun record numero_elementi indica la quantità di record da leggere se indichiamo numero_elementi > 1 possiamo leggere piu record contemporaneamente supponendo di avere una tabella (array di strutture) Esempio struct persona { char indirizzo[20]; float stipendi[12]; ; typedef struct persona dip; dip dipendente; int main() { fp = fopen( registro.dat, r ); fread(&dipendente, sizeof(struct persona), 1, fp);... // lettura di un record dal file Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 13 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 14 Scrittura di un record su file Esempio Questa istruzione permette di scrivere una componente dal file (record) e ne trasferisce il contenuto dalla memoria centrale alla memoria di massa con la seguente sintassi: fwrite(&buffer, dimensione, numero_elementi, fp); buffer è il buffer di I/O dimensione indica la quantità di byte da leggere complessivamente per ciascun record numero_elementi indica la quantità di record da scrivere N.B.: ad ogni scrittura il puntatore al file si sposta in avanti di tanti byte quanti sono gli elementi registrati moltiplicati per la dimensione del record struct persona { char indirizzo[20]; float stipendi[12]; ; typedef struct persona dip; dip dipendente; int main() { fp = fopen( registro.dat, w ); fwrite(&dipendente, sizeof(struct persona), 1, fp); su file... // scrittura di un record Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 15 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 16

5 Posizionamento del puntatore Verifica Fine file Il file si puo assimilare a un nastro video/audio Questa istruzione permette di verificare se si è raggiunto la fine del fine EOF (End Of File) con la seguente sintassi: feof(fp); inizio del file posizione fine del file corrente La posizione corrente indica il punto da si leggerà (o si scriverà) L indicatore di posizione corrente si sposta in avanti dopo ogni lettura/scrittura Esistono le operazioni per spostare la posizione corrente in avanti o indietro senza leggere o scrivere (per esempio, fseek) Il file non ha dimensioni prefissate. La sua dimensione massima dipende dalla dimensione della memoria di massa la funzione restituisce falso (0) se non si è raggiunta la fine del file la funzione restituisce vero (!=0) se si è raggiunta la fine del file Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 17 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 18 Posiziona il puntatore Questa istruzione (usata per l accesso diretto) permette di posizionare il puntatore ad una specifica componente del file calcolando il numero di byte dei record che lo precedono con la seguente sintassi: fseek(fp, posizione, inizio); posizione è il numero di byte con il quale il puntatore viene spostato inizio (long) puo assumere tre valori : SEEK_SET 0 posizionamento a partire dall inizio del file SEEK_CUR 1 posizionamento a partire dalla posizione corrente del puntatore SEEK_END 2 posizionamento a partire dalla fine del file Ritorna il valore di posizionamento del puntatore Questa istruzione permette di determinare la posizione corrente del puntatore al file con la seguente sintassi: long pos; pos = ftell(fp); N.B.: nel caso di apertura del file in r+, w+ o a+, nel passaggio da una tipologia di accesso (readwrite o writeread) bisogna utilizzare fseek(fp, 0, SEEK_CUR) per fissare il puntatore al record Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 19 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 20

6 Gestione degli errori Esempio Accesso Sequenziale (1) La funzione ferror(fp) restituisce: 0 se non è stato commesso alcun errore nella precedente operazione di lettura/scrittura un valore!=0 in caso contrario struct persona { ; typedef struct persona dip; dip dipendente; void registra(void); void visualizza(void); Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 21 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 22 Esempio Accesso Sequenziale (2) int main( ) { // registrazione fp = fopen( registro.dat, wb ); registra( ); // visualizzazione fp = fopen( registro.dat, rb ); if( fp!= NULL) { visualizza( ); else cout<< Errore: l archivio non esiste <<endl; return 0; Esempio Accesso Sequenziale (3) void registra() { int risposta; do { print( Inserimento di un dipendente \n ); printf( Matricola: \n ); scanf( %d,&dipendente.matricola); printf( Cognome: \n ); scanf( %s,dipendente.cognome); printf( Nome:\n ); scanf(( %s,dipendente.nome); printf( Livello: ); scanf( %d,&dipendente.livello); fwrite(&dipendente, sizeof(dip), 1, fp); printf( Elenco finito? (0 = no, 1 = si): \n ); scanf( %d,&risposta); while(!risposta); return; Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 23 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 24

7 Esempio Accesso Sequenziale (4) void visualizza() { printf( Elenco dipendenti \n ); fread(&dipendente, sizeof(dip), 1, fp); while(!feof(fp)) { printf( Matricola:\n ); printf( %d, dipendente.matricola); printf( Cognome: \n ); printf( %s, dipendente.cognome); printf( Nome: \n ); printf( %s, dipendente.nome); printf( Livello:\n ); printf( %d, dipendente.livello); fread(&dipendente, sizeof(dip), 1, fp); return; Esempio Accesso Diretto (1) struct persona { ; typedef struct persona dip; dip dipendente; void registra(void); Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 25 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 26 Esempio Accesso Diretto (2) Esempio Accesso Diretto (3) int main( ) { // registrazione fp = fopen( registro.dat, a+b ); if( fp!= NULL) { registra( ); else printf( Errore: l archivio non esiste \n ); return 0; void registra() { int i; long posizione; printf( Inserimento di un dipendente \n ); printf( inserire indice record inserire il dipendente \n ); scanf( %d, &i); while(i > 0) { posizione = (i 1) * sizeof(dip); fseek(fp, posizione, 0); if( fread(&dipendente, sizeof(dip), 1, fp) && dipendente.cognome[0]!= \0 ) { printf( Attenzione codice gia presente\n ); printf( Matricola: \n ); scanf( %d, &dipendente.matricola); printf( Cognome: \n ); printf( %s, dipendente.cognome); printf( Impossibile registrazione \n ); Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 27 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 28

8 Esempio Accesso Diretto (4) File di record a lunghezza variabile else { printf( Matricola: \n ); scanf( %d, &dipendente.matricola); printf( Cognome: \n ); scanf( %s,dipendente.cognome); printf( Nome:\n ); scanf(%s,dipendente.nome); printf( Livello: \n ); scanf( %d, &dipendente.livello); fseek(fp, posizione, 0); fwrite(&dipendente, sizeof(dip), 1, fp); printf( inserire indice record inserire il dipendente (0 termina) \n ); scanf( %d, &i); return; Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 29 I file sorgenti sono un esempio di file con record a lunghezza variabile: ogni riga termina con un EOL (End Of Line) in genere sono file di testo l accesso puo essere solo di tipo sequenziale Tipiche istruzioni per lettura/scrittura file di testo a lunghezza variabile: fprintf(fp, %s \n,nome); fscanf(fp, %s, nome); // scrittura su file // lettura da file N.B. : si ricorda che nel caso in cui al posto di fp si usa stdprn, la fprintf gestisce il flusso verso la stampante Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 30 Esempio di file di record a lunghezza variabile File *fp; void chiedi( ); int main( ) { fp = fopen( rubrica.txt, w ); chiedi ( ); while ( nome[0]!= * ) { fprintf (fp, %s \n, nome); chiedi ( ); return 0; void chiedi ( ) { printf( inserisci il nome di un collega ( * per finire) \n ); scanf( %s,nome); return; File di record a lunghezza variabile per gestire i singoli caratteri si usano le istruzioni: c = fgetc(fp1); // equivalente alla fscanf di un carattere fputc(c, fp1); // equivalente alla fprintf di un carattere per gestire le righe intese come stringhe si usano le istruzioni: fgets(buf, n, fp1); // legge fa file una riga di n caratteri e la mette in buf fputs(buf, fp1); // scrive una riga su file Esempio : copia di due file binari byte per byte Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 31 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 32

9 Esempio di file di record a lunghezza variabile Riepilogo della lezione int main( ) { File *fp1, *fp2; int a; fp1 = fopen( file1.doc, rb ); fp2 = fopen( file2.doc, wb ); a = fgectc(fp1); while (! feof(fp1)) { fputc( c, fp2); a = fgetc(fp1); fclose(fp1); fclose(fp2) return 0; Linguaggio C - Gestione dei file File di testo e binari Operazioni su file con accesso sequenziale Operazioni su file con accesso diretto Esempio di file con accesso sequenziale Esempio di file con accesso diretto File di record a lunghezza variabile Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 33 Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 34 Fine della lezione Domande? Fondamenti di Informatica A.A a cura di Pascoschi Giovanni 35

Operazioni su file di caratteri

Operazioni su file di caratteri Operazioni su file di caratteri Apertura fopen Chiusura fclose Scrittura fprintf Lettura fscanf Controllo fine file feof Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1 Apertura di un file: Si

Dettagli

I files in C. A cura del prof. Ghezzi

I files in C. A cura del prof. Ghezzi I files in C A cura del prof. Ghezzi 1 Perchè i files? Realizzano la persistenza dei dati dati che sopravvivono all esecuzione del programma Sono delle strutture di dati sequenziali 2 Files e S.O. I files

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE Input/output da file Il linguaggio C non contiene istruzioni di I/O, in quanto tali operazioni vengono eseguite tramite funzioni di libreria standard. Questo approccio rende estremamente flessibile e potente

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

Linguaggio C: i file

Linguaggio C: i file Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica A - GES Prof. Plebani A.A. 2006/2007 Linguaggio C: i file La presente dispensa e da utilizzarsi ai soli fini didattici previa

Dettagli

IL CONCETTO DI FILE. È illecito operare oltre la fine del file.

IL CONCETTO DI FILE. È illecito operare oltre la fine del file. IL CONCETTO DI FILE Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni su memoria di massa. Concettualmente, un file è una sequenza di registrazioni

Dettagli

Esercizi. I File ed il C

Esercizi. I File ed il C Politecnico di Milano Esercizi File di testo,, file binari I File ed il C Insieme omogeneo di dati, memorizzato su disco e caratterizzato da un nome La lunghezza di un file non è fissata a priori Astrazione

Dettagli

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea e` terminata da una marca di fine linea (newline, cara ttere '\n').

Sono file di caratteri, organizzati in linee. Ogni linea e` terminata da una marca di fine linea (newline, cara ttere '\n'). I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un

Dettagli

File binari e file di testo

File binari e file di testo I file File binari e file di testo distinzione tra file binari file di testo si possono usare funzioni diverse per la gestione di tipi di file diversi Programmazione Gestione dei file 2 File binari e file

Dettagli

Introduzione al C. Unità 9 File. D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza

Introduzione al C. Unità 9 File. D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Introduzione al C Unità 9 File D. Bloisi, S. Peluso, A. Pennisi, S. Salza Sommario Input/Output Stream

Dettagli

Scrittura formattata - printf

Scrittura formattata - printf Esercizi su Input/Output con formato FormattedIO 1 Scrittura formattata - printf Funzione printf int printf ( , ) La funzione restituisce un valore intero uguale ai caratteri

Dettagli

Indice. La gestione dei file in C e gli stream. Apertura e chiusura di un file. Operazioni sui file. Accesso sequenziale e non sequenziale

Indice. La gestione dei file in C e gli stream. Apertura e chiusura di un file. Operazioni sui file. Accesso sequenziale e non sequenziale File in C Indice La gestione dei file in C e gli stream Apertura e chiusura di un file Operazioni sui file Accesso sequenziale e non sequenziale Gestione dei file in C In C all interno della standard library

Dettagli

ARCHIVI E FILE. Prof. Ciaschetti

ARCHIVI E FILE. Prof. Ciaschetti ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOJ ARCHIVI E FILE Prof. Ciaschetti Un archivio è un insieme di registrazioni (record) memorizzate in modo persistente, cioè resta memorizzato permanentemente, anche

Dettagli

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico Gestione dei file Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano stefano.ferrari@unimi.it Programmazione anno accademico 2016 2017 Gli stream Si dice stream qualsiasi sorgente di dati in ingresso e qualsiasi

Dettagli

Gestione dei file. File di testo e binari

Gestione dei file. File di testo e binari Gestione dei file Un file e definito come un oggetto, presente nel file system, costituito da una sequenza continua di bytes Un file, per poter essere utilizzato, deve essere aperto Successivamente e possibile

Dettagli

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp.

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp. Introduzione L elaborazione dei files in C D.D. cap. 11+ pp. 569-572 K.P. pp. 581-583 La memorizzazione dei dati nelle variabili e nei vettori è temporanea: tutti quei dati andranno persi quando il programma

Dettagli

Gestione dei file. Linguaggio ANSI C Input/Output - 13

Gestione dei file. Linguaggio ANSI C Input/Output - 13 Gestione dei file Necessità di persistenza dei file archiviare i file su memoria di massa. Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni

Dettagli

Linguaggio C Gestione File

Linguaggio C Gestione File Gestione File: Il file è l'unità logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Nel linguaggio

Dettagli

File e puntatori a file

File e puntatori a file File e puntatori a file Vitoantonio Bevilacqua vitoantonio.bevilacqua@poliba.it La libreria stdio.h mette a disposizione delle funzioni che hanno la peculiarità di trattare con questa nuova tipologia di

Dettagli

file fisico file logico

file fisico file logico I files Un file è una struttura di dati residente su una memoria di massa (file fisico) Un programma vede un file come una sequenza di bytes (file logico) Generalizzando, un file può comprendere qualsiasi

Dettagli

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Il tipo FILE. Passaggio da standard I/O. LINGUAGGIO C Gestione dei file

Sommario FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Il tipo FILE. Passaggio da standard I/O. LINGUAGGIO C Gestione dei file Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica (Industriale), Chimica, Meccanica, Elettrica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011

Dettagli

I File. Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa.

I File. Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale. Generalmente un

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. File. Marco D. Santambrogio Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. File. Marco D. Santambrogio Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013 File Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 15 Maggio 2013 Obiettivi Alcuni problemi aperti Il main() Allocazione dinamica della memoria Il salvataggio dei dati File File

Dettagli

La gestione dei file in C

La gestione dei file in C Gestione dei file La gestione dei file in C Il file è un astrazione molto ampia nella descrizione di un sistema informatico nastro di I/O supporto di comunicazione macchina/ambiente di ogni tipo (sensori,

Dettagli

I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd

I file possono essere manipolati (aperti, letti, scritti ) all interno di programmi C. dischi nastri cd Per poter mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma (persistenza dei dati) è necessario poterli archiviare su memoria di massa. dischi nastri cd GESTIONE DEI FILE I file possono

Dettagli

Gestione dei file di dati

Gestione dei file di dati Gestione dei file di dati 1. Le classi di input/output Il linguaggio C++ non dispone di proprie istruzioni per la gestione dell interazione con l utente. Si appoggia infatti su appositi comandi scritti

Dettagli

FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto

FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto FILE: tipo operazione Istruì. prototipo esempi lettura di un carattere fgetc Int fgetc(file *flusso) Vedi sotto alla volta Scrittura di un fputc Int fputc(int ch, FILE *flusso); carattere alla volta Lettura

Dettagli

Unità Didattica 5 Linguaggio C. Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture.

Unità Didattica 5 Linguaggio C. Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture. Unità Didattica 5 Linguaggio C Stringhe. Accesso a file ASCII. Strutture. 1 Stringhe Una stringa è una sequenza di caratteri (es: ciao, sd!n29dnqa ); In C non esiste una variabile di tipo stringa; Una

Dettagli

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi e versione aggiornata al 05/02/2004 Sommario Elementi di Base... 2 Dati, Tipi e Dichiarazioni... 2 Tipi di Dato di Base... 2 Tipi di Dato Strutturati...

Dettagli

Gestione dei File C. Generalità

Gestione dei File C. Generalità Gestione dei File C 1 Generalità Il linguaggio C non contiene alcuna istruzione di Input/Output. Tali operazioni vengono svolte mediante chiamate a funzioni definite nella libreria standard contenute nel

Dettagli

Suggerimenti, note utili ed errori comuni. Fondamenti di informatica T

Suggerimenti, note utili ed errori comuni. Fondamenti di informatica T Suggerimenti, note utili ed errori comuni Fondamenti di informatica T printf, scanf e stringhe di formato La lettura e scrittura di variabili in formato testo sono realizzate tramite printf e scanf sfruttando

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli ELEMENTI DI INFORMATICA L-B Ing. Claudia Chiusoli Materiale Lucidi delle lezioni Date degli appelli Testi di esami precedenti Informazioni e contatti http://www.lia.deis.unibo.it/courses/ Programma del

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Strutture di dati Fondamenti di Informatica 11. Linguaggio C - Strutture / Tabelle / Puntatori Strutture /Tabelle Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione A.A. 2012-2013 2 Semestre

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011 Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 30/11/2011 Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147 00161 Roma I/O in C Il sistema di I/O del C è una interfaccia uniforme

Dettagli

4. Accesso diretto per gli archivi con record a lunghezza costante

4. Accesso diretto per gli archivi con record a lunghezza costante 4. Accesso diretto per gli archivi con record a lunghezza costante Nell accesso diretto (in inglese, random) al file binario, le operazioni di lettura o scrittura devono essere precedute dall operazione

Dettagli

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune.

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Le strutture Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Dichiarazione di una struttura: struct point { int x; int y; }; La dichiarazione di una struttura

Dettagli

Se vogliamo cambiarlo: i dati vengono sovrascritti. 300 White Jones (vecchio valore) 300 Worthington 0.00

Se vogliamo cambiarlo: i dati vengono sovrascritti. 300 White Jones (vecchio valore) 300 Worthington 0.00 File position pointer File position pointer Indica la posizione da cui leggere/scrivere i prossimi byte Non un puntatore, ma un valore intero (specifica la posizione dall inizio file in termini di numero

Dettagli

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002

I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 I file Laboratorio di Linguaggi di Programmazione a.a. 2001/2002 dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Sommario Generalità sui file in C I file ad accesso sequenziale I file di testo Riferimenti

Dettagli

Capitolo 11 Elaborazione di file

Capitolo 11 Elaborazione di file 1 Capitolo 11 Elaborazione di file 11.1 Introduzione 2 I file Possono essere creati, modificati, ed elaborati da programmi scritti in C Sono utilizzati per la memorizzazione permanente dei dati La memorizzazione

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

Esercizi di programmazione in linguaggio C English Dictionary

Esercizi di programmazione in linguaggio C English Dictionary Esercizi di programmazione in linguaggio C English Dictionary Il file di testo wordnet.txt contiene un certo numero di parole (word) e il corrispondente significato (meaning) secondo il seguente formato:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INFORMAZIONE E BIOINGEGNERIA. INFORMATICA B Ingegneria Elettrica. I file in Matlab

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INFORMAZIONE E BIOINGEGNERIA. INFORMATICA B Ingegneria Elettrica. I file in Matlab INFORMATICA B Ingegneria Elettrica I file in Matlab I file I file sono contenitori di informazione: sequenze di byte associate ad un nome Sono memorizzati su memoria di massa (non- volatile) Possono continuare

Dettagli

MATLAB: FILES. Informatica B/C - A.A. 2013/2014

MATLAB: FILES. Informatica B/C - A.A. 2013/2014 MATLAB: FILES Informatica B/C - A.A. 2013/2014 I FILE Contenitori di informazione: sequenze di byte associate ad un nome Sono memorizzati su memoria di massa (non-volatile) Possono continuare ad esistere

Dettagli

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include <stdio.h> int swap(int * nome, int length);

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include <stdio.h> int swap(int * nome, int length); Fondamenti di Informatica L-A (A.A. 004/005) - Ingegneria Informatica Prof.ssa Mello & Prof. Bellavista I Prova Intermedia del 11/11/004 - durata h - COMPITO B Esercizio 1 (punti 1) Una associazione di

Dettagli

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 parametri delle funzioni (dalla lezione scorsa) gli argomenti in C vengono passati by value dalla funzione chiamante alla funzione chiamata la lista degli argomenti viene

Dettagli

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune.

Le strutture. Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Le strutture Una struttura C è una collezione di variabili di uno o più tipi, raggruppate sotto un nome comune. Dichiarazione di una struttura: struct point { int x; int y; }; La dichiarazione di una struttura

Dettagli

File binari, Operazioni sui File binari, Allocazione dinamica della memoria

File binari, Operazioni sui File binari, Allocazione dinamica della memoria File binari, Operazioni sui File binari, Allocazione dinamica della memoria Vitoantonio Bevilacqua bevilacqua@poliba.it Parole chiave: File binari, Funzioni principali file binari, Funzione malloc, Allocazione

Dettagli

int ninv; /* numero di inventario */

int ninv; /* numero di inventario */ 1) Scrivere il programma C che legga da un file di testo ("dati.dat") i record con dati relativi ad un archivio di dischi (utilizzando la struttura data) e scriva il file dati1.dat con i nomi degli artisti

Dettagli

Verifica su Record e File

Verifica su Record e File Nome: Data: Valutazione in ventesimi Verifica su Record e File 1. (max 1,5 punti) Completare le frasi scegliendo tra i tipi d accesso ai file indicati al termine della domanda: a. L accesso si utilizza

Dettagli

Fondamenti di Informatica L-A

Fondamenti di Informatica L-A Fondamenti di Informatica L-A Esercitazione del 30/11/07 Ing. Giorgio Villani Ripasso Teoria File dati ES: nome.dat Leggere fopen( nome_file, rb ); fread(void *vet, int size, int n, FILE *fp); Scrivere

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Gestione dei File in MATLAB Prof. Christian Esposito Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e Gestionale (Classe I) A.A. 2016/17 Gestione dei file in MATLAB OUTLINE Caratteristiche

Dettagli

Introduzione al C. Stream e disk file

Introduzione al C. Stream e disk file Introduzione al C Stream e disk file Stream Un canale è una sequenza di byte di dati Sorgente o destinazione di dati che possono essere associati ad un disco o ad altre periferiche Due tipi di stream:

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Gli stream in C++ Laboratorio di Informatica 8. Gestione I/O e file in C++ Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni A.A. 2013-2014 2 Semestre Prof. Giovanni Pascoschi stream è un astrazione

Dettagli

Matrici, stringhe e I/O da file

Matrici, stringhe e I/O da file Memory Leakage (I) Se si perde il valore di un puntatore di una zona di memoria allocata, quella memoria non e piu utilizzabile dal processo e non e piu liberabile : rimane quindi proprieta del processo

Dettagli

Array. Maurizio Palesi Salvatore Serrano. In C si possono definire tipi strutturati Vi sono due costruttori fondamentali

Array. Maurizio Palesi Salvatore Serrano. In C si possono definire tipi strutturati Vi sono due costruttori fondamentali MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Array Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Tipi di dato stutturati In C si possono

Dettagli

DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII

DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII Gestione dei files DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT HTTP://WWW.DII.UNISI.IT/~RIGUTINI/

Dettagli

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo Politecnico di Milano Esercizi Puntatori, struct con campi puntatore, puntatori a struct, rapporto tra array e puntatori. FUNZIONI Passaggio di parametri per indirizzo, passaggio di array. #include

Dettagli

ESERCIZIO 1 (5 punti) Convertire in binario il valore, espresso in decimale, Si usi la rappresentazione in virgola fissa.

ESERCIZIO 1 (5 punti) Convertire in binario il valore, espresso in decimale, Si usi la rappresentazione in virgola fissa. PROVA SCRITTA DEL CORSO DI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA ED ELETTRICA 23/9/2008 MOTIVARE IN MANIERA CHIARA LE SOLUZIONI PROPOSTE A CIASCUNO DEGLI ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO 1 (5 punti) Convertire

Dettagli

caratteri, immagini, suoni, ecc.

caratteri, immagini, suoni, ecc. Il linguaggio C Input e output I flussi di I/O L uso di buffer Apertura e chiusura di file Lettura e scrittura di dati La selezione di un metodo di I/O I/O non bufferizzato L accesso diretto a file Input

Dettagli

Lab 10 Gestione file di testo

Lab 10 Gestione file di testo Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni Lab 10 Gestione file di testo Lab15 1 Esercizio 1 n Realizzare un programma che, aperto un file di testo di nome

Dettagli

Linguaggio C. Vettori, Puntatori e Funzioni Stringhe. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. Vettori, Puntatori e Funzioni Stringhe. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin Linguaggio C Vettori, Puntatori e Funzioni Stringhe Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin SCHEMA DELLA LEZIONE RELAZIONE TRA VETTORI E PUNTATORI (e le stringhe letterali come caso

Dettagli

Esercizio 1 (15 punti)

Esercizio 1 (15 punti) Esercizio 1 (15 punti) Corsi di laurea in Ingegnera Elettronica e Ingegneria Gestionale Fondamenti di Programmazione / Fondamenti di Informatica I Prova scritta del 16 giugno 2017 Il noto gioco MasterMind

Dettagli

Lezione 8 Struct e qsort

Lezione 8 Struct e qsort Lezione 8 Struct e qsort Rossano Venturini rossano@di.unipi.it Pagina web del corso http://didawiki.cli.di.unipi.it/doku.php/informatica/all-b/start Esercizio 3 QuickSort strambo Modificare il Quicksort

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES

SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES SOMMARIO SU LETTURA E SCRITTURA (I/O) DEGLI STANDARD FILES Con conversione di formato: int scanf (const char *format,... ) /* ritorna il numero di argomenti assegnati con successo altrimenti EOF se fine

Dettagli

Esercizio 1 (15 punti)

Esercizio 1 (15 punti) Esercizio 1 (15 punti) Corsi di laurea in Ingegnera Elettronica e Ingegneria Gestionale Fondamenti di Programmazione / Fondamenti di Informatica I Prova scritta del 30 giugno 2017 In un lontano paese da

Dettagli

I file. un file è una sorgente/destinazione di dati per diversi attori

I file. un file è una sorgente/destinazione di dati per diversi attori I file Il file è un astrazione molto ampia nella descrizione di un sistema informatico: Il concetto di file è uno snodo fondamentale di flussi di informazione anche tra applicazioni diverse un file è una

Dettagli

Un file è un astrazione di memorizzazione di dimensione potenzialmente illimitata (ma non infinita), ad accesso sequenziale.

Un file è un astrazione di memorizzazione di dimensione potenzialmente illimitata (ma non infinita), ad accesso sequenziale. IL CONCETTO DI FILE Un file è una astrazione fornita dal sistema operativo, il cui scopo è consentire la memorizzazione di informazioni su memoria di massa. Concettualmente, un file è una sequenza di registrazioni

Dettagli

C: panoramica. Violetta Lonati

C: panoramica. Violetta Lonati C: panoramica Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica AA 2009/2010 Violetta Lonati

Dettagli

Matlab: Gestione avanzata dei file

Matlab: Gestione avanzata dei file Matlab: Gestione avanzata dei file Informatica B File 2 Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare ad esistere indipendentemente dalla vita del programma

Dettagli

Gestione dei File. Indice. Il file system in C. Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi. Corso di Informatica A.

Gestione dei File. Indice. Il file system in C. Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi. Corso di Informatica A. Gestione dei File Corso di Informatica A Vito Perrone 1 Il file system in C Indice Principali operazioni sui file (dalla Standard Library) Esempi 2 Il file system in C Flusso di comunicazione: binario

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Liste semplici (semplicemente linkate) Una lista semplice e costituita da nodi Laboratorio di Informatica 7. Strutture complesse di dati in C++ Ogni nodo e una struttura che contiene : Dati Un riferimento

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato

Programmazione C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Trasformare array paralleli in array di record

Trasformare array paralleli in array di record Trasformare array paralleli in array di record Un array è una struttura di dati omogenea: gli elementi dell array sono tutti dello stesso tipo (che è il tipo dell array). A volte è necessario gestire informazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Fondamenti di Informatica 2 della prova scritta del 28 Febbraio 2006 Esercizio 1 (4 punti) Date le seguenti variabili int A[] = 2,3,7,-2,5,8,-4; int N = 7; int min = 3; int i; Scrivere la porzione di codice

Dettagli

FILE BINARI FILE BINARI

FILE BINARI FILE BINARI FILE BINARI Un file binario è una pura sequenza di byte, senza alcuna strutturazione particolare È un'astrazione di memorizzazione assolutamente generale, usabile per memorizzare su file informazioni di

Dettagli

I File. File. File di testo. Esempi di file di testo. Gestione di file in C. Gestione di file in C

I File. File. File di testo. Esempi di file di testo. Gestione di file in C. Gestione di file in C mylib.obj mylib.c #include mylib.h int leggi(int a[], int dim) { int i=0; while( scanf("%d", a+i) ) { i++; if( i>=dim ) break; return i; void scambia(int *a, int *b) { int t; t = *a; *a = *b; *b = t; mylib.h

Dettagli

L'Allocazione Dinamica della Memoria nel linguaggio C

L'Allocazione Dinamica della Memoria nel linguaggio C L'Allocazione Dinamica della Memoria nel linguaggio C Prof. Rio Chierego riochierego@libero.it http://www.riochierego.it/informatica.htm Sommario Questo documento tratta l'allocazione dinamica della memoria

Dettagli

Fondamenti di Informatica 6. Algoritmi e pseudocodifica

Fondamenti di Informatica 6. Algoritmi e pseudocodifica Vettori e matrici #1 Fondamenti di Informatica 6. Algoritmi e pseudocodifica Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 2010-2011 1 Semestre Prof. Giovanni Pascoschi Le variabili definite come coppie

Dettagli

LP1 Lezione 13: i File in C. Maurizio Tucci

LP1 Lezione 13: i File in C. Maurizio Tucci LP1 Lezione 13: i File in C Maurizio Tucci mtucci@unisa.it 1 Il File: Dichiarazione Memorizzare dati in maniera non volatile In C (libreria ) è definito un tipo FILE che astrae il concetto di sequenza

Dettagli

Premessa. Input /output e gestione dei file. I file e gli stream. Il puntatore al file. 21. I FILE NEL LINGUAGGIO C Versione 1.

Premessa. Input /output e gestione dei file. I file e gli stream. Il puntatore al file. 21. I FILE NEL LINGUAGGIO C Versione 1. Input /output e gestione dei file Premessa Iniziamo la lezione dicendo subito che per INPUT/OUTPUT si intende l insieme delle operazioni di ingresso ed uscita, ossia lo scambio di informazioni tra il programma

Dettagli

PROVA SCRITTA DEL CORSO DI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA ED ELETTRICA 9/6/2008

PROVA SCRITTA DEL CORSO DI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA ED ELETTRICA 9/6/2008 PROVA SCRITTA DEL CORSO DI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA ED ELETTRICA 9/6/2008 MOTIVARE IN MANIERA CHIARA LE SOLUZIONI PROPOSTE A CIASCUNO DEGLI ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO 1 (5 punti) Descrivere

Dettagli

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari Input/Output Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file Input/output console file caratteri stringhe formattato ascii binari Linguaggio ANSI C Input/Output - 1 La libreria standard del

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2008 corso prof. A. Picariello. Operazioni sui FILE in C++

Fondamenti di Informatica 2008 corso prof. A. Picariello. Operazioni sui FILE in C++ Fondamenti di Informatica 2008 corso prof. A. Picariello Operazioni sui FILE in C++ Librerie di I/O per la gestione dei FILE Il C++ consente di utilizzare le librerie standard di I/O del C mette anche

Dettagli

I File. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle.

I File. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle. I File Il file e l unita logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa. Consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centarle. Generalmente un file

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

Input/output in C e in C++

Input/output in C e in C++ FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Input/output in C e in C++ 2001 Pier Luca Montessoro - Davide Pierattoni

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Università degli studi di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica II Tipi di dati astratti(adt)- seconda parte Coda Struttura

Dettagli

Strutture Dati Dinamiche

Strutture Dati Dinamiche Strutture Dati Dinamiche Motivazioni Le variabili considerate fino a questo punto devono essere dichiarate staticamente, ossia la loro esistenza, il loro nome e la loro dimensione devono essere previsti

Dettagli

Trasformare array paralleli in array di record

Trasformare array paralleli in array di record Trasformare array paralleli in array di record Un array è una struttura di dati omogenea: gli elementi dell array sono tutti dello stesso tipo (che è il tipo dell array). A volte è necessario gestire informazioni

Dettagli

FILE BINARI. I file di testo non sono indispensabili: sono semplicemente comodi!

FILE BINARI. I file di testo non sono indispensabili: sono semplicemente comodi! FILE BINARI Un file binario è una pura sequenza di byte, senza alcuna strutturazione particolare. È un'astrazione di memorizzazione assolutamente generale, usabile per memorizzare su file informazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Strutture di dati Laboratorio di Informatica 5. Strutture / Array di oggetti / Pila&Coda in C++ Una struttura è un insieme finito di variabili (dette campi) non necessariamente dello stesso tipo, ognuna

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Esercizio 1: Puntatori impiegati che sono manager

Esercizio 1: Puntatori impiegati che sono manager Esercitazione Fondamenti di Informatica B Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 10 Esercitazione: 25 gennaio 2006 Esercizi di riepilogo Problema: Esercizio 1: Puntatori impiegati che sono manager Si

Dettagli

Il linguaggio C I file. mylib.h contribuenti.txt. #include <stdio.h> #define N 25 Paolucci,Enrico, 24000,23.0. fornitori.dat

Il linguaggio C I file. mylib.h contribuenti.txt. #include <stdio.h> #define N 25 Paolucci,Enrico, 24000,23.0. fornitori.dat Il linguaggio C I file mylib.c #include mylib.h int leggi(int a[], int dim) { int i=0; while( scanf("%d", a+i) ) { i++; if( i>=dim ) break; return i; void scambia(int *a, int *b) { int t; t = *a; *a =

Dettagli