Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni"

Transcript

1 Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni 1 Rappresentazione delle immagini in Matlab 1. Lettura e visualizzazione di un immagine JPEG. function x = vedijpg(nomefile); % VEDIJPG carica un immagine memorizzata in formato JPEG e la visualizza % x = vedijpg(nomefile) carica l immagine contenuta nel file nomefile fid = fopen(nomefile, r ); if fid < 0, fprintf( Il file %s non esiste!\n,nomefile); else x = imread(nomefile); x = double(x); figure; image(x); axis image; colormap(gray(256)); end 2. Lettura e visualizzazione di un immagine grezza. function x = vediraw(nomefile,m,n,tipo); % VEDIRAW carica un immagine in formato grezzo e la visualizza % x = vediraw(nomefile,m,n,tipo) carica l immagine % di dimensioni MxN contenuta in nomefile ; % tipo è il formato di dato ( uint8, double, ecc.) fid = fopen(nomefile, r ); if fid < 0, fprintf( Il file %s non esiste!\n,nomefile); else x = fread(fid,[n M], tipo); fclose(fid); x = x ; figure; image(x); axis image; colormap(gray(256)); end 1

2 Caratteristiche delle immagini 2 Se si inseriscono commenti subito dopo la definizione della funzione, essi compariranno nell help in linea del Matlab. Provate per esempio a digitare da linea di comando help vediraw, vedrete che verranno visualizzate le prime righe di commento consecutive presenti nel file vediraw.m. per questo motivo è molto importante commentare bene ogni funzione. Convenzionalmente, la prima riga di help contiene il nome in maiuscolo della funzione ed una descrizione sintetica, questo perché il comando lookfor effettua la ricerca di una funzionalità desiderata leggendo solo la prima riga di help (cioè la prima riga di commento). La seconda riga, invece, generalmente presenta un esempio di chiamata della funzione. Una volta scritta la funzione basterà digitare i comandi: >> x = vediraw( lena.y,512,512, uint8 ); per caricare in x e visualizzare l immagine. Per comprendere meglio il comando di visualizzazione image, proviamo a visualizzare l immagine lena.y senza usare la colormap, cioè: >> x = imread( lena.jpg ); >> figure; image(x); Noterete come l immagine viene visualizzata in falsi colori, in particolare digitando colorbar avrete informazioni sulla scala di colori costituita (di default) da soli 64 livelli, quindi per i livelli di grigio che assumono valori da 0 a 63 è assegnato un colore distinto, mentre a tutti gli altri è assegnato lo stesso colore. Questo è il motivo per cui osservate un effetto di saturazione nell immagine (ed è anche il motivo per cui vedete tutta rossa l immagine pout.tif, che ha come valore minimo 74). Se digitate il comando impixelinfo (presente solo in versioni più recenti di Matlab) in basso a sinistra nell immagine avrete le informazioni sulla posizione e sul valore (oltre ai pesi assegnati alla terna RGB che definisce i colori), per cui potrete verificare quanto detto. Per avere una migliore assegnazione dei colori è necessario usare il comando imagesc, che utilizza ancora 64 colori, ma assegna il più piccolo al minimo dell immagine (e non allo 0) e il più grande al massimo dell immagine (e non a 63), così come potete verificare ancora usando la colorbar. Dato che queste immagini sono monocromatiche è necessario specificare questa informazione attraverso il comando colormap(gray) in modo da assegnare uno fra 64 livelli di grigio (e non colori) ai valori dell immagine. Chiaramente l effetto di saturazione ancora si nota se si visualizza l immagine con image, ma non con imagesc, nonostante i livelli di grigio effettivi non siano 64, ma circa 256. Questo è dovuto alla nostra limitata capacità di discriminare livelli di grigio molto simili tra loro. Se vogliamo allora visualizzare correttamente un immagine su 8 bit con il comando image dobbiamo specificare 256 livelli di grigio nella colormap. Se, invece, usiamo un numero diverso di livelli di grigio diciamo pari a L < 256 saremo in grado di discriminare solo i valori da 0 a L 1, tutti gli altri verrano saturati. Per esempio, se specifichiamo colormap(gray(16)), solo ai valori compresi tra 0 e 15 sarà assegnato un livello di grigio, quelli maggiori di 15 saranno visualizzati come bianchi. Per questo motivo se l immagine ha un valore minimo maggiore di 15 vedrete tutto bianco. Usando invece il comando imagesc con colormap(gray(16)), il nero sarà associato al minimo dell immagine (e non allo 0) e il bianco al massimo dell immagine (e non a 15). Essendo però i livelli di grigio complessivi maggiori di 16 potrete osservare un effetto di quantizzazione sui dati. Un ultima importante osservazione: memorizzati nella matrice. 2 Caratteristiche delle immagini i comandi di visualizzazione non modificano il valore dei dati 1. Riprendiamo il codice per il calcolo della media locale su una finestra 3 3 dell immagine, usando il comando mean2 (presente nel toolbox image) che calcola direttamente la media di una matrice:

3 Caratteristiche delle immagini 3 MED=zeros(M-2,N-2); for i=1:m-2, for j=1:n-2, MED(i,j)=mean2(x(i:i+2,j:j+2)); Questo codice non prevede di gestire i bordi, infatti produce un immagine delle medie più piccola di quella originale. Per gestire il problema dei bordi è necessario estendere l immagine di partenza mediante riempimento con zeri (zero padding) o estensione periodica o simmetrica (in base alle esigenze dell applicazione). Per realizzare questa operazione si può usare il comando padarray: >> xext = padarray(x,[1,1],0); In questo caso è stata aggiunta una cornice esterna di zeri all immagine. Usando le opzioni symmetric e replicate è possibile effettuare un estensione simmetrica e periodica, rispettivamente. Modifichiamo allora il codice usando l estensione ai bordi: xext = padarray(x,[1,1],0); MED=zeros(M,N); for i=1:m, for j=1:n, MED(i,j)=mean2(xext(i:i+2,j:j+2)); Il toolbox image offre anche la possibilità di realizzare operazioni su finestre scorrevoli nell immagine usando il comando nlfilter nel modo seguente: >> MED = nlfilter(x,[3 Questa soluzione a volte può anche essere piuttosto lenta, per questo motivo esiste anche una versione ottimizzata che vettorizzando il blocco da elaborare riduce i tempi (ovviamente l elaborazione definita deve potersi applicare all immagine vettorizzata): >> MED = colfilt(x,[3 3], In ogni caso la versione di codice con i tempi migliori è quella presentata durante l esercitazione (usate i comandi tic e toc per valutare i tempi di esecuzione). Tenete poi presente che di default l immagine delle medie locali è calcolata con queste funzioni effettuando un estensione con tutti zeri ai bordi. 2. Per il calcolo dell immagine delle varianze su blocchi 3 3, la soluzione più lenta è la seguente:

4 Caratteristiche delle immagini 4 DEV = zeros(m-2,n-2); for i=1:m-2, for j=1:n-2, x = x(i:i+2,j:j+2); DEV(i,j) = std(x(:),1); VAR = DEV.^2; Se si vuole usare la versione più efficiente è necessario valutare la varianza come differenza tra il valore quadratico medio e la media al quadrato: VQM = zeros(m-2,n-2); for i=-1:1, for j=-1:1, VQM=VQM+x(2+i:M-1+i,2+j:N-1+j).^2; VQM = VQM/9; VAR = VQM - MED.^2; Anche in questo caso si possono usare le funzioni di Matlab: >> DEV = nlfilter(x,[3 >> DEV = colfilt(x,[3 3], >> VAR = DEV.^2; 3. Elaborazione per blocchi. function [medie massimi minimi] = blockstat(x); % BLOCKSTAT calcola le statistiche su blocchetti 8x8 % [medie massimi minimi] = blockstat(x) medie = blkproc(x,[8 8], mean2(x)) ); massimi = blkproc(temp,[8 8], max(max(x)) ); minimi = blkproc(temp,[8 8], min(min(x)) ; In alternativa, è possibile scrivere: >> medie = blkproc(x,[8 N.B. Nelle più recenti versioni di matlab la funzione blkproc è stata sostituita con blockproc.

5 Operazioni puntuali 5 3 Operazioni puntuali 1. Una volta memorizzata l immagine nella variabile x, un modo molto semplice per gestire le condizioni di saturazione è attraverso i seguenti comandi: >> x(x<0) = 0; >> x(x>255) = 255; Il primo dei quali pone a zero tutti i valori dell immagine che risultano negativi, il secondo invece pari a 255 i valori superiori proprio a 255. In realtà, se l immagine è nel workspace con formato uint8 (il che accade tutte le volte che leggete immagini jpeg, per esempio), allora il Matlab gestisce automaticamente le condizioni di saturazione, cioè se applicate un operazione lineare o non ai dati che ne aumenti la dinamica, in uscita troverete sempre valori compresi tra 0 e Negativo di un immagine. Di seguito si presenta il codice per determinare, visualizzare e salvare su file il negativo di un immagine. Fate attenzione al fatto che prima di salvare i dati in formato JPEG è necessario convertire il loro formato, rappresentandoli su 8 bit. function y = negativo(x) % NEGATIVO di un immagine rappresentata su 8 bit % y = negativo(x) effettua il negativo di un immagine y = -x+255; figure; image(y); axis image; colormap(gray(256)); imwrite(uint8(y), negativo.jpg, JPEG ); % salva l immagine in formato JPEG fid = fopen( negativo.y, wb ); fwrite(fid, y, uint8 ); % salva l immagine in formato grezzo 3. Full-Scale Histogram Stretch. function y = fshs(x) % FSHS Full-Scale Histogram Stretch % y = FSHS(x) effettua il Full-scale Histogram Stretch m = min(x(:)); M = max(x(:)); Y = 255*(x-m)/(M-m); figure; image(y); axis image; colormap(gray(256)); 4. Equalizzazione.

6 Suggerimenti 6 function z = equalizzazione(x); % EQUALIZZAZIONE di un immagine % z = equalizzazione(x); figure(1); image(x); colormap(gray(256)); [M,N] = size(x); n1 = hist(x(:), [0:255]); figure(2); bar([0:255], n1); p = hist(x(:), [0:255])/(N*M); % distribuzione di probabilità cdf = cumsum(p); % distribuzione cumulativa y = cdf(x+1); % equalizzazione n2 = hist(y(:), [0:1/255:1]); figure(3); bar([0:255], n2); z = FSHS(y); figure(4); image(z); colormap(gray(256)); 5. Uso delle statistiche locali. Nell ipotesi di aver scritto due funzioni: medie e devstd per il calcolo delle statistiche su blocchi 3 3 dell immagine (evitando di gestire i bordi), il codice per l enhancement è presentato di seguito. clear all; close all; clc; x = vedijpg( Fig3.24.jpg ); MED = medie(x); DEV = devstd(x)); med = mean2(x); dev = std2(x); Mask = ((MED<=0.4*med)).*(DEV<=0.4*dev)).*(DEV>=0.02*dev))); y = x(2:m-1,2:n-1)+3*x(2:m-1,2:n-1).*mask; figure; image(y); colormap(gray(256)); axis image; 4 Suggerimenti Le funzioni che scrivete in Matlab devono sempre trovarsi nella directory corrente affinché possiate utilizzarle. In realtà è possibile modificare il path del Matlab, cioè aggiungere il percorso in cui si trovano le vostre funzioni al percorso di default in cui Matlab cerca la libreria standard. In questo modo non sarà necessario trovarsi nella directory corrente per richiamare le funzioni. Da File scegliete l opzione Set path della tendina a menù, quindi inserite il percorso in cui si trovano le vostre funzioni e poi cliccate su Add Folder, infine salvate e uscite. (N.B. Non potete fare questa modifica in laboratorio, ma solo sul vostro PC). E possibile realizzare il debug del codice che scrivete usando tasto debug dall editor di testo. Inoltre, Matlab vi permette di effettuare l indentazione automaticamente selezionando il testo desiderato, quindi premendo smart indent dal menù text. Se volete vedere come è stata implementata una funzione Matlab potete semplicemente digitare da linea di comando edit nome funzione.

Elaborazioni nel dominio spaziale (1)

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazioni nel dominio spaziale (1) L.Verdoliva In questa prima lezione affrontiamo il problema della rappresentazione delle immagini digitali in

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Rappresentazione delle immagini L.Verdoliva In questa prima lezione vedremo come si rappresentano diversi tipi immagini digitali in Matlab. 1 Immagini

Dettagli

Elaborazione di immagini a colori Soluzioni

Elaborazione di immagini a colori Soluzioni 1 Gli spazi di colore Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazione di immagini a colori Soluzioni Vediamo come generare i 216 colori sicuri in matlab: sc = [0 51 102 153 204 255];

Dettagli

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni 1 La trasformata discreta 1D Calcoliamo lo spettro di x(n) = R L (n) al variare di L = 2, 10, 20,

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Matlab per Visione Samuel Rota Bulò Cos'è Matlab? MATLAB MATLAB - - MATrix MATrix LABoratory LABoratory Ambiente Ambiente di di sviluppo sviluppo ed ed esecuzione esecuzione

Dettagli

Software Stampa Cambiali - Guida all'uso

Software Stampa Cambiali - Guida all'uso Software Stampa Cambiali - Guida all'uso Per avviare il programma fare un doppio click su "CambialeDemo.exe" o su "Stampa Cambiale" se è stato acquistato il programma. 1. Inserire i dati delle cambiale:

Dettagli

Elaborazione di immagini a colori

Elaborazione di immagini a colori Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Elaborazione di immagini a colori L.Verdoliva In questa esercitazione vedremo come si elaborano le immagini a colori in Matlab estendendo le tecniche

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Office 2007 Lezione 08

Office 2007 Lezione 08 Word: gli stili veloci e i temi Da questa lezione, iniziamo ad occuparci delle innovazioni che riguardano specificamente Word. Cominceremo parlando di stili e temi. Nella filosofia di questo nuovo Word,

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO Modificare il proprio sito con Web designer Digitate il vostro username e password e compariranno tre tasti: AREA RISERVATA, WEB DESIGNER e LOGOUT Cliccate sul tasto WEB DESIGNER

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Inserimento materiale Rendere il materiale accessibile tramite inserimento di user e password (autenticazione) Impostazioni

Dettagli

Laboratorio di Elaborazione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 6)

Laboratorio di Elaborazione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 6) Università degli Studi di Padova - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica A.A. 26-27 Laboratorio di Elaborazione di Dati, Segnali e Immagini Biomediche (Parte 6) Prof. Giovanni Sparacino

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Moodle Guida rapida per docenti

Moodle Guida rapida per docenti Moodle Guida rapida per docenti Questa vuole essere una guida rapida per semplificare la realizzazione di corsi on line tramite Moodle. Quindi descriverò solo le principali funzioni del software. Ma chi

Dettagli

UTILIZZARE I SINOTTICI NEL PROGRAMMA DI TELEGESTIONE SWC701

UTILIZZARE I SINOTTICI NEL PROGRAMMA DI TELEGESTIONE SWC701 UTILIZZARE I SINOTTICI NEL PROGRAMMA DI TELEGESTIONE SWC701 GENERALITÁ I sinottici sono disegni che rappresentano graficamente uno o più impianti tecnici. Questi disegni sono completi di tutti gli accessori

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO Modificare il proprio menu con Web designer - CATEGORIA MENU Digitate il vostro username e password, vedrete comparire tre tasti: AREA RISERVATA, WEB DESIGNER e LOGOUT ( vedi foto

Dettagli

Programma MANUTENZIONE

Programma MANUTENZIONE Programma MANUTENZIONE MANUALE UTENTE @caloisoft Programma MANUTENZIONE 1 IL PROGRAMMA MANUTENZIONE Il programma dispone di una procedura automatica di installazione. INSTALLAZIONE Per installare il programma

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Manuale del portale Club Filiali

Manuale del portale Club Filiali Manuale del portale Club Filiali 1 Sommario Benvenuti nel portale di CLUB FILIALI!... 3 Come utilizzare il portale?... 3 La vostra filiale... 3 Come inserire le attività svolte sul portale?... 5 Le attività

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

ISHOW. Ver. 2.3. Guida all uso. www.karmaitaliana.it. www.karmaitaliana.it. ver. 12.1

ISHOW. Ver. 2.3. Guida all uso. www.karmaitaliana.it. www.karmaitaliana.it. ver. 12.1 ver. 12.1 www.karmaitaliana.it ISHOW Ver. 2.3 Via Gozzano 38 bis 21052, Busto Arsizio (VA) - Italy Telefono +39 0331.628.244 Fax +39 0331.622.470 www.karmaitaliana.it Guida all uso I Introduzione. Il software

Dettagli

Versione 1.0. La cartella di Excel contiene, di default, le seguenti schede: Classe, Criteri, 1,Riepilogo, Doc15 come si vede in figura:

Versione 1.0. La cartella di Excel contiene, di default, le seguenti schede: Classe, Criteri, 1,Riepilogo, Doc15 come si vede in figura: Versione 1.0 Premessa Dixit è la griglia per la definizione del voto d orale all esame di Stato; aiuta a mantenere un criterio unico e oggettivo nell assegnazione del voto. La cartella di Excel contiene,

Dettagli

Autorizzazioni Kronos Web

Autorizzazioni Kronos Web Autorizzazioni Kronos Web Inserimento Richieste All apertura la funzione si presenta così: Da questa funzione è possibile inserire le mancate timbrature e le richieste di giustificativi di assenza o autorizzazione.

Dettagli

I Codici Documento consentono di classificare le informazioni e di organizzare in modo logico l archiviazione dei file.

I Codici Documento consentono di classificare le informazioni e di organizzare in modo logico l archiviazione dei file. Archivia Modulo per l acquisizione, l archiviazione e la consultazione di informazioni Il modulo Archivia permette l acquisizione, l archiviazione e la consultazione di informazioni (siano esse un immagine,

Dettagli

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME: Progetto PON C-FSE-0-7: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:. Quando si ha un documento aperto in Word 007, quali tra queste procedure permettono di chiudere il

Dettagli

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso.

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. -Introduzione. Il software consente, tramite opportuna interfaccia USB Rowan C426S, di leggere e scrivere i dati presenti

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina [Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina Creare cartelle per salvare il lavoro] Per iniziare dobbiamo imparare a gestire quello spazio bianco che diverrà la

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

1 Strumenti per il corso

1 Strumenti per il corso 1 Strumenti per il corso 1.1 Elenco strumenti (1) I responsabili del corso possono modificare l'elenco degli strumenti. Cliccate su Modifica elenco strumenti (1.1) Uno strumento è attivo se compare l icona

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Guida docenti all inserimento delle informazioni sugli insegnamenti (programmi, etc.) da web

Guida docenti all inserimento delle informazioni sugli insegnamenti (programmi, etc.) da web Guida docenti all inserimento delle informazioni sugli insegnamenti (programmi, etc.) da web v 1.2 Indice 1. INFORMAZIONI INIZIALI... 3 2. ACCESSO AD ESSE3... 3 3. INSERIMENTO DELLE INFORMAZIONI SUGLI

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI Il sito http://docenti.unicam.it consente agli utenti di accedere alle informazioni sui docenti dell' Università di Camerino: curriculum, carichi didattici, pubblicazioni,

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Manuale Utente MyFastPage

Manuale Utente MyFastPage Manuale MyFastPage Utente Elenco dei contenuti 1. Cosa è MyVoice Home?... 4 1.1. Introduzione... 5 2. Utilizzo del servizio... 6 2.1. Accesso... 6 2.2. Disconnessione... 7 2.3. Configurazione base Profilo

Dettagli

Office 2007 Lezione 09. Contenuto riutilizzabile

Office 2007 Lezione 09. Contenuto riutilizzabile Word: Contenuto riutilizzabile Contenuto riutilizzabile Già nelle versioni precedenti di Word era possibile salvare dei contenuti pronti per riutilizzarli successivamente, in questa nuova versione questa

Dettagli

Personalizzazione documenti Word

Personalizzazione documenti Word Personalizzazione documenti Word E possibile personalizzare tutte le stampe in formato word presenti nelle diverse aree di Axios Italia. Le stampe in formato word, caratterizzate dal simbolo gestione testi.,

Dettagli

QG Gestione Assenze. Inserimento per Classe. Per la gestione delle assenze accedere dal Menu Giornaliere->Assenze e Giustificazioni

QG Gestione Assenze. Inserimento per Classe. Per la gestione delle assenze accedere dal Menu Giornaliere->Assenze e Giustificazioni QG Gestione Assenze Per la gestione delle assenze accedere dal Menu Giornaliere->Assenze e Giustificazioni Le voci principali che permettono l inserimento delle assenze sono: Inserimento per Classe Inserimento

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03

Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03 Tracciare percorsi con OCAD8 Checo 11.1.03 Panoramica generale Avvìo di un progetto di tracciamento percorsi Per avviare un progetto di tracciamento occorre creare un file progetto. Quindi vi si carica

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Office 2007 Lezione 07. Gestione delle immagini

Office 2007 Lezione 07. Gestione delle immagini Le immagini Gestione delle immagini Office 2007 presenta molte interessanti novità anche nella gestione delle immagini. Le immagini si gestiscono in modo identico in Word, Excel e PowerPoint. Naturalmente

Dettagli

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico IFTS anno formativo 2012-2013 Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico Esperto Salvatore Maggio FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

Retail Sales Excellence Scheda Elettronica. Guida del Responsabile Vendite

Retail Sales Excellence Scheda Elettronica. Guida del Responsabile Vendite Retail Sales Excellence Scheda Elettronica Guida del Responsabile Vendite Accesso 1 1. Digitare all interno della barra di navigazione di Internet Explorer l indirizzo https://petra.agi.cpn.vwg/home.aspx.

Dettagli

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA REGISTRARSI AL SITO ALTERVISTA, PER OTTENERE SPAZIO WEB GRATUITO o Andare sul sito it.altervista.org o Nel riquadro al centro, scrivere

Dettagli

Modificare il proprio menu con Web designer - DOCUMENTI -

Modificare il proprio menu con Web designer - DOCUMENTI - DOCUMENTO ESPLICATIVO Modificare il proprio menu con Web designer - DOCUMENTI - La foto ci mostra come per ogni sottomenu si debba inserire il livello successivo e cioè documenti tale voce sta a rappresentare

Dettagli

Entrematic. Guida all e-commerce

Entrematic. Guida all e-commerce Entrematic Guida all e-commerce Introduzione alla guida Introduzione alla guida Introduzione alla guida Indice Attivazione di un account - Gestione dell account e modifica della password - Creazione e

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba Centro Servizi Informatici Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba La presente guida ha la finalità di fornire le indicazioni per: Esportare/Importare la rubrica Webmail di Horde pg.2 Rimuovere

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

La grafica con Word. La parte evidenziata è una Riga. La parte evidenziata è una Colonna. La parte evidenziata è una Cella

La grafica con Word. La parte evidenziata è una Riga. La parte evidenziata è una Colonna. La parte evidenziata è una Cella 9 La grafica con Word Lezione 09 Word non è un programma di grafica e, pertanto, non può sostituire i programmi che sono abilitati alle realizzazioni grafiche. Nonostante tutto, però, la grafica in Word

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI

GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI AMBIENTE SCUOLE PLUS Ottobre 2012 GUIDA REGISTRO ELETTRONICO PER DOCENTI Prof. Lenzi Massimo Ottobre 2012 www.massimolenzi.com 1 IL REGISTRO ELETTRONICO PREMESSA Il registro del professore è strettamente

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro.

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro. 18 Le macro Le macro rappresentano una soluzione interessante per automatizzare e velocizzare l esecuzione di operazioni ripetitive. Le macro, di fatto, sono porzioni di codice VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Seconda parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Seconda parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Seconda parte AA 2013/2014 STAMPA Quando si esegue il comando FILE STAMPA, Excel manda alla stampante tutte le celle del foglio di lavoro corrente che hanno un contenuto. Il numero

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

I Quaderni di LAPSUS n 1d. TUXPAINT PASSO A PASSO: funzioni avanzate

I Quaderni di LAPSUS n 1d. TUXPAINT PASSO A PASSO: funzioni avanzate PROGETTO LAPSUS LAboratorio per la Promozione nelle Scuole dell Uso consapevole del Software I Quaderni di LAPSUS n 1d TUXPAINT PASSO A PASSO: funzioni avanzate version 0.9.15 A simple drawing program

Dettagli

PULSANTI E PAGINE Sommario PULSANTI E PAGINE...1

PULSANTI E PAGINE Sommario PULSANTI E PAGINE...1 Pagina 1 Sommario...1 Apertura...2 Visualizzazioni...2 Elenco...2 Testo sul pulsante e altre informazioni...3 Comandi...3 Informazioni...4 Flow chart...5 Comandi...6 Pulsanti Principali e Pulsanti Dipendenti...6

Dettagli

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI

AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI AUTOMAZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE MAGAZZINO E GESTIONE LAVORAZIONI, CON INTRODUZIONE DI LETTORI PORTATILI DI CODICI A BARRE WI-FI INTRODUZIONE Il progetto nasce dall esigenza dei clienti di sviluppare

Dettagli

FtpZone Guida all uso Versione 2.1

FtpZone Guida all uso Versione 2.1 FtpZone Guida all uso Versione 2.1 La presente guida ha l obiettivo di spiegare le modalità di utilizzo del servizio FtpZone fornito da E-Mind Srl. All attivazione del servizio E-Mind fornirà solamente

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Programma MyHatch. Manuale d'uso

Programma MyHatch. Manuale d'uso Programma MyHatch Manuale d'uso PREMESSE... 2 SCOPO DEL PROGRAMMA... 2 I TRATTEGGI DI AUTOCAD... 2 IL PROGRAMMA MYHATCH... 2 LA DEFINIZIONE DEI MOTIVI... 3 USO DEL PROGRAMMA... 5 INSTALLAZIONE... 5 BARRA

Dettagli

Capitolo 12 Lavorare con i modelli

Capitolo 12 Lavorare con i modelli Guida introduttiva 12 Capitolo 12 Lavorare con i modelli OpenOffice.org Copyright Il presente documento è rilasciato sotto Copyright 2005 dei collaboratori elencati nella sezione Autori. È possibile distribuire

Dettagli

Versione 2015I PROTOCOLLO: CRS/SG-PAC/151021

Versione 2015I PROTOCOLLO: CRS/SG-PAC/151021 MyDB - Anagrafiche estensioni dei Documenti di Magazzino e delle Parcelle Nella definizione delle anagrafiche MyDB è ora possibile estendere direttamente anche le TESTATE e le RIGHE delle varie tipologie

Dettagli

TRASMISSIONE RAPPORTO ARBITRALE IN FORMATO PDF

TRASMISSIONE RAPPORTO ARBITRALE IN FORMATO PDF TRASMISSIONE RAPPORTO ARBITRALE IN FORMATO PDF Come da disposizioni di inizio stagione, alcune Delegazioni provinciali hanno richiesto la trasmissione dei referti arbitrali solo tramite fax o tramite mail.

Dettagli

Elaborazioni nel dominio spaziale (1)

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Elaborazioni nel dominio spaziale (1) L.Verdoliva In questa lezione vedremo come caratterizzare immagini digitali in Matlab tramite media e varianza

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

Eusing Free Registry Cleaner Guida in lingua italiana

Eusing Free Registry Cleaner Guida in lingua italiana Eusing Free Registry Cleaner Guida in lingua italiana 1 Corrispondenze inglese/italiano dei termini del pannello Sommario/Indice Sommario Overview = Panoramica Interface = Interfaccia What can Eusing Free

Dettagli

Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni.

Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni. GESTIONE SCRUTINI SEGRETERIA - DOCENTI Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni. Per quanto riguarda il personale Docente

Dettagli

1 SPIEGAZIONE DEI DATI PRESENTI NELLA SCHERMATA DEI PRESTITI

1 SPIEGAZIONE DEI DATI PRESENTI NELLA SCHERMATA DEI PRESTITI CIRCOLAZIONE Prestiti/Restituzioni 1 - Spiegazione dei dati della schermata dei Prestiti 2 - Opzioni del Prestito 3 - Ricerca di un Utente 4 - Accesso al record (tessera) dell Utente 5 - Ricerca di un

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

Corso di Informatica. Immissione di dati. Visualizzazione come foglio dati 1. Visualizzazione come foglio dati 2 11/01/2008

Corso di Informatica. Immissione di dati. Visualizzazione come foglio dati 1. Visualizzazione come foglio dati 2 11/01/2008 Corso di Informatica Immissione di dati La modalità di inserimento che ricorda più Excel è la visualizzazione come foglio dati Ing. Dario Sguassero Microsoft Access 2/3 11/01/2008 0.35 2 Visualizzazione

Dettagli

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono:

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono: Outlook parte 1 POSTA ELETTRONICA La posta elettronica è un innovazione utilissima offerta da Internet. E possibile infatti al costo di una telefonata urbana (cioè del collegamento telefonico al nostro

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Manuale d istruzioni per le offerte

Manuale d istruzioni per le offerte Manuale d istruzioni per le offerte Sommario Sommario... 1 1. Tipologie di offerte... 2 2. Procedura di accesso al pannello di controllo... 3 3. Riepilogo prodotti... 3 4. Inserimento, modifica e cancellazione

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica.

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. Il lavoro si presenta piuttosto lungo, ma per brevità noi indicheremo come creare la pagina iniziale,

Dettagli

Cos è un word processor

Cos è un word processor Cos è un word processor è un programma di videoscrittura che consente anche di applicare formati diversi al testo e di eseguire operazioni di impaginazione: font diversi per il testo impaginazione dei

Dettagli

Nuovo sito internet Creare un attività/evento

Nuovo sito internet Creare un attività/evento Nuovo sito internet Creare un attività/evento Per creare un attività/evento dobbiamo essere loggati ed avere i permessi da redattore Dalla dashboard (barra nera in cima alla videata è sufficiente passare

Dettagli

Registrazione nuovo utente. Per registrare un nuovo utente cliccare sul link Registrazione

Registrazione nuovo utente. Per registrare un nuovo utente cliccare sul link Registrazione Manuale Gedos 2 Indice Indice... 3 Il Portale... 4 Registrazione nuovo utente... 5 Primo Logon... 8 Registrazione a Gedos... 9 Accesso ai Servizi... 11 Gestione Donatori... 12 Inserimento nuovo donatore...

Dettagli

File, Modifica, Visualizza, Strumenti, Messaggio

File, Modifica, Visualizza, Strumenti, Messaggio Guida installare account in Outlook Express Introduzione Questa guida riguarda di sicuro uno dei programmi maggiormente usati oggi: il client di posta elettronica. Tutti, ormai, siamo abituati a ricevere

Dettagli