VECCHIA EUROPA ADDIO?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VECCHIA EUROPA ADDIO?"

Transcript

1

2

3

4 FILO DIRETTO TUTTI NEGATIVI GLI INDICATORI ECONOMICI VECCHIA EUROPA ADDIO? NEL NOSTRO CONTINENTE LA CRISI ECONOMICA È ANCHE CRISI POLITICA. E IL RISULTATO SEMBRA ESSERE OGNI GIORNO DI PIÙ L IMMOBILISMO di Mauro Bossola, Segretario Generale Aggiunto Fabi Vista dall Europa, la crisi sembra invincibile: tutti gli indicatori economici, dal PIL alla disoccupazione, dall inflazione ai mercati, hanno un andamento negativo o contrastato; ma se ci focalizziamo sul resto del mondo, le cose cambiano. Cambiano negli Stati Uniti che, con la presidenza Obama, forte dell adozione della riforma sanitaria, dell accordo per il disarmo nucleare e della recente ripresa dell economia americana, anche in termini di posti di lavoro, sembrano riprendere il loro ruolo di attore mondiale. Ma cambiano soprattutto nei paesi delle emergenti economie asiatiche, che sembrano infischiarsene della crisi. La crescita in Cina? I più pessimisti prevedono per quest anno un rotondo 8% e i più ottimisti un bel 12%. E in India? Sarà almeno del 7,5%; così che tutta l Asia sarà tirata da queste due locomotive. Con buona pace della Germania, ancora offesa dal dover intervenire, suo malgrado, per aggiustare i traballanti conti pubblici greci. E mentre l Europa si divide sugli aiuti all economia greca, ancora la Cina, insieme con Corea, Giappone e agli altri Paesi dell Asean (Association of Southeast Asian Nations), ha appena dato vita a un fondo di 120 miliardi di dollari per prevenire le crisi di liquidità delle economie asiatiche. Lo stesso dinamismo si ritrova a livello delle aziende multinazionali, ma soprattutto fuori dal vecchio Continente. Chi ha comprato la Volvo? Il costruttore cinese di automobili Geely, pressoché sconosciuto al grande pubblico europeo, ma già un colosso in patria. E chi è diventato il quinto gestore telefonico mondiale, mettendo le mani sui nuovi network africani di telecomunicazione? Il gigante indiano Bharti. E chi ha oggi il vento in poppa nel campo del nucleare civile nei paesi del Golfo? I gruppi industriali Sud Coreani, che stanno soppiantando gli europei in quella che per anni è stata la loro riserva privilegiata. Ma le sfide all Europa non arrivano solo dall Asia e dal sub continente indiano; tra qualche mese il presidente Lula lascerà il suo incarico, forte di avere ritagliato per il suo Paese un ruolo a livello internazionale: dissanguato e umiliato dal FMI ancora fino a pochi anni fa, il Brasile può oggi permettersi di lanciare un vasto programma d investimenti pubblici, pari a 600 miliardi di euro in soli sei anni. E l uomo più ricco del mondo, secondo la rivista Fortune, non è più Bill Gates e tanto meno un europeo, ma il magnate delle telecomunicazioni: un messicano. Durante tutto questo periodo, l Unione Europea è stata come in surplace, in attesa di chissà quale evento, incapace di avere una chiara visione del futuro e di mettersi in gioco. Il problema della competitività degli anni 80 e dei primi anni 90 non è mai scomparso; rimasto nascosto nel periodo della bolla finanziaria, ha continuato a erodere la capacità delle economie del nostro continente. Anche i miraggi della delocalizzazione e dell outsourcing ad oltranza, propinati dai manager come l uovo di colombo della globalizzazione, non hanno fatto altro che indebolire le strutture industriali e produttive, in Italia come negli altri paesi europei. Tutti presi dalle polemiche sull indebitamento eccessivo, in Eurolandia sembriamo aver perso di vista l importanza, per ogni economia, del processo di crescita e della capacità d innovazione che sono le macchine che generano la ricchezza delle nazioni e dei loro cittadini. La questione non è quella di una sfida teorica, o peggio retorica, come quelle che siamo abituati sterilmente a combattere, tra la visione sociale dell economia e quella liberale. Quanto, piuttosto, quella d individuare le priorità e di trovare le vie per una loro concreta realizzazione. Purtroppo, spesso si ritiene che questo modo di ragionare sia troppo pragmatico, e finisca per annacquare gli ideali nobili nella pratica più bieca. Così facendo, tutti presi da noi stessi e dal nostro ombelico, come europei non ci accorgiamo che il mondo è già ripartito e noi non abbiamo ancora calcolato la rotta e nemmeno alzato le vele. È venuto, invece, il tempo di recriminare un po meno sull incapacità della politica e dei mercati di mettere d accordo la libertà individuale e la coesione sociale, per affrontare con maggior concretezza l effettiva risoluzione dei problemi di competitività del nostro sistema, e di come sia possibile coniugarli con i temi sociali che tanto ci stanno a cuore. La lezione d oltreoceano ci dice che la visione del presidente Obama, sintetizzata nello slogan Yes We Can ha avuto successo, anche se ha dovuto passare attraverso i tortuosi meandri delle negoziazioni parlamentari. Senza questa combinazione, si rischia il gigantismo o il particolarismo e, nel caso europeo, l immobilismo. 2

5 FILO DIRETTO Bancone deve far rima con occupazione OBIETTIVO EUROPA: PARTE LA SVOLTA Con il progetto di Banca Unica, il grande gruppo dovrà uscire da quelle logiche campanilistiche e regionali che da sempre ne hanno caratterizzato l azione. Il sindacato avrà però l obbligo di essere unito e di vigilare su queste trasformazioni affinché non si rivelino un boomerang per i lavoratori. La priorità sarà quella di riportare le trattative all interno di un piano industriale reale di Mauro Morelli, Segretario Nazionale Fabi All inizio degli anni 2000, aggregando sette banche intorno all allora Credito Italiano, nasce il Gruppo Unicredito e alla fine, tre anni fa, quasi per obbligo, più che per convinzione, la fusione con Capitalia dà vita al primo gruppo bancario europeo che ancora oggi sta cercando, con grande fatica, di dare un senso all intera operazione varando un progetto di fusione delle diverse società esistenti in un'unica grande realtà operativa. E, mentre fino a poco tempo fa l utile e le poltrone sull investimento fatto, non lasciavano spazio a discussioni tra i grandi investitori e amministratore delegato, oggi, la crisi globale fa affiorare non solo difficoltà gestionali ed operative ma soprattutto di rapporti tra fondazioni e grandi azionisti sulla ripartizione dei poteri. Troppe le pressioni dei vari soci sugli interessi territoriali, tante le poltrone da sopprimere per non essere costretti a ricercare un attento equilibrio che renda possibile questo disegno ambizioso e nello stesso tempo complesso da realizzare. Questo gruppo, al tempo della fusione, ha adottato soprattutto una politica di gestione unilaterale, mirata al drastico ridimensionamento dei costi del personale anche attraverso l anomalo ricorso al fondo esuberi autofinanziato. In questa fase il gruppo ha tentato, seguendo il modello angloamericano, di svilire le relazioni periferiche e realizzare l accentramento, pressoché totale, del potere decisionale di trattativa. Questi atteggiamenti hanno evidenziato la necessità di fornire risposte forti a livello sindacale. La mobilità, il demansionamento professionale, le garanzie occupazionali uguali per tutti, la carenza cronica degli organici in quasi tutto il territorio, la distribuzione delle deleghe ai quadri intermedi, la necessità di pronte risposte alle esigenze della clientela, l auspicabile senso di appartenenza di tutto il personale a questo nuovo gruppo, sono solo alcuni dei problemi che l azienda dovrà affrontare una volta partito l intero progetto di Banca unica. Il Sindacato, ritrovando tutta la sua compattezza, dovrà essere in grado di riportare la trattativa o all interno di un piano industriale reale e salvaguardare il futuro occupazionale dei lavoratori. Purtroppo anche nel nuovo gruppo sensibilità diverse tra le organizzazioni sindacali hanno di fatto tracciato linee politiche e strategiche non sempre coerenti e compatte. Dobbiamo dire, con orgoglio, che la FABI è riuscita a rifuggire da eccessivi personalismi individuali, facendo identificare tutti nella squadra che si è andata delineando in questi mesi di lavoro insieme. I quadri sindacali della FABI hanno tutti velocemente capito che questa è un altra azienda, dove nulla è e sarà più come prima, né per cultura, né per obiettivi, né per dimensioni. Adesso dovranno capirlo anche Unicredit e gli azionisti, uscendo da quelle logiche campanilistiche regionali che non sembrano assolutamente adeguate anzi, in aperta contraddizione con gli investimenti e le ambizioni mondiali di questo gruppo bancario. attualità Vi è mai capitato di dipingere il futuro? IL PATTO D INSIEME Un movimento d opinione che promuove un fronte comune fra generazioni diverse nel rivendicare e difendere i propri diritti. di Mattia Pari, Segretario provinciale FABI Rimini Mai più espressioni del tipo serve un uomo. Si tratta, dice la Cassazione, di una vera e propria discriminazione nei confronti delle donne, passibile di condanna per diffamazione. Un offesa a tutti gli effetti che fa scattare il risarcimento a favore del gentil sesso. In questo modo la quinta sezione penale ha reso definitiva una condanna per diffamazione con tanto di cospicuo risarcimento nei confronti di un giornalista di un quotidiano di Caserta e del suo interlocutore, un sindacalista della Cisl, colpevoli di aver pubblicato un articolo sul carcere di Arienzo diretto da una direttrice donna Carmela Campi, in cui si diceva testualmente Carcere, per dirigerlo serve un uomo. Secondo la Cassazione correttamente l articolo è stato ritenuto diffamatorio dalla Corte d Appello di Salerno nel febbraio 2009, in quanto l espressione è riferita al solo fatto di essere una donna gratuito apprezzamento contrario alla dignità della persona perché ancorato al profilo, ritenuto decisivo, che deriva dal dato biologico dell appartenenza all uno o all altro sesso. Per aver sostenuto che nel carcere era meglio la gestione di un uomo rispetto di quella al femminile, l articolista e il suo interlocutore sono stati condannati dalla Corte d Appello di Salerno ad una multa per diffamazione e a risarcire la direttrice offesa con euro. Inutile il ricorso in Cassazione volto a dimostrare che nell articolo, che tra l altro voleva mettere in evidenza i difficili rapporti sindacali con la direttrice, si era esercitato il diritto di cronaca. Piazza Cavour (sentenza 10164) ha respinto il ricorso e ha evidenziato che correttamente i giudici di merito hanno ritenuto che la frase sarebbe meglio una gestione al maschile è oggettivamente diffamatoria ed è da sola idonea ad affermare la responsabilità sia dell intervistato che dell intervistatore. 3

6 FILO DIRETTO UNA TESTA UN VOTO. IL MODELLO BPM AVANZA di Mauro Scarin, Segretario Nazionale FABI Nell anno della crisi la Banca Popolare di Milano ha messo a segno importanti risultati: l utile netto è cresciuto del 37%, gli impieghi sono rimasti stabili, il Core Tier è salito al 7,9%. Il merito è anche di un consiglio d amministrazione unico nel suo genere, scelto in larga parte dai lavoratori. Al momento i bancari soci della Bpm sono oltre 8000, ma si sta pensando da allargare ulteriormente la rappresentanza Quando qualcuno vi parla di una ricchezza considerevole, consigliava Gustave Flaubert, è sempre bene chiedersi quanto durerà. A lungo considerate tradizionali, se non obsolete, le banche italiane stanno uscendo a testa alta dalla crisi finanziaria internazionale. Molti colossi stranieri si sono salvati solo con massicci interventi pubblici. Gli istituti italiani, invece, hanno retto alla bufera contando sulle proprie forze, grazie anche all impegno del personale. Un caso particolare è quello della Banca Popolare di Milano, uno dei maggiori player italiani, con 145 anni di vita. Una banca quotata in Borsa, ma che conserva la forma originaria di cooperativa, basata sul principio: una testa - un voto. Le banche cooperative in Italia sono un comparto attivo e vitale. Sono circa un centinaio, con agenzie. Vi lavorano addetti. Servono 9 milioni di clienti. Annoverano 1 milione di soci. Negli ultimi 10 anni le popolari sono cresciute e rappresentano oggi, secondo la Banca d Italia, il 40% degli sportelli e il 31% degli impieghi del sistema. Un trend legato al forte radicamento sul territorio. La particolarità del modello BPM è il forte coinvolgimento dei dipendenti-soci, che si esprime attraverso l Associazione Amici della Bipiemme, che ha quasi 10 anni di vita. L Associazione raggruppa circa soci BPM, fra i quali circa dipendenti. Esprime la lista che ha ricevuto la maggioranza in assemblea e ha designato 10 dei 18 consiglieri, fra i quali il Presidente, Massimo Ponzellini. In BPM, tuttavia, c è anche un ampia rappresentanza di varie componenti: sono ben 3 le liste che hanno ottenuto membri nel CDA. I posti delle minoranze sono 6 su 18, a cui si aggiungono 2 consiglieri di investitori istituzionali. Il modello BPM ha confermato la propria validità durante la crisi. Nel anno di straordinarie difficoltà - il Gruppo Bipiemme ha registrato risultati molto positivi. L utile netto (103,6 milioni di euro) è cresciuto del 37%. Gli impieghi sono rimasti stabili, a 32,9 miliardi di euro. La BPM ha rafforzato la sua solidità: il Core Tier 1 ratio è salito dal 6,5% del 2008 al 7,9% del Ed è stato mantenuto invariato il dividendo. Per consolidare il legame con i soci, la banca ha lanciato il progetto Club Soci BPM. Il Club mira ad allargare la base sociale offrendo ai soci esclusivi servizi in campi quali investimenti, assicurazioni, salute, cultura, spettacoli e turismo. L Associazione Amici della Bipiemme è ora impegnata in una campagna per promuovere la presenza come soci della BPM dei dipendenti del Gruppo (oltre 8.000). Il gruppo comprende istituti di credito tradizionali, una banca online, una banca di investimento, una società di gestione del risparmio, una compagnia di assicurazione vita, una SIM nel private banking e una società attiva nel credito alle famiglie. In aprile sono stati organizzati incontri sul territorio con i dipendenti delle diverse realtà a Milano, Roma, Bologna, Foggia, Legnano e Alessandria. L Associazione ha anche promosso un piano d che punta al voto da sedi decentrate (una novità assoluta) e non esclude un aumento delle deleghe (che oggi sono 2), senza tuttavia stravolgere il principio del voto capitario. Il voto a distanza favorirà la partecipazione dei soci in sedi decentrate, attraverso un collegamento con l assemblea. Sui circa soci della banca, infatti, solo sono in provincia di Milano. Va ricordato che all ultima assemblea, nell aprile 2009, erano presenti persone che, con le deleghe, hanno espresso voti per circa soci. Un vero record. 4

7 SPECIALE STATUTO di Paolo Berti, Avvocato Caro Statuto, desidero rivolgerti i miei più calorosi auguri in vista del Tuo compleanno che si consumerà il prossimo 20 maggio: allora, saranno 40 anni! Tutti noi sappiamo - ed anche Tu, ne sono certo - che nei prossimi mesi si succederanno le voci di chi griderà a squarcia gola che sei vecchio, non più adatto alla modernità e rappresentativo di quella parte del mondo del Lettera aperta allo statuto dei lavoratori LUNGA VITA ALLO STATUTO! È ANCORA LO SCUDO PIÙ FORTE A PROTEZIONE DEI LAVORATORI E DEL SINDACATO lavoro che si ostina a rimanere prigioniero del passato. E pensare che i 40 anni sono l età di mezzo, quella della maturità e della forza propulsiva, quella, per intenderci, che facendo tesoro delle esperienze passate, guarda al futuro, sognando nuovi orizzonti e sempre nuovi obiettivi da conquistare: suvvia, non è ancora giunta l ora del commiato! Ricordo che - tanto per fare un po di storia - quando fosti concepito, il Tuo padre putativo, il Prof. Gino Giungi, volle darti un secondo nome, addirittura più altisonante ed aulico del primo: Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento. Era, questo, un modo come un altro per ricordare a tutti noi che Tu nascevi- è vero, con un po di ritardo e dopo un parto lento e travagliato - dal ventre della Carta Costituzionale (la Tua mamma naturale), da quell articolo 1) che solennemente dichiarava che L Italia è una Repubblica Democratica fondata sul lavoro.. e da quell articolo 35) che, affermando essere, la nostra, Repubblica, tutrice del..lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni, rappresentava la porta d ingresso della Casa del Lavoro in cui trovavano posto i diritti individuali e quelli collettivi. Nelle intenzioni dei Tuoi genitori, la Tua nascita doveva servire al perseguimento di tre obiettivi che oggi, a distanza di 40 anni, 5

8 SPECIALE STATUTO possiamo dire essere stati brillantemente raggiunti. Il primo, consisteva, per l appunto, nella tutela della libertà e della dignità del lavoratore con riferimento a situazioni repressive che potevano verificarsi nell impresa (Iddio sa quante ne abbiamo viste in questi anni!); poiché quest ultima, basata su un principio di per sé autoritativo, creava i presupposti per una situazione di potenziale compressione delle libertà personali dei lavoratori, era quindi necessario un intervento del legislatore, che preservasse questi specifici valori (libertà e dignità) negli aspetti più minuziosi della vita aziendale. E così nacquero i divieti di perquisizioni personali (art. 6), e dell uso di mezzi audiovisivi e tecnici per il controllo a distanza dei lavoratori (quell art. 4 che, oggi, tanto è utile per stoppare le indagini invasive che l informatica permette alle Aziende di praticare) ed ancora l assunzione di informazioni sui lavoratori stessi (art. 8), insieme con una disciplina ferrea e garantista per l esercizio del potere disciplinare (art. 7), che imponesse al datore di lavoro il rispetto di rigide forme. Quanto è stato vasto l uso di queste norme nella giurisprudenza di merito e di legittimità, con l affermazione di principi che hanno permesso ai lavoratori di sentirsi, se non proprio più forti, un po meno soli ed isolati! Il secondo obiettivo tendeva, invece, a rafforzare il principio di libertà sindacale all interno dei luoghi di lavoro, con il contestuale divieto per l imprenditore di utilizzare comportamenti che compromettessero i diritti di autotutela del lavoratore: di qui il divieto di atti e di trattamenti, retributivi e non, di carattere discriminatorio di cui agli artt. 15) e 16), essi stessi anticipatori di future e moderne riforme! Il terzo scopo - non meno pregnante - era semplicemente l espressione di una politica di sostegno alle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori, che allora si avvertiva come indispensabile, proprio in coerenza con il dettato Costituzionale, nella consapevolezza che il dinamismo dei conflitti richiedeva, da parte dei protagonisti, un continuo confronto con il potere datoriale, capace quest ultimo di incidere negativamente sulle condizioni dei propri sottoposti: il diritto di assemblea sui luoghi di lavoro, quello di propaganda e di proselitismo, quello di affissione, insieme con il divieto, per l imprenditore, di operare il trasferimento del dirigente sindacale da un unità produttiva ad un altra, senza il nulla osta dell Organizzazione sindacale di riferimento (art. 13). Proprio queste garanzie e questi diritti furono l abito confezionato appositamente sul Tuo corpo per dare dignità, appunto, alle variegate compagini dei lavoratori e a chi li rappresentava. I diritti sindacali all interno del luogo di lavoro sono stati una conquista di civiltà ed il Tuo articolo 28) ha rappresentato un agile strumento per ottenere, in tempi rapidissimi, la repressione di quelle condotte che intralciavano l esercizio pratico di tali prerogative. Tu ben sai - caro Statuto - che l articolo 28 è la sola norma del nostro ordinamento che attribuisce una quasi totale libertà al magistrato del lavoro, permettendogli di adottare le misure più acconce (anche se non richieste esplicitamente!) per ripristinare i diritti violati dal datore di lavoro. Naturalmente, in un contesto di tutele qual è quello che ho descritto, non poteva mancare l attenzione verso la salute e l integrità fisica dei lavoratori, con una norma (l articolo 9) che - mi sia concessa una sola citazione integrale - così recita: I lavoratori, mediante loro rappresentanze, hanno diritto di controllare l applicazione delle norme per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali e di promuovere la ricerca, l elaborazione e l attuazione di tutte le misure idonee a tutelare la loro salute e la loro integrità fisica. Il decreto legislativo 626/94 ed il dlgs 81/ quelli cioè che vengono additati, forse con eccessiva enfasi, come le svolte epocali della materia della sicurezza sul lavoro - erano ancora nella pancia del legislatore quando Tu attribuivi ai lavoratori ed alle loro rappresentanze non soltanto il diritto di ficcare il naso nell attività di prevenzione, ma anche quello, più propriamente propositivo, di promozione dell attività di ricerca. Che dire, inoltre, di quel Tuo articolo 13) - che ricorre per la seconda volta - con il quale hai dato una spallata, forte e vigorosa, allo stesso Codice Civile, mutando in radice il testo dell articolo 2103 che, in origine, riconosceva al datore di lavoro il diritto di modificare unilateralmente (senza limiti e, dunque, anche in senso peggiorativo) le mansioni assegnate al lavoratore all atto dell assunzione? Oggi, grazie a Te, i lavoratori possono contare su di una norma che, da un lato, vieta il demansionamento e dall altro attribuisce loro il diritto di svolgere le mansioni superiori alle quali siano stati adibiti (con i conseguenti superiore inquadramento e miglioramento salariale), non dimenticando di subordinare il diritto dell imprenditore al trasferimento del dipendente (prima, esteso ad libitum) alla presenza di comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive. Sono formule, queste, oramai entrate a far parte del nostro linguaggio corrente, patrimonio di tutti, sindacalisti, avvocati, giudici, lavoratori, imprese E di questo dobbiamo rendere grazie anche a Te ed alla Tua inusitata chiarezza. Infine, come non citare il tanto amato/odiato articolo 18) il quale, ad ogni stormir di fronde, subisce l attacco ideologico di chi lo addita come il male da abbattere, in contrapposizione a chi, altrettanto ideologicamente, lo erge ad icona delle lotte e delle conquiste dei lavoratori?! A me, più semplicemente, preme sottolineare l importanza della presenza di una norma che obbliga il datore di lavoro a riprendere con sé un lavoratore che abbia illegittimamente licenziato, per ridare dignità (questo concetto, come vedi, ritorna spesso) a chi l ha persa ingiustamente. Il lavoro - perdonami se sono banale - aiuta a costruire la persona nelle sue più variegate sfaccettature, la eleva socialmente: possiamo, allora, costruire una società solida con la diffusione pandemica del solo germe dell incertezza? Altrettanto chiari occorre esser nel dire che gli steccati ideologici fanno perdere di vista gli aspetti sostanziali dei problemi o, se credi, i nervi scoperti del diritto del lavoro sostanziale e processuale: mi riferisco, ad esempio, alla lentezza della Giustizia (che, giungendo sovente a distanza di anni dal fatto, finisce per rendere impraticabile la stessa reintegra); alla disparità di trattamento fra i lavoratori delle cosiddette piccole imprese e quelli delle imprese più grandi (fra chi ha diritto alla reintegra ed al ripristino, con effetto retroattivo, del rapporto di lavoro e chi invece si deve accontentare di un misero risarcimento); all effettività del diritto alla reintegra (oggi inesistente in quanto, nonostante l ordine di reintegrazione emesso dal Giudice, non v è modo di costringere legalmente l azienda ad eseguirlo fisicamente e materialmente). Evviva il dibattito, dunque, ma al di fuori dei rigidi schemi in cui spesso viene costretto! Rileggendo quanto ho scritto, mi accorgo che, nell enfasi di festeggiarti, ho dimenticato di citare la Tua sorella più piccola, quella riforma del processo del lavoro che vedeva la luce nel 1973 con la legge n. 533: si passava, in quella storica data, da un modello processuale standardizzato (burocratico, legnoso, eterno nei tempi, costoso) ad un sistema di norme moderno ed efficiente (libero nelle forme, agile, veloce e - cosa non da poco - gratuito), nel quale grande importanza rivestiva il ruolo del Giudice, non più mera comparsa, ma attore protagonista della scena processuale. In questo modo - con una coerenza che era d altri tempi - i diritti divenivano realtà nel processo, con il miraggio, per nulla utopistico s intende, di una Giustizia che scandiva i tempi del Lavoro stesso e ne seguiva le sorti: anche questo modello, oggigiorno, è messo fortemente in discussione, ma questa- se permetti- è un altra storia che, magari, scriverò più avanti. A quanti spingono per la Tua abolizione, chiedo se, oggi, i valori che Tu hai protetto esistano ancora e se, di conseguenza, i lavoratori abbiano o meno la necessità di essere tutelati e difesi: chiunque, anche soltanto facendo ricorso alla propria esperienza concreta, è in grado di dare una risposta. Ti voglio bene, caro Statuto, come si ama una persona con la quale si condivide, da molti anni, un percorso, una strada o piuttosto un insieme di valori che, pur con l andar del tempo, non perdono il loro fascino e la loro forza persuasiva e propulsiva. Tanti auguri, dunque, per i Tuoi primi quarant anni. * Jacopo Carmassi, è economista presso l unità di analisi economica di Assonime. Ha conseguito la laurea in Economia e Commercio presso l Università La Sapienza di Roma e il dottorato di ricerca in Diritto e Economia presso l Università LUISS Guido Carli. Nel ha lavorato presso l European Banking Report, osservatorio permanente dell ABI sull industria bancaria e finanziaria in Europa. Dal 2006 al 2008 è stato Visiting Scholar presso il Wharton Financial Institutions Center, University of Pennsylvania; dal 2008 è Fellow del Wharton Financial Institutions Center. È autore di alcune pubblicazioni in tema di regolamentazione e vigilanza bancaria e finanziaria. ** Stefano Micossi, è Direttore generale dell Assonime (dall aprile 1999), e prima direttore generale dell Industria alla Commissione europea ( ), direttore del Centro studi della Confindustria ( ), direttore del settore internazionale del Servizio studi della Banca d Italia ( ), dove aveva lavorato come economista dal Professore al Collegio d Europa, dove insegna il corso base per gli economisti (post-graduate) sull integrazione e il mercato interno (dal 1991, con l intervallo degli anni della Commissione). Membro del consiglio di amministrazione del Ceps di Bruxelles (dal 2002) e del consiglio generale delle Assicurazioni Generali di Venezia (dal 2001). 6

9 DOSSIER UN NUOVO SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI L'assicurazione dei depositi è efficace nella prevenzione del panico bancario, ma indebolisce la disciplina di mercato su management e azionisti e crea azzardo morale. Necessario, dunque, un nuovo schema europeo di garanzia dei depositi per i gruppi bancari cross-border. Se ne analizzano i principi nel secondo dei quattro interventi di sintesi del Rapporto Ceps-Assonime: garanzia limitata ai soli depositi retail, fondo finanziato con contributi basati sul rischio intrinseco delle banche e meccanismi non discrezionali d intervento delle autorità di vigilanza, se il gruppo non è adeguatamente capitalizzato. di Jacopo Carmassi* e Stefano Micossi** Le banche sono intermediari finanziari speciali perché si finanziano attraverso i depositi, strumenti redimibili su domanda e senza perdite. La più lunga scadenza degli attivi bancari rende il rimborso dei depositi difficile in caso di un improvvisa e simultanea domanda di ritiro da parte dei depositanti. La corsa agli sportelli può contagiare altre banche e compromettere la stabilità non soltanto del sistema bancario, ma anche dell intera economia. Per prevenire tale rischio un crescente numero di paesi ha istituito un sistema di garanzia dei depositi, seguendo l esempio degli Stati Uniti che istituirono la Federal Deposit Insurance Corporation nel 1933, dopo una crisi bancaria che vide la temporanea chiusura di tutte le banche. OBIETTIVI E CRITICITA' DEI SISTEMI DI GARANZIA DEI DEPOSITI L assicurazione dei depositi si è dimostrata efficace nella prevenzione dei panici bancari, ma indebolisce la disciplina di mercato sul management e gli azionisti e crea azzardo morale. Infatti, attenua l incentivo dei depositanti al monitoraggio del management della banca; la scarsa attenzione dei depositanti può incoraggiare la banca a scegliere impieghi più rischiosi, dato che i profitti le resteranno, ma le eventuali perdite saranno sostenute dal fondo di garanzia dei depositi e, se questo non bastasse, dai contribuenti. Il disegno ottimale di un sistema di assicurazione dei depositi deve perciò trovare un punto di equilibrio in un difficile trade-off. Da un lato, una protezione insufficiente può minare la fiducia dei depositanti e aumentare il rischio di panico dei depositanti; dall altro, una protezione eccessiva può compromettere la disciplina di mercato e causare azzardo morale, sussidiando una eccessiva assunzione dei rischi da parte delle banche. L azzardo morale è stato aggravato dal fatto che la garanzia è formalmente limitata ai depositi, ma spesso in pratica è stata estesa al gruppo bancario, traducendosi in una promessa implicita, in caso di crisi, di salvataggio pubblico di tutti i creditori e degli azionisti. In generale, i fondi di garanzia sono di dimensioni insufficienti rispetto ai rischi effettivi di fallimento di singole banche (nel caso di crisi sistemica i fondi sono sempre insufficienti); inoltre, i contributi delle singole banche non sono versati ex-ante, ma vengono chiamati solo al verificarsi di una crisi bancaria, con il risultato paradossale che la banca che fallisce non paga alcun contributo. Pertanto, è evidente che i gruppi bancari godono di vasti benefici della licenza bancaria senza pagarne il giusto prezzo. La crisi finanziaria ha evidenziato altre criticità degli schemi di garanzia dei depositi: un basso tasso di copertura dei singoli depositi (ad esempio, in Inghilterra prima della crisi, l assicurazione copriva al cento per cento solo i depositi fino a 2mila sterline di ammontare, e poi il 90 per cento dei depositi tra 2mila e 35mila sterline, senza alcuna copertura per le eccedenze) e l incertezza sui tempi di rimborso possono minare la fiducia dei depositanti; per i gruppi bancari cross-border grandi incertezze hanno riguardato l allocazione delle responsabilità di copertura dei depositanti presso le filiali estere. Solo un nuovo schema europeo di garanzia dei depositi per i gruppi bancari cross-border può affrontare in maniera soddisfacente questi problemi. PRINCIPI PER UN EFFICACE SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI Il nuovo sistema dovrebbe correggere le criticità degli attuali schemi che si sono identificate e ripristinare il giusto prezzo per la licenza bancaria. Primo, la garanzia dovrebbe essere strettamente limitata ai soli depositi retail, escludendo esplicitamente dalla protezione i depositi interbancari, gli altri creditori della banca e gli azionisti. Questo principio è fondamentale per minimizzare l azzardo morale ed evitare che la garanzia sui depositi si trasformi in un sussidio alle attività speculative del gruppo. Secondo, il fondo di garanzia dovrebbe essere finanziato dai gruppi bancari con contributi basati sul rischio intrinseco della banca, determinato dall autorità di supervisione sulla base di una valutazione delle probabilità di fallimento di ciascuna banca, nell ambito del pool delle banche assicurate. La probabilità di fallimento dovrebbe essere valutata con riferimento a un ampio spettro di fattori potenzialmente rilevanti - inclusi la qualità dell attivo e del passivo, la qualità del management e dei sistemi interni di gestione dei rischi e dei controlli, i rischi di controparte, la complessità organizzativa e la stessa dimensione. Si tratterebbe in ogni caso di una valutazione complessiva di tipo prudenziale, svolta dal supervisore, la quale potrebbe dunque tener anche conto delle ripercussioni sistemiche di un possibile fallimento. Il contributo pagato per la garanzia sui depositi diventerebbe così il vero strumento per attribuire un giusto prezzo al rischio bancario, adeguato ai benefici della licenza bancaria e della relativa rete di protezione. Sarebbe anche lo strumento per dotare il fondo di garanzia di risorse sufficienti. Il pagamento anticipato da parte delle banche assicurerebbe una piena internalizzazione dei costi dell assicurazione nelle scelte gestionali della banca. Terzo, l assicurazione dei depositi dovrebbe essere affiancata da meccanismi non discrezionali di intervento da parte delle autorità di vigilanza quando il gruppo bancario non è adeguatamente capitalizzato, sul modello della Prompt Corrective Action introdotta negli Stati Uniti nel Poiché l intero gruppo bancario usufruisce dei benefici della licenza bancaria, gli interventi dovrebbero applicarsi al gruppo nel suo insieme, e non solo alle sue entità legali che raccolgono depositi. Questo strumento è cruciale per impedire che le autorità di vigilanza consentano un progressivo deterioramento delle condizioni del gruppo bancario senza intervenire o intervenendo quando il gruppo è già insolvente. Tratto da: lavoce.info 7

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli