RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA"

Transcript

1 RAPPORTO SULLA CONDIZIONE DELL ADOLESCENZA NELLA PROVINCIA DI ANCONA Marzo 2007

2 Ci si chiude alle spalle il cancelletto dell infanzia e si entra in un giardino di incanti. Persino la penombra qui brilla di premesse. J. Conrad 2

3 Rapporto sulla condizione dell adolescenza nella Provincia di Ancona Coordinatore della ricerca: Vera Mascaretti Hanno redatto il Rapporto: Antonella Di Blasio, Clara Mandolini, Luca Traini Hanno collaborato alla ricerca: Antonio Mascaretti, Roberto Morello Acquisizione delle fonti documentali e bibliografiche: Daniela Romani Modelli statistici di campionamento e analisi del dato: Ambra Tavoni Segreteria generale: Marco Buoninconti Ufficio Stampa: Selecta Group s.r.l. 3

4 Un ringraziamento particolare va ai Presidi e al corpo docente che hanno prestato la loro collaborazione per la distribuzione dei questionari e che si sono impegnati per la buona riuscita della rilevazione. Liceo Scientifico L. di Savoia, Ancona Liceo Scientifico G. Galilei, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Vanvitelli-Stracca-Angelini, Ancona Istituto Tecnico Commerciale Benincasa, Ancona Istituto Tecnico Industriale V.Volterra, Ancona Liceo Classico Rinaldini, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Elia-Onesti, Ancona Istituto Professionale Commerciale Podesti, Ancona Istituto di Istruzione Superiore Serrani-Cambi, Falconara Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri A. Morea, Fabriano Istituto Tecnico Industriale Merloni, Fabriano Liceo Classico Stelluti, Fabriano Istituto di Istruzione Superiore Miliani-Vivarelli, Fabriano Istituto Tecnico per Attività Sociali G. Galilei, Jesi Istituto di Istruzione Superiore Einstein-Alberghiero, Loreto Istituto di Istruzione Superiore Corridoni-Campana, Osimo Istituto Tecnico Industriale Statale A. Meucci, Castelfidardo Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Corinaldesi, Senigallia Liceo Classico G. Perticari, Senigallia Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato Bettino-Padovano, Senigallia. 4

5 INDICE Presentazione, del Vice-Presidente della Provincia di Ancona... 6 Premessa, del Presidente dell Eurispes Marche... 8 PARTE PRIMA ANALISI DI SFONDO La popolazione adolescente nella provincia di Ancona Protagonisti di realtà virtuali: da E-generation a Screen-agers Generation of video-love Emergenza Bullismo L apparire PARTE SECONDA L INDAGINE CAMPIONARIA Note metodologiche L identikit dell adolescente Glossario Bibliografia generale Sitografia

6 PRESENTAZIONE Giancarlo Sagramola Vice-Presidente Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Ancona La scelta di presentare questa importante pubblicazione sottolinea la precisa volontà di individuare le problematiche e i nuclei critici emergenti nel mondo degli adolescenti. L adolescenza è una fase cruciale nello sviluppo della persona, in cui avvengono molteplici e profondi cambiamenti legati in gran parte all ingresso nella pubertà, alla trasformazione dell identità e del ruolo sociale, allo sviluppo delle funzioni cognitive ed alla scoperta della sessualità. Da qualche tempo i media ci informano su fatti di cronaca ed episodi a dir poco imbarazzanti che vedono giovani in età scolare protagonisti di atti di violenza ed abusi sessuali, dove il concetto di branco si fa ancora una volta presente, e di filmati hard ripresi con i telefonini e messi poi in Rete. Ma i giovani di oggi sono veramente più soli e depressi, aggressivi e ribelli, nervosi ed impulsivi di quelli delle generazioni passate? E proprio per approfondire il tema della condizione giovanile che l Amministrazione provinciale ha voluto contribuire al lavoro di ricerca che l Eurispes Marche ha proposto per il territorio di Ancona, sulla base di un modello di analisi sperimentato dall istituto nazionale da ormai tanti anni in collaborazione con il Telefono Azzurro. Di fronte ad una società sempre più articolata e complessa, in cui i termini di analisi e di riferimento tradizionali perdono peso e attendibilità, un approccio scientifico, di tipo socio-statistico, può fornire gli elementi necessari per qualsiasi elaborazione teorica e pratica, mirata a comprendere e a comunicare con i cittadini del futuro. Talvolta infatti si ha l impressione che la tipologia adolescenziale sia colta attraverso strumenti inefficaci e falsanti, come i fantasmi massmediologici, i comportamenti appariscenti e le trasgressioni che in fondo caratterizzano solo una piccola parte dei giovani. In realtà l universo dei giovani è molto più articolato e complesso ed è necessario assegnare il giusto spessore ad ogni sfaccettatura di questa complessa realtà. La società muta in modo rapido ed inarrestabile ed i nostri giovani, sensibili come sono alle sollecitazioni provenienti dall ambiente, cambiano anche loro e compaiono quindi nuove forme di disagio e nuove emergenze. 6

7 Il Rapporto sulla condizione dell adolescenza nella provincia di Ancona è una piacevole lettura che ci permette di conoscere più da vicino mode e tendenze, codici e linguaggi inediti, stili di vita e di consumo dei nostri giovani, fornendo anche spunti di riflessione sulle falle del sistema dei valori che caratterizza il loro universo. Vecchie e nuove emergenze evidenziano la necessità di accompagnare gli adolescenti nei rapidi cambiamenti della società, di cui spesso sono pionieri e attenti esploratori, offrendo loro gli strumenti cognitivi ed emotivi per capire, difendersi e decidere. Non è possibile pensare agli adolescenti in maniera discontinua o in occasione dell ennesima emergenza enfatizzata dagli articoli di cronaca. Il futuro della nostra società dipende dagli investimenti a lungo termine che saremo in grado di fare per prevenire le difficoltà delle giovani generazioni, per promuoverne la partecipazione attiva e le capacità critiche. 7

8 PRESENTAZIONE a cura di Camillo Di Monte * Ogni anno l Eurispes pubblica unitamente al Telefono Azzurro un Rapporto sulla condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, che fornisce alle Istituzioni, agli educatori e alle famiglie una significativa lettura della complessa e dinamica realtà dei minori, attraverso l interpretazione in chiave critica dei principali fenomeni e tendenze giovanili. Da questa esperienza di studio nasce l idea di affrontare le tematiche dell adolescenza con riferimento alla popolazione giovanile della provincia di Ancona, per capire ed approfondire il complesso universo dei ragazzi con età compresa tra i 14 e i 19 anni, attraverso un indagine campionaria realizzata nelle scuole provinciali di secondo grado. Come reagiscono questi adolescenti ai mutamenti sociali e, soprattutto, come comunicano fra di loro, quale è il livello di dialogo con il mondo degli adulti? La generale diffusione del benessere li ha colmati di cose sin dall infanzia, instillando negli adulti la falsa convinzione che tutto ciò di cui i figli necessitano possa essere comprato. Dimenticati davanti a un televisore, affidati ad un frigorifero strapieno, sono cresciuti in una solitudine dorata che ha inaridito progressivamente la naturale attitudine a relazionarsi con i grandi. In questo ambito, va sottolineata la crescita esponenziale delle possibilità per i giovani sia di ampliare la propria rete relazionale e amicale (si pensi soprattutto ai nuovi apparati tecnologici e ai nuovi media), sia di conoscere altre realtà geografiche e fisiche diverse da quelle di origine. La diffusione delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione, infatti, modificando strutturalmente i modelli comunicativi e relazionali del nostro tempo, ha dilatato le possibilità di oltrepassare i limiti spaziali per ricercare attraverso la Rete opportunità diverse, codici e linguaggi inediti, amicizie ed esperienze nuove. Fino a poco fa li inglobavamo come E- generation, termine con cui in Europa sono definiti i ragazzi degli Stati membri, protagonisti dell era dell Information Communication Technology. Oggi tale * Presidente dell Eurispes Marche. 8

9 termine appare superato dal più attuale Screen-agers proprio a sottolineare la tendenza a stare incollati davanti al video a spedire o ricevere , ascoltare o scaricare musica, giocare, ottenere accessori software per il sempre più presente cellulare, accedere al centro delle socialità virtuali delle chat, dei blog, reperire informazioni e naturalmente studiare. Le potenzialità straordinarie dei nuovi apparati tecnologici mostrano però anche insidie, pericoli e rischi, non solo virtuali, per le giovani generazioni. Secondo quanto documentato dalle ricerche condotte dall ICAA (International Crime Analysis Association), le chat-line rappresentano, tra tutti gli indirizzi di Internet, l area dove si materializzano i maggiori rischi per i minori. Non possiamo sottovalutare, tra l altro, i rischi psicologici che un uso eccessivo o distorto della Rete può comportare. La comunità scientifica internazionale ha identificato una serie di patologie emerse negli ultimi anni (Internet Related Psychopatology) dall Information Overload Addiction (ricerca estenuante di informazioni) al Compulsive on line Gambling (il gioco d azzardo attraverso casinò virtuali o siti per scommettitori) e al Mud s Addiction (dipendenza dai giochi di ruolo on line), mentre con Internet Addiction Disorder si intende la dipendenza psicologica dal web. La rilevazione campionaria ha consentito in questo senso di rappresentare, con sufficiente grado di precisione, i comportamenti, gli atteggiamenti e le tendenze attuali dell adolescenza nei confronti dei nuovi ma anche dei vecchi media. Il 71,3% del campione dichiara di collegarsi ad Internet da casa. La forma di utilizzo più diffusa fra gli adolescenti riguarda l abitudine di scaricare musica (79,1%), cercare materiale di studio (70,3%) e comunicare tramite chat (70,2%). Notevole è la capacità dei ragazzi di saper combinare e utilizzare un mix di strumenti e dotazioni tecnologiche: addirittura possiede un lettore Mp3 il 75,7% del campione, di cui il 20,4% specifica trattasi di un I-pod. Il tempo di fruizione del mezzo televisivo è molto alto: oltre la metà del campione (55,8%) guarda la televisione da 1 a 3 ore al giorno, mentre il 16,4% da 4 a 5, il 7,3% segue per più di 5 ore. L attrattiva maggiore è rappresentata da film in generale (93,6%), seguita da programmi musicali e varietà (61,9%). Il 46,6% del campione prova fastidio per immagini di guerra e/o di morte mostrate dai telegiornali. In merito agli stili di consumo, occorre osservare come, indipendentemente dal numero dei ruoli che i giovani rivestono all interno del processo d acquisto, oggi più che mai essi orientino il mercato, dettando mode e comportamenti intorno ai quali ruota un giro d affari miliardario. Benché socialmente deboli, i giovani rappresentano un fattore imprescindibile per diversi settori dell economia. In cima 9

10 agli acquisti degli adolescenti intervistati vi sono i capi d abbigliamento (26,7%) e le ricariche per il cellulare (20,4%). Non spendono invano, giacché è essenziale, prima di comprare, che la cosa piaccia davvero (59,9%). Il bullismo non è un fenomeno nuovo: la rilevazione conferma episodi di violenza che vedono il campione a volte vittima, a volta autore di determinate azioni che vanno dalle minacce alle percosse. Il 14,2% dichiara di aver subito violenza qualche volta, il 12,2% una volta, il 3,2% mai. Fra i prepotenti o autori di atti di bullismo abbiamo il 18% degli intervistati che afferma di avere minacciato qualche volta, l 8,1% che invece ha picchiato e il 16% che dichiara di aver fatto entrambe le cose. I fenomeni descritti coinvolgono soprattutto la categoria più giovane del campione, che va dai 13 ai 15 anni. Per quanto riguarda la salute, malgrado gli indubbi progressi della scienza medica per quanto concerne prevenzione e cura delle patologie, piccoli e grandi mali continuano ad affliggere anche la fascia di popolazione che, grazie all età, dovrebbe esserne meno esposta. Il 13,3% accusa problemi di depressione ed un altro 12,2% parla di soprappeso. Malesseri e zone d ombra si coagulano quindi nelle più o meno eclatanti manifestazioni del disagio giovanile: tossicodipendenze e consumo di alcolici esprimono una devianza al contempo vissuta e subita, la quale costituisce un rischio vitale per l intera società. Nel rapporto Espad sulle diverse sostanze stupefacenti utilizzate da studenti italiani di età compresa fra i 15 e i 19 anni, al primo posto compaiono gli alcolici. Dal nostro campione risalta quel 12,3% che dichiara di consumare spesso alcol mentre la maggioranza (54,9%) lo fa qualche volta. In relazione al consumo di droghe leggere una parte consistente del campione (34,6%) manifesta un atteggiamento favorevole: il 20,4 dichiara che se non si esagera non fanno male e il 14,2% che non ci sia niente di male. I contrari al consumo superano comunque la metà del campione (61,3%). Comportamenti più rischiosi si rilevano relativamente alla guida di automobili e motorini: il 30,6% dichiara di superare i limiti di velocità qualche volta, il 23,9% spesso, ma c è anche chi (19,4%) di regola non rispetta il codice stradale. Rendiamo disponibili i risultati di questo rapporto sulla Condizione dell Adolescenza nella provincia di Ancona perché crediamo che solo a partire da una precisa conoscenza dei fenomeni sia possibile sviluppare politiche realmente capaci di tutelare i nostri giovani. 10

11 ANALISI DI SFONDO 11

12 La popolazione adolescente nella provincia di Ancona Gli adolescenti residenti nella provincia di Ancona sono , ossia il 6,1% del totale della popolazione, percentuale di gran lunga inferiore a quella rappresentata dalle categorie di età compresa tra i 35/49 (22,5%) e degli over 65 (22,1%). La situazione demografica provinciale rispecchia il contesto regionale e nazionale, dove rispettivamente la fascia adolescenziale costituisce il 6,4% e il 6,9% del totale della popolazione. La scarsa densità demografica della popolazione giovanile costituisce uno strascico del calo della natalità, anche se a partire dal 1998 si avverte una leggera ripresa delle nascite, i cui effetti non si sono ancora prodotti nell età adolescenziale. Di fronte al bivio, che si presenta per molti Paesi, tra la crescita e l invecchiamento della popolazione, la nostra nazione è dunque decisamente indirizzata verso il secondo cammino evolutivo e la provincia di Ancona, nel suo piccolo, costituisce un esempio. Tabella 1 Popolazione residente età 0/90 anni Anno 2006 Valori assoluti Età Ancona Marche Italia 0/ / / / / / / TOTALE * dati aggiornati al 31/12/2006 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 12

13 Grafico 1 Composizione della popolazione residente nella provincia di Ancona per fasce di età Anno % 22% 5% 6% 23% 6% 19% 0/5 6/12 anni 13/19 20/34 35/49 50/64 65/90 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Focalizzando l attenzione sull età adolescenziale, verifichiamo nella provincia di Ancona un decremento dell 1,9% negli ultimi sette anni; gli adolescenti della provincia sono maggiormente rappresentati dai ragazzi di 13 anni e da quelli di 19. Il forte calo avvenuto, fra l altro in maniera progressiva negli anni , ha coinvolto soprattutto la classe anni, effetto secondario, come si diceva, del calo delle nascite che ha riguardato in particolar modo gli anni 87-90, anche se concreti segni di ripresa si cominciano a registrare soltanto a partire dal E aumentata nel tempo, sia pure di poche unità, la popolazione adolescenziale di età più giovane, anni: frutto probabilmente, più che di una nuova fecondità, del fenomeno migratorio, anche se l intuizione in questo senso fornisce una spiegazione piuttosto semplice al problema, in quanto la costituzione di nuove famiglie di provenienza straniera (c.d. nuovi nidi) è recente ed incide maggiormente sulle fasce più giovani della popolazione. Occorrerà ancora qualche anno per studiare gli effetti del fenomeno. 13

14 Tabella 2 Popolazione adolescente (13-19 anni) residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Nella composizione per genere gli adolescenti della provincia di Ancona di sesso maschile superano di 2,2 unità quelli di sesso femminile, per un totale percentuale di 51,1% contro 48,9% calcolato nel 2006; il trend vede comunque la componente maschile sempre leggermente superiore nel numero a quella femminile, sebbene il calo più evidente nel periodo considerato coinvolga maggiormente i ragazzi (-2,5%) che le ragazze (-1,4%). Il 2004 è per ambo i sessi l anno dell incremento della componente adolescenziale. Tabella 3 Popolazione maschile adolescente residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 14

15 Tabella 4 Popolazione femminile adolescente residente nella provincia di Ancona Anni Valori assoluti Anni Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Grafico 2 Variazione % della popolazione adolescente residente nella provincia di Ancona suddivisa per sesso Anni var % Anni Maschi Femmine Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Passando ad un analisi regionale del movimento demografico relativo a questa fascia di età, si possono fare analoghe osservazioni: anche nelle Marche si 15

16 registra una diminuzione della componente adolescenziale negli ultimi sette anni, comunque inferiore al calo registrato nella provincia di Ancona: rispettivamente - 1,0% contro -1,9%. La situazione demografica adolescenziale sia provinciale che regionale ottimizza il miglior risultato dopo l anno 2000 proprio nel 2006, con segnali di ripresa a partire dal La componente maschile, anche a livello regionale, supera quella femminile con una differenza, in termini percentuali, che oscilla dal 2,3% del 2000 al 3% del 2005 e Tabella 5 Popolazione adolescente residente nelle Marche suddivisa per sesso Anni Valori assoluti Genere Maschi Femmine TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT Grafico 3 Popolazione adolescente residente nelle Marche suddivisa per sesso Anni Valori assoluti Maschi Femmine Fonte: Elaborazione Eurispes su dati ISTAT 16

17 La popolazione studentesca della provincia di Ancona annovera nell anno scolastico in corso ben unità solo nella scuola secondaria di secondo grado, componente costituita per il 52,5% da allievi di sesso maschile e per il 47,5% di sesso femminile. La numerosità studentesca subisce oscillazioni che dipendono soltanto in parte dall andamento demografico, da un lato perché non tutti gli adolescenti proseguono gli studi, dall altro perché il numero complessivo di studenti annovera giovani provenienti da località limitrofe extra-provinciali. La scuola secondaria di primo grado, che annovera iscritti complessivi, ha subito nella serie storica considerata un incremento della popolazione scolastica dell 11,1%, a differenza della scuola secondaria di secondo grado che vede crescere il numero degli studenti del 4,4%. Analizzando il movimento delle iscrizioni di anno in anno è evidente tuttavia che l incremento degli allievi nella scuola secondaria di primo grado ha seguito un trend assai discontinuo: dopo il picco di crescita registrato dal 2001/2002 al 2003/2004, la tendenza degli ultimi anni è in discesa. Una situazione diversa si riscontra nelle scuole secondarie di secondo grado: dopo il calo degli iscritti nei primi tre anni scolastici considerati nella serie, c è una ripresa sempre più consistente a partire dal 2003/2004 che si interrompe per nuovamente decrescere nell anno scolastico in corso. Tabella 6 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della provincia di Ancona Anni scolastici: dal 2000/2001 al 2006/2007 Valori assoluti Tipologia di scuola 2000/ 2001/ 2002/ 2003/ 2004/ 2005/ 2006/ Scuola sec. di I grado Scuola sec. di II grado Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 17

18 Grafico 4 Variazioni % studenti iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della provincia di Ancona Anni scolastici: dal 2000 al /01-01/02 01/02-02/03 02/03-03/04 03/04-04/05 04/05-05/06 05/06-06/07 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Variaz % studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado Variaz % studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado Rispetto alle altre province marchigiane, Ancona è il territorio con il più alto numero di studenti sia nelle scuole secondarie di primo grado (29,8% del totale studenti delle Marche), che di secondo (30,4%). Il dato disaggregato per provincia risponde perfettamente ai livelli di densità demografica della popolazione marchigiana. 18

19 Tabella 7 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado della regione Marche per provincia Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province I anno II anno III anno Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Marche Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 5 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di I grado della provincia di Ancona Anno scolastico 2005/ % 32% 34% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR I anno II anno III anno Nelle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Ancona gli studenti iscritti nell anno scolastico 2005/2006 provengono per il 41% dagli Istituti Tecnici, per il 35,7% dai Licei e Istituti Magistrali, a cui seguono con il 23,1% gli allievi degli Istituti Professionali e con il 2,2% quelli degli Istituti d Arte. 19

20 Dall analisi del dato a livello regionale si traggono le stesse conclusioni: sono gli Istituti Tecnici ad ospitare un numero superiore di allievi in tutte le province, ad eccezione di quella di Pesaro e Urbino, in cui la componente studentesca maggiore è rappresentata dai liceali. Gli studenti delle scuole superiori della provincia di Ancona sono nel complesso più numerosi e questa superiorità numerica si riscontra per tutte le tipologie di indirizzo, ad eccezione di quello artistico, che, peraltro, registra una quantità di iscritti minore anche su scala regionale. Tabella 8 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per tipologia di indirizzo Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province Classica,Scientifica, Magistrale Tecnica Artistica Professionale Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Marche Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 6 Studenti iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per tipologia di indirizzo per provincia Anno scolastico 2005/2006 Professionale 23,10% Artistico 2,20% Tecnico 41,00% Umanistico 35,70% 0,00% 5,00% 10,00% 15,00% 20,00% 25,00% 30,00% 35,00% 40,00% 45,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 20

21 Nella composizione della popolazione studentesca iscritta alle scuole medie inferiori e superiori si riscontra negli anni una costante superiorità della componente maschile rispetto a quella femminile, il che ricalca le differenze di genere già riscontrate nella densità demografica in età adolescenziale. Tabella 9 Studenti iscritti nelle scuole secondarie della provincia di Ancona per sesso Anni scolastici: dal 2000/2001 al 2006/2007 Valori assoluti Anno Maschi Femmine 2000/ / / / / / / Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR L aumento continuo dell afflusso di immigrati nella provincia ha determinato una conseguente crescita del numero degli alunni stranieri nelle scuole del territorio. I dati pubblicati nel Bilancio del Ministero della Pubblica Istruzione mostrano che sono circa a livello nazionale gli allievi con cittadinanza non italiana iscritti nell anno scolastico 2005/2006. Anche se disomogenea e differenziata sul territorio, la loro incidenza è di quasi il 5% rispetto alla popolazione scolastica complessiva. Nelle Marche i minori immigrati costituiscono una presenza significativa e una loro significativa concentrazione risulta nella stessa provincia di Ancona. Nell anno scolastico 2006/07 gli iscritti alle Scuole Secondarie di I grado paritarie e statali della provincia di Ancona sono ossia il 31% del totale regionale. 21

22 Tabella 10 Studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di I grado della regione Marche per provincia Anno scolastico Valori assoluti Province Scuole Paritarie Scuole Statali Totale scuole secondarie di I grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 7 Componente % studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di I grado della provincia di Ancona Anno scolastico Totale studenti 100,00% studenti stranieri 10,00% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 120,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Si conferma questa predominanza degli allievi stranieri sul totale regionale considerando anche il dato delle scuole secondarie di II grado: allievi iscritti nella sola provincia di Ancona equivalgono al 35,1% del totale degli studenti di cittadinanza non italiana nel territorio regionale. 22

23 Tabella 11 Studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di II grado della regione Marche per provincia Anno scolastico Valori assoluti Province Scuole Paritarie Scuole Statali Totale scuole secondarie di II grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino TOTALE Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR Grafico 8 Componente % studenti con cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole secondarie di II grado della provincia di Ancona Anno scolastico Totale studenti 100,00% studenti stranieri 6,00% 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 120,00% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR La maggior densità demografica della popolazione straniera si registra laddove esistono migliori condizioni di lavoro, il che incentiva la tendenza al ricongiungimento familiare di molti immigrati o alla composizione di nuovi nuclei. E il caso dell intera regione Marche, meta di arrivo e sistemazione di molti immigrati, scelta sia per la vicinanza geografica (si pensi alla significativa 23

24 presenza degli albanesi), sia per le opportunità di lavoro offerte dal sistema manifatturiero. Gli allievi diversamente abili che frequentano le scuole secondarie di secondo grado nell anno scolastico 2005/2006 consistono in 280 unità, che sommate alle 291 della scuola secondaria di primo grado, diventano 571, il 29,2% della popolazione scolastica oggetto di analisi a livello regionale. Con riferimento alla normativa stabilita dal Ministero della Pubblica Istruzione 1, l integrazione di alunni diversamente abili nella classi secondarie è distribuita in sezioni con meno di 25 iscritti. Non è da escludere tuttavia, in caso di gravità o di progetti predisposti dall istituto, che si possano costituire sezioni con un numero inferiore di massimo 20 alunni. La tendenza degli alunni in condizione di handicap è quella dell interruzione degli studi dopo la terza media, in corrispondenza dell assolvimento dell obbligo scolastico. Questa considerazione deve tuttavia tenere conto di una importante variazione introdotta nell anno scolastico 1999/2000, costituita dal prolungamento dell obbligo scolastico fino a 15 anni. Ciò comporta un incremento del numero degli studenti, di qualunque condizione, nel biennio delle scuole medie superiori. Tabella 12 Studenti diversamente abili iscritti nelle scuole secondarie di I e II grado della regione Marche per provincia Anno scolastico 2005/2006 Valori assoluti Province Scuola secondaria di I Scuola secondaria di Totale scuole grado II grado secondarie di I e II grado Ancona Ascoli Piceno Macerata Pesaro Urbino Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati MIUR 1 D.M. n. 141 del 3 Giugno

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI. SOS IL Telefono Azzurro Onlus www.azzurro.it

Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI. SOS IL Telefono Azzurro Onlus www.azzurro.it Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI 1 UNA SOCIETA CHE CAMBIA 1. PERCORSI E SVILUPPI DELLA FAMIGLIA ITALIANA Il lavoro che il Telefono Azzurro in collaborazione con l

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli