CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI VOLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI VOLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA"

Transcript

1 CAMPIONAMENTO SPAZIALE A DUE PASSI PER INDAGINI OLTE ALL IDENTIFICAZIONE DI AREE A MAGGIOR PRESENZA DI RADON INDOOR IN LOMBARDIA Riccardo Borgoni, Piero Quatto, Daniela de Bartolo 2, Angela Alberici 2 Dipartimento di Statistica, Università degli Studi di Milano - Bicocca 2 ARPA della Lombardia, Settore Aria e Agenti Fisici, Milano ABSTRACT La Regione Lombardia ha realizzato fra il 2003 e il 2004 una prima campagna regionale di misura di radon indoor, di durata annuale, che ha compreso circa 3650 punti di misura situati in locali di unità immobiliari poste al piano terra e distribuite su tutto il territorio regionale,2. La base per il campionamento è stata una griglia a maglie regolari, di ampiezza differente a seconda della zona (pianeggiante o montuosa). L obiettivo di tale campagna era quello di studiare per la prima volta in Lombardia la distribuzione territoriale della concentrazione del radon indoor e cominciare ad individuare le aree a maggior presenza di radon. Ciò ha richiesto un integrazione del dato spaziale dal livello a cui era stato misurato (punti di misura) al livello desiderato (aree, ovvero comuni) e a questo scopo sono state effettuate elaborazioni statistiche e geostatistiche,3,4 che hanno portato all identificazione di Comuni con maggior probabilità di elevate concentrazioni di radon indoor. Nell ambito delle attività della Regione Lombardia connesse con l avvio del Piano Nazionale Radon per la riduzione del rischio di tumore polmonare in Italia (Pnr-Ccm, piano che il Ccm, Centro Nazionale per il controllo e la prevenzione delle Malattie, ha affidato all Istituto Superiore di Sanità), è emersa la necessità di approfondire ulteriormente la conoscenza della distribuzione territoriale delle concentrazioni di radon indoor, pianificando una campagna di misura da effettuarsi nel La nuova campagna di misura è mirata al reperimento di dati sulla concentrazione del radon indoor atti a integrare le informazioni raccolte nel A questo proposito, e a partire dai risultati e dalle valutazioni precedentemente effettuate, si è pensato ad un campionamento spaziale in due passi: nel primo stadio vengono selezionati un numero n di comuni presenti sul territorio regionale al fine di mirare il campionamento in aree più critiche e nel secondo stadio vengono selezionati i siti su cui effettuare le misurazioni all interno degli n comuni precedentemente individuati. PREMESSA La Giunta Regionale della Lombardia ha deliberato nel maggio 2003 di realizzare un piano per la mappatura del radon indoor nel territorio lombardo. L impostazione del piano era stata messa a punto da ARPA Lombardia, in collaborazione ed accordo con la DG Sanità della Regione. E stata quindi realizzata fra il 2003 e il 2004 una prima campagna regionale di misura di radon indoor, di durata annuale, che ha compreso circa 3650 punti di misura situati in locali di unità immobiliari poste al piano terra e distribuite su tutto il territorio regionale. La parte operativa era stata svolta dai Dipartimenti di Prevenzione Medici delle ASL in collaborazione con i Dipartimenti Provinciali di ARPA Lombardia. 604

2 La base scelta per il campionamento è stata una griglia a maglie regolari, di ampiezza differente a seconda della zona (pianeggiante o montuosa),2. In ogni maglia sono stati individuati dai 5 ai 0 punti di misura, situati in locali di tipo residenziale o uffici, aventi caratteristiche omogenee, cioè locali posti al pian terreno, in edifici costruiti o ristrutturati dopo il 970 (ovvero con presenza di cantina o vespaio) e caratterizzati da volumetrie non superiori a 300 m3 (non potevano essere considerati idonei: garage, rimesse, ripostigli, bagni, cucine o locali similari, né gli atri di accesso alle strutture pubbliche). L obiettivo di tale campagna era stato quello di studiare per la prima volta in Lombardia la distribuzione territoriale della concentrazione del radon indoor e cominciare ad indagare su quali fossero le aree a maggior presenza di radon. CAMPIONAMENTO SPAZIALE Per poter giungere ad avere delle informazioni su aree di territorio, a partire dai dati della campagna , è stata necessaria un integrazione del dato spaziale dal livello a cui era stato misurato (punti di misura) al livello desiderato (aree, ovvero comuni) e a questo scopo sono state effettuate elaborazioni statistiche e geostatistiche 4,5 che hanno portato ad evidenziare, in prima approssimazione, comuni con maggior probabilità di elevate concentrazioni di radon indoor. Nell ambito delle attività della Regione Lombardia connesse con l avvio del Piano Nazionale Radon per la riduzione del rischio di tumore polmonare in Italia (Pnr-Ccm, piano che il Ccm, Centro Nazionale per il controllo e la prevenzione delle Malattie, ha affidato all Istituto Superiore di Sanità), è emersa la necessità di approfondire ulteriormente le conoscenze allo scopo di avere informazioni più precise sulla distribuzione territoriale della concentrazione di radon indoor e sulla probabilità di trovare valori elevati di concentrazione di radon indoor nelle unità immobiliari situate nei vari comuni. Si è quindi proposto di realizzare una seconda campagna di misura annuale di radon indoor, da effettuarsi nel In questa campagna, fra le altre cose, si prevede di effettuare misure in locali di unità immobiliari distribuite sul territorio e aventi caratteristiche omogenee a quelle della precedente campagna regionale, al fine di migliorare la conoscenza relativa alle caratteristiche territoriali della distribuzione del radon indoor. A questo scopo si è pensato ad un campionamento spaziale in due passi in qualche misura analogo a quanto suggerito da van Groenigen (997). In questo lavoro viene proposto un piano di campionamento in cui vengono selezionati maggiormente quei siti per cui la probabilità di superare una predeterminata soglia di concentrazione dell inquinante (piombo) oltre la quale è prevista un azione di risanamento è sufficientemente elevata (in particolare tale probabilità è stimata tramite kriging indicatore e il valore fissato a priori è pari a 0.05). Nel caso da noi considerato, esistendo misurazioni preesistenti, si è deciso di non indagare ulteriormente quelle aree con basse concentrazioni di inquinante, ma di concentrare l attenzione solo su quelle ad elevata concentrazione. In particolare al primo passo la procedura di campionamento individua un numero di comuni tra quelli con elevate concentrazioni medie presenti sul territorio regionale, mentre al secondo passo sono identificati i singoli punti di misura all interno di ciascun comune selezionato al passo uno. L idea del piano campionario è quella di ottimizzare, nel senso che verrà precisato in seguito, le previsioni relative alla concentrazione del radon indoor a livello comunale concentrando l attenzione su aree che, in base all informazione disponibile dalla precedente campagna, erano state considerate esposte a concentrazioni medie particolarmente elevate. I vincoli di costo relativi a questa campagna di misurazione ha portato a fissare il numero massimo di punti di misura allocabili sul territorio in un numero pari a 500. Si descrivono nel seguito i due passi della procedura di campionamento proposta. 605

3 PRIMO STADIO Al primo stadio della procedura vengono selezionati un numero n di comuni tra quelli considerati eleggibili all interno del territorio regionale. Al fine di mirare il campionamento sulle aree più critiche, la lista dei comuni selezionabili è ristretta a 00 in base essenzialmente a due criteri. Il primo criterio mira ad individuare criticità in termini di evidenza di elevati livelli di concentrazione dell inquinante, mentre il secondo mira a selezionare aree in cui ci sono evidenze di elevata variabilità della previsione. Più precisamente al primo stadio sono stati estratti 00 comuni da una lista di 807 comuni considerati eleggibili. Sono stati considerati eleggibili i comuni con più di 500 abitanti e con un valore medio di concentrazione di radon indoor previsto superiore a 30 Bq/m 3 (circa il 60% dei comuni con più di 500 abitanti). Le stime dei valori medi di area sono state ottenute tramite il ricorso a metodi geostatistici 4. La scelta del campione di comuni è ottenuta tramite un algoritmo iterativo. L algoritmo viene inizializzato identificando le 00 aree municipali con la concentrazione media del radon indoor più elevata. La lista di questi comuni è poi aggiornata visitando sequenzialmente i rimanenti 707 comuni e valutando, in modo probabilistico, se il comune di volta in volta considerato, entra nella lista di campionamento. Ogni comune ha una probabilità di entrare nella lista finale - direttamente legata al numero di abitanti presenti nell area, al fine di favorire comuni con maggior popolazione presente, e quindi con maggior numero di persone potenzialmente esposte; - direttamente legata alla varianza della concentrazione media dell area, al fine di inserire nel piano campionario quei comuni per i quali si aveva una minore precisione nelle stime ottenute in base ai dati dell indagine precedente; - inversamente legata alla presenza nella lista dei comuni fino al quel punto inseriti nel piano campionario di comuni adiacenti al comune considerato, al fine di ridurre ridondanze nell informazione potenzialmente attribuibile a punti di misura geograficamente vicini. Se un comune candidato entra nel piano di campionamento, esce dalla lista dei 00 comuni fino a quel momento selezionati, quello con minore varianza, sempre in virtù del criterio di concentrare la nuova campagna di misura su aree dove, le previsioni ottenute in base alle analisi sui dati pregressi, erano meno precise. La concentrazione media di radon indoor per comune presenta un deciso effetto proporzionale, cioè ad aree in cui si riscontra una media elevata corrispondono aree con un elevata varianza, si veda la figura. I due criteri di media e varianza precedentemente ricordati tendono, quindi, a identificare le stesse aree ed a guidare la procedura di selezione. 606

4 sd media Figura : deviazione standard (sd) in funzione del valor medio di concentrazione di radon indoor stimato per comune tramite metodologie geostatistiche. Il campione di comuni selezionato è rappresentato in rosso nella mappa riportata in figura 2. La popolazione totale residente in essi è di abitanti secondo dati ISTAT aggiornati al campione finale Figura 2: comuni selezionati nel primo stadio della procedura di campionamento SECONDO STADIO Al secondo passo, la procedura di campionamento individua, sulla base di tecniche combinatorie di tipo stocastico, i punti di misura all interno dei comuni selezionati. I siti di misura relativi a ciascun comune sono selezionati in base al criterio di minimizzare l errore della previsione relativa a ciascun comune inserito nel piano di campionamento. Per far si che i punti di misura selezionati siano il più possibile prossimi ad edifici effettivamente presenti sul territorio, questi sono individuati solo nella parte urbanizzata di ciascun comune definita in base alla Carta Tecnica 607

5 Regionale e codificata in opportune basi cartografiche. In pratica ad ogni sito identificato dalla procedura è associato l edificio più vicino che entra quindi nel campione di edifici in cui sarà posto il dosimetro. Per ogni edificio campionato è poi individuata una lista di possibili sostituti in caso di rifiuto del proprietario dell edificio selezionato in prima istanza a partecipare alla campagna di misura. Tale lista è composta da edifici ad esso limitrofi identificati tramite un applicativo GIS. Il vantaggio principale della procedura proposta è quello di perseguire un campionamento spaziale ottimo (nel senso di ridurre la variabilità complessiva della previsione spaziale) mantenendo gestibile dal punto di vista computazionale la dimensione combinatoria del problema, nel senso che, in ognuno dei due stadi, il numero di unità appartenenti alle liste di campionamento è ragionevolmente limitato. Operativamente il numero di misure da effettuarsi nella nuova campagna è stato determinato stabilendo di avere, come numero significativo, 0 misure per comune conteggiando anche le misure della campagna 2003/2004. Quando in un comune estratto nello stadio sono già presenti 0 o più misure, non sono state indicate nuove misure da effettuare. Dai cento comuni inizialmente ipotizzati, si è quindi arrivati a 78 effettivi comuni nei quali effettuare le misure. Nella tabella è riassunto il numero di misure indicativo per provincia per un totale di 500 punti di misura. BG BS CO LC MI città MB Monza e SO A Totale Brianza n. Comuni n. punti di misura Tabella : numero di comuni e di punti di misura selezionati dalla procedura di campionamento, suddivise per provincia/asl di appartenenza La procedura di ottimizzazione al secondo passo è ottenuta applicando un algoritmo di simulated annealing, SA nel seguito, (Aarts e Korst, 990) al caso del campionamento spaziale. Si parlerà quindi di spatial simulated annealing (SSA nel seguito). L algoritmo SSA proposto è analogo a quello discusso da van Groenigen et al. (999), van Groenigen e Stain (998), van Groenigen (2000) nell ambito dell ampliamento di reti di monitoraggio ambientali, modificando opportunamente la funzione obiettivo che guida la procedura per tener conto che le previsioni spaziali richieste non sono a livello di singolo punto (come nel caso trattato dai lavori precedentemente menzionati), ma sono previsioni su valori aggregati a livello di area (il comune considerato). SA è un algoritmo di ottimizzazione stocastica originariamente introdotto nell ambito della fisica per simulare processi di annealing, ovvero quel processo termico che consente di ottenere lo stato a minima energia di un solido portato allo stato liquido per effetto di esposizione ad elevate temperature e poi lentamente raffreddato. 608

6 Si indichi con S un piano di campionamento consistente di un numero n di siti x,, x n e con φ(s) una funzione obiettivo (talvolta denominata di fitness) da S n in R + dove S n rappresenta l insieme di possibili piani di campionamento composti da n siti. Si indichi con S 0 S n un piano campionario inizialmente scelto in modo casuale semplice. Al passo i-esimo, l algoritmo aggiorna il piano di campionamento S i modificando un sito contenuto in S i scegliendolo in base ad un meccanismo aleatorio da un vettore di siti candidati preliminarmente individuato che, per comodità, vengono considerati predisposti su una griglia regolare. Il meccanismo aleatorio di scelta è denominato criterio di Metropolis ed è definito da: P P ( Si Si ) = se φ( Si+ ) φ( Si ) φ ( ) ( Si+ ) φ( Si ) S S = exp se φ( S ) > φ( S ) i i+ c i + dove P(A) indica la probabilità di A e c è un fattore che, al procedere dell algoritmo, si modifica in modo da ridurre la probabilità di selezione di configurazioni campionarie meno favorevoli in termini della funzione obiettivo scelta. Si osservi infatti che, mentre una configurazione più favorevole di quella disponibile in termini della funzione obiettivo al generico passo i della procedura viene scelta con probabilità, esiste una probabilità positiva di accettare configurazioni meno favorevoli di questa in termini della funzione obiettivo considerata. Il numero dei siti visitabili si riduce al procedere dalla procedura per agevolare la convergenza della stessa verso una soluzione ottima. La procedura si arresta quando nessun sito tra i candidati supera il criterio di Metropolis menzionato in precedenza. i LA FUNZIONE DI FITNESS La premessa del presente lavoro è che l obiettivo della previsione sia il valore della concentrazione del radon indoor a livello comunale. I valori di previsione devono quindi essere prodotti a livello aggregato partendo dalle rilevazioni puntuali. Tali previsioni aggregate possono essere ottenute seguendo procedure diverse. In particolare in questo lavoro si suppone che la previsione sia ottenuta per ogni area tramite un block kriging (Chiles e Delfiner, 999 pag. 95). L assunto è che la concentrazione di radon indoor misurata nel generico sito x possa essere considerata la realizzazione di un processo stocastico Y(x) con x D dove l insieme degli indici D rappresenta la regione di studio considerata e che l oggetto che si desidera prevedere è Y () = Y(x) dx cioè una media spaziale della traiettoria di tale processo calcolata su una sub-regione (comune) della regione D. Il previsore della concentrazione di radon indoor nel generico comune è di tipo lineare: n = αiy(xi ) i= Ŷ dove α,,α n sono dei coefficienti di ponderazione (detti pesi del block n kriging) tali che α i = i=, vincolo che garantisce la correttezza del previsore. La varianza della previsione kriging relativa all area è data da 609

7 n 2 σk ( ) = αiγ(, xi) + λ γ(,) i= dove λ è il moltiplicatore di Lagrange ottenuto dalla procedura di ottimizzazione vincolata che produce la previsione kriging e, indicando con γ(h) il semivariogramma di Y(x), γ(,) = γ(v w)dv dw e γ(, x = 2 i ) γ(v x i ) dv. La varianza del kriging misura la precisione della previsione fatta. Essa dipende dalla funzione del variogramma utilizzata e dalle locazioni dei siti di rilevazione, ma non dipende dai valori effettivamente misurati su di esse. Questo fornisce la possibilità di utilizzare σ 2 k () come funzione obiettivo nell ambito dell algoritmo SSA per il confronto di piani campionari alternativi. BIBLIOGRAFIA Aarts, E., Korst, J., 990. Simulated Annealing and Boltzmann Machines A Stochastic Approach to Combinatorial Optimization and Neural Computing. Wiley, New York. D. de Bartolo, A. Alberici, R. Gallini, T. Maggioni, S. Arrigoni, P. Cazzaniga, A. Cugini, F. Olivieri, M. Romanelli, G. Gallinari Piano di monitoraggio per l individuazione della radon prone areas nella regione Lombardia Atti del convegno AIRP Catania 5-7 settembre INDIIDUAZIONE AREE AD ELEATA PROBABILITA DI ALTE CONCENTRAZIONI DI RADON INDOOR (D.Lgs. 230/95 e s.m.i.) Stato delle informazioni disponibili e predisposizione delle attività volte all individuazione delle cosiddette radon prone areas sul territorio della Regione Lombardia. Documento predisposto dal Gruppo di Lavoro Interdisciplinare Radon Dipartimenti ARPA Lombardia e Settore AGF 3 INDAGINE PER L INDIIDUAZIONE DELLE RADON PRONE AREAS NELLA LOMBARDIA. Rapporto a cura della U.O. Agenti Fisici ed Energia, Settore Aria e Agenti Fisici, Arpa della Lombardia Milano Dipartimento ARPA di Bergamo, Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia; Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali, Dipartimenti Provinciali ARPA Lombardia. 4 R. Borgoni, A. Cremonesi, G. Somà, D. de Bartolo, A. Alberici Radon in Lombardia: dai valori di concentrazione indoor misurati, all individuazione dei Comuni con elevata probabilità di alte concentrazioni. Un approccio geostatistico. Atti Convegno AIRP (Associazione Italiana di Radioprotezione), asto, -3 ottobre 2007 JP Chiles, P Delfiner, 999, Geostatistics: Modeling Spatial Uncertainty, John Wiley & Sons, New York J.W. van Groenigen, A. Stein, R. Zuurbier 997 Optimization of environmental sampling using interactive GIS. Soil Technology, olume 0, J.W. van Groenigen A. Stein 998 Constrained optimisation of spatial sampling using continuous simulated annealing Journal of Environmental Quality, 27, J.W. van Groenigen, W. Siderius, A. Stein 999 Constrained optimisation of soil sampling for minimisation of the kriging variance Geoderma, olume 87, Issues 3-4, J.W. van Groenigen 2000 The influence of variogram parameters on optimal sampling schemes for mapping by kriging. Geoderma, olume 97, Issues 3-4,

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

Distribuzione territoriale del radon indoor nel Triveneto: un approccio di tipo geostatistico

Distribuzione territoriale del radon indoor nel Triveneto: un approccio di tipo geostatistico Distribuzione territoriale del radon indoor nel Triveneto: un approccio di tipo geostatistico Bertolo A. 1, Bigliotto C. 1, Giovani C. 2, Garavaglia M. 2, Verdi L. 3 e Pegoretti S. 4 1 ARPA Veneto Dipartimento

Dettagli

RADON IN LOMBARDIA: UN APPROCCIO GEOSTATISTICO PER L'INDIVIDUAZIONE DEI COMUNI CON ELEVATA PROBABILITA DI ALTE CONCENTRAZIONI

RADON IN LOMBARDIA: UN APPROCCIO GEOSTATISTICO PER L'INDIVIDUAZIONE DEI COMUNI CON ELEVATA PROBABILITA DI ALTE CONCENTRAZIONI RADON IN LOMBARDIA: UN APPROCCIO GEOSTATISTICO PER L'INDIVIDUAZIONE DEI COMUNI CON ELEVATA PROBABILITA DI ALTE CONCENTRAZIONI Riccardo Borgoni 1, Andrea Cremonesi 1, Giorgio Somà 1, Daniela de Bartolo

Dettagli

Radon prone areas: esperienze in Italia

Radon prone areas: esperienze in Italia 1 AIRP - AIRM Giornate Siciliane di Radioprotezione Radiazioni naturali: tra conoscenza e ricerca Vulcano, 23-24 maggio 2013 Radon prone areas: esperienze in Italia S. Bucci ARPAT - U.O. Radioattività

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER L'INDIVIDUAZIONE DELLE RADON PRONE AREAS NELLA REGIONE LOMBARDIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER L'INDIVIDUAZIONE DELLE RADON PRONE AREAS NELLA REGIONE LOMBARDIA PIANO DI MONITORAGGIO PER L'INDIVIDUAZIONE DELLE RADON PRONE AREAS NELLA REGIONE LOMBARDIA D. de Bartolo 1, A. Alberici 1, R. Gallini 1, T. Maggioni 1, S. Arrigoni 2, P. Cazzaniga 2, A. Cugini 2, F. Olivieri

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli

Analisi Statistica Spaziale

Analisi Statistica Spaziale Analisi Statistica Spaziale Posa D., De Iaco S. posa@economia.unile.it s.deiaco@economia.unile.it UNIVERSITÀ del SALENTO DIP.TO DI SCIENZE ECONOMICHE E MATEMATICO-STATISTICHE FACOLTÀ DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI DATI Gestione dei dati ambientali mediante strumenti GIS ed applicazione di tecniche geostatistiche per l elaborazione dei dati Maria Elena Piccione

Dettagli

Salute ed esposizione al radon

Salute ed esposizione al radon Il Ccm per la prevenzione - Ambiente e salute 23 giugno 2008 Salute ed esposizione al radon Stato dell'arte del progetto CCM Avvio del Piano Nazionale Radon per la riduzione del rischio di tumore polmonare

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE VENETO CON RIFERIMENTO ALLA MAPPATURA RADON

L ESPERIENZA DELLA REGIONE VENETO CON RIFERIMENTO ALLA MAPPATURA RADON Regione del Veneto e ARPAV L ESPERIENZA DELLA REGIONE VENETO CON RIFERIMENTO ALLA MAPPATURA RADON Flavio Trotti ARPA Veneto Giovanna Frison Regione Veneto Giornata di studio: La caratterizzazione delle

Dettagli

L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance)

L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance) L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance) 1 CONCETTI GENERALI Finora abbiamo descritto test di ipotesi finalizzati alla verifica di ipotesi sulla differenza tra parametri di due popolazioni

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

11. Analisi statistica degli eventi idrologici estremi

11. Analisi statistica degli eventi idrologici estremi . Analisi statistica degli eventi idrologici estremi I processi idrologici evolvono, nello spazio e nel tempo, secondo modalità che sono in parte predicibili (deterministiche) ed in parte casuali (stocastiche

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO. 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna

CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO. 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna PREMESSE Fino al 31/12/2015 la Lombardia era suddivisa in: - 15 ASL (Aziende Sanitarie Locali), in ognuna delle quali

Dettagli

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo

Page 1. Evoluzione. Intelligenza Artificiale. Algoritmi Genetici. Evoluzione. Evoluzione: nomenclatura. Corrispondenze natura-calcolo Evoluzione In ogni popolazione si verificano delle mutazioni. Intelligenza Artificiale In un ambiente che varia, le mutazioni possono generare individui che meglio si adattano alle nuove condizioni. Questi

Dettagli

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Barriere assorbenti nelle catene di Markov e una loro applicazione al web

Barriere assorbenti nelle catene di Markov e una loro applicazione al web Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N Corso di Laurea in Matematica a.a. 2001/2002 Barriere assorbenti nelle catene di Markov e una loro applicazione al web Giulio Simeone 1 Sommario Descrizione

Dettagli

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Radon in casa? NO, grazie!!! - Informazioni e consigli per i cittadini - A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Che

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

Rischio per la salute da RADON

Rischio per la salute da RADON 1/10 Bergamo 27 ottobre 2015 Rischio per la salute da RADON Pietro Imbrogno Area Salute e Ambiente 2/10 Percorso logico Il Radon come fattore di rischio: Radiotossicologia Effetti Sanitari ed evidenze

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

Francesco Toso e Antonio Mura. RdS/PAR2013/126 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Francesco Toso e Antonio Mura. RdS/PAR2013/126 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Raccolta dati per la determinazione e caratterizzazione delle tipologie di impianto

Dettagli

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 9. Cenni su euristiche e metaeuristiche per ottimizzazione combinatoria Motivazioni L applicazione di metodi esatti non è sempre possibile a causa della complessità del

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA PROGETTO OLTRE L AMIANTO ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA Lavoro effettuato dalla Classe 4^A PNI del LICEO SCIENTIFICO PALLI dell ISTITUTO SUPERIORE BALBO In collaborazione con il Prof. Marco Porta

Dettagli

Analisi Statistica di Dati Geografici: Metodologie e Problemi

Analisi Statistica di Dati Geografici: Metodologie e Problemi Analisi Statistica di Dati Geografici: Metodologie e Problemi Fabio Divino Università di Roma La Sapienza fabio.divino@uniroma1.it http://geostasto.eco.uniroma1.it/utenti/divino/ Sommario Perché analizzare

Dettagli

PROGETTO PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO RADON IN ABRUZZO 2005-2007 PRIMI RISULTATI

PROGETTO PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO RADON IN ABRUZZO 2005-2007 PRIMI RISULTATI PROGETTO PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO RADON IN ABRUZZO 2005-2007 PRIMI RISULTATI Gruppo di lavoro interdipartimentale coordinato dal Dipartimento di Pescara - Settore Fisico-Ambientale - Centro

Dettagli

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico Modellazione numerica nell ambito idrogeologico La modellazione numerica è un valido strumento per comprendere i fenomeni in atto e gli effetti sulle dinamiche della falda e sulla diffusione dei contaminanti

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

Innovazione continua nella elaborazione di dati telerilevati per la gestione del territorio

Innovazione continua nella elaborazione di dati telerilevati per la gestione del territorio Elisabetta Carfagna Innovazione continua nella elaborazione di dati telerilevati per la gestione del territorio Progetto PRIN 2005 Progettazione Statistica dell innovazione continua di prodotto U.O. Bologna

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FACOLTA DI INGEGNERIA Laurea Specialistica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. Aronica CORSO DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III Idrologia delle piene Lezione XII: I metodi diretti per la valutazione delle

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Ricerca informata. Scelta dell euristica

Ricerca informata. Scelta dell euristica Ricerca informata Scelta dell euristica SMA* (Simplified Memory-Bounded A*) SMA* espande sempre la foglia migliore finché la memoria è piena A questo punto deve cancellare un nodo in memoria SMA* cancella

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

A) LA CAMPAGNA REGIONALE RADON DELL ARPA VALLE D AOSTA

A) LA CAMPAGNA REGIONALE RADON DELL ARPA VALLE D AOSTA Il radon dove meno te lo aspetti: un caso particolare di elevate concentrazioni in Valle d Aosta, e le azioni di bonifica Roscio, F.; Ducourtil, M.; Agnesod, G. Arpa Valle d Aosta, loc. Grande Charrière

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

Strutturazione logica dei dati: i file

Strutturazione logica dei dati: i file Strutturazione logica dei dati: i file Informazioni più complesse possono essere composte a partire da informazioni elementari Esempio di una banca: supponiamo di voler mantenere all'interno di un computer

Dettagli

Ottimizzazione non Vincolata

Ottimizzazione non Vincolata Dipartimento di Informatica e Sitemistica Università di Roma Corso Dottorato Ingegneria dei Sistemi 15/02/2010, Roma Outline Ottimizzazione Non Vincolata Introduzione Ottimizzazione Non Vincolata Algoritmi

Dettagli

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO INIZIATIVE PER LA PREVENZIONE DAL RADON NEGLI AMBIENTI DI VITA IN VENETO Relazione Parte tecnica PREMESSA: Il radon è un gas nobile radioattivo, presente naturalmente nel suolo, nelle rocce, nelle falde

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

Progetto Strategico RISKNAT

Progetto Strategico RISKNAT Progetto Strategico RISKNAT Attività B 7.1 C 7.1 Analisi multirischio sul territorio piemontese. Ricadute operative di Protezione Civile. Postfazione Postfazione Le evoluzioni metodologiche e di gestione

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI. di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it

IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI. di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it COS'È IL RADON Isotopo Radiazione Emivita Uranio 238 alfa 4.5x10 9 anni Torio 234 Beta 24.1 giorni Protoattinio

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI

MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI Associazione Italiana di Acustica 41 Convegno Nazionale Pisa, 17-19 giugno 2014 MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI Fabio Scamoni

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003 Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI RIDUZIONE IMPATTO AMBIENTALE CERTIFICATI DI VALIDAZIONE DIFFUSIONE DELLE EMISSIONI ODORIGENE DAL CANALE DI INGRESSO DELL IMPIANTO DI NOSEDO: STUDIO DIFFUSIONALE DI CONFRONTO TRA RISULTATI DEL SISTEMA ODOWATCH

Dettagli

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi:

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi: Parte zero COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi costi: - rifacimento imp elettrico :9.000 - sostituzione infissi : 10.000 - sostituzione sanitari in bagno

Dettagli

Indice. Nota degli autori. 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa

Indice. Nota degli autori. 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa XI Nota degli autori 1 Capitolo 1 Introduzione alla ricerca operativa 1 1.1 Premessa 1 1.2 Problemi di ottimizzazione 6 1.3 Primi approcci ai modelli di ottimizzazione 13 1.4 Uso del risolutore della Microsoft

Dettagli

ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI

ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI ANTICIPAZIONI SULLO STUDIO QUANTITATIVO DANNI CATASTROFALI AL PATRIMONIO ABITATIVO ITALIANO E POSSIBILI SCHEMI ASSICURATIVI Roberto Manzato Convegno CINEAS Calamità naturali: assistenzialismo o prevenzione?

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto Gennaio 2005 Pag / indice 01 / Premessa 01 / Obiettivi 03 / Modalità dell intervento e tempi di realizzazione

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale

RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale RIAT+: uno strumento integrato per la definizione delle politiche ottime di qualità dell aria a scala regionale Gianfreda R., Maffeis G., Roncolato D. TerrAria s.r.l., via Melchiorre Gioia132, 20125 Milano

Dettagli

6.2 Modelli per il monossido di carbonio

6.2 Modelli per il monossido di carbonio 6.2 Modelli per il monossido di carbonio La serie temporale scelta per l addestramento è quella rilevata in via Piave poiché tra le stazioni idonee, per legge, al controllo di questo inquinante essa presenta

Dettagli

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Modulo NA/1 - pag. 1 di 2 Modulo NA/1 - NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Ecomia, Università Roma Tre La rilevazione delle ha come obiettivo la produzione delle stime ufficiali sugli occupati e sulle persone

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Il campionamento statistico

Il campionamento statistico Lezione 13 Gli strumenti per il miglioramento della Qualità Il campionamento statistico Aggiornamento: 19 novembre 2003 Il materiale didattico potrebbe contenere errori: la segnalazione e di questi errori

Dettagli

Il problema è di modellizzare tali dati geografici in modo da gestirli poi automaticamente con pacchetti software.

Il problema è di modellizzare tali dati geografici in modo da gestirli poi automaticamente con pacchetti software. ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE DI DATI GEOGRAFICI Il tema di cui vogliamo occuparci è la modellizzazione dei dati geografici, intendendo con questo termine un qualsiasi dato-fenomeno che possa essere georeferenziato,

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 7. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 7. NOTA METODOLOGICA: LA COSTITUZIONE DELLA BANCA DATI INTEGRATA DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Fase propedeutica all analisi del patrimonio immobiliare è la ricostruzione

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE

ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE e-mail: tommei@dm.unipi.it web: www.dm.unipi.it/ tommei Ricevimento: su appuntamento Dipartimento di Matematica, piano terra, studio 114

Dettagli

PROGETTO OPEN MATERA CONTEST INTRODUZIONE

PROGETTO OPEN MATERA CONTEST INTRODUZIONE Ideato e realizzato da: dr. SCASCIAMACCHIA ENZO PROGETTO OPEN MATERA CONTEST INTRODUZIONE Il presente Progetto, completamente pensato e realizzato con strumenti open source, prende spunto dal lavoro di

Dettagli