I cittadini comunitari. A cura dell'avv. Giulia Perin ASGI, Associazione per gli Studi Giuridici sull'immigrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I cittadini comunitari. A cura dell'avv. Giulia Perin ASGI, Associazione per gli Studi Giuridici sull'immigrazione"

Transcript

1 I cittadini comunitari A cura dell'avv. Giulia Perin ASGI, Associazione per gli Studi Giuridici sull'immigrazione (scheda aggiornata a marzo 2008) LE NORME CHE REGOLANO LA CONDIZIONE GIURIDICA DEI CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA. I principi a) della prevalenza del diritto comunitario sul diritto italiano, in caso di contrasto, e b) della derogabilità del diritto comunitario da parte di norme interne più favorevoli. a) A differenza di quanto avviene per i cittadini extracomunitari, il cui regime è essenzialmente deciso dal legislatore nazionale, lo statuto dei cittadini dell Unione europea trova la sua fonte principale e inderogabile nel diritto comunitario. Il principio della prevalenza del diritto comunitario ha tre principali conseguenze: 1) il legislatore italiano, nel disciplinare i diritti e i doveri dei cittadini comunitari, deve conformarsi a quanto disposto dalle fonti del diritto comunitario: tra tali fonti, vanno considerati non solo gli atti normativi della Comunità europea, ma anche le sentenze della Corte di Giustizia, che hanno negli ordinamenti degli Stati membri lo stesso valore delle disposizioni normative; 2) i giudici e gli organi della pubblica amministrazione, compresi quelli dipendenti dagli enti locali, sono chiamati a conoscere in modo approfondito, oltre alla normativa interna, anche il diritto comunitario: qualora, infatti, il diritto italiano contrasti con il diritto comunitario, ciascun dipendente pubblico, appartenga all ordinamento giudiziario o all amministrazione pubblico, ha l obbligo di disapplicare la normativa italiana, anche di rango legislativo 1. Esempio. L art. 9, comma 3, del decreto legislativo n. 30 del 2007 prevede che la disponibilità di risorse economiche sufficienti per sé e per i propri familiari vada dimostrata secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n In base a tale norma, il cittadino comunitario che non svolga un attività lavorativa in Italia dovrà dimostrare di possedere un reddito annuo derivante da fonti lecite non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale o a un multiplo di esso a seconda del numero di familiari a carico. Tuttavia, la giurisprudenza della Corte di Giustizia prevede che la fissazione di un limite minimo di risorse non possa mai essere intesa come inderogabile, ma debba poter essere derogata in singoli casi concreti. Ad esempio, il soggetto che non dispone di un reddito sufficiente in base a tali parametri potrà comunque ottenere il diritto all iscrizione, qualora dimostri di avere risorse di diverso tipo, quali la disponibilità di un alloggio a titolo gratuito, che permettono di diminuire il costo della vita per il nucleo familiare. 3) Il singolo cittadino che ritenga che la normativa italiana o la prassi applicativa violi il diritto comunitario può rivolgersi al giudice per ottenerne la disapplicazione o inviare una denuncia alla Commissione europea. La 1 In questo senso, cfr. la risalente sentenza della Corte di Giustizia Fratelli Costanzo, C

2 Commissione europea risponde sempre alle denunce presentate dai singoli cittadini. b) Si è detto che il diritto comunitario prevale su quello italiano. Bisogna, tuttavia, specificare che esso prevale soltanto quando contenga norme più favorevoli rispetto a quelle interne. Nel caso, infatti, in cui le norme di diritto italiano che regolano la condizione dei cittadini comunitari contengano delle previsioni più generose di quelle dell ordinamento comunitario, saranno le norme italiane a prevalere: il diritto comunitario, infatti, vieta di disciplinare la condizione dei cittadini di un altro Stato membro in modo peggiorativo rispetto a quanto discendente dal diritto comunitario, mentre è senz altro possibile un trattamento migliorativo della loro condizione. L esempio del diritto alle prestazioni sanitarie dei cittadini comunitari non in regola con le norme sul soggiorno. In base al diritto comunitario, gli Stati membri non sono obbligati ad assistere i cittadini comunitari che non abbiano un lavoro o, in alternativa, sufficienti risorse, salvo che trovi applicazione il regime della Tessera sanitaria europea (TEAM). Tuttavia, l ordinamento costituzionale italiano obbliga lo Stato ad assicurare il diritto alla salute a tutti coloro che si trovino anche irregolarmente sul nostro territorio. La soglia imposta dal diritto costituzionale in questo caso è più elevata di quella del diritto comunitario: in un ipotesi come questa, lo Stato italiano dovrà rispettare i vincoli discendenti dal diritto costituzionale e riconoscere anche ai cittadini comunitari che non possano ottenere l iscrizione anagrafica il diritto alle cure urgenti ed essenziali 2. Si osserva, inoltre, che un trattamento di miglior favore rispetto a quello previsto nella disciplina comunitaria potrà discendere dall applicazione dell art. 1, comma 2, del d. lgs. n. 286 del 1998 (Testo unico sull immigrazione), che prevede che il presente testo unico non si applica ai cittadini degli Stati membri dell Unione europea, se non in quanto si tratti di norme più favorevoli. I testi normativi cui si deve fare riferimento Nel diritto comunitario, il principale testo normativo di riferimento è oggi costituito dalla Direttiva 2004/38/CE: in tale normativa, si trovano, infatti, disciplinati i diritti di ingresso e di soggiorno che spettano ai cittadini comunitari e ai loro familiari. Tale Direttiva è stata trasposta con specifici atti legislativi all interno di ogni Stato membro: in Italia, la normativa di attuazione è costituita dal d. lgs. n. 30 del 6 febbraio 2007 (significativamente rubricato "Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri"), entrato in vigore in data 11 aprile Tale decreto legislativo è stato in parte modificato con il d. lgs. n. 32 del 28 febbraio Fino al 19 febbraio 2008, il Ministero della Salute riconosceva ai comunitari che soggiornavano in Italia in violazione del d. lgs. n. 30 del 2007 il diritto alle sole cure urgenti. Si considerava conseguentemente che le cittadine comunitarie che avessero voluto ottenere le prestazioni relative alla tutela della maternità o all interruzione della gravidanza avrebbero dovuto pagare interamente le prestazioni richieste. Una tale previsione non contrastava con il diritto comunitario, ma risultava meno favorevole di quella prevista per i cittadini comunitari nonché in contrasto con la normativa costituzionale. Con circolare del 19 febbraio 2008, il Ministero della salute ha esteso in via interpretativa il significato di cure urgenti, in modo che in essa rientrino, tra le altre, anche le prestazioni relative alla salute del minore e alla tutela della maternità.

3 A CHI SI APPLICA IL REGIME DELLA LIBERA CIRCOLAZIONE E DEL SOGGIORNO DEI CITTADINI COMUNITARI E DEI LORO FAMILIARI. Ogni persona che abbia la cittadinanza di uno Stato membro dell Unione europea è automaticamente cittadino dell Unione. Attualmente gli Stati membri dell Unione europea sono 27: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. L importanza della cittadinanza dell Unione risiede nei diritti che conseguono al possesso di tale statuto. In particolare, da tale cittadinanza discende l applicabilità del regime della libera circolazione e del soggiorno previsto dalla normativa comunitaria. La libera circolazione delle persone si applica anche ai cittadini degli Stati aderenti all Accordo sullo Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e ai cittadini della Confederazione elvetica. IL DIRITTO ALL INGRESSO IN ITALIA DEL CITTADINO COMUNITARIO E DEI SUOI FAMILIARI. Ogni cittadino comunitario ha il diritto di entrare in Italia senza dover espletare alcuna formalità. E sufficiente che sia in possesso di un passaporto o di una carta d identità valida per l espatrio secondo la legislazione dello Stato di cui ha la cittadinanza. Le autorità potranno controllare la validità del documento, ma non potranno fare domande sugli scopi e sulla durata del soggiorno. Il diritto del cittadino comunitario di entrare e muoversi liberamente all interno del territorio italiano può essere limitato solo per motivi di ordine pubblico, sicurezza dello Stato, sanità pubblica o restrizioni derivanti da norme penali. Il diritto all ingresso dei familiari extracomunitari del cittadino comunitario. a) Il diritto all ingresso del coniuge, dei discendenti e degli ascendenti diretti e del coniuge. I familiari del cittadino comunitario che si rechi in Italia hanno il diritto di seguirlo o raggiungerlo, qualunque sia la loro nazionalità. In base al diritto comunitario, per familiari si intendono: il coniuge; i discendenti del cittadino comunitario che abbiano meno di 21 anni o che siano a carico e i discendenti del coniuge del cittadino comunitario; gli ascendenti del cittadino comunitario o del coniuge del cittadino comunitario, purchè a carico. Il d. lgs. n. 30 del 2007 prevede che chi non è cittadino dell Unione potrebbe avere bisogno di un visto, a seconda della sua nazionalità. L eventuale visto deve essere rilasciato gratuitamente e nel più breve tempo possibile. Ad ogni modo, il familiare non può essere respinto alla frontiera soltanto per mancanza del necessario visto di ingresso. Il suo diritto all ingresso discende, infatti, dal vincolo familiare, non dal visto di ingresso: pertanto,se un cittadino comunitario o un membro della sua famiglia non dispone del documento di viaggio necessario o, nel caso in cui fosse necessario, del visto d ingresso, dovrà essere

4 concesso un termine ragionevole perché possa ottenere il documento mancante o dimostrare la loro qualità di beneficiari della libertà di circolazione e di soggiorno. b) Il diritto all ingresso dei familiari extracomunitari che non sono coniugi, né discendenti fino al 21 anno, né ascendenti diretti o del coniuge. In base al diritto comunitario, lo Stato italiano ha assunto l impegno di agevolare l ingresso ed il soggiorno anche di alcune categorie di familiari che non rientrano nelle categorie sopra indicate. In particolare, possono fare ingresso in Italia con un visto per residenza elettiva i familiari che si trovano in una delle seguenti situazioni: - sono a carico o convivono con il cittadino dell'unione titolare del diritto di soggiorno; - gravi motivi di salute impongono che il cittadino dell'unione li assista personalmente; - si tratta del partner con cui il cittadino dell Unione ha una relazione stabile attestata dallo Stato del cittadino dell Unione. In questo caso, il familiare o il partner cittadino di uno Stato terzo devono essere in possesso del passaporto in corso di validità e del visto di ingresso per residenza elettiva rilasciato dalla rappresentanza consolare italiana nel paese di provenienza. IL DIRITTO AL SOGGIORNO I. SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. a) I titolari del diritto al soggiorno per un periodo inferiore a tre mesi Tutti i cittadini comunitari, indipendentemente da qualsiasi requisito di reddito o di lavoro, hanno diritto di permanere in Italia per un periodo di tre mesi. Tale diritto si estende ai loro familiari, secondo la definizione sopra indicata. b) Quali sono le formalità da adempiere in questo periodo In questo primo periodo, né i cittadini comunitari, né i familiari che li accompagnano sono sottoposti a particolari formalità. Per i primi tre mesi, è sufficiente che il cittadino comunitario o il suo familiare sia in possesso di una carta d identità o di un passaporto in corso di validità senza avere l obbligo di presentarsi in Questura. Tuttavia, con il d. lgs. n. 32 del 28 febbraio 2008, è stata introdotta una modifica a tale regime. L art. 5-bis del d. lgs. n. 30 del 2007 prevede ora che, prima dei tre mesi, il cittadino dell Unione o il suo familiare possano presentarsi ad un ufficio di polizia per dichiarare la propria presenza. Più che di un obbligo, si tratta di un onere a carico dei titolari della libera circolazione: l unica conseguenza discendente dalla mancata presentazione è che si presumerà che il soggiorno si sia protratto per oltre tre mesi. Spetterà al cittadino comunitario o al familiare dimostrare che il soggiorno in Italia si è protratto per un periodo di tempo inferiore ai tre mesi. c) A che cosa hanno diritto il cittadino comunitario e i suoi familiari nel periodo di primi tre mesi?

5 Durante i primi tre mesi di soggiorno, il cittadino dell'unione può senz altro intraprendere un attività lavorativa, autonoma e subordinata, senza aver bisogno di ottenere un autorizzazione al lavoro. Egli gode immediatamente nel settore lavorativo del principio di parità di trattamento rispetto ai cittadini italiani. La parità di trattamento si applica a tutte le condizioni di lavoro e di impiego (ad esempio: retribuzione, licenziamento, reintegrazione professionale o reimpiego in caso di disoccupazione). Se, tuttavia, non svolge in questi primi tre mesi alcuna attività lavorativa, il cittadino comunitario e i suoi familiari non godono, per il solo fatto della loro cittadinanza o del legame familiare, del diritto a tutte le prestazioni d'assistenza sociale, salvo che tale diritto sia automaticamente riconosciuto in forza di altre disposizioni di legge. ESEMPIO. Durante questo primo periodo, il cittadino comunitario può rimanere in Italia, anche se non dimostra di avere un lavoro o delle risorse sufficienti. Se ha bisogno dell assistenza sanitaria durante la permanenza in Italia, non avrà diritto ad ottenere l iscrizione al SSN, salvo, come si è visto, che svolga attività lavorativa, anche stagionale. Il diritto alle prestazioni sanitarie sarà in ogni caso riconosciuto ai cittadini comunitari in possesso della TEAM o di altro Modello rilasciato dal loro Paese d'origine: in questo caso, l Azienda sanitaria riconoscerà il diritto alle prestazioni sanitarie, di cui poi chiederà il rimborso allo Stato di origine. Nel caso in cui il cittadino comunitario, pur essendo assicurato nel proprio Paese, non disponga della TEAM, l Azienda sanitaria richiederà d'ufficio il certificato allo Stato estero. In mancanza di assicurazione, il pagamento della prestazione sarà richiesto direttamente all'assistito. Come risulta evidente, all amplissimo riconoscimento di un diritto al soggiorno per un periodo di tre mesi a favore di tutte le persone che abbiano la cittadinanza dell Unione fa da corollario il mancato riconoscimento della parità di trattamento in questo periodo con i cittadini italiani. II. SOGGIORNO PER UN PERIODO SUPERIORE A TRE MESI. a) I titolari del diritto al soggiorno per un periodo superiore a tre mesi in Italia A differenza di quanto avviene nei primi tre mesi di soggiorno in Italia in cui qualsiasi cittadino comunitario, in ragione della sua sola nazionalità, ha diritto a soggiornare in Italia successivamente al decorso di tale primo periodo, il diritto al soggiorno dei cittadini comunitari è subordinato al possesso di alcuni requisiti. In particolare, ai sensi dell art. 7 del d. lgs. n. 30 del 2007, ha diritto di soggiornare in Italia per un periodo superiore a tre mesi il cittadino comunitario che: è un lavoratore dipendente o autonomo in Italia; è iscritto presso un istituto d istruzione pubblico o privato per seguire un corso di studi o di formazione professionale, purché in possesso di un assicurazione sanitaria e di mezzi tali da non richiedere misure di assistenza sociale; possiede risorse sufficienti per sé e per i suoi familiari e abbia un assicurazione sanitaria completa in Italia.

6 In altre parole, si richiede che il cittadino comunitario disponga di un lavoro ovvero, in alternativa, di risorse sufficienti per sé e per i suoi familiari tali da non farlo diventare un onere a carico dell assistenza dello Stato. IL CASO DEL CITTADINO COMUNITARIO ALLA RICERCA DI UN PRIMO IMPIEGO IN ITALIA. E il cittadino comunitario che non abbia un lavoro, ma sia venuto in Italia per cercarlo e non possegga risorse sufficienti per non diventare un onere a carico dello Stato? In astratto, questo cittadino comunitario non rientra in nessuna delle categorie appena menzionate. Tuttavia, la Corte di Giustizia ha affermato che tale cittadino, anche dopo il decorso del periodo dei primi tre mesi, non può essere allontanato dallo Stato membro in cui sta cercando lavoro, finché possa dimostrare di continuare a cercare lavoro e di avere probabilità di trovarlo. Un periodo di tolleranza adeguato può essere quello di sei mesi (cfr. sentenza Antonissen). Il d. lgs. n. 30 del 2007, facendo proprio l insegnamento della Corte di Giustizia ha previsto all art. 13, comma 3, che i cittadini dell'unione che siano entrati in Italia alla ricerca di lavoro non possono essere allontanati fino a quando possono dimostrare di essere iscritti nel Centro per l'impiego da non più di sei mesi ovvero di aver reso la dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento dell'attività lavorativa, di cui all'articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, così come sostituito dall'articolo 3 del decreto legislativo 19 dicembre 2002, n. 297 e di non essere stati esclusi dallo stato di disoccupazione ai sensi dell'articolo 4 del medesimo decreto legislativo n. 297 del La sentenza Collins della Corte di Giustizia, tuttavia, ha chiarito che in questo primo periodo di ricerca di lavoro, il cittadino comunitario non ha diritto alle prestazioni di assistenza sociale: il suo è, dunque, un diritto ad allungare il periodo di soggiorno in assenza dei requisiti al di là del normale termine di tre mesi, ma non un diritto ad ottenere la parità di trattamento con i cittadini italiani. A tal fine, è necessario che egli reperisca un lavoro ovvero disponga delle risorse necessarie a non diventare un onere a carico dello Stato italiano. b) Formalità da adempiere in questo periodo In questo secondo periodo (soggiorno superiore a tre mesi), tanto i cittadini comunitari quanto i loro familiari sono tenuti ad adempiere determinate formalità. I cittadini comunitari devono provvedere a chiedere l iscrizione anagrafica presso il Comune di residenza. Sarà l Ente locale a verificare la sussistenza dei requisiti al soggiorno: mentre in precedenza, la sussistenza del diritto al soggiorno veniva verificata dalla Questura, con la nuova normativa, la competenza è passata ai Comuni, i quali prima di disporre l iscrizione anagrafica, verificheranno, oltre alla sussistenza della dimora abituale, anche l esistenza degli altri requisiti, di lavoro e di reddito richiesti dalla normativa (2). In particolare, se soggiorna in Italia come lavoratore o è familiare di lavoratore deve documentare al Comune, oltre alla dimora abituale, rispettivamente l attività lavorativa o il legame parentale; negli altri casi di soggiorno deve dimostrare la disponibilità di risorse economiche sufficienti a non farlo gravare sul sistema di assistenza pubblica e la titolarità di un assicurazione sanitaria idonea a coprire le spese sanitarie (3).

7 Per i familiari di tali cittadini non aventi la cittadinanza di uno Stato membro resta, invece, l obbligo di richiedere alla Questura un titolo di soggiorno: qualora essi dimostrino il diritto al soggiorno del loro familiare comunitario, oltre al legame familiare, verrà loro rilasciata una carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell Unione valida per cinque anni. N.B. Le Questure richiedono al familiare del cittadino comunitario anche di dimostrare la legalità del proprio soggiorno, ad esempio dimostrando di essere legalmente entrati in Italia in forza di un visto. Nel caso in cui il familiare non possa dimostrare la legalità del proprio soggiorno in Italia, negano il rilascio della carta di soggiorno. Questa prassi, che pure trova fondamento nell art. 10, comma 3, del d. lgs. n. 30 del 2007, che richiede al fine del rilascio della carta di soggiorno, la produzione del visto di ingresso, ove richiesto appare di dubbia legittimità alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia (cfr. sentt. Carpenter, MRAX, Commissione c. Spagna, Jia). Che cosa succede se il Comune, nel corso del procedimento di iscrizione, accerta la mancanza delle condizioni per il soggiorno superiore a tre mesi? In tal caso, l Ufficio Anagrafe adotta un provvedimento di rifiuto dell iscrizione contro il quale è ammesso ricorso al Tribunale in composizione monocratica ai sensi dell art. 8 del decreto legislativo n. 30/2007. c) A che cosa ha diritto il cittadino comunitario che abbia i requisiti per soggiornare per un periodo superiore ai tre mesi? Il cittadino dell'unione che abbia i requisiti per soggiornare in Italia per un periodo superiore a tre mesi gode del diritto alla parità di trattamento rispetto ai cittadini italiani, non solo in ambito lavorativo, ma in tutti gli ambiti, compresi quelli relativi alle diverse prestazioni sociali. Il beneficio di tale diritto si estende ai familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno. I minori stranieri non accompagnati. * * * * * * * * * * * * Né la direttiva 2004/38, né il decreto legislativo n. 30 del 2007 regolano l ipotesi dei minori comunitari non accompagnati. Il fenomeno, tuttavia, esiste: fino al 31 dicembre 2006, la nazionalità maggiormente presente tra i minori non accompagnati extracomunitari era quella rumena. Con l ingresso nell Unione europea di Romania e Bulgaria, i minori rumeni non rientrano più nella normativa applicabile ai minori stranieri non accompagnati, dal momento che la definizione del termine straniero contenuta in tale normativa è limitata ai soli cittadini non appartenenti alla Comunità europea. In parte la Per i minori comunitari presenti sul territorio nazionale, non accompagnati dai genitori o da chi esercita la patria potestà, si procede all iscrizione anagrafica sulla base della decisione dell Autorità giudiziaria minorile che ne dispone l affidamento o la tutela. L iscrizione anagrafica del minore sarà curata dal tutore o dall affidatario previa esibizione del provvedimento del Tribunale. * * * * * * * * * * * *

8 PERDITA DEL DIRITTO AL SOGGIORNO PER VENIR MENO DEI REQUISITI DI LAVORO E DI REDDITO O PER IL VENIR MENO DEL LEGAME FAMILIARE. LE ECCEZIONI. L art. 13 del d. lgs. n. 30 del 2007 subordina il mantenimento del diritto al soggiorno dopo i primi tre mesi al mantenimento dei requisiti di lavoro, reddito e del legame familiare. In altre parole, la regola è che quando tali requisiti vengono meno il cittadino comunitario ed i suoi familiari potrebbero essere allontanati dal territorio italiano. Esistono, tuttavia, delle importanti eccezioni a tale regola, stabilite dall art. 7, 11 e 12 del medesimo decreto legislativo, per i lavoratori e i familiari dei cittadini comunitari A. ECCEZIONI RELATIVE AI LAVORATORI. L art. 7 del d. lgs. n. 30 del 2007 prevede che il cittadino dell'unione, già lavoratore subordinato o autonomo sul territorio nazionale, conserva il diritto al soggiorno quando: - e' temporaneamente inabile al lavoro a seguito di una malattia o di un infortunio; - e' in stato di disoccupazione involontaria debitamente comprovata dopo aver esercitato un'attività lavorativa per oltre un anno nel territorio nazionale ed e' iscritto presso il Centro per l'impiego, ovvero ha reso la dichiarazione che attesti l'immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa; - e' in stato di disoccupazione involontaria debitamente comprovata al termine di un contratto di lavoro di durata determinata inferiore ad un anno, ovvero si e' trovato in tale stato durante i primi dodici mesi di soggiorno nel territorio nazionale, e' iscritto presso il Centro per l'impiego ovvero ha reso la dichiarazione che attesti l'immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa. In tale caso, l'interessato conserva la qualità di lavoratore subordinato per un periodo di un anno; - segue un corso di formazione professionale. B. ECCEZIONI RELATIVE AI FAMILIARI Eccezione n. 1. Mettiamo che il cittadino comunitario che si sia spostato con la sua famiglia in Italia decida di tornarsene nel suo Paese, ma i suoi familiari non ritengano di accompagnarlo. L art. 11 stabilisce che tali familiari possono mantenere il loro diritto al soggiorno, se - hanno acquisito il diritto al soggiorno permanente ovvero - lavorano o hanno risorse sufficienti. Eccezione n. 2. Mettiamo che deceda il cittadino comunitario che si sia spostato in Italia con la sua famiglia. In tal caso, sempre l art. 11 stabilisce che i familiari possono mantenere il loro diritto al soggiorno, se - hanno risieduto in Italia almeno un anno prima del decesso del cittadino comunitario ovvero - hanno acquisito il diritto al soggiorno permanente ovvero - lavorano ovvero hanno risorse sufficienti. Eccezione n. 3. Mettiamo che il cittadino comunitario che si sia spostato in Italia con il proprio coniuge divorzi o ottenga l annullamento del matrimonio. In questo caso, il coniuge non comunitario manterrà il diritto al soggiorno qualora - abbia acquisito il diritto al soggiorno permanente; ovvero - lavori o abbia risorse sufficienti;

9 - il matrimonio e' durato almeno tre anni, di cui almeno un anno nel territorio nazionale, prima dell'inizio del procedimento di divorzio o annullamento; - il coniuge non avente la cittadinanza di uno Stato membro ha ottenuto l'affidamento dei figli del cittadino dell'unione in base ad accordo tra i coniugi o a decisione giudiziaria; - il coniuge risulti parte offesa in procedimento penale, in corso o definito con sentenza di condanna, per reati contro la persona commessi nell'ambito familiare; - il coniuge non avente la cittadinanza di uno Stato membro benefici di un diritto di visita al figlio minore, a condizione che l'organo giurisdizionale ha ritenuto che le visite devono obbligatoriamente essere effettuate nel territorio nazionale, e fino a quando sono considerate necessarie. Ad ogni modo, secondo la giurisprudenza della Corte di Giustizia, l eventuale decisione di allontanamento del cittadino comunitario e/o del familiare di questi può essere presa soltanto a seguito di un giudizio di proporzionalità, in cui devono considerarsi l inserimento del cittadino comunitario o del suo familiare in Italia, i legami residui con il Paese di origine o di provenienza, la temporaneità dello stato di difficoltà. III. DIRITTO DI SOGGIORNO PERMANENTE. Chi sono i titolari del diritto al soggiorno permanente? Hanno diritto a vedersi riconosciuto il diritto al soggiorno permanente: a) il cittadino dell Unione e i suoi familiari che abbiano soggiornato legalmente ed in via continuativa per cinque anni in Italia; b) il lavoratore subordinato o autonomo che raggiunga l età pensionabile o venga prepensionato, dopo tre anni di soggiorno; c) il lavoratore subordinato o autonomo che cessi di esercitare l attività professionale a causa di una sopravvenuta incapacità lavorativa permanente, dopo due anni di soggiorno,. Ai fini del calcolo dei cinque anni va considerato anche il periodo di soggiorno regolare precedente l entrata in vigore del decreto legislativo. In questo caso la data di decorrenza coincide con la data d inizio validità del titolo di soggiorno (permesso o carta di soggiorno) già posseduto dall interessato. La continuità del soggiorno non viene interrotta da: - assenze che non superino complessivamente sei mesi l'anno; - assenze di durata superiore a sei mesi per l'assolvimento di obblighi militari; - assenze fino a dodici mesi consecutivi per motivi rilevanti, quali la gravidanza e la maternità, malattia grave, studi o formazione professionale o distacco per motivi di lavoro in un altro Stato membro o in un Paese terzo. Il diritto di soggiorno permanente si perde, invece, in ogni caso a seguito di assenze dal territorio nazionale di durata superiore a due anni consecutivi. Formalità amministrative I cittadini comunitari che si trovino in una di queste condizioni hanno diritto ad ottenere dal Comune di residenza un attestato che certifichi la sua condizione di titolare del diritto di soggiorno permanente, mentre ai loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che abbiano maturato il diritto al soggiorno permanente sarà rilasciata dalla Questura una Carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei. Che cosa significa diritto al soggiorno permanente?

10 Come si è visto, il diritto al soggiorno in Italia dei cittadini comunitari per un periodo superiore a tre mesi non è incondizionato. Infatti, il cittadino comunitario deve dimostrare o di lavorare o di possedere risorse sufficienti. Qualora questi requisiti vengano meno, egli potrà essere allontanato. Il principale vantaggio che concede il riconoscimento del diritto al soggiorno permanente è che da quel momento, il cittadino comunitario, così come i suoi familiari, potranno fermarsi in Italia, anche qualora i requisiti di reddito e di lavoro vengano meno. Ma non è tutto. Il titolare del diritto al soggiorno permanente è altresì più difficilmente espellibile per ragioni di ordine pubblico. IV. ACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA PER NATURALIZZAZIONE La cittadinanza italiana per naturalizzazione può essere concessa al cittadino di uno Stato membro dell Unione europea che risieda legalmente in Italia da 4 anni, anziché da 10, come per i cittadini non appartenenti alla Comunità. * * * * * * * * * * * * L ALLONTANAMENTO DEL CITTADINO COMUNITARIO O DEL SUO FAMILIARE. Esistono due ipotesi totalmente distinte in cui il cittadino comunitario può essere allontanato dal territorio italiano. a) il cittadino comunitario o i suoi familiari possono essere allontanati quando vengano a mancare le condizioni che determinano il diritto di soggiorno dell interessato, senza che sussista una delle eccezioni al venir meno del diritto al soggiorno che si sono sopra analizzate; b) il cittadino comunitario o i suoi familiari possono essere allontanati in ipotesi di estrema gravità, quando sussistano motivi di sicurezza dello Stato, motivi imperativi di pubblica sicurezza o altri motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza. Analizziamo tali due distinte ipotesi nel dettaglio. a) L allontanamento per cessazione delle condizioni che determinano il diritto al soggiorno. - In cosa consiste? In un invito ad allontanarsi dal territorio dello Stato in un termine non inferiore ad un mese. Se il destinatario del provvedimento non ottempera all invito e viene individuato nel territorio, è previsto l arresto da un mese a sei mesi e l ammenda da 200 a euro. Il provvedimento di allontanamento non può prevedere un divieto di reingresso nel territorio nazionale. - Chi lo adotta? Il Prefetto, territorialmente competente, anche su segnalazione del sindaco del luogo di residenza o di dimora. - A chi può essere presentato ricorso?

11 Al tribunale in composizione monocratica, entro venti giorni dalla notifica del provvedimento di allontanamento. b) L allontanamento per motivi di sicurezza dello Stato, motivi imperativi di pubblica sicurezza, altri motivi di ordine pubblico o pubblica sicurezza. La materia dell allontanamento del cittadino comunitario e dei suoi familiari per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato, già disciplinata dal d. lgs. n. 30 del 2007, è stata profondamente modificata dal d. lgs. n. 32 del 28 febbraio La normativa oggi prevede tre diverse ragioni che possono essere poste alla base di un provvedimento di allontanamento: - motivi di sicurezza dello Stato; - motivi imperativi di pubblica sicurezza; - altri motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza. Lo schema che segue rende più agevolmente comprensibile le differenze di regime tra i provvedimenti di allontanamento fondati su tali distinte ragioni. Allontanamento per motivi di sicurezza dello Stato Allontanamento per motivi imperativi di pubblica sicurezza Allontanamento per altri motivi di ordine pubblico o pubblica sicurezza Quando sussistono tali motivi? Anche quando la persona da allontanare appartiene ad una delle categorie previste dall art. 18 legge 22 maggio 1975, n. 152, ovvero se la permanenza sul territorio possa in qualsiasi modo agevolare organizzazioni o attività terroristiche. Quando la persona da allontanare abbia tenuto comportamenti che costituiscono una minaccia concreta, effettiva e grave ai diritti fondamentali della persona ovvero all incolumità pubblica, rendendo urgente l allontanamento. Non vi è una definizione normativa in positivo, ma si afferma che le ragioni devono essere di carattere non economico, e connesse ai comportamenti individuali dell interessato che rappresentino una minaccia concreta e attuale all ordine pubblico o alla pubblica sicurezza. L esistenza di condanne penali non giustifica di per sé l adozione di tali provvedimenti. Chi non può essere allontanato in base a tali motivazioni? Chiunque può essere allontanato quando ricorrano tali motivi. Chiunque può essere allontanato quando ricorrano tali motivi. I titolari del diritto al soggiorno permanente possono essere allontanati solo se i motivi di ordine pubblico o sicurezza dello Stato sono gravi. Le persone che abbiano soggiornato per più di dieci anni e i minori non possono essere mai allontanati per motivi di semplice ordine pubblico o di sicurezza dello Stato, salvo nel caso dei minori se l allontanamento sia necessario nell interesse dello stesso minore.

12 In cosa consiste? Nell immediato allontanamento coattivo dal territorio dello Stato. Nell immediato allontanamento coattivo dal territorio dello Stato Nell invito ad allontanarsi nel termine non inferiore ad un mese dalla data della notifica, salvi i casi di comprovata urgenza, in cui il termine può essere ridotto a dieci giorni. Solo in caso di mancata ottemperanza, si procede all allontanamento coattivo. Il provvedimento comporta un divieto di reingresso per un termine non superiore a dieci anni. Il destinatario del provvedimento che viola il divieto di reingresso è punito con la reclusione fino a due anni. Il giudice può sostituire la pena della reclusione con la misura dell allontanamento immediato con divieto di reingresso nel territorio nazionale per un periodo da cinque a dieci anni. Il provvedimento comporta un divieto di reingresso per un termine non superiore a cinque anni. Il destinatario del provvedimento che viola il divieto di reingresso è punito con la reclusione fino a un anno. Il giudice può sostituire la pena della reclusione con la misura dell allontanamento immediato con divieto di reingresso nel territorio nazionale per un periodo da cinque a dieci anni. Il provvedimento comporta un divieto di reingresso per un termine non superiore a cinque anni. Il destinatario del provvedimento che viola il divieto di reingresso è punito con la reclusione fino a un anno. Il giudice può sostituire la pena della reclusione con la misura dell allontanamento immediato con divieto di reingresso nel territorio nazionale per un periodo da cinque a dieci anni. Chi lo adotta? Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno, se si devono allontanare persone che abbiano soggiornato in Italia per più di dieci anni o siano minorenni, Il Ministro dell Interno se si tratti di motivi di ordine pubblico; il Prefetto, se si tratti di motivi di pubblica sicurezza altrimenti il Prefetto del luogo di residenza o dimora del destinatario Come si impugna? Davanti al TAR del Lazio. Può essere presentata domanda di sospensione dell esecutorietà del provvedimento, ma la presentazione di tale istanza non sospende Davanti al tribunale ordinario entro venti giorni dalla notifica. La parte può stare in giudizio personalmente. Può essere presentata domanda di sospensione dell esecutorietà del provvedimento, ma la Se si tratta di motivi di ordine pubblico, davanti al TAR del Lazio. Se si tratta di motivi di pubblica sicurezza, davanti al tribunale ordinario entro venti giorni dalla notifica. La parte può stare in giudizio personalmente. Può essere presentata domanda di

13 di per sé sola l esecutorietà del provvedimento. presentazione di tale istanza non sospende di per sé sola l esecutorietà del provvedimento. sospensione dell esecutorietà del provvedimento: fino alla definizione di tale istanza, l efficacia del provvedimento resta sospesa, salvo che il provvedimento di allontanamento si basi su una precedente decisione giudiziale Nel decidere sull'adozione un provvedimento di allontanamento dal territorio per motivi di ordine pubblico o di pubblica sicurezza, si deve rispettare il principio di proporzionalità bilanciando, da un lato, la gravità della minaccia posta dal cittadino comunitario o dal suo familiare, dall altro, la durata del soggiorno in Italia dell'interessato, l età, lo stato di salute, la situazione familiare e economica, l integrazione sociale e culturale nel territorio nazionale e dell'importanza dei legami con il Paese d'origine. * * * * * * * * * * * * LE RESTRIZIONI DI ACCESSO AL MERCATO DEL LAVORO ATTUALMENTE IN VIGORE PER I CITTADINI PROVENIENTI DAI NUOVI STATI MEMBRI. Le restrizioni all accesso al mercato del lavoro italiano inizialmente previste per i lavoratori provenienti dalla Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Slovacca, Slovenia e Ungheria sono venute meno in data 27 luglio 2006 (cfr. Circolare del Ministero del lavoro 31 luglio 2006, n. 21). Le limitazioni al libero accesso al mercato del lavoro previste per i cittadini rumeni e bulgari cessano il 31 dicembre 2008 (cfr. Circolare dei Ministeri della Solidarietà Sociale e dell Interno n. 1 del 4 gennaio 2008). Fino a tale data, dunque, deve distinguersi tra: a) i cittadini rumeni e bulgari che vogliono svolgere la loro prestazione lavorativa nei settori liberalizzati (e cioè nei settori: turistico alberghiero; lavoro domestico e di assistenza alla persona; edilizio; metalmeccanico; dirigenziale e altamente qualificato) potranno avviare il loro rapporto di lavoro senza che i loro datori di lavoro debbano chiedere e ottenere delle autorizzazioni preventive; b) i cittadini rumeni e bulgari che vogliono svolgere la loro prestazione lavorativa nei settori non ancora liberalizzati dovranno chiedere ai propri datori di lavoro di presentare per loro allo Sportello Unico per l Immigrazione una richiesta di autorizzazione prima di intraprendere l attività lavorativa. Nessuna sanzione è, tuttavia, prevista in caso di mancata presentazione di tale richiesta. Esiste, tuttavia, una conseguenza negativa per il cittadino comunitario: quest ultimo potrebbe vedersi rifiutare dagli ufficiali dell anagrafe il diritto all iscrizione anagrafica per mancanza del documento di autorizzazione al lavoro.

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE Sintesi comparativa Rapporto 103 ETUI-REHS RESEARCH Department La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Quaderni dell Ufficio Pastorale Migranti 1. La libera circolazione nell Ue www.migrantitorino.it

Quaderni dell Ufficio Pastorale Migranti 1. La libera circolazione nell Ue www.migrantitorino.it 1. La libera circolazione nell Ue www.migrantitorino.it Abbiamo programmato una serie di approfondimenti dei vari temi legati ai Migranti (4 nel I anno). L obiettivo è: andare a fondo su alcuni problemi

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli