Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010"

Transcript

1 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii Bellizoa Aprile 11

2 Esperti: LIMNOS Fischutersuchuge Pietro Volta Dr. Rudolf Müller CNR-Istituto per lo Studio degli Ecosistemi Bärhalte 1 Largo Toolli 5 CH- Horw I-9 Verbaia Pallaza Tel Tel Fax Fax Horw e Pallaza, 15 aprile 11 Fotografia i prima pagia: vista del Lago Maggiore da Oggebbio verso sud. Fotografia: R. Müller

3 1 Esecuzioe delle idagii (secodo Promemoria della riuioe del 1..1 a Gudo) 1.1 Motivazioe della prosecuzioe dello studio Lo studio codotto dalla ditta LIMNOS el (Müller ) ha permesso di dare idicazioi sulla crescita delle due (pricipali) forme di coregoe preseti el Verbao (lavarello e bodella). Ha altresì evideziato come i base alle curve idividuali di crescita e quidi all osservazioe delle scaglie, sia possibile discrimiare co buoa certezza le due forme. Soo state forite idicazioi sulla struttura demografica del pescato sperimetale. La stessa o è stata tuttavia riteuta rappresetativa della realtà pratica (pesca professioale) siccome i campioameti, per garatire la separazioe spaziale delle popolazioi delle due forme, soo avveuti durate il periodo riproduttivo. Per questo motivo si è voluto verificare la composizioe del pescato covezioale. I lavori soo stati eseguiti da operatori svizzeri e italiai secodo il piao di lavoro sotto elecato. I due operatori hao redatto parallelamete dei rapporti specifici che soo stati icorporati el rapporto fiale. 1. Obbiettivi pricipali 1. Forire idicazioi sul cotributo specifico delle due forme di coregoe al pescato professioale, i relazioe alla stagioe e al tipo di rete utilizzata.. Forire idicazioe della composizioe demografica del pescato delle due forme, i relazioe alla stagioe e al tipo di rete impiegata. 3. Valutare se l impiego delle reti attualmete i uso comporta dei problemi di sovrasfruttameto (cattura di esemplari troppo giovai) o di u evetuale sfruttameto o ottimale (iizio della pressioe di pesca solo su classi d età troppo vecchie). 1.3 Piao di lavoro - Campage stagioali i primavera, estate ed autuo 1; - esame di ca. esemplari per stagioe per il comparto CH (pescate co reti covezioali da parte dei pescatori professioisti); - esami di campioameti sui peschi CH direttamete sul posto da parte di R. Müller; - esame di ca. esemplari per stagioe per il comparto italiao da parte di Pietro Volta; - complessivamete verrebbero esamiati coregoidi. 3

4 I dati da raccogliere stagioalmete sui ca. idividui soo i segueti: - Lughezza totale co posizioe aturale della pia caudale; - lughezza corporea (fio all estesioe delle scaglie sul peducolo caudale); - peso; - sesso; - grado di maturità sessuale (criteri e scala da cocordare tra gli operatori). I campioi da raccogliere e da coservare per le aalisi soo i segueti: - 1 arco brachiale; - scaglie raccolte dalla prima liea sotto la liea laterale a metà pesce. Aalisi da effettuare sul materiale raccolto: - coteggio delle brachiospie; - determiazioe dell età e aalisi scalimetrica per la retrocalcolazioe della crescita idividuale. Itercalibrazioe U test d itercalibrazioe per l aalisi scalimetrica è stato eseguito tra il materiale svizzero e italao. Per questo scopo gli autori hao scambiato i preparati co le scaglie di ua vetia di idividui. I coregoi campioati su territorio italiao soo stati aalizzati da P. Volta, quelli campioati su territorio svizzero da R. Müller. Dopo u test di itercalibrazioe scalimetrica che risultava i completa cocordaza, i dati soo stati utilizzati dai due esperti.

5 La pesca del coregoe el Lago Maggiore L origie dei coregoi, pesci o autoctoi, el Lago Maggiore è il risultato di varie immissioi avveute egli ai 1-1 per il lavarello e el 195 per la bodella (Berg & Grimaldi 195). Fio all ao 1991 i coregoi erao molto importati per la pesca professioale, co ua produzioe aua pari a 15- kg/ha pari al 5-9% del redimeto totale (fig. 1). A partire del 1991 il redimeto dei coregoi è poi sceso a pochi kg per ettaro, co ua proporzioe di coregoi compresa solamete tra il 1 e il % egli ai dopo il kg/ha 5 Altri Cipriidi Pesce persico Agoe Coregoi Ao Fig. 1: Redimeto della pesca professioale ella parte svizzera del Lago Maggiore, ai 19 a 1. Dati Ufficio della caccia e della pesca del Cato Ticio. Secodo il regolameto della pesca (CANTONE DEL TICINO 7), la maglia miima cosetita per la pesca dei coregoi el Lago Maggiore è di mm per il lavarello ( Riadaresc volate e da posta) e di 3 mm per la bodella ( Reet da budela volate, da posta e da fodo). La lughezza miima di cattura à fissata pari a 3 cm per il lavarello e a 5 cm per la bodella. La pesca dei coregoidi è chiusa tra il 15 di ovembre e il di geaio (periodo di divieto di pesca). Dal 1 geaio la pesca al lavarello e al coregoe sp. è cosetita esclusivamete utilizzado la rete volate deomiata Riadaresc co le modalità e le idicazioi descritte ella CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE (199) e el regolameto di applicazioe (CANTONE DEL TICINO 7). 5

6 3 Materiale e metodologia 3.1 Materiale aalizzato I pesci aalizzati soo stati prelevati durate l estate 1 dalle pescate del Sig. Walter Braca, pescatore professioale a Vira Gambarogo (Svizzera), e dall Istituto Italiao di Idrobiologia a Pallaza (Italia), ella parte cetrale del lago (Ghiffa-Isola Madre-Stresa). Il materiale dispoibile è riportato i seguito: Pesci catturati su territorio svizzero al largo di Vira Gambarogo: 7 maggio 1: 71 coregoi di reti volati, maglia 3 mm 3 luglio 1: coregoi di reti da fodo, maglia mm, e 7 coregoi di reti da fodo, maglia 3 mm 15-7 settembre 1: 1 coregoi di reti volati, maglia 35 mm, coregoi di reti volati, maglia mm, 1 coregoi di reti da fodo, maglia 3 mm, e 35 coregoi di reti da fodo, maglia mm 3-7 ottobre 1: 51 coregoi di reti volati, maglia 3 mm, 9 coregoi di reti da fodo, maglia 3 mm, e 7 coregoi di reti da fodo, maglia mm Totale parte svizzera coregoi Pesci catturati su territorio italiao ella parte cetrale del lago: 13 aprile 1: 1 coregoi di reti di maglia 5 mm, coregoi di reti di maglia 3 e 3 mm, e 3 coregoi di reti di maglia mm 11 maggio 1: 3 coregoi di reti di maglia 3 mm, coregoi di reti di maglia 3 mm, e coregoi di reti di maglia mm luglio 1: 1 coregoi di reti di maglia 3 mm, 7 coregoi di reti di maglia 3 mm, e 5 coregoi di reti di maglia e 5 mm 9 luglio 1: 3 coregoi di reti di maglia 3 mm, 1 coregoi di reti di maglia 3 mm, e 9 coregoi di reti di maglia e 5 mm 11 ovembre 1: coregoi di reti di maglia mm geaio 11: coregoi di reti di maglia 3 mm, 7 coregoi di reti di maglia 3mm, e 1 coregoi di reti di maglia, 3 e mm Totale parte italiaa 51 coregoi

7 3. Metodologia utilizzata L età dei pesci aalizzati è stata determiata tramite la lettura delle scaglie. Ciò è reso possibile dal fatto che la crescita si ferma i ivero (mesi di ovembre a marzo-aprile), metre i pesci crescoo durate il periodo caldo, duque tra aprile-maggio e ottobre. Questo fatto si ripercuote sulla struttura delle scaglie, sulle quali è possibile idividuare il umero d iveri passati dal pesce. Per la determiazioe della crescita, le scaglie soo state misurate e la crescita calcolata secodo la procedura dettagliata i Müller (). Per la rappresetazioe delle curve di crescita soo stati iseriti i valori medi alla fie dell ao. L idetificazioe delle specie di coregoe è stata realizzata secodo la metodologia già utilizzata da Müller (): la lughezza aturale di ogi pesce all età di due, tre o quattro ai (lughezza effettiva o retrocalcolata) è stata attribuita a ua delle due specie secodo i valori di separazioe presetati i tabella 1 ed esemplificata i fig. 3. Il umero di brachiospie è stato utilizzato come idicazioe supplemetare (fig. ). Così, tutti i coregoi soo stati classificati o come bodella o come lavarello. Tabella 1: Rappresetazioe delle coorti el materiale aalizzato, e criterio di separazioe delle due forme di coregoe el Lago Maggiore. Coorte Numero Numero Totale Separazioe lughezza totale (mm) (ato i ao) lavareli bodelle coregoi 1 ao ao 3 ao ao > > >313 > totale

8 Risultati 1 Idetificazioe delle specie di coregoe I coregoi possoo essere idetificati secodo varie caratteristiche. Da ua parte, il umero di brachiospie (BSP) permette di separare specie plactofaghe da specie tedezialmete betofaghe (BERG & GRIMALDI 195). Secodo questi autori, i lavarelli hao 3-3 BSP (media 31.1, riproduttori litorali 3.), metre le bodelle hao 33- BSP (media 37.7). D altra parte, la crescita differeziata tra le specie permette di assegare u idividuo ad ua delle due specie. Quest ultimo metodo è stato utilizzato da Müller () per idetificare le due specie di coregoe el Lago Maggiore. 5 A 17 bodelle valore medio lavarelli valore medio BSP B 1 bodelle valore medio lavarelli valore medio BSP Fig. : Distribuzioe del umero di brachiospie BSP delle due forme di coregoe del Lago Maggiore: A) pesci campioati i Svizzera, B) pesci campioati i Italia. Lavarelli i blu, bodelle i rosso. La fig. rappreseta la distribuzioe del umero di brachiospie delle due forme di coregoe del Lago Maggiore campioate su territorio svizzero e italiao. L idetificazioe defiitiva delle due specie è però eseguita secodo la crescita idividuale.

9 Il umero medio di brachiospii delle due forme di coregoe e la sua variazioe stadard soo stati determiati co i valori segueti: Materiale svizzero: Materiale italiao: Bodella: media 37., Stdev. 1.9, 17 pesci Lavarello: media 31.7, Stdev..5, pesci. Bodella: media 35.3, Stdev.., 1 pesci Lavarello: media 3.7, Stdev. 3.7, pesci. Fig. 3: Distribuzioe della lughezza (effettiva e retrocalcolata) dei coregoi proveieti dal Lago Maggiore, coorte, parte svizzera. Il gruppo alla siistra della liea rossa tratteggiata rappreseta la bodella, il gruppo alla destra il lavarello. 9

10 . Accrescimeto delle due specie di coregoe Le due forme (o specie) di coregoe del Lago Maggiore si distiguoo o solo per il umero di brachiospie (cap..1) ma ache per la loro crescita (Müller ). La fig. rappreseta la crescita della bodella, la fig. 5 quella del lavarello come evideziato sul materiale campioato i Svizzera e i Italia Bodella (CH) ai 3 ai ai ao Ao 5 3 Bodella (I) ai 3 ai ai ao Ao Fig. : Crescita della bodella el Lago Maggiore. Pesci proveieti da campioi svizzeri (CH) e italiai (I). Crescita per coorte e per classe di età. Lughezza media alla fie dell ao, co itervalli di 95% di cofideza della media. Curve co meo di tre valori soo idicate co liee tratteggiate e seza itervalli di cofideza. 1

11 5 5 3 Lavarello (CH) 3 ai ai ai 3 1 ao Ao 5 3 Lavarello (I) ai 3 ai ai 1 ao Ao Fig. 5: Crescita del lavarello el Lago Maggiore. Pesci proveieti da campioi svizzeri (CH) e italiai (I). Crescita per coorte e per classe di età. Lughezza media alla fie dell ao, co itervalli di 95% di cofideza della media. Curve co meo di tre valori soo idicate co liee tratteggiate e seza itervalli di cofideza. La crescita delle due forme di coregoe può essere cosiderata uiforme per il lago itero. Le differeze soo miime e si trovao all itero degli itervalli di cofideza. I risultati della bodella cocordao più o meo co i risultati presetati da SPREAFICO et al. (197) per l ao

12 .3 Rappresetazioe dei coregoi secodo stagioe e reti utilizzate La lughezza dei coregoi catturati e la preseza delle due forme di coregoe dipede dalla maglia delle reti utilizzate e della stagioe (fig. e 7). La lughezza dei pesci catturati elle reti co maglia iferiore a 35 mm è prevaletemete iferiore a 33 mm per la gra parte dell estate. Le reti di maglia 35 mm o superiore predoo pesci fio a ca. mm di lughezza. La maggior parte dei pesci più piccoli di 33 mm soo bodelle. Questi pesci soo ell età di + (el terzo ao) e fio a 5+ (fig. e 7). A causa della crescita più rapida, il lavarello costituisce la maggior parte del catturato elle reti co maglia superiore a 35 mm. Questa situazioe si preseta soprattutto i ottobre: il % dei lavarelli catturati i ottobre su territorio svizzero i maglia -37 mm erao 1+, duque el secodo ao di vita. La loro lughezza era sempre maggiore di 7 mm. La proporzioe dei lavarelli, pesci a crescita rapida, elle reti di maglie -3 mm poste per catturare le bodelle ei mesi di maggio fio a settembre è rimasta molto modesta per quato riguarda la parte svizzera: tra i 11 pesci campioati durate questo periodo elle reti co maglia -3 mm, solo tre lavarelli soo stati preseti. Per il territorio italiao, ello stesso periodo di tempo, 15 lavarelli e 1 bodelle si trovavao elle reti di maglia -3 mm. Metre le reti di maglia piuttosto piccola, cioè fio a 3 mm, soo idoee per catturare la bodella, reti di maglia a partire di 35 mm oppure mm predoo soprattutto lavarelli (fig. e 7). Secodo i risultati otteuti, le reti volati soo preferibilmete utilizzate i estate per la pesca del lavarello. La pesca della bodella si fa ivece co reti volati e da fodo (fig. ). 1

13 maggio 1 rete volate 3 mm 71 pesci LA 1(+) LA (+) LA 3(+) LA (+) LA 5(+) LA (+) Bo 1(+) Bo (+) Bo 3(+) Bo (+) Bo 5(+) Bo (+) luglio 1 LA 1+ Bo 1+ LA + Bo + rete da fodo mm LA 3+ Bo 3+ LA + Bo + LA 5+ Bo pesci LA + Bo luglio 1 rete da fodo 3 mm bodelle settembre 1 LA 1+ Bo 1+ LA + Bo + rete volate 35 mm LA 3+ Bo 3+ LA + Bo + LA 5+ Bo 5+ 1 pesci LA + Bo settembre 1 rete volate mm lavarelli Fig : Distribuzioe lughezza ed età dei coregoi per specie i 1, parte svizzera. 13

14 settembre 1 rete da fodo -3 mm 35 pesci LA 1+ LA + LA 3+ LA + LA 5+ LA + Bo 1+ Bo + Bo 3+ Bo + Bo 5+ Bo settembre 1 rete da fodo 3-35 mm 1 bodelle ottobre 1 LA 1+ Bo 1+ LA + Bo + rete da fodo mm LA 3+ Bo 3+ 1 LA + Bo + 7 pesci LA 5+ Bo 5+ LA + Bo ottobre reti da fodo e volate 3-37 mm pesci Fig : Parte svizzera (cotiuata). 1

15 1 13 aprile 1 rete maglia 5 mm 1 pesci LA 1(+) LA (+) LA 3(+) LA (+) LA 5(+) LA (+) Bo 1(+) Bo (+) Bo 3(+) Bo (+) Bo (5)+ Bo (+) aprile 1 rete maglia 3-3 mm pesci 13 mm aprile 1 rete maglia mm 3 pesci Fig 7: Distribuzioe lughezza ed età dei coregoi per specie i 1, parte italiaa. 15

16 1 11 maggio 1 rete di maglia 3 mm 3 pesci LA 1+ LA + LA 3+ LA + LA 5+ LA + Bo 1+ Bo + Bo 3+ Bo + Bo 5+ Bo maggio 1 rete di maglia 3 mm pesci maggio 1 rete di maglia mm pesci Fig. 7: Parte italiaa (cotiuata). 1

17 luglio 1 rete di maglia 3 mm 59 pesci LA 1+ LA + LA 3+ LA + LA 5+ LA + Bo 1+ Bo + Bo 3+ Bo + Bo 5+ Bo luglio 1 rete di maglia 3 mm 1 pesci luglio 1 rete di maglia -5 mm 1 pesci Fig. 7: Parte italiaa (cotiuata). 17

18 1 11 ovembre 1 rete di maglia mm pesci LA 1+ LA + LA 3+ LA + LA 5+ LA + Bo 1+ Bo + Bo 3+ Bo + Bo 5+ Bo geaio 11 rete maglia 3-3 mm 9 pesci LA 1(+) LA (+) LA 3(+) LA (+) LA 5(+) LA (+) Bo 1(+) Bo (+) Bo 3(+) Bo (+) Bo (5)+ Bo (+) geaio 11 rete maglia - mm 1 pesci Fig. 7: Parte italiaa (cotiuata). 1

19 5 Discussioe dei risultati 5.1 Preseza delle due forme di coregoe La CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE (199, co bozza di revisioe ) e il Regolameto di applicazioe della Legge catoale sulla pesca e sulla protezioe dei pesci e dei gamberi idigei (CANTONE DEL TICINO 7) prevedoo che la bodella sia catturata co reti volati di maglia 3-33 mm e 3-37 mm, oppure co reti da fodo di maglia 3-3 mm ( Reet da budela ). Per la pesca del lavarello, la covezioe iterazioale e il regolameto catoale prevedoo l uso di reti volati di maglia - mm ( Riadaresc ). Le reti da fodo o soo previste per la pesca del lavarello. Come già evideziato el capitolo.3, le due specie di coregoe soo preseti elle catture secodo la maglia utilizzata per la pesca: metre le reti di maglia fio a 3 mm predoo quasi esclusivamete la bodella, le reti di maglia a partire di 35 mm oppure mm catturao piuttosto il lavarello. Nella pescata svizzera del 15 settembre 1 co la rete volate di 35 mm si trovavao 9 lavarelli e 3 bodelle. La rete volate di mm posta la stessa giorata predeva lavarelli e essua bodella (fig. ). Secodo questi risultati, le due specie di coregoe soo catturate specificamete utilizzado o reti volati e da fodo co maglia fio a 3 mm per la bodella, o reti volati co maglia a partire di mm per il lavarello. 5. Composizioe demografica del pescato Le reti di maglia 3-35 mm (volati, da posta e da fodo) per catturare la bodella da maggio a settembre ella parte svizzera predevao bodelle co questa composizioe demografica: %.5% 7.%.5%.7% Ivece, le reti di maglia mm (poste sul fodo) ello stesso periodo predevao bodelle come segue: % 5.3% 35.% 11.3% 5.7% Si osserva che le reti di maglia mm prelevao bodelle a u età più giovae di u ao, comparadole alle reti di maglia 3-35 mm. Il materiale svizzero proveiete da reti poste per catturare il lavarello, cioè reti volati di maglia mm o più, è scarso: solo sei lavarelli catturati il 15 settembre 1 i reti di mm potevao essere aalizzati. Questi pesci erao all età di + ( idividui), 3+ (1 idividuo) e + (3 idividui). U altra pescata ella quale il lavarello era maggiormete presete era quella del 15 settembre 1 co reti volati di 35 mm: i queste reti che davao ache tre bodelle di +, 3+ e + si trovavao ove lavarelli: due 1+, due +, tre 3+, e uo ciascuo di + e 5+. La pesca del 3-7 ottobre 1 co reti volati e da fodo di maglia 3-37 mm dava ua rassega che comportava 3 bodelle e 37 lavarelli (fig. ). Nelle reti volati di maglia 3-35 mm furoo catturati 1 bodelle e 33 lavarelli. I coregoi presi elle reti volati di 3-35 mm erao i maggioraza dei lavarelli 1+. Gli altri lavarelli apparteevao alle classi di età +, 3+, + e 5+. Tra le bodelle catturate i queste reti, la classe di età 3+ era la più abbodate. Nelle reti volati di maglia 37 mm si trovavao due lavarelli + e due lavarelli 3+. Le reti da fodo di maglia 3-35 mm catturavao ove bodelle. 19

20 Il materiale di proveieza italiaa presetava quasi lo stesso risultato: metre le maglie fio a 3 mm davao bodelle i grade maggioraza, reti di maglia mm o più grade catturavao quasi esclusivamete lavarelli all età di 3 ai o più (fig. 7). Nella maglia 35 mm si trovava u buo umero di lavarelli all età di Praticità delle reti attualmete i uso per la pesca dei coregoi I risultati otteuti dallo studio dei coregoi catturati co differeti reti ell estate di 1 permettoo di tirare le coclusioi segueti. Sovrasfruttameto: U sovrasfruttameto ha luogo se i pesci soo catturati troppo giovai, seza aver avuto la possibilità di riprodursi ua volta oppure due volte. Siccome oggi i popolameti dei coregoi del Lago Maggiore dipedoo esclusivamete dalla riproduzioe aturale, questo puto è importatissimo: la perpetuità dei coregoi dipede da ua popolazioe sufficiete di geitori che si riproduce el lago e che dà luogo alle uove geerazioi. La buoa preseza dei coregoi, a frote dell asseza di immissioi di pesci giovai, è prova del corretto fuzioameto della riproduzioe aturale. La maturità sessuale dei lavarelli sembra essere raggiuta, almeo per i maschi a crescita rapida, verso la fie del secodo ao di vita (da 1+). Questo fatto però è stato osservato su u umero limitato di quattro lavarelli el materiale aalizzato durate il periodo riproduttivo di dicembre e 7 (Müller ). Al mometo duque o è possibile stabilire co certezza se, rispetto al lavarello, si possa verificare u sovrasfruttameto. Ulteriori idagii soo ecessarie per aggiorare i dettaglio le iformazioi relative alla biologia riproduttiva di questa specie. Per quato riguarda la bodella, dal materiale presetato i questo rapporto risulta che tutte le bodelle soo mature verso la fie del terzo ao di vita (da +). Tra le due bodelle 1+ catturate i ottobre 1, c era u maschio di mm che era maturo, metre l altro pesce, ua femmia di 17 mm, rimaeva immatura. Co le reti legali, la grade maggioraza delle bodelle riesce duque a riprodursi almeo ua volta co età + prima di essere pescate. I risultati di questo studio idicao che la pesca ai coregoidi co gli attrezzi idicati dal Regolameto è sostazialmete corretta per quato riguarda la bodella, o coducedo ad uo sovrasfruttameto; per quato riguarda il lavarello ivece o è possibile arrivare alle stesse coclusioi co lo stesso grado di certezza. Ioltre si sottoliea che la misura miima di cattura della bodella pari a 5 cm appare idoea. Sfruttameto o ottimale: Uo sfruttameto o ottimale si realizza quado gli attrezzi o riescoo a catturare il pesce a u età appropriata. Questa età è situata dopo il raggiugimeto della maturità sessuale, duque dopo il primo oppure il secodo periodo di riproduzioe. Sego di uo sfruttameto o ottimale è la proporzioe elevata di pesci vecchi elle pescate. Nel caso dei coregoi del Lago Maggiore, il pesce può essere raccolto a partire del quarto ao di vita, da 3+. Ua parte miore del popolameto può magari essere pescata durate il terzo ao di vita, da +. Per la bodella, lo sfruttameto attuale co reti di maglia miimale di 3 mm appare adeguato: La maggioraza dei pesci catturati si trova el quarto ao di vita (3+, fig. ) oppure el quito ao di vita (fig. 7). La proporzioe di pesci + è miima, e ache pesci

21 più vecchi soo presi. La maglia miima di 3 mm per reti desigate alla pesca della bodella appare duque idoea. Per quato riguarda il lavarello, il materiale svizzero a disposizioe per chiarire la questioe dell ottimale sfruttameto è scarso. Secodo la fig., il lavarello è catturato soprattutto elle reti volati. Nella rete di maglia mm posta il 15 settembre 1, tutti i pesci catturati erao lavarelli all età di +, 3+ e +. I pratica, la cattura accidetale di lavarelli elle reti di maglia al di sotto di mm poste per la pesca della bodella o può essere totalmete evitata. Questa osservazioe vale soprattutto per le reti volati co maglia mm: la maggior parte dei pesci presi il 15 settembre 1 elle reti volati co maglia da 35 mm erao lavarelli. La pescata del 3-7 ottobre 1 co reti co maglia da 3-35 mm risultava i maggioraza costituita da lavarelli giovai 1+. Ifie, le reti volati di 37 mm poste il 7 ottobre 1 catturavao solamete lavarelli. Il materiale italiao è ivece più abbodate e permette di tirare le coclusioi segueti. Il materiale esamiato idica che il lavarello catturato ella maglia mm o più grade si trova maggiormete all età di 3 ai (3+ o più). Alcui lavarelli pescati i luglio erao di età + (fig. 7). Cosiderado la situazioe evideziata dai risultati otteuti si può sosteere che il regolameto i vigore riguardate la pesca del lavarello appare giustificato e che la maglia della rete pari a mm è duque adeguata. Si deve far otare che l utilizzo di reti co maglia iferiore mm cotribuisce progressivamete alla riduzioe della cosisteza della popolazioe di lavarello a causa della selezioe di idividui giovai, co u effetto idesiderato sulla sosteibilità del popolameto di questa forma di coregoe. E ecessario altresì sottolieare che la misura miima di cattura del lavarello pari a 3 cm o sembra ottimale per il suo sfruttameto, cocorredo alla cattura di idividui potezialmete acora immaturi. U approfodimeto relativo alla biologia riproduttiva del lavarello e della bodella (taglia riproduttiva di maschi e femmie e fecodità) sarebbe comuque auspicabile per defiire i misura più completa e specifica le liee guida per ua gestioe sosteibile di queste specie ache alla luce dell evoluzioe dello stato trofico del Lago Maggiore. Ifie, visto che lo stato trofico del Lago Maggiore potrebbe cotiuare a dimiuire egli ai a veire, sarà opportuo ripetere l aalisi della composizioe demografica del catturato tra cique - dieci ai. 1

22 Documeti BERG, A. & GRIMALDI. E. (195). Biologia delle due forme di Coregoe (Coregous sp.) del Lago Maggiore. Mem. Ist. Ital. Idrobiol. 1: CANTONE DEL TICINO (7). Regolameto d applicazioe della Legge catoale sulla pesca e sulla protezioe dei pesci e dei gamberi idigei (del 15 ottobre 199). Stato 1 geaio 7. p. CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE tra la Repubblica Italiaa e la Cofederazioe Svizzera. I vigore dal 1 Aprile 199; 1 p. BOZZA DELLA CONVENZIONE del 1 aprile co modifiche; p. COMMISSIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA (). Regolameto d applicazioe della Covezioe per la pesca elle acque italo-svizzere tra la Repubblica Italiaa e la Cofederazioe Svizzera. I vigore dal 1 geaio. 15 p. MÜLLER, R. (). Utersuchuge über das Wachstum der Coregoe im Lago Maggiore, im Auftrag des Dipartimeto del territorio, Via Stefao Frascii 17, 51 Bellizoa. April, 1 p. SPREAFICO, E., BERG, A. & GRIMALDI. E. (197). Accrescimeto e fecodità del coregoe bodella (Coregous sp.) cosiderati i rapporto alle modificazioi trofiche del Lago Maggiore. Mem. Ist. Ital. Idrobiol. 31: 5-.

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA in vigore dal 1 Aprile 1989 Il GOVERNO ITALIANO ed il CONSIGLIO FEDERALE SVIZZERO al fine di

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Milao Italy Master i Maagemet per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patroato del Presidete della Repubblica Lettera del Direttore Il Maestro Bertolt Brecht diceva che lo spettacolo

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO)

PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO) PESCA DILETTANTISTICA SUL LAGO DI LUGANO (CERESIO) 1. LA LICENZA DI PESCA Per pescare nelle acque della provincia di Como bisogna avere la licenza di pesca. Senza licenza possono pescare soltanto i minori

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano Pescare a mosca in Val d Ultimo Merano Finalmente le vacanze ed il tempo per rilassarsi e staccare la spina. Cosa c è di più allettante di riprendere la canna da pesca e, in un tiepido giorno d estate,

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS.

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Ultimo aggiornamento: dicembre 2014 Inhalt. 1 Indicazioni generali sul CI/CD delle FFS.... 2 1.1 Principi relativi all immagine

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO PASSIONE PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO TECNICA PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO MACCHINE INNESTATRICI NASTRI PER LA SELEZIONE E PARAFFINATURA MACCHINE STENDITELO E RACCOGLITELO STERRORACCOGLITORI

Dettagli