RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA"

Transcript

1 RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA Marzo 2007

2 Ci si chiude alle spalle il cancelletto dell infanzia e si entra in un giardino di incanti. Persino la penombra qui brilla di premesse. J. Conrad 2

3 Rapporto sulla condizione dell adolescenza nella Provincia di Ancona Coordinatore della ricerca: Vera Mascaretti Hanno redatto il Rapporto: Antonella Di Blasio, Clara Mandolini, Luca Traini Hanno collaborato alla ricerca: Antonio Mascaretti, Roberto Morello Acquisizione delle fonti documentali e bibliografiche: Daniela Romani Modelli statistici di campionamento e analisi del dato: Ambra Tavoni Segreteria generale: Marco Buoninconti Ufficio Stampa: Selecta Group s.r.l. 3

4 Un ringraziamento particolare va ai Presidi e al corpo docente che hanno prestato la loro collaborazione per la distribuzione dei questionari e che si sono impegnati per la buona riuscita della rilevazione. Liceo Scientifico L. di Savoia, Ancona Liceo Scientifico G. Galilei, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Vanvitelli-Stracca-Angelini, Ancona Istituto Tecnico Commerciale Benincasa, Ancona Istituto Tecnico Industriale V.Volterra, Ancona Liceo Classico Rinaldini, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Elia-Onesti, Ancona Istituto Professionale Commerciale Podesti, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Serrani-Cambi, Falconara Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri A. Morea, Fabriano Istituto Tecnico Industriale Merloni, Fabriano Liceo Classico Stelluti, Fabriano Istituto di Istruzione Superiore Miliani-Vivarelli, Fabriano Istituto Tecnico per Attività Sociali G. Galilei, Jesi Istituto di Istruzione Superiore Einstein-Alberghiero, Loreto Istituto di Istruzione Superiore Corridoni-Campana, Osimo Istituto Tecnico Industriale Statale A. Meucci, Castelfidardo Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Corinaldesi, Senigallia Liceo Classico G. Perticari, Senigallia Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato Bettino-Padovano, Senigallia. 4

5 INDICE Presentazione, del Vice-Presidente della Provincia di Ancona... 6 Premessa, del Presidente dell Eurispes Marche... 8 PARTE PRIMA ANALISI DI SFONDO La popolazione adolescente nella provincia di Ancona Protagonisti di realtà virtuali: da E-generation a Screen-agers Generation of video-love Emergenza Bullismo L apparire PARTE SECONDA L INDAGINE CAMPIONARIA Note metodologiche L identikit dell adolescente Glossario Bibliografia generale Sitografia

6 PRESENTAZIONE Giancarlo Sagramola Vice-Presidente Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Ancona La scelta di presentare questa importante pubblicazione sottolinea la precisa volontà di individuare le problematiche e i nuclei critici emergenti nel mondo degli adolescenti. L adolescenza è una fase cruciale nello sviluppo della persona, in cui avvengono molteplici e profondi cambiamenti legati in gran parte all ingresso nella pubertà, alla trasformazione dell identità e del ruolo sociale, allo sviluppo delle funzioni cognitive ed alla scoperta della sessualità. Da qualche tempo i media ci informano su fatti di cronaca ed episodi a dir poco imbarazzanti che vedono giovani in età scolare protagonisti di atti di violenza ed abusi sessuali, dove il concetto di branco si fa ancora una volta presente, e di filmati hard ripresi con i telefonini e messi poi in Rete. Ma i giovani di oggi sono veramente più soli e depressi, aggressivi e ribelli, nervosi ed impulsivi di quelli delle generazioni passate? E proprio per approfondire il tema della condizione giovanile che l Amministrazione provinciale ha voluto contribuire al lavoro di ricerca che l Eurispes Marche ha proposto per il territorio di Ancona, sulla base di un modello di analisi sperimentato dall istituto nazionale da ormai tanti anni in collaborazione con il Telefono Azzurro. Di fronte ad una società sempre più articolata e complessa, in cui i termini di analisi e di riferimento tradizionali perdono peso e attendibilità, un approccio scientifico, di tipo socio-statistico, può fornire gli elementi necessari per qualsiasi elaborazione teorica e pratica, mirata a comprendere e a comunicare con i cittadini del futuro. Talvolta infatti si ha l impressione che la tipologia adolescenziale sia colta attraverso strumenti inefficaci e falsanti, come i fantasmi massmediologici, i comportamenti appariscenti e le trasgressioni che in fondo caratterizzano solo una piccola parte dei giovani. In realtà l universo dei giovani è molto più articolato e complesso ed è necessario assegnare il giusto spessore ad ogni sfaccettatura di questa complessa realtà. La società muta in modo rapido ed inarrestabile ed i nostri giovani, sensibili come sono alle sollecitazioni provenienti dall ambiente, cambiano anche loro e compaiono quindi nuove forme di disagio e nuove emergenze. 6

7 Il Rapporto sulla condizione dell adolescenza nella provincia di Ancona è una piacevole lettura che ci permette di conoscere più da vicino mode e tendenze, codici e linguaggi inediti, stili di vita e di consumo dei nostri giovani, fornendo anche spunti di riflessione sulle falle del sistema dei valori che caratterizza il loro universo. Vecchie e nuove emergenze evidenziano la necessità di accompagnare gli adolescenti nei rapidi cambiamenti della società, di cui spesso sono pionieri e attenti esploratori, offrendo loro gli strumenti cognitivi ed emotivi per capire, difendersi e decidere. Non è possibile pensare agli adolescenti in maniera discontinua o in occasione dell ennesima emergenza enfatizzata dagli articoli di cronaca. Il futuro della nostra società dipende dagli investimenti a lungo termine che saremo in grado di fare per prevenire le difficoltà delle giovani generazioni, per promuoverne la partecipazione attiva e le capacità critiche. 7

8 PRESENTAZIONE a cura di Camillo Di Monte * Ogni anno l Eurispes pubblica unitamente al Telefono Azzurro un Rapporto sulla condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, che fornisce alle Istituzioni, agli educatori e alle famiglie una significativa lettura della complessa e dinamica realtà dei minori, attraverso l interpretazione in chiave critica dei principali fenomeni e tendenze giovanili. Da questa esperienza di studio nasce l idea di affrontare le tematiche dell adolescenza con riferimento alla popolazione giovanile della provincia di Ancona, per capire ed approfondire il complesso universo dei ragazzi con età compresa tra i 14 e i 19 anni, attraverso un indagine campionaria realizzata nelle scuole provinciali di secondo grado. Come reagiscono questi adolescenti ai mutamenti sociali e, soprattutto, come comunicano fra di loro, quale è il livello di dialogo con il mondo degli adulti? La generale diffusione del benessere li ha colmati di cose sin dall infanzia, instillando negli adulti la falsa convinzione che tutto ciò di cui i figli necessitano possa essere comprato. Dimenticati davanti a un televisore, affidati ad un frigorifero strapieno, sono cresciuti in una solitudine dorata che ha inaridito progressivamente la naturale attitudine a relazionarsi con i grandi. In questo ambito, va sottolineata la crescita esponenziale delle possibilità per i giovani sia di ampliare la propria rete relazionale e amicale (si pensi soprattutto ai nuovi apparati tecnologici e ai nuovi media), sia di conoscere altre realtà geografiche e fisiche diverse da quelle di origine. La diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione, infatti, modificando strutturalmente i modelli comunicativi e relazionali del nostro tempo, ha dilatato le possibilità di oltrepassare i limiti spaziali per ricercare attraverso la Rete opportunità diverse, codici e linguaggi inediti, amicizie ed esperienze nuove. Fino a poco fa li inglobavamo come E- generation, termine con cui in Europa sono definiti i ragazzi degli Stati membri, protagonisti dell era dell Information Communication Technology. Oggi tale * Presidente dell Eurispes Marche. 8

9 termine appare superato dal più attuale Screen-agers proprio a sottolineare la tendenza a stare incollati davanti al video a spedire o ricevere , ascoltare o scaricare musica, giocare, ottenere accessori software per il sempre più presente cellulare, accedere al centro delle socialità virtuali delle chat, dei blog, reperire informazioni e naturalmente studiare. Le potenzialità straordinarie dei nuovi apparati tecnologici mostrano però anche insidie, pericoli e rischi, non solo virtuali, per le giovani generazioni. Secondo quanto documentato dalle ricerche condotte dall ICAA (International Crime Analysis Association), le chat-line rappresentano, tra tutti gli indirizzi di Internet, l area dove si materializzano i maggiori rischi per i minori. Non possiamo sottovalutare, tra l altro, i rischi psicologici che un uso eccessivo o distorto della Rete può comportare. La comunità scientifica internazionale ha identificato una serie di patologie emerse negli ultimi anni (Internet Related Psychopatology) dall Information Overload Addiction (ricerca estenuante di informazioni) al Compulsive on line Gambling (il gioco d azzardo attraverso casinò virtuali o siti per scommettitori) e al Mud s Addiction (dipendenza dai giochi di ruolo on line), mentre con Internet Addiction Disorder si intende la dipendenza psicologica dal web. La rilevazione campionaria ha consentito in questo senso di rappresentare, con sufficiente grado di precisione, i comportamenti, gli atteggiamenti e le tendenze attuali dell adolescenza nei confronti dei nuovi ma anche dei vecchi media. Il 71,3% del campione dichiara di collegarsi ad Internet da casa. La forma di utilizzo più diffusa fra gli adolescenti riguarda l abitudine di scaricare musica (79,1%), cercare materiale di studio (70,3%) e comunicare tramite chat (70,2%). Notevole è la capacità dei ragazzi di saper combinare e utilizzare un mix di strumenti e dotazioni tecnologiche: addirittura possiede un lettore Mp3 il 75,7% del campione, di cui il 20,4% specifica trattasi di un I-pod. Il tempo di fruizione del mezzo televisivo è molto alto: oltre la metà del campione (55,8%) guarda la televisione da 1 a 3 ore al giorno, mentre il 16,4% da 4 a 5, il 7,3% segue per più di 5 ore. L attrattiva maggiore è rappresentata da film in generale (93,6%), seguita da programmi musicali e varietà (61,9%). Il 46,6% del campione prova fastidio per immagini di guerra e/o di morte mostrate dai telegiornali. In merito agli stili di consumo, occorre osservare come, indipendentemente dal numero dei ruoli che i giovani rivestono all interno del processo d acquisto, oggi più che mai essi orientino il mercato, dettando mode e comportamenti intorno ai quali ruota un giro d affari miliardario. Benché socialmente deboli, i giovani rappresentano un fattore imprescindibile per diversi settori dell economia. In cima 9

10 agli acquisti degli adolescenti intervistati vi sono i capi d abbigliamento (26,7%) e le ricariche per il cellulare (20,4%). Non spendono invano, giacché è essenziale, prima di comprare, che la cosa piaccia davvero (59,9%). Il bullismo non è un fenomeno nuovo: la rilevazione conferma episodi di violenza che vedono il campione a volte vittima, a volta autore di determinate azioni che vanno dalle minacce alle percosse. Il 14,2% dichiara di aver subito violenza qualche volta, il 12,2% una volta, il 3,2% mai. Fra i prepotenti o autori di atti di bullismo abbiamo il 18% degli intervistati che afferma di avere minacciato qualche volta, l 8,1% che invece ha picchiato e il 16% che dichiara di aver fatto entrambe le cose. I fenomeni descritti coinvolgono soprattutto la categoria più giovane del campione, che va dai 13 ai 15 anni. Per quanto riguarda la salute, malgrado gli indubbi progressi della scienza medica per quanto concerne prevenzione e cura delle patologie, piccoli e grandi mali continuano ad affliggere anche la fascia di popolazione che, grazie all età, dovrebbe esserne meno esposta. Il 13,3% accusa problemi di depressione ed un altro 12,2% parla di soprappeso. Malesseri e zone d ombra si coagulano quindi nelle più o meno eclatanti manifestazioni del disagio giovanile: tossicodipendenze e consumo di alcolici esprimono una devianza al contempo vissuta e subita, la quale costituisce un rischio vitale per l intera società. Nel rapporto Espad sulle diverse sostanze stupefacenti utilizzate da studenti italiani di età compresa fra i 15 e i 19 anni, al primo posto compaiono gli alcolici. Dal nostro campione risalta quel 12,3% che dichiara di consumare spesso alcol mentre la maggioranza (54,9%) lo fa qualche volta. In relazione al consumo di droghe leggere una parte consistente del campione (34,6%) manifesta un atteggiamento favorevole: il 20,4 dichiara che se non si esagera non fanno male e il 14,2% che non ci sia niente di male. I contrari al consumo superano comunque la metà del campione (61,3%). Comportamenti più rischiosi si rilevano relativamente alla guida di automobili e motorini: il 30,6% dichiara di superare i limiti di velocità qualche volta, il 23,9% spesso, ma c è anche chi (19,4%) di regola non rispetta il codice stradale. Rendiamo disponibili i risultati di questo rapporto sulla Condizione dell Adolescenza nella provincia di Ancona perché crediamo che solo a partire da una precisa conoscenza dei fenomeni sia possibile sviluppare politiche realmente capaci di tutelare i nostri giovani. 10

11 ANALISI DI SFONDO 11

12 La popolazione adolescente nella provincia di Ancona Gli adolescenti residenti nella provincia di Ancona sono , ossia il 6,1% del totale della popolazione, percentuale di gran lunga inferiore a quella rappresentata dalle categorie di età compresa tra i 35/49 (22,5%) e degli over 65 (22,1%). La situazione demografica provinciale rispecchia il contesto regionale e nazionale, dove rispettivamente la fascia adolescenziale costituisce il 6,4% e il 6,9% del totale della popolazione. La scarsa densità demografica della popolazione giovanile costituisce uno strascico del calo della natalità, anche se a partire dal 1998 si avverte una leggera ripresa delle nascite, i cui effetti non si sono ancora prodotti nell età adolescenziale. Di fronte al bivio, che si presenta per molti Paesi, tra la crescita e l invecchiamento della popolazione, la nostra nazione è dunque decisamente indirizzata verso il secondo cammino evolutivo e la provincia di Ancona, nel suo piccolo, costituisce un esempio. Tabella 1 Popolazione residente età 0/90 anni Anno 2006 Valori assoluti Età Ancona Marche Italia 0/ / / / / / / TOTALE * dati aggiornati al 31/12/2006 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 12

13 Grafico 1 Composizione della popolazione residente nella provincia di Ancona per fasce di età Anno % 22% 5% 6% 23% 6% 19% 0/5 6/12 anni 13/19 20/34 35/49 50/64 65/90 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Focalizzando l attenzione sull età adolescenziale, verifichiamo nella provincia di Ancona un decremento dell 1,9% negli ultimi sette anni; gli adolescenti della provincia sono maggiormente rappresentati dai ragazzi di 13 anni e da quelli di 19. Il forte calo avvenuto, fra l altro in maniera progressiva negli anni , ha coinvolto soprattutto la classe anni, effetto secondario, come si diceva, del calo delle nascite che ha riguardato in particolar modo gli anni 87-90, anche se concreti segni di ripresa si cominciano a registrare soltanto a partire dal E aumentata nel tempo, sia pure di poche unità, la popolazione adolescenziale di età più giovane, anni: frutto probabilmente, più che di una nuova fecondità, del fenomeno migratorio, anche se l intuizione in questo senso fornisce una spiegazione piuttosto semplice al problema, in quanto la costituzione di nuove famiglie di provenienza straniera (c.d. nuovi nidi) è recente ed incide maggiormente sulle fasce più giovani della popolazione. Occorrerà ancora qualche anno per studiare gli effetti del fenomeno. 13

14 Tabella 2 Popolazione adolescente (13-19 anni) residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Nella composizione per genere gli adolescenti della provincia di Ancona di sesso maschile superano di 2,2 unità quelli di sesso femminile, per un totale percentuale di 51,1% contro 48,9% calcolato nel 2006; il trend vede comunque la componente maschile sempre leggermente superiore nel numero a quella femminile, sebbene il calo più evidente nel periodo considerato coinvolga maggiormente i ragazzi (-2,5%) che le ragazze (-1,4%). Il 2004 è per ambo i sessi l anno dell incremento della componente adolescenziale. Tabella 3 Popolazione maschile adolescente residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 14

15 Tabella 4 Popolazione femminile adolescente residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Grafico 2 Variazione % della popolazione adolescente residente nella provincia di Ancona suddivisa per sesso Anni var % Anni Maschi Femmine Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Passando ad un analisi regionale del movimento demografico relativo a questa fascia di età, si possono fare analoghe osservazioni: anche nelle Marche si 15

16 registra una diminuzione della componente adolescenziale negli ultimi sette anni, comunque inferiore al calo registrato nella provincia di Ancona: rispettivamente - 1,0% contro -1,9%. La situazione demografica adolescenziale sia provinciale che regionale ottimizza il miglior risultato dopo l anno 2000 proprio nel 2006, con segnali di ripresa a partire dal La componente maschile, anche a livello regionale, supera quella femminile con una differenza, in termini percentuali, che oscilla dal 2,3% del 2000 al 3% del 2005 e Tabella 5 Popolazione adolescente residente nelle Marche suddivisa per sesso Anni Valori assoluti Genere Maschi Femmine TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Grafico 3 Popolazione adolescente residente nelle Marche suddivisa per sesso Anni Valori assoluti Maschi Femmine Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 16

17 La popolazione studentesca della provincia di Ancona annovera nell anno scolastico in corso ben unità solo nella scuola secondaria di secondo grado, componente costituita per il 52,5% da allievi di sesso maschile e per il 47,5% di sesso femminile. La numerosità studentesca subisce oscillazioni che dipendono soltanto in parte dall andamento demografico, da un lato perché non tutti gli adolescenti proseguono gli studi, dall altro perché il numero complessivo di studenti annovera giovani provenienti da località limitrofe extra-provinciali. La scuola secondaria di primo grado, che annovera iscritti complessivi, ha subito nella serie storica considerata un incremento della popolazione scolastica dell 11,1%, a differenza della scuola secondaria di secondo grado che vede crescere il numero degli studenti del 4,4%. Analizzando il movimento delle iscrizioni di anno in anno è evidente tuttavia che l incremento degli allievi nella scuola secondaria di primo grado ha seguito un trend assai discontinuo: dopo il picco di crescita registrato dal 2001/2002 al 2003/2004, la tendenza degli ultimi anni è in discesa. Una situazione diversa si riscontra nelle scuole secondarie di secondo grado: dopo il calo degli iscritti nei primi tre anni scolastici considerati nella serie, c è una ripresa sempre più consistente a partire dal 2003/2004 che si interrompe per nuovamente decrescere nell anno scolastico in corso. Tabella 6 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della provincia di Ancona Anni scolastici: dal 2000/2001 al 2006/2007 Valori assoluti Tipologia di scuola 2000/ 2001/ 2002/ 2003/ 2004/ 2005/ 2006/ Scuola sec. di I grado Scuola sec. di II grado Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 17

18 Grafico 4 Variazioni % studenti iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della provincia di Ancona Anni scolastici: dal 2000 al /01-01/02 01/02-02/03 02/03-03/04 03/04-04/05 04/05-05/06 05/06-06/07 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Variaz % studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado Variaz % studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado Rispetto alle altre province marchigiane, Ancona è il territorio con il più alto numero di studenti sia nelle scuole secondarie di primo grado (29,8% del totale studenti delle Marche), che di secondo (30,4%). Il dato disaggregato per provincia risponde perfettamente ai livelli di densità demografica della popolazione marchigiana. 18

19 Tabella 7 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado della regione Marche per provincia Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province I anno II anno III anno Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Marche Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 5 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado della provincia di Ancona Anno scolastico 2005/ % 32% 34% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR I anno II anno III anno Nelle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Ancona gli studenti iscritti nell anno scolastico 2005/2006 provengono per il 41% dagli Istituti Tecnici, per il 35,7% dai Licei e Istituti Magistrali, a cui seguono con il 23,1% gli allievi degli Istituti Professionali e con il 2,2% quelli degli Istituti d Arte. 19

20 Dall analisi del dato a livello regionale si traggono le stesse conclusioni: sono gli Istituti Tecnici ad ospitare un numero superiore di allievi in tutte le province, ad eccezione di quella di Pesaro e Urbino, in cui la componente studentesca maggiore è rappresentata dai liceali. Gli studenti delle scuole superiori della provincia di Ancona sono nel complesso più numerosi e questa superiorità numerica si riscontra per tutte le tipologie di indirizzo, ad eccezione di quello artistico, che, peraltro, registra una quantità di iscritti minore anche su scala regionale. Tabella 8 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per tipologia di indirizzo Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province Classica,Scientifica, Magistrale Tecnica Artistica Professionale Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Marche Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 6 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per tipologia di indirizzo per provincia Anno scolastico 2005/2006 Professionale 23,10% Artistico 2,20% Tecnico 41,00% Umanistico 35,70% 0,00% 5,00% 10,00% 15,00% 20,00% 25,00% 30,00% 35,00% 40,00% 45,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 20

21 Nella composizione della popolazione studentesca iscritta alle scuole medie inferiori e superiori si riscontra negli anni una costante superiorità della componente maschile rispetto a quella femminile, il che ricalca le differenze di genere già riscontrate nella densità demografica in età adolescenziale. Tabella 9 Studenti iscritti nelle scuole secondarie della provincia di Ancona per sesso Anni scolastici: dal 2000/2001 al 2006/2007 Valori assoluti Anno Maschi Femmine 2000/ / / / / / / Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR L aumento continuo dell afflusso di immigrati nella provincia ha determinato una conseguente crescita del numero degli alunni stranieri nelle scuole del territorio. I dati pubblicati nel Bilancio del Ministero della Pubblica Istruzione mostrano che sono circa a livello nazionale gli allievi con cittadinanza non italiana iscritti nell anno scolastico 2005/2006. Anche se disomogenea e differenziata sul territorio, la loro incidenza è di quasi il 5% rispetto alla popolazione scolastica complessiva. Nelle Marche i minori immigrati costituiscono una presenza significativa e una loro significativa concentrazione risulta nella stessa provincia di Ancona. Nell anno scolastico 2006/07 gli iscritti alle Scuole Secondarie di I grado paritarie e statali della provincia di Ancona sono ossia il 31% del totale regionale. 21

22 Tabella 10 Studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di I grado della regione Marche per provincia Anno scolastico Valori assoluti Province Scuole Paritarie Scuole Statali Totale scuole secondarie di I grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 7 Componente % studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di I grado della provincia di Ancona Anno scolastico Totale studenti 100,00% studenti stranieri 10,00% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 120,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Si conferma questa predominanza degli allievi stranieri sul totale regionale considerando anche il dato delle scuole secondarie di II grado: allievi iscritti nella sola provincia di Ancona equivalgono al 35,1% del totale degli studenti di cittadinanza non italiana nel territorio regionale. 22

23 Tabella 11 Studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per provincia Anno scolastico Valori assoluti Province Scuole Paritarie Scuole Statali Totale scuole secondarie di II grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 8 Componente % studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di II grado della provincia di Ancona Anno scolastico Totale studenti 100,00% studenti stranieri 6,00% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 120,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR La maggior densità demografica della popolazione straniera si registra laddove esistono migliori condizioni di lavoro, il che incentiva la tendenza al ricongiungimento familiare di molti immigrati o alla composizione di nuovi nuclei. E il caso dell intera regione Marche, meta di arrivo e sistemazione di molti immigrati, scelta sia per la vicinanza geografica (si pensi alla significativa 23

24 presenza degli albanesi), sia per le opportunità di lavoro offerte dal sistema manifatturiero. Gli allievi diversamente abili che frequentano le scuole secondarie di secondo grado nell anno scolastico 2005/2006 consistono in 280 unità, che sommate alle 291 della scuola secondaria di primo grado, diventano 571, il 29,2% della popolazione scolastica oggetto di analisi a livello regionale. Con riferimento alla normativa stabilita dal Ministero della Pubblica Istruzione 1, l integrazione di alunni diversamente abili nella classi secondarie è distribuita in sezioni con meno di 25 iscritti. Non è da escludere tuttavia, in caso di gravità o di progetti predisposti dall istituto, che si possano costituire sezioni con un numero inferiore di massimo 20 alunni. La tendenza degli alunni in condizione di handicap è quella dell interruzione degli studi dopo la terza media, in corrispondenza dell assolvimento dell obbligo scolastico. Questa considerazione deve tuttavia tenere conto di una importante variazione introdotta nell anno scolastico 1999/2000, costituita dal prolungamento dell obbligo scolastico fino a 15 anni. Ciò comporta un incremento del numero degli studenti, di qualunque condizione, nel biennio delle scuole medie superiori. Tabella 12 Studenti diversamente abili iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della regione Marche per provincia Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province Scuola secondaria di I Scuola secondaria di Totale scuole grado II grado secondarie di I e II grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 1 D.M. n. 141 del 3 Giugno

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario Marco Lazzari Università degli studi di Bergamo Facoltà di Scienze della formazione Questionario limiti:

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico FOTOGRAFIE DEI RAGAZZI DI OGGI Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico Cosa ha cambiato la TV? La comunicazione in famiglia La diversa diffusione dei valori Valore al possesso L oggetto

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. 1 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. TITOLO DEL PROGETTO PREMESSA Grandi e piccoli per crescere insieme ( programma di educazione affettivarelazionale e sessuale

Dettagli

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 KIDS & CO Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Ricerca conoscitiva su alcuni aspetti dello stile di vita di un gruppo di studenti del Filosi anno sc. 2009-2010 prof. Vallario Salvatore

Ricerca conoscitiva su alcuni aspetti dello stile di vita di un gruppo di studenti del Filosi anno sc. 2009-2010 prof. Vallario Salvatore Ricerca conoscitiva su alcuni aspetti dello stile di vita di un gruppo di studenti del Filosi anno sc. 2009-2010 prof. Vallario Salvatore Nell'ambito delle attività del progetto Educazione all'ambiente

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

L indagine campionaria

L indagine campionaria L indagine campionaria L indagine campionaria 660 Note metodologiche Note medotologiche L indagine campionaria è stata realizzata su un campione probabilistico a grappoli tenendo conto di variabili quali:

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia Comune di VOGHERA Provincia di Titolo del progetto (o, in alternativa, descrizione) Obiettivi PAVIA Progetto di Educazione alla legalità nelle scuole medie cittadine per l anno scolastico 2011-2012 Vedi

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO INTRODUZIONE

U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO INTRODUZIONE U.O. Pediatria di Comunità Via F. Crispi, 98 Catanzaro Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso DONNE IN CAMMINO Progetto di integrazione socioculturale Rosa Anfosso, Guerino Mannarino, Rosetta Parentela INTRODUZIONE

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi Ragazzi e telefonino Siamo negli anni novanta, una pubblicità mostra una ragazza che romanticamente chiede al suo fidanzato all altro capo del telefono «Mi ami?...ma quanto mi ami? E mi pensi?...ma quanto

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli