NEWSLETTER DEL CISPEA SUMMER SCHOOL NETWORK

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER DEL CISPEA SUMMER SCHOOL NETWORK"

Transcript

1 NEWSLETTER DEL CISPEA SUMMER SCHOOL NETWORK * NUMERO 1 ~ PRIMAVERA 2011 Questo numero è stato curato da: Matteo Battistini, Alberto Benvenuti, Cristina Bon, Francesca Cadeddu, Andrea Casati, Michele Cento, Chiara Corazziari, Lorenzo Costaguta, Mattia Diletti, Matteo Fornaciari Per iscriversi alla newsletter: Indice Presentazione del numero 1 della newsletter p. 2 The Tea Party movement: a populist attack on the American conservative movement? (Vincent Michelot) p. 4 Immaginare l America. Gli Stati Uniti nella Seconda Repubblica, da Bill Clinton al Tea Party (Mattia Diletti) p. 13 Il diritto a portare armi previsto dalla Costituzione degli Stati Uniti (Marco Casagrande) p. 21 Second International Research Seminar for Young Americanists Abstract e curricula p. 30 VII Summer School Cispea Bando e programma p. 102 Sei un ex-alunno? Partecipa alla conferenza finale della scuola! p.107

2 Presentazione del numero 1 della newsletter Come abbiamo annunciato lanciando il numero zero di C era una volta l America, il numero 1 della newsletter vuole approfondire il profilo storico di alcune tematiche dell attualità politica statunitense. Alla luce delle elezioni di medio termine dello scorso novembre, non potevamo non considerare il movimento Tea Party, non soltanto per la sua importante affermazione politica in vista delle prossime primarie repubblicane e delle presidenziali del 2012, ma anche perché lo stesso movimento utilizza la storia politica dell eccezionalismo americano come un punto di forza per le sue battaglie ideologiche e politiche. Fin dal suo nome, infatti, il movimento fa esplicito riferimento ai fatti di Boston del 16 dicembre 1773 che anticiparono la guerra d indipendenza, quando una sessantina di coloni travestiti da indiani assalì un mercantile inglese buttandone a mare il carico per protestare contro i dazi del tè imposti dal Parlamento britannico 1. La formazione di movimenti, in alcuni casi confluiti in veri e propri partiti, in altri invece assorbiti dal Partito repubblicano o democratico, che appaiono e scompaiono nel panorama politico, non rappresenta una novità nella storia politica americana: nel saggio The Tea Party Movement: a Populist Attack on the American Conservative Movement?, Vincent Michelot, docente presso l Università di Lione 2, ci aiuta a comprendere che cosa rappresenti oggi il Tea Party, quali siano le sue debolezze e i suoi punti di forza e che cosa ci si possa aspettare da un movimento estremista e conservatore, espressione del disagio politico di una parte della popolazione americana. Il movimento Tea Party sembra produrre effetti anche oltre oceano. Nel suo intervento, Immaginare l America. Gli Stati Uniti nella Seconda Repubblica, da Bill Clinton al Tea Party, Mattia Diletti, ricercatore all Università La Sapienza, sottolinea come il Tea Party sia diventato un modello politico anche al di fuori dei confini americani, in particolare nel contesto italiano; nonostante la crisi economica e politica statunitense, l America continua a nutrire l immaginario della politica italiana, quale che sia il risultato di questi tentativi di importazione. L 8 gennaio 2011 a Tucson, in Arizona, Jared L. Loughner ha aperto il fuoco contro il comizio della deputata democratica Gabrielle Giffords, uccidendo otto 2

3 persone, compreso il Presidente del Tribunale federale per l Arizona. Questo tragico fatto di cronaca ha riportato alla ribalta una polemica di lungo periodo sul diritto al possesso delle armi: nel suo articolo Il diritto a portare armi previsto dalla Costituzione degli Stati Uniti, Marco Casagrande, dottorando presso l Università degli Studi di Padova, discute il profilo materiale e formale del II emendamento, analizzando sentenze e interpretazioni giurisprudenziali per mostrare come il diritto al possesso delle armi abbia mutato il suo significato giuridico e politico nel tempo, fino ad assumere ai nostri giorni una veste tutt altro che anacronistica. Infine, mentre il numero autunnale della newsletter è dedicato alla scuola e stiva, abbiamo deciso di riservare una parte del numero primaverile alla presentazione delle nuove ricerche storiche presentate al seminario dei giovani americanisti che il CISPEA organizza annualmente. Pubblichiamo dunque gli abstract delle relazioni svolte al Second Research Seminar for Young Americanists: New Research on the History of the United States and Transatlantic Relations, tenutosi a Roma lo scorso ottobre, organizzato appunto dal CISPEA insieme al CSA, Centro Studi Americani. Ricordiamo inoltre che dal 26 al 30 giugno 2011 si terrà a Reggio Emilia la Settima Summer School CISPEA, : Stati Uniti, Italia, Germania e le sfide dell unità nazionale. Pubblichiamo il bando e il programma della scuola, e le indicazioni per partecipare all ultimo giorno della scuola. Buona lettura. Note: 1. All eccezionalismo americano è stata dedicata la prima edizione della Scuola estiva: 3

4 The Tea Party movement: A populist attack on the American conservative movement? Vincent Michelot (University of Lyon 2) Seen from Europe, the Tea Party movement may be viewed as an American curiosity full of strange and colorful characters feeding on the slow decay of representative democracy and the anger of people directly affected by the economic crisis. Actually, the exotic American-ness of the movement also serves as an excuse on this side of the Atlantic to brush off the contradictions and the tensions that spring to the eye of the observer: the Tea Party movement has no identifiable leader or spokesperson, no structure to which it can be immediately assimilated and quantitatively little representation in Congress or the State legislatures; yet at the same time, the Tea Parties are highly organized, well financed, capable of training their activists and, like no populist movement before them, enjoy open and almost unlimited access to mainstream media. Even though they represent a minority of the Republican majority in either one of the two Houses of Congress (around 60 in the House, 4 in the Senate), Tea Party senators and representatives are often viewed as pivotal in the success of the Republican Party in opposing President Obama s legislative agenda and in imposing conservative reforms, notably on the question of the budget. This is despite the fact that not a single one of the demands of the movement can realistically be implemented into law, specially as the goals of fiscal discipline and shrinking the size of the Federal Government run counter with a strong attachment to costly social programs at home such as Medicare and Social Security and to a powerful military apparatus, regardless of the objectives and missions it is assigned. Consider that in various publications and speeches, the Tea Parties have asked for: the repeal of the Sixteenth and Seventeenth Amendments to the Constitution which, allegedly, for the first allows the unlimited growth of the Federal Govern- 4

5 ment because of the constitutional possibility it creates to levy an income tax, and for the second, perverts the balance of US federalism by providing for the direct election by the people of US Senators, rather than an indirect election through the State legislatures; the termination of the Department of Education and/or of the Interior for they are purportedly in violation of the distribution of powers according to the Constitution between the Federal Government and the States; the introduction of a flat tax to replace the progressive federal income tax; the adoption of a balanced budget amendment which would make it impossible for the US Congress to vote a budget that would not be balanced, regardless of the economic circumstances. The latter idea is often advanced as a logical solution: many States do have a balanced budget provision in their constitution so there is no reason the principle should not apply at the federal level. Finally the Tea Parties, whose culture is anti-washington and anti-institutional, heavily insist on fighting alleged graft and corruption in the Capital City and on restoring American pride abroad. Again, the latter point is interesting: the movement is ferociously critical of President Obama and kept alive the birther controversy as long as the President did not publicly release his long-form birth certificate because they believe he has abandoned a central tenet of conservatism, the concept of American exceptionalism. The ultimate contradiction of the movement can be found in the contrasted 5

6 evaluations of its electoral potential. First one must be reminded that the Tea Parties are very a recent phenomenon which appeared in the early part of Barack Obama s first term. Most observers credit the birth of the movement to Rick Santelli, a CNBC financial journalist who went into an on-air rant about government waste on February 19, 2009, bemoaning the sordid example the Federal Government allegedly set by rescuing or bailing out banks and creditors in the mortgage crisis. So the Tea Parties can, at of this writing, only be judged by the standard of the 2010 mid-term elections in which their record is a mixed one. Indeed, the Tea Parties have brought energy and enthusiasm to primary elections in which they proved to be a dominant player in selecting Republican candidates. All observers concur on how difficult it would be for the Republican Party, in any election, to mobilize and get out the vote without the Tea Party converts. Yet at the same time, it has to be observed that the composition of the electorate is different from primaries to the general election, and from mid-term elections to presidential elections. The sociology of the Tea Party movement, which numerous studies have described, is indeed that of a group of voters who are generally older, more educated, whiter and more conservative than the average 1. This profile gives the Tea Party an exceptional advantage in (Republican) primaries in which the average voter fits those characteristics exactly. But it is indeed less of an asset in the general elections in which voters are usually less radical in their views and more diverse and centrist. This contrast is in evidence in the sequence between the Republican primaries in the spring of 2010 and the general election in November. News coverage in the spring was dominated by the capacity of the Tea Party candidates to unseat a certain number of traditional politicians and to nominate men and women with no prior experience. The drive of the Tea Party movement was both violently anti-washington and anti-politics as usual and acquainted political experience and years of presence in Washington with corruption and the preservation of the status quo. This is indeed one of the main populist characteristics of the movement and yet despite its throw the bums out rhetoric, the movement is exclusively limited to the Republican Party and made no inroads in the Democratic primaries. Mechanically though, the rhetoric profited the Republicans who had fewer incumbents and thus fewer seats to defend as they were a relatively small minority. In the general election, the Republicans regained the majority in the House (which they had lost in 2006) and gained six seats in the Senate where they now have 47 seats. Altogether, among the candidates clearly affiliated to the Tea Party movement 86 lose and 46 win. Exit polls also show that 56% of voters declared that the Tea Parties were not a factor in their vote. Yet, the victory of the Republican Party is at best a mitigated one, and this for multiple reasons: since the unemployment figures remained stable around 9.6%, it was totally predictable that the incumbent party would lose seats and as early as May, ev- 6

7 ery reputable analyst predicted a Republican victory in the House of Representatives and major gains for the Republican Party in the Senate. Yet, only in the worst case scenario for the Democrats would the minority party regain the majority in the upper chamber as Republicans needed to win 10 seats, a very tall order knowing that the Democrats were defending 19 seats altogether. A Republican victory was possible only if their candidates defeated more than half of the incumbent party nominees, which is nearly impossible to achieve, specially knowing the advantages of incumbency 2. to this one may add that 2010 came after two major Democratic victories in congressional elections, which means that after 2008 the Democratic Party had reached its maximum electoral potential and could hardly go up from there. finally, with the exception of 2002, which was indeed an exceptional election, all midterm elections in the first term of a president tend to be losses for the President s party. So altogether the Republican victory was indeed expected and our claim is that it could have been a for the Tea Parties. In ef- Senate in Colorado, Dela- ware, and Utah can be directly ascribed to weak Tea landslide, had it not been fect, three losses in the Party candidates who had actually won primaries over established politicians: Ken Buck, Christine O Donnell and Sharron Angle effectively ran cam- paigns which were so dysfunctional as to become stars. Had the Republi- late-night-comedy-show can Party won those three seats which were fully within reach, then the balance of power in the Senate would have been 50:50, but then two centrist and very independent senators with a voting record often closer to the Republicans than to the Democrats would have easily been persuaded to switch party allegiance; Ben Nelson in Nebraska and/or Joseph Lieberman of Connecticut would have taken no electoral risk in doing so (the former is a Democrat in a heavily Republican state, the latter an Independent who was defeated in the Democratic primaries and was a constant support of President Bush s foreign policy) and in a better position, as members of the majority party, to serve the interests of their state. R e p u b l i c a n victory could have been a landslide, had it not been for the Tea Parties In short the political landscape today would be very different it were not for the Tea Party running those three candidates in the senatorial elections. Indeed, on the questions of the 2011 budget (which Congress had still not voted in April of 2011), of the preparation of the 2012 budget, of the necessity to raise the debt ceiling of the United States and on the possible repeal of the Patient Protection and Affordable Care Act the situation would be very different if the Republicans con- 7

8 trolled both houses of Congress rather than just the Lower House. It also should be clear that at a time when the United States is engaged in military operations in Iraq, Afghanistan and Lybia while dealing at the same time with a transformational process in Arab regimes, the special responsibilities of the US Senate in foreign affairs would indeed have given the Republicans a formidable bargaining chip with President Obama had they won the majority in Not only can the Tea Parties be held responsible for diminishing the size and the import of the Republican victory in 2010 but they also represent, as of 2011 and leading to the 2012 elections, a liability for the Republican as much as an asset. This claim can be supported in the following way: first there are telling symptoms about the state of the Republican Party: at this point in time, which is exactly 8 months before the first primaries, the field of Republicans vying for the nomination is shallow and narrow and very few candidates have either put together solid campaign organizations or raised significant amounts of cash. The news in the campaign focuses more on who has decided not to run than on identifying a front-runner. This is very different from previous presidential elections when the field was largely determined almost immediately after mid-term elections. There are multiple explanations to that, most of them circumstantial, but overall what dominates is the idea that the candidates that are generating interest and enthusiasm among conservative voters are unelectable (Michele Bachmann, Sarah Palin, Donald Trump, Mike Huckabee, Rand Paul...) and that those favored by the establishment of the Party are determined to keep a low profile until very late in the game so as to avoid having to be vetted as a front-runner by the Tea Parties and on Fox Television (Mitch Daniels, Tim Pawlenty, Mitt Romney...). What this shows is that the Tea Parties have introduced in the Republican Party a form of ideological fundamentalism which is incompatible with governing. Indeed, the main weakness of the latter three aspirants to the Republican nomination is that they have all exercised positions of power in which they struck compromises that are unpalatable to voters looking for conservative ideological purity. For example, as governor of Massachusetts, Mitt Romney implemented a form of heath care plan that strangely resembles what is commonly known as Obamacare and supported abortion rights in a very liberal state; Mitch Daniels, before becoming the governor of Indiana, was at the head of the Office of Management and Budget under President Bush and oversaw budgets that were unpopular with conservatives as they represent what they call big government conservatism. Any potential Republican aspirant to the nomination in 2012 must face a harrowing examination of his/her conservative credentials by self-appointed guardians of the conservative temple in the Tea Party. Even though a presidential election with an incumbent president running is essen- 8

9 tially a referendum, it nonetheless remains that the challenger party damages its chances by making it difficult for 2/3 front runners to emerge rapidly. the 32 freshmen Republicans who were elected to the House of Representatives in 2010 and who are directly affiliated to the Tea Party movement were for most of them elected in districts that were traditionally leaned Democratic. It is easy to explain why: in Democratic strongholds, the Republican nomination was less attractive to seasoned politicians and thus favored Tea Party affiliated candidates with little or no prior experience of elective office. In 2012, they will be in the weakest position possible, that of freshmen incumbents having to defend their seat on a voting record that will be difficult to sell to the voters. Indeed, their election was the result of a protest vote which did not give them any programmatic mandate. This means that those freshmen Republicans must either vote no on most measures that are put to the vote because of ideological purity and the supposed dangers of compromise, which also means breaking away from the party leadership and from party discipline in a chamber that rewards discipline and respect of leadership, or vote yes on issues such as raising the ceiling of the federal debt with the risk of appearing to betray the ideals of the Tea Party on taxation and the size of the federal government. in the Senate, the Tea Party movement has even less of hold on power: first of all, senators are wary of joining caucuses (such as the Tea Party caucus) because that infringes on their individual power and constrains them into a discipline which has few rewards; then the High Chamber, even more so than the Lower House, is organized based on seniority and few Tea Party members have accumulated the years necessary to chair a committee or exercise a leadership function; then, the years , when the Republicans returned to the minority but nonetheless managed to effectively support President Bush and thwart the Democratic agenda proved how valuable party discipline is, especially for the minority in a chamber where 41 votes (the number of votes necessary to sustain a filibuster) can get you a long way in shaping the agenda of the institution. It would indeed be highly dangerous for Tea Party senators to ignore that rule, specially in a context where the Senate really seems within reach of the Republicans in 2012, as in 24 of the 33 states that are voting that year the seats are held by a Democrat. A gain of four seats would then return the Senate in the red column. It would be taking an enormous risk for the Tea Party movement to atomize the Republican Party in this context. finally, one can defend the point that the Republican victory in the 2010 elections was actually as much of shellacking for the Democratic Party to use President Obama s own words as a blessing. In a difficult economic context with unemployment remaining high and the blames flows naturally to 9

10 the majority party, because of the present situation of divided government, Republicans and Democrats will now share the blame as well as the credit. As much as the 2006 and 2010 mid-term elections demonstrated that a political party can win big without making any kind of real programmatic offer, basically just running on the fuel of voter anger, presidential elections, even with an incumbent running, demand that the challenging party articulate a platform and run on a record. This means that the Republican Party needs the 112th Congress to be somewhat productive, a proposition which is completely at odds with more polarization in an institution which presently suffers from exactly that, excessive polarization with the inability to reach compromise. The Tea Party movement brings to Congress a more polarized nature and thus hampers the ability of the legislative branch to serve as a check on the presidency. In any case the future of the Tea Party movement is somewhat murky and this for multiple reasons: first of all, it is essentially a protest movement which appeared within the American conservative movement at a time when the latter was in the middle of a profound redefinition after the eight years of the Bush Administration which led to a deep transformation of the conservative ideology, saw some of its goals achieved, exhibited weaknesses and dead-ends, and conditioned ideological mutation and transformation upon a form of institutional change which contributed to redefining the imperial presidency. But the institutional model that was put into place by the Bush Administration to implement its agenda runs counter to the libertarian streak which characterizes the Tea Party movement. Besides demands that, as we saw, cannot be implemented into law, the Tea Party movement, as was well demonstrated by Williamson, Skocpol and Coggin, feeds on the ideas that redistribution of income and benefits favors the undeserving and that hard-working Americans are under-represented in a dysfunctional political system. What the three political scientists call racial, ethnic and generational resentment and the feeling of being disconnected from government are almost by-products of those two major themes 3. The three major areas of the law where those themes coagulate are welfare, taxation, and immigration. Looking at those issues from the Tea Party side, there is relatively little 10 Newsweek cover, November 23, 2009: How do you solve a problem like Sarah? She s bad news for the GOP and for everybody else.

11 hope of transformational legislation on any of those issues: the debate on the Welfare State focuses on the implementation or repeal of the Patient Protection and Affordable Care Act and the privatization of Medicare, which Representative Paul Ryan, the chairman of the Committee on the Budget, suggested in his 2012 budget plan, has been met with extreme care, even within the ranks of the Republican Party; the debate on taxation is largely constrained by the budget deficit; both parties are divided on the question of immigration and there is very little chance of a vote taking place in Congress on the issue before the 2012 elections. Such populist conservative movements which have emerged over the past in American political history have had difficulty in sustaining their drive over more than two electoral cycles if they did not become a fundamental part of a coalition in Congress or a coalition of voters for the presidential elections. As of this date the Tea Party movement has neither and tends to look more like the tax revolts of the 1950s, the John Birch Society efforts of the 1960s, or again the Ross Perot supporters of Just like the Christian Fundamentalists in the 1980s and 1990s, they are both a captive segment of the Republican electorate (which means that their only real choice on election day is to vote or to stay at home) and they have been largely instrumentalized by Republican elites with whom they share common goals and ideals but from whom they also largely differ on other issues, notably the calendar and feasibility of desired reforms. On two questions such as Medicare reform and immigration, the potential exists to operate that break between the grassroots, the boots on the ground, and the elites, those who profit from channeling the anger, within the movement. In conclusion, it is difficult to envisage a central role for the Tea Party movement in the long term of American politics. It is more likely that the mark they leave on American politics has to do with modes of organization and mobilization of the conservative movement, as a response to the new form of campaign and voter outreach the Obama organization put into place, than on transformational policies. The Tea Party movement should then be regarded as a new medium with an old message. Notes: 1. See Poll Finds Tea Party Backers Wealthier and More Educated, in «The New York Times», April 14, 2010 and Williamson V., Skocpol T., Coggin J., The Tea Party and the Remaking of Republican Conservatism, in «Perspectives on Politics», vol. 9, no. 1, March 2011, pp Out of the 6 seats the Republicans eventually gained, 3 were gained (out of 6) in a state where the incumbent Democrat had retired, and 3 (out of 13) in a state where the incumbent was running, confirming that it is much easier to 11

12 win an empty seat. 3. Williamson V., Skocpol T., Coggin J., The Tea Party and the Remaking of Republican Conservatism, cit. 12

13 Immaginare l America. Gli Stati Uniti nella Seconda Repubblica, da Bill Clinton al Tea Party. Ipotesi di lavoro sull uso politico dell America nell Italia degli anni Novanta e Duemila. Mattia Diletti (Università La Sapienza, Roma) C rede che la morte e le tasse siano le nostre uniche certezze, signor Rearden? Non posso far niente per combattere la morte, ma se riesco a sollevare il peso delle tasse, gli uomini possono imparare a vedere il legame che esiste fra le due cose e a capire quale vita più lunga e più felice sono in grado di crearsi (da La Rivolta di Atlante, di Ayn Rand). Con la citazione di Ayn Rand si apre il manifesto del Tea Party Italia 1, una piccola associazione che si ispira al più celebre movimento americano. Un associazione con le sue sezioni locali, l abitudine dell endorsement verso i candidati che sente vicini (è accaduto in queste elezioni amministrative del 2011, in particolare a Milano) e alcuni punti di riferimento all interno dell arena pubblica (giornalisti, riviste, think tank, politici e blogger). Quella del Tea Party Italia è solo una delle storie, tra molte altre, che continuano a raccontarci dell influenza degli Stati Uniti sull immaginario politico italiano. In questi ultimi venti anni e in particolare negli ultimi tre, dall inizio della campagna per le presidenziali del 2008 a oggi sono aumentate in modo esponenziale sia l attenzione per quanto accade nel sistema politico americano, sia l attrazione dei soggetti politici e sociali per quanto vi si esprime in termini di cultura politica e forme di organizzazione. Quasi un paradosso: mentre riprende piede il dibattito mondiale e americano sul declino degli Stati Uniti 2, l Italia sembra guardare all America più di quanto non facesse nell epoca della Guerra Fredda, quando le 13 In alto a destra: simbolo del movimento Tea Party Italia

14 necessità strategiche rendevano indissolubile il legame politico, strategico e militare senza che questo comportasse l americanizzazione del sistema politico, delle sue culture e degli strumenti utilizzati nella competizione elettorale. Henry Kissinger, nelle sue memorie, ricorda come durante gli incontri con Aldo Moro il suo obiettivo principale fosse quello di riuscire a tenere sveglio il Presidente del Consiglio e, al tempo stesso, quanto fosse bizantina e difficilmente comprensibile la sintassi complessa e articolata di Moro: due mondi che si sostenevano a vicenda, senza però dover affrontare lo sforzo di doversi piacere davvero. Tale esempio offre quindi un immagine nitida della distanza antropologica tra questi due modelli di élite politica, resa ancor più chiara dal racconto di Kissinger al limite del comico della visita italiana di Nixon del (a partire dalla fatica del Presidente americano nel comprendere quanto il Primo Ministro fosse solo un primus inter pares tra notabili dello stesso partito, e non un interlocutore con pieni poteri di decisione). Paradossalmente, la fine della Guerra Fredda ha reso gli Stati Uniti un potentissimo magnete politico per la ridefinizione dei modelli di riferimento istituzionali, politici, culturali e persino di comportamento di una parte consistente della classe dirigente italiana. Qualcosa che ha a che fare solo in parte con la forza del soft power americano, e che ci può dire molto sul nostro paese. Non importa quanto questo processo sia basato su una conoscenza più o meno approfondita degli Usa e delle sue istituzioni, oppure su una sua rappresentazione approssimativa o semplicemente strumentale. Quello che è certo è il dato: l America è ancora parte integrante dell armamentario simbolico e materiale del conflitto politico italiano. Gli Stati Uniti, nonostante oggi ci si trovi ben oltre il paradigma del bipolarismo degli anni della Guerra Fredda (quello mondiale e quello imperfetto del nostro sistema), sono a tutti gli effetti uno strumento della cassetta degli attrezzi della politica italiana, con modalità nuove rispetto alla stagione della Repubblica dei Partiti. Questo intervento si presenta nella forma di una brevissima rassegna dell uso politico dell America nel sistema politico italiano degli ultimi venti anni, dall abbraccio della terza via di Clinton al movimento contro le tasse del Tea Party, passando per l esportazione sempre più massiccia di strumenti istituzionali, politici e culturali Made in Usa: i think tank, le primarie, la consulenza politica, le strategie di advocacy dei gruppi di interesse che rappresentano la società civile, il lobbismo, la personalizzazione della competizione politica, l uso estensivo del sondaggio, i modelli di organizzazione del consenso tramite la rete e il web-attivismo; infine, l uso politico dello scandalo e del negative advertising. In questa sede non è importante comprendere quanto l applicazione italiana della politica American Way rispecchi effettivamente il modello originario (sempre che sia possibile e che abbia senso un operazione del genere), ma sottolineare piuttosto quanto l America faccia parte dell orizzonte della nostra politica o meglio, 14

15 quanto lo sia la rappresentazione e la rielaborazione che ne danno le attuali élite culturali, politiche e sociali del nostro paese. Questo contributo, che si propone come il punto di partenza di approfondimenti più ampi ed articolati, vuole intanto delineare tre sfere di ragionamento: le prime due riguardano le culture politiche mentre la terza ha a che fare con l innovazione organizzativa della politica. L America della sinistra modernizzatrice e globalista Negli ultimi vent anni gli Stati Uniti sembrano essere diventati l orizzonte di riferimento delle classi dirigenti italiane, in particolare di quelle dell ex partito comunista confluite nel Partito Democratico della Sinistra (poi DS). A fare da sponda a questo riassestamento ha contribuito l ascesa politica di Tony Blair in Gran Bretagna, divenuto il naturale ponte ideologico della creazione di un rapporto personale e politico tra le leadership delle due sponde dell Atlantico. Il riferimento è alla breve stagione del cosiddetto Ulivo mondiale (Clinton, Blair, Prodi e poi D Alema, Schroeder, Cardoso). In Italia si utilizzò questa definizione giornali stica quando, nel 1998, era an- cora Presidente del Consiglio Romano Prodi. Sub- entrato nell incarico Massimo D Alema, si affiancò quello del Riformi smo del un altro slogan, ovvero XXI secolo 4. A pensarci bene, salti velocissimi: se agli inizi degli anni Novanta la questione era l adesione dei post-comunisti all Internazionale Socialista, nemmeno dieci anni dopo si gettano riformismo atlantista al le basi per un auspicato quale poter fare riferimento (una battuta che circolò all epoca vedeva quella classe dirigente incapace Paese Guida ). di sopravvivere senza un Si trattava di un operazione per nulla scontata, ovvero la convergenza di culture politiche quella dei democratici statunitensi e della sinistra europea storicamente distanti. Scriveva infatti la Repubblica nel 1999: le socialdemocrazie possono far fiorire nel vecchio continente la Nuova Economia (il miracolo americano di tecnologie e piena occupazione) senza rinunciare ai loro valori? 5. L operazione riuscì attraverso una cabina di regia intellettuale Sid Bluementhal, Anthony Giddens e David Miliband e la cabina di regia politica sopra citata, nella quale l ingresso di un post-comunista segnava la certificazione completa della fine dell anomalia italiana (assieme alla partecipazione di un governo italiano a guida post-comunista alla Guerra del Kosovo). Negli ultimi vent anni gli USA sembrano essere diventati l orizzonte di riferimento delle classi dirigenti italiane In un epoca di sostanziale crescita economica quelle culture coagularono attorno a una visione comune del fenomeno della globalizzazione, che portò alla condivisione di alcune politiche di finanza pubblica, del welfare e del lavoro. Quella 15

16 cultura può essere oggi sintetizzata ricorrendo allo schema di Giuseppe Berta esposto in Eclissi della socialdemocrazia 6. In quello schema ipotizzava che se si fosse data forza e guida riformista un concetto che in realtà va bene agli italiani, ma non agli americani al processo di mondializzazione dell economia, la crescita economica non avrebbe conosciuto crisi e cicli negativi, perché infinite erano le sue potenzialità (l idea di mercato globale sembrava rendere autoevidente questa affermazione). Tale pensiero costituì l assunto principale dei cosiddetti teorici della terza via, secondo i quali se la globalizzazione era capace di creare ricchezza senza interruzioni cicliche, il governo aveva il dovere di garantire una forte stabilità economica, sostenendo il ruolo di traino degli operatori del mondo finanziario, della produzione industriale, dei servizi e delle nuove tecnologie. Il governo doveva dunque fare in modo che l economia non togliesse il piede dall acceleratore; il suo compito verso la società doveva essere quello di garantirle i mezzi, soprattutto in termini di formazione, per stare al passo con i tempi e con le richieste del mercato del lavoro, sostenendo attraverso il welfare chi proprio non ce la poteva fare. L obiettivo fondamentale della politica doveva quindi consistere nell aiuto e nel sostegno della società nel suo adattamento all economia (tramite politiche a deguate). Tale prospettiva entrò in crisi dopo l 11 settembre quando si concluse l epoca felice della globalizzazione ma, soprattutto e definitivamente, dopo la crisi finanziaria del Dopo l 11 settembre. L America dell identità occidentalista Dopo l 11 settembre emerge l Occidente identitario. Anche in questo caso c è un segmento di Italia politica che guarda agli Usa per tentare di riscrivere il codice genetico di una cultura politica. All ombra del partito personale di Silvio Berlusconi si muove un arcipelago vivace e variegato di traduttori del pensiero politico americano, in particolare di quello neoconservatore (un dibattito che caratterizza soprattutto la prima parte dei Duemila). Se si fa proprio il paradigma offerto da Mauro Calise nel suo testo Il partito personale (Calise, 2010) 7, la forza carismatica del leader dovrebbe sopperire alla funzione di collante svolta dalle culture politiche nell epoca dei partiti di massa; conseguentemente, dovrebbe essere meno cogente la necessità di cercare oltre Oceano o in qualsiasi altro luogo ancoraggi culturali forti. Eppure nell ultimo decennio abbiamo assistito a un fiorire di discussioni tra fondazioni culturali, testate giornalistiche, intellettuali, blogger e organizzazioni grassroots (presenti specialmente in rete) 8. Forse, così vivace proprio perché non decisivo da un punto di vista politico e che ha rafforzato una declinazione italiana del neoconservatorismo americano, sviluppando relazioni solide tra fondazioni e gruppi italiani e americani. Si pensi, per esempio, al rapporto tra una delle principali fondazioni italiane del centro destra, Magna Carta di Gaetano Quagliariel- 16

17 lo, e l American Enterprise Institute: L attacco terroristico dell 11 Settembre 2001, tragico atto di sfida al mondo occidentale, ha messo in luce tutta l inadeguatezza dei paradigmi e dei modelli interpretativi adottati dalle scuole di politica estera sino ad allora prevalenti in Europa e negli Stati Uniti. La necessità di una rinnovata concezione della realtà internazionale ha spinto la Fondazione Magna Carta ad avanzare nuove proposte e chiavi di lettura, d intesa con il movimento neoconservatore americano. Nella consapevolezza che pace, sicurezza e sviluppo non possono esistere senza democrazia, libertà e rispetto dei diritti umani 9. Di fronte al nemico e alla minaccia esterna l identità politica dell Occidente è divenuta la pietra angolare della discussione intellettuale interna al centrodestra italiano ed europeo. In Italia, inoltre, questo dibattito ha favorito la ricollocazione strategica del Paese rispetto al conflitto israelo-palestinese su posizioni molto simili a quelle del neoconservatorismo americano: l appello alla difesa dell Occidente ha favorito così la rottura della tradizionale politica de l equivicinanza fra israeliani e palestinesi. Nel corso dei Duemila i punti di contatto con la cultura neoconservatrice americana si sono moltiplicati: il tema della vita (il dibattito sull aborto) e della bioetica; un certo populismo antistatalista (il tema della riduzione della pressione fiscale); la questione della sicurezza. Più in generale, sembra possibile affermare che tutti coloro i quali abbiano intrapreso la strada della ricerca di un ancoraggio ideologico per il centro-destra italiano abbiano guardato con maggiore attenzione agli Usa che all Europa (almeno fino alla virata neo-colbertista di Giulio Tremonti). La stella polare è stata l identità delle società occidentali versus la disgregazione generata dai fautori del relativismo culturale (i liberal delle due sponde dell Atlantico, gli ideologi del permissivismo avaloriale di Europa e America), esattamente come per i neoconservatori americani: non solo un nemico esterno (il terrorismo), ma anche un nemico interno col quale misurarsi sul senso stesso del significato di società aperta. L America del know how politico-organizzativo Al di là delle culture politiche, è però sul piano delle tecniche istituzionali, organizzative e del consenso che l America ha giocato un ruolo davvero rilevante, in Italia come in Europa (ma le tecniche sono, ovviamente, un portato culturale). Da questo punto di vista la funzione delle culture politiche appare, rispetto alla Repubblica dei Partiti, fortemente ridimensionata, sia che la si veda dal lato dell elettore sia da quello delle leadership politiche. Ripetiamo l elenco di quanto è sbarcato in Italia in questi ultimi venti anni: think tank, primarie, le nuove figure della consulenza politica, le nuove strategie di advocacy dei gruppi di interesse che rappresentano la società civile, il lobbismo, la personalizzazione della competizione politica, l uso estensivo del sondaggio, i 17

18 modelli di organizzazione del consenso tramite la rete e il web-attivismo. La fine dell età del governo di partito, il rafforzamento dei processi di personalizzazione e mediatizzazione della competizione politica hanno permesso l esternalizzazione di funzioni un tempo interne alle macchine di partito (senza contare il processo di presidenzializzazione degli esecutivi, soprattutto nella dimensione locale, che ha trasformato il rapporto tra eletti e partiti). Non si spiega altrimenti l emersione di produttori di idee al di fuori di esse, come i think tank, o l uso sistematico dei guru della consulenza politica, soprattutto americani, negli anni Novanta e nei primi Duemila come nel caso di Frank Luntz, che inventò per Berlusconi il famoso Contratto con gli italiani, sul modello di quello che egli aveva costruito per i repubblicani americani nel Un altro importante sintomo dell americanizzazione delle tecniche del consenso, è inoltre rappresentato dall emersione del lobbismo in Italia, sul quale finalmente si comincia a scrivere anche da un punto di vista scientifico 11, con gli operatori del settore che guardano tanto all esperienza americana che a quella dell Unione Europea (un altro fenomeno che ci interroga sulla trasformazione generali dei partiti e delle istituzioni in Italia). Ma non si può nemmeno dimenticare la diffusione dei nuovi modelli di organizzazione grassroots online (da Move.on alla Netroots Nation) utilizzati da Obama nel campaigning elettorale fatti propri in Italia da Nichi Vendola, ma analizzati con attenzione anche da attori politici e della società civile e, last but non least, l introduzione dello strumento delle primarie. Un lungo elenco, una matassa che andrebbe sciolta, con pazienza, filo per filo. Conclusioni (provvisorie) L emersione del Tea Party in America ha avuto una certa eco in Europa, non solo per l importanza in sé dell evento, ma anche perché ha fornito ulteriori spunti su come organizzare la politica, dopo quelli che avevano suggestionato il 18 Slogan del Partito Democratico per le elezioni politiche del 2008.

19 vecchio continente grazie alla vittoria di Obama. È l ultima sorgente che appaga la sete di America dei politici italiani ed europei. Anche se in modo del tutto e stemporaneo, alcuni commentatori hanno visto nel Tea Party un modello organizzativo un idea per l organizzazione della rivolta spontanea, un modo per trasformare l antipolitica in consenso grazie al quale poter scuotere il sistema politico del nostro continente; mentre altri hanno fatto proprio il simbolo senza che questo avesse alcuna ricaduta reale 12. Al contrario, alcuni commentatori americani hanno letto la recente emersione dei nuovi partiti nazionalisti e populisti come la declinazione europea del modello Tea Party: un movimento nato da una forte insofferenza contro lo stato, le tasse e l immigrazione 13. Risposte di grande presa in un epoca di crisi economica. Gli europei e gli italiani in particolare rispondono a questa crisi guardando affascinati alle novità politiche che emergono negli Usa, nonostante questi ultimi stiano a propria volta attraversando una congiuntura storico-politica particolarmente critica. Per certi versi, come si diceva all inizio, un vero paradosso. L uso strumentale (e quasi compulsivo) dei simboli politici americani da parte della classe politica italiana è un ulteriore segno di questa crisi: dal Si può fare di Walter Veltroni (cattiva traduzione di Yes, We Can ) all idea improbabile di un Tea Party all italiana, l impressione è che i soggetti politici della Seconda Repubblica non riescano a risolvere un impasse che riguarda le identità politiche e le forme organizzative. Si continua, però, a fare una disordinata indigestione di immagini, suggestioni e formule che arrivano da oltre Oceano (e non solo). Intanto, osserviamo trasformazioni reali che cambiano il modo di organizzare e pensare la politica e le istituzioni, portando nuovi pezzi d America qui in Italia: che si tratti di buone o più spesso cattive o impossibili traduzioni, il processo è in pieno svolgimento. Note: 1. Il manifesto prosegue illustrando gli obiettivi del movimento: Il Tea Party è un movimento di donne e uomini di tutte le età che condividono l obiettivo di uno stato più leggero, meno invasivo che sia strumento utile e non ostacolo per il raggiungimento dei fini individuali. È un movimento politico che non aspira a diventare partito, quanto piuttosto ad imporre dei punti chiave nell agenda della vita politica italiana, in una direzione liberale e di buon senso. 2. Un esempio tra i tanti, il recente intervento di Gideon Rachman su Foreign Policy: american_decline. Si veda anche il breve commento di Mario Del Pero che parte proprio dall intervento di Rachman: 19

20 3. Kissinger, H., White House Years, Boston, Little Brown and Company, 1979, p Il riformismo del XXI secolo Progressive Governance in XXI Century è il titolo di una Conferenza internazionale tenutasi a Firenze il 21 novembre 1999, alla quale parteciparono i leader della sinistra europea e il Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton Berta, G. Eclisse della socialdemocrazia, Bologna, Il Mulino, Calise, M. Il partito personale, Roma-Bari, Laterza, L elenco è lungo: tra gli altri, hanno guardato agli Usa e soprattutto alle novità del neoconservatorismo i think tank Liberal, Magna Carta e la rivista Ideazione; l arcipelago intellettuale creatosi attorno al Foglio di Giuliano Ferrara (grazie anche all amplificazione online di uno dei più seguiti blog italiani, Camillo, tenuto dall ex corrispondente del Foglio Christian Rocca); gli attivisti online di tocqueville.it e The Right Nation Nella seconda parte del decennio la quota di professionisti autoctoni è decisamente aumentata: vedi a questo proposito Cacciotto, M., Marketing politico, Bologna, Il Mulino, Il riferimento è a Mattina, L., I gruppi d interesse, Bologna, Il Mulino, E successo per esempio nei dibattiti di Generazione Italia, l ala movimentista del nuovo soggetto politico Futuro e Libertà; lo stesso Berlusconi, nell ottobre 2010, disse che sarebbe bello avere un Tea Party italiano

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Roma, 19 settembre 2014 Massimo Persotti Ufficio stampa e comunicazione Dipartimento Politiche Europee m.persotti@palazzochigi.it Cosa fa

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE Session/Sessione ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE ELECTRONIC POLL RESULTS RISULTATI DEL TELEVOTO INTELLIGENCE ON THE WORLD, EUROPE, AND ITALY LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale 20 quesiti ripartiti nelle aree: storia e cultura politico-istituzionale, ragionamento logico, lingua italiana, lingua inglese. 5 quesiti supplementari nell area matematica per chi volesse iscriversi in

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

L esperto come facilitatore

L esperto come facilitatore L esperto come facilitatore Isabella Quadrelli Ricercatrice INVALSI Gruppo di Ricerca Valutazione e Miglioramento Esperto = Facilitatore L esperto ha la funzione principale di promuovere e facilitare la

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI

Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI. Alfonso Angrisani. Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Big Data, problematiche di privacy, Consorzio CBI Alfonso Angrisani Head of Diligence and Compliance Consorzio CBI Convegno CBI 2013 Roma, 21 novembre 2013 Agenda n Big Data, problematiche di privacy,

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciotto

U Corso di italiano, Lezione Diciotto 1 U Corso di italiano, Lezione Diciotto U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? M Excuse-me, what time do shops open in Bologna? U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? D Aprono alle nove F

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) LINEE DI PROGETTAZIONE ANNUALE DELLA CLASSE Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 Traguardi PREMESSA per lo sviluppo DISCIPLINARE delle competenze L apprendimento

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

Fabio Baione. Roma, 28 novembre 2012

Fabio Baione. Roma, 28 novembre 2012 Fabio Baione Roma, 28 novembre 2012 Agenda La visibilità della professione attuariale, un problema risolvibile! Il futuro della professione: la tradizione come punto di partenza per l innovazione. Che

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Roma, 3 luglio 2015 Giornalismo, diritto di cronaca e privacy Diritto di cronaca e privacy: può succedere che il rapporto si annulli al punto che

Dettagli

AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION

AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION PDF Click button to download

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale The Elves Save Th Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale Bianca Bonnie e and Nico Bud had avevano been working lavorato really hard con making molto impegno per a inventare new board game un nuovo

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we?

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we? Lesson 1 (A1/A2) Verbo to be tempo presente Forma Affermativa contratta Negativa contratta Interrogativa Interrogativo-negativa contratta I am ( m) I am not ( m not) Am I? Aren t I? you are ( re) you are

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

100% Italiana «Lo stile ha una nuova via!» «Style has got a new way!»

100% Italiana «Lo stile ha una nuova via!» «Style has got a new way!» 100% Italiana «Lo stile ha una nuova via!» «Style has got a new way!» Non esiste ciclista al mondo che non pensi di aver comprato la miglior bicicletta al mondo! There is no rider who doesn t think he

Dettagli

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Affermazione nel Settecento Rischi & conseguenze Il primo giornale: The Spectator TRASFORMAZIONE

Dettagli

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news news n. 04 10/2011 VICO MAGISTRETTI KITCHEN ISPIRATION VIVO MAGIsTReTTI KITCHen IsPIRATIOn news Il nostro rapporto con il "Vico" è durato per più di quarant anni. era iniziato verso la metà degli anni

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Antonietta Pagano Roma 23 novembre 2010 Percorso delle lezioni Introduzione al fenomeno delle migrazioni qualificate Definizione di

Dettagli

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10 Italiano: Explorer 10 pagina 1, Explorer 11 pagina 2 English: Explorer 10 page 3 and 4, Explorer 11 page 5. Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11 Internet Explorer 10 Con l introduzione

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Abstract Women Collection

Abstract Women Collection Abstract collection Head: J 271 Mod.: 3919 Body Col.: 287 Glossy White 2 Head: J 269 Body Col.: Glossy Black Mod.: 3965 3 Head: J 250 Mod.: 3966 Body Col.: 287 Glossy White 4 Head: J 248 Body Col.: 287

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Tre

U Corso di italiano, Lezione Tre 1 U Corso di italiano, Lezione Tre U Ciao Paola, come va? M Hi Paola, how are you? U Ciao Paola, come va? D Benissimo, grazie, e tu? F Very well, thank you, and you? D Benissimo, grazie, e tu? U Buongiorno

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciassette

U Corso di italiano, Lezione Diciassette 1 U Corso di italiano, Lezione Diciassette U Oggi, facciamo un esercizio M Today we do an exercise U Oggi, facciamo un esercizio D Noi diremo una frase in inglese e tu cerca di pensare a come dirla in

Dettagli

Mark Scheme (Results) Summer 2007

Mark Scheme (Results) Summer 2007 Mark Scheme (Results) Summer 2007 GCE GCE Italian (6566/02) Edexcel Limited. Registered in England and Wales No. 4496750 Registered Office: One90 High Holborn, London WC1V 7BH 6566/02 Reading and Writing

Dettagli

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree.

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree. Assurance of Support Alcuni migranti dovranno ottenere una Assurance of Support (AoS) prima che possa essere loro rilasciato il permesso di soggiorno per vivere in Australia. Il Department of Immigration

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA ROGRAMMA SVOLTO agina 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ A DOCENTE Savigni Antonia DISCILINA Inglese LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE Bartram Walton. TITOLO Think English vol. 1 e 2 CASA EDITRICE

Dettagli

LEZIONE 2: VERBI TO BE E TO HAVE

LEZIONE 2: VERBI TO BE E TO HAVE LEZIONE 2: VERBI TO BE E TO HAVE Verbi ESSERE e AVERE TO BE e TO HAVE (TO indica l infinito) Sono verbi ausiliari (aiutano gli altri verbi a formare modi e tempi verbali): TO BE (forma progressiva, forma

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE

L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE E0 1 WWW.CALMAIL.IT Stefano Calicchio L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE Come costruire e interpretare i grafici di analisi tecnica per migliorare la

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF - Are you searching for Venditore Books? Now, you will be happy that at this time Venditore PDF is available at our online library. With our complete

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA)

Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA) Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA) Riservato al Tribunale Procedura di amministrazione straordinaria Volare Group S.p.A.

Dettagli

Direttive e Finanziamenti Europei

Direttive e Finanziamenti Europei Direttive e Finanziamenti Europei Flavia Marzano marzano@cibernet.it marzano@cibernet.it 1 Premessa Codice PA digitali SEZIONE II (Diritti dei cittadini e delle imprese) ART. 3 (Diritto all uso delle tecnologie)

Dettagli

GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF

GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF ==> Download: GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE PDF - Are you searching for Gestire La Reputazione Online Books? Now, you will be happy that

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciannove

U Corso di italiano, Lezione Diciannove 1 U Corso di italiano, Lezione Diciannove U Al telefono: M On the phone: U Al telefono: U Pronto Elena, come stai? M Hello Elena, how are you? U Pronto Elena, come stai? D Ciao Paolo, molto bene, grazie.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu Il Piano di Marketing 1 Di cosa parleremo A cosa serve il marketing In cosa consiste Perché scrivere un piano di marketing Come scriverlo...in particolare per new business e innovazioni 2 Because its purpose

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

Indian Mission* Sex * MALE Sesso Date of Birth * (DD/MM/YYYY) Data di nascita come da Passporto in DD/MM/YYYY formato

Indian Mission* Sex * MALE Sesso Date of Birth * (DD/MM/YYYY) Data di nascita come da Passporto in DD/MM/YYYY formato Best viewed in Chrome/IE 8.0 and above If you face any issue related to security certificate with other browsers, you can INSTALL SECURITY CERTIFICATE Indian Mission* Data Retrieved Successfully of Temporary

Dettagli

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Units 1-2 Pronomi personali soggetto be: Present simple, forma affermativa Aggettivi possessivi Articoli: a /an, the Paesi e nazionalità Unit

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli