UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA LA FIAT E LO SVILUPPO DEL SISTEMA COMMON RAIL AUTOMOBILISTICO. UNA GRANDE OCCASIONE PERDUTA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA LA FIAT E LO SVILUPPO DEL SISTEMA COMMON RAIL AUTOMOBILISTICO. UNA GRANDE OCCASIONE PERDUTA?"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO DIPARTIMENTO DI ECONOMIE, SOCIETÀ E ISTITUZIONI TESI DI LAUREA LA FIAT E LO SVILUPPO DEL SISTEMA COMMON RAIL AUTOMOBILISTICO. UNA GRANDE OCCASIONE PERDUTA? Relatore: Ch.mo Prof. SERGIO NOTO Laureando: CARLO DE PELLEGRIN ANNO ACCADEMICO

2

3 Ai miei genitori, Giuliana e Ovidio, che mi hanno dato la possibilità di vivere l esperienza universitaria.

4

5 INDICE INTRODUZIONE... 1 CAPITOLO 1: L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO 1.1 I PROCESSI INNOVATIVI Idea, Scoperta, Invenzione Innovazione L importanza dell innovazione Il rapporto tra l innovazione e la ricerca e sviluppo (R&S) Come nascono le innovazioni La relazione tra invenzione, innovazione e brevetto IL CARATTERE CUMULATIVO DEI PROCESSI INNOVATIVI, ALCUNI ESEMPI La macchina a vapore L elettricità L aeroplano L occhiale L INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN ITALIA Gli investimenti nelle attività di ricerca L attività innovativa In sintesi CAPITOLO 2: STORIA ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA D INIEZIONE PER MOTORI DIESEL 2.1 LE ORIGINI DEL MOTORE DIESEL E I SUOI PRIMI UTILIZZI IN CAMPO AUTOMOBILISTICO Rudolf Diesel e l invenzione del motore ad accensione per compressione Robert Bosch e Harry Ricardo: il motore Diesel si accomoda in automobile ALCUNI PASSI STORICI NELLO SVILUPPO DEL SISTEMA D INIEZIONE DIRETTA DIESEL COMMON RAIL I primitivi sistemi d iniezione Common Rail La via verso l odierno sistema d iniezione Common Rail... 84

6 2.3 LE CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA D INIEZIONE COMMON RAIL I componenti del sistema Il funzionamento del sistema Prestazioni e vantaggi del sistema CAPITOLO 3: LA FIAT E LO SVILUPPO DEL SISTEMA COMMON RAIL AUTOMOBILISTICO 3.1 LA CRISI PETROLIFERA DEGLI ANNI SETTANTA: ALL ORIGINE DELLE RICERCHE FIAT I RUGGENTI ANNI OTTANTA DELLA FIAT: VITTORIO GHIDELLA SCOMMETTE SULL INIEZIONE DIRETTA DIESEL Il primo risultato concreto, la Fiat Croma 1.9 TD i.d Fiat Auto punta sull iniezione diretta Diesel: si affida il progetto alla Magneti Marelli La costituzione di Elasis DAL BOOM ALLA CRISI DEI PRIMI ANNI NOVANTA: IL PROGETTO COMMON RAIL PROSEGUE, MA SENZA GHIDELLA LA FIAT NON CI CREDE FINO IN FONDO Elasis inizia a lavorare al Common Rail e Magneti Marelli minimizza la sua attività operativa nel progetto Tutto (o quasi) a Bari La cessione del Common Rail alla Bosch CAPITOLO 4: DOPO LA CESSIONE DEL COMMON RAIL ALLA BOSCH 4.1 VERSO LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL NUOVO SISTEMA L arrivo di Bosch a Bari e il trasferimento del know-how a Stoccarda Il lancio al pubblico delle prime auto Common Rail IL BOOM DEL DIESEL NEL SEGNO DEL COMMON RAIL UNA GRANDE OCCASIONE PERDUTA DALLA FIAT? I contesti storico-aziendali delle decisioni fondamentali Le motivazioni della cessione I plus e i minus della cessione Si poteva far meglio? CONCLUSIONI VI

7 BIBLIOGRAFIA ALTRE FONTI SITI INTERNET RICEVUTE APPENDICE A APPENDICE B APPENDICE C APPENDICE D VII

8

9 INDICE DELLE FIGURE Fig. 1.1 Idea, Scoperta, Invenzione... 6 Fig. 1.2 Processo innovativo originato dalla domanda Fig. 1.3 Processo innovativo originato dalla tecnologia Fig. 1.4 Relazione tra invenzione, innovazione e brevetto Fig. 1.5 Sfera di Eolo o Eolipila di Erone, I sec. d.c Fig. 1.6 Amico del minatore o macchina per sollevare acqua con il fuoco di Savery, Fig. 1.7 Locomotiva Rocket di Stephenson, Fig. 1.8 La prima macchina elettrica a strofinio dovuta a von Guericke con globo di zolfo, Fig. 1.9 Esemplare di pila di Volta Fig Guglielmo Marconi col suo primo telegrafo, Fig Il primo aeroplano: il Flyer dei fratelli Wright, Fig Il Messerschmitt Me-262, primo aereo a reazione Fig Boeing 737, attualmente l'aereo di linea più diffuso al mondo Fig Effige del vescovo occhialuto Ugone da Provenza, Fig I primi occhiali con astine da tempia di Edward Scarlett, Fig Investimenti in R&S come percentuale del PIL, anni Duemila Fig Percentuale di spesa in R&S delle prime cinque imprese italiane e statunitensi sul totale della spesa in R&S privata, Fig Spese in R&S come percentuale del PIL, 2002 o ultimo anno disponibile Fig Quota percentuale dei brevetti italiani registrati negli Stati Uniti sul totale dei brevetti rilasciati a residenti stranieri ( ) Fig. 2.1 Il brevetto n rilasciato a Rudolf Diesel il 23 febbraio Fig. 2.2 Il terzo motore realizzato da Diesel, il primo adatto all uso pratico, febbraio Fig. 2.3 Una delle prime applicazioni della pompa in linea Bosch, Fig. 2.4 Precamera a turbolenza Comet Mark III di Ricardo, primi anni Fig. 2.5 Il propulsore della Mercedes-Benz 260D, si possono notare: una delle precamere (ricavate nella testata) e la pompa d iniezione Bosch (in azzurro)... 76

10 Fig. 2.6 La Mercedes-Benz 260D del 1936, prima vettura Diesel destinata alla produzione di serie Fig. 2.7 Il sistema d iniezione di James McKechnie, brevetto britannico n. 27,579 del Fig. 2.8 Sistema d iniezione Sulzer con controllo di pressione tramite valvola di regolazione, Fig. 2.9 Primitivi sistemi d iniezione ad accumulo (Akkumulierungseinspritzung) sviluppati dal professor Gustav Eichelberg durante gli anni 30 e Fig Iniettore elettromagnetico Sopromi del 1969, inventori: Louis Monpetit, Robert Huber e Jacek Ufnalewski Fig Il Motore Diesel Iveco col primitivo sistema d iniezione Common Rail cosiddetto Dereco-Berchtold, Fig Sistema d iniezione Common Rail: schema generale Fig Pompa ad alta pressione Radialjet Fig Accumulatore dell alta pressione (Rail) Fig Polverizzatore VCO Fig Elettroiniettore (schema) Fig Motori Diesel: a precamera (A), a precamera di turbolenza (B) e iniezione diretta Common Rail (C) Fig. 3.1 La Fiat Croma 1.9 TD i.d., prima automobile al mondo a iniezione diretta di gasolio Fig. 3.2 Iniettori prototipali Dereco e pompa commerciale Wimmer, Fig. 3.3 Schema del sistema E.D.I.A.I., poi Unijet-Common Rail. Disegno autografo dell ingegner Francesco Paolo Ausiello, marzo Fig. 3.4 Elettroiniettori prototipali sviluppati all Elasis di Bari, Fig. 3.5 Disegno dell iniettore elettromagnetico contenuto in uno dei brevetti ceduti a Bosch Fig. 4.1 Alfa Romeo 156 JTD, prima auto al mondo equipaggiata con motore Diesel Common Rail (ottobre 1997) Fig. 4.2 Mercedes-Benz classe C 220 CDI, seconda auto al mondo equipaggiata con motore Diesel Common Rail (dicembre 1997) X

11 Fig. 4.3 Quote di mercato in Europa Occ. e in Italia di autovetture Diesel dal 1995 al Fig. 4.4 Prezzi in euro al litro (rivalutati) di gasolio e benzina dal 1975 al 2005*, in relazione alla quota di mercato delle auto Diesel in Italia Fig. 4.5 Sistemi Common Rail e iniettore-pompa (Unit Injector) Bosch per autovetture XI

12

13 INDICE DELLE TABELLE Tab. 1.1 Le tappe evolutive del sistema scientifico Tab. 1.2 Peso percentuale delle spese in R&S sul PIL per alcuni paesi e anni benchmark ( ) Tab. 1.3 Spese in R&S come percentuale del PIL, 2002 o ultimo anno disponibile Tab. 1.4 Quota percentuale dei brevetti rilasciati negli Stati Uniti a residenti stranieri per paese e anni benchmark ( ) Tab. 1.5 Brevetti rilasciati negli Stati Uniti a residenti stranieri per paese (per milione di abitanti) e anni benchmark ( ) Tab. 1.6 Modello di specializzazione (RTA) dell Italia per categorie tecnologiche ( ) Tab. 1.7 Graduatoria delle prime 10 imprese innovatrici italiane Tab. 4.1 Quote di mercato in Europa di autovetture Diesel per Paesi dal 1995 al Tab. 4.2 Immatricolazioni in Europa di autovetture Diesel per Paesi dal 1995 al Tab. 4.3 Variazioni annue delle quote di mercato di autovetture Diesel in Italia e in Europa dal 1995/96 al 2004/ Tab. 4.4 Peso percentuale delle vetture Diesel nei vari segmenti di mercato in Italia dal 1999 al Tab. 4.5 Quote detenute dai diversi fornitori nel mercato europeo dei sistemi d iniezione

14

15 INTRODUZIONE La stesura della tesi è iniziata grazie alla volontà del professor Sergio Noto di fare luce sulla vicenda del Common Rail, il sistema d iniezione per motori Diesel che, da dieci anni a questa parte, sta rivoluzionando il mercato automobilistico europeo. Superficialmente a conoscenza dei fatti, ho accolto con immediato entusiasmo la proposta del professore, in quanto mi permetteva di coniugare due miei grandi interessi: ovviamente l economia, nella sua declinazione di storia delle imprese, e la tecnologia, in particolare quella motoristica (non posso, infatti, scordare come la mia carriera universitaria abbia avuto un prologo alla Facoltà di Ingegneria Meccanica dell Università degli Studi di Brescia nell anno accademico ). Dato per acclarato il rapporto tra innovazione tecnologica e redditività aziendale, con questo lavoro ho voluto andare a verificare quale è stato l impatto economico di quella che si può definire, senza timore di esagerare, l invenzione della fine del XX secolo in campo motoristico: il Common Rail. La metà delle automobili vendute oggi in Europa è a gasolio. Chissà che cosa direbbe l ingegnere tedesco Rudolf Diesel nel vedere il suo motore portato a tanta gloria. Di questo boom dovrebbe ringraziare anche un gruppo di ingegneri e dottori italiani che con grande entusiasmo hanno lavorato anni per realizzare proprio il sistema Common Rail. Eppure, per vederlo trasformato in realtà industriale, si è dovuto cedere tutto a un grande gruppo come Bosch. Quegli ingegneri e dottori lavoravano per la Fiat e il Common Rail è una storia di eccellenza italiana. Il fatto è che, a nove anni dal lancio dell Alfa Romeo 156 e della Mercedes-Benz classe C, prime auto a esserne equipaggiate, ben poche persone forse ricordano che questo sistema, ormai impiegato da oltre quindici costruttori, è stato pensato e sviluppato dentro i nostri confini. Il mio impegno è stato, dopo una premessa dedicata all innovazione (definizione, carattere cumulativo, caso italiano), quello di ricostruire tutta la storia del sistema Common Rail in un continuo e inevitabile intreccio tra aspetti tecnologici ed economici dell attività industriale. Tutto questo è stato finalizzato a cercare di capire, forse presuntuosamente, perchè da Torino, o meglio da Bari, il Common Rail migrò a Stoccarda, alla Bosch.

16 INTRODUZIONE La domanda alla base di questo lavoro è stata: una diversa gestione dell affare Common Rail avrebbe potuto modificare il destino del più grande gruppo imprenditoriale italiano, la Fiat appunto, oppure la scelta industriale di cedere il progetto ha avuto un compiuto senso economico? Desidero precisare che per la stesura di questo lavoro è stata fondamentale la ricerca del materiale sulla rete Internet, che mi ha permesso di reperire informazioni non ancora disponibili sui tradizionali canali di ricerca e, cosa non secondaria, ha rappresentato un utile strumento per contattare in tempi rapidi tutti i soggetti indispensabili alla realizzazione del mio progetto. Trattandosi di fatti abbastanza recenti, nel mio lavoro di ricerca ho incontrato diverse difficoltà, poiché non esiste una pubblicistica esauriente che abbia potuto sostituire le interviste personali. A mia conoscenza è, infatti, la prima volta che la vicenda del Common Rail Fiat viene affrontata in maniera così completa e sistematica. In sostanza, l originalità del mio lavoro deriva proprio dal fatto che si basa, in buona parte, su fonti che spesso per la prima volta hanno offerto elementi per delineare un quadro dei fatti. La ricostruzione di questi ultimi non è stata dunque facile e mi ha imposto di far ricorso a informazioni e dati originali non verificati, ottenuti grazie a interviste dirette e scambi di con coloro che sono stati coinvolti, con diversi ruoli e a diversi livelli, nella saga del Common Rail. Alle citate difficoltà si è aggiunta anche una certa riservatezza dei miei interlocutori che, in relazione ad alcune dichiarazioni sensibili, hanno voluto comprensibilmente escludere espliciti riferimenti alla loro persona. Certe informazioni compaiono dunque nel testo della tesi come Fonte riservata e ciò non in quanto io abbia voluto attribuire al mio lavoro un alone di mistero, ma essenzialmente perchè si tratta di segreti industriali e aziendali e di grandi strategie di mercato che, anche se riguardanti il passato, gli interessati non hanno voluto giustamente divulgare in connessione al loro nome. Dopo una prima valutazione delle informazioni raccolte sulla Rete, ho dato dunque inizio a una minuziosa attività di contatti personali, in principio attraverso lo strumento della posta elettronica (alla fine del lavoro le inviate sono state 215, per le quali ho ricevuto 134 risposte dagli interpellati) e successivamente anche con interviste realizzate personalmente. 2

17 INTRODUZIONE Questo lavoro non sarebbe mai stato realizzabile senza la fondamentale collaborazione delle persone che, grazie alla loro estrema disponibilità, mi hanno permesso di elaborare le parti della tesi relative a: la storia e l evoluzione del sistema Common Rail, la Fiat e lo sviluppo del Common Rail, le vicende successive alla cessione del Common Rail e l opportunità della stessa. La loro diretta testimonianza ha dato un valore aggiunto alla mia tesi, in quanto la redazione delle parti in questione ha avuto luogo soprattutto grazie alle informazioni, altrimenti introvabili, fornite da chi, in diversi periodi, ha preso attivamente parte alla storia del Common Rail. Un particolare ringraziamento va, dunque, all ingegner Francesco Paolo Ausiello, R&D Diesel and University Relation Director Magneti Marelli PWT, che è stato dal 1985 al 1991 il principale responsabile delle attività di sviluppo del progetto Common Rail di Fiat. L ingegner Ausiello, nel corso dell incontro concessomi il 29 novembre 2005 presso la sede bolognese della Magneti Marelli (si veda Appendice A), ha avuto la pazienza di spiegarmi dettagliatamente come è nato il progetto Common Rail, quali erano gli obiettivi di Fiat in relazione al nuovo sistema d iniezione e quali sono state le dinamiche connesse alla sua implementazione nel periodo L ingegner Ausiello mi ha anche fornito importanti informazioni circa i precedenti studi sui quali si è innestata l attività di Fiat finalizzata allo sviluppo del sistema Common Rail. Un medesimo particolare ringraziamento va all ingegner Stefano Iacoponi, attualmente socio di alcune aziende di progettazione e consulenza tecnica e organizzativa, che in passato ha ricoperto ruoli di prima grandezza nel gruppo Fiat, come quello di direttore tecnico di Fiat Auto dal 1991 al 1999 e quello di presidente del Centro Ricerche Fiat (CRF) dal 1999 al L ingegner Iacoponi, attraverso un intenso scambio di tra il dicembre 2005 e il febbraio 2006 (si veda Appendice B), mi ha fornito informazioni che si sono rivelate fondamentali al fine di collegare l aspetto tecnologico della vicenda Common Rail con quello economico e di politica industriale in particolare. Sono particolarmente grato all ingegner Iacoponi, perchè grazie a lui sono riuscito a liberarmi da molti preconcetti, legati alla visione quasi mistica del prodotto Common Rail presente su molte pubblicazioni giornalistiche, i quali mi avevano immancabilmente condotto a considerare la cessione del progetto alla Bosch come un regalo incomprensibile. Affrancato da questi pregiudizi mi sono 3

18 INTRODUZIONE impegnato nel difficile compito di cercare di capire davvero i motivi per i quali si è giunti a un certo accordo, inserendo il tutto nel contesto storico-aziendale di riferimento. Un grazie speciale va poi all ingegner Callisto Genco, attualmente Exhaust System Project Engineer in un azienda di sistemistica veicoli del Lussemburgo, che è stato ricercatore al centro Elasis di Bari dal 1991 al L ingegner Genco, nel corso di una lunga intervista telefonica realizzata il 13 dicembre 2005 (si veda Appendice C), mi ha informato dell intensa attività svolta presso il centro Elasis (Società consortile del gruppo Fiat) di Bari, dove è stato finalizzato il progetto Common Rail successivamente commercializzato da Bosch. L ingegner Genco mi ha ragguagliato in particolare sulle problematiche affrontate per sviluppare il nuovo prodotto e sui brevetti realizzati, sulla presentazione del prodotto a Mercedes-Benz e Bosch, su alcuni perchè della cessione e sui termini più generali del patteggiamento Fiat-Bosch. Un sentito ringraziamento va anche all ingegner Ferruccio Tonello, dirigente di Fiat Powertrain Technologies, che al CRF si è occupato della prima applicazione del Common Rail su motore. L ingegner Tonello, nel corso dell incontro concessomi il 17 novembre 2005 presso la sede di Fiat Powertrain Technologies di Torino (si veda Appendice D), mi ha anch esso fornito importanti informazioni e pareri sulla storia del Common Rail alla Fiat. Grazie infine all ingegnere svizzero Walter Knecht, direttore generale di Dereco/ Iveco Motorenforschung dal 1982 al 2003, il quale mi ha inviato un suo scritto che si è rivelato basilare per ricostruire gli studi sul sistema Common Rail antecedenti al progetto portato avanti dalla Fiat. Grazie a tutte queste persone e a tutti coloro che mi hanno aiutato e che non ho potuto citare, grazie soprattutto per la loro gentilezza e disponibilità. 4

19 CAPITOLO 1: L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO 1.1 I PROCESSI INNOVATIVI La vita di tutti i giorni è costellata di innovazioni. Alcune di queste entusiasmano, come nel caso degli ultimi ritrovati della tecnologia quali, per esempio, i navigatori satellitari o i lettori mp3, altre sono date per scontate, come forme di assistenza medica più moderne o modelli di formazione di base e continua orientati al futuro, altre ancora, invece, passano spesso inosservate, come nel caso di un nuovo software gestionale dedicato al settore della vendita delle bevande in un esercizio ricettivo. Resta il fatto che le innovazioni, non importa a quale ambito esse si riferiscano, sono un pilastro importante dell economia e della società Idea, Scoperta, Invenzione Al concetto di innovazione si è per lo più soliti associare i concetti di idea, scoperta e invenzione. Per idea si intende in generale una trovata o una nuova rappresentazione mentale 1. I concetti di scoperta e invenzione sono invece molte volte confusi. L espressione scoperta può essere utilizzata in termini generali per designare tutte le forme di conoscenza della natura, attengano esse alla mera descrizione empirica di determinati oggetti o fenomeni naturali, ovvero alla spiegazione scientifica delle cause, degli effetti e delle relazioni intercorrenti tra essi 2. Per invenzione si intende invece la soluzione di un problema tecnico da cui segue la realizzazione, da parte dell uomo, di qualcosa che prima non esisteva 3. 1 Oswald LECHNER e Barbara MORODER, ottobre 2005, Innovazione. Appunti per gli studenti sul tema dell innovazione, <http://www.hk-cciaa.bz.it/servizi/wifo/school/pdf/innovation_it.pdf>, ( ), p Giuseppe SENA, La brevettazione delle scoperte e delle invenzioni fondamentali, in «Rivista di Diritto Industriale», Milano, Giuffrè Editore, 1990, parte I, pp. 318, Alessio MISURI e Sonia CARBONE (a cura di), 2004, Creatività ed Innovazione. Una breve storia dei processi che portano al cambiamento della società, <http://www.dintec.it/dispense.pdf>, ( ), p. 9.

20 CAPITOLO 1 Idea...nuovo pensiero Scoperta...non ancora conosciuto Invenzione...qualcosa di nuovo Fig. 1.1 Idea, Scoperta, Invenzione. Le prime invenzioni si devono all ingegno dell uomo primitivo. Egli si accorse, ad esempio, che una pietra stretta in mano permetteva di potenziare l azione del braccio, rendendo possibili attività prima impensabili come il taglio e la lavorazione del legno e di altri materiali. Fu questa osservazione che condusse all invenzione dell ascia di pietra. È inventore chi realizza qualcosa di nuovo o apporta un miglioramento tanto rilevante in campo tecnico da poter essere definito un invenzione. Un inventore è colui il quale: 1. riconosce un problema; 2. ha la volontà di risolvere tale problema tecnico in modo originale e nuovo; 3. è riuscito in questo intento almeno una volta nella sua vita 4. L immagine classica dell inventore è quella di una persona particolarmente creativa, intelligente e spesso stravagante. Alla base di questa figura si possono individuare, in parte, luoghi comuni nati su leggende metropolitane o su figure emblematiche (su tutte quella di Leonardo da Vinci) e, in parte, il bisogno di attribuire 4 Oswald LECHNER e Barbara MORODER, Innovazione, cit., p. 4. 6

21 L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO caratteristiche eccezionali a persone in grado di trovare soluzioni non convenzionali ai problemi, siano questi più o meno comuni. Tuttavia gli inventori moderni necessitano di solide basi tecniche per poter risolvere le problematiche cui si confrontano ogni giorno. Ciò aiuta a comprendere perché difficilmente l inventore sia anche un innovatore. L inventore si confronta solitamente con problemi tecnici ed è quindi focalizzato su aspetti tipicamente tecnologici, piuttosto che economici o sociali; egli solitamente, dopo aver affrontata e risolta una criticità, volge lo sguardo verso il prossimo ostacolo, piuttosto che fermarsi a pensare su come impiegare estensivamente l invenzione. Non si vuole così intendere che l inventore non sia in grado di individuare le potenzialità della propria invenzione ma, piuttosto, che la forte attenzione alle caratteristiche tecniche del progetto gli rende più difficile tale compito 5. Noti inventori di successo sono lo statunitense Thomas Alva Edison 6 e il tedesco Artur Fischer Innovazione Affrontando il tema innovazione sicuramente vengono alla mente molti concetti diversi che scaturiscono dall esperienza quotidiana, dalle informazioni provenienti dai mass media e, più in generale, dall ambiente frequentato. Una cosa è certa però, il termine innovazione non equivale a quello di invenzione. Letteralmente innovazione significa: novità, rinnovamento, riforma, modifica, cambiamento, mutamento, trasformazione 8. L innovazione è un fenomeno complesso che si alimenta sia con conoscenze empiriche sia con conoscenze scientifiche, finalizzate alla creazione di un ritorno economico. Più precisamente, si può parlare di 5 Alessio MISURI e Sonia CARBONE (a cura di), Creatività ed Innovazione, cit., p Thomas Alva Edison (Milan, Ohio - Stati Uniti, 11 febbraio West Orange, New Jersey, Stati Uniti, 18 ottobre 1931) fu inventore e uomo d'affari. Edison era considerato uno dei più prolifici inventori del suo tempo, avendo ottenuto il record di brevetti a suo nome, ad esempio il fonografo, la lampadina elettrica, la macchina per scrivere. <http://it.wikipedia.org/wiki/thomas_alva_edison>, ( ). 7 Artur Fischer (Tumlingen, Baden Württemberg Germania, 31 dicembre 1919) è inventore e uomo d affari. Ha ottenuto brevetti a suo nome, ad esempio il tassello in nylon. <http://de.wikipedia.org/wiki/artur_fischer>, ( ). 8 Lucio FELICI et al. (a cura di), 1987, Il grande dizionario Garzanti della lingua italiana 2003, Milano, Garzanti Linguistica, 2002, p

22 CAPITOLO 1 innovazione, quando l impresa introduce sul mercato una nuova conoscenza o una nuova modalità di utilizzo di competenze esistenti allo scopo di sfruttarle economicamente. Alla base dell innovazione vi può quindi essere un invenzione, un brevetto o una semplice intuizione, ma affinché queste si traducano in vera e propria innovazione è necessario che si attivi un processo di valorizzazione economica. Con il termine valorizzazione economica di un innovazione si fa riferimento pertanto alla sua adozione da parte delle imprese, esistenti o nuove, e alla conseguente traduzione in risultati economici concreti 9. Appare a questo punto chiara la netta distinzione concettuale tra invenzione ed innovazione, evidenziata per primo dall economista austriaco Joseph A. Schumpeter: Fintanto che non sono adottate in pratica, le invenzioni dal punto di vista economico sono irrilevanti. E il portare ad effettuazione un miglioramento è un compito completamente diverso da quello di inventarlo, e inoltre un compito che richiede tipi di capacità completamente differenti. Sebbene naturalmente gli imprenditori possano essere inventori, come possono essere capitalisti, essi non sono inventori a motivo della natura della loro funzione ma soltanto per coincidenza e viceversa. Non solo, ma le innovazioni la cui introduzione caratterizza la funzione dell imprenditore, non devono affatto essere necessariamente invenzioni. 10. Il processo di invenzione è dunque legato al campo delle attività tecnicoscientifiche, mentre l innovazione si lega alla tecnologia e alle capacità imprenditoriali. Non è sufficiente saper concettualizzare una nuova idea (perception), si deve essere anche in grado di agire per introdurre nel mercato l invenzione (action). L applicazione di un invenzione ad un prodotto/processo richiede una precisa strategia aziendale e l operare delle forze del mercato che accolga positivamente l innovazione, determinandone il valore per i consumatori. Sono questi ultimi, infatti, a detenere il potere di selezione positiva o negativa delle innovazioni Alessio MISURI e Sonia CARBONE (a cura di), Creatività ed Innovazione, cit., p Joseph A. SCHUMPETER, 1971, Teoria dello sviluppo economico, Firenze, Sansoni, 1971, p. 98; ed. orig. 1911, Theorie der wirtschaftlichen Entwicklung, Berlin, Duncker & Humblot, Fiorenza BELUSSI, marzo 2004, Il management dell innovazione, <http://www.decon.unipd.it/info/sid/materiale3/bel-management_innovazione.pdf>, ( ), pp. 6, 7. Sempre alla pagina 6 di tale contributo si sottolinea anche la distinzione tra scienza e tecnologia. La 8

23 L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO L innovatore ha dunque il fondamentale ruolo di comprendere fino in fondo il potenziale che si cela in un invenzione (ne sia egli stesso l inventore oppure no), modificandone eventualmente certi aspetti, integrandone altri, proseguendo sulla strada aperta dall inventore. Le competenze che possono portarlo a percorrere il cammino da lui stesso prefissato sono molteplici, alcune saranno economiche, altre tecniche, altre ancora sociali, ma tutte dovranno cooperare per realizzare l interpretazione del valore rappresentato dall invenzione iniziale per la società 12. Come detto il concetto di innovazione può avere differenti declinazioni. In ambito economico Schumpeter suddivide l innovazione in più forme di cambiamento: 1. Produzione di un nuovo bene, vale a dire di un bene non ancora familiare alla cerchia dei consumatori, o di una nuova qualità di un bene. 2. Introduzione di un nuovo metodo di produzione, vale a dire non ancora sperimentato nel ramo dell industria in questione, che non ha affatto bisogno di fondarsi su una nuova scoperta scientifica e che può consistere anche in un nuovo modo di trattare commercialmente una merce. 3. Apertura di un nuovo mercato, vale a dire di un mercato in cui un particolare ramo dell industria di un certo paese non era ancora penetrato, sia che questo mercato esistesse già prima oppure no. 4. Conquista di una nuova fonte di approvvigionamento di materie prime e di semilavorati, anche qui sia che questa fonte di approvvigionamento esistesse già prima sia che si debba innanzitutto crearla. 5. Attuazione di una riorganizzazione di una qualsiasi industria come la creazione di un monopolio (ad esempio mediante la formazione di un trust ) o la sua distruzione. 13. scienza, in generale, rappresenta la ricerca di nuova conoscenza connessa alla formulazione di nuove teorie scientifiche. La tecnologia, invece, rappresenta l applicazione di nuova conoscenza appresa attraverso il metodo scientifico a problemi di tipo pratico. 12 Alessio MISURI e Sonia CARBONE (a cura di), Creatività ed Innovazione, cit., p. 9, Joseph A. SCHUMPETER, Teoria dello sviluppo economico, cit., p. 76. Esempi di innovazioni: del tipo 1 sono il personal computer e il motore a reazione; del tipo 2 sono robot e macchine a controllo numerico computerizzato; del tipo 3 è l internazionalizzazione; del tipo 4 sono la plastica e i nuovi materiali in generale; del tipo 5 sono la forma a matrice e il layout per celle. 9

24 CAPITOLO 1 Senza la pretesa di esaurire il denso universo delle classificazioni di innovazione, se ne propongono qui altre due, fra le più significative ed utilizzate. La prima distingue le innovazioni in: - assolute (o di mercato), se la corrispondente offerta viene introdotta sul mercato per la prima volta; - relative (o d impresa), se l offerta risulta un elemento di novità solo per l impresa in questione e non per il mercato di per sé 14. La seconda, invece, prevede le seguenti tipologie: - innovazioni incrementali, se introduzione di miglioramenti in prodotti o processi esistenti; - innovazioni radicali, se introduzione di prodotti/processi non esistenti nel mercato; - nuove architetture di prodotto, se configurazione dei rapporti di interdipendenza e integrazione tra componenti di un prodotto; - nuovi paradigmi tecno-economici, se sistemi di innovazioni radicali e incrementali collegate con effetti pervasivi anche su organizzazione, management e istituzioni del sistema economico L importanza dell innovazione L innovazione è strettamente correlata allo sviluppo economico e al benessere sociale 16. A tal proposito Schumpeter, già nel 1911, afferma: 14 Oswald LECHNER e Barbara MORODER, Innovazione, cit., p. 6. Esempio di innovazione assoluta è l introduzione sul mercato della bevanda Red Bull; di innovazione relativa si può invece parlare nel caso del lancio della barretta energetica Loacker. 15 Salvatore TORRISI, Economia e management dell innovazione, <http://web.unicam.it/matinf/dispense/torrisi/dispense/economia%20e%20gest%20delle%20imprese/inn ovazione.pdf>, ( ), pp. 4, 5. Esempi di innovazioni: incrementali sono le nuove funzionalità; radicali sono il nylon e il microprocessore. Esempi di nuovi paradigmi tecno-economici sono l energia elettrica e l information technology. 16 Oswald LECHNER e Barbara MORODER, Innovazione, cit., p

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale:

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: dalla ricerca universitaria al sistema produttivo Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Ancona 14 novembre 2006 Alcuni concetti (luoghi comuni)

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Il risultato della Ricerca e la sua Brevettabilità Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Monza, 29 Febbraio 2012 Giuseppe Romano Il percorso di un idea Il settore: medicina/diagnostica/chirurgia

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

STUDIO DI MASSIMA DI UN DIESEL AD ALTE PRESTAZIONI

STUDIO DI MASSIMA DI UN DIESEL AD ALTE PRESTAZIONI Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA Elaborato Finale di Laurea in Laboratorio di CAD STUDIO DI MASSIMA DI UN DIESEL AD ALTE PRESTAZIONI Candidato

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 19 marzo 2007 Modi di vedere Percezione dell innovatore (aspirante!) Valore limitato Valore elevato Percezione

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole ANTONIO MARZANO Mercato e regole 1. E opinione diffusa che gli esperimenti scientifici si facciano solo in laboratorio e che siano quelli propri delle scienze naturali, della fisica e della chimica. Credo

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

Opuscolo illustrativo del Centro Ricerche Fiat (CRF) Concezione, processo pianificatorio ed operativo del Centro

Opuscolo illustrativo del Centro Ricerche Fiat (CRF) Concezione, processo pianificatorio ed operativo del Centro Marzo 1980 Opuscolo illustrativo del Centro Ricerche Fiat (CRF) Concezione, processo pianificatorio ed operativo del Centro Un po di storia dell organizzazione tecnica FIAT Il Centro Ricerche Fiat rappresenta

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

DIGITAL ASSET MANAGEMENT DAI SILOS AL CLOUD COMPUTING UN PERCORSO CHE MIGLIORA L ESPERIENZA DEI CLIENTI. Luca Leonardini

DIGITAL ASSET MANAGEMENT DAI SILOS AL CLOUD COMPUTING UN PERCORSO CHE MIGLIORA L ESPERIENZA DEI CLIENTI. Luca Leonardini DIGITAL ASSET MANAGEMENT DAI SILOS AL CLOUD COMPUTING UN PERCORSO CHE MIGLIORA L ESPERIENZA DEI CLIENTI Luca Leonardini Digital Asset Management: dai silos al Cloud Computing, un percorso che migliora

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Pagina 1 Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Stefano Lascar Secondo le previsioni di Nomisma, il 2011 dovrebbe essersi concluso con un ulteriore flessione delle compravendite del 6%

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

Gestione d impresa e innovazione INDICATORI E MISURE DI PRESTAZIONE

Gestione d impresa e innovazione INDICATORI E MISURE DI PRESTAZIONE Gestione d impresa e innovazione INDICATORI E MISURE DI PRESTAZIONE per la gestione dei processi Fiorenzo Franceschini, Maurizio Galetto, Domenico Maisano indicatori e misure di prestazione per la gestione

Dettagli

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE.

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE. CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE. Gennaio 2008 Il rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 30 Ottobre 2007 da un team di ricercatori ed analisti

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA DOVE NASCE CHE COSA IMPLICA NASCE IN INGHILTERRA PERMETTE ALL UOMO DI AVERE UNA FORMA DI ENERGIA: QUELLA DEL VAPORE.

Dettagli

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale)

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Indice Pag 2 - Cos è l attività di ricerca di informazioni nel settore della Proprietà Intellettuale? Pag 4

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

Il deposito di un brevetto

Il deposito di un brevetto Il deposito di un brevetto Avete sviluppato un idea e vi state chiedendo quale sia la strategia migliore per proteggerla da possibili attacchi da parte di un concorrente? La legislazione in materia di

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Le implicazioni sulla società

Le implicazioni sulla società 1 Giulio Occhini La fabbrica e l ufficio nell era digitale Fabbrica e ufficio sono le due componenti tradizionali dell organizzazione dell impresa, indipendentemente dal fatto che essa sia pubblica o privata,

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti *

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti * Fiat e dintorni di Aldo Enrietti * Collocare il Piemonte e Torino nell ambito dell industria autoveicolistica, e quindi del rapporto con Fiat, richiede una preventiva valutazione delle recenti fasi del

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE FrancoAngeli Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano COLLANA DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA

Dettagli

RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit. Livia DAMILANO Region Nord-Ovest

RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit. Livia DAMILANO Region Nord-Ovest RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit Livia DAMILANO Region Nord-Ovest Torino, 24 febbraio 2014 EVOLUZIONE DEI MERCATI LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO ITALIANO. Oggi le imprese devono affrontare

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Automotive: CF3000 Engineering & Electronics

Automotive: CF3000 Engineering & Electronics Automotive: evoluzione costante Flavio Corradini CF3000 Engineering & Electronics La nascita Ingegneria elettronica nel 1982: Programmazione con schede perforate Output cartacei con stampe (non erano disponibili

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda Nucleo di valutazione interna RELAZIONE TECNICA In ordine Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda per l a.a. 2005/2006 Venezia, 17 febbraio 2005 1 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO. Il punto di vista delle imprese altoatesine innovative

RICERCA E SVILUPPO. Il punto di vista delle imprese altoatesine innovative RICERCA E SVILUPPO Il punto di vista delle imprese altoatesine innovative Coordinamento e gestione del progetto Oswald Lechner Autori Oswald Lechner Georg Lun Consulenza scientifica Gottfried Tappeiner

Dettagli

Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti

Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti Il sistema di iniezione a controllo elettronico common-rail INTRODUZIONE Il sistema di iniezione a controllo elettronico per motori Diesel

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute ANNO SCOLASTICO 2010-2011 BREMBILLA LAURA 1 INDICE 3) Che cosa è la rivoluzione industriale? 4) La fabbrica: cambia la qualità del lavoro 5) I dati

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

SUPERARE LA CRISI: COME FAR CRESCERE LA PROPRIA RETE COMMERCIALE ASSICURATIVA. Filiali bancarie, agenti, broker e mediatori creditizi

SUPERARE LA CRISI: COME FAR CRESCERE LA PROPRIA RETE COMMERCIALE ASSICURATIVA. Filiali bancarie, agenti, broker e mediatori creditizi #MIRKO ODEPEMKO SUPERARE LA CRISI: COME FAR CRESCERE LA PROPRIA RETE COMMERCIALE ASSICURATIVA Filiali bancarie, agenti, broker e mediatori creditizi COLOMBI LITOGRAFICA -EDITORE INDICE Ringraziamenti Prefazione

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

La proprietà intellettuale e i brevetti

La proprietà intellettuale e i brevetti TECHNOLOGY TRANSFER E sempre più necessario per chi opera nel mondo della ricerca scientifica padroneggiare le nozioni di base che definiscono opportunità e strumenti relativi ad una corretta gestione

Dettagli