L ANALISI DEL PROGRESSO:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANALISI DEL PROGRESSO:"

Transcript

1 L ANALISI DEL PROGRESSO: Progresso come sviluppo tecnologico e regresso umano Tesina a cura di: Gianluca Piazzalunga Classe V BLST I.S.I.S. Giulio Natta - Viale Europa n Bergamo Anno scolastico

2 INTRODUZIONE Il progresso, nel linguaggio comune, è sinonimo di processo di avanzamento, miglioramento, di sviluppo, di benessere. Storicamente questo termine ha accompagnato l uomo durante la sua evoluzione; il progresso non è che una propensione naturale dell uomo, una tendenza innata alla totalità, a cercare una spiegazione globale ed assoluta, per questo motivo l uomo fin dall antichità cerca di superare i limiti dell esperienza delle epoche precedenti. Nel periodo moderno l idea di progresso è nata con l illuminismo, ampio movimento politico, sociale, culturale e filosofico sviluppatosi approssimativamente nel secolo XVIII in Europa. Questo movimento introdusse, nella cultura europea, la fede nella ragione ma principalmente diede vita ad una visione ottimistica del progresso. Si pensò che la coniugazione tra ragione e modello sperimentale della scienza avrebbe portato alla scoperta non solo delle leggi del mondo naturale, ma anche di quelle di sviluppo sociale quindi avrebbe favorito un progresso indefinito della conoscenza, della tecnica e della morale. Questo filone di pensiero è evidenziabile nella citazione di uno dei suoi massimi esponenti, Victor Hugo: Ecco il mio motto progresso costante. se Dio avesse voluto che l uomo indietreggiasse, gli avrebbe messo un occhio dietro la testa. noi guardiamo sempre dalla parte dell aurora, del bocciolo, della nascita. Tale pensiero filosofico verrà successivamente ripreso e rafforzato dalle dottrine positiviste. Il Positivismo, movimento nato in Francia nella prima metà dell ottocento ed espanso nel resto d Europa nella seconda metà dello stesso secolo, si configura come un movimento per certi aspetti simile all'illuminismo, di cui condivide la fiducia nella scienza e nel progresso scientificotecnologico e, per altri aspetti, affine alla concezione romantica della storia che vede nella progressiva affermazione della ragione la base del progresso o evoluzione sociale. Il progresso, soprattutto quello tecnico e oggi quello tecnologico, ha fatto parte della cultura occidentale in tutto il Novecento, fino a giungere ai giorni nostri. Il progresso scientifico e tecnologico ha infatti innegabilmente migliorato la nostra vita con una serie di scoperte e di invenzioni che hanno permesso all'uomo di aumentare la sua aspettativa e tenore di vita, di rendere più efficiente il suo lavoro, di avvicinare luoghi, che nelle epoche precedenti sembravano inarrivabili, attraverso un efficiente sistema di trasporti, di incrementare e migliorare le tecniche produttive. La scienza viene dunque da sempre impiegata per migliorare la qualità della vita dell'uomo, dall'uso degli strumenti matematici e di calcolo per lo studio della realtà, all'uso del computer e dei supporti informatici per migliorare e razionalizzare il lavoro (come nel caso della creazione di un database) o all'utilizzo di Internet per scambiare informazioni in tempo reale e praticamente senza alcuna restrizione. Il progresso sembrerebbe rappresentare un processo assolutamente positivo, ma i sacrifici e le conseguenze di tale fenomeno evidenziano molti aspetti negativi. Uno di questi aspetti, verrà sottolineato da Pirandello, la meccanizzazione con la conseguente alienazione dell uomo 2

3 Indice LETTERATURA ITALIANA La visione pirandelliana del progresso: pag. 4 Formazione e poetica Introduzione all opera di Pirandello: I quaderni di Serafino Gubbio operatore pag. 6 Trama e Analisi pag. 8 Tematiche: Alienazione pag. 8 Declassazione dell intellettuale pag. 9 La perfezione e la distruzione dell uomo pag. 10 Premessa seconda de Il fu Mattia Pascal pag. 10 Conclusioni pag. 11 STORIA La seconda rivoluzione industriale pag. 12 Società di massa pag. 13 FISICA L elettricità pag. 15 La corrente elettrica pag. 15 I circuiti in corrente continua: Legge di Ohm e resistenza pag. 16 Legge di Kirchhoff pag. 18 Condensatori e capacità pag. 19 Circuiti RC pag. 19 FILOSOFIA L alienazione secondo Marx pag. 21 INGLESE Charles Dickens: cenni biografici pag. 23 Commenti pag. 24 Hard times pag. 25 3

4 PIRANDELLO: FORMAZIONE E POETICA Pirandello è lo scrittore italiano del Novecento più famoso nel mondo. Grazie a Pirandello la letteratura italiana entra a contatto con alcuni dei caratteri fondamentali della ricerca dell avanguardia europea del primo Novecento. Essendo lo scrittore siciliano nato nel 1867 a Girgenti (ora Agrigento) possiamo affermare che la sua iniziale attività letteraria fu influenzata dal patriottismo e dai valori risorgimentali, che caratterizzarono le correnti letterarie di quel periodo. Tenendo presente l evoluzione artistica e culturale di Luigi Pirandello, è possibile distinguere cinque diversi periodi nella sua vita e nella sua produzione letteraria e teatrale: 1) il periodo della formazione che giunge sino al 1892 (si laurea a Bonn nel 1891), quando egli decide di dedicarsi alla letteratura; 2) quello della coscienza della crisi, caratterizzato dall affiorare delle tematiche relativistiche; 3) il periodo della narrativa umoristica con la pubblicazione di Il fu Mattia Pascal (1904) e Quaderni di Serafino Gubbio operatore (1915); 4) periodo del grande successo internazionale teatrale ( ); 5) la stagione surrealistica segnata dai miti teatrali e dalla composizione delle ultime novelle. Nel 1934 vince il premio Nobel per la letteratura. Un primo dato vale la pena di sottolineare nell opera di Pirandello: i suoi temi di fondo sono già tutti presenti sin dal suo primo romanzo: contrariamente ad altri artisti la cui produzione testimonia ricerche, svolte, pentimenti; Pirandello imbocca la sua strada dalla quale non si allontanerà più. I tratti caratteristici della produzione pirandelliana sono: il contrasto tra realtà ed apparenza, lo sfaccettarsi della verità (tante verità quanti sono quelli che presumono di possederla), l assurdità della condizione dell uomo, fissato con la catalogazione (innocente, ladro, adultero ecc.) in una forma che soffoca la vita. Ne il fu Mattia Pascal (1904), il protagonista deve constatare quanto vincolanti siano le convenzioni sociali e come è impossibile uscirne. Da ciò deriva una situazione conflittuale tra uomo e società: inutilmente l uomo cercherà di realizzare pienamente se stesso perché sbatterà contro questo carcere senza porte e senza finestre e inutilmente cercherà un dialogo e la comprensione degli altri chiusi a loro volta nel proprio carcere. La vita associativa si dissolve in pulviscolo di atomi, di monadi impenetrabili; le verità le certezze svelano la loro natura fittizia e convenzionale. Nel 1908 con il saggio su L Umorismo Pirandello integra quanto sopra con la teorizzazione di una forma d arte, l umorismo appunto che si basa sul sentimento del contrario, cioè su una contemporanea presenza di rappresentazione e riflessione, su una disposizione dell artista a vedere dietro alle verità la sostanziale precarietà della vita, a scomporre i vari momenti della nostra personalità per coglierne le contraddizioni. Per questo Pirandello considera l arte umoristica come un mezzo perfetto per ritrarre la società del suo tempo, le sue contraddizioni e conflittualità. La chiave umoristica non diventa dunque soltanto specchio di uno stato d animo, è anche un modo per spiegare i fatti della psiche dell individuo, è un mezzo per riconoscere la vera realtà, un mezzo per saper decifrarla. L arte umorista, ha come base esprimere le condizioni totalizzanti, inevitabili e 4

5 definitivi degli uomini. L umorista è quello che cerca di scoprire l oltre di ogni realtà per poter poi conoscerla nella sua verità nascosta. Pirandello dunque riflette sulle contraddizioni della falsa realtà e sulle forme e convenzioni da quella realtà imposte. La fase essenziale della sua vita fu infatti il periodo della narrativa umoristica, che segnò una svolta di fondamentale importanza per la sua produzione letteraria. Questo periodo risulta significativo, oltre che per la pubblicazione de Il fu Mattia Pascal e Quaderni di Serafino Gubbio operatore, per l elaborazione della poetica umoristica che contraddistingue tutte le opere pirandelliane di quel periodo tra le quali: I vecchi e i giovani, Suo marito e Uno nessuno centomila. La progettazione della poetica dell umorismo avvenne tra il 1904 e il 1908 anno in cui uscì il volume L umorismo. Nell opera Il fu Mattia Pascal bisogna evidenziare le due premesse iniziali, che corrispondono ai primi due capitoli, che gettarono le basi della nuova poetica. Nelle due elaborazioni è presente una sostanziale differenza riguardante la visione dell umorismo. Infatti nel volume L umorismo pubblicata nel 1908, sembra considerare l umorismo una caratteristica perenne dell arte, riscontrabile nell antica Grecia come nell Italia moderna. Mentre nelle due premesse l umorismo è strettamente legato alla nascita della modernità e in particolare alla scoperta di Copernico. Da questa differenza è osservabile la visione oscillante dell umorismo di Pirandello. Lo scrittore siciliano vacilla tra una visione eterna dell umorismo, considerato come una possibilità perenne dell uomo, e invece una sua visione storica, derivante da particolari condizioni che hanno posto in crisi le antiche certezze. Da un lato infatti Pirandello vede un limite connaturale all uomo, che da sempre vive in un mondo privo di senso e che tuttavia si crea una serie di illusioni, autoinganni attraverso i quali cerca di dare significato all esistenza. In questa prospettiva l umorismo sarebbe l eterna tendenza dell arte a svelare tale contraddizione. Dall altro sostiene che l affermazione della modernità comporta ad un maggiore approfondimento e una maggiore attualità dell atteggiamento umoristico. Modernità condizionata dal relativismo ossia una posizione filosofica che pone in crisi l idea di una verità certa e oggettiva. Inoltre la poetica elaborata da Pirandello volge continuamente ad evidenziare il contrasto tra forma e vita e fra persona e personaggio. Il contrasto tra forma e vita è indubbiamente costitutivo dell arte pirandelliana e della stessa poetica dell umorismo, che sottolinea ironicamente i modi con cui la forma reprime la vita e rivela gli autoinganni con cui il soggetto si difende dalla forza sconvolgente dei bisogni vitali. Lo scrittore afferma, come già spiegato precedentemente nella visione dell umorismo eterna, nuovamente il suo punto di vista in cui l uomo ha bisogno di illusioni ed autoinganni al fine di attribuire un senso alla sua esistenza, perciò organizza la vita secondo convenzioni, riti, istituzioni che in lui devono rafforzare tali illusioni. Gli autoinganni individuali e sociali costituiscono la forma dell esistenza. La forma blocca la spinta anarchica delle pulsioni vitali, la tendenza a vivere momento per momento al di fuori di ogni scopo ideale e di ogni legge civile, cristallizza e paralizza la vita. Possiamo sostenere inoltre che il contrasto successivo evidenziato dalla poetica pirandelliana sia strettamente legato alla concezione di forma, in quanto l uomo, costretto a vivere nella forma, non è più una persona integra, coerente e compatta, fondata sulla corrispondenza armonica fra desideri e realizzazione, passioni e ragione; ma si riduce ad una maschera o ad un personaggio che recita la parte che la società esige da lui e che egli stesso si impone attraverso i suoi ideali morali. Il personaggio non è solido, coerente perché non è più una persona. Innanzi a sé il personaggio ha un bivio: una strada è costituita da incoscienza, ipocrisia, adeguamento passivo alle forme; la seconda 5

6 porterebbe il soggetto a vivere consapevolmente, amaramente, e autoironicamente la scissione fra forma e vita. In quest ultimo caso la riflessione interviene continuamente a porre una distanza tra il soggetto e i propri gesti, fra l uomo e la vita. Più che vivere, il personaggio si guarda vivere. Chi si guarda vivere, si pone fuori dall esperienza vitale; condannato all estraneità, guarda da fuori e compatisce non solo gli altri ma anche se stesso. Questo distacco riflessivo, amaro, pietoso ed ironico è il carattere distintivo dell umorismo. Proprio questo è il segno caratterizzante a distinguerlo nella comicità; Pirandello sostiene che il comico nasce dal semplice e immediato avvertimento del contrario, dall avvertire, con un sussulto irresistibile che provoca il riso, che una situazione o un individuo sono il contrario di quello che dovrebbero essere. Mentre l umorismo è il sentimento del contrario che nasce dalla riflessione. Riflettendo sulle ragioni per cui una persona o una situazione sono il contrario di come dovrebbero essere, al riso subentra il sentimento amaro di pietà. Questa sostanziale differenza la si può osservare nel volume L umorismo parte seconda: La vecchia imbellettata. Vedo una vecchia signora, coi capelli ritinti, tutti unti non si sa di quale orribile manteca, e poi tutta goffamente imbellettata e parata d abiti giovanili. Mi metto a ridere. Avverto che quella vecchia signora è il contrario di ciò che una vecchia rispettabile signora dovrebbe essere. Posso così, a prima giunta e superficialmente, arrestarmi a questa impressione comica. Il comico è appunto un avvertimento del contrario. Ma se ora interviene in me la riflessione, e mi suggerisce che quella vecchia signora non prova forse nessun piacere a pararsi così come un pappagallo, ma che forse ne soffre e lo fa soltanto perché pietosamente s inganna che parata così, nascondendo così le rughe e la canizie, riesca a trattenere a sé l amore del marito molto più giovane di lei, ecco che io non posso più riderne come prima, perché appunto la riflessione, lavorando in me, mi ha fatto andar oltre a quel primo avvertimento, o piuttosto, più addentro: da quel primo avvertimento del contrario mi ha fatto passare a questo sentimento del contrario. Ed è tutta qui la differenza tra il comico e l umoristico. INTRODUZIONE ALL OPERA DI PIRANDELLO: Quaderni di Gubbio Serafino operatore è probabilmente, con Il fu Mattia Pascal, il capolavoro di Pirandello nel campo del romanzo. Inizialmente uscì a puntate nel 1915 sulla Nuova Antologia e in volume l anno seguente, intitolato Si gira. Nel 1925 venne rielaborato e pubblicato con il titolo odierno. E un romanzo con il quale Pirandello vuole misurarsi con la nuova età del progresso tecnico. Lo scrittore denuncia apertamente il pericolo che comportano le innovazioni tecnologiche. Nel romanzo si riflette in pieno la poetica pirandelliana e cioè la sua visione negativa del mondo dominato dalle macchine, dalle convenzioni e dalle condizioni sociali. La visione negativa del mondo in cui l individuo è immerso nella continua lotta tra la realtà e finzione. In questa opera possiamo individuare molte problematiche tipiche della produzione pirandelliana: il concetto della maschera degli individui la quale rappresenta una costante assoluta della poetica pirandelliana. Maschera come mezzo per nascondere i veri sentimenti degli individui, un mezzo che fa impenetrabile la loro anima. I personaggi mascherati dunque non svelano i veri sentimenti e questo ha per l effetto l incomunicabilità, la falsità, l ipocrisia. Il compito del personaggio umorista, il 6

7 quale è senza dubbi Serafino Gubbio, per quanto gli sarà possibile, è denudare le anime nascoste, strappargli le maschere e presentarle nella loro reale condizione. Pirandello era avverso all avveniente meccanizzazione, alla nuova età della tecnica. La sua visione negativa si fa chiara appunto nei Quaderni, in cui possiamo osservare la polemica dello scrittore contro la macchina che meccanizza la vita, fa dell uomo schiavo e lo sottomette. Con ciò sorgono le questioni delle conflittualità dell individuo, come ad esempio il vivere e l io nella nuova società industriale. Società di massa che si fonda sull esaltazione della tecnica e della bellezza. I Quaderni di Serafino Gubbio operatore potremmo, in modo semplicistico, definire come un romanzo sul ruolo delle macchine nella vita degli uomini. Tale definizione però risulta molto esemplificativa e povera perché il romanzo del primo decennio dello secolo scorso è pieno di estensioni simboliche, le quali, in virtù della capacità e modernità pirandelliana, potrebbero essere facilmente applicate anche alla società contemporanea. Comunque è indiscutibile che la problematica delle macchine è uno dei temi principali del romanzo. Il congegno centrale del romanzo è infatti una sgomenta immagine della vita collettiva come meccanismo agito dalle macchine, governato dalla loro fame, che dalla parte di Pirandello è sinonimo di alienazione, mentre da parte dei futuristi diventava sinonimo di dominio, pronostico di una stagione di rivincite per i nuovi barbari della fantasia tecnocratica. La macchina, e in conseguenza, il cinema irrigidisce l arte. La macchina riprende tutto impassibilmente: e questa fredda oggettività sembra essere una delle cause dell avversione di Pirandello verso di essa. Questo processo di meccanizzazione, poi, coinvolge anche l'arte; il cinema, attraverso cui gli attori possono trasmettere solo finzioni, nuovo divertimento di massa prende la rivincita sul teatro il quale è ancora in grado di trasmettere veri sentimenti. È insomma una sfida della velocità e della consumazione sui vecchi principi, sui vecchi valori. Le macchine risucchiano la vita, trasformano ogni elemento di vita in cosa, la realtà in finzione e l artificio. Lo scrittore attribuisce alla macchina l aggettivo vorace e in più le macchine vengono designate per mezzo delle metafore che affiorano in tutto il romanzo. Inoltre Pirandello avverte anche sul fatto che le macchine sostituiscono gli uomini nelle attività che prima appartenevano ed erano svolte solo ed esclusivamente dall uomo. Infatti, i Quaderni annunciano la crisi del ceto medio dell epoca in cui Pirandello li compone. Pirandello era incline a scorgere nella tecnica il tecnicismo, nella macchina il macchinismo. Mentre la società maggioritaria scorgeva nella tecnica un passo grandioso per l umanità, Pirandello non ne vedeva che aspetti negativi. La storia naturale della vita appare schiacciata, come avremo possibilità di vedere più avanti, tutta raccolta in reliquari della memoria. I Quaderni meritano notevole attenzione perché appunto qui Pirandello si misura direttamente con l imminente età industriale. Qui emerge in pieno la sua posizione di profonda diffidenza verso le macchine. Pirandello segue le tracce della riduzione dell uomo a cosa al contatto con la tecnica. E 7

8 sono proprio i Quaderni che introducono questa problematica. Una problematica che conferma in pieno la maestria e genio di Pirandello in quanto egli individua questa problematica ancora prima che si faccia veramente attuale. In questo romanzo Pirandello esegue un'attenta analisi sugli aspetti della vita e scava a fondo inoltrandosi nei meandri della mente umana, l'umorismo, il pessimismo, il relativismo assoluto, l'incomunicabilità e la crisi di valori che il progresso tecnologico inevitabilmente porta con sé, sono i punti cardini della sua filosofia. I temi vengono presentati con un' innovativa struttura aperta, sperimentale, quasi diaristica ( Quaderni ) che si presenta ricca di anticipazioni, ritorni all'indietro (flashback) e racconti nel racconto: la struttura narrativa di tipo tradizionale viene abbandonata TRAMA & ANALISI Il romanzo narra della vicenda di Serafino, un operatore cinematografico che quotidianamente annota su dei quaderni tutti gli avvenimenti che riguardano quelli che lavorano nel suo ambiente e soprattutto la storia di un'attrice russa, grande seduttrice di uomini, Varia Nestoroff. Nella scena finale del romanzo Serafino riprende meccanicamente con la sua cinepresa una scena terribile: un ex amante della Nestoroff (Aldo Nuti) sta girando una scena in cui deve uccidere una tigre; tuttavia, invece di rivolgere l'arma verso l'animale, egli uccide la Nestoroff per vendicarsi della sua insensibilità verso gli uomini e per gelosia. Rimane però ucciso a sua volta, sbranato dalla stessa tigre. Serafino, che sta filmando la scena, diviene muto per lo shock e rinuncia ad ogni forma di sentimento e di comunicazione. Oltre a contenere tratti caratteristici della nuova poetica,in questo romanzo Pirandello svolge una convinta polemica contro la macchina, colpevole di mercificare la vita e la natura. La macchina distrugge l'unicità e i sentimenti dell'uomo (Serafino resta impassibile a quello che accade per filmare tutto essendo un' operatore a servizio della macchina). L'uomo non viene considerato nella sua unicità, tutto deve essere "perfetto" senza emozioni e sentimenti. Secondo l'autore questo meccanismo porterà, un giorno, alla distruzione totale e alla progressiva perdita di valori. In un momento in cui i futuristi, e in generale tutta una tradizione ottocentesca e positivistica, esaltavano le macchine e la tecnologia come fattori rivoluzionari di progresso e di miglioramento sociale, Pirandello svolge, al contrario, una sua convinta polemica contro la macchina, colpevole, ai suoi occhi, di mercificare la vita e la natura. TEMATICHE: ALIENAZIONE Uno dei temi principali di quest opera è proprio il rapporto tra l uomo e la macchina e l alienazione che l uomo subisce. Il nucleo centrale del romanzo poggia proprio sul contrasto vita/macchina che determina l impoverimento dell uomo di vita e di creatività, che diventa servitore di macchinari. Sin dall inizio il protagonista è presentato nell atteggiamento di chi, estraniato dalla vita, la studia per cercarvi invano un significato. Il suo stesso lavoro di operatore contribuisce a tale condizione. Pirandello con ironia evidenzia la progressiva spersonalizzazione di Serafino Gubbio così come il suo assoggettamento alla macchina, cioè alla cinepresa. E con umorismo amaro osserva: "Sono operatore. Ma veramente, essere operatore, nel mondo in cui vivo e di cui vivo, non vuol dire mica 8

9 dire operare. Io non opero nulla". Altri tracciano sul tappeto o sulla piattaforma i limiti entro i quali gli attori debbono muoversi per tenere in fuoco la scena, egli non fa altro che prestare i suoi occhi alla macchinetta perché possa indicare fin dove arriva a prendere. Apparecchiata la scena, il direttore vi dispone gli attori e suggerisce loro l azione da svolgere, dicendo approssimativamente il numero di metri di pellicola che abbisognano, poi grida agli attori: attenti, si gira! E Serafino si mette a girare la manovella, semplice esecutore di ordini che altri hanno dato. Al termine, deve solo indicare quanti metri di pellicola sono stati impiegati. Per fare questo, non occorre aver un anima o una mente; la qualità principale che gli si richiede come operatore è di arrivare ad essere un serio professionista in grado di rimanere impassibile davanti alla vita che lo circonda, come un ingranaggio meccanico, la cui perfezione, in quanto tale, consiste nel raggiungere un totale stato d impassibilità. DECLASSAZIONE DELL INTELLETTUALE Serafino Gubbio è l intellettuale che rinuncia a svolgere un ruolo ideologico propositivo; è il nuovo intellettuale senza qualità che degradato alla pura mansione tecnica, alla fine si trova ridotto a un silenzio di cosa. Il silenzio è l ultimo approdo di una condizione in cui l unica salvezza possibile sta paradossalmente nella perfetta indifferenza, simile a quella che caratterizza la modernità circostante. In questa situazione l uomo non può sottrarsi, poiché la sua condizione non è che il riflesso dell alienazione dominante. Non solo il protagonista operatore risulta alienato, infatti nel romanzo Serafino incontra in un ospizio di mendicità un vecchio violinista, che è proprio simbolo della sorte miserabile a cui il continuo progresso condanna l umanità. Malgrado i suoi tentativi di sottrarsi alla tirannia delle macchine, il violinista, ridotto alla povertà dalla sua passione per il violino, viene ripetutamente costretto ad accettare umili lavori, come quello di alimentare con forme di piombo le macchine da stampa monotype, in modo da poter riscattare il suo prezioso strumento dal banco dei pegni. La tragedia esplode quando una compagnia cinematografica assume il vagabondo per accompagnare una pianola con il suo violino: la richiesta di asservire il suo talento artistico al ritmo automatico di una macchina lo fa infuriare a tal punto da causargli un accesso di ira cieca che gli procura due settimane di prigione. Rilasciato il vagabondo smette di suonare il suo violino. Tutti i personaggi presenti all interno dell opera avvertono confusamente un senso di vuoto, che il loro corpo è quasi sottratto, soppresso, privato della sua realtà, del suo respiro, della sua voce, del rumore che esso produce muovendosi, per diventare solamente un immagine muta, che tremola per un momento sullo schermo e scompare in silenzio, d un tratto, come un ombra inconsistente, gioco d illusione su uno squallido pezzo di tela. Questa non è che un altra dimostrazione della situazione dell uomo, surrogato dalla macchina. Da questo tratto dell opera possiamo comprendere il sentimento amaro che pervade lo scrittore siciliano e la sua visione pessimista nei confronti della modernità e del continuo sviluppo tecnologico. Il valore metaforico della macchina da cinepresa emerge in tutta la sua profondità se collegata alla concezione pirandelliana della vita. La realtà tutta è vita, perpetuo movimento vitale, flusso continuo, Ciò che esce fuori da questo flusso perde forma, si irrigidisce, comincia a morire. Così avviene per l identità dell uomo. La cinepresa, che fissa le azioni in una forma, diviene metafora della tendenza dell uomo a fissarsi in una realtà che egli stesso si dà. 9

10 Ciascuna di queste forme è una visione fittizia, una maschera che noi stessi c imponiamo e che c impone il contesto sociale. La presa di coscienza di questa inconsistenza dell io suscita nei personaggi pirandelliani smarrimento e dolore. La realtà non è più una totalità organica ma si spezza in molti frammenti che non hanno un senso complessivo. LA PERFEZIONE E LA DISTRUZIONE DELL UOMO: La vendetta compiuta da Serafino sul suo ruolo di automa, portandolo all estremo, si ritorce, però, contro di lui: lo choc, provocatogli dall ultima scena del film in cui Nuti prima assassina con un colpo di fucile la Nestoroff e poi si lascia sbranare dalla tigre, lo rende muto per sempre. Per comunicare con gli uomini non gli resta che una penna e un pezzo di carta. L afasia così raggiunta è, tuttavia, anche la sua perfezione come operatore : il suo tanto vantato silenzio di cosa, che lo assimila alla macchina fino alla contaminazione fisica con questa, è pervenuto al suo punto culminante. Questa parabola è stata anticipata all inizio del romanzo dall incontro con l uomo del violino, ridotto anch egli al mutismo e senza nome, il violinista. Ma tale professionale impassibilità, tale afasia, già dalle prime pagine del romanzo è qualcosa da scontare e di cui vendicarsi: soddisfo, scrivendo, ad un bisogno di sfogo, prepotente. La scrittura diviene strumento conoscitivo, di analisi, di oggettività: studio la gente nelle sue più ordinate occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch io faccia - la certezza che capiscano ciò che fanno. Il processo di disgregazione a cui l umorismo di Pirandello ha sottoposto tutti i miti, che i suoi contemporanei si sono creati, arriva all impossibilità di pronunciare qualsiasi giudizio sulla vita e sulle umane azioni. 2^ PREMESSA DE IL FU MATTIA PASCAL Pirandello affronta la questione del progresso sia nella Premessa seconda (filosofica) del Il fu Mattia Pascal (1904), sia nel corso del romanzo. Nella Premessa riprende la teoria (antiprogressista) di Leopardi: l'umanità, scoprendo con Copernico le vere dimensioni della Terra e il suo ruolo inessenziale all'interno dell'universo, ha visto crescere il senso angosciante della propria relatività: dunque la sua condizione è peggiorata, non migliorata. Nei capitolo IX, dedicato a Milano (questa città, di nuovo, viene presa come modello di vita moderna), Pirandello ripropone il tema della massa cittadina, del «frastuono» della folla e dello «stordimento» prodotto dalle macchine e dai nuovi tram elettrici. A questo punto incontriamo il passo che segue: «Oh perché gli uomini», domandavo a me stesso smaniosamente, «si affannano così a rendere man mano più complicato il congegno della loro vita? Perché tutto questo stordimento di macchine? E che farà l'uomo quando le macchine faranno tutto? Si accorgerà allora che il così detto progresso non ha nulla a che fare con la felicità? Di tutte le invenzioni, con cui la scienza crede onestamente d'arricchire l'umanità (e la impoverisce, perché costano tanto care), che gioja in fondo proviamo noi, anche ammirandole?». In un tram elettrico, il giorno avanti, m'ero imbattuto in un pover'uomo, di quelli che non possono fare a meno di comunicare agli altri tutto ciò che passa loro per la mente. 10

11 Che bella invenzione! mi aveva detto. Con due soldini, in pochi minuti, mi giro mezza Milano. Vedeva soltanto i due soldini della corsa, quel pover'uomo, e non pensava che il suo stipendiuccio se n'andava tutto quanto e non gli bastava per vivere intronato di quella vita fragorosa, col tram elettrico, con la luce elettrica, ecc., ecc. Eppure la scienza, pensavo, ha l'illusione di render più facile e più comoda l'esistenza! Ma, anche ammettendo che la renda veramente più facile, con tutte le sue macchine così difficili e complicate, domando io: «E qual peggior servizio a chi sia condannato a una briga vana, che rendergliela facile e quasi meccanica?» CONCLUSIONE: La meccanizzazione ha tolto la possibilità di dare un senso al passare della vita ed il mutismo di Serafino può essere visto come metafora dell'alienazione dell'artista e della riduzione dell'uomo a macchina, a ben pensare tutto ciò può essere riscontrato nei giorni nostri dove la continua robotizzazione sta pian piano sopprimendo tanti lavori a cui l'uomo poteva in passato dedicarsi, magari ha il lato positivo di velocizzare l'andatura ma, a ben guardare rende tutto un po' più meccanico, un po' più alienante, un po' meno umano. Sembra quasi che Pirandello, con la sua filosofia abbia previsto molto di ciò che accade oggi, l'impassibilità sempre più dominante di fronte a tante ingiustizie e disastri, le continue "maschere" che l'uomo è costretto ad indossare ogni giorno, vuoi per ottenere un posto di lavoro, vuoi per piacere di più agli altri, vuoi per un senso generale di insicurezza che serpeggia senza che, con il cervello "centrifugato" dai mass-media e da tutti i modelli che ci vengono proposti, o per meglio dire, inconsciamente imposti, ce ne accorgiamo. La principale causa, se non l unica, di tale rivoluzione sociale ed economica è la seconda rivoluzione industriale che ha inizio a fine Ottocento. 11

12 LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Negli ultimi tre decenni dell Ottocento si verificano delle innovazioni economiche, che gli storici chiamano seconda rivoluzione industriale. Il processo di affermazione della società industriale conobbe, a partire dagli anni settanta dell Ottocento, non solo un accelerazione poderosa, ma anche una trasformazione qualitativa. L ultimo trentennio dell Ottocento fu una fase di grande innovazione tecnologica. La meccanica vide un incessante perfezionamento dei macchinari. Dal canto suo, il settore siderurgico conobbe la rivoluzione dell acciaio, una lega di ferro e carbonio, conosciuta e apprezzata da tempo per la sua robustezza. Ma il grande salto di qualità della seconda rivoluzione industriale venne dalla chimica, dall elettricità e dal petrolio. La chimica permise la fabbricazione di nuovi materiali, come l alluminio, e diffuse la soda, i coloranti artificiali e i concimi. Il petrolio, combustibile di alto rendimento e facile trasportabilità, consentì l enorme sviluppo dei motori a combustione interna: iniziava così l era dell automobile, che sostituì la ferrovia quale bene strategico della civiltà industriale. Si diffuse l impiego dell acido solforico per la preparazione di concimi ed esplosivi. Nel settore agricolo, grazie allo sviluppo dei trasporti, i mercati mondiali furono inondati dai cereali prodotti da Stati Uniti, Canada, Argentina, Australia. Poiché il loro prezzo era inferiore a quello europeo, si verificò una tendenza al ribasso dei prezzi agricoli in Europa. I produttori europei reagirono a queste difficoltà in due modi: da un lato chiedendo e ottenendo dai governi l adozione di politiche protezionistiche (dazi sulle importazioni); dall altro con investimenti per innalzare la produttività delle aziende agricole (meccanizzazioni, impegno di nuovi concimi chimici). Naturalmente, solo le agricolture meglio attrezzate poterono compiere tale conversioni. In campo industriale la crisi fu originata da sovrapproduzione. Per quanto riguarda l offerta, ciò derivò dalla comparsa sul mercato di nuove potenze industriali, come Stati Uniti, la Germania e il Giappone, e dell industrializzazione delle periferie europee: Austria, Russia, Italia. La massa della produzione tendeva a crescere in modo eccessivo rispetto alla domanda, che rimaneva modesta a causa del basso reddito di gran parte della popolazione. Nei settori che necessitavano dell investimento di capitali molto ingenti le imprese meno dotate di capitali non sopravvissero. Alcune fallirono, altre su fusero e altre furono assorbite da aziende maggiori. Tutto ciò contrastava con la teoria della libera concorrenza e favoriva la nascita di monopoli. Si verifica una situazione di monopolio quando c è solo un venditore a fronte di molti compratori. Prima della rivoluzione industriale la maggior parte della popolazione era addetta all agricoltura e a vivere nelle campagne. Con la nascita e lo sviluppo delle fabbriche molti si spostarono andando a vivere nelle città. Inizialmente le condizioni igieniche lasciavano molto a desiderare. Il sistema delle fognature fu costruito, nelle grandi città europee, solo nel corso dell Ottocento. Si affermarono i primi trasporti pubblici, per collegare i quartieri delle grandi città : dapprima i tram trinati dai cavalli, poi quelli elettrici e, sul finire del secolo, le ferrovie metropolitane. Il trasferimento di grandi masse nelle nuove città dell età industriali, produsse una profonda trasformazione anche sul piano dei rapporti sociali. Se osserviamo i loro abitanti dal punto di vista 12

13 dell occupazione, del reddito e della loro collocazione nella scala sociale, vediamo che le città presentavano un quadro molto più articolato del passato. Un tempo, infatti nelle città vivevano prevalentemente nobili e uomini di Chiesa, ricchi borghesi, domestici e poveri, più una minoranza di artigiani e operai. L industria degli svaghi e dei divertimenti diventava sempre più ricca e piena di novità con il circo, l operetta, il cinema: la più recente forma di intrattenimento inventata nel 1895 dai fratelli Lumière in Francia. Nei paesi più progrediti nacquero i moderni sistemi di istruzione pubblica. Con l avvento della società industriale di massa mutarono in modo profondo anche le istituzioni e la concezione stessa della vita politica. Le masse, infatti, entrarono sulla scena della storia non più in forma episodica, come era stato nella Rivoluzione francese e nei moti ottocenteschi, ma in modo stabile e duraturo. Strumento di questa trasformazione fu il suffragio universale maschile. Come organizzare la vita politica della nuova società industriale di massa? Strumento organizzativo e politico di questa trasformazione fu il partito di massa. I primi a creare partiti secondo questo modello furono i socialisti. L industrializzazione accrescendo la classe operaia e, soprattutto, concentrando grandi quantità di lavoratori in fabbriche, favorì la nascita di organizzazioni di massa del movimento operaio: i sindacati, che organizzavano rivendicazioni e scioperi anche di milioni di lavoratori, e i partiti, in cui il movimento socialista vide uno strumento capace di dare ai lavoratori l unità e la forza per incidere sulla vita politica nazionale, ottenendo miglioramenti e riforme. Sulla questa strada si mossero anche i cattolici. Leone XIII, papa dal 1878 al 1903, aveva compreso che la chiesa non poteva rimanere estranea ai problemi sociali posti dall industrializzazione. SOCIETÀ DI MASSA Si tratta di società caratterizzate da un significativo ruolo delle masse nello svolgimento della vita politica e sociale, ma anche da una loro crescente omologazione, perdita di autonomia individuale, conformismo, facilità di manipolazione. L avvento della società di massa viene solitamente datato tra la fine del IX sec. e gli inizi del XX e ha caratterizzato tutto il Novecento, parallelamente con l affermarsi della società industriale, della produzione in serie e del mercato dei consumi di massa tipici di taylorismo e fordismo. L aumento demografico, l urbanizzazione di massa, la diffusione della scolarità, l estendersi del diritto di voto hanno completato il quadro, favorendo un ruolo più consapevole e una maggiore partecipazione politica delle masse (non a caso è questa l epoca anche dei partiti di massa), ma parallelamente la crescente burocratizzazione e concentrazione del potere, sempre più impersonale, il ruolo sempre più forte di strutture e organizzazioni rispetto ai singoli favorirono una crisi dell individuo e della sua autonomia e un suo graduale immergersi e omologarsi nella società di massa. Tali processi hanno a loro volta creato un terreno favorevole al predominio di ristrette élite e all avvento di regimi totalitari, che G.L. Mosse ha legato alla «nazionalizzazione delle masse». L uso dei moderni mezzi di comunicazione di massa, dal cinema alla radio, ha costituito un ulteriore importante componente di tale processo, come il ruolo crescente e pervasivo svolto dalla pubblicità nelle società democratiche nei decenni postbellici. Massificazione ed etero direzione dei comportamenti sono dunque avanzate ulteriormente nella seconda metà del XX secolo. La stessa crescita economica e l estendersi del mercato dei consumi di massa hanno fatto sì che alle differenze economiche e sociali abbia corrisposto una graduale omogeneizzazione di costumi, stili di vita e modelli culturali, delineando un nuovo tipo di società di 13

14 massa: la società dei consumi. Parallelamente, la forza dei moderni mass-media, stampa e televisione in primo luogo, ha accresciuto le possibilità di manipolazione dell opinione pubblica e dei comportamenti sociali. Molti studiosi hanno quindi individuato nelle società di massa una divisione fra un «pubblico di élite, composto da gruppi dirigenti e avanguardie intellettuali, e un «pubblico di massa, ossia un insieme di persone dotate di un sistema di credenze cognitivamente povere ed emotivamente instabili e pertanto esposte alle manipolazioni delle élite. In questo senso, le teorie sulla società di massa mettono in luce come alcuni processi di modernizzazione tendano a costruire una società di uguali che, se da una parte poggia su una base estesa di democratizzazione, dall altra accrescendo le disuguaglianze in termini economici e di potere e alimentando dinamiche di omologazione e atomizzazione sociale, allontana le masse stesse dall esercizio della sovranità e in qualche caso dalla stessa partecipazione politica. La rivoluzione industriale è un processo di trasformazione in cui un sistema prevalentemente agricolo-artigianale-commerciale diviene un sistema industriale. Da tale processo di trasformazione ne conseguono numerosi miglioramenti. La seconda rivoluzione industriale portò ad una serie di novità, in particolare investirono il campo elettrico, soprattutto in Italia, con la costruzione della centrale termoelettrica a carbone per opera di Galileo Ferraris. In Italia, mancando il carbone fossile e scarseggiando il carbone bianco si sfruttarono i corsi d'acqua per la produzione di energia elettrica. Così facendo non si andò incontro alle esose spese per l'importazione di carbone. Contrariamente al miglioramento del settore chimico, lo sviluppo dell apparato elettrico fu decisamente più lento; infatti questo particolare settore ebbe un deciso incremento dopo il 1870, quando si produssero i primi generatori (la dinamo e il motore elettrico). I progressi in questo campo permisero la graduale diffusione della rete elettrica ad uso civile per l'illuminazione (e successivamente l'utilizzo dei primi elettrodomestici), nelle case e nei luoghi di lavoro. 14

15 ELETTRICITA Col termine elettricità (deriva dal greco, il significato originale è "ambra") si fa riferimento genericamente a tutti i fenomeni fisici su scala macroscopica che coinvolgono una delle interazioni fondamentali, la forza elettromagnetica, con particolare riferimento all'elettrostatica. A livello microscopico tali fenomeni sono riconducibili all'interazione tra particelle cariche su scala molecolare: i protoni nel nucleo di atomi o molecole ionizzate, e gli elettroni. I tipici effetti macroscopici di tali interazioni sono le correnti elettriche e l'attrazione o repulsione di corpi elettricamente carichi. L'elettricità è responsabile di ben noti fenomeni fisici come il fulmine o l'elettrizzazione, e rappresenta l'elemento essenziale di alcune applicazioni industriali come l'elettronica e l'elettrotecnica attraverso segnali elettrici. Divenuta contemporaneamente il più diffuso mezzo di trasporto per l'energia nelle reti elettriche e uno dei più diffusi mezzi di trasporto per l'informazione nelle telecomunicazioni (comunicazioni elettriche), l'elettricità è diventata il simbolo del mondo moderno: illumina le abitazioni, fa funzionare le fabbriche e rende vicini i popoli più lontani. TEMATICA SVOLTA: CORRENTE ELETTRICA: Nel vasto campo dell elettricità mi soffermerò sul tema della corrente elettrica e dei circuiti in corrente continua. Innanzitutto iniziamo a definire la corrente elettrica. La corrente elettrica è un flusso di cariche elettriche tra due punti, principalmente la carica è trasportata da elettroni che si muovono in un filo di metallo. Con tutti i limiti di un analogia del genere, gli elettroni che scorrono in un filo possono essere paragonati alle molecole d acqua che scorrono all interno di un tubo per annaffiare il giardino. In particolare supponiamo che una carica Q attraversi una certa sezione del filo in u n tempo t; in questo caso diciamo che la corrente elettrica I nel filo ha intensità: 15

16 L unità di misura dell intensità di corrente, l AMPERE (A), prende il nome dal matematico francese André- Marie Ampère ( ) ed è definita semplicemente come 1 coulomb al secondo. Da cui ne deriva: 1 A = 1 C/s. Quando una carica si muove lungo un percorso chiuso e ritorna al suo punto di partenza, definiamo tale percorso come circuito elettrico. I circuiti elettrici possono essere di due tipologie: circuiti in corrente continua e circuiti in corrente alternata. La prima tipologia è caratterizzata dal flusso di corrente che scorre sempre nella stessa direzione. Può essere denominata inoltre con la sigla CC oppure DC (dall inglese direct current). Mentre nella seconda tipologia, la corrente inverte periodicamente la sua direzione; questa può essere denominata CA oppure AC (dall inglese alternating current). LEGGE DI OHM E RESISTENZA Gli elettroni all interno dei fili metallici si muovono con relativa facilità, nonostante ciò i fili metallici influiscono sul movimento degli elettroni, in quanto creano una resistenza al loro movimento in modo molto simile all effetto dell attrito. Per far si che gli elettroni vincano la resistenza del filo è necessario applicare una differenza di potenziale agli estremi del filo. Per un filo con una resistenza costante R, la differenza di potenziale V necessaria per ottenere una corrente I è data dalla Legge di Ohm, dal nome del fisico tedesco Georg Simon Ohm ( ). Da cui ne deriva la formula: V = I*R nel sistema internazionale l unità di misura è il volt (V) R è la resistenza che si ottiene risolvendo la legge di Ohm: 1Ohm = 1 V/A. La grandezza che caratterizza la resistenza di un dato materiale è la resistività o resistenza specifica p. Quindi maggiore sarà la resistenza maggiore sarà la resistività. La resistenza di un filo dipende anche dalla sua lunghezza L e dall area A della sua sezione. Da queste osservazioni ne deriva la formula: Dato che l unità di misura di L è il metro (m) e quella di A è il metro quadrato (m^2) ne consegue che la resistività si misura in Ohm*m. Un elemento tipico di circuito è il cosiddetto resistore, o resistenza. Un codice a barre colorate ne indica il valore R e la sua tolleranza (10%, 5%,...). Resistori tipicamente usati in circuiti elettronici variano da pochi a migliaia di kiloohm (k), _fino al milione di (megaohm, ). Perché una corrente continui a circolare in un circuito occorre la presenza di un generatore di differenza di potenziale, o d.d.p.: un dispositivo (una batteria) che tramite reazioni elettrochimiche fornisce energia alle cariche. 16

17 Quindi la batteria utilizza reazioni chimiche per produrre una differenza di potenziale elettrico ai suoi estremi, denominati terminali o poli. Il simbolo della batteria è: Solitamente i circuiti elettrici contengono un gran numero di resistenze collegate tra loro in vario modo. Quando le resistenze sono collegate in fila una dopo l altra diciamo che sono collegate in serie, l effetto complessivo delle resistenze in serie è equivalente a quello di un unica resistenza, denominata resistenza equivalente Req. La formula: Req= somma algebrica delle singole resistenze. L unità di misura è Ohm. Quindi la resistenza equivalente è sempre maggiore della più grande delle singole resistenze che compongono il circuito in serie. Collegare resistenze in serie è come rendere una singola resistenza più lunga: all aumentare della lunghezza aumenta anche la sua resistenza. Le resistenze come abbiamo detto in precedenza possono essere disposte in vario modo. Oltre alla disposizione in serie, le resistenze possono avere una disposizione in parallelo Grazie all immagine sopra riportate riusciamo ad evidenziare le differenze tra le due disposizioni; oltre alla rappresentazione cambia anche la formula per calcolare la resistenza equivalente: Formula in cui Rt corrisponde alla resistenza equivalente. 17

18 LEGGE DI KIRCHHOFF Per calcolare le correnti e le differenze di potenziale in un qualunque circuito elettrico si utilizzano due regole introdotte la prima volta dal fisico tedesco Gustav Kirchhoff ( ) Le leggi di Kirchhoff non sono altro che un modo particolare di esprimere la conservazione della carica ( legge dei nodi) e la conservazione dell energia (legge delle maglie) in un circuito chiuso. Queste due leggi hanno una validità universale. La legge dei nodi sostiene che la somma algebrica di tutte le correnti che convergono in un nodo di un circuito deve essere uguale a 0. La legge delle maglie afferma che: la somma algebrica di tutte le differenze di potenziale lungo una maglia chiusa in un circuito è nulla. 18

19 CONDENSATORI E CAPACITA Non esistono circuiti costituiti solamente da resistenze ma esistono circuiti contenenti condensatori. Come i circuiti contenenti resistenze anche questo categoria di circuiti si dividono in due tipologie, condensatori in serie e condensatori in parallelo. Il modo più semplice di connettere i condensatori, a differenza delle resistenze, consiste nel collegarli in parallelo. La capacità equivalente si ottiene dalla somma algebrica delle singole capacità. Formula: I condensatori in serie corrispondono alle resistenze in parallelo. Difatti la formula è uguale a quella delle resistenze in parallelo ma il soggetto è la capacità dei condensatori in serie: Nel sistema internazionale la capacità equivalente si misura in Farad (F) CIRCUITI RC I circuiti, infine, possono essere composti sia da condensatori sia da resistenze, tali circuiti vengono denominati CIRCUITI RC. Questa tipologia di circuiti sono caratterizzati dalla presenza di una costante, chiamata costante di tempo caratteristico. Questi circuiti si dividono in due fasi: una di carica e l altra di scarica. 19

20 In un circuito RC la carica sul condensatore varia nel tempo secondo la relazione: Se su un condensatore in un circuito RC è presente una carica Q all istante t=0 la sua carica in ogni istante successivo è data dalla relazione: Tipologia circuito: La rivoluzione industriale ebbe anche effetti negativi che vennero sottolineati da Marx e Dickens nonostante vivessero in due contesti completamenti diversi: uno in Germania e Dickens in Gran Bretagna 20

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872)

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Feuerbach fu forse il più famoso rappresentante della corrente anti-hegeliana. Che appartenesse oppure no ad essa è una questione che qui possiamo tralasciare,

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800

I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800 Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei Diritti Umani e delle loro violazioni I Diritti Umani nella storia, parte II: Dalla Rivoluzione Francese al 1800 III INCONTRO Che cos'è

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI www.unidav.it CARATTERISTICHE E COMPITI DEL MANAGEMENT 3. La Scuola behaviorista Lezione 25 Il modello Behaviorista

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx

Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx Tre momenti nel passaggio dal discorso filosofico al discorso sociologico della modernità: Kant, Hegel e Marx Kant (1724-1804), nella Risposta alla domanda Che cos è l Illuminismo rivoltagli nel 1784)

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA La società di massa Ultimi decenni ottocento

Dettagli

Lo Psicodramma Analitico e le Nuove Dipendenze

Lo Psicodramma Analitico e le Nuove Dipendenze Lo Psicodramma Analitico e le Nuove Dipendenze di Stefania Tedaldi Per gli inglesi il termine dipendenza di traduce in due modi. Nel primo: Dipendent, il soggetto è fisiologicamente dipendente, come avviene

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Dare risposte originali. - Essere capace di produrre molte idee. Le attività lavorative tra passato e presente Guida per l insegnante L attività si

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé Strettamente riservato Milano, 13 aprile 2012 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Professione: MANAGER Professione: MANAGER INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO HENRY FORD (1863-1947) 1947) IL DIVINO MECCANICO La vera scintilla per la meccanica scoccò quando, a 12 anni, vidi per la prima volta una vettura senza cavalli che marciava con grande speditezza Da quel

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani

Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani e didattica Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani A) L avvento del Cristianesimo operò una profonda rivoluzione culturale nel mondo antico, forse la più profonda che il mondo occidentale

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli