Fa riferimento ad una famiglia di linguaggi dichiarativi, basati sul calcolo dei predicati del primo ordine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fa riferimento ad una famiglia di linguaggi dichiarativi, basati sul calcolo dei predicati del primo ordine"

Transcript

1 Calcolo relazionale Fa riferimento ad una famiglia di linguaggi dichiarativi, basati sul calcolo dei predicati del primo ordine calcolo Specifica (èla base relazionale su tuple le di proprietà molti con costrutti su dichiarazioni domini del risultato del linguaggio di range piuttosto SQL) che indicare la procedura per calcolarlo Ne esistono versioni con potenzialità espressive diverse 1 A1,..., Calcolo su domini x1,.., f(x,...,aksono attributi distinti (anche non nella base di dati) A1: f(x1,..,,..,xk, :,..,xk) x1, x, èuna Ak: variabili a valori nei corrispondenti domini { A1: A xkèdetta formula logica (vale vero o falso) : x1, x, Target Ak: xk listin f(x1,..,xk) quanto definisce } Il struttura valori risultato sostituiti del èuna risultato a x1,..,xkrendono relazione su A1,...,,...,Akche vera la formula contiene fle tuple la i cui Le espressioni del calcolo sui domini hanno la forma 2

2 R(A1:x1,...,Ap:xp) La formula f xϑy formano e x1,..,xpsono una tupla variabili dove di RR(A1,..,Ap) èvera per èuno valori schema di x1,..,xpche di relazione Formule atomiche Se confronto o xϑc (=,,,,<,>) con x,y variabili, c costante e ϑoperatore di f1 f2(or) f1f2(and) f1(not) f1e f2sono formule allora sono formule Operatori logici 3 Data La una formula f e una variabile x (f) x si definisce la formula Data alla formula variabile èvera x rende se esiste vera falmeno un valore a che sostituito La x, formula una formula èvera f èvera f se e per una ogni x variabile possibile (f) x si definisce valore per la la formula variabile 4 Quantificatori Quantificatore esistenziale Quantificatore universale

3 P P Relazione fra e Ad esempio... Valgono le leggi di De Morgan x Per ogni impiegato x P cnon ècapo x x P Quindi... uno Non solo esiste dei m Supervisione(Impiegato: nessun msupervisione(impiegato: due operatori impiegato che ha ccome m, Capo: capo c) c) èsufficiente... Impiegati(Matricola,Nome,età,Stipendio) [1] Target Trovare guadagnano matricola, piùdi Supervisione(Capo,Impiegato) nome, 1.700etàe stipendio degli impiegati che Si considera il seguente schema {Matricola: Impiegati(Matricola: list...in m, Nome: m,nome: n, Età: e, n, Stipendio: Età: e, Stipendio: s s) (s>1700)} condizione Q: algebra relazionale σstipendio>1700(impiegati) 5 6

4 Target Trovare matricola, nome, etàdi tutti gli impiegati {Matricola: m, Nome: n, [2] s Impiegati(Matricola: list...in algebra m,nome: Età: e relazionale πmatricola,nome,età(impiegati) n, Età: e, Stipendio: s)} Q: Target {Matricola: Impiegati(Matricola: list m, Nome: m,nome: n,... Età: e anche... e n, Età: e, Stipendio: s)}condizione condizione Q:...in Target Trovare algebra πcapo(supervisione la matricola relazionale dei capi degli Impiegato=Matricola(σStipendio>1700(Impiegati))) impiegati che guadagnano piùdi [3] {Capo: listc Impiegati(Matricola: Supervisione(Impiegato: m,nome: Capo: n, Età: c) e, s>1700 Stipendio: s) La variabile mcomune alle due condizioni atomiche realizza la condizione} correlazione fra le tuple prevista dal join 7 8

5 Q:{NomeCapo: Target Trovare di 1700 listnome e stipendio dei capi degli impiegati che guadagnanopiù nc, StipCapo: [4] s>1700 Impiegati(Matricola: sc m,nome: Supervisione(Impiegato: Capo: n, Età: c) e, Stipendio: s) Le variabili Impiegati(Matricola: crealizzano due join c, Nome: nc, Età: ec, Stipendio: sc)} Q:{Matricola: Trovare gli impiegati che guadagnano piùdel rispettivo capo, MatrCapo: mostrando m, matricola, Nome: nome n, Stipendio: e stipendio s, di entrambi c, NomeCapo: [5] nc, m,nome: StipCapo: n, sc Età: e, Stipendio: s) s>sc Supervisione(Impiegato: Impiegati(Matricola: Capo: c) Variabili } riferite a tuple c, diverse nc, Età: ec, Stipendio: sc) 9 10

6 {Matricola: Trovare matricola e nome dei capi i cui impiegati guadagnano tutti più di 1700c, Nome: n c,nome: [6] n, Età: e, Stipendio: s) Q: m ( n ( e ( s (Impiegati(Matricola: m, Nome: n, Età: e,stipendio: specifica Supervisione(Impiegato: m, Capo: c) s 1700)))) } i capi s ) tutti Non esiste un Impiegato con capo ce stipendio inferiore a {Matricola: Trovare di 1700 c, Nome: matricola n e nome dei capi i cui impiegati guadagnano tutti più m ( n ( e ( s ( (Impiegati(Matricola: c,nome: n, Età: e, Stipendio: m, Nome: s) n, Età: specifica Supervisione(Impiegato: m, Capo: c)) s >1700)))) } e,stipendio: i capituttis ) Si ottiene O cnon m dall espressione (A ha B impiegati C) = m dipendenti precedente (A B o C) l impiegato applicando = m ( (A guadagna le leggi B) di piùdi De C) Morgan Q: [7]

7 dichiaratività "verbosità": espressioni senza tante senso variabili! { A: x R(A: x) } dipendono queste espressioni { sono A: { x, A: dipendenti B: x, y B: y dal R(A: x) dominio: y=y} x) } risposta èinfinita... dal dominio delle variabili. Se il le èinfinito, risposte la possibili 13 Pregi e difetti Pregi Difetti Calcolo e algebra per indipendente relazionale equivalente dal dominio a calcolo essa esiste un'espressione relazionale che dell'algebra sia un'espressione di conseguenza ogni espressione del indipendente calcolo dell'algebra relazionale dal dominio) relazionale equivalente esiste a essa (e 14 L algebra relazionale è indipendente dal dominio Si considerano solo le espressioni del calcolo relazionale che sono indipendenti dal dominio Calcolo e algebra sono equivalenti Dimostrazione costruttiva...

8 Riduzione Dipendenza dati delle dal variabili dominio le i i valori variabili provengono rappresentano solo dalla tuple base di Le La fèunaformula target espressioni range listelencale listèla del con listadegliobiettividell interrogazione valoreveroo calcolo variabililiberedellaformula su falso tuple con dichiarazioni f di 15 Calcolo su tuple con dichiarazioni di range Per superare le limitazioni del calcolo su domini range hanno la forma { target list range list f } Y: x x.z èuna variabile che rappresenta una tupla il cui rangeèuna x.z Z X Y relazione èuna lista definita di attributi su un insieme e Y = Z di attributi X x.* abbreviazione x) per X: Z: x.z x.x (si prelevano tutti gli attributi della tupla 16 Target list La target list è composta da elementi del tipo

9 i.* Impiegati(Matricola,Nome,Età,Stipendio),Stipendio) i.(nome,età) definisce Impiegati, come ovvero risultato {Matricola,Nome,Età,Stipendio} una tupla che contiene tutti gli attributi di relazione NomeCapo,StipCapo:i.(Nome,Stipendio) rappresenta {Nome,Età} una tupla definita sulla relazione con i due attributi definisceunatuplacon i due attributi{nomecapo,stipcapo} 17 Target list: esempio i è una variabile associata ad una tupla della Range list Ad i i esempio... può (Impiegati) assumere i valori delle tuple contenute nella relazione x(r) i (Impiegati), s (Supervisione), i1 (Impiegati) Elenca le variabili libere della formula f con i relativi campi di variabilità (relazione di appartenenza R) 18

10 atomi x.a ϑc-confronto valore dell attributo A della tupla x con connettivi x1.a la.a1ϑx2.a costante.a2-confronto c quantificatori x1e quello logici(,, ) dell attributo A2della fra il valore tupla dell attributo x2 A1della tupla x(r) x(r) esiste che nella associano relazione un rangealle R una alle tupla variabili vero se (f) tutte le tuple x in R soddisfano fx che soddisfa f 19 La formula f La formula f è costruita utilizzando Q: { Q: { Trovare guadagnano matricola, nome, etàe stipendio degli impiegati che Target i.* piùdi list i(impiegati) i.stipendio> 1700 } [1] Trovare matricola, nome, Rangelist etàdi tutti gli condizione i.(matricola,nome,età) i(impiegati) impiegati Target list Rangelist condizione }(vuota) 20

11 Q: Trovare Target matricola dei capi degli impiegati che guadagnano piùdi { s.capo listi(impiegati), [2] i.matricola= Rangelist condizione s.impiegatoi.stipendio>1700 join s(supervisione) condizione selezione } 21 Q:{NomeCapo, Target Trovare di 1700 listnome e stipendio dei capi degli impiegati che guadagnanopiù StipCapo: [3] c(impiegati), c.matricola= s(supervisione), s.capos.impiegato=i.matricola c.(nome,stipendio) i(impiegati) i.stipendio> 1700} Rangelist condizione selezione condizioni di join Le indipendente due variabili ce iaccedono ai valori della stessa relazione in modo 22

12 Q: Target Trovare gli impiegati che guadagnano piùdel rispettivo capo, {i.(matricola,nome,stipendio), mostrando matricola, nome e stipendio di entrambi [4] MatrCapo,NomeCapo,StipCapo: list c(impiegati), c.matricola= s(supervisione), s.capos.impiegato= c.(matricola,nome,stipendio) i(impiegati) Rangelist i.stipendio> condizione di c.stipendio} selezione condizioni di join i.matricola Trovare di 1700matricola e nome dei capi i cui impiegati guadagnano tutti più {c.(matricola, Target Nome) [5] c(impiegati), list s(supervisione) Q: c.matricola= Rangelist i(impiegati) ( (s.capo=s1.capo ( s1(supervisione) s1.impiegato=i.matricola) join per trovare in i.stipendio> Impiegati la tupla del 1700))} capo i e s1 non all interno sono variabili delle libere relazioni nella corrispondenti formula, ma variano s.capo 23 24

13 Trovare di 1700matricola e nome dei capi i cui impiegati guadagnano tutti più {c.(matricola, Target Nome) [6] c(impiegati), list s(supervisione) Q: c.matricola= Rangelist ( i(impiegati) (s.capo=s1.capo( s1(supervisione) s1.impiegato=i.matricolai.stipendio 1700)))} join per trovare in Impiegati la tupla del capo condizioni accedere alla di join tupla rispettivamente con le informazioni per trovare ogni i impegatodipendente capi in Supervisione e s.capo 25 I Ogni risultati variabile sono ha costruiti come rangeuna a partire dalle sola variabili relazionelibere Se relazione non si si hanno riesce una due sola a combinarle variabili variabile si libera per può produrre far si fa riferimento riferimento il risultato alle ad in due una modo relazioni sola corretto ma 26 Limitazioni: unione es. Il calcolo su tuple con dichiarazioni di range non permette di esprimere l unione di relazioni R1(A) R2(A)

14 Operazioni insiemistiche Intersezione Differenza { x1.* x1(r1) x2(r2) (x1.a1=x2.a2...x1.ak=x2.ak)} { x1.* preleva x1(r1) le x2(r2) tuple di r1che (x1.a1=x2.a2...x1.ak=x2.ak)} hanno una tupla uguale in r2 preleva le tuple di r1che non hanno una tupla uguale in r2 SQL che è basato sul calcolo su tuple con dichiarazione di range prevede un operatore esplicito per l unione Gli operatori di intersezione e differenza sono esprimibili possiamo calcoli solo estrarrevalori, non calcolarne di nuovi In a su SQL livello insiemi di ci interesse sono di di tupla estensioni tuple o di (somme, singolo ad hoc medie, valore (conversioni, ecc.) somme, ecc.) Soluzione esterna a SQL.. con programma Altri limiti calcolo di valori derivati interrogazioni inerentemente ricorsive, come la chiusura transitiva 27

15 Chiusura transitiva Per capo, ogni impiegato, trovare Supervisione(Impiegato, tutti i superiori (cioèil Capo) Paolo e BianchiGaia cosi' via) Belli capo, il capo del Gaia Mario Belli Mei Filippo Mario Mori Verdi ImpiegatoSuperiore Paolo Gaia Mario Belli BianchiGaia BianchiMario Mei Filippo Belli Mori Verdi Q:ImpiegatoCapo Accesso ricorsivo alla stessa relazione per un numero non predeterminato di volte {Impiegato: Soluzione i, Superiore: col s join? (Supervisione(Impiegato: join trovare i capi i,capo: dei Supervisione(Impiegato: capi s) c) c, Capo: s))} Se la gerarchia è a 2 livelli si può pensare a una soluzione con un join di Supervisione con se stessa Se si vuole estendere a gerarchie più profonde si devono aggiungere join a più termini 29 30

16 Conclusione Non esiste in algebra e calcolo relazionale la possibilità di esprimere l'interrogazione che, per ogni relazione binaria, ne calcoli la chiusura transitiva Per ciascuna relazione, è possibile calcolare la chiusura transitiva, ma con un'espressione ogni volta diversa: quanti join servono? non c'è limite! 31

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale. L. Vigliano

Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale. L. Vigliano Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale Operazioni associate al modello relazionale Notazione algebrica Algebra relazionale Linguaggio procedurale interrogazioni espresse applicando operatori alle relazioni

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Uso delle variabili di alias. SQL slide aggiuntive. Interrogazione 25. Interrogazione 26

Uso delle variabili di alias. SQL slide aggiuntive. Interrogazione 25. Interrogazione 26 Uso delle variabili di alias SQL slide aggiuntive Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione educazione Non solo per disambiguare la notazione

Dettagli

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1 Calcolo Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

6.6 Il calcolo relazionale su tuple

6.6 Il calcolo relazionale su tuple Capitolo 6 Approfondimento Web 1 6.6 Il calcolo relazionale su tuple In questo paragrafo e nel successivo descriviamo un altro linguaggio di interrogazione formale per il modello relazionale chiamato calcolo

Dettagli

logica dei predicati

logica dei predicati Calcolo relazionale Calcolo relazionale: logica dei predicati, dove la semantica di ogni predicato esprime una condizione sui dati. E un linguaggio di query, dichiarativo: il risultato è dato da una descrizione

Dettagli

Linguaggi per basi di dati

Linguaggi per basi di dati ALGEBRA RELAZIONALE Linguaggi per basi di dati operazioni sullo schema DDL: data definition language operazioni sui dati DML: data manipulation language interrogazione ("query") aggiornamento 2 Linguaggi

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( )

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( ) Invia modulo Basi di Dati + Laboratorio INSEGNAMENTO 214-215 ANNO ACCADEMICO Informatica Triennale sede di Brindisi CORSO DI LAUREA IN Paolo Buono DOCENTE 2 1 ANNO DI CORSO SEMESTRE 7 N CREDITI LEZIONI

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini SQL SQL = Structured Query Language Linguaggio

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Il linguaggio SQL: le basi Versione elettronica: SQLa-basi.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) è il linguaggio standard de facto per DBMS relazionali, che riunisce in sé funzionalità

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

4 SQL : Interrogazioni nidificate

4 SQL : Interrogazioni nidificate Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale SAPIENZA Università di Roma Esercitazioni del corso di Basi di Dati Prof.ssa Catarci e Prof.ssa Scannapieco Anno Accademico 2010/2011 Andrea Marrella Ultimo aggiornamento

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Basi di dati 1 Il Modello Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il Modello Relazionale Basi di dati 2 Introduzione Il modello

Dettagli

2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI. Atzeni, cap. 2.1.4

2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI. Atzeni, cap. 2.1.4 2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI Atzeni, cap. 2.1.4 Il modello è basato su valori Una Base di Dati è generalmente costituita da più di una Tabella Le corrispondenze fra dati presenti in tabelle diverse sono

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Query. Query (Interrogazioni) SQL SQL. Significato dell interrogazione. Sintassi

Query. Query (Interrogazioni) SQL SQL. Significato dell interrogazione. Sintassi Query (Interrogazioni) Ultima modifica: 5/4/2012 SQL Materiale aggiuntivo per il corso di laurea in Lingue e Culture per il Turismo classe L-15! È necessario un modo per interrogare le basi di dati, cioè

Dettagli

SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE

SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE SQL! Originato da SEQUEL-XRM e System-R (1974-1977) dell IBM! Significato originario Structured Query Language! Standard de facto! Attuale standard ANSI/ISO è SQL:1999

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

Basi di dati. Una visione d insieme. Classificazione. Linguaggi di interrogazione. Algebra relazionale. selezione σ

Basi di dati. Una visione d insieme. Classificazione. Linguaggi di interrogazione. Algebra relazionale. selezione σ a linguaggi formali Classificazione Basi di dati Linguaggi di interrogazione Docente: tefano Paraboschi parabosc@elet.polimi.it Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica b linguaggi

Dettagli

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT Il linguaggio SQL è un linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali ed ha le seguenti caratteristiche: è dichiarativo; opera su multiset di tuple,

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

Interrogazione della base di dati

Interrogazione della base di dati Interrogazione della base di dati SQL è un linguaggio di definizione e di manipolazione dei dati. In quanto linguaggio di manipolazione, SQL permette di selezionare dati di interesse dalla base e di aggiornarne

Dettagli

SQL. Definizione dei da6 in SQL. SQL: "storia" CREATE TABLE: esempio. CREATE TABLE: esempio

SQL. Definizione dei da6 in SQL. SQL: storia CREATE TABLE: esempio. CREATE TABLE: esempio SQL Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di da6 Originariamente Structured Query Language, ora "nome proprio" Linguaggio con varie funzionalità: DDL Data Defini6on Language (insieme di comandi per la

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

SQL/OLAP. Estensioni OLAP in SQL

SQL/OLAP. Estensioni OLAP in SQL SQL/OLAP Estensioni OLAP in SQL 1 Definizione e calcolo delle misure Definire una misura significa specificare gli operatori di aggregazione rispetto a tutte le dimensioni del fatto Ipotesi: per ogni misura,

Dettagli

I dipendenti. I dipendenti. Progettare lo schema relazionale che memorizzi lo i dipendenti di un azienda, memorizzando: per residenza;

I dipendenti. I dipendenti. Progettare lo schema relazionale che memorizzi lo i dipendenti di un azienda, memorizzando: per residenza; I dipendenti per residenza; ogni sede, città, dipendente, il il nome nome, e della il numero sede ruolo, e di stipendio, la abitanti cittàdove sede si trova e cittàdi Progettare lo schema che memorizzi

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI

BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI Pof. Fabio A. Scheibe Dipatimento di Elettonica e Infomazione Politecnico di Milano tatto da: Atzeni, Cei, Paaboschi, Tolone - Basi di Dati - McGaw-Hill CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A

Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A Domanda 0 (5%) Leggere e rispettare le seguenti regole: Scrivere nome, cognome, matricola (se nota), corso di studio e lettera del compito (ad esempio, A) sui fogli

Dettagli

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni e identificatori Codice (0,1) (1,1) Dirige Informatica Lezione 8 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Cognome

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

Il linguaggio SQL: DDL di base

Il linguaggio SQL: DDL di base Il linguaggio SQL: DDL di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.1.SQL.DDLbase.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) èil linguaggio standard de facto per DBMS relazionali,

Dettagli

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota Attributi e domini Assumiamo un universo infinito numerabile U = {A 0, A 1, A 2...} di attributi. Denotiamo gli attributi con A, B, C, B 1, C 1... e gli insiemi di attributi con X, Y, Z, X 1,... per brevità

Dettagli

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto PRODOTTO CARTESIANO Dati due insiemi non vuoti X e Y si definisce prodotto cartesiano: X Y ={ x, y x X, y Y } attenzione che (x,y) è diverso da (y,x) perchè (x,y)={x,{y}} e (y,x)={y,{x}} invece sono uguali

Dettagli

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti

Dettagli

Operazioni sui database

Operazioni sui database Operazioni sui database Le operazioni nel modello relazionale sono essenzialmente di due tipi: Operazioni di modifica della base di dati (update) Interrogazioni della base di dati per il recupero delle

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Basi di dati. SQL: concetti base

Basi di dati. SQL: concetti base Basi di dati SQL: concetti base SQL originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo

Dettagli

Interrogazioni nidificate, commenti

Interrogazioni nidificate, commenti Interrogazioni nidificate, commenti La forma nidificata è meno dichiarativa, ma talvolta più leggibile (richiede meno variabili) La forma piana e quella nidificata possono essere combinate Le sottointerrogazioni

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

Basi di Dati - V. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL (cont.) Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2013/2014

Basi di Dati - V. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL (cont.) Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2013/2014 Basi di Dati - V Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2013/2014 Il linguaggio SQL Paolo Baldan baldan@math.unipd.it http://www.math.unipd.it/~baldan Il linguaggio SQL 3 Il linguaggio SQL (cont.)

Dettagli

Structured Query Language. Informatica Generale - SQL Versione 1.0, aa 2005-2006 p.1/172

Structured Query Language. Informatica Generale - SQL Versione 1.0, aa 2005-2006 p.1/172 Structured Query Language Informatica Generale - SQL Versione 1.0, aa 2005-2006 p.1/172 Linguaggio SQL (1) Il linguaggio SQL, acronimo di Structured Query Language è un linguaggio per la definizione e

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Algebra Relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Algebra Relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Algebra Relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione L algebra relazionale è un linguaggio procedurale: le operazioni vengono

Dettagli

Gli operatori relazionali

Gli operatori relazionali Gli operatori relazionali Agiscono su una o più relazioni per ottenere una nuova relazione (servono a realizzare le interrogazioni sul database) Ci sono tre operazioni fondamentali per i database relazionali:

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1 DB - Modello relazionale dei dati DB - Modello Relazionale 1 Definizione Un modello dei dati è un insieme di meccanismi di astrazione per definire una base di dati, con associato un insieme predefinito

Dettagli

Il Domino Character Il domino CHARACTER permette di definire attributi che contengono un singolo carattere o stringhe di caratteri di lunghezza

Il Domino Character Il domino CHARACTER permette di definire attributi che contengono un singolo carattere o stringhe di caratteri di lunghezza Linguaggio SQL (1) Il linguaggio SQL, acronimo di Structured Query Language è un linguaggio per la definizione e la manipolazione dei dati, sviluppato originariamente presso il laboratorio IBM a San Jose

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Sistemi Informativi Avanzati Anno Accademico 2013/2014 Prof. Domenico Beneventano Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Outline! Esempio introduttivo e motivazioni! Introduzione al modello

Dettagli

SQL come linguaggio di interrogazione. Basi di dati. Interrogazioni SQL. Interpretazione algebrica delle query SQL

SQL come linguaggio di interrogazione. Basi di dati. Interrogazioni SQL. Interpretazione algebrica delle query SQL SQL come linguaggio di interrogazione Basi di dati Linguaggi di Interrogazione: SQL Prof.Angela Bonifati Le interrogazioni SQL sono dichiarative l utente specifica quale informazione è di suo interesse,

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL Structured Query Language SQL è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali Il linguaggio

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Versione elettronica: SQLd-viste.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp Sedi CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio Sede Responsabile Citta E001 Rossi S01 Analista

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

Basi di dati. Maurizio Lenzerini. Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza. Anno Accademico 2011/2012

Basi di dati. Maurizio Lenzerini. Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza. Anno Accademico 2011/2012 Basi di dati Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2011/2012 http://www.dis.uniroma1.it/~lenzerin/home/?q=node/44 4. La progettazione

Dettagli

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9 Prefazione... 1 Contenuti... 1 Ringraziamenti... 2 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 1.1 Dichiarazione di funzioni e procedure... 3 1.2 Istruzioni PSM... 4 2 Vincoli e Trigger...

Dettagli

Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill. Hill,, 2002)

Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill. Hill,, 2002) SQL, Definizione e interrogazione di basi di dati Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill Hill,, 2002) SQL Structured Query Language è un linguaggio con

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Progettazione logica: regole di traduzione

Progettazione logica: regole di traduzione Progettazione logica: regole di traduzione Sistemi Informativi T Versione elettronica: 08.1.progLogica.traduzione.pdf Il secondo passo requisiti del Sistema Informativo progettazione concettuale cosa si

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Correttezza. Esempi di TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC

Correttezza. Esempi di TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC Esempi di TRC Matricole degli studenti che hanno sostenuto matematica ma non basi di dati { t t1 ESAME, t2 CORSO ( t[matr]=t1[matr] t1[codcorso]=t2[codcorso] t2[titolo]= matematica ) ( t3 ESAME, t4 CORSO

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Data Base Relazionali

Data Base Relazionali Data Base Relazionali Modello Relazionale dei dati Basi di Dati Relazionali 1 Progettazione di DB METODOLOGIA DI PROGETTO IN TRE FASI Descrizione formalizzata e completa della realtà di interesse REALTA'

Dettagli

Logica dei predicati

Logica dei predicati IV Logica dei predicati 14. FORMULE PREDICATIVE E QUANTIFICATORI 14.1. Dalla segnatura alle formule predicative Il simbolo (x).ϕ(x) [per ogni x, ϕ(x) è vera] denota una proposizione definita, e non c è

Dettagli

Appunti di. Basi di Dati. Rosario Terranova. v 1.0.2. http://rosarioterranova.com/

Appunti di. Basi di Dati. Rosario Terranova. v 1.0.2. http://rosarioterranova.com/ Appunti di Basi di Dati Rosario Terranova v 1.0.2 http://rosarioterranova.com/ Sommario Introduzione alle Basi di dati... 3 Importanza dei Dabase... 3 Sistema di gestione di basi di dati (DataBase Management

Dettagli

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it

Basi di dati. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 18 marzo 2010 Un esempio di (semplice) database Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Progettazione logica: Il modello relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione Basato sul lavoro di Codd (~1970) E attualmente

Dettagli

Per visualizzare e immettere i dati in una tabella è possibile utilizzare le maschere;

Per visualizzare e immettere i dati in una tabella è possibile utilizzare le maschere; Maschere e Query Le Maschere (1/2) Per visualizzare e immettere i dati in una tabella è possibile utilizzare le maschere; Le maschere sono simili a moduli cartacei: ad ogni campo corrisponde un etichetta

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Università di Bergamo Anno accademico 2006 2007 Ingegneria Informatica Foglio Algebra e Logica Matematica Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Esercizio.. Costruire le tavole di verità per

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea:

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea: Nome insegnamento: Sistemi Operativi e Basi di Dati (Corso Integrato) Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, delle Infrastrutture e dell Energia Sostenibile Corso di laurea: Ingegneria

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

Il modello relazionale dei dati

Il modello relazionale dei dati Il modello relazionale dei dati Master Alma Graduate School Sistemi Informativi Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/alma_si1/ Versione elettronica: 04Relazionale.pdf Obiettivi della

Dettagli

Il modello relazionale

Il modello relazionale Il modello relazionale Il modello relazionale è stato introdotto nel 1970 da E.F. Codd. Soltanto a metà degli anni ottanta ha trovato una buona diffusione sul mercato, in quanto all epoca della sua introduzione

Dettagli

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12 SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I Anno accademico 2011/12 DEFINIZIONE Il concetto di vista 2 È una relazione derivata. Si specifica l espressione che genera il suo contenuto.

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1 Introduzione In queste dispense, dopo aver riportato una sintesi del concetto di Dipendenza Funzionale e di Normalizzazione estratti dal libro Progetto di Basi

Dettagli

SQL: Structured Query Language. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

SQL: Structured Query Language. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma SQL: Structured Query Language 1 SQL:Componenti Principali Data Manipulation Language (DML): interrogazioni, inserimenti, cancellazioni, modifiche Data Definition Language (DDL): creazione, cancellazione

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali

Sistemi Informativi Territoriali ANNO ACCADEMICO 2004-2005 SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI (SIT) GEOGRAPHICAL INFORMATION SYSTEMS (GIS) Sistemi Informativi Territoriali 3. I sistemi per la gestione delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A

Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A Domanda 0 (5%) Leggere e rispettare le seguenti regole: Scrivere nome, cognome, matricola (se nota), corso di studio e lettera del compito (ad esempio, A) sui fogli

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Definizione di domini

Definizione di domini Definizione di domini Come nei linguaggi ad alto livello (es. C) è possibile definire nuovi domini (tipi di dati) a partire da quelli predefiniti, anche se il costruttore è più limitato. create domain

Dettagli