Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica"

Transcript

1 Lo Sviluppo Sostenibile e le sue implicazioni nell ambito della Pianificazione Ecologica Corso di Pianificazione Ecologica e sostenibile del Territorio Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Trento Docente: Marco Ciolli

2 Sviluppo Sostenibile Ma cos è lo sviluppo sostenibile? "Sviluppo sostenibile" è un concetto difficile da comprendere perché non tutti lo interpretano allo stesso modo. A lungo termine dovrebbe condurre a condizioni di vita migliori su questo mondo minacciato da problemi ambientali es. l abbattimento delle foreste tropicali, il riscaldamento globale, le piogge acide.... Inoltre la qualità della vita è insufficiente per molta gente, soprattutto nei paesi poveri. C è poi una relazione tra le questioni ambientali e la povertà. Tre punti sono da tenere presenti se si ha come obiettivo lo sviluppo sostenibile: 1. L ambiente 2. L economia 3. Le condizioni sociali "Sustainable development is development that meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs." Sta ad indicare una crescita economica che sia idonea a soddisfare le esigenze delle nostre società in termini di benessere a breve, medio e soprattutto lungo periodo, fermo restando che lo sviluppo deve rispondere ai bisogni del presente, senza compromettere le attese delle generazioni future. Si tratta di predisporre le condizioni più idonee affinché lo sviluppo economico a lungo termine avvenga nel rispetto dell'ambiente. Il vertice mondiale sullo sviluppo sociale (Copenhagen 1995) ha sottolineato la necessità di lottare contro l'esclusione sociale e proteggere la salute dei singoli. Il trattato di Amsterdam ha espressamente iscritto lo sviluppo sostenibile nel preambolo del trattato sull'unione europea.

3 Sustainable development will only happen if it is explicitly planned for. (EC, European Sustainable Cities,1996). Come introdotto nel rapporto dell EEA 1997, Towards Sustainable Development for Local Authorities, il termine sostenibilità costituisce la parola-chiave degli anni 90: politici, amministratori e pianificatori lo adottano a vari livelli di programmazione, gestione e pianificazione, ma l obiettivo dello sviluppo sostenibile diventa un impegno quotidiano di consumatori e produttori. Ma, in realtà, sviluppo sostenibile cosa significa? Sostenibile per chi e per che cosa? Esiste un significato univoco e riconosciuto internazionalmente di sostenibilità? Materialmente cosa comporta impegnarsi per lo sviluppo sostenibile? Esistono alcuni elementi caratterizzanti il concetto di sviluppo sostenibile, quali: visione di lungo termine, partecipazione, equità inter ed intragenerazionale, approccio olistico allo sviluppo economico, sociale ed ambientale; - d altra parte in ogni esperienza è stata adottata una propria visione di sostenibilità, per cui le definizioni di sviluppo sostenibile sono in realtà molteplici e, a volte, molto diverse fra loro; - esistono diversi modi di percorrere il cammino verso lo s.s. e diversi approcci operativi nella pratica della sostenibilità secondo i quali si possono accorpare le varie esperienze; - un metodo di valutazione della sostenibilità del proprio sviluppo è costituito dall adozione di indicatori di sostenibilità in grado di monitorare pressioni sull ambiente, impatti economici e sviluppo sociale ed istituzionale.

4 La sostenibilità rinvia all idea di mantenimento/conservazione nel tempo, e soprattutto nel lungo periodo, delle condizioni esistenti e di capacità di garantire un supporto, un sostentamento, senza produrre degrado. Lo sviluppo implica cambiamento, trasformazione dello status quo, alterazione, modifiche, e quindi instabilità, fluttuazioni, turbolenze. Questo conflitto tra i due termini porta ad una idea di miglioramento/modifica mantenendo però nel tempo anche lungo le condizioni che consentono tale miglioramento. Il significato di sviluppo sostenibile dovrebbe essere dunque quello di migliorare la qualità della vita o il benessere in modo durevole nel tempo.

5 Sviluppo sostenibile è quello sviluppo capace di soddisfare i bisogni della attuale generazione senza compromettere il soddisfacimento dei bisogni delle future generazioni (Our Common Future). Da questa definizione e dal dibattito internazionale conseguente sono emersi e sono stati riconosciuti i seguenti tratti caratteristici dello sviluppo sostenibile: la stretta interrelazione fra sviluppo economico, sociale ed ambientale e quindi approccio olistico allo sviluppo; la logica del lungo periodo; l equità, estesa alla prospettiva intergenerazionale, e la giustizia; l efficienza nell uso delle risorse; la sostenibilità ecologica, ovvero la conservazione dello stock di risorse e la creazione di ricchezza senza danneggiare i sistemi a sostegno della vita.

6 Lo sviluppo sostenibile viene generalmente rappresentato come l intersezione dei tre insiemi dello sviluppo economico, sociale ed ambientale, sottolineando con ciò che laddove vengano privilegiate solo due delle sue dimensioni non si verifica uno sviluppo sostenibile ma uno sviluppo in un ottica conservazionista, ecologista oppure meramente socio-economica

7 L interrelazione fra sviluppo economico, sociale ed ambientale è stata raffigurata anche con un diagramma a triangolo equilatero, i cui vertici costituiscono le singole dimensioni sociale, economica e ambientale, i lati rappresentano delle linee di sviluppo di condivisione di due soli obiettivi alla volta, l area del triangolo il perseguimento degli obiettivi dello sviluppo Sostenibile Il grafico evidenzia i diversi approcci possibili: dell economista (l obiettivo di equità non rientra generalmente tra quelli strettamente economici, preponderante è in genere la crescita), quello dell ambientalista, interessato alla tutela, e quello del sociologo, interessato all equità. Il diagramma esprime anche la necessità di ricerca di un compromesso fra obiettivi molteplici, eterogenei ed anche conflittuali. Deve esservi integrazione fra queste tre dimensioni.

8 Inoltre, ciascuna scelta comporta specifici livelli di perseguimento degli altri obiettivi (non possono essere massimizzati tutti contemporaneamente): se si massimizza un obiettivo, si avranno delle riduzioni nel perseguimento degli altri, accettabili in relazione alle circostanze e condizioni specifiche esistenti ed alle priorità riconosciute. Promuovere lo sviluppo sostenibile significa ricercare l equilibrio fra queste tre diverse componenti/dimensioni L equilibrio ricercato è, naturalmente, un equilibrio dinamico, in quanto continuamente rimesso in discussione dalle pressioni dovute al cambiamento, di cui si fanno promotori diversi soggetti (pubblici, sociali, privati) e che rimette continuamente in discussione le priorità tra i tre obiettivi fondamentali. L ottica dello s.s. richiede quindi un approccio olistico allo sviluppo, cioè un approccio globale alla pianificazione ed alla valutazione, uno sguardo all insieme come alle parti, un attenzione particolare al benessere sociale, ecologico ed economico dei vari sottosistemi, allo stato, alla direzione ed alla velocità di cambiamento dei sistemi e delle loro componenti e, soprattutto, all interazione fra le parti.

9 La logica del lungo periodo La dimensione temporale dello s.s. è forse l aspetto più leggibile dalla definizione del Rapporto Brundtland. Il rimando alle generazioni future richiama l attenzione non solo sulla prossima generazione ma anche a quelle successive, espandendo l orizzonte temporale di pianificazione/valutazione. La scelta della scala temporale non è sempre facile. L approccio olistico allo sviluppo necessita di considerare le scale dei diversi processi sociali, economici e naturali, per cui l intervallo temporale di 5 o 10 anni, utilizzato in genere nelle pianificazioni politiche ed economiche, non è sufficiente ed orizzonti temporali superiori, di anni diventano più significativi. L adozione di orizzonti temporali così lontani richiede di affrontare questioni di valutazione di lungo periodo, in condizioni di incertezza/indeterminatezza che rendono molto complessa la valutazione stessa.

10 L equità e la giustizia Nella definizione di sviluppo sostenibile sono implicitamente contenute due tipologie di equità: l equità infragenerazionale, sia a livello locale che a livello internazionale, che implica parità di accesso alle risorse (sia ambientali, che economiche e sociali/culturali) da parte di tutti i cittadini del pianeta, senza distinzioni rispetto al luogo ove essi vivono. Questo tipo di equità può anche essere intesa come giustizia. l equità intergenerazionale (esplicitamente dichiarata nella definizione), che implica pari opportunità fra successive generazioni. Viste le condizioni attuali mondiali, questo aspetto costituisce forse il concetto più eversivo della nozione di sviluppo sostenibile (Lanza, 1997).

11 L efficienza nell uso delle risorse e la sostenibilità ecologica La logica di lungo periodo introduce necessariamente il concetto di uso efficiente delle risorse, in quanto solo con un oculata gestione delle risorse attuali è possibile garantire alle generazioni future la possibilità di soddisfare i propri bisogni. Quindi, condizione essenziale per la sostenibilità è la conservazione dello stock di risorse costituenti il capitale naturale di cui dispone l attuale generazione e da cui consegue il livello di benessere. La sostenibilità ecologica implica che la produzione di ricchezza non avvenga a danno del sistema che supporta la varietà della vita, ma che si introducano dei vincoli alle trasformazioni e che venga ricercata e rispettata la capacità di carico dei sistemi ambientali.

12 La partecipazione Il concetto di sviluppo sostenibile integra e bilancia le tre dimensioni sociale, economica ed ambientale e quindi i tre valori dell utilità, dell equità e dell integrità ecologica. I soggetti portatori dei suddetti valori/obiettivi sono diversi, i soggetti coinvolti nel processo di s. s. sono molteplici e soprattutto possono essere in conflitto fra loro. Diventa necessario evitare o ridurre il conflitto e attivare la cooperazione tra i diversi attori. Non si possono massimizzare contemporaneamente le tre dimensioni, ed è indispensabile fare delle scelte che rispecchiano dei giudizi di valore e non sono affrontabili e risolvibili solo con strumenti tecnici, con i soli esperti ma occorre un vero e proprio processo di partecipazione. Lo sviluppo sostenibile è intrinsecamente uno sviluppo partecipato.

13 Alcune definizioni di Sviluppo Sostenibile Nonostante il dibattito sullo s.s. sia stato avviato ormai tempo e siano stati riconosciuti i caratteri principali insiti nel suo concetto, molteplici sono state le definizioni adottate nelle varie esperienze politiche, di studio o di pianificazione. La pluralità e differenza fra le varie espressioni adottate è legata al carattere ideologico dello s.s., cioè lo stretto legame fra significato attribuito all espressione sviluppo sostenibile e giudizi etici e di valore propri degli attori dello sviluppo. WORLD COMMISSION ON ENVIRONMENT & DEVELOPMENT, OUR COMMON FUTURE, 1987 (BRUNDTLAND COMMISSION REPORT) 1. Sustainable development is development that meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs sustainable development is not a fixed state of harmony, but rather a process of change in which the exploitation of resources, the orientation of the technological development, and institutional change are made consistent with future as well as present needs.

14 AAVV,VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE: Esperienze E Raccomandazioni Di Sette Regioni Europee, 1998 Principi di sostenibilità: 1)dimensione di sviluppo: rispetto per l'integrità ecologica e per il patrimonio dell'ambiente creato dall'uomo (dimensione ambientale); soddisfacimento dei bisogni umani per mezzo di un uso efficiente delle risorse (dimensione economica); conservazione e sviluppo dei potenziali umani e sociali (dimensione socio-culturale). 2)dimensione di equità: equità sociale e tra i sessi (equità interpersonale); equità interregionale e internazionale (equità spaziale); equità tra generazioni presenti e future (equità intertemporale).3)principi sistemici: diversità/ridondanza, sussidiarietà, partnership/networking, partecipazioni. AMICI DELLA TERRA/ITALIA, Documento Di Indirizzo Generale Per Uno Sviluppo Sostenibile Della Provincia Autonoma Di Trento, 1997 Le caratteristiche, i vincoli e le opportunità poste dalle componenti ambientali allo sviluppo delle società avanzate rendono sempre più necessario separare i cicli tecnologici delle attività antropiche di produzione e consumo dai cicli naturali, in maniera tale da assicurare l'equilibrio di questi ultimi. Un primo indirizzo a carattere generale per uno sviluppo sostenibile può essere individuato nel configurare l'insieme delle attività umane alla stregua di un ciclo (tecnologico) diverso da quello naturale e dal quale deve essere progressivamente separato. I PRINCIPI di BASE dello sviluppo sostenibile sono: EVITARE L'ESAURIMENTO DELLE RISORSE NON RINNOVABILI, RISPETTO DELLA CARRYING CAPACITY dell'ambiente, EQUITA', PRECAUZIONE. CEC, EUROPEAN COMMUNITY FIFTH ENVIRONMENTAL ACTION PROGRAMME, 1993 (Sustainable development is) continued economic and social development without detriment to the natural resources on the quality of which human activity and further development depend. COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, Comunicazione Sull'ambiente E L'occupazione (Costruire Un Europa Sostenibile), 1998 Sviluppo sostenibile: sviluppo che soddisfa le esigenze attuali senza compromettere per le generazioni future la possibilità di soddisfare le proprie esigenze. EC, EUROPEAN SUSTAINABLE CITIES, Report Of The Expert Group On The Urban Environment, 1996 Nel report vengono adottate le seguenti due definizioni di sviluppo sostenibile: "Sviluppo sostenibile è quello sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere l'abilità delle generazioni future di soddisfare i propri" (Brundtland Report, 1987) e "Sviluppo sostenibile significa migliorare la qualità della vita restando all'interno della capacità di carico degli ecosistemi a supporto della vita stessa (World Conservation Union, UNEP e WWF, 1991). Un'interpretazione più pratica è quella fornita dall'iclei (1994): "Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che fornisce a tutti i residenti di una comunità i servizi ambientali, sociali ed economici di base senza minacciare la vitalità dei sistemi naturali, costruiti e sociali sui quali si basa la fornitura di questi servizi".

15 MAASTRICHT TREATY ON EUROPEAN UNION (Article 2, Treaty On European Union, 1992) (Sustainable development is) a harmonious and balanced development of economic activities, sustainable and non-inflationary growth respecting the environment. IUCN, WWF, UNEP, Caring For The Earth, 1991 Sustainable development means improving the quality of life while living within the carrying capacity of supporting ecosystems. INTERNATIONAL COUNCIL OF LOCAL ENVIRONMENTAL INITIATIVES (ICLEI) Sustainable development is development that delivers basic environmental, social and economic services to all residents of a community without threatening the viability of the natural, built and social systems upon which the delivery of these services depends. MICHAEL JACOBS,THE GREEN ECONOMY, (1991) Sustainability means that the environment should be protected in such a condition and to such a degree that environmental capacities (the ability of the environment to perform its various functions) are maintained over time: at least at levels which give future generations the opportunity to enjoy an equal measure of environmental consumption. DAVID PEARCE, ET AL, Blueprint For A Green Economy ( Blueprint 1 ), 1989 WEAK SUSTAINABILITY: Only the aggregate of stocks of capital, regardless of their type, has to be held constant for future generations; these forms of capital are completely substitutable for each other. It is the aggregate quantity that matters and there is considerable scope for substituting man-made wealth for natural environmental assets (Pearce et al, 1989) SENSIBLE SUSTAINABILITY: No further decline is accepted for known critical natural stocks, while for others substitution between natural and man-made capital is allowed for. STRONG SUSTAINABILITY: The overall stock of natural capital should not be allowed to decline. ABSURDLY STRONG SUSTAINABILITY: No substitution is permitted between the various kinds of natural capital stocks; each stock has to keep to at least its current level. WORLD RESOURCES INSTITUTE,WORLD RESOURCES : The Urban Environment,1996 Sviluppo sostenibile è lo sviluppo che soddisfa i fabbisogni del presente senza minare la base ecologica e di risorse per le future generazioni

16 a Conferenza internazionale sull Ambiente Umano, Stoccolma: necessità dell adozione di uno sviluppo compatibile con l ambiente assurse a dibattito internazionale. Nel rapporto provocatorio Limits to Growth, il Club di Roma sottolineò la minaccia di superamento della capacità di carico del sistema terrestre da parte dell uomo 1987, la Commissione Mondiale sull Ambiente e lo Sviluppo, presieduta dal primo ministro norvegese Gro Brundtland, redige il rapporto Our Common Future (rapporto Brundtland) in cui si affronta il tema della stretta connessione fra sviluppo economico e qualità ambientale. Il rapporto Brundtland popolarizza il concetto di sviluppo sostenibile, e ne dà la definizione più accreditata e utilizzata in tutto il mondo; merito principale è di aver messo in moto un processo che ha creato il contesto per gran parte delle politiche di sostenibilità e delle attività legislative in materia sfociato nella conferenza delle Nazioni Unite sull Ambiente e lo Sviluppo di Rio nel La Conferenza delle Nazioni Unite sull Ambiente e lo Sviluppo - Rio nel 1992: forse uno dei maggiori, e più celebrati, eventi internazionali organizzati dalle Nazioni Unite. Il livello di frequenza alla conferenza fu molto elevato e senza precedenti: 178 paesi, 120 Capi di Stato, 8000 giornalisti e più di persone parteciparono al summit governativo ufficiale e al parallelo Forum globale delle organizzazioni non governative (EEA, 1997). Gli impegni adottati non hanno valenza giuridica e la copertura economica necessaria per avviare il processo di sviluppo sostenibile (soprattutto nei paesi in vds) non è stata trovata né fornita dai paesi industrializzati, per cui anche l operatività dei suoi strumenti è stata fortemente inficiata

17 Dalla conferenza delle Nazioni Unite sull Ambiente e lo Sviluppo - Rio 1992 scaturirono cinque documenti ufficiali che costituiscono ancora oggi il quadro di riferimento principale dello sviluppo sostenibile a livello internazionale: La dichiarazione di Rio Agenda 21 Convenzione sulla biodiversità Principi sulle foreste Convenzione sui cambiamenti climatici UNFCCC

18 La dichiarazione di Rio, costituisce un insieme di 27 principi che regolano i diritti, le responsabilità e le relazioni delle nazioni nel perseguimento di uno s.s. tramite un nuovo ed equo sodalizio globale (UNCED, 1992). I principi espliciti: integrazione fra ambiente e sviluppo, equità intergenerazionale, riduzione della povertà e principio precauzionale. Principi corollari: prevenzione, responsabilità comune ma differenziata, secondo i danni provocati e secondo le possibilità economiche, cooperazione, concertazione, consenso. Agenda 21, è un voluminoso programma d azione suddiviso in 40 capitoli, individua le aree programmatiche di intervento, gli obiettivi (non quantitativi), gli strumenti e le azioni necessari per realizzare uno s.s. E suddiviso in quattro sezioni: 1. Dimensioni sociali ed economiche, 2. Conservazione e gestione delle risorse per lo sviluppo, 3. Rafforzamento del ruolo dei principali gruppi sociali, 4. Mezzi per la realizzazione. Le principali caratteristiche delle politiche di sostenibilità: necessità di un cambiamento degli attuali modelli di consumo, integrazione dell ambiente e dello sviluppo nel processo decisionale e partecipazione del pubblico al processo decisionale. Agenda 21 identifica nove gruppi sociali la cui partecipazione è vitale per realizzare lo sviluppo sostenibile: le donne, i bambini e la gioventù, le popolazioni indigene, le organizzazioni non governative, le autorità locali, i lavoratori e i sindacati, le imprese, la comunità scientifica e tecnologica e gli agricoltori. Convenzione sulla biodiversità; riconosce valore ed importanza della biodiversità per l evoluzione ed il mantenimento dei sistemi a supporto della vita della biosfera, richiede sviluppo di strategie nazionali ed internazionali per la protezione della diversità biologica, l identificazione ed il monitoraggio delle componenti della biodiversità e dei processi e attività che hanno maggiore impatto su di essa. Promuove l adozione di programmi di protezione, di un uso sostenibile delle componenti delle diversità biologica ed incentiva la ricerca e la formazione su questi temi.

19 Principi sulle foreste; pur essendo non vincolanti per gli stati firmatari costituiscono il primo sforzo per una gestione sostenibile, una conservazione ed uno sviluppo sostenibile di tutti i tipi di foreste. Convenzione sui cambiamenti climatici -UNFCCC, adottata a New York nel 1992 e firmata al Summit della Terra da 155 Paesi, in vigore dal La Convenzione e della conferenza di Rio riconobbe a livello mondiale il problema del cambiamento climatico e pose l obiettivo di stabilizzare le concentrazioni di gas ad effetto serra a livelli che impediscano l interferenza antropogenica nel sistema climatico. Questi livelli dovrebbero essere raggiunti in un arco di tempo che permetta agli ecosistemi di adattarsi naturalmente al cambiamento climatico, che non minacci la produzione alimentare e che permetta uno sviluppo economico sostenibile. La Convenzione non definì però il valore di queste concentrazioni, che doveva essere stabilito poi. Dopo Rio, ci furono diversi incontri e conferenze degli Stati firmatari della Convenzione per definire esattamente gli obiettivi quantitativi per le emissioni. I paesi in via di sviluppo imputano ai paesi industriali la responsabilità delle emissioni ad effetto serra e richiedono limiti più restrittivi per i paesi industriali rispetto a quelli in via di sviluppo. Tutte le Conferenze delle Parti, dal 1995 a Berlino a Kyoto nel 1997 furono caratterizzate da un acceso dibattito intorno alla responsabilità differenziata, ovvero su come calcolare le quote di riduzione delle emissioni spettanti a ciascun paese e quindi sugli impegni da assumere, differenziati in base alla propria storia industriale come prospettato dai paesi in via di sviluppo, oppure indifferenziati rispetto alle precedenti responsabilità dell inquinamento attuale Kyoto individua e definisce operativamente una parte degli impegni da attuare elencati nella Convenzione: contiene decisioni sull attuazione operativa degli impegni più urgenti e prioritari (controllo emissioni) relativi ad alcuni settori delle economie nazionali dei paesi industrializzati e ad economia in transizione (Est europeo).

20 La Convenzione sul clima come tutte le convenzioni ONU ha valore legale quando viene ratificata da un certo numero di paesi. In particolare quella sul clima è entrata in vigore nel 1994 quindi da allora è una legge quadro internazionale che impegna giuridicamente i paesi che la ratificano alla sua attuazione. Essendo una legge quadro ha bisogno di leggi attuative che in ambito ONU sono chiamate protocolli

21 Il Protocollo di Kyoto impegna i paesi industrializzati e quelli ad economia in transizione a ridurre complessivamente del 5%, rispetto ai valori del 1990, le principali emissioni antropogeniche di gas ad effetto serra, CO 2, CH 4, N 2 O, nel periodo Nello stesso periodo la riduzione prevista per le emissioni di fluorocarburi idrati (HFCs), perfluorocarburi (PFCs) ed esafluoruro di zolfo (SF 6 ) è sempre del 5% ma rispetto ai valori del La riduzione complessiva del 5% è suddivisa differentemente tra i vari paesi: per i paesi UE dell 8% globalmente (8% anche per l Italia), per gli USA del 7% e per il Giappone del 6%. Federazione Russa, Nuova Zelanda ed Ucraina devono solo stabilizzare le loro emissioni, mentre Norvegia, Australia e Islanda possono aumentare le loro emissioni rispettivamente dell 1%, 8 e 10%. Nessun tipo di limitazione alle emissioni di gas ad effetto serra viene previsto per i Paesi in via di sviluppo, perché questo rallenterebbe, o condizionerebbe, il loro cammino verso lo sviluppo socioeconomico. (c è una presa di coscienza delle differenze tra i pvs e paesi sviluppati) Il rischio è che l impegno di riduzione dei paesi industrializzati e ad economia di transizione sia vanificato dall apporto di gas-serra dei Paesi in vds (possibile aumento del 30% delle emissioni mondiali di gas-serra al 2010). Il Protocollo di Kyoto è un buon punto di partenza ma i problemi riguardanti i paesi in vds restano aperti; entrerà in vigore dopo 90 giorni dalla data di ratifica di almeno 55 dei Paesi firmatari della Convenzione UNFCCC purché tra tali paesi vi siano i Paesi industrializzati e ad economia di transizione in numero tale da rappresentare almeno il 55% delle emissioni complessive di anidride carbonica (riferite al 1990) di cui essi sono responsabili. Ad oggi 59 Paesi lo hanno firmato, tra cui UE ed i singoli paesi dell UE, Canada, Australia, Giappone, Cina e molti paesi in vds. Solo le isole Fiji hanno ratificato il Protocollo mentre gli USA non lo hanno ancora firmato anzi nel 2001 Bush annuncia che non ratificherà la convenzione e gli USA si ritirano unilateralmente. A questo punto ci vorrebbe l appoggio della Russia (17,4% emissioni totali) che non firma per la dipendenza economica dagli USA e per il gioco delle quote.

22 Agenda 21 Città sostenibili Le buone e ottime pratiche costituiscono un aspetto settoriale dell applicazione dei principi di sostenibilità e dell Agenda 21 e consistono in azioni, progetti, esperienze, a scala generalmente municipale, che riguardano una sola tematica particolare della sostenibilità. Agende 21 locali Dato che molti problemi e soluzioni individuate dall Agenda 21 hanno le loro radici nelle attività locali, la partecipazione e la cooperazione delle autorità locali rappresenterà un fattore determinante nel raggiungimento degli obiettivi dell Agenda 21. Le autorità locali costruiscono, operano e mantengono le infrastrutture economiche, sociali ed ambientali, sovrintendono i processi pianificatori, stabiliscono locali politiche e regolamenti ambientali e partecipano all implementazione di politiche ambientali nazionali e sub-nazionali. Come livello di governo locale più vicino alla popolazione, esse giocano un ruolo vitale nell educazione, nella mobilitazione e nella risposta al pubblico per promuovere lo sviluppo sostenibile. entro il 1996, la maggior parte delle autorità locali di ciascun paese dovrebbe aver intrapreso un processo consultivo con la propria popolazione e raggiunto il consenso su un Agenda 21 locale per la comunità. (UNCED, 1992, cap. 28)

23 Indicatori di Sostenibilità Al termine indicatore (SCOPE, 1997) vengono associati diversi significati e molteplici sono le definizioni presenti in letteratura. Ad es. un indicatore è stato definito come una variabile, come un parametro, come misura, misura statistica, come valore, come indice, come parte di un informazione, come modello empirico della realtà ed infine, per citarne solo alcuni, come segno. In realtà un indicatore è considerato generalmente come un segno, ovvero come una variabile che riassume o semplifica rilevanti informazioni, come qualcosa che fornisce una traccia su un tema di più ampio significato o che rende percettibile un trend o un fenomeno che non è direttamente avvertibile ad esempio, un abbassamento barometrico può indicare l arrivo di una perturbazione. Quindi, un indicatore deve rendere visibile o percettibile fenomeni di interesse e quantificare, misurare e comunicare informazioni pertinenti al tema di studio. Si deve sottolineare, comunque, che la principale ragion d essere degli indicatori è l utilizzo in processi decisionali, sia pubblici che privati, come fonte di informazione sintetica su problematiche sulle quali si vuole intervenire o su temi che si devono gestire.

24

25

26

27 Altri strascichi positivi di Rio La Convenzione UNCCD United Nations Convention to Combact Desertification firmata nel 1994 ed in vigore dal La Convenzione SCPOP Persistent Organic Pollutants firmata nel 2001 ed in vigore dal 2002.

28 L'Italia ha determinato il 27,4% del totale dei rilasci di metalli pesanti in atmosfera di tutta la UE, due volte la Germania che la segue in classifica. Negli ultimi anni, nonostante la migliore efficienza dei processi produttivi, si è registrato un aumento totale delle emissioni clima-alternanti (effetto serra e buco dell ozono) simile a quello della 2a metà degli anni 80. La stima delle emissioni, in termini di CO 2 equivalente, indica che nel 1997 c è stato un incremento del 6% rispetto al Da segnalare però che la grande penetrazione di utilizzo del gas naturale ha significativamente limitato le emissioni di CO 2. Evoluzione Parco Automobili in Italia Anno Auto/100 Abitanti , , , , , , , , , ,9 Fonte: Legambiente Dal 1970 ad oggi l estensione della rete stradale è cresciuta del 22%, l autostradale del 70%, mentre i chilometri di ferrovia sono diminuiti (da a ). In compenso, nell ultimo decennio è quadruplicata la superficie di territorio protetta, e dal 93 vi è stata una esplosione dell agricoltura biologica (gli ettari coltivati senza fertilizzanti e pesticidi erano ( 93), oggi oltre ). Trasporti "maglia nera" in un ideale classifica. Attualmente l automobile assorbe quasi l 80% di tutti gli spostamenti dei passeggeri. Poco usati gli altri mezzi di trasporto: 6% per treno, 4% per aereo e nave, 1% in bicicletta e - nelle aree urbane - 11% in bus, tram e metro. Fonte: Legambiente

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli